Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in"

Transcript

1 SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se una reazione è eso- o endotermica occorre innanzitutto misurare il calore trasferito o assorbito dal sistema. 2 Quando si mangia una caramella che contiene xylitolo al posto del saccarosio, si avverte inizialmente una sensazione di fresco sulla lingua che è legata alla dissoluzione di questa molecola nella bocca. Si tratta di un processo esotermico oppure endotermico? endotermico 3 Vero o falso? a) Le reazioni esotermiche comportano il passaggio di calore dal sistema verso l ambiente. b) Sciogliendo un sale in acqua, si ha una diminuzione di temperatura; la trasformazione è endotermica. c) L ebollizione dell acqua avviene con assorbimento continuo di energia; è una trasformazione esotermica. d) Una trasformazione chimica in cui si formano legami più forti comporterà la cessione di calore all ambiente. e) Una reazione endotermica comporta la diminuzione dell energia del sistema. 4 Qual è la differenza tra un sistema chiuso e un sistema isolato? Riporta almeno due esempi. Il sistema chiuso scambia con l ambiente solo energia, ma non materia. Un sistema isolato non scambia né energia né materia. Esempi: lattina di aranciata e thermos. 5 Nei casi seguenti, indica che cosa si può considerare «sistema» e che cosa «ambiente». Confronta le tue risposte con quelle della classe. a) un ragazzo che nuota nella piscina di un impianto sportivo b) la pentola in cui stanno cuocendo gli spaghetti c) un boccale di birra alla spina appena spillata d) la cottura di un arrosto in forno sistema ambiente a) ragazzo che nuota a) piscina b) spaghetti che cuociono b) pentola c) birra c) boccale d) arrosto d) forno 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare aperti, quali sono chiusi e quali sono isolati. Motiva la tua risposta. a) la caffettiera in cui sta salendo il caffè aperto b) un leone che mangia la sua preda nella savana aperto c) il cosmo a noi conosciuto isolato d) un orso in letargo aperto 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in una reazione chimica? Rispondi in sette righe. 8 Confronta i 1550 kj di energia contenuti in 100 g di prosciutto crudo con la quantità di energia che è contenuta in 100 g di patatine fritte (consulta l etichetta sulla confezione). Quale dei due alimenti è più ricco di energia? Il risultato era prevedibile? 2 Il primo principio della termodinamica 9 Se una reazione chimica avviene in un sistema isolato, qual è la variazione di energia ΔU? zero 10 Qual è la variazione di energia ΔU di un sistema che acquista 100 J dal contatto con un corpo più caldo e svolge 60 J di lavoro su un corpo esterno? 40 J 11 Calcola il calore ceduto da un sistema che assorbe un lavoro meccanico di 30 kj e incrementa la sua energia interna di 16 kj. 14 kj 12 La reazione di decomposizione dell acqua in idrogeno e ossigeno è un processo che richiede un ap- porto energetico dall esterno (per esempio, attraverso l elettricità). Il valore di ΔU è positivo o negativo? positivo 13 Un sistema che produce calore può anche incrementare la sua energia interna? Spiega la tua ri- sposta. sì 14 Quali sono i processi che consentono un aumento o una diminuzione di energia di un sistema? L aumento dell energia di un sistema si ha quando su di esso viene svolto lavoro dall ambiente o viene fornito calore. La diminuzione dell energia di un sistema si ha quando esso cede energia o svolge lavoro sull ambiente. 15 È possibile una trasformazione in cui il lavoro fatto su un sistema uguaglia il calore dissipato nel- l ambiente? Spiega la tua risposta. sì 1

2 ESERCIZI 3 La combustione produce calore 16 Il legno ha un potere calorifico di kj/kg. Quanti kilojoule ottieni bruciando 10 kg di legna? 1, kj 17 Bruciando 1,00 g di carbonio con un eccesso di ossigeno, si ottengono J. Calcola il calore liberato dalla combustione di 1 mol di C secondo la reazione C O 2 CO kj/mol 18 Il calore di combustione del benzene, C 6H 6, è pari a 3270 kj/mol. Quanti kilojoule vengono liberati facendo bruciare 100 g di questo composto? 4, kj 19 Calcola l energia necessaria per scaldare 100 g di rame da 10 C a 100 C. Immagina poi di fornire la stessa quantità di calore a un uguale massa di alluminio che si trova a 10 C. Quale dei due metalli si scalderà di più? Il calore specifico del rame è 0,38 J/( C g); il calore specifico dell alluminio è 0,90 J/( C g). 3, J; rame 4 Il calore di reazione e l entalpia 20 Che variazione subisce l entalpia in una reazione esotermica? diminuisce 21 Se una reazione chimica ha per unico risultato la formazione di un legame chimico, il valore del ΔH sarà positivo o negativo? negativo 22 Calcola il valore del ΔH della seguente reazione sapendo che ΔH f NH4 Cl (s) è 314,4 kj/mol. NH 3(g) HCl (g) NH 4 Cl (s) 175,8 kj/mol 23 È data la seguente reazione: Ca (s) H 2 SO 4(l) CaSO 4(s) H 2(g) Determina la variazione di entalpia e indica se la reazione è esotermica o endotermica. H = 620,31 kj/mol; reazione esotermica 24 Calcola il valore del ΔH della seguente reazione e stabilisci se è esotermica o endotermica sapendo che ΔH f H2 O (g) 241,8 kj/mol. CO (g) 3H 2(g) CH 4(g) H 2 O (g) H = 206,2 kj/mol; reazione esotermica 25 In una reazione endotermica: a) l entalpia dei prodotti è minore di quella dei reagenti b) il contenuto energetico del sistema diminuisce c) ΔH 0 d) si produce calore 26 Come avvengono la produzione di calore o l assorbimento di calore nelle reazioni? La produzione o l assorbimento di calore dipendono dal contenuto energetico delle molecole di reagenti e di prodotti. Se i reagenti sono meno stabili dei prodotti, la reazione libera calore. 27 Perché la variazione di energia chimica è uguale al calore scambiato con l ambiente solo se il volume del sistema è costante? 28 La variazione dell entalpia di un sistema: a) è uguale al calore ceduto o assorbito dal sistema b) si misura in kelvin c) è sempre maggiore di zero d) è uguale al calore ceduto o assorbito dal sistema a pressione costante 29 Una reazione esotermica ha luogo, con le stesse quantità di reagenti, in un recipiente rigido e chiuso e in un recipiente espandibile. In quale caso ottieni un maggiore scambio di calore con l ambiente esterno? nel recipiente rigido 5 L entropia: l indicatore del «disordine» di un sistema 30 Quali sono i fattori che indicano se una reazione chimica avviene spontaneamente oppure no? La variazione di entropia determina se un processo è o non è spontaneo. 31 Quale stato della materia presenta minore entropia? stato solido 32 In quale variazione dello stato di un sistema gassoso l entropia diminuisce? a) l aggiunta di altra materia b) il riscaldamento c) la diluizione d) il raffreddamento 33 Spiega perché si ha un maggiore aumento di entropia nell evaporazione di un liquido che nella fusione di un solido. 6 L energia libera: il «motore» delle reazioni chimiche 34 Si può realizzare una trasformazione chimica in cui i prodotti hanno minore stabilità e minore entropia dei reagenti? no 35 Come deve essere il segno di ΔS per avere una diminuzione di energia libera? S > 0 cioè con un aumento di entropia. Solo se H < T S allora S può essere < 0 2

3 36 In che modo un aumento di temperatura provoca un aumento o una diminuzione di energia libera? diminuzione se S > 0; aumento se S < 0 37 Una reazione di sintesi possiede ΔH 90 kj/mol e ΔS 195 J/(mol K). Stabilisci se tale reazione potrà avvenire spontaneamente alla temperatura di 400 K. sì ( G = 12 kj/mol) 38 Per la reazione: CO(NH 2 ) 2(aq) H 2 O (l) CO 2(g) 2NH 3(g) ti aspetti un valore di ΔS maggiore o minore di zero? Il ΔH della reazione a 25 C è 119,2 kj e il suo ΔG è 13,4 kj. Determina il valore di ΔS. Il suo segno è coerente con la tua ipotesi? 39 Due reazioni A B e B C hanno rispettivamente: ΔG f 125 kj/mol ΔG f 198 kj/mol Quali affermazioni sono vere? a) La reazione A B può avvenire spontaneamente. b) La reazione B C può avvenire spontaneamente se il sistema riceve una certa quantità di B. c) La trasformazione complessiva A C può avvenire spontaneamente se A, B e C si trovano nello stesso sistema. d) La trasformazione A C è impossibile perché il primo stadio non può avvenire spontaneamente, quindi non si forma B. 7 La velocità di reazione 40 Trova almeno tre esempi, tratti dall esperienza quotidiana, di reazioni che devono procedere a bassa velocità e tre esempi di reazioni che, invece, devono procedere rapidamente. Reazioni lente: 1) ossidazione del ferro; 2) decomposizione dei cibi; 3) ingiallimento pagine. Reazioni veloci: 1) cottura dei cibi; 2) decomposizione gas inquinanti; 3) combustione combustibili. 41 Come si ricava la velocità di reazione conoscendo il numero di moli di prodotto formato, il tempo e il volume? La velocità di reazione si ricava dal quoziente delle moli di reagente scomparso o dalle moli di prodotto formato nell unità di tempo. 42 Quale tra le seguenti reazioni è più veloce? a) 0,1 mol prodotte in 13 secondi b) 0,05 mol prodotte in 26 secondi c) 0,1 mol prodotte in 8 secondi d) 0,05 mol prodotte in 13 secondi ESERCIZI 43 Considera una generica reazione: A B C La concentrazione del prodotto C aumenta di 1, mol/l in 11 s. Calcola la velocità della reazione. 1, mol/(l s) 44 Come puoi misurare sperimentalmente la velocità della seguente reazione? CaCO 3(s) 2HCl (aq) CaCl 2(aq) CO 2(g) H 2 O (l) misuro la quantità di CO 2 formata nel tempo; misuro la quantità di CaCO 3 45 Considera la reazione di decomposizione dell acido iodidrico: 2HI (g) H 2(g) I 2(g) La tabella mostra i dati relativi a questa reazione alla temperatura di 508 C: [HI] (mol/l) 0, , , , , , , , Tempo (s) Calcola la velocità della reazione a 50 s e a 250 s dal suo inizio. 5, mol/(l s); 2, mol/(l s) 8 Gli altri fattori che influiscono sulla velocità di reazione 46 Considera l effetto determinato dalla temperatura sulla velocità di reazione. Individua nella tua esperienza un esempio di reazione in cui viene sfruttato l aumento o la diminuzione di temperatura per variare la velocità. 47 Quali sono i fattori che controllano la velocità di reazione e come agiscono? a) natura dei reagenti, b) superficie di contatto, c) temperatura, d) catalizzatori, e) concentrazione; l aumento dei fattori b, c, d, e, aumenta il numero degli urti dei reagenti aumentando, così, la probabilità di verificarsi di urti efficaci. 48 Perché le reazioni che coinvolgono solo ioni in soluzione acquosa sono in genere molto veloci? Perché gli ioni in soluzione acquosa sono distanziati gli uni dagli altri da molecole di acqua, quindi hanno una maggior superficie di contatto con l acqua. 3

4 ESERCIZI 49 Com è possibile aumentare la velocità di reazione tra due gas senza aumentare la temperatura? Si può aumentare la concentrazione dei gas oppure si può aumentare la loro superficie di contatto o usare un catalizzatore. 50 Quale effetto ha l agitazione di una miscela omogenea sulla velocità di reazione, una volta che i re- agenti sono stati mescolati? La velocità di reazione aumenta perché aumenta la superficie di contatto. 51 Perché è preferibile far avvenire le reazioni chimiche dopo aver portato in soluzione dei reagenti solidi, piuttosto che unirli direttamente? Perché in questo modo si aumenta la superficie di contatto. 52 L utilizzo degli enzimi è attualmente esteso a molti detersivi. Su quali categorie di sostanze agiscono questi catalizzatori? Formula delle ipotesi e confrontale con quelle dei tuoi compagni. Catalizzano le reazioni biologiche tipiche degli organismi viventi. 9 L energia di attivazione: la teoria degli urti e la teoria dello stato di transizione 53 Secondo la teoria degli urti quali sono le condizioni che consentono una reazione? Deve verificarsi un certo numero di urti tra i reagenti; le collisioni devono avere un orientazione appropriata; l energia dell urto deve essere uguale o superiore all energia di attivazione. 54 La teoria degli urti aiuta a spiegare l effetto dell aumento della concentrazione dei reagenti sulla velocità di reazione. Perché? Aumentando la concentrazione dei reagenti, aumenta il numero di urti e quindi la probabilità di urti efficaci. 55 Che cosa si intende per energia di attivazione? L energia di attivazione è l energia minima che occorre per iniziare una reazione. 56 Quale tratto della curva rappresenta lo stadio lento della reazione? energia reagenti a b c d andamento della reazione prodotti b 57 Indica quale, tra le reazioni elencate, è una reazione catalizzata: a) si aumenta la velocità di reazione fra iodio e idrogeno incrementando la temperatura b) si ottiene una combustione più rapida del carbone macinandolo c) si velocizza la decomposizione del perossido d idrogeno aggiungendo biossido di manganese d) si aumenta la velocità di combustione del fosforo mettendolo in atmosfera di ossigeno puro 58 Il diagramma mostra il profilo energetico per la reazione esotermica fra le sostanze A e B. La formazione del prodotto AB in presenza del catalizzatore segue il percorso a, b oppure c? energia A+B b a c andamento della reazione AB 59 Vero o falso? a) Le reazioni chimiche comportano urti tra le molecole. b) Gli urti sono possibili solo se la miscela dei reagenti viene agitata. c) Se si aumenta la concentrazione di una sola delle due sostanze che intervengono nell urto reattivo non si ha aumento della velocità di reazione. b d) Non tutti gli urti sono reattivi. 60 È data la seguente reazione: NaOH (s) HCl (aq) NaCl (s) H 2 O (l) calore Come puoi aumentare la sua velocità? a) aumentando la pressione b) usando NaOH in pastiglie invece che in polvere c) aumentando la concentrazione di NaOH d) diminuendo la concentrazione di HCl 61 Per quali ragioni non tutti gli urti tra le molecole dei reagenti sono efficaci? Perché non tutti gli urti avvengono nella giusta direzione; perché non tutti gli urti avvengono tra i reagenti; perché non sempre l energia dell urto è superiore all energia di attivazione. 4

5 62 Come puoi agire per avere una maggiore frequenza di urti reattivi? Devo aumentare il numero di urti in generale agendo su temperatura, concentrazione dei reagenti e superficie di contatto. Oppure abbassare E a a mezzo di un catalizzatore. 63 La teoria degli urti aiuta a spiegare l effetto dell aumento di temperatura sulla velocità di reazio- ne. Perché? Perché, aumentando la temperatura, aumenta l energia cinetica dei reagenti; in questo modo si aumenta la frequenza degli urti efficaci. 64 Perché la velocità di reazione aumenta al crescere della concentrazione di un reagente? Perché l aumento della concentrazione aumenta il numero delle molecole di reagente e quindi aumenta il numero degli urti efficaci. 65 Perché la velocità è solitamente più elevata all inizio della reazione? Perché la concentrazione dei reagenti all inizio della reazione è più elevata. 66 Osserva il seguente diagramma di una reazione che avviene in due stadi ESERCIZI Qual è lo stadio che determina la velocità della reazione? primo stadio La reazione è, nel suo complesso, esotermica o endotermica? reazione esotermica Explain how to calculate a reaction rate from concentration-versus-time data. Reaction rate value is given by the ratio between the concentration of the reactant transformed or the product formed and the time of reaction. What unit is most commonly used to express reaction rate? mol/(l s) 69 Disegna un grafico che abbia in ordinata l energia potenziale del sistema chimico (reagenti e prodotti) e in ascissa il grado di svolgimento della reazione. All interno del grafico traccia l andamento dell energia che trasforma i reagenti in prodotti in una reazione con ΔH negativo, che si svolge attraverso un meccanismo a due stadi, di cui il primo è quello che determina la velocità di reazione. Sul medesimo grafico traccia un possibile andamento della stessa reazione catalizzata. E a(2) energia E a(1) H andamento della reazione Review A block of ice is cooled from 0,5 C to 10 C. Calculate the temperature change in degrees Celsius and in kelvin. T = 9,5 C = 9,5 K How can the rate of a chemical reaction be measured? A large number of catalysts is in living cells: how are they called? enzymes 4 Determina il valore di ΔH f del benzene liquido sapendo che la reazione di combustione di 16 g di benzene ha un valore di ΔH pari a 653,54 kj: 2C 6 H 6(l) 15O 2(g) 12CO 2(g) 6H 2 O (l)+49 kj/mol 5 In un calorimetro di rame sono bruciati 30 g di carbonio e viene prodotto diossido di carbonio. La massa del calorimetro è 2000 g e la massa dell acqua nel calorimetro è 2500 g. La temperatura passa da 20 C a 40 C. Calcola il calore di combustione sapendo che il calore specifico del rame è 0,092 cal/( C g). 21,5 kcal/mol 6 È data la reazione di dissociazione: NH 4 Cl (aq) NH 4 (aq) Cl (aq) ΔH 3,6 kcal/mol A quale condizione la reazione può avvenire spontaneamente? Spiega la tua risposta. T S > 3,6 kcal/mol 5

6 ESERCIZI 7 Osserva il seguente grafico, che rappresenta l andamento di una reazione di decomposizione: concentrazione reagente 2,8 2,4 2,0 1,6 1,2 0,8 0, tempo (minuti) In quale momento la velocità assume il valore massimo? nei primi 20 minuti Qual è il fattore che provoca la variazione della velocità della reazione? la diminuzione della concentrazione dei reagenti 8 Considera i seguenti esperimenti. 1) 30 ml di HCl reagiscono con 10 g di CaCO 3 in frammenti piccoli; 2) 30 ml di HCl reagiscono con 10 g di CaCO 3 in frammenti medi; 3) 30 ml di HCl reagiscono con 10 g di CaCO 3 in frammenti grossi. Le reazioni avvengono all interno di una beuta posta su una bilancia. Misura la massa iniziale in ciascuno dei tre casi e prendi nota, a intervalli di tempo regolari, della variazione della massa iniziale. Ottieni i seguenti grafici: Perché la massa iniziale diminuisce? Scrivi l equazione della reazione. In quale dei tre casi la reazione è più veloce e perché? CaCO 3 + 2HCl CaCl 2 + CO 2 + H 2 O; si forma CO 2 che è gassoso con frammenti piccoli 9 Il bicarbonato di sodio versato su di una fiamma soffoca il fuoco poiché si decompone con produzione di CO 2 secondo la seguente reazione: 2NaHCO 3(s) Na 2 CO 3(s) H 2 O (l) CO 2 (g) Considera le seguenti entalpie: ΔH f NaHCO3(s) 947,7 kj/mol ΔH f Na2 CO 3(s) 1131 kj/mol ΔH f H2 O (l) 285,9 kj/mol ΔH f CO2(g) 393,5 kj/mol Determina il valore di ΔH per la reazione. Quanto calore viene messo in gioco (liberato o assorbito) dalla decomposizione di 200 g di NaHCO 3? Quale volume, misurato a STP, di CO 2 si libera dalla decomposizione di 200 g di NaHCO 3? 85 kj; 1, kj; 26,7 L INVESTIGARE INSIEME Metti in frigorifero una bottiglia d acqua da mezzo litro e una da due litri. Controlla la temperatura delle due bottiglie dopo trenta minuti e dopo un ora. Quale bottiglia si raffredda per prima? massa acido + massa CaCO 3 + massa beuta 0 tempo frammenti grossi frammenti medi frammenti piccoli Quale bottiglia perde più calore? DICTIONARY catalyst: catalizzatore rate: velocità 6

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV.

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV. Problemi Una mole di molecole di gas ideale a 292 K e 3 atm si espandono da 8 a 20 L e a una pressione finale di 1,20 atm seguendo 2 percorsi differenti. Il percorso A è un espansione isotermica e reversibile;

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica Università telematica Guglielmo Marconi Chimica 1 Termodinamica 1 Argomenti Nell unità didattica dedicata alla termodinamica verranno affrontati i seguenti argomenti: L energia interna di un sistema Le

Dettagli

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE Obiettivo di questo esperimento è confrontare l effetto termico di 0,1 moli di diverse sostanze ioniche solide quando vengono sciolte in una stessa quantità di acqua.

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

CHIMICA GENERALE MODULO

CHIMICA GENERALE MODULO Corso di Scienze Naturali CHIMICA GENERALE MODULO 6 Termodinamica Entalpia Entropia Energia libera - Spontaneità Relatore: Prof. Finelli Mario Scienza che studia i flussi energetici tra un sistema e l

Dettagli

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione Abbiamo visto che i composti organici e le loro reazioni possono essere suddivisi in categorie omogenee. Per ottenere la massima razionalizzazione

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

Applicazioni della Termochimica: Combustioni

Applicazioni della Termochimica: Combustioni CHIMICA APPLICATA Applicazioni della Termochimica: Combustioni Combustioni Il comburente più comune è l ossigeno dell aria Aria secca:! 78% N 2 21% O 2 1% gas rari Combustioni Parametri importanti:! 1.Potere

Dettagli

EQUILIBRI - GENERALITA. Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è

EQUILIBRI - GENERALITA. Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è EQUILIBRI - GENERALIA Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è G < 0 Quando vale questo criterio, i reagenti si trasformano in prodotti.

Dettagli

La combustione ed i combustibili

La combustione ed i combustibili La combustione ed i combustibili Concetti di base Potere calorifico Aria teorica di combustione Fumi: volume e composizione Temperatura teorica di combustione Perdita al camino Combustibili Gassosi Solidi

Dettagli

pag 1/6 Appunti di chimica 17/11/2007 Termodinamica Energia, ambiente e sistema

pag 1/6 Appunti di chimica 17/11/2007 Termodinamica Energia, ambiente e sistema pag 1/6 Appunti di chimica 17/11/2007 Termodinamica Energia, ambiente e sistema La termodinamica è una scienza che studia il modo in cui processi chimici o fisici scambiano l'energia, per quel che ci riguarda

Dettagli

Quesiti e problemi. 10 Un gas viene compresso a temperatura costante. 11 Un cilindro con un pistone ha un volume di 250 ml. v f. v f.

Quesiti e problemi. 10 Un gas viene compresso a temperatura costante. 11 Un cilindro con un pistone ha un volume di 250 ml. v f. v f. SUL LIBRO DA PAG 110 A PAG 114 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 I gas ideali e la teoria cinetico-molecolare 1 Che cosa si intende per gas ideale? Rispondi in cinque righe. 2 Vero o falso? a) Le molecole

Dettagli

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE Gli atomi sono costituiti da un nucleo, formato da protoni (carica elettrica positiva, massa 1,6724 x 10-24 g) e neutroni (nessuna carica elettrica, massa 1,6745 x 10-24 g),

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 COGNOME E NOME: 1. Br 1 si è trasformato in Br +3 in una reazione in cui lo ione bromuro: A) ha acquistato 3 elettroni B) ha ceduto 4 elettroni

Dettagli

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti.

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Solvente (componente presente in maggior quantità) SOLUZIONE Soluti

Dettagli

POLARITÀ DELLE SOSTANZE

POLARITÀ DELLE SOSTANZE POLARITÀ DELLE SOSTANZE I liquidi si distinguono in polari e non polari. Obiettivo dell esperimento è controllare la polarità dei liquidi mediante bacchette caricate positivamente o negativamente. H2O

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier Quando si lavora in laboratorio spesso si osservano dei fenomeni che sono

Dettagli

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA Poiché è impossibile contare o pesare gli atomi o le molecole che formano una qualsiasi sostanza chimica, si ricorre alla grandezza detta quantità

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Energia nelle reazioni chimiche Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti VIDEO Introduzione (I) L energia chimica è dovuta al particolare arrangiamento degli atomi nei composti chimici e le varie forme di

Dettagli

Compito d esame di CHIMICA-FISICA. Appello del 25/3/2004

Compito d esame di CHIMICA-FISICA. Appello del 25/3/2004 Compito d esame di CHIMICA-FISICA. Appello del 25/3/2004 Un campione di 0.85 moli di un gas ideale, inizialmente alla pressione di 15.0 atm e a 300 K, si espande isotermicamente finchè la pressione finale

Dettagli

Per la cinetica del 1 ordine si ha:

Per la cinetica del 1 ordine si ha: 1. Si consideri la seguente reazione: CH 3 CHO (g) CH 4(g) + CO (g) Determinare l ordine di reazione e calcolare la costante di velocità della suddetta reazione a 518 C noti i seguenti dati sperimentali:

Dettagli

GIOCHI DELLA CHIMICA

GIOCHI DELLA CHIMICA GIOCHI DELLA CHIMICA FASE D ISTITUTO (TRIENNIO) 21 marzo 2016 La prova è costituita da 50 quesiti. ALUNNO CLASSE Scrivi la risposta a ciascuna domanda nel foglio risposte allegato. 1. Quale dei seguenti

Dettagli

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012)

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) 1) Bilanciare la seguente ossidoriduzione: KMnO 4 + H 2 O 2 + H 2 SO 4 MnSO 4 + K 2 SO 4 + O 2 + H

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto SUL LIBRO DA PAG 101 A PAG 10 Quesiti e problemi 1 La massa atomica e la massa molecolare 1 Qual è la definizione di unità di massa atomica u? a) è uguale a 1/12 della massa dell atomo di 12 C b) è uguale

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali Perché nelle stesse condizioni di temperatura e pressione sostanze differenti possono trovarsi in stati di aggregazione differenti? perché le forze tra le molecole sono differenti Da che cosa hanno origine

Dettagli

mentre S vale -100 J / mol K. In quale intervallo

mentre S vale -100 J / mol K. In quale intervallo SECONDO ESONERO DI CHIMICA sessione F - 12/12/2011 TRACCIA F1 II 0.3 0.2 90 IV??? 0.3 120 2. In una reazione H vale -1200 kj / mol, mentre S vale 100 J / mol K. In quale intervallo di T la reazione è spontanea?

Dettagli

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Misure e grandezze Grandezze fondamentali Grandezza fisica Simbolo della grandezza Unità di misura Simbolo dell unità di misura lunghezza

Dettagli

Giochi della Chimica 1988 Fase regionale Classi A e B

Giochi della Chimica 1988 Fase regionale Classi A e B Giochi della Chimica 1988 Fase regionale Classi A e B 1. Il diagramma indica la variazione dell'energia potenziale di un sistema durante il decorso di una reazione: A + B C + D Quale, fra le seguenti affermazioni,

Dettagli

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo.

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo. I composti chimici Il legame chimico Un atomo raggiunge la stabilità quando i suoi livelli energetici sono completi. Solamente i gas nobili hanno questa caratteristica mentre gli altri atomi no, per cui

Dettagli

I GAS GAS IDEALI. PV=nRT. Pressione Volume numero di moli Temperatura Costante dei gas. P V n T R. n, T= cost Legge di Boyle

I GAS GAS IDEALI. PV=nRT. Pressione Volume numero di moli Temperatura Costante dei gas. P V n T R. n, T= cost Legge di Boyle I GAS Pressione Volume numero di moli Temperatura Costante dei gas GAS IDEALI P V n T R n = 1 Isoterma: pv = cost Isobara: V/T = cost. Isocora: P/t = cost. n, T= cost Legge di Boyle n, P = cost Legge di

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA CAPITOLO 5 RICHIAMI DI TERMOCHIMICA ARIA TEORICA DI COMBUSTIONE Una reazione di combustione risulta completa se il combustibile ha ossigeno sufficiente per ossidarsi completamente. Si ha combustione completa

Dettagli

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido Quesiti e problemi SUL LIBRO DA PAG 261 A PAG 264 1 Perché le sostanze si sciolgono? 1 Quali sono le definizioni di solvente e di soluto? 2 Gli elettroliti deboli, quando si sciolgono in acqua a) si dissociano

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

13. L ENERGIA NELLE TRASFORMAZIONI FISICHE E CHIMICHE

13. L ENERGIA NELLE TRASFORMAZIONI FISICHE E CHIMICHE 13. L ENERGIA NELLE TRASFORMAZIONI FISICHE E CHIMICHE 13.1. Calore e temperatura R. Un telecronista accennava ad un «calore di 35 gradi». Che cosa significa? D. Calore e temperatura vengono spesso confusi.

Dettagli

Anno scolastico 2014/2015

Anno scolastico 2014/2015 I."MAJORANA-MARCONI" PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PER LE SECONDE CLASSI AD INDIRIZZO PROFESSIONALE Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: SCIENZE INTEGRATE/CHIMICA E LABORATORIO DOCENTI: CASTAGNA ADRIANA,

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

SINTESI C1. Materia ed energia

SINTESI C1. Materia ed energia Le proprietà fisiche della materia Il mondo che ci circonda è formato da un gran numero di oggetti diversi. Siano essi di origine naturale o creati dagli esseri umani questi oggetti in chimica e fisica

Dettagli

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l.

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l. GAS PERFETTO Usando il principio di semplicità, si definisce il sistema termodinamico più semplice: il gas perfetto composto da molecole che non interagiscono fra loro se non urtandosi. Sfere rigide che

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Le molecole H 2 O dell acqua liquida pura possono andare incontro a dissociazione. Il processo può essere descritto come una reazione

Dettagli

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica)

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica) Acidi e basi Per capire che cosa sono un acido e una base dal punto di vista chimico, bisogna riferirsi ad alcune proprietà chimiche dell'acqua. L'acqua, sia solida (ghiaccio), liquida o gassosa (vapore

Dettagli

'RPDQGHFRQFHWWXDOL Alcuni interrogativi su fenomeni fisici e chimici

'RPDQGHFRQFHWWXDOL Alcuni interrogativi su fenomeni fisici e chimici ,OPDWHULDOHGLGDWWLFRFKHVHJXHqVWDWRVFHOWRWUDGRWWRHDGDWWDWRGDO*UXSSRGLFKLPLFD GHOO,7,60DMRUDQDGL*UXJOLDVFR7RULQR0DUFR)DODVFD$QJHOR&LPHQLV3DROD&RVFLD /RUHGDQD$QJHOHUL$QWRQHOOD0DUWLQL'DULR*D]]ROD*UD]LD5L]]R*LXVL'L'LR

Dettagli

GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA. Lo stato gassoso

GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA. Lo stato gassoso GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA Lo stato gassoso Classificazione della materia MATERIA Composizione Struttura Proprietà Trasformazioni 3 STATI DI AGGREGAZIONE SOLIDO (volume e forma propri) LIQUIDO

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Individua l acido e la base di Lewis nelle seguenti. b) Fe 3+ (aq) 2H 2 O (l) Fe(OH) 2

Quesiti e problemi. 6 Individua l acido e la base di Lewis nelle seguenti. b) Fe 3+ (aq) 2H 2 O (l) Fe(OH) 2 SUL LIBRO DA PAG 354 A PAG 358 Capitolo 217 Le Acidi trasformazioni e basi si scambiano fisiche della protoni materia Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le teorie sugli acidi e sulle basi 1 Spiega perché lo

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Una delle più importanti proprietà di una soluzione acquosa è la sua concentrazione di ioni idrogeno. Lo ione H + o

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE OSSIDORIDUTTIVA SECONDO IL METODO DELLO IONE-ELETTRIONE. 1) Si individuano le coppie di atomi il cui numero di ossidazione cambia

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Università telematica Guglielmo Marconi

Università telematica Guglielmo Marconi Università telematica Guglielmo Marconi GGGGG CF Chimica 1 Gli equilibri chimici Argomenti Gli argomenti che fanno parte di questa unità didattica sono: L equilibrio dinamico nelle reazioni chimiche Le

Dettagli

Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui.

Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui. Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui. Nota per gli studenti. Sono stati usati simboli diversi da quelli

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Soluzioni Sistema Omogeneo (presenta le stesse proprietà in qualsiasi sua porzione) Monofasico Nella fase omogenea

Dettagli

Giochi della Chimica 1996 Fase regionale Classi A e B

Giochi della Chimica 1996 Fase regionale Classi A e B Giochi della Chimica 1996 Fase regionale Classi A e B 1. Indicare le percentuali in massa degli elementi K, S e O presenti in K 2 SO 4 : A) 44,9% K; 18,4% S; 36,7% O B) 22,3% K; 52,6 % S; 25,1% O C) 56,1%

Dettagli

Temperatura uguale calore?

Temperatura uguale calore? SCIENZE La Materia Ti sarà capitato qualche volta di toccare un oggetto e di sentirlo caldo. Che cosa hai pensato della sua temperatura? Se ci pensi, nel linguaggio comune temperatura e calore sono termini

Dettagli

CO 2 aq l anidride carbonica disciolta, reagendo con l'acqua, forma acido carbonico secondo la reazione:

CO 2 aq l anidride carbonica disciolta, reagendo con l'acqua, forma acido carbonico secondo la reazione: DUREZZA DELLE ACQUE. Quando si parla di durezza di un acqua ci si riferisce fondamentalmente alla quantità di ioni calcio e di ioni magnesio disciolti in un certo volume di tale acqua. Ad eccezione delle

Dettagli

Corso competenze di base Ambito chimico

Corso competenze di base Ambito chimico Laboratorio di Chimica dell ITIS E.Majorana di Grugliasco (www.itismajo.it/chimica) Corso competenze di base Ambito chimico (Prima parte) La dispensa è stata realizzata dalla prof. A. Martini con la collaborazione,

Dettagli

352&(662',&20%867,21(

352&(662',&20%867,21( 352&(662',&20%867,21( Il calore utilizzato come fonte energetica convertibile in lavoro nella maggior parte dei casi, è prodotto dalla combustione di sostanze (es. carbone, metano, gasolio) chiamate combustibili.

Dettagli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli la composizione e quindi le proprietà intensive sono le stesse in ogni parte del sistema La composizione e le proprietà intensive variano da una

Dettagli

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame Viene qui riportata la prova scritta di simulazione dell'esame di Chimica (per meccanici, elettrici e civili) proposta agli studenti alla fine di ogni tutoraggio di Chimica. Si allega inoltre un estratto

Dettagli

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda 6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda Autoionizzazione (o autoprotolisi) dell acqua. Prodotto ionico dell acqua M = mol/l AA1011 IN L6d p1! AA1011 IN L6d p2! NB: se si

Dettagli

ENERGIA E STATI DI OSSIDAZIONE

ENERGIA E STATI DI OSSIDAZIONE Volevo chiedere un informazione: il metano, come tutti gli altri combustibili, brucia perché è formato da carbonio e idrogeno, due elementi che provocano e favoriscono la combustione. Perché allora l acqua

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A 1. Calcolare il ph di una soluzione ottenuta mescolando 12.0 ml di una soluzione 1.00 M di nitrato di calcio, 150 ml di una soluzione 1.00 M di acido cloridrico,

Dettagli

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Distanze tra molecole Stati Fisici (Fase) Comportamento atipico La maggiore differenza tra liquidi e solidi consiste nella libertà di movimento delle loro molecole

Dettagli

Fondamenti di chimica Raymond Chang Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl CAPITOLO 5 I GAS

Fondamenti di chimica Raymond Chang Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl CAPITOLO 5 I GAS CAPITOLO 5 I GAS 5.13 5.14 Strategia: poiché 1 atm = 760 mmhg, è necessario il seguente fattore di conversione per ottenere la pressione in atmosfere. Per la seconda conversione, 1 atm = 101.325 kpa. Soluzione:

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe II^ D COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Disciplina : SCIENZE INTEGRATE CHIMICA E LABORATORIO PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE C Termodinamica 2011 regionali 6. Data la reazione: 2 NO(g) + O 2 (g) 2 NO (a 298,15 K) per la quale si ha H 298,15 = -114,1 kj e S = -146,2 JK 1, si può individuare

Dettagli

CHIMICA REAZIONI REDOX: LA PILA DI DANIELL. Daniela Tofani. Roma 11 settembre 2013 Seminario MIUR. Aula Magna Rettorato Università Roma Tre

CHIMICA REAZIONI REDOX: LA PILA DI DANIELL. Daniela Tofani. Roma 11 settembre 2013 Seminario MIUR. Aula Magna Rettorato Università Roma Tre CHIMICA REAZIONI REDOX: LA PILA DI DANIELL Daniela Tofani Immagini e siti Video Cella galvanica (in inglese) https://www.youtube.com/watch?v=0osqpdd2rma&feature=playe r_detailpage Esperimento sulla pila

Dettagli

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Gli stati di aggregazione della materia sono tre: solido, liquido e gassoso, e sono caratterizzati dalle seguenti grandezze: Quantità --->

Dettagli

Giochi della Chimica 2007 Fase regionale Classi A e B

Giochi della Chimica 2007 Fase regionale Classi A e B Giochi della Chimica 2007 Fase regionale Classi A e B 1. Indicare, tra i seguenti ioni isoelettronici: K +, Ca 2+, Cl, S 2 quello che ha raggio maggiore: A) K + B) Ca 2+ C) Cl D) S 2 2. Indicare, tra i

Dettagli

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere)

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) 3) Calcolare la normalità (N) di una soluzione ottenuta sciogliendo 3,5 g di H 3 PO 4 in 900 ml di acqua [0,119 N] 4) Quanti grammi di soluto sono contenuti in

Dettagli

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse Tipi di reazioni Le reazioni chimiche vengono tradizionalmente classificate a seconda del tipo di trasformazione subita dai reagenti: Reazioni chimiche possono essere Di dissociazione Una sostanza subisce

Dettagli

I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI.

I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI. I GAS Tutti i gas sono accomunati dalle seguenti proprietà: I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI. L aria compressa occupa un volume minore rispetto a quello occupato dall aria non compressa (Es. gomme dell auto

Dettagli

COMPITO A DI CHIMICA DEL 13-02-12

COMPITO A DI CHIMICA DEL 13-02-12 COMPITO A DI CHIMICA DEL 13-02-12 1A) Un campione impuro di bromito di potassio, del peso di 2,19 g, viene trattato in eccesso di acido solforico con del bicromato di potassio, ottenendo bromato di potassio

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

EQUILIBRI ETEROGENEI

EQUILIBRI ETEROGENEI EQUILIBRI ETEROGENEI Finora abbiamo implicitamente considerato di aver a che fare con equilibri omogenei gassosi. I sistemi eterogenei, ovvero costituiti da più di una fase, sono coinvolti in una grande

Dettagli

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL ,FRPEXVWLELOL I FRPEXVWLELOL sono sostanze capaci di bruciare, cioè in grado di dar luogo alla reazione chimica sopra descritta. Possono essere:,frpexvwlelol Solidi: ad esempio legno, carbone, carta, tessuto,

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore La materia è un sistema fisico a molti corpi Gran numero di molecole (N A =6,02 10 23 ) interagenti tra loro Descrizione mediante grandezze macroscopiche (valori medi su un gran numero

Dettagli

Programmazione individuale di Laboratorio Materia : Chimica e Laboratorio. Docenti : Giancarlo Cardone Classe : 2 CAT a.s.

Programmazione individuale di Laboratorio Materia : Chimica e Laboratorio. Docenti : Giancarlo Cardone Classe : 2 CAT a.s. Programmazione individuale di Laboratorio Materia : Chimica e Laboratorio. Docenti : Giancarlo Cardone Classe : 2 CAT a.s. 2015-2016 Mondovi 05/11/2015 Prof. Giancarlo Cardone PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITA

Dettagli

BILANCI DI ENERGIA. Capitolo 2 pag 70

BILANCI DI ENERGIA. Capitolo 2 pag 70 BILANCI DI ENERGIA Capitolo 2 pag 70 BILANCI DI ENERGIA Le energie in gioco sono di vario tipo: energia associata ai flussi entranti e uscenti (potenziale, cinetica, interna), Calore scambiato con l ambiente,

Dettagli

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1 LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI Introduzione 1 1 - TRASFORMAZIONE ISOBARA (p = costante) LA PRESSIONE RIMANE COSTANTE DURANTE TUTTA LA TRASFORMAZIONE V/T = costante (m, p costanti) Q = m c p (Tf - Ti)

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia La temperatura Fenomeni non interpretabili con le leggi della meccanica Dilatazione

Dettagli

Celle a combustibile Fuel cells (FC)

Celle a combustibile Fuel cells (FC) Celle a combustibile Fuel cells (FC) Celle a combustibile Sono dispositivi di conversione elettrochimica ad alto rendimento energetico. Esse trasformano in potenza elettrica l energia chimica contenuta

Dettagli

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG Il ciclo frigorifero Esempio di ciclo frigorifero ad assorbimento con generatore a fiamma diretta Il principio di funzionamento /informazioni utili La termodinamica

Dettagli

Giochi della Chimica 2008 Fase regionale Classi A e B

Giochi della Chimica 2008 Fase regionale Classi A e B Giochi della Chimica 2008 Fase regionale Classi A e B 1. L energia irradiata dal sole è originata da: A) fusione nucleare B) fissione nucleare C) combustione dell idrogeno D) perdita di massa per azione

Dettagli

Giochi della Chimica 1995 Fase nazionale Problemi a risposta aperta Frascati, 7 giugno 1995

Giochi della Chimica 1995 Fase nazionale Problemi a risposta aperta Frascati, 7 giugno 1995 Giochi della Chimica 1995 Fase nazionale Problemi a risposta aperta Frascati, 7 giugno 1995 Problema n. 1 (80 punti) Il metil diidrojasmonate (A) è un prodotto sintetico utilizzato in profumeria che può

Dettagli

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5 OSSIDORIDUZIONI Le reazioni acido-base sono quelle in cui viene scambiato, fra due specie reagenti, un H. Come si è visto, esistono casi di reazioni acido-base in cui ciò non avviene (definizione di Lewis),

Dettagli