SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Patologia Generale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Patologia Generale"

Transcript

1 SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Patologia Generale Relazione Consuntiva Attività Scientifica ex. art. 5 Regolamento per la Ripartizione dei Fondi destinati alla Ricerca emanato con D.R. n del 13 novembre , 2010, 2011

2 I - Dati anagrafici del Dipartimento Dipartimento di Patologia Generale Indirizzo Via L. De Crecchio, Napoli Telefono Fax Sito web Direttore: prof. Vincenzo SICA Professori di prima fascia 6 Professori di seconda fascia 5 Ricercatori 10 Tecnici 30 Amministrativi 7 Altro 1 Dottorandi 21 Assegnisti 4 Borsisti 13 Specializzandi 0 PROFESSORI DI PRIMA FASCIA # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale 1 MIGLIACCIO Antimo MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 2 MOLINARI Anna Maria MED/05 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 3 NAPOLI Claudio MED/05 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 4 NIGRO Vincenzo MED/03 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno pieno pieno pieno Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.2

3 # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale 5 NOLA Ernesto MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 6 SICA Vincenzo MED/05 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno pieno PROFESSORI DI SECONDA FASCIA # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale 1 ABBONDANZA Ciro MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 2 ALTUCCI Lucia MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 3 CASTORIA Gabriella MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 4 CIOFFI Michele MED/05 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 5 MEDICI Nicola MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno pieno pieno pieno pieno RICERCATORI # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale 1 BANFI Sandro MED/03 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 2 BILANCIO Antonio MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 3 BONTEMPO Paola MED/05 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 4 DALLA MORA Liliana MED/46 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 5 DE FALCO Antonietta MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno pieno pieno pieno pieno 6 DE NIGRIS Filomena MED/05 06 Facoltà di Medicina e pieno Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.3

4 # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale Chirurgia 7 DI DOMENICO Marina MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 8 MINUCCI Pellegrino Biagio MED/46 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 9 PILUSO Giulio MED/04 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 10 VIETRI Maria Teresa MED/05 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno pieno pieno pieno Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.4

5 II - Composizione FDRS (Fondo Dipartimentale per la Ricerca Scientifica) relativo agli anni 2009, 2010, 2011 [comma 5-a] Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Ricerca di Ateneo , ,61 0,00 Quote di finanziamento Ministero 0, ,27 0,00 Quote di finanziamento o cofinanziamenti da enti pubblici Quote da convenzioni di ricerca senza compensi per docenti e ricercatori , , , ,06 0, ,18 Indice FDRS 60,7069 9,5190 Ateneo = 0 Indice FDRS del triennio: 46,0339 Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.5

6 III - Informazioni sulle modalità di utilizzazione e sulle destinazioni del fondo (FDRS) comprensive di una breve descrizione delle ricerche finanziate negli anni 2009, 2010, 2011 [comma 5.b] A BLUEPRINT of Haematopoietic Epigenomes (BLUEPRINT) Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/10/2011 al 30/09/2015 Anno: ,00 - Ente Pubblico Unione Europea Androgen Receptor/Filamin interaction: its role in prostate cancer progression and metastasis Antimo MIGLIACCIO Durata: dal 01/12/2011 al 31/12/2014 Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Epimutations in Acute myeloid leukemias: discovery of epi-biomarkers and innovative epi-treatments Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/12/2011 al 31/12/2014 Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Meccanismi di angiogenesi e nuovi sviluppi sulle malattie cardiovascolari Claudio NAPOLI Durata: dal 21/12/2010 al 01/02/2013 Anno: ,51 - Conto terzi FONDAZIONE SDN Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.6

7 Attività di ricerca sulle cellule staminali Vincenzo SICA Durata: dal 08/04/2011 al 31/01/2013 Anno: ,00 - Ente Pubblico istituto SUPERIORE SANITA' Analisi del ruolo dell'epigenoma nella leuchemogenesi Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,15 - Ateneo - S.U.N. Analisi proteomica degli interattori nucleari dei recettori degli estrogeni alfa e beta Ernesto NOLA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Apoptosis systems biology applied to cancer and AIDS. An integrated approach of experimental biology, data mining, mathematical modelling, biostatistics, systems engineering and molecular medicin Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/02/2008 al 31/12/2012 Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.7

8 Anno: ,00 - Ente Pubblico Unione Europea 7 Programma Quadro di Ricerca Scientifica e Tecnologica Il progetto, che vede la partecipazione di 23 partners europei, ha l obiettivo di comprendere i meccanismi cellulari alla base dell apoptosi, di creare modelli computerizzati di processi biologici fondamentali, e di applicare le conoscenze risultanti a due patologie correlate all apoptosi: cancro e AIDS. L unità SUN del progetto ha come obiettivo principale lo studio dei meccanismi regolatori del TNF-related apoptosisinducing ligand (TRAIL), il suo silenziamento nella leucemia, e cerca di correlare queste conoscenze agli eventi molecolari associati alla tumorigenesi. ABBONDANZA C., BONTEMPO P., TAMBARO F. P., NEBBIOSO A., MANZO F., DELL AVERSANA C., DE BELLIS F., MICELI M., MENAFRA R. Azione di epicomposti nelle patologie neoplastiche e metaboliche Paola BONTEMPO Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. Cellule progenitrici endoteliali e rigenerazione vascolare Pellegrino Biagio MINUCCI Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. Cofinanziamento PRIN (nota n / ) Giovanni Alfredo PUCA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,27 - Ministero Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.8

9 Controllo della trascrizione genica da recettori degli estrogeni Alessandro WEISZ Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Impiego dei peptidi inibitori del recettore degli estrogeni nei tumori mammari umani Antimo MIGLIACCIO Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Mandibular prognathism: genetic and molecular study usink linkare analysis e Gengival crevicular fluid biomarker during palte expansion Marina DI DOMENICO Durata: dal 01/01/2011 al 31/12/2012 Anno: ,00 - Ente Pubblico Dipartimento S.U.N. Modulazione angiogenesi e danno vascolare Claudio NAPOLI Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.9

10 Nuovi meccanismi molecolari modulati dai recettori degli ormoni steroidei e biomarcatori precoci della progressione del tumore prostatico umano Antonietta DE FALCO Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. Ricerca Ateneo 2010 Giovanni Alfredo PUCA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,32 - Ateneo - S.U.N. Ruolo ciclo cellulare nella trasformazione neoplastica Bartolomeo FARZATI Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. The role of steroid signaling activation in human prostate cancer progression Antimo MIGLIACCIO Durata: dal 01/01/2011 al 31/12/2012 Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC GIOVANNELLI P. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.10

11 YY1 e osteosarcoma Filomena DE NIGRIS Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2012 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. Ruolo del profilo trombotico ed infiammatorio nell'arteriopatia periferica Anna Maria MOLINARI Durata: dal 01/11/2010 al 01/11/2012 Anno: ,00 - Ministero Valutazione di marcatori circolanti nell'arteriopatia periferica CIOFFI M., NAPPO C., BOGGIA M. Identificazione e caratterizzazione di nuovi meccanismi molecolari che controllano il ciclo cellulare e l'apoptosi nell'angiogenesi Bartolomeo FARZATI Durata: dal 01/01/2010 al 22/09/2012 Anno: ,00 - Ministero Regolazione dell'espressione genica della via SIRT1/FoxO1-dipendente in cellule endoteliali progenitrici della nicchia vascolare Claudio NAPOLI Durata: dal 01/01/2010 al 22/09/2012 Anno: ,00 - Ministero Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.11

12 Epigenetic fingerprint in endometrial carcinogenesis: the hypothesis of an uterine field cancerization Marina DI DOMENICO Durata: dal 20/04/2011 al 20/04/2012 Anno: ,67 - Conto terzi Centro Chemis Iaccarino Development of Laser-Based Technologies and Prototype Instruments for Genome-Wide Chromatin ImmunoPrecipitation Analyses Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/04/2009 al 31/03/2012 Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Progetto EU SME driven ALTUCCI L., SICA V., ABBONDANZA C., BONTEMPO P. Controllo trascrizionale della proliferazione e differenziamento cellulare da recettore beta degli estrogeni nel carcinoma della mammella Alessandro WEISZ Durata: dal 22/03/2010 al 21/03/2012 Anno: ,00 - Ministero PRIN 2008 (Unità operativa) WEISZ A., NOLA E., NASSA G., PARIS O., TARALLO R., CASALE R., CICATIELLO L. Identificazione di marcatori molecolari e genetici nella stratificazione del rischio di malattia Anna Maria MOLINARI Durata: dal 01/03/2010 al 01/03/2012 Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.12

13 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Ruolo di nuovi marcatori molecolari e genetici nella stratificazione del rischio di malattia VIETRI M. T., CIOFFI M. Nuova mutazione del gene APC in paziente affetta da Poliposi Adenomatosa Familiare e tumore desmoide Michele CIOFFI Durata: dal 01/03/2010 al 01/03/2012 Anno: ,15 - Ateneo - S.U.N. Identificazione di una nuova mutazione del gene APC in paziente affetta da Poliposi Adenomatosa Familiare e tumore desmoide MOLINARI A. M., VIETRI M. T. Studio della differenziazione verso la serie condrogenica di BMSC con supporto di membrana collagenica e colla di fibrina Maria Teresa VIETRI Durata: dal 01/03/2010 al 01/03/2012 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. Differenziazione verso la serie condrogenica di BMSC prelevato dal condilo femorale dei apzienti con supporto di membrana collagenica e colla di fibrina CIOFFI M., MOLINARI A. M., PORCARO G., DE M. L., PARISI M. High throughput molecular diagnostics in individual patients for genetic diseases with heterogeneous clinical presentation- Techgene Vincenzo NIGRO Durata: dal 01/02/2009 al 31/01/2012 Il Progetto Techgene ha lo scopo di mettere a punto nuove strategie diagnostiche per malattie genetiche eterogenee, cioè simili clinicamente ma che Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.13

14 coinvolgono molti differenti geni. I geni sono raggruppati in differenti gradi di complessità: WP1 è basato sullo studio di geni singoli con mutazioni eterogenee, quali i geni delle globine e del cancro mammario; WP2 studia geni come quelli alla base delle sordità e cecità ereditarie in cui ci sono pochi geni comuni e tanti rari o non conosciuti; WP3 studia i geni dei disordini del movimento; WP4 i ritardi mentali geneticamente eterogenei in cui ci sono copy number variations. Le strategie di studio sono differenti. Per WP1 la strategia è basata sul risequenziamento di nuova generazione di prodotti amplificati mediante long PCR. Per WP2 la long PCR è confrontata con strategie di arricchimento in soluzione. Per WP3 l arricchimento è basato sulla scelta di un certo numero di geni candidati. Ma durante lo sviluppo del progetto sono cambiate le tecnologie di riferimento ed ogni pochi mesi cambia tutto. La long PCR non è più un opzione, mentre l arricchimento in soluzione è diventato più affidabile. Inoltre sembra avere meno senso sequenziare solo alcuni geni, perché il costo dell arricchimento e sequenziamento dell intero Exoma è più fattibile e conveniente. Quindi nella seconda parte del progetto tutto si è convertito a sequenziare l exoma ed due assegni di ricerca sono stati chiesti per questo. NIGRO V., PILUSO G., MONDRONE L., TORELLA A., DEL VECCHIO BLANCO F. Ormoni steroidei e meccanismi molecolari nella progressione del carcinoma prostatico. Liliana DALLA MORA Durata: dal 01/01/2010 al 01/01/2012 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. La terapia basata sulla deprivazione androgenica, indotta da antiandrogeni, rappresenta ancora oggi il trattamento cardine del carcinoma della prostata (PC) in stadio avanzato. Sfortunatamente, il blocco della funzione androgenica risulta inefficace nel tempo, poiché il PC riprende a crescere con caratteristiche biologiche nuove che provocano indipendenza o refrattarietà del tumore agli androgeni (HRPC). L obiettivo sarà quello di identificare i meccanismi responsabili della progressione tumorale e della refrattarietà alle terapie ormonali. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.14

15 Studio dell'espressione dei PRDM nell'attivazione e nel differanziamento linfocitario e monocitario Ciro ABBONDANZA Durata: dal 01/01/2010 al 01/01/2012 Anno: ,15 - Ateneo - S.U.N. DE ROSA C., PEZONE L. Cofinanziamento PRIN (nota n / ) Giovanni Alfredo PUCA Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2011 Anno: ,24 - Ateneo - S.U.N. RF-MUL THE ROLE OF MYOPALLADIN IN HUMAN DILATED MYOPATHY Vincenzo NIGRO Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2011 PILUSO G., TORELLA A., DEL VECCHIO BLANCO F., DIONISI M. Ricerca Ateneo 2009 DIRETTORE Giovanni Alfredo PUCA Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2011 Anno: ,88 - Ateneo - S.U.N. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.15

16 Ritardo mentale FGS-like in tre nuove famiglie Italiane. Analisi di linkage mediante whole-genome SNP genotyping Giulio PILUSO Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2011 Anno: ,07 - Ateneo - S.U.N. Il ritardo mentale è la più comune causa di disabilità dello sviluppo in circa l 1-3% della popolazione mondiale. La sindrome FG è una rara forma di ritardo mentale X-linked clinicamente e geneticamente eterogenea. Noi abbiamo in precedenza caratterizzato il locus FGS4 a Xp11.3- p11.4 in una famiglia italiana, dimostrando che la mutazione missenso p.r28l (c.83g>t) nel gene CASK è la causa della malattia. Negli ultimi anni abbiamo raccolto più di 100 campioni di DNA di pazienti con diagnosi clinica di FGS/MR. Abbiamo iedntificato 3 famiglie FGS-like composte di 11, 16 e 22 individui, ciascuna con 3 affetti in due generazioni, su cui avviare questo progetto di wholegenome SNP genotyping e analisi di linkage, teso ad identificare nuovi geni malattia. Ruolo dell'ipossia in cellule mesenchimali da midollo osseo: implicazioni per l'arteriopatia ostruttiva periferica. Vincenzo SICA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2011 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Ruolo dell'ipossia in cellule mesenchimali da midollo osseo: implicazioni per l'arteriopatia ostruttiva periferica. COBELLIS G. Sequenziamento massivo dell'"exoma" umano per identificare nuove malattie genetiche recessive in piccole famiglie. Vincenzo NIGRO Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2011 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.16

17 il sequenziamento del genoma umano è oggi reso possibile dalle tecnologie dette NGS che consentono di ottenere fino a 100Gb di sequenza. Tuttavia le malattie genetiche sono causate per il 99.2% dei casi da mutazioni esoniche o periesoniche. Gli esoni costituiscono 33Mb di sequenza di DNA (circa 1/100 del genoma umano). Quindi sequenziare i soli esoni è circa volte più efficiente rispetto al sequenziamento dell intero genoma. Un ulteriore vantaggio è rappresentato dalla minore complessità computazionale e dai costi più contenuti. Abbiamo arricchito il genoma umano per le sole sequenze esoniche e avviato il sequenziamento con copertura 50x. Il nostro obiettivo è sequenziare gli esomi di piccole famiglie con patologie genetiche recessive orfane con almeno tre affetti non fratelli e l assegnista dovrà essere in grado tra l altro di effettuare l arricchimento dell exoma in soluzione e l analisi computazionale dei dati di sequenza. Questa informazione sarà utile a definire nuovi meccanismi patogenetici, perché l approccio non è condizionato da precedenti conoscenze. PILUSO G., TORELLA A., CUOMO A., DEL VECCHIO BLANCO F. Transcriptional control of mirna gene expression by estrogen receptor beta in hormone-responsive breast cancer Alessandro WEISZ Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2011 Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Progetto di ricerca triennale WEISZ A., CICATIELLO L., RAVO M., TARALLO R., NASSA G., FERRARO L. Trapianto autologo di cellule staminali del midollo osseo nell'arteriopatia ostruttiva periferica. Vincenzo SICA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2011 Anno: ,00 - Ministero Trapianto autologo di cellule staminali del midollo osseo nell'arteriopatia ostruttiva periferica. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.17

18 CIOFFI M., MOLINARI A. M. Utilizzo terapeutico di trapianto di sangue midollare autologo nella rigenerazione tissutale per le terapie di patologie non ematologiche e di grande diffusione. Vincenzo SICA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2011 Anno: ,00 - Ente Pubblico Istituto Banco di Napoli - Fondazione Utilizzo terapeutico di trapianto di sangue midollare autologo nella rigenerazione tissutale per le terapie di patologie non ematologiche e di grande diffusione. COBELLIS G. Meccanismi dell invechiamento cellulare Anna Maria MOLINARI Durata: dal 26/11/2009 al 26/11/2011 Anno: ,86 - Conto terzi Dea Center s.r.l. Epigenetic treatment of neoplastic disease Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/11/2005 al 31/10/2011 Anno: ,06 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,11 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,33 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.18

19 Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,06 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Il progetto, al quale partecipano 14 partners europei di 7 stati diversi, ha l obiettivo di definire validare il concetto di trattamento epigenetico del cancro. L unità SUN-DPG, oltre a coordinare un asse di ricerca e due workpackages, contribuisce al progetto principalmente con lo studio delle basi molecolari dell azione leucemogenica delle istone deacetilasi (HDAC), in linee cellulari ed in colture ex vivo di blasti. NEBBIOSO A., DE BELLIS F., FRANCI G., MICELI M., CONTE M., LEPORE I., DI CERBO V., MENAFRA R. Laboratorio di Medicina Molecolare per la Messa a Punto di Terapie Innovative e l Identificazione e Validazione di Marcatori Molecolari di Malattia Alessandro WEISZ Durata: dal 01/09/2009 al 31/08/2011 Avviso pubblico: "Bando per progetti di ricerca ad alto contenuto scientifico e tecnologico per la realizzazione e il potenziamento di laboratori pubblici di ricerca nel settore delle biotecnologie industriali e delle scienze della salute" (BURC n /08/08) - Ambito di ricerca: 6.1.a WEISZ A., CICATIELLO L., RAVO M., FERRARO L., TARALLO R., NASSA G., PARENTE L., FORMISANO S. Targeting the nuclear export of steroid receptors as an approach to cancer therapy Ferdinando AURICCHIO Durata: dal 26/01/2009 al 31/07/2011 Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Anno: ,00 - Ente Pubblico AIRC Il progetto si propone di analizzare la localizzazione citoplasmatica del recettore degli estrogeni in campioni umani di ca. mammario e di stabilire la relazione tra tale distribuzione ed il grado di Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.19

20 malignità tumorale CASTORIA G., MIGLIACCIO A. Ruolo dei recettori per gli estrogeni alfa e beta nella regolazione della trascrizione genica e della progressione del ciclo cellulare Alessandro WEISZ Durata: dal 24/06/2010 al 23/06/2011 Progetto L WEISZ A., CASALE R., CICATIELLO L., ESPOSITO A., BAMUNDO A., CUOMO D., NASSA G., PARIS O., TARALLO R., GROBER O. M. V., FERRARO L., MUTARELLI M. CRESCENDO: Consortium for Research into Nuclear Receptors in Development and Aging Alessandro WEISZ Durata: dal 01/04/2006 al 31/03/2011 Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA Anno: ,00 - Ente Pubblico UNIONE EUROPEA IP WEISZ A., RAVO M., TARALLO R., NASSA G., FERRARO L., CICATIELLO L. IVS-14A/G e IVS-73C/T del gene OLR1 in pazienti con malattie cerebrovascolari ischemiche Michele CIOFFI Durata: dal 01/03/2009 al 01/03/2011 Anno: ,36 - Ateneo - S.U.N. Valutazione e ruolo di IVS-14A/G e IVS-73C/T del gene OLR1 in pazienti con malattie cerebrovascolari ischemiche Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.20

21 MOLINARI A. M., VIETRI M. T., PARISI M., BOGGIA M. L'influenza dei polimorfismi C667T e A1298C del gene della MTHFR sulle concentrazioni sieriche dell'omocisteina dopo anestesia con nitroso ossido Anna Maria MOLINARI Durata: dal 01/03/2009 al 01/03/2011 Anno: ,04 - Ateneo - S.U.N. Influenza dei polimorfismi C667T e A1298C del gene della MTHFR sulle concentrazioni sieriche dell'omocisteina dopo anestesia con nitroso ossido CIOFFI M., VIETRI M. T. MLPA (Multiplex Dependent Probe Amplification) per lo studio dei riarrangiamenti dei geni BRCA1 e BRACA2 Maria Teresa VIETRI Durata: dal 01/03/2009 al 01/03/2011 Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. mediante la tecnica MLPA (Multiplex Dependent Probe Amplification) vengono identificate i polimorfismi dei geni BRCA1 e BRACA2 nei familiari delle probande CIOFFI M., MOLINARI A. M., DE PAOLA M. L., BOGGIA M., PARISI M. Meccanismi fisiopatologici clinici innovativi delle malattie cardiovascolari Claudio NAPOLI Durata: dal 03/02/2009 al 02/02/2011 Anno: ,24 - Conto terzi Casa di Cura Santa Rita S.p.A. Meccanismi fisiopatologici clinici innovativi delle Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.21

22 malattie cardiovascolari inerenti l angiogenesi ed aterosclerosi Claudio NAPOLI Durata: dal 03/02/2009 al 02/02/2011 Anno: ,96 - Conto terzi Multimedica s.p.a. Caratterizzazione dei meccanismi non genomici degli ormoni steroidei per l'identificazione di nuovi potenziali bersagli terapeutici. Liliana DALLA MORA Durata: dal 01/01/2009 al 01/01/2011 Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. Il classico meccanismo d azione degli steroidi prevede che essi regolino la trascrizione genica nel compartimento nucleare delle cellule bersaglio, legandosi a specifiche sequenze di DNA. Tuttavia numerose evidenze indicano che essi sono anche in grado di attivare vie di segnalazione rapide extranucleari, non genomiche, in cellule riproduttive e non riproduttive. Tali effetti rapidi sono responsabili in diversi sistemi cellulari del controllo della progressione in ciclo, dei cambiamenti del citoscheletro e della sopravvivenza cellulare. I processi biologici descritti sono alterati nei tumori umani, inclusi i tumori della prostata. Qualunque sia il meccanismo, l'attivazione di tali circuiti dà luogo alla deregolazione del ciclo cellulare e della sopravvivenza, contribuisce al de-differenziamento ed alla metastatizzazione e, frequentemente, alla resistenza alle terapie. L obiettivo sarà quello di identificare molecole che inibiscono selettivamente i vari effettori del segnale. In tal modo si potrebbero intravedere strategie terapeutiche innovative, più razionali e mirate, dei tumori umani. Studio dell'espressione dei PRDM nell'attivazione e nel differanziamento linfocitario Ciro ABBONDANZA Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.22

23 Durata: dal 01/01/2009 al 01/01/2011 Anno: ,36 - Ateneo - S.U.N. DE ROSA C., PEZONE L. Analisi funzionale del ruolo di CASK nel ritardo mentale geneticamente determinato. Giulio PILUSO Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. Il ritardo mentale è la più comune causa di disabilità dello sviluppo. Per molti pazienti che soffrono di questa condizione clinicamente e geneticamente eterogenea, il gene difettivo resta non identificato. La sindrome FG è una rara forma di ritardo mentale X-linked. Il nostro gruppo ha in precedenza caratterizzato il locus FGS4 a Xp11.3-p11.4 in una famiglia italiana, dimostrando che la mutazione missenso p.r28l (c.83g>t) nel gene CASK è la causa della malattia. Studi preliminari e dati di letteratura indicano che CASK è un gene emergente del ritardo mentale X- linked. Noi riteniamo che CASK possa essere direttamente o indirettamente coinvolto in differenti condizioni patologiche in cui il deficit cognitivo può rappresentare l elemento comune. Noi investigheremo la funzione della peculiare N- terminale di CASK, ricercando possibili nuovi interattori del dominio CaM-kinase mediante screening di una libreria di cdna da cervello umano con la tecnica del doppio ibrido nel lievito. Noi riteniamo che questo dominio abbia un ruolo chiave per le funzioni di CASK. Analisi molecolare del ruolo degli estrogeni nel tumore della mammella ormono-responsivo. Ernesto NOLA Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,00 - Ateneo - S.U.N. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.23

24 Caratterizzazione molecolare della necroptosi nelle leucemie mieloidi acute Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,36 - Ateneo - S.U.N. Cofinanziamento PRIN (Nota n /2008) Giovanni Alfredo PUCA Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,75 - Ateneo - S.U.N. Diagnosi delle malattie neuromuscolari Vincenzo NIGRO Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2010 Anno: ,00 - Ateneo - S.U.N. Effetti del paratormone sui marcatori di superficie delle EPC Pellegrino Biagio MINUCCI Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. Effetti del paratormone sui marcatori di superficie delle EPC Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.24

25 Pellegrino Biagio MINUCCI Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,33 - Ateneo - S.U.N. Effetti del paratormone sui progenitori circolanti Bartolomeo FARZATI Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,04 - Ateneo - S.U.N. Identificazione e caratterizzazione dell'azione molecolare degli inbitori delle sirtuine nelle leucemie Lucia ALTUCCI Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,67 - Ateneo - S.U.N. Identificazione e caratterizzazione delle basi molecolari dell'attività antineoplastica di composti naturali Paola BONTEMPO Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. Intervento terapeutico sulla neoangiogenesi legata alla trasformazione cellulare Filomena DE NIGRIS Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.25

26 Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,33 - Ateneo - S.U.N. Intervento terapeutico sulla neoangiogenesi legata alla trasformazione cellulare Filomena DE NIGRIS Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. Localizzazione del recettore degli estrogeni nei tumori mammari umani Antimo MIGLIACCIO Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,04 - Ateneo - S.U.N. Localizzazione del recettore degli estrogeni nei tumori mammari umani. Ferdinando AURICCHIO Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,01 - Ateneo - S.U.N. Meccanismi genomici di regolazione delle funzioni cellulari da recettore beta degli estrogeni in cellule ormono-responsive Alessandro WEISZ Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.26

27 Anno: ,04 - Ateneo - S.U.N. Meccanismi innovativi di intervento terapeutico nel danno vascolare Claudio NAPOLI Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,04 - Ateneo - S.U.N. Meccanismo d azione dei recettori degli estrogeni nel cancro della mammella Ernesto NOLA Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Anno: ,04 - Ateneo - S.U.N. Ruolo delle varianti molecolari RIZ1 e RIZ2 del gene PRDM2 nel controllo dell'espressione genica di geni estrogeno regolata e non estrogeno regolati. Giovanni Alfredo PUCA Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2010 Anno: ,22 - Ateneo - S.U.N. Ruolo delle varianti molecolari RIZ1 e RIZ2 del gene PRDM2 nel controllo dell'espressione genica di geni estrogeno regolata e non estrogeno regolati. Ruolo dell'espressione del recettore degli androgeni nella compnente stromale dei tumori prostatici. Gabriella CASTORIA Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.27

28 Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2010 Anno: ,15 - Ateneo - S.U.N. Il progetto si propone di analizzare l'espressione di AR nella compnente stromale dei tumori umani prostatici e di valutarne il ruolo prognostico. GIOVANNELLI P., OLIVIERO M. A. Studio del ruolo del recettore degli androgeni in fibroblasti associati a tumori umani della prostata Marina DI DOMENICO Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,33 - Ateneo - S.U.N. Studio dell'espressione dei PRDM in linee cellulari e neoplasie umane Nicola MEDICI Durata: dal 01/01/2010 al 31/12/2010 Anno: ,15 - Ateneo - S.U.N. Espressione dei PRDM nelle cellule tumorali Studio di nuove molecole che inibiscono la proliferazione di cellule di ca. mammari e prostatici Antonietta DE FALCO Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2010 Anno: ,33 - Ateneo - S.U.N. Studio di nuove molecole per il controllo dei meccanismi non genomici degli ormoni steroidei Antonietta DE FALCO Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 17/02/2012 alle pag.28

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF Dr. Vincenzo Piazza La Sindrome da resistenza agli ormoni tiroidei,descritta per la prima volta da Refetoff, è una patologia molto

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Giuseppe Realdi, Sandro Giannini Prof. Giusppe Realdi Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Clinica medica

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Napoli Federico II;

IL DIRETTORE. VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Napoli Federico II; AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI INCARICHI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ DI DOCENZA NELL AMBITO DEL PRECORSO FORMATIVO DAL TITOLO FORMAZIONE DI ESPERTI NELL'IDENTIFICAZIONE E NELLO SVILUPPO DI NUOVI

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli