Percezione visiva e design di interfacce grafiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Percezione visiva e design di interfacce grafiche"

Transcript

1 Percezione visiva e design di interfacce grafiche INDICE L occhio umano Percezione del colore Reperimento visivo Layout dell interfaccia e organizzazione percettiva Il presentation problem Percezione della profondità Illusioni ottiche e aspettative dell utente Estetica ed emozioni

2 L occhio umano L occhio umano e il percorso della luce: Cornea: la luce attraversa la cornea e raggiunge la pupilla Pupilla: attraverso dilatazione-costrizione regola la quantità di luce che può proseguire verso gli elementi interni Cristallino: attraverso i propri cambiamenti di forma (accomodazione) mette a fuoco oggetti posti a varie distanze Retina: contiene i fotorecettori

3 L occhio umano I fotorecettori: Coni: si concentrano soprattutto nella parte centrale della retina (fovea). poco sensibili alla luce Specializzati per la visione dei colori Bastoncelli: si trovano nella superficie periferica della retina Elevata sensibilità alla luce Importante: le caratteristiche dei coni dominano la visione centrale, mentre le caratteristiche dei bastoncelli la visione periferica

4 Percezione del colore Il colore può essere definito attraverso 3 parametri: La tonalità (Hue): identifica il colore percepito (es. rosso, verde, blu ) La saturazione (Saturation): determina quanto il colore è vivace La luminosità (Brightness): si riferisce all'intensità della luce prodotta, e determina quanto un colore viene percepito come scuro o chiaro Microsoft Paint Questo sistema di codifica del colore è definito HSB (Hue, Saturation, Brightness), o anche HSV (Hue, Saturation, Value).

5 Percezione del colore Teoria tricromatica La percezione del colore è funzione delle intensità relative di attivazione di tre tipi di coni sulla retina: Coni sensibili alle onde corte (alle quali appartiene il colore blu) Coni sensibili alle onde medie (giallo-verde) Coni sensibili alle onde lunghe (arancio-rosso)

6 Percezione del colore Teoria tricromatica Nell'occhio umano, i coni sensibili ad arancio-rosso sono il doppio rispetto ai coni sensibili a giallo-verde che sono il doppio rispetto ai coni sensibili al blu. Per questo motivo siamo più sensibili ai colori rosso e verde e meno al blu (vedi semaforo) Nelle interfacce: es.: buono l'uso del rosso per attrarre l'attenzione su informazioni prioritarie; non buono per uno sfondo (es. meglio il blu)

7 Percezione del colore Teoria dell'opponenza cromatica La percezione del colore è funzione di tre processi del sistema visivo, ognuno dei quali dedicato alla distinzione fra due colori opposti: Canale rosso-verde Canale blu-giallo Canale nero-bianco Teoria del processo duale Integra la teoria tricromatica e la teoria del processo duale, e vede i segnali prodotti dai tre tipi di coni sulla retina come input per i processi opponenti.

8 Percezione del colore Scegliere i colori per l'interfaccia: Colori arancio-rosso, e giallo-verde per catturare l'attenzione su informazioni importanti Colori come il blu (onde corte) per informazioni non critiche e per sfondo

9 Percezione del colore Scegliere i colori per l'interfaccia: Tener conto del DALTONISMO (inabilità nel percepire le distinzioni fra colori, più frequentemente nel canale rosso-verde, meno frequentemente nel canale blu-giallo, meno ancora in entrambi; 7-8% popolazione maschile, 0,5-1% femminile): Quindi IL COLORE DEVE ESSERE ACCOPPIATO AD UNA FONTE ALTERNATIVA DI INFORMAZIONE, BASATA AD ESEMPIO SULLA FORMA

10 Percezione del colore Scegliere i colori per l'interfaccia: Nella scelta dei colori è utile usare il DISCO CROMATICO: I colori analoghi: sono quelli adiacenti nel disco cromatico: La loro combinazione convive armoniosamente nell'interfaccia I colori complementari: sono quelli in posizione opposta: La loro combinazione permette di creare combinazioni nette e vivaci, ma Attenzione ad effetti fastidiosi come la CROMOSTEREOPSI: Human-Computer Interaction Human-Computer Interaction Human-Computer Interaction

11 Percezione del colore Scegliere i colori per l'interfaccia: Tenere conto dello SFONDO: Il sistema visivo non misura i colori in modo assoluto, è sensibile alle variazioni relative di luminosità: attenzione alle illusioni cromatiche

12 Percezione del colore Scegliere i colori per l'interfaccia: Quando il colore viene usato per codificare informazioni le Illusioni cromatiche possono essere fonte d errore: colori uguali possono sembrare diversi e viceversa. Garantire un sufficiente contrasto tra gli elementi che l utente deve esaminare facilmente: Questa riga si legge Questa meno bene

13 Reperimento visivo Processi attentivi: Processo attentivo bottom-up (o esogeno): l attenzione viene richiamata in modo involontario da stimoli ambientali (es., un elemento di un interfaccia che si mette a lampeggiare) Processo attentivo top-down (o endogeno): l attenzione viene guidata da un obiettivo volontario (es. trovare in una lista di prodotti quello più economico) L attenzione visiva ha una natura selettiva, cioè ad ogni istante esaminiamo solo una porzione limitata dell ambiente (es. la torcia) PERTANTO: Nella progettazione delle interfacce è necessario facilitare il REPERIMENTO VISIVO (i processi attentivi bottom-up e top-down) attraverso: Colore Orientamento Forma Movimento

14 Reperimento visivo L uso della FORMA Per facilitare il reperimento visivo si possono usare: Diverse forme geometriche elementari (quadrati, rettangoli, triangoli, punti, segmenti ) I singoli attributi delle diverse forme geometriche (lunghezza, larghezza, spessore, area complessiva )

15 Reperimento visivo Il reperimento visivo: È facilitato quando deve considerare una sola caratteristica È rallentato quando deve considerare l integrazione di due o più caratteristiche diverse ESEMPIO: trovare il quadrato rosso Se si impone l uso di più caratteristiche è necessario considerare attentamente quali usare per facilitare il reperimento visivo

16 Reperimento visivo LE ICONE: disegni (spesso stilizzati) atti a comunicare sinteticamente un'informazione all'utente. Icone rassomiglianti: raffigurano interamente il concetto da comunicare Icone esemplari: raffigurano una sottoparte caratteristica del concetto da comunicare Icone simboliche: raffigurano un simbolo che mira ad evocare per associazione il concetto da comunicare Icone arbitrarie: raffigurano un simbolo la cui associazione con il concetto da comunicare va appresa Ambiguità

17 Layout dell interfaccia e organizzazione percettiva Il layout: disposizione dei diversi elementi dell interfaccia nello spazio Per trasmettere visivamente all utente un organizzazione che faccia percepire come visivamente raggruppati gli elementi che sono logicamente raggruppati, il designer deve tener conto di come la percezione visiva raggruppa gli oggetti presenti in un immagine (scuola psicologica della Gestalt): Legge di prossimità: elementi spazialmente vicini tendono ad essere percepiti come raggruppati

18 Layout dell interfaccia e organizzazione percettiva Legge di prossimità Trascurare la legge di prossimità ha come conseguenze: Non far percepire i raggruppamenti logici Far percepire raggruppamenti sbagliati

19 Layout dell interfaccia e organizzazione percettiva Legge di somiglianza: elementi simili tendono ad essere percepiti come raggruppati Le cartelle (elementi logicamente raggruppati) hanno tutte la stessa forma

20 Layout dell interfaccia e organizzazione percettiva La somiglianza può essere ottenuta con: colore, forma, dimensione, orientamento e anche con l uso di elementi geometrici e decorativi che segnalino esplicitamente i raggruppamenti: I contenitori grafici di Microsoft PowerPoint L'uso del colore

21 Layout dell interfaccia e organizzazione percettiva Legge di chiusura: piccole interruzioni in una forma vengono completate in modo da percepirla come intera Legge di simmetria: regioni di spazio delimitate da confini simmetrici vengono completate in modo da essere percepite come figure coerenti ( )

22 Il presentation problem Presentation problem: l impossibilità di presentare interamente una visualizzazione in tutti i suoi dettagli a causa delle dimensioni insufficienti dello schermo (es. Mappe stradali elettroniche, programmi per l eleborazione delle immagini) SOLUZIONI TRADIZIONALI: Barre di scorrimento verticale e laterale Zoom TUTTAVIA: con questi strumenti l utente è costretto a scegliere fra: Una visione panoramica priva di dettagli Una visione di alcuni dettagli priva del contesto globale in cui si collocano

23 Il presentation problem Presentation problem: l impossibilità di presentare interamente una visualizzazione in tutti i suoi dettagli a causa delle dimensioni insufficienti dello schermo (es. Mappe stradali elettroniche, programmi per l eleborazione delle immagini) SOLUZIONI INNOVATIVE (per permettere di esaminare dettagli e contesto insieme: Focus+Context (es. fisheye view): l area focale viene visualizzata nel dettaglio, mentre le aree circostanti vengono geometricamente distorte SVANTAGGIO: le distorsioni possono confondere

24 Il presentation problem Presentation problem: l impossibilità di presentare interamente una visualizzazione in tutti i suoi dettagli a causa delle dimensioni insufficienti dello schermo (es. Mappe stradali elettroniche, programmi per l eleborazione delle immagini) SOLUZIONI INNOVATIVE (per permettere di esaminare dettagli e contesto insieme: Overview+Detail: separano la vista panoramica (overview) dalla vista dei dettagli (detail) (es. photoshop) VANTAGGIO: non distorce la visualizzazione SVANTAGGIO: si deve ragionare su Due viste separate

25 Il presentation problem Presentation problem: l impossibilità di presentare interamente una visualizzazione in tutti i suoi dettagli a causa delle dimensioni insufficienti dello schermo (es. Mappe stradali elettroniche, programmi per l eleborazione delle immagini) SOLUZIONI INNOVATIVE (per permettere di esaminare dettagli e contesto insieme: Contextual cues: sono elementi grafici posizionati verso i bordi dello schermo per fornire riferimenti visivi a oggetti che si trovano al di fuori dell area visualizzata (utili soprattutto nei dispositivi mobili)

26 Percezione della profondità L uso del 3D Il designer deve sapere che il sistema visivo percepisce la profondità attraverso indizi di profondità: Indizi monoculari: permettono di percepire la profondità anche con un occhio solo: Esempio di interfaccia desktop 3D Prospettiva lineare: es. la convergenza di due linee per rappresentare una strada che continua

27 Percezione della profondità L uso del 3D Indizi monoculari: permettono di percepire la profondità anche con un occhio solo: Prospettiva aerea: oggetti dai contorni ben marcati appariranno più vicini di oggetti dai contorni più sfumati

28 Percezione della profondità L uso del 3D Indizi monoculari: permettono di percepire la profondità anche con un occhio solo: Occlusione: un oggetto che si sovrappone parzialmente ad un altro verrà percepito come più vicino

29 Percezione della profondità L uso del 3D Indizi monoculari: permettono di percepire la profondità anche con un occhio solo: Tessitura: oggetti con texture più dettagliata appaiono più vicini

30 Percezione della profondità L uso del 3D Indizi monoculari: permettono di percepire la profondità anche con un occhio solo: Ombre: l ombreggiatura degli oggetti informa sulla loro posizione Dimensione: più un oggetto è lontano, minore sarà la porzione del campo visivo che occupa Parallasse: gli oggetti più vicini all osservatore si muovono più velocemente degli oggetti lontani

31 Percezione della profondità L uso del 3D Indizi binoculari: permettono di percepire la profondità integrando informazioni provenienti dai due occhi dell osservatore: Disparità binoculare: è la differenza fra le immagini raccolte dai due occhi Convergenza: la tendenza degli occhi a rivolgersi verso l interno per mettere a fuoco l oggetto vicino osservato GLI INDICI BINOCULARI RICHIEDONO MODALITA STEREOSCOPICHE DI VISUALIZZAZIONE Occhiali 3D Monitor autostereoscopici

32 Percezione della profondità L uso del 3D Il 3D aumenta il realismo dell ambiente raffigurato, ed è spesso fondamentale (es. nei videogiochi) TUTTAVIA: Problema della percezione delle reali dimensioni degli oggetti. Il 3D è meno opportuno nella rappresentazione dei dati; Problema delle occlusioni Se si ritiene che il 3D porti reali benefici, predisporre strumenti interattivi che aiutino a confrontare gli oggetti o a controllare il punto di vista

33 Illusioni ottiche e aspettative dell utente Illusioni: percezioni errate della realtà (ad es. possono riguardare il colore o le dimensioni degli oggetti) Ponzo Muller-Lyer Nel design delle interfacce, (soprattutto nei casi in cui gli errori possono causare rischi alla sicurezza delle persone, es. conducenti di aerei, treni, navi ) l interfaccia deve aiutare a mantenere la situation awareness Situation awareness: la corretta percezione degli elementi dell ambiente esterno, la comprensione del loro significato e la proiezione dello stato attuale nell immediato futuro

34 Estetica ed emozioni Emozioni: Crescente attenzione verso gli aspetti emozionali dell interazione persona-macchina «Gli oggetti attraenti funzionano meglio» Cit. Donald Norman Aspetti culturali: Il contesto culturale influenza aspetti quali il gradimento della scelta di colori (es. bianco o nero per il lutto), e la scelta di altri elementi grafici

Comunicazioni. Percepire per Riconoscere o per Agire sugli oggetti 14/03/2011. Corso di Psicologia Generale e dello Sport. Discriminare, Nominare

Comunicazioni. Percepire per Riconoscere o per Agire sugli oggetti 14/03/2011. Corso di Psicologia Generale e dello Sport. Discriminare, Nominare Università degli Studi di Roma Foro Italico Corso di Psicologia Generale e dello Sport Profssa. Sabrina Pitzalis Contatti: E-mail: sabrina.pitzalis@uniroma4.it Home-page: http://psicologia-uniroma4.it/sab/index.htm

Dettagli

Introduzione al Graphic Design

Introduzione al Graphic Design Introduzione al Graphic Design Principi di Design Utilizzando gli elementi formali, descritti nella prima unità didattica, nella realizzazione di una composizione grafica andremo ad applicare dei principi

Dettagli

Scuola tedesca (1912) Si contrappone all elementismo di Wundt. Analisi vs sintesi

Scuola tedesca (1912) Si contrappone all elementismo di Wundt. Analisi vs sintesi Psicologia della forma (Gestalt) Scuola tedesca (1912) Si contrappone all elementismo di Wundt Esperienza Analisi vs sintesi Gestaltisti: quando una persona guarda fuori della finestra, essa vede immediatamente

Dettagli

Cosa si intende per Visione?

Cosa si intende per Visione? La Visione Cosa si intende per Visione? Visione: Il processo di percezione degli stimoli luminosi, la funzione e la capacità di vedere [ ], visione binoculare quella dell uomo e dei vertebrati superiori

Dettagli

Circuiti e Algoritmi per la Elaborazione delle Immagini

Circuiti e Algoritmi per la Elaborazione delle Immagini G. Capizzi Circuiti e Algoritmi per la Elaborazione delle Immagini DIEES Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi Università di Catania Indice 1 Percezione delle Immagini................................

Dettagli

I percetti, lungi dall essere una copia fedele della realtà, costituiscono il prodotto di due processi: la codificazione dell informazione

I percetti, lungi dall essere una copia fedele della realtà, costituiscono il prodotto di due processi: la codificazione dell informazione La percezione La percezione è la capacità di recepire, elaborare e interpretare l informazione contenuta nello stimolo estraendone rappresentazioni organizzate, significative e utili. Lo studio della percezione

Dettagli

Programma Corso Office ECDL

Programma Corso Office ECDL Programma Corso Office ECDL FASE DI AULA PRIMA LEZIONE MICROSOFT WORD Concetti generali: Primi passi Aprire (e chiudere) Microsoft Word. Aprire uno o più documenti. Creare un nuovo documento (predefinito

Dettagli

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione PAOLO CANGIANO DISCIPLINE DELLA RICERCA PSICOLOGICO SOCIALE (Nettuno) Matricola nr 710756 RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione Aprile 2012 Indice 1. Introduzione p. 2 2. Procedura di raccolta dati

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

PROGETTARE UNA PAGINA WEB

PROGETTARE UNA PAGINA WEB PROGETTARE UNA PAGINA WEB Che differenza c è tra una grafica cartacea e una grafica per web? Nella maggior parte dei casi, quando parliamo di grafica cartacea parliamo di cartellonistica volantini, manifesti

Dettagli

4. LA CORREZIONE OFTALMICA

4. LA CORREZIONE OFTALMICA Capitolo 4 4. A COEZIOE OFTAMICA DEE AMETOPIE 1. GEEAITÀ a correzione ottica delle ametropie avviene ponendo davanti all occhio ametrope una lente correttiva di grado adeguato e nella posizione adeguata,

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali gestione e modifica di immagini fotografiche digitali il colore e le immagini la gestione delle immagini Il computer è in grado di gestire le immagini in formato digitale. Gestire vuol dire acquisirle,

Dettagli

Analisi grafica del Marchio

Analisi grafica del Marchio Analisi grafica del Marchio Un Marchio è un segno e come tale è soggetto a tutte le regole percettive di un segno visivo generico. La gestaltica, nell ambito della percezione visiva, elenca una serie di

Dettagli

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 La vista 28/3/2006

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 La vista 28/3/2006 a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 La vista 28/3/2006 Visione della luce La luce è una forma di energia elettromagnetica siamo soliti definire "luce visibile" una radiazione

Dettagli

Modelli di colore. Un tocco di blu non guasta

Modelli di colore. Un tocco di blu non guasta Modelli di colore Un tocco di blu non guasta Obiettivi Come faccio a rappresentare i colori in una immagine? Per formati immagine raster e vettoriali Come specificare che il mare della mia foto è di colore

Dettagli

Programma Corso Adobe Photoshop CS5. Cap. 1 L AREA DI LAVORO. Cap. 2 GESTIONE DELL IMMAGINE. Cap. 3 DIMENSIONE E RISOLUZIONE

Programma Corso Adobe Photoshop CS5. Cap. 1 L AREA DI LAVORO. Cap. 2 GESTIONE DELL IMMAGINE. Cap. 3 DIMENSIONE E RISOLUZIONE 1. L interfaccia 2. Creare e gestire le aree di lavoro. 3. Impostare le preferenze. 4. La modalità dello schermo. 1. Aprire i documenti. 2. Aggiungere info alle immagini. 3. Disporre le schede. 4. Disporre

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

Psicologia della Gestalt. 1. Cenni generali 2. Livelli di realtà 3. Figura e sfondo 4. Leggi di segmentazione del campo visivo 5. Il tutto e le parti

Psicologia della Gestalt. 1. Cenni generali 2. Livelli di realtà 3. Figura e sfondo 4. Leggi di segmentazione del campo visivo 5. Il tutto e le parti Psicologia della Gestalt 1. Cenni generali 2. Livelli di realtà 3. Figura e sfondo 4. Leggi di segmentazione del campo visivo 5. Il tutto e le parti 1. Cenni generali Corpo di affermazioni teoriche e di

Dettagli

LA TEORIA DEL COLORE. Colori Primari. Colori Secondari. Colori Terziari

LA TEORIA DEL COLORE. Colori Primari. Colori Secondari. Colori Terziari LA TEORIA DEL COLORE Alcune nozioni di teoria del colore sono necessarie per chi si dedica al lavoro creativo del Patchwork. Esse servono per acquisire sempre maggior sicurezza nel decidere l effetto che

Dettagli

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica 11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica a cura di Gian Piero Benente Le competenze necessarie al docente di tecnologia e informatica della scuola elementare e della

Dettagli

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Il colore viene utilizzato nelle immagini digitali per due motivi principali: è un descrittore che semplifica l identificazione di un oggetto e la sua estrazione

Dettagli

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine La Visione Artificiale La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine Copyright Alcune slide sono tratte dal testo: Digital Image Processing Materiale didattico relativo si trova

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE ANNUALE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA comprende la grammatica del 1a. Riconoscere nella realtà e nelle rappresentazioni le relazioni spaziali tra gli elementi. 1b. Distinguere la figura

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Approccio alla Multimedialità

Approccio alla Multimedialità Terza lezione Multimedialità Nel cuore della Multimedialità, le immagini Windows Paint Strumenti della barra multifunzione Risoluzione e Pixel Tools di visualizzazione, Aprire, Salvare, Acquisire, Inviare

Dettagli

USABILITÀ DEL SITO (*)

USABILITÀ DEL SITO (*) USABILITÀ DEL SITO (*) In generale un progetto software tecnicamente perfetto ma difficile da usare è destinato a non essere usato! Pertanto l'usabilità di un'applicazione software rappresenta una delle

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Utilizzo delle funzioni... 1 Utilizzo di intervalli nelle formule... 2 Riferimenti di cella e di intervallo... 5 Indirizzi assoluti, relativi e misti...

Dettagli

Noi vediamo gli oggetti, perché la luce emessa dalla sorgente arriva all oggetto e si diffonde in tutte le direzioni poi la luce che l oggetto

Noi vediamo gli oggetti, perché la luce emessa dalla sorgente arriva all oggetto e si diffonde in tutte le direzioni poi la luce che l oggetto Noi vediamo gli oggetti, perché la luce emessa dalla sorgente arriva all oggetto e si diffonde in tutte le direzioni poi la luce che l oggetto rimanda indietro arriva ai nostri occhi. Dipende da: SI PROPAGA

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 3 Cortina d Ampezzo, 4 dicembre 2008 ELABORAZIONE TESTI Grazie all impiego di programmi per l elaborazione dei testi, oggi è possibile creare documenti dall aspetto

Dettagli

Implementazione del Content Management System LP-Web di Pragma 2000 per la generazione automatica delle schede di prodotto e dei cataloghi cartacei

Implementazione del Content Management System LP-Web di Pragma 2000 per la generazione automatica delle schede di prodotto e dei cataloghi cartacei Implementazione del Content Management System LP-Web di Pragma 2000 per la generazione automatica delle schede di prodotto e dei cataloghi cartacei Premessa Pragma 2000 negli ultimi cinque anni ha sviluppato,

Dettagli

Progetto didattico Ano scolastico 2006/2007

Progetto didattico Ano scolastico 2006/2007 Classi Progetto didattico Ano scolastico 2006/2007 Insegnante: Prof. Rosario Berardi L informatica svolge ormai un ruolo decisivo nella società attuale, pertanto il suo inserimento nel processo formativo

Dettagli

Alessia NOBILE. Geomatica per la Conservazione e la Comunicazione dei Beni Culturali. Università degli Studi di Firenze

Alessia NOBILE. Geomatica per la Conservazione e la Comunicazione dei Beni Culturali. Università degli Studi di Firenze IMMAGINI PANORAMICHE E TIPI DI PROIEZIONE Alessia NOBILE Geomatica per la Conservazione e la Comunicazione dei Beni Culturali Università degli Studi di Firenze Corso di perfezionamento in Geomatica per

Dettagli

ScanGear CS-U 5.3 per CanoScan FB630U/FB636U Color Image Scanner Manuale dell utente

ScanGear CS-U 5.3 per CanoScan FB630U/FB636U Color Image Scanner Manuale dell utente ScanGear CS-U 5.3 per CanoScan FB630U/FB636U Color Image Scanner Manuale dell utente Informazioni sul copyright 1999 Canon Inc. Il presente manuale è protetto dalle leggi sul copyright, tutti i diritti

Dettagli

CORSI I principali programmi Adobe Photoshop/InDesign/Illustrator Nozioni di base

CORSI I principali programmi Adobe Photoshop/InDesign/Illustrator Nozioni di base CORSI I principali programmi Adobe Photoshop/InDesign/Illustrator Nozioni di base Interfaccia programma InDesign Comprendere il concetto dei programmi Adobe e la loro funzione Prima di tutto bisogna tener

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

3restituzione - stereoscopia

3restituzione - stereoscopia 3restituzione - stereoscopia La condizione che deve essere verificata perché si realizzi l orientamento esterno è la complanarità dei raggi omologhi Perché i raggi omologhi si intersechino devono essere

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

percezione e composizione

percezione e composizione Facoltà di Architettura di Genova Corso di laurea in Disegno Industriale Laboratorio di GRAFICA 1 a.a. 2009_10 Prof.ssa Marialinda Falcidieno Prof. Massimo Malagugini Alessandro Castellano Serena Wich

Dettagli

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA CORSO BASE DI FOTOGRAFIA La composizione fotografica Una buona composizione è la maniera più forte di vedere le cose EDWARD WESTON SCOPO DELLA COMPOSIZIONE Lo scopo della composizione è intensificare l

Dettagli

ARTE del COLORE Data: Venerdì, 15 febbraio @ 10:21:19 CET Argomento: Educazione alle Tecniche della Luce

ARTE del COLORE Data: Venerdì, 15 febbraio @ 10:21:19 CET Argomento: Educazione alle Tecniche della Luce ARTE del COLORE Data: Venerdì, 15 febbraio @ 10:21:19 CET Argomento: Educazione alle Tecniche della Luce I colori primari Il disco di Newton L'armonia I colori complementari I colori secondari I colori

Dettagli

Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base

Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base Prof. Orlando De Pietro Programma L' hardware Computer multiutente e personal computer Architettura convenzionale di un calcolatore L unità centrale

Dettagli

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP)

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP) Le diverse componenti HARDWARE, pur opportunamente connesse ed alimentate dalla corrette elettrica, non sono in grado, di per sé, di elaborare, trasformare e trasmettere le informazioni. Per il funzionamento

Dettagli

PRINCIPI DI PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB

PRINCIPI DI PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB PRINCIPI DI PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB Area di specializzazione Esperto in DTP e Web graphic design Anno scolastico 2006/2007 Prof. ALDO GORLA PRINCIPI DI PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB Progettare in base

Dettagli

OCCHI E GUIDA SICURA. Relazione presentata al congresso AIOrAO Piemonte il 9/6/2012 a Torino

OCCHI E GUIDA SICURA. Relazione presentata al congresso AIOrAO Piemonte il 9/6/2012 a Torino OCCHI E GUIDA SICURA Relazione presentata al congresso AIOrAO Piemonte il 9/6/2012 a Torino L 11 gennaio 2011 è entrato in vigore il Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 30 novembre

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO. Teoria

PROGRAMMA DEL CORSO. Teoria CORSO DI LAUREA in BIOLOGIA PROGRAMMA DEL CORSO INTRODUZONE ALL INFORMATICA A.A. 2014-15 Docente: Annamaria Bria Esercitatori: Salvatore Ielpa Barbara Nardi PROGRAMMA DEL CORSO Teoria 1. Cosa si intende

Dettagli

MANUALE D USO DEL LOGO. Comunità della Valle di Sole

MANUALE D USO DEL LOGO. Comunità della Valle di Sole MANUALE D USO DEL LOGO CONTENUTI Struttura del logo Significato del logo Il presente manuale espone le linee guida per l utilizzo del logo della. Potrebbero comunuqe sopraggiungere alcune situazioni in

Dettagli

Corso di Grafica Computazionale

Corso di Grafica Computazionale Corso di Grafica Computazionale Premesse Teoriche Docente: Massimiliano Corsini Laurea Specialistica in Ing. Informatica Università degli Studi di Siena Overview Premesse Teoriche Mini-ripasso geometria

Dettagli

GLI ASPETTI PSICOLOGICI DELLA VISIONE

GLI ASPETTI PSICOLOGICI DELLA VISIONE GLI ASPETTI PSICOLOGICI DELLA VISIONE Molto importante è il ruolo della memoria (cultura visiva ed esperienze percettive vissute in precedenza) nella comprensione dell'immagine. Questa facoltà della nostra

Dettagli

La LIM a proiezione frontale si serve di un proiettore che può essere posizionato su uno stativo. ... o fissato sul soffitto

La LIM a proiezione frontale si serve di un proiettore che può essere posizionato su uno stativo. ... o fissato sul soffitto La Lavagna Multimediale Interattiva è una periferica del computer. Allo stato dell arte della tecnologia disponibile sul mercato, la Lavagna Interattiva Multimediale è una periferica del personal computer.

Dettagli

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DELLE IMMAGINI Teoria e pratica La digitalizzazione La digitalizzazione di oggetti legati a fenomeni di tipo analogico, avviene attraverso due parametri fondamentali: Il numero

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

Lezione 1: Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione - Hardware

Lezione 1: Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione - Hardware Lezione 1: Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione - Hardware 1.0 Terminologia di base 2.0 Tipi di computer 3.0 Componenti di base di un personal computer 4.0 Hardware

Dettagli

IL SEGNO SCRITTO LABORATORIO DI COMUNICAZIONE VISIVA PER IL TERRITORIO

IL SEGNO SCRITTO LABORATORIO DI COMUNICAZIONE VISIVA PER IL TERRITORIO IL SEGNO SCRITTO Fin dall antichità l uomo ha comunicato con i suoi simili. Alcuni studiosi fanno addirittura iniziare la storia dell umanità dalla comparsa della scrittura. Tuttavia, anche i nostri antenati

Dettagli

Modulo 4 Strumenti di presentazione

Modulo 4 Strumenti di presentazione Modulo 4 Strumenti di presentazione Scopo del modulo è mettere l allievo in grado di: o descrivere le funzionalità di un software per generare presentazioni. o utilizzare gli strumenti standard per creare

Dettagli

La creazione e l apertura dei disegni

La creazione e l apertura dei disegni Capitolo 3 La creazione e l apertura dei disegni Per lavorare con efficienza è importante memorizzare i documenti in modo da poterli ritrovare facilmente. È indispensabile, inoltre, disporre di modelli

Dettagli

Adobe Photoshop Prof. Filippo Stanco

Adobe Photoshop Prof. Filippo Stanco Adobe Photoshop 1 Introduzione Adobe Photoshop è uno strumento software standard di elaborazione delle immagini. Photoshop permette di operare su immagini bitmap digitalizzate (ovvero immagini a tono continuo

Dettagli

EYE TRACKING TOBII 1750 I MOVIMENTI OCULARI

EYE TRACKING TOBII 1750 I MOVIMENTI OCULARI EYE TRACKING TOBII 1750 I MOVIMENTI OCULARI I movimenti oculari! I movimenti oculari sono i movimenti umani più frequenti (Bridgeman, 1992)! Tutti gli animali che hanno sviluppato un sistema visivo controllano

Dettagli

n L ambiente di lavoro

n L ambiente di lavoro n L ambiente di lavoro n Usare Cabri n Comprendere Cabri n L ambiente di lavoro 1 Che cosa è Cabri Il programma Cabri* è stato sviluppato da Jean-Marie Laborde e Franck Bellemain presso l Institut d Informatique

Dettagli

Manuale LIM Hitachi FX77- PARTE 1

Manuale LIM Hitachi FX77- PARTE 1 Manuale LIM Hitachi FX77- PARTE 1 Sommario Che cos'è StarBoard Software?... 2 Elementi dello schermo... 2 Guida rapida all'avvio... 3 Selezione di una modalità... 5 Disegno... 6 Disegno con gli strumenti

Dettagli

Argomenti Microsoft Word

Argomenti Microsoft Word Argomenti Microsoft Word Primi passi con un elaboratore di testi Aprire un programma d elaborazione testi. Aprire un documento esistente, fare delle modifiche e salvare. Creare un nuovo documento e salvarlo.

Dettagli

Le immagini digitali: introduzione

Le immagini digitali: introduzione Le immagini digitali: introduzione 1 L immagine digitale Un immagine pittorica è compsta da milioni di pigmenti colorati molto piccoli che, messi vicino l uno all altro, danno l impressione dei vari oggetti.

Dettagli

WNSOFT. PixBuilder. Versione 2.2 MANUALE UTENTE. Traduzione Carmelo Battaglia

WNSOFT. PixBuilder. Versione 2.2 MANUALE UTENTE. Traduzione Carmelo Battaglia WNSOFT PixBuilder Versione 2.2 MANUALE UTENTE Traduzione Carmelo Battaglia 2012 INDICE Introduzione 3 Caratteristiche 4 I livelli 5 Il Pannello Livelli 6 Raggruppare i livelli 8 Opzione "Come selezione"

Dettagli

Modulo 4 Elaborazione dati con il foglio elettronico Microsoft Excel. Modulo 5 La presentazione di un elaborato con Microsoft PowerPoint

Modulo 4 Elaborazione dati con il foglio elettronico Microsoft Excel. Modulo 5 La presentazione di un elaborato con Microsoft PowerPoint Programma del corso di: Laboratorio di Informatica Docente: Dott. Paolo Porto N CFU: 3 Anno Accademico: 2009-2010 Propedeuticità: nessuna Frequenza: consigliata Modalità di svolgimento dell esame: orale

Dettagli

Manuale Color Tester

Manuale Color Tester Manuale Color Tester Ver. 1.60 Indice: Premessa... 1 Colori ed Accessibilità... 2 W3C Color Contrast Algorithm... 3 Tecniche di Verifica... 4 Color Tester Tutorial... 5 Premessa Questo documento è prodotto

Dettagli

Estrazione di informazione 3D da un immagine

Estrazione di informazione 3D da un immagine Sommario Introduzione Percezione Formazione delle immagini Elaborazione delle immagini a basso livello Estrazione di informazione 3D da un immagine Riconoscimento di oggetti Manipolazione e navigazione

Dettagli

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Esercitazione dott. Davide Massidda D1. Qual è lo scopo delle tecniche di analisi fattoriale applicate ai test psicologici? Qual è la differenza tra

Dettagli

Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso

Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso Mod. 50 Rev. 0 01.09.2011 Documento PROGRAMMA SVOLTO Disciplina COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE Anno scolastico 2011-2012 Libro di testo Linguaggi

Dettagli

Salva: per salvare le slide Workspace nel formato nativo con estensione GWB nella cartella predefinita

Salva: per salvare le slide Workspace nel formato nativo con estensione GWB nella cartella predefinita Workspace menu FILE Nuovo : creare un nuovo file Workspace Apri : aprire un file Workspace Salva: per salvare le slide Workspace nel formato nativo con estensione GWB nella cartella predefinita Salva con

Dettagli

SOMMARIO IL SISTEMA OPERATIVO WINDOWS... 1 LE FINESTRE... 3

SOMMARIO IL SISTEMA OPERATIVO WINDOWS... 1 LE FINESTRE... 3 Corso per iill conseguiimento delllla ECDL ((Paatteenttee Eurropeeaa dii Guiidaa deell Computteerr)) Modullo 2 Geessttiionee ffiillee ee ccaarrtteellllee Diisspenssa diidattttiica A curra dell ssiig..

Dettagli

Componenti multimediali per il Web. Modulo 14

Componenti multimediali per il Web. Modulo 14 Componenti multimediali per il Web Modulo 14 Obiettivi Valutare e usare strumenti di utilità e produzione grafica anche animata per inserire e modificare componenti multimediali (immagini, immagini animate,

Dettagli

The Free Interactive Whiteboard Software

The Free Interactive Whiteboard Software The Free Interactive Whiteboard Software Per eseguire il Download del Software Digita nella barra di Google l indirizzo Una finestra di dialogo ti chiederà di inserire i tuoi dati personali Scegli il sistema

Dettagli

Concetti Fondamentali

Concetti Fondamentali EXCEL Modulo 1 Concetti Fondamentali Excel è un applicazione che si può utilizzare per: Creare un foglio elettronico; costruire database; Disegnare grafici; Cos è un Foglio Elettronico? Un enorme foglio

Dettagli

Creazione di lavori realistici con il riempimento a reticolo

Creazione di lavori realistici con il riempimento a reticolo Creazione di lavori realistici con il riempimento a reticolo Ariel Garaza Díaz Nato a Montevideo, Uruguay, Ariel vive e lavora in Spagna a Madrid. È designer professionista sin dal 1980 e utente di Corel

Dettagli

Corso di Visione Artificiale. Stereopsi. Samuel Rota Bulò

Corso di Visione Artificiale. Stereopsi. Samuel Rota Bulò Corso di Visione Artificiale Stereopsi Samuel Rota Bulò Introduzione La stereopsi è il processo di inferenza della struttura 3D da una coppia di immagini di una stessa scena catturate da posizioni diverse.

Dettagli

Tecniche di buona progettazione di pagine web

Tecniche di buona progettazione di pagine web Tecniche di buona progettazione di pagine web Antonio Lioy < lioy@polito.it > Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Quali font scegliere? non usare mai più di 3 o 4 font diversi per pagina

Dettagli

Daniele Marini. Dispositivi di uscita e videotecnologia

Daniele Marini. Dispositivi di uscita e videotecnologia Daniele Marini Dispositivi di uscita e videotecnologia Introduzione La tecnologia più diffusa, dopo quella Crt (Cathode Ray Tube), è oggi la Lcd (Liquid Crystal Display). Impiegata, in particolare nei

Dettagli

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI.

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI. Teoria del colore La teoria dei colori Gli oggetti e gli ambienti che ci circondano sono in gran parte colorati. Ciò dipende dal fatto che la luce si diffonde attraverso onde di diversa lunghezza: ad ogni

Dettagli

Foto di CoffeeGeek, Flickr. Slide e dintorni. materiale didattico sul corso di Impress a cura di Sonia Montegiove. 1 di 21

Foto di CoffeeGeek, Flickr. Slide e dintorni. materiale didattico sul corso di Impress a cura di Sonia Montegiove. 1 di 21 Foto di CoffeeGeek, Flickr Slide e dintorni materiale didattico sul corso di Impress a cura di Sonia Montegiove 1 di 21 10 regole da rispettare per fare una presentazione Non usare caratteri piccoli e

Dettagli

Appunti di Laboratorio di Informatica

Appunti di Laboratorio di Informatica 1 Appunti di Laboratorio di Informatica L'elaboratore elettronico e il sistema operativo 1 COSA SI IMPARA IN QUESTO MODULO: Come è costituito un elaboratore Cosa è un sistema operativo Come si interagisce

Dettagli

L interfaccia di Microsoft Word 2007

L interfaccia di Microsoft Word 2007 L interfaccia di Microsoft Word 2007 Microsoft Word 2007 è un Word Processor, ovvero un programma di trattamento testi. La novità di questa versione riguarda la barra multifunzione, nella quale i comandi

Dettagli

RE/A2 PREMESSA... 2 PROCEDURE E METODOLOGIA... 2 IL CERCHIO DEI COLORI NCS E IL SISTEMA DI CODIFICA... 3 TABELLE DI RIFERIMENTO...

RE/A2 PREMESSA... 2 PROCEDURE E METODOLOGIA... 2 IL CERCHIO DEI COLORI NCS E IL SISTEMA DI CODIFICA... 3 TABELLE DI RIFERIMENTO... OTTOBRE 2014 RE/A2 ALLEGATO TABELLA DEI COLORI PREMESSA... 2 PROCEDURE E METODOLOGIA... 2 IL CERCHIO DEI COLORI NCS E IL SISTEMA DI CODIFICA... 3 TABELLE DI RIFERIMENTO... 5 1 COMUNE DI TRIBIANO PROVINCIA

Dettagli

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino -

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino - Capitolo3 LAVORARE CON LE IMMAGINI E certo che l impatto visivo in un sito internet è molto importante ma è bene tenere presente che immagini e fotografie, pur arricchendo la struttura grafica di un web,

Dettagli

sommario 01 I fondamentali e l interfaccia di base 1 03 Apertura, creazione e salvataggio di disegni 27 04 Strumenti di ausilio al disegno 43

sommario 01 I fondamentali e l interfaccia di base 1 03 Apertura, creazione e salvataggio di disegni 27 04 Strumenti di ausilio al disegno 43 sommario 01 I fondamentali e l interfaccia di base 1 AutoCAD, AutoCAD per Mac, e 1 L avvio di AutoCAD 2 I primi cenni sull interfaccia 2 L area di disegno 5 Il cursore grafico 5 L icona del sistema di

Dettagli

Costruirsi un cannocchiale galileiano

Costruirsi un cannocchiale galileiano Costruirsi un cannocchiale galileiano I. INFORMAZIONI PRELIMINARI - IL PRINCIPIO OTTICO Un cannocchiale galileiano impiega due sole lenti. La lente obbiettiva è convergente (piano-convessa), la lente oculare

Dettagli

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo Luce e acqua La fotografia subacquea Ora cercheremo di comprendere come la luce, elemento fondamentale per la fotografia, si comporta in ambiente acquoso e quali sono le sue differenze con il comportamento

Dettagli

Microsoft Word Nozioni di base

Microsoft Word Nozioni di base Corso di Introduzione all Informatica Microsoft Word Nozioni di base Esercitatore: Fabio Palopoli SOMMARIO Esercitazione n. 1 Introduzione L interfaccia di Word Gli strumenti di Microsoft Draw La guida

Dettagli

Ricomposizione virtuale assistita di affreschi frammentati Giovanni Attolico

Ricomposizione virtuale assistita di affreschi frammentati Giovanni Attolico Ricomposizione virtuale assistita di affreschi frammentati Giovanni Attolico La vela del S. Matteo di Cimabue della Basilica Superiore di San Francesco in Assisi, che copriva una superficie di circa 35

Dettagli

APPUNTI PER L OTTIMIZZAZIONE DEI DISPLAY LCD

APPUNTI PER L OTTIMIZZAZIONE DEI DISPLAY LCD Circolo Fotografico Borgosesia Via Angelo Ottone n 42/44-13011 Borgosesia (VC) www.fotoborgosesia.it presenta APPUNTI PER L OTTIMIZZAZIONE DEI DISPLAY LCD PER UNA MIGLIORE VISUALIZZAZIONE IN FOTORITOCCO

Dettagli

Guida rapida all uso del software LuxiBoard 3.0

Guida rapida all uso del software LuxiBoard 3.0 L avagna I nterattiva M ultimediale Guida rapida all uso del software LuxiBoard 3.0 1. Barra degli strumenti principale La barra principale raggruppa gli strumenti utilizzati più frequentemente. È possibile

Dettagli

Informatica 1 Lezione 1

Informatica 1 Lezione 1 Informatica 1 Lezione 1 Concetti base: Hardware È l insieme delle parti fisiche, elettroniche e meccaniche che compongono il computer, quali il chip, il mouse, il lettore CDROM, il monitor, le schede,

Dettagli

Compilatore risorse display grafico LCD serie IEC-line

Compilatore risorse display grafico LCD serie IEC-line Compilatore risorse display grafico LCD serie IEC-line aggiornamento: 22-11-2012 IEC-line by OVERDIGIT overdigit.com 1. Il display grafico LCD I PLC della serie IPC-line possono disporre opzionalmente

Dettagli

Guida alla personalizzazione Istruzioni per adattare il computer alle esigenze dei disabili visivi

Guida alla personalizzazione Istruzioni per adattare il computer alle esigenze dei disabili visivi Guida alla personalizzazione Istruzioni per adattare il computer alle esigenze dei disabili visivi Aggiornamento 2008 Indice Introduzione... 2 La definizione dello schermo... 3 Scegliere la definizione

Dettagli

Qualità, Usabilità e Accessibilità

Qualità, Usabilità e Accessibilità Qualità e usabilità (II) Lezione del corso di Interazione Uomo Macchina I Laurea in Informatica AA 2004-2005 Mele Francesco Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto di Cibernetica Università di Napoli

Dettagli

Manuale d istruzioni My Custom Design

Manuale d istruzioni My Custom Design Manuale d istruzioni My Custom Design Leggere questo documento prima di utilizzare la macchina. Si consiglia di conservare questo documento nelle vicinanze per un eventuale riferimento futuro. Introduzione

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE

Dettagli