PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)"

Transcript

1 Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Bacino Idrografico Carboj (R19059) COORDINAMENTO GENERALE A CURA DI DOCUMENTO REDATTO DA DATA APPROVATO Unità Operativa di Palermo B.18 SOGESID S.p.A. DICEMBRE 2007

2 INDICE INDICE 1 Premessa...Pag. 1 2 Il quadro conoscitivo - corpi idrici significativi e di interesse....pag Identificazione del bacino...pag Caratterizzazione fisiografica e geologica...pag Caratterizzazione idrologica...pag Corpi idrici significativi ricadenti nel bacino...pag Fiume Carboj (R19059CA001)...Pag Lago artificiale Arancio (R19059LA001)...Pag Caratterizzazione climatica...pag Uso del territorio...pag Insediamenti urbani...pag Attività industriali...pag Attività agricole e zootecniche...pag Caratteristiche naturalistiche....pag Bilancio idrologico....pag Introduzione...Pag Deflussi naturali calcolati nelle sezioni significative e nella sezione di chiusura...pag Elaborazione dei dati pluviometrici e Valutazione degli afflussi ragguagliati...pag Individuazione della legge di correlazione tra afflussi e deflussi...pag Stima dell evapotraspirazione media...pag Risultati...Pag.18 3 Sistema della rete di monitoraggio quali quantitativo dei corpi idrici e relativa classificazione... Pag La classificazione e lo stato di qualità dei corpi idrici superficiali significativi presenti nel bacino...pag I corsi d acqua...pag Carboj (R19059CA001)...Pag I Laghi artificiali...pag Lago artificiale Arancio (R19059LA001)...Pag.25 4 Valutazione delle pressioni e degli impatti significativi esercitati dall attività antropica sullo stato delle acque superficiali e sotterranee...pag Valutazione dei carichi inquinanti di origine antropica e stima degli impatti esercitati sullo stato qualitativo dei corpi idrici e degli indicatori dello stato di qualità...pag.27 REGIONE SICILIANA - SOGESID S.P.A. dicembre 2007 I

3 INDICE Analisi dei risultati...pag Corsi d acqua...pag Laghi artificiali...pag Stesura del bilancio idrico a scala di bacino...pag Valutazione delle risorse idriche naturali...pag Valutazione delle risorse idriche potenziali...pag Valutazione delle risorse idriche utilizzabili...pag Stima dei fabbisogni idrici...pag Il sistema delle utilizzazioni civili e stima dei fabbisogni...pag Il sistema delle utilizzazioni irrigue e stima dei fabbisogni...pag Il sistema delle utilizzazioni industriali e stima dei fabbisogni...pag Il bilancio idrico a scala di bacino e l indice di sostenibilità delle risorse...pag.61 5 Obiettivi di qualità ambientale da raggiungere o mantenere per i corpi idrici significativi ricadenti nel bacino...pag Corsi d acqua...pag Laghi artificiali...pag.64 6 Programma degli interventi...pag.65 REGIONE SICILIANA - SOGESID S.P.A. dicembre 2007 II

4 PREMESSA 1 Premessa Il presente documento illustra i contenuti del Piano di Tutela delle Acque della Sicilia relativamente al bacino idrografico Carboj. In particolare: - il capitolo 2 fornisce un quadro conoscitivo del territorio delimitato dai bacini anzidetti. Con riferimento alla metodologia descritta nel documento Relazione Generale, cap. 5, viene qui fornita una caratterizzazione idrogeologica e climatica del territorio e vengono, altresì, fornite note indicative sull uso del territorio e sulle aree naturali protette in esso presenti. Viene, infine, riportato l esito del bilancio idrologico a scala di bacino da cui è stato possibile stimare l entità delle acque che si sono infiltrate nel terreno e che hanno generato ricarica delle falde e deflusso di base. - il capitolo 3 illustra l esito dell attività di monitoraggio condotta sui corpi idrici significativi presenti nel bacino e finalizzata alla classificazione degli stessi; - il capitolo 4 contiene gli esiti della valutazione dell impatto antropico, in forma concentrata e diffusa, sullo stato qualitativo delle acque superficiali e sotterranee presenti nel territorio delimitato dal bacino oggetto del presente documento. Lo studio è stato condotto in accordo alla metodologia descritta nella Relazione Generale al capitolo 7, par Lo stesso capitolo contiene, inoltre, il bilancio idrico a scala di bacino, così come previsto al par. 7.4 della stessa Relazione Generale, ovvero il confronto tra le risorse utilizzabili nel bacino e la somma dei fabbisogni dei settori civile, irriguo ed industriale, la cui stesura è finalizzata alla stima delle pressioni sullo stato quantitativo delle risorse presenti nel bacino. - nel capitolo 5, sulla base dello stato di qualità dei corpi idrici presenti nel bacino, così come riportato nel capitolo 3, vengono individuati, in accordo alla normativa vigente, gli obiettivi minimi di qualità ambientale da raggiungere e/o mantenere al 2008 e al 2015; - Infine, in accordo alla metodologia di analisi illustrata nel documento Programma degli Interventi, nel capitolo 6 viene fornito il quadro sintetico degli interventi previsti nei territori comunali ricadenti all interno del bacino oggetto di studio ritenuti utili al miglioramento dello stato quali-quantitativo dei corpi idrici presenti nel bacino. Gli interventi (singolarmente elencati nel documento Programma degli Interventi - allegato E.I ), sono stati in questo capitolo aggregati in 6 macro categorie per ciascuna della quali viene indicata la previsione di spesa e le risorse finanziarie disponibili. REGIONE SICILIANA - SOGESID S.P.A. dicembre 2007 Pagina 1

5 IL QUADRO CONOSCITIVO CORPI IDRICI SIGNIFICATIVI E DI INTERESSE 2 Il quadro conoscitivo - corpi idrici significativi e di interesse 2.1 Identificazione del Bacino Nome: CARBOJ Codice: Superficie: Km 2 208,31 Il bacino idrografico del fiume Carboj ricade nel versante meridionale della Sicilia, nel territorio delle province di Agrigento e Palermo, e confina ad est con il bacino del fiume Verdura e ad ovest con il bacino del fiume Belice. Il bacino "Carboj", con la sua superficie di circa 208 Km 2, è il 27 per dimensioni fra quelli contenenti corpi idrici significativi, qui costituiti dal fiume omonimo e dal lago artificiale Arancio. Il fiume Carboj si sviluppa per circa 30 Km e nel tratto di monte di esso, denominato torrente Rincione, è localizzato il lago anzidetto (tabella 2.1.1). Tale lago raccoglie i deflussi di circa 136 Km 2 di bacino diretto e di circa 73 Km 2 di bacini indiretti. La capacità utile di progetto del serbatoio è di 34,80 Mm 3. Nel bacino ricadono gli agglomerati indicati nella tabella Tabella Principali corpi idrici superficiali ricadenti nel bacino Codice Denominazione Dimensioni Natura Superficie bacino del singolo corso d'acqua o lago Identificazione corsi d'acqua superficiali R19059CA001 fiume Carboj 30,30 Km Corso completo; Ι Ordine 208,31 Km 2 Significativo per dimensioni laghi artificiali R19059LA001 Arancio 3,70 Km 2 Invaso Significativo per dimensioni Tabella Agglomerati ricadenti all'interno del bacino idrografico Numero progressivo Denominazione Codice 1 Sambuca di Sicilia 84034_01 2 Santa Margherita di Belice 84038_01 REGIONE SICILIANA - SOGESID S.P.A. dicembre 2007 Pagina 2

6 IL QUADRO CONOSCITIVO CORPI IDRICI SIGNIFICATIVI E DI INTERESSE Caratterizzazione fisiografica e geologica Il bacino idrografico del fiume Carboj ricade nel versante meridionale della Sicilia e si estende per circa 208 Km 2, dal centro abitato di S. Margherita Belice sino al Mar Mediterraneo in Contrada Maragani, al confine tra il territorio di Menfi e quello di Sciacca. Esso si inserisce tra il bacino del fiume Belice ad est ed il bacino del fiume Verdura ad ovest e ricade quasi completamente nel territorio della provincia di Agrigento, ad eccezione della parte settentrionale del bacino che ricade in territorio della provincia di Palermo. Nel bacino del fiume Carboi ricade il centro abitato di Sambuca di Sicilia e una parte del centro abitato di S. Margherita Belice. Il corpo idrico principale è il fiume Carboj, il cui bacino risulta significativo ai sensi del D.L.vo 152/06 per criteri dimensionali. Nel Bacino è presento il lago artificiale Arancio, anch esso considerato come corpo idrico significativo. Il bacino, nella parte meridionale e nord-orientale, è formato generalmente da terreni della serie rigida mesozoica costituiti prevalentemente da calcari. Nelle parti maggiormente esposte dei rilievi sono presenti terreni della serie argillosa pliocenica con lembi di calcareniti calabriane e quaternarie Caratterizzazione idrologica L'altitudine massima del bacino è di m.s.m. (Monte Genuardo in territorio di Sambuca di Sicilia), mentre quella media è di circa 379 m.s.m. Nel 1938, sul corso dei fiume Carboi, a circa 14 Km dalla foce, ha funzionato una stazione idrometrica sino al Tale stazione sottende circa 138 Km 2 di bacino avente un'altitudine media di 415 m.s.m. Nel periodo di disponibilità di dati ( ) è risultato un deflusso medio annuo di 24 mm (pari a 3.3 Mm 3 ) su un afflusso di 102 mm Corpi idrici significativi ricadenti nel bacino Fiume Carboj (R19059CA001) Il fiume Carboj si sviluppa per circa 30 Km e sfocia in C.da Maragni tra Sciacca e Menfi. Gli affluenti principali sono il T. Rincione, il Vallone Cava e il Vallone Carricagiachi. Nel tratto di monte denominato Torrente Rincione, è stato costruito nel periodo il lago Arancio. L'interrimento risulta molto limitato in quanto le sistemazioni montane del bacino del fiume Carboj sono state molteplici e ben realizzate. A valle della diga Arancio, per circa 3 km, è presente una stretta gola a pareti subverticali che è caratterizzata da larghezze alla base molto piccole. A valle della gola si apre la valle del Carboj caratterizzata dalla morfologia tipica della collina siciliana. Tale territorio è intensamente sfruttato dal punto di vista agricolo ospitando in prevalenza colture ortofrutticole ed agrumicole. Nella valle sono presenti poche abitazioni di carattere prevalentemente rurale. In corrispondenza del tratto vallivo, in sinistra idrografica e ad una distanza dal corso d acqua di circa 500 m è presente un villaggio turistico. REGIONE SICILIANA - SOGESID S.P.A. dicembre 2007 Pagina 3

7 IL QUADRO CONOSCITIVO CORPI IDRICI SIGNIFICATIVI E DI INTERESSE Si riscontra la presenza di 3 scarichi civili con un apporto complessivo di 0,72 Mm 3 /anno Lago artificiale Arancio (R19059LA001) Sul corso del fiume Carboj, nel tratto di monte denominato torrente Rincione, è stato costruito nel periodo la diga ad arco semplice del serbatoio Arancio. Il bacino diretto sotteso del serbatoio si estende per circa 136 Km 2 mentre la superficie di bacino allacciato è 73 Km². A valle della diga Arancio, per circa 3 km, è presente una stretta gola a pareti subverticali che è caratterizzata da larghezze alla base molto piccole. Altrove sono presenti prevalentemente i terreni della serie argillosa del pliocene. La conca del serbatoio è costituita in prevalenza da sedimenti marnosi ed argillosi che garantiscono il serbatoio nei confronti della tenuta. Lo sbarramento è fondato su calcari grossolani del miocene. Il serbatoio è utilizzato a scopo irriguo dai territori dei comuni di Sambuca di Sicilia, Santa Margherita Belice, Menfi, Sciacca, Castelvetrano e Partanna. Il lago occupa alla quota di massimo invaso (180,0 m s.l.m.) una superficie liquida di 3,7 Km² per un volume di 38,4 Mm 3, presenta una profondità massima (z max ) di 30,3 m ed una profondità media (z m ) di 10,4 m. Il lago Arancio è riconducibile da un punto di vista termico alla categoria dei laghi monomittici caldi, sebbene temporanei periodi di mescolamento non siano da escludere in relazione ad intensi fenomeni meteorologici estivi, data la scarsa profondità del lago. L'interrimento risulta molto limitato in quanto le sistemazioni montane del bacino del fiume Carboj sono state molteplici e ben realizzate Caratterizzazione climatica Procedendo da nord a Sud all interno del Bacino si riscontrano i rilievi dei Monti Sicani, lasciando i quali ci si addentra nei territori della collina dove i rilievi degradano verso la costa formando la valle del fiume Carboi. Dall analisi delle temperature medie annue è possibile distinguere chiaramente all interno del bacino la presenza di almeno due zone climatiche. La prima è l area montana con temperature medie annue intorno ai 15 C. La seconda è costituita dalle stazioni costiere nelle quali si registrano temperature medie annue di 18 C. queste due zone presentano valori differenti anche per quanto riguarda le minime assolute intorno ai 4-5 C nelle aree costiere per arrivare a -1,2 C nelle aree interne. Il mese più freddo è di norma febbraio lungo la costa, gennaio nei rilievi interni. Luglio è invece il mese più caldo con temperature medie di 31,5 C lungo la costa e che non superano i 28,5 C nelle zone interne. In tabella sono riportati i valori mensili di temperatura massima e minima, registrati nel ventennio , presso la stazione di Sciacca. REGIONE SICILIANA - SOGESID S.P.A. dicembre 2007 Pagina 4

8 IL QUADRO CONOSCITIVO CORPI IDRICI SIGNIFICATIVI E DI INTERESSE Tabella Valori mensili di Temperatura massima (Tmax) e minima (Tmin)nella stazione di Sciacca Anno Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Media Tmax Tmin Tmax Tmin Tmax Tmin Tmax Tmin Tmax Tmin Tmax Tmin Tmax Tmin Tmax Tmin Tmax Tmin Tmax Tmin Tmax Tmin Tmax Tmin ,9 7,9 16,1 8,1 16,0 8,9 16,7 9,6 20,7 13,0 27,1 16,8 20,1 18,2 30,6 19,8 29,0 19,3 23,3 14,7 19,6 13,4 14,7 7,6 16, ,1 6,6 15,4 7,7 18,6 9,2 20,9 11,4 23,2 13,9 29,7 18,3 29,0 17,9 31,2 19,7 28,5 19,5 24,9 15,9 18,3 10,2 16,4 11,2 17, ,5 10,6 15,5 8,0 15,6 8,3 19,6 10,9 24,0 13,6 29,0 18,8 34,9 21,0 30,6 21,3 29,3 20,3 23,6 16,8 19,1 13,2 15,7 9,8 18, ,2 8,5 14,6 7,7 17,0 8,9 20,8 12,2 25,4 14,3 27,5 17,6 32,9 20,5 30,7 20,2 27,5 18,2 23,9 15,9 19,6 13,0 15,2 9,0 18, ,2 8,7 14,8 7,2 15,6 8,5 17,8 10,0 24,3 13,0 26,5 15,6 31,4 19,2 30,1 19,0 26,5 17,9 24,5 14,5 21,0 13,2 16,6 9,7 17, ,1 7,0 15,6 8,8 16,3 8,9 20,3 10,4 23,7 14,2 28,9 17,3 32,4 20,3 30,5 19,7 28,3 17,9 24,3 15,3 19,8 12,6 17,2 9,9 18, ,3 7,7 13,5 7,8 15,3 9,8 17,9 11,2 24,3 14,7 26,9 16,7 28,8 24,7 30,8 21,0 26,9 18,3 24,5 16,8 18,7 12,0 14,6 8,7 17, ,8 8,1 14,3 8,5 13,1 6,4 19,3 11,0 20,6 12,5 27,3 16,9 31,8 21,8 32,3 21,7 31,2 21,1 25,5 17,8 19,0 12,7 18,3 10,8 18, ,7 10,1 15,3 8,6 15,6 9,1 20,2 12,1 25,8 16,4 27,9 19,7 33,0 22,5 31,2 21,5 27,3 18,7 25,2 17,7 18,5 11,7 15,5 9,1 18, ,0 7,8 16,4 8,3 18,9 10,4 20,2 11,5 22,7 13,8 26,8 17,6 30,3 22,3 31,0 21,4 27,3 19,4 22,5 14,7 19,8 13,5 17,8 11,6 18, ,3 9,1 18,0 8,2 18,0 10,1 17,8 11,8 23,6 15,0 27,9 19,0 30,5 20,5 30,1 20,7 28,7 19,7 25,6 18,6 19,9 13,7 14,9 8,9 18, ,8 9,2 14,9 8,0 19,4 11,2 17,8 10,3 20,7 12,1 28,5 17,5 30,3 20,1 31,7 21,7 28,7 20,2 25,0 17,4 18,5 11,8 13,4 8,3 18, ,3 8,9 14,3 8,2 16,2 9,8 19,0 10,5 23,8 14,1 26,4 17,2 29,4 19,9 33,3 21,8 27,1 18,1 24,6 16,5 21,0 12,9 16,6 9,4 18, ,2 6,9 13,6 5,6 15,8 7,1 19,9 10,0 24,7 14,2 29,4 17,9 30,9 19,4 33,0 21,6 28,7 18,7 25,6 15,9 19,2 11,9 16,3 8,9 17, ,5 8,0 15,7 7,5 20,0 8,7 19,2 9,7 25,7 15,3 27,7 17,2 32,4 20,6 33,5 21,8 29,2 19,9 25,4 16,6 21,4 13,0 17,2 9,6 18, ,6 6,7 18,0 8,6 16,0 7,1 19,3 9,6 23,9 13,5 28,4 17,5 32,8 20,8 30,3 20,8 27,6 18,4 24,9 15,1 18,7 11,8 17,7 11,1 18, ,3 9,8 15,1 7,8 16,5 8,7 20,3 11,5 25,0 14,9 28,7 17,9 30,7 19,5 31,7 21,6 27,0 17,6 23,1 14,1 20,3 13,1 17,8 10,0 18, ,9 9,7 17,2 8,5 18,6 8,9 18,5 9,3 26,2 15,1 31,3 19, ,3 31,4 20,9 28,2 18,9 24, ,4 12,5 16,9 9,9 18, ,8 8,3 18, ,7 21,7 12,1 25,2 13,9 30, ,4 20,9 33,3 21,5 28,3 19, ,2 19,2 10,4 16,6 8,2 18, ,1 7,8 14,6 6,1 18,1 8,8 20,9 11,0 27,5 16,3 31,8 19,6 32,1 20,6 33,7 22,9 30,3 20,7 27,9 17,7 21,0 12,8 17,2 9,9 19, ,1 7,8 14,6 6,1 18,1 8,8 20,9 11,0 27,5 16,3 31,8 19,6 32,1 20,6 33,7 22,9 30,3 20,7 27,9 17,7 21,0 12,8 17,2 9,9 19,4 Numero Min 11,3 0,8 11,3 3 13,1 3,8 16,7 5,5 19,8 8,9 23, ,1 16,9 26,9 17,4 24,5 15,1 17,3 10,9 16,3 8,2 12,5 3,7 16,217 Mediana 14,9 8, ,2 16,7 8,85 19,4 10,8 23,75 13, ,45 30,7 20,25 30,6 20,85 27,65 19,05 24,3 15,95 19,8 12,45 16,3 9,65 18,054 Media 15,07 8,11 15,24 7,90 16,83 8,89 19,34 10,72 23,71 13,88 27,93 17,61 30,62 20,25 30,78 20,77 27,94 18,99 24,19 15,85 19,89 12,39 16,33 9,44 18,03 Max 20,40 10,80 21,00 11,40 20,50 12,20 22,10 14,00 27,50 16,60 31,80 21,70 34,90 24,70 36,80 25,50 32,60 22,60 27,90 20,10 23,60 17,40 20,30 13,20 19,39 S.Q.M. 1,61 1,77 1,67 1,53 1,42 1,51 1,15 1,36 1,70 1,55 1,64 1,72 2,12 1,64 1,80 1,54 1,48 1,54 1,72 1,74 1,35 1,56 1,47 1,69 0,70 Coeff. Var. 0,11 0,22 0,11 0,19 0,08 0,17 0,06 0,13 0,07 0,11 0,06 0,10 0,07 0,08 0,06 0,07 0,05 0,08 0,07 0,11 0,07 0,13 0,09 0,18 0,04 REGIONE SICILIANA - SOGESID S.P.A. dicembre 2007 Pagina 5

9 IL QUADRO CONOSCITIVO CORPI IDRICI SIGNIFICATIVI E DI INTERESSE Per quanto riguarda le classificazioni climatiche, risultano numerose differenze tra i diversi autori in dipendenza dei parametri meteorologici utilizzati. Secondo la classificazione di Lang il bacino è classificato con un clima steppico; secondo l indice di aridità di de Martonne, le stazioni costiere presentano clima semi-arido, mentre all interno clima temperato-caldo. Secondo il quoziente pluviometrico di Emberger tutto il bacino è caratterizzato da clima subumido. L indice globale di Thorntwaite, infine distingue un clima semiarido lungo la costa e n clima asciutto subumido per le zone interne. Dallo studio delle precipitazioni mensili si osserva che sono prevalenti nel bacino le aree con una precipitazione media compresa tra 450 e 600 mm (Tabella 2.1.4) ottobre è il mese che presenta la maggiore intensità di precipitazione. Tabella Distribuzione delle aree con diversa piovosità del Bacino Caratteristiche di piovosità % Aree con piovosità media inferiore a 450 mm 1,55 Aree con piovosità media compresa tra mm 63,35 Aree con piovosità media compresa tra mm 35,09 Aree con piovosità media compresa tra mm Uso del territorio Insediamenti urbani Lo studio della caratterizzazione socio-economica è stata condotta al fine di fornire una sintesi sulla pressione antropica derivante dalle attività economiche e dalle presenze insediative nel bacino. Si è proceduto quindi all analisi della popolazione residente e fluttuante ed allo studio degli impatti significativi esercitati dall attività industriale, agricola e zootecnica sullo stato delle acque superficiali. Il bacino comprende da un punto di vista amministrativo 8 comuni, dei quali 6 in provincia di Agrigento e 2 in provincia di Palermo. L elenco dei comuni e la porzione di territorio comunale ricadente all interno del bacino sono riportate nella tabella REGIONE SICILIANA - SOGESID S.P.A. dicembre 2007 Pagina 6

10 IL QUADRO CONOSCITIVO CORPI IDRICI SIGNIFICATIVI E DI INTERESSE Tabella Porzione di territorio comunale ricadente nel bacino. PROVINCIA Comune Superficie totale (ha) Superficie ricadente nel bacino (ha) PALERMO Bisacquino Contessa Entellina AGRIGENTO Caltabellotta Menfi Montevago Sambuca di Sicilia Santa Margherita di Belice Sciacca TOTALE La popolazione residente nel bacino, così come mostrato in tabella 2.2.2, è pari a abitanti, quella fluttuante è pari a 382 abitanti. I valori di popolazione sono stati desunti dallo studio condotto nell ambito dell attività di aggiornamento e revisione del Piano Regolatore Generale degli Acquedotti tenendo in considerazione l ubicazione dei centri abitati, di conseguenza i comuni i cui territori urbani ricadono nel bacino appartengono tutti alla provincia di Palermo e sono: Sambuca di Sicilia e Santa Margherita di Belice. Tabella Popolazione residente e fluttuante del bacino. PROVINCIA Comune % centro abitato Popolazione residente totale Popolazione fluttuante totale Popolazione residente ricadente nel bacino Popolazione fluttuante ricadente nel bacino AGRIGENTO Sambuca di Sicilia Santa Margherita di Belice TOTALE Attività industriali Al fine di fornire una sintesi sulla pressione antropica esercitata dall attività industriale nel bacino è stato calcolato, mediante l utilizzo dei dati ISTAT (8 Censimento dell industria e dei servizi, 2001), il numero degli addetti industriali. Partendo dalla classificazione operata dall ISTAT, sono state raggruppate tra loro le diverse tipologie industriali e come mostrato in tabella 2.2.3, sono state individuate quelle facenti parte delle attività industriali, delle attività terziarie, degli insediamenti produttivi idroesigenti e degli insediamenti che presentano scarichi di sostanze pericolose. REGIONE SICILIANA - SOGESID S.P.A. dicembre 2007 Pagina 7

11 IL QUADRO CONOSCITIVO CORPI IDRICI SIGNIFICATIVI E DI INTERESSE Tabella Tipologie industriali ATTIVITÀ INDUSTRIALI A - Agricoltura, caccia e silvicoltura B - Pesca, piscicoltura e servizi connessi C - Estrazione di minerali D - Attivita' manifatturiere E - Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua F - Costruzioni ATTIVITÀ TERZIARIE G - Commercio ingrosso e dettaglio; riparazione di auto, moto e beni personali H - Alberghi e ristoranti I - Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni J - Intermediazione monetaria e finanziaria K - Attivita' immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, professionale ed imprenditoriale L - Pubblica amministrazione e difesa; assicurazione sociale obbligatoria M - Istruzione N - Sanita' e altri servizi sociali O - Altri servizi pubblici, sociali e personali INSEDIAMENTI PRODUTTIVI IDROESIGENTI C - Estrazione di minerali D - Attivita' manifatturiere E - Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua INSEDIAMENTI CHE PRESENTANO SCARICHI DI SOSTANZE PERICOLOSE DB - Industrie tessili e dell'abbigliamento DC - Industrie conciarie, fabbricazione di prodotti in cuoio, pelle e similari DF - Fabbricazione di coke, raffinerie di petrolio, trattamento combustibile. Nucleari DG - Fabbricazione di prodotti chimici e di fibre sintetiche e artificiali DH - Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche Tra le diverse tipologie industriali il maggiore impatto sulle risorse idriche è esercitato dalle industrie idroesigenti, generalmente a carattere produttivo, che, comprendendo nel loro ciclo fasi in cui viene utilizzata l acqua, sono caratterizzate da elevati prelievi e scarichi inquinanti. Come si evince dal grafico (figura 2.2.1), all interno del bacino risulta più incidente la presenza di attività terziarie (77%) rispetto alle attività industriali. Tra gli addetti alle attività industriali circa il 50% svolge la sua attività all interno di insediamenti idroesigenti, mentre soltanto lo 0,3% svolge l attività all interno di insediamenti che effettuano scarichi di sostanze pericolose. Dal momento che le attività industriali risultano principalmente concentrate nei centri urbani (nessuna ASI, infatti, ricade REGIONE SICILIANA - SOGESID S.P.A. dicembre 2007 Pagina 8

12 IL QUADRO CONOSCITIVO CORPI IDRICI SIGNIFICATIVI E DI INTERESSE all interno del bacino), i reflui inquinanti prodotti da tali attività vengono dunque direttamente scaricati dalle fognature cittadine. Numero addetti attività economiche 381 Addetti alle attività industriali Addetti alle attività terziarie Figura Incidenze degli addetti alle attività economiche Attività agricole e zootecniche Altre fonti di inquinamento sono rappresentate dalle attività agricole e zootecniche. Per quanto riguarda la produzione di vegetali la responsabilità dell inquinamento idrico è da imputarsi alla penetrazione nel suolo di fertilizzanti, pesticidi e fitofarmaci; per quanto concerne la zootecnia il riferimento è ai residui metabolici proveniente dall allevamento di animali terrestri quali equini, bovini, suini, ovini, caprini ed avicoli. Per il calcolo del carico teorico prodotto dalla zootecnia sono stati usati i dati estratti dalla Tavola 4.14 (Aziende con allevamenti e aziende con bovini, bufalini, suini e relativo numero di capi per comune e zona altimetrica) e dalla Tavola 4.15 (Aziende con ovini, caprini, equini, allevamenti avicoli e relativo numero di capi per comune e zona altimetrica) fornite dall ISTAT nel 5 Censimento Generale dell Agricoltura (2000). Si è proceduto al calcolo del numero totale di capi zootecnici sommando i dati riguardanti i comuni ricadenti nel bacino. Nel caso in cui il comune non ricadeva per intero all interno del bacino è stata effettuata una stima in percentuale dell effettiva presenza di capi zootecnici tenendo in considerazione la presenza di pascolo all interno del territorio comunale. In tal senso per valutare la collocazione dei pascoli sono state sovrapposte, mediante l utilizzo del S.I.T, la carta dei bacini idrografici, la carta dell uso del suolo, ed il tematismo indicante le delimitazioni comunali. Utilizzando tale metodologia, a partire dal numero di capi rilevati per ciascun territorio comunale è stato eseguito il calcolo dei capi zootecnici equivalenti e il calcolo dell azoto prodotto (t/anno). In particolare per calcolare i capi zootecnici equivalenti è stato utilizzato un coefficiente ottenuto sommando il peso degli animali allevati (bovini, suini, ovini, avicoli ecc.) REGIONE SICILIANA - SOGESID S.P.A. dicembre 2007 Pagina 9

13 IL QUADRO CONOSCITIVO CORPI IDRICI SIGNIFICATIVI E DI INTERESSE espresso in Kg e dividendo per 500. Per calcolare invece l azoto prodotto (t/anno) sono stati utilizzati i coefficienti proposti dall IRSA (Barbiero et al., 1991). Il numero dei capi zootecnici presenti all interno del bacino sono riportati nella tabella nella quale sono specificati il numero dei capi equivalenti e l azoto prodotto (t/anno). Tabella Capi zootecnici presenti nel bacino. Capi zootecnici presenti: N. di capi Capi equivalenti Azoto prodotto (t/anno) Bovini ,53 Suini ,17 Ovini ,88 Avicoli ,63 Altri ,66 I dati mostrano il prevalere del patrimonio zootecnico ovino, il cui allevamento è orientato verso la produzione di latte e di carne; occorre sottolineare comunque che il carico maggiore è dovuto principalmente alla specie bovina. Come si evince dal grafico sotto riportato (Figura 2.2.2), la maggior parte della superficie ricadente all interno del bacino è occupata principalmente da seminativi (7.409 ettari), da viti (3.007 ettari), e da pascoli (2.406 ettari). Consistente la presenza di altre legnose agrarie (1.815 ettari) e oliveti (1.195 ettari) seminativi colture orticole colture in serra pascoli superficie a vite superficie a olivo superficie ad agrume superficie a mandorlo superficie a frutteto altre legnose agrarie Figura Superfici agricole presenti nel bacino espresse in ettari. REGIONE SICILIANA - SOGESID S.P.A. dicembre 2007 Pagina 10

14 IL QUADRO CONOSCITIVO CORPI IDRICI SIGNIFICATIVI E DI INTERESSE Lo studio dell uso del suolo è stato finalizzato alla valutazione dell inquinamento derivante da pratiche agricole, in tal senso si è proceduto al calcolo delle quantità di azoto e fosforo prodotti in base alla tipologia di utilizzo agricolo. L elenco delle diverse classi agricole analizzate sono riportate nella tabella 2.2.5, nella quale sono specificati gli ettari di superficie agricola utilizzata e gli apporti di azoto e fosforo espressi in tonnellate/anno. Tabella Superfici agricole presenti nel bacino. Superficie utilizzata per: Superficie (ha) Apporto di azoto (t/anno) Apporto di fosforo (t/anno) seminativi colture orticole colture in serra pascoli superficie a vite superficie a olivo superficie ad agrume superficie a mandorlo superficie a frutteto altre legnose agrarie Come si evince dal grafico (Figura 2.2.3) il maggior apporto di azoto e fosforo è dovuto alle superfici a seminativi, essendo queste le più consistenti nel bacino. Notevole è inoltre l apporto di questi due nutrienti dovuto ai pascoli, alle viti e alle altre legnose agrarie. REGIONE SICILIANA - SOGESID S.P.A. dicembre 2007 Pagina 11

15 IL QUADRO CONOSCITIVO CORPI IDRICI SIGNIFICATIVI E DI INTERESSE Apporto di azoto (t/anno) Apporto di fosforo (t/anno) seminativi colture orticole colture in serra pascoli superficie a vite superficie a olivo superficie ad agrume altre legnose agrarie superficie a mandorlo superficie a frutteto Figura Apporto di azoto e fosforo nel bacino. Di minore consistenza rispetto alla superficie agricola, risulta la copertura boscata (2.004 ettari) che nel complesso risulta costituita, come mostrato nel grafico sotto riportato (Figura 2.2.4) principalmente da boschi a fustaia (80%), per un valore di ettari, e in minor misura da boschi cedui (9%), per un valore di 179 ettari, e da macchia mediterranea (9%), per un valore di 175 ettari. La restante superficie è coperta da coltura legnosa specializzata (2%), per un valore di 31 ettari in coltura legnosa specializzata gestita a fustaia ceduata macchia mediterranea Figura Superfici boschive presenti nel bacino espresse in ettari. REGIONE SICILIANA - SOGESID S.P.A. dicembre 2007 Pagina 12

16 IL QUADRO CONOSCITIVO CORPI IDRICI SIGNIFICATIVI E DI INTERESSE 2.3 Caratteristiche naturalistiche Di seguito vengono riportate in tabelle le specie animali protette (Tabella 2.3.1), minacciate (Tabella 2.3.2) e specie vegetali minacciate (Tabella 2.3.3). Tabella Specie animali protette presenti all interno del Bacino Specie animali protette Coracias garrulus Falco biarmicus Falco naumanni Falco peregrinus Neophron percnopterus Riferimenti normativi L.N. 157/92; L.R. 33/97 L.N. 157/92; L.R. 33/98 L.N. 157/92; L.R. 33/99 L.N. 157/92; L.R. 33/100 L.N. 157/92; L.R. 33/101 Riferimenti bibliografici Banca dati Natura Sito internet: Banca dati Natura Sito internet: Banca dati Natura Sito internet: Banca dati Natura Sito internet: Banca dati Natura Sito internet: Tabella Specie animali minacciate presenti all interno del Bacino Specie animali minacciate Alectoris graeca Lanius senator Melanocorypha calandra Riferimenti bibliografici Banca dati Natura Sito internet: Banca dati Natura Sito internet: Banca dati Natura Sito internet: Tabella Specie vegetali minacciate presenti all interno del Bacino Specie vegetali minacciate Dianthus rupicola Riferimenti bibliografici Banca dati Natura Sito internet: Di seguito vengono riportate le aree naturali presenti nel bacino (Tabella 2.3.4) Tabella Tipizzazione delle esistenti aree naturali protette Tipologia Numero Superficie (ha) Denominazione Riserve ,5 MONTE GENUARDO E S. MARIA DEL BOSCO SIC 2 ZPS ,5 3746,9 COMPLESSO MONTE TELEGRAFO E ROCCA FICUZZA 1096,6 MONTE GENUARDO E SANTA MARIA DEL BOSCO MONTI SICANI, ROCCA BUSAMBRA E BOSCO DELLA FICUZZA REGIONE SICILIANA - SOGESID S.P.A. dicembre 2007 Pagina 13

17 IL QUADRO CONOSCITIVO CORPI IDRICI SIGNIFICATIVI E DI INTERESSE 2.4 Bilancio idrologico Introduzione L elaborazione del bilancio idrologico superficiale in un bacino idrografico è condizionato dalla conoscenza di numerosi fattori come la quantità di precipitazioni atmosferiche che alimenta direttamente il ciclo idrologico del bacino (P), l entità dei deflussi superficiali (D) e l evapotraspirazione reale (E), cioè la quantità di acqua necessaria per sopperire ai fabbisogni fisiologici della copertura vegetale sommata alla evaporazione diretta del terreno. L espressione generale di un bilancio che tenga conto dei suddetti fattori è la seguente: P= D + E +F Una volta noti tutti i termini dell equazione è possibile stimare l entità della quota parte di acqua che si infiltra nel terreno e che consente, quindi, di ricaricare la falda. P E D = F La stima del bilancio idrologico così descritto è stata effettuata con riferimento all intero bacino dell Carboj Deflussi naturali calcolati nelle sezioni significative e nella sezione di chiusura Elaborazione dei dati pluviometrici e Valutazione degli afflussi ragguagliati Per la stima degli afflussi sono state considerate cinque stazioni pluviometriche, Menfi, Montevago, Chiusa Sclafani, Caltabellotta e Sciacca, appartenenti a bacini limitrofi. Sulla base dei dati pluviometrici mensili del periodo delle cinque stazioni pluviometriche precedentemente citate, sono stati calcolati i valori medi di afflusso idrico su tutto il bacino. Per fare questo è stata necessaria una fase preliminare di ricostruzione dei dati mancanti, utilizzando il metodo IDW (inverse distance weighting inverso della distanza pesato). Questo metodo consiste nell utilizzare l informazione disponibile da tutte le stazioni che hanno funzionato nel mese considerato in modo inversamente proporzionale alla distanza dalla stazione il cui dato è oggetto di ricostruzione, elevata a un intero non inferiore a 2. Più precisamente, la ricostruzione dell altezza di pioggia ĥ jk (x 0 ) della stazione di coordinate x 0 al mese j-esimo dell anno k-esimo avviene attraverso la seguente relazione: ĥ jk n ( ) = λ h jk ( ) x 0 i i= 1 x i in cui h(x i ) è l altezza di pioggia della stazione avente coordinate xi, ovviamente allo stesso passo temporale jk di quella da ricostruire e λ i è il peso che si assegna alla stazione di coordinate x i che è dato appunto da: λ i = n d i= 1 n i0 d n i0 REGIONE SICILIANA - SOGESID S.P.A. dicembre 2007 Pagina 14

18 IL QUADRO CONOSCITIVO CORPI IDRICI SIGNIFICATIVI E DI INTERESSE In cui d i0 è la distanza della stazione di coordinate x 0 il cui dato deve essere ricostruito e la stazione xi e n è un intero 2. Prove svolte con diversi esponenti (da 2 fino a 5) hanno dimostrato la scarsa influenza dell esponente sulla bontà della riproduzione del dato (espressa dall indice di determinazione R 2 tra dati osservati e ricostruiti il valore di R 2 è risultato sempre elevato per diversi esponenti in tre stazioni di prova). Si è scelto quindi l esponente n = 2. A questo punto, disponendo di serie continue per il periodo suddetto, si è proceduto al calcolo dei valori medi di afflusso idrico su tutto il bacino con il metodo dei topoieti, che consiste nel determinare, attorno alle stazioni di misura, delle zone d influenza per le quali si possono supporre valevoli le precipitazioni registrate nelle stazioni stesse. Una volta determinata, per ogni stazione pluviometrica, la zona di influenza secondo il metodo dei topoieti, gli afflussi ragguagliati medi mensili al bacino sotteso dalla sezione di chiusura è stato valutato come somma del prodotto della precipitazione ai singoli pluviometri per le aree delle superfici di influenza diviso la superficie totale del bacino. In particolare è stata utilizzata le seguente espressione: A ij = dove: A 1 ij S 1 + A 2 ij S S 2 tot A n ij S i, j, = indice d'ordine dell'anno e del mese; A i,j, = afflusso ragguagliato nell'anno i e mese j; 1, 2 n = numero delle stazioni pluviometriche considerate; A i,j, n = afflusso nell'anno i, mese j, della stazione n; S 1, S 2..S n = superfici di ciascun topoieto; S tot = superficie totale del bacino sotteso. n Nella tabella sono riportati gli afflussi ragguagliati per il periodo al bacino sotteso dalla sezione di chiusura. REGIONE SICILIANA - SOGESID S.P.A. dicembre 2007 Pagina 15

19 IL QUADRO CONOSCITIVO CORPI IDRICI SIGNIFICATIVI E DI INTERESSE Tabella Afflussi ragguagliati al bacino sotteso dalla sezione di chiusura espressi in mm. Anno Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Tot ,6 34,8 109,9 55,9 54,5 5,9 0,1 3,2 9,1 28,4 72,3 98,5 539, ,1 81,9 15,5 20,5 17,0 4,6 0,5 1,5 8,7 22,2 32,2 118,4 479, ,3 86,2 71,4 69,4 26,8 19,9 4,2 4,4 25,4 101,1 115,0 125,3 676, ,6 56,3 86,3 4,5 19,6 6,4 5,1 21,8 93,5 50,3 133,7 98,7 600, ,5 57,6 58,4 34,0 12,4 1,0 0,3 3,8 55,9 34,2 82,6 109,3 479, ,7 72,0 110,7 62,4 19,4 1,2 0,0 0,0 35,8 86,3 53,4 15,0 600, ,7 104,6 83,8 22,2 11,6 6,9 9,9 3,2 21,5 91,5 86,5 63,4 595, ,7 71,6 49,0 14,0 47,6 4,5 0,0 2,9 14,6 67,4 99,7 39,9 477, ,4 66,1 109,8 42,7 4,8 9,9 0,2 6,9 93,9 14,4 68,8 108,6 586, ,0 33,2 26,0 72,8 14,4 9,1 3,6 5,4 49,3 87,4 75,0 78,8 484, ,0 22,9 25,5 98,6 34,3 0,7 2,9 20,8 26,1 108,4 48,3 141,6 592, ,3 98,5 42,1 76,1 16,6 10,7 0,6 2,5 76,3 98,0 53,5 77,4 607, ,3 8,1 38,9 89,2 60,9 13,0 13,2 41,5 25,7 63,8 39,4 134,3 643, ,7 40,9 48,1 27,4 50,5 0,6 0,2 0,8 50,6 128,7 151,8 77,2 598, ,5 111,0 0,1 29,3 4,4 22,0 14,8 1,7 6,2 87,1 43,6 85,9 497, ,3 5,7 52,4 60,5 10,2 1,1 8,8 101,6 97,9 27,0 120,5 83,0 609, ,0 117,1 101,3 31,0 62,3 26,4 7,2 9,4 59,6 105,4 57,4 152,6 826, ,1 35,9 18,8 35,1 6,1 0,9 0,0 56,1 59,0 130,3 117,7 111,3 604, ,5 67,6 49,7 28,0 41,3 0,2 0,0 10,8 62,5 99,3 51,9 57,6 504, ,0 36,0 44,2 26,7 19,4 13,8 29,4 34,1 27,9 27,2 120,0 78,7 540, ,6 19,1 12,8 42,8 19,8 2,3 0,3 1,0 36,7 48,3 82,0 136,0 449,9 MEDIA 65,7 58,4 55,0 44,9 26,4 7,7 4,8 15,9 44,6 71,7 81,2 94,8 571,1 DV. ST. 38,9 33,5 34,2 25,6 18,9 7,7 7,3 24,8 28,8 36,5 34,3 34,7 86, Individuazione della legge di correlazione tra afflussi e deflussi E disponibile la serie dei volumi defluiti nell invaso Arancio, che sottende un bacino di circa 127 km 2, per il periodo dal 1971 al 1987 ricostruiti a partire dal bilancio volumetrico del serbatoio (Indelicato, S., Tamburino, V., Barbagallo, S., Mazzola, G. Risorse Idriche nei Grandi serbatoi Artificiali Siciliani I Contributo, Quaderni n. 2, CSEI, Catania, 1989) con alcuni anni di indisponibilità di alcuni dei dati di esercizio del serbatoio necessari per la stesura del bilancio volumetrico. Per effettuare la ricostruzione dei dati mancanti della serie fino all anno 2000, è stato utilizzato il modello concettuale IHACRES. Per il calcolo dei deflussi fino alla foce del bacino Carboj sono stati moltiplicati i totali di pioggia annua, ragguagliata all intero bacino, per il coefficiente di deflusso medio annuo del bacino a monte della diga Arancio. Il deflusso medio annuo stimato alla foce risulta di 44 mm, pari a 9,2 Mm 3 /anno. REGIONE SICILIANA - SOGESID S.P.A. dicembre 2007 Pagina 16

20 IL QUADRO CONOSCITIVO CORPI IDRICI SIGNIFICATIVI E DI INTERESSE Stima dell evapotraspirazione media L evapotraspirazione reale (E), è la quantità di acqua evaporata dal suolo e dalle piante quando il suolo si trova al suo tasso di umidità naturale, e viene stimato tramite la formula di Turc (1954) modificata da Santoro (1970). La formula di Turc, ricavata dall esame di oltre 250 bacini in diverse zone del globo, fornisce direttamente l evapotraspirazione reale (ET) media annua in mm: ET = Dove: P P L 2 ET = evapotraspirazione reale media annua in mm P = altezza di precipitazione media annua in mm Ta = temperatura media annua in Celsius L = potere evaporante dell atmosfera cioè L = T a Ta Sulla base di una analisi di 192 bacini in Sicilia, Santoro (1970) ha proposto la seguente modifica per calcolare L (validità 10 C < Ta < 18 C ): 3 L = T a Ta Per l applicazione di tale formula sono stati utilizzati i dati di temperatura media annua, ottenuti dalle carte delle isoterme medie annue per gli anni dal 1980 al 2000 per integrazione delle isoterme sulla superficie del bacino. La tabella mostra i valori calcolati nel modo sopra descritto. 3 Tabella Valori di evapotraspirazione reale annua calcolata con la formula di Turc modificata Anno Temperatura Media Annua Potere evaporante dell atmosfera Precipitazioni media annua ET REGIONE SICILIANA - SOGESID S.P.A. dicembre 2007 Pagina 17

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V.

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V. Circolare del Presidente della Giunta Regionale n. 12 del 9/8/02, approvata con D.G.R.V. n. 2106 del 2/8/02, recante "Norme di Attuazione del Piano Regionale di Risanamento delle Acque. Testo coordinato

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Sintesi dell analisi economica sull utilizzo idrico

Sintesi dell analisi economica sull utilizzo idrico Sintesi dell analisi economica sull utilizzo idrico Art. 5, All. III, All. VII, parte A, punto 6 e parte B, punto 1 della Direttiva 2000/60/CE e All. 10, All. 4, parte A, punto 6, alla parte terza del

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26

REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26 36170 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 195 del 16-12-2011 REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26 Disciplina degli scarichi di acque reflue domestiche o assimilate alle domestiche di

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(*" ))*))( *!* %*& ($,0$. *%

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(* ))*))( *!* %*& ($,0$. *% !" " //(*%(*" ))*))( *!* *(*/-*%(*2,&2 %*&!" #$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) %,%,-.%*" ($)&*$/% ')( ($,0$. *% ($,1% 2 ...4 #$%...4 &...5...6...7...8 Le aree estrattive provinciali... 8 Il contesto territoriale...

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

SEZIONE II - TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE

SEZIONE II - TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE SEZIONE II - TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE Art. 73 Finalità 1. Le disposizioni di cui alla presente sezione definiscono la disciplina generale per la tutela

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente.

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente. Direzione Ambiente Linee guida per la verifica dei fabbisogni irrigui, la revisione delle concessioni e il calcolo dei riparti in condizioni di magra Quant4 Software di calcolo dei fabbisogni irrigui comprensoriali

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

CONVENZIONE TRA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA - AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME MAGRA

CONVENZIONE TRA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA - AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME MAGRA AUTORIITA DII BACIINO IINTERREGIIONALE DEL F.. MAGRA UNIIVERSIITA' ' DEGLII STUDII DII SIIENA GRUPPO DII LAVORO DEL DIIPARTIIMENTO DII SCIIENZE DELLA TERRA Coooorrddi innaat toorri i: : PPrroof f.. PPi

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia

REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia Allegato 2 alla Deliberazione n. 2 dell Assemblea Consortile dell 8 maggio 2009 REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

L.R. 31-5-2006 n. 20 Norme per la tutela delle acque dall'inquinamento. Pubblicata nel B.U. Toscana 7 giugno 2006, n. 17, parte prima.

L.R. 31-5-2006 n. 20 Norme per la tutela delle acque dall'inquinamento. Pubblicata nel B.U. Toscana 7 giugno 2006, n. 17, parte prima. L.R. 31-5-2006 n. 20 Norme per la tutela delle acque dall'inquinamento. Pubblicata nel B.U. Toscana 7 giugno 2006, n. 17, parte prima. Epigrafe Premessa Capo I - Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

tutela e ripristino degli habitat come azione di tutela delle popolazioni ittiche: qualche esperienza e qualche prospettiva per il Trentino

tutela e ripristino degli habitat come azione di tutela delle popolazioni ittiche: qualche esperienza e qualche prospettiva per il Trentino Fondazione E. Mach S. Michele all Adige, 24 aprile 2013 Lorenzo Betti naturalista ittiologo tutela e ripristino degli habitat come azione di tutela delle popolazioni ittiche: qualche esperienza e qualche

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974)

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633 (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) Istruzioni per la progettazione delle fognature e degli impianti di trattamento delle acque

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli