Procedimento di controllo Commissione Contratti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procedimento di controllo Commissione Contratti"

Transcript

1 Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di questa Camera ha analizzato le condizioni generali di vendita depositate da codesta impresa e ha espresso in proposito il seguente parere: Clausola 1: il consumatore viene qualificato come proponente, ma il modulo contrattuale è predisposto dalla parte venditrice. Se la proposta viene dal consumatore, la disciplina a protezione dello stesso potrebbe sembrare inapplicabile. In realtà, dottrina e giurisprudenza si sono dichiarate d accordo sull'applicabilità anche a tale proposta della normativa in oggetto. Si consiglia di eliminare l'espressione "il proponente riconosce che la presente proposta è irrevocabile", prevedendo in luogo di essa la facoltà di recesso da parte di entrambe le parti contrattuali, verso la corresponsione di una determinata somma di denaro (a titolo di penale), per evitare il rischio di presunta vessatorietà di tale clausola ai sensi dell'art bis, comma 3, n. 7, (clausole che riconoscono "al solo professionista e non anche al consumatore la facoltà di recedere dal contratto"). Al riguardo si propone il seguente testo: E facoltà di entrambe le parti contrattuali di recedere dal presente contratto dandone comunicazione all altra parte a mezzo raccomandata a.r. fino a 50 giorni prima della data fissata per la consegna. In caso di recesso la parte che recede dovrà corrispondere all altra parte una somma di denaro pari al 20% dell importo del contratto. Qualora, invece, si voglia mantenere la condizione di irrevocabilità della proposta, appare necessario indicare un termine preciso e non eccessivamente lontano dalla data della proposta medesima, entro il quale debba avvenire l'accettazione del venditore (anche ai sensi dell'art. 1329, comma 1), con conseguente limitazione del periodo entro il quale il consumatore vede ristretta la propria libertà contrattuale. In caso contrario, la clausola risulta vessatoria ai sensi dell'art bis, comma 3, n. 18. Il termine di irrevocabilità della proposta deve essere indicato anche sul fronte del contratto. Il nuovo modulo contrattuale depositato prevede che la proposta sia irrevocabile per il termine di giorni 10 dalla sottoscrizione della stessa. Tale termine appare congruo, ma appare necessaria un'integrazione del fronte del contratto, in quanto accanto alla firma del proponente e del venditore devono essere indicate anche le relative date, in modo da poter verificare se l'accettazione del venditore e la relativa comunicazione al proponente sono avvenute entro il termine. Pertanto appare necessario predisporre anche uno spazio per la firma del proponente per presa visione dell'accettazione (e relativa data). La Commissione ritiene, inoltre, opportuna un'integrazione della clausola che specifichi le conseguenze della mancata accettazione del venditore (e relativa comunicazione al proponente) entro il termine dei 10 giorni. Clausola 2: la clausola in esame prevede il pagamento anticipato (prima dello scarico della merce) e per contanti. Considerata la molteplicità delle forme di pagamento attualmente esistenti, si consiglia di prevedere altre possibili forme di pagamento oltre ai contanti (carta di credito, bonifico bancario, ecc.). Inoltre, vista la natura dei beni oggetto del contratto, prevedere il versamento del saldo prima dello scarico della merce pare attuare uno squilibrio dei diritti e degli obblighi delle parti, in quanto il consumatore è obbligato a pagare anticipatamente l'intero prezzo dei mobili, senza poter verificare l'effettiva conformità degli stessi a quanto ordinato. A tutela del consumatore interviene ora la nuova disciplina introdotta dal D. Lgs. 2 febbraio 2002 n. 24 (che si allega sub A) relativa alla garanzia nella vendita dei beni di consumo (per un esame approfondito della stessa si rinvia al commento relativo alla clausola 11 del presente contratto), ma si consiglia comunque di prevedere il pagamento del saldo del prezzo dopo un certo numero di giorni dalla consegna della merce.

2 Infine, l'ultima parte della clausola in esame, laddove prevede che "fin d'ora il proponente autorizza espressamente l'istituto Finanziatore ad accreditare alla venditrice l'importo finanziato anche in pendenza del termine di consegna della merce" appare vessatoria ai sensi dell'art bis, comma 3, n. 18, in quanto sancisce a carico del consumatore una limitazione della facoltà di opporre eccezioni, e andrebbe pertanto eliminata; Clausola 3 (Pagamento rateale): con riguardo all ultimo capoverso si propone il seguente testo: Nei casi descritti qualora il proponente non dovesse provvedere a versare il 20% del prezzo di acquisto a titolo di caparra confirmatoria nei quindici giorni successivi alla comunicazione della venditrice, sarà ritenuto inadempiente e saranno applicate le sanzioni dell ultimo comma dell art. 4 riscritto come segue; Clausola 4 e Clausola 10: l'art del codice civile definisce la caparra confirmatoria come una somma di denaro o una quantità di cose fungibili consegnata da una parte all'altra al momento della conclusione del contratto, a conferma della serietà del vincolo assunto. Infatti, "se la parte che ha dato la caparra è inadempiente, l'altra può recedere dal contratto, ritenendo la caparra; se inadempiente è invece la parte che l'ha ricevuta, l'altra può recedere dal contratto ed esigere il doppio della caparra". Nel modulo in esame, la clausola 4 prevede che "le somme di qualsiasi entità versate anche in tempi diversi ma prima del saldo costituiscono caparra confirmatoria per cui non saranno restituite nel caso di risoluzione del contratto per inadempimento dell'acquirente, fatto salvo il risarcimento dell'ulteriore maggior danno". Si tratta, pertanto, di una caparra a formazione progressiva (e ciò può considerarsi legittimo), ma assolutamente indeterminata, in quanto i diversi pagamenti eseguiti dall'acquirente potrebbero anche coprire il 99% del corrispettivo pattuito. Si richiede di modificare la clausola in esame, specificando l'ammontare della caparra (da versarsi in un'unica soluzione o in più soluzioni), esprimendola, ad esempio, come percentuale rispetto al corrispettivo totale. In ogni caso la caparra complessiva non dovrebbe superare il 25% del corrispettivo totale, al fine di non incorrere nella vessatorietà di cui all'art bis, comma 3, n. 6 c.c. ("imporre al consumatore in caso di inadempimento o di ritardo nell'adempimento il pagamento di una somma di denaro, a titolo di risarcimento, clausola penale o altro titolo equivalente d'importo manifestamente eccessivo"). Gli altri versamenti sono da considerarsi acconti per la prestazione dovuta e non possono essere ritenuti dalla venditrice in caso di risoluzione del contratto per inadempimento dell'acquirente. Ciò anche alla luce della clausola 10 che prevede, in caso di risoluzione del contratto per inadempimento dell'acquirente, il risarcimento del danno patito determinato forfettariamente nella misura del 20% dell'importo del contratto, oltre alla ritenzione a titolo definitivo della caparra confirmatoria. La clausola 10 appare vessatoria ai sensi dell'art bis, comma 3 n. 6, in quanto impone al consumatore, in caso di inadempimento, il pagamento di una somma di importo manifestamente eccessivo. Inoltre la caparra confirmatoria non può essere cumulata con la penale: l art c.c., commi 1 e 2 descrive, infatti, il meccanismo della caparra confirmatoria, secondo cui la parte adempiente ha diritto a recedere dal contratto pretendendo il doppio della caparra da lei versata o trattenendo la caparra versata dalla parte inadempiente. Il 3 comma del medesimo articolo prevede poi che, qualora la parte che non è inadempiente preferisca domandare l esecuzione o la risoluzione del contratto, il risarcimento del danno è regolato dalle norme generali. Secondo le norme generali, la definizione in contratto di una penale (come in questo caso del 20% dell importo del contratto) ha l effetto di limitare il risarcimento. Pertanto, non è possibile prevedere la cumulabilità di caparra e di penale, essendo l una alternativa all altra. Le clausole 4 e 10 in esame, inoltre, sono da considerarsi vessatorie anche ai sensi dell'art bis, comma 1, in quanto "determinano a carico del consumatore un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi derivanti dal contratto". Tali clausole sanzionano, infatti, unicamente l'inadempimento del consumatore, mentre non prevedono alcuna sanzione nel caso di inadempimento della parte venditrice. Sarebbe quindi opportuno riscrivere tali clausole per ristabilire l'equilibrio contrattuale tra

3 le parti, prevedendo, in caso di risoluzione del contratto per inadempimento della venditrice, il diritto del consumatore ad esigere il doppio della caparra versata, anche ai sensi dell'art. 1385, comma 2, che prevede: "Se la parte che ha dato la caparra è inadempiente, l'altra può recedere dal contratto, ritenendo la caparra; se inadempiente è invece la parte che l'ha ricevuta, l'altra può recedere dal contratto ed esigere il doppio della caparra". Alla luce di tutto ciò va modificato anche il fronte del contratto: va eliminata la clausola "Le caparre confirmatorie non verranno rese", perché nel caso di inadempimento della venditrice questa è tenuta per legge (art. 1385, comma 2) a versare all'altra parte il doppio della caparra confirmatoria. Inoltre, valgono le considerazioni di cui sopra in merito alla necessità di determinare la caparra confirmatoria, anche qualora abbia una formazione progressiva. Con riguardo alla clausola 4 (caparra confirmatoria) si propone il seguente testo: Ai sensi dell art c.c. le somme versate dall acquirente alla sottoscrizione della presente proposta e quelle da versare anche successivamente a titolo di caparra confirmatoria non dovranno essere superiori al 25 30% della fornitura e non verranno restituite in caso di inadempimento dell acquirente. Qualora invece sia inadempiente la venditrice, l acquirente ha il diritto di esigere il doppio della caparra versata. Se però la parte che non è inadempiente preferisce domandare l esecuzione o la risoluzione del contratto, il risarcimento del danno è regolato dalle norme generali ; Clausola 5: "la data di consegna convenuta è indicativa e non perentoria essendo legata all'approvvigionamento..": tale clausola è da considerarsi vessatoria ai sensi dell'art bis, comma 1, in quanto una delle obbligazioni fondamentali del venditore (la consegna dei mobili) può essere adempiuta in un tempo puramente indicativo, senza alcuna garanzia in merito per il consumatore. E' necessario prevedere una data certa per la consegna della merce e, quindi, modificare anche il fronte del contratto laddove prevede l'indicazione della data di consegna "indicativa". La proroga dovuta alle difficoltà o ai tempi particolarmente lunghi dell'approvvigionamento deve rappresentare una circostanza eccezionale e deve essere in ogni caso quantificata e indicata nel contratto o, se sopravvenuta, comunicata per iscritto al consumatore, il quale potrebbe non aver più interesse a comprare i mobili in questione se i tempi di consegna fossero eccessivamente lunghi. La Commissione ha poi ritenuto che il termine di consegna possa avere carattere indicativo, ma ha sottolineato la necessità di individuare un termine massimo e ultimo di consegna (entro e non oltre 30 giorni dalla data indicativa predetta). Decorso tale termine ultimo, il venditore sarà tenuto al pagamento di una penale, che ai fini della reciprocità, deve essere pari a quella prevista per il compratore, ossia il 20% dell'importo del contratto (e non 1 euro al giorno come previsto dalla clausola in esame). Inoltre la penale sarà dovuta dal venditore per il fatto oggettivo del mancato rispetto del termine di consegna (eliminare il riferimento al carattere "colpevole" del ritardo). Il proseguo della clausola " pertanto il proponente esonera sin da ora la venditrice da ogni e qualsiasi responsabilità per danni derivanti dal ritardo nella consegna" è da considerarsi, pertanto, vessatoria ai sensi dell'art bis, comma 3, n. 2), in quanto esclude le azioni e i diritti del consumatore nei confronti del professionista in caso di ritardo nella consegna, e ai sensi dell'art bis, comma 3, n. 18), in quanto sancisce a carico del consumatore limitazioni della facoltà di opporre eccezioni. Si consiglia, pertanto, di riscrivere tale clausola prevedendo una penale nel caso di ritardo nella consegna, anche al fine di garantire equilibrio contrattuale tra le parti. Si consiglia inoltre di specificare meglio le modalità di conferma della data, dell'ora e del luogo di consegna della merce, considerato che, qualora il consumatore volesse chiedere un rinvio della stessa, dovrà comunicarlo a mezzo raccomandata almeno 15 giorni prima della data convenuta e visto, altresì, che l'assenza del consumatore dal luogo di consegna per il giorno e l'ora comunicategli saranno motivi di risoluzione del contratto. Si propone la seguente modifica: "la data di consegna della merce verrà confermata a mezzo fax, telefono, e mail o raccomandata almeno 15 giorni prima della data convenuta..eventuali richieste di rinvii della consegna da parte del proponente devono essere comunicate a mezzo raccomandata almeno 10 giorni prima della data convenuta".

4 Nell'ultima parte della clausola, inoltre, è previsto che, qualora la parte proponente richiedesse un rinvio nella consegna, saranno a suo carico eventuali maggiorazioni "che dovessero verificarsi sui prezzi di listino in vigore alla data del nuovo termine di consegna": anche tale clausola è vessatoria perché, ai sensi dell'art bis, comma 3, n. 12, sono considerate vessatorie le clausole che stabiliscono che "il prezzo dei beni o dei servizi sia determinato al momento della consegna o della prestazione". Inoltre la clausola in esame prevede che la richiesta di rinvio debba essere accettata dalla venditrice (che potrebbe, quindi, anche rifiutarla). Qualora l'impresa volesse tutelarsi dall'ipotesi di un continuo rinvio della consegna medesima, si consiglia di modificare la clausola prevedendo un termine massimo di rinvio da parte del consumatore (es. 15 giorni); entro tale termine, l'eventuale richiesta del medesimo dovrà essere accettata. Clausola 6: non è chiaro come la clausola in esame si coordini con la n. 1, che sancisce l'irrevocabilità della proposta. Inoltre appare eccessivamente lungo il termine di trenta giorni assegnato alla parte venditrice per accettare o respingere le richieste di modifiche della proposta da parte del consumatore (anche alla luce del breve termine dato a quest'ultimo per richiedere tali modifiche). Clausola 7: non è chiaro perché alla venditrice è riservata la facoltà della esecuzione parziale del contratto nel limiti dell'importo finanziato, a fronte del pagamento del saldo in contanti prima dello scarico della merce. Clausola 8: non è chiaro cosa si intenda per pagamento anticipato del saldo prezzo, in caso di consegne da effettuare a distanze superiori a 200 km dalla sede di vendita, visto che il contratto prevede in ogni caso il pagamento anticipato (vedasi clausola 2). Clausola 9: innanzitutto si chiede una precisazione circa il genere di mobili venduti dalla parte venditrice, perché dalla clausola in esame sembrerebbe trattarsi esclusivamente di mobili in serie, mentre nella descrizione della natura del bene oggetto del contratto fornita dall'impresa e allegata alla domanda di controllo dei moduli contrattuali indirizzata alla Commissione Contratti si parla di mobili in genere (quindi anche mobili su misura e non solo di serie). Tale precisazione è indispensabile per valutare la congruità o meno della clausola in oggetto, che pone il montaggio dei mobili a carico e spese dell'acquirente (salvo patto contrario) ed esclude che il venditore debba adattare i mobili a pareti non perfettamente in linea ed a piombo o che presentino sporgenze o angoli fuori squadra. Qualora si realizzino anche mobili su misura, occorrerà specificare gli obblighi aggiuntivi a carico del venditore. In seguito alle precisazioni circa il genere di mobili venduti dalla parte venditrice, la Commissione ha proposto il seguente testo: Salvo patto contrario, il montaggio dei mobili va eseguito a cura e spese dell acquirente. Nel caso di impegno della venditrice al montaggio delle cucine componibili, devono sempre intendersi esclusi gli allacciamenti idrici, elettrici e del gas. Nel caso in cui i mobili siano di serie, l acquirente si impegna a predisporre o correggere l allineamento delle pareti (angoli, pareti dirette, ecc) per la perfetta aderenza dei vari elementi. Nessun adattamento dei mobili a pareti non perfettamente in linea ed a piombo o che presentino sporgenze o angoli fuori squadra potrà essere preteso dalla venditrice, trattandosi, come predetto, di mobili di serie. Nel caso in cui i mobili siano fatti su misura, con relativo controllo del tecnico della venditrice, la responsabilità della stessa non può essere pretesa per quanto riguarda pareti, sporgenze, ribassamenti costruiti dopo il rilievo delle misure e nel caso in cui sia impossibile allineare i mobili alle pareti se non con la correzione delle pareti stesse. Clausola 10 (Clausola Penale): in caso di mobili da realizzare su misura si propone il seguente testo: Nel caso di risoluzione del presente contratto per inadempimento di una delle parti, la parte inadempiente è obbligata a risarcire il danno patito dall altra parte, determinato forfettariamente, a titolo di clausola penale, nella misura dell 80% dell importo del contratto.

5 In ipotesi di risoluzione del presente contratto per inadempimento dell acquirente, ai sensi del comma precedente, quanto eventualmente già versato dall acquirente a titolo di caparra confirmatoria, verrà trattenuto dalla venditrice a titolo di acconto sulla clausola penale, con diritto della venditrice al pagamento della differenza fino alla somma dell 80% dell importo del contratto ; Clausola 11: tale clausola va integralmente riscritta, in quanto in contrasto con i nuovi artt bis e seguente del Codice Civile. E infatti entrato in vigore dal 23 marzo 2002 il decreto legislativo 02/02/2002, n. 24, che recepisce la direttiva 1999/44/CE su taluni aspetti della vendita e delle garanzie di consumo. Tale decreto ha inserito nel codice civile il seguente paragrafo: 1-bis. Della vendita dei beni di consumo Artt bis 1519-nonies (All- A). La nuova normativa sancisce il principio per cui il venditore ha l'obbligo di consegnare al consumatore beni conformi al contratto di vendita e introduce importanti novità sia in merito al contenuto della garanzia da riconoscere all'acquirente, sia in merito alle misure di protezione concesse al consumatore in caso di difformità. La clausola in esame prevede, in deroga all art c.c., il termine di 5 giorni dalla consegna per la denuncia di eventuali vizi della cosa venduta. Tale clausola è in contrasto con il nuovo art sexies che prevede per il consumatore il termine di due mesi dalla scoperta del difetto (e non dalla consegna) per denunciare al venditore il difetto di conformità e la garanzia di due anni dalla consegna del bene, ed è quindi nulla ai sensi del nuovo art octies c.c.: E nullo ogni patto, anteriore alla comunicazione al venditore del difetto di conformità, volto ad escludere o limitare, anche in modo indiretto, i diritti riconosciuti dal presente paragrafo. Inoltre, sempre ai sensi dell art sexies, se il difetto compare entro sei mesi dall acquisto, si presume originario e il consumatore non lo deve provare (inversione dell onere della prova). La parte finale della clausola ( La venditrice nel caso di riconoscimento del vizio, previo ritiro della merce contestata, provvederà, entro 90 giorni, a suo insindacabile giudizio alle riparazioni del caso o alla sostituzione ) è da considerarsi vessatoria, ai sensi dell'art bis, comma 3, n. 14), laddove riserva alla venditrice il potere di accertare la conformità del bene venduto a quello previsto nel contratto. Tale previsione, inoltre, contrasta con il nuovo art quater, che al comma 2 prevede che, in caso di difetto di conformità, il consumatore abbia, in prima battuta, il diritto al ripristino, senza spese, della conformità del bene mediante riparazione o sostituzione. Ai sensi del comma terzo è il consumatore (e non il venditore come è invece previsto nella clausola in esame) che può chiedere, a sua scelta, al venditore di riparare il bene o di sostituirlo, salvo che il rimedio richiesto sia oggettivamente impossibile o eccessivamente oneroso rispetto all altro. Inoltre la norma prevede che le riparazioni o le sostituzioni devono essere effettuate entro un congruo termine dalla richiesta e non devono arrecare notevoli inconvenienti al consumatore. Il consumatore può richiedere, invece, a sua scelta, una congrua riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto in tre ipotesi: a) la riparazione o la sostituzione sono impossibili o eccessivamente onerose; b) il venditore non ha provveduto alla riparazione o alla sostituzione del bene entro il termine congruo di cui sopra; c) la sostituzione o la riparazione precedentemente effettuata ha arrecato notevoli inconvenienti al consumatore. Si consiglia pertanto di riscrivere la clausola in esame alla luce della nuova normativa, richiamandola espressamente. Si sottolinea, inoltre, la necessità di una descrizione analitica e puntuale dei mobili oggetto del contratto sul fronte del medesimo, anche al fine di verificare la conformità dei beni consegnati rispetto a quelli previsti nel contratto di vendita (ciò vale in particolare per l'eventuale vendita di mobili su misura). Clausola 12: si presume che la solidarietà delle obbligazioni presupponga la sottoscrizione del contratto da parte di entrambi i coniugi, visto il riferimento agli artt. 189 e 190 c.c., ma la redazione

6 della clausola non è chiara. Si consiglia la seguente formulazione: "Nel caso in cui i proponenti siano entrambi i coniugi, gli stessi riconoscono e dichiarano che le obbligazioni scaturenti dal presente contratto vengono assunte solidalmente e illimitatamente fra loro, con espressa rinuncia alla sussidiarietà e divisibilità delle responsabilità anche in deroga al disposto degli artt. 189 e 190 Cod. Civ., con la conseguenza che ciascuno risulterà obbligato per l'intero"; Clausola 13: la locuzione "eventuali vizi di conformità della cosa venduta in ogni caso non giustificano trattenuta di somma alcuna" pone un problema interpretativo. Se riferita come pare alla persona dell'acquirente, appare vessatoria ai sensi dell'art bis, comma 3 nn. 2 e 16, in quanto limita le azioni e i diritti del consumatore in caso di inadempimento totale o parziale o di adempimento inesatto da parte del professionista e limita altresì l'opponibilità dell'eccezione di inadempimento. Si richiede, pertanto, l'eliminazione di tale locuzione; Clausola 14: tale clausola è da considerarsi vessatoria, ai sensi dell'art bis, comma 3, n. 19), perché prevede come foro competente sulle controversie in via esclusiva il foro di Brescia. Si ritiene preferibile non inserire nel modulo standard alcuna clausola di tal genere, in quanto è la legge stessa a stabilire il Foro competente, salva sempre comunque una diversa scelta operata con la trattativa individuale. Si consiglia di inserire, prima dell informativa, una clausola che preveda in caso di controversia l esperimento di un tentativo di conciliazione: Clausola di conciliazione: Tutte le controversie nascenti dal presente contratto verranno deferite alla Camera Arbitrale della Camera di Commercio di Bergamo e risolte secondo il regolamento di conciliazione da questa adottato.

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Commissione Protocolli. Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie

Commissione Protocolli. Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie Commissione Protocolli Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie In caso di contratti di finanziamento tra Istituti di Credito e soggetti qualificabili come "consumatori", il Notaio, pur in

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

VADEMECUM DELLA GARANZIA

VADEMECUM DELLA GARANZIA VADEMECUM DELLA GARANZIA Il contributo sul tema della garanzia è rappresentato da: - una relazione del nostro consulente Avv. Roberto Spreafico Studio legale Spreafico - un estratto da Il Sole 24 Ore del

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

CONTRATTO di prestazione di servizi

CONTRATTO di prestazione di servizi CONTRATTO di prestazione di servizi tra CLENEAR S ROSY di Nappi Maria Rosaria con sede in Via Moncenisio, 27-20031 Cesano Maderno (MI) E Nome Cognome. luogo e data di nascita residenza o domicilio.. codice

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO 1. FONTI LEGISLATIVE La vendita di pacchetti turistici, che abbiano ad oggetto servizi da fornire in territorio sia nazionale che estero, è disciplinata dal D.Lgs. 23/05/2011,

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO Tra Agritel S.r.l. con sede in Via XXIV maggio 43 00187 Roma, Registro Imprese di Roma n. 05622491008, REA di Roma n. 908522 e Cognome Nome: (Rappresentante legale nel

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

La garanzia legale in Italia ed in altri Paesi dell UE

La garanzia legale in Italia ed in altri Paesi dell UE La garanzia legale in Italia ed in altri Paesi dell UE A cura del Centro Europeo Consumatori Italia Ufficio di Bolzano Via Brennero, 3 I-39100 Bolzano Tel. +39-0471-980939 Fax +39-0471-980239 www.euroconsumatori.org

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Il Termine di Esecuzione Lavori

Il Termine di Esecuzione Lavori Il Termine di Esecuzione Lavori Il carattere non essenziale del termine Di regola negli appalti di lavori pubblici il termine contrattuale di ultimazione non è essenziale (art. 1457 del cod.civ.). Come

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI UNO COMMUNICATIONS S.p.A.

CARTA DEI SERVIZI DI UNO COMMUNICATIONS S.p.A. CARTA DEI SERVIZI DI UNO COMMUNICATIONS S.p.A. Indice INTRODUZIONE 1- PRINCIPI FONDAMENTALI... 1 2- IMPEGNI... 3 3- I SERVIZI DI UNO COMMUNICATIONS... 3 4- STANDARD DI QUALITÀ... 5 5- RAPPORTO CONTRATTUALE

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

Garanzia Preliminare La sicurezza nel contratto

Garanzia Preliminare La sicurezza nel contratto Le Guide per il Cittadino Garanzia Preliminare La sicurezza nel contratto di compravendita immobiliare Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Cittadinanzattiva Confconsumatori

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ADESIONE ALL INIZIATIVA: LEITZ ICON Campagna Soddisfazione Garantita

TERMINI E CONDIZIONI DI ADESIONE ALL INIZIATIVA: LEITZ ICON Campagna Soddisfazione Garantita TERMINI E CONDIZIONI DI ADESIONE ALL INIZIATIVA: LEITZ ICON Campagna Soddisfazione Garantita Iniziativa promossa da Esselte Srl, con sede legale in Gorgonzola, Via Milano 35, 20064 (MI), P.IVA 00894090158,

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO Servizi di Hosting di I-Domini.it

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO Servizi di Hosting di I-Domini.it 1) Oggetto 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Contratto (di seguito Condizioni Generali ) disciplinano le modalità ed i termini con cui Next.it s.r.l. (di seguito Next.it ), con sede legale in Via

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile Dott. ENZO ROVERE NOZIONE caratteristiche ed oggetto La compravendita è il contratto con il quale una parte (detta venditore) trasferisce

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ISTITUTO NSUROLÓCIC* CARLO BESTA REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' Fond*eione I.R.C.C.S. l*tituto Heumlogica Carlo Besta Vi'r Ceior"ra i Ì,?*i;3

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO 1) Oggetto 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Contratto (di seguito Condizioni Generali ) disciplinano le modalità ed i termini di fornitura del servizio al Cliente

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli