Il mondo è piccolo come un arancia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il mondo è piccolo come un arancia"

Transcript

1 Roberto Cingolani Il mondo è piccolo come un arancia Una discussione semplice sulle nanotecnologie Prefazione di Piero Angela

2 L autore ringrazia Laura Berardi per la collaborazione. Le figure alle pp. 23, 36, 46, 57, 62, 124, 148, 150, 156, 157, 168, 169, 186, 187, 193, 194, 198, 199, 200, 201 e le figure vi e ix dell inserto a colori sono state realizzate da Grafie, Luca Tible. Sito & estore Twitter twitter.com/ilsaggiatoreed Facebook il Saggiatore S.r.l., Milano 2014

3 Il mondo è piccolo come un arancia Alla memoria di mio padre e ai suoi atomi ormai soli

4

5 Sommario Prefazione 9 Introduzione. L infinitamente piccolo 15 Approfondimento 1. Stati allotropi del carbonio 27 prima parte Il piccolo mondo 1. Un po di storia 33 Approfondimento 2. L effetto fotoelettrico La nanomanifattura 47 Approfondimento 3. Semiconduttori a confinamento quantistico e colloidi Teorie, modelli e simulazioni 65 seconda parte Come le nanotecnologie cambieranno la nostra vita 4. Le nanotecnologie per la sostenibilità, l ambiente e la sicurezza 79 Approfondimento 4. Fibre di carbonio Nanotecnologia ed energia 103 Approfondimento 5. led e celle solari 117 Approfondimento 6. Batterie, «fuel cells», supercondensatori ed «energy harvesting» 127

6 6. Nanomedicina 143 Approfondimento 7. Il DNA 167 Approfondimento 8. icub 173 L uomo del futuro 177 Conclusione 181 appendici Appendice 1. Vedere l infinitamente piccolo 185 Appendice 2. Creare l infinitamente piccolo 197 Ringraziamenti 203 Note 205

7 Prefazione Molti anni fa, quando cominciarono a farsi sentire i primi allarmi per una crescita squilibrata, che non teneva alcun conto dell ambiente, dell esplosione della popolazione e dei consumi, dei limiti delle risorse e delle fonti energetiche, uno studioso di sistemistica mi fece un esempio che mi colpì. «È vero» disse «che esistono questi limiti, ma sono limiti mobili: la Terra non è come una pentola dove il livello della zuppa cala ogni volta che con il mestolo se ne tira fuori una parte. In realtà ogni volta che si estrae una mestolata, si crea nuova zuppa!» Intendeva dire che lo sviluppo di una società, reso possibile dalla crescita, permette ogni volta di trovare nuove risorse, nuove soluzioni che modificano il quadro d insieme. Per esempio, fonti energetiche importanti come il petrolio, il gas e il nucleare non esistevano quando cominciò la rivoluzione industriale: ma sono state proprio le «mestolate» di carbone estratte dalla pentola terrestre a creare le condizioni per la nascita di una società sempre più tecnologica, in grado di scoprire nuove risorse energetiche. Per la verità, più che scoprire, «inventare». Infatti, petrolio, gas e nucleare non sono ricchezze naturali. Non lo sono mai state. Il petrolio è diventato una fonte energetica solo perché qualcuno ha inventato il motore a scoppio. Il petrolio (la benzina) è un componente del motore. E così il nucleare: nessuno, in passato, avrebbe mai pensato di trarre energia dall uranio: anche l uranio è un componente del reattore nucleare, cioè di una invenzione.

8 10 Il mondo è piccolo come un arancia Cosa c entra, tutto questo, con il libro di Roberto Cingolani? C entra moltissimo. Noi oggi, molto più che in passato, camminiamo in equilibrio su un filo sottile: da un lato i problemi, dall altro le possibili soluzioni. Attualmente i cambiamenti sono diventati sempre più rapidi, e abbiamo quindi bisogno di soluzioni sempre più tempestive. Non solo tecnologiche, naturalmente, ma politiche e culturali, per tutto quello che riguarda i comportamenti individuali e collettivi, l impegno nelle politiche di risparmio, la consapevolezza della fragilità degli ecosistemi (locali e globali), la necessità di una nuova etica ecc. Tutte cose importantissime, senza le quali i grandi problemi non si possono risolvere. Ma quando poi si parla di efficienza energetica, di fonti alternative, di tecniche di risparmio, di nuove risorse, di smaltimento dei rifiuti, di soluzioni innovative, è alla ricerca scientifica e tecnologica, in definitiva, che occorre rivolgersi. Oggi noi stiamo entrando in una nuova dimensione della ricerca, grazie a strumenti mai esistiti in passato, come la microelettronica, la genetica, la robotica, le biotecnologie, le nanotecnologie. E sono proprio questi i nuovi «mestoli» che la ricerca ci fornisce per creare nuove risorse, e permettere uno sviluppo basato sulla crescita del software, dell intelligenza. I ricercatori, infatti, stanno oggi scendendo nei sotterranei della materia, là dove si trovano le molecole e gli atomi, e dove avvengono i processi di base della fisica, della chimica e della biologia. Con la prospettiva, per la prima volta, di realizzare una vera e propria ingegneria della materia a livello molecolare, grazie in particolare alle nanotecnologie. Per capire di quali dimensioni stiamo parlando basta pensare che l unità di misura di questa nuova tecnologia è il nanometro, che corrisponde a un milionesimo di millimetro! In un nanometro, mediamente, si allineano 3 atomi. Siamo quindi nel più intimo della materia. Esistono ormai strumenti per vedere atomi e molecole. Non solo, ma addirittura per vedere in tempo reale le reazioni chimiche (che avvengono in milionesimi di miliardesimi di secondo). Oggi è possibile spostare persino singoli atomi, e osservare la carica e lo spin di un elettrone. È come arrivare in un nuovo continente finora inesplorato. Le nanotecnologie stanno entrando ovunque, perché è evidente la loro pervasività: dall elettronica ai farmaci, dall alimentazione ai processi in-

9 Prefazione 11 dustriali, dalla produzione agricola fino alle stampanti 3D. Ed è evidente anche il loro potenziale contributo a migliorare ovunque l efficienza, il risparmio, le performance. Producendo anche nuovi materiali con prestazioni inimmaginabili prima, e trovando alternative a materie prime sempre meno disponibili. Per quanto riguarda in particolare il settore ambientale, molte cose sono state già realizzate, altre sono in preparazione: materiali biodegradabili, plastiche derivate non più dal petrolio ma da scarti vegetali, maggiore efficienza nei trasporti grazie a materiali ultraleggeri (10 volte più resistenti dell acciaio), speciali spugne disinquinanti che assorbono le sostanze oleose dall acqua, riciclaggio molecolare dei rifiuti, nuovi sistemi per accumulare e trasportare energia eolica e solare, miglioramento dei processi industriali, filtri selettivi per rendere potabile l acqua, tecniche per minimizzare l impatto ambientale della produzione agricola, maggiore efficienza nello sfruttamento delle risorse energetiche, motori meno inquinanti. E, cosa molto importante, la prospettiva futura di riuscire a desalinizzare l acqua a costi compatibili, una sfida fondamentale in un mondo in cui l acqua sta diventando paradossalmente un bene prezioso, malgrado ne esistano oceani interi. Anche in campo medico le nanotecnologie stanno portando la loro rivoluzione: diagnosi precoci a livello di singole molecole, prima dell insorgenza di una patologia; nuovi materiali per tessuti e organi; vettori piccolissimi che aggrediscono le cellule malate, rilasciando un farmaco sulle loro membrane; nanosensori che individuano marcatori tumorali in una singola goccia di sangue; pelle artificiale in grado di percepire sfioramenti, pressioni, caldo e freddo, duro e morbido; persino tentativi di realizzare una retina artificiale, che già in topi ciechi attiva il riflesso pupillare luce-buio; e il tentativo di creare una coclea artificiale grazie a microscopiche «cellule capello» che imitano le cellule ciliate del sistema uditivo. Ma uno degli obiettivi futuri più ambiziosi delle nanotecnologie è quello di imitare sempre più i sistemi naturali, che si sono rivelati molto più efficienti di quelli tecnologici. Per esempio realizzando una fotosintesi artificiale. In natura la fotosintesi produce sei volte più energia di tutta quella consumata dai sistemi umani sulla Terra, semplicemente trasformando 6 molecole di anidride carbonica (presente nell aria) e 6 molecole di acqua (presente nelle piante) in glucosio, grazie all azione della luce del Sole.

10 12 Il mondo è piccolo come un arancia Oggi si sta tentando di imitare questo gioco di prestigio della natura, con risultati però ancora molto scarsi. È una delle sfide per produrre in avvenire energia per sistemi diffusi a bassa potenza. Che la natura sia straordinaria dal punto di vista dell efficienza energetica, del resto, lo mostra il suo grande capolavoro: il cervello, che funziona con un consumo equivalente a quello di una semplice lampadina di watt. Un supercomputer in grado di compiere operazioni analoghe dovrebbe avere dimensioni enormemente più grandi ed essere alimentato da una potenza elettrica equivalente a quattro volte quella che consuma in 24 ore la città di New York! Questo non solo perché il cervello funziona in modo tridimensionale (mentre il computer in modo solo bidimensionale) ma perché l efficienza del sistema è incomparabilmente più grande. Insomma, quando si scende al livello delle molecole e degli atomi e i modelli da imitare diventano oggetti come gli enzimi e le membrane, le prospettive cambiano. Oggi esistono già particelle «intelligenti» di un milionesimo di millimetro e microrobot dalle dimensioni di un batterio. Certo, si è solo agli inizi, ma è evidente che in prospettiva questa microfauna artificiale sarà sempre più in grado di imitare certi sistemi naturali. Del resto, come ricorda Cingolani nel suo libro, la natura ha costruito tutto quello che vediamo con solo un centinaio di tipi di atomi: e semplicemente cambiando di poco la loro disposizione architettonica ha realizzato cose diversissime. Ma queste particelle artificiali, se entrano nel corpo, non potrebbero avere controindicazioni e creare danni? Il libro mette bene in chiaro la necessità di studiare con molta attenzione questa possibilità. Infatti il nostro sistema immunitario non è progettato per aggredire oggetti così piccoli, che potrebbero entrare nella cellula e nel dna. È vero che quando una nanoparticella entra nel corpo viene subito ricoperta di proteine che la rendono silente, ma occorrono più verifiche sperimentali e regole. Anche perché molti nanomateriali sono utilizzati ormai in una gran varietà di prodotti (occhiali, padelle, cosmetici, auto, farmaci ecc.). Il libro ha due piani di lettura: per chi vuole informarsi a livello divulgativo, ma anche per chi vuole saperne di più, attraverso gli approfondimenti a fine capitolo. È quindi un racconto a tutto tondo di questa avventura della nanotecnologia (e dei suoi dintorni): il racconto illuminante di una nuova

11 Prefazione 13 scienza rivoluzionaria di cui oggi si parla molto, ma che qui viene spiegata in modo completo, e in tutte le sue implicazioni, da uno scienziato che lavora proprio nel settore di punta delle tecnologie avanzate. In conclusione, leggendo questo libro, ci si rende meglio conto di quanto la ricerca e l innovazione possano non solo creare nuova «zuppa» nella pentola, ma anche rendere un paese più competitivo. E quanto sia importante, quindi, investire in mezzi (e soprattutto in uomini) capaci di traghettarci verso un mondo in piena trasformazione, dove sempre più conteranno la conoscenza, la competenza e l intelligenza creativa. Piero Angela

12

13 Introduzione. L infinitamente piccolo L intero è più della somma delle sue parti. aristotele C è un sensore nella confezione che avvolge un hamburger. Non si vede, è piccolo, infinitamente piccolo, ma è in grado di monitorare la presenza di virus o batteri, attivando speciali funzioni dell involucro per impedirne la proliferazione. C è un rivestimento sulla pagina di un manoscritto antico, fragile tanto che a toccarla si rischia di ridurla in polvere. Impedisce che l acqua rovini la carta, l inchiostro, il capolettera miniato. C è una particella microscopica, capace di distinguere le cellule malate da quelle sane, di attaccarle dall interno, con un rilascio selettivo e graduale di medicinali. E ancora: libri, giornali, televisori e telefoni flessibili; elettronica vestibile, inserita nei tessuti per monitorare i parametri fisiologici dell individuo; tatuaggi elettronici capaci di installare funzioni elettroniche direttamente sul corpo, per esempio connessioni wireless alla rete. Sembrano visioni fantascientifiche di Philip K. Dick, Isaac Asimov o Arthur C. Clarke, ma non lo sono. Oggi, infatti, siamo in grado di vedere l infinitamente piccolo a una dimensione alla quale sono distinguibili le architetture atomiche, e sofisticate nanotecnologie ci permettono di costruire e riparare la materia, senza distinzione fra inorganica, organica o biologica. La portata è rivoluzionaria.

14 16 Il mondo è piccolo come un arancia Mattoncini fondamentali Madre Natura ha a disposizione circa cento tipi di atomi per costruire il mondo di cui facciamo parte. Per farsene un idea complessiva basta osservare la tavola periodica degli elementi chimici, in cui gli atomi sono disposti in base al loro numero atomico, cioè al numero di protoni contenuti nel nucleo. Del centinaio di atomi esistenti, alcuni sono molto più utilizzati di altri, e costituiscono gran parte di ciò che conosciamo (vedi figura 1): idrogeno (H) ed elio (He) nell universo; ossigeno (O), silicio (Si), alluminio (Al) e ferro (Fe) sulla crosta terrestre; carbonio (C), azoto (N), calcio (Ca), fosforo (P) e di nuovo ossigeno e idrogeno nei sistemi biologici. altri elementi 0,25% elio 8,75% idrogeno 91% UNIVERSO ossigeno 49,2% silicio 25,7% tutti gli altri elementi 1,1% titanio 0,6% idrogeno 0,9% magnesio 1,9% potassio 2,4% sodio 2,6% calcio 3,4% ferro 4,7% alluminio 7,5% CROSTA TERRESTRE, ACQUE SUPERFICIALI E ATMOSFERA

15 Introduzione. L infinitamente piccolo 17 ossigeno 65% altri elementi in tracce 1% fosforo 1% calcio 2% azoto 3% idrogeno 10% carbonio 18% CORPO UMANO Fig. 1 Diffusione dei principali elementi nell universo, sulla superficie del pianeta e nell uomo. Utilizzando soltanto questi ultimi sei elementi, l evoluzione è riuscita a differenziare i milioni di composti che sono alla base di tutti gli organismi viventi e di tutti i materiali organici, artificiali e non. Molti dei restanti (vedi figura 2), perlopiù presenti in piccole quantità nei sistemi naturali, sono usati dall uomo per costruire materiali artificiali. È il caso, per esempio, del litio (Li) che troviamo nelle batterie di ultima generazione, del titanio (Ti) che serve a fabbricare le protesi, dell oro (Au) dei gioielli o del silicio impiegato in elettronica per i circuiti integrati. A un osservatore della natura non può dunque sfuggire come, con pochissime specie atomiche, si dia origine all infinità di organismi, materiali e funzionalità che rappresentano la biodiversità del mondo che ci circonda. Un po come i Lego: pochi mattoncini di forma e colore diversi consentono di costruire oggetti di qualsiasi tipo. Quello che conta, infatti, non è solo il tipo di atomo (il singolo mattoncino, della forma e del colore prescelti), ma l architettura con cui questi atomi vengono assemblati, cioè la forma e il tipo di legame che li tiene uniti. Il caso più noto è quello del carbonio, il cui assemblaggio più semplice è quello della cenere, un miscuglio del tutto disordinato a base prevalentemente carboniosa. In opportune condizioni, però, è possibile generare piani ordinati di carbonio, fra loro paralleli e legati da una forza piuttosto debole chiamata forza di van der Waals. Ogni piano è costituito da esagoni adiacenti che presentano un atomo di carbonio in ciascun vertice: i legami sul

16 18 Il mondo è piccolo come un arancia piano sono molto forti, mentre quelli fra i vari piani sono deboli. Questo sistema multistrato è comunemente chiamato grafite (vedi l Approfondimento 1). La grafite consente alla matita di scrivere perché, sotto la pressione della mano, i piani di carbonio sulla punta scivolano l uno sull altro e si depositano sul foglio, a causa della debolezza del legame che li impila. Che una punta di matita e il carbone siano fatti dello stesso elemento forse non stupisce: sono entrambi friabili, neri, e colorano di scuro se li si passa su una superficie. Ma anche dalla matita al diamante la distanza è breve. Può sembrare strano, ma basta modificare la geometria dell architettura per passare da un lubrificante morbido e nero (la grafite, appunto) a un materiale durissimo e trasparente come il diamante e i mattoncini sono sempre gli stessi. Architetture mutevoli Soffermiamoci ancora sul carbonio. Esistono ovviamente altre architetture possibili, che sfruttano la rimozione di una o più dimensioni dell architettura di partenza. Se si isola un singolo piano atomico di grafite, per esempio, si ottiene il grafene bidimensionale, la cui scoperta ha fruttato a Konstantin Novosëlov e Andrej Konstantinovič Gejm un premio Nobel per la Fisica. Si tratta di un materiale ultraleggero, ultraresistente, conduttivo, trasparente e biocompatibile. Quasi fantascientifico, appunto. Arrotolando questo piano, otteniamo un cilindro fatto di esagoni di carbonio, un architettura unidimensionale il cui limite ultimo è rappresentato dai cosiddetti nanotubi di carbonio (buckytubes): le loro applicazioni spaziano dal rinforzo dei materiali all utilizzo come agenti di contrasto in campo medico. Un altra architettura fantasiosa (scoperta per caso) è il «pallone da calcio», conosciuto anche come buckyball, quale il C 60, che ha portato gli scienziati responsabili della sua scoperta al premio Nobel per la Chimica. Nel C 60, sessanta atomi di carbonio formano una sferetta piccolissima, di circa 0,7 nm (nanometri) di diametro (ovvero, per quanto sia quasi impossibile immaginarlo, 0,7 miliardesimi di metro), la cui superficie è costituita da esagoni e pentagoni proprio come le losanghe di un pallone ai vertici dei quali ci sono gli atomi di carbonio. Il C 60, fra i tanti utilizzi possibili,

17 Fig. 2 Tavola periodica degli elementi chimici. Per ciascun elemento, il numero in alto rappresenta il numero atomico, quello in basso la massa atomica.

18 20 Il mondo è piccolo come un arancia O H OH H OH H H H O CH 2 OH O CH 2 OH H O H OH H H H OH O subunità di glucosio subunità di glucosio subunità di cellobiosio Fig. 3 Schema della fibra di cellulosa composta da una sequenza di subunità di glucosio. A destra, immagine al microscopio elettronico a scansione delle fibre di cellulosa che compongono un foglio di carta A4. (Immagine: A. Athanassiou, iit) vanta quello di poter funzionare come «cavallo di Troia» per il trasporto di farmaci antitumorali all interno dell organismo. Ma per capire come al variare dell architettura varino anche le caratteristiche macroscopiche, non c è bisogno di ricorrere a scoperte da premio Nobel, spesso lontane dalla vita di tutti i giorni e di difficile visualizzazione. Prendiamo invece la carta della pagina che state leggendo in questo momento e il ramo di un albero. Non sembra, ma sono entrambi composti del medesimo materiale: la cellulosa. Si tratta di una fibra, chimicamente un polimero, cioè una catena più o meno lunga di anelli di glucosio (uno zucchero), legati fra di loro da un atomo di ossigeno, come si vede in figura 3. A seconda di dove è localizzato il ponte fra due anelli di glucosio, la struttura della cellulosa può essere molto rigida, come nel caso del ramo, o molto flessibile, come nel caso della carta o della buccia di una patata. Gli esempi possibili sono moltissimi, ma vale forse la pena di farne un ultimo, davvero estremo. La più fantastica delle architetture viventi, l essere umano, è composta al 65% (ma la percentuale può essere maggiore) da acqua quindi idrogeno e ossigeno, e per il resto da carbonio e pochi altri elementi, quali potassio, calcio ecc. Se potessimo smontare quest architettura, otterremmo un equivalenza sorprendente: quantitativamente, un essere umano corrisponde a tre grosse taniche di ossigeno, carbonio e idrogeno, e a qualche terrina di sali e metalli. Ancora più impressionante sarebbe scoprire che quasi tutto ciò che vive in natura può essere «smontato» e «rimontato» a partire dalle stesse taniche e dalle stesse terrine. Ne consegue non solo che la differenza fra un uomo alto e uno basso, o fra un

19 Introduzione. L infinitamente piccolo 21 uomo e una donna, è dovuta a microscopiche variazioni di architettura, ma anche quella fra uomo e scimmia, o fra uomo e albero. Quello che non si vede Microscopiche variazioni di architettura. Ma che cosa significa esattamente «microscopiche»? Il concetto di «piccolezza» è sempre relativo alla scala di misure presa in considerazione. La distanza tra Roma e Milano è grande, ma non è nulla rispetto a quella fra la Terra e il Sole: da lassù il nostro mondo è davvero piccolo come un arancia. In natura, la scala delle dimensioni varia dagli anni-luce delle distanze stellari (un anno-luce è la distanza che la luce percorre in un anno viaggiando a km/s, stimata in circa 9400 miliardi di chilometri) ai decimi di miliardesimi di metro delle distanze fra atomi. Gli esseri viventi variano fra la scala dei metri (uomini e animali) e quella dei micron, cioè dei milionesimi di metro (cellule). Nella regione dei nanometri troviamo tutte le strutture biochimiche della vita, le proteine, il dna e le unità cristallografiche fondamentali (vedi figura 4). Oggi la tecnologia è arrivata a coprire tutti gli ordini di grandezza dimensionali, con la sola eccezione degli anni-luce: esistono strade lunghe migliaia di chilometri, grattacieli alti centinaia di metri, piccolissime viti per gli occhiali di appena qualche millimetro e fogli di carta con lo spessore paragonabile al diametro di un capello umano, cioè 20 μm (micron), circa 20 milionesimi di metro. Alcuni ingranaggi micromeccanici hanno anch essi dimensioni dell ordine dei micron, mentre le lunghezze dei transistor di ultima generazione sono comprese fra 200 e 90 nm, non troppo lontane da quelle di alcune proteine. Tuttavia, solo in un periodo molto recente la tecnologia è riuscita a realizzare in maniera precisa e riproducibile oggetti ancora più piccoli. Per quanto relativo, però, il concetto di piccolo è sempre legato alla possibilità di vedere le cose e quindi, in ultima analisi, di illuminarle per poterle guardare: al buio, una scultura di legno e un transistor sono parimenti invisibili. Tutti hanno una comprensione intuitiva di che cosa sia la luce, e di come funzioni, ma il fenomeno è molto più complesso di come appare superfi-

20 22 Il mondo è piccolo come un arancia cialmente. Per ora, basterà dire che la luce è costituita da un campo elettrico e da un campo magnetico perpendicolari tra loro, che oscillano insieme nel tempo. La luce può essere quindi descritta come un onda che si propaga nello spazio (vedi figura 5): un luogo molto illuminato è un luogo dove c è grande densità di onde elettromagnetiche. Il colore della luce, invece, è dato dalla lunghezza dell onda, cioè dalla distanza fra due massimi o due minimi consecutivi di quest ultima. La luce blu ha lunghezza d onda di circa 0,4 μm, quella rossa di circa 0,8 μm (vedi inserto, figura i). Una legge più volte comprovata dice che la separazione minima fra due oggetti visibili a occhio nudo è pari a circa 0,1 mm (cioè 100 μm); impiegando un microscopio, si possono invece risolvere oggetti la cui dimensione è MACRO MICRO NANO UOMO (~2 m altezza) 2 miliardi di nm nm (1 mm) diametro di un CAPELLO UMANO ( nm) 1000 nm (0,001 mm) BUCKYBALL 1 nm MELA (~8 cm) 80 milioni di nm grandezza minima visibile dall occhio umano nm (0,01 mm) DNA 2 nm FORMICA (~5 mm) 5 milioni di nm E. coli BATTERIO 2000 nm diametro di un NANOTUBO di CARBONIO 1,3 nm Fig. 4 Scala delle dimensioni (1 nm = 1 miliardesimo di metro). La nanomanifattura è arrivata a sintetizzare oggetti di dimensioni comparabili alle più piccole entità biologiche.

21 Introduzione. L infinitamente piccolo 23 λ E oscillazione campo magnetico oscillazione campo elettrico B z direzione di propagazione dell onda elettromagnetica Fig. 5 Rappresentazione di un onda elettromagnetica formata da campo elettrico (E) e magnetico (B) perpendicolari, oscillanti a una frequenza ν (numero di oscillazioni al secondo). La lunghezza d onda (λ), la frequenza e la velocità di propagazione (c) dell onda sono legate dalla relazione c = λν. La velocità della luce c è uguale a circa km/s. pari a circa 1 μm. Sfortunatamente, in un cubo di 1 μm di lato Madre Natura impacchetta fino a cento miliardi di atomi, quindi per lungo tempo non è stato possibile osservare le architetture atomiche nemmeno al microscopio. Fino agli anni ottanta, il genere umano ha potuto soltanto immaginare queste architetture, descriverle a livello teorico o ricavarne informazioni in modo indiretto, attraverso metodologie molto complesse. La visione diretta dell infinitamente piccolo a una dimensione in cui sia possibile distinguere gli atomi e la loro struttura è una conquista ben più recente, ed è stata resa possibile da tecnologie e metodi grossolanamente raggruppati sotto la dizione di nanotecnologia o nanoscienza, una disciplina che ha conosciuto un progresso costante e instaurato un circolo virtuoso grazie al quale la comprensione di alcuni concetti consente di migliorare gli strumenti di misura, che a loro volta permettono l osservazione e la conoscenza di fenomeni su scale sempre più piccole, sino al nanometro. Poiché Madre Natura in 1 nm allinea in media tre atomi, oggi possiamo finalmente visualizzare le architetture della vita. Il primo effetto di questa rivoluzione è la caduta delle barriere disciplinari fra le scienze, e questo nonostante la comunità scientifica fatichi a liberarsi dalle categorizzazioni per seguire il filo che lega a livello atomico ogni aspetto della fisica, della chimica e della biologia. Qualcosa di simile è successo con la meccanica quantistica all inizio del xx secolo, e il xxi ha le carte in regola per trasferire questa rivoluzione alle scienze della vita.

22 24 Il mondo è piccolo come un arancia Il mondo è piccolo come un arancia Questo libro è organizzato in modo da accompagnare il lettore attraverso gli sviluppi che le nanotecnologie hanno conosciuto negli ultimi, frenetici decenni. La prima parte è dedicata a illustrare che cosa sono le nanotecnologie e racchiude i capitoli più teorici del libro: la meccanica quantistica non è la più abbordabile delle scienze, per usare un eufemismo, e molti suoi princìpi sembrano anzi sfidare apertamente il senso comune. Abbiamo cercato di affrontarne gli snodi cruciali senza appesantire il testo con lunghe spiegazioni tecniche o formule (che il lettore interessato potrà trovare nelle note), soprattutto nel primo capitolo, dedicato agli esperimenti e alle scoperte che a cavallo tra la fine dell Ottocento e l inizio del Novecento hanno dato il via a una vera e propria rivoluzione nel mondo della fisica. Il secondo capitolo è dedicato invece al tema dell elettronica, alla sua crescita vertiginosa e al suo ruolo di apripista nel campo della manifattura atomica, o nanomanifattura: si tratta di tecniche e dispositivi lontanissimi dall esperienza quotidiana, che richiedono a volte un enorme sforzo solo per essere immaginati. Un po di pazienza è necessaria anche nel terzo capitolo, che si concentra sui metodi di calcolo per prevedere cosa accade a un sistema quando si passa dal livello micro- a quello macroscopico, e dunque per progettare su scala atomica proprietà e materiali nuovi, una possibilità che si avvantaggia oggi dell enorme potenza di calcolo dei supercomputer creati grazie alle nanotecnologie elettroniche. Costruita la necessaria impalcatura teorica operazione difficile, ma ne sarà valsa la pena, nella seconda parte indagheremo come le nanotecnologie possono cambiare la nostra vita. Il quarto capitolo tratta l uso delle nanotecnologie per l ambiente, per esempio nel campo della purificazione dell acqua o in quello della produzione di materiali sostenibili: come si può ben immaginare, è un argomento di importanza capitale per il nostro futuro e quello delle prossime generazioni, che alla tecnologia domandano non solo di risolvere i problemi di un pianeta sovraffollato, popolato da una specie l uomo energivora come nessun altra, ma anche di trasformarsi in uno strumento di equità, per diminuire le differenze fra i popoli. Nel quinto capitolo l attenzione si sposta sulle nanotecnologie per l ener-

23 Introduzione. L infinitamente piccolo 25 gia: lo scopo, in questo caso, è «copiare» la natura per produrre in modo sostenibile l energia che serve ad alimentare i miliardi di elettrodomestici che ci circondano, e non solo. Se si riflette sul fatto che un essere umano consuma più o meno come un frigorifero qualche centinaio di watt, viene da chiedersi perché non si cominci a pensare a sorgenti di energia che funzionino con meccanismi diversi, più vicini a quelli biologici. Il sesto capitolo, infine, rivolge lo sguardo alle nanotecnologie in campo medico. Diagnostica, terapia, materiali biocompatibili: soluzioni che traggono ispirazione dalla natura per creare anticorpi e tessuti artificiali, o per rilevare mutazioni e malattie sin dai primi eventi biochimici. Chiudono il nostro percorso due appendici in cui si presenta una breve panoramica sugli strumenti che ci consentono di vedere l infinitamente piccolo e di interagire con esso, tecnologie e dispositivi senza i quali nessuna delle rivoluzioni qui presentate sarebbe possibile. Nel corso del libro, il lettore troverà anche alcuni approfondimenti che affrontano con dovizia di particolari gli argomenti più tecnici, dai diversi stati del carbonio all effetto fotoelettrico, dalla struttura delle celle a combustibile all energy harvesting, dalla reazione a catena della polimerasi al funzionamento di icub, il robot dell Istituto Italiano di Tecnologia. Lo scopo è sia fornire al lettore specialista l occasione per fare il punto sullo stato attuale della ricerca e della tecnica scientifiche, sia consentire ai lettori incuriositi di addentrarsi più a fondo nel mondo ricco e visionario della nanoscienza. Se le tecnologie che racconteremo saranno non solo sviluppate con attenzione ma anche rese disponbili a tutti, forse in un futuro non troppo lontano l uomo potrà vivere felice per centovent anni e più, in un ambiente sano e pulito, e in una società giusta ed equilibrata. Anche questo sembra fantascienza. Non lo è.

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari L A V E R A N A T U R A D E L L A L U C E La luce, sia naturale sia artificiale, è una forma di energia fondamentale per la nostra esistenza e per quella

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Via Positano 21, 70014 Conversano (BA) Tel.080 2141618 Fax 080 4952302 WWW.ENERGENIA.NET www.energenia.net 1 EDUCARSI

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi La possibilità di osservare direttamente singole molecole dà grandi vantaggi

Dettagli

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero Diapositiva 1 Unità Didattica 1 La radiazione di Corpo Nero Questa unità contiene informazioni sulle proprietà del corpo nero, fondamentali per la comprensione dei meccanismi di emissione delle sorgenti

Dettagli

LA MATERIA Suggerimenti didattici e schede

LA MATERIA Suggerimenti didattici e schede LA MATERIA Suggerimenti didattici e schede Iniziamo il percorso chiedendo a un bambino di consegnarci alcune cose: una gomma, una penna, un capello. Domandiamo a un altro di consegnarci una gioia, una

Dettagli

Le proprietà del nuovo materiale delle meraviglie: Il Grafene

Le proprietà del nuovo materiale delle meraviglie: Il Grafene Le proprietà del nuovo materiale delle meraviglie: Il Grafene Questo sorprendente nanomateriale costituito da un singolo strato di atomi di carbonio, con una struttura bidimensionale ultrasottile, è considerato

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack 4. LE ENERGIE PULITE La ricerca di alternative possibili al petrolio e al nucleare è la sfida che i paesi industrializzati si devono imporre per il prossimo futuro. PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution

Dettagli

Molecole singole come elementi attivi nei circuiti elettronici

Molecole singole come elementi attivi nei circuiti elettronici Molecole singole come elementi attivi nei circuiti elettronici La corrente che attraversa una singola molecola deve essere necessariamente misurabile. Il fatto che una corrente di 1 na potesse attraversare

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

SCIENZA DEI MATERIALI E SCIENZE DELLA VITA OBIETTIVI CONVERGENTI NELLA NANOMEDICINA

SCIENZA DEI MATERIALI E SCIENZE DELLA VITA OBIETTIVI CONVERGENTI NELLA NANOMEDICINA SCIENZA DEI MATERIALI E SCIENZE DELLA VITA OBIETTIVI CONVERGENTI NELLA NANOMEDICINA EUGENIO TONDELLO Dipartimento di Scienze Chimiche - Università di Padova Consorzio INSTM e CNR DPM-ISTM Bressanone, 21

Dettagli

DIPARTIMENTO FARMACEUTICO E DIPARTIMENTO DI SCIENZE FARMACOLOGICHE, BIOLOGICHE E CHIMICHE APPLICATE

DIPARTIMENTO FARMACEUTICO E DIPARTIMENTO DI SCIENZE FARMACOLOGICHE, BIOLOGICHE E CHIMICHE APPLICATE NOTTE DEI RICERCATORI 2009 DIPARTIMENTO FARMACEUTICO E DIPARTIMENTO DI SCIENZE FARMACOLOGICHE, BIOLOGICHE E CHIMICHE APPLICATE (Facoltà di Farmacia ) Laboratorio di Permeazione Transdermica Come realizzare

Dettagli

Le Nanotecnologie applicate ai materiali

Le Nanotecnologie applicate ai materiali Nanotecnologie: una piccola grande rivoluzione Padova Fiere, 5 marzo 2005 Le Nanotecnologie applicate ai materiali Massimo Guglielmi Università di Padova Dipartimento di Ingegneria Meccanica Settore Materiali

Dettagli

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili.

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Per creare una sensibilità e maggior conoscenza di questa

Dettagli

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra COMPETENZE DI BASE area scientifico tecnologica (Allegato A2 del DPR 15.03.2010)

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

L irraggiamento - Onde elettromagnetiche:

L irraggiamento - Onde elettromagnetiche: L irraggiamento - Onde elettromagnetiche: Le onde elettromagnetiche sono un fenomeno fisico attraverso il quale l energia elettromagnetica può trasferirsi da un luogo all altro per propagazione. Tale fenomeno

Dettagli

Materiali Avanzati I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Materiali Avanzati I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Materiali Avanzati I parte Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti UN PO DI STORIA Lo sviluppo della civilizzazione è stato fortemente influenzato dalla capacità di modificare e produrre sostanze, materiali

Dettagli

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1 La volta celeste L Astronomia è la scienza che studia l Universo e le sue origini. Le origini dello studio della volta celeste si perdono nella notte dei tempi, perché l uomo è sempre stato attratto ed

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

Risultati più rilevanti ottenuti dal MIT nell ambito del Solar Frontiers Program 2008-2009

Risultati più rilevanti ottenuti dal MIT nell ambito del Solar Frontiers Program 2008-2009 Risultati più rilevanti ottenuti dal MIT nell ambito del Solar Frontiers Program 2008-2009 I moduli fotovoltaici attualmente disponibili sono lastre di vetro rigide che incapsulano fragili wafer di silicio,

Dettagli

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti A cura di M. Aliberti L ENERGIA Spunti per la ricerca Che cos è l energia? Come si manifesta concretamente l energia? Quali forme può assumere? E possibile passare da una forma di energia all altra? Con

Dettagli

LE NANOMOLECOLE. Tutti sono convinti che una cosa sia impossibile, finche' arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza.

LE NANOMOLECOLE. Tutti sono convinti che una cosa sia impossibile, finche' arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza. LE NANOMOLECOLE Tutti sono convinti che una cosa sia impossibile, finche' arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza. (Albert Einstein) di Donata Allegri www.ilcrocevia.net/innovazioni Marzo 2004

Dettagli

Piano Lauree Scientifiche a.s. 2014/15 Formazione docenti - CHIMICA

Piano Lauree Scientifiche a.s. 2014/15 Formazione docenti - CHIMICA Titolo modulo formativo 03: Chimica dell ambiente e dei beni culturali Docenti: Proff. Fabrizio Ruggieri, Antonio Arcadi, Giorgio Cerichelli. Modalità di erogazione: 3 incontri pomeridiani (ora inizio

Dettagli

I MINERALI I minerali

I MINERALI I minerali I minerali 1.1 La Terra un pianeta a strati 1.2 I materiali del pianeta Terra 1.3 Composizione della crosta terrestre 1.4 Minerali e rocce 1.5 Minerali e cristalli 1.6 Struttura dei cristalli 1.7 Classificazione

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA Celle solari: dai mirtilli agli spaghetti CONVERSIONE FOTOVOLTAICA: L ENERGIA DEL FUTURO v Energia inesauribile e rinnovabile v Non

Dettagli

Le Energie Rinnovabili

Le Energie Rinnovabili Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il progetto è uno studio personale svolto durante il corso di apprendistato, pertanto il format scelto è stato

Dettagli

Il mondo affascinante dell infinitamente piccolo è approdato alla Fondazione Cini con il Convegno sulle Nanoscienze promosso dal professor Umberto

Il mondo affascinante dell infinitamente piccolo è approdato alla Fondazione Cini con il Convegno sulle Nanoscienze promosso dal professor Umberto Il mondo affascinante dell infinitamente piccolo è approdato alla Fondazione Cini con il Convegno sulle Nanoscienze promosso dal professor Umberto Veronesi. Venezia, ancora una volta, accoglie scienziati

Dettagli

Luce laser, fibre ottiche e telecomunicazioni

Luce laser, fibre ottiche e telecomunicazioni Luce laser, fibre ottiche e telecomunicazioni Guido Giuliani - Architettura Università di Pavia guido.giuliani@unipv.it Fotonica - Cos è? Scienza che utilizza radiazione elettromagnetica a frequenze ottiche

Dettagli

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica.

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica. FOTODIDATTICA CONOSCERE LA LUCE Le caratteristiche fisiche, l analisi dei fenomeni luminosi, la temperatura di colore. Iniziamo in questo fascicolo una nuova serie di articoli che riteniamo possano essere

Dettagli

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1 il testo: 01.1 sperimentale Le scienze studiano i fenomeni della natura (fenomeni naturali). Spesso noi osserviamo la natura e ci chiediamo perché avvengono certi fenomeni. Ad esempio, ti sarà capitato

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

LO STATO SOLIDO. Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia

LO STATO SOLIDO. Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia LO STATO SOLIDO Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia Nello stato solido le forze attrattive tra le particelle (ioni, atomi, molecole) prevalgono largamente sull effetto

Dettagli

Ciao, il mio nome è Sheppy e aiuterò il professore nella sua lezione! Salve, io sono il prof KinderCovi e oggi vi accompagnerò nel mondo dellʼacqua

Ciao, il mio nome è Sheppy e aiuterò il professore nella sua lezione! Salve, io sono il prof KinderCovi e oggi vi accompagnerò nel mondo dellʼacqua L acqua è la sostanza che rende possibile la vita degli uomini, degli animali e delle piante sulla terra. Non a caso le prime forme di vita si sono sviluppate nell acqua. Anche se la terra è ricoperta

Dettagli

I Nanomateriali. C.E. Bottani Dipartimento di Energia Politecnico di Milano

I Nanomateriali. C.E. Bottani Dipartimento di Energia Politecnico di Milano I Nanomateriali C.E. Bottani Dipartimento di Energia Politecnico di Milano La scala nanometrica 10 mm Mosca 1mm = 10-3 m 100 µm Capello 10 µm 1µm = 10-6 m Cromosoma 100 nm 10 nm Virus 1nm = 10-9 m 1 Å

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCIENZE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCIENZE (AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA) /ESPERIENZE LA CONOSCENZA DEL MONDO L alunno osserva con curiosità lo svolgersi dei più comuni fenomeni, ne immagina e ne verifica le cause, rendendosi sempre più

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

Ecolezione: La fotosintesi artificiale. A cura di : Roberto Meneghetti e Alex Mazzon classe 2 A IPAA Corazzin-ISISS Cerletti

Ecolezione: La fotosintesi artificiale. A cura di : Roberto Meneghetti e Alex Mazzon classe 2 A IPAA Corazzin-ISISS Cerletti Ecolezione: La fotosintesi artificiale A cura di : Roberto Meneghetti e Alex Mazzon classe 2 A IPAA Corazzin-ISISS Cerletti Definizione La fotosintesi artificiale è un processo chimico che riproduce il

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1 ANNO ANNO SCOLASTICO SCOLASTICO 2012 2013 2012 2013 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Energie rinnovabili caratteristiche energia eolica energia idrica energia elettrica energia geotermica biomassa energia solare

Dettagli

SINTESI C1. Materia ed energia

SINTESI C1. Materia ed energia Le proprietà fisiche della materia Il mondo che ci circonda è formato da un gran numero di oggetti diversi. Siano essi di origine naturale o creati dagli esseri umani questi oggetti in chimica e fisica

Dettagli

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Contenuto della lezione 1. Le fonti energetiche... 2 1.1. Le fonti energetiche dopo la rivoluzione industriale... 2 1.2. L energia elettrica... 3 2. Principali

Dettagli

Origine delle cellule e concetti generali

Origine delle cellule e concetti generali Istituto Comprensivo Massarosa 2 Percorsi per capire Laboratori del Sapere Scientifico Origine delle cellule e concetti generali Paolo Ercolini biologo Piano di Conca, 11 novembre 2013 Fonti internet rilevate

Dettagli

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule unità 2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule Il trasporto nelle cellule avviene senza consumo di energia con consumo di energia trasporto passivo trasporto attivo attraverso il doppio strato fosfolipidico

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE

LE FONTI ENERGETICHE LE FONTI ENERGETICHE Le fonti energetiche Nella vita di tutti i giorni utilizziamo, per gli scopi più diversi, energia; essa è immagazzinata in svariati corpi e materiali disponibili in natura. Quasi tutta

Dettagli

Bioingegneria Elettronica I

Bioingegneria Elettronica I Bioingegneria Elettronica I Cenni alla fisiologia delle cellule e dei sistemi biologici A. Bonfiglio La cellula struttura generale La cellula Struttura generale della cellula Composizione dei liquidi intracellulare

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con l aiuto dell insegnante, dei compagni, in modo autonomo, osserva e descrive

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

LA STORIA DEI RIFIUTI

LA STORIA DEI RIFIUTI I RIFIUTI LA STORIA DEI RIFIUTI Che cos è un rifiuto? Un rifiuto è qualsiasi oggetto o sostanza di cui ci disfiamo: residui, scarti, oggetti rotti o inutilizzabili, prodotti dalle attività domestiche o

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

BIOLOGIA. 10) Quale dei seguenti organismi è sprovvisto di vertebre? a) vipera b) squalo c) aragosta d) salamandra

BIOLOGIA. 10) Quale dei seguenti organismi è sprovvisto di vertebre? a) vipera b) squalo c) aragosta d) salamandra BIOLOGIA 1) I carboidrati sono costituiti da: a) carbonio, idrogeno ed ossigeno b) carbonio ed idrogeno c) carbonio, idrogeno ed azoto d) carbonio, ossigeno ed azoto 2) In che cosa il DNA si differenzia

Dettagli

Forme di energia alternative

Forme di energia alternative Forme di energia alternative L energia, bene primario della nostra società, è utilizzata costantemente durante tutto l arco della giornata, da quando ci svegliamo la mattina fino a quando andiamo a dormire

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Università del Salento Progetto Lauree Scientifiche Attività formativa Modulo 1 L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Vincenzo Orofino Gruppo di Astrofisica LA LUCE Natura della

Dettagli

IL SOLE : ORIGINE DI OGNI FONTE ENERGETICA

IL SOLE : ORIGINE DI OGNI FONTE ENERGETICA IL SOLE : ORIGINE DI OGNI FONTE ENERGETICA Il sole fornisce alla Terra tutta l energia di cui questa ha bisogno. Ogni forma di vita presente sulla Terra esiste grazie all'energia inviata dal Sole. Ogni

Dettagli

I fotoni sono le particelle di luce che possiedono un energia E che dipende dalla frequenza ν in base alla relazione di Plank: E = hν

I fotoni sono le particelle di luce che possiedono un energia E che dipende dalla frequenza ν in base alla relazione di Plank: E = hν 3. Natura quantistica di fotoni e particelle materiali Le particelle utilizzate per studiare i mezzi materiali obbediscono alle regole della meccanica quantistica. La loro natura perciò è duale, nel senso

Dettagli

Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile. Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2

Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile. Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2 Educazione ambientale Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2 http://educazioneambientale.ning.com è lo spazio web dove

Dettagli

SCIENZE La Vita. Le muffe. Lab11. Fare esperimenti

SCIENZE La Vita. Le muffe. Lab11. Fare esperimenti SCIENZE La Vita Ti sarà capitato di trovare un po di muffa in un vasetto di marmellata o su un limone in frigorifero, o di considerare, con golosità o perplessità a seconda che ti piaccia o no, le chiazze

Dettagli

Il nostro Universo. Che differenza c è tra stella, satellite e pianeta

Il nostro Universo. Che differenza c è tra stella, satellite e pianeta Il nostro Universo Che cosa sono i corpi celesti? Che differenza c è tra stella, satellite e pianeta Come si sono formati il sole ed i pianeti Quanto sono grandi la terra, il sole e l universo? Perchè

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

ASSE SCIENTIFICO TECNOLOGICO COMPETENZE DI SCIENZE INTEGRATE (SCIENZE DELLA TERRA) 1 ANNO

ASSE SCIENTIFICO TECNOLOGICO COMPETENZE DI SCIENZE INTEGRATE (SCIENZE DELLA TERRA) 1 ANNO ASSE SCIENTIFICO TECNOLOGICO COMPETENZE DI SCIENZE INTEGRATE (SCIENZE DELLA TERRA) 1 ANNO Competenze in esito al quinquennio (dall Allegato C del Regolamento) Macro Competenza A: Utilizzare gli strumenti

Dettagli

Lezione 11: Forze e pressioni nei fluidi

Lezione 11: Forze e pressioni nei fluidi Lezione 11 - pag.1 Lezione 11: Forze e pressioni nei fluidi 11.1. Dalla forza alla pressione Abbiamo visto che la Terra attrae gli oggetti solidi con una forza, diretta verso il suo centro, che si chiama

Dettagli

Il Sistema Solare. Il suo diametro è di 1400000Km e la sua massa è pari a 328000 volte la massa del nostro pianeta.

Il Sistema Solare. Il suo diametro è di 1400000Km e la sua massa è pari a 328000 volte la massa del nostro pianeta. Il Sistema Solare Il Sole Il Sole è nato circa cinque miliardi d anni fa e, secondo gli scienziati, vivrà per altri cinque miliardi di anni. Esso ci appare come un enorme palla di fuoco solo per la sua

Dettagli

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce Il Sole è sicuramente la sorgente più comune e facilmente disponibile. In realtà però al giorno d oggi molte attività sono svolte sotto sorgenti artificiali di tipo

Dettagli

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA - VERIFICA E VALUTAZIONE 1. Osserva persone e oggetti nell ambiente circostante 2. Classifica, identifica relazioni, produce

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA DI BISUSCHIO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA DI BISUSCHIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA DI BISUSCHIO Anno scolastico 2010/2011 CURRICULUM VERTICALE DI SCIENZE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Rispettare e valorizzare

Dettagli

L ATOMO. Risponde (o almeno ci prova)

L ATOMO. Risponde (o almeno ci prova) L ATOMO Di cosa sono fatte le cose? Come si è arrivati a capire gli atomi? Com è fatto un atomo? Quanto è grande un atomo? Che atomi esistono in natura? Perché esistono gli atomi? Risponde (o almeno ci

Dettagli

Cap. 4: Forze e Momenti

Cap. 4: Forze e Momenti Cap. 4: Forze e Momenti Forza Il concetto di forza serve ad esprimere l interazione tra corpi. Quando si spinge o si tira un oggetto, si interagisce con esso esercitando una forza e conseguentemente modificandone

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

I combustibili --- Appartengono a questa categoria, la legna da ardere, i carboni fossili e il coke di carbone.

I combustibili --- Appartengono a questa categoria, la legna da ardere, i carboni fossili e il coke di carbone. I combustibili --- DEFINIZIONE DI COMBUSTIBILE I combustibili sono tutti quei materiali che bruciando, producono calore. Per bruciare, i combustibili devono utilizzare ossigeno. Esistono tre tipi di combustibili

Dettagli

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA COS È L ELETTRICITÀ Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA si produce con i generatori di corrente che possono essere chimici, meccanici oppure utilizzare l'energia del sole Generatori meccanici che producono

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Esplorare e descrivere oggetti e materiali 1. Individuare, attraverso l interazione diretta, la struttura di oggetti semplici, analizzarne qualità e proprietà,

Dettagli

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone Unità n 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora:

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: 9. Polveri e mosaici Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: Perché è così bianco? Anche l uomo pensò un poco, come se la domanda gli sembrasse difficile, e poi disse con voce profonda: Perché è titanio.

Dettagli

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice L energia Oggi, in tanti Paesi del mondo, la gente vive bene: ci sono molte fabbriche, tante persone lavorano e possono comprare cibo, vestiti, automobili, elettrodomestici, libri... Una fabbrica Due elettrodomestici:

Dettagli

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali.

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali. 1.4 Minerali e rocce La Terra solida è formata da minerali. Un minerale è un corpo solido cristallino naturale omogeneo, costituito da un elemento o da un composto chimico inorganico e caratterizzato da

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Seriare e classificare oggetti in base alle loro proprietà. Osservare momenti significativi nella vita di piante e animali.

Seriare e classificare oggetti in base alle loro proprietà. Osservare momenti significativi nella vita di piante e animali. CLASSE PRIMA Sviluppa un atteggiamento di curiosità e di ricerca esplorativa. Sa raggruppare classificare e ordinare in base ad una caratteristica. Individuare la struttura di oggetti semplici e descriverli

Dettagli

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Misure e grandezze Grandezze fondamentali Grandezza fisica Simbolo della grandezza Unità di misura Simbolo dell unità di misura lunghezza

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. x B. i nervi. D. le vene.

29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. x B. i nervi. D. le vene. Tema 2. Corpo umano 29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. 30 Quale delle seguenti NON è una

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

STOCCAGGIO DI IDROGENO NEI SOLIDI ATTIVITA DI RICERCA PRESSO IL POLITECNICO DI TORINO

STOCCAGGIO DI IDROGENO NEI SOLIDI ATTIVITA DI RICERCA PRESSO IL POLITECNICO DI TORINO STOCCAGGIO DI IDROGENO NEI SOLIDI ATTIVITA DI RICERCA PRESSO IL POLITECNICO DI TORINO A. TAGLIAFERROT LAQ In.Te.S.E. Politecnico di Torino SOMMARIO Il problema Le possibili tecnologie Il contributo del

Dettagli

Struttura e geometria cristallina

Struttura e geometria cristallina Struttura e geometria cristallina Descrizione macroscopica e microscopica Nello studio delle proprietà fisiche della materia è utile distinguere tra descrizione microscopica e descrizione macroscopica

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007 CORRENTE ELETTRICA INTRODUZIONE Dopo lo studio dell elettrostatica, nella quale abbiamo descritto distribuzioni e sistemi di cariche elettriche in quiete, passiamo allo studio di fenomeni nei quali le

Dettagli

Biologia. Organismi: faa di materia, cosctuita di elemen%, che si combinano in compos%. La chimica della vita. I legami chimici. L acqua.

Biologia. Organismi: faa di materia, cosctuita di elemen%, che si combinano in compos%. La chimica della vita. I legami chimici. L acqua. Biologia Chimica Fisica Organismi: faa di materia, cosctuita di elemen%, che si combinano in compos%. ElemenC naturali nel corpo umano Simbolo Elemento % in peso Il 96% é fako di O Ossigeno 65.0 C Carbonio

Dettagli

CORSO DI CHIMICA PER L AMBIENTE CRISTIANO BENELLI DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE

CORSO DI CHIMICA PER L AMBIENTE CRISTIANO BENELLI DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE CORSO DI CHIMICA PER L AMBIENTE CRISTIANO BENELLI DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE RECAPITI Dipartimento di Ingegneria Industriale Via di S. Marta, 3 E-mail: cristiano.benelli@unifi.it http://www.lamm.unifi.it/benelli.htm

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R.

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R. GRANDEZZE FISICHE Prof.ssa Paravizzini M.R. PROPRIETA DEL CORPO SOGGETTIVE OGGETTIVE PR.SOGGETTIVE: gusto, bellezza, freschezza, forma MISURABILI PR. OGGETTIVE: massa, temperatura, diametro, ecc.. Le misure

Dettagli

Giochi delle Scienze Sperimentali 2011

Giochi delle Scienze Sperimentali 2011 Associazione Nazionale degli Insegnanti di Scienze Naturali Giochi delle Scienze Sperimentali 2011 A - LA FUSIONE Ad una data pressione, la temperatura alla quale una sostanza fonde, cioè passa dallo stato

Dettagli

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari Indice PREFAZIONE XIII 1 La materia e la sua struttura 1.1. Le particelle fondamentali e la struttura dell atomo 2 1.2. Il numero atomico, il numero di massa, i nuclidi e gli isotopi 5 1.3. L unità di

Dettagli

Riassunto. Riassunto

Riassunto. Riassunto Riassunto Le nanotechnologie costituiscono un campo estremamente attivo della ricerca scientifica. La motivazione per tale sforzo viene dalla promessa di una rivoluzione tecnologica, derivante dalla miniaturizzazione

Dettagli

TECNOLOGIA. limitazioni economiche Limitazioni strumentali Limitazioni conoscitive Limitazioni dimensionali Limitazioni temporali Limitazioni etiche

TECNOLOGIA. limitazioni economiche Limitazioni strumentali Limitazioni conoscitive Limitazioni dimensionali Limitazioni temporali Limitazioni etiche TECNOLOGIA Lo studio e l esercizio della tecnologia favoriscono e stimolano la generale attitudine umana a porre e a trattare problemi, facendo dialogare e collaborare abilità di tipo cognitivo, operativo,

Dettagli