Linee di stile. del nuovo sito web del Dipartimento della Protezione Civile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee di stile. del nuovo sito web del Dipartimento della Protezione Civile"

Transcript

1 Linee di stile del nuovo sito web del Dipartimento della Protezione Civile Questo manuale di stile, realizzato dal Sevizio Comunicazione del Dipartimento della Protezione Civile, contiene un insieme di regole per la redazione di contenuti sul web. Il manuale, pensato come documento di lavoro, fornisce consigli utili e affronta vari aspetti del lavoro redazionale, dall organizzazione dei contenuti alla sintassi, dalla stesura del testo alla revisione finale. Il manuale è suddiviso in tre capitoli. Il primo intende dare un quadro generale sulle caratteristiche della scrittura sul web ed è suddiviso in due blocchi: da un lato l organizzazione delle informazioni e l ipertestualità, dall altro la sintassi e la scelta del lessico. Ad una parte descrittiva seguono indicazioni pratiche per realizzare testi il più possibile chiari e immediati. Il secondo capitolo riguarda le convenzioni tipografiche che intendiamo usare per il nuovo sito del Dipartimento con indicazioni sulla citazioni della legislazione, maiuscole e minuscole, sigle e acronimi, numeri, sostantivi geografici e indicazioni sulla formattazione e la punteggiatura. Il terzo capitolo è dedicato alle linee guida da seguire per i contenuti nel nuovo sito web del Dipartimento della Protezione Civile con indicazioni generali e altre più specifiche per alcuni tipi di contenuti. Questa parte potrà subire delle variazioni a fase di migrazione dei contenuti completata. Indice sintetico: 1. Caratteristiche generali della scrittura sul web pag Organizzare le informazioni 1.2 Sintassi e lessico 2. Convenzioni tipografiche sul web pag Convenzioni tipografiche 2.2 Punteggiatura e formattazione 2.3 Morfologia e grammatica 3. Organizzazione dei contenuti del nuovo sito web pag. 14 Allegati Allegato 1 La revisione del testo pag. 29 Allegato 2 Diritto dell informazione pag. 30 Allegato 3 Quadro normativo sullo sviluppo del web nelle pubbliche pag. 33 amministrazioni

2 1. Caratteristiche generali della scrittura sul web 1.1 Organizzare le informazioni Il testo in rete Con internet la scrittura ha riacquistato un ruolo centrale, ma segue regole diverse rispetto al testo scritto su carta. L 80% dei navigatori non legge riga per riga ma scorre la pagina rapidamente, come se fosse una mappa visiva, cercando ciò che gli interessa: se non lo trova nei primi 30 secondi abbandona il sito. Inoltre la lettura sul web è più lenta del 25% rispetto a quella su carta. Per questo bisogna prestare particolare attenzione all organizzazione dei contenuti, evitando di riprodurre un testo scritto per la stampa, ma cercando di adattare i contenuti alla logica del nuovo mezzo. Ad esempio, per attirare l utente e per trattenerlo su una pagina si doseranno nel giusto modo tutte le risorse grafiche a nostra disposizione come titoli, sottotitoli, link, immagini, colori, grassetti. L obiettivo è trasmettere al lettore le informazioni nel modo più semplice ed efficace possibile. Occorre quindi: Individuare il destinatario e le informazioni di cui ha bisogno, tralasciando quelle superflue Organizzare le informazioni ed esporle nella maniera più comprensibile possibile Le informazioni non vengono presentate in ordine casuale, ma sono disposte secondo un ordine preciso, che può essere logico, cronologico, gerarchico, o di altro genere, purché aiuti il lettore a seguire il filo del discorso. In internet l ordine delle informazioni non si sviluppa in verticale, ma in orizzontale, attraverso l ipertestualità: è per questo che la progettazione di una pagina comprende la costruzione di un testo, ma anche di una serie di link a questo collegati, che permettono all utente di esplorare e approfondire il contenuto della pagina. Strutturare il testo Un sito web va sempre pensato come uno spazio aperto, in cui il lettore entra attraverso diverse strade: motore di ricerca interno o esterno, navigazione interna, ecc; per questo: ogni pagina dev essere autonoma rispetto a ciò che viene prima e ciò che viene dopo e ogni testo dev essere autosufficiente ; le segnaletica paratestuale (titoli, sottotitoli, grassetti, ecc) deve dare indicazioni precise sul contenuto della pagina, sulla sua collocazione all interno del sito e sulle possibili vie di navigazione che il contenuto apre. Nei testi si privilegia l ordine della piramide invertita, cioè l informazione principale, di solito riassunta in un primo paragrafo, precede quelle secondarie o di dettaglio e le conclusioni vengono date prima delle motivazioni. 1

3 La piramide invertita. La scelta migliore è aprire il testo con le informazioni più importanti e passare agli approfondimenti nei paragrafi successivi. Ogni testo può essere scaglionato e letto su più livelli: titolo abstract (riassume le informazioni più importanti di una notizia o le diverse parti di un dossier) primo paragrafo (focalizza il cuore della notizia) testo suddiviso in paragrafi con titoletti link o testi di approfondimento Le informazioni in blocchi. Se un testo è lungo va frammentato in paragrafi brevi, preceduti da titoli significativi, che servano come punti di ancoraggio per la scansione visiva della pagina alla ricerca di informazioni. Alcune indicazioni pratiche: raggruppiamo le informazioni in blocchi (paragrafi e capoversi) coerenti, completi e ordinati; facciamo corrispondere ad ogni paragrafo un unità concettuale con informazioni tra loro omogenee; distinguiamo i paragrafi anche da un punto di vista grafico, creando piccoli blocchi separati tra loro (ad ogni invio a capo saltare una riga). Elenchi puntati. Permettono di raggruppare le informazioni in modo sintetico, ne facilitano la lettura e presentano i contenuti nella pagina in modo più incisivo. Usiamo gli elenchi per: elencare le caratteristiche, i vantaggi, i tempi, ecc; descrivere una procedura; riassumere i concetti chiave. Il paratesto. Titoli, parole chiave evidenziate, link e altri elementi di contorno al testo (il cosiddetto paratesto) orientano il lettore, costituendo una sorta di segnaletica stradale del discorso. Titolo: deve essere breve (60-70 battute), semplice ed efficace. Titoli che contengono i termini più significativi dei contenuti della pagina sono trovati dai motori di ricerca. Un buon modello sono i titoli degli articoli di giornale; deve funzionare in modo indipendente rispetto al contesto e indicare il contenuto in modo preciso perché, spesso, è il primo elemento della pagina ad essere visto, es. con il motore di ricerca. Abstract: dev essere breve di 350 battute circa; è obbligatorio in bandi di gara, news, dossier, Testo: la lunghezza massima di un testo dovrebbe essere di battute; il corpo va suddiviso in paragrafi ( battute) in tutti i tipi di testo e se i paragrafi sono lunghi ( battute), vanno suddivisi in sottoparagrafi; nelle schede informative, nelle notizie, nei testi in cui lo riteniamo utile, diamo un titolo a ogni paragrafo. 2

4 Usare le potenzialità dell ipertesto La struttura ipertestuale è una caratteristica intrinseca alla rete ed è il modo in cui il redattore organizza l informazione, cercando di suggerire al lettore spunti e approfondimenti. Funziona attraverso i link a pagine interne ed esterne, ma anche a documenti, foto, video e a tutti i tipi di contenuti che possono arricchire il testo. Link Devono esprimere in poche parole la destinazione a cui portano e devono sempre indicare a cosa puntano: una pagina, un sito, una tabella, una foto, un documento, ecc. Link a siti web o pagine interne link interni al testo: solo link a pagine interne al sito; link a lato o correlazioni laterali: link a documenti, altre pagine del sito, link esterni; link a fondo pagina: per le pillole e il glossario; quando creiamo un link interno su una parola ripetuta più volte, inseriamolo solo la prima volta che la parola compare; non creiamo link su titoletti interni al testo. Link a documenti (download) in caso di link creati manualmente, indichiamo per ogni documento da scaricare il tipo di file e le dimensioni, es. Rapporto Case al 2 gennaio KB.pdf e diamo titoli che coincidano con i titoli dei documenti; nominiamo i documenti da scaricare con titoli sintetici e con data se i documenti vengono aggiornati a intervalli di tempo regolari. es: rapporto_case_2gen2010 Immagini. Per ogni notizia va inserita un immagine (se possibile), perché è uno degli elementi più cercati nei siti web e contribuisce ad arricchire le informazioni del testo. Per immagine intendiamo anche grafici, schemi e ogni altro contenuto che può contribuire a spiegare in un altro modo le informazioni già contenute negli articoli. scegliamo un immagine coerente con il testo che le è accanto; scriviamo sempre una didascalia o comunque spieghiamo con un alternativa testuale l immagine; indichiamo la fonte, se l immagine non è nostra. 3

5 1.2 Sintassi e lessico Sintassi Il web vuole una scrittura leggera, che non è sinonimo di banalità, ma piuttosto di semplicità, concisione e precisione. Ecco alcune indicazioni pratiche: Scrivere frasi semplici, lineari e brevi: - rispettare la legge della vicinanza, cioè evitare incisi tra soggetto e verbo; - preferire la coordinazione alla subordinazione; - preferire modi e tempi verbali semplici; - limitare l uso del gerundio che nasconde il soggetto della frase. Preferire i verbi ai nomi, cioè evitare nominalizzazioni, es. applicare modifiche modificare Preferire la forma attiva a quella passiva Esplicitare il soggetto ed evitare le forme impersonali, es. si pubblica pubblichiamo Preferire frasi di forma affermativa, cioè evitare le doppie negazioni (Non è vietato è permesso): le doppie negazioni si elidono, per questo si scrive non ha diritto ad alcun contributo e non non ha diritto a nessun contributo Lessico Per scrivere in modo breve e conciso, evitiamo le espressioni prolisse, le espressioni abusate e le parole ridondanti. In un lessico stereotipato lo sforzo è sempre sovraumano e il delitto efferato. Alcune indicazioni: Evitare gli stereotipi, le perifrasi e le frasi fatte Eliminare le espressioni che diluiscono il testo Scrivere per esteso le sigle e gli acronimi la prima volta che li riportiamo nel testo Preferire le parole italiane a quelle inglesi, se sono ugualmente sostituibili Limitare i termini tecnici o specialistici e definirli la prima volta che li usiamo Le ridondanze. Non usiamo parole a sproposito, evitiamo la tautologia, cioè la ripetizione dello stesso concetto con parole diverse. È facile incontrare frequentemente espressioni di questo tipo nei documenti amministrativi o negli atti legislativi, per questo nella fase di rielaborazione dei documenti dobbiamo sforzarci di riconoscere il burocratese ed usare espressioni della lingua comune. Ecco alcuni esempi: - entro e non oltre - legge vigente - commissione apposita - requisiti richiesti - amministrazione competente - il nuovo progetto-pilota - fonte originale - le ore il mese di aprile - risultato finale - un particolare tipo di - di colore rosso 4

6 - esperto qualificato - progetti futuri I sinonimi. Scegliamo un unica parola per definire lo stesso concetto, perché spesso i sinonimi possono comportare equivoci. preferire Parole comuni: Evitiamo le espressioni di tono inutilmente elevato: - documento di viaggio da obliterare biglietto - ingiunzione ordine - apporre mettere - erogare pagare - istanza richiesta, domanda - nonché inoltre, anche, e - ovvero o (attenzione al linguaggio giuridico: alcune volte ovvero ha il significato di cioè) - pertanto perciò - pervenire giungere, arrivare - porre in essere realizzare - qualora se - recarsi andare, venire - riscontro risposta - sottoscrivere firmare - vigente in vigore Parole concrete e dirette Usiamo parole concrete e dirette, che aiutano il lettore a visualizzare il concetto: - segnaletica segnali - nominativo nome Usiamo verbi semplici al posto delle corrispondenti locuzioni verbali astratte: - provvedere alla copertura assicurativa assicurare - provvedere al pagamento pagare - procedere all'annullamento annullare - prendere in esame esaminare, usare) Preposizioni semplici: Usiamo preposizioni semplici, invece di quelle complesse: - a condizione che se - a titolo di come - al fine di, a scopo di, con l obiettivo di per - in caso di se - ai sensi di secondo - in materia di riguardo a, su 5

7 limitare Termini tecnico-specialistici: Evitiamo l uso di un termine tecnico quando è possibile usare un termine comune, ma se è necessario il termine tecnico diamone la definizione la prima volta che lo usiamo. Forestierismi : Non usiamo termini stranieri, se non è necessario: access point è punto di entrata; il badge è un tesserino. Sigle e abbreviazioni: Scriviamo per esteso le sigle o le abbreviazioni la prima volta che le inseriamo nel testo: Enac - Ente Nazionale per l Aviazione Civile Dpc Dipartimento della Protezione Civile evitare Formule dotte e latinismi: perché utilizzare espressioni dotte, se esiste un modo più semplice per dirlo? De facto, de iure = di fatto, di diritto. Neologismi: Sì a quelli più noti e diffusi (mass media, internet), no a quelli poco diffusi e che possono facilmente essere sostituiti: invece di disambiguare, meglio precisare il significato di una parola. 6

8 2. Convezioni tipografiche sul web 2.1 Convenzioni tipografiche Riferimenti di legge Scriviamo sempre per esteso il riferimento alla legge quando citiamo per la prima volta un provvedimento, per le citazioni successive usiamo la forma sintetica: 1 citazione ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n del 6 giugno 2009 decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 5 del 15 giugno 2009 Disposizioni 2 citazione ordinanza n del 2009 anche 3779/2009 dpcm 5/2009 anche dpcm n. 5 del 2009 Quando facciamo riferimento a un articolo o a una legge riportiamo nella prima citazione anche il titolo o una parafrasi del titolo, per aiutare il lettore a capirne il contenuto. Es. invece di Dlgs 163/2002 è corretto scrivere decreto legislativo n. 163 del 2002, Codice degli Appalti pubblici. Quando scriviamo il riferimento alla Gazzetta Ufficiale indichiamo sempre numero e data, es. la Gazzetta Ufficiale n. 14 del 19 gennaio Maiuscole e minuscole Tranne per i nomi propri, l'uso della maiuscola in italiano offre molte zone d'ombra perché ragioni grammaticali s'intrecciano con ragioni ideologiche più o meno consapevoli. Le maiuscole servono per distinguere nomi propri e non per dare importanza o considerazione e un soggetto. Non è sempre facile individuare con precisione i casi in cui la maiuscola va o non va usata, ma è opportuno scegliere una soluzione uniforme e applicarla su tutti i contenuti del sito. Nei nomi comuni abitualmente si scrive con la minuscola, può essere scritto con la maiuscola in riferimento a un individuo ben determinato. Il nome papa, abitualmente con la minuscola, può ricevere la maiuscola in riferimento al pontefice regnante: il Papa, senza altre specificazioni, è Benedetto XVI. Nel caso di Stato e di altri omonimi la maiuscola ha valore distintivo: i dipendenti dello Stato ma sono stato dipendente pubblico (e allo stesso modo: la Camera dei deputati / la camera da letto, la Chiesa cattolica / la chiesa di corso Umberto ). Maiuscola per: i nomi propri di organismi, enti e persone fisiche: - se il nome è composto, va in maiuscolo solo l iniziale del primo sostantivo; - se un aggettivo precede un sostantivo e lo qualifica, va in maiuscolo anche l aggettivo. Dopo i due punti usiamo la maiuscola solo se introducono un discorso diretto, es. il ministro risponde: Sono in disaccordo, oltre che dopo il punto interrogativo e i punti esclamativi. 7

9 Minuscola per: i plurali, es.: le regioni e le province autonome; i nomi comuni che indicano un preciso soggetto, individuato in maniera implicita, es.: l'assemblea delibera; i termini piazza e simili, cariche o appellativi riferiti a una persona (ministro Borg), nomi di movimenti politici o religiosi (i liberali), di singoli atti (codice), di uffici o di loro dirigenti. Esempi - il Dipartimento della Protezione Civile - Capo Dipartimento / il Commissario Delegato - il Capo Dipartimento Franco Gabrielli / il Commissario Guido Bertolaso - Servizio Nazionale della Protezione Civile - Meccanismo Europeo della Protezione Civile - Cngr - Commissione Nazionale per la Previsione e la Prevenzione dei Grandi Rischi - Co - Comitato Operativo - Cfc - Centro Funzionale Centrale - Coemm - Centro OPerativo per le Emergenze Marittime - Com - Centro Operativo Misto - Dicomac - Direzione Comando e Controllo - Com - Centro Operativo Misto - Ran - Rete Accelerometrica Nazionale - Pma - Posto Medico Avanzato - MIC - Monitoring and Information Centre, Centro di monitoraggio e informazione - ECHO - European Commission Humanitarian Aid & Civil Protection - Direzione Generale per gli Aiuti Umanitari e la Protezione Civile della Commissione Europea - la Guardia di Finanza - i Vigili del Fuoco - la Marina Militare - Forze Armate - Polizia di Stato - Cri - Croce Rossa Italiana - Ingv - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - Cnr - Consiglio Nazionale delle Ricerche - Csv - Centri di Servizio per il Volontariato - Presidenza del Consiglio dei Ministri - Presidente del Consiglio dei Ministri - Gazzetta Ufficiale - la Regione Toscana (se indica l'ente, e non il territorio) - il Presidente della Regione Veneto / il Presidente Giancarlo Galan / il Presidente - la Regione Veneto / la Regione - il Sindaco del Comune di Roma / il Sindaco Gianni Alemanno / il Sindaco - Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Mibac - Ministro dell Interno / il Ministro Roberto Maroni / il Ministro 8

10 - Ministero degli Affari Esteri - Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo - Ministero dell Interno - Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie Locali - Corte Costituzionale - Alto Commissario - Governo italiano - Camera - Senato - Presidenza della Repubblica Sigle e acronimi In generale, quando spieghiamo una sigla, usiamo il trattino corto per dividere la sigla dalla spiegazione In italiano scriviamo: - sigle in A/b. Ad esempio, Dpc e non DPC. - sigle e acronimi in versione estesa la prima volta che compaiono nel testo, usando il trattino corto compreso tra spazi: Snpc - Servizio Nazionale della Protezione Civile In inglese usiamo le regole di scrittura previste: - sigle in A/B. Ad esempio, ECHO - sigla seguita dalla versione estesa in corsivo, con accanto la traduzione in italiano. In questo caso, siccome si tratta di un inciso, la spiegazione va inserita all interno di due trattini lunghi: MEM Major Economies Meeting, Incontro delle maggiori economie mondiali Per sigle non ufficiali o di termini scientifici usiamo le parentesi es. Microzonazione Sismica (Ms) Velocità delle onde sismiche di taglio (Vs) Numeri Fino a dieci, compreso, si scrivono sempre in lettere, tranne che per le date e le ore. Nella numerazione è bene seguire questa regola: sempre in lettere i numeri da uno a dieci, in cifre quelli da 11, ad eccezione di cento e mille. Si scrivono in lettere cento, mille, mila, milioni e miliardi. Scriviamo 12mila, 12 milioni, 12 miliardi e non , , Usiamo formule miste: milioni Se scriviamo in cifre, ad esempio all interno di un bilancio, separiamo i caratteri con il punto ( euro). Ricordiamo che in inglese non sono separati dal punto, ma dalla virgola (12,524,600 euro). Non iniziamo mai un paragrafo con un numero scritto in cifre. 9

11 Attenzione all uso dello zero non si dice i bambini da zero a tre anni, meglio i bambini fino ai tre anni. La numerazione romana non vuole il segno tipografico ordinale : scriviamo I, II, III e non I, II, III. Per le date preferiamo la formula mista. Scriviamo 2 gennaio 2010 e non 2/01/2010 Scriviamo le ore anche con i minuti, in questo modo: Femminile dei nomi L uomo è il parametro intorno a cui ruota l universo linguistico. Le espressioni a misura d uomo o i diritti dell uomo, ne sono un piccolo esempio. Quasi tutti i nomi hanno sia il maschile sia il femminile (tore/trice; ere/era) In alcuni casi la forma femminile c è ma è poco usata (sindaco/sindaca; ministro/ministra) Per i nomi promiscui, che hanno la stessa forma al maschile e al femminile, basta cambiare l articolo (il/la presidente, il/la parlamentare) Nomi di popoli (o etnici) La minuscola è obbligatoria se si tratta di aggettivi ( le strade francesi ), decisamente preferita in riferimento a un singolo individuo ( il greco aveva conservato fino allora un silenzio pregnante P. Levi), mentre si alterna con la maiuscola nel plurale ( e sì che i tedeschi non li batte nessuno in nulla Fenoglio / i Tedeschi lo avevano preso in seguito alla spiata di un qualche delatore Morante). Qualche volta la maiuscola può servire a distinguere un popolo antico dal moderno: i Romani conquistarono le Gallie / i romani sono quasi tre milioni. Nomi di luoghi e punti cardinali Spesso abbiamo incontrato il problema di scrivere la preposizione davanti ai nomi con articolo già incorporato come L Aquila, La Maddalena, scegliamo in questi casi di scrivere la preposizione composta come se l articolo non fosse parte del nome: la case dell Aquila, l isola della Maddalena. I punti cardinali vogliono la maiuscola quando indicano realtà geopolitiche (ad esempio il conflitto Nord-Sud) e non la direzione (ad esempio dirigersi verso sud). 2.2 Punteggiatura e formattazione 10

12 La parola d ordine è moderazione: troppi grassetti, corsivi, sottolineature, colori o caratteri di dimensioni diverse in uno stesso blocco di testo rallentano la lettura e distraggono chi legge. L uso dei grassetti deve essere limitato ai soli titoli degli articoli e dei paragrafi. Punteggiatura privilegiamo il punto fermo; limitiamo il punto interrogativo e il punto e virgola; aboliamo il punto esclamativo; usiamo i due punti: aiutano a risparmiare parole inutili come per esempio, quali ; usiamo le parentesi solo in casi particolari, es. per sigle non ufficiali o di termini scientifici, es. microzonazione sismica (Ms) o velocità delle onde sismiche di taglio (Vs), in generale preferiamo il trattino corto per spiegare le sigle. Virgolette Usiamo sempre le virgolette alte per indicare titoli, discorsi diretti, citazioni, ecc. I titoli o titoletti possono essere riportati sia tra virgolette sia in corsivo. Come indicazione generale è meglio usare le virgolette per perché il corsivo è meno leggibile sul web. Corsivo, grassetti e sottolineature Usiamo il corsivo per le parole straniere non entrate nel nostro linguaggio comune. Scriviamo in carattere normale alcune parole che usiamo ormai quotidianamente: internet on line backup web newsletter Evitiamo il corsivo nei titoli nei testi perché sul web è meno leggibile del carattere in tondo Evitiamo il corsivo per le citazioni o discorsi diretti, usiamo solo le virgolette alte, senza due punti Le liste per essere efficaci devono iniziare allo stesso modo: solo verbi all infinito, solo sostantivi, ecc. Non usiamo il grassetto per evidenziare segni di interpunzione, trattini o parentesi, es. La giornata. In mattinata.. Non usiamo mai la sottolineatura se non è un link Formattazione degli elenchi Le liste per essere efficaci devono iniziare allo stesso modo: solo verbi all infinito, solo sostantivi, ecc. Adottiamo una regola per la punteggiatura a fine delle voci: Per periodi brevi di una sola frase usiamo elenco puntato con iniziale lettera minuscola e punto e virgola, es.: - casa; - faro. Per periodi articolati con più frasi usiamo elenco puntato con iniziale lettera maiuscola e punto fermo, es.: 11

13 - Le liste per essere efficaci devono iniziare allo stesso modo: solo verbi all infinito, solo sostantivi. - Le liste per essere efficaci devono iniziare allo stesso modo: solo verbi all infinito, solo sostantivi, ecc. Per elenchi con solo una parola, usiamo la maiuscola senza alcun punto, es: - Casa. - Faro. Gli spazi Non inserire alcuno spazio: all'inizio dei paragrafi; tra un segno di punteggiatura (., : ;!?) e la parola che lo precede; dopo l'apostrofo; fra le lettere delle sigle. Inserire un solo spazio: dopo ogni segno di punteggiatura; subito prima e subito dopo i trattini usati nelle frasi incidentali; fra il punto di pag. e il numero della pagina (Esempio: a pag. 3). 2.3 Morfologia e grammatica Accento e apice La vocale «e» vuole l'accento grave (è): - come voce del verbo essere - nei nomi di origine straniera (tè, caffè, canapè, narghilè ecc.) - nei nomi propri: Noè, Mosè, Giosuè ecc. - nei termini: cioè, ahimè, ohimè, piè. La vocale «e» vuole l'accento acuto (é): - nelle voci verbali tronche del passato remoto: poté ecc. - nei composti di che: perché, poiché, affinché, benché ecc, - nei composti di tre: ventitré ecc. - nei composti di re: viceré ecc. - nei monosillabi: sé (pronome), né, ché, ecc. - nella parola mercé. - Le maiuscole si accentano così: À, È, Ì, Ò, Ù. - L accento non può essere sostituito dall apice (mai A, E, I, O, U ) - I monosillabi che sono troncamento di parola non vogliono l accento ma l apice (un po ) - Le vocali a, i, o, u vogliono sempre l'accento grave (à), (ì), (b), (ù) a fine parola. I monosillabi non vogliono accento, tranne: - ché (congiunzione causale o finale) - dà (indicativo presente del verbo dare). - di (come giorno o imperativo del verbo dire) 12

14 - è - là - lì - né - sé (pronome) - sì Articolo - Non si usa mai con i cognomi di persone contemporanee - Non si usa mai con i cognomi di donne (non la Bindi, ma Bindi ) - Si usa con i cognomi usati al plurale (gli Occhetto) Avverbi - Gli avverbi non vanno esclusi a priori ma, spesso, possono essere sostituiti con efficacia (frequentemente spesso; permanentemente sempre) La d eufonica - Si usa soltanto quando la preposizione "a" o le congiunzioni "e" e "o" si trovano davanti a parole che iniziano con la stessa vocale. - Fanno eccezione: ad esempio, ad eccezione. 13

15 3. Organizzazione dei contenuti nel nuovo sito web Con riferimento al menù del sito, i contenuti sono: La protezione civile - Contenuto istituzionale Rischi - Contenuto rischi Atti e documenti - Legislazione - Avvisi e bandi - Bollettini - Previsioni Comunicazione e media - News - Dossier - Foto e video - Pubblicazione - Campagne di comunicazione - Eventi - Comunicati stampa e rassegna stampa - Mattinale Altri contenuti - Contenuto approfondimento (che cos è, lo sapete che, scheda tecnica) - Domanda e risposta - Glossario - Minisito 14

16 Regole generale per tutti i contenuti del sito web: Titoli Abstract Testi Titoli interni (paragrafi) Link interni Correlazioni laterali Link esterni Correlazioni laterali Glossario, Che cos è, Lo sapete che Correlazioni centrali Corsivi Grassetti Elenchi Brevi (max 120 battute) e comprensibili anche fuori dal contesto della pagina (ricordiamo che i motori di ricerca come google propongono un elenco di contenuti) Circa 150 battute Tra le battute Per migliorare la leggibilità dei testi lunghi Di regola come correlazioni laterali I principali possono essere replicati anche all interno del testo L ordine dei link è cronologico all inverso (dal più al meno recente) Mai interni al testo, ma solo come correlazioni a lato Di regola come correlazioni centrali In casi particolari possono essere richiamate anche nel testo (come link interni) Solo per le parole di lingua straniera, non ancora entrate nel linguaggio comune e per le metacomunicazioni (es. aggiornato al ) Per i titoli dei paragrafi, per eventuali informazioni chiave. Sempre con il punto elenco formattato. 15

17 Rischi Home page del rischio - Foto standard (280) - Pagina rischio - 2/4 anticipazioni creare blocchi omogenei o 1^ anticipazione: fenomeni/emergenze/attività con miniatura (90) o 2^ anticipazione: news (elenco di tre voci) o 3^ anticipazione: legislazione (elenco di tre voci) o 4^ anticipazione: multimedia (elenco di tre voci) con miniatura (90) - Correlazioni laterali o Ufficio o Approfondimenti istituzionali o Eventi speciali Descrizione - Foto standard (280) - Testo discorsivo - Correlazioni laterali: Schede tecniche e Documenti - Correlazioni centrali: glossario e altri approfondimenti Attività - Testo esplicativo - Paginazione a TAB con Foto standard (280) per ogni TAB - previsione, prevenzione, gestione dell emergenza, post-emergenza - Correlazioni laterali (link esterni, dossier, link interni al sito, ) - Correlazioni centrali (glossario o approfondimenti) Emergenze - Foto standard (280) - Testo esplicativo - Paginazione a TAB (Emergenze in Italia e Emergenze internazionali) o Pagina emergenze: lista link + miniatura (90). Accanto alla miniatura: titolo dell evento e breve descrizione discorsiva o schematica, a seconda del tipo di rischio - Correlazioni laterali (multimedia,, dossier, link interni al sito, ) - Correlazioni centrali (glossario o approfondimenti) Cosa fare - Breve testo introduttivo - Paginazione elenco 16

18 - Cosa fare: con immagini del vademecum (proviamo a chiedere a Maurilio se le ha anche in una risoluzione migliore di quelle del pdf) Atti e documenti Legislazione Che cos è È la sezione che raccoglie tutta la normativa con i testi in versione integrale e i testi in forma semplificata. La legislazione è una sezione che dovrebbe rimanere essenziale, ma è comunque possibile correlare a questo tipo di contenuto link interni, link esterni e schede tecniche. In particolare, va sempre correlato la situazione o l emergenza a cui si riferiscono. Il format della pagina prevede: - Titolo del provvedimento - Tab con testo integrale - Tab con sintesi per punti -.pdf scaricabile del provvedimento Come si vede Legislazione La sezione è organizzata con faccette, con cui è possibile selezionare i provvedimenti per rischio, data, tipo, ambito, territorio. Home composto da data automatica + tipo di provvedimento: titolo informativo Esempi: Opcm n del 13 novembre 2010: i provvedimenti per il maltempo in Veneto Dpcm del 5 novembre 2010: dichiarato lo stato di emergenza nella regione Liguria Pagina elenco Come per Home. I titolo linka al tab sintesi del provvedimento. Note redazionali Se non abbiamo il testo in forma integrale firmato, consideriamo sempre la De Agostini come fonte. Per fare il pdf: levare le righe tra un articolo e l altro levare la scritta commento giurisprudenza levare i segni in azzurro. Es. 225/

19 Data Inserire sempre la data di firma del provvedimento Titolo Va inserito tipo del provvedimento generico (Dpcm o Opcm ), data e un titolo informativo, che spieghi il contenuto del provvedimento. Esempi: Ordinanza n del 13 novembre 2010: i provvedimenti per il maltempo in Veneto Decreto del 5 novembre 2010: dichiarato lo stato di emergenza nella regione Liguria Abstract Inserire il riferimento alla pubblicazione così: Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 272 del 20 novembre 2010 Parte Sintesi Alcune indicazioni: - Dividere in paragrafi e dare un titolo ad ogni paragrafo - Costruire i paragrafi per argomento: l obiettivo non è riprodurre la struttura del provvedimento, ma è accorpare le informazioni per tema (può succedere che un argomento coincida con un articolo o più articoli) - Alla fine di ogni paragrafo indicare sempre l articolo di riferimento tra parentesi in minuscolo e in grassetto, es: (art. 3) Parte Testo integrale Inserire poi il titolo integrale del provvedimento e il testo. Avvisi e bandi Che cos è La sezione comprende i bandi di gara, gli esiti, gli avvisi. Il format prevede un titolo, la data di pubblicazione, nel caso di un bando di gara la data di scadenza, il tipo di contenuto, e il testo che segue le linee guida generali del sito. Possono essere correlati ai bandi di gara link interni, link esterni, allegati e chiarimenti. Per gli avvisi egli esiti è obbligatorio il link al bando di gara a cui si riferiscono. Come si vede Avvisi e bandi Home A questi contenuti si accede anche tramite un box a due tab in home page, in cui sono indicati gli ultimi bandi o avvisi pubblicati e i bandi in scadenza. I campi del contenuto in home page sono: - data di pubblicazione - data di scadenza per bando di gara - tipo di faccetta (avvisi, bandi, esiti) 18

20 Pagina elenco - data di pubblicazione - tipo di faccetta (avvisi, bandi, esiti) Note redazionali Come per tutti gli altri contenuti del sito non usiamo corsivo, stampatello e limitiamo l uso del grassetto alla data di scadenza del bando. Attenzione al titolo, che deve essere breve (entro i 120 caratteri). Comunicazione e media News Che cos è È un contenuto attuale, che riguarda tutte le attività del Dipartimento - dal monitoraggio all intervento in emergenza, dalle esercitazioni alla firma di convenzioni - nell ambito del Servizio Nazionale. Per ogni eventuale aggiornamento deve essere creata una nuova news, senza modificare notizie già pubblicate. Sul nuovo sito internet è previsto anche uno spazio per una top news, ossia la notizia più rilevante del momento. Le notizie hanno titolo, abstract e testo. Sono corredate da una o più foto, immagini. Alle news è possibile correlare ogni tipo di contenuto presente sul sito. Se disponibili, vanno sempre correlati: legislazione, rischio di riferimento, multimedia. Come si vedono le news Home page In home page, un box è dedicato alla top news, con titolo, abstract, immagine e uno spazio per eventuali link. Più in basso, un altra area dedicata alle notizie, in parte con titolo, abstract e mini foto (A), in parte con il solo titolo (B). La redazione può impostare una combinazione di default delle news, che è modificabile. - top news: img+titolo+abstract (possibilità di inserire un link) - notizia A: img+titolo+abstract - notizia B: titolo Per ogni news sono sempre visibili, accanto al titolo, l ambito (es. Relazioni internazionali, Emergenze ) e la data. Pagina elenco - data - abstract 19

Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica

Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica a cura di Chiara Di Benedetto, Elena Lombardo, Marianna Schiavon, Matteo Viale, con il coordinamento di Michele A. Cortelazzo Sii chiaro

Dettagli

Scrivere per il web in modo corretto ed efficace

Scrivere per il web in modo corretto ed efficace Scrivere per il web in modo corretto ed efficace Presentazione linee guida editoriali per il web Giovedì 29 gennaio 2015 Servizio Comunicazione Scrivere per il web Linee guida editoriali per il web Cosa

Dettagli

Altri strumenti di comunicazione degli Enti locali

Altri strumenti di comunicazione degli Enti locali Altri strumenti di comunicazione degli Enti locali 18-19 lezione - 3 novembre 2011 La Guida ai Servizi realizzata da molte Pubbliche Amministrazioni rappresenta uno degli strumenti cartacei più tradizionali

Dettagli

Chiaro! amministrazioni. Direttiva sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi. A tutte le Pubbliche Amministrazioni

Chiaro! amministrazioni. Direttiva sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi. A tutte le Pubbliche Amministrazioni e DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE a PUBBLICA per l efficienza delle amministrazioni Direttiva sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi A tutte le Pubbliche Amministrazioni Roma, 8 maggio

Dettagli

Norme per la redazione del testo

Norme per la redazione del testo Norme per la redazione del testo Norme ortografiche e per la redazione dei segni di interpunzione Puntini di sospensione Sono sempre solo tre e si inseriscono con l apposito carattere unico. Come ogni

Dettagli

APPENDICE 2. 1) Scrivere frasi brevi: non più di 25 o 30 parole e non più di 2 frasi per ogni periodo.

APPENDICE 2. 1) Scrivere frasi brevi: non più di 25 o 30 parole e non più di 2 frasi per ogni periodo. APPENDICE 2 - Web-writing (ovvero scrivi come navighi) APPENDICE 2 WEB-WRITING (OVVERO SCRIVI COME NAVIGHI) Queste pagine sono tratte e adattate dalla pubblicazione "Linee guida per la redazione e composizione

Dettagli

Suggerimenti per la normalizzazione della grafia dei termini in uso nei testi correnti della Sapienza

Suggerimenti per la normalizzazione della grafia dei termini in uso nei testi correnti della Sapienza Suggerimenti per la normalizzazione della grafia dei termini in uso nei testi correnti della Sapienza Versione 03 aprile 2007 Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma Suggerimenti per la

Dettagli

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE 273 COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE L articolo di giornale è principalmente un testo che informa su una notizia, che racconta un fatto, cercando di esporre il maggior numero di elementi necessari

Dettagli

SISTEMA EDITORIALE WEBMAGAZINE V.2.2

SISTEMA EDITORIALE WEBMAGAZINE V.2.2 SISTEMA EDITORIALE WEBMAGAZINE V.2.2 1 - Il funzionamento di Web Magazine Web Magazine è un applicativo pensato appositamente per la pubblicazione online di un giornale, una rivista o un periodico. E'

Dettagli

Comune di Padova. Manuale pagine NoProfit. Guida alla redazione di pagine web per la sezione NoProfit di Padovanet

Comune di Padova. Manuale pagine NoProfit. Guida alla redazione di pagine web per la sezione NoProfit di Padovanet Comune di Padova Manuale pagine NoProfit Guida alla redazione di pagine web per la sezione NoProfit di Padovanet 1 2 1. INTRODUZIONE 1.1 Il Cms del NoProfit - Plone Che cos'è Plone? 1.2 Ruolo utenti Qual

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Servizio Tutorato) La tesi di laurea è un momento importante nella carriera di tutti gli studenti perché rappresenta il momento finale del

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA Nella redazione degli elaborati di esame è di fondamentale importanza porre molta attenzione alla scrittura, sotto tutti i profili: grafico, ortografico, semantico e stilistico.

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione. Linee guida editoriali atti dell Autorità

Autorità Nazionale Anticorruzione. Linee guida editoriali atti dell Autorità Autorità Nazionale Anticorruzione Linee guida editoriali atti dell Autorità Premessa Con il presente documento si intende rendere omogenee le modalità di scrittura degli atti dell Autorità per uniformarli

Dettagli

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza Abilità Conoscenze Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi

Dettagli

Linee Guida Editoriali AIRInforma

Linee Guida Editoriali AIRInforma Linee Guida Editoriali AIRInforma Ogni articolo deve seguire le norme qui riportate. E molto importante che ogni autore controlli che il proprio articolo si adegui alle seguenti norme, prima di sottometterlo

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

Elementi di scrittura per il web

Elementi di scrittura per il web Elementi di scrittura per il web Rosa Sanrocco Redazione web chi scrive per il web vuole farsi trovare sceglie bene le parole chiave controlla il posizionamento nei motori di ricerca siti web istituzionali

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI IL GIORNALE Il termine giornale deriva da giorno. Tra i giornali distinguiamo i periodici (settimanali, quindicinali, mensili, trimestrali ecc.) e i quotidiani (dal latino cotidie che significa ogni giorno

Dettagli

OBIETTIVI E UTILITÀ Weeenmodels.eu LIFE+ Ambiente presente in tutti i report destinati alla Commissione UE 5 anni successivi al progetto

OBIETTIVI E UTILITÀ Weeenmodels.eu LIFE+ Ambiente presente in tutti i report destinati alla Commissione UE 5 anni successivi al progetto 1 OBIETTIVI E UTILITÀ Weeenmodels.eu è pensato per essere non solo il contenitore di tutte le informazioni, comunicazioni e materiali relativi al progetto LIFE+ Ambiente, ma anche per fungere da strumento

Dettagli

EDITOR per la modifica delle pagine

EDITOR per la modifica delle pagine Pagina 1 EDITOR per la modifica delle pagine Sommario EDITOR per la modifica delle pagine...1 Apertura...2 L'EDITOR...3 Procedure...6 Inserire collegamenti...6 Inserire un'ancora...6 Inserire un collegamento...6

Dettagli

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata LA COMUNICAZIONE EFFICACE Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata La lingua: sistema creativo governato da regole Onnipotenza semiotica Facoltà metalinguistica

Dettagli

Centro Studi ed Esperienze Scout Baden-Powell Norme redazionali di Esperienze e Progetti NORME REDAZIONALI

Centro Studi ed Esperienze Scout Baden-Powell Norme redazionali di Esperienze e Progetti NORME REDAZIONALI NORME REDAZIONALI Per agevolare la lavorazione degli articoli da pubblicare su Esperienze e Progetti proponiamo ai collaboratori queste norme redazionali. Le ragioni sono molte, la più ovvia è la necessità

Dettagli

Guida al sito del CSV

Guida al sito del CSV www.csv.vda.it Guida al sito del CSV Come è strutturato, come si aggiorna Il CSV, da sempre attento alle opportunità offerte dalle nuove tecnologie, ha ritenuto necessario dotarsi di un nuovo sito internet.

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO LE ESSENZIALI DI SPAGNOLO classe prima Liceo linguistico comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni brevi e semplici comprendere il senso generale

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina ITALIANO CLASSE: PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA CONOSCENZE L

Dettagli

"NORMA": MANUALE PER LA REDAZIONE DEI TESTI

NORMA: MANUALE PER LA REDAZIONE DEI TESTI "NORMA": MANUALE PER LA REDAZIONE DEI TESTI NORMATIVI c:\users\user\desktop\codicenorma.doc ii Codice per la redazione degli atti normativi ENRICO PATTARO, GIOVANNI SARTOR, ALESSANDRA CAPELLI Codice per

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA Via A. Volta, 31 27100 Pavia Tel. 0382 399206 Fax 0382 399205 e-mail: vittadini @ comune.pv.it BIENNIO INTERPRETATIVO INDICAZIONI GENERALI E

Dettagli

Immagine coordinata - alcune regole di comportamento comunicativo uniforme

Immagine coordinata - alcune regole di comportamento comunicativo uniforme PROVINCIA DI VERONA Immagine coordinata - alcune regole di comportamento comunicativo uniforme Immagine coordinata L espressione si riferisce all identità riconoscibile e all immagine trasmessa dall Ente

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale Esame di Diploma Professionale I riferimenti per la costruzione delle prove sono: lo Standard Formativo

Dettagli

UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1

UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1 UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1 Per ogni caratteristica di qualità del modello, vengono qui elencate le principali linee guida e best practice menzionate

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web

L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web I principi base dell usabilità 5 8 linee guida per scrivere per il web 7 10 linee guida per l e-commerce 10 Pagina 2 I PRINCIPI BASE DELL USABILITÀ

Dettagli

Gli aspetti redazionali di un sito. la costruzione di pdf accessibili

Gli aspetti redazionali di un sito. la costruzione di pdf accessibili La forza del web sta nella sua universalità. L accesso da parte di chiunque, indipendentemente dalle disabilità, ne è un aspetto essenziale Tim Berners Lee Gli aspetti redazionali di un sito e la costruzione

Dettagli

Fogli elettronici, dati e statistiche con LibreOffice 4.1. materiale didattico sul corso Calc avanzato a cura di Sonia Montegiove.

Fogli elettronici, dati e statistiche con LibreOffice 4.1. materiale didattico sul corso Calc avanzato a cura di Sonia Montegiove. Foto di Federica Testani, Flickr Fogli elettronici, dati e statistiche con LibreOffice 4.1 materiale didattico sul corso Calc avanzato a cura di Sonia Montegiove 1 di 24 Gestire i dati con Calc Strutturare

Dettagli

PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB

PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB UN BUON SITO DEVE AVERE DUE CARATTERISTICHE: USABILITA ACCESSIBILITA Navigazione fluida con contenuti facilmente reperibili. Organizzazione dei contenuti e predisposizione

Dettagli

Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA

Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA INDICE 1 - Prerequisiti in entrata alla Scuola Primaria 2 Scuola Primaria Classe prima

Dettagli

LEGGI QUI! Come scrivere per il web in modo corretto ed efficace PREMESSA 2 1. LA SCRITTURA WEB CHE FUNZIONA..3

LEGGI QUI! Come scrivere per il web in modo corretto ed efficace PREMESSA 2 1. LA SCRITTURA WEB CHE FUNZIONA..3 LEGGI QUI! Come scrivere per il web in modo corretto ed efficace Niente è più facile dello scrivere difficile. Karl Popper INDICE PREMESSA 2 1. LA SCRITTURA WEB CHE FUNZIONA..3 2. IL TESTO: COME SCRIVERE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza (Catanzaro, 31 luglio

Dettagli

Le tre dimensioni dell usabilità

Le tre dimensioni dell usabilità Definire l usabilità ISO 9241 Ergonomic requirements for office work with visual display terminals, 1992 Il grado in cui un prodotto può essere usato da particolari utenti per raggiungere certi obiettivi

Dettagli

Guida Ariel Studenti

Guida Ariel Studenti TECNOLOGIE E LA DIDATTICA UNIVERSITARIA MULTIMEDIALE E A DISTANZA Guida Ariel Studenti La logica della piattaforma e i suoi strumenti Anno Accademico 2013/2014 CTU -CENTRO DI SERVIZIO PER LE Struttura

Dettagli

Dall idea alla progettazione di un sito web. Leo Spadaro l.spadaro@glauco.it

Dall idea alla progettazione di un sito web. Leo Spadaro l.spadaro@glauco.it Dall idea alla progettazione di un sito web Leo Spadaro l.spadaro@glauco.it Da Chiesa in rete 2.0 (Gennaio 2009) Diocesi italiane (226) su web, con almeno un sito Dicembre 2008 : 205 Ottobre 2010: 216

Dettagli

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto:

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto: UN ESEMPIO Il testo che troverete qui sotto è un esempio di testo regolativo. Esso è stato scritto per facilitare la realizzazione di un testo tecnico di tipo particolare, la relazione di stage. Osservate

Dettagli

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia o nel mondo data da un giornalista per mezzo CARTACEOLa dei giornali (stampa, trasmissione televisiva,

Dettagli

Guida all uso dei Focus Tematici

Guida all uso dei Focus Tematici Guida all uso dei Focus Tematici Versione 1.0 Gennaio 2014 Focus Tematici La rete per l innovazione nella Pubblica Amministrazione Italiana Cos è un focus tematico Creazione di un Focus Tematico Di quali

Dettagli

La Ricp (Rivista italiana di cure palliative) è un periodico con cadenza trimestrale che pubblica:

La Ricp (Rivista italiana di cure palliative) è un periodico con cadenza trimestrale che pubblica: Norme per gli autori La Ricp (Rivista italiana di cure palliative) è un periodico con cadenza trimestrale che pubblica: articoli (ricerche originali); contributi (revisioni della letteratura, messe a punto

Dettagli

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA CLASSE 4^ a.s. 2012/2013 TRAGUARDI DI COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE 1) PARTECIPARE A SCAMBI COMUNICATIVI DI VARIO GENERE CON Quando ascolta, l alunno è in grado di:

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Corso di formazione avanzata L ADDETTO STAMPA NELL ERA CROSSMEDIALE Programma formativo 2012 Indice 1. Obiettivi 2.

Dettagli

Manuale Operativo FER CEL-PAS. Lato Compilatore. Servizio FER - Fonti Energetiche Rinnovabili

Manuale Operativo FER CEL-PAS. Lato Compilatore. Servizio FER - Fonti Energetiche Rinnovabili Manuale Operativo FER CEL-PAS Lato Compilatore Servizio FER - Fonti Energetiche Rinnovabili Revisione del Documento: 06 Data revisione: 13-01-2013 INDICE DEI CONTENUTI Indice 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare:

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare: ADEMPIMENTI PER LAUREANDI Scadenze da rispettare per potersi laureare: 1) Prima della consegna della domanda di laurea il laureando dovrà accedere al sito di AlmaLaurea (http://www.unica.it/almalaurea),

Dettagli

SERVIZI, AVVISI, CATEGORIE E DOCUMENTI SUL WEB MANUALE E LINEE GUIDA

SERVIZI, AVVISI, CATEGORIE E DOCUMENTI SUL WEB MANUALE E LINEE GUIDA SERVIZI, AVVISI, CATEGORIE E DOCUMENTI SUL WEB MANUALE E LINEE GUIDA Sunto Manuale tecnico, linee guida sugli obblighi di legge in materia di pubblicazione sul web e consigli per una comunicazione efficace

Dettagli

Norme redazionali Liguori

Norme redazionali Liguori Norme redazionali Liguori 1. Indicazioni generali A) Si prega di utilizzare, per la stesura dei documenti destinati alla pubblicazione, il word processor Microsoft Word (sistema operativo Windows oppure

Dettagli

Relazione sullo stato dell'accessibilità del sito internet istituzionale del Comune di Jesi

Relazione sullo stato dell'accessibilità del sito internet istituzionale del Comune di Jesi Relazione sullo stato dell'accessibilità del sito internet istituzionale del Comune di Jesi 1 Scopo del documento Il presente documento si propone, attraverso un'attività di autovalutazione, di verificare

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe seconda della scuola primaria...5

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata.

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata. Microsoft Word 2007 Microsoft Office Word è il programma di elaborazione testi di Microsoft all interno del pacchetto Office. Oggi Word ha un enorme diffusione, tanto da diventare l editor di testi più

Dettagli

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI NUOVO PORTALE ANCE MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI DEI CONTENUTI ACCESSO AL MENU PRINCIPALE PAG. 3 CREAZIONE DI UNA NUOVA HOME PAGE 4 SELEZIONE TIPO HOME PAGE 5 DATA

Dettagli

Come scrivere articoli in Blog didattici del Carcano

Come scrivere articoli in Blog didattici del Carcano Come scrivere articoli in Blog didattici del Carcano Il docente che voglia scrivere nei blog didattici deve prima di tutto registrarsi autonomamente (nome.cognome come ID); la richiesta di registrazione

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Linee guida per la redazione tecnica e l'uso dei CMS

Linee guida per la redazione tecnica e l'uso dei CMS Linee guida per la redazione tecnica e l'uso dei CMS tcworld Roadshow 2009 Managing multilingual contents Milano, 19 giugno 2009 La documentazione tecnica: scopi Per l utente Trasferire le conoscenze Istruire

Dettagli

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea Brevi istruzioni su come fare una tesi I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea L inizio e la fine Una delle prime cose da fare per cominciare

Dettagli

Educazione didattica per la E-Navigation

Educazione didattica per la E-Navigation Educazione didattica per la E-Navigation Guida utente per l utilizzo della piattaforma WIKI Rev. 3.0 23 febbraio 2012 Guida EDEN rev. 3.0 P. 1 di 24 23/02/2012 Indice Come registrarsi... 3 Utilizzo della

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PERCORSO PER GRUPPI DI LIVELLO

ORGANIZZAZIONE DEL PERCORSO PER GRUPPI DI LIVELLO PROGETTO ASSISTITO A LIVELLO REGIONALE RETE CPIA SIRACUSA Tavolo tecnico Azione 8 ORGANIZZAZIONE DEL PERCORSO PER GRUPPI DI LIVELLO PERCORSO D ISTRUZIONE DI ALFABETIZZAZIONE PERCORSI D ISTRUZIONE DI 1

Dettagli

Presentazione piattaforma Csv

Presentazione piattaforma Csv Presentazione piattaforma Csv Il Csv di Rovigo ha preparato una piattaforma web con l obiettivo di fornire alle associazioni che lo richiedono la possibilità di creare e mantenere in modo semplice un sito

Dettagli

SCHEDARI Sommario SCHEDARI...1

SCHEDARI Sommario SCHEDARI...1 Pagina 1 Sommario...1 Apertura...3 Quando usare gli Schedari...3 Logica di funzionamento...3 Creazione delle pagine del Sito...4 Pagine che richiamano lo Schedario...5 Esempi...5 Creazione di uno Schedario...9

Dettagli

IL GIORNALE GIORNALE CARTACEO

IL GIORNALE GIORNALE CARTACEO IL GIORNALE Il Giornale è un mezzo di INFORMAZIONE che offre le ultime notizie dell Italia e del mondo. Può essere: cartaceo (quotidiano e periodico) radiofonico (radio-giornale) televisivo (tele-giornale)

Dettagli

Creazione di un ipertesto con Word

Creazione di un ipertesto con Word Creazione di un ipertesto con Word Realizzare un ipertesto per illustrare la storia dell esplorazione dello spazio. Descriviamo le fasi principali per la creazione di un ipertesto: a. all inizio occorre

Dettagli

DEI TEST I. allineamenti Il testo si preferisce allineato a sinistra, compresi i titoli; si evitano i testi centrati a epigrafe.

DEI TEST I. allineamenti Il testo si preferisce allineato a sinistra, compresi i titoli; si evitano i testi centrati a epigrafe. abbreviazioni Vanno usate solo se veramente indispensabili, altrimenti sciogliere sempre e indicare per esteso. esempi nomi di santi: san Marco, se si intende il personaggio; San Marco, se si intende il

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI

MANUALE DI ISTRUZIONI GUIDA AL SITO ANIN MANUALE DI ISTRUZIONI Prima Sezione COME MUOVERSI NELL AREA PUBBLICA DELL ANIN Seconda Sezione COME MUOVERSI NELL AREA RISERVATA DELL ANIN http://www.anin.it Prima Sezione 1) FORMAZIONE

Dettagli

Dimostrare di mantenere l attenzione con differenti interlocutori ed in diversi ambiti

Dimostrare di mantenere l attenzione con differenti interlocutori ed in diversi ambiti ITALIANO PRIMARIA CLASSE I NUCLEI COMPETENZE OBIETTIVI DESCRITTORI CONOSCENZE ASCOLTO E PARLATO Mantenere l attenzione sul messaggio orale e sull interlocutore, nelle diverse situazioni comunicative Ascoltare

Dettagli

Come scrivere articoli in Blog didattici del Carcano

Come scrivere articoli in Blog didattici del Carcano Come scrivere articoli in Blog didattici del Carcano Il docente che voglia scrivere nei blog didattici deve prima di tutto registrarsi autonomamente (nome.cognome come ID); la richiesta di registrazione

Dettagli

PRESENTAZIONE... 2 1. HOME... 3 2. RICERCA SEMPLICE E PER ESTREMI...

PRESENTAZIONE... 2 1. HOME... 3 2. RICERCA SEMPLICE E PER ESTREMI... AIUTO PRESENTAZIONE... 2 1. HOME... 3 2. RICERCA SEMPLICE E PER ESTREMI... 3 1. Ricerca full text... 3 Aiuto alla ricerca: Operatori logici e di prossimità... 3 AND (significato: e, anche, +)... 3 OR (significato:

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli

Guida di impaginazione per il corso di Word Avanzato Contenuti

Guida di impaginazione per il corso di Word Avanzato Contenuti Guida di impaginazione per il corso di Word Avanzato Contenuti Note di stile pag. 2 Stesura di un testo: norme generali pag. 5 Come impaginare una lettera pag. 7 La copertina del fax pag. 13 A cura del

Dettagli

Come fare un notiziario parrocchiale o una rivista di informazione

Come fare un notiziario parrocchiale o una rivista di informazione INSERTO DA STACCARE E CONSERVARE Patriarcato di Venezia, UFFICIO COMUNICAZIONI SOCIALI Dall esperienza di quest anno della Scuola di Comunicazione ecco una guida pratica per parrocchie, movimenti, gruppi,

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

Programmazione di italiano per competenze

Programmazione di italiano per competenze Programmazione di italiano per 0050_GU042400775T@0013_0018.indd 13 10/03/15 09.34 Primo anno Lingua Primo anno Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO DEL SITO WWW.QUITITROVO.IT

ISTRUZIONI PER L USO DEL SITO WWW.QUITITROVO.IT ISTRUZIONI PER L USO DEL SITO WWW.QUITITROVO.IT Benvenuto nell area istruzioni per l uso del sito QuiTiTrovo. In questo documento potrai trovare la spiegazione a tutte le funzionalità contenute nel sito

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

Guida rapida alla consultazione

Guida rapida alla consultazione Guida rapida alla consultazione Sommario Pag. 3 Pag. 4 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 8 Pag. 9 Leggi d Italia In Pratica inpratica.leggiditalia.it La ricerca in home page La lista dei risultati L accesso ai singoli

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA TESI

LINEE GUIDA PER UNA TESI CONSORZIO EDITORIALE FRIDERICIANA LINEE GUIDA PER UNA TESI Indice degli argomenti 1. La scelta dell'argomento 2. La ricerca bibliografica 3. La schedatura dei testi 4. L'organizzazione delle idee 5. La

Dettagli

Gestione informatizzata della Domanda di accreditamento

Gestione informatizzata della Domanda di accreditamento ACCREDITAMENTO OPERATORI LAVORO Gestione informatizzata della Domanda di accreditamento Manuale d uso 3.2.0 (versione dell applicativo) Luglio 2012 pag. 2 di41 Sommario Introduzione...4 1.1. Obiettivo...4

Dettagli

eascom MANUALE per UTENTI A cura di eascom 2012 www.eascom.it

eascom MANUALE per UTENTI A cura di eascom 2012 www.eascom.it MANUALE per UTENTI A cura di eascom 2012 www.eascom.it Indice Introduzione... 3 Perchè Wordpress... 3 Pagina di accesso all amministrazione... 3 Bacheca... 4 Home... 4 Aggiornamenti... 5 Articoli... 6

Dettagli

Compilazione della fattura elettronica e produzione file.xml dal sito. http://www.fatturapa.gov.it/

Compilazione della fattura elettronica e produzione file.xml dal sito. http://www.fatturapa.gov.it/ SIAMM PRONTI O NO PER LA FATTURAZIONE ELETTRONICA? Firenze, 17 febbraio 2015 Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati Nuovo Palazzo di Giustizia - Viale A. Guidoni, 61 Firenze Blocco G piano 0.

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

Repubblica@SCUOLA. Manuale d uso Referente d istituto / Professore (Caporedattore) Versione 1.7 del 04/11/2008. [ www.repubblicascuola.

Repubblica@SCUOLA. Manuale d uso Referente d istituto / Professore (Caporedattore) Versione 1.7 del 04/11/2008. [ www.repubblicascuola. Repubblica@SCUOLA Manuale d uso Referente d istituto / Professore (Caporedattore) [ www.repubblicascuola.it ] Versione 1.7 del 04/11/2008 Pagina 1 di 1 INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. REGISTRAZIONE SCUOLA

Dettagli