GUIDA ALL UTILIZZO DI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA ALL UTILIZZO DI"

Transcript

1 GUIDA ALL UTILIZZO DI Versione programma di riferimento: (2011)

2 Documentazione a cura di Avis Provinciale Piacenza Microsoft, Windows, Windows 95, Windows 98, Windows 2000, Windows XP, Windows Vista, Windows Seven, Windows 2000 Server, Windows 2003 Server, Windows 2008 Server Office, Office 97,Office 2000, Office 2003, Office 2008, Office 2010 Word, Excel, Access Microsoft Terminal Server e Microsoft SQL Server 7.0, Microsoft SQL Server 2000, Microsoft SQL Server 2005, Microsoft SQL Server 2008 sono marchi registrati di MicrosoftCorporation. Acrobat Reader è un marchio registrato di Adobe System Inc. 2

3 Sommario Guida AVISNet UTILIZZARE AVISNET... 4 INSERIMENTO NUOVO DONATORE... 6 INSERIMENTO DONAZIONI... 7 IL PASSAGGIO DI STATO ASSOCIATIVO... 9 PASSARE AD EFFETTIVO UN DONATORE DIMETTERE UN DONATORE ESEGUIRE GLI ALTRI PASSAGGI DI STATO TRASFERIMENTI RICHIESTA DI TRASFERIMENTO COME EFFETTUARE UN TRASFERIMENTO RICEVERE UN TRASFERIMENTO CHIUDERE UN TRASFERIMENTO CONVOCAZIONI PREPARAZIONE LETTERE GESTIONE DEI MODELLI DI STAMPA CONFIGURAZIONE DELLA MAIL CREAZIONE NUOVO TEMPLATE SMS MODIFICARE UN TEMPLATE SMS CHIAMATA DEI DONATORI CONVOCAZIONE BENEMERENZE TOLLERANZE PER L ATTRIBUZIONE DELLE BENEMERENZE ATTRIBUZIONE BENEMERENZE STAMPA LIBRO SOCI STATISTICHE STATISTICHE DONAZIONI STATISTICHE DONATORI STAMPE ALTRE STATISTICHE MISCELLANEA SINCRONIZZAZIONI CREDITS

4 UTILIZZARE AVISNET Guida AVISNet Per usare correttamente AVISNet occorre innanzitutto iniziare a ragionare sulla sua logica. Come canone fondamentale vi è da capire che con il programma va gestita interamente la parte associativa dell Avis e che qualsiasi persona che ha a che fare con questa associazione deve essere inserita nel programma a partire dall idoneità per arrivare al donatore che non dona più, ai collaboratori, ai non idonei. Per fare questo e per pagare correttamente le quote associative per ogni persona inserita nel programma è associato uno stato associativo ovvero il ruolo della persona in quel momento nell associazione. Gli stati associativi previsti dallo statuto e quindi dal programma sono 8 (più uno che useremo per comodità), come visibile in figura sono rappresentati da un colore, bianco per i primi due, verde per il donatore effettivo, rosso per i successivi 4 e giallo per i collaboratori Per essere precisi un donatore appena viene a contatto con l associazione viene subito inserito a sistema, generalmente come candidato donatore; appena la sezione riceve gli esami i casi sono 3: o passa ad aspirante dimesso, o aspirante idoneo o collaboratore; se gli esami sono ok passerà ad aspirante idoneo, se gli esami non vanno bene passerà ad aspirante dimesso oppure socio collaboratore. A livello di quote associative non muta niente, difatti le quote associative vengono pagate solo per gli stati verdi, gialli e uno rosso ovvero per i donatori effettivi, i collaboratori ed i collaboratori ex donatori. Ad ogni donatore, in qualsiasi stato viene comunque assegnato automaticamente un numero di tessera che può essere fittizio per gli stati aspiranti oppure definitivo per gli stati restanti. Siamo rimasti all aspirante idoneo, stato che, assieme all effettivo ed al collaboratore idoneo, è convocabile per la donazione. 4

5 Appena fa la prima donazione(o la seconda, dipende da come si è abituati in sezione) il donatore va passato ad effettivo, stato nel quale verrà assegnato automaticamente un numero di tessera dal sistema. Arriverà poi un momento che il donatore da effettivo non donerà più ed anche qui i casi sono 2, o passa a emerito o dimesso. Nel caso il donatore comunque collabora ancora con la sezione il donatore passerà allo stato di donatore emerito, mentre nell altro caso il donatore, che non collabora e non dona sarà un donatore dimesso. Analizziamo ora il caso del donatore collaboratore, donatore che non dona oppure non può donare, non ha mai donato ma collabora attivamente con la sezione, ovviamente non è convocabile ma viene comunque considerato come un donatore. Una volta che non collaborerà più verrà passato allo stato di ex collaboratore. Per farvi un sunto posto uno schema riassuntivo degli stati associativi di facile interpretazione. CANDIDATO DONATORE COLLABORATORE ASPIRANTE IDONEO COLLABORATORE IDONEO ASPIRANTE DIMESSO EFFETTIVO EX COLLABORATORE DONATORE DIMESSO COLLABORATORE EX DONATORE Prima abbiamo detto più volte che un donatore una volta inserito passa da uno stato all altro in base al suo ruolo, ho ripetuto tantissimo che il suo stato passa ma non ho spiegato come. Per far cambiare lo stato del donatore si utilizza un insieme di procedure chiamate passaggio di stato associativo, procedure che appunto permettono di far variare lo stato del donatore con un semplice click. È molto importante eseguirli spesso e con molta attenzione perché gli stati associativi poi determinano le quote associative da pagare e soprattutto se il soggetto è convocabile per i prelievi oppure no. 5

6 INSERIMENTO NUOVO DONATORE Guida AVISNet Per inserire un nuovo donatore portarsi nel menù donatori e selezionare la voce Donatori. Nella schermata di destra cliccare sul bottone nuovo se i campi sono già compilati e compilarli secondo la domanda di iscrizione; consiglio di comporre anche i dati aggiuntivi, i dati ematici e le preferenze sulle donazioni. Finito il tutto fare click su aggiungi. Il donatore che si crea avrà come stato associativo l 1 ovvero aspirante donatore. Appena si riceveranno gli esami andrà fatto un passaggio di stato associativo ad aspirante idoneo e a quel punto il donatore sarà convocabile e alla fine dopo n donazioni verrà passato ad effettivo (con n minore o uguale a 5). Lo stato associativo di partenza non si può modificare e dovrà essere per forza l 1. Per un corretto funzionamento del programma e per sfruttarne appieno le funzionalità consiglio di inserire il donatore al momento dell idoneità, ovvero alla suo primo ingresso in sezione. In questo modo avremo una visione corretta delle idoneità, una maggior semplificazione delle convocazioni e soprattutto un minor margine di errore o scambi di donatori che adesso avvengono. 6

7 INSERIMENTO DONAZIONI Guida AVISNet Illustro ora la procedura per inserire correttamente le donazioni precisando che tali operazioni possono essere svolte durante il prelievo ma anche IMMEDIATAMENTE dopo il prelievo in quanto l equipe itinerante lascerà in sezione numero 2 etichette con i numeri sacca della donazioni con la dicitura AVIS- NET. Per le prime volte almeno vi consiglio di farlo a prelievo finito così avete meno problemi e soprattutto siete concentrati appieno sul programma. Per inserire le donazioni fare click sul menù donatori e selezionare donazioni. Esattamente come per la schermata delle anagrafiche questa schermata si suddivide in due parti: quella di sinistra che è la classica area di ricerca nella quale si può ricercare le donazioni per esempio da una data ad un altra, mentre la parte di destra è la parte di inserimento della donaizone. Per inserire una donazione quindi dovete mettervi a scrivere sulla parte di destra. Vedete subito che appaiono già compilate alcune informazioni tipo la data che è sempre quella odierna, il tipo donazione, il punto prelievo. Quelle sono le informazioni che sono standard ma che vanno sempre controllate. Inseriamo ora il primo prelievo partendo dalla prima cosa, la data: controlliamo bene che la data sia giusta perché è molto facile sbagliarsi. Successivamente va inserito il donatore. Per inserire il donatore basta fare click sulla lente di ingrandimento sulla destra della casella e si aprirà la schermata di ricerca; ricerchiamo il donatore e facciamo doppio click sul nome(oppure una volta selezionato schiacciamo su ok). 7

8 A questo punto vedrete che si compilerà il nome, passiamo sotto, al numero sacca. Come ben sapete ogni donazione è caratterizzata da un codice a barre con un preciso numero sacca. L equipe vi lascerà ogni prelievo i numeri sacca di ogni prelievo e voi, o a mano o con il lettore codice a barre compilerete il campo. Vedete che di default vi sono già compilate due cifre che sono le finali dell anno. Questo è per rendere univoche le numerazioni delle sacche. Difatti il codice a barre è tipo 98100xxxxx. Lasciate il default e aggiungete sulla destra il numero sacca della donazione ottenendo così xxxxx. In questo modo abbiamo associato la sacca al donatore. Controllate infine i campi successivi che sono relativi al punto di prelievo (itinerante val d arda, itinerante provinciale ) il tipo di donazione che naturalmente è sangue e il tipo di sacca che, salvo diversa indicazione è tripla. Alla fine di tutto cliccare su inserisci e si è inserita la donazione. Così per ogni prelievo effettuato. Per chi ha il lettore ccd anziché scrivere il numero della sacca sarà sufficiente schiacciare il pulsante e si compilerà da solo il tutto. 8

9 IL PASSAGGIO DI STATO ASSOCIATIVO Per cambiare lo stato associativo di un donatore vi è da attenersi strettamente alla sottostante procedura: dal menù Donatori selezionare la voce Passaggio di stato associativo Si aprirà una finestra che mostra la procedura guidata. Nella parte alta della videata vi è il solito form di ricerca del donatore nel quale possiamo effettuare dei filtri di ricerca (ad esempio Nome, cognome, stato associativo attuale..) oppure, senza effettuare alcun filtraggio cliccando semplicemente sul tasto Ricerca. Apparirà immediatamente il risultato della vostra ricerca evidenziandovi il Codice, Nome, Cognome e tutti i dati anagrafici dei donatori che soddisfano le condizioni da voi richieste con un quadrato bianco alla sinistra del codice di ogni donatore. Con il tasto sinistro del mouse cliccare SELETTIVAMENTE (la procedura vale solo per un donatore alla volta) sul donatore a cui vogliamo cambiare lo stato associativo. Una volta selezionato vi è da indicare lo stato associativo di arrivo nell apposito menù situato nella parte sottostante dello schermo (naturalmente se ho un donatore che è aspirante idoneo e voglio renderlo effettivo lo stato associativo di arrivo sarà appunto effettivo ). Nella selezione dello stato associativo di arrivo verranno visualizzati solo i passaggi possibili: se ho un donatore allo stato 1 (aspirante donatore) non posso passarlo direttamente allo stato 3 (effettivo) ma (per statuto) prima deve essere idoneo. Per qualsiasi aiuto vi possa servire fate riferimento al diagramma di flusso sopra riportato nel primo paragrafo che vi aiuterà a capire le possibilità di passaggi seguendo l orientamento delle frecce. Detto questo piccola digressione su passaggi specifici: 9

10 PASSARE AD EFFETTIVO UN DONATORE Una volta scelto Effettivo dal menù Stato associativo di arrivo premere il bottone Esegui passaggio di stato. Una volta cliccato apparirà a video un messaggio che chiede la conferma della scelta chiedendo se si vuole proseguire, consiglio di ricontrollare le scelte fatte e, se tutto è corretto, premere SI. Subito dopo apparirà un messaggio a video recante la scritta Il nuovo codice donatore è 25/345 con 25 = sezione di appartenenza e 345 = Numero tessera. Una volta eseguito il passaggio di stato a effettivo, come avete appena appurato, il programma calcola automaticamente il numero di tessera da assegnargli e non è possibile cambiarglielo. Nel caso in sezione avete un numero di tessera differente comunicatelo via mail a Grazia mettendo come oggetto della mail CAMBIO NUMERO TESSERA DONATORE e come messaggio specificate Nome e Cognome del donatore, Numero di tessera assegnata da AvisNet e Numero di tessera assegnato da voi in sezione. DIMETTERE UN DONATORE Come per il passaggio di stato a Effettivo selezionare nel menù stato associativo di arrivo la voce Dimesso (Nel caso di Aspirante la voce sarà Aspirante dimesso ). Una volta selezionato lo stato associativo di arrivo posizionarsi nel riquadro sottostante per selezionare il tipo di dimissione. Per vedere le possibili cause di dimissioni cliccare sul cannocchiale sulla destra del riquadro Tipo di dimissioni, si aprirà una finestra e con un doppio click del mouse selezionare la voce desiderata. 10

11 Una volta selezionata la causale di dimissione fare click su Esegui. Per questo particolare passaggio il programma non assegna il numero di tessera ma mantiene quello precedente cambiando semplicemente lo stato. Il tutto perché nell eventualità ritornasse a donare (sempre da statuto) il numero di tessera dovrà essere il primo che gli è stato assegnato; basterà semplicemente, con un altro passaggio di stato associativo riportarlo ad effettivo. ESEGUIRE GLI ALTRI PASSAGGI DI STATO Per eseguire gli altri passaggi di stato associativo la procedura è del tutto similare a quella vista in precedenza ovvero, una volta individuato il donatore da cambiare lo stato associativo fare vistare il quadrato bianco alla sinistra del suo stato associativo, selezionare lo stato associativo nel quale si vuole portare il donatore e infine cliccare su esegui passaggio di stato. Ribadisco che nella selezione dello stato associativo di arrivo verranno visualizzati solo i passaggi possibili: se ho un donatore allo stato 1 (aspirante donatore) non posso passarlo direttamente allo stato 3 (effettivo) ma (per statuto) prima deve essere idoneo. 11

12 TRASFERIMENTI Guida AVISNet Ricordando che il programma è di natura provinciale e che tutti i donatori che hanno almeno fatto una donazione dal 2007 nella provincia di Piacenza sono sicuramente inseriti a programma nella propria sezione di tessera vi ricordo che in caso di trasferimento di un donatore da una comunale all altra è necessario seguire strettamente la procedura sotto descritta e non di inserire il donatore come proprio nuovo donatore (procedura errata anche per il calcolo delle benemerenze tra latro). RICHIESTA DI TRASFERIMENTO Per comodità supponiamo che il donatore Bocciarelli Silvano chieda di essere trasferito dalla sezione di Alseno alla sezione di Cadeo. Vi illustro la prassi e le procedure da inserire. Per un donatore invece che viene da fuori provincia facciamo come siamo soliti fare e inseriamolo come nuovo donatore. Per richiedere un trasferimento (rimaniamo nell esempio sopra indicato) la procedura che eravamo soliti fare era da parte dell AVIS di Cadeo una lettera indirizzata all AVIS di Alseno richiedendo la cartella clinica del donatore. Con AvisNet e soprattutto con l uniformità delle caselle di posta elettroniche di TUTTE le sezioni comunali l utilizzo delle lettere, oltre che costoso e lento, è inefficiente. La procedura che vi consigliamo di eseguire è la seguente: L AVIS comunale di Cadeo (attenedoci sempre all esempio)manda una mail alla sezione di Alseno e per conoscenza a Grazia ( ) recante come oggetto la dicitura TRASFERIMENTO BOCCIARELLI SILVANO e come corpo i dettagli del donatore. Il corpo potrebbe essere per esempio: -Con la presente la scrivente AVIS Comunale di Cadeo,per conto del donatore BOCCIARELLI SILVANO nato il e iscritto presso la Vostra sezione chiede di essere trasferito presso di noi, f.to.. A questo punto non resta che attendere che Alseno effettui il trasferimento con AVISNet. COME EFFETTUARE UN TRASFERIMENTO Per effettuare un trasferimento dalla propria AVIS ad un altra nella provincia (se il donatore si trasferisce fuori provincia va semplicemente dimesso e come causale la numero 3 ovvero trasferito fuori provincia) come prima cosa selezionare il donatore la menù Donatori, Donatori, portarsi nella finestra di riepilogo e nel campo Note riportare la seguente dicitura: (sempre attenendosi all esempio iniziale) TRASFERIRE DA ALSENO A CADEO ed infine premere su Modifica. 12

13 A questo punto portarsi nella schermata di anagrafica. Alla destra del numero di Sezione ed alla Sinistra del numero di tessera vi è una freccia blu girata verso destra. 13

14 Cliccandola si aprirà un menù, cliccare a questo punto su ok. Ora il donatore è stato trasferito. RICEVERE UN TRASFERIMENTO Naturalmente se si riceve un trasferimento molto probabilmente è atteso da voi in quanto avete mandato un mail per richiederlo appunto. Non vi sono particolari avvisi o meglio durante l importazione, se siete attenti, riconoscete se è arrivato un trasferimento semplicemente notando che di fianco alla scritta trasferimenti anziché esserci il solito 0 noterete di spicco un 1 o comunque un numero diverso da 0 (dipende da quanti soci si sono trasferiti presso di voi). Una volta importati i dati (che vi siete accorti della presenza del trasferimento oppure che non ve ne siete accorti) voi lavorate normalmente e il programma non vedrà ne ancora il donatore. All avvio successivo del programma apparirà però la seguente schermata(sempre attenendoci all esempio sopra riportato): Con questa procedura il programma assegnerà al nuovo donatore l ultimo numero di tessera disponibile (per lo stato in cui si trova) e il trasferimento è concluso qua. Se si trasferisce un donatore effettivo, la nuova sezione erediterà lo stato associativo di partenza, come prevede lo statuto. CHIUDERE UN TRASFERIMENTO Tecnicamente le operazioni di trasferimento si concludono al ricevimento del donatore dalla sezione, è sempre comunque buona prassi mandare una mail all ufficio provinciale, nello specifico a Grazia all indirizzo per avvisare del corretto trasferimento eseguito. È molto importante chiudere ed eseguire la trafila sia per avere un monitoraggio completo del programma a livello provinciale, sia per poter intervenire in caso di ritardi causa la mancata comunicazione o di problemi sui dati. 14

15 CONVOCAZIONI Guida AVISNet Questa è l operazione più delicata di tutto il programma, quella che non ammette errori. Le convocazioni sono divise principalmente in due fasi, la prima di configurazione delle metodologie e la seconda di convocazione. Con AVISNet si possono gestire le chiamate via cartacea (lettere, etichette, buste personalizzate o con la stampa di un elenco telefonico), tramite SMS e tramite . Tutte queste fasi hanno bisogno di una fase iniziale di configurazione per poi averle in ordine al momento dell invio. PREPARAZIONE LETTERE Tutte le stampe sono gestite da dei modelli personalizzabili che si trovano in disco locale C\Programmi\ AVISNet\ Modelli. Sono dei modelli apribili con il programma Microsoft Office Word e si possono modificare a piacimento avendo avvertenza di non modificare i campi unione che gestisce il programma e sono caratterizzati o dall essere delimitati con delle virgolette (es: «Nome») oppure da dei segnalibri (es : bkmnome). Questi campi servono al programma per scrivere e personalizzare la lettera per ogni donatore. Si possono spostare all interno del testo, copiare, formattare ma non modificare. In caso di danneggiamenti potete scaricare i modelli base dal sito ed adattarli alle vostre esigenze. GESTIONE DEI MODELLI DI STAMPA Tutti i modelli che sono nella cartella servono o serviranno per il corretto funzionamento di Avisnet e sono spesso definiti per default, ovvero ad ogni operazione il programma sa che per stampare deve andare a recuperare il determinato modello con il determinato nome. Per settare queste impostazioni basta andare sul menù strumenti e selezionare modelli di stampa, si aprirà una schermata dove i primi tre tab (stampe generali, personali e altre stampe) definiscono per le azioni i modelli associati, per cambiare un modello è sufficiente cliccare sulla cartella alla destra, selezionare il percorso il modello e dare ok. 15

16 CONFIGURAZIONE DELLA MAIL Guida AVISNet Una delle ultime funzionalità di AVISNet consente di inviare automaticamente delle mail ai donatori per segnalargli la donazione. Prima di tutto occorre settare i parametri della propria mailbox. Nell esempio vi farò vedere i parametri da inserire per la ma potete usare qualsiasi indirizzo di posta elettronica settandolo correttamente. Per andare nella pagina di configurazione cliccare sul menù strumenti, modelli di stampa, . Quella sarà la schermata usata per gestire i parametri della mail, ma anche il testo del messaggio. Per configurare la mail di avis.it i parametri di configurazione sono i seguenti: SMTP Server Host: mail.avis.it SMTP Server port: 25 SMTP Server User name:la vostra (es: SMTP Server Password: la vostra password Indirizzo mittente: la vostra (es: Descrizione mittente il nome della vostra comunale (es: AVIS Comunale Alseno) E la parte di configurazione è finita. Per settare la mail vi consiglio di cliccare sulla flag mail formattabile così vi aprirà un editor di testo tipo word e potete scrivere la mail in comodità, inserire immagini e cambiare colori del testo. È inoltre possibile mandare delle mail personalizzate utilizzando i parametri, inserendo (occhio alle maiuscoleminuscole) i seguenti parametri: <DataConvocazione> <Tesserino> <CognomeNome> <Cognome> <Nome> <TipoDonazione> 16

17 CREAZIONE NUOVO TEMPLATE SMS Per utilizzare le convocazioni via sms occorre prima di tutto creare un template sms, una sorta di maschera che dice al programma il testo dei messaggi ed anche i suoi parametri, un po come i modelli di stampa, solo che anziché averli reimpostati vanno settati prima, se si crea un template ben parametrizzato basta settarlo solo una volta e poi, con l uso dei parametri, basta cambiare tutte lo volte per esempio il giorno. Per la creazione di un template si può utilizzare la procedura guidata di AVISNet, basta andare sul menù strumenti, template sms, wizard e apparirà una schermata che richiede un nome template e una descrizione. Sono dei dati puramente indicativi e che vi serviranno per distinguere un template da un altro. Per esempio possiamo mettere come nome Convocazioni standard e come descrizione Convocazioni 2011 e poi cliccare avanti per proseguire con la creazione. Ora possiamo inserire i parametri. Qua è utile fare una piccola digressione. I parametri inseribili sono infiniti (ricordiamoci sempre comunque che un sms può contenere al massimo 160 caratteri) e che, a differenza delle lettere o mail i parametri degli sms sono di due tipi: o campi o testo libero. Questa distinzione è stata fatta per comodità e per poter riutilizzare il template più volte. I campi sono quei valori che il programma interpreta dinamicamente SMS per SMS e sono principalmente nome, cognome, data donazione (gg/mm/aaaa), tipodonazione, numero tessera. Il testo libero è invece un parametro che non è interpretato dal programma e che viene inserito all invio degli sms e sarà uguale per tutto quell invio e può essere, per esempio, il giorno del prelievo formattato diversamente (sabato 21 gennaio ) Fatta questa premessa che sarà utile anche per dopo, in questa fase dobbiamo decidere se e quanti parametri ci dovranno essere nel template. Per esempio io ho sempre usato come parametri giorno e nome che indica il giorno del prelievo formattato 21 gennaio per esempio ed il nome del donatore. Tuttavia è possibile cliccare direttamente su avanti e non inserire nessun parametro. Per inserire un parametro posizionarsi sulla destra di parametri, inserire il nome parametro (nel nostro esempio nome) e cliccare su inserisci, per inserire ulteriori parametri basta ripetere la procedura; al termine cliccare su avanti. 17

18 Vedrete che nella schermata successiva, l ultima, compaiono (se li avete specificati) i parametri che avete inserito prima. Posizionatevi con il cursore all inizio del messaggio e iniziate a scrivere il testo del messaggio come volete impostarlo fermandovi quando arrivate a scrivere il punto relativo al parametro. Per esempio solitamente scrivo Ciao e poi voglio scrivere il nome del donatore. A quel punto devo inserire subito dopo il parametro. Nel caso il parametro sia preceduto da un altro parametro (per esempio vedete *Giorno* *Nome*) e voi volete usare il secondo basta selezionare con il mouse il parametro, facendo attenzione di inserirci anche gli asterischi, cliccare il tasto destro e fare click su taglia, andare con il cursore appena dopo l ultima parola che vogliamo inserire prima del parametro (ad esempio dopo ciao) e fare click con il tasto destro del mouse e fare click su incolla. 18

19 E così facendo andiamo avanti fino a completare tutto il testo dell sms. A lavoro ultimato cliccare su fine per terminare la procedura e procedere con la convocazione per l invio del testo. Al click su fine vi sarà un messaggio di conferma, cliccare su ok e proseguire con l invio delle convocazioni. 19

20 MODIFICARE UN TEMPLATE SMS Guida AVISNet Abbiamo visto come creare un template sms, solo che molte volte conviene semplicemente modificare un template piuttosto che crearne sempre uno nuovo. Per modificare i template basta andare dal menù strumenti in template sms, gestione e vi apparirà una schermata con la parte di destra di dettaglio e la parte di sinistra di ricerca. Cliccando sul tasto ricerca estrapolerete tutti i template sms che avete creato. Cliccando nella parte inferiore sul messaggio che volgiamo modificare vedrete che verrà riportato nella parte di destra 20

21 Per modificare il template è sufficiente posizionarsi con il cursore nel testo del messaggio ed editarlo a piacere. È inoltre possibile aggiungere e rimuovere parametri. Per rimuovere dei parametri basta cliccare sul nome del parametro e cliccare su rimuovi nella parte di destra, per aggiungere parametri è sufficiente scrivere il nome del parametro e cliccare sul bottone inserisci al centro della pagina. Verrà inserito nel testo del messaggio, posizionatelo con il copia-incolla dove vi server. Alla fine di tutto cliccate sul tasto modifica in fondo alla pagina e poi uscite per effettuare l invio. 21

22 CHIAMATA DEI DONATORI Guida AVISNet Premetto che la procedura che vi illustrerò è puramente standard, ma non deve essere vista come l unica procedura o la procedura corretta per fare le convocazioni alla donazione. Iniziamo con l entrare nel menù delle convocazioni selezionando dal menù donatori la voce Convocazione alle donazioni. Si aprirà subito la schermata sottostante. Su questa schermata faccio subito notare un termine che ricorrerà spesso: Criterio non selettivo. Se selezioniamo questa voce il programma ignorerà i criteri di scelta ed estrarrà tutti i dati. Un errore frequente che ho visto tra le comunali è quello di mettere subito in alto sopra a ASPIRANTE IDONEO ED EFFETTIVO il criterio non selettivo. In questo modo dico al programma di non effettuare alcun filtro sullo stato associativo quindi si includono nell elaborazione anche i donatori dimessi o i collaboratori (non propriamente opportuno per la chiamata alla donazione). Allora, vista la prima cosa da non fare, ovvero la spunta del criterio non selettivo in alto ai donatori impostiamo subito la data del prelievo nel menù di destra e indichiamo nel basso se si vuole effettuare un filtro sui giorni preferenziali per la donazione. Ora di solito e per comodità io imposto criterio non selettivo ma non è un obbligo, come per esempio posso filtrare ulteriormente le convocazioni restringendo alche l età dei convocabili oppure convocare per un periodo specifico Fatto questo passiamo alla seconda schermata delle convocazioni cliccando sulla scritta sangue poco più in alto della scelta dello stato associativo dei donatori da convocare. 22

23 La schermata successiva è la classica schermata da selezionare (almeno per la maggior parte dei casi della nostra raccolta) tutto con criterio non selettivo. Tramite questa schermata impongo dei filtri di ricerca sul gruppo sanguigno dei donatori che possono donare. Naturalmente in caso di carenza di un particolare gruppo sanguigno risulta molto utile filtrare i campi per gruppo sanguigno altrimenti la nostra classica raccolta è su base prendiamo chiunque impostiamo quindi criterio non selettivo in alto oppure sui particolati campi (gruppo, rh kell ). 23

24 Fatto questo passiamo all ultima schermata, quella recante la scritta Donazione e convocazione. Nella prima parte della videata si notano i tipi di donazioni possibili. Anche qua richiedo molta attenzione. Se si impone un filtro non selettivo o si selezionano tutti i tipi di donazione il donatore Pinco Pallino me lo elencherà N volte ovvero se punto per esempio SANGUE e PLASMA il programma gli manderà 2 lettere, una per il plasma ed una per il sangue. Capito questo passiamo alla parte sottostante della videata. Generalmente viene selezionato anche qui il criterio non selettivo ma in alcuni casi si può anche non sceglierlo e decidere di filtrare ulteriormente. Per esempio posso decidere di fare una convocazione di quelli che non donano da un po di tempo, quindi compilo il campo ultima donazione prima del oppure posso escludere dalla convocazione quelli che ho convocato negli ultimi 30 giorni. Alla fine delle mie scelte faccio click su elabora e dopo una piccola attesa vengono estratti i papabili alla donazione. A questo punto non li ho ne ancora convocati; schiacciando sul bottone in basso li seleziono tutti e poi magari elimino quelli che non voglio convocare tirando via la spunta alla loro sinistra. Posso anche ordinarli per esempio per nome o per la loro ultima donazione cliccando sul nome della colonna in grigio in altro sopra al primo record visualizzato. Una volta selezionato chi mi interessa convocare faccio click sul bottone avanti. 24

25 Al click sul bottone avanti si aprirà l ultima finestra delle convocazioni. Vi è subito da spuntare la flag memorizza la convocazione, se volete un elenco dei convocati in un folgio excel da stampare o salvare sul pc selezionate anche la seconda flag e poi scegliete come volete mandare la convocazione. Esistono principalmente 14 possibilità: 1. Default (manda ad ogni donatore il tipo convocazione di default inserita in donatori/convocazioni) 2. Lettera Personalizzata (stampa per tutti i donatori una lettera personalizzata con i suoi dati) 3. Etichetta (stampa l elenco delle etichette) 4. Lettera e Etichetta(stampa per tutti i donatori lettera e etichette) 5. Elenco telefonico (stampa telefono casa, lavoro e cellulare di ogni donatore) 6. SMS (manda un sms ad ogni donatore che ha compilato il numero di cellulare) 7. o lettere (manda una mail per chi ha la mail compilata se no scrive una lettera) 8. o etichette (manda una mail per chi ha la mail compilata se no stampa le etichette) 9. o elenco telefonico(manda una mail per chi ha la mail compilata se no stampa elenco) 10. o sms o lettera (manda mail che chi la ha compilata, sms per chi ha il numero cellulare e non la mail e stampa la lettera per chi non ha ne cellulare ne mail impostati) 11. Sms o lettera (manda sms a chi ha il numero, lettera per chi non ha il numero) 12. Sms o (manda sms a chi ha il numero, per chi non ha il numero) 13. Sms o elenco telefonico (manda sms a chi ha il numero, stampa l elenco per chi non ha il numero) 14. Sms o etichette (manda sms a chi ha il numero, stampa le etichette per chi non ha il numero). Avendo impostato correttamente la mail se si seleziona la mail è sufficiente cliccare su Elabora in basso, per inviare o una lettera personalizzata o stampare le etichette è sufficiente usare i modelli di stampa di default che ci sono, mentre per l sms è un po più complicato perché ci sono da gestire i parametri e i template, per cui nell esempio vi faccio vedere l utilizzo dell invio tramite sms. 25

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x Associazione Volontari Italiani del Sangue Viale E. Forlanini, 23 20134 Milano Tel. 02/70006786 Fax. 02/70006643 Sito Internet: www.avis.it - Email: avis.nazionale@avis.it Programma per la gestione associativa

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

Seconda Università degli studi di Napoli Servizi agli studenti Servizio di Posta Elettronica Guida estesa

Seconda Università degli studi di Napoli Servizi agli studenti Servizio di Posta Elettronica Guida estesa Seconda Università degli studi di Napoli Servizi agli studenti Servizio di Posta Elettronica Guida estesa A cura del Centro Elaborazione Dati Amministrativi 1 INDICE 1. Accesso ed utilizzo della Webmail

Dettagli

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Pratiche... 10 Anagrafica... 13 Documenti... 15 Inserimento nuovo protocollo... 17 Invio

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Protocollo... 9 Inserimento nuovo protocollo... 11 Invio SMS... 14 Ricerca... 18 Anagrafica...

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali AlboTop Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali Introduzione AlboTop è il nuovo software della ISI Sviluppo Informatico per la gestione dell Albo professionale dell Ordine Assistenti Sociali.

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Presentazione ServiceControl è l evoluzione del primo programma, scritto per gestire il mio service circa 12 anni fa. Il programma

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014)

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014) GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad (v. 1.0.0 Maggio 2014) Benvenuto alla guida di configurazione della posta elettronica per dispositivi mobili tipo iphone/ipad. Prima di proseguire, assicurati

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

MANUALE PER LA CONFIGURAZIONE DI MAIL SU ipad E SU iphone

MANUALE PER LA CONFIGURAZIONE DI MAIL SU ipad E SU iphone MANUALE PER LA CONFIGURAZIONE DI MAIL SU ipad E SU iphone PRIMI PASSI Se è la prima volta che aprite l'applicazione MAIL vi verrà chiesto di impostare o creare il vostro account di posta e le gli step

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Leg@lCom EasyM@IL. Manuale Utente. 1 Leg@lcom 2.0.0

Leg@lCom EasyM@IL. Manuale Utente. 1 Leg@lcom 2.0.0 Leg@lCom EasyM@IL Manuale Utente 1 Sommario Login... 5 Schermata Principale... 6 Posta Elettronica... 8 Componi... 8 Rispondi, Rispondi tutti, Inoltra, Cancella, Stampa... 15 Cerca... 15 Filtri... 18 Cartelle...

Dettagli

Guida al sistema Bando GiovaniSì

Guida al sistema Bando GiovaniSì Guida al sistema Bando GiovaniSì 1di23 Sommario La pagina iniziale Richiesta account Accesso al sistema Richiesta nuova password Registrazione soggetto Accesso alla compilazione Compilazione progetto integrato

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

ThemixInfo Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori. Manuale d uso. themix Italia srl

ThemixInfo Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori. Manuale d uso. themix Italia srl Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori Manuale d uso Versione 08/07/2014 themix Italia srl tel. 06 35420034 fax 06 35420150 email info@themix.it LOGIN All avvio il

Dettagli

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com Guida alla configurazione della posta elettronica bassanonet.com 02 Guida alla configurazione della posta elettronica I programmi di posta elettronica consentono di gestire una o più caselle e-mail in

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Inserimento di un nuovo sms 4 1.2 Rubrica 4 1.3 Ricarica credito 5 PAGINA 3 Capitolo 1:

Dettagli

Gestione Fascicoli Guida Utente

Gestione Fascicoli Guida Utente Gestione Fascicoli Guida Utente Versione 2.3 Guida Utente all uso di Gestione Fascicoli AVVOCATI Sommario Premessa... 4 Struttura... 5 Pagamento fascicoli... 9 Anagrafica Avvocati... 17 1.1 Inserimento

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Portale Unico dei Servizi NoiPA

Portale Unico dei Servizi NoiPA Portale Unico dei Servizi NoiPA Guida all accesso al portale e ai servizi self service Versione del 10/12/14 INDICE pag. 1 INTRODUZIONE... 3 2 MODALITÀ DI PRIMO ACCESSO... 3 2.1 LA CONVALIDA DELL INDIRIZZO

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

mestieree sulla voce

mestieree sulla voce Avviso pubblico rivolto alle imprese per l avvio di giovani per la formazione on the job nei mestieri Botteghee di Mestiere e ai a vocazione tradizionale DOMANDE DI ISCRIZIONE DEGLI ASPIRANT TI TIROCINANTI

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER

MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER (Ultimo aggiornamento 14/05/2014) 2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. INDICE INTRODUZIONE... 1 1.1. Cos è un SMS?... 1 1.2. Qual è la lunghezza di un SMS?... 1 1.3.

Dettagli

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S.

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. All accensione del Tab e dopo l eventuale inserimento del codice PIN sarà visibile la schermata iniziale. Per configurare

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2013 Progetto Istanze On Line ESAMI DI STATO ACQUISIZIONE MODELLO ES-1 ON-LINE 18 Febbraio 2013 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 COMPILAZIONE DEL MODULO

Dettagli

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 Premessa. In questa nuova versione è stata modificata la risoluzione (dimensione) generale delle finestre. Per gli utenti che navigano nella modalità a Finestre, la dimensione

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

SID - GESTIONE FLUSSI SALDI

SID - GESTIONE FLUSSI SALDI Dalla Home page del sito dell Agenzia delle Entrate Cliccare sulla voce SID Selezionare ACCREDITAMENTO Impostare UTENTE e PASSWORD Gli stessi abilitati ad entrare nella AREA RISERVATA del sito (Fisconline

Dettagli

1 Configurazioni SOL per export SIBIB

1 Configurazioni SOL per export SIBIB Pag.1 di 7 1 Configurazioni SOL per export SIBIB Le configurazioni per l export dei dati verso SIBIB si trovano in: Amministrazione Sistema > Import-Export dati > Configurazioni. Tutte le configurazioni

Dettagli

DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile

DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile GUIDA AI SERVIZI DESIOLINE DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile Versione 1.8 del 10/6/2013 Pagina 1 di 96 Documentazione destinata all uso da parte dei clienti

Dettagli

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso [OFR] - - G.ALI.LE.O Versione 1.1.0 MANUALE D USO pag. 1 di 85 [OFR] - - pag. 2 di 85 [OFR] - - Sommario 1 - Introduzione... 6 2 - Gestione ALbI digitale Ordini (G.ALI.LE.O.)... 7 2.1 - Schema di principio...

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

Il programma è articolato in due parti.

Il programma è articolato in due parti. 1 Il programma è articolato in due parti. La prima parte: illustra il sistema per la gestione dell anagrafica delle persone fisiche, con particolare riferimento all inserimento a sistema di una persona

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Manuale Polizze Manager. ver 1.0

Manuale Polizze Manager. ver 1.0 Manuale Polizze Manager ver 1.0 Ultima revisione: 18/07/2011 Indice Manuale Polizze Manager Indice Introduzione Funzionamento di base Compagnie Agenti Agenti > Gestisci commissioni Configurazione > Commissioni

Dettagli