XLV CONGRESSO SOCIETÀ ITALIANA DI NEUROLOGIA. Cagliari, Ottobre 2014 Fiera Internazionale della Sardegna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XLV CONGRESSO SOCIETÀ ITALIANA DI NEUROLOGIA. Cagliari, 11-14 Ottobre 2014 Fiera Internazionale della Sardegna"

Transcript

1 XV CG CÀ UG Cagliari, ttobre 2014 Fiera nternazionale della ardegna

2

3

4

5 XV CG CÀ UG Cagliari Fiera nternazionale della ardegna ttobre 2014

6 Con il patrocinio del Comune di Cagliari

7 otto l lto atronato della residenza della epubblica taliana Con il atrocinio di residenza del Consiglio dei Ministri Ministero della alute stituto uperiore di anità egione ardegna Comune di Cagliari Università degli tudi di Cagliari Facoltà di Medicina dell Università degli tudi di Cagliari

8 Giulio osati CG Maria Giovanna Marrosu C- CG Francesco Marrosu CM CFC ldo Quattrone Bruno Giometto Carlo Ferrarese Mario Zappia Gioacchino edeschi eandro rovinciali CM CFC C Virgilio gnetti ocrate Congia leonora Cocco Maurizio Melis ntonio Milia Maria ita iras Maura ugliatti Monica uligheddu Gianpietro echi aolo olla Giorgio amburini nna icca ebastiano raccis el sito link XV Congresso - Cagliari 2014, saranno disponibili tutte le informazioni aggiornate sul Congresso 6

9 CG V residente ldo Quattrone Vice residente Bruno Giometto egretario Carlo Ferrarese esoriere Mario Zappia residente letto eandro rovinciali ast resident Giancarlo Comi Consiglieri lio gostoni lacido Bramanti Fabrizio ntonio de Falco icola e tefano oberto leopra aolo Girlanda eonardo opiano Giovanni uigi Mancardi Maria Grazia Marciani Giuseppe Micieli Vincenzo ilani sabella aura imone Michele inazzi anilo oni robiviri Carlo Caltagirone Carlo errati Gioacchino edeschi egreteria mministrativa tudio Conventuriena Via del Cavallerizzo, iena el Fax mail: ito 7

10 F Z G 8

11 CM GGUG eroporto Cagliari-lmas Km 5 ' M:.. 130, nuovo asse mediano di scorrimento, Via oma lato mare, Viale Colombo, Viale iaz. Voli diretti giornalieri per Milano, oma, orino, alermo, Bologna, Firenze, lbia, isa, Verona, apoli, Venezia, Catania. Voli via oma giornalieri per Bari, Bologna, Brindisi, Catania, Firenze, isa, Genova, amezia erme, Milano, apoli, alermo, eggio Calabria, orino, rieste, Venezia, Verona. Voli via Firenze per msterdam, Barcellona, ondra. Volo diretto per Genova e Monaco di Baviera la domenica. GH orto di Cagliari Km 1 : collegamenti diretti giornalieri per Civitavecchia; il mercoledì per apoli; il venerdì per alermo; la domenica per rapani e unisi. Collegamenti da lbia: per Civitavecchia tutti i giorni; per Genova il martedì, giovedì e sabato. Collegamenti da ortotorres: tutti i giorni per Genova GM: ortotorres - Genova giornaliero MBY : lbia - ivorno tutti i giorni escluso il sabato : Via oma lato mare, Viale Colombo,Viale iaz tazione Centrale tazione Garibaldi Z F: utobus linea C: F, Q, Via oma lato mare, Viale Colombo, Viale iaz U eguire indicazioni stradali "F" archeggio esterno iazza C F Z G 9

12 C G U

13 G 10 piano terra G 22 primo piano BX 18 primo piano BHG GHM 11 piano terra 20 primo piano M 16 primo piano CH 2 piano terra UMMU 13 piano terra FM U 14 primo piano FB HH 3 piano terra G HHC 12 piano terra GUH 1 piano terra HCH MC YM 11B piano terra H primo piano B 5 piano terra UBCK 17 primo piano MM 7 piano terra FZ 6 piano terra FZ 9 piano terra M Farmaceutici 8 piano terra H 21 primo piano Y 4 piano terra Z ZMB nternet Corner primo piano Y HM Book display area primo piano MC Z Book display area primo piano CC Book display area primo piano G Book display area primo piano M Hospitality uite 6 primo piano BG C Hospitality uite 4 piano terra MCK Hospitality uite 2 piano terra V Hospitality uite 5 piano terra F GZYM Hospitality uite 3 piano terra V Hospitality uite 1 piano terra C 11

14

15 rogramma scientifico

16 UUM C CG C CG B 11 B C CG. M U. M Z. M C GGM UM CHU 4 uove frontiere in medicina del sonno: farmaci, ventilazione e terapia intensiva V G CC M ZHM a diagnosi di Malattia di lzheimer: dal processo patologico alla neurodegenerazione e alla demenza CBZ C dem C GGM UM CHU 5 a terapia del dolore neuropatico tra evidenze attuali e futuri sviluppi C GGM UM CHU 7 isfunzioni neurogene del pavimento pelvico C GGM UM CHU 1 Come diagnosticare e trattare il paziente con malattia muscolare C GGM UM CHU 3 e cefalee croniche: dalla clinica alla terapia M arkinson e il paziente: le basi del percorso terapeutico con lo sguardo al futuro CBZ C UCB C GGM UM CHU 6 eurologia di urgenza 1 G G C GGM UM CHU 1 euroimaging avanzato: applicazioni cliniche 2 G G C GGM UM CHU 8 Concetto di consapevolezza in neuropsicologia clinica e forense M l percorso terapeutico della persona con clerosi Multipla: le scelte iniziali che condizionano il futuro CBZ C V C CG CM UGUZ Consegna remi ettura Magistrale Finis ardiniae: le immagini della ardegna. Maninchedda (Cagliari) CCK BVU solo aolo Fresu U Z U Z U CFFÈ U Z

17 11 B C GGM UM CHU (1) ore UMGG VZ: CZ CCH Moderatori. F (iena) - G. CH (apoli) rima parte Brain M. F (Milano) pinal Cord M. CC (Milano) Malattie vascolari. (oma) clerosi Multipla e altre malattie della sostanza bianca. GG (iena) 1 - G G econda parte pilessia. B (Catanzaro) Malattie neurodegenerative F. G (Milano) Cefalea. (apoli) umori M. CU (Chieti) ausa pranzo 15

18 11 B -. M C GGM UM CHU (2) ore CM GC Z C M MUC Moderatori C. G (adova) - M. MGG (Milano) rima parte Come cambia la nosografia delle malattie muscolari C. G (adova) esame neurofisiologico: un orientamento per la diagnosi G. MU (Cagliari) M muscolare: applicazioni nella diagnosi e terapia G. C (oma) Gli algoritmi diagnostici. M (Milano) econda parte approccio diagnostico: update morfologico M. MGG (Milano) apporto degli esami biochimici e genetici nella diagnostica M. F (Brescia) e terapie: quali, quando e per quanto tempo. MG (orino) l ruolo della fisioterapia e degli ausili nell approccio multidisciplinare. M (Messina) ausa pranzo 16

19 11 B C GGM UM CHU (3) ore CF CCH: CC Moderatori M. GUGG (sti) - G. BU (Milano) Considerazioni cliniche sulla definizione di emicrania cronica secondo la nuova classificazione H G.C. MZ (arma) a cronicizzazione del dolore cefalico M. GUGG (sti) ercorsi terapeutici farmacologici e non. utile la disintossicazione?. GZZ (Milano) l ruolo della neurostimolazione nella terapia delle cefalee croniche farmacoresistenti G. BU (Milano) U -. M ausa pranzo 17

20 11 B - C C GGM UM CHU (4) ore UV F MC : FMC, VZ V Moderatori F. MU (Cagliari) - M. UGHU (Cagliari) e terapie intensive specialistiche: verso un modello unico? F. FFU (avia) disturbi respiratori durante il sonno nelle malattie neurodegenerative F. MU (Cagliari) ischi e benefici degli ipnotici nella riabilitazione neurologica M. UGHU (Cagliari) elirium: dai meccanismi fisiologici a modalità di intervento M. ZGH (avia) C G ausa pranzo 18

21 11 B C GGM UM CHU (5) ore UC VZ U FUU VU Moderatori V. UG (Ferrara) - M. V (oma) erapia farmacologica del dolore neuropatico. possibile una terapia fondata sul meccanismo fisiopatologico? G. CUCCU (oma) farmaci oppiacei nel trattamento del dolore neuropatico. MCH (Milano) e nuove prospettive nella terapia farmacologica del dolore neuropatico. U (oma) trategie terapeutiche nel dolore farmaco resistente M. CZ (Milano) - C C G ausa pranzo 19

22 11 B Z -. M C GGM UM CHU (6) ore UG UGZ Moderatori. G (Milano) - F.. FC (apoli) l paziente che giunge in coma: etiopatogenesi e semeiotica F.. FC (apoli) l paziente che giunge in coma: percorso diagnostico e approccio terapeutico. G (Milano) l paziente che giunge con para/tetraplegia: etiopatogenesi e semeiotica M. M (Cagliari) l paziente che giunge con para/tetraplegia: percorso diagnostico e approccio terapeutico G. MC (avia) ausa pranzo 20

23 11 B C GGM UM CHU (7) ore FUZ UG VM VC Moderatori. C (Bologna) - G. MC (avia) natomia funzionale del pavimento pelvico M. GH (oma) iagnostica neurofisiologica. F (avia) Clinica e trattamento delle disfunzioni genito-urinarie G. CC (ncona) Clinica e trattamento delle disfunzioni gastrointestinali M. F (avia) - C C G ausa pranzo 21

24 11 B 2 - G C GGM UM CHU (8) ore CC CVZZ UCG CC F Moderatori G. B (avia) -. CC (Bologna) l concetto di consapevolezza in neuropsicologia. G (apoli) Correlati neurofisiologici della consapevolezza. UU (Milano) Consapevolezza e demenza: aspetti comportamentali e di neuroimaging G. B (avia) l tema della consapevolezza in ambito forense. CC (Bologna) G ausa pranzo 22

25 11 B V G CC M ZHM ore G M ZHM: C GC UGZ MZ in collaborazione con dem e ip Moderatore M. MUCC (oma) resentazione del documento M. MUCC (oma) l punto di vista del neurologo. V (Brescia) l punto di vista dello psico-geriatra. BCH (Brescia) iscussione C. CG (oma). C (Milano). B (Firenze) - C C G ausa caffè 23

26 11 B U -. M ore K Z: B C UC C GU FUU in collaborazione con UCB Moderatore F. CCH (oma) gonisti dopaminergici non ergot a confronto: aspetti preclinici G. CH (Cagliari) approccio terapeutico oggi per una migliore qualità di vita del paziente F. CCH (oma) iscussione M ausa caffè 24

