Manifesti e Rettifiche Cargo V.4.2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manifesti e Rettifiche Cargo V.4.2"

Transcript

1 Manifesti e Rettifiche Cargo V.4.2 prodotto da Multiconsult Milano Spa PADOVA - Corso del popolo 16 tel fax

2 EDIZIONE: V2.0 La Multiconsult Milano Spa si riserva il diritto di apportare modifiche alla procedura descritta in questo manuale in qualsiasi momento e senza preavviso. Questo manuale è stato preparato esclusivamente per uso da parte dei propri clienti, che abbiano sottoscritto regolarmente una "LICENZA D USO" relativa al Programma in esso descritto. La Multiconsult Spa garantisce che il presente materiale costituisce, alla data di edizione, la piu aggiornata documentazione da essa elaborata relativa al Programma cui si riferisce. E inteso che l uso di detto materiale avviene sotto la esclusiva responsabilità e onere del Cliente. Nessuna ulteriore garanzia viene pertanto prestata dalla Multiconsult Spa (in particolare per eventuali imperfezioni, incompletezze e/o difficoltà operative), restando espressamente esclusa ogni sua responsabilità per danni diretti o indiretti derivanti dall uso di tale materiale. Per assistenza sul software Vi preghiamo di inviare una all indirizzo: oppure inviare una richiesta d assistenza al nostro sito web nell apposita Sezione, o inviarci un fax allo 049/

3 INDICE Tasti funzione e comandi generici Forsped_G pag Altre funzioni pag Opzioni interne dei singoli programmi pag Tasti funzione all interno dei programmi pag Gestione manifesto doganale pag Testata pag Gestione MMA per container pag MMA Containers: gestione righe containers pag Gestione MMA per polizza pag MMA Polizza: gestione righe polizze pag Provviste pag Containers vuoti pag Chius.MA (chiusura manifesto d arrivo) pag Ass.Sez. (assegna Sezione) pag Flusso pag C.manuale (convalida manuale) pag Gestione MMP per container pag MMP Containers: gestione righe containers pag Gestione MMP per polizza pag MMP Polizza: gestione righe polizze pag Rich.Conval. (richiesta convalida) pag Flusso manifesto doganale pag Creazione flusso pag Invio flusso pag Modalità FTP pag Consolle tracking flussi manifesti pag Modalità HTTP pag Aggiornamento manifesto da esito Edi pag Stampa manifesto doganale pag Stampa MMA pag Stampa MMP pag Gestione archivi pag Gestione porti manifesto pag Gestione merci manifesto pag Gestione valichi pag Programmi di utilità pag Trasferimento manifesti pag Acquisizione manifesto da flusso EDI pag Acquisizione manifesto da file *.Xls pag Stampa etichette con A3 pag Utilty de-flag per aggiunte pag Utilty de-flag per rettifiche pag Cancellazione multipla righe manifesto pag Lista imbarchi pag Rettifiche manifesto pag Gestione rettifiche cargo pag Stampa rettifiche cargo pag Flusso rettifiche cargo pag Aggiorna esiti rettifiche cargo pag Acquisizione dati ENS pag Acquisizione dati da flussi ENS pag Gestione dati ENS pag Creazione MMA da ENS pag Visualizza flussi ENS acquisiti pag 51 3

4 TASTI FUNZIONE E COMANDI GENERICI FORSPED_G L icona Avvio Forsped_G posizionata sul desktop delle postazioni di lavoro consente, con un doppio-click sinistro del mouse, di entrare nell applicativo. Il Forsped_G è un applicativo multiaziendale, e come tale consente l operatività su molteplici ditte o settori operativi. Utilizzando il mouse o la tastiera andiamo a selezionare l azienda desiderata ( la 001 è l azienda di default) e se richiesto digitare il codice operatore per l accesso alle procedure. I codici operatori, che devono essere impostati dai tecnici MCM, hanno lo scopo di gestire gli accessi ai vari moduli del ForspedG, in modo tale da permettere o inibire l accesso ai gestionali ad una o più categorie di utenti. Nella parte alta della schermata, in base ai moduli acquistati ed installati, selezionare il reparto operativo d interesse con un click sinistro del mouse. Automaticamente la schermata si aggiornerà mostrando i programmi corrispondenti. Per l accesso al programma interessato click sinistro del mouse sul titolo. 4

5 Se presenti, questi tasti consentono di accedere a dei sottomenu (click su tasto grigio). Per ritornare al menù principale utilizzare il tasto ALTRE FUNZIONI: Lancia l applicativo Ricerche ForspedG. (Opzionale) Permette di tornare alla schermata iniziale di selezione ditta senza uscire dall applicativo. Accede alla Gestione Tabelle Indirizzo, numeri utili e indirizzo di MCM Uscita da ForspedG OPZIONI INTERNE DEI SINGOLI PROGRAMMI: IMMISSIONE, VARIAZIONE, ANNULLAMENTO: quando uno o più di questi pulsanti sono attivi, il programma non prosegue finchè non ne viene selezionato uno con il tasto sinistro del mouse. Se l operazione da eseguire prevede l inserimento di qualcosa di nuovo (pratica, bolla doganale, fattura etc.) utilizzare il tasto Immissione, se invece deve essere ripreso qualcosa di già esistente allo scopo di visualizzarlo, completarlo o modificarlo, utilizzare il tasto Variazione. Per cancellare utilizzare Annullamento. Queste tre funzioni possono essere eseguite anche con la tastiera premendo contemporaneamente il tasto Alt Richiamo veloce alla funzione Notepad di Windows (Blocco Note), allo strumento Calcolatrice e al Calendario. Uscita dal programma corrente (corrispondenza del tasto ESC) TASTI FUNZIONE ALL INTERNO DEI PROGRAMMI: < Enter > (chiamato anche Invio o CR ) Per avanzare da un campo all altro. < > (freccia verso l alto). Per tornare al campo precedente. 5

6 < F5 > (per cancellare un campo). Corrispondente a Ctrl E. < F9 > Per richiamare, nei campi abilitati, la ricerca agevolata nelle tabelle e negli archivi di base. Inserire le iniziali nel campo prima di premere il tasto < F9 > per agevolare la ricerca. Corrispondente del vecchio Ctrl W. < F6 > Per confermare ed eventualmente uscire. (Corrispondente del vecchio Ctrl F) alla pressione di questo tasto il programma chiede conferma: Scegliere l opzione desiderata o con il tasto sinistro del Mouse oppure spostandosi con e e confermando con Enter. Selezionando Si si convalidano i dati e si passa alla schermata successiva; Selezionando No si ritorna ad inizio pagina; Selezionando Fine si passa direttamente alla fine della gestione. < ESC > Per l uscita dal programma, in vari programmi svolge la stessa funzione del tastof6. 6

7 GESTIONE MANIFESTO DOGANALE m.: manifesto; MMA: manifesto meccanizzato d arrivo; MMP manifesto meccanizzato di partenza Il programma presenta, all ingresso un filtro In base al quale è possibile parzializzare la lista dei m. che si intende visualizzare. Per esempio compilando solamente soc.=2 e anno 2010 si visualizzeranno tutti i m. assegnati al cod. soc. = 2 appartenenti al Soc.: è un suffisso alfanumerico di 2 caratteri da usare arbitrariamente per suddividere, in base ad un criterio di organizzazione aziendale, i vari m. archiviati. Anno: anno di appartenenza del m. Prot.: nr. di protocollo attribuito al m. I campi soc.,anno e prot. individuano univocamente il m. Nave: nome della nave presente in testata m. A scelta avvenuta verrà proposta la lista. Con le frecce o con il mouse è possibile selezionare il m. desiderato per la variazione oppure premere Esc per avere a disposizione le seguenti: Immissione: immissione di un nuovo m. Variazione: variazione di un m. esistente Annullamento: cancellazione di un m. esistente Fine: uscita al menù principale IMMISSIONE Viene richiesto inizialmente se si desidera copiare un m. precedente, in tal caso apparirà un ulteriore domanda (contrariamente tutti i campi saranno vuoti): solo testata: si intende copiata solo la testata del m. (vedasi pag.8) solo righe annullate: riporterà da un m. precedente solo le righe annullate dal Telematico 7

8 tutto: si creerà un m. identico a quello scelto (con l unica distinzione del protocollo). N.b: da MMA ad MMP non sono copiate le righe di sbarco (nel nuovo MMP) E consentita la gestione dei m. sia con la v3.2 che v4.2 per garantire agli Enti (terminalisti), che ancora richiedono il vecchio formato, l acquisizione dei dati. Tale gestione non è esclusiva, nel senso che un m. inserito con v4.2 è gestibile successivamente con v3.2 e viceversa testata Figura1 Nella prima riga sono evidenziati i dati salienti del m. Nome nave: può essere codificato in archivio, premendo F1 (*) i dati richiesti sono codice, nome nave, IMO/IDV IMO: codice IMO/IDV Bandiera: Bandiera nave Equip.: nr. componenti equipaggio Passeg.: nr. passeggeri Stazza tnn.: stazza espressa in tonnellate Capitano: nome del capitano Armatore: nome dell armatore, può essere codificato/reperito facoltativamente in/da uno degli archivi anagrafici del Forspedg: (**) Oppure digitato manualmente nel secondo campo come in Figura1 8

9 Porto : i porti sono rintracciabili tramite il tasto funzione F9. La ricerca avviene in base ai caratteri inseriti nel campo. Ad esempio VIB + F9 il programma presenta il primo porto la cui descrizione inizia per VIB (Vibo Valentia ) e la decodifica come ITVVA. Paese 1 Ingr. CEE: codice ISO del primo paese delle Comunità Europea toccato dal viaggio della nave in esame Paese destinaz.: codice ISO paese destinazione, di default il programma inserisce quello relativo al porto di destinazione d/o arrivo 1 p.to CEE: data e ora d arrivo al primo porto della Comunità Europea d/o pres.: (solo per MMP) data di presentazione m. d/o arr. prevista.: data e ora d arrivo prevista al porto di sbarco data chiusura: data chiusura m. dogana: descrizione della dogana di presentazione del m. Sezione: codice ufficio doganale firma: codice firma dichiarante. Oltre ad essere codificato in tabella è necessario inserire nel m. il relativo CF o P.Iva. In futuro, seguito comunicazione di Sogei, si dovrà inserire il codice Eori. Se il campo CF/P.IVA/EORI non è compilato ne viene richiesta l immissione. La variazione è possibile col tasto funzione F1 (***) tipo man. A/P: (A)rrivo o (P)artenza C/P: tipo m. per (C)container o (P)olizza Conv.: campo descrittivo manuale per marcare se il m. è stato convalidato n.a44 n.a45: estremi registrazione MMA MMP data A44 data A45: data estremi registrazione GESTIONE MMA per container Figura2 In figura2 le scelte possibili presenti dalla testata m.: <-> : tasto nullo, per evitare involontari digitazioni in fase di data-entry Var.: variazione testata m. 9

10 Containers: gestione righe containers Provviste: gestione righe provviste Cnt vuoti: gestione righe containers vuoti Chius. MA: creazione flusso record di chiusura MMA Ass. Sez.: funzione di assegnazione Sezione alle righe m. Verrà assegnata ad ogni riga del m. la stessa Sezione presente in testata. Questa operazione, ove necessario snellisce il data-entry Flusso: creazione ed invio flusso doganale (vedasi pag. 25) c.manuale: convalida manuale righe m. (vedasi pag. 17) fine: uscita alla lista m MMA Containers: gestione righe containers Il sistema propone un filtro secondo il quale visualizzare le righe desiderate. Di default è posizionato su tutte le righe. La tipologia di righe è dettata dal Telematico, può essere integrata in futuro se Dogana aggiunge nuovi stati. Svincolabile = Partita sicura; In attesa di esito = Partita in attesa di verifica Saftety&Security, perchè la valutazione del rischio della ENS associata alla partita non è ancora terminata; Dichiarabile non svincolabile = è soggetta a controllo ma è possibile inviare una dichiarazione (prima di tale controllo) per beneficiare di un unico momento di controllo; Non dichiarabile La richiesta successiva è un ulteriore filtro: La videata di elenco containers è strutturata come evidenziato in immagine: 10

11 <-> : tasto nullo, per evitare involontari digitazioni in fase di data-entry Imm.: immissione nuova riga container Var.: variazione riga container. Premendo F9 dopo il tasto Var. si hanno i criteri di ricerca con i quali individuare la riga da gestire: N.b: la ricerca per partenza e destinazione si basa sulle prime lettere della descrizione del porto desiderato e non sul codice. Testa: riporta alla gestione testata m. Merci: ha la stessa funzione di Var. soltanto che non da in gestione i porti ed il tipo riga ma va direttamente alle partite del container Ann.: cancellazione riga container containers: posiziona la lista a video delle righe alla riga desiderata agg.r.trn.: aggiorna righe transhipment da gestione M2 Fine: ritorno alla maschera precedente (testata m.) Uscita: uscita dal programma Imm.: In immissione riga si compilano inizialmente i dati di testata del container, come da Figura3 N.b: per merce comunitaria arrivo si intende sbarco merce comunitaria che non genera partite A3. 11

12 E si prosegue con le partite di competenza del container in esame: m.: riga di merce (partita) oggetto di variazione o immissione d.: campo attualmente non in uso merce: codice merce codificato nel forspedg su gestione merci manifesto (vedasi pag.34) il secondo campo è la descrizione merce, può essere compilato anche solo ques ultimo v.d.: voce doganale, nomenclatura undg: antidumping c.: tipologia del container (C = container, T = trailer, M = mafi) tipo: tipo container. Il programma può eseguire un controllo di validità del tipo container in base alla presenza del tipo (2CG0, 4CG0 ecc ) nella tabella 125. La codifica è lasciata all utente e può avvenire come da esempio: Eventualmente consultare il sito: per reperire codici contenitore sconosciuti. 12

13 Speditore, destinatario: i soggetti intervenuti possono essere codificati/reperiti facoltativamente in/da uno degli archivi anagrafici del Forspedg: Num.ord.: numero d ordine della riga di m. Sezione: Sezione di sbarco della merce Magazzino: di competenza per l assegnazione delle partite A3 A3, Uff., data: estremi attribuiti dal Telematico MRN ENS: riferimento della merce attribuito nella Dichiarazione Sommaria d entrata Dettaglio: riga dettaglio della ENS (item number) deroga: impostare S in assenza di MRN ENS e la merce dispone di deroga, oppure G se ci si avvale del Grace Time in cui è concesso non presentare le Dichiarazioni Sommarie per le merci in esame note (S/N): impostando S è possibile inserire una riga note che apparirà anche in stampa m. conv.: flag di convalida della riga. Può essere definito automaticamente in base all aggiornamento dell esito Telematico del m. oppure nei casi dove sia necessario (presentazione su supporto del m., problemi connessione al Telematico) può essere definito dalla funzione c.manuale (vedasi pag. 17). Gli stati di convalida sono definiti a priori nel programma ma possono nel corso del tempo essere integrati da Sogei. Per i MMA attualmente sono definiti: Dopo l immissione o variazione di ciascuna partita saranno visualizzate alcune scelte: <-> : tasto nullo, per evitare involontari digitazioni in fase di data-entry Imm.: immissione di una nuova partita Var.: variazione di una partita Ann.: cancellazione di una partita Duplica: crea una nuova partita copiando dalla precedente Fine: esce dalla gestione partite e riporta alla lista righe containers del m. Uscita: uscita dal programma Se la riga è relativa ad un transito è necessario compilarne il campo n.polizze o contenitori in base a quanto inserito e presente nel transito in esame: 13

14 2.2.0 GESTIONE MMA per polizza le scelte possibili presenti dalla testata m. sono le medesime di quelle presenti a pag. 9 con la differenza che il tasto container è sostituito da polizze MMA Polizze: gestione righe polizze I filtri per la visualizzazione delle righe inserite sono i medesimi di quelli presenti a pag. 10 e la videata di elenco polizze è analoga a quella mostrata sempre a pag. 10 per i containers. Imm.: In immissione riga si compilano inizialmente i dati di testate della polizza, come da Figura4 E si prosegue con le partite di competenza della polizza in esame: i campi sono i medesimi di quelli descritti a pag

15 Se la riga è relativa ad un transito è necessario compilare il campo n.polizze evidenziato in figura inserendo il numero di polizze pertinenti al transito in esame: PROVVISTE immissione: immissione nuova provvista variazione: variazione provvista annullamento: annullamento provvista copia P: copia provvista da m. Il programma chiede da quale manifesto copiare le provviste fine: riporta alla testata del m. Immissione: viene chiesto da quale riga (eventualmente) copiare la provvista, dando invio a vuoto invece si può iniziare a compilarne i campi. n.reg.: numero interno progressivo della registrazione tipo provv. Tipo provviste l.imbarco: codice del porto d imbarco. E consuetudine, non conoscendo il codice del porto d imbarco, compilare il campo col codice del porto di provenienza o col proprio codice porto. Marche: marcatura dei colli Sp.colli: specie dei colli, compilare il codice ISO degli imballaggi. (tale codice può essere reperito/gestito dalla tabella 170) p.lordo: peso lordo (nel caso di liquidi o gas abbiamo constatato che il Telematico accetta anche i litri, LTR) n.ord.: numero d ordine che assume la riga all invio Telematico, lasciare vuoto Sezione: Sezione di competenza della provvista undg: antidumping 15

16 2.4.0 CONTAINERS VUOTI immissione: immissione nuovo cnt vuoto variazione: variazione cnt vuoto annullamento: annullamento cnt vuoto carica: carica lista container vuoti da flusso formato testo. Il tasto F9 permette di selezionare il flusso desiderato, mentre con F1 viene definito il tracciato record di acquisizione fine: riporta alla testata del m. Immissione: prog.: numero interno progressivo della registrazione container: codice del container tipo: tipo container t: tipologia riga (imbarco, transito, sbarco) porto: codice e descrizione porto di competenza del container n.ord.: numero d ordine che assume la riga all invio Telematico, lasciare vuoto MRN ENS: riferimento del container attribuito nella dichiarazione sommaria d entrata Riga dettaglio: riga dettaglio della ENS (item number) deroga: impostare S in assenza di MRN ENS e il container dispone di deroga, oppure G se ci si avvale del Grace Time in cui è concesso non presentare le Dichiarazioni Sommarie per i cntrs in esame conv.: flag di convalida della riga CHIUS.MA (chiusura manifesto d arrivo) consente di predisporre il record di chiusura per il manifesto in questione e conseguentemente di crearne ed inviarne il flusso (vedasi pag. 25). Il programma testa se è già stato prodotto il record di chiusura precedentemente. 16

17 2.6.0 ASS.SEZ. (Assegna Sezione) Per agevolare il data-entry è possibile omettere nelle partite di merce, dove sia necessario, la Sezione di competenza delle stesse. Con questa funzione il programma assegna alle righe interessate automaticamente il codice Sezione presente nella testata del m. Ovviamente non è possibile usarla nei casi in cui la Sezione della testata differisca dalla Sezione di pertinenza delle partite FLUSSO Creazione ed invio flusso doganale, vedasi pag C.MANUALE (convalida manuale) Questo programma ha una duplice funzione: 1. serve per attribuire manualmente il flag di convalida alle singole partite presenti nel m. Il flag di convalida viene di norma assegnato da ForspedG in fase di aggiornamento dell esito Telematico, ma si possono creare situazioni (problemi internet, disfunzioni del portale web Sogei) per cui si renda necessario assegnare gli stati di convalida, annullamento da sistema ecc. mediante l intervento dell utente. Figura5 Il programma propone un filtro secondo il quale si possono parzializzare le righe desiderate, dopo di che viene presentata la lista (esempio in figura5) dove semplicemente dando invio sulla riga da gestire ne appare il relativo flag di convalida. Questa funzione snellisce le operazioni di gestione del campo convalida, le quali, se eseguite dalla gestione standard, obbligherebbero l utente a numerosi passaggi. 2. L utilità si ha anche (senza dover accedere alla consolle tracking, per chi ha installato XEDI) per controllare a colpo d occhio cos ha risposto Sogei relativamente a quanto dichiarato, evitando dunque d entrare in variazione di ciascuna riga. 17

18 2.9.0 GESTIONE MMP per container Figura6 In figura6 le scelte possibili presenti dalla testata m.: <-> : tasto nullo, per evitare involontari digitazioni in fase di data-entry Var.: variazione testata m. Containers: gestione righe containers Provviste: gestione righe provviste (vedasi pag. 15) Cnt vuoti: gestione righe containers vuoti (vedasi pag. 16) Rich.conval: richiesta convalida, viene prodotta una stampa riepilogativa delle righe del m. non ancora autorizzate all imbarco e conseguente flusso di chiusura del m. Flusso: creazione ed invio flusso doganale c.manuale: convalida manuale righe m. (vedasi pag. 17) fine: uscita alla lista m MMP Containers: gestione righe containers Il sistema propone un filtro secondo il quale visualizzare le righe desiderate. Di default è posizionato su tutte le righe. La tipologia di righe è dettata dal Telematico, può essere integrata in futuro se Dogana aggiunge nuovi stati. La richiesta successiva è un ulteriore filtro: Imbarchi: La videata di elenco containers in imbarco è strutturata come in immagine: 18

19 N.b.: le righe di transito su gomma vengono inserite con l opzione Imbarchi nr.:numero interno progressivo della registrazione T: tipo registrazione (I = imbarco, T G = transito su gomma) Rg: registro della bolla doganale Numero: estremi registrazione della bolla doganale C: cin degli estremi di registrazione della bolla doganale Data: data della bolla doganale Dest.: destinazione merce Container: codice container Polizza: numero polizza Immissione: In immissione riga con la funzione F1 è possibile reperire i dati da inserire richiamando una bolla doganale presente negli archivi ForspedG (codice ditta selezionabile): imbarco Totale/Parziale: è da indicare obbligatoriamente, per parziale si intende quando non tutta la merce dichiarata nella bolla doganale è presentata all imbarco partenza destinazione: il porto di partenza e di destinazione vengono richiesti in fase di imputazione codici bolla per non costringere l utente a ritornare in variazione della riga in esame per completarla di tali dati Per andare incontro alle esigenze di coloro i quali caricano massivamente i dati da bolle doganali con molti containers, è stata integrata la richiesta come da precedente immagine. Compilando i campi polizza, tipo, sigillo e riga dettaglio MRN, ciascun container caricato per quella specifica bolla assumerà tali informazioni (obbligatori ai fini del flusso). L utente perciò non dovrà passare in variazione i containers acquisiti per completarli di tali specifiche, ma sarà sufficiente apportare le eventuali modifiche alle righe ove necessario. Di seguito la gestione delle singole righe (posizioni merci) 19

20 la prima parte rispecchia gli stessi campi che si vedono nella lista dei containers in imbarco. Non è necessario inserire sia l MRN che gli estremi di registrazione, uno può escludere la presenza dell altro. m.: progressivo merce bolla doganale polizza: codice polizza c: tipo container (C = container; T = trailer; M = mafi) container: codice container tipo: tipologia container sigillo: sigillo container cod.merce: codice merce codificato nel Forspedg in archivio merci + descrizione v.d.: voce doganale, nomenclatura combinata undg: antidumping num.ord.: numero d ordine assegnato alla riga nel m. bolla: bolla doganale inserita negli archivi Forspedg legata alla riga in esame conv.: flag di convalida della riga. Può essere definito automaticamente in base all aggiornamento dell esito Telematico del m. oppure nei casi dove sia necessario (presentazione su supporto del m., problemi connessione al Telematico) può essere definito dalla funzione c.manuale (vedasi pag. 17). Gli stati di convalida sono definiti a priori nel programma ma possono nel corso del tempo essere integrati da Sogei. Per i MMP attualmente sono definiti: Dopo l immissione o variazione di ciascuna partita saranno visualizzate alcune scelte: imm.: immissione nuovo container 20

21 imm.(copia): immissione nuovo container copiando il precendente annulla: cancellazione riga container container: riporta alla scelta di visualizzazione lista container imbarco o transito fine: riporta alla testata manifesto uscita: uscita dal programma Transito: La videata di elenco containers in Transito, Transhipment e merce comunitaria in partenza è strutturata analogamente all MMA (vedasi pag. 10, mentre i tasti funzione sono descritti a pag. 11) Imm.: In immissione riga si compilano inizialmente i dati di testata del container, come da Figura7 La struttura delle partite di competenza del container in esame in transito e per merce comunitaria in partenza è analoga a quella esaminata a pag. 12. N.b.: le righe di transito su gomma è consigliato inserirle con l opzione Imbarchi Per la gestione delle righe in transhipment si procede come da Figura 8: Figura8 21

22 m.: progressivo merce (partita) del container merce: codice merce codificato nel Forspedg in archivio merci + descrizione v.d.: voce doganale, nomenclatura combinata undg: antidumping pol.: codice polizza vl.:volume c: tipo container (C = container; T = trailer; M = mafi) container: codice container sigillo: sigillo container tipo: tipologia container MMA:ufficio; n.; firm.rio; data: rispettivamente all MMA con il quale la partita è stata immessa in deposito specificare il codice Sezione, il numero di A44, il CF o P.Iva del firmatario dell MMA e la data di A44 PARTITA: codice ufficio, data registrazione, numero: rispettivamente alla partita che si sta scaricando con la riga in esame specificarne il codice Sezione che l ha emessa, la data in cui è stata emessa ed il numero Soggetti partita S/N: impostando S è possibile far apparire la finestra dove inserire i soggetti intervenuti di competenza della partita in esame (non sono richiesti ai fini del flusso Telematico) e tramite i tasti funzione in legenda possono essere reperiti dagli archivi anagrafici del Forspedg num.ord.: numero d ordine assegnato alla riga nel m. Sezione: Sezione relativa al codice magazzino magazzino: codice magazzino dal quale è stata estratta la merce T/P: imbarco (T)otale o (P)arziale MRN EXS: riferimento del container attribuito nella dichiarazione sommaria d uscita Riga dettaglio: riga dettaglio EXS (item number) deroga: impostare S in assenza di MRN EXS e il container dispone di deroga, oppure G se ci si avvale del Grace Time in cui è concesso non presentare le Dichiarazioni Sommarie per i cntrs in esame conv.: flag di convalida della riga. 22

23 GESTIONE MMP per polizza le scelte possibili presenti dalla testata m. sono le medesime di quelle presenti a pag. 18 (Figura 6) con la differenza che il tasto container è sostituito da polizze MMP Polizze: gestione righe polizze I filtri per la visualizzazione delle righe inserite sono i medesimi di quelli presenti a pag. 10 e la videata di elenco polizze è analoga a quella mostrata sempre a pag. 10 per i containers (con l unica differenza che viene esposto anche l MRN degli imbarchi per agevolare le ricerche). Imm.: In immissione riga si compilano inizialmente i dati di testata della polizza (analogamente a figura 7 pag.21 per i container) e si prosegue come in figura 8, l unica particolarità è che questa maschera viene utilizzata anche per l imbarco: Figura8 m.: progressivo merce (partita) del container merce: codice merce codificato nel Forspedg in archivio merci + descrizione v.d.: voce doganale, nomenclatura combinata undg: antidumping il programma chiede e a risposta affermativa sarà possibile indicare la bolla doganale dalla quale il programma recupererà gli estremi di registrazione Dich.: registro, numero, cin, data, uff.dog.: estremi registrazione bolla doganale num.ord.: numero d ordine assegnato alla riga nel m. Sezione: Sezione relativa al codice magazzino magazzino: codice magazzino dal quale è stata estratta la merce T/P: imbarco (T)otale o (P)arziale 23

24 Per le righe invece di transito, merce comunitaria in arrivo e transhipment i campi della maschera sono i medesimi già illustrati a pag. 12 (transito, merce comunitaria) e pag. 21 (transhipment) RICH. CONVAL. (richiesta convalida) consente di predisporre il record di chiusura per il manifesto in questione e conseguentemente di crearne ed inviarne il flusso (vedasi pag. 25 ). Il programma testa se è già stata presentata la chiusura precedentemente. La funzione è stata definita richiesta convalida perché con l invio del record di chiusura del MMP (in base alla circolare doganale ict-a tracciati_irisp) il flusso costituisce la richiesta di convalida per quegli MRN che al momento dell invio del record di chiusura sono ancora nello stato di attesa esito o merce da controllare. Sogei, elaborando il flusso, risponde definitivamente per questi MRN pendenti dichiarandoli autorizzati all imbarco oppure annullati da sistema. Queste informazioni si reperiscono in Forspedg, dopo che è stato elaborato l esito, esaminando il campo conv. delle partite in oggetto oppure tramite il programma convalida manuale accessibile dai tasti nella testata m. o dal menù principale come descritto a pag. 17 Per agevolare le operazioni di controllo dell utente, quando si lancia la richiesta convalida viene chiesto se si desidera stampare la lista. La lista elencherà, per tipologia di status, tutte le righe non ancora autorizzate all imbarco. Il fine è quello di evidenziare quali e per quanti MRN ci si debba aspettare una risposta nel file di esito telematico. 24

25 FLUSSO MANIFESTO DOGANALE Il flusso doganale dei m. per l invio telematico può avvenire tramite l apposito tasto flusso presente in testata m. oppure dal programma presente nel menù principale CREAZIONE FLUSSO Dopo la richiesta del tipo m. (arrivo o partenza) viene chiesto se il tracciato da produrre dev essere secondo la versione 3.2 o 4.2 (ancora 4.1 in MMP e rettifiche) Successivamente è necessario inserire il codice della Sezione di presentazione del m. (corrisponde alla stessa inserita nella testata del m.) ed è obbligatorio che essa sia inserita nell archivio valichi del Forspedg. Il programma consente la generazione del file per la presentazione su (F)loppy (intesa anche per supporto USB o disco) oppure per la (T)rasmissione diretta (portale web Dogana) o per un qualsiasi (N)odo. In tutti i casi è necessario inserire il codice del m. in questione (con la funzione F9 è possibile ricercare il m. desiderato in archivio) ed il codice del porto di pertinenza. Il codice del porto proposto da sistema è quello tabellato in fase di installazione, esso comunque può essere variato durante la creazione flusso, inoltre rispondendo NO a i dati sono esatti è elencata la lista dei porti proponendo i successivi in ordine alfabetico. Nel caso il m. sia già stato precedentemente inviato al Telematico il programma avvisa se si intende produrre il flusso per le sole aggiunte, cioè le righe inserite successivamente l ultimo invio del m. al Telematico, oppure tutto cioè l intero m. Si ha infatti la facoltà di inviare frazionatamene le righe che comporranno il nostro m. fintanto che non si sarà inviato anche il record di chiusura con l apposita funzione presente in testata m. (per MMA chius. MA, per MMP rich.conval. ). E stata integrata la creazione flusso con la richiesta di quale tipologia di righe considerare, sempre per il fatto che, avendo la possibilità di inviare al Telematico il m. a rate. Con questo filtro si sceglie quale tipo righe copiare nel flusso Nel caso di MMA è stata aggiunta la seguente richiesta: In quanto, al momento, solo per gli MMA è possibile mandare il record di chiusura contestualmente al primo invio del m. Mentre per gli MMP è obbligatorio mandare la chiusura (richiesta convalida) separatamente dalle righe di imbarco e transhipment. A questo punto il programma inizia la formazione del file, si può intervenire quando la videata mostra la seguente fase: assegnando dove evidenziato un numero progressivo a propria discrezione (nei casi per esempio di un unica autorizzazione Edi in più filiali operative) oppure dando invio accettare il progressivo automatico assegnato da programma. Infine si può uscire dalla procedura seguendo le indicazioni. 25

26 3.2.0 INVIO FLUSSO Per il flusso, come già accennato, esiste l opzione (F)loppy con la successiva richiesta: A risposta affermativa esce il pannello per (eventualmente) nominare il flusso da salvare A conferma il programma richiama l esplora risorse di Windows mediante il quale è possibile memorizzare sulla risorsa desiderata il file. Si sottolinea che la procedura appena descritta assolve le disposizioni riguardanti il Fallback. è consentito inoltre l invio ad un (N)odo o direttamente all Agenzia delle Dogane. In quest ultimo caso per chi dispone del modulo aggiuntivo XEDI può scegliere tra le modalità di invio HTTP ed FTP. Con la modalità FTP Forspedg adempie in automatico a tutte le operazioni manuali di caricamento del file verso il portale web di Sogei e ne attende, scaricandoli, gli esiti. Se e quando sarà prevista la firma digitale anche per i m. apporrà la stessa ai flussi da inviare. Chi dispone del modulo standard seguirà i passaggi manuali descritti con la modalità HTTP 26

27 3.2.1 Modalità FTP E bene puntualizzare che chi dispone di XEDI ha facoltà di utilizzare a propria discrezione l invio FTP o HTTP. Nei rari casi in cui si sia inviato il m. in modalità FTP e Sogei ritardi a pubblicare l esito su questo canale, è sempre possibile collegarsi al sito di Agenzia delle Dogane (https://telematico.agenziadogane.it) e verificare lo stato della propria dichiarazione, scaricandone se necessario la risposta (vedasi modalità http pag. 27). E altrettanto importante nei rari casi in cui il fatto possa verificarsi, che se tarda ad arrivare l esito di un m., prima di re-inviare al Telematico il flusso con un nuovo codice file assicurarsi (consultando il sito di Agenzia delle Dogane) che il precedente flusso sia stato scartato o che ci siano reali ritardi da parte di Sogei nell eleborazione delle risposte. Queste precauzioni azzerano i rischi d invio doppio delle dichiarazioni. N.b: la trasmissione immediata lancia subito il flusso al Telematico, mentre con posponi il flusso rimane congelato ed è possibile in un secondo momento procedere all invio tramite la consolle tracking rilasciando il file Consolle Tracking flussi Manifesti Questo punto a menù è attivo soltanto dov è presente il modulo XEDI Il range di date propone la data odierna, per cui si vedranno di default solo le trasmissioni quotidiane, modificando le date si estende la lista con tutti i flussi desiderati. I filtri avanzati non sono ancora stati implementati, in futuro parzializzeranno la lista secondo alcuni criteri. Nella consolle è visibile oltre al nome flusso anche il numero del m. (N.Prot), lo stato attuale dei controlli Sogei (per fare refresh ed aggiornare la videata si usa il tasto funzione F5), il tipo m. ed il nome nave. Dando invio sul m. in esame si potranno visualizzare (in verde) i dettagli, cioè l eventuale A44 (con relative A3) o A45 assegnati e risultato dei controlli sulla sicurezza (svincolabile) Se il flusso è relativo ad un record di chiusura verrà evidenziato 27

28 Nel caso ci siano errori sostanziali apparirà (in rosso) la decodifica dell errore. Attenzione: nel caso non si riesca ad interpretare gli errori del Telematico, mandare una mail col nome flusso e dettaglio errore ad: Dalla gestione dettagli inoltre è possibile: VEDI FLUSSO: utilità che permette di splittare il flusso doganale associando ad ogni campo la relativa definizione da tracciato, per interpretare eventuali errori sostanziali GESTIONE MM: riporta alla gestione del manifesto STAMPA MANIFESTO: permette di stampare il manifesto (vedasi pag. 31 e 32) ESCI: riporta alla consolle tracking Modalità HTTP Il flusso prodotto da Forspedg viene posizionato nella cartella FLUSSI, quindi FLUSSI è la cartella che verrà sfogliata all atto del caricamento del file per Agenzia delle Dogane (https://telematico.agenziadogane.it) ed è anche la cartella di destino dell esito del Telematico. Per l accesso al Telematico inserire le proprie credenziali e predisporsi per la trasmissione Attenzione, se l unità di rete con la quale è mappato Forspedg non è (C:) scegliere la connessione opportuna e tenere presente che l estensione dei file MMA è M* (es. 0ABC1029.M01) mentre l estensione dei MMP è V* (es. 0ABC1029.V01) 28

29 Percorso finale..\forspedg\fmt\flussi Se il flusso presenta errori cliccare su e successivamente Nel caso non si riesca autonomamente ad interpretare l errore segnalato, mandate una mail ad allegando il file inviato in Dogana e copiando gli errori (eventualmente stamp della videata). Per lo scaricamento dell esito seguire i passaggi (il mancato scaricamento ed aggiornamento dell esito comporta la mancata presenza in Forspedg degli estremi di registrazione del m. - A44, A3, A45 - nonché dell eventuale lista MRN non autorizzati all imbarco/sbarco, in attesa di esito, di visita merce oppure annullati da sistema). 29

30 Con le nuove normative in vigore dal (vedasi circ. itc-a ) fintanto che non si invierà il record di chiusura del m. è compito dell utente/responsabile del MMP monitorare gli aggiornamenti telematici degli esiti per recepire i cambiamenti degli stati degli MRN in conseguenza all attività di verifica dell ufficio doganale. Questo comporta che per ciascun m. possono essere più d uno i files di esito che devono essere scaricati. Lo step successivo è quello dell aggiornamento dell esito Aggiornamento manifesto da esito Edi Dopo aver scelto il codice firma apposta cliccare sulla tipologia del m. (MMA o MMP) e completare il nome del flusso in esame Proseguire dando invio e le conferme necessarie per il termine del programma. 30

31 STAMPA MANIFESTO DOGANALE La stampa è predisposta per fogli bianchi A4 in verticale, stampanti laser o getto d inchiostro. Nella finestra di selezione stampanti scegliere spooler di windows successivamente scegliere pdffactory Nb: in alcuni casi, a seconda dei drivers delle stampanti, per la corretta stampa del m. non è necessario passare tramite pdffactory (dopo lo spooler di windows si può scegliere direttamente la stampante) Figura9 Con le opzioni di pdffactory però è possibile (vedasi figura 9), oltre che stampare il documento sulla stampante desiderata (opzione stampa), anche salvare una copia del documento in formato pdf (opzione salva) oppure allegare direttamente il documento in formato pdf ad una nuova (opzione ) 31

32 4.1.0 STAMPA MMA Per l MMA esiste il punto a menù per la stampa del m. e per la copia sbarco. Nel secondo caso, in testata della stampa, apparirà anche la dicitura COPIA SBARCO. Dopo aver scelto il m. desiderato (funzione F9 per la ricerca in archivio m.) il programma chiede conferma del porto d arrivo da apporre in stampa. Il codice del porto presentato è quello inserito nella tabella 803 all atto dell installazione del software. Essendo che l utente ha facoltà di redigere m. per diversi porti, in fase di stampa è possibile modificare quest ultimo o ricercarlo rispondendo NO alla domanda (così facendo caso vengono presentati i porti memorizzati in archivio in ordine alfabetico di codice). Per consentire la stampa di estratti per Magazzino e Sezione è stato inserito il filtro: se campo magazzino vuoto, la stampa riporta i dati per tutti i magazzini citati nel m. Se campo Sezione vuoto, la stampa riporta i dati per tutte le Sezioni citate nel m. Al fine di poter produrre tutti gli estratti per porto destinazione è stata aggiunta la richiesta: L opzione S conduce ai passaggi standard di stampa, mentre con l opzione V viene mostrata la lista dei porti di destinazione reperiti nel manifesto per i quali è possibile ottenere un estratto Sempre per la produzione di tutti gli estratti desiderati è stata aggiunta la selezione in stampa delle sole righe per le seguenti categorie Infine, per agevolare le operazioni di controllo e status delle righe del m., è possibile ottenere la stampa delle sole righe evidenziate in figura E stata introdotta l opzione Frontespizio in quanto secondo disposizioni Doganali (ict emendamento_sicurezza) è sufficiente la presentazione del suddetto per m. trasmessi e convalidati per via elettronica. 32

33 4.2.0 STAMPA MMP Dopo aver scelto il m. desiderato (funzione F9 per la ricerca in archivio m.) Il codice del porto presentato è quello inserito nella tabella 803 all atto dell installazione del software. Essendo che l utente ha facoltà di redigere m. per diversi porti, in fase di stampa è possibile modificare quest ultimo. Per consentire la stampa di estratti per porto di destinazione è stata aggiunta la richiesta: L opzione S conduce ai passaggi standard di stampa, mentre con l opzione V viene mostrata la lista dei porti di destinazione reperiti nel manifesto per i quali è possibile ottenere un estratto Sempre al fine di poter produrre tutti gli estratti desiderati è stata aggiunta la selezione in stampa delle sole righe per le seguenti categorie Infine, per agevolare le operazioni di controllo e status delle righe del m., è possibile ottenere la stampa delle sole righe evidenziate in figura P.s.: per chi desidera, nella stampa m. è configurabile l'opzione se considerare o meno nei totali le provviste. 33

34 5.0.0 GESTIONE ARCHIVI GESTIONE PORTI PER MANIFESTO La maggior parte dei codici porti censiti a livello internazionale sono precaricati in Forspedg, ciò non toglie che ci siano revisioni da apportare o integrazioni, perciò l utente ha la possibilità di gestire tale archivio. (si può consultare il seguente sito: Il punto a menù è gestione porti per manifesto. In ingresso al programma si inserisce il codice porto dal quale iniziare la lista (dando invio a vuoto vengono visualizzati dal primo inserito). Per ottenere i tasti funzione è sufficiente rispondere NO alla domanda di presentazione ulteriori codici. <-> : tasto nullo, per evitare involontari digitazioni in fase di data-entry Immissione: immissione nuovo codice porto Variazione: variazione codice porto Annullamento: cancellazione codice porto Impostazioni: non usare, riservato a procedure di utilità dell archivio Fine: riporta al campo codice per ricercare un nuovo porto. Per uscire definitivamente cliccare sulla freccia verde in basso a destra Immissione Per inserire un nuovo codice ci si può basare sull esempio in immagine: Luogo: codice del porto Descrizione: descrizione del porto Naz.: codice numerico nazione (campo non utilizzato, lasciare vuoto) Luogo: (campo non utilizzato, lasciare vuoto) Stato: codice ISO paese del porto Ue: mettere S se il porto appartiene ad uno stato aderente alla comunità europea (all atto dell installazione del programma il flag è già impostato per i paesi aderenti) 34

35 GESTIONE MERCI MANIFESTO La gestione delle merci m. cura lo stesso archivio interessato per le bolle doganali. Quindi i dati relativi alle merci già inseriti per le bolle sono richiamabili per il m. Nella gestione delle righe m., come già accennato in precedenza, si può inserire di volta in volta la descrizione della merce, oppure si può richiamare il codice corrispondente se già presente in questo archivio. Figura10 In figura 10 è mostrato un esempio di immissione di un nuovo codice merce. Come si vede i campi obbligatori sono quelli compilati. Codice merce: codice univoco relativo alla merce/voce doganale. Esso richiamato nella partita del m. rintraccia la relativa descrizione e nomenclatura combinata CPA:Codice del servizio: dedicato alla gestione intrastat Descrizione: descrizione della merce. Essa sarà apposta nel flusso doganale ed in stampa m. Merce pericolosa: codice merce pericolosa Statistica: voce doganale/nomenclatura combinata q.suppl.(s/n): obbligatorietà della quantità supplementare (solo per bolle doganali) data agg.: data aggiornamento della voce doganale GESTIONE VALICHI La gestione valichi cura lo stesso archivio interessato per le bolle doganali. Quindi i dati relativi alle sezioni doganali già inseriti per le bolle sono richiamabili per il m. La finalità dell archivio nella gestione m. è quella di definire la dogana di presentazione o la Sezione di competenza delle partite A3 secondo i criteri richiesti da tracciato Telematico. Perciò sia la Sezione di presentazione del m. sia gli uffici pertinenti ai magazzini doganali citati nella dichiarazione devono essere preventivamente codificati come in figura 11 Figura11 35

36 Codice: codice ufficio, può essere alfanumerico, o per comodità il codice Sezione stesso Dogana: codice Sezione Ufficio : eventuali uffici di passaggio relativi al valico inserito (per bolle doganali) Descrizione valico: descrizione ufficio Iso: codice ISO del paese della Sezione (nel nostro caso sempre IT) PROGRAMMI DI UTILITA TRASFERIMENTO MANIFESTI Questo programma permette di trasferire/acquisire i dati del manifesto su/da un file secondo tracciato Forspedg. E utile per scambiare informazioni tra coloro che utilizzano Forspedg. Inizialmente appare la richiesta crea flusso: viene richiesto il codice del m. ed a conferma avvenuta sarà prodotto il file MANIFESTO.TXT. Il percorso di destinazione è..\forspedg\fmt\user\ acq.flusso: viene richiesto il nome del flusso da acquisire (di default è MANIFESTO.TXT). La cartella da cui viene letto è..\forspedg\fmt\user\ può essere modificata inserendo il percorso alternativo preciso, più nome file (ad es. C:\TMP\PIPPO.TXT) Infine è possibile scegliere se attribuire al m. in acquisizione un nome diverso da quello assegnato originariamente oppure lasciarlo invariato ACQUISIZIONE MANIFESTO DA FLUSSO EDI Questo programma è un modulo aggiuntivo del menù manifesti. Per informazioni rivolgersi al ns ufficio commerciale. Viene richiesto se leggere il flusso da acquisire dalla cartella di default adibita ai files doganali (..\FORSPEDG\FMT\FLUSSI\) e con la funzione F9 ottenerne la lista a video; la path può essere modificata inserendo il percorso alternativo preciso. Individuato il file si inserisce il codice del m. da aggiornare (è necessario infatti definire prima dell acquisizione almeno parzialmente la testata di un m.) sempre con F9 si ottiene la lista dei m. in archivio. In seguito alle operazioni descritte, saranno visualizzati in due finestre i dati salienti della testata del m. precedentemente compilato (NS MANIFESTO) e quello in acquisizione (FLUSSO MANIFESTO). Le due finestre fungono da controllo per l utente che desidera verificare se la scelta del file è corretta. 36

37 viene data facoltà di definire l'unità di misura dei pesi (chilogrammi o tonnellate), se diversi da KGM verrà effettuata equivalenza a KGM. (A)ccoda: riporta nel ns m. le righe del flusso tali e quali sono (ad es. una riga di sbarco sarà acquisita come riga di sbarco). (E)labora: riporta nel ns m. le righe di sbarco trasformandole in transito nazionale. Questa funzione trova la sua utilità per coloro i quali possono disporre a tempo debito del flusso del m. presentato (o in via di presentazione) dallo spedizioniere del porto d arrivo (e quelle stesse righe, per il ns porto di competenza, devono essere trattate come transiti nazionali). (S)barca: riporta nel ns. m. tutte le righe del file MMP con porto di sbarco uguale a quello di propria competenza trasformandole quali sbarchi, le rimanenti quali transiti. Questa funzione trova la sua utilità per coloro i quali possono disporre a tempo debito del flusso del m. presentato (o in via di presentazione) dallo spedizioniere del porto partenza. in fase di acquisizione è richiesto il porto di partenza da assegnare agli sbarchi e quale ai transiti (non essendo presenti tali dati nel file EDI) inoltre è richiesto se assegnare alle partite di sbarco e cnts vuoti il flag di deroga alla presentazione ENS, per evitare che debba essere gestito su ciascuna riga manualmente dall'utente. Al termine dell esecuzione dell aggiornamento è richiesto se stampare la lista delle posizioni acquisite (cioè le righe aggiunte al manifesto) e la lista dei tipi containers rilevati in fase di acquisizione. Quest ultima lista ha lo scopo di permettere all utente il controllo e la memorizzazione nella tabella 125 di eventuali nuovi tipi container per integrare i controlli in fase di data-entry. Prima di uscire dal programma, rispondendo affermativamente alla domanda, si entra in gestione del m ACQUISIZIONE MANIFESTO DA FILE *.XLS Questo programma è un modulo aggiuntivo del menù manifesti. Per informazioni rivolgersi al ns ufficio commerciale. Sono disponibili 2 funzioni: 1. Acquisizione da foglio Excel E rappresentato un esempio in Figura12 di foglio Excel importabile in Forspedg: Figura12 37

38 E indispensabile, nella compilazione, attenersi alle seguenti regole: 1. Il nome flusso non deve contenere spazi (es.: "abcdef.xls" e non "abc def.xls") 2. Tutti i campi NON sono obbligatori, se non presenti non saranno caricati in Forspedg 3. L'ordine delle colonne è irrilevante 4. In fase di acquisizione non è controllato il check digit dei codici cnts, il controllo è presente in gestione manifesti forspedg 5. Il campo ENS-EXS sarà compilato con l'mrn dell'ens se trattasi di MMA. Con l'mrn dell'exs se MMP 6. Il campo NRIGA-ENS-EXS determina l'item-number (la riga dettaglio) dell'ens o EXS 7. Il campo IMBALLO è da valorizzare con codici ISO 8. I campi in rosso sono considerati solo per MMP 9. Il campo RECORD identifica il tipo record a livello di flusso doganale 10. Il campo T/P identifica se imbarco totale (T) o parziale (P). E' considerato solo per MMP 11. Il campo MERCE se valorizzato con VUOTO identifica una riga di container vuoti 12. I campi in BLU sono considerati solo per MMP record E e valorizzano gli estremi delle A3 da scaricare nei transhipment 13. Il campo TIPOPROVV definisce il tipo provvista (1= merce sotto sugello, 2 = in consegna al capitano, 3 = rimanenze macchina, 4 = provv. qui imbarcate) Per quanto riguarda il punto 9 i valori imputabili sono quelli specificati da tracciati doganali e riportati di seguito (viene eseguito un controllo che testa la congruità del tipo record assegnato dall utente alle righe, relativamente al tipo manifesto). Se tale campo è vuoto la riga acquisita sarà trattata a seconda delle opzioni scelte dall utente che esegue il caricamento. MMA Record MMP Record B Sbarco D Imbarco T Transito E Transhipment L Merce comunitaria in arrivo X Merce comunitaria in partenza U Provviste G Provviste K Container vuoto K Container vuoto F Transito su gomma N Transito Nazionale S Transito Comunitario Q Transito Estero R Merce scortata da Carnet Tir Ad esecuzione avviata viene richiesto se leggere il flusso da acquisire dalla cartella di default adibita ai files doganali (..\FORSPEDG\FMT\FLUSSI\) e con la funzione F9 ottenerne la lista a video; la path può essere modificata inserendo il percorso alternativo preciso. A conferma dei dati appare la finestra della routine di conversione, cliccare su elabora per l esecuzione, come evidenziato in Figura13 Al termine è possibile visualizzare la lista dei m. in archivio, conseguentemente il m. da aggiornare (è necessario infatti definire prima dell acquisizione almeno parzialmente la testata 38

39 di un m.) Apparirà una finestra coi dati salienti della testata del m. scelto (NS MANIFESTO) affinché l utente verifichi se la selezione è corretta. Rispondendo affermativamente ( S ) alla domanda, il programma chiede quale tipo record assegnare alle righe in acquisizione Così facendo si forzerà qualsiasi tipologia presente nella colonna RECORD del foglio Excel od eventuale assegnazione automatica da parte del programma. I dati aggiuntivi vengono considerati ed attribuiti al manifesto qualora non siano compilati nel foglio Excel. Il programma memorizza gli ultimi inseriti e li ripropone per la prossima acquisizione. Questa opzione fa sì che il programma cerchi di individuare, nell archivio porti, i codici dei porti inseriti nelle colonne IMBARCO e DESTINAZIONE. In tali colonne è possibile (e consigliato) inserire già il codice del porto. Qualora non fosse possibile, ma il file presentasse solo la descrizione del porto, il Forspedg si incarica di trovarne il relativo codice (se definito nell archivio porti). Al termine dell aggiornamento è richiesto se stampare la lista delle posizioni acquisite (cioè le righe aggiunte al m.) e la lista dei tipi containers rilevati in fase di acquisizione. Quest ultima lista ha lo scopo di permettere all utente il controllo e la memorizzazione nella tabella 125 di eventuali nuovi tipi container per integrare i controlli in fase di data-entry. Prima di uscire dal programma, rispondendo affermativamente alla domanda, si entra in gestione del m. 2. Estrazione su foglio Excel Scelto il manifesto è possibile parzializzare l estrazione in base al tipo riga ed assegnare il nome al file da creare. Di default il file verrà generato nella cartella FLUSSI, è consentito comunque cambiare la cartella di destino modificando nella tabella 623 il cod. CSV per definire il percorso desiderato. La struttura del file è analoga a quella richiesta per l acquisizione. 39

40 6.4.0 STAMPA ETICHETTE CON A3 Questo programma permette di stampare i dati significativi di ciascuna partita A3 su fogli adesivi (formato A4) caricati in stampanti laser o getto d inchiostro. I fogli devono contenere 12 etichette. La centratura della stampa dev essere effettuata a seconda della stampante e dei relativi drivers. Da tenere in particolare considerazione l orientamento dei fogli se hanno margini superiori ed inferiori differenti. Viene chiesto il codice del manifesto per il quale stampare le etichette ed eventualmente il range di numeri A3 (quest ultima opzione è utile se si devono ristampare solo alcune etichette) Esempio di etichetta: UTILITY DE-FLAG PER AGGIUNTE Può capitare di trovarsi nell esigenza di dover inviare (al Telematico) più volte le stesse aggiunte di un m., sia perché il precedente invio (di aggiunte) non è andato a buon fine, sia perché ha ottenuto errori formali/sostanziali. In questi processi talvolta, anche a causa di interpretazioni non del tutto allineate dei flussi di risposta, queste righe possono essere individuate dal programma come già inviate e perciò non più considerate quali aggiunte. Il programma Utility de-flag per aggiunte ha proprio lo scopo di verificare quali righe del m. saranno considerate quali aggiunte ed eventualmente rendere tali le righe desiderate. In ingresso è richiesto il codice del m. in questione ed il tipo di righe da prendere in esame. Volendo si può restringere la ricerca facendo partire l elenco dal nr. d ordine interessato (se vuoto parte dalla prima riga). Verranno visualizzate tutte le righe relative la selezione, sulle quali sarà possibile intervenire dando invio. Togliendo dal flag la S la riga sarà considerata quale aggiunta nel prossimo flusso. 40

41 6.6.0 UTILITY DE-FLAG PER RETTIFICHE Può capitare di trovarsi nell esigenza di dover inviare (al Telematico) più volte le stesse rettifiche di un m., sia perché il precedente invio (di rettifiche) non è andato a buon fine, sia perché ha ottenuto errori formali/sostanziali. In questi processi talvolta, anche a causa di interpretazioni non del tutto allineate dei flussi di risposta, queste righe possono essere individuate dal programma come già inviate e perciò non più considerate nel nuovo flusso. Il programma Utility de-flag per rettifiche ha proprio lo scopo di verificare quali righe del m. saranno da riconsiderare ed eventualmente rendere tali le righe desiderate. In ingresso è richiesto il codice del m. in questione ed il tipo di righe da prendere in esame. successivamente verranno visualizzate tutte le righe oggetto di rettifica, sulle quali sarà possibile intervenire dando invio. Togliendo dal flag la S la riga sarà considerata quale rettifica nel prossimo flusso. 41

42 6.7.0 CANCELLAZIONE MULTIPLA RIGHE MANIFESTO Questo programma di utilità ha lo scopo di semplificare la cancellazione simultanea di più righe del m. In ingresso è richiesto il codice del m. in questione ed il tipo di righe da prendere in esame. Verranno visualizzate tutte le righe relative la selezione, sulle quali sarà possibile intervenire dando invio e marcando le righe da cancellare con *** come specificato in legenda. Ultimata la selezione battere Esc per la conferma: Conclusa la cancellazione viene richiesto se entrare in gestione del m. 42

43 6.8.0 LISTA IMBARCHI Per abilitare questo programma a menù contattare Assistenza. E stato sviluppato per Chi necessita di una stampa con l elenco di tutto ciò che va all imbarco, riepilogato in maniera concisa, da consegnare a qualche particolare Ente. In ingresso è richiesto il codice del m. in questione ed il tipo di righe da prendere in esame. Raggruppando per destinazione vengono elencate le righe secondo il porto di destino. Il layout è il seguente: 43

44 7.0.0 RETTIFICHE MANIFESTO Premessa: le rettifiche si intendono per m. precedentemente inviati al Telematico per i quali è già stato scaricato l esito positivo e aggiornato il nr. di A45 o A44 (ed eventuali nr. A3) GESTIONE RETTIFICHE CARGO Il programma presenta un filtro per visualizzare i m. dei quali si desidera generare le rettifiche. I filtri sono sul tipo manifesto ( P artenza o A rrivo) anno, protocollo e nome nave: A/P: (A)rrivo o (P)partenza Soc.: codice società attribuito ai m. Anno: anno di competenza dei m. Numero: numero del m. Nave: nome nave C/P: m. per (C)ontainer o per (P)olizza Numero: numero di A44 (se MMA) o A45 (se MMP) Data: data di assegnazione estremi (A44-A45) C : stato convalida m. R : se presente * è stata inserita almeno una rettifica per il m. in questione Visualizzata lista, per scegliere il m. al quale generare la rettifica o variare una rettifica già emessa, è sufficiente selezionare e dare invio. 44

45 Viene chiesto se si vogliono visualizzare con l opzione A le righe da rettificare, cioè le righe del m. non ancora oggetto di rettifica, con l opzione B verranno visualizzate le righe già rettificate (siano esse inviate o meno al Telematico) e con l opzione C solamente quelle rettificate positivamente. A Righe DA Rettificare Il programma richiede se si vogliono rettificare i dati di Testata ( T ), di Merce ( M ), delle Provviste ( P ) o dei containers vuoti ( K ). Per ogni tipologia è riportato il totale di righe presente nel m. ( T ) Sono proposti i dati della testata del m. ( M ) con questa opzione la ricerca delle righe avviene sul numero d ordine assegnato a ciascuna riga, sull MRN della bolla doganale, sugli estremi di registrazione della bolla doganale (quest ultime 2 opzioni riguardano ovviamente i MMP) o sull MRN dell ENS o EXS Individuata la riga desiderata ne verrà presentato il contenuto dove è possibile apportare la modifica: Esempio riga (M) Analogamente per le righe ( P ) e ( K ) si attiva la ricerca per numero d ordine (e per container nell opzione K), vengono proposti i dati suscettibili di modifica. A questo punto è possibile uscire per generare il flusso da inviare in Dogana e stampare la lista delle rettifiche oppure ritornare in variazione delle righe in rettifica: 45

46 B Righe IN Rettifica All ingresso il programma mostra i totali, per ciascuna tipologia, delle righe già oggetto di rettifica e richiede se si vogliono visualizzare i dati di Testata ( T ) di Merce ( M ), delle Provviste ( P ) o dei containers vuoti ( K ). A scelta effettuata appare la lista delle righe per le quali precedentemente erano state inserite rettifiche. Nel caso si desideri modificare ulteriormente il dato da inviare in Dogana è sufficiente selezionare la riga interessata ed apportare la correzione. I campi visualizzati in questa finestra saranno solamente quelli già oggetto di rettifica (più il nr. A3 e data A3 nei casi in cui siano presenti, come da regola del tracciato doganale). C Righe Rettificate Positivamente All ingresso il programma mostra i totali, per ciascuna tipologia, delle righe rettificate positivamente e richiede se si vogliono visualizzare i dati di Testata ( T ) di Merce ( M ), delle Provviste ( P ) o dei containers vuoti ( K ). A scelta effettuata ne appare la lista. Dando invio su riga selezionata viene mostrato il contenuto della rettifica e la segnalazione del Telematico di acquisizione positiva (vedasi Figura 14). 46

47 7.2.0 STAMPA RETTIFICHE CARGO Il filtro di selezione è lo stesso della gestione. Si chiede se stampa (E)stesa o (R)istretta, la differenza consiste nel fatto che in quella ristretta sono riportati i soli dati rettificati mentre nell estesa tutti i campi della riga in esame. Si ricorda che dopo l aggiornamento degli esiti delle rettifiche, ristampando il manifesto, quest ultimo presenterà i dati rettificati (Coloro i quali volessero disabilitare tale automatismo contattino Assistenza) FLUSSO RETTIFICHE CARGO La generazione e l invio del flusso rispecchiano gli stessi passaggi dei manifesti (vedasi da pag. 25) AGGIORNA ESITI RETTIFICHE CARGO Questa funzione è usata per i flussi inviati in HTTP ( è bene ricordare comunque che, a fronte di flusso con esito positivo sia esso in modalità FTP o http, i dati del m. saranno automaticamente modificati in base alle rettifiche emesse, Coloro i quali volessero disabilitare tale automatismo contattino Assistenza). I passaggi sono identici a quelli della aggiornamento esiti del m. descritti a pag. 29. Dopo aver scaricato l esito positivo il programma riporta la conferma di rettifica acquisita positivamente sulle righe dichiarate: Figura14 47

48 8.0.0 ACQUISIZIONE DATI ENS L acquisizione accetta in ingresso le coppie di files in formato doganale dei flussi (IDOC cioè flusso di invio es. *.T01, col rispettivo IRISP cioè flusso di esito positivo es. *.W01), relativi alle dichiarazioni sommarie di entrata (ENS) depositati in una cartella identificata all atto dell installazione ACQUISIZIONE DATI DA FLUSSI ENS Lanciando l acquisizione il programma chiede conferma di lettura files dalla cartella prestabilita, è possibile comunque fornire un percorso alternativo. Questa funzione manualmente consente di accettare un file per volta (si specifica il file con estensione *.T ed il programma in automatico intercetta nella stessa cartella il file di esito). E comunque possibile temporizzare ad intervalli prestabiliti una pianificazione che si attiva ed acquisisce l intero contenuto della cartella. In entrambe le modalità i files acquisiti correttamente verranno spostati nella sottocartella CARICATI mentre i files non andati a buon fine saranno spostati nella cartella SCARTATI GESTIONE DATI ENS Tramite la Gestione dati ENS è possibile monitorare, visionare, modificare e stampare quanto acquisito. In ingresso è richiesto: l anno per il quale consultare l archivio, per quale data di arrivo (presente nelle dichiarazioni) e la chiave di ricerca (Ufficio Ingresso, MRN, vettore ecc.). Lasciando vuota la data (e per esempio con selezione sull MRN) si ottiene una lista come da immagine che può essere utile per avere una panoramica su quanto acquisito e di facile consultazione: 48

49 Dando invio sulla dichiarazione sommaria desiderata si entra in gestione dei dati in essa contenuti dov è possibile, se necessario, effettuarne la modifica: Se è presente S su: Itinerario, Uffici successivi al primo e Sigilli significa che tali dati sono valorizzati e quindi e possibile intervenire, confermando, tramite l apposita finestra, come evidenziato in figura Con la Gestione dati riferimenti trasporto si visualizzano i Soggetti presenti nell ENS Di seguito i tasti funzione: 49

50 Testata: riporta il cursore ad inizio maschera Stampa: stampa i dati della dichiarazione Merci: permette di gestire i singoli della dichiarazione sommaria, viene richiesto di posizionarsi al visualizzata la lista: e conseguentemente viene N.b.: il flag di riga operativa può assumere i valori presentati in tabella, rispettivamente se sarà considerata in fase di travaso nel manifesto A non sarà considerata in fase di travaso nel manifesto R sarà considerata in fase di travaso nel manifesto, ma resterà traccia che differisce dall ENS originario Fine: ritorno alla lista ENS acquisiti 50

51 8.0.3 CREAZIONE MMA DA ENS E consentito generare un manifesto attingendo i dati da uno o più ENS. In ingresso, per visualizzare e scegliere le dichiarazioni desiderate, è presentata la medesima selezione della Gestione (vedasi pag. 48). Per marcare gli ENS da considerare nell operazione di creazione è sufficiente dare invio ed apparirà un * a fianco di ciascuna riga: e battendo ESC uscirà la richiesta E bene notare che anche con l opzione 1 il m. necessita dell intervento dell utente per completare i dati di testata in quanto la dichiarazione non contempla tutti i dati richiesti per il flusso telematico dell MMA. Ciò non toglie che si possano integrare queste informazioni se presenti nel m. definito come standard (*) Si ricorda che il programma esegue il test secondo il quale, nel caso si scelgano più dichiarazioni sommarie, quest ultime abbiano la stessa data di arrivo in UE e siano appartenenti alla stessa nave (controllo su codice IMO). In caso contrario il processo verrà inibito e notificato. Terminata la procedura è possibile entrare direttamente in gestione m VISUALIZZA FLUSSI ENS ACQUISITI Questo programma permette di controllare l esito delle acquisizioni ed eventuale motivo di rifiuto. 51

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Progettazione e sviluppo di un sistema di tracciabilità e rintracciabilità di filiera AZIENDE DI STOCKAGGIO

Progettazione e sviluppo di un sistema di tracciabilità e rintracciabilità di filiera AZIENDE DI STOCKAGGIO ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SpA Sede Legale: Via Lungarno - 52028 - Terranuova Braccioini (AR) - Tel. 055/9197.1 (R.A.) - Fax 055/9197515 Filiale di Parma Via B. Franklin n.31 43100 Tel. 0521/606272 Fax.

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO.

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO. Operazioni preliminari Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.0.0 Prima di installare la nuova versione è obbligatorio eseguire un salvataggio completo dei dati comuni e dei dati di tutte le aziende di lavoro.

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Protocollo... 9 Inserimento nuovo protocollo... 11 Invio SMS... 14 Ricerca... 18 Anagrafica...

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI

GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI 1. Dotazioni informatiche minime: Pc con accesso ad internet Contratto Telemaco

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A Comunicazione Spesometro 2 Attivazione 2 Configurazioni 3 Classificazione delle Aliquote IVA 3 Dati soggetto obbligato 4 Opzioni 5 Nuovo adempimento 6 Gestione

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Teorema New Gestione condominio

Teorema New Gestione condominio Teorema New Gestione condominio manuale per l'utente 1 Indice Introduzione e condizioni di utilizzo del software La licenza d'uso Supporto tecnico e aggiornamenti I moduli e le versione di Teorema per

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico. Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma

Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico. Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma 1 Il Momento Legislativo Istruzioni stampa Messaggi e Ricevute relative

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

SID - GESTIONE FLUSSI SALDI

SID - GESTIONE FLUSSI SALDI Dalla Home page del sito dell Agenzia delle Entrate Cliccare sulla voce SID Selezionare ACCREDITAMENTO Impostare UTENTE e PASSWORD Gli stessi abilitati ad entrare nella AREA RISERVATA del sito (Fisconline

Dettagli

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Pratiche... 10 Anagrafica... 13 Documenti... 15 Inserimento nuovo protocollo... 17 Invio

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO

PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO Informazioni generali Il programma permette l'invio di SMS, usufruendo di un servizio, a pagamento, disponibile via internet. Gli SMS possono essere

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

MANUALE UTENTE CARICO MASSIVO ANAGRAFICA PRODOTTI INDICE DEL DOCUMENTO 1 Introduzione... 1-1 Contenuto del documento...... 1-1 2 Template file Excel... 2-2 3 Carico prodotti... 3-4 4 Caricamento tabella

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MODELLO S1 TRASFERIMENTO SEDE DA ALTRA PROVINCIA ISTRUZIONI TRIVENETO PARAGRAFO 5.4 E 12.4 Si fa presente

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Figura 1 - Schermata principale di Login

Figura 1 - Schermata principale di Login MONITOR ON LINE Infracom Italia ha realizzato uno strumento a disposizione dei Clienti che permette a questi di avere sotto controllo in maniera semplice e veloce tutti i dati relativi alla spesa del traffico

Dettagli

Guida al sistema Bando GiovaniSì

Guida al sistema Bando GiovaniSì Guida al sistema Bando GiovaniSì 1di23 Sommario La pagina iniziale Richiesta account Accesso al sistema Richiesta nuova password Registrazione soggetto Accesso alla compilazione Compilazione progetto integrato

Dettagli

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A.

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Gestione Contabile : Piano dei conti : Suddivisione a 2 o 3 livelli del piano dei conti Definizione della coordinata CEE a livello di piano dei conti

Dettagli

SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie [COB] Import massivo XML. ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01)

SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie [COB] Import massivo XML. ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01) SINTESI Comunicazioni Obbligatorie [COB] XML ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01) Questo documento è una guida alla importazione delle Comunicazioni Obbligatorie: funzionalità che consente di importare

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Manuale Operativo Pro-net

Manuale Operativo Pro-net Manuale Operativo Pro-net Protocollo Informatico a norme CNIPA Tutti i diritti riservati. Aggiornato alla rel. 9.11 A.P.Systems. S.r.l. Versione 1.3 Pagina n. 1 Introduzione alla Procedura La procedura

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT PMS SYSTEM PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT Giovanni Serpelloni 1), Massimo Margiotta 2) 1. Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria Azienda

Dettagli

L Evoluzione del Software per la Gestione Aziendale

L Evoluzione del Software per la Gestione Aziendale L Evoluzione del Software per la Gestione Aziendale GAMMA EVOLUTION Caratteristiche Funzionali Con la sua impostazione modulare, GAMMA EVOLUTION fornisce gli strumenti per una completa ed efficace gestione

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2013 Progetto Istanze On Line ESAMI DI STATO ACQUISIZIONE MODELLO ES-1 ON-LINE 18 Febbraio 2013 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 COMPILAZIONE DEL MODULO

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Configurazione Area51 e Bilance Bizerba

Configurazione Area51 e Bilance Bizerba Configurazione Area51 e Bilance Bizerba Ultimo Aggiornamento: 20 settembre 2014 Installazione software Bizerba... 1 Struttura file bz00varp.dat... 5 Configurazione Area51... 6 Note tecniche... 8 Gestione

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile

DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile GUIDA AI SERVIZI DESIOLINE DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile Versione 1.8 del 10/6/2013 Pagina 1 di 96 Documentazione destinata all uso da parte dei clienti

Dettagli

Primi passi con ChemGes

Primi passi con ChemGes Descrizione Primi passi con ChemGes DR Software Version 40.0 Sommario Introduzione... 1 Start del programma... 1 Ricercare e visualizzare delle sostanze... 1 Immissione di materie prime... 4 Immissione

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

1 Configurazioni SOL per export SIBIB

1 Configurazioni SOL per export SIBIB Pag.1 di 7 1 Configurazioni SOL per export SIBIB Le configurazioni per l export dei dati verso SIBIB si trovano in: Amministrazione Sistema > Import-Export dati > Configurazioni. Tutte le configurazioni

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Guida ai servizi online della Provincia di Milano

Guida ai servizi online della Provincia di Milano Guida ai servizi online della Provincia di Milano - 1 - Il servizio CPI On line consente a tutti gli iscritti ai Centri per l impiego della Provincia di Milano di visualizzare, modificare e stampare alcune

Dettagli