Coop e la GDO Gli strumenti finanziari in Coop

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Coop e la GDO Gli strumenti finanziari in Coop"

Transcript

1 1844: i Tre moschettieri di Dumas ma anche i Probi Pionieri di Rochdale: Coop e la GDO Gli strumenti finanziari in Coop Gabriele Franceschi, Bellacoopia Impresa University,, 3 marzo

2 Indice 1. Che cosa è la Coop 2. I numeri di Coop 3. Il mercato e la GDO: i numeri della crisi economica 4. Il mercato e la GDO: la debâcle dei consumi 5. Il mercato della GDO nel La struttura della GDO 7. La GDO è un settore a bassa redditività 8. Aspetti finanziari delle cooperative 9. La struttura e la PFN di Coop 10. Coop Nordest: highlights 2

3 Che cosa è la Coop?? (1) La carta dei valori delle cooperative di consumo / Coop è un impresa aperta. Non vi è in Coop alcuna discriminazione di carattere religioso, politico, di genere o di altro tipo. 2. Coop è un impresa democratica. Una testa, un voto. Tutti possono diventare soci, soci prestatori, soci attivi, amministratori 3. Coop è un impresa per la solidarietà intergenerazionale. a) Coop non può distribuire dividendi in misura superiore all'interesse massimo dei buoni postali fruttiferi, aumentato di due punti e mezzo, rispetto al capitale effettivamente versato b) Coop non può distribuire le riserve fra i soci cooperatori c) Coop deve devolvere, in caso di scioglimento della società, l intero patrimonio sociale, dedotto soltanto il capitale sociale e i dividendi eventualmente maturati, ai fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione 4. Coop lavora a vantaggio di tutti i consumatori e della comunità. La missione di Coop è di difendere i diritti e gli interessi di tutti i consumatori perseguendo il miglior equilibrio di prezzo, servizio, qualità e sicurezza dei prodotti - ed in particolare dei prodotti a marchio Coop - nel rispetto dell ambiente, nell uso appropriato delle risorse, nella valorizzazione del lavoro. 5. Coop offre lavoro buono e stabile: i diritti normativi e sindacali dei lavoratori è patrimonio inalienabile di Coop. Oltre il 90% dei rapporti di lavoro sono a tempo indeterminato 3

4 Che cosa è la Coop?? (2) La carta dei valori delle cooperative di consumo / Coop appartiene ai soci. Coop si impegna: a) ad offrire ai soci vantaggi esclusivi nell acquisto di beni, servizi e nella tutela e valorizzazione dei loro risparmi b) a mettere in atto le forme più efficaci e capillari di partecipazione democratica: modalità elettiva, strutture sociali territoriali, assemblee separate c) a mettere in atto strumenti di ascolto e dialogo con tutti i soci e i consumatori 7. Coop fa parte della comunità in cui opera: promuove, partecipa e contribuisce ad iniziative locali di carattere sociale e culturale 8. Coop fa parte del mondo: promuove, partecipa e contribuisce ad iniziative di carattere sociale, economico e culturale nelle aree più svantaggiate del pianeta. Tutti i fornitori Coop, ovunque siano locati, devono essere compliant rispetto alla certificazione etica SA 8000 sui rapporti di lavoro 9. Coop è una impresa che opera nel mercato: compete ed è leader pur rispettando tutti gli elementi della propria genetica: mutualità, solidarietà, partecipazione, intergenerazionalità tutela del lavoro. Come ha scritto Ivano Barberini, un grande cooperatore: Coop è come un calabrone: vola nonostante le leggi della fisica. 4

5 I numeri di Coop (1) Fonte: Coop Italia 5

6 I numeri di Coop (2): i soci Fonte: Rapporto sociale Coop 6

7 I numeri di Coop (3): il prodotto a marchio Fonte: Rapporto sociale Coop 7

8 I numeri di Coop (4): il prodotto a marchio nel 2013 INCIDENZA PL MERCATO 2013 INCIDENZA PL COOP ,6 18,4 26,3 25,5 Private Leader 24,8 +1,2 24,7 24,1 31,5 32,0 Follower Altre Marche 26,5 Inclusa McR Progressivo DIC 2012 Progressivo DIC 2013 Fonte: Coop Italia 8

9 I numeri di Coop (5): vantaggi per le comunità Fonte: Rapporto sociale Coop 9

10 I numeri di Coop (6): l l inflazione Fonte: Osservatorio prezzi Coop Italia 10

11 I numeri di Coop (7): Vendite 2013 Vendite 2013 Scontrini 2013 Scontrino medio Mq AV /Mq. Scontrini / Mq. Novacoop , Coop Liguria , Coop Lombardia , Coop Nordest , Coop Estense , Coop Adriatica , Unicoop Firenze , Unicoop Tirreno , Coop Centro Italia , Trento Sviluppo , Ipercoop Sicilia , Supercoop Sicilia , Tot. Grandi Coop , Tot. Medie Coop ,10 Tot. Coop ,07 Super 53,4% 60,1% 25,18 Iper 42,4% 33,5% 35,92 Mini 4,2% 6,4% 18,43 Tot. Coop 100,0% 100,0% 28,07 Fonte: Ancc Dati riferiti soltanto a grandi e medie Coop 11

12 I numeri di Coop (8): Prestito Sociale /12/ /12/2013 % Libretti al 31/12/2013 / Libretto Novacoop ,4% Coop Liguria ,0% Coop Lombardia ,8% Coop Nordest ,3% Coop Estense ,4% Coop Adriatica ,5% Unicoop Firenze ,0% Unicoop Tirreno ,2% Coop Centro Italia ,8% Totale Coop ,4% Fonte: Ancc 12

13 Il mercato e la GDO: i numeri della crisi economica (1) 125,00 120,00 118,82 118,97 118,75 119,15 118,08 122,14 121,17 119,80 116,84 115,00 110,00 105,00 100,00 109,55 110,96 112,51 112,50 113,84 114,08 107,55 107,12 107,49 106,51 106,43 105,72 105,96 105,27 105,36 103,45 103,53 103,98 104,65 105,54 105,08 105,22 105,48 105,46 105,24 104,40 102,76 102,99 103,02 101,43 102,10 102,02 101,93 101,16 100,61 100,98 101,74 101,79 100,00 100,31 100,63 100,82 100,77 99,88 99,56 99,95 99,80 98,89 98,70 98,73 99,01 98,95 98,83 97,52 97,54 110,90 108,94 108,49 95,00 90,00 94,46 92,82 91,11 90,7290,54 91,46 85, Pil procapite Consumi alimentari procapite Reddito disponibile procapite Fonte: elaborazione propria su dati Prometeia, gennaio

14 Il mercato e la GDO: i numeri della crisi economica (2) 2,0% 1,0% 0,0% -1,0% /2007-2,0% -3,0% -4,0% -5,0% -6,0% -7,0% -8,0% -9,0% -10,0% -11,0% -12,0% -13,0% -14,0% -15,0% -16,0% Pil procapite Consumi alimentari Reddito disponibile Fonte: elaborazione propria su dati Prometeia, gennaio

15 Il mercato e la GDO: la debâcle dei consumi (1) Fonte: Rapporto Coop 2013 Consumi e distribuzione 15

16 Il mercato e la GDO: la debâcle dei consumi (2) Fonte: Rapporto Coop 2013 Consumi e distribuzione 16

17 Il mercato e la GDO: la debâcle dei consumi (3) Fonte: ANCC QF

18 Il mercato e la GDO: la debâcle dei consumi (4) Fonte: Coop Italia 18

19 Il mercato e la GDO: la debâcle dei consumi (5) Fonte: Coop Italia 19

20 Il mercato della GDO nel 2013 (1) 20

21 Il mercato della GDO nel 2013 (2) Fonte: Coop Italia 21

22 La struttura della GDO in Italia (1) mln e Libero servizio Super Super ( ) Super ( ) Super ( ) Iper Iper ( ) Iper ( ) Iper (8000 e +) Discount Totale GDO Fonte: Rapporto Coop 2013 Consumi e distribuzione 22

23 La struttura della GDO in Italia (2) Composizione vendite GDO ,1% 12,2% 19,0% 41,4% 13,3% Libero servizio Super Superstore Iper Discount Fonte: Rapporto Coop 2013 Consumi e distribuzione 23

24 La struttura della GDO in Italia (3) (Incidenza % Vendite Gdo sui Consumi delle Famiglie) 70,0 65,0 60,0 55,0 14,2 14,0 50,0 45,0 40,0 50,2 52,7 35,0 30, Largo Consumo Conf.+Fresco Peso Variabile (*) elaborazioni su dati Nielsen e altre fonti ufficiali Fonte: The Nielsen Company Non Food (Tessile, Abbigliamento, Bazar) Fonte: Rapporto Coop 2013 Consumi e distribuzione 24

25 La struttura della GDO in Italia (4) (Superfici di vendita; 2007=100) media formati = Lis Super Superstore ( ) Iper (>4500) Discount Fonte: Rapporto Coop 2013 Consumi e distribuzione 25

26 La struttura della GDO in Italia (5) GDO Vendite mq.2012 / Libero servizio Super Superstore ( ) Iper (4500 e +) Discount Totale GDO GDO Vendite mq.2012 / 2007 Fonte: Rapporto Coop 2013 Consumi e distribuzione 26

27 La struttura della GDO in Italia (6) Vendite GDO Libero servizio Super Superstore Iper Discount Totale GDO Fonte: Rapporto Coop 2013 Consumi e distribuzione 27

28 GDO: Le quote delle principali insegne 28

29 Quote di mercato e intensità competitiva per cooperativa % 25% Firenze Quote mq Coop vs mq GDO 20% 15% 10% Estense Liguria Centro Italia Adriatica 5% Tirreno Novacoop Lombardia Nordest 0% MQ Moderna Distribuzione x abitanti Fonte: elaborazioni proprie su dati Nielsen 29

30 La GDO è un settore a bassa redditività (1) Fonte: ANCC QF

31 La GDO è un settore a bassa redditività : il Roe La redditività netta di Industria e Gdo 9,5 8,5 DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO 7,3 INDUSTRIA ALIMENTARE 6,8 7,4 3,0 2,1 0, Roe (Risultato d'esercizio/capitale Netto) (%) Fonte: Rapporto Coop 2013 Consumi e distribuzione 31

32 Aspetti finanziari delle cooperative: la distribuzione degli utili La normativa fissa alcuni criteri inderogabili per la distribuzione degli utili delle aziende cooperative: 1. Riserva legale: almeno il 30% dell utile di esercizio. Nelle spa almeno il 5% fino al raggiungimento del 20% del capitale sociale 2. Fondi mutualistici: il 3% dell utile di esercizio 3. Riserve statutarie 4. Riserve facoltative 5. Ristorno ai soci: sulla base dello scambio mutualistico 6. Aumento gratuito delle quote e delle azioni: nel limite dell inflazione FOI. Per il 2013, 1,10% 7. Dividendi sul capitale ai soci cooperatori: a) interesse max sui BPF +2,5% b) se patrimonio netto/indebitamento totale >1/4 8. Dividendi a soci finanziatori: soci cooperatori + max 2% 9. Dividendi a soci sovventori: soci cooperatori + max 2% 10. Dividendi ad azioni di partecipazione cooperativa: soci cooperatori+ 2% 32

33 Aspetti finanziari delle cooperative: strumenti del passivo Gli strumenti del passivo a cui le cooperative hanno accesso sono: 1. Quote di capitale sociale dei soci cooperatori 2. Azioni di soci finanziatori 3. Azioni di soci sovventori 4. Azioni di partecipazione cooperativa 5. Prestito sociale 6. Mutui e finanziamenti 7. Obbligazioni 8. Mini bond 9. Cambiali finanziarie 10. Altri strumenti di finanziamento 33

34 Azioni di finanziamento, di sovvenzione, di partecipazione cooperativa Le cooperative possono emettere azioni di finanziamento ma queste sono sottoposte a limitazioni: diritti patrimoniali: no diritti su riserve indivisibili e max 2% su dividendi soci cooperatori diritti amministrativi: max 1/3 voti, max 1/3 amministratori e 1/3 organo di controllo Le cooperative possono emettere azioni di sovvenzione ma queste sono sottoposte a limitazioni: diritti patrimoniali: max 2% su dividendi soci cooperatori diritti amministrativi: per ogni socio sovventore max 5 voti e nel complesso < 1/3 dei voti totali. La maggioranza degli amministratori devono essere costituita da soci cooperatori Le cooperative possono emettere azioni di partecipazione cooperativa ma queste sono sottoposte a limitazioni: diritti patrimoniali: 2% su dividendi soci cooperatori diritti amministrativi: sono prive di diritto di voto Le limitazioni poste a questo tipo di strumenti le rendono poco o punto appetibili per dei finanziatori esterni e ciò spiega la loro scarsissima distribuzione 34

35 Aspetti finanziari delle cooperative: il Prestito sociale Le cooperative possono raccogliere finanziamenti dai propri soci persone fisiche sotto forma di prestito sociale. Esso è sottoposto a specifiche normative. Il limite al prestito per il singolo socio di cooperative di consumo è attualmente di ,66 Il limite al prestito per il singolo socio di cooperative agricole, PL, edili e di abitazione è attualmente di ,36 I tassi di interesse riconosciuti ai soci non possono superate il tasso max BPF + 2,5% ( attualmente 7,25%) Gli interessi riconosciuti ai soci sono fiscalmente indeducibili se superano il tasso min BPF + 0,90% (attualmente 1,15%). Quest ultima disposizione è fiscalmente penalizzante ed onerosa per le cooperative Il prestito sociale complessivamente raccolto non può eccedere tre volte il patrimonio netto della cooperativa risultante dall ultimo bilancio approvato. Se assistito da garanzie rilasciate da soggetti vigilati per almeno il 30% esso può arrivare a cinque volte il patrimonio netto ANCC si è dotata di un proprio autonomo regolamento sul prestito sociale: almeno il 30% del prestito deve essere mantenuta in attività liquide o prontamente liquidabili il prestito non può essere immobilizzato in immobilizzazioni materiali, immateriali e finanziarie in misura superiore al 30% 35

36 Aspetti finanziari delle cooperative: i decreti Sviluppo del (1) I due decreti Sviluppo del 2012 hanno modificato profondamente le caratteristiche degli strumenti finanziari a disposizione delle imprese non quotate; e quindi anche delle cooperative. Obbligazioni Viene eliminato il limite del doppio del patrimonio netto come tetto all emissione di obbligazioni da parte di società non quotate possono emettere obbligazioni tutte le società non quotate diverse dalle banche e dalle microimprese (10 dipendenti<, bilancio < 2mln ) Il trattamento fiscale degli interessi viene equiparato a quello delle società quotate: interessi deducibili nei limiti del 30% del ROL se gli strumenti sono quotati su mercati regolamentati o MTF (ExtraMOT) se non quotati, gli interessi sono deducibili nei limiti del 30% del ROL se i sottoscrittori sono investitori qualificati i costi di emissione delle obbligazioni sono deducibili da febbraio 2013 è attivo l MTF ExtraMOT pro, riservato ad investitori professionali, su cui è possibile quotare con flessibilità e costo contenuti gli strumenti finanziari delle società non quotate Ad oggi gli unici esempi di quotazione su questo mercato dal mondo cooperativo sono le obbligazioni di Filca cooperative (20 mln /6%)e Manutencoop FM ( 425 mln /8,5%) 36

37 Aspetti finanziari delle cooperative: i decreti Sviluppo del (2) Cambiali finanziarie 37

38 Aspetti finanziari delle cooperative: i decreti Sviluppo del (3) Obbligazioni subordinate partecipative 38

39 Struttura finanziaria e PFN di Coop Coop 2035 società italiane % % Disponibilità e mezzi equivalenti ,9% Disponibilità e mezzi equivalenti ,1% Titoli circolante ,2% Titoli circolante ,9% Crediti finanziari ,9% Crediti finanziari 0,0% Attivo finanziario breve Attivo finanziario breve Prestito sociale ,5% Debiti finanziari a breve terzi ,6% Debiti finanziari a breve ,5% Debiti fin. a breve consociate ,4% Passivo finanziario a breve Passivo finanziario a breve PFN a breve PFN a breve Att. finanziarie a medio lungo Att. finanziarie a medio lungo Obbligazioni - Obbligazioni ,0% Pass. finanziarie a medio lungo Pass. finanziarie a medio lungo ,0% Totale pass. fin. a medio lungo Totale pass. fin. a medio lungo PFN a medio lungo PFN a medio lungo PFN PFN Patrimonio netto Patrimonio netto PFN - Patrimonio netto PFN - Patrimonio netto PFN - Patrimonio netto % -62,5% PFN - Patrimonio netto % -66,9% Fonte: elaborazioni proprie su dati Mediobanca / Coop: Bilanci consolidati 9 Grandi Coop + Ipercoop Sicilia + Dico 39

40 : highlights (1) è una cooperativa che opera nelle province di Reggio Emilia, Parma, Piacenza, Mantova, Brescia, Venezia, Treviso, Pordenone, Udine, Gorizia e Trieste. I soci al 31 dicembre 2013 erano ca. 629 mila di cui il 62% ca. in Emilia-Lombardia e il 38% in Friuli-Veneto Soci % Soci % Re ,0% Ve ,3% Pr ,6% Tv ,2% Pc ,7% Pn ,9% Mn ,3% Ud ,4% Bs ,0% Go ,6% 0,0% Ts ,0% Totale EL ,6% Totale FV ,4% Totale CNE I soci prestatori al 31 dicembre 2013 erano circa 120 mila ( il 19% dei soci totali ) e il Prestito Sociale era pari a milioni. La cooperativa gestisce 84 pv per una superficie di vendita di quasi 154 mila mq. Le vendite 2013 sono state pari a 908,5 mln. 40

41 : highlights (2) Le vendite vengono realizzate per il 70% in Emilia Lombardia e per il 30% in Friuli Veneto I supermercati indicono per il 57% e gli iper per il 43% N pv Mq AV Vendite 2013 /mq. Emilia Lombardia Super Iper Totale Friuli Veneto Super Iper Totale Coop Nordest Super Iper Totale N pv Mq AV Vendite 2013 Super 88% 61% 57% Iper 12% 39% 43% Totale 100% 100% 100% 41

42 : highlights (3) I principi contabili redige il bilancio individuale secondo i principi contabili civilistici IT GAAP redige invece il bilancio di consolidato di gruppo secondo i principi contabili internazionali IAS / IFRS, più stringenti, a maggiore tutela dei soci: gli investimenti immobiliari sono regolarmente valutati a fair value gli strumenti finanziari del circolante sono AFS e quindi valutati a fair value e la correzione portata a Patrimonio Netto gli strumenti finanziari immobilizzati sono valutati in larga parte come AFS l attivo finanziario viene sottoposto a stress test sui tassi e viene valutato con cadenza mensile il valore della probabilità di default secondo la metodologia delle agenzie di rating il rischio del portafoglio finanziario (VaR) viene valutato con cadenza settimanale 42

43 : highlights (4) La remunerazione del Prestito sociale Promozione giacenza: interessi riconosciuti su incremento giacenza media ** al lordo delle imposte e per ogni semestre

44 Tassi lordi prestito Coop Nordest e prodotti concorrenti Gennaio 2014 Fonte: elaborazioni proprie su dati di mercato Tasso Lordo Aliquota Ritenuta Tasso Netto Netto da spese, bolli, commissioni Prestito Sociale (nuovo libretto aperto il 1 gennaio 2014 con ) 3,64% 20% 2,91% 2,91% Buoni del Tesoro BoT 3 mesi 0,24% 12,50% 0,21% 0,00% BoT 6 mesi 0,59% 12,50% 0,52% 0,12% BoT 12 mesi 0,74% 12,50% 0,65% 0,35% Poste Italiane Libretto nom.vo ord. 0,50% 20% 0,40% 0,25% Libretto nom.vo smart (tasso base) 0,50% 20% 0,40% 0,25% Libretto nom.vo smart (tasso premiale) 1,75% 20% 1,40% 1,25% ING - Conto Arancio Tasso Base 1,00% 20% 0,80% 0,65% Vincolo 6 mesi 1,40% 20% 1,12% 0,97% Vincolo 12 mesi 1,70% 20% 1,36% 1,21% Che Banca Conto Deposito Tasso Base 0,75% 20% 0,60% 0,45% Vincolo 3 mesi 1,20% 20% 0,96% 0,81% Vincolo 6 mesi 1,70% 20% 1,36% 1,21% Vincolo 12 mesi 2,00% 20% 1,60% 1,45% Mediolanum Conto Deposito Tasso Base 1,00% 20% 0,80% 0,65% Vincolo 3 mesi 2,10% 20% 1,68% 1,53% Vincolo 6 mesi 2,15% 20% 1,72% 1,57% Vincolo 12 mesi 2,20% 20% 1,76% 1,61% 44

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Cos è una cooperativa e come si costituisce

Cos è una cooperativa e come si costituisce Cos è una cooperativa e come si costituisce SOMMARIO 1. Introduzione al mondo della cooperazione 2. La società cooperativa 3. Costituzione di una cooperativa 4. Libri e adempimenti formali della cooperativa

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Cos'è una Cooperativa e come si costituisce

Cos'è una Cooperativa e come si costituisce Cos'è una Cooperativa e come si costituisce Manuale di creazione d impresa cooperativa Realizzato da Legacoop Reggio Emilia Edizione 2005 aggiornato con il nuovo diritto societario Legacoop Reggio Emilia

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Finanza per la crescita: corporate bond e strumenti alternativi. kpmg.com/it

Finanza per la crescita: corporate bond e strumenti alternativi. kpmg.com/it Finanza per la crescita: corporate bond e strumenti alternativi kpmg.com/it Indice 1 Lo scenario di riferimento 4 2 Le opportunità del Decreto Sviluppo 2012 6 Obiettivi e finalità generali Strumenti di

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse La cooperazione italiana negli anni della crisi 2 Rapporto Euricse 1 La cooperazione italiana negli anni della crisi Secondo Rapporto Euricse Introduzione 3 Carlo Borzaga Parte 1: Il quadro generale 9

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SETTORE DELLA GDO IC43

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SETTORE DELLA GDO IC43 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SETTORE DELLA GDO IC43 PREMESSA GENERALE... 4 PRIMA PARTE I SOGGETTI E LE FORME DELLA COMPETIZIONE ORIZZONTALE NELLA GDO... 8 CAPITOLO I LA GDO: CARATTERISTICHE, FORMATI DISTRIBUTIVI

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va di Alberto Pagliarino e Nadia Lambiase Una produzione di Pop Economy Da dove allegramente vien la crisi e dove va Produzione Banca Popolare

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

BILANCIO DI ESERCIZIOO BILANCIO CONSOLIDATO 2013

BILANCIO DI ESERCIZIOO BILANCIO CONSOLIDATO 2013 BILANCIO DI ESERCIZIOO BILANCIO CONSOLIDATO 2013 Bilancio di esercizio 2013 Assemblea Generale 21 giugno 2014 Coop Consumatori Nordest Società Cooperativa Via Ragazzi del 99 n.51 42124 Reggio Emilia Codice

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

COME ENTRARE NEL MONDO DEL NON PROFIT

COME ENTRARE NEL MONDO DEL NON PROFIT COME ENTRARE NEL MONDO DEL NON PROFIT - GUIDA PRATICA - a cura di: Gruppo di studio costituito tra Agenzia delle Entrate Direzioni Regionali del Veneto e del Friuli Venezia Giulia Direzioni Provinciali

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

CONVENIENZA. PUNTO SICUREZZA. PUNTO ALTRUISMO. PUNTO DIVERTIMENTO. PUNTO SEMPLICITÀ PUNTO. LA NUOVA RACCOLTA COOP DÀ VALORE AI VALORI.

CONVENIENZA. PUNTO SICUREZZA. PUNTO ALTRUISMO. PUNTO DIVERTIMENTO. PUNTO SEMPLICITÀ PUNTO. LA NUOVA RACCOLTA COOP DÀ VALORE AI VALORI. CONVENIENZA. PUNTO SICUREZZA. PUNTO ALTRUISMO. PUNTO DIVERTIMENTO. PUNTO SEMPLICITÀ PUNTO. LA NUOVA RACCOLTA COOP DÀ VALORE AI VALORI. PUNTO E BASTA. DAL 2 NOVEMBRE 2013 AL 28 FEBBRAIO 2014 essere SoCio

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi!

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! DONARE AL VOLONTARIATO Vantaggi e opportunità per imprese e persone!l attuale normativa, dopo l approvazione anche della legge Le Organizzazioni di

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA

STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA Articolo 1 (costituzione e denominazione) È costituita con sede presso il Comune di Brugherio la Società Cooperativa denominata "Il Brugo società cooperativa

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli