ROSSO ARANCIO GIALLO 3/5 5/6 7/9 8 9/ /13 13/15 14/15 16/18 19/21 22/23 CREMA ROSA LILLA VIOLA GERBERE MINI. in-agar x 27 Ex-aGar x 250

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ROSSO ARANCIO GIALLO 3/5 5/6 7/9 8 9/11 10 12/13 13/15 14/15 16/18 19/21 22/23 CREMA ROSA LILLA VIOLA GERBERE MINI. in-agar x 27 Ex-aGar x 250"

Transcript

1 GERBERE FORMATI GERBERE 3 3/5 5/6 7/9 8 9/ /13 13/15 14/15 16/18 19/21 22/23 GERBERE STANDARD ROSSO ARANCIO GIALLO SALMONE BIANCO CREMA ROSA LILLA VIOLA BICOLORE GERBERE MINI NOTE COLTURALI in-agar x 27 Ex-aGar x 250 Jiffy ø 5,5 cm Grodan ø 7,5 x 7,5 cm Grodan ø 10 x 10 cm ø 2,2 cm x 240 guida al catalogo legenda LÉGENDE-LEGENDA-LEGEND forma-forme forma-form Jiffy ø 5,5 cm x 45 s semplice, simple, simple d doppio, double, doble sd semidoppio, semi-double, semi-doble produzione/m 2 -product./m 2 producc./m 2- product./m 2 diametro-diamétre diametro-diameter Jiffy ø 3 cm x 112 cuore nero-coeur noir corazòn negro-black center stelo-tige pedunculo-stem new novità, nouveauté, nueva, new Grodan ø 4,6 cm x 54

2 gerbere ROSSO rouge rojo red 3 KABU Natan Gerbere Collezione Caro cliente, è con grande piacere che Le presentiamo la nuova collezione di Gerbere da fiore reciso albani e ruggieri. da trent anni lavoriamo per selezionare varietà altamente produttive, resistenti e dai colori esplosivi ed anche quest anno grazie all attento lavoro d ibridazione e selezione abbiamo raggiunto risultati eccellenti. nelle pagine che seguono troverà illustrazioni ed indicazioni tecniche utili alla scelta varietale per la prossima stagione. sicuri di fornirvi un servizio di alta qualità vi ringraziamo per il vostro rinnovato interesse per il nostro prodotto. Albani e Ruggieri Dear Customer, it s with great pleasure that we present the new collection of Gerbera cut flower albani and ruggieri. for thirty years we have worked to select high-productive varieties, resistant and with explosive colors, also this year thanks to the careful work of hybridization and selection, we have achieved excellent results. in the following pages you will find illustrations and technical information useful for your variety selection for the next season. sure of providing you high quality service we thank you for your renewed interest in our product. Cher client, c est avec un grand plaisir que nous, vous, présentons la nouvelle collection albani e ruggieri de gerberas fleurs coupées. depuis trente ans nous travaillons pour sélectionner des variétés aux couleurs explosives, resistantes et productives. cette année aussi grâce à l intense travail d hybridation et sélection nous obtenons d excellents résultats. dans les pages suivantes vous trouverez les illustrations et les indications techniques utiles à votre choix variétal pour la prochaine saison. nous sommes sur de vous fournir un service de haute qualité et vous remercions pour le renouvellement de votre intérêt à nos produits. Gentil Cliente, Es con gran placer que les presentamos nuestra nueva colección de Gerberas de corte albani e ruggieri. por 30 años hemos trabajado en la selección de variedades altamente productivas, resistentes y con colores explosivos tambien este año gracias al cuidadoso trabajo de hibridación y selección, hemos logrado excelentes resultados. En las siguientes páginas encontrará ilustraciones e indicaciones técnicas útiles en la selección de variedades de la siguiente estación. seguros de proveerlos con un servicio de alta calidad le agradecemos por su renovado interés en nuestro producto.

3 4 gerbere ROSSO rouge rojo red Natasha SD Nek gerbere COLORE ROSSO ROuGE ROjO REd AMLET CIRO FUEGO KABU NATAN NATASHA NEK RENEé Amlet Ciro S Fuego

4 gerbere ARANCIO ORANGE NARANJA ORANGE 5 lana SD VilMA SD Reneé Soraya

5 6 gerbere ARANCIO ORANGE NARANJA ORANGE Lunapop Corinne Shana Elite gerbere COLORE ARANCIO ORANGE NARANjA ORANGE CORINNE ELITE HAvANA KyLLIAN lana LUNApOp SHANA SORAyA SUNRICH vilma Sunrich

6 gerbere GIALLO JAUNE AMARILLO YELLOW 7 Kyllian MAdAM SD Havana levi S

7 8 gerbere SALMONE SAUMON SALMON SALMON Fedra Jalisse gerbere COLORE SALMONE SAuMON SALMON SALMON FEdRA jalisse Martino Kimmy Solange gerbere COLORE GIALLO jaune AMARILLO yellow GESCOM KIMMy levi madam MARTINO pocho prince SOLANGE SOLEAdA

8 gerbere GIALLO jaune amarillo yellow 9 Prince Gescom gerbere BIANCO BLANC BLANCO WHITE Pocho Soleada AlBA D

9 10 gerbere CREMA CREME CREMA CREAM Vaniglia Colosseo SD gerbere COLORE CREMA CREME CREMA CREAM COLOSSEO vaniglia gerbere COLORE BIANCO BLANC BLANCO white AlBA AMbETA AxEL dameblanche NAvONA NUvOLA SUSAN TOp MOdEL Nuvola Navona SD

10 gerbere BIANCO BLANC BLANCO WHITE 11 Susan Axel Top Model Dameblanche SD Ambeta

11 12 gerbere ROSA rose rosa pink Domitille Ludmilla Ginevra Darwin gerbere COLORE ROSA ROSE ROSA pink darwin doris domitille GINEvRA LUdMILLA NObLESSE Noblesse

12 gerbere ROSA rose rosa pink 13 doris gerbere LILLA lilas lila lilac Momò Violante S Solidea SD

13 14 gerbere LILLA lilas lila lilac Arianna SD Krizia D gerbere COLORE LILLA LILAS LILA LILAC Caterine ARIANNA beverly BriE CATERINE KRIzIA MOMò SOLIdEA violante S Beverly Evita gerbere COLORE VIOLA VIOLEt VIOLEtA VIOLEt S ALISON EvITA GodivA

14 gerbere VIOLA VIOLET VIOLETA VIOLET 15 BRie SD godiva SD Alison

15 16 gerbere BICOLORE BICOLOR BICOLOR TWO TONE Fever Febe SD Mandie Black Jack Big Ben Patricia S

16 gerbere BICOLORE BICOLOR BICOLOR TWO TONE 17 logan SD ella S AMeRicA SD

17 18 gerbere BICOLORE BICOLOR BICOLOR TWO TONE Maxima Mission SD Mon Amour gerbere BICOLORE BICOLOR BICOLOR two tone AmEricA big ben black jack delya EllA FEbE FEvER logan MAxIMA MANdIE MISSION MON AMOUR patricia THEA Thea S Delya D

18 gerbere MINI 19 Dragon Ball SD Dog SD WonKA SD Big Jim SD Rocker Duck S Conan S Denver S Pongo S ReMì SD Dipsy SD Wendy SD Angie S

19 20 gerbere MINI Mei SD Nanà SD Pimpi S Peggy SD Gastone S Pollon SD Linus S Bambi SD Cleopatra S Flò SD Cinderella SD Mulan SD AlBAni e RUggieRi young plants, BReeding & production Satomi SD

20 gerbere MINI 21 Trilli SD Baloo SD ponyo S Nemo SD Georgie SD pixie SD Derk S Rimmel D eta BetA S Zorro SD Nausica S Memole S Mila S AlBAni e RUggieRi young plants, BReeding & production

21 22 caratteristiche tecniche & consigli colturali Rosso dog dragon BALL ROCkER duck WonKA ARAncio BIG jim CONAN denver dipsy pongo wendy giallo ANGIE GAStONE MEI NANà peggy pimpi ReMì salmone pollon crema LINuS BiAnco BALOO NEMO ponyo trilly RosA BAMBI CINdERELLA CLEOpAtRA flò MuLAN lilla derk SAtOMI zorro BicoloRe eta BetA GEORGIE MEMOLE MILA NAuSICA pixie RIMMEL tabella 1 - malattie e trattamenti malattia marciume basale tracheomicosi rhizoctonia botrytis sclerotinia oidio minatrice TRAPPoLE CRoMATRoToPICHE DI CoLoRE GIALLo aleurodidi TRAPPoLE CRoMATRoToPICHE DI CoLoRE GIALLo tripidi TRAPPoLE CRoMATRoToPICHE DI CoLoRE BLu ragno rosso noctue nematodi no3-10,5 mmol/l nh4+ 1,5 mmol/l H2Po4-1,5 mmol/l K+ 5,5 mmol/l ca mmol/l mg mmol/l so4 2-1,5 mmol/l fe 40 umol/l PrinciPio attivo e agenti naturali di difesa M-METALAXYL - FoSETHYL ALLuMINIuM - PRoPAMoCARB DIMEToMoRF - IPRoVALICARB - ETRIDIAZoLE PRoCHLoRAZ stimolante alghe calcio chelato o complessato amminoacidi acidi umici ToLCLoFLoS METHYL - IPRoDIoNE IPRoDIoNE - CYPRoDINIL+FLuDIoXoNIL - TRICHoDERMA HARZIANuM CHLoRoTALoNIL - CoNIoTHYRIuM MINITANS ZoLFo (BAGNABILE E SuBLIMATo) - KRESoXIM-METHYL - TETRACoNA-ZoLo PENCoNAZoLE - CYPRoCoNAZoLE - BuPIRIMATE - BITERTA - AMPELoMYCES QuISQuALIS CYRoMAZINE - AZADIRACHTIN ABAMECTIN DIGLYPHuS ISAEA - SPINoSAD IMIDACLoPRID - THIAMEToXAN - THIACLHoPRID - ACETAMIPRID - olio BIANCo ESTIVo - oli VEGETALI - FLoNICAMID - AZADIRACHTIN - PIRETRo NATuRALE - BEAuVERIA BASSIANA - MACRoLoPHuS CALIGINoSuS ENCARSIA FoRMoSA - VER- TICILLIuM LECANII - oli VEGETALI - SAPoNI DI PoTASSIo - ESTRATTI DI ALLIuM SATIVuM ACRINATHRIN - METIoCARB - LAMBDA CYHALoTHRIN - AZADIRACTIN LuFENuRoN - orius LAEVIGATuS - BAuVERIA BASSIANA - ABAMECTIN - SPINoSAD FENAZAQuIN - TEBuFENPYRAD - HEXYTHIAZoX - oli PARAFFINICI ESTIVI - oli VEGETALI - AZADIRACTHIN ETHoXAZoLE - BIFENAZATE - ESTRATTI DI ALLIuM SATIVuM - PHYToSEILuS PERSIMILIS INDoXACARB - DELTAMETRINA - LuFENuRoN - LAMPADE ATTRATTIVE PER CATTuRA - SPINoSAD FENAMIPHoS - ARTHRoBoTRYS SuPERBA - HIRSuTELLA RHoSSILIENSIS - AZADIRACHTIN - PAECILoMYCES LILACINuS tabella 2 - Parametri orientativi concimazione Per fuori-suolo Il PH della soluzione nutritiva va regolato con acido nitrico fino ad un valore di 5,5. I valori al gocciolatore e al drenaggio vanno monitorati regolarmente. tabella 3 - consigli sull'utilizzo di stimolanti specie trichoderma spp. glicocladium virens streptomyces griseoviridis beauveria brognatii e bassiana Pseudomonas Putida bacillus subtilis Mn 6 umol/l B 30 umol/l Zn 4 umol/l Cu 0,75 umol/l Mo 0,5 umol/l azione Maggiore assorbimento dei nutritivi e leggera stimolazione sulla fase produttiva Maggiore assorbimento e mobilizzazione di calcio nei periodi più critici Stimolo dell'accrescimento vegetativo nelle fasi iniziali Stimolo alla radicazione e incremento della fotosintesi netta tabella 4 - funghi e batteri antagonisti (alcuni) funzione Agenti patogeni di funghi vari Produce gliotossina tossica per molti funghi Batterio che reprime la crescita di funghi patogeni Funghi entomopatogeni Batterio rizosferico che stimola la crescita radicale Patogeno di funghi vari I prodotti sono riportati a puro titolo di suggerimento, qualsiasi uso di presidi fitosanitari non prescinde dalle indicazioni riportate in etichetta dallo stesso né dalle modalità di esecuzione del trattamento. Non escludere nessun mezzo preventivo di lotta è sicuramente la migliore delle terapie.

22 caratteristiche tecniche & consigli colturali 23 operazioni Pre-imPianto Prima della messa a dimora delle giovani piantine è bene sempre effettuare una analisi delle acque irrigue e del terreno per poter effettuare una idonea concimazione di fondo che tenga conto delle reali necessità della nuova coltivazione. La gerbera preferisce terreni sciolti che garantiscano un buon drenaggio delle acque di irrigazione: nel caso in cui si opera con suoli pesanti è buona norma alzare le prodi anche di cm. Il PH del terreno deve essere compreso tra 6.0 e 6.5 intervenendo con opportuni correttivi; valori alti vanno corretti con correttivi di fondo a base di zolfo ventilato o di zolfi in matrice organica. Anche le torbe acide sono degli ottimi ammendanti e correttivi: il loro uso è da preferire in terreni con scarsa ritenzione idrica, privi di struttura, bassa capacità di scambio cationico ed elevato indice di salinità. L indice di salinità si può correggere efficacemente procedendo ad una opportuna lisciviazione con acque idonee a tale uso (che presentino una conducibilità inferiore a 0.5 ms/cm); ovviamente l uso continuato di tale acqua e l adozione di un corretto piano di fertirrigazione permetterà di tenere sottocontrollo il livello salino del terreno. Il terreno di coltura deve essere efficacemente sterilizzato con vapore o cloropicrina + DD; nel caso si ricorra alla cloropicrina è bene effettuare un lavaggio del terreno prima della messa a dimora (non prima di 20 giorni dall avvenuta sterilizzazione). L alternativa è la coltura in fuori-suolo quando non si vuol ricorrere a nessuno dei mezzi detti prima. Prima dell impianto è consigliabile procedere all inoculo di funghi antagonisti per evitare problemi legati al vuoto biologico creatosi in post- sterilizzazione. I funghi più interessanti per tale uso si possono trovare in tabella 4. L inoculo di tali organismi sicuramente è interessante anche nelle colture fuori suolo laddove l uso di substrati organici non viene attuato. Prima della messa a dimora assicurarsi di avere l ombra necessaria! All arrivo delle giovani piante è bene procedere subito con la messa a dimora; in caso di attesa riporre i cartoni in locali non direttamente soleggiati disponendo gli stessi uno accanto all altro possibilmente aperti nel lato superiore in modo da garantire una buona areazione. In ogni caso evitare che le radici delle giovani piante vengano a contatto con terreni non sterilizzati. Piantagione Nella coltivazione su suolo evitare di piantare troppo in profondità, avendo cura di lasciare il vasetto di torba fuori del terreno per cm. Nella maggioranza dei casi si pianta su file binate distanti cm, su tavole rialzate larghe 40 cm; la distanza tra le piante sulla stessa fila è di cm (in questo modo si realizzano densità di circa 6 piante per metro quadro lordo). Nei primi giorni dopo il trapianto è necessario tenere alta l umidità relativa (u.r.) della serra utilizzando, se presente, il Fog-system in modo da avere valori di u.r. non inferiori al 60%; in assenza di tale sistema ricorrere a frequenti bagnature sovrachioma concentrando gli interventi (di breve durata) nelle ore mattutine. La corretta gestione delle aperture della serra permette di avere livelli di umidità relativa ottimali: parziale chiusura dei colmi e chiusura delle aperture laterali sono da applicare per avere buoni livelli di umidità. Tutte queste condizioni favoriscono attacchi di Rizoctonia ed è quindi necessario fare un trattamento dopo 2 3 giorni dalla piantagione usando un prodotto riportato in tabella 1 accoppiando favorevolmente uno stimolante della radicazione (vedi tabella 3). Fino a tutto il mese di luglio l ombreggiamento deve assicurare non più di lux evitando di superare i lux nelle prime 2 3 settimane dopo la piantagione (abbinato ad un deficit di umidità di 4 g/mc). Nelle zone molto calde il miglior ombreggiamento si ottiene usando schermature esterne alla serra. Il periodo di piantagione ideale dipende molto dalla zona di coltivazione, dal flusso produttivo che si vuole ottenere e dalle attrezzature che si hanno in dotazione: nella generalità dei casi in Italia è bene non piantare prima della prima settimana di marzo e dopo la seconda settimana di luglio. In caso di piantagioni precoci bisogna comunque garantire alla coltura la giusta temperatura per far crescere regolarmente le piantine (15 C). Controllare l uniformità di bagnatura delle piantine evitando ristagni e zone meno umide. Nelle prime settimane alla piantina deve essere garantita la massima regolarità di crescita limitando gli stress ambientali di qualsiasi natura. In caso di terreni che offrono condizioni di partenza poco soddisfacenti (PH e salinità elevati)oltre ad un ragionevole anticipo dell impianto si può usare la leonardite americana localizzandola nelle vicinanze delle piantine: questo permetterà alle stesse di radicare più velocemente. In talune circostanze è consigliabile bagnare abbondantemente il passaggio tra le prodi per avere un ambiente più ricco di umidità. fertirrigazione I parametri che influenzano la nutrizione delle piante sono molteplici e spesso correlati tra loro: l ottimizzazione dei fattori nutritivi non può prescindere da tutti quelli che sono i parametri genetici delle varietà oggetto di coltura e ambientali (qualità dell acqua, contenuto nutritivo del terreno, altezza della serra, periodo e zona di coltivazione, tipo di riscaldamento effettuato, materiale di copertura della serra e quanto altro influenza la vita stessa delle piante). Nelle colture su suolo non intervenire con fertirrigazione se non dopo due settimane dall avvenuto attecchimento e con concimi (almeno inizialmente) che non contengono ammonio. Per questi motivi nella prima settimana dopo la piantagione si possono usare concimi organici che tendono a ridurre la crisi post-trapianto (amminoacidi e arginati di calcio fogliari) facendo attenzione ad usare dosi molto basse. Successivamente, tenuto conto dei parametri riportati in precedenza, si può partire con la fertirrigazione usando un titolo 1:1:1 (N totale = 180mg/l) in un volume di 8 10 litri per mq. Modificare il rapporto successivamente in 1:0,7:2 (N= 140mg/l); nei periodi di bassa luminosità modificare il rapporto a 1:0,7:2,5 per poi recuperare in azoto nel periodo primaverile. Anche una eccezionale fertirrigazione non può eliminare difetti di riscaldamento nel periodo invernale né eliminare i danni da alte temperature nel periodo estivo! L uso dei concimi fogliari non può sostituire una corretta fertirrigazione, può solo correggerne i difetti. Nel periodo estivo tenere sotto controllo il livello di salinità nel terreno intervenendo secondo necessità. un parametro molto importante è il PH del terreno: l acidificazione della sola acqua irrigua può non essere sufficiente! Nella gestione di un impianto bisogna tener conto di tutti i parametri che possano essere da ostacolo alla coltura o peggio favorire l insorgenza di patologie: eccessi d acqua, eccessi di concimi, cattiva areazione sono delle condizioni che predispongono fortemente all attacco di parassiti fungini che spesso risultano essere convenientemente tenuti sotto controllo usando molta prevenzione. Per le coltivazioni fuori suolo i valori guida da tenere presenti nelle fasi iniziali sono riportati nella tabella 2. temperatura Durante il periodo invernale i valori ideali di temperatura sono di C basali e di C all altezza del capolino. Gli eccessi di temperatura sono da evitare quando le condizioni di luminosità sono deficitarie in quanto verrebbero peggiorate le caratteristiche qualitative del fiore(aumento di fiori ciechi e di steli leggeri). E consigliabile avere materiali di copertura che garantiscano la massima trasparenza durante il periodo invernale. Di contro basse temperature possono compromettere la vitalità dell apparato radicale e bloccare l assorbimento delle sostanze nutritive; lo stelo diverrà sensibilmente più corto, il capolino presenterà un disco più sviluppato mentre i colori della corolla risulteranno sbiaditi; le foglie più esterne acquisteranno una colorazione rossastra caratteristica. Durante la notte l uso di appropriati schermi interni permette di ridurre significativamente la cubatura unitaria delle serre e quindi il costo unitario del riscaldamento. L uso di un doppio impianto di riscaldamento (acqua calda basale ed aria calda aereo) permette una corretta distribuzione ed uniformità del calore in tutta la serra. difesa Nella tabella 2 sono riportate in modo sintetico le maggiori patologie delle gerbere con riferimento ai principali prodotti chimici e biologici di lotta. In generale non bisogna mai trascurare i mezzi preventivi di difesa né sottovalutare in alcun modo i mezzi agronomici e biologici. Nella lotta agli insetti evitare l adozione di calendari rigidi che non tengono in conto lo sviluppo di resistenze ai prodotti usati (in special modo per gli aleurodidi). Non trascurare le modalità di distribuzione dei prodotti né la qualità dell acqua usata per i trattamenti. conservazione del fiore reciso La durata del fiore reciso dipende oltre che dalle caratteristiche genetiche della varietà anche da altri fattori quali la fertirrigazione, la quantità di luce e la temperatura di crescita del fiore; altri fattori possono essere la turgidità dei tessuti al momento della raccolta ( dipende dall umidità relativa al momento della raccolta), dal tempo che intercorre dalla raccolta al momento in cui viene posto in acqua e non ultimo la qualità dell acqua usata per far bere il fiore (dev essere pulita ed avere conducibilità bassa) e dalla temperatura alla quale viene posto il fiore per farlo idratare. Le soluzioni commerciali non prescindono in alcun modo dalle cose dette prima, esse servono a rendere solo più efficiente il passaggio di acqua nello stelo mantenendo la soluzione a PH controllato e in condizioni igieniche migliori. Comunque i prodotti esistenti in commercio aiutano decisamente questa fase ma va scelto oculatamente il prodotto ideale per l obiettivo da raggiungere.

ALBANI E RUGGIERI YOUNG PLANTS, BREEDING & PRODUCTION. collezione 2007. Gerbere

ALBANI E RUGGIERI YOUNG PLANTS, BREEDING & PRODUCTION. collezione 2007. Gerbere ALBANI E RUGGIERI collezione 2007 Gerbere ALBANI E RUGGIERI Caro Cliente, anche quest anno siamo lieti di presentare la nostra nuova collezione di GERBERE da fiore reciso. Abbiamo introdotto nuovi colori

Dettagli

Workshop Sinergie e innovazioni nell ortofloricoltura SINEFLOR. Dott. ssa Eleonora D Anna

Workshop Sinergie e innovazioni nell ortofloricoltura SINEFLOR. Dott. ssa Eleonora D Anna Workshop Sinergie e innovazioni nell ortofloricoltura SINEFLOR Dott. ssa Eleonora D Anna Il fuori suolo consente il superamento di fenomeni negativi quali la "stanchezza del terreno" e gli attacchi di

Dettagli

MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO

MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO SOLUZIONI PROFESSIONALI PER LA GESTIONE DEL PRATO MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO Marciume Rosa Invernale (Microdochium nivale) Malattia tipica della stagione invernale SINTOMI Si manifesta al principio con

Dettagli

News Letter Selecta Italia

News Letter Selecta Italia Luglio 2005 News Letter Selecta Italia SOMMARIO: Riunione Agenti Primaverili 2005/06. pag. 1 Esposizione Commerciale Selecta Italia 2005/06 pag. 1 Papagena TM : novità Selecta Italia 2005/06 pag. 2 Los

Dettagli

Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto

Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto Floating system per la produzione di mazzetti e il tappettino subirrigante per le piantine. Due innovazioni adottate dall azienda Ricci

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

Micorriza, un valore aggiunto per la produzione di piantine da seme di carciofo

Micorriza, un valore aggiunto per la produzione di piantine da seme di carciofo Micorriza, un valore aggiunto per la produzione di piantine da seme di carciofo Angela Campanelli, Claudia Ruta, Anna Tagarelli, Irene Morone- Fortunato Università degli Studi di Bari Facoltà di Agraria

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI:

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI: CALCIOCIANAMIDE NITRATA GRANULARE È un prodotto microgranulare azotato ideale per ogni coltura orticola, frutticola e floricola; particolarmente indicata per terreni a ph acido svolge un azione fertilizzante

Dettagli

BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis

BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde BIOLOGIA del SUOLO Reazioni nel suolo Riguardano: Chimiche, poche Biologiche, la maggior parte

Dettagli

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 TECNOZOO, AL FIANCO DEGLI ALLEVATORI DAL SEME AL PRODOTTO FINITO! SOMMARIO SORGO IBRIDO DA SFALCIO KARIM Pag 4 SORGO GENTILE

Dettagli

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio Via Volpare 104/B - 37069 Villafranca di Verona (VR) IT tel. / fax (+39) 045 6300192 - cell. (+39) 348 0069434 website: www.riccadona.it e-mail: info@riccadona.it

Dettagli

Concime per piante pluripremiato!

Concime per piante pluripremiato! Concime per piante pluripremiato! Powder Feeding Siamo alla ricerca del perfetto concime per piante da quando abbiamo iniziato a coltivare piante e produrre incroci. I risultati ottenuti con i prodotti

Dettagli

Relatore: Caven Elger

Relatore: Caven Elger Relatore: Caven Elger 1. Parametri basali: temperatura, luce, concime ed acqua 2. Cura dopo la fioritura 3. Fioritura ripetuta 4. Danni da parassiti 5. Danni non da parassiti 6. Caduta dei boccioli 7.

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

POMODORO cuore di bue

POMODORO cuore di bue POMODORO cuore di bue Indicazioni variet ali SCOPO DELLA PROVA Approfondire, mediante una verifica in diverse località, la valutazione dell attitudine commerciale di 8 di pomodoro da mensa a cuore di bue,

Dettagli

Sperimentazione a supporto del Servizio di Assistenza Tecnica: Filiera Orticola

Sperimentazione a supporto del Servizio di Assistenza Tecnica: Filiera Orticola Sperimentazione a supporto del Servizio di Assistenza Tecnica: Filiera Orticola OBIETTIVI Il presente progetto sperimentale prevedeva l esecuzione di diverse prove di campo, condotte nel 2006, riguardanti

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Michele Ghezzi micheleghezzi@hotmail.it, cell. 348.77.39.048

Michele Ghezzi micheleghezzi@hotmail.it, cell. 348.77.39.048 Agricoltura Biologica in Montagna e Prodotti a base di microorganismi induttori di resistenza. Certificazione Biologica. Una grande opportunità per i giovani e per la montagna? Michele Ghezzi micheleghezzi@hotmail.it,

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

GREEN-FERT e SOL-NUTRI: due software per la gestione della fertirrigazione in serra

GREEN-FERT e SOL-NUTRI: due software per la gestione della fertirrigazione in serra Workshop LA GESTIONE DELLA NUTRIZIONE MINERALE NELLE COLTURE DI SERRA-Progetto AZORT Comiso - 20 SETTEMBRE 2013 GREEN-FERT e SOL-NUTRI: due software per la gestione della fertirrigazione in serra Luca

Dettagli

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua ACIDO CARBOSSILICO CARBOSOIL PROMOTORE DELLA RADICAZIONE E DELLO SVILUPPO DELLE PIANTE A BASE DI ACIDI CARBOSSILICI STIMOLA LA DIVISIONE CELLULARE PRODUCE LA FORMAZIONE DI GERMOGLI RALLENTA L INVECCHIAMENTO

Dettagli

Un integrata e sinergica offerta di prodotti per la manutenzione dei sistemi di irrigazione/fertirrigazione

Un integrata e sinergica offerta di prodotti per la manutenzione dei sistemi di irrigazione/fertirrigazione Un integrata e sinergica offerta di prodotti per la manutenzione dei sistemi di irrigazione/fertirrigazione Noi riteniamo che sia necessario offrire una specifica offerta di prodotti speclialistici per

Dettagli

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione Introduzione Megna A. Spada V. Manzini V. A.D.M. srl Agricultural Data Management Via Cairoli, 71 97100 RAGUSA (RG) Italy info@agronix.com adm@adm.it

Dettagli

CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI. Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto

CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI. Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto con diverse sfumature, per incominciare definiamo che cosa si

Dettagli

Disciplina ambientale - Anno 2012

Disciplina ambientale - Anno 2012 OCM (Reg. CE n. 1234/07 - Reg. CE n. 1580/07) Disciplina ambientale - Anno 2012 Villanova di Castenaso 22 marzo 2012 Attenzione: per l anno 2012 viene applicata la Disciplina Ambientale vigente nell anno

Dettagli

Cereali: tecnica colturale del frumento

Cereali: tecnica colturale del frumento Cereali: tecnica colturale del frumento Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tecnica d impianto Scelta varietale 1. Qualità e destinazione del prodotto

Dettagli

Mais: impianto e tecnica colturale

Mais: impianto e tecnica colturale Mais: impianto e tecnica colturale Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tipologie di ibridi 1 2 Impianto 3 3 Fertilizzazione 4 4 Cure colturali 4 5 Raccolta

Dettagli

Department of Vegetables Production, Extension Service, Ministry of Agriculture and Rural Development, POBox 25, Bet Dagan 50250, Israel.

Department of Vegetables Production, Extension Service, Ministry of Agriculture and Rural Development, POBox 25, Bet Dagan 50250, Israel. Department of Vegetables Production, Extension Service, Ministry of Agriculture and Rural Development, POBox 25, Bet Dagan 50250, Israel. Premesse MB è un fumigante del suolo altamente efficace. MB controlla

Dettagli

Le micottossine del mais

Le micottossine del mais Le micottossine del mais Prevenzione, controllo in campo e in azienda 1 definizione Definizione Metaboliti secondari prodotti da funghi parassiti delle piante e agenti di ammuffimenti delle derrate alimentari

Dettagli

ABC. L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta

ABC. L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta ABC L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta Consigli per la cura degli alberi Non è necessario essere professionisti per curare e potare alberi da frutto ed ornamentali. Di seguito

Dettagli

5% PER L'ACQUISTO DI ALMENO 50 PEZZI PER MISURA

5% PER L'ACQUISTO DI ALMENO 50 PEZZI PER MISURA Az. Agr. Novaflora di Oliosi M. e Gandioli M. s.s. via passo del Brennero 8 25136 Brescia tel 0302092029 e-mail oliomar@tiscali.it LISTINO VASI E MATERIALI per la coltivazione di piante carnivore e piante

Dettagli

La chiave per buone produzioni di mais è stabilire un buon letto di semina produttivo e una buona uniformità di semina

La chiave per buone produzioni di mais è stabilire un buon letto di semina produttivo e una buona uniformità di semina La chiave per buone produzioni di mais è stabilire un buon letto di semina produttivo e una buona uniformità di semina C. Richard Edwards Professore Emerito Purdue University West Lafayette, Indiana USA

Dettagli

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae 1 LA MOSCA DELLE OLIVE Principale parassita dell olivo Numerodigenerazionida2-3finoa4-7/anno Latitudine Altitudine Andamento climatico Permanenza di olive sulle piante

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

ZUCCHINO IN COLTURA PROTETTA. indicazioni e confronto varietale 2014. Scopo della prova. Materiali e metodi

ZUCCHINO IN COLTURA PROTETTA. indicazioni e confronto varietale 2014. Scopo della prova. Materiali e metodi ZUCCHINO IN COLTURA PROTETTA indicazioni e confronto varietale 2014 Scopo della prova L esperienza è stata condotta al fine di approfondire le conoscenze sui principali parametri quanti-qualitativi di

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

LE VARIETA VANNO PRENOT ATE AL PROPRIO FORNITORE

LE VARIETA VANNO PRENOT ATE AL PROPRIO FORNITORE Ernst Benary Samenzucht GmbH Postfach 11 27-34331 Hann. Münden - Germania Tel: +49 5541 70090, Fax: +49 5541 700920 info@benary.de - www.benary.de - www.benary.com L azienda Fondata a Erfurt nel 1843,

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione TECNICA L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione Solo conoscendo le frazioni e le trasformazioni dell azoto organico nel terreno è possibile risparmiare, rispettare l ambiente e nutrire al

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

1. PARTICOLARITA DEL TESSUTO POLYSCREEN RISPETTO AD ALTRI ARTICOLI. GENERALITA.

1. PARTICOLARITA DEL TESSUTO POLYSCREEN RISPETTO AD ALTRI ARTICOLI. GENERALITA. Tutto sul POLYSCREEN 1 INTRODUZIONE: PERCHE IL POLYSCREEN AD ALTA TENACITA? VERTISOL ha scommesso sulla scelta del poliestere ad alta tenacità in seguito alle alte prestazioni ottenute con questo tipo

Dettagli

Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria. Pietro Piccarolo. Realizzazione e gestione del verde pubblico

Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria. Pietro Piccarolo. Realizzazione e gestione del verde pubblico Realizzazione e gestione Quando si progetta e realizza un area verde, non si può prescindere da quella che sarà la sua gestione. Una manutenzione inadeguata infatti, porta inevitabilmente al degrado dell

Dettagli

Per il Florovivaismo di qualità

Per il Florovivaismo di qualità Per il Florovivaismo di qualità a base di fibre di cocco La fibra di cocco è un materiale ricavato dal mesocarpo della noce di cocco che negli ultimi anni ha conquistato una valenza di primo ordine tanto

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Soluzioni di innesto ed effetti sulla qualità del melone

Soluzioni di innesto ed effetti sulla qualità del melone Soluzioni di innesto ed effetti sulla qualità del melone Giuseppe Colla Email: giucolla@unitus.it Qualità e sostenibilità nella produzione e offerta del melone 31 luglio 2012 - Villaggio Capalbio, Capalbio

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO.

DISCIPLINARE TECNICO. ERSA DISCIPLINARE TECNICO PRODOTTO ASPARAGO BIANCO Pagina 1 di 12 DISCIPLINARE TECNICO. AI SENSI DELLA L.R. 13 AGOSTO 2002, n. 21 E DEL REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO APPROVATO CON DECRETO DEL

Dettagli

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura AGRICOLTURA E AMBIENTE BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI il PROGettO BOSCO rende disponibile un ampia e diversificata

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA. DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde L acqua Fondamentale

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

RISOLUZIONE VITI-OENO 1/2005

RISOLUZIONE VITI-OENO 1/2005 CODICE DI BUONE PRATICHE VITIVINICOLE PER LIMITARE AL MASSIMO LA PRESENZA DI OCRATOSSINA A NEI PRODOTTI DERIVATI DALLA VITE Considerando la Risoluzione CST 1/2002 che fissa il tasso limite di ocratossina

Dettagli

LA COLTIVAZIONE DEGLI ORTI COL METODO FUORI SUOLO ( O IDROPONICO ) PIOSSASCO 20 APRILE 2013

LA COLTIVAZIONE DEGLI ORTI COL METODO FUORI SUOLO ( O IDROPONICO ) PIOSSASCO 20 APRILE 2013 LA COLTIVAZIONE DEGLI ORTI COL METODO FUORI SUOLO ( O IDROPONICO ) PIOSSASCO 20 APRILE 2013 COLTIVAZIONE IN SUOLO DIFETTI acqua evapora acqua e concime terra acqua utilizzata micro organismi sali nutrienti

Dettagli

Tinozza vasca da bagno in legno massello Istruzioni di montaggio 1/9

Tinozza vasca da bagno in legno massello Istruzioni di montaggio 1/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 1/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 2/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 3/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 4/9 Tinozza vasca da bagno

Dettagli

8. L acqua irrigua: campionamento, analisi chimico-fisiche e interpretazione dei risultati

8. L acqua irrigua: campionamento, analisi chimico-fisiche e interpretazione dei risultati 8. L acqua irrigua: campionamento, analisi chimico-fisiche e interpretazione dei risultati Stefano Landi, Paolo Baroncelli Introduzione L analisi dell acqua irrigua 1 è un presupposto fondamentale per

Dettagli

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Giuseppe Fano Corporate Director, External Relations M&G : Alcuni numeri Azienda chimica multinazionale di proprietà della famiglia

Dettagli

Vedi foto 4. See photo 4. Voir photo 4. Ver foto 4

Vedi foto 4. See photo 4. Voir photo 4. Ver foto 4 MARCA MAKE FAIRE - HACER MODELLO MODEL MODÈLE - MODELO REV. 00 TOYOTA RAV 4 2013 Funzione - Function Fonction - Función SCHEDA TECNICA DI INSTALLAZIONE PER SISTEMI DI ALLARME CAN CAN ALARM SYSTEM FITTING

Dettagli

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Pinna Massimo ( ) -Gamba Ursula ( ) -Spagnolo Sandra ( ) ( ) CRAB-Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica della Provincia

Dettagli

LA DISINFEZIONE CON IL CALORE: «Una tecnica che premia Produttori e Consumatori. Marco Mingozzi Giovanni Zambardi

LA DISINFEZIONE CON IL CALORE: «Una tecnica che premia Produttori e Consumatori. Marco Mingozzi Giovanni Zambardi LA DISINFEZIONE CON IL CALORE: «Una tecnica che premia Produttori e Consumatori Marco Mingozzi Giovanni Zambardi Le Officine Mingozzi si occupano della costruzione, sperimentazione ed espansione dei campi

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

La coltivazione del pomodoro da

La coltivazione del pomodoro da UNA FORMA CHE TA RICUOTENDO UN BUON UCCEO COMMERCIALE celta delle varietà di pomodoro Cuor di Bue Alcune prove in Piemonte hanno messo a confronto qualità e produzioni dei nuovi ibridi della tipologia

Dettagli

Applicazioni di Ampelomyces quisqualis nel controllo dell oidio della vite

Applicazioni di Ampelomyces quisqualis nel controllo dell oidio della vite Applicazioni di Ampelomyces quisqualis nel controllo dell oidio della vite S.E. Legler, T. Caffi, and V. Rossi Istituto di Entomologia e Patologia Vegetale Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza

Dettagli

Insetticidi. Rodenticidi PMC Concimi Erbicidi Fungicidi Insetticidi PAB PPO

Insetticidi. Rodenticidi PMC Concimi Erbicidi Fungicidi Insetticidi PAB PPO Rodenticidi PMC Concimi Erbicidi Fungicidi PAB PPO Calypso Protector SE Confidor 200 SL Decis Energy Confidor Oil Decis Jet Oliocin Reldan 22 Lumachicida Mesurol M Plus Insetticida acaricida Spaikil Team

Dettagli

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani Comune di Giuliano Teatino Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani 100% compostaggio domestico ANALISI DELLE CRITICITÀ E PROPOSTE RISOLUTIVE PER LE UTENZE

Dettagli

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Ricerca applicata Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo 2010 ISTA - VENETO SEMENTI: LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Il 2009 è un anno importante per la storia di due

Dettagli

17 Tabella 1 Principali processi di degradazione del suolo e possibili conseguenze estreme. N. Processo* Danno grave o catastrofico

17 Tabella 1 Principali processi di degradazione del suolo e possibili conseguenze estreme. N. Processo* Danno grave o catastrofico 17 Tabella 1 Principali processi di degradazione del suolo e possibili conseguenze estreme N. Processo* Danno grave o catastrofico 1 Erosione 2 Alterazione da scorrimento superficiale delle acque Frane,

Dettagli

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA IL BIOGAS IN AGRICOLTURA CIB - Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione G. Bezzi IL BIOGAS Biogas: prezioso combustibile gassoso naturale che nasce dalla fermentazione di materia organica e vegetale,

Dettagli

Salinità delle acque. Ecw: conducibilità elettrica dell acqua. Unità di misura: 1 mmho/cm = 1 ds/m = 0,1s/m = 100 ms/m = 1ms/cm = 1000 μs/cm

Salinità delle acque. Ecw: conducibilità elettrica dell acqua. Unità di misura: 1 mmho/cm = 1 ds/m = 0,1s/m = 100 ms/m = 1ms/cm = 1000 μs/cm Salinità delle acque Ecw: conducibilità elettrica dell acqua Unità di misura: 1 mmho/cm = 1 ds/m = 0,1s/m = 100 ms/m = 1ms/cm = 1000 μs/cm Limiti di accettabilità per la salinità delle acque secondo la

Dettagli

Metodi di controllo di Cydalima perspectalis (Walker)

Metodi di controllo di Cydalima perspectalis (Walker) Metodi di controllo di Cydalima perspectalis (Walker) Dott. For. Daniele Benassai Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Firenze Giovedì 2 ottobre e Mercoledì 12 novembre 2014 Palazzo Vecchio

Dettagli

Agenti di malattia Lotta biologica contro le crittogame e i batteri Prof. Michele Iannizzotto

Agenti di malattia Lotta biologica contro le crittogame e i batteri Prof. Michele Iannizzotto Agenti di malattia Lotta biologica contro le crittogame e i batteri Prof. Michele Iannizzotto Agenti di malattia Lotta biologica contro le crittogame e i batteri Negli ultimi anni è stata messa in evidenza

Dettagli

Euphorbia x lomi e suoi ibridi in vaso Requisiti

Euphorbia x lomi e suoi ibridi in vaso Requisiti NORMA TECNICA ENR 10002 MAGGIO 2008 Euphorbia x lomi e suoi ibridi in vaso Requisiti R. Zizzo e A. Ferraro Ente Nazionale di Ricerca per la certificazione e la standardizzazione ENR - Riproduzione vietata.

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

ASPETTI TECNICI COLTURALI ED ECONOMICI DELL'IMPIANTO DI UNA TARTUFAIA DI TARTUFO NERO PREGIATO

ASPETTI TECNICI COLTURALI ED ECONOMICI DELL'IMPIANTO DI UNA TARTUFAIA DI TARTUFO NERO PREGIATO ASPETTI TECNICI COLTURALI ED ECONOMICI DELL'IMPIANTO DI UNA TARTUFAIA DI TARTUFO NERO PREGIATO Progetto di valorizzazione del Tartufo della Marca di Camerino Dott.For. Emiliano Pompei 31 marzo 2009 LA

Dettagli

LE VARIETA VANNO PRENOT ATE AL PROPRIO FORNITORE

LE VARIETA VANNO PRENOT ATE AL PROPRIO FORNITORE Florist Holland B.V. Sede di produzione: Dwarsweg 15-1424 PL De Kwakel - Olanda Indirizzo postale: P.O.box 3-1430 AA Aalsmeer - Olanda Tel. +31(0)297 328 229 - Fax +31(0)297343 061 florist@gerbera.com

Dettagli

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico Consigli per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais (Presentato da A.I.R.E.S Associazione Raccoglitori Essiccatori Stoccatori di cereali e semi oleosi) Le ricerche sperimentali condotte

Dettagli

Pasquale Delli Paoli Dati personali Formazione Principali esperienze di lavoro

Pasquale Delli Paoli Dati personali Formazione Principali esperienze di lavoro CURRICULUM VITAE Pasquale Delli Paoli Via Leonardo Da Vinci, 12 - Piombino (LI) Telefono 0565/37174 328/7244641 Posta elettronica: pasqualedellipaoli@libero.it Skype: pasq.dellipaoli Dati personali Stato

Dettagli

FERTIL - FERTORGANICO

FERTIL - FERTORGANICO FERTIL - FERTORGANICO 2 Fertil e Fertorganico Una buona strategia di concimazione azotata prevede l utilizzo efficiente dell azoto, riducendone le unità apportate per unità di prodotto utile asportato

Dettagli

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa?

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa? 1. Quando si devono potare le rose? a) I Rosai rampicanti e arbustivi: non si potano in quanto fioriscono sui rami (sarmenti) dell anno precedente; se potiamo, la produzione di fiori viene ridotta a circa

Dettagli

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE ISTITUTO DI ENTOMOLOGIA AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STU DI DI MILAN O I - 20133 MILANO Via G. Celoria, 2 Tel. 02/50316754 Fax 02/50316748 E-mail: luciano.suss@unimi.it http://users.unimi.it/~agra/entol.html

Dettagli

Come ottenere con facilità fragole tutto l anno

Come ottenere con facilità fragole tutto l anno La fragola: la forzatura Come ottenere con facilità fragole tutto l anno La semi-forzatura della fragola Come preparare le fragole Come usare in modo ottimale in tunnel Capitolo secondo Come coltivare

Dettagli

Massimo rendimento, massima produzione di resina, con il minimo sforzo. WWW.POWDERFEEDING.CH

Massimo rendimento, massima produzione di resina, con il minimo sforzo. WWW.POWDERFEEDING.CH Massimo rendimento, massima produzione di resina, con il minimo sforzo. WWW.POWDERFEEDING.CH Powder Feeding Siamo alla ricerca del perfetto concime per piante da quando abbiamo iniziato a coltivare e produrre

Dettagli

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella n. 14/2013 [ SPECIALE DIFESA MAIS ] Terra e Vita 45 Minimizzare la presenza di micotossine nella granella [ DI RICCARDO BUGIANI ] Le strategie agronomiche, il possibile contributo dei bio control agents

Dettagli

Avversità delle piante coltivate

Avversità delle piante coltivate Avversità delle piante coltivate Le colture agrarie, in tutte le fasi del loro ciclo, possono essere soggette ad avversità di vario genere e si calcola che, ogni anno, circa il 30% della produzione mondiale

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

DEFINIZIONE DEGLI SCENARI APPLICATIVI DELLA PIATTAFORMA OMNIAFARM

DEFINIZIONE DEGLI SCENARI APPLICATIVI DELLA PIATTAFORMA OMNIAFARM DEFINIZIONE DEGLI SCENARI APPLICATIVI DELLA PIATTAFORMA OMNIAFARM Omniafarm è un software per la gestione integrata dell azienda agricola, composto dai seguenti moduli, realizzati o che verranno sviluppati

Dettagli

SERRE FOTOVOLTAICHE 2014

SERRE FOTOVOLTAICHE 2014 SERRE FOTOVOLTAICHE 2014 BUSINESS LINES EUREKA E.S.CO. S.r.l. (EUREKA) è una Energy Service Company (ESCO), ingegneria e EPC società specializzata nei parchi fotovoltaici chiavi in mano altamente efficienti,

Dettagli

Capitolo 5 CHIMICA E FERTILIZZAZIONE DEL TAPPETO ERBOSO

Capitolo 5 CHIMICA E FERTILIZZAZIONE DEL TAPPETO ERBOSO Capitolo 5 CHIMICA E FERTILIZZAZIONE DEL TAPPETO ERBOSO Per una corretta gestione del tappeto erboso, tra le altre pratiche manutentive, la fertilizzazione riveste un ruolo di particolare importanza. La

Dettagli

Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana

Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana IL DNA L'acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) presente nelle cellule di

Dettagli

Prove di contenimento di Pseudomonas syringae pv. actinidiae. Prove su Zespri Gold nel Lazio Primo biennio di studio

Prove di contenimento di Pseudomonas syringae pv. actinidiae. Prove su Zespri Gold nel Lazio Primo biennio di studio Prove di contenimento di Pseudomonas syringae pv. actinidiae. Prove su Zespri Gold nel Lazio Primo biennio di studio Apofruit stabilimento di Aprilia Fabio Marocchi, Marco Mastroleo, Stefano Simeoni C.R.A.

Dettagli

Centri Florovivaistici di Formazione e Orientamento alle Imprese in Campania

Centri Florovivaistici di Formazione e Orientamento alle Imprese in Campania Unione Europea Regione Campania Assessorato all Agricoltura e alle Attività Produttive Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Centri Florovivaistici di Formazione e Orientamento alle Imprese in

Dettagli

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali FACOLTA DI AGRARIA Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Corso di Agronomia e Sistemi foraggeri Modulo di Sistemi foraggeri ESERCITAZIONE - QUESTIONARIO n. 2 Nome e cognome... n. di matricola.

Dettagli

Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia

Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia Piacenza, 1 dicembre 2009 Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia Luciano Trentini CSO - Centro Servizi Ortofrutticoli 1 1 LA PRODUZIONE DI ASPARAGO NEI PRINCIPALI

Dettagli

Il metodo biologico per la produzione di uva da tavola

Il metodo biologico per la produzione di uva da tavola Il metodo biologico per la produzione di uva da tavola Consiste nell impiego di bio fungicidi - insetticidi per la protezione della vite dai parassiti. Per le malattie più temibili sono impiegati lo zolfo

Dettagli