Analisi e valutazione dei canali web delle aziende di servizio pubblico della città di Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi e valutazione dei canali web delle aziende di servizio pubblico della città di Roma"

Transcript

1 Anlisi e vlutzione dei cnli web delle ziende di servizio pubblico dell città di Rom Rom, Luglio 2005

2 Anlisi e vlutzione dei cnli web delle ziende di servizio pubblico dell città di Rom Rom, Luglio 2005

3 Indice Coordinmento e supervisione: Filippo Lobin e Gbriele Ugolini dell'agenzi Relizzzione: Wre.it Ufficio stmp: Shddidnd ss Impginzione: Edordo De Flchi Anstsi De Lorenzis Stmp: Tipolitogrfi Trullo Vi Idrovore dell Mglin, Rom LA RICERCA PARTE I Lo scenrio per un modello di nlisi 1.0 L necessità di nuovi strumenti di nlisi e monitorggio 2.0 Le metodologie di vlutzione dei siti web 2.1 Il metodo ARPA di Censis-RUR 3.0 I riferimenti normtivi per le ttività di nlisi e vlutzione del web 3.1 L legge sull'ccessibilità 3.2 Il Codice dell PA digitle 3.3 Il Codice dell Privcy 4.0 L Metodologi dottt per l'nlisi dei siti web delle Public utilities 5.0 Elenco degli indictori e loro rticolzioni 5.1 Descrizione degli Indictori Usbilità e ccessibilità Comuniczione, prtecipzione, relzionlità Sviluppo Tecnologico I

4 PARTE II I Risultti dell'indgine 1.0 Servizi di Trsporto pubblico locle 1.1. Anlisi e vlutzione di 2.0 Servizi per l Mobilità 2.1 Anlisi e vlutzione di 3.0 Servizi di distribuzione e vendit di Energi Elettric 3.1 Anlisi e vlutzione di e 4.0 Servizi di distribuzione e vendit del GAS 4.1 Anlisi e vlutzione di 5.0 Servizi di distribuzione e vendit dell'cqu 5.1Anlisi e vlutzione di 6.0 Servizi Ambientli 6.1 Anlisi e vlutzione di 7.0 Conclusioni L'nlisi e vlutzione dei cnli web delle ziende di servizio pubblico dell città di Rom è stt condott l fine di vvire un processo di monitorggio del livello di offert dei servizi on line delle ziende di distribuzione di energi elettric, gs, cqu, delle imprese di trsporto pubblico e di mobilità e delle imprese di servizi mbientli. Il monitorggio h pertnto preso in esme i servizi Internet relizzti d Ace, Itlgs, Atc, St e Am. Dto il cmpo peculire di osservzione reltivo lle public utilities e l reltiv novità dell rilevzione, il lvoro si è concentrto in primo luogo sull individuzione dei corretti prmetri ttrverso cui vlutre il livello qulittivo dell'offert on line di questo tipo di ziende che finlizzno l loro ttività ll'erogzione di servizi di pubblic utilità. Occorrev, quindi, in primo luogo, relizzre un ricostruzione dettglit e rgiont dell mpp dei servizi on line presenti livello nzionle ed europeo. Prtendo d un pproccio comprtivo, e sull bse di un metodologi di benchmrk, è stto osservto lo stto dell'rte livello nzionle ed europeo delle ttività di informzione, ssistenz, scolto dell'utenz, nonché di erogzione dei servizi on line d prte delle public utilities. L'individuzione delle esperienze di rete più significtive è scturit dll'nlisi degli L ricerc studi esistenti, dll pubblicistic e, soprttutto, dll'osservzione dirett. Per individure le migliori prtiche sono stte esminte le principli ziende erogtrici di servizi di pubblic utilità si delle principli città itline ( prtire d quelle ttive nei cpoluoghi di provinci), si in mbito europeo. L'esme h portto d individure circ 100 tr enti e ziende nzionli e circ 20 enti/ziende europee. L'esme delle migliori prtiche esistenti livello nzionle ed europeo h consentito di verificre e misurre non solo l presenz on line di quei servizi che trdizionlmente vengono forniti dgli sportelli fisici: dlle richieste di preventivi e nuovi llcci, lle richieste di subentro o voltur di contrtti o sospensione dell fornitur, dll'utolettur del conttore, ll richiest di cesszione dell'utenz; m nche l qulità delle informzioni messe disposizione dell'utenz rispetto l rpporto di clientel. Sotto quest'ultimo spetto è stt nlizzt l presenz e l qulità di informzioni sul contrtto di fornitur, sui consumi, sull situzione, per ciscun utente, dei pgmenti. E' stt testt, inoltre, l cpcità degli sportelli on line di ottimizzre l comuniczione con l clientel rendendo fcilmente ccessibili informzioni di crttere generle quli, d esempio, quelle reltive come pgre l bollett o fttur, cos fre II 1

5 se non è rrivt l bollett, qule è l'offert di servizi fornit. L'esme dei siti delle public utilities nzionli ed europee si è concentrto, infine, sull cpcità dei servizi on line di dre voce i cittdini utenti, ttrverso sistemi di post elettronic o trmite cnli più strutturti di conttto e scmbio con il pubblico, misurndone, d un lto, l cpcità di consentire lle persone di esprimere giudizi, suggerimenti o lmentele sui servizi utilizzti, dll'ltro di gevolre l crescit dell dimensione "prteciptiv" e quindi del coinvolgimento dei cittdini nelle decisioni "pubbliche" che l'ziend o l'ente sono tenuti prendere. Un volt mess punto l mpp dei servizi on line, si è pssti d orgnizzre un sistem di misurzione e vlutzione degli stessi. In primo luogo è stto individuto un set di indictori ttrverso cui descrivere le specifiche funzioni e servizi ttivti, rrivndo complessivmente d individurne 107. I 107 indictori sono stti rggruppti in modo d individure 22 indici in grdo di sintetizzre ltrettnte dimensioni conoscitive dei siti delle public utilities, tenuto conto delle loro rticolzioni settorili tipiche: trsporto, mobilità, fornitur di energi elettric, cqu, gs, e servizi per l'mbiente. Gli stessi 107 indictori sono stti rccolti nche per descrivere le 5 mcro ree temtiche generli solitmente utilizzte nelle nlisi dei web pubblici evidenzindo quindi crtteristiche generli quli: trsprenz e ccesso, qulità e interttività dei servizi in rete, usbilità e ccessibilità, comuniczione prtecipzione e relzionlità, e lo sviluppo tecnologico. L'nlisi prmetric pplict l modello di rilevzione h consentito, infine, per ciscun delle 5 mcro ree generli e per ciscuno dei 22 indici specifici di individure un vlore sintetico così d evidenzire 5 indici di primo livello e 22 indici di secondo livello per ciscun sito e di stbilire, sempre per ciscun sito, un indice generle cpce di esprimere il vlore finle complessivo. L'nlisi estes tutti i siti delle imprese di pubblic utilità delle città metropolitne itline (Torino, Milno, Venezi, Trieste, Genov, Bologn, Firenze, Rom, Bri, Npoli, Cgliri, Messin, Plermo, Ctni) e di 4 grndi cpitli europee (Berlino, Londr, Mdrid, Prigi) h permesso di confrontre i punteggi generli e settorili e specifici ttribuiti i siti delle ziende del servizio pubblico cpitoline con quelli ttribuiti i siti degli enti e delle ziende ttive nei centri urbni itlini e nelle mggiori cpitli europee. E' stto quindi effettuto il rting finle di ctegori, cioè un clssific di tutti i siti nlizzti per tipologi di servizio offerto, confrontndo l situzione di Rom con le città metropolitne itline e con l'europ. L'nlisi dei siti web cpitolini, nzionli ed europei è stt condott nel mese di Febbrio Tutti i risultti sono stti comprti per esigenze di uniformità quel periodo e non si è perciò tenuto conto nell clssific finle di eventuli modifiche ed eventuli migliormenti nei diversi web esminti relizzti nel periodo successivo. Solo in sede di commento delle esperienze di rete sperimentte dlle singole ziende di servizio pubblico cpitoline si cercto di tenere conto di eventuli nuovi servizi sviluppti nei due mesi successivi ll rilevzione. L ricerc è stt relizzt d un gruppo di lvoro di Wre.it diretto d Muro Di Gicomo e composto d Elg Apostoli, Mrco Cdin, Susnne Portmnn, Polo Subioli con il coordinmento e l supervisione di Filippo Lobin e Gbriele Ugolini dell'agenzi. PARTE I Lo scenrio per un modello di nlisi Per l ziende che producono beni di pubblic utilità l cpcità di innovrsi e dttre l propri orgnizzzione lle esigenze del mercto deve rppresentre un lev in grdo di determinre vntggi competitivi ed un mggiore efficienz gestionle m nche di crere utilità socile ggiuntiv. L cpcità innovtiv presuppone per i soggetti che erogno servizi pubblici, oltre che un cmbimento culturle, nche un'evoluzione tecnologic. In quest prospettiv, Internet e l'e-business (inteso come l'insieme delle ttività svolte ttrverso l rete), ssociti gli strumenti di contct center telefonico, ssumono prticolre rilevnz. Per un public utility è essenzile, inftti, poter disporre di sportelli innovtivi comprendenti nche il sito web (tteso che oltre il 40% dell popolzione itlin ccede, ormi, con continuità d Internet) ed il contct center telefonico, ttrverso i quli proporre le offerte o mettere disposizione del pubblico servizi, come d esempio l possibilità di stipulre e disdire contrtti di fornitur di servizi di rete, recuperre bollette precedenti, verificre lo stto dei pgmenti o dell fornitur, nlizzre i consumi e così vi. Nello stesso tempo è centrle per un public utility l possibilità di offrire vi web e/o vi telefono non solo servizi di vendit, ssistenz e informzione ll'utenz, m nche strumenti volti "dre voce" i cittdini, in mnier tle d relizzre forme strutturte di dilogo con l'ziend, sviluppndo e consolidndo un rete di relzioni il più possibile permnente con i cittdini-utenti. Rispetto l coinvolgimento dell'utenz, un deguto sistem informtivo rivolto oltre che i singoli, nche lle consulte, lle ssocizioni (quest'ultime d considerre quli soggetti di riferimento soprttutto nell fse di stesur dei contrtti e delle crte di servizio), potrebbe, così, contribuire riportre il bricentro delle ttività delle public utilities ll loro 2 3

6 utilità socile, piuttosto che ll mer cpcità di muoversi in modo competitivo nel mercto delle reti di servizi. Un sistem informtivo ccessibile on line e trsprente consentirebbe, inftti, i cittdini di esercitre in modo pieno l'unic opzione possibile (considert l condizione di sostnzile monopolio in cui si trovno le imprese di pubblico servizio rispetto ll'utenz privt), per invire segnli sull'degutezz e l qulità del servizio: quell di esprimere l propri "voce". Se così non fosse, e cioè, in ssenz di degute strtegie di integrzione di metodologie di prtecipzione e di processi decisionli inclusivi dell popolzione, ttrverso i nuovi e cpillri cnli di comuniczione e scmbio informtivo on line, nei confronti delle scelte che l pubblic mministrzione o l public utility è tenut prendere, gli enti erogtori di servizi pubblici potrebbero rischire di llontnrsi troppo dllo scopo strtegico di potenzire e migliorre l'offert verso tutti i soggetti nche quelli più deboli, divenendo sempre meno cpci di foclizzre il contenuto, le criticità e le potenzilità dei vri servizi e delle diverse funzioni in relzione i diversificti bisogni di cittdinnz. L'implementzione del web per un public utility deve potere, quindi, costituire uno strumento di vlorizzzione dell prtecipzione democrtic. Un obiettivo del genere potrà essere perseguito sempre più, tnto più l'offert on line srà in grdo di umentre l possibilità di ccesso lle informzioni, di fr conoscere gli tti di governo tutti i livelli, di permettere tutti di frsi opinioni coerenti con gli indirizzi effettivi, e quindi di poter esprimere un consenso (o un dissenso informto) ed in definitiv di poter esercitre ppieno il controllo democrtico. Ovvimente nello sviluppo di sistemi on line, un buon politic sull'ccessibilità e l'usbilità delle risorse on line, ccompgnt d misure tte fvorire l'ccesso telemtico i servizi schiere sempre più mpie di cittdini utenti, ssieme d un informzione chir, pertinente e tempestiv sull'ttività istituzionle, deve riuscire contrstre efficcemente i fenomeni strutturli di esclusione digitle che crtterizzno l'ttule sviluppo del web in Itli, fvorendo l'llrgmento dell bse di utenz e riducendo quindi il peso del digitl divide che condizion l possibilità stess di fruizione di internet, per mncnz di quelle competenze, conoscenze ed infrstrutture di bse necessrie per fruire pieno dell rete. Il nodo dell'informzione/comuniczione e le sue conseguenze in termini di selezione ed esclusione/inclusione dei prtecipnti è ormi decisivo. Le nuove tecnologie dell'informzione e dell comuniczione devono, perciò, poter incidere sull'effettiv circolzione delle informzioni, sull tempestività dell'informzione stess, sull pubblicità delle inizitive, modificndo il rpporto con il territorio, con l'utenz e con i referenti, llrgndo l mssimo le tipologie di pubblico coinvolte. 1.0 L necessità di nuovi strumenti di nlisi e monitorggio Un'pprofondit e rigoros nlisi delle crtteristiche dei siti web di uno specifico mbito settorile costituisce un terreno di ricerc di per sé inusule, che necessit di lcune considerzioni inizili supporto. E' inftti legittimo chiedersi, innnzi tutto, qule spzio debb essere ssegnto i servizi on line, in un mbito dove le relzioni funzionli tr ziende ed utenti sino già definite nel qudro oggettivo delle Crte dei servizi, e dove l'ttenzione degli utenti stessi è tutt rivolt ll qulità effettiv delle prestzioni erogte, trttndosi di servizi che vnno soddisfre bisogni dell popolzione di livello primrio, quli disporre nell propri bitzione di energi elettric, cqu e gs, oppure muoversi sul territorio e fruire di servizi di igiene urbn. Il web, d un'nlisi superficile, può pprire semplicemente come uno dei cnli possibili di customer cre. In reltà, nel corso dell'ultimo decennio corrispondente l periodo di diffusione di mss del nuovo medi, esso si è ndto ffermndo nche qule tecnologi bilitnte del cmbimento orgnizztivo, con riferimento modelli inediti, rispetto quelli consolidtisi durnte il secolo scorso, prtire dgli schemi tyloristi di orgnizzzione del lvoro. E' ciò - pur vendo potuto dispiegre sinor soltnto un piccol prte del suo potenzile - h conseguenze enormi per orgnizzzioni complesse quli le ziende di servizi. M il web è nche un dimensione socile dove prendono form nuovi diritti dei consumtori: il diritto d un pien e complet trsprenz; il diritto ricevere informzioni tempestivmente; il diritto conoscere l propri posizione nei confronti dell'ziend; il diritto scegliere il servizio più rispondente lle proprie necessità; il diritto non doversi recre llo sportello o confrontre i prezzi e le prestzioni con quelli di ltri fornitori. trtt di diritti non codificti, m che si ffermno sempre tnto più sldmente nelle spetttive dei consumtori, qunto più cresce l'bilità nell'usre Internet e ument l disponibilità stess di nuovi servizi on line vnzti, i quli inevitbilmente costituiscono prmetri di confronto. Il cittdino che già cquist on line i biglietti erei e ferroviri, d esempio, difficilmente ccett di non poter compiere un'nlog operzione per ssicurrsi un bbonmento i servizi di trsporto pubblico urbno. Per le ziende di servizi pubblici è perciò ineludibile il confronto con le suddette ree di formzione di nuovi diritti, che vnno nche d influenzre in mnier significtiv si l'immgine delle ziende stesse, si i meccnismi di crezione del consenso rispetto lle mministrzioni di riferimento. Ciò è sempre più vero, se si consider che l quot di utenti Internet, rispetto ll popolzione nel suo complesso, cresce costntemente, interessndo grdulmente i diversi strti socili (Grf. 1). 4 5

7 Cpitolo I L necessità di nuovi strumenti di nlisi e monitorggio Grf. 1 Utenti* Internet in Itli (numeri in miglii) Fonte: Eurisko * t: per utenti si intendono persone che "dicono di essersi collegte lmeno un volt negli ultimi tre mesi". L percentule di bitzioni dlle quli è possibile connettersi d Internet, si st grdulmente vvicinndo ll sogli del 50%, considert ttulmente il tetto mssimo dell domnd potenzile (corrispondente l livello di diffusione dei Pc nelle fmiglie), ed è ormi, quindi, i livelli delle ree vnzte europee (Grf. 2). Di livello europeo, dunque, non potrà che essere nche l qulità del servizio fornito on line. Grf. 2 Abitzioni con ccesso d Internet nei 5 mggiori Pesi europei, (vl. %) In questo scenrio di crescit delle nuove tecnologie di rete tr le fmiglie, l possibilità degli enti erogtori di servizi di pubblic utilità di rggiungere l'utenz ttrverso cnli innovtivi fondti su un uso mssiccio di nuove tecnologie dell'informzione e dell comuniczione diviene, dunque, un obiettivo strtegico, non solo per soddisfre le esigenze di innovzione di segmenti sempre più vnzti di clientel, m nche per contribuire colmre un noto deficit di cpcità di erogzione di servizi ttrverso gli sportelli trdizionli. In prticolre, l distnz eccessiv dlle sedi delle ziende di erogzione, l mncnz di mezzi di trsporto efficienti, l difficoltà di spostmento per rgioni di tempo, le condizioni soggettive che limitno le possibilità di movimento, sembrno condizionre fortemente l'ccesso gli sportelli del gs e dell'energi elettric, visto che un lrg mggiornz di fmiglie (Tb 1) dichirno di incontrre difficoltà nell'ccesso gli sportelli (con percentuli rispetto i due servizi, pri, rispettivmente, l 60,9% ed l 66,4%). L difficoltà si present in modo bbstnz omogeneo in tutto il Pese, nche in quelle regioni dove l concentrzione urbn dell popolzione è elevt e dove gli sportelli pubblici sono pprentemente più vicini ed ccessibili per mpie quote dell popolzione. Nel Lzio, quindi, dove pure si evidenzi un leggero migliormento rispetto lle medie nzionli, i vlori restno in ogni cso fortemente negtivi con il 56,9% ed il 62,9% di fmiglie che segnlno difficoltà nell'ccesso rispettivmente gli sportelli del gs e dell'energi elettric. L'obiettivo di migliorre e potenzire i cnli Internet l fine di rendere più gevole l'ccesso lle informzioni od i servizi delle public utilities sembr essere dunque un obiettivo ineludibile per relizzre forme rpide di trsmissione, ggiornmento e scmbio dell'informzione e funzioni di comuniczione più flessibili, meno legte vincoli spzio-temporli, così d vvicinre l'utenz gli enti erogtori, riducendo l'esclusione socile ed il divrio territorile. Lo sforzo in tto è perciò evidente in tutte le imprese erogtrici di servizi di pubblic utilità: potenzire l cpcità di erogzione di servizi informtivi e trnsttivi on line. Quest spint nuov deve fre il pio con l necessità, per le ziende di servizi, di dotrsi nche di nuovi strumenti di nlisi e monitorggio, che consentno loro di tenere sotto controllo questo nuovo terreno dove scturiscono e mturno diritti inediti e spetttive conseguenti. Fonte: Nielsen NetRtings

8 Cpitolo I Tb. 1 Dotzione Pc e Internet delle fmiglie e difficoltà di ccesso gli sportelli delle public utilities (nno Vl %) Fmiglie in possesso di PC Fmiglie con difficoltà di ccesso gli sportelli Gs Fmiglie con difficoltà di ccesso gli sportelli Energi elettric Utenti che ccedono Internet Piemonte 38,9 62,2 65,9 29 Vlle d Aost 37 48,9 53,9 28 Lombrdi 43,6 56,3 66,7 32,6 Trentino-Alto Adige 48,4 44,3 40,3 34,9 Veneto 44,7 58,5 65,6 31,4 Friuli-Venezi Giuli 44,1 57,8 62,9 31,7 Liguri 34,1 74,9 74,3 27,9 Emili-Romgn 41,1 55, ,2 Toscn 41,4 62,6 68,3 31,3 Umbri 39,9 44,5 53,7 24,8 Mrche 41,5 54,9 61,6 31,3 Lzio 43,2 56,9 62,9 28,9 Abruzzo 36,2 58,3 67,8 25,8 Molise 36,1 56,1 63,5 23,5 Cmpni 31,1 76,1 80,6 18,7 Pugli 32, ,9 21,5 Bsilict 41,8 59,4 65,9 25,8 Clbri 30,7 71,3 66,9 20,6 cili 28,8 62,3 65,1 19,3 Srdegn 41,2 58,3 52,4 27,2 Clbri 30,7 71,3 66,9 20,6 cili 28,8 62,3 65,1 19,3 Srdegn 41,2 58,3 52,4 27,2 rd-ovest 41, ,2 31,1 rd-est 43,5 56,5 61,7 32 Centro 42,2 57,7 63,8 29,7 Sud 32,4 71,8 74,2 20,9 Isole 31,9 62,2 61,9 21,3 2.0 Le metodologie di vlutzione dei siti web I primi metodi di vlutzione dei siti web codificti nscono negli Stti Uniti ttorno l 1997, in prticolre in mbito bibliotecrio, dove è sentit l'esigenz di stbilire delle gerrchie di ttendibilità delle fonti in un cmpo che, differenz di quello librrio, è completmente privo di brriere ll'ingresso e quindi nche di filtri che possno costituire punti di riferimento per vlutre priori l'ttendibilità. Tli metodi non si preoccupno di stbilire criteri oggettivi di vlutzione, poiché quest'ultim è comunque demndt ll'opertore bibliotecrio. Esso h disposizione un grigli di domnde cui dre rispost in relzione lle crtteristiche del sito. Il metodo di Jn Alexnder e Mrsh Ann Tte, dell Wolfgrm Memoril Librry 1 - nlogo quello dottto d Susn Beck, dell bibliotec dell'università Sttle del New Mexico 2 - è composto d un semplice list di controllo bst su cinque criteri di vlutzione: utorevolezz, ccurtezz, obiettività, ggiornmento, esustività. trtt di criteri che riflettono le esigenze dell'utente disorientto, di fronte ll vstità di offert del web. Un vrinte è costituit dl metodo delle "Dieci C", sviluppto d Betsy Richmond, dell McIntyre Librry dell University of Wisconsin-Eu Clire 3, che comprende ben dieci criteri: contenuto, credibilità, pensiero critico, copyright, citzione, continuità, censur, connettività, confrontbilità, contesto. Prllelmente si è sviluppt negli Stti Uniti l'esigenz di vlutre i siti web delle pubbliche mministrzioni, in un contesto che è quello dell grnde riform del settore pubblico relizzt dll'llor mministrzione Clinton. L riform er bst sull'ffermzione di un cultur del risultto e sull diffusione delle nuove tecnologie e, pertnto, prticolrmente ttent ll qulità effettiv dei servizi offerti dlle mministrzioni trmite l rete. Anche in questo cmpo, le nlisi si bsno sull scelt preventiv di un numero ristretto di criteri d dottre come prmetro di vlutzione. Le finlità, però, sono diverse: orientte, d un lto, l confronto tr i siti delle diverse mministrzioni e, dll'ltro, l monitorggio dei progressi di un determinto sito nel tempo. Pertnto i vri ricerctori che vi si sono cimentti, inizilmente sempre in mbito universitrio, hnno cercto di conferire ll rilevzione un cert oggettività, dottndo per l misurzione indictori il più possibile ITALIA 38,9 60,9 66,4 27,4 Fonte: nostre elborzioni su dti Istt : Indgine multiscopo Cfr. 2 Beck S., Evlution Criteri, in: "The Good, The Bd & The Ugly: or, Why It's Good Ide to Evcute Web Sources", In: TUhttp://lib.nmsu.edu/~susbeck/. 3 Cfr. 8 9

9 Cpitolo II Le metodologie di vlutzione dei siti web univoci. Tli indictori, in lcune metodologie mmettono vlori binri, cioè del tipo sì/no (d esempio: è presente o meno un mpp del sito), mentre in ltri vengono vlutti singolrmente con un punteggio (d esempio: grdo di ggiornmento delle informzioni pubblicte). Tr le prime metodologie pplicte, rppresenttiv di un pproccio tipico dell second metà degli nni '90, è d citre quell mess punto d Kristin R. Eschenfelder, dell University of Illinois t Chicgo (UIC), e dottt nel 1997 dll'office of Mngement nd Budget del governo federle 4, che rggruppv i criteri in due gruppi, come indicto in tbell 2. Tb. 3 Gli indictori del metodo WAES N. indictori Ctegori Trsprenz Interttività Crtterizzzione istituzionle 4 - Tb. 2 Criteri ed indictori di vlutzione University of Illinois t Chicgo (UIC) curezz e privcy - 4 Contenuto informtivo Fcilità d uso Fonte: University of Illinois t Chicgo (UIC). orientmento l sito; contenuti; ggiornmento; ccurtezz bibliogrfic; servizi (se presenti); ccurtezz. qulità dei link; meccnismi di feedbck; ccessibilità; design; nvigbilità. Conttti/Rggiungibilità 6 5 Informzioni orgnizztive 3 3 Contenuti informtivi 7 3 Dilogo col cittdino 3 7 Totle Fonte: University of Arizon. Ogni criterio comprendev un numero vribile tr 2 e 12 indictori, di tipo binrio (sì/no). M l più orgnic, tr le metodologie nte in quel periodo, è d considerre quell poi denomint Website Attribute Evlution System (WAES) del Cyberspce Policy Reserch Group dell'università dell'arizon 5, che conduce nlisi dei siti web pubblici sin dl Il WAES comprende 45 indictori, equmente suddivisi tr trsprenz e interttività, cioè le due crtteristiche slienti di un sito web del settore pubblico, ciscun suddivis in cinque ctegorie (Tb 3). 4 Eschenfelder, Kristin R. et l. Assessing U.S. Federl Government Websites. Government Informtion Qurterly, Vol. 14(2) (1997). Vedere su 5 Cyberspce Policy Reserch Group: L mggior prte degli indictori è di tipo binrio. Quelli che si bsno su criteri diversi sono comunque escogitti in modo d dre vlori minori o uguli d uno, in modo d mntenere uniformità nel peso delle vrie misurzioni effettute. Crtteristic del WAES - m nche di diverse ltre metodologie, tr cui quell itlin dell RUR (di cui dremo conto nelle pgine successive) - è di rppresentre i vlori per un determinto sito trmite il grfico di tipo rdr (Grf. 3). Il rdr permette di ottenere un rppresentzione grfic delle diverse crtteristiche del sito, mettendone in evidenz il profilo specifico. Ognuno dei vertici del poligono rppresentto h un lunghezz dl centro proporzionle l vlore del criterio corrispondente, e così l figur geometric risultnte rppresent i punti di forz del sito - in corrispondenz delle convessità - così come quelli di debolezz, evidenziti dlle concvità

10 Cpitolo II Le metodologie di vlutzione dei siti web Grf. 3 Rppresentzione grfic delle crtteristiche di un sito secondo il metodo WAES e quelli delle mministrzioni presenti nei vri settori (polizi, fisco, formzione, snità, turismo, cmere di commercio, ecc.). I diversi indictori, in questo cso, sono ricondotti otto criteri: 2) contenuti esurienti, ggiornti e finlizzti soddisfre le necessità dei diversi trget; 3) disponibilità di servizi interttivi e feedbck; Fonte: Cyberspce Policy Reserch Group. Per qunto rigurd l'nlisi dei siti istituzionli livello locle, un punto di riferimento - importnte prticolrmente per questo lvoro di ricerc - è costituito dl Center for Public Policy dell Brown University, il qule pubblic nnulmente il rpporto Urbn E-government 6, che sintetizz i risultti dell'nlisi dei siti web presenti nelle mggiori città USA. L'ultimo rpporto, reltivo l 2004, h preso in considerzione siti istituzionli nelle 70 mggiori ree metropolitne del Pese, includendo i siti dei diversi orgni (sindco, consiglio, giunt), quelli delle istituzioni giudizirie, contenuti informtivi; servizi on line; privcy e sicurezz; leggibilità; ccesso i disbili; ccesso in lingue strniere; pubblicità e triffe; dilogo col cittdino. Appre evidente, grzie in prticolre questo ultimo esempio, come l mggior prte dei criteri ricorr in tutte le metodologie, le quli grdulmente convergono verso riferimenti reltivmente stndrdizzti. Un ltro riferimento è costituito dl lvoro svolto dl Congresso degli Stti Uniti 7, col fine di fornire linee guid per i siti web dei vri uffici collegti. Il Congresso h condotto tr il 2003 e il 2004 un'inchiest, rticolt su diverse metodologie d'indgine, per stbilire quli fossero i punti di forz di un sito web efficce. Il lvoro h portto ll'individuzione di 5 "blocchetti di costruzioni": 1) chir finlizzzione rispetto i diversi trget di riferimento; 4) usbilità; 5) impegno l continuo migliormento. Diverso è l'pproccio dottto d Brnes e Vidgen con il metodo WebQul 8, che ci port finlmente considerre le metodologie sorte l di fuori degli Stti Uniti. Il metodo, sviluppto prtire dl 1998 e costntemente ggiornto, h come oggetto si i siti istituzionli che quelli di e-commerce. A differenz dei procedimenti visti in precedenz, fondti su un misurzione oggettiv dei siti, WebQul si crtterizz per essere bsto sulle percezioni degli utenti, ed in prticolre sul Qulity Function Development (QFD), "un processo strutturto e disciplinto, che consente di ottenere un mezzo per identificre e dre scolto ll voce del consumtore in ogni fse dello sviluppo e dell'implementzione di un prodotto o servizio" 9. Il questionrio di rilevzione di WebQul, che nell'ultim versione comprendev 23 domnde, viene somministrto on line gli utenti. Per ciscun domnd, il rispondente deve indicre in che misur - con un scl che v d 1 (per niente d'ccordo) 7 (molto d'ccordo) - concord con un'ffermzione reltiv lle qulità del sito. Ad esempio: "trovo il sito fcile d nvigre". 7 Congress Online Project (www.congressonlineproject.org). 8 Brnes S. J., Vidgen R., Assessing the Qulity of Cross-Ntionl e-government Web te: Cse Study of the Forum on Strtegic Mngement Knowledge Exchnge, Slbey R., "QFD: A Bsic Primer", Trnsctions from the Second Symposium od Qulity Function Deployment, vi, Michign, Cit. in Brnes S. J., Vidgen R., Center for Public Policy, Brown University:

11 Cpitolo II Le metodologie di vlutzione dei siti web Contestulmente, deve nche indicre l'importnz che ttribuisce quell'spetto, sempre trmite un vlore d 1 7, iutndo così i ricerctori pesre i vri indictori. Il metodo si prest prticolrmente in occsione del redesign di un sito, per misurre l'efficci degli interventi effettuti. Per qunto rigurd i siti istituzionli, è stto dottto, in prticolre, nel Regno Unito ed in Nuov Zelnd. Le 23 domnde sono ricondotte tre criteri di bse, nche se viene effettut un forte personlizzzione in bse l tipo di indgine: usbilità; qulità dell'informzione; interttività. Anche WebQul present come output dei grfici rdr (Grf 4.) Su un pino del tutto differente si collocno le indgini crttere trnsnzionle, nell'mbito delle quli i siti web istituzionli vengono nlizzti col fine di contribuire, ssieme d ltri indictori in mbiti diversi, ll definizione di indictori sintetici per Tv. 1 Metodologie di nlisi dei siti web Pese, che permettono di stilre clssifiche comprtive, specilmente in relzione ll Rediness o E-Rediness, l prontezz d ffrontre le sfide connesse ll diffusione su scl globle delle nuove tecnologie. Grf. 4 Il grfico rdr del metodo WebQul, pplicto i siti che effettuno ste on line Metodologi UN Globl E-Government Survey e-asean CSPP Rediness Guide KAM MI Fonte: ns. elborzione d AOEMA. 10 Committente United Ntions Deprtment of Economic nd Socil Affire Author: e-asean Tsk Force on e-government Computer Systems Policy Project Bnc Mondile, Knowledge Assessment Mtrix McConnell Interntionl nd the World Informtion Technology nd Services Allince (WITSA) Esemplifictivo è il cso dell'e-government Rediness Index, dottto dlle Nzioni Unite ed pplicto i 144 Pesi membri. L'indice è ricvto d indgini condotte prllelmente su tre mbiti diversi: i siti web governtivi; gli indictori sttistici reltivi lle infrstrutture di telecomuniczioni disponibili; gli indictori reltivi l cpitle umno. L'indgine sui siti web port ll'elborzione di un indice specifico (Web Mesure Index) che misur genericmente l'ttitudine delle mministrzioni d dottre l'egovernment qule strumento per informre, intergire, effetture trnszioni e crere rete. Anche quest metodologi, come l grn prte di quelle viste precedentemente, utilizz un serie di indictori misurti oggettivmente d ricerctori incricti di ttribuire loro un vlore binrio, del tipo presenz/ssenz, reltivi ll disponibilità di determinti servizi on line, o nche solo di informzioni. L'indgine è limitt lle home pge dei portli nzionli, dei siti ufficili dei governi e dei cinque ministeri o diprtimenti considerti più rppresenttivi: Snità, Istruzione, Welfre, Lvoro e Finnze. Fonte: Brnes S. J., Vidgen R.,

12 Cpitolo II 2.1 Il metodo ARPA di Censis-RUR In Itli, prtire dl 1999, è stt sviluppt d RUR 11 e Censis un metodologi specific per l vlutzione dei siti web delle mministrzioni pubbliche, con diversi punti in comune, rispetto gli esempi USA visti precedentemente, m più compless, denomint ARPA (Anlisi delle Reti dell Pubblic Amministrzione). ARPA comprende un grnde numero di indictori, revisionti nnulmente (l'ultim versione 2003/2004 ne comprendev 137), che sono rggruppti in sei criteri: contenuti istituzionli e trsprenz; qulità dei servizi; usbilità e ccessibilità; cooperzioni, relzionlità e communities; mrketing territorile; professionlizzzione tecnologic. In ARPA gli indictori sono molto eterogenei. Oltre quelli di crttere binrio (presente/ ssente), il sistem ne comprende un certo numero di tipo quntittivo cui corrispondono vlori numerici, come, d esempio, il tempo necessrio per visulizzre l home pge con un connessione stndrd, o il numero di errori nel codice HTML. Quindi in ARPA, dl punto di vist metodologico, è presente un elemento in più, rispetto lle ltre metodologie, derivnte dll necessità di rendere omogenei vlori fftto differenti tr loro. Tle necessità viene soddisftt trmite il metodo dell'nlisi prmetric, già pplicto in cmpi come l Vlutzione d'imptto Ambientle, 11 Rete Urbn delle Rppresentnze (www.rur.it). crtterizzti d un'nlog necessità di confrontre tr loro, i fini di un scelt, soluzioni con molte vribili. L'nlisi prmetric prevede che d ogni indictore si pplichi un formul di conversione specific, in modo che ssum sempre un vlore compreso tr un minimo ed un mssimo. In questo modo è possibile sommre tr loro i vlori dei diversi indictori. Agli indictori è nche pplict l'operzione dell pestur, in modo che ciscuno di essi concorr ll formzione dei punteggi sintetici proporzionlmente ll propri importnz. Anche i risultti di ARPA, come quelli di lcuni dei metodi visti precedentemente, vengono presentti ricorrendo l grfico rdr. M l completezz del metodo consente nche di ottenere ltri output, come le clssifiche nnuli dei siti per tipologi di Ente (Regioni, Province, Comuni cpoluogo) o tbelle rissuntive su spetti specifici, utilizzte per redigere un rpporto di ricerc sull telemtic istituzionle. Il metodo è diventto un riferimento stndrd nel settore, l punto che ttulmente l'indgine 2005 sui siti delle pubbliche mministrzioni locli è commissiont dl Ministro per l'innovzione e le Tecnologie. rmlmente ARPA viene pplict i siti delle mministrzioni locli (ARPA-L), comprendendo tutti i siti di Regioni, Province e Comuni cpoluogo, oltre d un cmpione rppresenttivo di ltri Comuni. Nel 2001 è stt pplict nche i siti delle Amministrzioni centrli (ARPA-C) e recentemente i siti del Servizio Snitrio Nzionle (ARPA-S). 3.0 I riferimenti normtivi per le ttività di nlisi e vlutzione del web Per sviluppre un metodologi di indgine cpce di offrire un metodo di vlutzione dei servizi on line delle public utilities, oltre che l'esme dei metodi di vlutzione dei siti web in generle o le esperienze di vlutzione sui siti, occorre prendere in considerzione che lo specifico cmpo dei siti web che fnno riferimento l settore pubblico non è privo di riferimenti ll normtiv o ll documentzione ufficile e tli riferimenti occorre gurdre qundo si decid di esminre l congruità e l qulità dell'offert di servizi on line delle public utilities. Anche se nel nostro Pese non esistono specifiche linee guid cui gli Enti devono ttenersi, come d esempio in Frnci o nel Regno Unito, lcuni documenti d'indirizzo generle per i siti pubblici (ssumibili nche per i siti delle public utilities) contengono riferimenti lle crtteristiche dei siti web. In prticolre: 1. l Direttiv dell Funzione Pubblic 13 mrzo 2001 "Linee guid per l'orgnizzzione, l'usbilità e l'ccessibilità dei siti web delle Pubbliche Amministrzioni", l qule prescrive i criteri di usbilità ed ccessibilità per i siti web istituzionli; 2. l Circolre AIPA 6 settembre 2001 "Criteri e strumenti per migliorre l'ccessibilità dei siti web e delle ppliczioni informtiche persone disbili"; 3. l Direttiv 21 dicembre 2001 "Linee guid in mteri di digitlizzzione dell Pubblic Amministrzione" del Ministro per l'innovzione e le Tecnologie, l qule, trmite il lncio del portle nzionle Itli.gov.it, introduce come interfcci stndrd per l presentzione dei servizi on line, quell degli "eventi dell vit"; 4. l Direttiv del Presidente del Consiglio dei Ministri, 30 mggio 2002 per l conoscenz e l'uso del dominio internet ".gov. it" e l'efficce interzione del portle nzionle "itli.gov.it" con le pubbliche mministrzioni e le loro dirmzioni territorili; 5. il Decreto legisltivo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in mteri di protezione dei dti personli"; 6. l Legge n. 4 del 9 gennio 2004 "Disposizioni per fvorire l'ccesso i disbili"; 7. il Decreto legisltivo del Consiglio dei ministri del 4 mrzo 2005 recnte "Il codice dell PA Amministrzione digitle". Tr i diversi riferimenti normtivi indicti vle l pen, i fini dell presente nlisi, soffermrsi nelle pgine successive, solo sull legge sull'ccessibilità, sul nuovo codice dell PA digitle e sull legge sull privcy

13 Cpitolo III I riferimenti normtivi per le ttività di nlisi e vlutzione del web 3.1 L legge sull'ccessibilità Un importnte testo normtivo reltivo ll comuniczione pubblic on line è l Legge n. 4 del 9 gennio 2004 "Disposizioni per fvorire l'ccesso dei soggetti disbili gli strumenti informtici", ribttezzt "Legge Stnc", che h introdotto due nuovi principi nel nostro ordinmento: "L Repubblic riconosce e tutel il diritto di ogni person d ccedere tutte le fonti di informzione e i reltivi servizi, ivi compresi quelli che si rticolno ttrverso gli strumenti informtici e telemtici"; "È tutelto e grntito, in prticolre, il diritto di ccesso i servizi informtici e telemtici dell pubblic mministrzione e i servizi di pubblic utilità d prte delle persone disbili, in ottempernz l principio di uguglinz i sensi dell'rticolo 3 dell Costituzione". L Legge 4/2004 sull'ccessibilità si pplic, oltre che tutte le pubbliche mministrzioni, lle ziende privte concessionrie di servizi pubblici. L'obbligo di crere siti ccessibili si concretizz nell preferenz d ccordre i requisiti di ccessibilità, nelle procedure di gr per l'cquisto di beni e per l fornitur di servizi informtici. Inoltre i soggetti pubblici (e le ziende di servizi) non possono stipulre, pen di nullità, contrtti per l relizzzione e l modific di siti Internet, qundo non è previsto che essi rispettino i requisiti di ccessibilità. Un punto importnte d sottolinere è che l'inosservnz delle disposizioni contenute nell legge comport responsbilità dirigenzile e responsbilità disciplinre. L recente pprovzione del regolmento d'ttuzione dell legge h fissto in 12 mesi il tempo disposizione per degure i contrtti di relizzzione o modific dei siti Internet. I siti, inoltre, devono contenere necessrimente i seguenti dti pubblici: ) l'orgnigrmm, l'rticolzione degli uffici, le ttribuzioni e l'orgnizzzione di ciscun ufficio di livello dirigenzile non generle, nonché il settore dell'ordinmento giuridico riferibile ll'ttività d essi svolt, corredti di documenti nche normtivi di riferimento; b) l'elenco dei procedimenti svolti d ciscun ufficio di livello dirigenzile non generle, l durt di ciscun procedimento, ed il nome del responsbile del procedimento secondo qunto stbilito dll legge 7 gosto 1990, n e secondo qunto previsto di singoli ordinmenti corredti dll normtiv di riferimento; c) le scdenze e le modlità di dempimento dei procedimenti individuti i sensi degli rticoli 2 e 4 dell legge 8 gosto 1990, n. 241; d) l'elenco completo delle cselle di post elettronic istituzionli ttive, specificndo nche se si trtt di un csell di post elettronic certifict; e) le pubbliczioni di cui ll'rticolo 26 dell legge 7 gosto 1990, n. 241, nonché ogni ltr pubbliczione previst dll legge 7 giugno 2000, n ; f) l'elenco di tutti i bndi di gr, sottoscritti digitlmente; g) l'elenco dei servizi forniti in rete. Devono nche essere definiti e resi disponibili on line: l'elenco dell documentzione richiest per i diversi procedimenti, nonché i moduli e i formulri vlidi d ogni effetto di legge. Sul punto dell disponibilità on line dei procedimenti, il decreto è perentorio: trscorsi ventiquttro mesi dll su entrt in vigore, "i documenti rilevnti per il procedimento, i moduli o i formulri che non sino stti pubblicti sul sito e che non sino stti resi noti non possono essere richiesti ed i reltivi procedimenti possono essere conclusi nche in ssenz dei suddetti documenti". 3.3 Il Codice dell Privcy 3.2 Il Codice dell PA digitle M il pnorm normtivo in mteri si è, proprio recentemente, rricchito di un nuovo importnte provvedimento: il decreto legisltivo reltivo l "Codice dell'mministrzione digitle", il qule ccorp in un unico tto legisltivo tutt l normtiv sull'e-government e disciplin, tr le ltre cose, l'ccesso telemtico dti, documenti e procedure. Il Codice è rivolto principlmente lle mministrzioni pubbliche, m lcune disposizioni, come quelle concernenti l'ccesso i documenti informtici e l fruibilità delle informzioni digitli si pplicno nche i gestori di servizi pubblici. Secondo il Codice, i siti istituzionli (compresi quelli dei gestori di servizi) devono rispettre i principi di "usbilità, reperibilità, ccessibilità - nche d prte delle persone disbili - completezz di informzione, chirezz di linguggio, ffidbilità, semplicità di consultzione, qulità, omogeneità ed interoperbilità". L'ltr norm che incide direttmente sulle modlità di progettzione e gestione dei siti web è il Decreto legisltivo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in mteri di protezione dei dti personli", noto nche come Codice dell Privcy. Reltivmente ll'mbito di ppliczione di Internet, il Codice rimnd ll sottoscrizione di un codice di deontologi e di buon condott. M specific che lo scopo deve essere comunque quello di ssicurre ed uniformre un più degut informzione e conspevolezz degli utenti dei servizi on line gestiti d soggetti pubblici e privti, rispetto i tipi di dti personli trttti e lle modlità del loro trttmento. Ciò v ftto ttrverso informtive rese disponibili on line, in modo gevole e interttivo, per 12 "Nuove norme in mteri di procedimento mministrtivo e di diritto di ccesso i documenti mministrtivi". 13 "Disciplin delle ttività di informzione e di comuniczione delle pubbliche mministrzioni"

14 Cpitolo III fvorire un più mpi trsprenz e correttezz nei confronti dei medesimi utenti, oltre che il pieno rispetto dei principi del Codice stesso, come d esempio quello dell rccolt e registrzione dei dti per scopi determinti, espliciti e legittimi. Un ltro riferimento in mteri è l Rccomndzione n. 2/2001 che le Autorità europee per l protezione dei dti personli riunite nel gruppo istituito dll'rt. 29 dell direttiv n. 95/46/CE, hnno dottto il 17 mggio 2001 per individure dei requisiti minimi per l rccolt dei dti personli on line: le modlità, i tempi e l ntur delle informzioni che i titolri del trttmento devono fornire gli utenti qundo questi si collegno pgine web. Tr le informzioni d fornire vi sono: estremi del titolre del trttmento; luogo e finlità di trttmento dei dti; tipi di dti trttti; dti di nvigzione; dti forniti volontrimente dgli utenti; cookies; fcolttività del conferimento dei dti; modlità di trttmento dei dti; diritti degli interessti. 4.0 L Metodologi dottt per l'nlisi dei siti web delle Public utilities Per relizzre un sistem di nlisi dei cnli web delle public utilities dell città di Rom è stt dottt un metodologi prmetric di vlutzione dell'offert di servizi di rete riconducibile l modello ARPA messo punto d RUR Censis negli ultimi 5 nni e già descritt nelle pgine precedenti. Un scelt del genere h permesso di uniformre l ricerc e l vlutzione su 5 mcroree già condivise ed ssunte livello pubblico, si pure in contesti differenti come nelle ricerche sulle cosiddette "città digitli" o sui siti on line delle pubbliche mministrzioni locli: - Trsprenz e ccesso. - Qulità e interttività dei servizi in rete. - Usbilità e ccessibilità. - Comuniczione, prtecipzione, relzionlità. - Sviluppo tecnologico. Dto il cmpo peculire di osservzione reltivo lle public utilities l metodologi h imposto di concentrrsi in primo luogo sull individuzione dei corretti prmetri ttrverso cui vlutre il livello qulittivo dell'offert on line di un ente finlizzto ll'erogzione di servizi di pubblic utilità. Prtendo d un pproccio comprtivo, e sull bse di un metodologi di benchmrk è stto perciò osservto lo stto dell'rte livello nzionle ed europeo delle ttività di informzione, ssistenz, scolto dell'utenz, nonché erogzione dei servizi on line d prte delle public utilities, individundo sull bse degli studi, dell pubblicistic, e soprttutto dell'osservzione dirett, le migliori prtiche esistenti livello nzionle ed europeo rispetto ll'implementzione di servizi di rete d prte di questi enti. Il lvoro h condotto in primo luogo d un ricostruzione dettglit e rgiont dell mpp dei servizi on line presenti livello nzionle ed europeo. Per individure le migliori prtiche sono stte esminte le principli ziende erogtrici di servizi di pubblic utilità si delle principli città itline ( prtire d quelli delle 14 città metropolitne) si in mbito europeo. L'esme h portto d individure circ 100 tr enti e ziende nzionli e circ 20 ziende europee (Tbb. d 4 11)

15 Cpitolo IV L Metodologi dottt per l'nlisi dei siti web delle Public utilities Tb. 4 ti di ziende di pubblico trsporto delle 14 città metropolitne itline Città Enti /Aziende Web ti collegti te Torino GTT Sp Genov AMT Sp Milno Trieste Atm Aziend trsporti municiple Sp Trieste Trsporti Sp sp Venezi Actv Sp Bologn ATC - Trsporti pubblici Bologn Sp Firenze Atf Sp Cgliri CTM Sp Npoli ANM Sp Bri Amtb Sp Messin ATM Sp Plermo Aziend Specile AMAT* Ctni Amt to dell metro in costruzione Comprende nche l metropolitn stem integrto di trsporto Gestisce nche i Prcheggi Rom Atc Sp stem integrto * Dl 7 mrzo 2005 l'amat è un Società per zioni, con socio unico il Comune di Plermo. Tb. 5 ti di ziende e servizi per l di Mobilità delle 14 città metropolitne itline Città Enti /Aziende Web te Torino Genov Milno Trieste Venezi 5T Sp Comune Permessi ZTL Comune sp Agenzi Mobilit Comune html Comune Asm Sp Comune Urbis limen defult.sp?tbell_pdre=sx&id_ sx=59&ids=18&pgin=-&tipo=monoblocchi Bologn Comune urp.comune.bologn.it/mobilit/mobilit.nsf Firenze Firenze Prcheggi Sp Comune https://ztl.comune.fi.it/tzi/index.jsp Cgliri Comune * Npoli Anm ziend npoletn mobilità Bri Nd Nd Messin Nd Nd Plermo Nd Nd Ctni Sostre Nd Rom St Sp Nd Sezione solo informtiv del sito del comune Sezione del sito del comune dedict ll mobilità e lle urbnizzzioni primrie; possibilità di scricre modulistic Il ndco h l deleg ll mobilità; non ci sono siti specifici ll interno di quello del comune L mobilità è gestit d un pposito ssessorto del comune, che però non h un sito (né sezioni specifiche di quello del comune) dedicto L mobilità è gestit d un ssessorto del comune. n ci sono siti (né sezioni dedicte) Aziend che gestisce i prcheggi pgmento; prtecipt d Ctni Multiservizi Il diprtimento che si occup di trffico e mobilità non h un sezione specific ll interno del sito del Comune * RVTECNICI&chk2=URBPRIUTchem=PORTAL&chk_pr=SERVTECNICI&chk2=URBPRI

16 Cpitolo IV L Metodologi dottt per l'nlisi dei siti web delle Public utilities Tb. 6 ti di ziende di erogzione di energi elettric nelle 14 città metropolitne itline Tb. 7 ti di ziende di erogzione del gs nelle 14 città metropolitne itline Città Enti /Aziende Web te Città Enti /Aziende Web Torino Aem Torino Sp Torino Itlgs Sp Genov AMGA Sp Genov Amg Sp Milno Aem Sp I reltivi servizi si trovno sul portle miservi.it Milno Aem Sp Trieste ACEGAS-APS Sp Trieste Est gs Sp Venezi Enel Sp Venezi Vest Sp Bologn Enel Sp Bologn HERA Sp Firenze Enel Sp Firenze Fiorentings Sp Cgliri Enel Sp Cgliri IS gs Scrl Nd Npoli Enel Sp Npoli Npoletn Gs Sp Bri Enel Sp Bri A.M.Gs Sp Messin Enel Sp Messin Itlgs Sp Plermo Enel Sp Plermo AMG ENERGIA Sp Ctni Enel Sp Ctni Asec Sp Rom Ace Electrbel Sp V considerto nche il sito stellite Rom Itlgs Sp

17 Cpitolo IV L Metodologi dottt per l'nlisi dei siti web delle Public utilities Tb. 8 ti di ziende di erogzione dell'cqu nelle 14 città metropolitne itline Città Enti /Aziende Web te Tb. 9 ti di ziende di erogzione di servizi di igiene urbn nelle 14 città metropolitne Città Enti /Aziende Web Torino Società Metropolitn Acque Torino Sp Torino Amit Sp Genov AMGA Sp AMGA Milno Gruppo Cp Sp Trieste Acegs Sp Venezi Bologn Vest Venezi servizi territorili e mbientli HERA Sp (Holding Energi Risorse Ambiente) Firenze Publicqu Sp Genov AMIU Aziend Multiservizi e d Igiene Urbn Sp Milno AMSA Sp Trieste Acegs-sp Sp Venezi Vest Venezi servizi territorili e mbientli Sp Bologn HERA Sp (Holding Energi Risorse Ambiente) Cgliri ESAF Ente Srdo Acquedotti e Fognture Firenze Qudrifoglio Servizi Ambientli Are Fiorenin Sp Npoli ARIN Sp Aziend Risorse Idriche di Npoli Bri Aqp Acquedotto pugliese Cgliri Cgliri Ambiente Scrl Nd Npoli ASIA Npoli Sp sp Messin AMAM Aziend Municiple Acquedotto Messin AMAM Aziend Meridionle Acque Messin Solo home pge: sito vuoto to non rggiungibile Bri Amiu Sp Messin Messin Ambiente Sp Nd Plermo Amp Sp Plermo AMIA Sp Ctni dr Sp Ctni Gestione dirett del comune Nd Rom Ace Sp Rom AMA Sp

18 Cpitolo IV L Metodologi dottt per l'nlisi dei siti web delle Public utilities Tb. 10 ti di public utilities delle città non metropolitne Tb. 11 Città cmpione per il confronto Europeo Multiutility Città Settori Londr Prigi Berlino Mdrid Agsm Aziend generle servizi municiplizzti Amir Aziend multiservizi (Her) Amg Aziend multiservizi Asm Aziend servizi municiplizzti Acsm Aziend comsc servizi municipli Aim Aziende industrili municiplizzte Asm Aziend specile multiservizio Veron Rimini Udine Bresci Como Vicenz Pvi Trsporti Elettricità Gs Acqu Ambiente trnsportforlondon.gov.uk co.uk/ gov.uk* edf.fr/ gzdefrnce.fr com Intes Ascopive en Treviso *http://www.cityoflondon.gov.uk/corportion/our_services/helth_sfety/clensing.htm. Acose Aem Trsporti Atr Agenzi per l mobilità Tep Aziend consorzile trsporti APM S.p.A. STI - Servizi Trsporti Integrti TEP S.p.A. Energi ASMB Aziend Servizi Municiplizzti Aem Met Energi Territorio Ambiente Acqu Ac Aziend comprensorile cquedottistic Ambiente Bs Bergmo mbiente servizi Asm Aziend specile multiservizio As Trde Aziend Servizi Ambientli Ferrr Cremon Forlì Prm Perugi Potenz Prm Brunico Cremon Moden Pescr Bergmo Pvi Livorno L'esme delle migliori prtiche esistenti livello nzionle ed europeo h consentito di verificre non solo l presenz on line di servizi trdizionlmente forniti dgli sportelli sul territorio: dlle richieste di preventivi per nuovi llcci, lle richieste di subentro o voltur di contrtti, dll'utolettur del conttore ll richiest di cesszione dell'utenz; m nche di esminre l qulità delle informzioni messe disposizione dell'utenz rispetto l rpporto di clientel con l'ziend stess: il contrtto di fornitur, le letture e i consumi, l situzione dei propri pgmenti. Sono stte testte inoltre, le cpcità di ciscuno degli sportelli on line di ottimizzre l comuniczione con l clientel rendendo fcilmente ccessibili informzioni di crttere generle quli, d esempio, quelle reltive come pgre l bollett, come sospendere l'erogzione del servizio, cos fre se non è rrivt l bollett. L'esme dei siti delle public utilities nzionli ed europee si è concentrto, infine, sull cpcità dei servizi on line di dre voce i cittdini utenti, ttrverso sistemi di rccolt o trmite cnli strutturti di conttto e scmbio con il pubblico misurndone, d un lto, l cpcità di consentire lle persone di esprimere giudizi, suggerimenti o lmentele sui servizi utilizzti, dll'ltro di gevolre l crescit dell dimensione "prteciptiv" gevolndo i cittdini prtecipre e d essere coinvolti nelle decisioni "pubbliche" che l'ziend o l'ente sono tenuti prendere. Un volt mess punto l mpp dei servizi on line, si è pssti sull bse delle 5 mcro ree temtiche generli definire un set di indictori specifici cpci di descrivere singoli spetti del fenomeno e in grdo quindi di rppresentre singole dimensioni conoscitive reltive lle mcroree di esme. Per ciscun mcro re è stto perciò individuto un set di indictori specifici, rrivndo complessivmente individure 107 indictori. Le 5 mcro ree sono stte rirticolte in 22 sotto ree temtiche, in prtic sono stti individuti 22 nuovi indici specifici di secondo livello ciscuno dei quli collegto d un determinto set di indictori scelti tr i 107 considerti. Ciscun indictore ssumev crtteristi

19 Cpitolo IV che dicotomiche (presenz / ssenz di un fenomeno) o crtteristiche rticolte e gerrchizzbili sull bse del possibile livello di ripost l bisogno dell'utenz nell fruizione del servizio di rete. Attribuendo punteggi lle diverse tipologie di riposte (1-2 nel cso di risposte dicotomiche) od (1-3 o 1-5 nel cso riposte rticolte), è stto possibile rrivre costruire indici sintetici stndrdizzndo il punteggio totle in centesimi per ciscun indice in relzione ciscun tipologi di sito (siti delle ziende di trsporto - siti dell mobilità - siti dell'energi elettric - siti dell'cqu - siti del gs - siti dell'mbiente) senz effetture successive ponderzioni. Il vlore sintetico finle per ogni sito scturisce dll medi dei punteggi di tutti e 5 gli indici settorili. Il confronto tr i punteggi ttribuiti lle public utilities dei differenti centri urbni esminti h consentito di effetture nche il rting finle, cioè un clssific di tutti i siti nlizzti potendo effetture comprzioni tr le risorse on line delle public utilities presenti sul territorio del Comune di Rom con gli ltri enti o ziende nzionli e internzionli. 5.0 Elenco degli indictori e loro rticolzioni Tv. 2 Indici sintetici sull qulità dei servizi web delle public utilities INDICI di 2 livello 1 Trsprenz ziendle 2 Accesso 3 Trsprenz normtiv 4 Visione dei servizi 5 Gestione del contrtto 6 Gestione bollette e ftture 7 Consumi e triffe 8 Trsporto 9 Trsporto dei disbili 10 Mobilità 11 Mobilità dei disbili 12 Servizi di Igiene Urbn 13 Igiene urbn triffzione 14 Nvigbilità 15 Usbilità 16 Accessibilità 17 Comuniczione on line 18 Comuniczione istituzionle 19 Customer cre 20 Prtecipzione 21 Qulità server e connessioni 22 Qulità dell Html e web design MACRO AREE (INDICI ntetici di I livello) I ) Trsprenz e ccesso II) Qulità e interttività dei servizi in rete III) Usbilità e ccessibilità IV) Comuniczione, prtecipzione, relzionlità V) Sviluppo Tecnologico 30 31

20 Cpitolo V Elenco degli indictori e loro rticolzioni Tv. 3 Indictori dell Mcro re Trsprenz e ccesso Tv. 4 Indictori dell Mcro re Qulità e interttività dei servizi in rete Trsprenz e ccesso (17 indictori) Indici 2 livello Indictori Rispost 1 Rispost 2 Rispost 3 Rispost 4 Rispost 5 Trsprenz Aziendle Accesso 14 punti 19 punti Trsprenz normtiv 8 punti Informzioni sull struttur dell ziend/ente Informzioni sull orgnigrmm dell ziend/ente ssente ssente presente presente Presentzione servizi ssente presente Mission dell ziend/ente Informzioni sul sistem di Qulità Informzioni sull durt di ciscun procedimento Indiczione degli uffici e dei responsbili dei procedimenti informzioni sull privcy/ uso dei dti Spzio per comitti etici Indiczioni sull ubiczione fisic degli uffici/sportelli Informzioni reltive gli orri di pertur degli uffici/ sportelli Presenz di forme di conttto uffici/settori (fx/telefono emil) Informzioni e/o trnszioni reltive bndi/pplti Pubbliczione di testi delle delibere ziendli o dell ente Pubbliczione pgine reltive l Bilncio Pubbliczione pgine reltive l Bilncio socile Informzioni sull normtiv di riferimento ssente ssente ssente ssente ssente ssente ssente ssente ssente ssenti informzioni ssente ssente ssente ssente presente presente presente presente Indiczione uffici presente presente presente presente Presenti forme di conttto (form) con uffici settori informzioni presente presente presente presente indiczione uffici e responsbili Presenz di telefono e/o e-mil con cui contttre uffici e settori interzione one wy (*) (Downlod Bndi Cpitolti) Presenz di forme di conttto (form) verso i responsbili dei processi e/ o dei servizi interzione two wy (**) (Form per presentre domnde o per invire utocertificzioni) Presenz di telefono e/o e-mil dei responsbili dei processi e/o dei servizi trnszione complet (***) (possibilità di presentre bndo) Legend:(*) interzione (one wy). Possibilità di downlod di documenti o mterili reltivi l servizio / contenuto in esme; (**) interzione (two wy). Possibilità di invio di comuniczioni/richieste e ricevere risposte; (***) trnszione complet. Chiusur on line del processo/servizio trnszione. Qulità e interttività dei servizi in rete (41 indictori) Indici 2 livello Indictori Rispost 1 Rispost 2 Rispost 3 Rispost 4 Rispost 5 Visione dei servizi Per servizi C) ENERGIA ELETTRICA; D) GAS; E) IDRICO 9 punti Gestione del contrtto Per servizi C) ENERGIA ELETTRICA ; D) GAS ; E) IDRICO 25 punti Gestione bollette e ftture Per servizi C) ENERGIA ELETT.; D) GAS;E) IDRICO 20 punti Elenco dei servizi in rete già disponibili Disponibilità dell elenco dei servizi in rete di futur ttivzione Presenz di re demo per ccesso servizi Sezione ccesso protetto (pssword) per prti note (es. clienti, rivenditori) ssente ssente ssente ssente informzioni informzioni presente presente Stipul del contrtto ssente informzioni Voltur dei contrtti ssente informzioni Nuovo llccio ssente informzioni Disdett dell fornitur Gestione fornitur - modific di potenz Richiest intervento on site ssente ssente ssente informzioni informzioni Informzioni Pgmento ssente informzioni Controllo e comuniczione stto delle ftture (pgmenti) Modific recpito ftture Informzioni su cos fre se non è rrivt l fttur (Richiest duplicto bollett) ssente ssente ssente informzioni informzioni informzioni indiczione dei tempi previsti per l ttivzione int. one wy (downlod modulistic ) int. one wy (downlod modulistic ) int. one wy (downlod modulistic ) int. one wy (downlod modulistic ) int. one wy (downlod modulistic ) int. one wy (downlod modulistic ) int. one wy (downlod modulistic ) int. one wy (downlod modulistic ) int. one wy (downlod modulistic ) int. one wy (downlod modulistic ) int. two wy (formulzione richieste ) int. two wy (formulzione richieste ) int. two wy (formulzione richieste ) int. two wy (formulzione richieste ) int. two wy (formulzione richieste ) int. two wy (formulzione richieste ) int. two wy (formulzione richieste ) int. two wy (formulzione richieste ) int. two wy (formulzione richieste ) int. two wy (formulzione richieste ) trns. complet (stipul on line) trns. complet (esecuzione voltur) trns. complet (esecuzione nuovo llccio) trns. complet (disdett del contrtto) trns. complet (modific l fornitur) trns. complet (prenotzione del servizio) trns. complet (pgmento) trns. complet (controllo stto bollette e com. dti) trns. complet (cmbio domicilizione) trns. complet (cquisizione duplicto bollette) 32 33

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi 11. Attività svolt dll Agenzi, risorse e spetti orgnizztivi 11.1 Attività istituzionle svolt i sensi dell Deliberzione istitutiv In un vlutzione complessiv delle ttività svolte dll Agenzi i sensi dell

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC)

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC) 4. Trsporto pubblico non di line: txi e noleggio con conducente (NCC) L domnd di mobilità dei cittdini incontr un corrispondente offert delle diverse modlità di trsporto, sull bse delle crtteristiche degli

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA ll ASSUNZIONE e ll CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornt l 31 gennio 2015 PROGRAMMA POT Pinificzione Territorile Opertiv PROGRAMMA POT Pinificzione

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it Ftturimo Versione 5 Mnule per l utente Active Softwre Corso Itli 149-34170 Gorizi emil info@ctiveweb.it Se questo documento ppre nell finestr del vostro browser Internet di defult, richimte il comndo Registr

Dettagli

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ EMC VMA AX 10K EMC VMAX 10K fornisce e un'rchitettu ur scle-out multi-controlller Tier 1 rele e che nsolidmento ed efficienz. EMC VMAX 10 0K utilizz l stess s grntisce lle ziende con stemi VMAX 20 0K e

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA n u m e r o m o n o g r f i c o IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA PREMESSA Nell Comuniczione dell Commissione Europe del 3 luglio 2008, intitolt Migliorre le competenze per il 21 secolo: un ordine del

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1).

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1). D.Lgs. 29-12-2006 n. 311 Disposizioni correttive ed integrtive l D.Lgs. 19 gosto 2005, n. 192, recnte ttuzione dell direttiv 2002/91/CE, reltiv l rendimento energetico nell'edilizi. Pubblicto nell Gzz.

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE Riservto ll Poste itline Sp N. Protocollo t di presentzione UNI CONORME AL PROVVEIMENTO AGENZIA ELLE ENTRATE EL 000 E SUCCESSIVI PROVVEIMENTI Periodo d'impost 0 COGNOME COICE ISCALE Informtiv sul trttmento

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014 ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI i sensi dell rt. 26 dell Legge 116/2014 (c.d. Legge Copetitività ) Ro, 3 novebre 2014 Indice 1. Contesto

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana.

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana. lle ASSUN ZIONI AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIO NI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALII Guid 2013 PROGRAMMAA POT Pinificzione territorile opertiv Aggiornt l 31 dicembre 20133 Sommrio PRINCIPI GENERALI... 4 GIOVANI...

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Cod. 1879.185M STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Crtteristiche tecniche Corpo in lluminio pressofuso Portello di chiusur vno cblggio/btterie in termoindurente Riflettore in lluminio vernicito binco Diffusore

Dettagli

Fatture registro unico. Oggetto della fornitura

Fatture registro unico. Oggetto della fornitura .S.: - - IC GIOVNNI XXIII/CESTE MIICBC (CF: ) nno Finnzirio: Ftture registro unico Ftture trovte: Numero- Dt Prg Reg Procoll o /B - -- /B - -- /B - -- Tipo Doc fttur fttur fttur Numero Fttur V- /M Dt Fttur

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

Grazie. Normativa sulle emissioni dell'epa. Avviso relativo alla garanzia. Servizio "Mercury Premier"

Grazie. Normativa sulle emissioni dell'epa. Avviso relativo alla garanzia. Servizio Mercury Premier Grzie per vere cquistto uno dei migliori motori fuoribordo sul mercto che si rivelerà un ottimo investimento per l nutic d diporto. Il fuoribordo è stto fbbricto d Mercury Mrine, leder internzionle nel

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI Codice civile: I crediti devono essere iscritti secondo il vlore presumibile di relizzzione; quindi già l netto dell svlutzione derivnte dl monitorggio di ciscun

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

Catalogo generale Process Heat 2014 /15. La soluzione giusta per ogni applicazione. We know how. Versione 4.0

Catalogo generale Process Heat 2014 /15. La soluzione giusta per ogni applicazione. We know how. Versione 4.0 Ctlogo generle Process Het 2014 /15 L soluzione giust per ogni ppliczione. Versione 4.0 We know how. Leister Technologies AG, Corporte Center, Kegiswil, Schweiz Leister Technologies AG, Stilimento di produzione,

Dettagli

LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE:

LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE: LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE: DAI MODELLI TRADIZIONALI AI NUOVI APPROCCI REAL-TIME TEMPERATURE MINIMUM PREDICTION: FROM TRADITIONAL MODELS TO NEW APPROACHES Stefno Dll Nor 1, Emnuele

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA Modello 9/11 DIHIRZIONE DI INIZIO TTIVITÀ, VRIZIONE DTI O ESSZIONE TTIVITÀ I FINI IV (IMPRESE INDIVIDULI E LVORTORI UTONOMI) Informativa sul dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del

Dettagli

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni.

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni. Credimo nel concetto di cucin chilometro zero e nei prodotti di stgione, credimo nel rispetto dell mbiente e delle trdizioni. L nostr propost enogstronomic è bst sull riscopert delle ricette più semplici

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1 Aferru un etiquet identifictiv v999999999 de codi de brres Itlià (més grns de 25 nys) Model 1 Not 1ª Not 2ª Aferru l cpçler d exmen un cop cbt l exercici Puntució: preguntes vertder/fls: 1 punt; preguntes

Dettagli

Il dato è pubblicato nella sezione "Amministrazione trasparente" del sito istituzionale? (da 0 a 2) Tempo di pubblicazione/ Aggiornamento.

Il dato è pubblicato nella sezione Amministrazione trasparente del sito istituzionale? (da 0 a 2) Tempo di pubblicazione/ Aggiornamento. llegato 1 mministrazione "Comune di Cervaro" Data di compilazione "28/01/15" COMPLETEZZ COMPLETEZZ DEL LLEGTO 1 LL DELIER. 148/2014- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/2014 PULICZIONE RISPETTO GLI GGIORNMENTO

Dettagli

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie?

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie? ESERCITZIONI. I 1)Un coppi h già due figlie. Se pinificssero di vere 6 figli, con qule probbilità vrnno un fmigli di tutte figlie? ) 1/4 b)1/8 c)1/16 d)1/32 e)1/64 2)In un fmigli con 3 bmbini, qul e l

Dettagli

Prot. N 8502/A32 Augusta lì, 18/09/2014

Prot. N 8502/A32 Augusta lì, 18/09/2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STTLE "SLVTORE TODRO" 96011 UGUST (SR) - Via Gramsci - 0931/993733-0931/511970

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica mministrazione BEDOLLO 31/1/215 LLEGTO 1 LL DELIBER. 148/214- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/214 livello 1 (Macrofamiglie) Denominazione sotto-sezione 2 livello (Tipologie di dati) mbito soggettivo (vedi

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

telefono: 0917076129 3299045149 e-mail: agri1.utenzasian@regione.sicilia.it

telefono: 0917076129 3299045149 e-mail: agri1.utenzasian@regione.sicilia.it REPUBBLIC ITLIN Regione Siciliana SSESSORTO GRICOLTUR E FORESTE DIPRTIMENTO REGIONLE INTERVENTI STRUTTURLI Servizio XXI Monitoraggio e controllo dei fondi comunitari U.O.B. n 254 Gestione utenze SIN Viale

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO

IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO IL Libro di Mormon RACCONTO SCRITTO SU TAVOLE PER MANO DI MORMON TRATTO DALLE TAVOLE DI NEFI

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio Il Moello elzionle Proposto E. F. o nel 1970 per vorire l inipenenz ei ti e reso isponiile ome moello logio in DM reli nel 1981 si s sul onetto mtemtio i relzione, questo ornise l moello un se teori he

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani Università degli Studi di Plermo Fcoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Lure Specilistic in Mtemtic Codici ifissi ed insiemi Sturmini Studente Frncesco Dolce Reltore Prof. Antonio Restivo Anno Accdemico

Dettagli

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali i sensi del D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e ss.mm.ii. TESTO UNICO SULL SLUTE E SICUREZZ SUL LVORO ttuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7 Istituto Nazionale Previdenza Sociale PR O TOC OL L O COD. P23 maturati e non riscossi - 1/7 Questi moduli vanno utilizzati da tutti gli eredi di un pensionato, in assenza del coniuge. Se esistono più

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

ALLEGATO I PERIZIA DI STIMA RELATIVA AL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DELL IMMOBILIE OGGETTO DI DISMISSIONE SITO IN

ALLEGATO I PERIZIA DI STIMA RELATIVA AL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DELL IMMOBILIE OGGETTO DI DISMISSIONE SITO IN ISTITUTO NZIONLE PER L SSICURZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LVORO CONSULENZ TECNIC PER L EDILIZI SETTORE II COSTRUZIONI D USO DIREZIONLE!! PERIZI DI STIM RELTIV L PIU PROILE VLORE DI MERCTO DELL IMMOILIE

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni

INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni Memorie >> Titnio e ue leghe INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni I. Rmpin, K. Brunelli, M. Dlà In queto lvoro ono tti ottenuti rivetimenti di Ni

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli