SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Patologia Generale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Patologia Generale"

Transcript

1 SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Patologia Generale Relazione Consuntiva Attività Scientifica ex. art. 5 Regolamento per la Ripartizione dei Fondi destinati alla Ricerca emanato con D.R. n del 13 novembre , 2010, 2011

2 I - Dati anagrafici del Dipartimento Dipartimento di Patologia Generale Indirizzo Via L. De Crecchio, Napoli Telefono Fax Sito web Direttore: prof. Vincenzo SICA Professori di prima fascia 6 Professori di seconda fascia 5 Ricercatori 10 Tecnici 30 Amministrativi 7 Altro 1 Dottorandi 21 Assegnisti 4 Borsisti 13 Specializzandi 0 PROFESSORI DI PRIMA FASCIA # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale 1 MIGLIACCIO Antimo MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 2 MOLINARI Anna Maria MED/05 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 3 NAPOLI Claudio MED/05 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 4 NIGRO Vincenzo MED/03 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno pieno pieno pieno Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.2

3 # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale 5 NOLA Ernesto MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 6 SICA Vincenzo MED/05 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno pieno PROFESSORI DI SECONDA FASCIA # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale 1 ABBONDANZA Ciro MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 2 ALTUCCI Lucia MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 3 CASTORIA Gabriella MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 4 CIOFFI Michele MED/05 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 5 MEDICI Nicola MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno pieno pieno pieno pieno RICERCATORI # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale 1 BANFI Sandro MED/03 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 2 BILANCIO Antonio MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 3 BONTEMPO Paola MED/05 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 4 DALLA MORA Liliana MED/46 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 5 DE FALCO Antonietta MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno pieno pieno pieno pieno 6 DE NIGRIS Filomena MED/05 06 Facoltà di Medicina e pieno Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.3

4 # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale Chirurgia 7 DI DOMENICO Marina MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 8 MINUCCI Pellegrino Biagio MED/46 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 9 PILUSO Giulio MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 10 VIETRI Maria Teresa MED/05 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno pieno pieno pieno Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.4

5 II - Composizione FDRS (Fondo Dipartimentale per la Ricerca Scientifica) relativo agli anni 2009, 2010, 2011 [comma 5-a] Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Ricerca di Ateneo , ,61 0,00 Quote di finanziamento Ministero 0, ,27 0,00 Quote di finanziamento o cofinanziamenti da enti pubblici Quote da convenzioni di ricerca senza compensi per docenti e ricercatori , , , ,06 0, ,18 Indice FDRS 60,7069 9,5190 Ateneo = 0 Indice FDRS del triennio: 46,0339 Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.5

6 III - Informazioni sulle modalità di utilizzazione e sulle destinazioni del fondo (FDRS) comprensive di una breve descrizione delle ricerche finanziate negli anni 2009, 2010, 2011 [comma 5.b] A BLUEPRINT of Haematopoietic Epigenomes (BLUEPRINT) Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/10/2011 al 30/09/2015 Anno: ,00 - Ente Pubblico Unione Europea Androgen Receptor/Filamin interaction: its role in prostate cancer progression and metastasis Antimo MIGLIACCIO Durata: dal 01/12/2011 al 31/12/2014 Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Epimutations in Acute myeloid leukemias: discovery of epi-biomarkers and innovative epi-treatments Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/12/2011 al 31/12/2014 Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Meccanismi di angiogenesi e nuovi sviluppi sulle malattie cardiovascolari Claudio NAPOLI Durata: dal 21/12/2010 al 01/02/2013 Anno: ,51 - Conto terzi FONDAZIONE SDN Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.6

7 Attività di ricerca sulle cellule staminali Vincenzo SICA Durata: dal 08/04/2011 al 31/01/2013 Anno: ,00 - Ente Pubblico istituto SUPERIORE SANITA' Analisi del ruolo dell'epigenoma nella leuchemogenesi Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,15 - Ateneo - S.U.N. Analisi proteomica degli interattori nucleari dei recettori degli estrogeni alfa e beta Ernesto NOLA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Apoptosis systems biology applied to cancer and AIDS. An integrated approach of experimental biology, data mining, mathematical modelling, biostatistics, systems engineering and molecular medicin Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/02/2008 al 31/12/2012 Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.7

8 Anno: ,00 - Ente Pubblico Unione Europea 7 Programma Quadro di Ricerca Scientifica e Tecnologica Il progetto, che vede la partecipazione di 23 partners europei, ha l obiettivo di comprendere i meccanismi cellulari alla base dell apoptosi, di creare modelli computerizzati di processi biologici fondamentali, e di applicare le conoscenze risultanti a due patologie correlate all apoptosi: cancro e AIDS. L unità SUN del progetto ha come obiettivo principale lo studio dei meccanismi regolatori del TNF-related apoptosisinducing ligand (TRAIL), il suo silenziamento nella leucemia, e cerca di correlare queste conoscenze agli eventi molecolari associati alla tumorigenesi. ABBONDANZA C., BONTEMPO P., TAMBARO F. P., NEBBIOSO A., MANZO F., DELL AVERSANA C., DE BELLIS F., MICELI M., MENAFRA R. Azione di epicomposti nelle patologie neoplastiche e metaboliche Paola BONTEMPO Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. Cellule progenitrici endoteliali e rigenerazione vascolare Pellegrino Biagio MINUCCI Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. Cofinanziamento PRIN (nota n / ) Giovanni Alfredo PUCA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,27 - Ministero Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.8

9 Controllo della trascrizione genica da recettori degli estrogeni Alessandro WEISZ Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Impiego dei peptidi inibitori del recettore degli estrogeni nei tumori mammari umani Antimo MIGLIACCIO Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Mandibular prognathism: genetic and molecular study usink linkare analysis e Gengival crevicular fluid biomarker during palte expansion Marina DI DOMENICO Durata: dal 01/01/2011 al 31/12/2012 Anno: ,00 - Ente Pubblico Dipartimento S.U.N. Modulazione angiogenesi e danno vascolare Claudio NAPOLI Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.9

10 Nuovi meccanismi molecolari modulati dai recettori degli ormoni steroidei e biomarcatori precoci della progressione del tumore prostatico umano Antonietta DE FALCO Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. Ricerca Ateneo 2010 Giovanni Alfredo PUCA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,32 - Ateneo - S.U.N. Ruolo ciclo cellulare nella trasformazione neoplastica Bartolomeo FARZATI Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. The role of steroid signaling activation in human prostate cancer progression Antimo MIGLIACCIO Durata: dal 01/01/2011 al 31/12/2012 Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC GIOVANNELLI P. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.10

11 YY1 e osteosarcoma Filomena DE NIGRIS Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. Ruolo del profilo trombotico ed infiammatorio nell'arteriopatia periferica Anna Maria MOLINARI Durata: dal 01/11/2010 al 01/11/2012 Anno: ,00 - Ministero Valutazione di marcatori circolanti nell'arteriopatia periferica CIOFFI M., NAPPO C., BOGGIA M. Identificazione e caratterizzazione di nuovi meccanismi molecolari che controllano il ciclo cellulare e l'apoptosi nell'angiogenesi Bartolomeo FARZATI Durata: dal 01/01/2010 al 22/09/2012 Anno: ,00 - Ministero Regolazione dell'espressione genica della via SIRT1/FoxO1-dipendente in cellule endoteliali progenitrici della nicchia vascolare Claudio NAPOLI Durata: dal 01/01/2010 al 22/09/2012 Anno: ,00 - Ministero Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.11

12 Epigenetic fingerprint in endometrial carcinogenesis: the hypothesis of an uterine field cancerization Marina DI DOMENICO Durata: dal 20/04/2011 al 20/04/2012 Anno: ,67 - Conto terzi Centro Chemis Iaccarino Development of Laser-Based Technologies and Prototype Instruments for Genome-Wide Chromatin ImmunoPrecipitation Analyses Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/04/2009 al 31/03/2012 Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Progetto EU SME driven ALTUCCI L., SICA V., ABBONDANZA C., BONTEMPO P. Controllo trascrizionale della proliferazione e differenziamento cellulare da recettore beta degli estrogeni nel carcinoma della mammella Alessandro WEISZ Durata: dal 22/03/2010 al 21/03/2012 Anno: ,00 - Ministero PRIN 2008 (Unità operativa) WEISZ A., NOLA E., NASSA G., PARIS O., TARALLO R., CASALE R., CICATIELLO L. Identificazione di marcatori molecolari e genetici nella stratificazione del rischio di malattia Anna Maria MOLINARI Durata: dal 01/03/2010 al 01/03/2012 Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.12

13 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Ruolo di nuovi marcatori molecolari e genetici nella stratificazione del rischio di malattia VIETRI M. T., CIOFFI M. Nuova mutazione del gene APC in paziente affetta da Poliposi Adenomatosa Familiare e tumore desmoide Michele CIOFFI Durata: dal 01/03/2010 al 01/03/2012 Anno: ,15 - Ateneo - S.U.N. Identificazione di una nuova mutazione del gene APC in paziente affetta da Poliposi Adenomatosa Familiare e tumore desmoide MOLINARI A. M., VIETRI M. T. Studio della differenziazione verso la serie condrogenica di BMSC con supporto di membrana collagenica e colla di fibrina Maria Teresa VIETRI Durata: dal 01/03/2010 al 01/03/2012 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. Differenziazione verso la serie condrogenica di BMSC prelevato dal condilo femorale dei apzienti con supporto di membrana collagenica e colla di fibrina CIOFFI M., MOLINARI A. M., PORCARO G., DE M. L., PARISI M. High throughput molecular diagnostics in individual patients for genetic diseases with heterogeneous clinical presentation- Techgene Vincenzo NIGRO Durata: dal 01/02/2009 al 31/01/2012 Il Progetto Techgene ha lo scopo di mettere a punto nuove strategie diagnostiche per malattie genetiche eterogenee, cioè simili clinicamente ma che Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.13

14 coinvolgono molti differenti geni. I geni sono raggruppati in differenti gradi di complessità: WP1 è basato sullo studio di geni singoli con mutazioni eterogenee, quali i geni delle globine e del cancro mammario; WP2 studia geni come quelli alla base delle sordità e cecità ereditarie in cui ci sono pochi geni comuni e tanti rari o non conosciuti; WP3 studia i geni dei disordini del movimento; WP4 i ritardi mentali geneticamente eterogenei in cui ci sono copy number variations. Le strategie di studio sono differenti. Per WP1 la strategia è basata sul risequenziamento di nuova generazione di prodotti amplificati mediante long PCR. Per WP2 la long PCR è confrontata con strategie di arricchimento in soluzione. Per WP3 l arricchimento è basato sulla scelta di un certo numero di geni candidati. Ma durante lo sviluppo del progetto sono cambiate le tecnologie di riferimento ed ogni pochi mesi cambia tutto. La long PCR non è più un opzione, mentre l arricchimento in soluzione è diventato più affidabile. Inoltre sembra avere meno senso sequenziare solo alcuni geni, perché il costo dell arricchimento e sequenziamento dell intero Exoma è più fattibile e conveniente. Quindi nella seconda parte del progetto tutto si è convertito a sequenziare l exoma ed due assegni di ricerca sono stati chiesti per questo. NIGRO V., PILUSO G., MONDRONE L., TORELLA A., DEL VECCHIO BLANCO F. Ormoni steroidei e meccanismi molecolari nella progressione del carcinoma prostatico. Liliana DALLA MORA Durata: dal 01/01/2010 al 01/01/2012 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. La terapia basata sulla deprivazione androgenica, indotta da antiandrogeni, rappresenta ancora oggi il trattamento cardine del carcinoma della prostata (PC) in stadio avanzato. Sfortunatamente, il blocco della funzione androgenica risulta inefficace nel tempo, poiché il PC riprende a crescere con caratteristiche biologiche nuove che provocano indipendenza o refrattarietà del tumore agli androgeni (HRPC). L obiettivo sarà quello di identificare i meccanismi responsabili della progressione tumorale e della refrattarietà alle terapie ormonali. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.14

15 Studio dell'espressione dei PRDM nell'attivazione e nel differanziamento linfocitario e monocitario Ciro ABBONDANZA Durata: dal 01/01/2010 al 01/01/2012 Anno: ,15 - Ateneo - S.U.N. DE ROSA C., PEZONE L. Cofinanziamento PRIN (nota n / ) Giovanni Alfredo PUCA Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2011 Anno: ,24 - Ateneo - S.U.N. RF-MUL THE ROLE OF MYOPALLADIN IN HUMAN DILATED MYOPATHY Vincenzo NIGRO Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2011 PILUSO G., TORELLA A., DEL VECCHIO BLANCO F., DIONISI M. Ricerca Ateneo 2009 DIRETTORE Giovanni Alfredo PUCA Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2011 Anno: ,88 - Ateneo - S.U.N. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.15

16 Ritardo mentale FGS-like in tre nuove famiglie Italiane. Analisi di linkage mediante whole-genome SNP genotyping Giulio PILUSO Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2011 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. Il ritardo mentale è la più comune causa di disabilità dello sviluppo in circa l 1-3% della popolazione mondiale. La sindrome FG è una rara forma di ritardo mentale X-linked clinicamente e geneticamente eterogenea. Noi abbiamo in precedenza caratterizzato il locus FGS4 a Xp11.3- p11.4 in una famiglia italiana, dimostrando che la mutazione missenso p.r28l (c.83g>t) nel gene CASK è la causa della malattia. Negli ultimi anni abbiamo raccolto più di 100 campioni di DNA di pazienti con diagnosi clinica di FGS/MR. Abbiamo iedntificato 3 famiglie FGS-like composte di 11, 16 e 22 individui, ciascuna con 3 affetti in due generazioni, su cui avviare questo progetto di wholegenome SNP genotyping e analisi di linkage, teso ad identificare nuovi geni malattia. Ruolo dell'ipossia in cellule mesenchimali da midollo osseo: implicazioni per l'arteriopatia ostruttiva periferica. Vincenzo SICA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2011 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Ruolo dell'ipossia in cellule mesenchimali da midollo osseo: implicazioni per l'arteriopatia ostruttiva periferica. COBELLIS G. Sequenziamento massivo dell'"exoma" umano per identificare nuove malattie genetiche recessive in piccole famiglie. Vincenzo NIGRO Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2011 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.16

17 il sequenziamento del genoma umano è oggi reso possibile dalle tecnologie dette NGS che consentono di ottenere fino a 100Gb di sequenza. Tuttavia le malattie genetiche sono causate per il 99.2% dei casi da mutazioni esoniche o periesoniche. Gli esoni costituiscono 33Mb di sequenza di DNA (circa 1/100 del genoma umano). Quindi sequenziare i soli esoni è circa volte più efficiente rispetto al sequenziamento dell intero genoma. Un ulteriore vantaggio è rappresentato dalla minore complessità computazionale e dai costi più contenuti. Abbiamo arricchito il genoma umano per le sole sequenze esoniche e avviato il sequenziamento con copertura 50x. Il nostro obiettivo è sequenziare gli esomi di piccole famiglie con patologie genetiche recessive orfane con almeno tre affetti non fratelli e l assegnista dovrà essere in grado tra l altro di effettuare l arricchimento dell exoma in soluzione e l analisi computazionale dei dati di sequenza. Questa informazione sarà utile a definire nuovi meccanismi patogenetici, perché l approccio non è condizionato da precedenti conoscenze. PILUSO G., TORELLA A., CUOMO A., DEL VECCHIO BLANCO F. Transcriptional control of mirna gene expression by estrogen receptor beta in hormone-responsive breast cancer Alessandro WEISZ Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2011 Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Progetto di ricerca triennale WEISZ A., CICATIELLO L., RAVO M., TARALLO R., NASSA G., FERRARO L. Trapianto autologo di cellule staminali del midollo osseo nell'arteriopatia ostruttiva periferica. Vincenzo SICA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2011 Anno: ,00 - Ministero Trapianto autologo di cellule staminali del midollo osseo nell'arteriopatia ostruttiva periferica. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.17

18 CIOFFI M., MOLINARI A. M. Utilizzo terapeutico di trapianto di sangue midollare autologo nella rigenerazione tissutale per le terapie di patologie non ematologiche e di grande diffusione. Vincenzo SICA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2011 Anno: ,00 - Ente Pubblico Istituto Banco di Napoli - Fondazione Utilizzo terapeutico di trapianto di sangue midollare autologo nella rigenerazione tissutale per le terapie di patologie non ematologiche e di grande diffusione. COBELLIS G. Meccanismi dell invechiamento cellulare Anna Maria MOLINARI Durata: dal 26/11/2009 al 26/11/2011 Anno: ,86 - Conto terzi Dea Center s.r.l. Epigenetic treatment of neoplastic disease Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/11/2005 al 31/10/2011 Anno: ,06 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,11 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,33 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.18

19 Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,06 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Il progetto, al quale partecipano 14 partners europei di 7 stati diversi, ha l obiettivo di definire validare il concetto di trattamento epigenetico del cancro. L unità SUN-DPG, oltre a coordinare un asse di ricerca e due workpackages, contribuisce al progetto principalmente con lo studio delle basi molecolari dell azione leucemogenica delle istone deacetilasi (HDAC), in linee cellulari ed in colture ex vivo di blasti. NEBBIOSO A., DE BELLIS F., FRANCI G., MICELI M., CONTE M., LEPORE I., DI CERBO V., MENAFRA R. Laboratorio di Medicina Molecolare per la Messa a Punto di Terapie Innovative e l Identificazione e Validazione di Marcatori Molecolari di Malattia Alessandro WEISZ Durata: dal 01/09/2009 al 31/08/2011 Avviso pubblico: "Bando per progetti di ricerca ad alto contenuto scientifico e tecnologico per la realizzazione e il potenziamento di laboratori pubblici di ricerca nel settore delle biotecnologie industriali e delle scienze della salute" (BURC n /08/08) - Ambito di ricerca: 6.1.a WEISZ A., CICATIELLO L., RAVO M., FERRARO L., TARALLO R., NASSA G., PARENTE L., FORMISANO S. Targeting the nuclear export of steroid receptors as an approach to cancer therapy Ferdinando AURICCHIO Durata: dal 26/01/2009 al 31/07/2011 Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Il progetto si propone di analizzare la localizzazione citoplasmatica del recettore degli estrogeni in campioni umani di ca. mammario e di stabilire la relazione tra tale distribuzione ed il grado di Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.19

20 malignità tumorale CASTORIA G., MIGLIACCIO A. Ruolo dei recettori per gli estrogeni alfa e beta nella regolazione della trascrizione genica e della progressione del ciclo cellulare Alessandro WEISZ Durata: dal 24/06/2010 al 23/06/2011 Progetto L WEISZ A., CASALE R., CICATIELLO L., ESPOSITO A., BAMUNDO A., CUOMO D., NASSA G., PARIS O., TARALLO R., GROBER O. M. V., FERRARO L., MUTARELLI M. CRESCENDO: Consortium for Research into Nuclear Receptors in Development and Aging Alessandro WEISZ Durata: dal 01/04/2006 al 31/03/2011 Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA IP WEISZ A., RAVO M., TARALLO R., NASSA G., FERRARO L., CICATIELLO L. IVS-14A/G e IVS-73C/T del gene OLR1 in pazienti con malattie cerebrovascolari ischemiche Michele CIOFFI Durata: dal 01/03/2009 al 01/03/2011 Anno: ,36 - Ateneo - S.U.N. Valutazione e ruolo di IVS-14A/G e IVS-73C/T del gene OLR1 in pazienti con malattie cerebrovascolari ischemiche Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.20

21 MOLINARI A. M., VIETRI M. T., PARISI M., BOGGIA M. L'influenza dei polimorfismi C667T e A1298C del gene della MTHFR sulle concentrazioni sieriche dell'omocisteina dopo anestesia con nitroso ossido Anna Maria MOLINARI Durata: dal 01/03/2009 al 01/03/2011 Anno: ,04 - Ateneo - S.U.N. Influenza dei polimorfismi C667T e A1298C del gene della MTHFR sulle concentrazioni sieriche dell'omocisteina dopo anestesia con nitroso ossido CIOFFI M., VIETRI M. T. MLPA (Multiplex Dependent Probe Amplification) per lo studio dei riarrangiamenti dei geni BRCA1 e BRACA2 Maria Teresa VIETRI Durata: dal 01/03/2009 al 01/03/2011 Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. mediante la tecnica MLPA (Multiplex Dependent Probe Amplification) vengono identificate i polimorfismi dei geni BRCA1 e BRACA2 nei familiari delle probande CIOFFI M., MOLINARI A. M., DE PAOLA M. L., BOGGIA M., PARISI M. Meccanismi fisiopatologici clinici innovativi delle malattie cardiovascolari Claudio NAPOLI Durata: dal 03/02/2009 al 02/02/2011 Anno: ,24 - Conto terzi Casa di Cura Santa Rita S.p.A. Meccanismi fisiopatologici clinici innovativi delle Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.21

22 malattie cardiovascolari inerenti l angiogenesi ed aterosclerosi Claudio NAPOLI Durata: dal 03/02/2009 al 02/02/2011 Anno: ,96 - Conto terzi Multimedica s.p.a. Caratterizzazione dei meccanismi non genomici degli ormoni steroidei per l'identificazione di nuovi potenziali bersagli terapeutici. Liliana DALLA MORA Durata: dal 01/01/2009 al 01/01/2011 Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. Il classico meccanismo d azione degli steroidi prevede che essi regolino la trascrizione genica nel compartimento nucleare delle cellule bersaglio, legandosi a specifiche sequenze di DNA. Tuttavia numerose evidenze indicano che essi sono anche in grado di attivare vie di segnalazione rapide extranucleari, non genomiche, in cellule riproduttive e non riproduttive. Tali effetti rapidi sono responsabili in diversi sistemi cellulari del controllo della progressione in ciclo, dei cambiamenti del citoscheletro e della sopravvivenza cellulare. I processi biologici descritti sono alterati nei tumori umani, inclusi i tumori della prostata. Qualunque sia il meccanismo, l'attivazione di tali circuiti dà luogo alla deregolazione del ciclo cellulare e della sopravvivenza, contribuisce al de-differenziamento ed alla metastatizzazione e, frequentemente, alla resistenza alle terapie. L obiettivo sarà quello di identificare molecole che inibiscono selettivamente i vari effettori del segnale. In tal modo si potrebbero intravedere strategie terapeutiche innovative, più razionali e mirate, dei tumori umani. Studio dell'espressione dei PRDM nell'attivazione e nel differanziamento linfocitario Ciro ABBONDANZA Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.22

23 Durata: dal 01/01/2009 al 01/01/2011 Anno: ,36 - Ateneo - S.U.N. DE ROSA C., PEZONE L. Analisi funzionale del ruolo di CASK nel ritardo mentale geneticamente determinato. Giulio PILUSO Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. Il ritardo mentale è la più comune causa di disabilità dello sviluppo. Per molti pazienti che soffrono di questa condizione clinicamente e geneticamente eterogenea, il gene difettivo resta non identificato. La sindrome FG è una rara forma di ritardo mentale X-linked. Il nostro gruppo ha in precedenza caratterizzato il locus FGS4 a Xp11.3-p11.4 in una famiglia italiana, dimostrando che la mutazione missenso p.r28l (c.83g>t) nel gene CASK è la causa della malattia. Studi preliminari e dati di letteratura indicano che CASK è un gene emergente del ritardo mentale X- linked. Noi riteniamo che CASK possa essere direttamente o indirettamente coinvolto in differenti condizioni patologiche in cui il deficit cognitivo può rappresentare l elemento comune. Noi investigheremo la funzione della peculiare N- terminale di CASK, ricercando possibili nuovi interattori del dominio CaM-kinase mediante screening di una libreria di cdna da cervello umano con la tecnica del doppio ibrido nel lievito. Noi riteniamo che questo dominio abbia un ruolo chiave per le funzioni di CASK. Analisi molecolare del ruolo degli estrogeni nel tumore della mammella ormono-responsivo. Ernesto NOLA Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,00 - Ateneo - S.U.N. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.23

24 Caratterizzazione molecolare della necroptosi nelle leucemie mieloidi acute Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,36 - Ateneo - S.U.N. Cofinanziamento PRIN (Nota n /2008) Giovanni Alfredo PUCA Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,75 - Ateneo - S.U.N. Diagnosi delle malattie neuromuscolari Vincenzo NIGRO Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2010 Anno: ,00 - Ateneo - S.U.N. Effetti del paratormone sui marcatori di superficie delle EPC Pellegrino Biagio MINUCCI Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. Effetti del paratormone sui marcatori di superficie delle EPC Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.24

25 Pellegrino Biagio MINUCCI Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,33 - Ateneo - S.U.N. Effetti del paratormone sui progenitori circolanti Bartolomeo FARZATI Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,04 - Ateneo - S.U.N. Identificazione e caratterizzazione dell'azione molecolare degli inbitori delle sirtuine nelle leucemie Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,67 - Ateneo - S.U.N. Identificazione e caratterizzazione delle basi molecolari dell'attività antineoplastica di composti naturali Paola BONTEMPO Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. Intervento terapeutico sulla neoangiogenesi legata alla trasformazione cellulare Filomena DE NIGRIS Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.25

26 Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,33 - Ateneo - S.U.N. Intervento terapeutico sulla neoangiogenesi legata alla trasformazione cellulare Filomena DE NIGRIS Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. Localizzazione del recettore degli estrogeni nei tumori mammari umani Antimo MIGLIACCIO Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,04 - Ateneo - S.U.N. Localizzazione del recettore degli estrogeni nei tumori mammari umani. Ferdinando AURICCHIO Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,01 - Ateneo - S.U.N. Meccanismi genomici di regolazione delle funzioni cellulari da recettore beta degli estrogeni in cellule ormono-responsive Alessandro WEISZ Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.26

27 Anno: ,04 - Ateneo - S.U.N. Meccanismi innovativi di intervento terapeutico nel danno vascolare Claudio NAPOLI Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,04 - Ateneo - S.U.N. Meccanismo d azione dei recettori degli estrogeni nel cancro della mammella Ernesto NOLA Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,04 - Ateneo - S.U.N. Ruolo delle varianti molecolari RIZ1 e RIZ2 del gene PRDM2 nel controllo dell'espressione genica di geni estrogeno regolata e non estrogeno regolati. Giovanni Alfredo PUCA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2010 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Ruolo delle varianti molecolari RIZ1 e RIZ2 del gene PRDM2 nel controllo dell'espressione genica di geni estrogeno regolata e non estrogeno regolati. Ruolo dell'espressione del recettore degli androgeni nella compnente stromale dei tumori prostatici. Gabriella CASTORIA Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.27

28 Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2010 Anno: ,15 - Ateneo - S.U.N. Il progetto si propone di analizzare l'espressione di AR nella compnente stromale dei tumori umani prostatici e di valutarne il ruolo prognostico. GIOVANNELLI P., OLIVIERO M. A. Studio del ruolo del recettore degli androgeni in fibroblasti associati a tumori umani della prostata Marina DI DOMENICO Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,33 - Ateneo - S.U.N. Studio dell'espressione dei PRDM in linee cellulari e neoplasie umane Nicola MEDICI Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2010 Anno: ,15 - Ateneo - S.U.N. Espressione dei PRDM nelle cellule tumorali Studio di nuove molecole che inibiscono la proliferazione di cellule di ca. mammari e prostatici Antonietta DE FALCO Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,33 - Ateneo - S.U.N. Studio di nuove molecole per il controllo dei meccanismi non genomici degli ormoni steroidei Antonietta DE FALCO Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.28

SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Patologia Generale

SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Patologia Generale SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Patologia Generale Relazione Consuntiva Attività Scientifica ex. art. 5 Regolamento per la Ripartizione dei Fondi destinati alla Ricerca emanato

Dettagli

Differenziamento cellulare

Differenziamento cellulare Differenziamento cellulare Differenziamento: acquisizione progressiva di nuove caratteristiche che porta a tipi cellulari specifici (es cell muscolari, neuroni,.) Dopo la fecondazione lo zigote va incontro

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente

Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Distrofia dei cingoli Le diverse distrofie dipendono da mutazioni

Dettagli

EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO. U.O. Genetica Medica

EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO. U.O. Genetica Medica EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO Dott.ssa M.Neri U.O. Genetica Medica Responsabile Consulenza Oncogenetica Prof.ssa A. Ferlini Direttore U.O. Genetica Medica I TUMORI AL SENO EREDITARI : L IMPORTANZA DELLA

Dettagli

Contributo. Tavoli tematici. 1. Dati proponente contributo VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020

Contributo. Tavoli tematici. 1. Dati proponente contributo VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici Contributo 1 1. Dati proponente contributo Alfredo Ferro Ente/organizzazione di appartenenza Università di Catania Telefono 3666627657

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MASI SERENA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MASI SERENA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail MASI SERENA Nazionalità Italiana Data di nascita ISTRUZIONE E FORMAZIONE Date 2002 2007 (data conseguimento:

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA

LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA Associazione Culturale Micene 1 Congresso Nazionale Evoluzione della Scienza e della Tecnica LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA Dr. Federico Selvaggi Università degli Studi G. d Annunzio Chieti/Pescara

Dettagli

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Il ciclo cellulare è regolato dall azione di PROTOONCOGENI e (attivatori della proliferazione cellulare) GENI ONCOSOPPRESSORI (inibitori del ciclo

Dettagli

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015 Servizi di Ricerca a Terzi Luglio 2015 Chi siamo Vera Salus Ricerca S.r.l. (VSR) è una target discovery biotech company che mette a disposizione le proprie competenze e la propria strumentazione in qualità

Dettagli

The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias

The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias INTRODUZIONE Il mio progetto di ricerca, finanziato dall Associazione Damiano per l Ematologia, si è inserito in un più ampio studio di caratterizzazione

Dettagli

DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI. www.fisiokinesiterapia.biz

DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI. www.fisiokinesiterapia.biz DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI www.fisiokinesiterapia.biz sito dell NIH sulle cellule staminali in genere http://stemcells.nih.gov/info/basics/basics4.asp sito completo

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Genetica delle neoplasie ematologiche Individua le alterazioni genetiche ed epigenetiche presenti nei vari disordini onco-ematologici www.fisiokinesiterapia.biz Fattori estrinseci Ambiente Danno genotossico

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING E NEL TRATTAMENTO DELLA NEOPLASIA POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E METASTATICA Giuseppe De Vincentis 18 FDG PET: presupposti La degenerazione cancerosa si associa

Dettagli

Il test genetico BRCA1/BRCA2

Il test genetico BRCA1/BRCA2 L identificazione Il test genetico BRCA1/BRCA2 M.G.Tibiletti UO Anatomia Patologica Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese IL CARCINOMA MAMMARIO FORME SPORADICHE FORME EREDITARIE FORME FAMIGLIARI

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Roberto RIA Indirizzo Traversa I via Svaona n. 4 70127 Bari-Santo Spirito Telefono 080.5593106 Cellulare

Dettagli

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica Corrado Romano cromano@oasi.en.it Genetica Clinica secondo Wikipedia La genetica clinica o medica si occupa dello studio e della diagnosi delle

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

IL MUSCOLO SCHELETRICO

IL MUSCOLO SCHELETRICO IL MUSCOLO SCHELETRICO Il muscolo scheletrico è formato da tessuto muscolare striato sotto controllo volontario e svolge un ruolo chiave in numerose attività, come il mantenimento della postura, la locomozione,

Dettagli

Nutraceutici in Valle d Aosta (NUTRALP)

Nutraceutici in Valle d Aosta (NUTRALP) Nutraceutici in Valle d Aosta (NUTRALP) Dott.ssa Daniela Palmieri Laboratorio di Biologia Vascolare Clinica e Sperimentale IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST Dipartimento di Scienze

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Ariela Benigni. Biol.Sci.D., Ph.D.

CURRICULUM VITAE. Ariela Benigni. Biol.Sci.D., Ph.D. CURRICULUM VITAE Ariela Benigni Biol.Sci.D., Ph.D. Dati Personali: Nome: Ariela Benigni Data e luogo di nascita: 16 Dicembre, 1955 - Bergamo Cittadinanza: Italiana Tel. 035 42131 E-mail: ariela.benigni@marionegri.it

Dettagli

DIABETE diabete tipo 1 (DM1)

DIABETE diabete tipo 1 (DM1) DIABETE In questo ambito le attività di ricerca attualmente in corso nel Dipartimento sono finalizzate allo studio dei meccanismi eziopatogenetici alla base della malattia diabetica che rappresenta sempre

Dettagli

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece Clinica e terapia delle malattie retiniche Direttore Scientifico Alfredo Pece Genetica LA GENETICA Cosa sta succedendo nell ambito della diagnostica e della terapia farmacologica oggi? Scoperta di geni

Dettagli

A IFE F G 16 1-17 1 7 O

A IFE F G 16 1-17 1 7 O Colorectal Cancer in a young patient with Partial Androgen Insensitivity Syndrome (PAIS) Stefano Signoroni Unit of Hereditary Digestive Tract Tumours, Department of Preventive and Predictive Medicine,

Dettagli

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria Genova 17 novembre 2009 Seminario finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria dott. Cristina Grandi dott. Michela Ferlenghi finanziamenti pubblici, ministeriali

Dettagli

Anatomia, Microbiologia, Immunologia, Biologia e Genetica ANNO DI CORSO

Anatomia, Microbiologia, Immunologia, Biologia e Genetica ANNO DI CORSO FACOLTÀ MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 CORSO DI LAUREA (o LAUREA Medicina e Chirurgia- Chirone MAGISTRALE) INSEGNAMENTO/CORSO INTEGRATO Patologia generale TIPO DI ATTIVITÀ Caratterizzante

Dettagli

Responsabile scientifico del progetto PIER LORENZO PURI Fondazione Santa Lucia. Fondazione Santa Lucia GIOVANNA BORSELLINO

Responsabile scientifico del progetto PIER LORENZO PURI Fondazione Santa Lucia. Fondazione Santa Lucia GIOVANNA BORSELLINO FILAS.1 MANIPOLAZIONE FARMACOLOGICA DELL ESPRESSIONE GENICA CON FARMACI EPIGENETICI IN CELLULE STAMINALI MUSCOLARI ENDOGENE: RAZIONALE MOLECOLARE E APPLICAZIONI TERAPEUTICHE PER LA RIGENERAZIONE MUSCOLARE

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

IL-2R & IL-15R Alice Praduroux

IL-2R & IL-15R Alice Praduroux Università degli Studi di Torino Facoltà di Biotecnologie Molecolari Anno Accademico 2006/2007 Corso di Immunologia Molecolare IL-2R & IL-15R Alice Praduroux Classificazione Recettori appartenenti alla

Dettagli

Sviluppo e applicazione delle terapie. Alessandro Comandone SC Oncologia Ospedale Gradenigo Torino

Sviluppo e applicazione delle terapie. Alessandro Comandone SC Oncologia Ospedale Gradenigo Torino Sviluppo e applicazione delle terapie oncologiche:basi farmacologiche e tossicità. Alessandro Comandone SC Oncologia Ospedale Gradenigo Torino Le terapie anticancro: classificazione Ormonoterapia Chemioterapia

Dettagli

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza Cellule staminali dal tuo tessuto adiposo Crea la tua riserva di cellule staminali adulte non espanse per Salute Benessere Bellezza inal GmbH persona per la quale è previsto l utilizzo in non espanse,

Dettagli

Quotidiano. www.ecostampa.it

Quotidiano. www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it Lettori: 2.835.000 Diffusione: 431.913 12-NOV-2013 Dir. Resp.: Ezio Mauro da pag. 1 Lettori: 2.835.000 Diffusione: 431.913 12-NOV-2013

Dettagli

Il Cancro è una malattia genetica

Il Cancro è una malattia genetica Il Cancro è una malattia genetica PROCESSO MULTIFASICO Il Cancro è sempre genetico Talvolta il cancro è ereditario Ciò che viene ereditato non è la malattia, bensì la PREDISPOSIZIONE In assenza di ulteriori

Dettagli

La Biopsia Prostatica: where are we going?

La Biopsia Prostatica: where are we going? La Biopsia Prostatica: where are we going? Sabato 28 Novembre 2015, Catania Dott. Michele Salemi Screening genetico correlato a rischio di carcinoma prostatico. BRCA1, BRCA2, TP53, CHEK2, HOXB13 e NBN:

Dettagli

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV ADULTS AND CHILDREN ESTIMATED TO BE LIVING WITH HIV/AIDS,

Dettagli

Affidabilità nella diagnostica

Affidabilità nella diagnostica Affidabilità nella diagnostica Passione per la ricerca Research & Innovation è un laboratorio di medicina molecolare che esegue test genetici avanzati al servizio dei medici e delle strutture di diagnosi

Dettagli

PATOLOGIA MOLECOLARE

PATOLOGIA MOLECOLARE Diagnosi rischio individuale diagnosi precoce PATOLOGIA MOLECOLARE prognosi therapia singolo paziente Example of an approximately 40,000 probe spotted oligo microarray with enlarged inset to show detail.

Dettagli

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica:

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica: DNA Microarray: griglia di DNA costruita artificialmente, in cui ogni elemento della griglia riconosce una specifica sequenza target di RNA o cdna. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di

Dettagli

PROF. MASSIMO TABATON - CURRICULUM VITAE

PROF. MASSIMO TABATON - CURRICULUM VITAE PROF. MASSIMO TABATON - CURRICULUM VITAE Stato Professionale 1980-1981: Assistente di ruolo in Neurologia, Osp. Di Alessandria 1987-1990 : Assistente Neurologo, Clinica Neurologica, Università di Genova

Dettagli

Prof. Maria Alessandra Santucci

Prof. Maria Alessandra Santucci La famiglia Abl consiste di due isoforme Abl (1a e 1b ) e due isoforme Arg (1a e 1b). Le isoforme di tipo b contengono un sito di miristoilazione all N-teminale che manca nelle isoforme a. c-abl è una

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE Istituto di Genetica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE Address: Istituto di Genetica DSTB - Università degli Studi di Udine P.le Kolbe,1-33100 Udine - ITALIA

Dettagli

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Corso di Immunologia Molecolare Anno Accademico 2007/08 Elisa Migliore Her2 nelle

Dettagli

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Dott.ssa Maria Luana Poeta Cos è un Tumore Omeostasi Tissutale

Dettagli

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni Perché ci troviamo oggi a parlare delle cellule staminali? Driesch (fine 800) dimostra la totipotenza dei blastomeri dell embrione embrione

Dettagli

Dal paziente al gene malattia : il clonaggio posizionale del gene Met

Dal paziente al gene malattia : il clonaggio posizionale del gene Met Dal paziente al gene malattia : il clonaggio posizionale del gene Met Una storia di interazione fra Medicina e Ricerca a cura di Debora Angeloni, Ph.D., Settore di Medicina Scuola Estiva di Orientamento

Dettagli

Competenze Laboratori (Med-CHHAB)

Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Asse Portante Tematiche Campi d azione Servizi offerti Applicazioni Polimeri Biocompatibili Preparazione e caratterizzazione chimicofisica di materiali polimerici biocompatibili

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327 C U R R I C U L U M D O T T. S S A E L I S A G R O S S O NATA A CARLOFORTE IL 20/SETTEMBRE/1963 Residente a Quartu Sanr Elena, Viale Colombo, 226 09045 Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel.

Dettagli

Marcatori Genetici Tumorali

Marcatori Genetici Tumorali a scuola di scienze della vita Liceo Scientifico N. Tron Schio (VI), 16 dicembre 2008 Marcatori Genetici Tumorali Tommaso Scarpa Schio (VI) - 16 Dicembre 2008 Il Tumore è una malattia genetica. 1 sola

Dettagli

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Il Consiglio Direttivo Nazionale LILT, nella seduta del 19 marzo 2015, ha formalmente approvato la documentazione relativa ai lavori della Commissione tecnico-scientifica

Dettagli

Caratterizzazione Molecolare di Cellule Staminali di Leucemia Mieloide Acuta

Caratterizzazione Molecolare di Cellule Staminali di Leucemia Mieloide Acuta 2 Workshop Nazionale SIES Ematologia Traslazionale Verona, 21-22 Maggio 2009 Caratterizzazione Molecolare di Cellule Staminali di Leucemia Mieloide Acuta Simona Salati Universita di Modena and Reggio Emilia

Dettagli

Le cellule cancerose

Le cellule cancerose Le cellule cancerose Cosa è il cancro? Malattia che insorge in conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare E la Seconda causa di morte si possono sviluppare in quasi tutti gli organi Le diverse

Dettagli

SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Biochimica Biofisica e Patologia Generale

SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Biochimica Biofisica e Patologia Generale SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Biochimica Biofisica e Patologia Generale Relazione Consuntiva Attività Scientifica ex. art. 5 Regolamento per la Ripartizione dei Fondi destinati

Dettagli

La sindrome di Lynch. Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC. G. A. Pablo Cirrone. lunedì 11 marzo 2013

La sindrome di Lynch. Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC. G. A. Pablo Cirrone. lunedì 11 marzo 2013 La sindrome di Lynch Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC G. A. Pablo Cirrone 1 Caratteristiche generali I HNPCC (Hereditary Non-Polyposis Colonrectal Cancer) è caratterizzato dalla comparsa,

Dettagli

Il Tumore Ovarico. Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico

Il Tumore Ovarico. Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico Campagna promossa da Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico Il Tumore Ovarico LA MALATTIA Il carcinoma ovarico è il sesto tumore più diagnosticato tra le donne ed è il più grave

Dettagli

EPITHELIAL TO MESENCHYMAL TRANSITION (EMT) IN DEVELOPMENT AND DISEASES. Cristina Valacca 18 Maggio 2012

EPITHELIAL TO MESENCHYMAL TRANSITION (EMT) IN DEVELOPMENT AND DISEASES. Cristina Valacca 18 Maggio 2012 EPITHELIAL TO MESENCHYMAL TRANSITION (EMT) IN DEVELOPMENT AND DISEASES Cristina Valacca 18 Maggio 2012 DEFINIZIONE L'EMT è un processo biologico che consente a una cellula epiteliale di iniziare numerosi

Dettagli

Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE

Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE Anche se la base comune delle neoplasie è rappresentata dalla crescita incontrollata di cellule trasformate,

Dettagli

Parte generale. Laurea specialistica in Biotecnologie Molecolari,corso di Immunologia Molecolare. Francesco Mainini

Parte generale. Laurea specialistica in Biotecnologie Molecolari,corso di Immunologia Molecolare. Francesco Mainini IL-8 Parte generale Laurea specialistica in Biotecnologie Molecolari,corso di Immunologia Molecolare Francesco Mainini Struttura dell IL-8 -L IL-8 è una chemochina e viene sintetizzata come peptide di

Dettagli

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco Gravedona 22 ottobre 2010 Ruolo dei farmaci anti HER 2 Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco LONG SURVIVORS IN MBC FARMACI ANTI HER2 TUMORE MAMMELLA 1950 Diagnosi Operabile

Dettagli

1. Capacità di autorinnovamento illimitato

1. Capacità di autorinnovamento illimitato 1. Capacità di autorinnovamento illimitato 2. Capacità di dare origine in risposta a stimoli adeguati e specifici a cellule progenitrici di transito dalle quali discendono popolazioni di cellule altamente

Dettagli

O.R.I.A. Osservatorio Ricerca e Innovazione Aziendale Seduta del 3 Febbraio 2010

O.R.I.A. Osservatorio Ricerca e Innovazione Aziendale Seduta del 3 Febbraio 2010 Seduta del 3 Febbraio 2010 Seduta del 3 Febbraio 2010 U.O. LABORATORIO DI GENETICA 1) Applicazione della tecnologia CGH (Comparative Genomic Hybridization) microarray per attività diagnostiche e di ricerca

Dettagli

Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING. dott.ssa Alessandra Cuccurullo

Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING. dott.ssa Alessandra Cuccurullo Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING dott.ssa Alessandra Cuccurullo EXOME SEQUENCING Anche noto come targeted exome capture. Strategia per sequenziare selettivamente

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone I A Cura di: Simona Carnio Divisione di Oncologia Toracica - A.O.U. San Luigi - Orbassano (TO) Silvia Novello Dipartimento di Oncologia - Università

Dettagli

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Luca Sangiorgi S.S.D. di Genetica Medica e Malattie Rare Ortopediche, Istituto Ortopedico Rizzoli Bologna SSD di Genetica Medica IOR Roma, 25 settembre

Dettagli

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA Luigi Salvagno U.O. di Oncologia ANATOMIA DELLA GHIANDOLA MAMMARIA PROGRESSIONE TUMORALE La progressione neoplastica richiede

Dettagli

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati Durante l invecchiamento L invecchiamento è l incapacità di organi, tessuti, cellule e molecole a mantenere la propria integrità funzionale e strutturale perturbata

Dettagli

Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE

Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE EREDITA MENDELIANA CLASSICA ~ 600 E C M 10.000 Enzimi

Dettagli

Riparazione del DNA ed insorgenza di tumori. Marco Muzi Falconi Dip. Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università degli Studi di Milano

Riparazione del DNA ed insorgenza di tumori. Marco Muzi Falconi Dip. Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università degli Studi di Milano Riparazione del DNA ed insorgenza di tumori Marco Muzi Falconi Dip. Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università degli Studi di Milano Danni al DNA e cancro Le cellule tumorali L importanza della stabilità

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia L E G U I D E Utilizzo dei vaccini in oncologia Fondazione Federico Calabresi Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera

Dettagli

Elenco degli esami molecolari prescrivibili e a carico del SSN

Elenco degli esami molecolari prescrivibili e a carico del SSN Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori 02 20133 milano - via venezian, 1 - tel. 02 23901 - telex 333290 tumist I - codice fiscale 80018230153 - partita i.v.a. 04376350155 Dipartimento di Patologia

Dettagli

CURRICULUM VITAE EUROPEO

CURRICULUM VITAE EUROPEO CURRICULUM VITAE EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI Nome: Tiziana Elena Cognome Moi Indirizzo: Via Malta, 61 Quartu Sant'Elena (CA) 09045 Telefono: +393498486144 E-mail: tyzumoi@yahoo.it - tizianaelena.moi@biologo.onb.it

Dettagli

18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1

18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1 Tiratura 08/2015: 443.177 Diffusione 08/2015: 285.582 Lettori Ed. II 2015: 2.095.000 Settimanale - Ed. nazionale Dir. Resp.: Umberto Brindani 18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1 Tiratura: n.d. Diffusione 12/2012:

Dettagli

E-mail ettore.seregni@istitutotumori.mi.it

E-mail ettore.seregni@istitutotumori.mi.it CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI Nome ETTORE CESARE SEREGNI Indirizzo Telefono 0223902635 Fax 0223903739 E-mail ettore.seregni@istitutotumori.mi.it Nazionalità ITALIANA CURRICULUM

Dettagli

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16 MASTER DEGREE IN MOLECULAR AND MEDICAL BIOTECHNOLOGY AA 2015/16 Classe LM-9 - Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche Come iscriversi Il Corso di Studio è ad accesso non programmato Accesso

Dettagli

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Associazione Un Vero Sorriso Onlus via Morghen, 5 10143 Torino Torino, 01/10/2010 Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Titolo: Nuovi approcci per l identificazione di mutazioni rare in

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Mobile FORTUNATO MORABITO VIA CICCARELLO, 99/B 89132 REGGIO CALABRIA (+39)0984681329 (+39)3343520317

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING Il test OncoScreening OncoScreening è un test diagnostico, sviluppato da GENOMA Group, che permette di eseguire un analisi multipla per valutare

Dettagli

Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare

Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare La Biobanca delle cellule staminali tumorali Scienza e Tecnologia al servizio della Ricerca Progetto editoriale Labozeta S.p.A via Tiburtina,

Dettagli

Lezione 2 Capitolo 18 del testo

Lezione 2 Capitolo 18 del testo Test genetico Lezione 2 Capitolo 18 del testo Cos e un test genetico/diagnostico M Il test genetico di per se non e solo utilizzato in diagnostica: sono un insieme di tecniche che vengono utilizzate per

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 1 di 11 Dipartimento di Diagnostica di Laboratorio Responsabile: Prof. Arnaldo Caruso Sezione Specializzata di Ematologia e Coagulazione Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 2 di 11

Dettagli

L endocitosi dell EGFR

L endocitosi dell EGFR L endocitosi dell EGFR IFOM per la scuola Lo Studente Ricercatore 2011 Muzio Giulia Istituto d Istruzione Superiore Maserati Voghera Gruppo di lavoro: Determinanti della trasformazione neoplastica e della

Dettagli

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico IL LABORATORIO NELLE URGENZE ED EMERGENZE Roma, 2-3 Ottobre 2009 Riccardo Morgagni Cardiologia Università Tor Vergata Roma Contesto clinico Sindromi Coronariche

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare

Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica Varese, 3 luglio 2012 Il carcinoma pancreatico Patogenesi Suscettibilità genetica Implicazioni diagnostiche

Dettagli

Anticorpi monoclonali anti-egfr

Anticorpi monoclonali anti-egfr Università degli Studi di Torino Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari Corso di Immunologia Prof.G.Forni Anticorpi monoclonali anti-egf Lara Fontani Famiglia recettori T erbb/her Ligandi EGF

Dettagli

Relazione dell attività svolta durante il 1 anno del corso di Dottorato in Neuroscienze. anno accademico 2009-2010 XXV Ciclo.

Relazione dell attività svolta durante il 1 anno del corso di Dottorato in Neuroscienze. anno accademico 2009-2010 XXV Ciclo. Relazione dell attività svolta durante il 1 anno del corso di Dottorato in Neuroscienze anno accademico 2009-2010 XXV Ciclo Laura Buizza PROFILO OSSIDATIVO DI p53 IN LINFOCITI IMMORTALIZZATI DI PAZIENTI

Dettagli

IL RUOLO DELL APLOINSUFFICIENZA DI CHIBBY NELLA PERSISTENZA DELLE CELLULE STAMINALI DELLA LEUCEMIA MIELOIDE CRONICA

IL RUOLO DELL APLOINSUFFICIENZA DI CHIBBY NELLA PERSISTENZA DELLE CELLULE STAMINALI DELLA LEUCEMIA MIELOIDE CRONICA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA IL RUOLO DELL APLOINSUFFICIENZA DI CHIBBY NELLA PERSISTENZA DELLE CELLULE STAMINALI DELLA LEUCEMIA MIELOIDE CRONICA Presenta:

Dettagli

Evento Formativo accreditato ECM

Evento Formativo accreditato ECM Evento Formativo accreditato ECM INCONTRI CON L ESPERTO 2015 Aula Polo Oncologico, 6 ottobre, 10 novembre, 24 novembre 2015 ID ECM 1252-132524 ED. 1 Responsabili Scientifici: Dott. A. Fontana, Dott. A.

Dettagli

Unità Operativa di GENETICA MEDICA. Azienda Ospedaliera Universitaria S.Anna AOSPFE, Ferrara. Prestazioni richieste

Unità Operativa di GENETICA MEDICA. Azienda Ospedaliera Universitaria S.Anna AOSPFE, Ferrara. Prestazioni richieste Unità Operativa di GENETICA MEDICA Azienda Ospedaliera Universitaria S.Anna AOSPFE, Ferrara Direttore: Prof.ssa Alessandra Ferlini www.ospfe.it/geneticamedica LABORATORIO DI GENETICA MOLECOLARE Responsabile:

Dettagli

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche la storia di HER2 V. Martin 28 giugno 2011 HER2: Human Epidermal Receptor HER2 e carcinoma mammario alias c-erb, ERBB2, HER-

Dettagli