CARPE DIEM UNA SCUOLA TANTI PROGETTI. ANNO XIX N 1 novembre 2012 CARPE DIEM ANNO XIX RIENTRO ALLA GRANDE. Numero 1: 28 pagine!!!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARPE DIEM UNA SCUOLA TANTI PROGETTI. ANNO XIX N 1 novembre 2012 CARPE DIEM ANNO XIX RIENTRO ALLA GRANDE. Numero 1: 28 pagine!!!"

Transcript

1 CARPE DIEM Cogli l attimo Il giornalino del Plesso Nievo ANNO XIX N 1 novembre 2012 UNA SCUOLA TANTI PROGETTI Nonostante la crisi e i tagli la nostra scuola continua a formare cittadini responsabili, tolleranti e solidali aderendo a numerose iniziative e proposte. FACE TO FAITH, promosso dalla fondazione dell'ex Primo Ministro inglese Tony Blair. Si tratta di un ampio progetto educativo rivolto ai giovani tra i 12 e i 17 anni, che coinvolge gli studenti di diciannove paesi, tra cui U.S.A., Australia, India, Giordania, Libano, Kosovo, Ucraina ed Italia. (pag 2) SAVE THE CHILDREN Attività che serve a risvegliare la coscienza delle persone che non hanno rispetto per i meno fortunati. Invece si può fare qualcosa fin da quando siamo bambini a donare anche solo 2 euro per salvare un bambino come noi. (pag. 3) LA PROTEZIONE CIVILE, UNA DIMOSTRAZIONE di CIVILTA ; tende e unità cinofile nel cortile della scuola. (pag. 4) MERCATINO di NATALE, 12 e 13 dicembre 2012 E nei prossimi numeri CARPE DIEM ANNO XIX RIENTRO ALLA GRANDE Numero 1: 28 pagine!!! Grazie a tutti gli alunni, e non, che hanno collaborato per questo strepitoso inizio. Ricordiamo che gli articoli per essere pubblicati, devono recare il nome degli autori, che possono poi scegliere di rimanere anonimi. Inoltre è necessario limitare i contributi ad una sola pagina di testo, altrimenti sarà necessario fare degli spiacevoli tagli o, peggio ancora non pubblicare alcuni articoli. Continuate a leggere e a scrivere per il Vostro storico e irripetibile giornalino scolastico. La Redazione LABORATORIO SUL PENSIERO CRITICO, la filosofia spiegata ai ragazzi, un metodo per sviluppare tecniche di apprendimento e ragionamento. LA SCUOLA ADOTTA UN MONUMENTO, per conoscere, vivere ed apprezzare il territorio e la città in cui viviamo. A PASSO DI RESISTENZA anno secondo si chiamerà RESISTENTISSIMA, le nostre classi terze occuperanno, l ex rifugio antiaereo del Monte dei Cappuccini. ULTIMI GIORNI PER LA RACCOLTA di MATERIALE SCOLASTICO In favore degli scolari emiliani colpiti dal terremoto e del progetto UNICEF. RIEMPITE DI GENEROSITA I CONTENITORI NELL ATRIO!!!

2 progetto convivenza civile Un progetto speciale nella nostra scuola La nostra classe quest'anno, con la 3 E del plesso Nievo, partecipa al progetto internazionale Face to Faith, promosso dalla fondazione dell'ex Primo Ministro inglese Tony Blair. Si tratta di un ampio progetto educativo rivolto ai giovani tra i 12 e i 17 anni, che coinvolge gli studenti di diciannove paesi, tra cui U.S.A., Australia, India, Giordania, Libano, Kosovo, Ucraina ed Italia. Obiettivo del progetto è educare le generazioni del ventunesimo secolo a vivere in modo multietnico, fornendo le competenze (collaborazione, ascolto attivo, apprendimento cooperativo, dibattito e pensiero critico) per un dialogo interculturale ed interreligioso che permettano il confronto su argomenti come diritti dell'uomo, ambiente, fede e religione. I principi di Face to Faith si racchiudono nella parola Respect, alla base di qualsiasi convivenza civile. R= rispetto per reciproche convinzioni, valori, atteggiamenti e religioni E= educazione perché la conoscenza crei comprensione S= sicurezza, in un ambiente protetto ci si confronta con maggior fiducia P= prospettiva, per comprendere bisogna allargare i propri orizzonti E= empatia per vedere il mondo con gli occhi altrui e magari sembrerà più bello C= celebrazione, siam tutti speciali nella nostra unicità T= tolleranza, mente e cuore aperti permettono di esplorare grandi idee. Le attività previste ci permetteranno anche di fare valutazioni sulle informazioni che si trovano in internet, sui condizionamenti dovuti all'ambiente e ai mezzi di comunicazione, discutere sulla fede, far parte di una cittadinanza mondiale rispettosa delle differenze come ha detto Tony Blair. La fase finale consisterà in una videoconferenza, attraverso Skype, in cui ci scambieremo, in inglese, opinioni e punti di vista con una classe di un altro paese. Noi della 3 F abbiamo cominciato a lavorare all'inizio del mese di ottobre e ci è stata assegnata una password personale per accedere direttamente al sito del progetto. Con la professoressa di religione abbiamo discusso sul significato di Fede, cominciato a lavorare sull'importanza del dialogo e sui principi fondamentali per riuscire a tenere una conversazione o entrare in Empatia con persone di cultura o religione diversa. Con la professoressa di Italiano stiamo facendo un interessante lavoro di cultura e geografia. Abbiamo analizzato le religioni presenti nel mondo, la loro storia, i principi fondamentali, i testi sacri, le loro caratteristiche e altro. Inoltre ci siamo informati sui conflitti e le guerre di religione del ventesimo secolo. Troviamo questo progetto molto interessante e coinvolgente. Vi terremo informati. 2 Classe III F

3 progetto solidarietà SAVE THE CHILDREN Venerdì 19 ottobre insieme ad un paio di classi delle scuole Nievo e Matteotti ci siamo ritrovati in piazza San Carlo per far sentire le nostre voci in favore del progetto Save The Children. Alcuni animatori dell associazione ci aspettavano per proporci delle attività. Ci hanno smistato in 4 gruppi in cui erano presenti anche ragazzi della Matteotti. Abbiamo praticato diversi giochi a cui corrispondeva un problema come lo spreco, la malnutrizione e l'urgenza. Nel gioco che simboleggiava l'urgenza, consisteva in un gioco dove noi potevamo capire quanto si possono aiutare i bambini. Si prendevano delle palline blu che significavano acqua pulita e dovevamo togliere le zanzare da un bimbo disegnato e fare una smile face che voleva dire che avevamo salvato un bambino. In quello sulla malnutrizione un bambino veniva bendato e gli altri lo guidavano verso delle ciotole con dentro dei materiali che rappresentavano alcuni elementi nutrizionali. L'ultimo gioco dimostrava lo spreco. I volontari dell'associazione ci hanno divisi in 2 gruppi: i consumatori e i produttori. Un gruppo aveva tanti consumatori che prendevano la spazzatura e la portavano dai raccoglitori che la tenevano in mano; l'altro gruppo aveva tanti raccoglitori e pochi consumatori! Il fine era quello di far notare che chi ha tanti consumatori e pochi raccoglitori spreca di più mentre il caso contrario fa notare come non ci sia spreco. Questi giochi ci hanno insegnato in modo divertente il significato di queste parole e il problema che rappresentano nel terzo mondo. Abbiamo imparato che non tutti i bambini del mondo sono fortunati come noi che viviamo in Italia. Magari qualcuno non ha acqua, o chi ne ha ce l'ha sporca. Alcuni bambini vengono obbligati a fare lavori troppo duri, o non hanno una casa. Tutti i bambini hanno il diritto di poter mangiare sano e bere acqua pulita, se stanno male devono avere le medicine. Inoltre devono poter giocare e andare a scuola. Io spero che prima o poi il mondo cambi e tutti i bambini possano avere questi diritti. Abbiamo anche capito quanto cibo noi sprechiamo e quanto poco cibo ci sia in altri paesi. Questa gita mi è piaciuta e ho capito che possiamo fare sempre qualcosa per chi ne ha bisogno. Questa nostra presenza serve per fare capire alle persone di come si vive in paesi come l Africa dove si può morire per un raffreddore. Abbiamo contribuito con la nostra presenza a risvegliare la coscienza delle persone che non hanno rispetto per i meno fortunati. Invece si può fare qualcosa fin da quando siamo bambini a donare anche solo 2 euro per salvare un bambino come noi. Gli animatori hanno dato a ognuno di noi un palloncino che abbiamo appeso sui tre totem presenti nella piazza. L'associazione SAVE THE CHILDREN ci ha fatto capire che è importante non sprecare nulla di quello che abbiamo. D ora in poi ci penseremo. Gregorio Comerro, Bianca Palici di Suni, Nicola Bernardini, Filippo Tagna, Umberto Padovano, Edoardo Vigo, Cecilia Durante, Francesco Cavallini 1C 3

4 progett0 sicurezza LA PROTEZIONE CIVILE, UNA DIMOSTRAZIONE di CIVILTA Ad ottobre, tutte le classi prime hanno assistito ad una dimostrazione della Protezione Civile svolta presso il cortile della nostra scuola. Alcuni volontari ci hanno mostrato come si monta una tenda in casi di emergenza come è accaduto in occasione dei terremoti che si sono verificati in Emilia Romagna e in Abruzzo. La tenda che è stata montata nel cortile della scuola può ospitare sei persone ma anche 8, 12 o 14 quando si ha bisogno di dimensioni più grandi. In seguito abbiamo avuto la possibilità di entrare dentro la tenda e di porre delle domande ad esempio per casi particolari come con persone claustrofobiche; ci hanno risposto che in questi casi cercano sempre di posizionare le loro brandine il più vicino possibile all uscita. In Italia la Protezione Civile è composta solamente da persone volontarie a differenza dell America. Ci siamo poi recati verso l unità mobile da cui si potevano sentire le comunicazioni che giungono dal centro operativo della Protezione. In seguito ci hanno mostrato che sulla parte superiore del camper c è una videocamera che mostra tutto ciò che accade all esterno. Il camper è diviso in due parti; in una si svolgono le riunioni, nell altra sono controllate le comunicazioni via radio e la videocamera. Penso che sia molto importante il lavoro che svolgono questi uomini, perché senza il loro aiuto e le loro prestazioni, nelle situazioni più gravi di emergenza, come alluvioni, terremoti, inondazioni non ci sarebbero aiuti adeguati e soprattutto veloci. Un grazie di cuore alla Protezione Civile! La Protezione Civile Chiara Terrone 1C Le Tende Un gruppo di volontari, coordinato da un istruttore, ha rapidamente montato, in mezz'ora, con dei pali una tenda capace di ospitare 6 persone. La tenda aveva due grandi ingressi sigillati da una chiusura lampo chiudibile. Aveva anche quattro finestre dotate di zanzariera. Per ripararsi dalla pioggia era stato aggiunto un strato di tessuto impermeabile e per ripararsi dall' freddo erano previsti due fori da cui far passare un tubo di scarico dell'eventuale stufa. All'interno della tenda per una migliore protezione dalle intemperie era stata montata una seconda tenda. Dopo invece, ci hanno fatto vedere l unita mobile. C era di tutto: i computer,la stampante e un contatore di luce. Sopra questo camper c era una antenna parabolica e una telecamera. Un vero e proprio ufficio. I Cinofili Il lunedì successivo sono venuti dei volontari delle unità di Cinofile (amici dei cani). I cani, Pastori Tedeschi erano 4 e si sono esibiti in numerosi esercizi guidati dai loro istruttori. Un cane di nome Argo come il cani di Ulisse, è stato,secondo me, il più bravo: si è sdraiato per terra quando l'istruttore ha fatto finto di colpirlo con una pistola e ha saltato meravigliosamente nei cerchi di fuoco. Per dare un premio ha questi cani avevano una pallina che gli lanciavano. Però il cane più giovane non voleva dargliela più. Alla fine dell esibizione hanno fatto una scenetta dove un istruttore faceva finta di essere un delinquente e il cane lo mordeva. Tutta l'esibizione è stata una esperienza nuova ed entusiasmante!!!!!! Classe I C

5 a proposito di Nelle nostre classi sentiamo sempre più spesso parlare di DSA o di Disturbi Specifici di Apprendimento. Quasi tutti i ragazzi hanno dei compagni che in forma più o meno accentuata presentano questi problemi e quindi hanno delle difficoltà nello svolgere alcune attività scolastiche. Ma cosa sono questi DSA? Dislessia = difficoltà nella lettura e nella comprensione del testo. Disgrafia = difficoltà nella riproduzione di segni alfabetici e numerici. Disortografia = difficoltà della scrittura che non rispetta le regole di trasformazione del linguaggio parlato in linguaggio scritto. Discalculia = difficoltà nelle abilità di calcolo numeriche e aritmetiche. Disprassia = è un disturbo che riguarda la coordinazione e il movimento e che può comportare problemi anche nel linguaggio. Si tratta di difficoltà nell'apprendimento di alcune abilità specifiche come, ad esempio, la lettura, la scrittura e il far di conto, che non permettono una completa autosufficienza nell'apprendimento. I disturbi specifici di apprendimento si verificano in soggetti che hanno intelligenza nella norma o anche superiore, con caratteristiche fisiche e mentali nella norma e con normale capacità di imparare. Si possono guarire o migliorare i DSA? Se i disturbi specifici di apprendimento vengono diagnosticati precocemente, tipo in seconda o terza elementare, è possibile seguire un percorso riabilitativo con logopedisti e psicomotricisti che permette un recupero anche ottimo di molti casi. I Disturbi Specifici di Apprendimento: una realtà da conoscere meglio Purtroppo troppo spesso le maestre della scuola elementare non sono preparate per riconoscere i sintomi di questi disturbi e quindi i bambini si trascinano per anni attraverso un percorso scolastico faticoso, deludente e mortificante. Per fortuna la nostra scuola è conosciuta per essere una struttura molto aggiornata e molto attenta ai problemi di questi ragazzi ed è in grado di fornire insegnanti preparati e tutti i supporti e gli strumenti compensativi adatti. Infatti, se riconosciuti ed aiutati correttamente, i ragazzi con DSA possono affrontare i normali programmi scolastici imparando tutto quello che apprendono i compagni e in molti casi compensare con ottimi risultati le proprie difficoltà. Però è importante lavorare su queste problematiche: bisogna aiutare i ragazzi a costruire un percorso di apprendimento su misura, che sarà sicuramente molto impegnativo per loro e anche per le famiglie. E un errore che comprometterà tutto il lavoro di formazione del ragazzo sfruttare la difficoltà come alibi per scarsi risultati, a volte determinati da poco impegno. L individuazione del problema di apprendimento e la realistica comprensione del percorso di studio più adatto da seguire devono essere un punto partenza concreto e positivo verso il massimo miglioramento possibile, non un limite invalicabile. Pensate che studiando i DSA, si è scoperto che molti personaggi famosi, alcuni dei quali ritenuti addirittura dei geni, erano affetti da disturbi di apprendimento, perché se n è trovata chiara traccia nei loro lavori: Leonardo da Vinci, Isaac Newton, Albert Einstein, Napoleone Bonaparte, Winston Churchill, Pablo Picasso, John F. Kennedy, Ingvar Kamprad (fondatore di Ikea) e molti molti altri.nalla fine di questa sintetica spiegazione, riporto alcune righe trovate per caso leggendo, scritte da una mamma di un bambino disprassico, che sono state lo spunto per la stesura di tutto quanto avete letto e che meglio di ogni altra parola descrivono questo tipo di difficoltà ed il mondo meraviglioso che è dentro ogni bambino. M.L.S. 6

6 a proposito di IL MIO PICCOLO EROE Ho lottato ogni mio istante. C è una goccia di sangue e sudore su ogni riga che ho tracciato su ogni lettera che ho letto. C è un mondo dentro di me che prepotente chiede di uscire ma la mia porta è piccina e tutto si aggroviglia. Desidero con tutte le mie forze correre e volare con la facilità degli altri bimbi, ma i miei piedi inciampano e mi ingarbugliano la vita. Sono un guerriero instancabile ho conquistato ogni mio gesto. In un mondo di righe dritte e perfette io navigo a zig zag suonando una melodia meravigliosa con strumenti invisibili a chi non sa capirmi. Sono la sfera che da piccolo cercavo ostinatamente di infilare nel posto del cubo. Sono il gessetto che scivola dalle mani quando tento di scrivere bene. Sono la bici che ondeggia forte sotto le mie pedalate, ma non cade. Sono le parole che non riesco a dire i gesti che non riesco a fare. Sono l armonia non riconosciuta la ricetta nuova mai sperimentata. Sono il mondo nuovo da scoprire la favola da inventare. Sono tutto ciò che c è di diverso da te ma non sono io che stono semplicemente intono un canto che tu non sai ascoltare (Marzia Z.) IL MONDO E UN CALZINO PUZZOLENTE Il mondo è un calzino puzzolente,ma se trovi qualcuno di cui ti fidi puoi vivere felice è uno spettacolo fatto dai ragazzi della compagnia teatrale integrata assaiasai. Essa è formata da adolescenti e volontari, italiani e stranieri che,con l aiuto di Rita Cerevico hanno ragionato sul disagio mentale e sul concetto di normalità : cosa significa essere normali, nella società di oggi, nel quotidiano dei nostri ragazzi? I giovani attori raccontano le vicende di un gruppo di matti che, a seguito della chiusura degli ospedali psichiatrici decisa dalla Legge Basaglia, si trova nel mondo dei normali e deve imparare a sopravvivere. I ragazzi mettono in scena la fatica di uscire dalle categorie sano-malato, normale- anormale, e vanno alla scoperta di una formula specialissima di essere se stessi. Amori nati su internet, corse su immobili tapis roulant e code ai centri commerciali si fondono con il dolore profondo dell essere umano quando abbandona il rassicurante concetto di categoria. Roberta Camanni III D

7 attualità I GIOVANI ITALIANI BAMBOCCIONI SI E` ormai realtà che le generazioni degli anni 80, tendono a lasciare sempre più tardi il nido famigliare per non affrontare, ogni giorno, le difficoltà e le responsabilità di uomini e donne che hanno superato da un pezzo la maggiore età. A questo punto, mi vengono in mente i racconti di mio nonno, figlio degli anni quaranta, che, a soli diciassette anni, con quindicimila lire e un pezzo di focaccia dolce, ha lasciato, con orgoglio e spensieratezza la sua terra natia per recarsi in Piemonte a cercare lavoro per se e i suoi fratelli. Credo che per lui e per gli altri come lui non sia stato semplice, ma forse, sono stati aiutati da una società meno legata ai pregiudizi e all apparenza. Penso che i giovani d oggi siano colpevoli di questo atteggiamento infantile solo per una parte; spesso i famigliari tendono a proteggerli eccessivamente facendo in modo di evitare loro quelle sane delusioni e impatti con la realtà che servono a crescere veramente. Per contro conosco giovani, magari più sfortunati economicamente, che sono disposti a lavorare e a spostarsi anche all estero per completare velocemente gli studi, trovare un impiego, alleggerendo in questo modo il bilancio famigliare. Credo che il segreto stia tutto in questo: da parte dei giovani cercare di responsabilizzarsi fin dall adolescenza e da parte dei genitori lasciar crescere pur garantendo la propria presenza, affetto e appoggio morale. BAMBOCCIONI? NO! Diletta Zanin 3 D L'essere bamboccioni spegne il futuro dei giovani che a venti anni fanno già enormi sacrifici per conciliare lavoro, studio e preoccupazioni varie, che provano a costruirsi un futuro migliore, che non vogliono rinunciare più a una pizza con amici o alla palestra o a qualsiasi altro svago per mancanza di soldi pensando che non possano permetterselo. Tutto questo è davvero triste! I tanti giovani che vorrebbero sposarsi, costruirsi una famiglia come possono realizzare sogni tanto comuni se guadagnano 600 euro al mese e bisogna pagare anche le rate e l'assicurazione di una macchina che serve per raggiungere il posto di lavoro?? Bisognerebbe davvero fare di più per noi giovani di oggi, siamo davvero stanchi di sentirci solo dire voi siete il futuro ma quale futuro possiamo essere se non abbiamo gli strumenti necessari??? Non ci è nemmeno permesso di avere voce in capitolo... visto che il nostro paese è governato da persone ultracinquantenni che probabilmente non sanno cosa significa essere giovani (oggi) senza un futuro e non hanno dovuto affrontare i mille problemi del XXI secolo per trovare un posto di lavoro. C è bisogno di una vera svolta e crediamo che noi giovani veramente possiamo fare tanto, abbiamo molto da dare, almeno vorremo la possibilità di metterci alla prova!! 8 Alessia Chiabotto III D

8 attualità CRISI e DENARO: per che cosa devono essere utilizzati i fondi pubblici? Sono ormai mesi che sentiamo parlare della grave situazione finanziaria della Grecia, fino ad arrivare alla crisi della nostra Italia, a cui è seguito il governo tecnico ancora in carica. Ogni giorno siamo costretti ad apprendere vergognose notizie di utilizzo di denaro pubblico per esigenze personali della nostra classe politica. Nella vana speranza che questo possa terminare, a mio parere gli investimenti dei soldi pubblici dovrebbero essere destinati, relativamente al mondo scolastico, nella messa in sicurezza di tutti gli edifici scolastici, al miglioramento delle strutture sportive, alla capienza delle aule, alla presenza di un numero sufficiente di aule informatiche. In particolare di consentire il cambiamento dal vecchio metodo di lavoro scolastico, legato al cartaceo e alle lavagne tradizionali, passando all adozione di LIM, lavagna interattiva multimediale, per garantire a tutti gli alunni un sistema di apprendimento più veloce, moderno e tecnologico, aiutando anche i ragazzi con problemi di dislessia. Io personalmente ritengo un passo avanti l adozione del registro elettronico in sostituzione del vecchio libretto di carta. Grazie all esperienza positiva del liceo frequentato da mio fratello, ho potuto constatare che è un prodotto completo per la gestione della didattica degli alunni, delle assenze, dei voti, delle giustificazioni, delle pagelle e delle comunicazioni Scuola Famiglia attraverso il web, gli SMS e il Call Center. Da giovanissima studentessa rivolgo la mia attenzione oltre al mondo didattico anche al mondo dello sport, al quale destinerei una parte del fondo pubblico per aumentare il numero delle strutture sportive, la loro efficienza e l abbattimento di barriere architettoniche per consentire l accesso anche ai ragazzi diversamente abili. Mi rendo conto che una società come la nostra ha molte esigenze e ció che io ho citato e soltanto una piccola parte. Diletta Zanin 3 D CRISI E DENARO PUBBLICO primo posto al diritto alla salute e all istruzione I soldi pubblici dovrebbero esser spesi per servizi sociali quali ad esempio ospedali, scuole, mezzi pubblici, Ho nominato gli ospedali per primi perchè trovo che il diritto alla salute sia fondamentale e quindi deve essere garantito a tutti indipendentemente dalle condizioni economiche, dallo stato sociale e dalla provenienza. Anche la scuola è fondamentale per garantire un giusto livello culturale a tutti affinché le posizioni lavorative più importanti possano essere raggiunte da chi se lo merita e non solamente per nascita. Credo che i fondamenti di uno stato civile si debbano basare proprio sul principio delle pari opportunità. Penso che nonostante la crisi,di soldi pubblici ce ne siano ma che vengano mal utilizzati a causa di sprechi e di ruberie. Inoltre se tutti i cittadini pagassero le tasse sicuramente il denaro pubblico aumenterebbe e quindi potrebbe essere investito per migliorare tutti i servizi. In un mondo ideale ogni cittadino dovrebbe contribuire in maniera equa ai costi dello stato in maniera da soddisfare tutti i bisogni dei singoli, che siano ricchi oppure poveri. 9 Roberta Camanni 3 D

9 il pericolo corre sul web AMANDA STORY Amanda Todd è una ragazza canadese di sedici anni che si è tolta la vita il 15 ottobre perché è stata vittima di un caso di cyber-bullismo. La giovane aveva mandato una foto del suo seno nudo dopo le continue richieste pressanti di un uomo conosciuto sul web. Amanda aveva annunciato al mondo la volontà di suicidarsi dopo aver postato un video su YouTube nel quale mostrava, foglio dopo foglio, i motivi del suicidio che avrebbe compiuto di lì a poco. Ha raccontato di essere stata vittima di un caso di cyber-bullismo, dopo che la sua foto a seno nudo era stata caricata sul profilo Facebook dell uomo, del quale non si conosceva ancora l identità. Amanda ha raccontato di essere stata presa da ansia e depressione appena ha visto la sua foto sulla bacheca dello stalker, Il disagio era stato tale da spingere Amanda ad assumere droga e alcol per superare i momenti di difficoltà e non pensare a quello che era successo. Nelle sue ultime note trasmesse in video Amanda ha scritto: Non ho nessuno, ho bisogno di qualcuno, mi chiamo Amanda Todd. Quel qualcuno Amanda lo ha trovato in tutte le persone, soprattutto ragazzine, che hanno attraversato gli stessi momenti, minacciate su internet per colpa di una foto in più, mandata per scherzo, magari per un flirt con colui che si trasformerà poi nel cyber-bullo di turno. Un altro aiuto Amanda lo ha trovato nel popolo della Rete, soprattutto negli hacker più famosi al mondo che hanno deciso di avviare la ricerca per dare la caccia a chi ha spinto la Todd al suicidio. gli Anonymous hanno pubblicato i dati dell uomo che ha minacciato Amanda su Facebook, postando la sua foto sul social network. Si chiamerebbe KodyMaxson e vive a New Westminister, nella provincia della British Columbia in Canada.Gli hacker avevano pubblicato un lungo video su YouTube (ora rimosso), un video che mostrava immagini di Google Maps e testi con le informazioni personali del presunto molestatore di Amanda, con screenshot degli account utilizzati su altri social network,siti. Google ha prontamente cancellato il filmato, perché violava la privacy dell'uomo, e Anonymous si è dovuto accontentare di pubblicarne un altro dove dicono,ad esempio : Di solito non ci piace dare una mano alla polizia ma siamo stati costretti a mettere le nostre abilità a favore della protezione dei bambini - scrivono sotto il video - ironia della sorte abbiamo qualche buona persona a Vancouver che ha portato questa cosa all'attenzione dei nostri coordinatori. È una storia davvero triste che ci riguarda tutti. Noi dal nostro lato di studenti ma soprattutto di ragazze non proprio dell età di Amanda ma quasi, abbiamo trovato tutto questo molto sconcertante, è un episodio sicuramente triste che però può aiutarci a capire che la sicurezza sul web è importante e che il mondo che c è là fuori,e quindi che ci riguarda, è questo! Marzia Dante,Cecilia Oria 3C 10

10 nativi digitali A scuola senza libri. Da oggi, tutti con l'ipad Usare l'ipad a scuola al posto dei libri: chi non ci ha mai pensato? Dopo qualche hanno, anche al liceo Manzoni di Bologna è stato avviato un laboratorio dove due classi sono state scelte per usare al posto dei vecchi libri e quaderni l'ipad. Nello zaino giusto l'essenziale: qualche penna, un quaderno per gli esercizi di matematica e fisica, «perché quelli farli a mano libera è impossibile» dicono gli studenti, e l inseparabile tablet. Il professore proietta l e-book sullo schermo, gli studenti sottolineano e prendono appunti dal tablet, scaricano le dispense da dropbox, si connettono a internet tramite wireless. Unico problema: il costo del tablet per gli studenti, infatti i soldi per l'ipad di ogni studente non sono forniti dalla scuola ma dalle famiglie degli studenti stessi al contrario dei professori ai quali l'ipad è statogli fornito dalla scuola. Oltre ad alleggerire lo zaino agli studenti - invidiati dalle altre classi e dagli amici - e rendere le lezioni più moderne, l'ipad è uno strumento migliore per imparare: prima di aderire a questa sperimentazione la scuola Manzoni ha eseguito un test alla scuola Lussana, una delle poche scuole aderenti al progetto, nel quale confrontava i voti degli studenti che usavano il tablet e quelli di una classe senza tablet: i voti delle classi usanti l'ipad erano più alti delle classi normali. Come mai? L'iPad coinvolge maggiormente gli alunni, che possono comporre i libri interattivi e coinvolgere più materie nello stesso filone tematico, imparano di più. Sfortunatamente in Italia, le sperimentazioni come questa si contano sulle dita di una mano. Ha cominciato un liceo pubblico di Bergamo, il Lussana, l anno scorso. Il Manzoni ha seguito la sperimentazione passo passo ed è partito quest anno. Ora è la Bocconi a guardare con interesse il test di Bologna. «La nostra prospettiva spiega la dirigente è di estendere man mano il tablet a tutte le classi e in futuro, una volta trasferiti nella nuova sede al Villaggio del Fanciullo, anche alle scuole medie, magari solo per alcune materie. L altro pericolo è la distrazione di massa, a cavallo di internet. Ma come cambiano le tecnologie, cambiano anche le sanzioni: alla terza volta che uno studente viene beccato a navigare troppo al largo, scatta la sospensione. Ma finora, non è mai successo. Jacopo Margaglia III D Social Network:Facebook,Twitter Li uso, ma come mi difendo? Molti ragazzi della nostra età usano social network come ad esempio Facebook, Twitter. Io in particolare uso Facebook, ma se viene usato per scopi sessuali o di altro tipo può essere molto pericoloso. Infatti alcune persone sconosciute di cui hai accettato l amicizia ti possono poi perseguitare fino a che non cedi. Primo: non bisogna mai pubblicare foto personali o intime su face book perchè resteranno in rete per sempre e potrebbero addirittura fare il giro del mondo. Se poi un giorno uno di noi diventerà famoso, queste foto usciranno magicamente fuori e ti rovineranno la vita.il persecutore quindi si potrebbe presentare anche dopo vari anni. Secondo: non pubblicare foto in cui si vedono particolari del luogo dove tu abiti (soprammobili o quadri): i ladri potrebbero venire a casa tua e rubare. Tutto questo per una foto messa su internet e che non si potrà mai togliere! Salvaguardare la propria privacy vuol dire salvaguardare la propria incolumità.

11 11 Roberto Marra 3C carpe diem giochi e dintorni IL SOFTAIR Il Softair è un gioco sulla finzione di tattiche militari, con l utilizzo delle Air Soft Gun (armi ad aria compressa). E uno sport completo che allena sia il corpo che la mente, ricreando strategie tattiche nei boschi, ed uno dei suoi principi è la solidarietà. E un gioco di ruolo che prevede un combattimento tra due o più squadre, utilizzando delle riproduzioni fedeli di armi che sparano pallini sferici bianchi con peso di 0,20 g.; per trasportarle è obbligatorio metterle in un contenitore ed inoltre le armi devono avere i primi 3 centimetri della canna di colore rosso. Una partita di Softair può avere diversi scopi, dove ci sono diverse squadre che si sfidano per portare via la bandiera dell avversario, oppure il Recon cioè delle pattuglie ricognitive, dove le squadre devono conquistare obiettivi come testimoni, materiali o bandiere, eliminando gli avversari sparando con le armi. Questo gioco è basato sulla correttezza del giocatore, perché non esiste nessun modo per provare che l avversario sia stato colpito e quindi nel momento in cui si viene colpiti, bisogna alzare la mano, smettere di giocare e gridare colpito o preso, e abbandonare l area di gioco. L attrezzatura necessaria per giocare è composta da: un arma a Co2 oppure elettrica, in grado di sparare pallini da 0,2 so superiori a 6 mm. In plastica biodegradabile e non oltre 0,99 joule di energia, che è il limite imposto dalla Legge per le armi giocattolo; sono molto importati per la sicurezza gli occhiali di protezione ancora meglio una maschera per proteggere il viso e gli occhi dai pallini; una tuta mimetica; scarponi da montagna o anfibi; un gilet tattico per portare l equipaggiamento: radio, binocolo, bussola, una torcia starlight rossa e verde per segnalazioni, orologio, un visore notturno, ginocchiere e gomitiere, camel back cioè la boraccia a vescica della capacità di 2 o 3 litri, posizionato sulla schiena, attaccato allo zaino con apposita cannuccia. Il Softair è uno sport ricociuto dal Coni e in Italia è regolamentato da due associazioni: l Asnwg (Associazione sportiva nazionale war games) e il Csen (Centro sportivo educativo nazionale), di cui sono associato. I campi da gioco possono essere di vario tipo: boschivi, sabbiosi, urbani, ma sempre in aree specifiche. Infatti ogni volta che una squadra decide di giocare avvisano le Forze dell Ordine, nel caso il terreno appartiene ad un Ente Pubblico, va fatta una richiesta scritta all ente e informata la Caserma dei Carabinieri o Polizia, invece nel caso se il proprietario del terreno è un privato, basta una semplice richiesta con la quale autorizza la squadra a giocare dei suoi terreni, informando le Forze dell Ordine. Inoltre le comunicazioni vanno anche in Questura. E necessario segnalare la zona e la data in cui si giocherà, in modo da non spaventare le persone. Tra le tante regole c è anche quella di non provocare allarme nella popolazione, di non causare danni, come distruggere il paesaggio, soprattutto è vietato colpire animali. Questo è uno sport di squadra per chi è affascinato dalla vita militare ed è uno sport leale. Alessandro Severico II D Soluzio ni di pag. 28: la bara, il salame, Lo specchi o riflette senza parlare, il pazzo parla senza rifletter e, il pesce, il pettine

12 curiosita Scommetto che a queste notizie voi crederete... Galileo non pronunciò la frase "Eppur si muove". La leggenda vuole che dopo l'abiura (cioè la smentita della sua teoria in cui affermava che la terra girava attorno al sole) pronuncio sottovoce questa frase, ma in quei tempi di un clima così ostile sapeva che rischiava la vita. Infatti fu il cronista Giuseppe Baretto che scrisse un'antologia dove Galileo veniva raffigurato più coraggioso e temerario di quanto non fosse realmente. Non erano i pellerossa a fare lo scalpo ai bianchi, anzi, il contrario. Lo scalpo di un giovane indiano poteva valere fino a 100 sterline per lo scalpo di un uomo e la metà quello di una donna per le autorità coloniali. Questa pratica fu infatti introdotta dai coloni europei nel Nord America. Gli elmi vichinghi avevano le corna, ma solo nelle cerimonie e nelle feste e mai in battaglia. Erano invece i celti a usare questi copricapi. L'equivoco ci fu quanto alcuni pittori seicenteschi iniziarono a dipingere alcuni guerrieri Germani con elmi con le corna. In futuro vennero ancora disegnati così, e da qua attinsero libri, fumetti e film. Il famoso matematico Albert Einstein, contrariamente a quanto alcuni pensano, andava discretamente bene a scuola; è vero però che egli si sentiva a disagio nei banchi per l'autorità delle scuole tedesche e i sui atteggiamenti non furono sempre apprezzati da tutti i professori. Molti di noi conoscono il noto compositore Mozart come Wolfgang Amadeus Mozart, ma il suo nome non è esattamente questo. In famiglia veniva chiamato Wolfgang ma ben presto iniziò a usare il suo terzo nome latinizzato (Il suo nome di battesimo è infatti Joannes Chrysostomus Wolfgangus Theopilus Mozart) per seguire una moda di quel tempo. Fu così che Theopilus divenne Amadeus. Buddha non era grasso. Innanzitutto molte voci concordano che Siddharta,detto anche Buddha, (che in sanscrito vuol dire il risvegliato) è realmente esistito. Egli apparteneva ad una stripe guerriera e molto ricca, ma lui mostrò un attitudine ben diversa da quella del padre. Così a ventinove anni lascio la casa per assaporare la crudezza della vita. Durante questo periodo si sottopose a tremendi digiuni, quindi non poteva essere grasso. L'equivoco è nato per una variante cinese che raffigura il monaco Budai che pare venisse sempre raffigurato molto panciuto e con una sacca piena di dolci da distribuire ai bambini....mentre a queste no! o Il computer dell'apollo 11 era meno potente di un moderno smartphone. la velocità dell'apollo guidance era di MHz, quello di un iphone si aggira sui Invece la memoria che questo computer usa per lavorare è all'incirca 2 milioni di volte inferiore a quella di uno smartphone. o Per la prima Guerra mondiale ci fu una tregua per il natale. Nella notte della vigilia tra gli schieramenti nemici ci furono scambi di whisky, sigari e cioccolata. La mattina dopo di fronte alle rispettive trincee spuntarono dei cartelli con su scritto "Noi noi spariamo, non fatelo neanche voi". Durante questa tregua i soldati ne approfittarono per fraternizzare. o Il cadavere dell'ammiraglio Horatio Nelson, che venne ucciso da un cecchino francese, fu davvero conservato in una botte di brandy, almeno fino al ritorno in Inghilterra, dove ebbe degni funerali. Guido Spina II A

13 sport RICORDANDO il MEDAGLIERE DELLE OLIMPIADI LONDON 2012 Le Olimpiadi si sono svolte dal 29 luglio all 8 agosto del 2012 Il fioretto femminile lascia a bocca aperta: a squadre l oro, invece nella prova individuale oro di Elisa Di Francisca, argento di Arianna Errigo e bronzo di Valentina Vezzali. La Vezzali ha preso il terzo posto perdendo contro la Errigo. Il terzo oro va a Daniele Molmenti. Daniele, classe del 1984, che è venuto da Pordenone a festeggiare i suoi 28 anni, probabilmente il giorno più bello della sua vita. Lui è proprio nato il 1 agosto. Nel nuoto le soddisfazioni non sono invece arrivate, né con Federica Pellegrini, né con Magnini, né con Dotto. Nel tiro con l arco il trio formato da Nespoli, Frangilli e Galiazzo trovano l oro battendo il Messico in semifinale e gli Stati Uniti per una stoccata eccezionale. L argento va alla 30enne Luca Tesconi che nella gara 10m con pistola ad aria compressa si piazza davanti al serbo Zlatic ma dietro al coreano Jongoh. UNA DOMENICA DI SPORT Davide Falco II D Domenica mattina, ore 6,00 sveglia, abbondante colazione, ore 7,00 partenza. Destinazione Cameri (Novara) 1 prova Regionale G.P.G. Fioretto maschile. Durante il viaggio, mano a mano che ci avviciniamo al luogo di gara la tensione sale e inizio ad agitarmi. E la prima verifica dopo tanto allenamento. Arrivati a destinazione mi preparo e inizio il riscaldamento. Sono teso, molto teso, non sento la stanchezza e cerco di concentrarmi su quello che devo fare. La gara si svolge in questo modo: gironi da 5, massimo 7 ragazzi, con assalti con tempo massimo effettivo di tre minuti per fare cinque stoccate. Finiti i gironi, stesura della classifica generale in base alle vittorie e alle stoccate ricevute e date. Eliminatorie dirette in base alla classifica, quindici stoccate massimo in nove minuto divisi in 3 tempi da 3 minuti. Chi vince va avanti e chi perde va a casa. Iniziano i gironi, primo assalto, sono teso ma determinato, sono consapevole che è molto importante iniziare bene. Il primo assalto lo vinco 5 a 4. Mi rilasso un po. Il secondo lo vinco 3 a 2 e alla fine del girone porto a casa 4 vittorie e una sconfitta. Ho iniziato bene, finalmente un po di pausa in attesa della classifica. Mi riposo aspettando in ansia le eliminatorie dirette. Giunto il momento mi chiamano in pedana. La sorte vuole che tiri contro un mio compagno di club, vinco 15 a 8. Sono entrato negli ottavi di finale. Il prossimo è un avversario tosto, sono teso combatto ma perdo 13 a 9. Sono stanco ma contento, il risultato finale è un sesto posto. Non male. Torno a casa con la voglia di allenarmi ancora di più per prepararmi al meglio per la prossima gara nazionale che si svolgerà a Firenze. Lodovico Maria Dallago II

14 per ridere un po by Giulia Turi, Caterina Gardino, Cecilia Catolla II D Come si chiamano le abitanti dell isola di Pasqua? SORPRESINE. Un mago dice al pubblico : adesso sceglierò una bambina, per il mio numero Chiama una bambina e le dice: vero che non ci conosciamo? e la bimba disse : NO, PAPA! In Paradiso: Per la Madonna! - ma chi si permette di bestemmiare in Paradiso?! veramente sarei il postino! Papà è lontana l America? zitto e NUOTA Una signora passeggia con il cane. Incontra un amica che le dice : Che bel cane, ALANO? - Che ne so, la cacca la fa! Qual è il mar preferito dai canguri??? IL MAR SUPIO Papà la nonna puzza!! Zitto e scava!!!!!!! Due cassaforti s incontrano.che COMBINAZIONE!! Pronto?... TELEFONO AZZURRO? mi chiamo CELESTINO, aiuto! A casa mia è successo un GIALLO! Mio padre aveva il conto ARANCIO, che è andato in ROSSO perché ha perso il lavoro, così adesso siamo al VERDE. E tornato a casa NERO per la rabbia e mi ha fatto il sedere VIOLA perché a scuola ho lasciato un compito in BIANCO. Allora io ho menato mia sorella che vede sempre tutto ROSA! (v.a.)

15 varie INDOVINELLI (soluzioni a pag Chi la usa non la vede, chi la vede non la usa, chi la compra non la vorrebbe usare. Che cos è? Son legato ma innocente, piaccio a molta gente, dormo appeso ad una trave e non sono niente male, Chi sono? Qual è la differenza tra un pazzo e uno specchio? Qual è l unico animale che non salì sull arca di Noè? Ha i denti ma non mangia mai. Che cos è? UN ANNO STRANO! -In seconda media è tutto molto strano, anche se siamo sullo stesso piano; -Siamo in ventidue, undici femmine e undici maschi, forse serviranno dei caschi! -E molto divertente usare la mente, durante le lezioni allegramente; -Dieci son le professoresse, e son quasi tutte le stesse; -Ogni interrogazione è molto dura, e noi abbiamo sempre paura; -Appena ci dicono rispondi, noi pensiamo dateci due secondi! -Il flauto noi suoniamo e ci divertiamo; -Secondo noi l intervallo è troppo corto, e nessuno ci può dar torto; -In mensa ci si deve accontentare, e, accidenti, non si può giocare; -Adesso scusate ma dobbiamo andare! A far che cosa? A STUDIARE!!!!!!! Di Flavia Pasteris, Letizia Bertinetti, Sharon Pasteris

16 per saperne di più IL TITANIC Il Titanic era un transatlantico britannico della classe Olympic. All epoca considerata inaffondabile colò a picco durante il suo viaggio inaugurale portando con se 1518 persone. Nella notte del 14 aprile 1912 il Titanic si scontrò con un iceberg nell oceano Atlantico e a seguito della collisione iniziò ad imbarcare acqua. La superficialità del comandante e la sua convinzione di essere comunque su una nave inaffondabile fecero sì che l SOS venne lanciato con estremo ritardo. Anche l imbarco dei passeggeri sulle scialuppe di salvataggio fu gestito molto male; i posti disponibili erano di gran lunga inferiori al numero delle persone imbarcate sulla nave. Di conseguenza rimasero sul Titanic che affondava moltissimi passeggeri e membri dell equipaggio. Il Titanic colò a picco prima dell arrivo del Carpatia, unica nave presente quella notte nella zona del disastro. Il Carpatia riuscì quindi a mettere in salvo le sole persone che riuscirono a salire sulle scialuppe di salvataggio. Tutte le altre 1518 persone persero la vita nella nave mentre affondava o per il lungo contatto con le gelide acque del nord Atlantico. Fu forse il peggior naufragio di tutti i tempi per l alto numero di morti e dispersi, a dimostrazione del fatto che nessun mezzo che solca i mari si può considerare inaffondabile! Filippo Lops II D LA VALUTA e VALORE ECONOMICO La valuta è il tipo di moneta in circolazione in un determinato paese. Il valore di una moneta un tempo era determinato dal metallo di cui era fatta, oro, argento e bronzo e rame, e dal suo peso, oggi è legato al potere economico del paese a cui appartiene e al confronto con le altre monete: a seconda di quanto vale una moneta la si scambia con le altre a un tasso detto appunto di cambio che viene aggiornato tutti i giorni. Ci sono vari tipi di valute,più o meno ogni paese al mondo ne ha una sua. Alcune monete antiche sono il sesterzio degli antichi romani, la dracma degli antichi greci e il fiorino della Firenze medievale. Le più conosciute in Occidente sono il dollaro ($) la valuta degli Stati Uniti - l euro ( ) che è diffusa in tutta l Unione Europea - la sterlina ( ) in Gran Bretagna - L euro ha sostituito le monete nazionali europee nel Fino ad allora la moneta italiana era la lira( - il segno è molto simile a quello della sterlina), quella francese era il franco, quella tedesca era il marco, quella spagnola era la peseta, quella greca era la dracma. Altri tipi di valute in giro per il mondo sono il taka bengalese ( ) nel Bangladesh che si trova in India, la rupia gujarati ( ) nel Gujarat anch esso vicino all India, la rupia indiana () e infine,lo yen ( ) in Giappone,il Renmimbi in Cina e il rublo in Russia. Arrichiello Federico e Tiberga Federico II D

17 passione giallo Giacomo Doyle in quel momento stava cercando gli errori ortografici sulla cronaca del giorno quando, contro ogni sua previsione, squillò il telefono cellulare che teneva in tasca. Non si trattava del ritornello di una canzone o una di quelle frasi che t incitavano ad alzare la cornetta del telefono come Rispondi in fretta che ti sto chiamando!. Nulla di tutto ciò. Era una sottospecie di trillo nervoso e irritante, di quelli che ti spingono a gettare il telefonino ad affogare in una vasca da bagno, insomma: una di quelle suonerie che possono rilassare e conciliare il sonno solamente a un sociopatico eclissato come Doyle. Egli avvicinò con molta calma il cellulare all orecchio sinistro. -Pronto? Qui Giacomo Doyle, risolvo misteri e prometto un assoluta riservatezza.- -Pronto! Sono al capannone della lega navale, quello della scuola vela, stavo passeggiando col mio cane sul lungomare e ad un tratto ha fiutato qualcosa. Si è precipitato nel capannone, ha scoperchiato una cassapanca di legno e rimosso qualche giubbotto di salvataggio; sono andato a recuperarlo e nel farlo ho pensato di riordinare il macello che aveva lasciato. Stavo mettendo un giubbotto nuovamente nella cassapanca, quando mi sono reso conto che era sporco di sangue. Ho sbirciato nella cassa e indovini cosa ci ho trovato? Il cadavere di una donna con qualche segno di percosse sul corpo, inoltre era del tutto ricoperto di sangue. Lei non mi può vedere ma sappia che me n è persino rimasta qualche goccia sulla mano destra, con cui ho afferrato il giubbotto. Non mi sono rivolto alla polizia perché so che mi avrebbero trattenuto per un interrogatorio e che mi avrebbero chiesto nome e cognome e di questi tempi non si sa mai: se viene a sapere che sto cercando di IL VERO LUPO DI MARE (racconto giallo a puntate) prima puntata incastrarlo, un killer potrebbe non prenderla molto bene e credo che come minimo mi ucciderebbe. Quindi non si aspetti di trovarmi sul posto: non voglio rendere nota la mia faccia alle indagini.- E poi una risatina frenetica e isterica che Giacomo non si sentì di condividere. Attaccò e la comunicazione terminò così, in modo brusco e rapido. Giacomo constatò che l interlocutore aveva una voce ampia, impetuosa e prorompente, una di quelle voci che infastidiscono talmente sono forti: aveva fatto fatica a seguirlo nei vari passaggi della vicenda. Fatto sta che l investigatore si precipitò verso la porta di legno scuro e velocemente scese i diciassette gradini che le scale di casa sua imponevano poi mise in moto la sua automobile (una Porsche Carrera acquistata nel 2008 nera come il carbone) per dirigersi sul luogo dove era stato rinvenuto il cadavere. Le strade di Santa Margherita quella mattina brulicavano di persone, animali e cose come non mai o forse era lui ad essere ancora assonnato. Comunque sia, Giacomo decretò che i pedoni andavano più in fretta dell automobile, così posteggiò in prossimità di una vecchia cartoleria. Una leggera foschia, una tiepida nebbiolina celeste rendeva tutto un po più misterioso ed invitante. Arrivando sul luogo del misfatto notò già da lontano la confusione dentro alla capanna di cui la voce gli aveva parlato. Due giubbotti di salvataggio stesi a terra, una mezza dozzina di attaccapanni sparsi intorno e derive e vele per Optimist, rotte o strappate, accatastate al muro, ma lo sguardo di Doyle si posò automaticamente sulle due cassapanche: una era lievemente spostata, ma non rispecchiavano il disordine che popolava il capannone. Aprì

18 quella di destra e non vi trovò dentro nulla che gli potesse interessare (eccetto ovviamente un catalogo di biancheria intima), aprì la seconda: alla sola vista, inorridì. Conteneva il corpo di una donna, leggermente putrefatto, dai capelli corti e biondi e (il pezzo forte) ricoperto di sangue coagulato. Egli stette qualche secondo ad osservarlo, ma venne interrotto dal rumore di alcune sirene. Si avvicinarono al capannone delle volanti della polizia. -Chi vi ha detto del corpo?!-domandò Giacomo a metà tra lo stupore e la rabbia. -Un uomo, telefonicamente.-disse brevemente un agente. -Fantastico Aveva una voce impetuosa?- chiese scocciato l investigatore. -Sì, notevolmente fastidiosa: come fa a saperlo?- -Semplicemente lo so e basta; esattamente come so che lei si lava la faccia di mattina tutti i giorni, che si fa la barba una volta alla settimana (di venerdì) e che la finestra del suo bagno è rivolta verso levante. Ha un figlio di circa tre anni, direi, che stamattina si è messo a giocare con i pennarelli e che in un eccesso di rabbia ve ne ha scagliato uno contro. E, per finire, stasera ha in programma di andare al cinema.- L agente indietreggiò impaurito. -Come Come ha fatto? Come ci è riuscito?- -Pura e semplice deduzione.-spiegò l ispettore.- La pelle sbiadita in prossimità delle guance indica chiaramente che non più tardi di mezz ora fa, le ha sfregate con violenza e che questa operazione l ha ripeta anche ieri, passaggi decisi, ma non abbastanza da cancellare la minuscola macchietta di pennarello scagliata da suo figlio (solo ad un età di circa tre o quattro anni possiedono sfoghi violenti, a meno che non siano viziati, ma ciò non me lo aspetterei mai da un poliziotto). Inoltre la sua barba è folta ma non troppo, di quelle fatte una volta alla settimana, ma di norma gli agenti sono persone molto ordinate, che si tagliano la barba fine, così credo che lei se la sia fatta il giorno della settimana più lontano da oggi, ovvero il venerdì. Inoltre,sempre osservando la sua barba, ho constatato che a destra è più marcata, ciò potrebbe avvenire solo se la luce (in questo caso il sole attraverso la finestra) arrivasse perpendicolarmente ad essa, e siccome abbiamo già provato e riprovato che si lava la mattina, da ciò deduco che la finestra del suo bagno porge verso levante. Per finire, mi è parso di scorgere un biglietto per il Cinema Centrale per lo spettacolo delle diciotto: ottima trama ma attori pessimi, glielo sconsiglio. A proposito, come si chiama?- Il poliziotto lo squadrò da capo a piedi. Doyle doveva essere una persona davvero bizzarra, indelicata e presuntuosa al contempo: il genere di amico che tutti avrebbero sognato Capì inoltre che loro due, persone così diverse, assurde, incredibili, incompatibili, non potevano non andare d accordo: insomma, non si sarebbero divisi mai. -Marco, il mio nome è Marco. Marco Costanti, per servirla. Lei, invece, potrebbe identificarsi?- -Rispondo al nome di Giacomo Doyle, sono un detective. Risolvo misteri e possiedo un assoluta riservatezza -rispose l investigatore con quel fare sistematico ormai a lui abituale.-si trova qui per la faccenda del corpo? Se sì, posso essere a conoscenza del nome di chi ve ne ha parlato?- -Mi spiace deluderla, Doyle, ma alla polizia non è permesso rivelare informazioni sulle indagini al primo che dice di essere un investigatore - Seguirono attimi di silenzio apparentemente interminabili. -Beh, mi toccherà fare tutto da solo, a quanto pare. -borbottò Giacomo mentre se ne andava arrabbiato e deluso. Rifece amareggiato gli stessi passi che poco prima aveva percorso con ardore, salì in auto e all improvviso, un lampo di genio. Non si sarebbe arreso, non ora né mai. Diamine,

19 avrebbe seguito quegli stupidi agenti di nascosto e avrebbe appreso qualcosa dalle loro indagini, carpe diem poi avrebbe proseguito da solo. (continua ) sondaggi LEGGI I QUOTIDIANI? Abbiamo svolto un'indagine su un campione di 101 persone intervistate da noi alunni. Ogni componente della classe doveva scegliere cinque persone suddivise per sesso, 4 fasce d età e tipo di lavoro svolto. L argomento riguardava la frequenza di lettura dei quotidiani. L intervista prevedeva le seguenti domande: LEGGI I QUOTIDIANI? QUANTE VOLTE ALLA SETTIMANA? QUAL'E' LA TUA PROFESSIONE? L obiettivo era quello di verificare la frequenza di lettura a seconda del sesso, dell età e della professione svolta. Ecco i nostri risultati ABITUALE (4-7 volte alla settimana ) SALTUARIO (3-2 volte) NON LETTORE (1-0 volte) TOTALE MASCHI FEMMINE ANNI ANNI ANNI OVER STUDENTI CASALINGHE IMPIEGATI 8 6 / 14 INSEGNANTI 1 3 / 4 LIBERI PROF. 8 7 / 15 COMMERCIANTI 2 / / 2 STATALI 2 / / 2 ATTORI / 1 / 1 PENSIONATI 14 / 3 17 DIRIGENTI 4 1 / 5 DISOCCUPATI 2 / / 2 E' stata un'attività molto divertente,ma naturalmente ci sono stati alcuni problemi! Non è stato facile recuperare i dati, perché non siamo stati molto rigorosi durante l intervista. Tuttavia riteniamo che il nostro campione sia significativo, infatti si può notare che la maggioranza delle persone si è dichiarata lettore abituale, mentre la fasce d età dei lettori abituali sono quelle degli adulti e degli anziani. Il sesso non è significativo, mentre, per ciò che riguarda l attività svolta, i pensionati sono al primo posto tra i lettori abituali. Comunque risulta che anche gli studenti, soprattutto delle superiori e universitari sono dei buoni lettori.

20 Classe I D (Matilde Torrero) carpe diem salute e dintorni NELLA GIUNGLA DEI FARMACI In un era in cui anche la salute è un business, le case farmaceutiche e l omeopatia si affrontano ogni giorno senza esclusione di colpi; in più si è aggiunta la categoria dei farmaci generici o equivalenti. A detta dei medici sono identici a quelli di marca. Non è proprio così, i farmaci di marca generici contengono sì, gli stessi ingredienti ma, alcune volte non nelle stesse quantità a differenza dei classici farmaci. L omeopatia, invece, pratica concetti diversi: più naturali, più sicuri. Usando piante e minerali si possono curare dal mal di testa alla colite e dal raffreddore all otite. Si può intuire facilmente, pur non essendo Sherlock Holmes, che io sono a favore dell omeopatia perché è più umana mentre, le case farmaceutiche, che producano farmaci classici o equivalenti puntano tutte al guadagno e non al benessere della persona. Adesso la piccola riforma della troupe del nostro caro prof. Monti renderebbe la vita da chi dipende da farmaci ancora più infelice. Infatti, il Ministro della salute, Renato Balduzzi, prevede che il medico di famiglia non possa più prescrivere il nome del farmaco e dovrebbe giocare al piccolo chimico per trovare il principio attivo del farmaco e far sbizzarrire il paziente a scegliere la confezione più colorata. Ma chi ci guadagna? Apparentemente nessuno. Invece sotto sotto, ci guadagna chi produce i farmaci generici, perché non ci sarebbe più distinzione. Ci sono comunque persone che pensano positivo e forse loro non si fanno molti problemi perché non assumono alcun tipo di farmaco. Figuratevi però un anziano, una fascia d età abituata alla monotonia, stravolto da questo radicale cambiamento. A questo punto consiglierei al sig. Renato di prendersi del Lexotan, pardon, del zantalene e di godersi le vacanze. Tornando alle case farmaceutiche, molte di loro si servono ancora di test sugli animali, il che è inconcepibile. L ultimo episodio è stato molto recente, Green Hill, azienda americana, forniva beagle per i test farmaceutici e cosmetici in tutto il mondo, maltrattando gli animali. Ora, fortunatamente è stato chiuso ed i cani sopravvissuti sono in mano a delle persone per bene. Ma, i beagle non sono gli unici animali sfruttati, insieme a loro ci sono topi, conigli e la maggior parte dei roditori. Non adoro parlare di maltrattamento (w Greenpeace) degli animali perché non mi sembra giusto e se potessi farei io i test sui proprietari, e poi vedremo chi si diverte di più Non è l unica stranezza delle case farmaceutiche, il bello è che vi sono alcuni laboratori dove si testano virus che potrebbero essere mortali per l uomo, a cui non esiste ancora rimedio, e se solo un microscopico batterio uscisse da quelle stanze sarebbe la fine. Comunque ci sono altri punti a sfavore delle case farmaceutiche, perché sono quasi sempre protette ed agevolate dallo stato, tuttavia, alcuni farmacisti e scienziati sono in dubbio sulla efficacia dell omeopatia, tutto questo perché loro sono interessati allo sviluppo dei farmaci, facendo estinguere anche il banale rimedio della nonna. In più negli ospedali i medici non riescono a somministrare una semplice flebo, ma non è una novità. Insomma, ho finito le parole, quindi passo e chiudo. Ella Angileri 3D

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Adolescenti. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Adolescenti. Università per Stranieri di Siena. per Stranieri di Siena Centro CILS : Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

BASKET: UNA SCUOLA DI VITA

BASKET: UNA SCUOLA DI VITA BASKET: UNA SCUOLA DI VITA Un incontro speciale con il mondo della pallacanestro Lunedì 7 aprile 2014, le classi terze hanno incontrato il giocatore Jacopo Balanzoni della squadra della pallacanestro Cimberio

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un a me del cellulare piace a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un incidente è molto utile a me il cellulare piace ma me lo prendono solo a 12 anni. La cosa più bella è

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

La scatola dei pensieri sparsi

La scatola dei pensieri sparsi La scatola dei pensieri sparsi In tutte le classi prime di scuola secondaria e, dunque, non solo in quella sperimentale, e stata proposta la creazione de La scatola dei pensieri sparsi(strumento anonimo).

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ОБЛАСТЕН КРЪГ 01.02.2014 VIII клас I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Per studiare la scheda avete 3 minuti. Sentirete il testo

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

I.C. Giovanni Falcone Mappano. Scuola secondaria di primo grado Giovanni Falcone. Classe II A. Prof. Bombonati Massimiliano

I.C. Giovanni Falcone Mappano. Scuola secondaria di primo grado Giovanni Falcone. Classe II A. Prof. Bombonati Massimiliano I.C. Giovanni Falcone Mappano Scuola secondaria di primo grado Giovanni Falcone Classe II A Prof. Bombonati Massimiliano IL MIO FUTURO Il mio futuro lo vorrei così, come il sole che splende e la pioggia

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Državni izpitni center LINGUA ITALIANA PROVA SCRITTA. lunedì 10 maggio 2010 / 60 minuti. VERIFICA DELLE COMPETENZE alla fine del secondo triennio

Državni izpitni center LINGUA ITALIANA PROVA SCRITTA. lunedì 10 maggio 2010 / 60 minuti. VERIFICA DELLE COMPETENZE alla fine del secondo triennio C o d i c e d e l l' a l u n n o: Državni izpitni center *N10111121* SESSIONE ORDINARIA 2 triennio LINGUA ITALIANA PROVA SCRITTA lunedì 10 maggio 2010 / 60 minuti All'alunno è consentito l'uso della penna

Dettagli

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Convegno Cristina Rossi 2012 Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Paolo Guiddi Anna Granata http://www.youtube.com/watch?v=sqflj Wp2EMk&feature=relmfu Donare il sangue Forma di inclusione?

Dettagli

Scrivere nella scuola dell infanzia. Lilia Andrea Teruggi

Scrivere nella scuola dell infanzia. Lilia Andrea Teruggi Scrivere nella scuola dell infanzia Lilia Andrea Teruggi Scrivere per. Informare: Cartelli, indicazioni stradali, insegne Avvisi, comunicati, orari, bollettini Testi di carattere tecnico-scientifico Cronache,

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1

Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1 Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1 Quando si è trattato di definire un progetto da realizzare per la conclusione del primo anno DOL ho cercato d focalizzare le caratteristiche

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

REPORT DEI QUESTIONARI

REPORT DEI QUESTIONARI IN-FORM-AZIONE Mostra interattiva organizzata dall AO San Gerardo di Monza - Dipartimento di Salute Mentale 20-24 febbraio 2006 Liceo Casiraghi Parco Nord Cinisello B. REPORT DEI QUESTIONARI Durante lo

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

Storia di Equilibristi e difficili equilibri

Storia di Equilibristi e difficili equilibri Storia di Equilibristi e difficili equilibri Autore Patrizia Belluzzo Un attore girovaga tra il pubblico, cantando una canzoncina e salterellando. Si dirige verso il palco. Io, la mia mamma, il mio papà

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Come ci si relaziona con gli adolescenti? Bruno Tagliapietra Pediatra

Come ci si relaziona con gli adolescenti? Bruno Tagliapietra Pediatra Come ci si relaziona con gli adolescenti? Bruno Tagliapietra Pediatra Firenze Pinguini 2010 Cosa accadra oggi Perche sono qui? Per parlarvi di una esperienza interessante che ho fatto e che voglio condividere

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 -

PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 - PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 - Indice: 1. Presentazione di me stesso. 2. Come ho imparato ad usare il p. c. 3. Che programmi ci sono nel

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA.

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. TEST LIVELLO B1 QCE NOME COGNOME. CLASSE.. DATA.. COMPRENSIONE ORALE DETTATO. ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. 1.. Fabio e Barbara si incontrano A) alla stazione di Pisa. B) all aeroporto di

Dettagli

1 Completate il cruciverba.

1 Completate il cruciverba. Esercizi 1 Completate il cruciverba. Orizzontali 1. Giulia scrive messaggini a tutti con il... 2. Che bello... gli amici! 3. Amo... lezione d italiano. 4. Il primo giorno di scuola conosco nuovi... Verticali

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli