SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Patologia Generale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Patologia Generale"

Transcript

1 SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Patologia Generale Relazione Consuntiva Attività Scientifica ex. art. 5 Regolamento per la Ripartizione dei Fondi destinati alla Ricerca emanato con D.R. n del 13 novembre , 2010, 2011

2 I - Dati anagrafici del Dipartimento Dipartimento di Patologia Generale Indirizzo Via L. De Crecchio, Napoli Telefono Fax Sito web Direttore: prof. Vincenzo SICA Professori di prima fascia 6 Professori di seconda fascia 5 Ricercatori 10 Tecnici 30 Amministrativi 7 Altro 1 Dottorandi 21 Assegnisti 4 Borsisti 13 Specializzandi 0 PROFESSORI DI PRIMA FASCIA # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale 1 MIGLIACCIO Antimo MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 2 MOLINARI Anna Maria MED/05 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 3 NAPOLI Claudio MED/05 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 4 NIGRO Vincenzo MED/03 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno pieno pieno pieno Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.2

3 # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale 5 NOLA Ernesto MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 6 SICA Vincenzo MED/05 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno pieno PROFESSORI DI SECONDA FASCIA # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale 1 ABBONDANZA Ciro MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 2 ALTUCCI Lucia MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 3 CASTORIA Gabriella MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 4 CIOFFI Michele MED/05 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 5 MEDICI Nicola MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno pieno pieno pieno pieno RICERCATORI # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale 1 BANFI Sandro MED/03 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 2 BILANCIO Antonio MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 3 BONTEMPO Paola MED/05 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 4 DALLA MORA Liliana MED/46 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 5 DE FALCO Antonietta MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno pieno pieno pieno pieno 6 DE NIGRIS Filomena MED/05 06 Facoltà di Medicina e pieno Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.3

4 # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale Chirurgia 7 DI DOMENICO Marina MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 8 MINUCCI Pellegrino Biagio MED/46 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 9 PILUSO Giulio MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 10 VIETRI Maria Teresa MED/05 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno pieno pieno pieno Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.4

5 II - Composizione FDRS (Fondo Dipartimentale per la Ricerca Scientifica) relativo agli anni 2009, 2010, 2011 [comma 5-a] Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Ricerca di Ateneo , ,61 0,00 Quote di finanziamento Ministero 0, ,27 0,00 Quote di finanziamento o cofinanziamenti da enti pubblici Quote da convenzioni di ricerca senza compensi per docenti e ricercatori , , , ,06 0, ,18 Indice FDRS 60,7069 9,5190 Ateneo = 0 Indice FDRS del triennio: 46,0339 Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.5

6 III - Informazioni sulle modalità di utilizzazione e sulle destinazioni del fondo (FDRS) comprensive di una breve descrizione delle ricerche finanziate negli anni 2009, 2010, 2011 [comma 5.b] A BLUEPRINT of Haematopoietic Epigenomes (BLUEPRINT) Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/10/2011 al 30/09/2015 Anno: ,00 - Ente Pubblico Unione Europea Androgen Receptor/Filamin interaction: its role in prostate cancer progression and metastasis Antimo MIGLIACCIO Durata: dal 01/12/2011 al 31/12/2014 Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Epimutations in Acute myeloid leukemias: discovery of epi-biomarkers and innovative epi-treatments Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/12/2011 al 31/12/2014 Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Meccanismi di angiogenesi e nuovi sviluppi sulle malattie cardiovascolari Claudio NAPOLI Durata: dal 21/12/2010 al 01/02/2013 Anno: ,51 - Conto terzi FONDAZIONE SDN Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.6

7 Attività di ricerca sulle cellule staminali Vincenzo SICA Durata: dal 08/04/2011 al 31/01/2013 Anno: ,00 - Ente Pubblico istituto SUPERIORE SANITA' Analisi del ruolo dell'epigenoma nella leuchemogenesi Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,15 - Ateneo - S.U.N. Analisi proteomica degli interattori nucleari dei recettori degli estrogeni alfa e beta Ernesto NOLA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Apoptosis systems biology applied to cancer and AIDS. An integrated approach of experimental biology, data mining, mathematical modelling, biostatistics, systems engineering and molecular medicin Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/02/2008 al 31/12/2012 Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.7

8 Anno: ,00 - Ente Pubblico Unione Europea 7 Programma Quadro di Ricerca Scientifica e Tecnologica Il progetto, che vede la partecipazione di 23 partners europei, ha l obiettivo di comprendere i meccanismi cellulari alla base dell apoptosi, di creare modelli computerizzati di processi biologici fondamentali, e di applicare le conoscenze risultanti a due patologie correlate all apoptosi: cancro e AIDS. L unità SUN del progetto ha come obiettivo principale lo studio dei meccanismi regolatori del TNF-related apoptosisinducing ligand (TRAIL), il suo silenziamento nella leucemia, e cerca di correlare queste conoscenze agli eventi molecolari associati alla tumorigenesi. ABBONDANZA C., BONTEMPO P., TAMBARO F. P., NEBBIOSO A., MANZO F., DELL AVERSANA C., DE BELLIS F., MICELI M., MENAFRA R. Azione di epicomposti nelle patologie neoplastiche e metaboliche Paola BONTEMPO Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. Cellule progenitrici endoteliali e rigenerazione vascolare Pellegrino Biagio MINUCCI Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. Cofinanziamento PRIN (nota n / ) Giovanni Alfredo PUCA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,27 - Ministero Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.8

9 Controllo della trascrizione genica da recettori degli estrogeni Alessandro WEISZ Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Impiego dei peptidi inibitori del recettore degli estrogeni nei tumori mammari umani Antimo MIGLIACCIO Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Mandibular prognathism: genetic and molecular study usink linkare analysis e Gengival crevicular fluid biomarker during palte expansion Marina DI DOMENICO Durata: dal 01/01/2011 al 31/12/2012 Anno: ,00 - Ente Pubblico Dipartimento S.U.N. Modulazione angiogenesi e danno vascolare Claudio NAPOLI Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.9

10 Nuovi meccanismi molecolari modulati dai recettori degli ormoni steroidei e biomarcatori precoci della progressione del tumore prostatico umano Antonietta DE FALCO Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. Ricerca Ateneo 2010 Giovanni Alfredo PUCA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,32 - Ateneo - S.U.N. Ruolo ciclo cellulare nella trasformazione neoplastica Bartolomeo FARZATI Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. The role of steroid signaling activation in human prostate cancer progression Antimo MIGLIACCIO Durata: dal 01/01/2011 al 31/12/2012 Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC GIOVANNELLI P. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.10

