Report su Relazioni del Corso Avanzato "Bruno Bergamasco"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Report su Relazioni del Corso Avanzato "Bruno Bergamasco""

Transcript

1 Report su Relazioni del Corso Avanzato "Bruno Bergamasco" A cura di Aristide Merola, Carlo Alberto Artusi e Maurizio Zibetti A partire dal 1997, data della scoperta della prima forma di parkinsonismo monogenico dovuto a mutazione del gene dell'alfa sinucleina, si sono succeduti importantissimi sviluppi nell'ambito della genetica della malattia di Parkinson. Grazie anche al fondamentale contributo dei ricercatori italiani il numero di lavori che ha trattato e chiarificato importanti aspetti di questo argomento è cresciuto in maniera esponenziale, e la rivista Neurology ha recentemente identificato nella genetica il primo e più importante aspetto da considerare e rivalutare nel moderno approcio alla malattia di Parkinson. Si può infatti dire che ad oggi, la visione globale della malattia di Parkinson sia ampiamente cambiata; il ruolo fondamentale della genetica è stato riconosciuto all'interno di quella complessa cascata di eventi patogenetici che vede sia l'alfa sinucleina, sia i mitocondri, prendere parte a quel processo la cui via finale è rappresentata dalla degenerazione del neurone dopaminergico. La malattia non può più quindi essere vista come un fenomeno dovuto esclusivamente a fattori ambientali o a fattori genetici, ma come un complesso concatenarsi di eventi, in cui ciascuno di questi fattori sembra rappresentare una possibile concausa. Overview sulla genetica della malattia di Parkinson V. Bonifati La malattia di Parkinson o, per meglio dire, le malattie di Parkinson sono probabilmente tutte a carattere genetico; si va sempre più affermando la teoria di una modulazione di fattori ambientali che agicono su un substarto di fattori genetici. I moderni studi di popolazione iniziano ad evidenziare come nell'ambito delle mutazioni genetiche implicate nella malattia di Parkinson si possano riconoscere due aspetti fondamentali, la frequenza della mutazione nella popolazione ed il correlato clinico della mutazione. Vi possono essere mutazioni molto frequenti, ma caratterizzate da un basso "effect size", ovvero un basso rischio di sviluppare malattia, e mutazioni poco frequenti ma caratterizzate da un elevato richio di sviluppare la malattia. Uno degli aspetti più importanti che si è venuto a delineare nel corso degli ultimi anni è appunto la presenza di varianti intermedie, che si associano ad un aumentato rischio di sviluppare la malattia pur in assenza di certezza dello sviluppo della malattia stessa, in relazione alla presenza di una "penetranza variabile". Gli studi di "linkage", che venivano eseguiti su famiglie di soggetti affetti, sono stati attualmente superati dagli studi di "genome wide association" e dai più moderni studi di "whole genome sequence", che rappresentano la più innovativa frontiera degli studi genetici, divenuti possibili grazie alla evoluzione delle moderne tecnologie. Nell'ambito delle mutazioni connesse alla malattia di Parkinson si possono riconoscere delle varianti autosomiche dominanti, come le mutazioni PARK-1 e PARK-8, mutazioni autosomiche recessive con fenotipo clinico "tipico", come le mutazioni PARK-2, PARK-6 e PARK-7 e mutazioni autosomiche recessive con fenotipo clinico "atipico", come le mutazioni dei geni "PARK-9", "PARK-14" e " PARK-15". Queste ultime si caratterizzano per la presenza di una sintomatologia parkinsoniana associata alla compresenza di sintomi "atipici". Nuovi loci associati allo sviluppo di malattia di Parkinson sono poi stati recentemente individuati nel gene della glucocerebrosidasi (GBA), che in condizioni di omozigosi si associa alla malattia di Gaucher, mentre in condizioni di eterozigosi sembra aumentare il rischio di sviluppare malattia di

2 Parkinson; in particolare queste forme di malattia correlate al GBA sono molto frequenti in Israele e in Giappone. Tuttavia appare necessario che nuovi studi di genetica, con tecnologie più avanzate, giungano a fornire un panorama più completo di quelle che sono le complesse interazioni fra geni, che verosimilmente avvengono in natura, senza fermarsi alla semplice analisi di un singolo polimorfismo alla volta. Queste analisi verosimilmente permetteranno di chiarire anche altri aspetti, come quelli della interazione geni/ambiente, seguendo un mixed model che tiene conto di vari modificatori genetici associati a modificatori ambientali, che attualmente non sono ancora stati identificati (fatta eccezione per il fumo di sigaretta, che per motivi ancora poco chiari sembra proteggere dal rischio di sviluppare malattia di Parkinson) ma che sicuramente hanno un ruolo nella patogenesi della malattia. Nell'analisi moderna della genetica e delle modificazioni molecolari conseguenti alla trascrizione dei geni bisogna considerare come numerosi fattori possono compartecipare: non tutti i geni possono essere espressi allo stesso modo da tutti i neuroni, ed inoltre la cromatina sembra subire nel tempo numerose modificazioni che avvengono per mezzo di fenomeni di metilazione del DNA e che possono portare ad una variabile espressività del patrimonio genetico nel corso della vita. Tutto questo rientra nel novero dei fattori stocastici che nel mixed model contribuiscono allo sviluppo della malattia in associazione con il brain aging e con i precitati fattori genetici e ambientali. Appare inoltre possibile che esistano meccanismi di compensazione/protezione nei confronti dello sviluppo della malattia, e che un malfunzionamento di alcuni di questi meccanismi possa essere implicato nello sviluppo del Parkinson. In tal caso appare evidente come nuove frontiere terapeutiche potrebbero essere rappresentate da farmaci in grado di potenziare tali meccanismi. Tuttavia alcuni aspetti non chiari legano ancora la neuropatologia della malattia di Parkinson alla genetica: se è vero che la neuropatologia del Parkinson è caratterizzata dall'accumulo di aggregati di alfa-synucleina, che forma i "corpi di Lewy", è altrettanto vero che il significato funzionale dei corpi di Lewy è ancora lontano dall'essere compreso, in quanto questi potrebbero rappresentare un meccanismo di protezione, piuttosto che una causa patogenetica di malattia. E' tra l'altro evidente che i corpi di Lewy sono assenti in alcune varianti genetiche di malattia, come nel caso del Parkinson associato a mutazioni della parkina. Inoltre numerose caratteristiche cliniche possono differenziare forme genetiche di malattia di Parkinson da forme di malattia idiopatica; la giovane età all'esordio, prima di ogni altro fattore, rappresenta una peculiarità delle forme di malattia ad ereditarietà genetica recessiva. Le mutazioni dei geni Parkina, Pink-1 e DJ-1 si caratterizzano infatti per un frequente esordio prima dei 40 anni, e solo una minoranza dei pazienti ha un esordio oltre i 55 anni. Nonostante ciò, non si conoscono manifestazioni cliniche che permettano di distinguere tra loro le mutazioni di questi tre geni. In generale, l'eziopatogenesi delle forme di Parkinson a trasmissione autosomica recessiva vede implicato il mitocondrio, ed in particolare i processi di "mitofagia", ovvero la degradazione del mitocondrio all'interno della cellula nel momento in cui la sua funzionalità viene ad essere compromessa. Nell'ambito della cascata di eventi che vede lo sviluppo dei parkinsonismi monogenici a trasmissione autosomica recessiva, sembra che PINK-1 agisca a monte della parkina, per quanto la via effettrice comune ci resti ignota, mentre DJ-1 che pare correlata ad una via cellulare parallela ma distinta. Una nuova variante genetica, a trasmissione autosomica recessiva, è poi rappresentata dalla mutazione del gene FBXO7 (PARK-15), in cui si osserva una degenerazione quasi "pura" delle cellule dopaminergiche. Nell'ambito delle mutazioni genetiche autosomiche dominanti si riconoscono le mutazioni del gene dell'alfa-synucleina (PARK-1) che, per quanto siano state le prime ad essere descritte, rappresentano una forma molto rara di malattia. Le mutazioni della alfa-sinucleina (SNCA) possono essere di vario tipo, mutazioni puntiformi, duplicazioni o triplicazioni del gene, con una relativa

3 variabilità nel fenotipo clinico di malattia; le mutazioni puntiformi e le triplicazioni sono in genere responsabili di forme clinicamente più aggressive, mentre le duplicazioni clinicamente possono apparire come un Parkinson tipico e mimare persino un Parkinson sporadico per via della penetranza incompleta. L'alfa-sinucleina è una proteina dalla naturale tendenza al misfolding spontaneo e all'accumulo in "Corpi di Lewy", anche se, come già detto in precedenza, il significato funzionale del corpo di Lewy rimane lungi dall'essere spiegato, considerato anche il fatto che è possibile che i corpi di Lewy siano presenti in alcune fasi della malattia e non in altre, o che siano riscontrati accidentalmente anche nei cervelli di soggetti non affetti dalla malattia. Nel corso degli ultimi anni grandissima importanza è stata poi riconosciuta alle mutazioni del gene LRKK-2, molto frequenti nel Nord Africa e nel Medio Oriente. Anche le mutazioni del gene LRKK-2 possono essere riscontrate in soggetti affetti sia da malattia di Parkinson sporadica, sia familiare, in quanto la mutazione è caratterizzata da una penetranza incompleta. In Nord Africa il 42% dei pazienti con Parkinson familiare, il 30% dei pazienti con Parkinson sporadico e ben il 2% dei controlli presentano una mutazione di LRKK-2, con una presumibile penetranza subclinica. In generale, nella valutazione della penetranza di una mutazione bisogna andare a valutare un parametro definto "odds ratio", che è in grado di fornire una stima dell'effetto che esiste fra la presenza della mutazione ed il rischio di sviluppare la malattia; nel caso delle mutazioni di LRRK-2 si osservano degli OR di circa 10, mentre nel caso di patologie a trasmissione mendeliana l'or può arrivare sino a 30. La peculiarità delle forme di malattia di Parkinson associate a mutazioni del gene LRRK-2 è inoltre rappresentata dall'estrema variabilità della neuropatologia associata, che può caratterizzarsi sia per la presenza di corpi di Lewy (nel 98% dei pazienti con mutazione di LRKK-2), sia per la presenza di accumuli di ubiquitina o di proteina tau. LRRK-2 è una proteina complessa che tende alla dimerizzazione, tuttavia non è ben chiaro quale sia la sua reale funzione biologica e non si sa se le mutazioni descritte possano rappresentare un guadagno biologico o una perdita funzionale della proteina. Tra le varie ipotesi sul funzionamento della proteina, ce n'è una che la vede implicata nella via degli endosomi e degli autosomi. Una delle più recenti possibiltà offerte dalle moderne tecniche di ricerca vede la possibilità di "riprogrammare" le cellule umane, partendo da fibroblasti estratti dal sangue periferico o da una biopsia della cute, che verranno dedifferenziate e poi ridifferenziate in neuroni, con l'indubbio vantaggio di avere a disposizione una gran quantità di cellule cerebrali del soggetto malato in questione, come se si avesse a disposizione una sorta di biopsia cerebrale su cui poter eseguire studi di fisiopatologia cellulare. Appare inoltre verosimile che lo sviluppo delle tecniche moderne porterà in breve tempo a nuove ed importanti scoperte, sopratutto grazie alla maggior semplicità e rapidità di analisi del DNA umano che ben presto permetterà di compiere nel giro di pochissimo tempo il lavoro che in passato ha richiesto anni: è infatti plausibile che le nuove tecnologie saranno in grado di eseguire un'analisi completa del DNA del singolo individuo in circa 20 minuti. Genetica delle forme recessive E.M. Valente

4 I parkinsonismi autosomici recessivi possono arrivare ad interessare una importante porzione delle forme di parkinsonismo monogenico ad esordio giovanile. Fra questi vanno riconosciute tre forme principali: PINK-1, DJ-1 e PARKINA. Le mutazioni di PINK-1 si caratterizzano per l'interessamento degli arti inferiori con tipiche alterazioni dell'andatura, ed in alcuni casi per fenomeni distonici e per un caratteristico beneficio indotto dal sonno, con una netta modificazione della sintomatologia parkinsoniana fra le prime ore del mattino e le ore serali; inoltre, i casi dovuti a mutazioni PINK-1 presentano usualmente un'ottima e più duratura risposta alla levodopa ed una lenta evoluzione di malattia. In termini generali la lenta evoluzione di malattia può essere considerata come una caratteristica comune di tutte le forme autosomiche recessive. Le moderne tecniche di "target resequencing" consentono di eseguire uno studio accurato e contemporaneo di tutti i geni coinvolti nella genesi di malattia, portando all'evidenza che i soggetti portatori di due mutazioni esordiscono prima di quelli che presentano una sola mutazione; l'essere portatore di una sola mutazione in eterozigosi sembra rappresentare un fattore di rischio per lo sviluppo di malattia, con un odds ratio che risulterà però solo lievemente aumentato rispetto ai controlli (rischio basso). Si è visto peraltro che anche in soggetti sani con singola mutazione in eterozigosi di questi geni è presente una alterazione della captazione dopaminergica alla PET, evidente indice di un deficit subclinico. Come già accennato, le forme recessive possono presentare alcune peculiarità dal punto di vista semeiologico; spesso infatti si caratterizzano per la presenza di alterazioni caratteriali e di disturbi psichiatrici, mentre un'interessante studio sui disturbi olfattivi nella malattia di Parkinson e nei parkinsonismi monogenici ha evidenziato come la funzionalità olfattiva sia preservata in alcuni pazienti con forme di parkinsonismo a trasmissione autosomica recessiva, anche se allo stato attuale non vi sono chiare spiegazioni del fenomeno. Altre forme monogeniche recessive di Parkinson sono state recentemente riconosciute, anche se associate ad aspetti di "atipia". Fra queste la degenerazione pallido-piramidale di Kufor-Rakeb, che si caratterizza per paresi di sguardo, deficit cognitivo, atrofia generalizzata e segni piramidali, ed una forma di distonia-parkinsonismo dovuta alla mutazione PLA2G6 descritta da Bathia. Lo studio dei parkinsonismi monogenici autosomici recessivi ha permesso di evidenziare alcuni dei meccanismi che sembrano essere interessati nella neurodegenerazione, sui quali si può osservare una concomitanza di fattori. E' possibile che l'interazione di due aspetti principali, quali l'accumulo di proteine misfolded e la disfunzione di meccanismi mitocondriali, porti ad una interazione tossica da cui successivamente scaturirà un danno neuronale. Le proteine Parkina, PINK-1 e DJ-1 fungono da fattori protettivi contro entrambi i meccanismi patogenetici suddetti. Normalmente le proteine mal ripiegate vengono ubiquitinate, e da questa modificazione consegue il messaggio cellulare che la proteina dovrà essere degradata per mezzo del proteasoma; tuttavia se le dimensioni della proteina sono eccessive questa non riuscirà a passare attraverso il proteasoma e dovrà pertanto essere distrutta per autofagia dal lisosoma. La Parkina è un'ubiquitin-3-ligasi e ha una funzione di ancoraggio dell'ubiquitina al proteasoma; si è poi visto che anche PINK-1 e DJ-1 contribuiscono al funzionamento dei meccanismi ubiquitina-proteasoma. Inoltre è noto come sia PINK-1, sia DJ-1 e Parkina siano proteine implicate nel funzionamento mitocondriale, e di conseguenza una loro anomalia porterà ad un malfunzionamento del mitocondrio; per contro, l'overespressione delle tre proteine favorisce la protezione da danni cellulari, ossidativi e mitocondriali. I mitocondri sono organelli dinamici presenti in gran numero

5 all'interno delle cellule, la cui funzione viene finemente regolata da una serie di proteine. In caso di malfunzionamento di un mitocondrio, questo dovrà prontamente essere distrutto, al fine di evitare danni maggiori per la cellula. Questo processo usualmente avviene con una cascata di eventi che sembra essere iniziata proprio dalla proteina PINK-1, la quale viene richiamata sulla superficie mitocondriale, per poi successivamente reclutare anche Parkina. A questo punto si verificherà una ubiquitinazione di varie proteine della superficie mitocondriale che hanno la funzione di permettere la fusione del mitocondrio con altri mitocondri con il risultato di un isolamento del mitocondrio danneggiato e di richiamo di fattori atti allo sviluppo dell'autofagia, che inizierà contestualmente allo sviluppo di un complesso denominato " Beclin-1". A tutto questo conseguirà la distruzione del mitocondrio. La chiarificazione di questi aspetti riveste un ruolo fondamentale nello sviluppo e nella ricerca di nuove strategie terapeutiche, maggiormente volte alla neuroprotezione; è difatti possibile che la via autofagica possa essere implicata sia nei meccanismi di sviluppo della malattia di Parkinson, sia in più generali meccanismi di "invecchiamento" dell'organismo. Genetica delle forme dominanti S. Goldwurm I principali parkinsonismi monogenici a trasmissione autosomica dominante sono identificati con le sigle PARK-1/4 e PARK-8; tuttavia possono essere considerate in questo gruppo anche alcune malattie neurodegenerative, come la SCA-2 e la SCA-3 che si possono presentare con sintomatologia extrapiramidale. Inoltre, bisogna ricordare la recente scoperta di forme dovute a mutazione del gene GBA. Parlando di forme autosomiche dominanti è opportuno citare la famiglia di Contursi in cui è stata identificata per la prima volta una mutazione responsabile di malattia di Parkinson, nel gene della alfa-sinucleina (SNCA). Successivamente sono state descritte numerose forme di mutazioni a carico del gene della SNCA, sia dovute a mutazioni puntiformi (A53T; A30P; E46K), sia dovute a duplicazioni (tre copie normali di alfa-sinucleina) o a triplicazioni del gene (quattro copie normali della proteina). Una particolarità è appunto rappresentata dal fatto che nelle forme caratterizzate da triplicazione del gene la malattia di Parkinson è di solito più aggressiva e presenta una maggiore tendenza alla demenza. Si suppone infatti un effetto dose, direttamente correlato all'accumulo di SNCA e, di conseguenza, alla formazione di corpi di Lewy. Questa ipotesi è proprio supportata dal fatto che nei pazienti con duplicazione o con triplicazione del gene la proteina è iperespressa ma è normale, e che nella triplicazione l'iperespressione maggiore correla con una malattia più aggressiva. Ad ogni modo, va ricordato che la più frequente mutazione autosomica dominante associata alla malattia di Parkinson è quella correlata al gene della LRRK-2 (PARK-8). Questa mutazione, che è stata inizialmente identificata nel 2004, si associa a modificazioni della proteina LRRK-2, la cui funzione biologica non è stata ancora completamente descritta e chiarificata. Sappiamo che LRRK- 2 è una grossa proteina che funziona come un dimero, tuttavia il suo ruolo biologico non è ancora stato descritto nel dettaglio; tutte le mutazioni scoperte si localizzano a livello del sito catalitico della proteina, e la più frequente oltre che la più studiata è sicuramente la mutazione G2019S, che è stata riscontrata nel 5-6% delle forme di malattia di Parkinson familiare e nell'1% delle forme di Parkinson sporadico. La penetranza della mutazione risulta essere variabile da un 28% all'età di 60 anni ad un 74% all'età di 80 anni, e quindi la differenza clinica fra i soggetti portatori è molto grande. Va tuttavia tenuto conto del fatto che la maggior parte di questi dati proviene da famiglie su cui è stata eseguita una ricerca genetica a causa della elevata probabilità di riscontrare una mutazione, e pertanto le stime ottenute forniscono una verosimile sovrastima del fenomeno. Dati clinici più accurati sarebbero ottenibili da una ricerca a tappeto, eseguita su una popolazione

6 assolutamente non selezionata di soggetti parkinsoninani e non; purtroppo stime di questo tipo non sono ancora disponibili in letteratura. Da un punto di vista clinico, il fenotipo di malattia dovuto a mutazioni di LRKK-2 si presenta estremamente simile a quello descritto nella malattia di Parkinson sporadica. Altre mutazioni descritte di questa proteina sono la R1441C, particolarmente frequente nella zona di Napoli (anche se ciò potrebbe essere legato alla presenza di un effetto fondatore ed avere pertanto scarsa rilevanza in altre regioni o nazioni), e le mutazioni G2385R ed R1628P. Queste ultime due in particolare rappresenterebbero dei fattori di suscettibilità, nel senso che aumenterebbero il rischio relativo di sviluppo di malattia nei soggetti portatori. I dati di neuropatologia disponibili al momento evidenziano la presenza di corpi di Lewy nella maggior parte dei casi, mentre in una piccola parte di soggetti sono stati riscontrati anche aggregati di proteina TAU, seppur in presenza di una sintomatologia non compatibile con PSP. Si stima infatti che più del 50% dei portatori di mutazione LRKK-2 abbiano una forma pura di malattia di Parkinson, che circa il 25% degli affetti non presenti corpi di Lewy e che, come già accennato, una piccola percentuale di pazienti presentino depositi di proteina TAU. Ulteriore capitolo è quello relativo alle mutazioni del gene della glucocerebrosidasi (GBA), un enzima lisosomiale che idrolizza i glucocerebrosidi. Le mutazioni del GBA sono associate ad un odds ratio di circa 5,3, e presentano una clinica molto simile a quella della malattia di Parkinson idiopatica, eccezion fatta per una tendenza ad esordio più precoce. Principi generali del test genetico e applicazioni nella malattia di Parkinson P. Mandich Nella malattia di Parkinson la familiarità è stata riconosciuta in un % dei casi, con un rischio relativo di sviluppare la malattia di circa 2-7 volte. Tuttavia, ogni analisi di familiarità deve tener conto di una serie di fattori, tra cui la morte precoce di familiari che potrebbero non aver avuto il tempo di sviluppare la malattia, la penetranza incompleta di alcune mutazioni, la formulazione di diagnosi errate, un'anamnesi familiare inadeguata, la non corretta attribuzione di paternità ed infine l'influenza di fattori ambientali o genetici modificatori. Al momento attuale non esiste un test genetico per valutare il rischio di sviluppare malattia di Parkinson, ma solamente tests che permettono di evidenziare o meno la presenza di alcune mutazioni. Esistono addirittura società private che hanno sviluppato kit per testare l'eventuale presenza delle mutazioni più frequenti, come la G2019S del gene che codifica la proteina LRRK-2, con le possibili implicazioni etiche e speculative che ne possono derivare. Diviene pertanto indispensabile che la comunità scientifica codifichi direttive chiare ed unanimi a tal proposito. Le linee guida della EFNS del 2009 raccomandano la ricerca di mutazioni della LRRK-2 in due categorie di pazienti: gli ebrei Aschenaziti ed i nord africani, in quanto appartenenti a popolazioni ad elevato rischio di mutazione, e in pazienti con almeno un familiare affetto da malattia. La ricerca di mutazioni autosomiche recessive di malattia di Parkinson viene invece raccomandata in soggetti con età di esordio inferiore ai 35 anni. Inoltre, vanno anche ricordate altre patologie genetiche potenzialmente responsabili di un quadro di parkinsonismo, come le pre-mutazioni dell'x fragile (FXTAS); queste ultime si caratterizzano per la

7 presenza di iperintensità dei peduncoli cerebellari medi, con una prevalenza di 1/800 soggetti e con una penetranza del 30% circa. Va poi citata la malattia di Huntigton ad esordio giovanile, la cui ricerca genetica non deve essere dimenticata, pur considerando le importanti conseguenze familiari e sociali di una simile diagnosi. Più in generale si può affermare che un test genetico può essere caratterizzato da una validità analitica che consta dell'accuratezza nell'identificare il genotipo, da una validità clinica che indica la capacità di predire una specifica malattia, e da una ricaduta clinica, ovvero il rapporto rischio/beneficio conseguente all'esecuzione del test. In Italia è stato sancito che ad ogni test genetico deve corrispondere una consulenza genetica, volta a gestire le possibili implicanze psicologiche dell'esito del test. Uno degli aspetti principali nella gestione di una consulenza genetica è legata alla "non-direttività" che deve essere associata alla stessa: il medico non può, nel caso di una consulenza genetica, relazionarsi con il paziente secondo un modello paternalistico ma deve gestire le scelte del paziente, anche se non le condivide. Un importante modello organizzativo ci è stato fornito dalle esperienze in questo ambito riguardanti la corea di Huntigton; tuttavia, nel caso della malattia di Parkinson o in malattie come la SLA importanti passi avanti devono ancora essere compiuti, sopratutto in relazione alla scelta di come e quando proporre l'indagine genetica. Patogenesi e biomarkers molecolari M. Fasano Uno degli aspetti di maggior fragilità del neurone dopaminergico è la sua proprietà intrinseca di usare dopamina quale neurotrasmettitore. Le vie metaboliche della dopamina risultano infatti essere associate ad un importante stress ossidativo per la cellula, e questo stress ossidativo rappresenta, assieme al danno mitocondriale ed alla disfunzione del complesso ubiquitina-proteasoma, una importante causa di neurodegenerazione. I principali meccanismi patogentici sono rappresentati dall'alterata omeostasi della dopamina (correlata alla funzionalità dell'alfa sinucleina), dall'apoptosi, dallo stress ossidativo, dalla malattia mitocondriale, dallo smaltimento di proteine danneggiate, dall'autofagia e da alterazioni del citoscheletro. Nelle vescicole contenenti il neurotrasmettitore l'ambiente è acido e la dopamina è stabile, all'esterno delle vescicole la dopamina si ossida. Posto questo concetto, sappiamo che lo stress ossidativo porta ad una disfunzione dell'alfa sinucleina che tende, in conseguena di ciò, ad aggregare (così come l'alfa sinucleina mutata o overespressa). La proteina aggregatasi a causa del danno ossidativo buca le vescicole contenenti la dopamina, e questo provoca un ulteriore stress ossidativo all'interno del neurone, instaurando in tal modo un circolo vizioso che porta al danno e infine alla morte della cellula. Infatti, la dopamina nel citosol si ossida e libera acqua ossigenata la quale, nel neurone dopaminergico che contiene molecole di neuromelanina, rompe i polimeri di neuromelanina formando piccole molecole contenenti ferro, che aumentano molto lo stress ossidativo. Il ruolo cellulare dell'alfa sinucleina sembra essere molteplice: da un lato questa interagisce con le heat shock protein, dall'altra parte sembra avere una correlazione anche con proteine come la parkina, PINK-1 e DJ-1. Una qualunque alterazione dei meccanismi in cui è coinvolta è

8 potenzialmente in grado di determinare un accumulo di alfa sinucleina "misfolded" e portare alla formazione di corpi di Lewy. Resta tuttavia ancora da chiarire se il suo ruolo all'interno del neurone debba essere interpretato come quello di una sostanza tossica o di una sostanza volta alla neuroprotezione; l'ipotesi più accreditata vorrebbe che le concentrazioni dell'alfa sinucleina siano il principale determinante della sua potenziale tossicità: una sovraespressione di questa proteina, con successivo accumulo in corpi di Lewy, rappresenterebbe il principale fattore tossico, ma una bassa concentrazione, d'altro canto, costituirebbe una perdita di meccanismi neuroprotettivi. In ogni caso, anche altri meccanismi sono stati collegati alla genesi della malattia di Parkinson. Sappiamo come due sostanze, l'mptp ed il Rotenone, abbiano la capacità di indurre la malattia di Parkinson in relazione alla loro capacità di bloccare la catena mitocondriale, e varie scoperte hanno contribuito a modificare la calssica visione della malattia di Parkinson come quella di una classica malattia del sistema ubiquitina/proteasoma. E' stato studiato per esempio il ruolo dell'autofagia e di uno dei regolatori di questo processo, la molecola VDAC2, importante sia per le funzioni energetiche della cellula sia per l'omeostasi cellulare del calcio. La parkina è attivata da PINK-1, che a sua volta si attiva quando il mitocondrio è danneggiato; la parkina attivata ubiquitina VDAC2, il quale attiva il processo di macroautofagia attraverso il quale la cellula degrada proteine danneggiate, proteine che devono esser eliminate e anche mitocondri danneggiati. Si è visto che le cellule con molta dopamina perdono VDAC2. Un'aspetto molto importante nello studio della malattia di Parkinson è quello connesso alla identificazione di possibili biomarkers. Fra i differenti liquidi biologici che hanno le potenzialità di contenere biomarkers di malattia possono essere identificati il liquor e il plasma. Un ruolo particolare sembra poi essere svolto dai linfociti T, nei quali è stato identificato un metabolismo dopaminergico: i linfociti T-reg sono in grado di sintetizzare dopamina mentre gli altri linfociti T si limitano a ricaptarla attraverso il trasportatore DAT. Studiando i linfociti T nei pazienti con malattia di Parkinson si sono notate interessanti alterazioni a livello del citoscheletro. Nella ricerca dei biomarkers possono essere approcciate stategie "focused" o "unbiased"; le seconde sono ipotesi "free", che si basano sulla ricerca incondizionata di fattori che possano aiutare a classificare meglio differenti forme di malattia, senza che vi siano bias di selezione dei campioni o del marker da studiare. Pare possibile identificare biomarkers dalla combinazione di differenti proteine (sino a 7) che, stando a recenti dati, sembrerebbero in grado di differenziare la malattia di Parkinson da forme di parkinsonismi atipici. Biomarkers clinici M.G. Rizzone Risulta difficoltoso, al giorno d'oggi, trovare una definizione adeguata di malattia di Parkinson, prevalentemente in relazione alla grande variabilità di tipo clinico, genetico e anatomo-patologico che si è progressivamente delineata nella definizione della malattia. Se si stima che i sintomi motori della malattia di Parkinson compaiano quando almeno il 60% dei neuroni dopaminergici è andato perso, risulta verosimile che alcuni sintomi pre-motori possano rappresentare importanti markers clinici precoci. Esiste infatti una lunga fase premotoria di malattia, corrispondente al periodo che va dall'iniziale perdita di neuroni dopaminergici all'esordio dei sintomi motori; tale fase può durare approssimativamente dai 5 ai 50 anni. In ogni caso, uno degli aspetti più critici nella ricerca di sintomi pre-motori con significato di markers precoci è rappresentato dalla sensibilità e dalla specificità di tali sintomi, sopratutto se si

9 tiene conto del fatto che la neuropatologia della malattia di Parkinson non è ancora completamente definita; è noto infatti come corpi di Lewy incidentali siano stati rinvenuti anche in cervelli di soggetti non parkinsoniani, mentre non sono presenti in alcuni casi di malattia di Parkinson ad eziologia genetica. Sintomi premotori con forte evidenza di predittività sono il disturbo olfattivo, la stipsi, il gruppo degli sleep disorders e la depressione. Nell'analisi di questi sintomi ci si deve necesariamente riferire ad un'eziopatogenesi di malattia di Parkinson che segua un andamento simile a quello descritto da Braak. Egli ha diviso la fisiopatologia del Parkinson in sei stadi, con la comparsa dei sintomi motori a partire dal terzo stadio: negli stadi primo e secondo andrebbero dunque ricercati i markers clinici. E' infatti possibile che l'interessamento precoce di alcune strutture del sistema nervoso possa portare i pazienti a sviluppare sintomi in fasi precoci; l'iposmia, per esempio, si può instaurare in un lasso di tempo compreso fra i 2 ed i 7 anni prima della comparsa di Parkinson manifesto, la depressione invece in un lasso di tempo compreso fra i 3 ed i 6 anni prima. Come accennato in precedenza, lo sviluppo di questi sintomi può essere messo in relazione all'interessamento di strutture specifiche, quali il nucleo motore dorsale del vago o i nuclei del locus coeruleus, benchè la sensibilità e la specificità di questi sintomi appaia comunque bassa nel predire l'evoluzione successiva verso malattia di Parkinson. Nell'ambito dei sintomi pre-motori vanno ancora annoverati i disturbi disautonomici (che hanno una frequenza variabile dal 40% al 70% nei pazienti parkinsoniani) e la stipsi, che possono precedere l'esordio della malattia anche di oltre 10 anni, e che sembrano in massima parte legati a disfunzioni di origine sia centrale che periferica; e a testimonianza del fatto che il problema non è solo di origine centrale, per quanto riguarda la stipsi, sono stati trovati aggregati di alfa synucleina in biopsie del colon. Tornando a parlare di iposmia, alcuni studi hanno appurato che soggetti che presentano un deficit olfattivo e che sono parenti di primo grado di pazienti parkinsoniani hanno un rischio 12,5 volte superiore ai controlli di sviluppare la malattia. Tuttavia, l'iposmia si presenta solo poco tempo prima del Parkinson manifesto, e inoltre, come marker clinico, risulta decisamente poco specifica in quanto presente anche in svariate altre patologie, tra cui le demenze e l'atrofia multisistemica (MSA). Ulteriori possibili disturbi pre-motori sono rappresentati dal disturbo comportamentale nel sonno REM (RBD), dall'eccessiva sonnolenza diurna, dalla fatica e dalla discromatopsia. L'RBD ha una prevalenza del 15%-34% nei pazienti parkinsoniani ma, similmente all'iposmia e ad altri sintomi pre-motori, è riscontrabile anche in altre patologie (MSA, malattia a corpi di Lewy) oltre che come malattia idiopatica. In ogni caso, la latenza di questo disturbo è molto lunga: la mediana di durata dell'rbd prima della successiva presentazione di Parkinson è infatti di circa quindici anni; questo però avviene esclusivamente nei soggetti che svilupperanno un Parkinson di tipo tremorigeno. In conclusione, per quanto esistano studi che descrivono il rischio di sviluppare malattia di Parkinson in relazione alla pregressa presenza di uno o più di questi sintomi, bisogna aver presente che allo stato attuale non ci sono markers clinci con valori di sensibilità e specificità sufficienti ad un utilizzo di diagnosi precoce della patologia.

10 Fenotipi clinici M.F. Contarino Per cercare di dare una risposta alla domanda su quando un'eziopatogenesi genetica debba essere sospettata in un paziente parkinsoniano bisogna considerare un insieme di fattori. Questi comprendono la familiarità, non solo di parenti di primo grado ma anche di secondo o terzo grado, la presenza di segni clinici tipici ed anche quella di segni clinici "atipici", i quali possono orientare verso eziologie genetiche specifiche, come nei casi di mutazioni di PARK-15 (segni piramidali) e di PARK-9 (paralisi di sguardo verso l'alto, mini-mioclono della faccia e demenza). Inoltre, devono essere tenute in considerazione anche altre malattie extrapiramidali di origine genetica non park, che entrano in diagnosi differenziale con alcune forme di malattia di Parkinson; è il caso della distonia da mutazione del gene DYT12 o DYT5, in cui può anche osservarsi una moderata risposta alla terapia con levodopa, e dell'atassia spinocerebellare di tipo 2 (SCA-2), che può presentarsi come un parkinsonismo tipico a trasmissione autosomica dominante. Infine si deve considerare l'esistenza di malattie come il morbo di Wilson, la corea di Huntigton, la neuroacantocitosi, le atassie spino-cerebellari e le pre-mutazioni dell'x fragile. Nel caso dei parkinsonismi monogenici da mutazione del gene della SNCA si possono riscontrare quadri clinici variabili, a seconda che si tratti di una mutazione puntiforme, piuttosto che di una duplicazione o triplicazione del gene; nel caso delle mutazioni del gene della Parkina è frequente osservare un Parkinson tipico, un'ottima risposta alla levodopa e alla Deep Brain Stimulation, un'età d'esordio precoce, un DAT SCAN tipico di malattia di Parkinson e, talvolta, iper-reflessia e distonie all'esordio. Nel caso di mutazioni di PARK-6 (PINK-1) sono tipicamente coinvolti gli arti inferiori, mentre nel caso di mutazioni di PARK-8 (LRRK-2) si osservano forme a trasmissione autosomica dominante ma a penetranza incompleta, con caratteristiche cliniche in genere sovrapponibili a quelle da mutazione di Parkina. Si può affermare che tra le forme autosomiche recessive ad esordio giovanile la più frequente è sicuramente la Parkina: in un paziente ad esordio precoce e con familiarità positiva è stimata una probabilità di trovare una mutazione del gene della Parkina che arriva fino al 50%. Tra le forme apparentemente sporadiche, invece, la parte più importante è giocata dalle mutazioni di LRRK-2. E' necessario in ogni caso porre l'attenzione sul fatto che una forma tipica di Parkinson può trovare origine nella mutazione di un gene non park ; d'altro canto, una forma decisamente atipica può corrispondere ad una mutazione park con presentazione usualmente tipica. In conseguenza di ciò, per il momento non è possibile predire il gene mutato di un paziente sulla base della sua presentazione clinica. Infine, per quanto l'analisi genetica della malattia di Parkinson possa contribuire a fornire nuove informazioni e aiutare a definire meglio la diagnosi eziologica, bisogna anche tenere conto delle possibili ricadute psicologiche di un test genetico. Dati recentemente pubblicati in merito all'orientamento dei pazienti verso un test genetico indicano come il 63% dei soggetti sia spaventato dalle possibili ricadute psicologiche dell'esito del test, e come solo il 59% dei pazienti lo

11 eseguirebbe per approfondire la diagnosi eziologica di malattia; il 14% sarebbe assolutamente contrario ed un 27% sarebbe incerto su come comportarsi in merito.

MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON

MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON La degradazione proteica è uno dei meccanismi essenziali che regolano i livelli di proteine cellulari, coinvolto in processi cellulari cruciali dal

Dettagli

CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI

CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI Tratti semplici e tratti complessi Come detto nel capitolo precedente, la genetica classica studia fondamentalmente i cosiddetti tratti mendeliani semplici, quelli in cui,

Dettagli

*Patogenesi. *Più comune malattia da accumulo lisosomiale (1:75'000 nati); AR

*Patogenesi. *Più comune malattia da accumulo lisosomiale (1:75'000 nati); AR *Più comune malattia da accumulo lisosomiale (1:75'000 nati); AR *Errore congenito del metabolismo derivante da un deficit di β-glucocerebrosidasi, glicoproteina lisosomiale codificata dal gene GBA1 (cromosoma

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz MORBO DI PARKINSON (MB) Malattia neurodegenerativa cronica e progressiva Eziologia sconosciuta Principalmente sporadica; rari i casi di eredità mendeliana con specifico difetto

Dettagli

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136)

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) Il gene implicato nella SCA17 è il gene TATA box-binding protein (TBP) che fa parte del complesso della RNA polimerasi II ed è essenziale per dare inizio

Dettagli

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece Clinica e terapia delle malattie retiniche Direttore Scientifico Alfredo Pece Genetica LA GENETICA Cosa sta succedendo nell ambito della diagnostica e della terapia farmacologica oggi? Scoperta di geni

Dettagli

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Lesson1 Lesson2 Lesson3 Lesson4 Lesson5 Lesson6 INDEX Intro Aggregazione proteica: ripiegamento delle proteine sistema di controllo qualità delle proteine

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

Convegno: CURARE LA MALATTIA DI PARKINSON: la collaborazione delle diverse figure professionali. Cremona 25 NOVEMBRE 2011

Convegno: CURARE LA MALATTIA DI PARKINSON: la collaborazione delle diverse figure professionali. Cremona 25 NOVEMBRE 2011 LA TARTARUGA ONLUS Convegno: CURARE LA MALATTIA DI PARKINSON: la collaborazione delle diverse figure professionali Cremona 25 NOVEMBRE 2011 Abstract degli interventi Diagnosticare la Malattia di Parkinson

Dettagli

La genetica della distonia

La genetica della distonia La genetica della distonia L'ipotesi che alcune forme di distonia siano ereditarie risale a molti decenni orsono. Tuttavia, soltanto nel 1990 Ozelius e coll. sono stati in grado di localizzare per la prima

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

Affidabilità nella diagnostica

Affidabilità nella diagnostica Affidabilità nella diagnostica Passione per la ricerca Research & Innovation è un laboratorio di medicina molecolare che esegue test genetici avanzati al servizio dei medici e delle strutture di diagnosi

Dettagli

Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco

Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco DEMENZA Sindrome clinica caratterizzata dal deterioramento della memoria e delle altre funzioni cognitive rispetto al livello di sviluppo

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

LA MALATTIA DI PARKINSON

LA MALATTIA DI PARKINSON CORSO FAD LA MALATTIA DI PARKINSON ID ECM: 114181 CREDITI 12 CREDITI ECM DESTINATARI Farmacisti Territoriali e Ospedalieri DURATA Data di inizio 15 gennaio 2015 Data di fine 31 dicembre 2015 COSTO ABBONAMENTO

Dettagli

FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO

FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO MIELINA La mielina è una sostanza isolante a struttura lamellare, costituita prevalentemente da lipidi e proteine. Alla vista bianco-grigiastra, la mielina riveste esternamente

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Sezione di Citogenetica e Genetica molecolare Responsabile: Dott. Guglielmo Sabbadini Specialista in Genetica Medica Informazioni per la diagnosi molecolare di sordita

Dettagli

Lezione 2 Capitolo 18 del testo

Lezione 2 Capitolo 18 del testo Test genetico Lezione 2 Capitolo 18 del testo Cos e un test genetico/diagnostico M Il test genetico di per se non e solo utilizzato in diagnostica: sono un insieme di tecniche che vengono utilizzate per

Dettagli

Che cos è la malattia di Parkinson?

Che cos è la malattia di Parkinson? Che cos è la malattia di Parkinson? La malattia di Parkinson è una malattia degenerativa, pertanto cronica e progressiva, descritta per la prima volta nel 1817 dal medico inglese James Parkinson come paralisi

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Il Morbo di Alzheimer

Il Morbo di Alzheimer Il Morbo di Alzheimer Il morbo di Alzheimer, detta anche demenza senile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza

Dettagli

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Dott.ssa Maria Luana Poeta Cos è un Tumore Omeostasi Tissutale

Dettagli

CELIACHIA E TEST HLA RACCOMANDAZIONI

CELIACHIA E TEST HLA RACCOMANDAZIONI CELIACHIA E TEST HLA RACCOMANDAZIONI a cura di Maria Cristina Mazzilli 1 Antonio Calabrò 2 Carlo Catassi 2 Luigi Greco 2 Riccardo Troncone 2 Umberto Volta 2 Valerio Misefari 3 Antonio Amoroso 4 Ettore

Dettagli

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato La Malattia di Alzheimer Manuel Soldato Caratteristiche Più frequente forma di demenza Deterioramento ingravescente delle capacità cognitive Comparsa di disturbi comportamentali e dell affettività Progressiva

Dettagli

MECCANISMI DI NEURODEGENERAZIONE E STRATEGIE DI DIAGNOSI PRECOCE NEI PARKINSONISMI EREDITARI

MECCANISMI DI NEURODEGENERAZIONE E STRATEGIE DI DIAGNOSI PRECOCE NEI PARKINSONISMI EREDITARI MECCANISMI DI NEURODEGENERAZIONE E STRATEGIE DI DIAGNOSI PRECOCE NEI PARKINSONISMI EREDITARI Responsabile scientifico di progetto BRUNO DALLAPICCOLA IRCCS Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza U.O.3

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO Autori: Renato Frezzotti, Mauro Barni Approvata dalla Società Oftalmologica Italiana - 2006 CODICE DELLO STUDIO: TITOLO DELLO STUDIO: {{ Genetica

Dettagli

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT MILD COGNITIVE IMPAIRMENT - Rapporto del Gruppo di Lavoro Internazionale sul - Winblad B et al. (2004). Mild Cognitive Impairment: beyond controversies, towards a consensus. Journal of Internal Medicine;

Dettagli

L integrazione scolastica degli allievi con Distrofia Muscolare Duchenne o Becker

L integrazione scolastica degli allievi con Distrofia Muscolare Duchenne o Becker L integrazione scolastica degli allievi con Distrofia Muscolare Duchenne o Becker Raffaela Maggi USP - Ancona Falconara Marittima 16.12.08 Sotto il termine DISTROFIA MUSCOLARE si raccolgono un gruppo di

Dettagli

SINDROMI POLIENDOCRINE AUTOIMMUNI (SPA)

SINDROMI POLIENDOCRINE AUTOIMMUNI (SPA) SINDROMI POLIENDOCRINE AUTOIMMUNI (SPA) Codice di esenzione: RCG030 Definizione. Con tale termine vengono definite varie sindromi cliniche caratterizzate da insufficienze funzionali a carico di una o più

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz Malattia di Parkinson

www.fisiokinesiterapia.biz Malattia di Parkinson www.fisiokinesiterapia.biz Malattia di Parkinson Substantia nigra Ventricolo laterale Corpo del caudato Capsula interna Talamo Putamen Globus pallidum Ippocampo III ventricolo nucleo caudato c. interna

Dettagli

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica Corrado Romano cromano@oasi.en.it Genetica Clinica secondo Wikipedia La genetica clinica o medica si occupa dello studio e della diagnosi delle

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING Il test OncoScreening OncoScreening è un test diagnostico, sviluppato da GENOMA Group, che permette di eseguire un analisi multipla per valutare

Dettagli

INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE. - malattie cardiovascolari - cancro

INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE. - malattie cardiovascolari - cancro INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE - malattie cardiovascolari - cancro Il processo di BIOSENESCENZA implica le caratteristiche seguenti: 1. è deleterio

Dettagli

Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE

Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE EREDITA MENDELIANA CLASSICA ~ 600 E C M 10.000 Enzimi

Dettagli

PROF. MASSIMO TABATON - CURRICULUM VITAE

PROF. MASSIMO TABATON - CURRICULUM VITAE PROF. MASSIMO TABATON - CURRICULUM VITAE Stato Professionale 1980-1981: Assistente di ruolo in Neurologia, Osp. Di Alessandria 1987-1990 : Assistente Neurologo, Clinica Neurologica, Università di Genova

Dettagli

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici MORTE CELLULARE Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici Omeostasi tissutale (di tessuti dinamici) Sviluppo embrionale Eliminazione di strutture corporee inutili - Fasi di scultura/rimodellamento

Dettagli

A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo

A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo 2 Convegno Nazionale Sindrome di Rubinstein Taybi Lodi, 17 19 maggio 2013 A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo Donatella Milani Cristina

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

NUTRIGENOMICA NAPOLI 30/ 31 MARZO 2009

NUTRIGENOMICA NAPOLI 30/ 31 MARZO 2009 NUTRIGENOMICA NAPOLI 30/ 31 MARZO 2009 Manifestazione sul tema Bellessere Informazioni presso ufficio stampa auregon http://www.auregon.it/bellessere Relatore Paolo Manzelli

Dettagli

Analisi del ruolo fisiopatologico della proteina LRRK2, responsabile della Malattia di Parkinson familiare di tipo 8

Analisi del ruolo fisiopatologico della proteina LRRK2, responsabile della Malattia di Parkinson familiare di tipo 8 Università degli studi di Sassari Scuola di Dottorato in Scienze Biotecnologiche e Biomolecolari Indirizzo Biochimica e Biologia Molecolare Ciclo XXIII Direttore: Chiar.mo Prof. Bruno Masala Analisi del

Dettagli

Realizzazione dell Unità di Bioinformatica dell IRCCS Neuromed. Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Realizzazione dell Unità di Bioinformatica dell IRCCS Neuromed. Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Realizzazione dell Unità di Bioinformatica dell IRCCS Neuromed Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema La Fondazione Neuromed è un organizzazione relativamente giovane, nata nel

Dettagli

Aggiornamenti in ambito genetico

Aggiornamenti in ambito genetico 10 Congresso Nazionale sulla Sindrome di Cornelia de Lange 1-4 novembre 2012 - Gabicce Aggiornamenti in ambito genetico Cristina Gervasini Genetica Medica Dip. Scienze della Salute Università degli Studi

Dettagli

Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare

Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica Varese, 3 luglio 2012 Il carcinoma pancreatico Patogenesi Suscettibilità genetica Implicazioni diagnostiche

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN Il test ColonScreen ColonScreen è un test diagnostico, sviluppato da GENOMA Group, che permette di eseguire un analisi genetica multipla per valutare

Dettagli

LA MALATTIA DI PARKINSON

LA MALATTIA DI PARKINSON LA MALATTIA DI PARKINSON a cura del Dott. Michele Gennuso Ambulatorio Disturbi del Movimento - U.O. Neurologia dell Ospedale Maggiore di Crema. 1.1. MANIFESTAZIONI CLINICHE La Malattia di Parkinson è una

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

Verbale n. 4: Prove didattiche

Verbale n. 4: Prove didattiche Verbale n. 4: Prove didattiche Il giorno 25.10.2011 alle ore 8,30 presso la sede dell Università degli Studi Parthenope di Napoli, in Via Acton 38, si riunisce in quarta seduta la Commissione Giudicatrice,

Dettagli

Scheda informativa sulla Malattia di Parkinson

Scheda informativa sulla Malattia di Parkinson Scheda informativa sulla Malattia di Parkinson Che cos è la Malattia di Parkinson? Quali sono i sintomi? Quali sono le cause? Quali sono i trattamenti? Qual è la prognosi? Cosa sta facendo l AFaR? Che

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

1.1. Struttura del sistema nervoso 1.1.1. stimoli nel sistema nervoso 12

1.1. Struttura del sistema nervoso 1.1.1. stimoli nel sistema nervoso 12 2 VIVE CON PARKINSON SOMMARIO SOMMARIO Prefazione 1. sistema nervoso 10 1.1. Struttura del sistema nervoso 1.1.1. stimoli nel sistema nervoso 12 1.2. 14 1.3. flusso di nel sistema nervoso 17 specializzazione,

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Dall 11 al 24 novembre sarà possibile donare a sostegno della Ricerca tramite il numero 45596

Dall 11 al 24 novembre sarà possibile donare a sostegno della Ricerca tramite il numero 45596 Comunicato stampa Malattia di Parkinson: il 24 novembre anche a Roma si celebra la Giornata dell informazione Un importante progetto di ricerca per affrontarla e combatterla Dall 11 al 24 novembre sarà

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

Alessandra Ferlini Marcella Neri CONSULENZA GENETICA

Alessandra Ferlini Marcella Neri CONSULENZA GENETICA Alessandra Ferlini Marcella Neri CONSULENZA GENETICA Ad integrazione delle lezioni e del testo di studio Genetica Umana e Medica Neri- Genuardi 3a edizione 2014 Masson (www.mediquiz.it) GENETICA MEDICA

Dettagli

GENETICA DELLA MALATTIA DI PARKINSON E PARKINSONISMI GENETICI. Introduzione: l eziologia della Malattia di Parkinson è eterogenea

GENETICA DELLA MALATTIA DI PARKINSON E PARKINSONISMI GENETICI. Introduzione: l eziologia della Malattia di Parkinson è eterogenea 2000 LIMPE - pubblicazione luglio 2000 GENETICA DELLA MALATTIA DI PARKINSON E PARKINSONISMI GENETICI PROF. VINCENZO BONIFATI Introduzione: l eziologia della Malattia di Parkinson è eterogenea La nosografia

Dettagli

SEMINARIO SUL CANCRO COLORETTALE EREDITARIO (Sindrome di Lynch)

SEMINARIO SUL CANCRO COLORETTALE EREDITARIO (Sindrome di Lynch) SEMINARIO SUL CANCRO COLORETTALE EREDITARIO (Sindrome di Lynch) Modena, 19 Dicembre 2007 I TUMORI EREDITARI: UNA VISIONE D INSIEME Maurizio Ponz de Leon PATOGENESI DEI TUMORI TUMORI SPORADICI CANCRO 70-80%

Dettagli

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Associazione Un Vero Sorriso Onlus via Morghen, 5 10143 Torino Torino, 01/10/2010 Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Titolo: Nuovi approcci per l identificazione di mutazioni rare in

Dettagli

Relazione dell attività svolta durante il 1 anno del corso di Dottorato in Neuroscienze. anno accademico 2009-2010 XXV Ciclo.

Relazione dell attività svolta durante il 1 anno del corso di Dottorato in Neuroscienze. anno accademico 2009-2010 XXV Ciclo. Relazione dell attività svolta durante il 1 anno del corso di Dottorato in Neuroscienze anno accademico 2009-2010 XXV Ciclo Laura Buizza PROFILO OSSIDATIVO DI p53 IN LINFOCITI IMMORTALIZZATI DI PAZIENTI

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE Istituto di Genetica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE Address: Istituto di Genetica DSTB - Università degli Studi di Udine P.le Kolbe,1-33100 Udine - ITALIA

Dettagli

Roberto Piolti Clinica Neurologica A.O. San Gerardo Monza. Polidiagnostico CAM, Monza, 20.11.2010

Roberto Piolti Clinica Neurologica A.O. San Gerardo Monza. Polidiagnostico CAM, Monza, 20.11.2010 Roberto Piolti Clinica Neurologica A.O. San Gerardo Monza Polidiagnostico CAM, Monza, 20.11.2010 NELLA FASE DIAGNOSTICA E NEL MONITORAGGIO DELLA MALATTIA IL PRINCIPALE SPECIALISTA COINVOLTO E IL NEUROLOGO

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Luca Sangiorgi S.S.D. di Genetica Medica e Malattie Rare Ortopediche, Istituto Ortopedico Rizzoli Bologna SSD di Genetica Medica IOR Roma, 25 settembre

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno Le demenze Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno LE DEMENZE DEFINIZIONE 1. La demenza definisce uno stato di progressivo decadimento delle funzioni cognitive prodotto da una patologia cerebrale

Dettagli

Il test genetico BRCA1/BRCA2

Il test genetico BRCA1/BRCA2 L identificazione Il test genetico BRCA1/BRCA2 M.G.Tibiletti UO Anatomia Patologica Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese IL CARCINOMA MAMMARIO FORME SPORADICHE FORME EREDITARIE FORME FAMIGLIARI

Dettagli

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico:

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Premesse 2 Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Su 8 molecole che presentano potenzialità terapeutiche solo 1, solitamente,

Dettagli

Riepilogo del progetto

Riepilogo del progetto Riepilogo del progetto 1. Contesto e scopo della agenda strategica Le malattie neurodegenerative (MN) sono condizioni debilitanti e in gran parte incurabili, strettamente legate all'invecchiamento. Tra

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere?

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Uni-A.T.E.Ne.O. "Ivana Torretta" Sergio Fava Oncologia Medica Legnano 22.10.2013 I nuovi casi di tumore Quali tumori più frequenti? Primi

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Caratterizzazione molecolare delle Distrofie Muscolari di Duchenne (DMD) e di Becker (BMD): diagnosi di malattia e studi familari L Proda esegue le indagini molecolari per le Distrofie muscolari di Duchenne

Dettagli

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo e secondo globulo polare (PB)

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo e secondo globulo polare (PB) Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo e secondo globulo polare (PB) Diagnosi Preimpianto delle alterazioni cromosomiche mediante array-cgh La sottoscritta (partner femmiile).. Data

Dettagli

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA FORMALE o GENETICA CLASSICA basata unicamente su risultati visibili di atti riproduttivi. È la parte più antica della genetica, risalendo agli esperimenti di Mendel

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

Quando Studiare il DAT

Quando Studiare il DAT Quando Studiare il A.Piccardo, E.O. Ospedali Galliera F. Nobili Università di Genova 123 I-FP-CIT (SCAN ) Pre-sinaptico FP- CIT Post-sinaptico Non interazione tra farmaci dopaminergici e imaging In presenza

Dettagli

5 modulo didattico - Patologia cromosomica.

5 modulo didattico - Patologia cromosomica. 5 modulo didattico - Patologia cromosomica. G0 IL CICLO CELLULARE DI UNA CELLULA DI MAMMIFERO Avviene ogni volta che la cellula si divide Le tappe fondamentali del processo sono: Separazione dei due filamenti

Dettagli

bradicinesia, riduzione della mobilità autonoma e volontaria senza riduzione della forza muscolare;

bradicinesia, riduzione della mobilità autonoma e volontaria senza riduzione della forza muscolare; Che cos è la malattia di Parkinson? La malattia di Parkinson è una patologia neurodegenerativa ad andamento progressivamente ingravescente. dovuta ad una degenerazione di particolari cellule nervose (neuroni

Dettagli

DIPARTIMENTO DI GENETICA Sezione di Genetica BIOLOGIA E BIOCHIMICA

DIPARTIMENTO DI GENETICA Sezione di Genetica BIOLOGIA E BIOCHIMICA Associazione Gli amici di Valentina via C.L.N. 42/A 10095 - Grugliasco (TO) Gent.li famiglie dell Associazione, Come per l anno in corso, anche per il prossimo anno la nostra attivita di laboratorio procedera

Dettagli

PARKINSON CON DEMENZA E DEMENZA A CORPI DI LEWY: ASPETTI CLINICI

PARKINSON CON DEMENZA E DEMENZA A CORPI DI LEWY: ASPETTI CLINICI PARKINSON CON DEMENZA E DEMENZA A CORPI DI LEWY: ASPETTI CLINICI Emilia Martignoni Dipartimento di Scienze Mediche, Università degli Studi del Piemonte Orientale "A. Av o g a d ro", Novara Servizio di

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre

il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre più di non conoscere, nell avvedersi di saper sempre meno,

Dettagli

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale DIABETE MELLITO Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica Patologia multisistemica e multifattoriale Parametri clinici: iperglicemia glicosuria - poliuria - polidipsia cheto-acidosi

Dettagli

IL TITOLO ANTISTREPTOLISINICO (TAS): E SEMPRE UTILE RICHIEDERLO? Dott. Giuseppe Di Mauro Dott. Lorenzo Mariniello ASL CE/2 Regione Campania

IL TITOLO ANTISTREPTOLISINICO (TAS): E SEMPRE UTILE RICHIEDERLO? Dott. Giuseppe Di Mauro Dott. Lorenzo Mariniello ASL CE/2 Regione Campania IL TITOLO ANTISTREPTOLISINICO (TAS): E SEMPRE UTILE RICHIEDERLO? Dott. Giuseppe Di Mauro Dott. Lorenzo Mariniello ASL CE/2 Regione Campania Che cos è il TAS? Il TAS rappresenta la concentrazione nel siero

Dettagli

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia?

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia? Dott.ssa Paola Coco Struttura Semplice Trattamento Medico Sarcomi Adulto, Dott. Daniele Morelli, Responsabile Medicina di Laboratorio Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Sintesi della

Dettagli

ALBINISMO. Definizione. Storia. Classificazione. www.albinismo.it

ALBINISMO. Definizione. Storia. Classificazione. www.albinismo.it ALBINISMO Definizione. Storia. Classificazione Definizione L Albinismo è un gruppo eterogeneo di anomalie ereditarie della sintesi della melanina, caratterizzato da una riduzione o assenza congenita del

Dettagli

Modelli organizzativi per il miglior trattamento della Malattia di Parkinson

Modelli organizzativi per il miglior trattamento della Malattia di Parkinson Modelli organizzativi per il miglior trattamento della Malattia di Parkinson l IRCCS C. Mondino tra ospedale e territorio U O Parkinson e Disordini del Movimento Fondazione Istituto Neurologico Nazionale

Dettagli

Fibrillina Sindrome di Marfan sindrome di Marfan sindrome di Marfan Sindrome di Marfan Fibrillina 1

Fibrillina Sindrome di Marfan sindrome di Marfan sindrome di Marfan Sindrome di Marfan Fibrillina 1 Genoma La determinazione e la conoscenza dell intera sequenza genomica è la condizione necessaria per comprendere la biologia di un determinato organismo Il genoma contiene le istruzioni (geni) per la

Dettagli

Malattie metaboliche e genetiche del Sistema Nervoso. www.fisiokinesiterapia.biz

Malattie metaboliche e genetiche del Sistema Nervoso. www.fisiokinesiterapia.biz Malattie metaboliche e genetiche del Sistema Nervoso www.fisiokinesiterapia.biz Malattie metaboliche del Sistema Nervoso Metabolismo: insieme delle reazioni chimiche alla base dei processi vitali tissuto-cellulari

Dettagli

Emanuele Bartolozzi Una guida per affrontare il disturbo

Emanuele Bartolozzi Una guida per affrontare il disturbo Emanuele Bartolozzi Una guida per affrontare il disturbo L attacco di panico sembra essere per il malato una duplice condanna: da un lato i sintomi che imperversano, dall altro quasi la ferma certezza

Dettagli

I tumori ereditari e familiari di mammella e ovaio

I tumori ereditari e familiari di mammella e ovaio I. I tumori ereditari e familiari di mammella e ovaio La maggior parte dei tumori che colpiscono mammella e ovaio sono sporadici, cioè le alterazioni del patrimonio genetico insorgono durante l arco della

Dettagli

Le cellule cancerose

Le cellule cancerose Le cellule cancerose Cosa è il cancro? Malattia che insorge in conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare E la Seconda causa di morte si possono sviluppare in quasi tutti gli organi Le diverse

Dettagli

Bachelor of Science in Ergoterapia

Bachelor of Science in Ergoterapia Dipartimento sanità Bachelor of Science in Ergoterapia Tesi di Bachelor 2011 Morena Burri Bachelor of Science in Ergoterapia Tesi di Bachelor 2011 L intervento ergoterapeutico cognitivo nell ambito della

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

La palestra per la mente

La palestra per la mente La palestra per la mente Corso rivolto alla terza età Docenti: Dr.sse E. Pasquali, L. Cretella Associazione UmanaMente www.associazioneumanamente.org La palestra per la mente Corso rivolto alla terza età

Dettagli

Corso La complessità in geriatria

Corso La complessità in geriatria Corso La complessità in geriatria Argomento La complessità dell assistenza domiciliare Materiale didattico Dott.ssa Fausta Podavitte Direttore del Dipartimento ASSI 11 marzo 2011 Dalle cure domiciliari

Dettagli