1.1. COME UTILIZZARE LO STRUMENTO DI AUTOVALUTAZIONE. selezione dei richiedenti (foglio di lavoro 1 del foglio elettronico);

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.1. COME UTILIZZARE LO STRUMENTO DI AUTOVALUTAZIONE. selezione dei richiedenti (foglio di lavoro 1 del foglio elettronico);"

Transcript

1 1.1. COME UTILIZZARE LO STRUMENTO DI AUTOVALUTAZIONE Allegato 1 Lo strumento di autovalutazione riguarda tre processi fondamentali, appartenenti a tre sezioni differenti: selezione dei richiedenti (foglio di lavoro 1 del foglio elettronico); attuazione dei progetti da parte dei beneficiari, ponendo l'accento su appalti pubblici e costo del lavoro (foglio di lavoro 2); certificazione dei costi da parte dell'autorità di gestione e pagamenti (foglio di lavoro 3). Ognuna delle tre sezioni, contenente i rischi specifici numerati (ad esempio, RS1, RS2, ecc.), è preceduta da una scheda che elenca i rischi specifici attinenti a ciascuna sezione. Si suggerisce inoltre all'autorità di gestione di valutare i rischi di frode relativi agli appalti pubblici di cui ha gestione diretta, ad esempio nell'ambito dell'assistenza tecnica (sezione 4 relativa all'affidamento diretto degli appalti). Laddove l'ag non pubblichi appalti pubblici che richiedono una valutazione dei rischi di frode, non sarà necessario compilare la sezione 4. Nota: la squadra incaricata dell'autovalutazione dovrà compilare soltanto le caselle in giallo. DESCRIZIONE DEI RISCHI Per facilitare il compito della squadra, lo strumento è stato predisposto con una serie di rischi. La squadra dovrà valutare i rischi predefiniti e, nel caso in cui ne vengano rilevati altri, sarà possibile aggiungere nuove voci. Per una descrizione completa dei rischi, si faccia riferimento alla scheda iniziale (per le sezioni 2 e 4) o alla parte dedicata ai rischi specifici (sezioni 1 e 3). Rif. rischio Un riferimento unico per ogni rischio. Le lettere si riferiscono alla sezione in cui è stato individuato il rischio (SR = selezione dei beneficiari, IR = attuazione e monitoraggio, CR = certificazione e pagamenti e PR = affidamento diretto degli appalti da parte dell'ag) e il numero corrisponde al riferimento di identificazione sequenziale.

2 Denominazione del rischio Descrizione dei rischi Chi è coinvolto nel rischio? Fornire informazioni sugli organismi in cui operano le persone o i soggetti coinvolti nell'attività fraudolenta, quali l'autorità di gestione, gli organismi responsabili dell'attuazione, l'autorità di certificazione, beneficiari e terzi. Il rischio è interno (all'ag), esterno o frutto di collusione? Fornire informazioni sulla natura della frode: interna (solo nell'ambito dell'autorità di gestione), esterna (solo in uno degli organismi esterni all'autorità dei gestione) o frutto di collusione (con il coinvolgimento di uno o più organismi). 2. LE CINQUE FASI PRINCIPALI DELL'AUTOVALUTAZIONE 2.1. Rischio lordo Il rischio lordo corrisponde al livello di rischio senza tenere conto dell'incidenza dei controlli esistenti o previsti. In genere, la quantificazione del rischio si ottiene sommando la "probabilità" quanto è probabile che un fatto si verifichi e l'"impatto" del rischio quali sono le conseguenze, finanziarie e non. Per garantire che la valutazione sia coerente, nel determinare la probabilità è opportuno fissare un arco di tempo, che in questo caso corrisponde ai sette anni del periodo di programmazione. Impatto del rischio (LORDO) La squadra di valutazione seleziona dal menù a discesa un punteggio da 1 a 4 per l'impatto del rischio, in base alle ripercussioni che il rischio avrebbe se concretizzatosi, applicando i criteri seguenti. Reputazione Rispetto agli obiettivi 1 Impatto lieve Lavoro supplementare, con conseguenti ritardi per gli altri processi 2 Impatto moderato Ritardi nel 3 Impatto considerevole, ad esempio qualora la Compromissione del natura della frode sia e ritardi per l'obiettivo particolarmente grave strategico o siano coinvolti più beneficiari 4 Inchiesta formale da parte dei soggetti coinvolti, ad esempio il Parlamento, e/o stampa negativa Messa a repentaglio dell'obiettivo strategico

3 Probabilità del rischio (LORDO) La squadra di valutazione seleziona dal menù a discesa un punteggio da 1 a 4 per la probabilità del rischio, in base alla probabilità che il rischio si verifichi nei sette anni del periodo di programmazione, applicando i criteri seguenti. 1 Non si verificherà quasi mai 2 Si verificherà raramente 3 Si verificherà di tanto in tanto 4 Si verificherà spesso Punteggio totale di rischio (LORDO) La casella sarà calcolata automaticamente, a partire dai dati inseriti su impatto e probabilità del rischio. La classificazione è stabilita in base al punteggio totale: 1 3 Tollerabile (verde) 4 6 Significativo (arancio) 8 16 Critico (rosso) 2.2. Controlli per l'attenuazione del rischio esistenti Lo strumento è stato precompilato con una serie di controlli preventivi raccomandati. Questi controlli sono forniti soltanto a titolo d'esempio e la squadra di valutazione potrà eliminarli qualora non esistano. È inoltre possibile aggiungere nuove righe, laddove siano in atto altri controlli volti a contrastare il rischio individuato. Se un controllo attualmente destinato a un determinato rischio è valido anche per altri rischi, sarà possibile ripeterlo più volte. Nello specifico, sarà possibile semplificare l'operazione con un semplice riferimento incrociato ai controlli esistenti descritti e/o elencati, ad esempio, nella descrizione del sistema di gestione e controllo, nei processi aziendali e nei manuali. Rif. controllo Un riferimento unico per ogni controllo. A ciascun rischio è stato assegnato un numero sequenziale; ad esempio, i controlli per il rischio SR1 inizieranno da SC 1.1, quelli per il rischio SR2 da IC 2.1. Descrizione del controllo Sono disponibili documenti che comprovino l'esecuzione del controllo? Sottoponete il controllo a verifiche regolari? Dal menù a discesa, la squadra di valutazione seleziona "Sì" o "No" per l'esistenza di una documentazione relativa all'esecuzione del controllo. Ad esempio, l'approvazione è comprovata da una firma, che attesta il controllo. La squadra di valutazione seleziona dal menù a discesa "Sì" o "No" per la regolarità delle verifiche del controllo. Si può trattare di verifiche effettuate con audit interni o esterni o altri sistemi di monitoraggio. Quanto confidate nell'efficacia del Basandosi in parte sulle risposte alle due domande precedenti, la squadra

4 controllo? sull'impatto del rischio, tenendo conto dei livelli di fiducia. sulla PROBABILITÀ del rischio, tenendo conto dei livelli di fiducia. di valutazione dei rischi indica la fiducia riposta nell'efficacia dei controlli in termini di riduzione del rischio individuato (alta, media o bassa). Qualora il controllo non sia dimostrabile o non sia stato sottoposto a una verifica, il livello di fiducia sarà basso. Nel caso in cui il controllo non sia dimostrabile, non sarà ovviamente possibile sottoporlo a verifica. Dal menù a discesa, la squadra di valutazione seleziona un punteggio da -1 a -4, che indichi in che misura, a suo avviso, l'impatto del rischio sia stato ridotto dai controlli in atto. I controlli per l'individuazione delle frodi riducono l'impatto delle attività fraudolente, dimostrando il corretto funzionamento dei meccanismi di controllo interno. Dal menù a discesa, la squadra di valutazione seleziona un punteggio da -1 a -4 che indichi in che misura, a suo avviso, i controlli in atto abbiano ridotto la probabilità del rischio. I controlli per l'individuazione delle frodi riducono indirettamente le probabilità di frode

5 2.3. Rischio netto Il rischio netto corrisponde al livello di rischio ottenuto tenendo conto dell'incidenza dei controlli esistenti e della loro efficacia, ossia la situazione allo stato attuale. Impatto del rischio (NETTO) dell'insieme dei controlli per l'attenuazione del rischio esistenti dall'impatto del rischio LORDO. Per confermare la validità della Reputazione Rispetto agli obiettivi 1 Impatto lieve Lavoro supplementare, con conseguenti ritardi per gli altri processi 2 Impatto moderato Ritardi nel 3 Impatto considerevole, ad esempio qualora la Compromissione del natura della frode sia e ritardi per l'obiettivo particolarmente grave strategico o siano coinvolti più beneficiari 4 Inchiesta formale da parte dei soggetti coinvolti, ad esempio il Parlamento, e/o stampa negativa Messa a repentaglio dell'obiettivo strategico Probabilità del rischio (NETTO) dell'insieme dei controlli per l'attenuazione del rischio esistenti dalla probabilità del rischio LORDO. Per confermare la validità della 1 Non si verificherà quasi mai 2 Si verificherà raramente 3 Si verificherà di tanto in tanto 4 Si verificherà spesso Punteggio totale di rischio (NETTO) La casella sarà calcolata automaticamente, a partire dai valori inseriti per l'impatto e la probabilità del rischio. La classificazione è stabilita in base al punteggio totale: 1 3 Tollerabile (verde) 4 6 Significativo (arancio) 8 16 Critico (rosso)

6 2.4. Piano di azione per l'adozione di misure antifrode efficaci e proporzionate Controlli supplementari previsti Responsabile Termine per l'esecuzione supplementari previsti sull'impatto del rischio supplementari previsti sulla PROBABILITÀ del rischio Descrivere nel dettaglio i controlli/le misure antifrode efficaci e proporzionate previsti. Mentre la sezione 5 della nota orientativa presenta principi e metodi per la lotta alla frode, nell'allegato 2 sono elencati i controlli per l'attenuazione del rischio raccomandati per ogni rischio individuato. Indicare una persona (o una figura professionale) responsabile dei controlli previsti. La persona deve dare il proprio accordo sull'assunzione della responsabilità del controllo ed esserne responsabile per quanto concerne l'introduzione e l'esecuzione efficace. Indicare un termine per l'esecuzione del nuovo controllo. Il responsabile deve approvare tale termine e assumersi la responsabilità dell'introduzione del nuovo controllo entro la data prevista. Dal menù a discesa, la squadra di valutazione seleziona un punteggio da -1 a -4, per indicare la misura in cui, a suo avviso, i controlli pianificati ridurranno l'impatto del rischio. Dal menù a discesa, la squadra di valutazione del rischio seleziona un punteggio da -1 a -4, per indicare la misura in cui, a suo avviso, i controlli pianificati ridurranno la probabilità del rischio.

7 2.5. Obiettivo di rischio L'obiettivo di rischio corrisponde al livello di rischio ottenuto tenendo conto dell'incidenza dei controlli attuali e previsti. Impatto del rischio (OBIETTIVO) dell'insieme dei controlli per l'attenuazione del rischio esistenti dall'impatto del rischio NETTO. Per confermare la validità della Reputazione Rispetto agli obiettivi 1 Impatto lieve Lavoro supplementare, con conseguenti ritardi per gli altri processi 2 Impatto moderato Ritardi nel 3 Impatto considerevole, ad esempio qualora la Compromissione del natura della frode sia e ritardi per l'obiettivo particolarmente grave strategico o siano coinvolti più beneficiari 4 Inchiesta formale da parte dei soggetti coinvolti, ad esempio il Parlamento, e/o stampa negativa Messa a repentaglio dell'obiettivo strategico Probabilità del rischio (OBIETTIVO) dell'insieme dei controlli per l'attenuazione del rischio esistenti dalla probabilità del rischio LORDO. Per confermare la validità della 1 Non si verificherà quasi mai 2 Si verificherà raramente 3 Si verificherà di tanto in tanto 4 Si verificherà spesso Punteggio totale di rischio (OBIETTIVO) La casella sarà calcolata automaticamente, a partire dai dati inseriti su impatto e probabilità del rischio. La classificazione è stabilita in base al punteggio totale: 1 3 Tollerabile (verde) 4 6 Significativo (arancio) 8 16 Critico (rosso)

Valutazione dei rischi

Valutazione dei rischi Valutazione dei rischi 5 Novembre 2008 Andrea Pellei Il processo di attuazione dell audit Obiettivi della valutazione del rischio L attività di audit effettuata sul Sistema di Gestione e Controllo di un

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020. Riccardo Banfi Milano - 10 settembre 2014

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020. Riccardo Banfi Milano - 10 settembre 2014 LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 Riccardo Banfi Milano - 10 settembre 2014 Programma Definizioni Ammissibilità della spesa Opzioni di semplificazione dei costi Sistemi di controllo Definizioni (1)

Dettagli

Sviluppo rurale 2007-2013 MANUALE DEL. Documento di orientamento

Sviluppo rurale 2007-2013 MANUALE DEL. Documento di orientamento Sviluppo rurale 2007-2013 MANUALE DEL QUADRO COMUNE PER IL MONITORAGGIO E LA VALUTAZIONE Documento di orientamento Settembre 2006 Direzione generale dell Agricoltura e dello sviluppo rurale INDICE 1. UN

Dettagli

Nota di orientamento A- Scelta e uso di indicatori

Nota di orientamento A- Scelta e uso di indicatori Nota di orientamento A- Scelta e uso di indicatori La presente nota di orientamento indica come scegliere e utilizzare determinati indicatori nell'ambito della definizione, dell'attuazione e della valutazione

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE "VERSO UNA POLITICA GENERALE DI LOTTA CONTRO LA CIBERCRIMINALITÀ"

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE VERSO UNA POLITICA GENERALE DI LOTTA CONTRO LA CIBERCRIMINALITÀ MEMO/07/199 Bruxelles, 22 maggio 2007 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE "VERSO UNA POLITICA GENERALE DI LOTTA CONTRO LA CIBERCRIMINALITÀ" Uso del termine "cibercriminalità" nella comunicazione Non esiste

Dettagli

GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ (AGGIORNAMENTO DEL 8.6.01)

GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ (AGGIORNAMENTO DEL 8.6.01) "L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA I significati di questa impostazione e un aiuto per la sua attuazione nell'ambito dei SGQ L'importanza che l'impostazione "per processi"

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART.M. 12.12

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART.M. 12.12 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART. 24 DELLE MODALITÀ DI APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI PREMI (D.M. 12.12.2000) DOPO IL PRIMO

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART.M. 12.12

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART.M. 12.12 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART. 24 DELLE MODALITÀ DI APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI PREMI (D.M. 12.12.2000) DOPO IL PRIMO

Dettagli

Validazione e certificazione delle competenze in dieci domande

Validazione e certificazione delle competenze in dieci domande www.bollettinoadapt.it, 18 febbraio 2013 Validazione e certificazione delle competenze in dieci domande di Andrea Simonicini Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto legislativo 16 gennaio

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART.M. 12.12

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART.M. 12.12 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART. 24 DELLE MODALITÀ DI APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI PREMI (D.M. 12.12.2000) DOPO IL PRIMO

Dettagli

Compliance aziendale Ex D.lgs. 231/01

Compliance aziendale Ex D.lgs. 231/01 Compliance aziendale Ex D.lgs. 231/01 Consultec Srl Cos è il D.Lgs. n. 231/01 Il D.Lgs. n. 231/2001 ha introdotto nel nostro ordinamento il principio della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Dettagli

Sistemi di Gestione Salute e Sicurezza sui luoghi di Lavoro - SGSL

Sistemi di Gestione Salute e Sicurezza sui luoghi di Lavoro - SGSL Sistemi di Gestione Salute e Sicurezza sui luoghi di Lavoro - SGSL 1 Responsabilità Amministrativa L applicazione dell art. 30 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. rende esimente le aziende, in presenza di un modello

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

Legenda modulo rilevazione e valutazione rischi corruzione

Legenda modulo rilevazione e valutazione rischi corruzione Legenda modulo rilevazione e valutazione rischi corruzione Obiettivi: censire le maggiori situazioni in cui può esserci maggiore rischio di corruzione sia previste dalla normativa sia in relazione a quanto

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI PARLAMENTO EUROPEO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI PARLAMENTO EUROPEO 3.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 94 E/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI PARLAMENTO EUROPEO Sistemi di garanzia assicurativa P7_TA(2011)0435 Risoluzione del Parlamento

Dettagli

Con l Europa, investiamo nel vostro futuro Piano relativo al Bando 4462-31/03/2011 Piani Integrati 2011-12 CTCT700006 IC FRANCESCO PETRARCA - CATANIA

Con l Europa, investiamo nel vostro futuro Piano relativo al Bando 4462-31/03/2011 Piani Integrati 2011-12 CTCT700006 IC FRANCESCO PETRARCA - CATANIA Protocollo n.113/a22 Catania, 11/01/2012 A.S. 2011/12 CTCT700006 IC FRANCESCO PETRARCA - CATANIA Programma Operativo Nazionale (PON) Competenze per lo Sviluppo BANDO RECLUTAMENTO ESPERTI IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Direzione Centrale dei Servizi Civili per l Immigrazione e l Asilo

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Direzione Centrale dei Servizi Civili per l Immigrazione e l Asilo Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Direzione Centrale dei Servizi Civili per l Immigrazione e l Asilo Frequently Asked Questions in relazione agli Avvisi Pubblici

Dettagli

P22 Effettuare gli audit del Sistema di gestione del Consiglio regionale Veneto certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008

P22 Effettuare gli audit del Sistema di gestione del Consiglio regionale Veneto certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008 Procedura P22 Effettuare gli audit del Sistema di gestione del Consiglio regionale Veneto certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008 Responsabile processo: Strutture interessate: Segretario generale

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI e TUTOR

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI e TUTOR LICEO SCIENTIFICO STATALE A. GENOINO VIA DI MARINO, 12 CAVA DE TIRRENI (SA) TEL./FAX 089-464459 E.MAIL: SAPS09000C@istruzione.it SITO WEB: www.agenoinoliceoscientifico.it COD.FISCALE: 80023570650 ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo

Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo Modello di Rapporto annuale di controllo a norma dell articolo 62 par. 1, lettera d) punto i) del Regolamento (CE) n. 1083/2006 e dell articolo 18 paragrafo

Dettagli

ISTRUZIONI ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO DI PIP

ISTRUZIONI ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO DI PIP ISTRUZIONI ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO DI PIP PREMESSA Il Piano di Inserimento Professionale serve a permettere l acquisizione di esperienze, conoscenze e competenze da parte del Giovane inserito, con

Dettagli

17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI 17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ART. 1 OGGETTO e FINALITA Il presente documento disciplina

Dettagli

MOD.14_12 Rev. 1 AVVISO: I MODELLI CHE SEGUONO DOVRANNO ESSERE COMPILATI E INVIATI MEDIANTE FAX (06/49200357) O MEDIANTE RACCOMANDATA SEMPLICE.

MOD.14_12 Rev. 1 AVVISO: I MODELLI CHE SEGUONO DOVRANNO ESSERE COMPILATI E INVIATI MEDIANTE FAX (06/49200357) O MEDIANTE RACCOMANDATA SEMPLICE. MOD.14_12 Rev. 1 AVVISO: I MODELLI CHE SEGUONO DOVRANNO ESSERE COMPILATI E INVIATI MEDIANTE FAX (06/49200357) O MEDIANTE RACCOMANDATA SEMPLICE. COG attestazione regolarità contributiva, riscatto, dilazione,

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

Guida pratica. Rete Giudiziaria Europea in materia civile e commerciale

Guida pratica. Rete Giudiziaria Europea in materia civile e commerciale Uso della videoconferenza ai fini dell'assunzione delle prove in materia civile e commerciale ai sensi del regolamento (CE) n. 1206/2001 del Consiglio del 28 maggio 2001 Guida pratica Rete Giudiziaria

Dettagli

MARKT/2094/01 IT Orig. EN COMMERCIO ELETTRONICO E SERVIZI FINANZIARI

MARKT/2094/01 IT Orig. EN COMMERCIO ELETTRONICO E SERVIZI FINANZIARI MARKT/2094/01 IT Orig. EN COMMERCIO ELETTRONICO E SERVIZI FINANZIARI Finalità del documento Il presente documento fa il punto della situazione in materia di commercio elettronico e servizi finanziari,

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1 Generalità l I.I.S. G.Antonietti, allo scopo di assicurare la conformità del proprio Sistema di Gestione della Qualità alla norma di riferimento UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO RECANTE RACCOMANDAZIONI ALLA COMMISSIONE SULLE SUCCESSIONI E TESTAMENTI Strasburgo 16 novembre 2006

RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO RECANTE RACCOMANDAZIONI ALLA COMMISSIONE SULLE SUCCESSIONI E TESTAMENTI Strasburgo 16 novembre 2006 RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO RECANTE RACCOMANDAZIONI ALLA COMMISSIONE SULLE SUCCESSIONI E TESTAMENTI Strasburgo 16 novembre 2006 Il Parlamento europeo, visto il Libro verde - Successioni e testamenti

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Caronda

Istituto Comprensivo Statale Caronda Piano relativo al Bando 2373-26/02/2013 Piani Integrati 2013 Programma Operativo Nazionale (PON) Competenze per lo Sviluppo 2007/2013 Con l Europa, investiamo nel vostro futuro A.S. 2013 / 20014 Protocollo

Dettagli

Oscillazione del tasso medio per prevenzione RILASCIATO CON NOTA INAIL IL 20 OTTOBRE 2011

Oscillazione del tasso medio per prevenzione RILASCIATO CON NOTA INAIL IL 20 OTTOBRE 2011 Oscillazione del tasso medio per prevenzione dopo i primi due anni di attività NUOVO MODELLO OT 24 NUOVO MODELLO OT 24 RILASCIATO CON NOTA INAIL IL 20 OTTOBRE 2011 OSCILLAZIONE PER PREVENZIONE (art. 24

Dettagli

Allegato parte integrante ALLEGATO A) - criteri per la concessione di borse di studio a studenti atleti

Allegato parte integrante ALLEGATO A) - criteri per la concessione di borse di studio a studenti atleti Allegato parte integrante ALLEGATO A) - criteri per la concessione di borse di studio a studenti atleti Criteri e modalità per la concessione delle borse di studio, di cui al comma 4 bis dell articolo

Dettagli

Acquisizione giornaliera dei livelli di invaso dei bacini delle grandi dighe

Acquisizione giornaliera dei livelli di invaso dei bacini delle grandi dighe Acquisizione giornaliera dei livelli di invaso dei bacini delle grandi dighe Il Concessionario della diga, per l invio dei livello d invaso giornalieri, si collegherà al sito web del Registro Italiano

Dettagli

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 1.0 Scopo e campo di applicazione Lo scopo della procedura è quello di definire le principali attività svolte dall Organizzazione per garantire l'affidabilità degli approvvigionamenti

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR02 - Audit Interni Edizione 1 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente Aziendale per la Qualità

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE

PROVINCIA DI LECCE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE PROVINCIA DI LECCE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE 1 1. STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE La Provincia di Lecce ha adottato un sistema organizzativo

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna

Regione Autonoma della Sardegna POR SARDEGNA 2000/2006 MISURA 4.2 Direttive di Attuazione - Servizi reali Art. 1 Oggetto 1. Le presenti Direttive di Attuazione disciplinano l erogazione di aiuti per l acquisizione di servizi reali destinati

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

Scuola dell Infanzia - Scuola primaria - Scuola Secondaria 1 grado - Centro EDA Piano relativo al Bando 2373-26/02/2013 Piani Integrati 2013

Scuola dell Infanzia - Scuola primaria - Scuola Secondaria 1 grado - Centro EDA Piano relativo al Bando 2373-26/02/2013 Piani Integrati 2013 Piano relativo al Bando 2373-26/02/2013 Piani Integrati 2013 Protocollo n. 7840/A22 Catania,07/11/2013 A.S. 2013 / 20014 CTCT700006 IC FRANCESCO PETRARCA - CATANIA Programma Operativo Nazionale (PON) Competenze

Dettagli

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011 Focus di pratica professionale di Norberto Villa Le società di comodo in Unico 2011 Il prospetto del quadro RF Il quadro RF del modello Unico SC 2011 contiene le informazioni necessarie per verificare

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità In vigore dal 19/11/2015 Agroqualità Società per azioni Viale Cesare Pavese, 305-00144 Roma - Italia Tel. +39 0654228675 - Fax: +39

Dettagli

ORDINE INTERPROVINCIALE DEI CHIMICI DELLA LOMBARDIA

ORDINE INTERPROVINCIALE DEI CHIMICI DELLA LOMBARDIA ORDINE INTERPROVINCIALE DEI CHIMICI DELLA LOMBARDIA Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2015 2017 Il Piano Triennale di prevenzione della corruzione è il documento previsto dall'art. 1 della

Dettagli

E POSSIBILE FARE SUBAPPALTO CON ALTRA SOCIETA CHE HA COME CATEGORIA SOA LA SEGUENTE: OS30 CATEGORIA I OG10 (al posto della OS3)

E POSSIBILE FARE SUBAPPALTO CON ALTRA SOCIETA CHE HA COME CATEGORIA SOA LA SEGUENTE: OS30 CATEGORIA I OG10 (al posto della OS3) Fornitura e posa in opera di allestimenti ed arredi delle stazioni del nuovo complesso funiviario Pontal d Entréves Mont Frety Punta Helbronner. Pubblicazione, in forma anonima, delle richiesta di informazioni

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Regolamento per la gestione dell attività formativa e di aggiornamento tecnico AINEVA (modificato dal CTD il 18/12/2008)

Regolamento per la gestione dell attività formativa e di aggiornamento tecnico AINEVA (modificato dal CTD il 18/12/2008) Regolamento per la gestione dell attività formativa e di aggiornamento tecnico AINEVA (modificato dal CTD il 18/12/2008) Questo regolamento - redatto in attuazione del Documento sulla riorganizzazione

Dettagli

In ossequio ai principi di trasparenza che ispirano l attività della Fondazione, si riportano, in ordine cronologico, tutti i quesiti e le richieste di chiarimento pervenute dalle Imprese in merito all

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Direzione Centrale dei Servizi Civili per l Immigrazione e l Asilo

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Direzione Centrale dei Servizi Civili per l Immigrazione e l Asilo Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Direzione Centrale dei Servizi Civili per l Immigrazione e l Asilo Frequently Asked Questions in relazione agli Avvisi Pubblici

Dettagli

"L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA

L'APPROCCIO PER PROCESSI: UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA Vision 2000 I SUPPORTI DELL'ISO PER L'ATTUAZIONE DELLA NUOVA ISO 9001:2000 "L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA I significati di questa impostazione e un aiuto per la

Dettagli

Vademecum tecnico per la presentazione dei Progetti

Vademecum tecnico per la presentazione dei Progetti Vademecum tecnico per la presentazione dei Progetti Si tratta di una breve guida contenente indicazioni operative per la presentazione e la progettazione di Progetti formativi a valere sullo Sportello

Dettagli

Em. 00 10.01.2010 Nuova Emissione Documento Redatto RQ Verificato Approvato PD DISTRIBUZIONE: INTERNA; PR1 - Em. 00 del 10.01.2010 Pagina 1 di 6 Sommario 1 Scopo e Campo di Applicazione... 3 2 Definizioni...

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 5 MP 6 MIGLIORAMENTO CONTINUO

Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 5 MP 6 MIGLIORAMENTO CONTINUO Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 5 6 MIGLIORAMENTO CONTINUO 6.0 DESCRIZIONE Attraverso i processi sviluppati in questo capitolo, il liceo assicura che il servizio offerto adempie ai requisiti

Dettagli

ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA. Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione

ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA. Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione Allegato B CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO E LA DEFINIZIONE DEL CAMPIONE DELLE OPERAZIONI DA

Dettagli

Proposta nr. 47 del 06/02/2013 Pagina 1 di 13

Proposta nr. 47 del 06/02/2013 Pagina 1 di 13 REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCESSO AGLI ATTI Approvato con D.C.S. n. 82 del 06 marzo 2013 (artt. 22 e ss. della Legge n. 241/1990 e s.m.i.) 1. Oggetto e ambito di applicazione Il diritto di accesso si esercita,

Dettagli

Linee guida per la gestione della Lista degli Organismi Competenti ai sensi dell Articolo 36 del Regolamento istitutivo dell EFSA 1.

Linee guida per la gestione della Lista degli Organismi Competenti ai sensi dell Articolo 36 del Regolamento istitutivo dell EFSA 1. Linee guida per la gestione della Lista degli Organismi Competenti ai sensi dell Articolo 36 del Regolamento istitutivo dell EFSA 1. INFORMAZIONI PRELIMINARI Autorità europea per la sicurezza alimentare

Dettagli

BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE

BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE 1 MOTIVAZIONI E FINALITÀ Il Centro di Servizio al Volontariato San Nicola (d ora in poi denominato CSVSN) nell ambito delle proprie attività intende completare il proprio piano

Dettagli

Studio pilota sull'attuazione, a livello nazionale, delle politiche dell'ue a favore dell'occupazione giovanile Il punto di vista della società civile

Studio pilota sull'attuazione, a livello nazionale, delle politiche dell'ue a favore dell'occupazione giovanile Il punto di vista della società civile Comitato economico e sociale europeo Sezione specializzata Occupazione, affari sociali, cittadinanza Osservatorio del mercato del lavoro Studio pilota sull'attuazione, a livello nazionale, delle politiche

Dettagli

LINEA GUIDA 20121 REV.4 del 23-07-2014 Pag 1 di 16 LINEA GUIDA 20121

LINEA GUIDA 20121 REV.4 del 23-07-2014 Pag 1 di 16 LINEA GUIDA 20121 Pag 1 di 16 LINEA GUIDA 20121 OBIETTIVI Obiettivo del presente documento è quello di fornire un istantanea su come la documentazione delle organizzazioni sia adeguata a sostenere i diversi step di valutazione

Dettagli

Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 MP 6 MIGLIORAMENTO CONTINUO MQ V. 2.0

Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 MP 6 MIGLIORAMENTO CONTINUO MQ V. 2.0 Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 6 MIGLIORAMENTO CONTINUO 6.0 DESCRIZIONE Attraverso i processi sviluppati in questo capitolo, l istituto assicura che il servizio offerto adempie ai requisiti

Dettagli

PG 9.B GESTIONE RECLAMI, RICORSI E CONTENZIOSI

PG 9.B GESTIONE RECLAMI, RICORSI E CONTENZIOSI 2 2010.06.18 Modifiche per recepimento commenti ACCREDIA 1 2010.02.10 Sostituzione SINCERT con ACCREDIA 0 2008.02.18 Emissione Resp. Qualità Amministratore Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI INTERNAZIONALI DELL ISTRUZIONE SCOLASTICA UFFICIO V AUDIT DELLA QUALITÀ DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Legge 808/85 Vademecum per la compilazione della domanda di finanziamento. Divisione VIII Industria dell'aerospazio e della difesa

Legge 808/85 Vademecum per la compilazione della domanda di finanziamento. Divisione VIII Industria dell'aerospazio e della difesa Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per l Impresa e l Internazionalizzazione Direzione generale per la politica industriale e la competitività Divisione VIII Industria dell'aerospazio e della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE MACCHINE. Direttiva 2006/42/CE All. IX e X SOMMARIO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE MACCHINE. Direttiva 2006/42/CE All. IX e X SOMMARIO Pag. 1 di 11 SOMMARIO 0 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 1 PROCESSO DI EROGAZIONE... 2 1.1 PREMESSA... 2 1.2 FORMULAZIONE OFFERTA... 2 1.3 PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA... 2 1.4 PROCESSO DI VALUTAZIONE

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

I.T.C. D. Romanazzi - via C. Ulpiani, 6/a - Bari Italia

I.T.C. D. Romanazzi - via C. Ulpiani, 6/a - Bari Italia Prot. N. 590 PROGRAMMAZIONE DEI FONDI STRUTTURALI 2007/2013 Realizzazione di prototipi di azioni educative in aree di grave esclusione sociale e culturale, anche attraverso la valorizzazione delle reti

Dettagli

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento SCELTA DELL APPROCCIO A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento 1 SCELTA DELL APPROCCIO l approccio all autovalutazione diffusa può essere normale o semplificato, a seconda delle

Dettagli

Manuale per acquisizione CIG (Codice Identificativo Gara)

Manuale per acquisizione CIG (Codice Identificativo Gara) Manuale per acquisizione CIG (Codice Identificativo Gara) Sul sito dell Avcp Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture 1 Attenzione!!! Questo manuale è stato predisposto

Dettagli

MANUALE TUTOR PON 2007/2013

MANUALE TUTOR PON 2007/2013 MANUALE TUTOR PON 2007/2013 COME ACCEDERE AI PON 1 passo Gli operatori possono accedere in due modi 1 modalità di accesso Sito istruzione www.istruzione.it Cliccare su 2 2 modalità di accesso Sito Indire

Dettagli

Progetto Autoanalisi di Istituto in Rete

Progetto Autoanalisi di Istituto in Rete Progetto Autoanalisi di Istituto in Rete Accordo di Rete approvato a Mestre il 23 febbraio 2005 PREMESSA CONSIDERATO che il monitoraggio e la valutazione del servizio offerto dalle scuole autonome sono

Dettagli

Comune di Montemurlo Provincia di Prato REGOLAMENTO DISCIPLINANTE IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

Comune di Montemurlo Provincia di Prato REGOLAMENTO DISCIPLINANTE IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Montemurlo Provincia di Prato REGOLAMENTO DISCIPLINANTE IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con deliberazione n. 121/GC del 08-09-2015 (approva e abroga integralmente il precedente

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE DI RENDICONTAZIONE vers. 25/05/2010

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE DI RENDICONTAZIONE vers. 25/05/2010 BANDO PER IL SOSTEGNO A PROGETTI DI RICERCA COLLABORATIVA DELLE PMI D.G.R. 1043 del 7 luglio 2008 Asse 1 POR FESR 2007-2013 - PRRIITT Misura 3.1.A ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE DI RENDICONTAZIONE

Dettagli

Fiscal News N. 111. La circolare di aggiornamento professionale. 06.03.2012 Cessione e utilizzo del diritto d autore: aspetti normativi e fiscali

Fiscal News N. 111. La circolare di aggiornamento professionale. 06.03.2012 Cessione e utilizzo del diritto d autore: aspetti normativi e fiscali Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 111 06.03.2012 Cessione e utilizzo del diritto d autore: aspetti normativi e fiscali A cura di Carlo De Luca e Luca Savastano Categoria: Irpef

Dettagli

Unità Produttiva: Documento: Redatto da: Approvato da: Data: Allegati al Documento di Valutazione dei Rischi D.Lgs. 81/ 08:

Unità Produttiva: Documento: Redatto da: Approvato da: Data: Allegati al Documento di Valutazione dei Rischi D.Lgs. 81/ 08: SCOPO Il presente documento è predisposto ai sensi del D.Lgs. 81/ 08, articolo 26, comma 3 e s.m.i. ed ha la finalità di raccogliere, analizzare ed elaborare le informazioni necessarie alla valutazione

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione Scuola e Università, Diritto allo Studio Area Programmazione dell'offerta Formativa

Dettagli

COMUNE DI TORRE DI MOSTO IMPIANTO FOTOVOLTAICO ZONA INDUSTRIALE

COMUNE DI TORRE DI MOSTO IMPIANTO FOTOVOLTAICO ZONA INDUSTRIALE Oggetto: Appalto per la progettazione definitiva/esecutiva, la direzione dei lavori, il coordinamento per la sicurezza sia in fase di progettazione che di esecuzione, il collaudo e la realizzazione

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLO SCHEMA PER LA REDAZIONE DEI PROGETTI

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLO SCHEMA PER LA REDAZIONE DEI PROGETTI Legge regionale 7 febbraio 2010, n. 3 Norme per la definizione, riordino e promozione delle procedure di consultazione e partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali locali GUIDA ALLA COMPILAZIONE

Dettagli

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO Alla fine del primo biennio del liceo linguistico lo studente dovrà dimostrare di aver conseguito le seguenti competenze linguistiche:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE ASSERZIONI RELATIVE AI GAS GHG (GAS AD EFFETTO SERRA), IN ACCORDO ALLE NORME UNI ISO

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE ASSERZIONI RELATIVE AI GAS GHG (GAS AD EFFETTO SERRA), IN ACCORDO ALLE NORME UNI ISO REG 14064 REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE ASSERZIONI RELATIVE AI GAS GHG (GAS AD EFFETTO SERRA), IN ACCORDO ALLE NORME UNI ISO 14064-1 2006 e 14064-3 1. DESCRIZIONE DELL'ISTITUTO CERTIQUALITY S.r.l.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI IN MATERIA DI ENERGIA

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI IN MATERIA DI ENERGIA AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI IN MATERIA DI ENERGIA Visti: IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE AMBIENTE E POLITICHE CULTURALI - l art. 7 del D. Lgs. n.

Dettagli

Liceo Artistico Statale Emilio Greco Catania

Liceo Artistico Statale Emilio Greco Catania Liceo Artistico Statale Emilio Greco Catania Protocollo n. 164/A22P Catania, 11/01/2014 A.S. 2013 / 20014 LICEO ARTISTICO " EMILIO GRECO " - CATANIA PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2007/2013 Programma

Dettagli

GUIDA ALL'APPROCCIO PER PROCESSI NEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

GUIDA ALL'APPROCCIO PER PROCESSI NEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ GUIDA ALL'APPROCCIO PER PROCESSI NEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1) Introduzione (traduzione del documento ISO/TC176/SC2/N544R) Questo documento guida vuole aiutare gli utilizzatori delle norme

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento Comune di Castro Provincia di Lecce REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.45 del 30.10.2013) Sommario Art. 1 Titolarità, denominazione

Dettagli

Procedura di verifica annuale del mantenimento dei requisiti

Procedura di verifica annuale del mantenimento dei requisiti Allegato 4 Definizione delle procedure operative in materia di accreditamento delle strutture formative della Regione Marche Procedura di verifica annuale del mantenimento dei requisiti 1. Generalità...

Dettagli

Per accedere alla gestione magazzino si clicca, da menù generale, su magazzino->magazzino- >magazzino->anagrafica : si apre la finestra sotto e siamo

Per accedere alla gestione magazzino si clicca, da menù generale, su magazzino->magazzino- >magazzino->anagrafica : si apre la finestra sotto e siamo EASYGEST - GESTIONE ANAGRAFICA MAGAZZINO Per accedere alla gestione magazzino si clicca, da menù generale, su magazzino->magazzino- >magazzino->anagrafica : si apre la finestra sotto e siamo posizionati

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI NEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI NEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI NEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI INDICE SOMMARIO CAPO I: Principi del Regolamento e soggetti beneficiari art. 1. Principi e

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

Giornata della trasparenza

Giornata della trasparenza Giornata della trasparenza Roma, 6 dicembre 2012 1 Corruzione Integrità dei comportamenti CONTROLLI 2 Legge 6 novembre 2012, n 190 Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell

Dettagli

COMUNE DI GAZZO VERONESE

COMUNE DI GAZZO VERONESE COMUNE DI GAZZO VERONESE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO DI ACCESSO E FRUIZIONE DEI SERVIZI SCOLASTICI DI TRASPORTO E MENSA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 27 in data 06 agosto 2010,

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI 1.7.2014 L 192/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO (UE) N. 721/2014 del 16 giugno 2014 recante modifica del regolamento (CE) n. 219/2007 relativo alla costituzione di un'impresa

Dettagli

APPENDICE B MODIFICHE TRA LA ISO 9001:2000 E LA ISO 9001:2008 (informativa)

APPENDICE B MODIFICHE TRA LA ISO 9001:2000 E LA ISO 9001:2008 (informativa) PPENDICE B MODIFICHE TR L ISO 9001:2000 E L ISO 9001:2008 (informativa) prospetto B.1 Modifiche tra la ISO 9001:2000 e la ISO 9001:2008 ISO 9001:2000 Punto Capoverso/Figura/ Prospetto/Nota Premessa Capoverso

Dettagli

Apertura del conto per gli operatori aerei nel Registro Emissions Trading:

Apertura del conto per gli operatori aerei nel Registro Emissions Trading: Apertura del conto per gli operatori aerei nel Registro Emissions Trading: In base alle prescrizioni del Regolamento CE 1193/2011, per finalizzare l apertura del conto l operatore aereo dovrà provvedere

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Linee guida per l'applicazione del Metodo nazionale per calcolare l elemento di aiuto nelle garanzie

Dettagli

PABI NOTE OPERATIVE ERRORI FORMALI

PABI NOTE OPERATIVE ERRORI FORMALI Pag. 1 di 14 INDICE INTRODUZIONE... 2 COME SI ACCEDE ALL ELENCO DEGLI ERRORI FORMALI E RELATIVA CORREZIONE... 3 COME CORREGGERE ERRORE FORMALE E STATO SUPERATO IL LIMITE DI 60 GIORNI... 14 QUANDO ESEGUIRE

Dettagli

2. Enti interessati Possono accedere ai contributi di cui alla legge regionale n. 20/2007 i comuni, singoli o associati, nonché i municipi.

2. Enti interessati Possono accedere ai contributi di cui alla legge regionale n. 20/2007 i comuni, singoli o associati, nonché i municipi. ALLEGATO B Criteri e modalità per l erogazione dei contributi ai comuni, singoli o associati nonché ai municipi per le spese necessarie ai fini dell istituzione e gestione dei consigli comunali, municipali

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Note di accompagnamento allo strumento di autovalutazione

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Note di accompagnamento allo strumento di autovalutazione LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Note di accompagnamento allo strumento di autovalutazione 1 1. INTRODUZIONE ALLO STRUMENTO DI SUPPORTO ALL AUTOVALUTAZIONE Lo strumento

Dettagli