11 YY1 e osteosarcoma Filomena DE NIGRIS Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. Ruolo del profilo trombotico ed infiammatorio nell'arteriopatia periferica Anna Maria MOLINARI Durata: dal 01/11/2010 al 01/11/2012 Anno: ,00 - Ministero Valutazione di marcatori circolanti nell'arteriopatia periferica CIOFFI M., NAPPO C., BOGGIA M. Identificazione e caratterizzazione di nuovi meccanismi molecolari che controllano il ciclo cellulare e l'apoptosi nell'angiogenesi Bartolomeo FARZATI Durata: dal 01/01/2010 al 22/09/2012 Anno: ,00 - Ministero Regolazione dell'espressione genica della via SIRT1/FoxO1-dipendente in cellule endoteliali progenitrici della nicchia vascolare Claudio NAPOLI Durata: dal 01/01/2010 al 22/09/2012 Anno: ,00 - Ministero Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.11

12 Epigenetic fingerprint in endometrial carcinogenesis: the hypothesis of an uterine field cancerization Marina DI DOMENICO Durata: dal 20/04/2011 al 20/04/2012 Anno: ,67 - Conto terzi Centro Chemis Iaccarino Development of Laser-Based Technologies and Prototype Instruments for Genome-Wide Chromatin ImmunoPrecipitation Analyses Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/04/2009 al 31/03/2012 Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Progetto EU SME driven ALTUCCI L., SICA V., ABBONDANZA C., BONTEMPO P. Controllo trascrizionale della proliferazione e differenziamento cellulare da recettore beta degli estrogeni nel carcinoma della mammella Alessandro WEISZ Durata: dal 22/03/2010 al 21/03/2012 Anno: ,00 - Ministero PRIN 2008 (Unità operativa) WEISZ A., NOLA E., NASSA G., PARIS O., TARALLO R., CASALE R., CICATIELLO L. Identificazione di marcatori molecolari e genetici nella stratificazione del rischio di malattia Anna Maria MOLINARI Durata: dal 01/03/2010 al 01/03/2012 Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.12

13 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Ruolo di nuovi marcatori molecolari e genetici nella stratificazione del rischio di malattia VIETRI M. T., CIOFFI M. Nuova mutazione del gene APC in paziente affetta da Poliposi Adenomatosa Familiare e tumore desmoide Michele CIOFFI Durata: dal 01/03/2010 al 01/03/2012 Anno: ,15 - Ateneo - S.U.N. Identificazione di una nuova mutazione del gene APC in paziente affetta da Poliposi Adenomatosa Familiare e tumore desmoide MOLINARI A. M., VIETRI M. T. Studio della differenziazione verso la serie condrogenica di BMSC con supporto di membrana collagenica e colla di fibrina Maria Teresa VIETRI Durata: dal 01/03/2010 al 01/03/2012 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. Differenziazione verso la serie condrogenica di BMSC prelevato dal condilo femorale dei apzienti con supporto di membrana collagenica e colla di fibrina CIOFFI M., MOLINARI A. M., PORCARO G., DE M. L., PARISI M. High throughput molecular diagnostics in individual patients for genetic diseases with heterogeneous clinical presentation- Techgene Vincenzo NIGRO Durata: dal 01/02/2009 al 31/01/2012 Il Progetto Techgene ha lo scopo di mettere a punto nuove strategie diagnostiche per malattie genetiche eterogenee, cioè simili clinicamente ma che Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.13

14 coinvolgono molti differenti geni. I geni sono raggruppati in differenti gradi di complessità: WP1 è basato sullo studio di geni singoli con mutazioni eterogenee, quali i geni delle globine e del cancro mammario; WP2 studia geni come quelli alla base delle sordità e cecità ereditarie in cui ci sono pochi geni comuni e tanti rari o non conosciuti; WP3 studia i geni dei disordini del movimento; WP4 i ritardi mentali geneticamente eterogenei in cui ci sono copy number variations. Le strategie di studio sono differenti. Per WP1 la strategia è basata sul risequenziamento di nuova generazione di prodotti amplificati mediante long PCR. Per WP2 la long PCR è confrontata con strategie di arricchimento in soluzione. Per WP3 l arricchimento è basato sulla scelta di un certo numero di geni candidati. Ma durante lo sviluppo del progetto sono cambiate le tecnologie di riferimento ed ogni pochi mesi cambia tutto. La long PCR non è più un opzione, mentre l arricchimento in soluzione è diventato più affidabile. Inoltre sembra avere meno senso sequenziare solo alcuni geni, perché il costo dell arricchimento e sequenziamento dell intero Exoma è più fattibile e conveniente. Quindi nella seconda parte del progetto tutto si è convertito a sequenziare l exoma ed due assegni di ricerca sono stati chiesti per questo. NIGRO V., PILUSO G., MONDRONE L., TORELLA A., DEL VECCHIO BLANCO F. Ormoni steroidei e meccanismi molecolari nella progressione del carcinoma prostatico. Liliana DALLA MORA Durata: dal 01/01/2010 al 01/01/2012 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. La terapia basata sulla deprivazione androgenica, indotta da antiandrogeni, rappresenta ancora oggi il trattamento cardine del carcinoma della prostata (PC) in stadio avanzato. Sfortunatamente, il blocco della funzione androgenica risulta inefficace nel tempo, poiché il PC riprende a crescere con caratteristiche biologiche nuove che provocano indipendenza o refrattarietà del tumore agli androgeni (HRPC). L obiettivo sarà quello di identificare i meccanismi responsabili della progressione tumorale e della refrattarietà alle terapie ormonali. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.14

15 Studio dell'espressione dei PRDM nell'attivazione e nel differanziamento linfocitario e monocitario Ciro ABBONDANZA Durata: dal 01/01/2010 al 01/01/2012 Anno: ,15 - Ateneo - S.U.N. DE ROSA C., PEZONE L. Cofinanziamento PRIN (nota n / ) Giovanni Alfredo PUCA Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2011 Anno: ,24 - Ateneo - S.U.N. RF-MUL THE ROLE OF MYOPALLADIN IN HUMAN DILATED MYOPATHY Vincenzo NIGRO Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2011 PILUSO G., TORELLA A., DEL VECCHIO BLANCO F., DIONISI M. Ricerca Ateneo 2009 DIRETTORE Giovanni Alfredo PUCA Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2011 Anno: ,88 - Ateneo - S.U.N. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.15

16 Ritardo mentale FGS-like in tre nuove famiglie Italiane. Analisi di linkage mediante whole-genome SNP genotyping Giulio PILUSO Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2011 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. Il ritardo mentale è la più comune causa di disabilità dello sviluppo in circa l 1-3% della popolazione mondiale. La sindrome FG è una rara forma di ritardo mentale X-linked clinicamente e geneticamente eterogenea. Noi abbiamo in precedenza caratterizzato il locus FGS4 a Xp11.3- p11.4 in una famiglia italiana, dimostrando che la mutazione missenso p.r28l (c.83g>t) nel gene CASK è la causa della malattia. Negli ultimi anni abbiamo raccolto più di 100 campioni di DNA di pazienti con diagnosi clinica di FGS/MR. Abbiamo iedntificato 3 famiglie FGS-like composte di 11, 16 e 22 individui, ciascuna con 3 affetti in due generazioni, su cui avviare questo progetto di wholegenome SNP genotyping e analisi di linkage, teso ad identificare nuovi geni malattia. Ruolo dell'ipossia in cellule mesenchimali da midollo osseo: implicazioni per l'arteriopatia ostruttiva periferica. Vincenzo SICA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2011 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Ruolo dell'ipossia in cellule mesenchimali da midollo osseo: implicazioni per l'arteriopatia ostruttiva periferica. COBELLIS G. Sequenziamento massivo dell'"exoma" umano per identificare nuove malattie genetiche recessive in piccole famiglie. Vincenzo NIGRO Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2011 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.16

17 il sequenziamento del genoma umano è oggi reso possibile dalle tecnologie dette NGS che consentono di ottenere fino a 100Gb di sequenza. Tuttavia le malattie genetiche sono causate per il 99.2% dei casi da mutazioni esoniche o periesoniche. Gli esoni costituiscono 33Mb di sequenza di DNA (circa 1/100 del genoma umano). Quindi sequenziare i soli esoni è circa volte più efficiente rispetto al sequenziamento dell intero genoma. Un ulteriore vantaggio è rappresentato dalla minore complessità computazionale e dai costi più contenuti. Abbiamo arricchito il genoma umano per le sole sequenze esoniche e avviato il sequenziamento con copertura 50x. Il nostro obiettivo è sequenziare gli esomi di piccole famiglie con patologie genetiche recessive orfane con almeno tre affetti non fratelli e l assegnista dovrà essere in grado tra l altro di effettuare l arricchimento dell exoma in soluzione e l analisi computazionale dei dati di sequenza. Questa informazione sarà utile a definire nuovi meccanismi patogenetici, perché l approccio non è condizionato da precedenti conoscenze. PILUSO G., TORELLA A., CUOMO A., DEL VECCHIO BLANCO F. Transcriptional control of mirna gene expression by estrogen receptor beta in hormone-responsive breast cancer Alessandro WEISZ Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2011 Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Progetto di ricerca triennale WEISZ A., CICATIELLO L., RAVO M., TARALLO R., NASSA G., FERRARO L. Trapianto autologo di cellule staminali del midollo osseo nell'arteriopatia ostruttiva periferica. Vincenzo SICA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2011 Anno: ,00 - Ministero Trapianto autologo di cellule staminali del midollo osseo nell'arteriopatia ostruttiva periferica. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.17

18 CIOFFI M., MOLINARI A. M. Utilizzo terapeutico di trapianto di sangue midollare autologo nella rigenerazione tissutale per le terapie di patologie non ematologiche e di grande diffusione. Vincenzo SICA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2011 Anno: ,00 - Ente Pubblico Istituto Banco di Napoli - Fondazione Utilizzo terapeutico di trapianto di sangue midollare autologo nella rigenerazione tissutale per le terapie di patologie non ematologiche e di grande diffusione. COBELLIS G. Meccanismi dell invechiamento cellulare Anna Maria MOLINARI Durata: dal 26/11/2009 al 26/11/2011 Anno: ,86 - Conto terzi Dea Center s.r.l. Epigenetic treatment of neoplastic disease Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/11/2005 al 31/10/2011 Anno: ,06 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,11 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,33 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.18

19 Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,06 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Il progetto, al quale partecipano 14 partners europei di 7 stati diversi, ha l obiettivo di definire validare il concetto di trattamento epigenetico del cancro. L unità SUN-DPG, oltre a coordinare un asse di ricerca e due workpackages, contribuisce al progetto principalmente con lo studio delle basi molecolari dell azione leucemogenica delle istone deacetilasi (HDAC), in linee cellulari ed in colture ex vivo di blasti. NEBBIOSO A., DE BELLIS F., FRANCI G., MICELI M., CONTE M., LEPORE I., DI CERBO V., MENAFRA R. Laboratorio di Medicina Molecolare per la Messa a Punto di Terapie Innovative e l Identificazione e Validazione di Marcatori Molecolari di Malattia Alessandro WEISZ Durata: dal 01/09/2009 al 31/08/2011 Avviso pubblico: "Bando per progetti di ricerca ad alto contenuto scientifico e tecnologico per la realizzazione e il potenziamento di laboratori pubblici di ricerca nel settore delle biotecnologie industriali e delle scienze della salute" (BURC n /08/08) - Ambito di ricerca: 6.1.a WEISZ A., CICATIELLO L., RAVO M., FERRARO L., TARALLO R., NASSA G., PARENTE L., FORMISANO S. Targeting the nuclear export of steroid receptors as an approach to cancer therapy Ferdinando AURICCHIO Durata: dal 26/01/2009 al 31/07/2011 Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Il progetto si propone di analizzare la localizzazione citoplasmatica del recettore degli estrogeni in campioni umani di ca. mammario e di stabilire la relazione tra tale distribuzione ed il grado di Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.19

20 malignità tumorale CASTORIA G., MIGLIACCIO A. Ruolo dei recettori per gli estrogeni alfa e beta nella regolazione della trascrizione genica e della progressione del ciclo cellulare Alessandro WEISZ Durata: dal 24/06/2010 al 23/06/2011 Progetto L WEISZ A., CASALE R., CICATIELLO L., ESPOSITO A., BAMUNDO A., CUOMO D., NASSA G., PARIS O., TARALLO R., GROBER O. M. V., FERRARO L., MUTARELLI M. CRESCENDO: Consortium for Research into Nuclear Receptors in Development and Aging Alessandro WEISZ Durata: dal 01/04/2006 al 31/03/2011 Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA IP WEISZ A., RAVO M., TARALLO R., NASSA G., FERRARO L., CICATIELLO L. IVS-14A/G e IVS-73C/T del gene OLR1 in pazienti con malattie cerebrovascolari ischemiche Michele CIOFFI Durata: dal 01/03/2009 al 01/03/2011 Anno: ,36 - Ateneo - S.U.N. Valutazione e ruolo di IVS-14A/G e IVS-73C/T del gene OLR1 in pazienti con malattie cerebrovascolari ischemiche Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.20

21 MOLINARI A. M., VIETRI M. T., PARISI M., BOGGIA M. L'influenza dei polimorfismi C667T e A1298C del gene della MTHFR sulle concentrazioni sieriche dell'omocisteina dopo anestesia con nitroso ossido Anna Maria MOLINARI Durata: dal 01/03/2009 al 01/03/2011 Anno: ,04 - Ateneo - S.U.N. Influenza dei polimorfismi C667T e A1298C del gene della MTHFR sulle concentrazioni sieriche dell'omocisteina dopo anestesia con nitroso ossido CIOFFI M., VIETRI M. T. MLPA (Multiplex Dependent Probe Amplification) per lo studio dei riarrangiamenti dei geni BRCA1 e BRACA2 Maria Teresa VIETRI Durata: dal 01/03/2009 al 01/03/2011 Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. mediante la tecnica MLPA (Multiplex Dependent Probe Amplification) vengono identificate i polimorfismi dei geni BRCA1 e BRACA2 nei familiari delle probande CIOFFI M., MOLINARI A. M., DE PAOLA M. L., BOGGIA M., PARISI M. Meccanismi fisiopatologici clinici innovativi delle malattie cardiovascolari Claudio NAPOLI Durata: dal 03/02/2009 al 02/02/2011 Anno: ,24 - Conto terzi Casa di Cura Santa Rita S.p.A. Meccanismi fisiopatologici clinici innovativi delle Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.21

22 malattie cardiovascolari inerenti l angiogenesi ed aterosclerosi Claudio NAPOLI Durata: dal 03/02/2009 al 02/02/2011 Anno: ,96 - Conto terzi Multimedica s.p.a. Caratterizzazione dei meccanismi non genomici degli ormoni steroidei per l'identificazione di nuovi potenziali bersagli terapeutici. Liliana DALLA MORA Durata: dal 01/01/2009 al 01/01/2011 Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. Il classico meccanismo d azione degli steroidi prevede che essi regolino la trascrizione genica nel compartimento nucleare delle cellule bersaglio, legandosi a specifiche sequenze di DNA. Tuttavia numerose evidenze indicano che essi sono anche in grado di attivare vie di segnalazione rapide extranucleari, non genomiche, in cellule riproduttive e non riproduttive. Tali effetti rapidi sono responsabili in diversi sistemi cellulari del controllo della progressione in ciclo, dei cambiamenti del citoscheletro e della sopravvivenza cellulare. I processi biologici descritti sono alterati nei tumori umani, inclusi i tumori della prostata. Qualunque sia il meccanismo, l'attivazione di tali circuiti dà luogo alla deregolazione del ciclo cellulare e della sopravvivenza, contribuisce al de-differenziamento ed alla metastatizzazione e, frequentemente, alla resistenza alle terapie. L obiettivo sarà quello di identificare molecole che inibiscono selettivamente i vari effettori del segnale. In tal modo si potrebbero intravedere strategie terapeutiche innovative, più razionali e mirate, dei tumori umani. Studio dell'espressione dei PRDM nell'attivazione e nel differanziamento linfocitario Ciro ABBONDANZA Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.22

23 Durata: dal 01/01/2009 al 01/01/2011 Anno: ,36 - Ateneo - S.U.N. DE ROSA C., PEZONE L. Analisi funzionale del ruolo di CASK nel ritardo mentale geneticamente determinato. Giulio PILUSO Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. Il ritardo mentale è la più comune causa di disabilità dello sviluppo. Per molti pazienti che soffrono di questa condizione clinicamente e geneticamente eterogenea, il gene difettivo resta non identificato. La sindrome FG è una rara forma di ritardo mentale X-linked. Il nostro gruppo ha in precedenza caratterizzato il locus FGS4 a Xp11.3-p11.4 in una famiglia italiana, dimostrando che la mutazione missenso p.r28l (c.83g>t) nel gene CASK è la causa della malattia. Studi preliminari e dati di letteratura indicano che CASK è un gene emergente del ritardo mentale X- linked. Noi riteniamo che CASK possa essere direttamente o indirettamente coinvolto in differenti condizioni patologiche in cui il deficit cognitivo può rappresentare l elemento comune. Noi investigheremo la funzione della peculiare N- terminale di CASK, ricercando possibili nuovi interattori del dominio CaM-kinase mediante screening di una libreria di cdna da cervello umano con la tecnica del doppio ibrido nel lievito. Noi riteniamo che questo dominio abbia un ruolo chiave per le funzioni di CASK. Analisi molecolare del ruolo degli estrogeni nel tumore della mammella ormono-responsivo. Ernesto NOLA Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,00 - Ateneo - S.U.N. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.23

24 Caratterizzazione molecolare della necroptosi nelle leucemie mieloidi acute Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,36 - Ateneo - S.U.N. Cofinanziamento PRIN (Nota n /2008) Giovanni Alfredo PUCA Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,75 - Ateneo - S.U.N. Diagnosi delle malattie neuromuscolari Vincenzo NIGRO Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2010 Anno: ,00 - Ateneo - S.U.N. Effetti del paratormone sui marcatori di superficie delle EPC Pellegrino Biagio MINUCCI Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. Effetti del paratormone sui marcatori di superficie delle EPC Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.24

25 Pellegrino Biagio MINUCCI Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,33 - Ateneo - S.U.N. Effetti del paratormone sui progenitori circolanti Bartolomeo FARZATI Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,04 - Ateneo - S.U.N. Identificazione e caratterizzazione dell'azione molecolare degli inbitori delle sirtuine nelle leucemie Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,67 - Ateneo - S.U.N. Identificazione e caratterizzazione delle basi molecolari dell'attività antineoplastica di composti naturali Paola BONTEMPO Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. Intervento terapeutico sulla neoangiogenesi legata alla trasformazione cellulare Filomena DE NIGRIS Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.25

26 Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,33 - Ateneo - S.U.N. Intervento terapeutico sulla neoangiogenesi legata alla trasformazione cellulare Filomena DE NIGRIS Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. Localizzazione del recettore degli estrogeni nei tumori mammari umani Antimo MIGLIACCIO Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,04 - Ateneo - S.U.N. Localizzazione del recettore degli estrogeni nei tumori mammari umani. Ferdinando AURICCHIO Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,01 - Ateneo - S.U.N. Meccanismi genomici di regolazione delle funzioni cellulari da recettore beta degli estrogeni in cellule ormono-responsive Alessandro WEISZ Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.26

27 Anno: ,04 - Ateneo - S.U.N. Meccanismi innovativi di intervento terapeutico nel danno vascolare Claudio NAPOLI Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,04 - Ateneo - S.U.N. Meccanismo d azione dei recettori degli estrogeni nel cancro della mammella Ernesto NOLA Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,04 - Ateneo - S.U.N. Ruolo delle varianti molecolari RIZ1 e RIZ2 del gene PRDM2 nel controllo dell'espressione genica di geni estrogeno regolata e non estrogeno regolati. Giovanni Alfredo PUCA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2010 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Ruolo delle varianti molecolari RIZ1 e RIZ2 del gene PRDM2 nel controllo dell'espressione genica di geni estrogeno regolata e non estrogeno regolati. Ruolo dell'espressione del recettore degli androgeni nella compnente stromale dei tumori prostatici. Gabriella CASTORIA Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.27

28 Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2010 Anno: ,15 - Ateneo - S.U.N. Il progetto si propone di analizzare l'espressione di AR nella compnente stromale dei tumori umani prostatici e di valutarne il ruolo prognostico. GIOVANNELLI P., OLIVIERO M. A. Studio del ruolo del recettore degli androgeni in fibroblasti associati a tumori umani della prostata Marina DI DOMENICO Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,33 - Ateneo - S.U.N. Studio dell'espressione dei PRDM in linee cellulari e neoplasie umane Nicola MEDICI Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2010 Anno: ,15 - Ateneo - S.U.N. Espressione dei PRDM nelle cellule tumorali Studio di nuove molecole che inibiscono la proliferazione di cellule di ca. mammari e prostatici Antonietta DE FALCO Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,33 - Ateneo - S.U.N. Studio di nuove molecole per il controllo dei meccanismi non genomici degli ormoni steroidei Antonietta DE FALCO Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.28

SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Patologia Generale

SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Patologia Generale SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Patologia Generale Relazione Consuntiva Attività Scientifica ex. art. 5 Regolamento per la Ripartizione dei Fondi destinati alla Ricerca emanato

Dettagli

ID55/2005 PROGETTO R&S Lo sviluppo di nuovi inibitori delle istone deacetilasi per un approccio epigenetico alla terapia dei tumori.

ID55/2005 PROGETTO R&S Lo sviluppo di nuovi inibitori delle istone deacetilasi per un approccio epigenetico alla terapia dei tumori. SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI CONGENIA - CONGENIA Srl Milano - DAC Srl Milano - NIKEM RESEARCH Srl Bollate MI - ISTITUTO EUROPEO DI ONCOLOGIA Milano - ISTITUTO FIRC DI ONCOLOGIA MOLECOLARE Milano

Dettagli

Normale controllo della crescita cellulare

Normale controllo della crescita cellulare Normale controllo della crescita cellulare STOP STOP Cellula normale STOP Alterato controllo della crescita cellulare X STOP STOP Cellula tumorale STOP X Le cellule tumorali presentano alterazioni cromosomiche

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI. più precisamente!

LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI. più precisamente! LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI più precisamente! TUMORI EVOLUZIONE E SELEZIONE CLONALE Cambiano: Velocita proliferazione Velocità di mutazione Stabilità genetica Attività telomerasica Vantaggi

Dettagli

Differenziamento cellulare

Differenziamento cellulare Differenziamento cellulare Differenziamento: acquisizione progressiva di nuove caratteristiche che porta a tipi cellulari specifici (es cell muscolari, neuroni,.) Dopo la fecondazione lo zigote va incontro

Dettagli

Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente

Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Distrofia dei cingoli Le diverse distrofie dipendono da mutazioni

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Indice 1. Introduzione 2. Cosa sono le targeted therapies? 3. Come funzionano le targeted therapies? 4. Perché utilizzare le targeted therapies nel

Dettagli

ATTIVITA DI RICERCA 1

ATTIVITA DI RICERCA 1 ATTIVITA DI RICERCA 1 A) RELAZIONE TRA PROFILO PRESSORIO E NAFLD IN PAZIENTI IPERTESI Premesse. E noto come la mancata caduta notturna della pressione arteriosa sia un indice prognostico indipendente,

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MASI SERENA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MASI SERENA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail MASI SERENA Nazionalità Italiana Data di nascita ISTRUZIONE E FORMAZIONE Date 2002 2007 (data conseguimento:

Dettagli

Attivazione/repressione trascrizionale a lungo raggio: raggio: Altro meccanismo per reprimere la trascrizione: la metilazione del DNA

Attivazione/repressione trascrizionale a lungo raggio: raggio: Altro meccanismo per reprimere la trascrizione: la metilazione del DNA Attivazione/repressione trascrizionale a lungo raggio:! Le regioni di controllo di un locus (Locus Control Regions LCR)! Le regioni di attacco alla matrice nucleare (MAR)! Gli isolatori Attivazione/repressione

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO. U.O. Genetica Medica

EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO. U.O. Genetica Medica EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO Dott.ssa M.Neri U.O. Genetica Medica Responsabile Consulenza Oncogenetica Prof.ssa A. Ferlini Direttore U.O. Genetica Medica I TUMORI AL SENO EREDITARI : L IMPORTANZA DELLA

Dettagli

Contributo. Tavoli tematici. 1. Dati proponente contributo VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020

Contributo. Tavoli tematici. 1. Dati proponente contributo VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici Contributo 1 1. Dati proponente contributo Alfredo Ferro Ente/organizzazione di appartenenza Università di Catania Telefono 3666627657

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias

The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias INTRODUZIONE Il mio progetto di ricerca, finanziato dall Associazione Damiano per l Ematologia, si è inserito in un più ampio studio di caratterizzazione

Dettagli

DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI. www.fisiokinesiterapia.biz

DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI. www.fisiokinesiterapia.biz DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI www.fisiokinesiterapia.biz sito dell NIH sulle cellule staminali in genere http://stemcells.nih.gov/info/basics/basics4.asp sito completo

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece Clinica e terapia delle malattie retiniche Direttore Scientifico Alfredo Pece Genetica LA GENETICA Cosa sta succedendo nell ambito della diagnostica e della terapia farmacologica oggi? Scoperta di geni

Dettagli

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Il ciclo cellulare è regolato dall azione di PROTOONCOGENI e (attivatori della proliferazione cellulare) GENI ONCOSOPPRESSORI (inibitori del ciclo

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 Titolo del progetto Studio dell'interazione tra le cellule del midollo osseo e le cellule tumorali del cancro alla mammella in piattaforme tridimensionali

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA

LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA Associazione Culturale Micene 1 Congresso Nazionale Evoluzione della Scienza e della Tecnica LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA Dr. Federico Selvaggi Università degli Studi G. d Annunzio Chieti/Pescara

Dettagli

Nutraceutici in Valle d Aosta (NUTRALP)

Nutraceutici in Valle d Aosta (NUTRALP) Nutraceutici in Valle d Aosta (NUTRALP) Dott.ssa Daniela Palmieri Laboratorio di Biologia Vascolare Clinica e Sperimentale IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST Dipartimento di Scienze

Dettagli

Il test genetico BRCA1/BRCA2

Il test genetico BRCA1/BRCA2 L identificazione Il test genetico BRCA1/BRCA2 M.G.Tibiletti UO Anatomia Patologica Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese IL CARCINOMA MAMMARIO FORME SPORADICHE FORME EREDITARIE FORME FAMIGLIARI

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica Corrado Romano cromano@oasi.en.it Genetica Clinica secondo Wikipedia La genetica clinica o medica si occupa dello studio e della diagnosi delle

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Genetica delle neoplasie ematologiche Individua le alterazioni genetiche ed epigenetiche presenti nei vari disordini onco-ematologici www.fisiokinesiterapia.biz Fattori estrinseci Ambiente Danno genotossico

Dettagli

POLICLINICO UNIVERSITARIO A GESTIONE DIRETTA

POLICLINICO UNIVERSITARIO A GESTIONE DIRETTA POLICLINICO UNIVERSITARIO A GESTIONE DIRETTA Istituto di Genetica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE Address: Istituto di Genetica - Facoltà di Medicina e Chirurgia PUGD - Università degli Studi di Udine

Dettagli

DANNO VASCOLARE E TROMBOEMOSTASI Fisiopatologia e patologia clinica. Prima edizione italiana della terza edizione inglese

DANNO VASCOLARE E TROMBOEMOSTASI Fisiopatologia e patologia clinica. Prima edizione italiana della terza edizione inglese DANNO VASCOLARE E TROMBOEMOSTASI Fisiopatologia e patologia clinica Prima edizione italiana della terza edizione inglese testatina III Vincenzo Sica Claudio Napoli DANNO VASCOLARE E TROMBOEMOSTASI Fisiopatologia

Dettagli

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche Rigenerazione del Sistema Nervoso Biotecnologie Farmaceutiche Concetti Generali Il Sistema Nervoso Centrale (CNS) è resistente a fenomeni rigenerativi Le cellule staminali del CNS sono Presenti in piccolo

Dettagli

IL MUSCOLO SCHELETRICO

IL MUSCOLO SCHELETRICO IL MUSCOLO SCHELETRICO Il muscolo scheletrico è formato da tessuto muscolare striato sotto controllo volontario e svolge un ruolo chiave in numerose attività, come il mantenimento della postura, la locomozione,

Dettagli

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING E NEL TRATTAMENTO DELLA NEOPLASIA POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E METASTATICA Giuseppe De Vincentis 18 FDG PET: presupposti La degenerazione cancerosa si associa

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Ariela Benigni. Biol.Sci.D., Ph.D.

CURRICULUM VITAE. Ariela Benigni. Biol.Sci.D., Ph.D. CURRICULUM VITAE Ariela Benigni Biol.Sci.D., Ph.D. Dati Personali: Nome: Ariela Benigni Data e luogo di nascita: 16 Dicembre, 1955 - Bergamo Cittadinanza: Italiana Tel. 035 42131 E-mail: ariela.benigni@marionegri.it

Dettagli

DIABETE diabete tipo 1 (DM1)

DIABETE diabete tipo 1 (DM1) DIABETE In questo ambito le attività di ricerca attualmente in corso nel Dipartimento sono finalizzate allo studio dei meccanismi eziopatogenetici alla base della malattia diabetica che rappresenta sempre

Dettagli

Tecnico di laboratorio biomedico

Tecnico di laboratorio biomedico Rizzo Silvana - Congresso Nazionale F.I.Te.La.B-Trieste 1 dicembre 2011 Tecnico di laboratorio biomedico formazione da sempre orientata ad acquisire competenze in tutti gli ambiti di laboratorio. Ambito

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Dott.ssa Maria Luana Poeta Cos è un Tumore Omeostasi Tissutale

Dettagli

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015 Servizi di Ricerca a Terzi Luglio 2015 Chi siamo Vera Salus Ricerca S.r.l. (VSR) è una target discovery biotech company che mette a disposizione le proprie competenze e la propria strumentazione in qualità

Dettagli

ETIOPATOGENESI DELLA CARDIOMIOPATIA DIABETICA PROF. GIANCARLO DE MATTIA Dipartimento di Medicina Interna

ETIOPATOGENESI DELLA CARDIOMIOPATIA DIABETICA PROF. GIANCARLO DE MATTIA Dipartimento di Medicina Interna ETIOPATOGENESI DELLA CARDIOMIOPATIA DIABETICA PROF. GIANCARLO DE MATTIA Dipartimento di Medicina Interna La cardiopatia ischemica è una delle principali cause di morbilità e mortalità nei pazienti diabetici

Dettagli

Il carcinoma prostatico rappresenta la neoplasia più diffusa nell uomo

Il carcinoma prostatico rappresenta la neoplasia più diffusa nell uomo Infiammazione e patologie croniche della prostata: evidenza per un legame causale? Alessandro Sciarra Dipartimento di Urologia Prostate Unit Policlinico Umberto I di Roma Università Sapienza di Roma sciarra.md@libero.it

Dettagli

IL-2R & IL-15R Alice Praduroux

IL-2R & IL-15R Alice Praduroux Università degli Studi di Torino Facoltà di Biotecnologie Molecolari Anno Accademico 2006/2007 Corso di Immunologia Molecolare IL-2R & IL-15R Alice Praduroux Classificazione Recettori appartenenti alla

Dettagli

A IFE F G 16 1-17 1 7 O

A IFE F G 16 1-17 1 7 O Colorectal Cancer in a young patient with Partial Androgen Insensitivity Syndrome (PAIS) Stefano Signoroni Unit of Hereditary Digestive Tract Tumours, Department of Preventive and Predictive Medicine,

Dettagli

Tumore (gonfiore) o neoplasia (nuova crescita):

Tumore (gonfiore) o neoplasia (nuova crescita): Tumore (gonfiore) o neoplasia (nuova crescita): *popolazione cellulare di nuova formazione che ha preso origine quasi sempre da una sola cellula somatica dell organismo, colpita da una serie sequenziale

Dettagli

GENETICA DEL TUMORE DEL COLON-RETTO

GENETICA DEL TUMORE DEL COLON-RETTO GENETICA DEL TUMORE DEL COLON-RETTO EPIDEMIOLOGIA In tutto l'occidente, il cancro del colon-retto occupa, per incidenza, il secondo posto tra i tumori maligni, preceduto dal tumore al polmone nell'uomo

Dettagli

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria Genova 17 novembre 2009 Seminario finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria dott. Cristina Grandi dott. Michela Ferlenghi finanziamenti pubblici, ministeriali

Dettagli

Quotidiano. www.ecostampa.it

Quotidiano. www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it Lettori: 2.835.000 Diffusione: 431.913 12-NOV-2013 Dir. Resp.: Ezio Mauro da pag. 1 Lettori: 2.835.000 Diffusione: 431.913 12-NOV-2013

Dettagli

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV ADULTS AND CHILDREN ESTIMATED TO BE LIVING WITH HIV/AIDS,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Roberto RIA Indirizzo Traversa I via Svaona n. 4 70127 Bari-Santo Spirito Telefono 080.5593106 Cellulare

Dettagli

Il Cancro è una malattia genetica

Il Cancro è una malattia genetica Il Cancro è una malattia genetica PROCESSO MULTIFASICO Il Cancro è sempre genetico Talvolta il cancro è ereditario Ciò che viene ereditato non è la malattia, bensì la PREDISPOSIZIONE In assenza di ulteriori

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GLI INSEGNANTI DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI INGEGNERIA GENETICA E SUE APPLICAZIONI

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GLI INSEGNANTI DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI INGEGNERIA GENETICA E SUE APPLICAZIONI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GLI INSEGNANTI DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI INGEGNERIA GENETICA E SUE APPLICAZIONI mercoledì 5 maggio 2004 La regolazione dell'espressione genica prof. Giovanna Viale - Università

Dettagli

Verbale n. 3: Discussione dei titoli e delle pubblicazioni scientifiche

Verbale n. 3: Discussione dei titoli e delle pubblicazioni scientifiche Verbale n. 3: Discussione dei titoli e delle pubblicazioni scientifiche Il giorno 24.10.2011 alle ore 11,00, presso la sede dell Università degli Studi Parthenope di Napoli, in Via Acton 38, si riunisce

Dettagli

RICERCA, INNOVAZIONE E COMPETITIVITA : Quali vantaggi per il Paese e per i pazienti?

RICERCA, INNOVAZIONE E COMPETITIVITA : Quali vantaggi per il Paese e per i pazienti? RICERCA, INNOVAZIONE E COMPETITIVITA : Quali vantaggi per il Paese e per i pazienti? La ricerca oncologica presso l Ospedale S. Filippo Neri di Roma Giampietro Gasparini Associazione G. Dossetti Roma,

Dettagli

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Negli Eucarioti un cromosoma del sesso è un cromosoma presente in forme diverse nei due sessi. Uno è un cromosoma "X", l'altro strutturalmente e funzionalmente

Dettagli

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione Autori Prefazione alla prima edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla terza edizione XV XIX XXI XXIII 1. Epidemiologia e prevenzione oncologica (M. De Laurentiis, R. Bianco, S. De Placido)

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE Istituto di Genetica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE Address: Istituto di Genetica DSTB - Università degli Studi di Udine P.le Kolbe,1-33100 Udine - ITALIA

Dettagli

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company La cellula Gli organismi contengono organi, gli organi sono costituiti da tessuti, i tessuti sono composti da cellule e le cellule sono formate da molecole Evoluzione molecolare L evoluzione è un processo

Dettagli

TARIFFARIO PRESTAZIONI LABORATORIO DI GENETICA MOLECOLARE, SEZIONE DI PSICOLOGIA CLINICA SANITARIA, DELLE ORGANIZZAZIONI E DEL BENESSERE

TARIFFARIO PRESTAZIONI LABORATORIO DI GENETICA MOLECOLARE, SEZIONE DI PSICOLOGIA CLINICA SANITARIA, DELLE ORGANIZZAZIONI E DEL BENESSERE TARIFFARIO PRESTAZIONI LABORATORIO DI GENETICA MOLECOLARE, SEZIONE DI PSICOLOGIA CLINICA SANITARIA, DELLE ORGANIZZAZIONI E DEL BENESSERE PRESTAZIONE IMPONIBILE IVA TOTALE Consulenza genetica 50,00 0,00

Dettagli

Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon

Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon Carmelo Lupo Coordinatore Tecnico U.O. Anatomia Patologica e Patologia Molecolare

Dettagli

La Biopsia Prostatica: where are we going?

La Biopsia Prostatica: where are we going? La Biopsia Prostatica: where are we going? Sabato 28 Novembre 2015, Catania Dott. Michele Salemi Screening genetico correlato a rischio di carcinoma prostatico. BRCA1, BRCA2, TP53, CHEK2, HOXB13 e NBN:

Dettagli

Sviluppo e applicazione delle terapie. Alessandro Comandone SC Oncologia Ospedale Gradenigo Torino

Sviluppo e applicazione delle terapie. Alessandro Comandone SC Oncologia Ospedale Gradenigo Torino Sviluppo e applicazione delle terapie oncologiche:basi farmacologiche e tossicità. Alessandro Comandone SC Oncologia Ospedale Gradenigo Torino Le terapie anticancro: classificazione Ormonoterapia Chemioterapia

Dettagli

Affidabilità nella diagnostica

Affidabilità nella diagnostica Affidabilità nella diagnostica Passione per la ricerca Research & Innovation è un laboratorio di medicina molecolare che esegue test genetici avanzati al servizio dei medici e delle strutture di diagnosi

Dettagli

Responsabile scientifico del progetto PIER LORENZO PURI Fondazione Santa Lucia. Fondazione Santa Lucia GIOVANNA BORSELLINO

Responsabile scientifico del progetto PIER LORENZO PURI Fondazione Santa Lucia. Fondazione Santa Lucia GIOVANNA BORSELLINO FILAS.1 MANIPOLAZIONE FARMACOLOGICA DELL ESPRESSIONE GENICA CON FARMACI EPIGENETICI IN CELLULE STAMINALI MUSCOLARI ENDOGENE: RAZIONALE MOLECOLARE E APPLICAZIONI TERAPEUTICHE PER LA RIGENERAZIONE MUSCOLARE

Dettagli

Anatomia, Microbiologia, Immunologia, Biologia e Genetica ANNO DI CORSO

Anatomia, Microbiologia, Immunologia, Biologia e Genetica ANNO DI CORSO FACOLTÀ MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 CORSO DI LAUREA (o LAUREA Medicina e Chirurgia- Chirone MAGISTRALE) INSEGNAMENTO/CORSO INTEGRATO Patologia generale TIPO DI ATTIVITÀ Caratterizzante

Dettagli

AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE.

AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE. CELLULE STAMINALI Il termine trapianto di midollo osseo è oggi sostituito da trapianto di cellule staminali. Queste possono essere AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE. Il trapianto di celule staminali è

Dettagli

PRESIDIO OSPEDALIERO DI CONEGLIANO PIASTRA AMBULATORIALE DIREZIONE MEDICA AMBULATORIO SENOLOGICO EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E SCREENING

PRESIDIO OSPEDALIERO DI CONEGLIANO PIASTRA AMBULATORIALE DIREZIONE MEDICA AMBULATORIO SENOLOGICO EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E SCREENING PRESIDIO OSPEDALIERO DI CONEGLIANO PIASTRA AMBULATORIALE DIREZIONE MEDICA AMBULATORIO SENOLOGICO EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E SCREENING INCIDENZA DI TUMORI NELLA DONNA 35000 30000 25000 20000 15000 10000

Dettagli

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica Milano, 20 novembre 2015 Dott. Massimo Castoldi Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Medicina di precisione La transizione verso l'era della

Dettagli

Progetto sulle esostosi multiple

Progetto sulle esostosi multiple Progetto sulle esostosi multiple PROGETTO SULLE ESOSTOSI MULTIPLE EREDITARIE Dott. Leonardo D Agruma Servizio di Genetica Medica - Dipartimento dell Età Evolutiva IRCCS Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza

Dettagli

Il cancro è la conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare

Il cancro è la conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare Cellule cancerose Il cancro è la conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare In base al tipo di tessuto colpito, diverse categorie : Carcinomi: cell. epiteliali rivestimenti est e int Sarcomi:

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Rosario Scaglione Indirizzo Via Lombardia 9, Palermo Telefono 0916552155 Fax 0916552153 E-mail rosario.scaglione@unipa.it

Dettagli

Caratterizzazione Molecolare di Cellule Staminali di Leucemia Mieloide Acuta

Caratterizzazione Molecolare di Cellule Staminali di Leucemia Mieloide Acuta 2 Workshop Nazionale SIES Ematologia Traslazionale Verona, 21-22 Maggio 2009 Caratterizzazione Molecolare di Cellule Staminali di Leucemia Mieloide Acuta Simona Salati Universita di Modena and Reggio Emilia

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Regolamento didattico della Scuola di specializzazione in ENDOCRINOLOGIA E MALATTIE DEL RICAMBIO

Regolamento didattico della Scuola di specializzazione in ENDOCRINOLOGIA E MALATTIE DEL RICAMBIO Regolamento didattico della Scuola di specializzazione in ENDOCRINOLOGIA E MALATTIE DEL RICAMBIO (denominazione in inglese) Area Classe Obiettivi formativi e descrizione (da indicare quelli presenti nel

Dettagli

Neoplasia (o tumore) Neoplasie Maligne. Neoplasie Benigne. Si definisce Neoplasia:

Neoplasia (o tumore) Neoplasie Maligne. Neoplasie Benigne. Si definisce Neoplasia: Neoplasia (o tumore) Neoplasia: classificazione Si definisce Neoplasia: una massa abnorme di tessuto la cui crescita supera quella dei tessuti normali e progredisce anche dopo la cessazione degli stimoli

Dettagli

PROF. MASSIMO TABATON - CURRICULUM VITAE

PROF. MASSIMO TABATON - CURRICULUM VITAE PROF. MASSIMO TABATON - CURRICULUM VITAE Stato Professionale 1980-1981: Assistente di ruolo in Neurologia, Osp. Di Alessandria 1987-1990 : Assistente Neurologo, Clinica Neurologica, Università di Genova

Dettagli

Quiz multiple choice per valutazione apprendimento dei partecipanti

Quiz multiple choice per valutazione apprendimento dei partecipanti Quiz multiple choice per valutazione apprendimento dei partecipanti 1. Quali recettori di citochine condividono la catena gamma del recettore di IL-2? A. IL-2, IL-4, IL15 B. IL-4, IL-15, GM-CSF C. IL-2,

Dettagli

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr. Roberto Benelli TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr.ssa Maria Nincheri Kunz Terapie a bersaglio molecolare

Dettagli

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati Durante l invecchiamento L invecchiamento è l incapacità di organi, tessuti, cellule e molecole a mantenere la propria integrità funzionale e strutturale perturbata

Dettagli

Conoscenze, capacità, e comportamenti che ci si ripromette di trasmettere o sviluppare, con riferimento agli obiettivi di apprendimento

Conoscenze, capacità, e comportamenti che ci si ripromette di trasmettere o sviluppare, con riferimento agli obiettivi di apprendimento Docente: HAYEK JOUSSEF Qualifica: DIRIGENTE MEDICO AOUS Insegnamento: NEUROPSICHIATRIA INFANTILE SSD: MED/39 Anno III o Descrivere l approccio clinico-strumentale al bambino con deficit intellettivo isolato

Dettagli

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag.

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag. CAPITOLO 1 indice le neoplasie nell anziano pag. 5 Valutazione del paziente anziano pag. 7 Aspetti generali del trattamento pag. 10 Tumori del colon-retto pag. 11 Tumori della mammella pag. 13 Tumori del

Dettagli

Oncologia. Lo studio dei tumori

Oncologia. Lo studio dei tumori Oncologia Lo studio dei tumori Cause di morte nel mondo nel 2000 1. Malattie cardiache 2. Cancro 3. Malattie cerebrovascolari 4. Malattie respiratorie croniche 5. Incidenti 6. Diabete 7. Influenza e polmonite

Dettagli

Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE

Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE EREDITA MENDELIANA CLASSICA ~ 600 E C M 10.000 Enzimi

Dettagli

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Corso di Immunologia Molecolare Anno Accademico 2007/08 Elisa Migliore Her2 nelle

Dettagli

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Luca Sangiorgi S.S.D. di Genetica Medica e Malattie Rare Ortopediche, Istituto Ortopedico Rizzoli Bologna SSD di Genetica Medica IOR Roma, 25 settembre

Dettagli

Competenze Laboratori (Med-CHHAB)

Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Asse Portante Tematiche Campi d azione Servizi offerti Applicazioni Polimeri Biocompatibili Preparazione e caratterizzazione chimicofisica di materiali polimerici biocompatibili

Dettagli

PATOLOGIA MOLECOLARE

PATOLOGIA MOLECOLARE Diagnosi rischio individuale diagnosi precoce PATOLOGIA MOLECOLARE prognosi therapia singolo paziente Example of an approximately 40,000 probe spotted oligo microarray with enlarged inset to show detail.

Dettagli

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010 PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI VETTORI λ (15-20 Kb) = vettori ottenuti apportando delle modifiche al genoma del batteriofago λ. COSMIDI (40-45 Kb) = plasmidi che contengono i siti cos di λ utili per

Dettagli

SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Biochimica Biofisica e Patologia Generale

SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Biochimica Biofisica e Patologia Generale SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Biochimica Biofisica e Patologia Generale Relazione Consuntiva Attività Scientifica ex. art. 5 Regolamento per la Ripartizione dei Fondi destinati

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione cellulare

Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione cellulare UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Anatomia e Fisiologia Umana Department of Human Anatomy and Physiology Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione

Dettagli

Dal paziente al gene malattia : il clonaggio posizionale del gene Met

Dal paziente al gene malattia : il clonaggio posizionale del gene Met Dal paziente al gene malattia : il clonaggio posizionale del gene Met Una storia di interazione fra Medicina e Ricerca a cura di Debora Angeloni, Ph.D., Settore di Medicina Scuola Estiva di Orientamento

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Maria del Carmen RODRIGUEZ PEREZ Telefono 0303996295 Fax 0303995036 E-mail rodricarmen@alice.it Nazionalità

Dettagli

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali Tumore Cos è il tumore? Il tumore o neoplasia (dal greco neo,, nuovo, e plasìa,, formazione), o cancro se è maligno, è una classe di malattie caratterizzate da una incontrollata riproduzione di alcune

Dettagli

Marcatori Genetici Tumorali

Marcatori Genetici Tumorali a scuola di scienze della vita Liceo Scientifico N. Tron Schio (VI), 16 dicembre 2008 Marcatori Genetici Tumorali Tommaso Scarpa Schio (VI) - 16 Dicembre 2008 Il Tumore è una malattia genetica. 1 sola

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Test genetici per evidenziare il rischio di trombolfilia Il Fattore V della coagulazione è un cofattore essenziale per l attivazione della protrombina a trombina. La variante G1691A, definita variante

Dettagli