27 11 B M ore C UC C C MU: C Z CH CZ FUU in collaborazione con eva Moderatori G. CM (Milano) - M.G. MU (Cagliari) rientarsi nella scelta terapeutica in basi ai fattori prognostici V. M (Milano) ntraprendere la terapia immunomodulante: rapporto beneficio/rischio. CZ (oma) isvolti di una comunicazione efficace con il paziente con clerosi Multipla. (Milano) 2 - G G ausa caffè 25

28 11 B U U M - C CM UGUZ U CG. QU (Catanzaro) residente della ocietà di eurologia M.G. MU (Cagliari) residente del XV Congresso Cagliari 2014 UÀ CG M CÀ UG U MG Finis ardiniae: le immagini della ardegna. MCH (Cagliari) C G CCK BVU FU 26

29 27

30 UUM C CG e novità nella terapia dell ictus CMUCZ clerosi Multipla 1 C CG CMUCZ eurofisiologia clinica C CG MC 12 B. M U. M Z. M 1 G G 2 G G CMUCZ onno CMUCZ iabilitazione neurologica e neurotraumatologia CMUCZ euroimmagini CMUCZ Casi clinici CMUCZ emenza e invecchiamento CMUCZ Malattie neuromuscolari CMUCZ Cefalee M l dolore vertebrale: terapia percutanea mininvasiva CBZ C CÀ UG M a B adattativa nella Malattia di arkinson M l valore dell esperienza CBZ C V M l rimodellamento dinamico della struttura e della funzione dei circuiti neuronali: il ruolo della microglia CBZ C CH M l delirium: neurologo e geriatria a confronto CBZ C CZ CG - G M anti-coagulazione nel paziente post ia/ictus: il percorso decisionale dalle linee guida alla gestione pratica CBZ C FZ BM M l rischio terapeutico nella clerosi Multipla: evidenze, percezione e aspetti medico legali CBZ C MCK M trategie per la gestione dell ictus: modelli organizzativi in fase acuta e pratica clinica CBZ C BHG GHM U C CG CMUCZ euroimmunologia e neuroinfettivologia G C CG WKH isturbi del cammino nelle sindromi parkinsoniane WKH a mano bionica: dalle neuroscienze alle tecnologie più avanzate U CFFÈ U Z C U CFFÈ WKH Upgrade in tema di Malattia di Huntington e indrome di ourette WKH organizzazione della cura delle donne affette da patologia neurologica WKH e gravi cerebrolesioni. rattamenti estremi e cure palliative WKH alla diagnosi clinica alla diagnosi molecolare delle malattie neurodegenerative: ruolo dei marcatori liquorali WKH e infezioni opportunistiche del sistema nervoso centrale da immunodeficienza acquisita WKH roblematiche sullo shift tra trattamenti di seconda linea della clerosi Multipla WKH tanti volti della Malattia di arkinson Casi clinici 1 Casi clinici 2 Cefalee 1 onno Malattie cerebrovascolari 1 clerosi Multipla 1 euroimmunologia e neuroinfettivologia eurogenetica Malattie degenerative Malattie neuromuscolari 1 europsicologia clinica

31 12 B ore VÀ CU Moderatori. Z (Firenze) -. (oma) e nuove linee guida sulla trombolisi e.v. e sui trattamenti endoarteriosi. (oma) a sono - trombolisi: dai dati di letteratura alla proposta del trial U M. (a pezia) ove le troke Unit non possono arrivare: la telemedicina B. GM (reviso) nuovi anticoagulanti in prevenzione secondaria. Z (Firenze) Consegna ward Merck erono U U M - C C G ausa caffé 29

32 12 B U U M - C C G CMUCZ : C MU 1 ore Moderatori. CCC (Cagliari) - G. V (alermo) C F F MU C WH C F MYG CC CK. FF, G. UC,. GHZZ, G. CM, V. BC M, F.,. UG, C. ZZ, M. M, G. M,. MF, G. U, G. ZM,. MM, G. CG,. BGMCH, M. MU, G. CH, B., G. GU, C. V,. M, M. M,. MG, V., M. J, BHF F H MWB GY UY GU (Bari, anta Maria mbaro - CH, Gallarate - V, Milano, apoli, Catania, Chieti, oma, Firenze, alermo, Barletta, Matera, avia, Cagliari, cquaviva delle Fonti - B, Macerata, Foggia, Fidenza - ) H FFC F ZUMB FGM CC, UYCHGC M MU G MG MU C: -Y CMV UY M. F, G. CC,. Z, M. GH, M. C,. M, F. M,. F, G. CM, M. CC (Milano, an Giovanni otondo - FG) M MU F B HY WH CCY YM UGGV F MU C. H CB FU UFM V V. Z, C.,. ZCC, M. UGG, M. MQU,. C, F. CUZ, M. J (Bari) CM F CGV FMC BW MU C WH C- VU U- B. HKK, C. CC,. CC, B. G, M. G,. Ò, C. C, M. M,. GG, F.,. F, M. M (Firenze, iena) UK-1β CV H C 53 CU XCXC UG G MU C., V. U, C. M, G. MCCHU, F. BU,. CZ (oma) M F BY G MU C V. B, F. F,., C. ZZ (oma) G WH M BM CGV MM M: MUC B UY. BCC, M. CC,. G, F. BKHF,. HM,. F, C. ZG,. G, H. HU,. MC, M. M, F. FZK, G. CH, G. CM, M. F (Milano, msterdam -, ondon - UK, iena, Graz -, apoli) CGV MU C M.,. UCC, J. GFM,. YZ, G. MC,. CCG (Genova, Chicago - U, ondon - UK) ausa pranzo con poster 30

33 12 B CMUCZ : UFG CC ore Moderatori. MG (avia) -.M. CCH (Foggia) VBU-VK MYGC : VG BM FUC K.., F. GM, K. UU,. MC, G., V. G,. U, F. U (assari) GG H UCU UCU: C HW H WY M. V,. MZZ,. (oma) F G FB CMYGHY (FMG) H FF G F BUB M U MYH GV G. C, V. C,., M. MUÒ, G. CH (apoli) C C CU MU FFC G FH VU VK G. G,. MY, J. CH,. F, C. V, J. HW,. C (ovara, ondon - UK) FFC F HGH-V B FG C U XCBY F. C, M., G. FG, G. C, G. CH,.,. CB, F. (atina) C GU F -K CY UC BY V CV MU., M. U, M. BK,. MG, V. GV, M. M, G. G F,. CBÒ,. G,. QU (Messina, Minia -, Verona) BM FUC MU C (M): CC, MGC C MGG (M) UHYGC FW-U M.. CBB,. MG, G., F. GM, G. UZ,. U, M. C, F. U (assari) VVM F H FB Y Y ZHM : VC FM C CHC MGHY. F, F. V, G. MGG,. G,. HUY,. C, G. MG, G. CM,. C (Milano) - C C G ausa pranzo con poster 31

34 12 B - C C G CMUCZ : ore Moderatori. F MB (Milano) - G. GG (Udine) VGM F FCY M BHV M CGV MM V. BU,. U,.,.,. M, C. M,., G. MC (oma) G-CU MGC FF: MK F M BHV?., F. C,. CC, M. F,. BUCHZZ,. B, F. FMÀ,. G,. MB, G. MBUC, F. B (Genova) G YM B G. BB,. ZU, M.,. MC,. VU,. M, M. V, G. GG (Udine) F CC HYHM H MGM F F CCU (C). CÒ,. CBÒ,. MUCÀ,. V,.,.,.,. C,.,. BM (Messina) VU F C M-M HCK WH HC G YM. ZU, F. J, M. Z,.,. B, M. V, G. GG (Udine) GY XC MV YM: C GU V-YMGHC CGHC UY UG VU MMUGBU M. B, F. V,. V, M. QU,. VC,. GU (Bologna, imini, xford - UK) M UCU F G MVM CVY UG U K FFC F MGC M M. FG, M. UGHU,. CÒ,. GG, F. MU,. F (Cagliari, roina -, Forlì) H F MG-VG QU C M M MU FM V M: CC F M UBJC GU Y H YM. CC,., M. UGHU, M. FG,. CCU,. CGU, C. MU,. ', F. MU, M. M,. CCC (Cagliari, chönenbuch - CH) ausa pranzo con poster 32

35 12 B CMUCZ : BZ UGC UUMG ore Moderatori G. FCH (Verona) - F. (ozzilli - ) V C MGC MU CU WH CYCG F W MB M YFUC CHC K: MZ, CB-C, CV UY. CHFF, F. G,. HUY, M. FCH,. U,. C,. F, G. MGG,. G,. GG, M., M. CM,. ZG, G. CM,. C (Milano, Be er-heva - ) U UG W BC G G. CGH, M. U, F. C,. CCC, J. FU, G. FU,. FC, G. CU,., M. MU (Cagliari) MK YU K G: FFC F V HGH CC FC XC G. GZZ, F., M. G,. G,. B,. MU, G. MZZ,. CK,. C, G. G, M. MC,. ZU,. G (Ferrara, Cesena) CHG HMC G- FUC CCVY UC BY HM-B CGV HB GM WH MU C. GG, F.,., F. UC, C. ZZ,. (oma) H U UB F GUG CVY CHC H: FM UY WH 6-MH FW-U G. MC, G. B,. C,. F, M. GF,. M,. MG (overeto -, oma, Verona, Basel - CH) F VC F H C-G FFC MU C. MC, M. CBB,. ZB,. U,. G,., G. MUU, G. BU, M. UG, F. U (assari, zieri - ) B-CMU FC B B CY F K G MV M FUC F. CH, G. M, M.,., M. GH, M. M,. UCC,. F, F. CC,. M (oma) YCHGC W-BG F BC UHB FFC BY CHC K.. CBÒ, M. C,.,.,. B, G. MB,., M. U, F. BÈ,. UC,. BM (Messina) - C C G ausa pranzo con poster 33

36 12 B -. M CMUCZ : UMMG 1 ore Moderatori G. F (Brescia) -. (Milano) BF, CM GC YMHM CMB H FFC UCBY F B UCU GY. CU, M. K, F. G,. MUJZ,. VKVC,. F, V. BCC, G. CM,. CC VK, M. F (Milano, Belgrado - ) GU M CHG CGVY V M. CM,. BCC, F., G. MUZZ, G.,. BV,. VG, M. C, G. CH,. G (apoli, alerno) HGY M CG V UC WK FFCCY MU C M., V. H,. MUH,. YZ, F.,. M, M., C. WH-KGH,. M,. CH (Genova, ondon - UK, Cardiff - UK, Basel - CH, avia) G HMC MG CGV MM WH MU C: MUC UY. BCC, M. CC,. G, F. BKHF,. MUH,. F, C. ZG,. G, H. HU, K. B-ZZ, M. M, F. FZK, G. CH, G. CM, M. F (Milano, msterdam -, ondon - UK, iena, Graz -, apoli) UBGC MCHM UYG MJ MU C. M,. CC,. C,. FC, V. V,. CÒ,. V,. QU (Catanzaro) B FUC K WH FZG F G UG CV M, C BV M MGY K F. G,.,. M, M. VÈ,.,. GUCC,. G,. F, G. CM, M. F (Milano) Y B HY WH U BY MU C. F,. GG, M. M, M. BG, F.,. UC, M. BZZ, M. B,. M,. GU, M. M,. CC, M. M (iena, mpoli, Genova, Firenze) H FM F FMMY MY CB WH M. MGG,. CUMMG MC, M.. GÁ,. BVCH, J. WH, H.. KGH, M.,. WU,. C. V,. MC,. JCB,. WM,.. CH (Firenze, outhborough - U, Bethesda - U) ausa pranzo con poster 34

37 12 B CMUCZ : C CC 1 ore Moderatore. G (Ferrara) YHHY U V C MU UG G FM FC: XC H G FM U. CH, F. GU, C. B,. M,. V, F., V. VM,.,. VGH, G. M, M. F,. V (Brescia, Ferrara) HY F HCM FM CGV FC WH H- YM, Y M. BUCH,. VCCH, M. C,. GMMC,., C. BU, C. CG, M. BZZ (oma) W U HY H1- MUCU HY F., B. C,. CH,.,. VGH, V. VM, C. G,. V, M. F (Brescia, Milano) W UMMU CH C WH G5 B MBG F M: CC UHGC CHCZ. CG,. F,. B, M. G, M. ZCC, G. ZU,. MC, B. GM (adova, Verona, reviso) C YM: FM C M. C,. C,. MBU, M. M,.,., G. VU (orino) C F MCH MMB - C UG (M) U. M,. CV, C. MG,. BUZZ,.,. CMM,. C,. M, G. BC,. CHÒ (orino) V V F UKCHHY WH BM C VVM HGH B C WH 2 G MU.,. B,. B,. CH,. VÀ, G. CM, G. CM, C. CG, M. BZZ (oma, Milano) UUU CC FU F C F FX. U, G. B, M. M, G. BBG, G. U, M.,. GMB,. QU (Catanzaro) U -. M ausa pranzo con poster 35

38 12 B Z -. M CMUCZ : MZ VCCHM ore Moderatori M. MUCC (oma) -. B (Firenze) WH M MG C H -F CUUM F. G,. GUCC,. M, F. C, G. MG,. V,. MC, M. VÈ,. F, G. CM, M. F (Milano) FFU M CBU H MUM G F MY GV H. M. F, F. G,. CU,. GUCC, G. MG,. MC, M. C,.,. V,. F, G. CM, M. F (Milano, an Giovanni otondo - FG) H MMY F BUY UVV ZHM (BU C H MMY).,. F,. B,., F. MMM,. BB, V. M C, M. UC, C. V (oma) B HWY VVM CHCC F YC V F ZHM. MV, F. G, F. C, G. MG,. MC, M. FU,. F, G. CM, M. F (Milano) W F M VU CGV MM: 3-MH 1 Y F K VVW. CZZ, G. MMB, M. V, C. MC, M. Z,. ZZ,. V (Brescia) B 18F-FG HY- HYMBC M WH WY-B. CC, C. CM,. CC, G. MG,. (Milano) F M2 WH ZHM : GC VBY M X. GMB, C. FG, M.,. CFF, F. CC, G. G,. MGG,. GH,. GHZZ, C. M,. C (Milano) CCUG M BMK MY GV H. GHZZ, C. FG, C. V,. GH,. B, M.,. CFF,. C,. GMB (Milano) ausa pranzo con poster 36

39 12 B CMUCZ : M UMUC 1 ore Moderatori. B (Milano) - G. (apoli) UG WH B CCUMU (B): C F W C. CU,. BG, M. GUC, F. C,., M. GMB, F. B,. MUUMC (roina - ) G1 MU CU F U M Y X UHY G. CQU,.,. M,. B, C. M,. Y (Milano) VM F U CMHV CC VU FM B U F H HYC CHCZ F UBJC CYG 4Z4 UC G. CC,. UGG,. VC, F., M. GV, F. M,. KC, J.,. MGG,. V, M. C,. BUCC, M. 'MC, G. 'G, M. M,. B, M. F, G.,. MUZ,. M,. CC, C. C,., G. C, C. G,. G, M. MGG,. MG, G. M,. U (Modena, isa, apoli, orino, ondon - UK, Milano, adova, oma, Chieti, Bosisio arini - C, Cagliari, avia, Brescia, Messina, ido di Venezia - V, Verona, Worcester - U) FU-M XCUV WK CCVY WH MYC YHY Y 1 F. C, F. G,. C,. UGG, V. K V -JV, G. CM, V. KC, M. F (Milano, Belgrado - ) M V FB HGY CC. CH, G. U,. FG, B. GU,. MB,. V, F.,.,. C, M. F,. V (Brescia, Milano) UF GM B H UHY:?.., F. G, F. GH, C. BUCC, C. G,. B- Z (ozzano - M) B FM XM F VCU -V YMHCY GC CG F WH M ().,. MUUMC, F. MG, M. M,. MG,. C, C. C,. C (Messina) C BM WH M () F. MG,. MUUMC, F. G, M. G,. C (Messina) 1 - G G ausa pranzo con poster 37

40 12 B 2 - G G CMUCZ : CF 1 ore Moderatori G.G. B (Varese) -. (orino) MG CHMC H : M-Y F BV U. CC,.,., F.,. C ( quila) VC F B MHMC CHG UG H MG CYC G. C,. Z,.,. CV, C., C. Z, G. Z,., V., M., F. U, G. FM, F. BC, F. (oma, atina) V VM FCCY WH CHC MG M.. MZZ,. V, M. CUC, M. MB, G. B,. QU, F. B (Catanzaro) M FG HC C HY (H): U 60. CH, M. CU, G. FGÒ,. CC,. CC,. BCH MZ,. B,. 'MC (Milano) HCH HC C HY: H CFC FU?. MC, M. CU (Milano) V CY C WH CGV-BHV YM M. MB,. V, M. CUC, M.. MZZ, G. B, M. M,. CHUB, M. CCC,. QU, F. B (Catanzaro) MG F -CFC YMM F H YFUC? V.,. M,. V, G. FCC (Verona, rieste, Udine, oma) G FUC CCVY BM C WH MG. M, M. CC, B. CMB,. M,. F, G. CM, M. F (Milano) ausa pranzo con poster 38

41 12 B CMUCZ : UMMUG UFVG ore Moderatori. U (orino) -. B Z (Milano) Y-UMMUY MYH GV V. M,. C,., G.,. B,. BCC,. V (oma) H F GU MMUY MU C M.J. M, M. FC, M. GH,. M, G. CM, V. M (Milano) M F UMY C WH UXMB: MY U FM GY. VZZ, M. CBC, F.,. CZ,. UCC,., C., G. U,. FU,., M. FC, G. CM,. GHZZ (Gallarate - V, rbassano -, Catania, oma, Genova, adova, Bari, apoli, Foggia, rato, Milano) F UG F G K C F M WH FGM MU C. F,. M, F. V,. B, M.,. BCH,. GB, M., C. GV,. CZZ,. (Modena) CHC G FMMY C U (C): W C M. G, M.. FUC, G. CV, C. F,., M. FG (Monza) CC FU UCM F W VU UVV (W) GU, VC, ',. ZU,. B, M. V, G. GG,. ' (Udine, ortogruaro - V) MCY V MCVC WH MU C. FFC F CU MMU M F H. G, M. B, V. FCC, M. ZZ,. CCH,. FU, C. V (Foggia, Milano) CMB C H MY: CC M FU C. U,.,. MC,. FU,. CF, B. BC,. FCV, M. GU,. V, M. UZ,. M, C. (Bari) U - C C G ausa pranzo con poster 39

42 12 B U -. M rima parte M ore V Z in collaborazione con ovartis Moderatore M.C. M (oma) ntroduzione: il valore dell esperienza M.C. M (oma) importanza di agire sul danno locale e diffuso: oltre l esperienza. F (iena) Modificare il decorso della malattia: dall evidenza all esperienza G. CM (Milano) early switch nella clerosi Multipla: il valore dell esperienza C. ZZ (oma) a real world evidence: il significato clinico dell esperienza M. J (Bari) iscussione econda parte V l valore dell esperienza nell era social M.G. MU (Cagliari). B (Genova). B (Milano) esperienza dell innovazione: il futuro è già oggi M.C. M (oma) G. CM (Milano) M. J (Bari) ausa caffè 40

43 12 B M ore CGUZ Z /CU: C C GU G C in collaborazione con fizer e Bristol Myers quibb Moderatori M. M (Cagliari). C (orino) elatore M. (a pezia) 1 - G G ausa caffè 41

44 12 B - C C G M ore VB: CU MVV in collaborazione con la ocietà taliana di euroadiologia Clinica G. CUCCU (oma) a patologia discale G. B (apoli) Moderatori. C (apoli) - G. CH (apoli) a patologia faccettale e sacroiliaca M. GUCC ( quila) a patologia neoplastica vertebrale primitiva M. MU (apoli) l crollo vertebrale (cementoplastica robotizzata) C. U (Bari) ausa caffè 42

45 12 B M ore B V M K Moderatori. (orino) -. QU (Catanzaro) erché andare oltre? imiti della stimolazione cerebrale profonda convenzionale. M (Grenoble - F) a filosofia della stimolazione adattativa e i sistemi closed loop. MCG (Milano) ffetti clinici della B adattativa nella Malattia di arkinson. (Milano) B adattativa, ricerca clinica e ricerca industriale nelle neurotecnologie: evoluzione della ricerca sanitaria? M. CC (oma) -. M ausa caffè 43

46 12 B Z -. M M ore UM: UG G CF in collaborazione con l ssociazione taliana di sicogeriatria G Moderatori C. F (Monza) - M. BUCCH (oma) Basi neurobiologiche del delirium. MZZ (Monza) l delirium nelle patologie neurodegenerative. V (Brescia) Fenomenologia e diagnosi del delirium G. B (Monza) revenzione e terapia del delirium. M (Cremona) ausa caffè 44

47 12 B M ore CH UC C MU: VZ, CZ MC G in collaborazione con Merck erono Moderatori M.G. MU (Cagliari) - G. CM (Milano) Correre entro i limiti: valutazione del rapporto rischio / beneficio. CZ (oma) a percezione del rischio: confronto medico paziente V. M (Milano) Quando il limite viene superato: responsabilità professionale e aspetti medico legali M. GH (osta) 1 - G G ausa caffè 45

48 12 B 2 - G M ore G G CU: M GZZV F CU C CC in collaborazione con Boehringer ngelheim ctus acuto: stato dell arte. (oma) Moderatore. C ( quila) a prevenzione dell ictus ischemico, perché è importante proteggere il cervello V. C (erugia) G ausa caffè 46

49 12 B M ore MM MC UU FUZ CCU U: U MCG in collaborazione con pitech Moderatori F. MU (Cagliari) - C. CG (oma) elatore. M (apoli) U -. M ausa caffè 47

50 12 B U U M - C C G WKH ore UB CMM M K Moderatori G. BBUZZ (Genova) -. (orino) Fisiopatologia dei disturbi del cammino G. BBUZZ (Genova) Cognitività e marcia nelle sindromi parkinsoniane C. V (apoli) ffetti della B sui disturbi del cammino M. ZZ (orino) pprocci innovativi alla riabilitazione del cammino nel paziente parkinsoniano. (Genova) 48

51 12 B WKH ore M BC: UCZ CG Ù VZ Moderatori. BM (Messina) -.M. (oma) spetti generali di robotica M.C. CZZ (isa) lettronica e biomeccatronica della mano robotica. GUGM (oma) nalisi del segnale per controllo della mano robotica. MC (osanna - CH) eurofisiologia della mano robotica.m. (oma) - C C G 49

52 12 B - C C G WKH ore UG M M HUG M U Moderatori F. MU (Cagliari) - F. QU (ozzilli - ) uove prospettive terapeutiche nella Malattia di Huntington F. QU (ozzilli - ) azienti in supporto dei ricercatori: l esempio della ega taliana icerca Huntington H B. (oma) pprocci innovativi di imaging in malattie neurodegenerative U. B (oma) a fm nello studio della Malattia di ourette F. MU (Cagliari) 50

53 12 B WKH ore 'GZZZ CU FF G UGC Moderatori. (Milano) - M.. V (Udine) organizzazione dei servizi per la cura della donna con malattia neurologica. (Milano) l progetto Bollini osa e la neurologia. HM (Milano) a liason gonadi-cervello e l importanza dei periodi critici riproduttivi. (avia) a presa in carico della donna con epilessia tumorale M. MCH (oma) a gestione interdisciplinare della paziente in menopausa: collaborazione tra ginecologo, neurologo e cardiologo M.. V (Udine) - C C G 51

54 12 B -. M WKH ore GV CB. M M CU V Moderatori C.. F (Cazzaniga - BG) - C. (Genova) Cure palliative nell ictus cerebrale F.. FC (apoli) - C. (Genova) ecisioni di fine vita e cure palliative nei traumi cranioencefalici. VC (ncona) Cure palliative nelle fasi terminali della demenza C.. F (Cazzaniga - BG) eurologia palliativa o cure palliative in neurologia?. VC (ncona) 52

55 12 B WKH ore G CC G MC M UGV: U MC QU Moderatori. CB (erugia) -. V (Brescia) Malattia di Creutzfeld-Jacob: quali indicatori per una diagnosi precoce?. CH (Bologna) Basi molecolari comuni tra Malattia di lzheimer e Malattia di arkinson: implicazioni diagnostiche. (erugia) clerosi aterale miotrofica: biomarker genetici vs liquorali V. (Milano) e varianti cliniche della degenerazione fronto - temporale: ruolo dei biomarker nella diagnostica clinica B. B (Brescia) U -. M 53

56 12 B Z -. M WKH ore FZ UCH M V C MMUFCZ CQU Moderatore G. CM (Milano) in corso di infezioni da HV. F (Verona) nel paziente non immunocompresso da HV. F (Verona) M e clerosi Multipla: aspetti clinici e gestionali G. CM (Milano) M e meccanismi patogenici. CQU (Milano) 54

57 12 B WKH ore BMCH U HF M C C MU Moderatori. GHZZ (Gallarate - V) - M.G. MU (Cagliari) lgoritmo degli shift V. M (Milano) Management degli shift. CZ (oma) roblematiche sulla sicurezza. CCC (Cagliari) ossibili interazioni tra trattamenti di seconda inea. B (orino) 1 - G G 55

58 12 B 2 - G WKH ore V M K Moderatori. QU (Catanzaro) - M. Z (Catania) l volto tremorigeno G. B (Catanzaro) l volto acinetico rigido M. M (Catanzaro) l volto psichico. UC (Catania) l volto cognitivo M. MB (apoli) G 56

59 57

60 UUM C CG e cellule staminali come potenziale trattamento delle malattie neurodegenerative: aspetti di base ed etici C CG C CG UÌ 13 B. M U. M Z. M 1 G G 2 G G U C CG C CG U CFFÈ U CFFÈ CMUCZ clerosi Multipla MB C M a terapia aferetica nelle encefaliti autoimmuni CBZ C dm CMUCZ eurogenetica CMUCZ Malattie degenerative C l rischio di caduta. videnze attuali per un approccio multidisciplinare CBZ C MM C GGM M CÀ FM C MU a clerosi Multipla: aggiornamenti per infermieri CMUCZ euroimmagini U Z C U Z C M imetilfumarato per il trattamento della clerosi Multipla CBZ C BG C CMUCZ Casi clinici M Challenge accepted: selective induction CBZ C GZYM F CMY M Challenge accepted: early prevention on disability progression CBZ C GZYM F CMY M trumenti avanzati per la diagnosi precoce delle malattie neuromuscolari. Focus sulla Malattia di ompe CBZ C GZYM F CMY U CFFÈ CMUCZ isordini del movimento M europrotezione nello stroke ischemico: dalla ricerca di base nuove opportunità terapeutiche? CBZ C CÀ UCZ CMUCZ Malattie cerebrovascolari CMUCZ Cefalee U Z C M immagine della Beta miloide: un biomarker per la diagnosi del deterioramento cognitivo CBZ C M MGG M ivaroxaban per il neurologo CBZ C BY M uove evidenze cliniche nell uso dello spray oromucosale a base di cannabinoidi nella spasticità da clerosi Multipla CBZ C M M approccio terapeutico multidisciplinare con tossina botulinica di tipo CBZ C G M Conoscere e riconoscere la neuropatia motoria multifocale CBZ C BX CMUCZ Malattie del motoneurone WKH europatie vegetative WKH Complicanze muscolari dalle malattie internistiche WKH a clerosi aterale miotrofica () ha cambiato confini? WKH ovra- e sotto-utilizzo di strumenti diagnostici e terapeutici in neurologia WKH istonia e tremore WKH parkinsonismi atipici e secondari WKH erapia precoce o preclinica per le malattie neurologiche? WKH e malattie di lzheimer WKH isabilità grave nella clerosi Multipla. erapie disease-modifying, terapie sintomatiche, cure palliative WKH ributo ad ndrea Vesalio a 500 anni dalla nascita ( ) G Casi clinici 3 Cefalee 2 emenza e invecchiamento 1 isordini del movimento 1 Malattie cerebrovascolari 2 Malattie neuromuscolari 2 Malattie del motoneurone euroimmagini clerosi multipla 2 eurofisiologia clinica euroscienze di base

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Neuropsicologia: Valutazione, Diagnosi e Riabilitazione V edizione

Neuropsicologia: Valutazione, Diagnosi e Riabilitazione V edizione ALTA SCUOLA DI PSICOLOGIA AGOSTINO GEMELLI Facoltà di Psicologia Master Universitario di secondo livello Neuropsicologia: Valutazione, Diagnosi e Riabilitazione V edizione Sedi di Milano e Brescia Master

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Serie RTC. Prospetto del catalogo

Serie RTC. Prospetto del catalogo Serie RTC Prospetto del catalogo Bosch Rexroth AG Pneumatics Serie RTC Cilindro senza stelo, Serie RTC-BV Ø 16-80 mm; a doppio effetto; con pistone magnetico; guida integrata; Basic Version; Ammortizzamento:

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. P E. R Svz szz pz - CNR L f sh s s mp pph ; p è pps pm pssbà p sss è ss vs, s s mp mq sz, ; s (, svh.) pss ss s z. I sh ss s spsv è sfvm fz m pph s p:

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Roberto CARUSO Corso Mazzini, 11-87100 Cosenza, Italia Telefono(i) Tel. + 39 0984681824 Fax+ 39 0984681322 E-mail Cittadinanza

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Quando Studiare il DAT

Quando Studiare il DAT Quando Studiare il A.Piccardo, E.O. Ospedali Galliera F. Nobili Università di Genova 123 I-FP-CIT (SCAN ) Pre-sinaptico FP- CIT Post-sinaptico Non interazione tra farmaci dopaminergici e imaging In presenza

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE)

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE) Brochure Montesilvano 2015 30/07/15 12: Pagina 1 Associazione Italiana Operatori Sanitari di Stomaterapia INCONTR- 2015 Certificazione EN ISO 9001:2008 IQ-0905-12 per formazione ed aggiornamento COMPETENZE

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli

Cardioaritmologia nel Lazio

Cardioaritmologia nel Lazio Cardioaritmologia nel Lazio Regione Lazio Roma, 27-28 marzo 2015 Ergife Palace Hotel PROGRAMMA AVANZATO Con il Patrocinio di ANCE Cardiologia Italiana del Territorio Sezione Regionale Lazio Coordinatori:

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Roma, aprile 2015 c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Bolzano, Pesaro, Ferrara e Treviso capitali della bici, almeno un quarto degli abitanti in bici tutti

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

A S S O C I A Z I O N E - A S S O C I AT I O N - ONLUS. P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia. Consiglio di Amministrazione

A S S O C I A Z I O N E - A S S O C I AT I O N - ONLUS. P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia. Consiglio di Amministrazione P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia Consiglio di Amministrazione D i re t t o re Generale SEZIONE DI RICERCA ISTITUTO SCIENTIFICO E. MEDEA RESEARCH SECTION E.MEDEA Comitato Etico P residente

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE Rapporti tra DVE e CAS Valutazione e trattamento Irina Podda A.F.A. Centro REUL Genova UNIVERSITA DEGLI STUDI Genova Roma, 29-30 gennaio 2012 III Convegno Nazionale AIDEE

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

La Terapia Farmacologica delle Malattie Infiammatorie Immuno-Mediate: dai Trattamenti Convenzionali ai Farmaci Biotecnologici

La Terapia Farmacologica delle Malattie Infiammatorie Immuno-Mediate: dai Trattamenti Convenzionali ai Farmaci Biotecnologici La Terapia Farmacologica delle Malattie Infiammatorie Immuno-Mediate: Presidenti Corrado Blandizzi Università di Pisa Pier Luigi Canonico Università del Piemonte Orientale BOLOGNA ROYAL HOTEL CARLTON 5-6-7

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

11 Congresso Regionale. 2 Congresso Nazionale SIMG LOMBARDIA SIMG AREA PNEUMOLOGICA. Società Italiana di Medicina Generale

11 Congresso Regionale. 2 Congresso Nazionale SIMG LOMBARDIA SIMG AREA PNEUMOLOGICA. Società Italiana di Medicina Generale MONZA BRIANZA, 6-7 Maggio 2011 Devero Hotel Società Italiana di Medicina Generale 1 11 Congresso Regionale PRESIDENTI DEL CONGRESSO Claudio Cricelli e Aurelio Sessa PRESIDENTE ONORARIO Ovidio Brignoli

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 di Andrea Cammelli, Serena Cesetti e Davide Cristofori 1. Aspetti introduttivi Dal 1998 AlmaLaurea, attraverso

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già MASTER BIENNALE ECM NEUROSCIENZE PER LA CLINICA ESPERTA DELLE DISABILITA' COGNITIVE ASSOCIAZIONE PSIONLUS ROMA ANNO 2012-2014 L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione

Dettagli