Una mutazione consiste in un cambiamento permanente della sequenza normale del DNA (comunemente detta selvatica o wild-type).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una mutazione consiste in un cambiamento permanente della sequenza normale del DNA (comunemente detta selvatica o wild-type)."

Transcript

1

2 Una mutazione consiste in un cambiamento permanente della sequenza normale del DNA (comunemente detta selvatica o wild-type). I cambiamenti della sequenza del DNA possono essere privi di effetti fenotipici: in tal caso si tratta di varianti normali che vengono dette polimorfismi se si presentano nella popolazione in esame con una frequenza superiore all 1%. Viene classificata variante privata nel caso in cui la mutazione ha una frequenza minore dell 1% e viene riscontrata in una famiglia o in un piccolo numero di famiglie correlate tra loro. Al contrario, molte mutazioni possono influenzare la funzione o la quantità del prodotto del gene e, quindi, avere un effetto fenotipico. La patologia molecolare cerca di spiegare perché un dato cambiamento genetico dia luogo a un particolare fenotipo clinico. Mira a capire l effetto che una particolare mutazione ha sulla quantità o la funzionalità del prodotto di un dato gene, e a spiegare perché il cambiamento sia o meno patogenico per una particolare cellula, un particolare tessuto o in un determinato stadio dello sviluppo. Data la complessità delle interazioni genetiche la patologia molecolare è ancora un scienza imperfetta. Infatti per la maggior parte delle patologie genetiche i sintomi clinici sono il risultato finale di una lunga catena di eventi e molto spesso, la correlazione fenotipogenotipo non è chiara, perché anche le patologie mendeliane cosiddette semplici in realtà sono tutt altro che semplici (Weatherall 2001, Badano and Katsanis, 2002).

3 Negli eucarioti le mutazioni si distinguono in somatiche e germinali. Somatiche: mutazioni che colpiscono le cellule somatiche dell organismo, sono trasmesse alle cellule figlie dopo la mitosi e quindi alle successive generazioni cellulari ma non sono trasmesse alla progenie prodotta sessualmente. Germinali: sono quelle che si verificano nella linea germinale, un gamete contenete una specifica mutazione trasmetterà tale mutazione al nuovo organismo prodotto con la fecondazione.

4 Le princiali classi di mutazioni puntiformi Delezioni, da 1 nucleotide a pochi nucleotidi Inserzioni, comprese le duplicazioni Sostituzioni di singole basi: mutazioni silenti generalmente non modificano la sequenza aminoacidica. Sono state descritte però alcune che interferiscono con la corretta maturazione del trascritto interferendo con lo splicing, localizzate in sequenze ESE (Exonic Splicing Enhancer) o in sequenze ESS (Exonic Splicing Silencer). mutazioni di senso errato (missense): sostituiscono un aminoacido con un altro nel prodotto genico; mutazioni nonsense: sostituiscono un codone per un aminoacido con un codone di stop; mutazioni nei siti di splicing: creano o distruggono i segnali di splicing tra esoni ed introni; Slittamento del modulo di lettura (Frameshifts), che possono essere prodotte da delezioni, inserzioni o errori di splicing Mutazioni dinamiche, sono ripetizioni in tandem che spesso cambiano la loro lunghezza durante la trasmissione da genitore a figlio.

5 Mutazioni missense Spesso non hanno conseguenze sul piano funzionale e clinico e possono rappresentare vere e proprie varianti polimorfiche (es. gene CFTR). Per stabilire se una variante aminoacidica sia da considerare una mutazione vera e propria è necessario tenere conto di alcuni criteri; una mutazione infatti può essere ragionevolmente ritenuta patogenetica, effettivamente responsabile di un determinato quadro clinico quando: è stata riscontrata precedentemente in altri pazienti affetti dalla stessa condizione; si tratta di una mutazione de novo, non riscontrata cioè nei genitori; la sostituzione aminoacidica non è conservativa, cioè avviene tra aa che hanno caratteristiche biochimiche diverse; la mutazione si trova in una regione conservata della proteina; Software open source specifici (per es. SIFT, Sorting Intolerant From Tolerant: predicono un effetto dannoso della mutazione sulla funzione della proteina.

6 Cosa succede a livello della proteina se avviene una mutazione a livello del DNA?

7 Effetti delle mutazioni non-senso o frameschift Possono determinare conseguenze diverse sull espressione genica. L instabilità del mrna: è l evenienza più comune. Se in un mrna è presente un codone di stop situato almeno 50 nt a monte della giunzione di splicing più vicina, viene attivato un meccanismo noto come Non-sense-Mediated Decay (NMD) che determina la rapida degradazione dell mrna per proteggere la cellula dagli effetti nocivi della proteina tronca. Sintesi di un polipeptide tronco: è l evenienza rara. Exon skipping (esclusione dell esone mutato) che consente la stabilizzazione dell mrna attraverso un processo noto come Non-sense-associated Altered Splicing Effetti delle mutazioni di splicing Esclusione dell esone dall mrna (Exon skipping) con formazione della proteina priva degli aa codificato dall esone escluso. Ritenzione dell introne (intron retention) Inclusione di una parte di un introne nel trascritto maturo Esclusione di una parte di un esone nell mrna.

8 Per disporre di test genetici è importante conoscere la sequenza di un allele mutante, mentre dal punto di vista della patologia molecolare è necessario sapere cosa esso sia in grado di fare. Per la comprensione nel meccanismo patogenetico è importante prima di tutto capire se la mutazione determina: la perdita di una funzione: il prodotto può presentare una parziale riduzione o totale assenza di funzione; l acquisizione di una funzione: il prodotto può viceversa funzionare in un modo anomalo. Per alcuni geni si conoscono mutazioni di entrambi i tipi, che producono fenotipi molto diversi (es. OI).

9 Nomenclatura che descrive l effetto dell allele mutato Null allele o amorfo: allele che non dà prodotto Ipomorfo: un allele che produce una ridotta quantità o attività del prodotto Ipermorfo: un allele che produce un aumentata quantità o attività del prodotto. Neomorfo: un allele con una nuova attività o prodotto. Antimorfo: un allele il cui prodotto si comporta da antagonista con l attività del prodotto normale (effetto dominante negativo).

10 Generalmente le mutazioni con perdita di funzione producono fenotipi recessivi; per la maggior parte dei prodotti genici la quantità esatta non è cruciale e la cellula riesce a funzionare adeguatamente anche con metà del prodotto normale (la maggior parte dei difetti congeniti del metabolismo è recessiva). Occasionalmente, il 50% del livello normale di prodotto può non essere sufficiente per il normale funzionamento, in questo caso l aploinsufficienza determina un fenotipo patologico con modalità di trasmissione dominante. Le mutazioni con acquisizione di funzione producono fenotipi dominanti, perché la presenza di un allele normale non impedisce che l allele mutato determini il fenotipo anomalo. Un effetto negativo dominante si verifica quando il prodotto mutante non solo perde la propria funzione, ma impedisce anche che il prodotto dell allele normale funzioni in un individuo eterozigote (interferenza). Gli effetti negativi dominanti sono particolarmente evidenti quando riguardano le proteine che funzionano sotto forma di dimeri o di multimeri Mutazioni nei geni che codificano le proteine del collagene sono un esempio classico di effetto negativo dominante.

11 Eterogenetità di locus e allelica La maggioranza delle malattie genetiche presentano eterogeneità genetica Si può distinguere ulteriormente una eterogeneità allelica, che fa riferimento a diverse mutazioni allo stesso locus, da una eterogeneità di locus, che fa riferimento a mutazioni in loci diversi. Esempi: Osteogenesi Imperfetta (es. sia di eterogeneità allelica che di locus ) Mutazioni FGFR3 Beta talassemia (es. di eterogeneità allelica) Sordità congenita (es. di eterogeneità di locus )

12 Esempio di Etereogeneità allelica e di locus Osteogenesi imperfetta (OI) Definisce un gruppo clinicamente eterogeneo di difetti ereditari del tessuto connettivo caratterizzato principalmente da fragilità ossea. E la più comune malattia genetica dell osso con una prevalenza stimata intorno a 1: : nati vivi. E accompagnata da manifestazioni extrascheletriche: dentinogenesi imperfetta, perdita di udito, alterazione dello spessore delle sclere (che si presentano di colore blu o grigio, poiché più sottili del normale), iperlassità dei legamenti e della pelle. Le manifestazioni cliniche possono variare ampiamente tra un soggetto e un altro, ma, solitamente, nell ambito di una famiglia l espressione è simile.

13 L eterogeneità clinica e la considerevole variabilità ha reso indispensabile una classificazione dell OI; essa è stata sviluppata nel 1979 da Sillence e coll. ed è tuttora accettata, con i dovuti aggiornamenti. Utilizza criteri radiologici, genetici e clinici. Mediante questi criteri è possibile dividere l OI in quattro sottotipi: OI di tipo I (OMIM: #166200) OI di tipo II (OMIM: #166210) OI di tipo III (OMIM: #259420) OI di tipo IV (OMIM: # utili per prognosi e eventuale trattamento OMIM :Online Mendelian Inheritance in Man

14 tipo forma ereditarietà Caratteristiche cliniche I Leggera AD Sclere blu, facilità all ecchimosi, lieve fragilità ossea prepuberale con deformazioni lievi o assenti; lieve deficit staturale, perdita uditiva in circa il 50% dei casi; assenza (A) o presenza (B) di dentinogenesi imperfetta. II Letale perinatale AD Letale nel periodo perinatale; estrema fragilità dei tessuti connettivali; fratture in epoca prenatale; minima mineralizzazione cranica alla nascita; micromelia; gravi deformità delle ossa lunghe, femori a fisarmonica, coste a grani di rosario, platispondilia III IV Progressivamente deformante Moderatamente severa AD AR (raramente) AD Fragilità ossea severa, fratture multiple alla nascita, deformazioni ossee progressive; grave osteoporosi; macrocefalia relativa con facies triangolare; viso piatto e orbite sporgenti; possibile impressione basilare; scoliosi; protusione dello sterno; deficit staturale estremo; sclere normali; dentinogenesi imperfetta; frequente perdita uditiva; deambulazione all interno delle mura domestiche possibile con interventi chirurgici e riabilitazione Frequenti fratture prima dell inizio della deambulazione, leggera o moderata procurvazione delle ossa lunghe, moderata fragilità ossea, possibile impressione basilare; sclere normali; deficit staturale variabile; talvolta ipocausia; assenza (A) o presenza (B) di dentinogenesi Sillence 1979; Byers 1993

15 Ereditarietà Autosomico dominante Per tutte le forme che possono presentarsi come casi sporadici (mutazioni de novo) o familiari (nelle forme clinicamente meno gravi). La ricorrenza di prole affetta nata da genitori sani, rilevata in circa il 6-7% dei casi di OI letale è attribuibile: - mosaicismo germinale in uno dei due genitori. Es: Mosaicismo germinale Autosomico recessivo Solo rari casi di OI-III sembrano essere ad ereditarietà recessiva, non attribuibili a difetti strutturali del collagene I, riscontrate in popolazioni particolari con alto grado di inincrocio (Amerindi, Pakistani, nativi Sud Africani).

16 Patogenesi molecolare 80-90% dei pazienti con OI presentano una forma Autosomica dominante dovuta ad una mutazione nei geni COL1A1 e COL1A2 che codificano rispettivamente per le catene proteiche α1 e α2 del collagene di tipo 1 Le ossa sono costituite da una matrice proteica, composta essenzialmente da collagene e da una componente minerale. Il collagene di tipo I rappresenta l 80% del contenuto proteico dell osso, le fibrille che esso forma costituisce la struttura portante, essendo il substrato su cui i cristalli di idrossiapatite vengono deposti nel processo di mineralizzazione COLLAGENE DI TIPO I 2α1 e 1α2 (tripla elica)

17 10% dei pazienti presentano una forma Autosomica Recessiva, mutazioni nei geni codificanti proteine responsabili delle modificazioni post-traduzionali: CRTAP, LEPRE1, PPIB, FKBP10, SERPINH1, PLOD2 e SP7/OSX La biosintesi, il processamento e la secrezione delle molecole di collagene è un processo estremamente complesso che inizia con la trascrizione altamente regolata e coordinata dei geni per le diverse catene, include modificazioni post-traduzionali catena specifiche e finisce con la regolazione della secrezione e la degradazione.

18 (a) (b) Microfotografia di osso normale (a) o con osteogenesi imperfetta (b): è da notare la disorganizzazione della matrice ossea nel tessuto affetto da osteogenesi imperfetta

19 Caratteristica strutturale comune condivisa dai prodotti proteici dei geni del collagene Ogni molecola di collagene è costituita da tre catene polipeptidiche chiamate catene alfa. I prodotti proteici dei geni del collagene condividono importanti proprietà strutturali: formano molecole che contengono tre catene (sia etero- che omotrimeri) ed hanno almeno un dominio caratterizzato dalla ripetizione della sequenza amminoacidica (Gly-X-Y)n. Gly X Y Gly X Y Gly X Y Gly X Y Gly X Y 1 n La posizione della glicina (più piccolo aa) è essenziale per il mantenimento della struttura a tripla elica (coiled-coil); X (spesso prolina) e Y (spesso idrossiprolina) possono essere rappresentati dalla maggior parte degli aminoacidi con eccezione del triptofano e della cisteina esclusi dalla tripla elica. Idrossiprolina e idrossilisina si trovano solo in posizione Y, questi residui hanno un ruolo importante nella stabilità della tripla elica.

20 Per COL1A1 e COL1A2, si conoscono sia mutazioni che determinano perdita di funzione sia quelle che determinano l acquisizione di una funzione. La malattia è dovuta ad alterazioni quantitative (OI-I) o qualitative (tipi II, III e IV) a carico del collagene I causate da mutazoni nei due geni, COL1A1 e COL1A2: 1. l aploinsufficienza dei geni COL1A1 o COL1A2 può essere causata da mutazioni non sense o mutazioni frameshift che portano ad una situazione del tipo allele nullo (alterazioni quantitative); 2. i difetti strutturali sono dovuti sostanzialmente a due tipi di mutazioni: missense che comportano la sostituzione di uno dei 338 residui di glicina nel dominio a tripla elica e alterazione dei siti di splicing che comportano exon skipping, ovvero salto di esone, durante il processo di maturazione degli mrna collagenici (alterazioni qualitative).

21 effetto negativo dominante

22 Sostituzioni singole nei codoni di glicina nel dominio a tripla elica possono determinare tutte le forme di OI. C-terminale N-terminale

23 Esempio di patologie diverse associate a mutazioni dello stesso gene Acondroplasia (ACH) (OMIM ) Rappresenta la forma più comune di nanismo; la prevalenza è stimata in maniera abbastanza imprecisa (1: :70.000). Ipocondroplasia (HCH) (OMIM ) È una variante clinica con fenotipo un po più sfumato, spesso è caratterizzata da una statura bassa meno grave rispetto a quella presente in ACH, mentre condividono alcune caratteristiche con ACH. Displasia tanatofora (TD) (OMIM ) Displasia scheletrica molto grave, letale alla nascita, clinicamente simile a casi di omozigoti di ACH, nella quale i segni clinici sono esasperati ed è presente cranio a forma di trifoglio.

24 Queste tre patologie (acondroplasia, ipocondroplasia e displasia tanatofora) sono accomunate dallo stesso gene malattia, FGFR3, membro di una famiglia di recettori per i fattori di crescita dei fibroblasti (FGF). FGFR3 è abbondantemente espresso nei rudimenti cartilaginei di tutte le ossa e nel processo di ossificazione endocondrale, è assente però nei condrociti ipertrofici. Esso agisce come regolatore negativo, limitando la proliferazione dei condrociti e quindi il processo di accrescimento osseo. I modelli murini hanno mostrato che Fgfr3 è un regolatore negativo della crescita e dello sviluppo delle ossa. Le mutazioni ricorrenti trovate allo stato di eterozigote in soggetti con acondroplasia, ipocondroplasia e displasia tanatofora, pur diverse fra loro e riguardanti dominii diversi della proteina, sortiscono un effetto comune di guadagno di funzione. eparina FGF FGFR S-S H-H p p p p p p p * Attivazione ligandodipendente mutazioni nel dominio extracellulare mutazioni nel dominio transmembrana mutazioni nel dominio target di tirosina-chinasi

25

26 FGFR3

27 Il grado di severità correla con il tipo di mutazione Sebbene sia in ACH che in TD le mutazioni riscontrate attivano FGFR3, il meccanismo di attivazione è diverso: ACH: inibita l internalizzazione e la degradazione del recettore prolungando il signaling. TD: si ha la formazione di ponti disolfuro nel dimero recettore-recettore determinando un attivazione costitutiva non sensibile al ligando; inibizione della regolazione negativa della tirosina kinasi determinando una iperattivazione del recettore sensibile al ligando.

28 THALASSEMIA

29 cluster globinici Controllo espressione genica clusters geni alfa e beta-globine da parte di LCR

30 10_23_2.jpg Regolazione dell espressione genica da parte della LCR per il cluster beta-globine

31 quantita Sintesi globine nella vita fetale ed adulta b e d g nascita prenatale 2e2, emoglobina embrionale 2g2, emoglobina fetale Settimane di vita postnatale 2b2, emoglobinaa 2d2, emoglobinaa2

32 Sintesi globine nella vita fetale ed adulta Attivazione sequenziale delle globine embrionali Gower I, fetali (Gower 2, Portland, HbF, e dell adulto (A e A2)

33 Le thalassemie Gruppo di malattie ereditarie determinate dall alterato rapporto fra le catene alfa e beta, per cui si hanno molecole di emoglobina aberranti. Thalassemia alfa : catene alfa ridotte o assenti Thalassemia beta: catene beta ridotte o assenti Sono autosomiche recessive, ma possono essere manifestate anche in eterozigosi. Non sono uniformemente distribuite nel mondo, hanno prevalenza massima in alcune aree. In ogni popolazione si trovano un numero molto limitato di mutazioni, ma una mutazione rara o assente in una popolazione puo risultare frequente in un altra

34 -Thalassemia Originata principalmente da delezioni dei geni alfa: su ogni cromosoma 16 sono presenti 2 copie espresse del gene alfa : la delezione puo riguardare una o due copie, in cis o in trans Viene definito allele l insieme dei due geni:, -, -- I genotipi possibili sono 6 e i fenotipi sono diversi a seconda delle combinazioni

35 Genotipi e fenotipi nella -thalassemia Assetto genomico N. Geni Stato omozigote wild-type eterozigote 1 allele wild type eterozigote 1 allele wild type omozigote nessun allele wild-type! eterozigote nessun allele wild-type! omozigote Anemia nessuna lieve lieve lieve grave HbH letale Alcune forme di -thalassemia sono dovute all instabilita dell mrna o dell emoglobina: mutazione nel sito di poliadenilazione, perdita del codone di stop...

36 Genotipi e fenotipi nella -thalassemia Assetto genomico Stato Non portatore Portatore silente Portatore classico Malattia da emoglobina H Idrope fetale Disturbo solo alla nascita per la presenza di una minima quota di emoglobina di Bart (γ 4 )(1-2%) alla nascita per la presenza di emoglobina di Bart (γ 4 )(4-5%) Microcitosi nell adulto. Pattern elettroforetico dell emoglobina normale Anemia microcitica di discreta entità che talora richiede terapia trasfusionale, splenomegalie, modeste alterazioni ossee. L elettroforesi caratterizzata dalla presenza della emoglobina H (β 4 ) Letale in utero alla nascita, caratterizzata da gravissima anemia e insufficienza cardiaca all elettroforesi si osserva emoglobina H (β4), di Portland (δ 2 γ 2 )

37 Possibile progenie dei portatori genotipi HbH 1 x 2 normale tratto talassemico anemia lieve HbH 1 x 3 2 x 3 tratto talassemico anemia lieve tratto talassemico HbH

38 Esempio di Etereogeneità allelica b-thalassemia e Gg Ag b d b Originata principalmente da mutazioni il cui effetto attraverso meccanismi diversi e quello di avere un deficit di catene b. I siti di mutazione sono caratteristici di una popolazione esone1 introne1 esone2 introne2 esone mutazioni nel promotore portano diminuzione del livello promotore 2 mutazioni puntiformi all interno degli esoni causano sostituzioni aa o fine traduzione 3 mutazioni introni, alterazione splicing 4 mutazione in siti di poliadenilazione

39 Le mutazioni nella b-thalassemia b 0 thalassemia: tutte le forme in cui manca la catena b. l mrna puo mancare completamente, degradato o inattivo b + thalassemia: tutte le forme la catena b e sottorappresentata l mrna puo non venire processato in maniera corretta o essere poco rappresentato. a questa categoria appartengono l emoglobine Lepore: per effetto di un crossingover fra i geni d e b (che hanno una parziale omologia di sequenza) si ottiene un gene db che viene trascritto in minor quantita (il promotore di d e piu debole) e Gg Ag b d b e Gg Ag b d b b + thalassemia e Gg Ag b d db Normale e Gg Ag b d bd

40 Le mutazioni della b-thalassemia nelle diverse popolazioni Sardegna: codone 39 da glutamina a stop proteina tronca 95 % b 0 codone 6 perdita di una base frameshift 2.1% b 0 codone 76 perdita di una base = 0.7% b 0 introne1 110 G A splicing alterato 0.5% b + introne2 745 C G == 0.4% b + Nel delta del PO la mutazione piu frequente provoca una b + per un segnale di splicing ambiguo Grecia: codone 39 da glutamina a stop proteina tronca 17.4 % b 0 introne1 1 G A splicing alterato 13.6 % b 0 introne1 6 T C splicing alterato 7.4 % b + introne1 110 G A == 43.7 % b + introne2 745 C G == 7.1% b +

41 Le mutazioni della b-thalassemia nelle diverse popolazioni Cina : codone 41/42 -TCTT frameshift 38.6% b 0 introne2 654 C T 15.7% b 0 codone 71/76 + una base frameshift 12.4% b 0-28G A G 11.6% b + codone 17 A T 10.5% b 0 Pakistan codone 8/9 + una base frameshift 28.9 % b 0 introne1 5 G C 26.4 % b + delezione di 619bp 23.3% b + introne1 1 G T 8.2% b 0 codone 41/42 -TCTT frameshift 7.9% b 0 Afro americani: -29 A G 60.3% b C T 21.4% b + codone 24 T A 7.9% b + codone6 - una base 0.8% b 0

42 clinica Talassemia maior o morbo di Cooley (β 0 /β 0 ) Dovuta a omozigosi per difetti in entrambi i geni delle catene β e si manifesta verso il quarto sesto mese di vita con difficoltà di crescita e pallore quando la progressiva sostituzione dell emoglobina F con l emoglobina A rivela il deficit di catene β. Il segno principale è rappresentato dall anemia. In seguito il tentativo di compenso midollare provoca ipertrofia del tessuto emopoietico con deformazioni scheletriche del cranio e delle ossa. La terapia è trasfusionale, ma l eccessivo carico di ferro conseguente, contrastato con assunzione di ferrochelante, si rivela tossico in particolare per cuore, fegato e pancreas. La prevenzione consiste nell individuare coppie a rischio. Talassemia intermedia ( β 0 /β + o β + /β + ) Forma attenuata di talassemia; si manifesta in modo variabile ed esordisce più tardivamente. Le ragioni del quadro attenuato sono diverse, vanno dalla presenza: di mutazioni lievi con una residua produzione di catene β alla trasmissione di determinanti genetici per la produzione di catene γ nella vita adulta, che riducono lo sbilanciamento tra catena α e catena non α (β e γ) causa fondamentale della malattia. Anche la cotrasmissione di alfa talassemia può migliorare il quadro clinico. Talassemia minor Portatori eterozigoti asintomatici, lieve microcitosi

43

44 VARIABILITA FENOTIPICA ß- TALASSEMIE Modificatori primari: alleli ß-talassemici (>200) Modificatori secondari: loci coinvolti nella sintesi globine: co-trasmissione α-talassemia variazione produzione Hb F triplicazione geni α Modificatori terziari: loci non coinvolti nella sintesi globine, influenti su complicazioni malattia Fattori ambientali e sociali

45 (Weatherall 2001)

46 Esempio di Etereogeneità di locus ORECCHIO ESTERNO Padiglione Condotto uditivo SORDITA : CLASSIFICAZIONI MEDIO Timpano Cassa Ossicini INTERNO Cassa Coclea Corti NERVO ACUSTICO Sistema di trasmissione Trasformazione stimoli sonori in impulsi bio-elettrici Codificazione e trasporto del segnale SORDITA : TIPO TRASMISSIVO NEUROSENSORIALE CENTRALE GRAVITA TIPO MISTO ETA DI ESORDIO IPOACUSIA: MEDIA (<20-40 db) MODERATA (<40-60 db) SEVERA (<60-80dB) PROFONDA (>90dB) PREVERBALE POST-VERBALE

47 Dal punto di vista epidemiologico. Enviromental factors: infections, trauma Mitochondrial 1%

48 Esempio di Etereogeneità di locus SORDITA NON SINDROMICHE Sordità: unico sintomo clinico riconoscibile 70% SORDITA EREDITARIE -alterazione epitelio sensoriale (sordità neurosensoriale) -eterogeneità genetica (geni diversi: quadri clinici sovrapponibili) LOCI ASSOCIATI: DFN (DeaFNess) -DFNA: trasmissione AD -DFNB: trasmissione AR -DFN: X-linked

49 SORDITA NON SINDROMICHE AR 30 LOCI: DFNB GENI: LOCUS GENE OMIM DFNB1 GJB DFNB2 MYO7A DFNB3 MY DFNB4 PDS DFNB8/10 TMPRSS DFNB9 OTOF DFNB12 CDH DFNB21 TECTA DFNB29 CLDN14 DFNB1 (13q11) : gene GJB2 o CONNESSINA 26 (Cx26) Sordità congenita di tipo neurosensoriale bilaterale profonda non progressiva, che comporta un deficit nell apprendimento del linguaggio. 80% SRNS nelle famiglie mediterranee

50 CONNESSINE: SORDITA NON SINDROMICHE AR -coinvolte nella formazione di GAP-Junctions che permettono il passaggio di piccole molecole e ioni tra cellule adiacenti -comuni in cellule non neuronali (epiteliali, lisce, glia, muscolo cardiaco) SISTEMA UDITIVO: espresse in membrana cellulare di cellule non sensoriali della coclea, tra cellule ciliate e di sostegno. Partecipano alla risposta intracellulare al suono.

51 SORDITA NON SINDROMICHE AD 39 LOCI: DFNA GENI: LOCUS GENE OMIM DFNA1 DIAPH DFNA2 GJB DFNA2 KCNQ DFNA3 GJB DFNA3 GJB DFNA5 DFNA DFNA8/12 TECTA DFNA9 COCH DFNA11 MYO7A DFNA15 POU4F DFNA17 MYH

52 SORDITA MITOCONDRIALI Sordità neurosensoriale (sindromica o non sindromica) dovuta a mutazioni nel DNA mitocondriale Trasmissione per via materna Cellule cigliate coclea: elevata richiesta di ATP Mutazioni Disfunzione fosforilazione ossidativa mitocondriale Ridotta disponibilità di ATP 8 mutazioni del genoma mitocondriale identificate disturbo nel gradiente ionico dell orecchio interno Mutazione A1555G nel gene mitocondriale per 12S rrna (MTRNR1) Responsabile di forme di sordità neurosensoriale conseguente all assunzione di antibiotici (aminoglicosidi) in concentrazioni normalmente non dannose La mutazione determina la presenza di una struttura secondaria molto simile a quella dei batteri target degli aminoglicosidi, determinando suscettibilità a quest ultimi Responsabile anche di forme di sordità neurosensoriale isolata in assenza di aminoglicosidi i pazienti pre verbali 2% Popolazione italiana ed inglese 5% Altre mutazioni coinvolgono geni per trna, ma sono molto rare. Es : MIDD (materanally inherited diabetes and deafness)

53 PROCESSO DIAGNOSTICO MOLECOLARE PER L INQUADRAMENTO DELLE IPOACUSIE GENETICHE (SIGU) SOSPETTA IPOACUSIA Ipoacusia acquisita Valutazione audiologica Esami audiometrici Consulenza genetica Ipoacusia a causa ignota Anamnesi personale e familiare Valutazione strumentale Valutazione clinico-genetica Quadro non sindromico Quadro sindromico Test genetico per GJB2 No mutazioni Visita dismorfologica Rischio riproduttivo Omozigote/eterozigote composta (forma rec) eterozigote(forma dom) Forma genetica definita Eterozigote per una mutazione recessiva Positivo Test per GJB6 DelGJB6 D13s1830 Negativo Test genetico ove disponibile Forma genetica non definita Rischio riproduttivo Screening familiare Positivo Test per MtA1555G Negativo

54 X-linked protocadherin 19 mutations cause female-limited epilepsy and cognitive impairment Nature Genetics 40, (2008) Epilepsy and mental retardation limited to females (EFMR) is a disorder with an X-linked mode of inheritance and an unusual expression pattern. Disorders arising from mutations on the X chromosome are typically characterized by affected males and unaffected carrier females. In contrast, EFMR spares transmitting males and affects only carrier females. Aided by systematic resequencing of 737 X chromosome genes, we identified different protocadherin 19 (PCDH19) gene mutations in seven families with EFMR. Five mutations resulted in the introduction of a premature termination codon. Study of two of these demonstrated nonsense-mediated decay of PCDH19 mrna. The two missense mutations were predicted to affect adhesiveness of PCDH19 through impaired calcium binding. PCDH19 is expressed in developing brains of human and mouse and is the first member of the cadherin superfamily to be directly implicated in epilepsy or mental retardation.

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Sezione di Citogenetica e Genetica molecolare Responsabile: Dott. Guglielmo Sabbadini Specialista in Genetica Medica Informazioni per la diagnosi molecolare di sordita

Dettagli

UTILIZZO OTTIMALE DEI TEST DI II LIVELLO PER TALASSEMIA

UTILIZZO OTTIMALE DEI TEST DI II LIVELLO PER TALASSEMIA UTILIZZO OTTIMALE DEI TEST DI II LIVELLO PER TALASSEMIA Dr.ssa Anna Ravani Laboratorio di Genetica Molecolare Servizio di Genetica Medica Azienda Ospedaliera-Universitaria S.Anna FERRARA EMOGLOBINOPATIE:

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece Clinica e terapia delle malattie retiniche Direttore Scientifico Alfredo Pece Genetica LA GENETICA Cosa sta succedendo nell ambito della diagnostica e della terapia farmacologica oggi? Scoperta di geni

Dettagli

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136)

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) Il gene implicato nella SCA17 è il gene TATA box-binding protein (TBP) che fa parte del complesso della RNA polimerasi II ed è essenziale per dare inizio

Dettagli

SCREENING UDITIVO NEONATALE

SCREENING UDITIVO NEONATALE CORSO 1 DIAGNOSTICA SENSORIALE E NEUROSENSORIALE SCREENING UDITIVO NEONATALE Angelo Rizzo UTIN P.O. Ingrassia Palermo Rappresentazione schematica del sistema uditivo ricezione trasduzione elaborazione

Dettagli

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA Un metodo di base di analisi genetica negli esseri umani è la costruzione di una storia familiare per seguire la trasmissione ereditaria di un carattere.

Dettagli

MICRODELEZIONI DEL BRACCIO LUNGO DEL CROMOSOMA Y

MICRODELEZIONI DEL BRACCIO LUNGO DEL CROMOSOMA Y L infertilità è considerata dall Organizzazione Mondiale della Sanità una patologia. Per infertilità si intende l assenza di concepimento dopo 12/24 mesi di rapporti mirati non protetti. Il fenomeno dell

Dettagli

5 modulo didattico - Patologia cromosomica.

5 modulo didattico - Patologia cromosomica. 5 modulo didattico - Patologia cromosomica. G0 IL CICLO CELLULARE DI UNA CELLULA DI MAMMIFERO Avviene ogni volta che la cellula si divide Le tappe fondamentali del processo sono: Separazione dei due filamenti

Dettagli

Malattie genetiche. Il genoma umano e formato da 23 paia di cromosomi (1 paio di eterocromosomi, 22 paia di autosomi).

Malattie genetiche. Il genoma umano e formato da 23 paia di cromosomi (1 paio di eterocromosomi, 22 paia di autosomi). Malattie genetiche Il patrimonio genetico e contenuto nel DNA. Il genoma umano e formato da 23 paia di cromosomi (1 paio di eterocromosomi, 22 paia di autosomi). La sequenza di tutto il genoma umano e

Dettagli

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA FORMALE o GENETICA CLASSICA basata unicamente su risultati visibili di atti riproduttivi. È la parte più antica della genetica, risalendo agli esperimenti di Mendel

Dettagli

Fibrillina Sindrome di Marfan sindrome di Marfan sindrome di Marfan Sindrome di Marfan Fibrillina 1

Fibrillina Sindrome di Marfan sindrome di Marfan sindrome di Marfan Sindrome di Marfan Fibrillina 1 Genoma La determinazione e la conoscenza dell intera sequenza genomica è la condizione necessaria per comprendere la biologia di un determinato organismo Il genoma contiene le istruzioni (geni) per la

Dettagli

La rete dei centri di genetica e il futuro della medicina

La rete dei centri di genetica e il futuro della medicina La rete dei centri di genetica e il futuro della medicina Rosario Casalone,, MD, PhD SSD Genetica Dipartimento Materno Infantile Azienda Ospedaliera-Polo Universitario Ospedale di Circolo e Fondazione

Dettagli

II Anno II Semestre A.A. 2012/2013 Sbobinatura Patologia Generale Prof. Banfi

II Anno II Semestre A.A. 2012/2013 Sbobinatura Patologia Generale Prof. Banfi Seconda Università di Napoli II Anno II Semestre A.A. 2012/2013 Sbobinatura Patologia Generale Prof. Banfi Gruppo di studio La Sbobba A cura di dodo e Ely24e 1) Introduzione alla Genetica Medica Pag. 2

Dettagli

Diagnosi genetiche molecolari

Diagnosi genetiche molecolari Diagnosi genetiche molecolari INDICAZIONI per la diagnosi genetica Ricorrenza nella famiglia di una malattia genetica - identificazione dei portatori - confermare la diagnosi basata sul quadro clinico

Dettagli

Exome sequencing in sporadic autism spectrum disorders identifies severe de novo mutations

Exome sequencing in sporadic autism spectrum disorders identifies severe de novo mutations Exome sequencing in sporadic autism spectrum disorders identifies severe de novo mutations Brian J O Roak1, Pelagia Deriziotis2, Choli Lee1, Laura Vives1, Jerrod J Schwartz1, Santhosh Girirajan1, Emre

Dettagli

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Meiosi Genetica Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Batteri e altri organismi unicellulari si riproducono mediante divisione cellulare (riproduzione

Dettagli

I geni del metabolismo

I geni del metabolismo I geni del metabolismo Lezione 6 1 Premessa I Quello che interessa e individuare i geni che controllano le vie metaboliche. Per arrivare a questo risultato si possono usare diverse strategie (non tecniche:

Dettagli

Chimica Biochimica Biologia. Biologia Molecolare. Decodificazione Genoma Umano. Post-Genomica Medicina Molecolare. Patogenesi Terapia Diagnosi

Chimica Biochimica Biologia. Biologia Molecolare. Decodificazione Genoma Umano. Post-Genomica Medicina Molecolare. Patogenesi Terapia Diagnosi Patogenesi Terapia Diagnosi Dalla Genomica alla Medicina Molecolare Chimica Biochimica Biologia Biologia Molecolare Decodificazione Genoma Umano Post-Genomica Medicina Molecolare La CELLULA Nasce Si sviluppa

Dettagli

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884)

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884) La trasmissione dei caratteri ereditari Le leggi di Mendel (1882-1884) Le leggi di Mendel studiano la trasmissione di caratteri qualitativi prodotti da un singolo gene Procedimento sperimentale di Mendel

Dettagli

Principi dello screening raccomandati dalla World Health Organization

Principi dello screening raccomandati dalla World Health Organization EMOGLOBINE: DIAGNOSTICA, STANDARDIZZAZIONE, PROSPETTIVE Approcci diagnostici e problematiche in relazione ad uno screening neonatale Giovanni Ivaldi Laboratorio di Genetica - Settore Microcitemia Ospedali

Dettagli

MECCANISMI DI RIPARAZIONE DEL DNA

MECCANISMI DI RIPARAZIONE DEL DNA MECCANISMI DI RIPARAZIONE DEL DNA MUTAZIONI SPONTANEE ED INDOTTE Il danno al DNA non riparato può portare a mutazioni che causano malattie o morte delle cellule. Le mutazioni derivano da cambiamenti della

Dettagli

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione SINTESI DELL RNA Replicazione Trascrizione Traduzione L RNA ha origine da informazioni contenute nel DNA La TRASCRIZIONE permette la conversione di una porzione di DNA in una molecola di RNA con una sequenza

Dettagli

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica Corrado Romano cromano@oasi.en.it Genetica Clinica secondo Wikipedia La genetica clinica o medica si occupa dello studio e della diagnosi delle

Dettagli

Corso Integrato di Genetica e Biologia Molecolare GENETICA

Corso Integrato di Genetica e Biologia Molecolare GENETICA Corso Integrato di Genetica e Biologia Molecolare GENETICA a.a.2015-2016 Pier Franco Pignatti 7.10.2015 Lezioni N. 3 e 4 Ereditarietà mendeliana, malattie autosomiche dominanti (Neri-Genuardi cap.6) Segregazione

Dettagli

Lezione 2 Capitolo 18 del testo

Lezione 2 Capitolo 18 del testo Test genetico Lezione 2 Capitolo 18 del testo Cos e un test genetico/diagnostico M Il test genetico di per se non e solo utilizzato in diagnostica: sono un insieme di tecniche che vengono utilizzate per

Dettagli

IL PEDIATRA E LE IPOACUSIE DOTT. LUCIA RUGGIERI - ASL RMF

IL PEDIATRA E LE IPOACUSIE DOTT. LUCIA RUGGIERI - ASL RMF IL PEDIATRA E LE IPOACUSIE DOTT. LUCIA RUGGIERI - ASL RMF PEDIATRA SORDITA : Rara? diagnosi tardiva? Follow up? scarsa conoscenza delle nuove tecnologie di diagnosi e terapia audiologica Ritardo terapia

Dettagli

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA Questo vademecum non ha alcuna pretesa medica, ma intende essere uno strumento informativo di base per le coppie portatrici di talassemia. Invitiamo gli interessati

Dettagli

CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI

CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI Tratti semplici e tratti complessi Come detto nel capitolo precedente, la genetica classica studia fondamentalmente i cosiddetti tratti mendeliani semplici, quelli in cui,

Dettagli

La diagnosi genetica della talassemia. Dott.ssa L.Pagano. Unità Operativa Microcitemia Dipartimento di Onco-Ematologia A.O.R.N. A.

La diagnosi genetica della talassemia. Dott.ssa L.Pagano. Unità Operativa Microcitemia Dipartimento di Onco-Ematologia A.O.R.N. A. Diapositiva 1 La diagnosi genetica della talassemia Dott.ssa L.Pagano Unità Operativa Microcitemia Dipartimento di Onco-Ematologia A.O.R.N. A. Cardarelli Napoli 2 Dicembre 2005 Castel dell Ovo Sala Virgilio

Dettagli

Figura 1 : organizzazione del materiale genetico nel nucleo delle cellule.

Figura 1 : organizzazione del materiale genetico nel nucleo delle cellule. Il patrimonio genetico, base della vita Il patrimonio genetico (genoma) è l insieme di tutte le informazioni necessarie per costruire ogni embrione, attraverso complessi meccanismi di moltiplicazione delle

Dettagli

MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON

MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON La degradazione proteica è uno dei meccanismi essenziali che regolano i livelli di proteine cellulari, coinvolto in processi cellulari cruciali dal

Dettagli

la probabilità q di avere un ricombinante è 0,286/2 = 0,143; la probabilità p di avere un parentale è quindi (1-0,286)/2 = 0,714/2 = 0,357.

la probabilità q di avere un ricombinante è 0,286/2 = 0,143; la probabilità p di avere un parentale è quindi (1-0,286)/2 = 0,714/2 = 0,357. Analizziamo i figli: per 3 volte A è stato trasferito insieme a B e per 2 volte a insieme a b (5 parentali); per 2 volte A con b e B con a (2 ricombinanti). Secondo l ipotesi dell indipendenza, ci aspettiamo

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

Unità Operativa di GENETICA MEDICA. Azienda Ospedaliera Universitaria S.Anna AOSPFE, Ferrara. Prestazioni richieste

Unità Operativa di GENETICA MEDICA. Azienda Ospedaliera Universitaria S.Anna AOSPFE, Ferrara. Prestazioni richieste Unità Operativa di GENETICA MEDICA Azienda Ospedaliera Universitaria S.Anna AOSPFE, Ferrara Direttore: Prof.ssa Alessandra Ferlini www.ospfe.it/geneticamedica LABORATORIO DI GENETICA MOLECOLARE Responsabile:

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere l informazione genetica nelle cellule,

Dettagli

Regolazione dell espressione genica EUCARIOTI

Regolazione dell espressione genica EUCARIOTI Regolazione dell espressione genica EUCARIOTI Regolazione della espressione genica Molte proteine sono comuni a tutte le cellule RNA polimerasi, proteine ribosomali, enzimi che regolano il metabolismo,

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING Il test OncoScreening OncoScreening è un test diagnostico, sviluppato da GENOMA Group, che permette di eseguire un analisi multipla per valutare

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN Il test ColonScreen ColonScreen è un test diagnostico, sviluppato da GENOMA Group, che permette di eseguire un analisi genetica multipla per valutare

Dettagli

Scopo di questa relazione

Scopo di questa relazione Scopo di questa relazione Migliorare la collaborazione tra una specialità di nicchia come la genetica medica e l ampio raggio di professionisti che operano sul territorio e/o ambulatorialmente. Che cosa

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia A.A. 2011/2012

Facoltà di Medicina e Chirurgia A.A. 2011/2012 Facoltà di Medicina e Chirurgia A.A. 2011/2012 Prof.ssa Cinzia Di Pietro Deborak Rasà Claudia Reddavid Sara Romano Eliana Russo Il comportamento di un gene non dipende dal genitore che lo trasmette UGUALI

Dettagli

A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo

A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo 2 Convegno Nazionale Sindrome di Rubinstein Taybi Lodi, 17 19 maggio 2013 A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo Donatella Milani Cristina

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

Bilancio di salute neonatale

Bilancio di salute neonatale Bilancio di salute neonatale Accoglienza pediatrica al neonato: tra ospedale e territorio di cosa parleremo stasera: di Bilancio di Salute neonatale tra ospedale e territorio Il controllo dell udito come

Dettagli

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) Le informazioni fornite attraverso queste pagine, sono state tratte da un opuscolo pubblicato e curato dal Gruppo di Lavoro

Dettagli

MODIFICAZIONI POST-TRASCRIZIONALI. 5 NT non tradotto 3 NT

MODIFICAZIONI POST-TRASCRIZIONALI. 5 NT non tradotto 3 NT MODIFICAZIONI POST-TRASCRIZIONALI 5 NT non tradotto 3 NT Numero introni per gene n esoni = n introni +1 Media esoni: 150 basi Introni: anche migliaia di basi Sequenze consenso presenti sul pre-mrna e

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA a.a.2011-2012 11.10.2011 Lezioni N. 7 e 8 Ereditarietà Mendeliana Segregazione alleli, indipendenza geni, associazione, ricombinazione Dott.ssa Elisabetta Trabetti UN GENE =

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione DNA RNA Trascrizione RNA PROTEINE Traduzione Dove avvengono? GLI EUCARIOTI I PROCARIOTI Cambell, Reece Biologia ZANICHELLI Trascrizione Sintesi di

Dettagli

Alessandra Ferlini Marcella Neri CONSULENZA GENETICA

Alessandra Ferlini Marcella Neri CONSULENZA GENETICA Alessandra Ferlini Marcella Neri CONSULENZA GENETICA Ad integrazione delle lezioni e del testo di studio Genetica Umana e Medica Neri- Genuardi 3a edizione 2014 Masson (www.mediquiz.it) GENETICA MEDICA

Dettagli

GENETICA GENERALE E MOLECOLARE

GENETICA GENERALE E MOLECOLARE GENETICA GENERALE E MOLECOLARE Il genoma umano: organizzazione e funzione delle sequenze - Correlazione tra contenuto di DNA e complessità -Sequenze uniche: struttura dei geni -Famiglie multigeniche e

Dettagli

1. Capacità di autorinnovamento illimitato

1. Capacità di autorinnovamento illimitato 1. Capacità di autorinnovamento illimitato 2. Capacità di dare origine in risposta a stimoli adeguati e specifici a cellule progenitrici di transito dalle quali discendono popolazioni di cellule altamente

Dettagli

EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO. U.O. Genetica Medica

EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO. U.O. Genetica Medica EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO Dott.ssa M.Neri U.O. Genetica Medica Responsabile Consulenza Oncogenetica Prof.ssa A. Ferlini Direttore U.O. Genetica Medica I TUMORI AL SENO EREDITARI : L IMPORTANZA DELLA

Dettagli

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi.

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. DNA - RNA Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Esistono 4 basi azotate per il DNA e 4 per RNA Differenze

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE

www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE TRASCRIZIONE Processo mediante il quale una sequenza di DNA (un gene) viene copiata in una sequenza di RNA Dalla trascrizione derivano gli mrna, che verranno tradotti

Dettagli

Delezione. Duplicazione. Variazioni della struttura. Inversione. Traslocazione. Mutazioni cromosomiche. Nullisomia Monosomia Trisomia Tetrasomia

Delezione. Duplicazione. Variazioni della struttura. Inversione. Traslocazione. Mutazioni cromosomiche. Nullisomia Monosomia Trisomia Tetrasomia Delezione Variazioni della struttura Duplicazione Inversione Mutazioni cromosomiche Variazioni del numero Traslocazione Aneuploidie Nullisomia Monosomia Trisomia Tetrasomia Variazioni del numero di assetti

Dettagli

Innovabilità Sostenere le disabilità con l innovazione Tecnologie individualizzate per udire, vedere e vivere meglio

Innovabilità Sostenere le disabilità con l innovazione Tecnologie individualizzate per udire, vedere e vivere meglio Innovabilità Sostenere le disabilità con l innovazione Tecnologie individualizzate per udire, vedere e vivere meglio Provincia di Milano, 30 marzo 2011 Ing. Michele Ricchetti Responsabile Ricerca e Sviluppo

Dettagli

Docenti: Prof. Emilio Donti Sezione di Genetica Medica e Neuropsichiatria Infantile Dip. Scienze Chirurgiche e Biomediche Università degli Studi di

Docenti: Prof. Emilio Donti Sezione di Genetica Medica e Neuropsichiatria Infantile Dip. Scienze Chirurgiche e Biomediche Università degli Studi di GENETICA MEDICA Docenti: Prof. Emilio Donti Sezione di Genetica Medica e Neuropsichiatria Infantile Dip. Scienze Chirurgiche e Biomediche Università degli Studi di Perugia Centro Riferimento Regionale

Dettagli

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà GENETICA: è la scienza che studia i caratteri ereditari degli organismi viventi, i meccanismi attraverso i quali si trasmettono ai discendenti e le modalità con cui si manifestano. La genetica moderna

Dettagli

CELIACHIA E TEST HLA RACCOMANDAZIONI

CELIACHIA E TEST HLA RACCOMANDAZIONI CELIACHIA E TEST HLA RACCOMANDAZIONI a cura di Maria Cristina Mazzilli 1 Antonio Calabrò 2 Carlo Catassi 2 Luigi Greco 2 Riccardo Troncone 2 Umberto Volta 2 Valerio Misefari 3 Antonio Amoroso 4 Ettore

Dettagli

il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre

il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre più di non conoscere, nell avvedersi di saper sempre meno,

Dettagli

IL GENOMA UMANO. Ogni cromosoma è suddiviso in regioni d informazione dette GENI. L informazione espressa da ciascun gene è detta CARATTERE.

IL GENOMA UMANO. Ogni cromosoma è suddiviso in regioni d informazione dette GENI. L informazione espressa da ciascun gene è detta CARATTERE. IL GENOMA UMANO Ogni cellula contiene nel nucleo una molecola chiamata DNA (acido desossiribonucleico) Tale molecola ha la forma di una lunghissima scala a chiocciola. I gradini che compongono la scala

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Caratterizzazione molecolare delle Distrofie Muscolari di Duchenne (DMD) e di Becker (BMD): diagnosi di malattia e studi familari L Proda esegue le indagini molecolari per le Distrofie muscolari di Duchenne

Dettagli

Emiatrofia cerebrale e microftalmia

Emiatrofia cerebrale e microftalmia Emiatrofia cerebrale e microftalmia TROMBOSI TROMBOSI Prevenzione dell handicap congenito Nel 1 gruppo di casi genetici con rischio di ricorrenza, la prevenzione può attuarsi attraverso una corretta diagnosi

Dettagli

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato.

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Correlazione tra fenotipo alterato, o a livello cellulare,

Dettagli

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico RNA interference Tecnica che permette di interferire con l espressione di alcuni geni mediante la trasfezione di piccoli frammenti di RNA a doppio filamento in grado di antagonizzare l RNA messaggero corrispondente.

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Seminario. Domini modulari delle proteine 1

Seminario. Domini modulari delle proteine 1 Seminario Proteine della matrice DOMINI E MODULI Domini modulari delle proteine 1 La maggior parte dei peptidi consiste in disposizioni lineari di regioni globulari, ripiegate in modo indipendente, dette

Dettagli

Idoneità a un lavoro rumoroso di un soggetto affetto da IPOACUSIA

Idoneità a un lavoro rumoroso di un soggetto affetto da IPOACUSIA Idoneità a un lavoro rumoroso di un soggetto affetto da IPOACUSIA Il concetto di idoneità al lavoro può riferirsi, nel caso di una esposizione al rumore o di presenza di un deficit uditivo a carico del

Dettagli

REGOLAZIONE DELL'ESPRESSIONE GENICA

REGOLAZIONE DELL'ESPRESSIONE GENICA REGOLAZIONE DELL'ESPRESSIONE GENICA Con ESPRESSIONE GENICA si intende quella serie di eventi che dall'attivazione della trascrizione di un gene, conducono alla produzione della proteina corrispondente.

Dettagli

DOMINI E MODULI 02/04/2014. Domini modulari delle proteine 2

DOMINI E MODULI 02/04/2014. Domini modulari delle proteine 2 Domini modulari delle proteine 1 Proteine della matrice DOMINI E MODULI La maggior parte dei peptidi consiste in disposizioni lineari di regioni globulari, ripiegate in modo indipendente, dette domini,

Dettagli

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali Soluzioni ai problemi del Capitolo 15 Domande concettuali C1. 1. La struttura DNA-cromatina. Questo livello comprende l amplificazione genica, un aumento del numero di copie; riarrangiamenti di geni, come

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Regolazione genica post- trascrizionale

Regolazione genica post- trascrizionale 18. L RNA regolatore contiene materiale protetto da copyright, ad esclusivo uso personale; non è consentita diffusione ed utilizzo di tipo commerciale Regolazione genica post- trascrizionale L espressione

Dettagli

La rimozione degli introni e la successiva unione degli esoni devono essere estremamente accurate per gli mrna. Sequenze targets per lo splicing

La rimozione degli introni e la successiva unione degli esoni devono essere estremamente accurate per gli mrna. Sequenze targets per lo splicing Modificazioni post- trascrizionali dell RNA La rimozione degli introni e la successiva unione degli esoni devono essere estremamente accurate per gli mrna. Sequenze targets per lo splicing degli introni:

Dettagli

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL/LA ALUNNO/A AUDIOLESO/A 22.10.2009

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL/LA ALUNNO/A AUDIOLESO/A 22.10.2009 L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL/LA ALUNNO/A AUDIOLESO/A 22.10.2009 Psicologa: Dr.ssa Bibiana Bonapace L organo dell udito L orecchio é suddiviso in tre parti: orecchio esterno orecchio medio orecchio interno

Dettagli

NOVITA NELL INQUADRAMENTO GENETICO

NOVITA NELL INQUADRAMENTO GENETICO NOVITA NELL INQUADRAMENTO GENETICO Dott.ssa Angela Michelucci U.O. Laboratorio di Genetica Medica AOUP Definizione della Discinesia Ciliare Primaria (DCP) Gruppo di condizioni patologiche congenite, eterogenee

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIFETTI CONGENITI Le anomalie congenite sono condizioni che si instaurano tra il momento del concepimento e la nascita. LA DIAGNOSI PRENATALE insieme di tecniche

Dettagli

Lo splicing alternativo aumenta in modo considerevole la complessità del trascrittoma (e quindi del proteoma).

Lo splicing alternativo aumenta in modo considerevole la complessità del trascrittoma (e quindi del proteoma). Geni sovrapposti Lo splicing alternativo aumenta in modo considerevole la complessità del trascrittoma (e quindi del proteoma). % Splicing Alternativo Oltre il 90% dei geni umani è in grado di esprimere

Dettagli

La sordità: classificazioni, facoltà di linguaggio ed educazione vocale

La sordità: classificazioni, facoltà di linguaggio ed educazione vocale Poesia in LIS La sordità: classificazioni, facoltà di linguaggio ed educazione vocale Lagonegro settembre 2010 Dr.ssa Benedetta Marziale Sportello sulla sordità Istituto Statale Sordi di Roma La sordità

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLERE AA 2014/15. Prof Alberto Turco. Lezioni 47 e 48. Merc 27.11.2013 CONSULENZA GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLERE AA 2014/15. Prof Alberto Turco. Lezioni 47 e 48. Merc 27.11.2013 CONSULENZA GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLERE AA 2014/15 Prof Alberto Turco Lezioni 47 e 48 Merc 27.11.2013 CONSULENZA GENETICA (R.Lewis, 2015) .lo richiederei anch io subito un appuntamento.o

Dettagli

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine Il flusso dell informazione genetica DNA -->RNA-->Proteine Abbiamo visto i principali esperimenti che hanno dimostrato che il DNA è la molecola depositaria dell informazione genetica nella maggior parte

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it Recettori a tirosina chinasi I recettori a tirosina chinasi presentano vari domini Una regione di legame (extracellulare) Una regione transmembrana Una coda intracellulare con numerose tirosine scaricato

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Organizzazione del genoma umano II

Organizzazione del genoma umano II Organizzazione del genoma umano II Lezione 7 & Pseudogeni I Pseudogeni non processati : convenzionali ed espressi * Copie non funzionali del DNA genomico di un gene. Contengono esoni, introni e spesso

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2013-2014

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2013-2014 SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2013-2014 ASSE DISCIPLINA SCIENTIFICO TECNOLOGICO BIOTECNOLOGIE AGRARIE DOCENTE DARMAN ELENA 2 BIENNIO CLASSE 3 CORSO E SEZIONE TECNICA

Dettagli

Dal DNA all RNA. La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti

Dal DNA all RNA. La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti Dal DNA all RNA La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA MOLECOLARE Gene Regione di DNA che porta l informazione (= che CODIFICA) per una catena polipeptidica o per

Dettagli

Controllo post-trascrizionale dell espressione genica

Controllo post-trascrizionale dell espressione genica Controllo post-trascrizionale dell espressione genica Livelli di controllo dell espressione genica Rivisitazione del concetto di gene Per gli organismi eucariotici più evoluti il dogma un gene = una proteina

Dettagli

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 21. Domande concettuali

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 21. Domande concettuali SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 21 Domande concettuali C1. La genomica strutturale studia la composizione di un genoma. Lo scopo è di mappare tutti i geni nel genoma e alla fine di determinare la sequenza

Dettagli

Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE

Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE EREDITA MENDELIANA CLASSICA ~ 600 E C M 10.000 Enzimi

Dettagli

Il test genetico BRCA1/BRCA2

Il test genetico BRCA1/BRCA2 L identificazione Il test genetico BRCA1/BRCA2 M.G.Tibiletti UO Anatomia Patologica Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese IL CARCINOMA MAMMARIO FORME SPORADICHE FORME EREDITARIE FORME FAMIGLIARI

Dettagli

La sindrome di Lynch. Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC. G. A. Pablo Cirrone. lunedì 11 marzo 2013

La sindrome di Lynch. Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC. G. A. Pablo Cirrone. lunedì 11 marzo 2013 La sindrome di Lynch Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC G. A. Pablo Cirrone 1 Caratteristiche generali I HNPCC (Hereditary Non-Polyposis Colonrectal Cancer) è caratterizzato dalla comparsa,

Dettagli

Downloaded from www.immunologyhomepage.com. Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B

Downloaded from www.immunologyhomepage.com. Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B Downloaded from www.immunologyhomepage.com Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B I geni che codificano i recettori per gli antigeni (BCR e TCR) sono presenti in uno

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING. dott.ssa Alessandra Cuccurullo

Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING. dott.ssa Alessandra Cuccurullo Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING dott.ssa Alessandra Cuccurullo EXOME SEQUENCING Anche noto come targeted exome capture. Strategia per sequenziare selettivamente

Dettagli

Amminoacidi e Proteine

Amminoacidi e Proteine Amminoacidi e Proteine Struttura generale di un α-amminoacido R = catena laterale AMMINOACIDI (AA) CELLULARI Gli amminoacidi presenti nella cellula possono essere il prodotto di idrolisi delle proteine

Dettagli

Genomica e modelli animali di malattie umane

Genomica e modelli animali di malattie umane I giovedì della cultura scientifica Etica e sperimentazione animale nella ricerca biomedica Genomica e modelli animali di malattie umane Mariateresa Mancuso BIOTEC-MED Mus Musculus : organismo modello

Dettagli

SINDROMI MIELODISPLASTICHE

SINDROMI MIELODISPLASTICHE SINDROMI MIELODISPLASTICHE MECCANISMI MOLECOLARI R. Piazza MECCANISMI MOLECOLARI Bejar R et al. JCO 2011;29:504-515 NEXT GENERATION SEQUENCING Flowcell NEXT GENERATION SEQUENCING Library di DNA Genomic

Dettagli

Il Cancro è una malattia genetica

Il Cancro è una malattia genetica Il Cancro è una malattia genetica PROCESSO MULTIFASICO Il Cancro è sempre genetico Talvolta il cancro è ereditario Ciò che viene ereditato non è la malattia, bensì la PREDISPOSIZIONE In assenza di ulteriori

Dettagli