Una mutazione consiste in un cambiamento permanente della sequenza normale del DNA (comunemente detta selvatica o wild-type).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una mutazione consiste in un cambiamento permanente della sequenza normale del DNA (comunemente detta selvatica o wild-type)."

Transcript

1

2 Una mutazione consiste in un cambiamento permanente della sequenza normale del DNA (comunemente detta selvatica o wild-type). I cambiamenti della sequenza del DNA possono essere privi di effetti fenotipici: in tal caso si tratta di varianti normali che vengono dette polimorfismi se si presentano nella popolazione in esame con una frequenza superiore all 1%. Viene classificata variante privata nel caso in cui la mutazione ha una frequenza minore dell 1% e viene riscontrata in una famiglia o in un piccolo numero di famiglie correlate tra loro. Al contrario, molte mutazioni possono influenzare la funzione o la quantità del prodotto del gene e, quindi, avere un effetto fenotipico. La patologia molecolare cerca di spiegare perché un dato cambiamento genetico dia luogo a un particolare fenotipo clinico. Mira a capire l effetto che una particolare mutazione ha sulla quantità o la funzionalità del prodotto di un dato gene, e a spiegare perché il cambiamento sia o meno patogenico per una particolare cellula, un particolare tessuto o in un determinato stadio dello sviluppo. Data la complessità delle interazioni genetiche la patologia molecolare è ancora un scienza imperfetta. Infatti per la maggior parte delle patologie genetiche i sintomi clinici sono il risultato finale di una lunga catena di eventi e molto spesso, la correlazione fenotipogenotipo non è chiara, perché anche le patologie mendeliane cosiddette semplici in realtà sono tutt altro che semplici (Weatherall 2001, Badano and Katsanis, 2002).

3 Negli eucarioti le mutazioni si distinguono in somatiche e germinali. Somatiche: mutazioni che colpiscono le cellule somatiche dell organismo, sono trasmesse alle cellule figlie dopo la mitosi e quindi alle successive generazioni cellulari ma non sono trasmesse alla progenie prodotta sessualmente. Germinali: sono quelle che si verificano nella linea germinale, un gamete contenete una specifica mutazione trasmetterà tale mutazione al nuovo organismo prodotto con la fecondazione.

4 Le princiali classi di mutazioni puntiformi Delezioni, da 1 nucleotide a pochi nucleotidi Inserzioni, comprese le duplicazioni Sostituzioni di singole basi: mutazioni silenti generalmente non modificano la sequenza aminoacidica. Sono state descritte però alcune che interferiscono con la corretta maturazione del trascritto interferendo con lo splicing, localizzate in sequenze ESE (Exonic Splicing Enhancer) o in sequenze ESS (Exonic Splicing Silencer). mutazioni di senso errato (missense): sostituiscono un aminoacido con un altro nel prodotto genico; mutazioni nonsense: sostituiscono un codone per un aminoacido con un codone di stop; mutazioni nei siti di splicing: creano o distruggono i segnali di splicing tra esoni ed introni; Slittamento del modulo di lettura (Frameshifts), che possono essere prodotte da delezioni, inserzioni o errori di splicing Mutazioni dinamiche, sono ripetizioni in tandem che spesso cambiano la loro lunghezza durante la trasmissione da genitore a figlio.

5 Mutazioni missense Spesso non hanno conseguenze sul piano funzionale e clinico e possono rappresentare vere e proprie varianti polimorfiche (es. gene CFTR). Per stabilire se una variante aminoacidica sia da considerare una mutazione vera e propria è necessario tenere conto di alcuni criteri; una mutazione infatti può essere ragionevolmente ritenuta patogenetica, effettivamente responsabile di un determinato quadro clinico quando: è stata riscontrata precedentemente in altri pazienti affetti dalla stessa condizione; si tratta di una mutazione de novo, non riscontrata cioè nei genitori; la sostituzione aminoacidica non è conservativa, cioè avviene tra aa che hanno caratteristiche biochimiche diverse; la mutazione si trova in una regione conservata della proteina; Software open source specifici (per es. SIFT, Sorting Intolerant From Tolerant: predicono un effetto dannoso della mutazione sulla funzione della proteina.

6 Cosa succede a livello della proteina se avviene una mutazione a livello del DNA?

7 Effetti delle mutazioni non-senso o frameschift Possono determinare conseguenze diverse sull espressione genica. L instabilità del mrna: è l evenienza più comune. Se in un mrna è presente un codone di stop situato almeno 50 nt a monte della giunzione di splicing più vicina, viene attivato un meccanismo noto come Non-sense-Mediated Decay (NMD) che determina la rapida degradazione dell mrna per proteggere la cellula dagli effetti nocivi della proteina tronca. Sintesi di un polipeptide tronco: è l evenienza rara. Exon skipping (esclusione dell esone mutato) che consente la stabilizzazione dell mrna attraverso un processo noto come Non-sense-associated Altered Splicing Effetti delle mutazioni di splicing Esclusione dell esone dall mrna (Exon skipping) con formazione della proteina priva degli aa codificato dall esone escluso. Ritenzione dell introne (intron retention) Inclusione di una parte di un introne nel trascritto maturo Esclusione di una parte di un esone nell mrna.

8 Per disporre di test genetici è importante conoscere la sequenza di un allele mutante, mentre dal punto di vista della patologia molecolare è necessario sapere cosa esso sia in grado di fare. Per la comprensione nel meccanismo patogenetico è importante prima di tutto capire se la mutazione determina: la perdita di una funzione: il prodotto può presentare una parziale riduzione o totale assenza di funzione; l acquisizione di una funzione: il prodotto può viceversa funzionare in un modo anomalo. Per alcuni geni si conoscono mutazioni di entrambi i tipi, che producono fenotipi molto diversi (es. OI).

9 Nomenclatura che descrive l effetto dell allele mutato Null allele o amorfo: allele che non dà prodotto Ipomorfo: un allele che produce una ridotta quantità o attività del prodotto Ipermorfo: un allele che produce un aumentata quantità o attività del prodotto. Neomorfo: un allele con una nuova attività o prodotto. Antimorfo: un allele il cui prodotto si comporta da antagonista con l attività del prodotto normale (effetto dominante negativo).

10 Generalmente le mutazioni con perdita di funzione producono fenotipi recessivi; per la maggior parte dei prodotti genici la quantità esatta non è cruciale e la cellula riesce a funzionare adeguatamente anche con metà del prodotto normale (la maggior parte dei difetti congeniti del metabolismo è recessiva). Occasionalmente, il 50% del livello normale di prodotto può non essere sufficiente per il normale funzionamento, in questo caso l aploinsufficienza determina un fenotipo patologico con modalità di trasmissione dominante. Le mutazioni con acquisizione di funzione producono fenotipi dominanti, perché la presenza di un allele normale non impedisce che l allele mutato determini il fenotipo anomalo. Un effetto negativo dominante si verifica quando il prodotto mutante non solo perde la propria funzione, ma impedisce anche che il prodotto dell allele normale funzioni in un individuo eterozigote (interferenza). Gli effetti negativi dominanti sono particolarmente evidenti quando riguardano le proteine che funzionano sotto forma di dimeri o di multimeri Mutazioni nei geni che codificano le proteine del collagene sono un esempio classico di effetto negativo dominante.

11 Eterogenetità di locus e allelica La maggioranza delle malattie genetiche presentano eterogeneità genetica Si può distinguere ulteriormente una eterogeneità allelica, che fa riferimento a diverse mutazioni allo stesso locus, da una eterogeneità di locus, che fa riferimento a mutazioni in loci diversi. Esempi: Osteogenesi Imperfetta (es. sia di eterogeneità allelica che di locus ) Mutazioni FGFR3 Beta talassemia (es. di eterogeneità allelica) Sordità congenita (es. di eterogeneità di locus )

12 Esempio di Etereogeneità allelica e di locus Osteogenesi imperfetta (OI) Definisce un gruppo clinicamente eterogeneo di difetti ereditari del tessuto connettivo caratterizzato principalmente da fragilità ossea. E la più comune malattia genetica dell osso con una prevalenza stimata intorno a 1: : nati vivi. E accompagnata da manifestazioni extrascheletriche: dentinogenesi imperfetta, perdita di udito, alterazione dello spessore delle sclere (che si presentano di colore blu o grigio, poiché più sottili del normale), iperlassità dei legamenti e della pelle. Le manifestazioni cliniche possono variare ampiamente tra un soggetto e un altro, ma, solitamente, nell ambito di una famiglia l espressione è simile.

13 L eterogeneità clinica e la considerevole variabilità ha reso indispensabile una classificazione dell OI; essa è stata sviluppata nel 1979 da Sillence e coll. ed è tuttora accettata, con i dovuti aggiornamenti. Utilizza criteri radiologici, genetici e clinici. Mediante questi criteri è possibile dividere l OI in quattro sottotipi: OI di tipo I (OMIM: #166200) OI di tipo II (OMIM: #166210) OI di tipo III (OMIM: #259420) OI di tipo IV (OMIM: # utili per prognosi e eventuale trattamento OMIM :Online Mendelian Inheritance in Man

14 tipo forma ereditarietà Caratteristiche cliniche I Leggera AD Sclere blu, facilità all ecchimosi, lieve fragilità ossea prepuberale con deformazioni lievi o assenti; lieve deficit staturale, perdita uditiva in circa il 50% dei casi; assenza (A) o presenza (B) di dentinogenesi imperfetta. II Letale perinatale AD Letale nel periodo perinatale; estrema fragilità dei tessuti connettivali; fratture in epoca prenatale; minima mineralizzazione cranica alla nascita; micromelia; gravi deformità delle ossa lunghe, femori a fisarmonica, coste a grani di rosario, platispondilia III IV Progressivamente deformante Moderatamente severa AD AR (raramente) AD Fragilità ossea severa, fratture multiple alla nascita, deformazioni ossee progressive; grave osteoporosi; macrocefalia relativa con facies triangolare; viso piatto e orbite sporgenti; possibile impressione basilare; scoliosi; protusione dello sterno; deficit staturale estremo; sclere normali; dentinogenesi imperfetta; frequente perdita uditiva; deambulazione all interno delle mura domestiche possibile con interventi chirurgici e riabilitazione Frequenti fratture prima dell inizio della deambulazione, leggera o moderata procurvazione delle ossa lunghe, moderata fragilità ossea, possibile impressione basilare; sclere normali; deficit staturale variabile; talvolta ipocausia; assenza (A) o presenza (B) di dentinogenesi Sillence 1979; Byers 1993

15 Ereditarietà Autosomico dominante Per tutte le forme che possono presentarsi come casi sporadici (mutazioni de novo) o familiari (nelle forme clinicamente meno gravi). La ricorrenza di prole affetta nata da genitori sani, rilevata in circa il 6-7% dei casi di OI letale è attribuibile: - mosaicismo germinale in uno dei due genitori. Es: Mosaicismo germinale Autosomico recessivo Solo rari casi di OI-III sembrano essere ad ereditarietà recessiva, non attribuibili a difetti strutturali del collagene I, riscontrate in popolazioni particolari con alto grado di inincrocio (Amerindi, Pakistani, nativi Sud Africani).

16 Patogenesi molecolare 80-90% dei pazienti con OI presentano una forma Autosomica dominante dovuta ad una mutazione nei geni COL1A1 e COL1A2 che codificano rispettivamente per le catene proteiche α1 e α2 del collagene di tipo 1 Le ossa sono costituite da una matrice proteica, composta essenzialmente da collagene e da una componente minerale. Il collagene di tipo I rappresenta l 80% del contenuto proteico dell osso, le fibrille che esso forma costituisce la struttura portante, essendo il substrato su cui i cristalli di idrossiapatite vengono deposti nel processo di mineralizzazione COLLAGENE DI TIPO I 2α1 e 1α2 (tripla elica)

17 10% dei pazienti presentano una forma Autosomica Recessiva, mutazioni nei geni codificanti proteine responsabili delle modificazioni post-traduzionali: CRTAP, LEPRE1, PPIB, FKBP10, SERPINH1, PLOD2 e SP7/OSX La biosintesi, il processamento e la secrezione delle molecole di collagene è un processo estremamente complesso che inizia con la trascrizione altamente regolata e coordinata dei geni per le diverse catene, include modificazioni post-traduzionali catena specifiche e finisce con la regolazione della secrezione e la degradazione.

18 (a) (b) Microfotografia di osso normale (a) o con osteogenesi imperfetta (b): è da notare la disorganizzazione della matrice ossea nel tessuto affetto da osteogenesi imperfetta

19 Caratteristica strutturale comune condivisa dai prodotti proteici dei geni del collagene Ogni molecola di collagene è costituita da tre catene polipeptidiche chiamate catene alfa. I prodotti proteici dei geni del collagene condividono importanti proprietà strutturali: formano molecole che contengono tre catene (sia etero- che omotrimeri) ed hanno almeno un dominio caratterizzato dalla ripetizione della sequenza amminoacidica (Gly-X-Y)n. Gly X Y Gly X Y Gly X Y Gly X Y Gly X Y 1 n La posizione della glicina (più piccolo aa) è essenziale per il mantenimento della struttura a tripla elica (coiled-coil); X (spesso prolina) e Y (spesso idrossiprolina) possono essere rappresentati dalla maggior parte degli aminoacidi con eccezione del triptofano e della cisteina esclusi dalla tripla elica. Idrossiprolina e idrossilisina si trovano solo in posizione Y, questi residui hanno un ruolo importante nella stabilità della tripla elica.

20 Per COL1A1 e COL1A2, si conoscono sia mutazioni che determinano perdita di funzione sia quelle che determinano l acquisizione di una funzione. La malattia è dovuta ad alterazioni quantitative (OI-I) o qualitative (tipi II, III e IV) a carico del collagene I causate da mutazoni nei due geni, COL1A1 e COL1A2: 1. l aploinsufficienza dei geni COL1A1 o COL1A2 può essere causata da mutazioni non sense o mutazioni frameshift che portano ad una situazione del tipo allele nullo (alterazioni quantitative); 2. i difetti strutturali sono dovuti sostanzialmente a due tipi di mutazioni: missense che comportano la sostituzione di uno dei 338 residui di glicina nel dominio a tripla elica e alterazione dei siti di splicing che comportano exon skipping, ovvero salto di esone, durante il processo di maturazione degli mrna collagenici (alterazioni qualitative).

21 effetto negativo dominante

22 Sostituzioni singole nei codoni di glicina nel dominio a tripla elica possono determinare tutte le forme di OI. C-terminale N-terminale

23 Esempio di patologie diverse associate a mutazioni dello stesso gene Acondroplasia (ACH) (OMIM ) Rappresenta la forma più comune di nanismo; la prevalenza è stimata in maniera abbastanza imprecisa (1: :70.000). Ipocondroplasia (HCH) (OMIM ) È una variante clinica con fenotipo un po più sfumato, spesso è caratterizzata da una statura bassa meno grave rispetto a quella presente in ACH, mentre condividono alcune caratteristiche con ACH. Displasia tanatofora (TD) (OMIM ) Displasia scheletrica molto grave, letale alla nascita, clinicamente simile a casi di omozigoti di ACH, nella quale i segni clinici sono esasperati ed è presente cranio a forma di trifoglio.

24 Queste tre patologie (acondroplasia, ipocondroplasia e displasia tanatofora) sono accomunate dallo stesso gene malattia, FGFR3, membro di una famiglia di recettori per i fattori di crescita dei fibroblasti (FGF). FGFR3 è abbondantemente espresso nei rudimenti cartilaginei di tutte le ossa e nel processo di ossificazione endocondrale, è assente però nei condrociti ipertrofici. Esso agisce come regolatore negativo, limitando la proliferazione dei condrociti e quindi il processo di accrescimento osseo. I modelli murini hanno mostrato che Fgfr3 è un regolatore negativo della crescita e dello sviluppo delle ossa. Le mutazioni ricorrenti trovate allo stato di eterozigote in soggetti con acondroplasia, ipocondroplasia e displasia tanatofora, pur diverse fra loro e riguardanti dominii diversi della proteina, sortiscono un effetto comune di guadagno di funzione. eparina FGF FGFR S-S H-H p p p p p p p * Attivazione ligandodipendente mutazioni nel dominio extracellulare mutazioni nel dominio transmembrana mutazioni nel dominio target di tirosina-chinasi

25

26 FGFR3

27 Il grado di severità correla con il tipo di mutazione Sebbene sia in ACH che in TD le mutazioni riscontrate attivano FGFR3, il meccanismo di attivazione è diverso: ACH: inibita l internalizzazione e la degradazione del recettore prolungando il signaling. TD: si ha la formazione di ponti disolfuro nel dimero recettore-recettore determinando un attivazione costitutiva non sensibile al ligando; inibizione della regolazione negativa della tirosina kinasi determinando una iperattivazione del recettore sensibile al ligando.

28 THALASSEMIA

29 cluster globinici Controllo espressione genica clusters geni alfa e beta-globine da parte di LCR

30 10_23_2.jpg Regolazione dell espressione genica da parte della LCR per il cluster beta-globine

31 quantita Sintesi globine nella vita fetale ed adulta b e d g nascita prenatale 2e2, emoglobina embrionale 2g2, emoglobina fetale Settimane di vita postnatale 2b2, emoglobinaa 2d2, emoglobinaa2

32 Sintesi globine nella vita fetale ed adulta Attivazione sequenziale delle globine embrionali Gower I, fetali (Gower 2, Portland, HbF, e dell adulto (A e A2)

33 Le thalassemie Gruppo di malattie ereditarie determinate dall alterato rapporto fra le catene alfa e beta, per cui si hanno molecole di emoglobina aberranti. Thalassemia alfa : catene alfa ridotte o assenti Thalassemia beta: catene beta ridotte o assenti Sono autosomiche recessive, ma possono essere manifestate anche in eterozigosi. Non sono uniformemente distribuite nel mondo, hanno prevalenza massima in alcune aree. In ogni popolazione si trovano un numero molto limitato di mutazioni, ma una mutazione rara o assente in una popolazione puo risultare frequente in un altra

34 -Thalassemia Originata principalmente da delezioni dei geni alfa: su ogni cromosoma 16 sono presenti 2 copie espresse del gene alfa : la delezione puo riguardare una o due copie, in cis o in trans Viene definito allele l insieme dei due geni:, -, -- I genotipi possibili sono 6 e i fenotipi sono diversi a seconda delle combinazioni

35 Genotipi e fenotipi nella -thalassemia Assetto genomico N. Geni Stato omozigote wild-type eterozigote 1 allele wild type eterozigote 1 allele wild type omozigote nessun allele wild-type! eterozigote nessun allele wild-type! omozigote Anemia nessuna lieve lieve lieve grave HbH letale Alcune forme di -thalassemia sono dovute all instabilita dell mrna o dell emoglobina: mutazione nel sito di poliadenilazione, perdita del codone di stop...

36 Genotipi e fenotipi nella -thalassemia Assetto genomico Stato Non portatore Portatore silente Portatore classico Malattia da emoglobina H Idrope fetale Disturbo solo alla nascita per la presenza di una minima quota di emoglobina di Bart (γ 4 )(1-2%) alla nascita per la presenza di emoglobina di Bart (γ 4 )(4-5%) Microcitosi nell adulto. Pattern elettroforetico dell emoglobina normale Anemia microcitica di discreta entità che talora richiede terapia trasfusionale, splenomegalie, modeste alterazioni ossee. L elettroforesi caratterizzata dalla presenza della emoglobina H (β 4 ) Letale in utero alla nascita, caratterizzata da gravissima anemia e insufficienza cardiaca all elettroforesi si osserva emoglobina H (β4), di Portland (δ 2 γ 2 )

37 Possibile progenie dei portatori genotipi HbH 1 x 2 normale tratto talassemico anemia lieve HbH 1 x 3 2 x 3 tratto talassemico anemia lieve tratto talassemico HbH

38 Esempio di Etereogeneità allelica b-thalassemia e Gg Ag b d b Originata principalmente da mutazioni il cui effetto attraverso meccanismi diversi e quello di avere un deficit di catene b. I siti di mutazione sono caratteristici di una popolazione esone1 introne1 esone2 introne2 esone mutazioni nel promotore portano diminuzione del livello promotore 2 mutazioni puntiformi all interno degli esoni causano sostituzioni aa o fine traduzione 3 mutazioni introni, alterazione splicing 4 mutazione in siti di poliadenilazione

39 Le mutazioni nella b-thalassemia b 0 thalassemia: tutte le forme in cui manca la catena b. l mrna puo mancare completamente, degradato o inattivo b + thalassemia: tutte le forme la catena b e sottorappresentata l mrna puo non venire processato in maniera corretta o essere poco rappresentato. a questa categoria appartengono l emoglobine Lepore: per effetto di un crossingover fra i geni d e b (che hanno una parziale omologia di sequenza) si ottiene un gene db che viene trascritto in minor quantita (il promotore di d e piu debole) e Gg Ag b d b e Gg Ag b d b b + thalassemia e Gg Ag b d db Normale e Gg Ag b d bd

40 Le mutazioni della b-thalassemia nelle diverse popolazioni Sardegna: codone 39 da glutamina a stop proteina tronca 95 % b 0 codone 6 perdita di una base frameshift 2.1% b 0 codone 76 perdita di una base = 0.7% b 0 introne1 110 G A splicing alterato 0.5% b + introne2 745 C G == 0.4% b + Nel delta del PO la mutazione piu frequente provoca una b + per un segnale di splicing ambiguo Grecia: codone 39 da glutamina a stop proteina tronca 17.4 % b 0 introne1 1 G A splicing alterato 13.6 % b 0 introne1 6 T C splicing alterato 7.4 % b + introne1 110 G A == 43.7 % b + introne2 745 C G == 7.1% b +

41 Le mutazioni della b-thalassemia nelle diverse popolazioni Cina : codone 41/42 -TCTT frameshift 38.6% b 0 introne2 654 C T 15.7% b 0 codone 71/76 + una base frameshift 12.4% b 0-28G A G 11.6% b + codone 17 A T 10.5% b 0 Pakistan codone 8/9 + una base frameshift 28.9 % b 0 introne1 5 G C 26.4 % b + delezione di 619bp 23.3% b + introne1 1 G T 8.2% b 0 codone 41/42 -TCTT frameshift 7.9% b 0 Afro americani: -29 A G 60.3% b C T 21.4% b + codone 24 T A 7.9% b + codone6 - una base 0.8% b 0

42 clinica Talassemia maior o morbo di Cooley (β 0 /β 0 ) Dovuta a omozigosi per difetti in entrambi i geni delle catene β e si manifesta verso il quarto sesto mese di vita con difficoltà di crescita e pallore quando la progressiva sostituzione dell emoglobina F con l emoglobina A rivela il deficit di catene β. Il segno principale è rappresentato dall anemia. In seguito il tentativo di compenso midollare provoca ipertrofia del tessuto emopoietico con deformazioni scheletriche del cranio e delle ossa. La terapia è trasfusionale, ma l eccessivo carico di ferro conseguente, contrastato con assunzione di ferrochelante, si rivela tossico in particolare per cuore, fegato e pancreas. La prevenzione consiste nell individuare coppie a rischio. Talassemia intermedia ( β 0 /β + o β + /β + ) Forma attenuata di talassemia; si manifesta in modo variabile ed esordisce più tardivamente. Le ragioni del quadro attenuato sono diverse, vanno dalla presenza: di mutazioni lievi con una residua produzione di catene β alla trasmissione di determinanti genetici per la produzione di catene γ nella vita adulta, che riducono lo sbilanciamento tra catena α e catena non α (β e γ) causa fondamentale della malattia. Anche la cotrasmissione di alfa talassemia può migliorare il quadro clinico. Talassemia minor Portatori eterozigoti asintomatici, lieve microcitosi

43

44 VARIABILITA FENOTIPICA ß- TALASSEMIE Modificatori primari: alleli ß-talassemici (>200) Modificatori secondari: loci coinvolti nella sintesi globine: co-trasmissione α-talassemia variazione produzione Hb F triplicazione geni α Modificatori terziari: loci non coinvolti nella sintesi globine, influenti su complicazioni malattia Fattori ambientali e sociali

45 (Weatherall 2001)

46 Esempio di Etereogeneità di locus ORECCHIO ESTERNO Padiglione Condotto uditivo SORDITA : CLASSIFICAZIONI MEDIO Timpano Cassa Ossicini INTERNO Cassa Coclea Corti NERVO ACUSTICO Sistema di trasmissione Trasformazione stimoli sonori in impulsi bio-elettrici Codificazione e trasporto del segnale SORDITA : TIPO TRASMISSIVO NEUROSENSORIALE CENTRALE GRAVITA TIPO MISTO ETA DI ESORDIO IPOACUSIA: MEDIA (<20-40 db) MODERATA (<40-60 db) SEVERA (<60-80dB) PROFONDA (>90dB) PREVERBALE POST-VERBALE

47 Dal punto di vista epidemiologico. Enviromental factors: infections, trauma Mitochondrial 1%

48 Esempio di Etereogeneità di locus SORDITA NON SINDROMICHE Sordità: unico sintomo clinico riconoscibile 70% SORDITA EREDITARIE -alterazione epitelio sensoriale (sordità neurosensoriale) -eterogeneità genetica (geni diversi: quadri clinici sovrapponibili) LOCI ASSOCIATI: DFN (DeaFNess) -DFNA: trasmissione AD -DFNB: trasmissione AR -DFN: X-linked

49 SORDITA NON SINDROMICHE AR 30 LOCI: DFNB GENI: LOCUS GENE OMIM DFNB1 GJB DFNB2 MYO7A DFNB3 MY DFNB4 PDS DFNB8/10 TMPRSS DFNB9 OTOF DFNB12 CDH DFNB21 TECTA DFNB29 CLDN14 DFNB1 (13q11) : gene GJB2 o CONNESSINA 26 (Cx26) Sordità congenita di tipo neurosensoriale bilaterale profonda non progressiva, che comporta un deficit nell apprendimento del linguaggio. 80% SRNS nelle famiglie mediterranee

50 CONNESSINE: SORDITA NON SINDROMICHE AR -coinvolte nella formazione di GAP-Junctions che permettono il passaggio di piccole molecole e ioni tra cellule adiacenti -comuni in cellule non neuronali (epiteliali, lisce, glia, muscolo cardiaco) SISTEMA UDITIVO: espresse in membrana cellulare di cellule non sensoriali della coclea, tra cellule ciliate e di sostegno. Partecipano alla risposta intracellulare al suono.

51 SORDITA NON SINDROMICHE AD 39 LOCI: DFNA GENI: LOCUS GENE OMIM DFNA1 DIAPH DFNA2 GJB DFNA2 KCNQ DFNA3 GJB DFNA3 GJB DFNA5 DFNA DFNA8/12 TECTA DFNA9 COCH DFNA11 MYO7A DFNA15 POU4F DFNA17 MYH

52 SORDITA MITOCONDRIALI Sordità neurosensoriale (sindromica o non sindromica) dovuta a mutazioni nel DNA mitocondriale Trasmissione per via materna Cellule cigliate coclea: elevata richiesta di ATP Mutazioni Disfunzione fosforilazione ossidativa mitocondriale Ridotta disponibilità di ATP 8 mutazioni del genoma mitocondriale identificate disturbo nel gradiente ionico dell orecchio interno Mutazione A1555G nel gene mitocondriale per 12S rrna (MTRNR1) Responsabile di forme di sordità neurosensoriale conseguente all assunzione di antibiotici (aminoglicosidi) in concentrazioni normalmente non dannose La mutazione determina la presenza di una struttura secondaria molto simile a quella dei batteri target degli aminoglicosidi, determinando suscettibilità a quest ultimi Responsabile anche di forme di sordità neurosensoriale isolata in assenza di aminoglicosidi i pazienti pre verbali 2% Popolazione italiana ed inglese 5% Altre mutazioni coinvolgono geni per trna, ma sono molto rare. Es : MIDD (materanally inherited diabetes and deafness)

53 PROCESSO DIAGNOSTICO MOLECOLARE PER L INQUADRAMENTO DELLE IPOACUSIE GENETICHE (SIGU) SOSPETTA IPOACUSIA Ipoacusia acquisita Valutazione audiologica Esami audiometrici Consulenza genetica Ipoacusia a causa ignota Anamnesi personale e familiare Valutazione strumentale Valutazione clinico-genetica Quadro non sindromico Quadro sindromico Test genetico per GJB2 No mutazioni Visita dismorfologica Rischio riproduttivo Omozigote/eterozigote composta (forma rec) eterozigote(forma dom) Forma genetica definita Eterozigote per una mutazione recessiva Positivo Test per GJB6 DelGJB6 D13s1830 Negativo Test genetico ove disponibile Forma genetica non definita Rischio riproduttivo Screening familiare Positivo Test per MtA1555G Negativo

54 X-linked protocadherin 19 mutations cause female-limited epilepsy and cognitive impairment Nature Genetics 40, (2008) Epilepsy and mental retardation limited to females (EFMR) is a disorder with an X-linked mode of inheritance and an unusual expression pattern. Disorders arising from mutations on the X chromosome are typically characterized by affected males and unaffected carrier females. In contrast, EFMR spares transmitting males and affects only carrier females. Aided by systematic resequencing of 737 X chromosome genes, we identified different protocadherin 19 (PCDH19) gene mutations in seven families with EFMR. Five mutations resulted in the introduction of a premature termination codon. Study of two of these demonstrated nonsense-mediated decay of PCDH19 mrna. The two missense mutations were predicted to affect adhesiveness of PCDH19 through impaired calcium binding. PCDH19 is expressed in developing brains of human and mouse and is the first member of the cadherin superfamily to be directly implicated in epilepsy or mental retardation.

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli 1 ELEMENTI DI GENETICA LA GENETICA È: LA DISCIPLINA (= LA SCIENZA) CHE INDAGA SUI MECCANISMI DELLA TRASMISSIONE DEI CARATTERI DA UNA GENERAZIONE ALL ALTRA. RICORDIAMO 2 CONCETTI FONDAMENTALI: A) GENOTIPO:

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Nel corso di questa attivita utilizzeremo alcune delle piu importanti banche dati disponibili in rete per cercare informazioni su una proteina.

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Le malattie genetiche

Le malattie genetiche Le malattie genetiche Anderlini Beatrice Classe 3^ - Sez. C Liceo Scientifico R. Casimiri Introduzione alle malattie genetiche Tutti gli esseri viventi sono formati da cellule in ogni cellula è presente

Dettagli

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della struttura secondaria: Minimizzazione dell energia Un

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DADDY FADEL OPTOMETRISTA Nel 1866 John Langdon Down ha descritto per la prima volta la sindrome che porta il suo nome. Nel 1959 Lejeune et al. hanno

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

La sordità infantile: lo screening uditivo neonatale universale, il percorso del paziente ipoacusico in età pediatrica.

La sordità infantile: lo screening uditivo neonatale universale, il percorso del paziente ipoacusico in età pediatrica. La sordità infantile: lo screening uditivo neonatale universale, il percorso del paziente ipoacusico in età pediatrica. Alessandro Martini a, Paola Marchisio b, Luciano Bubbico c, Patrizia Trevisi a, Lodovico

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF Dr. Vincenzo Piazza La Sindrome da resistenza agli ormoni tiroidei,descritta per la prima volta da Refetoff, è una patologia molto

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli DAI GENI AI SEMI genetica e biotecnologie in agricoltura Simona Baima e Giorgio Morelli Copyright 2010 Editori: Simona Baima e Giorgio Morelli Copertina e disegni: Franco Marchiolli [www.francomarchiolli.com]

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli