Procedimento di controllo Commissione Contratti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procedimento di controllo Commissione Contratti"

Transcript

1 Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di questa Camera ha analizzato le condizioni generali di vendita depositate da codesta impresa e ha espresso in proposito il seguente parere: Clausola 1: il consumatore viene qualificato come proponente, ma il modulo contrattuale è predisposto dalla parte venditrice. Se la proposta viene dal consumatore, la disciplina a protezione dello stesso potrebbe sembrare inapplicabile. In realtà, dottrina e giurisprudenza si sono dichiarate d accordo sull'applicabilità anche a tale proposta della normativa in oggetto. Si consiglia di eliminare l'espressione "il proponente riconosce che la presente proposta è irrevocabile", prevedendo in luogo di essa la facoltà di recesso da parte di entrambe le parti contrattuali, verso la corresponsione di una determinata somma di denaro (a titolo di penale), per evitare il rischio di presunta vessatorietà di tale clausola ai sensi dell'art bis, comma 3, n. 7, (clausole che riconoscono "al solo professionista e non anche al consumatore la facoltà di recedere dal contratto"). Al riguardo si propone il seguente testo: E facoltà di entrambe le parti contrattuali di recedere dal presente contratto dandone comunicazione all altra parte a mezzo raccomandata a.r. fino a 50 giorni prima della data fissata per la consegna. In caso di recesso la parte che recede dovrà corrispondere all altra parte una somma di denaro pari al 20% dell importo del contratto. Qualora, invece, si voglia mantenere la condizione di irrevocabilità della proposta, appare necessario indicare un termine preciso e non eccessivamente lontano dalla data della proposta medesima, entro il quale debba avvenire l'accettazione del venditore (anche ai sensi dell'art. 1329, comma 1), con conseguente limitazione del periodo entro il quale il consumatore vede ristretta la propria libertà contrattuale. In caso contrario, la clausola risulta vessatoria ai sensi dell'art bis, comma 3, n. 18. Il termine di irrevocabilità della proposta deve essere indicato anche sul fronte del contratto. Il nuovo modulo contrattuale depositato prevede che la proposta sia irrevocabile per il termine di giorni 10 dalla sottoscrizione della stessa. Tale termine appare congruo, ma appare necessaria un'integrazione del fronte del contratto, in quanto accanto alla firma del proponente e del venditore devono essere indicate anche le relative date, in modo da poter verificare se l'accettazione del venditore e la relativa comunicazione al proponente sono avvenute entro il termine. Pertanto appare necessario predisporre anche uno spazio per la firma del proponente per presa visione dell'accettazione (e relativa data). La Commissione ritiene, inoltre, opportuna un'integrazione della clausola che specifichi le conseguenze della mancata accettazione del venditore (e relativa comunicazione al proponente) entro il termine dei 10 giorni. Clausola 2: la clausola in esame prevede il pagamento anticipato (prima dello scarico della merce) e per contanti. Considerata la molteplicità delle forme di pagamento attualmente esistenti, si consiglia di prevedere altre possibili forme di pagamento oltre ai contanti (carta di credito, bonifico bancario, ecc.). Inoltre, vista la natura dei beni oggetto del contratto, prevedere il versamento del saldo prima dello scarico della merce pare attuare uno squilibrio dei diritti e degli obblighi delle parti, in quanto il consumatore è obbligato a pagare anticipatamente l'intero prezzo dei mobili, senza poter verificare l'effettiva conformità degli stessi a quanto ordinato. A tutela del consumatore interviene ora la nuova disciplina introdotta dal D. Lgs. 2 febbraio 2002 n. 24 (che si allega sub A) relativa alla garanzia nella vendita dei beni di consumo (per un esame approfondito della stessa si rinvia al commento relativo alla clausola 11 del presente contratto), ma si consiglia comunque di prevedere il pagamento del saldo del prezzo dopo un certo numero di giorni dalla consegna della merce.

2 Infine, l'ultima parte della clausola in esame, laddove prevede che "fin d'ora il proponente autorizza espressamente l'istituto Finanziatore ad accreditare alla venditrice l'importo finanziato anche in pendenza del termine di consegna della merce" appare vessatoria ai sensi dell'art bis, comma 3, n. 18, in quanto sancisce a carico del consumatore una limitazione della facoltà di opporre eccezioni, e andrebbe pertanto eliminata; Clausola 3 (Pagamento rateale): con riguardo all ultimo capoverso si propone il seguente testo: Nei casi descritti qualora il proponente non dovesse provvedere a versare il 20% del prezzo di acquisto a titolo di caparra confirmatoria nei quindici giorni successivi alla comunicazione della venditrice, sarà ritenuto inadempiente e saranno applicate le sanzioni dell ultimo comma dell art. 4 riscritto come segue; Clausola 4 e Clausola 10: l'art del codice civile definisce la caparra confirmatoria come una somma di denaro o una quantità di cose fungibili consegnata da una parte all'altra al momento della conclusione del contratto, a conferma della serietà del vincolo assunto. Infatti, "se la parte che ha dato la caparra è inadempiente, l'altra può recedere dal contratto, ritenendo la caparra; se inadempiente è invece la parte che l'ha ricevuta, l'altra può recedere dal contratto ed esigere il doppio della caparra". Nel modulo in esame, la clausola 4 prevede che "le somme di qualsiasi entità versate anche in tempi diversi ma prima del saldo costituiscono caparra confirmatoria per cui non saranno restituite nel caso di risoluzione del contratto per inadempimento dell'acquirente, fatto salvo il risarcimento dell'ulteriore maggior danno". Si tratta, pertanto, di una caparra a formazione progressiva (e ciò può considerarsi legittimo), ma assolutamente indeterminata, in quanto i diversi pagamenti eseguiti dall'acquirente potrebbero anche coprire il 99% del corrispettivo pattuito. Si richiede di modificare la clausola in esame, specificando l'ammontare della caparra (da versarsi in un'unica soluzione o in più soluzioni), esprimendola, ad esempio, come percentuale rispetto al corrispettivo totale. In ogni caso la caparra complessiva non dovrebbe superare il 25% del corrispettivo totale, al fine di non incorrere nella vessatorietà di cui all'art bis, comma 3, n. 6 c.c. ("imporre al consumatore in caso di inadempimento o di ritardo nell'adempimento il pagamento di una somma di denaro, a titolo di risarcimento, clausola penale o altro titolo equivalente d'importo manifestamente eccessivo"). Gli altri versamenti sono da considerarsi acconti per la prestazione dovuta e non possono essere ritenuti dalla venditrice in caso di risoluzione del contratto per inadempimento dell'acquirente. Ciò anche alla luce della clausola 10 che prevede, in caso di risoluzione del contratto per inadempimento dell'acquirente, il risarcimento del danno patito determinato forfettariamente nella misura del 20% dell'importo del contratto, oltre alla ritenzione a titolo definitivo della caparra confirmatoria. La clausola 10 appare vessatoria ai sensi dell'art bis, comma 3 n. 6, in quanto impone al consumatore, in caso di inadempimento, il pagamento di una somma di importo manifestamente eccessivo. Inoltre la caparra confirmatoria non può essere cumulata con la penale: l art c.c., commi 1 e 2 descrive, infatti, il meccanismo della caparra confirmatoria, secondo cui la parte adempiente ha diritto a recedere dal contratto pretendendo il doppio della caparra da lei versata o trattenendo la caparra versata dalla parte inadempiente. Il 3 comma del medesimo articolo prevede poi che, qualora la parte che non è inadempiente preferisca domandare l esecuzione o la risoluzione del contratto, il risarcimento del danno è regolato dalle norme generali. Secondo le norme generali, la definizione in contratto di una penale (come in questo caso del 20% dell importo del contratto) ha l effetto di limitare il risarcimento. Pertanto, non è possibile prevedere la cumulabilità di caparra e di penale, essendo l una alternativa all altra. Le clausole 4 e 10 in esame, inoltre, sono da considerarsi vessatorie anche ai sensi dell'art bis, comma 1, in quanto "determinano a carico del consumatore un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi derivanti dal contratto". Tali clausole sanzionano, infatti, unicamente l'inadempimento del consumatore, mentre non prevedono alcuna sanzione nel caso di inadempimento della parte venditrice. Sarebbe quindi opportuno riscrivere tali clausole per ristabilire l'equilibrio contrattuale tra

3 le parti, prevedendo, in caso di risoluzione del contratto per inadempimento della venditrice, il diritto del consumatore ad esigere il doppio della caparra versata, anche ai sensi dell'art. 1385, comma 2, che prevede: "Se la parte che ha dato la caparra è inadempiente, l'altra può recedere dal contratto, ritenendo la caparra; se inadempiente è invece la parte che l'ha ricevuta, l'altra può recedere dal contratto ed esigere il doppio della caparra". Alla luce di tutto ciò va modificato anche il fronte del contratto: va eliminata la clausola "Le caparre confirmatorie non verranno rese", perché nel caso di inadempimento della venditrice questa è tenuta per legge (art. 1385, comma 2) a versare all'altra parte il doppio della caparra confirmatoria. Inoltre, valgono le considerazioni di cui sopra in merito alla necessità di determinare la caparra confirmatoria, anche qualora abbia una formazione progressiva. Con riguardo alla clausola 4 (caparra confirmatoria) si propone il seguente testo: Ai sensi dell art c.c. le somme versate dall acquirente alla sottoscrizione della presente proposta e quelle da versare anche successivamente a titolo di caparra confirmatoria non dovranno essere superiori al 25 30% della fornitura e non verranno restituite in caso di inadempimento dell acquirente. Qualora invece sia inadempiente la venditrice, l acquirente ha il diritto di esigere il doppio della caparra versata. Se però la parte che non è inadempiente preferisce domandare l esecuzione o la risoluzione del contratto, il risarcimento del danno è regolato dalle norme generali ; Clausola 5: "la data di consegna convenuta è indicativa e non perentoria essendo legata all'approvvigionamento..": tale clausola è da considerarsi vessatoria ai sensi dell'art bis, comma 1, in quanto una delle obbligazioni fondamentali del venditore (la consegna dei mobili) può essere adempiuta in un tempo puramente indicativo, senza alcuna garanzia in merito per il consumatore. E' necessario prevedere una data certa per la consegna della merce e, quindi, modificare anche il fronte del contratto laddove prevede l'indicazione della data di consegna "indicativa". La proroga dovuta alle difficoltà o ai tempi particolarmente lunghi dell'approvvigionamento deve rappresentare una circostanza eccezionale e deve essere in ogni caso quantificata e indicata nel contratto o, se sopravvenuta, comunicata per iscritto al consumatore, il quale potrebbe non aver più interesse a comprare i mobili in questione se i tempi di consegna fossero eccessivamente lunghi. La Commissione ha poi ritenuto che il termine di consegna possa avere carattere indicativo, ma ha sottolineato la necessità di individuare un termine massimo e ultimo di consegna (entro e non oltre 30 giorni dalla data indicativa predetta). Decorso tale termine ultimo, il venditore sarà tenuto al pagamento di una penale, che ai fini della reciprocità, deve essere pari a quella prevista per il compratore, ossia il 20% dell'importo del contratto (e non 1 euro al giorno come previsto dalla clausola in esame). Inoltre la penale sarà dovuta dal venditore per il fatto oggettivo del mancato rispetto del termine di consegna (eliminare il riferimento al carattere "colpevole" del ritardo). Il proseguo della clausola " pertanto il proponente esonera sin da ora la venditrice da ogni e qualsiasi responsabilità per danni derivanti dal ritardo nella consegna" è da considerarsi, pertanto, vessatoria ai sensi dell'art bis, comma 3, n. 2), in quanto esclude le azioni e i diritti del consumatore nei confronti del professionista in caso di ritardo nella consegna, e ai sensi dell'art bis, comma 3, n. 18), in quanto sancisce a carico del consumatore limitazioni della facoltà di opporre eccezioni. Si consiglia, pertanto, di riscrivere tale clausola prevedendo una penale nel caso di ritardo nella consegna, anche al fine di garantire equilibrio contrattuale tra le parti. Si consiglia inoltre di specificare meglio le modalità di conferma della data, dell'ora e del luogo di consegna della merce, considerato che, qualora il consumatore volesse chiedere un rinvio della stessa, dovrà comunicarlo a mezzo raccomandata almeno 15 giorni prima della data convenuta e visto, altresì, che l'assenza del consumatore dal luogo di consegna per il giorno e l'ora comunicategli saranno motivi di risoluzione del contratto. Si propone la seguente modifica: "la data di consegna della merce verrà confermata a mezzo fax, telefono, e mail o raccomandata almeno 15 giorni prima della data convenuta..eventuali richieste di rinvii della consegna da parte del proponente devono essere comunicate a mezzo raccomandata almeno 10 giorni prima della data convenuta".

4 Nell'ultima parte della clausola, inoltre, è previsto che, qualora la parte proponente richiedesse un rinvio nella consegna, saranno a suo carico eventuali maggiorazioni "che dovessero verificarsi sui prezzi di listino in vigore alla data del nuovo termine di consegna": anche tale clausola è vessatoria perché, ai sensi dell'art bis, comma 3, n. 12, sono considerate vessatorie le clausole che stabiliscono che "il prezzo dei beni o dei servizi sia determinato al momento della consegna o della prestazione". Inoltre la clausola in esame prevede che la richiesta di rinvio debba essere accettata dalla venditrice (che potrebbe, quindi, anche rifiutarla). Qualora l'impresa volesse tutelarsi dall'ipotesi di un continuo rinvio della consegna medesima, si consiglia di modificare la clausola prevedendo un termine massimo di rinvio da parte del consumatore (es. 15 giorni); entro tale termine, l'eventuale richiesta del medesimo dovrà essere accettata. Clausola 6: non è chiaro come la clausola in esame si coordini con la n. 1, che sancisce l'irrevocabilità della proposta. Inoltre appare eccessivamente lungo il termine di trenta giorni assegnato alla parte venditrice per accettare o respingere le richieste di modifiche della proposta da parte del consumatore (anche alla luce del breve termine dato a quest'ultimo per richiedere tali modifiche). Clausola 7: non è chiaro perché alla venditrice è riservata la facoltà della esecuzione parziale del contratto nel limiti dell'importo finanziato, a fronte del pagamento del saldo in contanti prima dello scarico della merce. Clausola 8: non è chiaro cosa si intenda per pagamento anticipato del saldo prezzo, in caso di consegne da effettuare a distanze superiori a 200 km dalla sede di vendita, visto che il contratto prevede in ogni caso il pagamento anticipato (vedasi clausola 2). Clausola 9: innanzitutto si chiede una precisazione circa il genere di mobili venduti dalla parte venditrice, perché dalla clausola in esame sembrerebbe trattarsi esclusivamente di mobili in serie, mentre nella descrizione della natura del bene oggetto del contratto fornita dall'impresa e allegata alla domanda di controllo dei moduli contrattuali indirizzata alla Commissione Contratti si parla di mobili in genere (quindi anche mobili su misura e non solo di serie). Tale precisazione è indispensabile per valutare la congruità o meno della clausola in oggetto, che pone il montaggio dei mobili a carico e spese dell'acquirente (salvo patto contrario) ed esclude che il venditore debba adattare i mobili a pareti non perfettamente in linea ed a piombo o che presentino sporgenze o angoli fuori squadra. Qualora si realizzino anche mobili su misura, occorrerà specificare gli obblighi aggiuntivi a carico del venditore. In seguito alle precisazioni circa il genere di mobili venduti dalla parte venditrice, la Commissione ha proposto il seguente testo: Salvo patto contrario, il montaggio dei mobili va eseguito a cura e spese dell acquirente. Nel caso di impegno della venditrice al montaggio delle cucine componibili, devono sempre intendersi esclusi gli allacciamenti idrici, elettrici e del gas. Nel caso in cui i mobili siano di serie, l acquirente si impegna a predisporre o correggere l allineamento delle pareti (angoli, pareti dirette, ecc) per la perfetta aderenza dei vari elementi. Nessun adattamento dei mobili a pareti non perfettamente in linea ed a piombo o che presentino sporgenze o angoli fuori squadra potrà essere preteso dalla venditrice, trattandosi, come predetto, di mobili di serie. Nel caso in cui i mobili siano fatti su misura, con relativo controllo del tecnico della venditrice, la responsabilità della stessa non può essere pretesa per quanto riguarda pareti, sporgenze, ribassamenti costruiti dopo il rilievo delle misure e nel caso in cui sia impossibile allineare i mobili alle pareti se non con la correzione delle pareti stesse. Clausola 10 (Clausola Penale): in caso di mobili da realizzare su misura si propone il seguente testo: Nel caso di risoluzione del presente contratto per inadempimento di una delle parti, la parte inadempiente è obbligata a risarcire il danno patito dall altra parte, determinato forfettariamente, a titolo di clausola penale, nella misura dell 80% dell importo del contratto.

5 In ipotesi di risoluzione del presente contratto per inadempimento dell acquirente, ai sensi del comma precedente, quanto eventualmente già versato dall acquirente a titolo di caparra confirmatoria, verrà trattenuto dalla venditrice a titolo di acconto sulla clausola penale, con diritto della venditrice al pagamento della differenza fino alla somma dell 80% dell importo del contratto ; Clausola 11: tale clausola va integralmente riscritta, in quanto in contrasto con i nuovi artt bis e seguente del Codice Civile. E infatti entrato in vigore dal 23 marzo 2002 il decreto legislativo 02/02/2002, n. 24, che recepisce la direttiva 1999/44/CE su taluni aspetti della vendita e delle garanzie di consumo. Tale decreto ha inserito nel codice civile il seguente paragrafo: 1-bis. Della vendita dei beni di consumo Artt bis 1519-nonies (All- A). La nuova normativa sancisce il principio per cui il venditore ha l'obbligo di consegnare al consumatore beni conformi al contratto di vendita e introduce importanti novità sia in merito al contenuto della garanzia da riconoscere all'acquirente, sia in merito alle misure di protezione concesse al consumatore in caso di difformità. La clausola in esame prevede, in deroga all art c.c., il termine di 5 giorni dalla consegna per la denuncia di eventuali vizi della cosa venduta. Tale clausola è in contrasto con il nuovo art sexies che prevede per il consumatore il termine di due mesi dalla scoperta del difetto (e non dalla consegna) per denunciare al venditore il difetto di conformità e la garanzia di due anni dalla consegna del bene, ed è quindi nulla ai sensi del nuovo art octies c.c.: E nullo ogni patto, anteriore alla comunicazione al venditore del difetto di conformità, volto ad escludere o limitare, anche in modo indiretto, i diritti riconosciuti dal presente paragrafo. Inoltre, sempre ai sensi dell art sexies, se il difetto compare entro sei mesi dall acquisto, si presume originario e il consumatore non lo deve provare (inversione dell onere della prova). La parte finale della clausola ( La venditrice nel caso di riconoscimento del vizio, previo ritiro della merce contestata, provvederà, entro 90 giorni, a suo insindacabile giudizio alle riparazioni del caso o alla sostituzione ) è da considerarsi vessatoria, ai sensi dell'art bis, comma 3, n. 14), laddove riserva alla venditrice il potere di accertare la conformità del bene venduto a quello previsto nel contratto. Tale previsione, inoltre, contrasta con il nuovo art quater, che al comma 2 prevede che, in caso di difetto di conformità, il consumatore abbia, in prima battuta, il diritto al ripristino, senza spese, della conformità del bene mediante riparazione o sostituzione. Ai sensi del comma terzo è il consumatore (e non il venditore come è invece previsto nella clausola in esame) che può chiedere, a sua scelta, al venditore di riparare il bene o di sostituirlo, salvo che il rimedio richiesto sia oggettivamente impossibile o eccessivamente oneroso rispetto all altro. Inoltre la norma prevede che le riparazioni o le sostituzioni devono essere effettuate entro un congruo termine dalla richiesta e non devono arrecare notevoli inconvenienti al consumatore. Il consumatore può richiedere, invece, a sua scelta, una congrua riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto in tre ipotesi: a) la riparazione o la sostituzione sono impossibili o eccessivamente onerose; b) il venditore non ha provveduto alla riparazione o alla sostituzione del bene entro il termine congruo di cui sopra; c) la sostituzione o la riparazione precedentemente effettuata ha arrecato notevoli inconvenienti al consumatore. Si consiglia pertanto di riscrivere la clausola in esame alla luce della nuova normativa, richiamandola espressamente. Si sottolinea, inoltre, la necessità di una descrizione analitica e puntuale dei mobili oggetto del contratto sul fronte del medesimo, anche al fine di verificare la conformità dei beni consegnati rispetto a quelli previsti nel contratto di vendita (ciò vale in particolare per l'eventuale vendita di mobili su misura). Clausola 12: si presume che la solidarietà delle obbligazioni presupponga la sottoscrizione del contratto da parte di entrambi i coniugi, visto il riferimento agli artt. 189 e 190 c.c., ma la redazione

6 della clausola non è chiara. Si consiglia la seguente formulazione: "Nel caso in cui i proponenti siano entrambi i coniugi, gli stessi riconoscono e dichiarano che le obbligazioni scaturenti dal presente contratto vengono assunte solidalmente e illimitatamente fra loro, con espressa rinuncia alla sussidiarietà e divisibilità delle responsabilità anche in deroga al disposto degli artt. 189 e 190 Cod. Civ., con la conseguenza che ciascuno risulterà obbligato per l'intero"; Clausola 13: la locuzione "eventuali vizi di conformità della cosa venduta in ogni caso non giustificano trattenuta di somma alcuna" pone un problema interpretativo. Se riferita come pare alla persona dell'acquirente, appare vessatoria ai sensi dell'art bis, comma 3 nn. 2 e 16, in quanto limita le azioni e i diritti del consumatore in caso di inadempimento totale o parziale o di adempimento inesatto da parte del professionista e limita altresì l'opponibilità dell'eccezione di inadempimento. Si richiede, pertanto, l'eliminazione di tale locuzione; Clausola 14: tale clausola è da considerarsi vessatoria, ai sensi dell'art bis, comma 3, n. 19), perché prevede come foro competente sulle controversie in via esclusiva il foro di Brescia. Si ritiene preferibile non inserire nel modulo standard alcuna clausola di tal genere, in quanto è la legge stessa a stabilire il Foro competente, salva sempre comunque una diversa scelta operata con la trattativa individuale. Si consiglia di inserire, prima dell informativa, una clausola che preveda in caso di controversia l esperimento di un tentativo di conciliazione: Clausola di conciliazione: Tutte le controversie nascenti dal presente contratto verranno deferite alla Camera Arbitrale della Camera di Commercio di Bergamo e risolte secondo il regolamento di conciliazione da questa adottato.

CLAUSOLE VESSATORIE RILEVATE DALLA COMMISSIONE CONTROLLO CLAUSOLE INIQUE DI PADOVA NEI CONTRATTI DI VENDITA UTILIZZATI DA MOBILIFICI

CLAUSOLE VESSATORIE RILEVATE DALLA COMMISSIONE CONTROLLO CLAUSOLE INIQUE DI PADOVA NEI CONTRATTI DI VENDITA UTILIZZATI DA MOBILIFICI CLAUSOLE VESSATORIE RILEVATE DALLA COMMISSIONE CONTROLLO CLAUSOLE INIQUE DI PADOVA NEI CONTRATTI DI VENDITA UTILIZZATI DA MOBILIFICI TESTO DELLA CLAUSOLA MOTIVO DELLA VESSATORIETA ESEMPI DI CLAUSOLE SUI

Dettagli

Procedimento Commissione Contratti

Procedimento Commissione Contratti Procedimento Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONTRATTI DI MEDIAZIONE IMMOBILIARE Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, sono state riscontrate le seguenti

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE RELATIVO ALLA PROPOSTA DI CONTRATTO E ALLE CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER IL RESTAURO DI BENI MOBILI Premessa: Visto l art. 35 del D.Lgs. 206/2005

Dettagli

Condizioni Generali di Vendita Consumatori. 1. Lo Store: lo showroom della Venditrice Fisar S.r.l. è un centro di acquisto

Condizioni Generali di Vendita Consumatori. 1. Lo Store: lo showroom della Venditrice Fisar S.r.l. è un centro di acquisto Condizioni Generali di Vendita Consumatori 1. Lo Store: lo showroom della Venditrice Fisar S.r.l. è un centro di acquisto per utilizzatori non professionali e utilizzatori in generale (di seguito il Cliente

Dettagli

VENDITA DI ELETTRODOMESTICI A DOMICILIO

VENDITA DI ELETTRODOMESTICI A DOMICILIO CONTRATTO TIPO di VENDITA DI ELETTRODOMESTICI A DOMICILIO 1 CONTRATTO DI VENDITA DI ELETTRODOMESTICI A DOMICILIO La Società...., con sede legale in, partita IVA. ed iscritta nel Registro delle Imprese

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA TRENTOFRUTTA S.p.A.

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA TRENTOFRUTTA S.p.A. Ai sensi e per gli effetti degli artt.1469 bis e segg. c.c. le parti dichiarano che l'intero contratto ed ogni sua clausola è stato tra le stesse trattato e negoziato. 1. Ambito di validità - Natura del

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO CONTRATTO DI APPALTO PRIVATO PER OPERE RELATIVE A IMMOBILI CIVILI Tra... d ora in avanti denominato il committente residente in. C.F... P. IVA - da una parte e.. d ora in avanti

Dettagli

CONTRATTO TIPO per LA VENDITA DI MOBILI E BENI DI ARREDAMENTO

CONTRATTO TIPO per LA VENDITA DI MOBILI E BENI DI ARREDAMENTO CONTRATTO TIPO per LA VENDITA DI MOBILI E BENI DI ARREDAMENTO in collaborazione con CONTRATTO NUM. DEL FATTURA NO SI P. IVA CLIENTE./C.F... SIG./RAG. SOC.....TEL. CELLULARE... INDIRIZZO CAP.CITTA......

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Disposizioni generali Le presenti Condizioni, oggetto di discussione e negoziazione tra le Parti riguardo ciascuna clausola, ove non derogate da condizioni particolari

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA. Contratti tipo di Fornitura di servizi linguistici

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA. Contratti tipo di Fornitura di servizi linguistici CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA Contratti tipo di Fornitura di servizi linguistici approvato dalla Giunta camerale con deliberazione n. 178 del 14/10/2013 l contratti tipo di fornitura di servizi linguistici

Dettagli

in collaborazione con TAVOLO DELLE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI presso la Camera di Commercio di Milano

in collaborazione con TAVOLO DELLE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI presso la Camera di Commercio di Milano Federmobili in collaborazione con TAVOLO DELLE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI presso la Camera di Commercio di Milano Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 A) LOCATORE CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 COGNOME E NOME, nato a Luogo (CO) in data data e residente in Luogo(CO), Indirizzo e n. civico, C.F. Se società:

Dettagli

Numero CIG 59174523DE RISPOSTA A RICHIESTA DI INFORMAZIONI COMPLEMENTARI N. 2

Numero CIG 59174523DE RISPOSTA A RICHIESTA DI INFORMAZIONI COMPLEMENTARI N. 2 Procedura aperta per l affidamento di gas naturale per il periodo 01.01.2015 31.12.2015. Autorizzata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 22.07.2014. Numero CIG 59174523DE RISPOSTA A RICHIESTA

Dettagli

CONTRATTO PER VENDITA FUORI DAI LOCALI COMMERCIALI

CONTRATTO PER VENDITA FUORI DAI LOCALI COMMERCIALI CONTRATTO PER VENDITA FUORI DAI LOCALI COMMERCIALI CONTRATTO DI VENDITA DI BENI STIPULATO FUORI DEI LOCALI COMMERCIALI DELL IMPRESA. 1. CONTRAENTI: VENDITORE: DENOMINAZIONE... INDIRIZZO SEDE LEGALE: VIA...

Dettagli

CONTRATTO DI VENDITA (CON RISERVA DELLA PROPRIETA') DI APPARECCHIATURE PER L ELABORAZIONE ELETTRONICA DEI DATI

CONTRATTO DI VENDITA (CON RISERVA DELLA PROPRIETA') DI APPARECCHIATURE PER L ELABORAZIONE ELETTRONICA DEI DATI Ent 1 CONTRATTO DI VENDITA (CON RISERVA DELLA PROPRIETA') DI APPARECCHIATURE PER L ELABORAZIONE ELETTRONICA DEI DATI... (Ragione Sociale dell Azienda) 1) Compravendita. La... (qui di seguito denominata

Dettagli

1.3 Con l espressione Press Up S.r.l. si intendono il soggetto indicato in epigrafe ovvero il soggetto prestatore dei servizi di informazione.

1.3 Con l espressione Press Up S.r.l. si intendono il soggetto indicato in epigrafe ovvero il soggetto prestatore dei servizi di informazione. CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO 1. Identificazione della Press Up S.r.l. I servizi oggetto delle presenti condizioni generali sono offerti dalla Press Up s.r.l. con sede in Roma, Via Catone, 6 iscritta

Dettagli

DIRITTI DEL CONSUMATORE IN MATERIA DI GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ (D.lgs. 206/2005 Codice del Consumo)

DIRITTI DEL CONSUMATORE IN MATERIA DI GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ (D.lgs. 206/2005 Codice del Consumo) DIRITTI DEL CONSUMATORE IN MATERIA DI GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ (D.lgs. 206/2005 Codice del Consumo) Gentile Cliente, vogliamo informarti dei tuoi diritti nel caso in cui i prodotti acquistati presso

Dettagli

Acquista Online Auto Km 0

Acquista Online Auto Km 0 Acquista Online Auto Km 0 Prezzo trasparente. Pagamento sicuro. Nessuna sorpresa! Scopri Come: Prezzo Trasparente Tutto Compreso Siamo tra i primi operatori del settore Automotive a presentarti un prezzo

Dettagli

CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012

CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012 CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012 CAMBI MERCE: QUANDO E OBBLIGATORIO CAMBIARE LA MERCE E QUANDO E OBBLIGATORIO, INVECE, RESTITUIRE IL PREZZO PAGATO? Preliminarmente il D.LGS. 206/05 (Codice

Dettagli

GUARDA CHE TI RIGUARDA!

GUARDA CHE TI RIGUARDA! GUARDA CHE TI RIGUARDA! GARANZIE POST-VENDITA Progetto finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico 1 Un po di storia Con l espressione garanzie post-vendita si intende il complesso di tutele che

Dettagli

PROVINCIA di MANTOVA DISCIPLINARE D INCARICO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA per.. in esecuzione della Determinazione n. PREMESSO che:

PROVINCIA di MANTOVA DISCIPLINARE D INCARICO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA per.. in esecuzione della Determinazione n. PREMESSO che: PROVINCIA di MANTOVA DISCIPLINARE D INCARICO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA per.. in esecuzione della Determinazione n PREMESSO che: vista la Delibera di Giunta Provinciale n. 198 del 04/12/2008 recante: Modifiche

Dettagli

CONTRATTO DI ORDINI PER ACQUISTO DI TITOLI ATTRAVERSO OPERAZIONI DI PRESTITO E RIPORTO

CONTRATTO DI ORDINI PER ACQUISTO DI TITOLI ATTRAVERSO OPERAZIONI DI PRESTITO E RIPORTO Spett.le CONTRATTO DI ORDINI PER ACQUISTO DI TITOLI ATTRAVERSO OPERAZIONI DI PRESTITO E RIPORTO Con la presente io/noi sottoscritto/i, nel dichiararvi che è mia/nostra esigenza ottenere in prestito

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO DIVERSO. La Sig.ra FAVERIO dott.ssa ALICE, che interviene al presente atto in qualità

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO DIVERSO. La Sig.ra FAVERIO dott.ssa ALICE, che interviene al presente atto in qualità CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO DIVERSO La Sig.ra FAVERIO dott.ssa ALICE, che interviene al presente atto in qualità di Responsabile dell Area amministrativa finanziaria del COMUNE DI FINO MORNASCO, C.F./P.IVA

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Campo di applicazione Qualsiasi contratto stipulato tra Nossa Elettronica s.a.s (d ora in poi Nossa) per la fornitura dei propri Prodotti/Servizi (d ora in poi Prodotto)

Dettagli

Verifica delle condizioni generali di garanzia dei prodotti ricondizionati della AGP spa e loro conformità al Codice del Consumo.

Verifica delle condizioni generali di garanzia dei prodotti ricondizionati della AGP spa e loro conformità al Codice del Consumo. Adriatica Green Power spa C.da Molino n. 9 60020n Agugliano (AN) 26 febbraio 2015 Verifica delle condizioni generali di garanzia dei prodotti ricondizionati della AGP spa e loro conformità al Codice del

Dettagli

PROPOSTA D ACQUISTO. cap città provincia

PROPOSTA D ACQUISTO. cap città provincia www.borsatoscana.it Formulario contrattuale predisposto dalle Camere di Commercio I.A.A. di Firenze, Prato, Pistoia, Grosseto per la Borsa toscana del Mercato immobiliare, a tutela dei consumatori e degli

Dettagli

La garanzia per i vizi nella vendita di diritto comune e di beni di consumo

La garanzia per i vizi nella vendita di diritto comune e di beni di consumo La garanzia per i vizi nella vendita di diritto comune e di beni di consumo Dott. Alessio Faccia www.alexpander.it Art. 1476 c.c. Obbligazioni del venditore: -Consegnare la cosa comperata -Fare acquistare

Dettagli

Oggetto: segnalazione di clausole vessatorie nelle condizioni generali di contratto e pratica commerciale scorretta da parte di Crevit Italia s.r.l.

Oggetto: segnalazione di clausole vessatorie nelle condizioni generali di contratto e pratica commerciale scorretta da parte di Crevit Italia s.r.l. Alla c.a. Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Piazza G. Verdi, 6/A 00186 Roma Inviata tramite PEC Milano, 17 novembre 2014 Oggetto: segnalazione di clausole vessatorie nelle condizioni generali

Dettagli

Condizioni generali di acquisto

Condizioni generali di acquisto Condizioni generali di acquisto 1. Generalità 1.1 Ogni ordine è valido solo se recante la firma del Committente 1.2 L'evasione dell ordine comporta l'esplicita accettazione delle presenti condizioni di

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. Articolo 1 Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. Articolo 1 Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Articolo 1 Definizioni Ai fini del presente contratto si intende per: "Venditore", la società BBang S.r.l. (P.IVA 02716060302), avente sede a Tavagnacco (fraz. Feletto Umberto)

Dettagli

CONTRATTO PER VENDITA

CONTRATTO PER VENDITA CONTRATTO PER VENDITA DI MOBILI E BENI DI ARREDAMENTO CONTRATTO NUM. DEL FATTURA SI NO IVA COMPRESA SI NO P.IVA CLIENTE. SIG...TEL. CELLULARE.... INDIRIZZO CAP.CITTA...... LUOGO DI CONSEGNA.PIANO.....CITTA..

Dettagli

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003.

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003. Nota esplicativa dello schema di contratto a progetto Lo schema di contratto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto prevede, nell ambito delle singole clausole, alcune soluzioni alternative

Dettagli

CONTRATTO DI APPALTO PER SERVIZI DI PULIZIA RECEPTION E RISTORAZIONE IN ITALIA CON DISTACCO DI LAVORATORI ALBANESI

CONTRATTO DI APPALTO PER SERVIZI DI PULIZIA RECEPTION E RISTORAZIONE IN ITALIA CON DISTACCO DI LAVORATORI ALBANESI CONTRATTO DI APPALTO PER SERVIZI DI PULIZIA RECEPTION E RISTORAZIONE IN ITALIA CON DISTACCO DI LAVORATORI ALBANESI Con la presente scrittura privata, avente ogni valore giuridico, TRA - La società (ditta

Dettagli

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione e principi generali Art. 2 - Decorrenza e durata del

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Applicazione delle Condizioni Generali di Vendita e modalità di modifica 1.1. Estral S.p.A., ora in avanti chiamata anche venditrice, e la Vs. società, ora in avanti definita

Dettagli

INCARICO DI MEDIAZIONE

INCARICO DI MEDIAZIONE Denominazione agenzia con sede n. iscrizione ruolo del titolare o del legale rappresentante ; n. iscrizione della società ; agente ; n. iscrizione agente. INCARICO DI MEDIAZIONE Il sottoscritto nato a

Dettagli

Laminati Lunghi Condizioni Generali di Vendita

Laminati Lunghi Condizioni Generali di Vendita pag. 1 di 6 ART. 1 - DISCIPLINA DELLE FORNITURE 1.1 II rapporto di fornitura è regolato - esclusivamente - dai patti e dalle condizioni di cui alle presenti condizioni generali, che saranno integrate da

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Le presenti condizioni generali di vendita (di seguito le CGV ), ove non espressamente derogate per iscritto, regolano le vendite dei prodotti tra DTG srl. (di seguito la

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

GARANZIA LEGALE DI CONFORMITà

GARANZIA LEGALE DI CONFORMITà GARANZIA LEGALE DI CONFORMITà DIRITTI DEL CONSUMATORE IN MATERIA DI GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ (D.lgs. 206/2005 Codice del Consumo) Gentile Cliente, vogliamo informarti dei tuoi diritti nel caso in

Dettagli

Questa pagina contiene le seguenti informazioni:

Questa pagina contiene le seguenti informazioni: I vantaggi della garanzia limitata Apple si aggiungono ai diritti previsti dalla normativa a tutela del consumatore applicabile nel tuo paese. Ai sensi degli articoli 128 135 del Decreto Legislativo n.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1.- INTERPRETAZIONE Ai fini del presente contratto si intende: a.- per COMPRATORE - colui il cui ordine di acquisto viene accettato dal venditore. b.- per BENI i prodotti

Dettagli

E FATTO OBBLIGO RICONOSCERE IN MISURA DEL 2% AL PREZZO DI RISERVA, PER COSTI DI ASSICURAZIONE

E FATTO OBBLIGO RICONOSCERE IN MISURA DEL 2% AL PREZZO DI RISERVA, PER COSTI DI ASSICURAZIONE MANDATO A VENDERE Tra ANTIQUITIES ONLINE Il Sig. nato a il documento nr. rilasciato da il scadenza il codice fiscale Il/La Sig./Sig.ra conferisce ad ANTIQUITIES ONLINE che dichiara di accettare mandato

Dettagli

Associazione della Proprietà Edilizia della Provincia di Savona. Sindacato Inquilini Casa e Territorio aderente alla. aderente a:

Associazione della Proprietà Edilizia della Provincia di Savona. Sindacato Inquilini Casa e Territorio aderente alla. aderente a: Associazione della Proprietà Edilizia della Provincia di Savona Sindacato Inquilini Casa e Territorio aderente alla aderente a:! 1 CONTRATTO TIPO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE TURISTICO E PER USO VACANZA Ai

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Le presenti condizioni generali di vendita si applicano ai contratti conclusi tra SOLON S.p.A. (di seguito SOLON ), persona giuridica che agisce nell esercizio della propria

Dettagli

Condizioni di vendita

Condizioni di vendita Condizioni di vendita Le Condizioni Generali di Vendita disciplinano l'offerta e la vendita on-line dei prodotti presenti sul sito www.gidielle.com (di seguito denominato "Sito"). Disposizioni Generali

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE Art. 1 Con la presente scrittura privata da valersi ad ogni effetto di legge tra le parti, la ditta individuale xxxx di xxxxx Claudia,

Dettagli

Federmobili FEDERAZIONE NAZIONALE COMMERCIANTI MOBILI E ARREDAMENTO. Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato

Federmobili FEDERAZIONE NAZIONALE COMMERCIANTI MOBILI E ARREDAMENTO. Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato Federmobili FEDERAZIONE NAZIONALE COMMERCIANTI MOBILI E ARREDAMENTO in collaborazione con e con l adesione di Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura SCHEMA

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA DI PRODOTTI ACQUISTI MEZZI & SERVIZI DI PIAGGIO & C. SPA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA DI PRODOTTI ACQUISTI MEZZI & SERVIZI DI PIAGGIO & C. SPA CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA DI PRODOTTI ACQUISTI MEZZI & SERVIZI DI PIAGGIO & C. SPA Le presenti condizioni generali di fornitura regoleranno i rapporti intercorrenti tra: Piaggio & C. S.p.A., con

Dettagli

rappresentante Sig. <...>, codice fiscale <...> in seguito denominata Fabbricante; PREMESSO

rappresentante Sig. <...>, codice fiscale <...> in seguito denominata Fabbricante; PREMESSO CONTRATTO DI DISTRIBUZIONE TRA - < >, con sede in < > alla via < > nella persona del proprio legale rappresentante Sig. , PI: in seguito denominata Distributore o Importatore; E - < > con sede

Dettagli

Contratto-tipo di albergo

Contratto-tipo di albergo Contratto-tipo di albergo Modello A Senza versamento di caparra, ma con la previsione di penale da addebitare su carta di credito del Cliente Facendo seguito ai colloqui intercorsi, le confermiamo la disponibilità

Dettagli

LA GARANZIA NEL D. LGS. 206/2005 La garanzia legale e la garanzia commerciale nella vendita di beni di consumo.

LA GARANZIA NEL D. LGS. 206/2005 La garanzia legale e la garanzia commerciale nella vendita di beni di consumo. LA GARANZIA NEL D. LGS. 206/2005 La garanzia legale e la garanzia commerciale nella vendita di beni di consumo. Indice Introduzione pag. 3 La garanzia in Italia pag. 4 Garanzia di conformità pag. 6 Che

Dettagli

PREMESSO. A) che con delibera del 6 aprile 2000 l' Autorità per l'informatica nella Pubblica

PREMESSO. A) che con delibera del 6 aprile 2000 l' Autorità per l'informatica nella Pubblica CONVENZIONE TRA INFOCAMERE SCpA E CIRCUITO DI GARANZIA NAZIONALE PROFESSIONISTI E IMPRESE SRL PER LO SVOLGIMENTO DI ATTlVITA' DI UFFICIO DI REGISTRAZIONE E RILASCIO DI CERTIFICATI DIGITALI DI SOTTOSCRIZIONE

Dettagli

Contratto tipo di Agenzia

Contratto tipo di Agenzia Contratto tipo di Agenzia LETTERA D INCARICO D AGENZIA 1 In relazione alle intese intercorse, vi confermiamo, con la presente, l incarico di promuovere stabilmente, per nostro conto, la vendita dei prodotti

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura Le presenti condizioni generali di fornitura (di seguito, le Condizioni Generali ) disciplinano le modalità di acquisto dei DVD e libri in edizione club e degli altri prodotti

Dettagli

Condizioni generali di vendita Soap

Condizioni generali di vendita Soap Condizioni generali di vendita Soap A. Definizioni Soap si intende Soap di Marco Borsani, con sede in Corso Roma 122, Cesano Maderno MB, tel. +39 347 5087246, P.Iva 07815570960, società proprietaria del

Dettagli

Condizioni generali di contratto per la realizzazione di impianti termoidraulici ed elettrici ad uso domestico concordato fra

Condizioni generali di contratto per la realizzazione di impianti termoidraulici ed elettrici ad uso domestico concordato fra Condizioni generali di contratto per la realizzazione di impianti termoidraulici ed elettrici ad uso domestico concordato fra e e promosso dalla Camera di Commercio di Pisa in virtù dei poteri ad essa

Dettagli

1. REQUISITI PER L AVVIO DELLA COLLABORAZIONE

1. REQUISITI PER L AVVIO DELLA COLLABORAZIONE CONTRATTO Tra La GDE Edizioni Musicali di Farina Vincenzo con sede legale 00139 Roma, via Monviso, 3 Codice Fiscale FRNVCN62C16G315Y Partita Iva: 09505521006, (di seguito denominata GDE Edizioni ) e, con

Dettagli

Le condizioni generali di contratto

Le condizioni generali di contratto Inserire testo Inserire testo Le condizioni generali di contratto Condizioni generali di contratto e clausole vessatorie: in particolare, la riserva di proprietà A cura dell Avv. Simona Cardillo CONDIZIONI

Dettagli

b) la durata del contratto con l indicazione del periodo selezionato dal Cliente;

b) la durata del contratto con l indicazione del periodo selezionato dal Cliente; 1. Oggetto del contratto Il presente contratto di Housing ovvero di Residence ha per oggetto la concessione in godimento temporaneo da parte di The Best Rent S.r.l. al Cliente di una unità immobiliare,

Dettagli

FLAIRTENDER CONDIZIONI DI VENDITA PER IL NOSTRO SHOWROOM ATTREZZATURE

FLAIRTENDER CONDIZIONI DI VENDITA PER IL NOSTRO SHOWROOM ATTREZZATURE FLAIRTENDER CONDIZIONI DI VENDITA PER IL NOSTRO SHOWROOM ATTREZZATURE CONDIZIONI DI VENDITA ISTRUZIONI PER L ACQUISTO: SCEGLI I PRODOTTI DI TUO INTERESSE CON IL CODICE ARTICOLO E RIPORTALI NELLA MAIL DI

Dettagli

INCARICO DI MEDIAZIONE PER VENDITA IMMOBILIARE - IN ESCLUSIVA - a...il...c.f......e residente. a...via......n..., tel..., C.F./P.IVA.

INCARICO DI MEDIAZIONE PER VENDITA IMMOBILIARE - IN ESCLUSIVA - a...il...c.f......e residente. a...via......n..., tel..., C.F./P.IVA. INCARICO DI MEDIAZIONE PER VENDITA IMMOBILIARE - IN ESCLUSIVA - ART. 1 - CONFERIMENTO DI INCARICO Con il presente contratto TRA,...nato a...il...c.f......e residente a...via......n..., tel..., oppure Società.,

Dettagli

CIG: 1724479D13. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO

CIG: 1724479D13. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO ALL. B AFFIDAMENTO AI SENSI DEGLI ARTT. 19 E 27 DEL D. LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLE ATTIVITÀ DI CONSULENZA SPECIALISTICA PER L ELABORAZIONE DEL MODELLO DI FLUSSO DEGLI ACQUIFERI E DI DISPERSIONE DEGLI

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA IMMOBILIARE. Da una parte... che sarà nel seguito di questo atto denominata parte promessa venditrice ;

CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA IMMOBILIARE. Da una parte... che sarà nel seguito di questo atto denominata parte promessa venditrice ; CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA IMMOBILIARE Fra i sottoscritti: Da una parte che sarà nel seguito di questo atto denominata parte promessa venditrice ; Dall altra parte: che stipula per sé o per

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA DI DISPOSITIVI MEDICI UROLOGICI PER L U.O. UROLOGIA E PER L U.O. CHIRURGIA PEDIATRICA

CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA DI DISPOSITIVI MEDICI UROLOGICI PER L U.O. UROLOGIA E PER L U.O. CHIRURGIA PEDIATRICA CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA DI DISPOSITIVI MEDICI UROLOGICI PER L U.O. UROLOGIA E PER L U.O. CHIRURGIA PEDIATRICA Atti 1517/2006 all.10 $%&' I N D I C E Art. 1 Oggetto del capitolato Art. 2 Durata

Dettagli

Condizioni generali di Noleggio

Condizioni generali di Noleggio Condizioni generali di Noleggio 1. Oggetto del contratto Il Contratto ha per oggetto la fornitura del servizio di noleggio di articoli di puericultura e relativi accessori (di seguito Bene o Beni ) tra

Dettagli

Tutto ciò premesso, le associazioni dei consumatori sopra elencate ed UniAcque Spa, di seguito

Tutto ciò premesso, le associazioni dei consumatori sopra elencate ed UniAcque Spa, di seguito PROTOCOLLO DI INTESA TRA UNIACQUE SPA E FEDERCONSUMATORI BERGAMO, FEDERCONSUMATORI SEBINO, ADICONSUM BERGAMO SEBINO, ADOC PER ATTIVITÀ DI PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE E DI ATTIVAZIONE DI UNA PROCEDURA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER LA FORNITURA DI ARREDI PER GLI ASILI NIDO COMUNALI DI PALERMO

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER LA FORNITURA DI ARREDI PER GLI ASILI NIDO COMUNALI DI PALERMO C O M U N E D I P A L E R M O PUBBLICA ISTRUZIONE CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER LA FORNITURA DI ARREDI PER GLI ASILI NIDO COMUNALI DI PALERMO Pagina 1 di 7 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER LA FORNITURA

Dettagli

www.elsaweb.it CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DI PRODOTTI E SERVIZI

www.elsaweb.it CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DI PRODOTTI E SERVIZI Imola, 01/01/2013 CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DI PRODOTTI E SERVIZI 1 GENERALITA 1.1 Le seguenti condizioni generali di vendita si intendono valide per qualsiasi Conferma di Ordine (di seguito CdO )

Dettagli

Contratto di acquisto autocaravan Come evitare cause civili

Contratto di acquisto autocaravan Come evitare cause civili 92 S P O R T E L L O G I U R I D I C O Contratto di acquisto autocaravan Come evitare cause civili Ritardo nella consegna dell autocaravan acquistata? Difetti di conformità rilevati dopo la consegna? Condizioni

Dettagli

Contratto di locazione a uso professionale. nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Contratto di locazione a uso professionale. nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone Contratto di locazione a uso professionale Il sig. (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone giuridiche, indicare: ragione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA E VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA E VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA E VENDITA PREMESSE Le presenti condizioni generali di fornitura e vendita si applicano integralmente a tutte le offerte di vendita emesse e a tutte le vendite effettuate

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA INTRODUZIONE: Le presenti condizioni generali di vendita (di seguito solo Condizioni Generali ) disciplinano la vendita dei prodotti commercializzati da Colmegna Srl tramite

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. (stipulato ai sensi dell art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431)

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. (stipulato ai sensi dell art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431) CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (stipulato ai sensi dell art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431) TRA: la Signora ROSSI MARIA nata a ROMA (RM) il 03/08/1966 domiciliata in ROMA (RM), VIA DELLE

Dettagli

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1 Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra XY, società di diritto italiano, con sede in via n iscritta al Registro delle Imprese di n Partita

Dettagli

Contratto di locazione ad uso non abitativo. L anno duemilasette il giorno 03 del mese di maggio a Borgio Verezzi presso

Contratto di locazione ad uso non abitativo. L anno duemilasette il giorno 03 del mese di maggio a Borgio Verezzi presso Contratto di locazione ad uso non abitativo L anno duemilasette il giorno 03 del mese di maggio a Borgio Verezzi presso la Sede Comunale tra Per un parte il sig. Terragno Roberto nato il 19.11.1958 a Finale

Dettagli

Si osservano in materia le condizioni generali di vendita stabilite direttamente dalle case produttrici.

Si osservano in materia le condizioni generali di vendita stabilite direttamente dalle case produttrici. B) MEZZI DI TRASPORTO AUTO E MOTOVEICOLI NUOVI 626. Condizioni di vendita. Si osservano in materia le condizioni generali di vendita stabilite direttamente dalle case produttrici. AUTO E MOTOVEICOLI USATI

Dettagli

QUESITO. Il Comune gestisce in proprio il servizio di erogazione idrico ai propri cittadini. Siamo a

QUESITO. Il Comune gestisce in proprio il servizio di erogazione idrico ai propri cittadini. Siamo a ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI ITALIANI Associazione Regionale del Piemonte QUESITO Si riscontra il seguente quesito: Il Comune gestisce in proprio il servizio di erogazione idrico ai propri cittadini.

Dettagli

Segue una breve disamina dei principali contenuti degli altri articoli.

Segue una breve disamina dei principali contenuti degli altri articoli. Circolare n. 86 AP/cg - 30 ottobre 2007 TITOLO: Approvazione dello schema di decreto legislativo concernente disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, recante

Dettagli

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI UFFICIO DI REGISTRAZIONE E RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE TRA

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI UFFICIO DI REGISTRAZIONE E RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE TRA CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI UFFICIO DI REGISTRAZIONE E RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE TRA InfoCert S.p.A., con sede legale in Roma, Piazza Sallustio n. 9, in persona del

Dettagli

CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO DI RETE COMUNE PER LA CONNESSIONE. l sig. o la società.,sede legale, persona del legale

CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO DI RETE COMUNE PER LA CONNESSIONE. l sig. o la società.,sede legale, persona del legale CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO DI RETE COMUNE PER LA CONNESSIONE Tra: l sig. o la società.,sede legale, persona del legale rappresentante pro-tempore, in proprio nonché quale procuratore di.,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Nelle presenti condizioni generali: si intende come Venditrice o Società la Berner Spa, con sede in Verona, via dell Elettronica 15, Partita IVA 02093400238, C.F. e numero

Dettagli

APERTURA DI CREDITO PER ANTICIPI PORTAFOGLIO S.B.F., FATTURE ED ALTRI CREDITI

APERTURA DI CREDITO PER ANTICIPI PORTAFOGLIO S.B.F., FATTURE ED ALTRI CREDITI , Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. APERTURA DI CREDITO PER ANTICIPI PORTAFOGLIO S.B.F., FATTURE ED ALTRI CREDITI Sezione I - Informazioni

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

La Società con sede e domicilio fiscale in rappresentata da in qualità di, di seguito identificata come Fornitore da una parte

La Società con sede e domicilio fiscale in rappresentata da in qualità di, di seguito identificata come Fornitore da una parte CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PRELIEVO, CARICO, TRASPORTO IN REGIME ADR (SE PREVISTO DALLE NORME), CONFERIMENTO AD IMPIANTO AUTORIZZATO PER RECUPERO E/O SMALTIMENTO DEI RIFIUTI PRODOTTI PRESSO

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. GRUPPO GEFRAN S.p.A.

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. GRUPPO GEFRAN S.p.A. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA GRUPPO GEFRAN S.p.A. In vigore dal 01/07/2007 Revisione ottobre 2011 Il presente documento contiene le Condizioni Generali di Vendita che disciplinano i rapporti di compravendita

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO ALL. B AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DEL SERVIZIO ASSICURATIVO RELATIVO ALLA POLIZZA TRIENNALE INFORTUNI PER LA SEDE DELLA SOGESID S.P.A. DI ROMA. CIG:

Dettagli

Condizioni di vendita

Condizioni di vendita Condizioni di vendita 1) Premessa... 1 2) Clausola penale... 1 3) Caratteristiche Tecniche... 1 4) Ordini... 1 5) Prezzi... 2 6) Disponibilità Prodotti... 2 7) Spedizioni e Consegna... 3 8) Rischio e Proprietà...

Dettagli

Acconti e debiti verso fornitori

Acconti e debiti verso fornitori Le voci di bilancio sotto la lente di ingrandimento di Sergio Pellegrino e Federica Furlani * Acconti e debiti verso fornitori Il presente articolo fornisce un analisi del contenuto delle voci D.6 e D.7

Dettagli

La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo.

La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo. - Gabriele Gentilini - La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo. Premessa Ambito di applicazione della nuova normativa La conformità al contratto La tutela del consumatore ====================================================

Dettagli

COMUNE DI PISA. DIREZIONE FINANZE PROVVEDITORATO AZIENDE UO Economato Provveditorato Autoparco Comunale

COMUNE DI PISA. DIREZIONE FINANZE PROVVEDITORATO AZIENDE UO Economato Provveditorato Autoparco Comunale COMUNE DI PISA DIREZIONE FINANZE PROVVEDITORATO AZIENDE UO Economato Provveditorato Autoparco Comunale OGGETTO: Accordo Quadro per la Fornitura di cancelleria e consumabili per gli uffici dell Ente mediante

Dettagli

1. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

1. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Le presenti Condizioni Generali condizionano i contratti di vendita o di fornitura di prodotti del Venditore ( di seguito denominati Prodotti Contrattuali ). A tali contratti

Dettagli

GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO

GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro Riforma del Mercato del Lavoro Legge 92/2012 GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO DI RENZO LA COSTA LUGLIO 2012 Il nuovo lavoro a progetto 1 Il contratto di lavoro

Dettagli

(Edizione giugno 2015)

(Edizione giugno 2015) SCHEMA DI ACCORDO TRA IL PARTECIPANTE DIRETTO E L AGENTE DI REGOLAMENTO (CLAUSOLE MINIMALI) (Edizione giugno 2015) ACCORDO TRA IL PARTECIPANTE DIRETTO E L AGENTE DI REGOLAMENTO (CLAUSOLE MINIMALI) TRA

Dettagli

PROPOSTA D ACQUISTO. tel. fax e-mail. n iscriz.ruolo titolare/leg. rappr. n iscriz. società. n iscriz. agente Il sottoscritto. cap città provincia

PROPOSTA D ACQUISTO. tel. fax e-mail. n iscriz.ruolo titolare/leg. rappr. n iscriz. società. n iscriz. agente Il sottoscritto. cap città provincia www.borsatoscana.it Formulario contrattuale predisposto dalle Camere di Commercio I.A.A. di Firenze, Prato, Pistoia, Grosseto per la Borsa toscana del Mercato immobiliare, a tutela dei consumatori e degli

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO E DI SERVIZI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO E DI SERVIZI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO E DI SERVIZI di tutti i contratti specifici di: SicurNet Liguria S.r.l. SOMMARIO: 1. Fonti legislative e riferimento agli impianti; 2. Condizioni economiche; 3. Esclusioni,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER LE PRINCIPALI GARANZIE CHE ASSISTONO LA LOCAZIONE FINANZIARIA

FOGLIO INFORMATIVO PER LE PRINCIPALI GARANZIE CHE ASSISTONO LA LOCAZIONE FINANZIARIA FOGLIO INFORMATIVO PER LE PRINCIPALI GARANZIE CHE ASSISTONO LA LOCAZIONE FINANZIARIA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (D.LGS.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO 1. NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO DIECICENTO è soggetto organizzatore di viaggi, vacanze o giri turistici tutto compreso, che sono commercializzati direttamente o per il

Dettagli