Riepilogo delle principali funzioni Excel utilizzate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Riepilogo delle principali funzioni Excel utilizzate"

Transcript

1 Riepilogo delle principali funzioni Excel utilizzate Prof. Raffaella Folgieri

2 Come usare questa guida Le funzioni presenti in queste slide sono quelle viste a lezione e utili sia per la risuluzione degli esercizi, sia ai fini della certificazione IT4PS In alto a destra è riportato (riquadro colorato) il riferimento della lezione in cui la funzione è stata trattata per la prima volta) Inizialmente vengono introdotti alcuni argomenti di utilità generale e di base per poter utilizzare al meglio tutte le funzioni avanzate di Escel viste durante il corso. E riportato sia il nome della funzione in Italiano sia quello in Inglese, così che ciascuno possa scegliere, a seconda della versione di Excel che utilizza.

3 Argomento generale Formattazione celle Formattazione del testo e dei singoli caratteri (dal menu Formato): Orientamento a 45 Allineamento orizzontale al centro Protezione: bloccata o nascosta (per le formule) Controllo testo: testo a capo

4 Formattazione celle Argomento generale Formattazione condizionale (Conditional Formatting) (dal menu Formato):

5 Argomento generale Le formule Le formule iniziano con l operatore = Possono contenere: 1.Costanti(numeri o stringhe) 2.Riferimenti(indirizzi di celle, es. A1) 3.Funzioni(operazioni predefinite) Vengono aggiornate automaticamente quando le celle cui fanno riferimento vengono modificate

6 Argomento generale I riferimenti relativi Si adeguano in relazione alle celle di partenza quando si copia o si sposta una formula

7 Argomento generale I riferimenti assoluti Non comportano nessun adeguamento durante la copia della formula Rif. assoluto: =$A$1 Rif. misto: =$A4 Rif. misto: =A$7 Copia della formula =A$7 nelle celle adiacenti

8 Argomento generale Le funzioni Sono caratterizzate da un nome,un elenco di argomenti (arg1;arg2; ), restituiscono un valorenella cella ospitante

9 Argomento generale Inserimento di una funzione Manualmente: ogni formula è preceduta dal simbolo = e vengono utilizzati o i nomi di funzione (se noti) oppure i simboli matematici usuali (*,+,/,- ). Vengono utilizzate le parentesi per indicare l ordine di svolgimento dei calcoli. In modo guidato: dal menu Inserisci/formula, trovando la formula desiderata e seguendo le indicazioni (help) di Excel per inserire gli argomenti necessari.

10 Completamento automatico Se la stessa formula deve essere riportata lungo tutta una colonna (o una riga): Una volta inserita la formula, se selezionate la casella, a lato, in basso a destra, compare un puntino (maniglia) Click e, tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse (modalità drag and drop), trascinare la formula sulle caselle desiderate. Excel riporterà la formula aggiornando (vedere riferimenti relativi ed assoluti) tutti i riferimento. Argomento generale

11 Argomento generale Esempi

12 Argomento generale Operatori Simbolo +-* / = % > ^ < => <= <> & : ; Tipo aritmetici confronto concatenazione B5:C15 riferim. (intervallo) riferim. (unione) Esempi 3+2, 6-1, 4*5, 8/2 20%, 10^2, 10*10 A1=B1, A1=>B1, A1<>B1 salva & gente salvagente A1;B15;C27;D2

13 Argomento generale Calcoli in forma di matrice La cella C16 contiene la formula in forma di matrice la quale trova le celle nell'intervallo C5:C14 contenenti il testo Europa, quindi calcola la media delle celle corrispondenti nell'intervallo D5:D14. Una Formula in forma di matrice esegue più calcoli su uno o più insiemidivalorie restituisceun unico risultato o più risultati. Le formule in forma di matrice vengono immesse premento CTRL+MAIUSC+INVIO.

14 Argomento generale Riferimento a fogli e cartelle E un modo per semplificare modelli complessi in più cartelle di lavoro tra loro dipendenti Per collegare formule in altri fogli di lavoro vengono usate due sintassi: con parantesi [] (aperto) o senza (chiuso)

15 Argomento generale Inserimento di un Grafico (menu Inserisci)

16 Argomento generale Intervallo dei dati Per selezionare le celle che contengono i dati a partire dai quali si intede realizzare il grafico. Nel nostro caso le serie sono i valori rilevati per i vari inquinanti. Quindi i dati relativi alle serie sono qulli compaiono nelle colonne.

17 Per dare il nome alle serie Argomento generale Si seleziona la cella che contiene il nome dell inquinante a cui la serie corrisponde.

18 Argomento generale Titoli del grafico

19 Argomento generale Posizionare la legenda

20 Argomento generale Posizionare il grafico Il grafico può essere posizionato nello stesso foglio che contiene i dati o in un foglio a parte.

21 Dimensionare e posizionare Argomento generale

22 Argomento generale Dimensionare e posizionare Spostare: premere il tasto sinistro quando il cursore è sull area del grafico e, tenedolo premuto, trascinare il grafico. Dimensionare: selezionare il grafico; posizionare il cursore su uno dei quadratini che compaiono sulla cornice; compare una freccia che indica il verso del dimensionamento; premere il tasto sinistro e, tenedolo premuto, spostarlo nella direzione in cui si vuole modificare la dimensione.

23 Modificare un grafico Argomento generale Posizionare il cursore sul grafico. Premere il tasto destrodel mouse. Si apre un menù contestuale, che fornisce i comandi per modificare le varie proprietà di un grafico.

24 Argomento generale Aggiornamento in tempo reale Le formule e i grafici vengono aggiornati in tempo reale. Se vengono modificati i valori rilevati dalle centraline, vengono aggiornati media, allarmi, e i grafici.

25 Argomento generale Come creare un modello a partire da un foglio Excel Se vogliamo conservare un foglio in cui abbiamo posto particolari funzioni per ulteriori usi futuri, ma, ad eempio, considerando dati diversi, possiamo creare un MODELLO. I passi da compiere sono i seguenti Selezionare la voce SALVA CON NOME (SAVE AS) dal menu FILE Scegliere (nella tendina TIPO DI FILE) la voce MODELLO.

26 Presentazione dei dati Argomento generale Per presentare i dati (contenuti nel foglio) in un modo più chiaro o per evidenziarne la struttura, selezionare la voe FORMATTAZIONE AUTOMATICA dal menu FORMATO. E possibile scegliere tra vari formati predefiniti messi a disposizione da Excel.

27 Argomento generale Analisi e valutazione delle formule Se si desidera analizzare le formule contenute in un foglio Excel, è possibile scegliere Verifica Formule dal menu Strumenti, e selezionare l opzione MOSTRA BARRA DELLE FORMULE: Per vedere dove sono le formule, selezionare STRUMENTI/OPZIONI e VISUALIZZA-FORMULE Ora, se si seleziona una cella contenente una formula, attraverso il bottone INDIVIDUA PRECEDENTI, si ottiene la visualizzazione di tutte le celle coinvolte nel calcolo.

28 Argomento generale Analisi e valutazione delle formule Allo stesso modo, è possibile individuare le celle dipendenti e chiedere ad Excel di evidenziare le celle contenenti i dati non validi o mostrare una finestra in cui seguire la valutazione passo-passo dei risultati della formula.

29 Argomento generale Import di dati E possibile importare in Excel dati provenienti da altre fonti (ad es, database trovati in internet, fogli di testo. Per fare ciò, sono possibili due strade: 1. Aprire il file dei dati dal menu FILE/Open, ma, nonostante Excel possa aprire molti tipi di file, non sempre questa operazione è possibile (tipo di file non riconosciuto) o conveniente (non vengono conservate le formattazioni o il tipo di valore contenuto nel campo) 2. Sceglere l opzione IMPORTA DATI ESTERNI/IMPORTA DATI dal menu DATI. Comparirà la procedura guidata che ci permetterà di indicare il separatore tra i record (spesso il carattere di tabulazione, lo spazio, la virgola o il punto e virgola), fino all inserimento dei dati nel foglio di lavoro.

30 TABELLA MONOVARIATA Argomento generale Struttura di una tabella monovariata (che dipende da un solo parametro):

31 TABELLA BIVARIATA Argomento generale Struttura di una tabella bivariata (che dipende da due parametri, rif. tabella pivot):

32 LEZIONE 1 Sintassi della funzione SE (IF) La funzione SE prende come argomenti: Una condizione Il valore da restituire se la condizione è soddisfatta Il valore da restituire se la condizione non è soddisfatta Sintassi: =SE(condizione;valore_SE_si;valore_SE_no) Il valore restituito dalla funzione può essere un numero oppure testo o un valore di errore (#VALORE!) Per inserire più criteri, si utilizzano gli operatori logici AND, che richiede che le due (o più) condizioni siano soddisfatte (vere) contemporameneamente, oppure OR (almeno una delle due, o più, condizioni deve essere vera)

33 LEZIONE 1 Finestra della formula Nidificazione delle funzioni (max 7 livelli) (Il valore restituito da una funzione deve essere un parametro valido per l altra)

34 LEZIONE 1 Sintassi della funzione TASSO (RATE) La funzione TASSO prende come argomenti: Periodi: numero totale dei periodi di pagamento in un'annualità Pagam: pagamento effettuato in ciascun periodo. Non può variare nel corso dell'annualità. In genere, pagam include il capitale e gli interessi, ma non altre imposte o spese. Se si omette pagam, sarà necessario includere l'argomento val_futuro. Val_attuale: il valore attuale o la somma forfettaria che rappresenta il valore attuale di una serie di pagamenti futuri. Val_futuro: il valore futuro o il saldo in contanti che si desidera raggiungere dopo aver effettuato l'ultimo pagamento. Se val_futuro è omesso, verrà considerato uguale a 0. Il valore futuro di un prestito, ad esempio, sarà uguale a 0. Tipo: corrisponde a 0 o a 1 e indica le scadenze dei pagamenti Impostare tipo a 0 (oppure omettere) se i pagamenti devono essere effettuati alla fine del periodo. Impostare tipo a 1 se devono essere effettuati all inizio del periodo. Ipotesi è l'ipotesi del valore del tasso. Se ipotesi è omesso, verrà considerato uguale a 10%. Se i risultati di TASSO non convergono, provare a utilizzare dei valori differenti per ipotesi. In genere, i risultati di TASSO convergono se ipotesi è compreso tra 0 e 1.

35 LEZIONE 1 Finestra della formula

36 LEZIONE 1 Sintassi della funzione ASS (ABS) Restituisce il valore assoluto di un valore La funzione ASS prende come argomenti: Numero: casella in cui indicare il numero o la cella di cui si vuole conoscere il valore assoluto. Può contenere anche un operazione di cui si desidera il risultato in valore assoluto.

37 LEZIONE 1 Finestra della formula

38 LEZIONE 1 Sintassi della funzione ASS (ABS) Restituisce il valore assoluto di un valore La funzione ASS prende come argomenti: Numero: casella in cui indicare il numero o la cella di cui si vuole conoscere il valore assoluto. Può contenere anche un operazione di cui si desidera il risultato in valore assoluto.

39 LEZIONE 1 Finestra della formula

40 LEZIONE 1 Sintassi della funzione MIN (MIN) Restituisce il valore minimo di un insieme di valori (ignorando I valori logici o testuali) La funzione ASS prende come argomenti: L intervallo di celle in cui si desidera trovare il valore minimo.

41 LEZIONE 1 Finestra della formula

42 LEZIONE 2 Sintassi della funzione SOMMA (SUM) Restituisce la somma dei valori considerati I valori si possono sommare direttamente ponendo nella cella di destinazione del risultato il riferimento alle celle, sommate tra loro con il simbolo di somma (+) In alternativa si usi la funzione di SOMMA AUTOMATICA, selezionabile dal menu dei bottoni (il sigma maiuscolo, ovvero il simbolo di sommatoria) oppure la funzione SOMMA dal menu INSERISCI/FUNZIONE La funzione ASS prende come argomenti: L intervallo di celle di cui si desidera ottenere la somma.

43 LEZIONE 2 Finestra della formula

44 LEZIONE 2 La funzione sum if (somma se) La funzione SUMIF serve per sommare tra loro i dati solo se soddisfano una certa condizione Vediamo come si comporta nell esempio riportato qui sotto:

45 LEZIONE 2 La funzione sum if (somma se) SOLUZIONE Dovete scrivere la formula =SOMMA.SE(D5:D11;">100";D5:D11) (SUMIF se avete excel in Inglese) La formula fornisce il risultato:

46 TABELLE PIVOT (1) LEZIONE 3 Sono strumenti flessibili per analizzare grandi quantità di dati Provate a immaginare di avere i dati riportati nella tabella a fianco, e di dover rispondere a domande del tipo: - Che quantità di A è stata spedita a Febbraio? - Cosa ha ricevuto il cliente Rossi? - Che quantità di C ha ricevuto Bianchi - Che quantità in totale è stata spedita di C? Bisogna organizzare i dati secondo più dimensioni, utilizzando la TABELLA PIVOT

47 TABELLE PIVOT (2) LEZIONE 3 In Italiano menu DATi, voce RAPPORTO TABELLA PIVOT e GRAFICO PIVOT

48 TABELLE PIVOT (3) LEZIONE 3 Seguite le indicazioni del wizard 1. Se la fonte dei dati è lo stesso foglio Excel, è sufficiente cliccare su AVANTI 2. selezionate tutta l area dati (comprese le intestazioni delle colonne) 3. Ora occorre definire il layout (tramite il bottone LAYOUT

49 TABELLE PIVOT (4) LEZIONE 3

50 TABELLE PIVOT (5) LEZIONE 3 Disponiamo le colonne come risulta qui sotto: 4. Date OK 5. poi FINE

51 TABELLE PIVOT (6) LEZIONE 3

52 TABELLE PIVOT (7) LEZIONE 3 Ecco il risultato nel nostro esempio:

53 LEZIONE 3 TABELLE PIVOT (8)

54 TABELLE PIVOT (9) LEZIONE 3

55 TABELLE PIVOT (10) LEZIONE 3 FILTRO DI PAGINA:

56 LEZIONE 3 TABELLE PIVOT (tipo di dato rappresentato)

57 TABELLE PIVOT (altre viste) LEZIONE 3

58 LEZIONE 3 La funzione SINISTRA (LEFT) Opera su una cella contentente caratteri, date o numeri. Permette di selezionare il numero di caratteri specificato a sinistra della cella. Nell esempio, la cella originale contiene il testo si pensa di no Con la funzione SINISTRA viene richiesta la selezione dei due caratteri più a sinistra del testo, ottenendo SI come risultato

59 LEZIONE 3 La funzione DESTRA (RIGHT) Opera su una cella contentente caratteri, date o numeri. Permette di selezionare il numero di caratteri specificato a destra della cella. Nell esempio, la cella originale contiene il testo si pensa di no Con la funzione DESTRA viene richiesta la selezione dei due caratteri più a destra del testo, ottenendo NO come risultato

60 LEZIONE 3 La funzione ANNO (YEAR) Restituisce l anno relativamente ad una data

61 VLOOKUP (CERCA.VERT) LEZIONE 3 Supponiamo di avere una tabella organizzata verticalmente e di voler prendere i valori da tale tabella in funzione di un parametro scritto in una cella. Compilate una tabella come nell esempio qui sotto: Supponiamo di voler trovare il nome della Facoltà cui corrisponde il codice 3

62 VLOOKUP (CERCA.VERT) LEZIONE 3 SOLUZIONE:

63 HLOOKUP (CERCA.ORIZZ) Chiaramente si avrà una sintassi analoga se consideriamo il cerca orizzontale Provate a cercare, con gli stessi dati, messi orizzontalmente (copia, poi incolla speciale-trasponi), sempre la Facoltà cui corrisponde il codice 3: LEZIONE 3

64 LEZIONE 4 Come calcolare frequenza relativa e frequenza assoluta Costruiamo una tabella delle frequenze assolute e relative. Nella prima colonna riportiamo le sette categorie associate alla varibile in esame. Per calcolare le freq. Ass. utilizziamo la funzione CONTA.SE(intervallo;criteri) dove intervallo=celle in cui sono stati riportati i dati, criterio=uguaglianza con categoria considerata. Per la frequenza relativa occorre dividere le freq. Assolute per il numero totale di osservazioni (somma di tutte le frequenze assolute). Verifica: la somma di tutte le frequenze relative deve essere uguale a 1

65 Costruzione della tabella delle frequenze Modo veloce per costruire la tabelle di distribuzione delle frequenze: -Nellaprima colonna indicare gli estremi destri delle classi scelte -Nella seconda colonna calcolare il numero di osservazioni che cadono nella classe corrispondente, utilizzando il comando vettoriale frequenza(dati, classi) -Nella terza colonna calcolare le frequenze relative, dividendo le frequenze assolute per la numerosità del campione -Nellaquarta colonna si ripostano le frequenze cumulate, Ovviamente nella prima casella si riporta il valore della frequenza relativa della prima classe e nelle caselle successive si somma al valore della cella immediatamente sopra la frequenza relativa della classe corrispondente -Nellaquinta colonna si riportano le densità di probabilità di ogni classe, ottenute dividendo la frequenza relativa per l ampiezza della classe -Nellasesta colonna si scrivono esplicitamente le classi in cui sono stati ripartiti i valori per poterle poi utilizzare come etichette da riportare nel grafico LEZIONE 4

66 Tabella delle frequenze e istogramma LEZIONE 4 Generalmente per mostrare I risultati di una tabella di frequenze, si preferisce il grafico a istogramma, che permette di evidenziare eventuali simmetrie.

67 LEZIONE 4 Dare nomi alle celle E possibile assegnare un nome (consigliabilmente evocativo) a un insieme di celle. Per esempio: E sufficiente posizionarsi nella casella casella nome (in figura) e assegnare il nome desiderato.

68 LEZIONE 5 Variabili qualitative (1) Si vuole condurre l analisi dei dati riportati in tabella, che rappresentano il risultato di 60 osservazioni di una variabile che indica il tipo di danno alla salute presentato da 60 soggetti impiegati in un azienda agricola e per i quali si sospetta l esposizione a un pestivida. I possibili valori assunti dalla variabile sono etichettati con le lettere:j>=joint swelling; F=fatigue; B=back pain; M=muscle wakness; C=coughinh; N=nose running/irritation; O=other

69 Indici di posizione: il RANGE Conduciamo l analisi dei dati in tabella, che rappresentano la concentrazione di vitamina D in un campione di 26 soggetti (dati da Bland M., 1995). LEZIONE 5 Calcoliamo i principali indici di posizione e di dispersione, sfruttando le funzioni statistiche di Excel. Supponendo di avere i valori xi delle nostre osservazioni, ad es. nelle celle A4; A29, otteniamo: Ricordiamo che range =differenza tra valore massimo e valore minimo

70 LEZIONE 5 Funzione MAX Rende possibile determinare il valore massimo in un intervallo di celle:

71 LEZIONE 5 Funzione CONTA.SE (COUNT.IF) Conta il numero di celle, in un intervallo, rispondenti al criterio indicato:

72 LEZIONE 5 Funzione MODA (MODE) Restituisce il valore più ricorrente in un intervallo dati:

73 LEZIONE 5 Funzione MEDIANA (MEDIAN) Restituisce la mediana dell intervallo considerato:

74 LEZIONE 5 Funzione MEDIA (AVERAGE) Restituisce la media aritmetica dei valori considerati:

75 LEZIONE 5 Altri tipi di medie Es. Media.geometrica:

76 LEZIONE 5 Funzione VAR (VAR) Restituisce la varianza dei valori considerati:

77 Altri tipi di funzioni per il LEZIONE 5 calcolo della varianza VAR.VALORI: Stima la varianza sulla base di un campione. Oltre ai numeri, nel calcolo vengono inclusi anche i valori di testo e logici, quali VERO e FALSO. Sintassi VAR.VALORI(val1;val2;...) Val1,val2,... sono da 1 a 30 argomenti di valori corrispondenti a un campione della popolazione. VAR.POP: Restituisce la varianza sulla base dell'intera popolazione. Sintassi VAR.POP(num1;num2;...) Num1;num2;... sono da 1 a 30 argomenti corrispondenti a una popolazione. VAR.POP.VALORI: Restituisce la varianza sulla base dell'intera popolazione. Oltre ai numeri, nel calcolo vengono inclusi anche i valori di testo e logici, quali VERO e FALSO. Sintassi VAR.POP.VALORI(val1;val2;...) Val1;val2;... sono da 1 a 30 argomenti di valori corrispondenti a una popolazione.

78 LEZIONE 5 Funzione Quartile Restituisce il quartile secondo l indice indicato (rif. Figura):

79 LEZIONE 5 Per determinare il range interquatile Q3-Q1

80 LEZIONE 5 ROUND (ARROTONDA) Ipotizziamo di voler arrotondare i valori contenuti in alcune celle. Provate con il valore riportato nell esempio, arrotondando a 0,1,2 cifre (con la funzione arrotonda, arrotonda per eccessoe arrotonda per difetto):

81 LEZIONE 5 ROUND (SCHEMA)

82 LEZIONE 5 Arrotondare alla decina o al centinaio Se si desidera arrotondare i dati alla decina o al centinaio: =ROUND (D3/100;0)*100 =ARROTONDA (D3/199;0)*100 Cioè si procede così: Si divide il numero per 100 Poi si arrotonda all intero più vicino In tal modo si ottiene il numero di centinaia del numero iniziale Moltiplicando ancora per 100 si ottiene il numero iniziale, arrotondato alla centinaia

83 LEZIONE 5 Test chi-quadrato spiegazione pratica Illustreremo due tipi di test statistici che usano la distribuzione chi-quadrato: 1. Il test della bontà di adattamento, che determina se i dati osservati di un campione provengono da una particolare distribuzione della popolazione 2. Il test della tabella di contingenza, che esamina l indipendenza fra due misure categoriche e può essere utilizzato anche per verificare l uguaglianza delle proporzioni da due o più popolazioni

84 Test chi-quadrato per la normalità (dati) Un azienda che produce batterie elettriche, per determinare il periodi di garanzia, ha bisogno di sapere se le durate delle batterie hanno una distribuzione normale. Sono state registrate le durate di 200 batterie e i dati sono stati raggruppati in una distribuzione di frequenze, (celle A6:C13). I valori calcolati della media e della deviazione standard sono, rispettivamente, 164 e 10 ore. Copiate i dati in figura (comprese le intestazioni (in bold) che ci serviranno per il chi-quadrato). LEZIONE 5 Nelle formule utilizzeremo i nomi, perciò selezionate e celle A3:C4, aprite il menu Inserisci e scegliete le opzioni Nome>Crea>Riga Superiore. Fate click su OK. Le ipotesi nulla e alternativa da verificare sono: H 0 : la popolazione delle durate delle batterie ha una distribuzione normale H A : la popolazione delle durate delle batterie non ha una distribuzione normale

85 LEZIONE 5 Test chi-quadrato per la normalità (calcoli - 1) Ora per determinare le probabilità normali, digitate la formula per il primo intervallo chiuso (D9), copiatela nelle altre celle che contengono le probabilità normali (D8:D12) e modificate per il primo e ultimo intervallo aperto (D8 e D12) Le formule sono: =DISTRIB.NORM(B8;Media;Dev_Standard;VERO)-0 =DISTRIB.NORM(B9;Media;Dev_Standard;VERO)-DISTRIB.NORM(A9;Media;Dev_Standard;VERO) =DISTRIB.NORM(B10;Media;Dev_Standard;VERO)-DISTRIB.NORM(A10;Media;Dev_Standard;VERO) =DISTRIB.NORM(B11;Media;Dev_Standard;VERO)-DISTRIB.NORM(A11;Media;Dev_Standard;VERO) =1-DISTRIB.NORM(A12;Media;Dev_Standard;VERO) Le formule servono a calcolare la probabilità cumulativa normale della coda sinistra del limite superiore meno la probabilità cumulativa normale della coda sinistra del limite inferiore. Per il primo intervallo il limite inferiore è meno infinito e la probabilità cumulativa della coda sinistra è zero. Per l ultimo intervallo, il limite superiore dell intervallo è più infinito e la probabilità cumulativa della coda sinistra è uno.

86 Test chi-quadrato per la normalità (calcoli - 2) Create ora le formule per le frequenze attese, che sono pari alla probabilità normale dell intervallo per la dimensione del campione. Scrivete =D8*nnella cella E8 e copiate la formula nelle celle E9:E12 Create le formule per i singoli termini della statistica chi-quadrato: Termine chi-quadrato = (Fr_Effettiva Fr_Attesa)^2/Fr_Attesa, cioè =(C8-E8)^2/E8 nella cella F8 e copiate questa formula nelle celle F9:F12 Create la formula per sommare i termini di chi-quadrato. Scrivete la formula =SOMMA(F8:F12) nella cella F13. Scrivete ora l etichetta chi_quadrato nella cella F14, sotto la cella che contiene il valore della statistica chi-quadrato. Utilizzate questa etichetta per assegnare il nome alla cella F13 (selezionate le celle F13:F14 aprite il menu Inserisci e scegliete le opzioni Nome>Crea>Riga inferiore. Click su OK. LEZIONE 5

87 LEZIONE 5 Test chi-quadrato per la normalità (gradi di libertà) I gradi di libertà (GL) per un test della bontà di adattamento dipendono dal numero di categorie o intervalli (nel nostro esempio sono 5) e dal numero di parametri della distribuzione ipotizzata per i dati del campione (due: la media e la deviazione standard): GL=Numero di intervalli Numero di parametri ipotizzati 1 Nel nostro caso si ha GL=2 NOTA: prendiamo il caso in cui l azienda avesse in mente una distribuzione specifica e parametri specifici prima di analizzare i dati del campione. Per esempio, per determinare se le durate delle batterie hanno una distribuzione normale con una media di 160 ore e una deviazione standard di 8 ore, i dati del campione non devono essere utilizzati per calcolare le frequenze attese, quindi GL=5-0-1=4. Poiché il valore di GL dipende dalla situazione specifica, è l utente che deve digitare il suo valore nel foglio di lavoro.

88 LEZIONE 5 Test chi-quadrato per la normalità (risultati statistica) Inserite le etichette che vedete qui a fianco nelle celle A15:A20. Per utilizzare i nomi nelle successive formule, create i nomi per le celle che contengono GL, Alfae Val_Critico, cioè selezionate le celle A15:B15 tenendo premuto il tasto control anche le celle A18:B19 e poi aprite il menu Inseriscie scegliete le opzioni Nome>Crea>Colonna sinistra. Click su OK. Ora scrivete le formule per il p-value, cioè =DISTRIB.CHI(chi_quadrato;GL) Per il valore critico =INV.CHI(Alfa;GL) Per il risultato della decisione scrivete: =SE(chi_quadrato>Val_critico; Rifiuta H0 ; Accetta H0 ) Diamo ad Alfa il valore 0,01 Vedremo comparire, accanto alla casella decisione, il risultato del test Il valore assunto dal p-value indica che è molto probabile ottenere questi dati del campione da una distribuzione normale. L ipotesi nulla di una distribuzione normale non può essere rifiutata.

89 LEZIONE 5 Test chi-quadrato: tabella di contingenza Un azienda vende quattro tipi di bevande nel Nord America. Per verificare se lo stesso approccio di marketing adottato negli USA può essere applicato anche in Canada e Messico, l azienda ha fatto analizare la relazione fra preferenze e nazionalità dei consumatori. L analisi di marketing ha classificato la popolazione dei consumatori di bevande in funzione delle seguenti preferenze: bevanda normale, senza caffeina e zucchero, senza caffeina, senza zucchero. Una seconda classificazione riguarda la nazionalità dei consumatori: americani, canadesi e messicani. L analista ha intervistato un campione casula di 250 consumatori delle tre nazionalità. Li ha raggruppati in base ai due criteri di classificazione e ha ottenuto le frequenze riportate nella figura seguente (NON copiatele in Excel). Poiché l analista verifica l associazione fra preferenze e nazionalità dei consumatori, l ipotesi nulla e l ipotesi alternativa sono le seguenti: H 0 : le due classificazioni sono statisticamente indipendenti H A : le due classificazioni sono dipendenti

90 LEZIONE 5 Test chi-quadrato tabella di contingenza (Frequenze Effettive) Costruiamo ora la tabella delle Frequenze Effettive (osservate) Scrivete i titolo della tabella (Frequenze effettive), le etichette delle categorie di bevande (Normale, ecc...), le etichette delle categorie di consumatori (Americani,ecc..) e le etichette Totale colonna e Totale riga, come si vede in figura, copiando i calori delle frequenze osservate nel corpo della tabella (celle B5:E7) Per ottenere i totali delle righe, inserite la formula =SOMMA(B5:E5)nella cella F5 e copiate questa formula nelle altre celle (F6:F7 dei totali delle righe Per ottenere i totali delle colonne, inserite la formula =SOMMA(B5:B7) nella cella B8 e copiate questa formula nella altre celle (C8:F8) dei totali delle colonne.

91 LEZIONE 5 Test chi-quadrato tabella di contingenza (Frequenze Previste) Per calcolare il p-value della distribuzione chi-quadrato, scrivete l etichetta p- valuenella cella A17 Selezionate la cella B17 e fate click sul pulsante incolla funzione oppure selezionate Inserisci>Funzione Nella finestra di dialogo selezionate la categoria delle funzioni statistiche e scegliete la funzione TEST.CHInel riquadro Nome Funzione. Click su OK. Mettete i parametri che vedete in figura. Secondo l approccio di reporting il p-value trovato (0, ) dice che se l ipotesi nulla è vera e le due classificazioni sono statisticamente indipendenti la probabilità di ottenere le frequenze osservate in un campione casuale di 250 è 0, Poiché i valori osservati sono così improbabili sotto l ipotesi nulla, molti rifiuterebbero l ipotesi nulla e concluderebbero che le due classificazioni sono dipendenti. Ciò vuol dire che i consumatori di diversa nazionalità preferiscono tipi di bevande differenti.

92 Test chi-quadrato tabella di contingenza (Test chi-quadrato) Costruite una tabella che contiene i singoli termini di chi-quadrato. Poi specificate un livello di significatività (Alfa), utilizzate la funzione INC.CHI di Excel per determinare il valore critico di chi-quadrato per la verifica, confrontate la statistica calcolata con il valore critico e, infine, decidete se accettare o rifiutare l ipotesi. I risultati finali sono in figura. Vediamo, nella slide successiva, come ottenerli velocemente. LEZIONE 5

93 Test chi-quadrato tabella di contingenza (Test chi-quadrato) Selezionate una parte della tabella delle frequenze effettive (A3:E7), escludendo i totali delle righe e delle colonne e copiate il contenuto Poi incollate in A19 In A19 scrivete Termini di chi-quadratocome titolo della nuova tabella Per ottenere i singoli termini di chi-quadrato usate la formula: Termine chi-quadrato = (Fr_Effettiva Fr_Prevista)^2/Fr_Previstae cioè selezionate la cella B21 e scrivete =(B5-B12)^2/B12 Copiate la formula nelle celle B22:E23 Per completare il foglio di lavoro, scrivete le etichette e le formule che vedete in figura. LEZIONE 5 Per la funzione del valore critico, usate =INV.CHI(probabilità;gradi di libertà)in cui probabilità è la coda destra, che nel nostro caso è il livello di significatività. Il grado di libertà per una tabella di contingenza è dato da Gradi di libertà =(numero di righe 1) * (numero di colonne 1)nel nostro caso è 6

94 LEZIONE 5 Test chi-quadrato tabella di contingenza (commenti) Secondo l approccio decisionale, il valore calcolato di chi-quadrato (42,75) misura le differenze fra le frequenze effettive e le frequenze previste sotto l ipotesi nulla. E maggiore del valore critico di chi-quadrato (16,81) che corrisponde alla regione di rifiuto dell 1% nella coda destra. Di conseguenza, c è sufficiente evidenza per rifiutare l ipotesi nulla al livello dell1% (test dalla coda destra) e concludere che i consumatori di diversa nazionalità preferiscono tipi di bevande differenti.

Potenzialità statistiche Excel

Potenzialità statistiche Excel Potenzialità statistiche Excel INTRODUZIONE A MS EXCEL Prof. Raffaella Folgieri Email folgieri@mtcube.com Fogli di calcolo MS Excel Prof. Folgieri 1 I Fogli Elettronici (Microsoft Excel) Sono strumenti

Dettagli

Altre funzioni utili SINTASSI ED ESEMPI

Altre funzioni utili SINTASSI ED ESEMPI Altre funzioni utili SINTASSI ED ESEMPI Sintassi della funzione CONTA.SE Sintassi della funzione SOMMA.SE È tra le funzioni matematiche e trigonometriche Sintassi della funzione MAX È tra le funzioni statistiche

Dettagli

Excel basi e funzioni

Excel basi e funzioni Esercitazione di Laboratorio Excel basi e funzioni Contenuto delle celle 1. Testo 2. Numeri 3. Formule Formattazione delle celle (1) Formattazione del testo e dei singoli caratteri: Orientamento a 45 Allineamento

Dettagli

USO DI EXCEL COME DATABASE

USO DI EXCEL COME DATABASE USO DI EXCEL COME DATABASE Le funzionalità di calcolo intrinseche di un foglio di lavoro ne fanno uno strumento eccellente per registrarvi pochi dati essenziali, elaborarli con formule di vario tipo e

Dettagli

LABORATORIO-EXCEL N. 2-3 XLSTAT- Pro Versione 7 VARIABILI QUANTITATIVE

LABORATORIO-EXCEL N. 2-3 XLSTAT- Pro Versione 7 VARIABILI QUANTITATIVE LABORATORIO-EXCEL N. 2-3 XLSTAT- Pro Versione 7 VARIABILI QUANTITATIVE DESCRIZIONE DEI DATI DA ESAMINARE Sono stati raccolti i dati sul peso del polmone di topi normali e affetti da una patologia simile

Dettagli

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Utilizzo delle funzioni... 1 Utilizzo di intervalli nelle formule... 2 Riferimenti di cella e di intervallo... 5 Indirizzi assoluti, relativi e misti...

Dettagli

DISPENSE (minime) DI EXCEL

DISPENSE (minime) DI EXCEL DISPENSE (minime) DI EXCEL 1 Operatori di calcolo delle formule Gli operatori specificano il tipo di calcolo che si desidera eseguire sugli elementi di una formula. Sono disponibili quattro diversi tipi

Dettagli

Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi

Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi Lezioni di EXCEL Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi 1 Il foglio elettronico Excel Excel è un foglio elettronico che consente di effettuare svariate operazioni nel campo matematico,

Dettagli

Capitolo 4. Figura 40. Tabella

Capitolo 4. Figura 40. Tabella Capitolo 4 LE FORMULE ELEMENTARI Con le formule è possibile eseguire calcoli sui dati numerici del foglio di lavoro. Questo consente di creare fogli attivi che reagiscono all inserimento dei dati. Ogni

Dettagli

Esercizio 1. Nella Tabella A sono riportati i tempi di percorrenza, in minuti, di un tratto autostradale da parte di 40 autoveicoli.

Esercizio 1. Nella Tabella A sono riportati i tempi di percorrenza, in minuti, di un tratto autostradale da parte di 40 autoveicoli. Esercizio 1 Nella Tabella A sono riportati i tempi di percorrenza, in minuti, di un tratto autostradale da parte di 40 autoveicoli. Tabella A 138 150 144 149 164 132 125 157 161 135 150 145 145 142 156

Dettagli

1 La Matrice dei dati

1 La Matrice dei dati Dispense sull uso di Excel Daniela Marella 1 La Matrice dei dati Un questionario è costituito da un insieme di domande raccolte su un determinato supporto (cartaceo o elettronico) e somministrate alla

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL)

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) 1. Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei Personal computer. Essi

Dettagli

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Sistemi di Elaborazione delle Informazioni - Metodologia della Ricerca applicata - A.A. 2013/14 Docente: Gianni Pantaleo Dipartimento

Dettagli

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro,

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro, EXCEL PER WINDOWS95 1.Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area

Dettagli

corretta Domanda testo lunedì 28 dicembre 2009 Pagina 1 di 34 Cosa indicano i cerchi rappresentati in figura?

corretta Domanda testo lunedì 28 dicembre 2009 Pagina 1 di 34 Cosa indicano i cerchi rappresentati in figura? Cosa indicano i cerchi rappresentati in figura? che quei valori sono ricavati da una formula che quei valori non sono ammessi dalle regole di convalida dei dati che quei valori sono sbagliati perché nell'esercizio

Dettagli

Modulo AM4 Foglio Elettronico

Modulo AM4 Foglio Elettronico Edizione 2011 Silvana Lombardi Piero Del Gamba Modulo AM4 Foglio Elettronico Guida introduttiva Syllabus 2.0 Livello Avanzato Software di Riferimento: Microsoft Excel XP/2007 Silvana Lombardi Piero Del

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Foglio di calcolo. Il foglio di calcolo: Excel. Selezione delle celle

Foglio di calcolo. Il foglio di calcolo: Excel. Selezione delle celle Foglio di calcolo Il foglio di calcolo: Excel I dati inseriti in Excel sono organizzati in Cartelle di lavoro a loro volta suddivise in Fogli elettronici. I fogli sono formati da celle disposte per righe

Dettagli

Corso di introduzione all informatica. Microsoft Excel. Tutorial. Prof. Elena Spera

Corso di introduzione all informatica. Microsoft Excel. Tutorial. Prof. Elena Spera Corso di introduzione all informatica Microsoft Excel Tutorial Prof. Elena Spera Sommario Introduzione Formattazione del foglio di lavoro Formule e funzioni Grafici e cartine Manipolazione dei dati Integrazione

Dettagli

8.9 CREARE UNA TABELLA PIVOT

8.9 CREARE UNA TABELLA PIVOT 8.9 CREARE UNA TABELLA PIVOT Utilizziamo la tabella del foglio di Excel Consumo di energia elettrica in Italia del progetto Aggiungere subtotali a una tabella di dati, per creare una Tabella pivot: essa

Dettagli

EXCEL. Marco Bertini Università degli Studi di Firenze

EXCEL. Marco Bertini Università degli Studi di Firenze EXCEL Marco Bertini Università degli Studi di Firenze 1 Cos è un foglio di calcolo Un "foglio di calcolo" (spreadsheet) è un oggetto di un programma costituito da un insieme di celle, organizzate in righe

Dettagli

g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Informatica Aritmetica 1 trevisini EDITORE

g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Informatica Aritmetica 1 trevisini EDITORE g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Aritmetica 1 trevisini EDITORE 2 Excel: la matematica con i fogli di calcolo Excel è il programma di fogli di calcolo, o fogli elettronici, più

Dettagli

Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003. Excel 2003 Excel 2010

Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003. Excel 2003 Excel 2010 Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003 Excel 2003 Excel 2010 INTRODUZIONE A EXCEL EXCEL è un programma di Microsoft Office che permette di analizzare grandi quantità di dati (database)

Dettagli

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014 LUdeS Informatica 2 EXCEL Prima parte AA 2013/2014 COS E EXCEL? Microsoft Excel è uno dei fogli elettronici più potenti e completi operanti nell'ambiente Windows. Un foglio elettronico è un programma che

Dettagli

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access sergiopinna@tiscali.it Seconda Parte: Ms Access (lezione #2) CONTENUTI LEZIONE Query Ordinamento Avanzato Maschere Report Query (interrogazioni) Gli strumenti

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard Questa nota consiste perlopiù nella traduzione da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo come esempio il data set contenuto nel foglio excel esercizio2_dati.xls.

Dettagli

excel La cartella di lavoro Il foglio di lavoro

excel La cartella di lavoro Il foglio di lavoro excel Fogli Elettronici Un foglio elettronico (o spreadsheet) e` un software applicativo nato dall esigenza di organizzare insiemi di dati tramite tabelle, schemi, grafici, etc. effettuare calcoli di natura

Dettagli

FORMULE: Operatori matematici

FORMULE: Operatori matematici Formule e funzioni FORMULE Le formule sono necessarie per eseguire calcoli utilizzando i valori presenti nelle celle di un foglio di lavoro. Una formula inizia col segno uguale (=). La formula deve essere

Dettagli

Tabelle Pivot - DISPENSE

Tabelle Pivot - DISPENSE Tabelle Pivot - DISPENSE Definizione Pivot Table: strumento che permette di riepilogare ed analizzare i dati di una tabella dinamicamente. Sono utilità che consentono di aggregare i dati secondo i criteri

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Leonardo da VINCI FASANO (BR) P.O.N. ANNUALITÀ 2013 - Obiettivo C1 MODULO ECDL4 MODULO 4

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Leonardo da VINCI FASANO (BR) P.O.N. ANNUALITÀ 2013 - Obiettivo C1 MODULO ECDL4 MODULO 4 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Leonardo da VINCI FASANO (BR) P.O.N. ANNUALITÀ 2013 - Obiettivo C1 MODULO ECDL4 MODULO 4 Il Foglio elettronico: Excel 2010 Lisa Donnaloia - lisa.donnaloia@libero.it

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard Questa nota consiste per la maggior parte nella traduzione (con alcune integrazioni) da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo come esempio il data

Dettagli

FOGLIO ELETTRONICO (SPREADSHEET)

FOGLIO ELETTRONICO (SPREADSHEET) FOGLIO ELETTRONICO (SPREADSHEET) I fogli elettronici sono programmi che consentono di condurre calcoli matematici, creare tabelle correlate tra loro, impostare piani di gestione e realizzare grafici dei

Dettagli

Test Excel conoscenze di Base

Test Excel conoscenze di Base Test Excel conoscenze di Base 1)Che tipo di barra ha un foglio di calcolo, che un elaboratore testi non ha? a. La barra dei menu b. La barra della formula c. La barra del titolo d. La barra della formattazione

Dettagli

Foglio di calcolo. Numero Valuta Testo Data e Ora Percentuale

Foglio di calcolo. Numero Valuta Testo Data e Ora Percentuale Foglio di calcolo Foglio di calcolo Foglio organizzato in forma matriciale: migliaia di righe e centinaia di colonne In corrispondenza di ciascuna intersezione tra riga e colonna vi è una CELLA Una cella

Dettagli

Appunti di: MICROSOFT EXCEL

Appunti di: MICROSOFT EXCEL Appunti di: MICROSOFT EXCEL INDICE PARTE I: IL FOGLIO ELETTRONICO E I SUOI DATI Paragrafo 1.1: Introduzione. 3 Paragrafo 1.2: Inserimento dei Dati....4 Paragrafo 1.3: Ordinamenti e Filtri... 6 PARTE II:

Dettagli

Introduzione a Microsoft Excel 2002 Pagina 2. Indice

Introduzione a Microsoft Excel 2002 Pagina 2. Indice Introduzione a Microsoft Excel 2002 Pagina 2 Indice Cenni preliminari 3 Elementi sullo schermo 3 Creazione di una cartella di lavoro 4 Utilizzo di celle e intervalli 4 Gestione della cartella di lavoro

Dettagli

Microsoft Excel è un programma che permette di lavorare con i fogli di calcolo, chiamati anche fogli elettronici.

Microsoft Excel è un programma che permette di lavorare con i fogli di calcolo, chiamati anche fogli elettronici. Indice generale Introduzione...1 Celle...3 Aggiungere componenti non presenti...7 Protezione...8 Stampa...9 Formule...10 Riferimenti...11 I nomi...11 Funzioni...13 DataBase...16 Grafici...19 PIVOT...20

Dettagli

Modulo AM4 Foglio Elettronico

Modulo AM4 Foglio Elettronico Edizione 2010 Piero Del Gamba Silvana Lombardi Modulo AM4 Foglio Elettronico Guida introduttiva Syllabus 2.0 Livello Avanzato Software di Riferimento: OpenOffice.org Calc 3.2 Piero Del Gamba Silvana Lombardi

Dettagli

Excel Foglio elettronico: esempio

Excel Foglio elettronico: esempio Excel Sist.Elaborazione Inf. excel 1 Foglio elettronico: esempio Sist.Elaborazione Inf. excel 2 Foglio elettronico o spreadsheet griglia o tabella di celle o caselle in cui è possibile inserire: diversi

Dettagli

MODULO 4 FOGLIO ELETTRONICO

MODULO 4 FOGLIO ELETTRONICO MODULO 4 FOGLIO ELETTRONICO Che cos è un foglio elettronico Quando dobbiamo eseguire dei calcoli, rappresentare tabelle, fare disegni, siamo portati naturalmente a servirci di fogli a quadretti perché

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Pacchetti Applicativi Excel CdL Economia A.A. 2012/2013 Domenica Sileo Università degli Studi della Basilicata Pacchetti Applicativi: Excel >> Sommario Sommario 2 n Excel n Area

Dettagli

Courseware Excel 2007 / 2010

Courseware Excel 2007 / 2010 Adolfo Catelli Courseware Excel 2007 / 2010 (Livello intermedio) Gennaio 2011 1 SOMMARIO SOMMARIO... 1 INTRODUZIONE... 3 FORMATTAZIONE AVANZATA DELLE CELLE... 4 FORMATTAZIONE AUTOMATICA DELLE CELLE...

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

MINIGUIDA EXCEL MICROSOFT EXCEL

MINIGUIDA EXCEL MICROSOFT EXCEL 1 MICROSOFT EXCEL Molto spesso ci si trova a dover affrontare problemi che richiedono numerosi calcoli meccanici e ripetitivi. Un foglio elettronico è una tabella particolare che permette di far svolgere

Dettagli

Modulo AM4. Foglio Elettronico. Livello Avanzato. Software di Riferimento: Microsoft Excel 2000/XP OpenOffice.org / StarOffice

Modulo AM4. Foglio Elettronico. Livello Avanzato. Software di Riferimento: Microsoft Excel 2000/XP OpenOffice.org / StarOffice Gabriella Grignolio Marina Cabrini Paolo Fezzi Modulo AM4 Foglio Elettronico Guida Critica del Syllabus 1.0 per Esaminatori Livello Avanzato Edizione Giugno 2006 Software di Riferimento: Microsoft Excel

Dettagli

Ivilin Stoianov, Alessia Ceccato info@stoianov.it

Ivilin Stoianov, Alessia Ceccato info@stoianov.it Lab in Informatica Laurea in Biologia / Biologia Molecolare, Università di Padova 2011/2012 Calcoli con Fogli Elettronici Applicazioni nella statistica descrittiva Ivilin Stoianov, Alessia Ceccato info@stoianov.it

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Statistica Sociale Laboratorio 2

Statistica Sociale Laboratorio 2 CORSO DI STATISTICA SOCIALE Statistica Sociale Laboratorio 2 Dott.ssa Agnieszka Stawinoga agnieszka.stawinoga@unina.it Le variabili qualitative ( mutabili ) Le variabili qualitative (mutabili) assumono

Dettagli

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 1. Novità di Excel 2003 MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 CAPITOLO 1 Microsoft Office Excel 2003 ha introdotto alcune novità ed ha apportato miglioramenti ad alcune funzioni già esistenti nelle precedenti versioni

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard Questa nota consiste perlopiù nella traduzione da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo come esempio il data set contenuto nel foglio excel esercizio1_dati.xls.

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard DISTRIBUZIONE DI FREQUENZE PER CARATTERI QUALITATIVI Questa nota consiste per la maggior parte nella traduzione (con alcune integrazioni) da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000,

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5.

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4 Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Una delle funzioni più importanti di un foglio elettronico

Dettagli

Operazioni fondamentali

Operazioni fondamentali Foglio elettronico Le seguenti indicazioni valgono per Excel 2007, ma le procedure per Excel 2010 sono molto simile. In alcuni casi (per esempio, Pulsante Office /File) ci sono indicazioni entrambe le

Dettagli

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12 $FFHVV;3 A Sommario cura di Ninni Terranova Marco Alessi DETERMINARE L INPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 DETERMINARE L OUTPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 CREARE LA STRUTTURA DI UNA TABELLA 3 STABILIRE

Dettagli

EXCEL STRUTTURA ESEMPIO DI FORMULA RIFERIMENTO ALLA CELLA DOVE LAVORO FORMULA INSERITA

EXCEL STRUTTURA ESEMPIO DI FORMULA RIFERIMENTO ALLA CELLA DOVE LAVORO FORMULA INSERITA EXCEL STRUTTURA Excel è un programma che permette di effettuare calcoli, elaborare dati e tracciare efficaci rappresentazioni grafiche. La struttura di un documento di excel si compone di : Cartella di

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni A.A. 2011/2012 Prof. Ing. Ivan Giammona

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

AM4 ADVANCED MODULE 4 Foglio elettronico

AM4 ADVANCED MODULE 4 Foglio elettronico AM4 ADVANCED MODULE 4 Foglio elettronico Testo per la preparazione all esame ECDL AM4, foglio elettronico Livello avanzato, basato sul Syllabus pubblicato sul sito ufficiale della ECDL Foundation Ltd.

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

Strumenti informatici 2.3 - Le statistiche descrittive con Excel e SPSS

Strumenti informatici 2.3 - Le statistiche descrittive con Excel e SPSS Strumenti informatici 2.3 - Le statistiche descrittive con Excel e SPSS Per ottenere le statistiche descrittive di una o più variabili in Excel occorre utilizzare le funzioni, che sono operatori matematici,

Dettagli

Prof.Claudio Maccherani [rielaborazione e ampliamento, nella prima parte, delle dispense di???]

Prof.Claudio Maccherani [rielaborazione e ampliamento, nella prima parte, delle dispense di???] 2000 Prof.Claudio Maccherani [rielaborazione e ampliamento, nella prima parte, delle dispense di???] Access, della Microsoft, è uno dei programmi di gestione dei database (DBMS, Data Base Management System)

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

FINALITÁ. Il modulo 4, richiede che il candidato comprenda il concetto di. foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma

FINALITÁ. Il modulo 4, richiede che il candidato comprenda il concetto di. foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 4 Excel A cura di Mimmo Corrado MODULO 4 - FOGLIO ELETTRONICO 2 FINALITÁ Il modulo 4, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri

Dettagli

LAVORARE CON I FILES EXCEL

LAVORARE CON I FILES EXCEL LAVORARE CON I FILES EXCEL CREARE UNA NUOVA CARTELLA DI LAVORO Foglio1 di una nuova cartella di lavoro. Oppure, se Excel è già aperto l pulsante Office e quindi fare clic sul pulsante Nuovo SALVARE UNA

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

Fogli Elettronici: MS Excel utilizzo avanzato

Fogli Elettronici: MS Excel utilizzo avanzato Fogli Elettronici: MS Excel utilizzo avanzato 1 Ripasso 2 1 Selezionare celle e gruppi di celle Una cella in un foglio è individuata dall incrocio tra la riga e la colonna (coordinate della cella) Es:

Dettagli

Esercitazione di riepilogo 23 Aprile 2013

Esercitazione di riepilogo 23 Aprile 2013 Esercitazione di riepilogo 23 Aprile 2013 Grafici Grafico a barre Servono principalmente per rappresentare variabili (caratteri) qualitative, quantitative e discrete. Grafico a settori circolari (torta)

Dettagli

Microsoft Excel Nozioni di base

Microsoft Excel Nozioni di base Sistemi di elaborazione delle informazioni Microsoft Excel Nozioni di base Luca Bortolussi SOMMARIO Introduzione Interfaccia Excel Celle Immissioni dati Formattazione Gestione fogli di lavoro Formattazione

Dettagli

Contenuto del libro...2 Convenzioni utilizzate nel libro...2

Contenuto del libro...2 Convenzioni utilizzate nel libro...2 Indice Introduzione... 1 Contenuto del libro...2 Convenzioni utilizzate nel libro...2 I INTERVALLI E FORMULE DI EXCEL 1 Ricavare il massimo dagli intervalli.... 7 Tecniche avanzate di selezione degli intervalli...7

Dettagli

schema riassuntivo del corso di excel avanzato

schema riassuntivo del corso di excel avanzato corso di excel avanzato Materiale prodotto da Domenico Saggese unicamente come supporto per i suoi corsi. E lecito trattenerne una copia per uso personale; non è autorizzato alcun uso commerciale o in

Dettagli

Guida Rapida all utilizzo di Microsoft Excel

Guida Rapida all utilizzo di Microsoft Excel Guida Rapida all utilizzo di Microsoft Excel Giorgio Delzanno L ambiente Excel Excel è un foglio elettronico costituito da tre diverse componenti: un gestore di cartelle di lavoro, un gestore di database

Dettagli

Suite di produttività office automation

Suite di produttività office automation Suite di produttività office automation Cosa è una SUITE Una suite è una collezione di applicativi software ciascuno dei quali svolge un ruolo specifico all interno di un medesimo ambito (es: sicurezza,

Dettagli

L uso del software Excel per la costruzione di un documento ipertestuale con giochi per la verifica.

L uso del software Excel per la costruzione di un documento ipertestuale con giochi per la verifica. L uso del software Excel per la costruzione di un documento ipertestuale con giochi per la verifica. Il lavoro si presenta piuttosto lungo, ma per brevità noi indicheremo come creare la pagina iniziale,

Dettagli

FILE COGE per contabilità in Excel

FILE COGE per contabilità in Excel FILE COGE per contabilità in Excel L utilizzo del foglio di calcolo elettronico può simulare il funzionamento della COntabilità GEnerale (COGE), permette di avere sicurezza dei calcoli e controllo dei

Dettagli

LABORATORIO EXCEL XLSTAT 2008 SCHEDE 2 e 3 VARIABILI QUANTITATIVE

LABORATORIO EXCEL XLSTAT 2008 SCHEDE 2 e 3 VARIABILI QUANTITATIVE Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.unige/pls_statistica Responsabili scientifici M.P. Rogantin e E. Sasso (Dipartimento di Matematica Università di Genova) LABORATORIO EXCEL

Dettagli

Microsoft Excel. Apertura Excel. Corso presso la scuola G. Carducci. E. Tramontana. Avviare tramite

Microsoft Excel. Apertura Excel. Corso presso la scuola G. Carducci. E. Tramontana. Avviare tramite Microsoft Excel Corso presso la scuola G. Carducci E. Tramontana E. Tramontana - Excel - Settembre -2010 1 Apertura Excel Avviare tramite Avvio>Programmi>Microsoft Office>Microsoft Excel Oppure Cliccare

Dettagli

Comprendere la precedenza degli operatori

Comprendere la precedenza degli operatori 1Costruire formule Le formule sono il cuore e l anima di un foglio di calcolo; Microsoft Excel offre un ambiente adatto in cui costruire formule complesse. Armato di pochi operatori matematici e regole

Dettagli

Excel Terza parte. Excel 2003

Excel Terza parte. Excel 2003 Excel Terza parte Excel 2003 TABELLA PIVOT Selezioniamo tutti i dati (con le relative etichette) Dati Rapporto tabella pivot e grafico pivot Fine 2 La tabella pivot viene messa di default in una pagina

Dettagli

Excel Guida introduttiva

Excel Guida introduttiva Excel Guida introduttiva Informativa Questa guida nasce con l intento di spiegare in modo chiaro e preciso come usare il software Microsoft Excel. Questa è una guida completa creata dal sito http://pcalmeglio.altervista.org

Dettagli

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000.

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. ECDL Excel 2000 Obiettivi del corso Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. Progettare un semplice database Avviare

Dettagli

Il foglio elettronico. Excel 2013 3 PARTE

Il foglio elettronico. Excel 2013 3 PARTE Il foglio elettronico Excel 2013 3 PARTE Versione 15/10/2013 Le tabelle PIVOT Tabelle PIVOT Le tabelle pivot sono tabelle interattive che consentono all'utente di raggruppare e riassumere grandi quantità

Dettagli

Gli archivi con Excel

Gli archivi con Excel Gli archivi con Excel Che cosa è un database Creare e gestire archivi in Excel Esercitazione guidata: un archivio prodotti Esercitazione: un archivio clienti Le tabelle pivot Esercitazione guidata: un

Dettagli

Lezione del 31/05/2010 - Foglio elettronico e didattica

Lezione del 31/05/2010 - Foglio elettronico e didattica Lezione del 31/05/2010 - Foglio elettronico e didattica Attività della giornata lezione sul foglio elettronico generalità indirizzi delle celle, indirizzi relativi indirizzi di aree di celle, nomi delle

Dettagli

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 SISTEMA A SUPPORTO DEI PROCESSI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELLE ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 Copyright 2010 CSIO Società di Informatica

Dettagli

schema riassuntivo del corso di excel 2007 avanzato

schema riassuntivo del corso di excel 2007 avanzato corso di avanzato Materiale prodotto da Domenico Saggese unicamente come supporto per i suoi corsi. E lecito trattenerne una copia per uso personale; non è autorizzato alcun uso commerciale o in corsi

Dettagli

Excel XP MICROSOFT EXCEL XP. Foglio elettronico e Cella

Excel XP MICROSOFT EXCEL XP. Foglio elettronico e Cella MICROSOFT EXCEL XP Il programma Excel fa parte degli strumenti del pacchetto Office per Windows e come tale può funzionare solo in ambiente Windows. Ciò che queste pagine si propongono è di fornire allo

Dettagli

Courseware Excel 2007

Courseware Excel 2007 Adolfo Catelli Courseware Excel 2007 (Livello base) Gennaio 2010 Sommario CHE COSA E UN FOGLIO ELETTRONICO... 4 ELEMENTI DELL INTERFACCIA... 5 LAVORARE CON I FILES... 7 CREARE UNA NUOVA CARTELLA DI LAVORO...

Dettagli

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro INFORMATICA MICROSOFT WORD Prof. D Agostino Funzioni ed ambiente di lavoro...1 Interfaccia di Word...1 Stesso discorso per i menu a disposizione sulla barra dei menu: posizionando il puntatore del mouse

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Word Elaborazione testi

Word Elaborazione testi I seguenti appunti sono tratti da : Consiglio Nazionale delle ricerche ECDL Test Center modulo 3 Syllabus 5.0 Roberto Albiero Dispense di MS Word 2003 a cura di Paolo PAVAN - pavan@netlink.it Word Elaborazione

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

2. CARATTERISTICHE DI EXCEL

2. CARATTERISTICHE DI EXCEL FOGLI ELETTRONICI: EXCEL INDICE 1. LINEE GENERALI... 1 1.1 RIGHE E COLONNE...1 1.2 1.3 VALORI NUMERICI E ALFANUMERICI...2 FORMULE E FUNZIONI...2 2. CARATTERISTICHE DI EXCEL... 2 2.1 CARTELLE E FOGLI...2

Dettagli

FAQ per il corso di Informatica

FAQ per il corso di Informatica FAQ per il corso di Informatica Per i Corsi di Laurea in Biotecnologie e in Scienze Biologiche della Facoltà di Bioscienze e Biotecnologie Università di Modena e Reggio Emilia a.a. 2008-2009 (Prof. Sergio

Dettagli

UTILIZZO DELLE TABULAZIONI IN WINWORD

UTILIZZO DELLE TABULAZIONI IN WINWORD UTILIZZO DELLE TABULAZIONI IN WINWORD Il tasto di tabulazione in un elaboratore testi è molto comodo ma la maggior parte della gente lo conosce poco e pertanto non lo utilizza come dovrebbe. Le tabulazioni

Dettagli

Barre di scorrimento

Barre di scorrimento Barre di scorrimento La finestra della cartella è come un apertura dalla quale si può vedere una parte del foglio di lavoro Le frecce di scorrimmento permettono di spostarsi di una cella alla volta Le

Dettagli

A cura di Enrico Eccel LA STAMPA UNIONE

A cura di Enrico Eccel LA STAMPA UNIONE La stampa unione permette di stampare unitamente due file di WinWord (o anche file creati con altri programmi come Excel o Access), solitamente un file che contiene dati ed un file di testo. Generalmente

Dettagli

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Realizzare un grafico con Excel è molto semplice, e permette tutta una serie di varianti. Il primo passo consiste nell organizzare

Dettagli