Lezioni sui linfomi. A cura di Stefano Aldo Pileri. Dedicate ai miei Maestri Professori Antonio Maria Mancini ed Alessandro Piccaluga

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezioni sui linfomi. A cura di Stefano Aldo Pileri. Dedicate ai miei Maestri Professori Antonio Maria Mancini ed Alessandro Piccaluga"

Transcript

1 Lezioni sui linfomi A cura di Stefano Aldo Pileri Dedicate ai miei Maestri Professori Antonio Maria Mancini ed Alessandro Piccaluga

2 Prof. Dr. Dr. h.c. Karl Lennert

3 LINFOMI: NEOPLASIE LINFOIDI I linfomi sono al terzo posto in ordine di incidenza fra le neoplasie al Mondo. Si distinguono in non-hodgkiniani e di Hodgkin. I primi hanno riconosciuto nel corso degli ultimi 20 anni un aumento esponenziale della loro incidenza; tale tendenza è destinata a mantenersi o, più probabilmente, a subire un ulteriore progressione nel prossimo mezzo secolo. I secondi, invece, sono rimasti stabili, con un tipico andamento stagionale. Al momento, il rapporto fra le forme non-hodgkiniane ed Hodgkiniane è pari ad 10/1.

4 MO B T LN Timo T Organi periferici Milza

5 Classificazione dei linfomi

6 Early 90s: no communication between Europe and USA with detriment for patients and science

7 Realizzata per consenso a due meeting organizzati a: Berlino, Aprile 1993, Boston, Maggio Pubblicata su: Blood 1994, 84:

8

9 La diagnosi di un linfoma è un processo integrato Campione tessuto cellule Informazioni cliniche Controparte normale Quadri morfologici Architettura Citologia Fenotipo Citogenetica Biologia molecolare DIAGNOSI Specifica entità Prognosi Bersagli terapeutici CD19 TC-> CD43 PE ->

10 2001

11 2008

12

13 10/ copie 01/ copie 09/ copie 09/ copie

14 Updated web-based version in 2015 Dear Steve: We are pleased to inform you that Dr Wild agreed to your proposals. We are now preparing documents for the Agreement for Performance of Work (APW) with Dr Vardiman, which will be sent to him shortly. Materials including text, figures, tables and references will be also ready by September 15. With best regards, Hiroko

15 (. ). 26/139

16 La REAL/WHO Classification non prevede alcuna indicazione circa il grado di malignità. Infatti, i criteri istologici (quali le dimensioni cellulari), utilizzati dalle usuali classificazioni anatomo-patologiche, non costituiscono dei reali indicatori prognostici.

17 Linfomi a basso grado! 1,0 0,8 * Probabilty 0,6 0,4 0,2 * * CLL MALT Follicular MCL DLBCL Burkitt 0, Years

18 Linfomi indolenti Corrispondono a quelle neoplasie linfoidi la cui sopravvivenza è valutabile in anni, indipendentemente dal fatto che siano o meno trattate. Longo DL. The REAL Classification of lymphoid neoplasms: one clinician s view. In Rosenberg S (ed): PPO Updates. Philadelphia: Lippincott 1995; 9:1-12.

19 Linfomi/leucemie disseminate leucemia linfatica cronica B/linfoma a piccoli linfociti B immunocitoma leucemia a tricoleucociti linfoma splenico della zona marginale plasmocitoma/mieloma multiplo leucemia a linfociti ampi e granulati (T) Linfomi extranodali linfoma della zona marginale di tipo MALT Linfomi nodali linfoma follicolare linfoma della zona marginale

20 Un aspetto comune a molti tipi di linfoma indolente è la tendenza a subire una trasformazione blastica, con accelerazione del quadro clinico.

21 Linfoma aggressivo Termine utilizzato per indicare quei tumori linfoidi che esordiscono con una sintomatologia importante e che - non trattati - riconoscono una rapida progressione. Longo DL. The REAL Classification of lymphoid neoplasms: one clinician s view. In Rosenberg S (ed): PPO Updates. Philadelphia: Lippincott 1995; 9:1-12.

22 NEOPLASIE DEI LINFOCITI B Dei precursori: Delle cellule mature/periferiche: NEOPLASIE DEI LINFOCITI T/NK Dei precursori: Delle cellule mature/periferiche: leucemia/linfoma linfoblastico linfoma mantellare linfoma follicolare di III grado linfoma a grandi cellule B, diffuso linfoma/leucemia di Burkitt leucemia/linfoma linfoblastico leucemia prolinfocitica T leucemia a cellule NK, aggressiva leucemia/linfoma T dell adulto (HTLV-1 + ) linfoma T/NK di tipo nasale linfoma T enteropatico linfoma T epatosplenico linfoma T simil-panniculitico linfoma T, NAS linfoma T angioimmunoblastico linfoma a grandi cellule anaplastiche

23 ZINZANI (Blood, 1999) LNH-AG ANZIANO VNCOP-B: OS ( ) 100 % Mesi Istituto Seràgnoli - Bologna

24 Principi di patobiologia

25 Imprints Wright, cytochemistry, immunocytochemistry Fresh No FNA Electron microscopy Cell cultures Cryopreservation Routine techniques Vaccine Cell suspensions Immunohistochemistry, molecular biology, genomics, proteomics Morphologic analysis, immunohistochemistry, molecular biology FACS analysis, cyto-genetics, molecular biology

26

27 Mantle cell Lymphoma VERGIN B- CELLS BCL-1 MALT lymphoma API2/MALT MARGINAL ZONE GERMINAL CENTRE Lympho-plasmacytic lymphoma PAX-5 HHV-8 Primary effusion PLASMACELL MANTLE MEMORY B- CELL Follicular Lymphoma BCL-2 BCL-6 Diffuse large B-cell lymphoma p53? c-myc p53 Burkitt s Lymphoma

28 Linfoma follicolare

29 CD10 Barcus ME et al. Appl Immunohistochem Molecul Morphol 4:263-6, 2000.

30 Bcl-6 Flenghi L et al. Am J Pathol 148: , Raible MD et al. Am J Clin Pathol 112:101-7, 1999.

31 CD20 Drug CD20 C Rituximab

32 Genetica dei Tumori Perchè una cellula normale diviene tumorale? Perchè diverse cause (spesso sconosciute) inducono un danno al patrimonio genetico della cellula. Danno al DNA Virus, Tossici, Radiazioni Cellula Neoplastica Cellula normale Incapacità di riparare il danno

33 Meccanismi di linfomagenesi EZIOLOGIA PATOGENESI FENOTIPO? (~75 %) patogeni (15-20%) immunodeficit od autoimmunità (~5 %) pesticidi (0.5-1 %) Attivazione di proto-oncogeni Inattivazione di geni oncosoppressori proliferazione apoptosi differenziazione

34 Linfomi maligni e patogeni Helicobacter pylori MZL (MALT) dello stomaco Campylobacter jujeni IPSID Clamydia psittaci MZL (MALT) oculare Borrelia burgdorferi MZL (MALT) cutaneo HCV MLDUS, MZL nodale e splenico, HBV DLBCL HHV8 PEL, malattia di Castleman, EBV BL, CHL, DLBCL-E, LYG, CIAL, TLPD- C, N/K-TCL NT, PTLD, IDLD HTLV1 ATLL HIV

35 Modello di linfomagenesi infezione-correlato HTLV1 HCV EBV HHV-8 HP BB CP CJ R C traslocatione Espansione linfoide poli/oligoclonale Linfoma G L G L G L G L

36 Malattie auto-immuni e linfomagenesi Sindrome di Sjögren Tiroidite di Hashimoto Enteropatia da ipersensibilità al glutine Lupus erythematosus Artrite reumatoide

37 Linfomi maligni e farmaci

38 Linfomi maligni ed età Paediatric type FL Paediatric type NMZL Systemic EBV+ T-cell LPD of childhood Hydroa vaccineforme-like lymphoma EBV+ DLBCL of the elderly

39 Linfomi maligni e sede anatomica Splenic diffuse red pulp small BCL FL of the jejunum FL of the testis FL of the skin (EORTC) Primary cutaneous DLBCL, leg-type (EORTC) Primary cutaneous aggressive epidermotropic CD8+ cytotoxic PTCL (EORTC) Primary cutaneous gamma-delta PTCL (EORTC) Primary cutaneous small/medium CD4 positive PTCL (EORTC)

40 Meccanismi di linfomagenesi EZIOLOGIA PATOGENESI FENOTIPO? (~75 %) patogeni (15-20%) immunodeficit od autoimmunità (~5 %) pesticidi (0.5-1 %) Attivazione di proto-oncogeni Inattivazione di geni oncosoppressori proliferazione apoptosi differenziazione

41 Fattori genetici intrinseci congeniti

42 Fattori genetici intrinseci acquisiti

43

44 Traslocazione di un proto-oncogene R C R C proto-oncogene gene Ig Traslocazione cromosomiale R C Deregolazione trascrizionale del proto-oncogene

45 MBR breakpoint Chr. 18 Chr. 14 EX.1 EX2 EX.3 J H S m C m 5 3 Sense primer Anti-sense primer mcr breakpoint Chr. 18 Chr. 14 EX.1 EX2 EX.3 J H S m C m 5 3 Sense primer Anti-sense primer

46 BCL-2 & LF

47 t(11;14) > riarrangiamento del gene BCL1 > sovraespressione della Ciclina D1 nel linfoma mantellare Centro germinativo residuo

48 Produzione di un gene di fusione R C R C Traslocazione cromosomiale R C C Sintesi di una proteina ibrida

49 Translocations and fusion proteins involving the ALK gene Translocation FrequencyLocalization t(2;5)( p23 ;q35 ) 70-80% Cytoplasmic/Nuclear nucleolar t(1;2)( q25 ;p23 ) 10-20% Cytoplasmic t(2;3)( p23 ;q21 ) 2-5% Cytoplasmic inv(2)( p23 ;q35 ) 2-5% Cytoplasmic t(2;17)( p23 ;q23 ) 2-5% Cytoplasmic t(2;19)( p23 ;q13,1 ) - Cytoplasmic t(2;2)( p23 ;q11-13 )? - Nuclear or inv(2)( p23 ;q11-13 )? - membrane t(x;2)( q11-12 ;p23 ) - Membranous

50 Mutazioni di geni regolatori BCL6 gene point mutation +1144

51

52 Sovra-espressione di p53 da mutazioni puntiformi del gene corrispondente

53 Eventi epigenetici Metilazione Modificazione degli istoni

54

55 , 2007 Drosha and Dicer: RNaseIII-type nucleases; DGCR8 and TRBP/PACT: co-factors; mirisc: microrna-induced silencing complex.

56 Plasticità e dinamica delle popolazioni linfoidi Sono i linfomi entità stabili? Trans-differenziazione di elementi linfoidi T-LBL Langerhans Cell Hystiocytosis (Feldman et al, Lancet Oncol 2005; 6: 435) (Xie H et al Cell 2004)

57 The Human Genome Project A Global Perspective in Medicine

58 Micro-array Le tecniche basate sul principio dei microarray costituiscono il fronte avanzato della ricerca bio-medica, specie in campo oncologico. Array: allineamento, disposizione a schiera. Tipo di organizzazione del materiale biologico da analizzare.

59 Tecnologie basate sui microarray DNA microarray Valutazione qualitativa e quantitativa dell espressione dello mrna Valutazione dell intero genoma su di una singola chip Oligonucleotide microarray DNA microarray SNP array GCH array

60 Profilo di espressione genica

61 Unsupervised analysis (ordinamento gerarchico) Classificazione dei campioni sulla base delle similitudini del profilo di espressione genica. BL GC cells FL DLCL N/M cells CLL MCL HCL

62 Supervised analysis Confronto fra categorie predefinite. Germinal center Naive Memory Supervised Analysis 334 genes

63 LIMITAZIONE La quasi totalità degli studi di profilo di espressione genica sono stati condotti usando tessuti criopreservati

64 Gene expression analysis DASL Assay Pool probe These probes span about 50 bases, making it possible to profile partially degraded RNA.

65

66 Profilo di espressione mirna

67

68

69 Sequenziamento massivo del genoma

70 13 anni 3 miliardi di dollari 7 giorni 2800 Euro

71 Platforms Instrument Company Year Feature generation Sequencing by synthesis Read lenght Mappable Accuracy data /run 454 Roche 2004 Emulsion PCR Polymerase (pyrosequencing) 450 bp 0.5Gb >99.5% HiSeq Illumina 2010 Bridge PCR Polymerase (reversibile terminators) 100 bp Gb 99.9% SOLiD Applied Biosystems 2007 Emulsion PCR Ligase (octamers) 50 bp Gb 99.9%

72 Applications Category Complete genome resequencing Targeted genomic resequencing Paired-end sequencing RNAseq (transcriptome seq) De novo assembly Small RNA sequencing Metagenomics ChIP seq Epigenomics Application Mutation, SNP. discovery in individual genomes. Detection of human genomic variation Targeted mutation and SNP discovery. Population genetics. Discovery of inherited and acquired structural variations Quantification of gene expression and alternative splicing. Discovery of SNP and somatic mutations. Discovery of structural variants. Sequencing and assembly of unknown genomes mirna profiling Discovery and characterization of complex enviromental or human microbial communities. Genome-wide mapping of protein-dna interactions Pattern of methylation in genomic DNA

73

74 Bioinformatic workflow Next Generation Sequencing Image Analysis, Sequences Extraction and Quality Control (CASAVA, FastQC) Sequence Alignment (Bowtie, BWA, Maq) Whole Exome Sequencing RNA Sequencing Genotype and SNP calling (GATK, Samtools) Alternative Splicing Isoforms and Fusion Detection (Tophat, FusionSeq, Defuse) Structural Variants (CNV) Detection (RDXplorer) Gene Expression Profile (Cufflinks, Cuffdiff)

75 RNA-Seq Applications GENE EXPRESSION SNPs- InDels CHIMERIC TRANSCRIPTS NOVEL ISOFORMS ALTERNATIVE SPLICING NOVEL TRANSCRIPTS

76 Fusion detection results, According to bio-informatic analysis

77 The coding genome of splenic marginal zone lymphoma: activation of NOTCH2 and other pathways regulating marginal zone development. Rossi D, Trifonov V, Fangazio M, Bruscaggin A, Rasi S, Spina V, Monti S, Vaisitti T, Arruga F, Famà R, Ciardullo C, Greco M, Cresta S, Piranda D, Holmes A, Fabbri G, Messina M, Rinaldi A, Wang J, Agostinelli C, Piccaluga PP, Lucioni M, Tabbò F, Serra R, Franceschetti S, Deambrogi C, Daniele G, Gattei V, Marasca R, Facchetti F, Arcaini L, Inghirami G, Bertoni F, Pileri SA, Deaglio S, Foà R, Dalla-Favera R, Pasqualucci L, Rabadan R, and Gaidano G. J Exp. Med., E-pub ahead of print, 2012.

78 ALK - ALCL 8 different genetic lesions detected by RNAseq

79 Profilo di espressione proteica

80 Tecnologie basate sui microarray Micro-array tissutale ( tissue chip ) Fino a 1000 campioni diversi sullo stessa vetrino Analisi in situ ad altissima resa Kononen et al. Nat Med. 1998; 4:844-7

81

82 Dai protocolli rigidi applicati a tutti i Pazienti alla.

83 Tailored therapy

84

85

86 PTCL: overall survival Control Dauno 5mM Imatinib 1 mm

87 Genes differentially expressed in PTCL/NOS and normal T- cells (training set + test set) Training set Test set CD4-CD8-DR+ PDGFRa TK inhibitors Supervised analysis 155 genes: 91 down-regulated and 64 up-regulated

88 TCL subtype cases included in TMA PDGFRa p-pdgfra PDGF-A PDGF-B PTCL/NOS / /110 74/86 85/92 AITL 45 36/36 21/22 20/23 23/24 ALCL ALK /16 10/12 13/13 9/12 ALCL ALK /10 8/10 6/6 7/9 MF 28 28/28 28/28 5/5 7/8 EATL 5 5/5 ne 3/3 2/2 SPTCL 1 1/1 ne ne 0/1 TCL subtype PDGFRβ PTCL/NOS 4*/38 AITL 0/15 ALCL ALK + 9/9 ALCL ALK - 15/20

89

90 Imatinib reduces cell viability, by inducing cell cycle arrest and apoptosis in PTCL/NOS primary cells Control Sugen 0,3 mm Sugen 1 mm Medium Medium + Imatinib 1 mm Annexin V: t48h Control Imatinib G1 S G2-M BrdUrd proliferation assay; 48 h

91

92 Conditional deletion of JunB and cjun in transgenic mice in which the human NPM/ALK was put under the control of the murine CD4 promoter Lymphoma development

93 Patient suffering from NPM-ALK+, JunB+, cjun+, PDGFRA+, PDGFRB+, c-kit- ALCL refractory to conventional first line chemotherapy and relapsed after autologous stem cell transplantation. Complete clinical remission with reduced tumor markers and normalized PDGFB levels within days of imatinib therapy. Patient free of ALCL since 20 months after initiation of imatinib.

94 La diagnosi di linfoma Quale approccio? Profonda conoscenza delle singole entità Tecnologia multi-disciplinare Integrazione di tutti i dati da parte del patologo Keep an Open Mind

95 Truth is rarely pure and never simple. Oscar Wilde, The importance of being Earnest

96 Salvador Dalì, 1975 A. Lincoln

97

98 PP Piccaluga, E Sabattini, C Agostinelli, F Bacci, F Fuligni, C Sagramoso, M Rossi, S Righi, A Gazzola, T Sista, M Piccioli, MR Sapienza, A Laginestra, C Mannu, F Sandri, P Artioli, G De Biase, G Da Pozzo, C Tigrini, M Monari and D Bignami

RICERCA TRASNAZIONALE e TRASLAZIONALE

RICERCA TRASNAZIONALE e TRASLAZIONALE Roma, 3 dicembre 2012 RICERCA TRASNAZIONALE e TRASLAZIONALE Gianluca Gaidano, M.D., Ph.D Division of Hematology Department of Translational Medicine Amedeo Avogadro University of Eastern Piedmont Novara-Italy

Dettagli

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV ADULTS AND CHILDREN ESTIMATED TO BE LIVING WITH HIV/AIDS,

Dettagli

Analisi della Malattia Minima Residua

Analisi della Malattia Minima Residua XIX CORSO NAZIONALE PER TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO Riccione, 22-25 Maggio 2012 Analisi della Malattia Minima Residua Dr.ssa Anna Gazzola Laboratorio di Patologia Molecolare, Sezione di Emolinfopatologia,

Dettagli

Ruolo dei test di clonalità nei disordini linfoproliferativi

Ruolo dei test di clonalità nei disordini linfoproliferativi XIX CORSO NAZIONALE PER TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO Riccione, 22-25 Maggio 2012 Ruolo dei test di clonalità nei disordini linfoproliferativi Dr.ssa Claudia Mannu Laboratorio di Patologia Molecolare,

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Genetica delle neoplasie ematologiche Individua le alterazioni genetiche ed epigenetiche presenti nei vari disordini onco-ematologici www.fisiokinesiterapia.biz Fattori estrinseci Ambiente Danno genotossico

Dettagli

GIE - Gruppo Italiano di studio di Ematopatologia

GIE - Gruppo Italiano di studio di Ematopatologia INDAGINI DI CARATTERIZZAZIONE CITOFLUORIMETRICA E GENETICO- MOLECOLARE PREFAZIONE La diagnosi delle malattie linfoproliferative si basa sull integrazioni delle informazioni istomorfologiche con i dati

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Linfomi non-hodgkin s: definizione Malattie neoplastiche con aspetti quanto mai eterogenei, con caratteristiche morfologiche, fenotipiche, genotipiche e talora funzionali corrispondenti ad uno o più degli

Dettagli

Il Cancro è una malattia genetica

Il Cancro è una malattia genetica Il Cancro è una malattia genetica PROCESSO MULTIFASICO Il Cancro è sempre genetico Talvolta il cancro è ereditario Ciò che viene ereditato non è la malattia, bensì la PREDISPOSIZIONE In assenza di ulteriori

Dettagli

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica:

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica: DNA Microarray: griglia di DNA costruita artificialmente, in cui ogni elemento della griglia riconosce una specifica sequenza target di RNA o cdna. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di

Dettagli

Linfomi indolenti. www.fisiokinesiterapia.biz

Linfomi indolenti. www.fisiokinesiterapia.biz Linfomi indolenti www.fisiokinesiterapia.biz I LINFOMI NON HODGKIN (LNH) Gruppo eterogeneo di neoplasie linfoidi caratterizzate da proliferazione ed accumulo di elementi linfoidi neoplastici (proliferazione

Dettagli

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Luca Sangiorgi S.S.D. di Genetica Medica e Malattie Rare Ortopediche, Istituto Ortopedico Rizzoli Bologna SSD di Genetica Medica IOR Roma, 25 settembre

Dettagli

Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING. dott.ssa Alessandra Cuccurullo

Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING. dott.ssa Alessandra Cuccurullo Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING dott.ssa Alessandra Cuccurullo EXOME SEQUENCING Anche noto come targeted exome capture. Strategia per sequenziare selettivamente

Dettagli

The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias

The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias INTRODUZIONE Il mio progetto di ricerca, finanziato dall Associazione Damiano per l Ematologia, si è inserito in un più ampio studio di caratterizzazione

Dettagli

Tecniche biofisiche basate su nanopori

Tecniche biofisiche basate su nanopori Tecniche biofisiche basate su nanopori -Pori di dimensione nanometrica -Attraverso membrane lipidiche o inorganiche -Di natura proteica o scavati con tecnologie top-down Possono essere impiegati per -Studiare

Dettagli

SINDROMI MIELODISPLASTICHE

SINDROMI MIELODISPLASTICHE SINDROMI MIELODISPLASTICHE MECCANISMI MOLECOLARI R. Piazza MECCANISMI MOLECOLARI Bejar R et al. JCO 2011;29:504-515 NEXT GENERATION SEQUENCING Flowcell NEXT GENERATION SEQUENCING Library di DNA Genomic

Dettagli

Raccolta prospettica di dati di rilevanza prognostica in pazienti con Leucemia Linfatica Cronica a cellule B.

Raccolta prospettica di dati di rilevanza prognostica in pazienti con Leucemia Linfatica Cronica a cellule B. O-CLL1 CHRONIC LYMPHOCYTIC LEUKEMIA PROGNOSTIC FACTOR PROJECT Raccolta prospettica di dati di rilevanza prognostica in pazienti con Leucemia Linfatica Cronica a cellule B. O-CLL1-PROTOCOL Sinossi O-CLL1-sinossi,

Dettagli

Elenco degli esami molecolari prescrivibili e a carico del SSN

Elenco degli esami molecolari prescrivibili e a carico del SSN Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori 02 20133 milano - via venezian, 1 - tel. 02 23901 - telex 333290 tumist I - codice fiscale 80018230153 - partita i.v.a. 04376350155 Dipartimento di Patologia

Dettagli

Esercitazioni di Genomica

Esercitazioni di Genomica Esercitazioni di Genomica Bioinformatica ai tempi del NGS, PhD CRIBI Biotechnology Center, University of Padua BMR Genomics srl, Spin-Off Giovanni Birolo, PhD CRIBI Biotechnology Center, University of

Dettagli

PATOLOGIA MOLECOLARE

PATOLOGIA MOLECOLARE Diagnosi rischio individuale diagnosi precoce PATOLOGIA MOLECOLARE prognosi therapia singolo paziente Example of an approximately 40,000 probe spotted oligo microarray with enlarged inset to show detail.

Dettagli

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Il Consiglio Direttivo Nazionale LILT, nella seduta del 19 marzo 2015, ha formalmente approvato la documentazione relativa ai lavori della Commissione tecnico-scientifica

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

I PROGETTI OMICI. Studiano gli elementi biologici nel loro insieme TRASCRITTOMICA PROTEOMICA

I PROGETTI OMICI. Studiano gli elementi biologici nel loro insieme TRASCRITTOMICA PROTEOMICA 1 I PROGETTI OMICI Studiano gli elementi biologici nel loro insieme TRASCRITTOMICA PROTEOMICA Studia il contenuto in mrna di una cellula (in differenti fasi di sviluppo, in risposta a vari stimoli o a

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MASI SERENA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MASI SERENA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail MASI SERENA Nazionalità Italiana Data di nascita ISTRUZIONE E FORMAZIONE Date 2002 2007 (data conseguimento:

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

ANALISI POST-GENOMICHE TRASCRITTOMA: CONTENUTO DI RNA DI UNA CELLULA.

ANALISI POST-GENOMICHE TRASCRITTOMA: CONTENUTO DI RNA DI UNA CELLULA. TECNICHE PER L ANALISI DELL ESPRESSIONE GENICA RT-PCR REAL TIME PCR NORTHERN BLOTTING ANALISI POST-GENOMICHE Conoscere la sequenza genomica di un organismo non è che l inizio di una serie di esperimenti

Dettagli

Disordini linfoproliferativi: leucemie linfoidi

Disordini linfoproliferativi: leucemie linfoidi DIAGNOSTICA CITO-ISTOLOGICA DELLE MALATTIE LINFO-EMATOPOIETICHE NEI PICCOLI ANIMALI seminario organizzato nell'ambito del corso di Diagnostica cito-istologica veterinaria a.a. 2005-2006 Udine, Venerdì

Dettagli

O.R.I.A. Osservatorio Ricerca e Innovazione Aziendale Seduta del 3 Febbraio 2010

O.R.I.A. Osservatorio Ricerca e Innovazione Aziendale Seduta del 3 Febbraio 2010 Seduta del 3 Febbraio 2010 Seduta del 3 Febbraio 2010 U.O. LABORATORIO DI GENETICA 1) Applicazione della tecnologia CGH (Comparative Genomic Hybridization) microarray per attività diagnostiche e di ricerca

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA CITOFLUORIMETRIA QUALCHE ESEMPIO

APPLICAZIONI DELLA CITOFLUORIMETRIA QUALCHE ESEMPIO APPLICAZIONI DELLA CITOFLUORIMETRIA QUALCHE ESEMPIO STUDIO DEL SISTEMA IMMUNITARIO Una delle maggiori applicazioni della citofluorimetria e rappresentata dall analisi (e sorting) delle diverse popolazioni

Dettagli

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015 Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Fonti e testi di riferimento Dan Graur: http://nsmn1.uh.edu/dgraur/ >courses > bioinformatics

Dettagli

Contributo. Tavoli tematici. 1. Dati proponente contributo VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020

Contributo. Tavoli tematici. 1. Dati proponente contributo VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici Contributo 1 1. Dati proponente contributo Alfredo Ferro Ente/organizzazione di appartenenza Università di Catania Telefono 3666627657

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

Biofarmaci. Contributo ENEA Sviluppo di biofarmaceutici innovativi per terapie anti-metastatiche. Conferenza Stampa. Roma, 22 settembre 2011

Biofarmaci. Contributo ENEA Sviluppo di biofarmaceutici innovativi per terapie anti-metastatiche. Conferenza Stampa. Roma, 22 settembre 2011 Biofarmaci Contributo ENEA Sviluppo di biofarmaceutici innovativi per terapie anti-metastatiche Eugenio Benvenuto Laboratorio Biotecnologie UT BIORAD Conferenza Stampa Roma, 22 settembre 2011 UT BIORAD

Dettagli

Next-generation sequencing, annotazione, ed espressione genica. Giulio Pavesi Dip. Bioscienze Università di Milano giulio.pavesi@unimi.

Next-generation sequencing, annotazione, ed espressione genica. Giulio Pavesi Dip. Bioscienze Università di Milano giulio.pavesi@unimi. Next-generation sequencing, annotazione, ed espressione genica Giulio Pavesi Dip. Bioscienze Università di Milano giulio.pavesi@unimi.it Il primo passo... Abbiamo la sequenza completa del DNA di un organismo:

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16 MASTER DEGREE IN MOLECULAR AND MEDICAL BIOTECHNOLOGY AA 2015/16 Classe LM-9 - Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche Come iscriversi Il Corso di Studio è ad accesso non programmato Accesso

Dettagli

Caratterizzazione Molecolare di Cellule Staminali di Leucemia Mieloide Acuta

Caratterizzazione Molecolare di Cellule Staminali di Leucemia Mieloide Acuta 2 Workshop Nazionale SIES Ematologia Traslazionale Verona, 21-22 Maggio 2009 Caratterizzazione Molecolare di Cellule Staminali di Leucemia Mieloide Acuta Simona Salati Universita di Modena and Reggio Emilia

Dettagli

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it marsteller/ B-M Healthcare Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it IN COLLABORAZIONE CON: SI RINGRAZIA: PER AVER SOSTENUTO L AIL NELLA DIFFUSIONE DI QUESTO MESSAGGIO. L

Dettagli

ANALISI DEI GENI ICOSL FOXP3 e ICOS, IN PAZIENTI AFFETTI DA ALOPECIA AREATA

ANALISI DEI GENI ICOSL FOXP3 e ICOS, IN PAZIENTI AFFETTI DA ALOPECIA AREATA ANALISI DEI GENI ICOSL FOXP3 e ICOS, IN PAZIENTI AFFETTI DA ALOPECIA AREATA L alopecia areata (AA) è una comune malattia della pelle che si manifesta con la perdita dei capelli e affligge approssimativamente

Dettagli

Terapia target Nel melanoma maligno avanzato

Terapia target Nel melanoma maligno avanzato Terapia target Nel melanoma maligno avanzato La gestione del melanoma alla luce delle nuove evidenze Torino 07/11/2014 FABRIZIO CARNEVALE SCHIANCA DIVISIONE DI ONCOLOGIA MEDICA FPO IRCCS CANDIOLO. Outline

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

Cellule Staminali. Arti Ahluwalia

Cellule Staminali. Arti Ahluwalia Cellule Staminali Arti Ahluwalia Le Proprietà di cellule staminali Capacita di auto rinnovarsi (self-renewal) Capacità di differenziarsi lungo almeno una linea (potency) The cell which results from the

Dettagli

Summer School 2015. Alloreattività e trapianti nell uomo: le nuove metodiche di studio e i trapianti alternativi

Summer School 2015. Alloreattività e trapianti nell uomo: le nuove metodiche di studio e i trapianti alternativi Summer School 2015 Alloreattività e trapianti nell uomo: le nuove metodiche di studio e i trapianti alternativi Applicazioni della Next-Generation Sequencing con tecnologia Illumina Roberto Cusano 04-06

Dettagli

LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA

LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA Associazione Culturale Micene 1 Congresso Nazionale Evoluzione della Scienza e della Tecnica LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA Dr. Federico Selvaggi Università degli Studi G. d Annunzio Chieti/Pescara

Dettagli

EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO. U.O. Genetica Medica

EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO. U.O. Genetica Medica EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO Dott.ssa M.Neri U.O. Genetica Medica Responsabile Consulenza Oncogenetica Prof.ssa A. Ferlini Direttore U.O. Genetica Medica I TUMORI AL SENO EREDITARI : L IMPORTANZA DELLA

Dettagli

U. O. di Ematologia Ospedale S. Donato - Arezzo. Leucemie Acute. Alessandra Caremani

U. O. di Ematologia Ospedale S. Donato - Arezzo. Leucemie Acute. Alessandra Caremani U. O. di Ematologia Ospedale S. Donato - Arezzo Leucemie Acute Alessandra Caremani Leucemie acute Definizione Le leucemie derivano da alterazioni molecolari presenti a livello di un precursore ematopoietico

Dettagli

RUOLO DELL'HPV NELLA PATOGENESI DEL CARCINOMA DEL COLLO DELL'UTERO: FATTORI MOLECOLARI DIAGNOSTICI E PROGNOSTICI DI MALATTIA. Marialuisa Zerbini

RUOLO DELL'HPV NELLA PATOGENESI DEL CARCINOMA DEL COLLO DELL'UTERO: FATTORI MOLECOLARI DIAGNOSTICI E PROGNOSTICI DI MALATTIA. Marialuisa Zerbini Università di Bologna Dipartimento di Medicina Clinica Specialistica e Sperimentale Sezione di Microbiologia RUOLO DELL'HPV NELLA PATOGENESI DEL CARCINOMA DEL COLLO DELL'UTERO: FATTORI MOLECOLARI DIAGNOSTICI

Dettagli

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Test Metodo utilizzato Osservazioni, indicazioni Amplificazione genica Her2/neu nei carcinoma mammari e gastrici L amplificazione genica di Her2/neu

Dettagli

Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni

Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni dei geni predittivi di risposta alla terapia oncologica Carmelo Lupo Casa di Cura La Maddalena Palermo Test molecolari PREDITTIVI di

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLE LEUCEMIE ACUTE

EZIOPATOGENESI DELLE LEUCEMIE ACUTE EZIOPATOGENESI DELLE LEUCEMIE ACUTE Fattori ambientali HSC X? Alterazione genetica progenitore mieloide/linfoide Condizioni ereditarie? altro evento trasformante cellule leucemiche Cellule mature LEUCEMIE

Dettagli

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Le domande sulla PCR rivolte con maggior frequenza Autore: Dott. Michael Mauro, Professore di Medicina della Divisione di Ematologia e Oncologia medica;

Dettagli

Virus Oncogeni. Ciclo vitale litico. Per la maggior parte dei virus è vero: proteine virali. Replicazione Lisi Progenie virale

Virus Oncogeni. Ciclo vitale litico. Per la maggior parte dei virus è vero: proteine virali. Replicazione Lisi Progenie virale Virus Oncogeni Per la maggior parte dei virus è vero: Genoma proteine virali Replicazione Lisi Progenie virale Ciclo vitale litico 1 Virus Oncogeni Ciclo vitale latente Virus Cellula Integrazione (generalmente)

Dettagli

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ CRIOGLOBULINEMIA MISTA

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ CRIOGLOBULINEMIA MISTA WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ CRIOGLOBULINEMIA MISTA CRIOGLOBULINEMIA MISTA La Crioglobulinemia mista (CM) è una vasculite dei vasi di piccolo e medio calibro descritta come malattia autonoma per la prima

Dettagli

I linfomi non Hodgkin dell adolescente/giovane adulto: confronto fra trattamenti Dalla parte dell adulto

I linfomi non Hodgkin dell adolescente/giovane adulto: confronto fra trattamenti Dalla parte dell adulto I linfomi non Hodgkin dell adolescente/giovane adulto: confronto fra trattamenti Dalla parte dell adulto 1 Incidenza (TSE/100000 abitanti) della patologia oncologica nella fascia di età 0-39 anni in Italia

Dettagli

XIII RIUNIONE ANNUALE ASSOCIAZIONE ITALIANA REGISTRI TUMORI - AIRTUM Siracusa, 6/8 Maggio 2009. R. Sunseri 2,N. Romano 2.

XIII RIUNIONE ANNUALE ASSOCIAZIONE ITALIANA REGISTRI TUMORI - AIRTUM Siracusa, 6/8 Maggio 2009. R. Sunseri 2,N. Romano 2. XIII RIUNIONE ANNUALE ASSOCIAZIONE ITALIANA REGISTRI TUMORI - AIRTUM Siracusa, 6/8 Maggio 2009 Sottotipi di carcinoma della mammella identificati con markers immunoistochimici: dati del Registro Tumori

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma Biologia Molecolare CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma L analisi del genoma n La tipizzazione del DNA n La genomica e la bioinformatica n La genomica funzionale La tipizzazione del DNA DNA Fingerprinting

Dettagli

Linfomi non Hodgkin Linfoma: cosa è e da dove deriva? linfatico sistema immune sistema linfatico I linfonodi linfonodi laterocervicali

Linfomi non Hodgkin Linfoma: cosa è e da dove deriva? linfatico sistema immune sistema linfatico I linfonodi linfonodi laterocervicali Linfomi non Hodgkin La terapia del linfoma è oggi molto più efficace che in passato grazie alle migliori conoscenze della malattia ed alle nuove modalità di cura quali gli anticorpi monoclonali, l immuno-chemioterapia

Dettagli

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni Perché ci troviamo oggi a parlare delle cellule staminali? Driesch (fine 800) dimostra la totipotenza dei blastomeri dell embrione embrione

Dettagli

Tumori Emolinfopoietici: il punto di vista dell Ematologo

Tumori Emolinfopoietici: il punto di vista dell Ematologo Tumori Emolinfopoietici: il punto di vista dell Ematologo SC Ematologia, ASMN Relative frequencies of B-cell lymphoma subtypes in adults Relative frequencies of mature T-cell lymphoma subtypes in adults

Dettagli

La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione

La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione Raniero Lorenzetti Biotecnologie Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana PREMESSA

Dettagli

microrna Profiling nei Linfomi a Cellule T Periferiche

microrna Profiling nei Linfomi a Cellule T Periferiche Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA IN IN EMATOLOGIA CLINICA E SPERIMENTALE ED EMATOPATOLOGIA Ciclo XXV Settore Concorsuale di afferenza: 06/A4 Settore Scientifico disciplinare:

Dettagli

LEUCEMIA A TRICOLEUCOCITI (Hairy cell leukaemia)

LEUCEMIA A TRICOLEUCOCITI (Hairy cell leukaemia) LEUCEMIA A TRICOLEUCOCITI (Hairy cell leukaemia) Citologia (su sangue periferico) 1.5-2 volte la taglia di un linfocita maturo nucleo occupante i 2/3 della cellula caratteristica corona di proiezioni citoplasmatiche

Dettagli

Fondazione Italiana Linfomi ONLUS. Fondazione Italiana Linfomi ONLUS

Fondazione Italiana Linfomi ONLUS. Fondazione Italiana Linfomi ONLUS Fondazione Italiana Linfomi ONLUS Sede legale : piazza Turati 5, 15121 - Alessandria Segreteria: c/o S.C. Ematologia Azienda Ospedaliera Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo, Via Venezia 16, 15121 Alessandria

Dettagli

Epithelial-Mesenchymal Transition in Cancer. Relevance of Periostin Splice Variants

Epithelial-Mesenchymal Transition in Cancer. Relevance of Periostin Splice Variants DISS. ETH NO. 19590 Epithelial-Mesenchymal Transition in Cancer Relevance of Periostin Splice Variants A dissertation submitted to the ETH Zurich For the degree of Doctor of Sciences Presented by Laura

Dettagli

Oncologici: sistemi e politiche per la sostenibilità

Oncologici: sistemi e politiche per la sostenibilità Oncologici: sistemi e politiche per la sostenibilità Pierluigi Navarra Convegno Nazionale SIFEIT: Innovazione e sostenibilità delle politiche farmaceutiche: quale futuro? Roma, 19 Novembre 2014 Forecasting

Dettagli

Lezione 2 Capitolo 18 del testo

Lezione 2 Capitolo 18 del testo Test genetico Lezione 2 Capitolo 18 del testo Cos e un test genetico/diagnostico M Il test genetico di per se non e solo utilizzato in diagnostica: sono un insieme di tecniche che vengono utilizzate per

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI LINFOMI MALIGNI: L ISTOPATOLOGIA QUALE GUIDA ALLA TERAPIA.

CLASSIFICAZIONE DEI LINFOMI MALIGNI: L ISTOPATOLOGIA QUALE GUIDA ALLA TERAPIA. CLASSIFICAZIONE DEI LINFOMI MALIGNI: L ISTOPATOLOGIA QUALE GUIDA ALLA TERAPIA. SA Pileri, G Fraternali Orcioni, S Ascani, M Milani, L Leoncini*, B Falini** Servizio di Anatomia Patologica ed Ematopatologia

Dettagli

Come identificare i Cromosomi

Come identificare i Cromosomi Come identificare i Cromosomi Fino al 1970, i cromosomi sono stati classificati in base alle dimensioni ed alla posizione del centromero. A I più grandi (metacentrici) B Grandi (submetacentrici) C Medi

Dettagli

La Biopsia Prostatica: where are we going?

La Biopsia Prostatica: where are we going? La Biopsia Prostatica: where are we going? Sabato 28 Novembre 2015, Catania Dott. Michele Salemi Screening genetico correlato a rischio di carcinoma prostatico. BRCA1, BRCA2, TP53, CHEK2, HOXB13 e NBN:

Dettagli

Incontro con bioinformatici

Incontro con bioinformatici Incontro con bioinformatici Giuseppe Macino Universita di Roma La Sapienza Quanto DNA e contenuto nei genomi di Amoeba dubia 670 miliardi c.b Zea maize 4 miliardi c.b. Homo sapiens 2,9 miliardi c.b Arabidopsis

Dettagli

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato.

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Correlazione tra fenotipo alterato, o a livello cellulare,

Dettagli

Esercitazioni di Genomica

Esercitazioni di Genomica Bioinformatica ai tempi del NGS, PhD CRIBI Biotechnology Center, University of Padua BMR Genomics srl, Spin-Off Giovanni Birolo, PhD CRIBI Biotechnology Center, University of Padua Perché bioinformatica?

Dettagli

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Milena Sinigaglia Quality Systems Management & Health S.r.l. Meetjob Oristano 23/24 Aprile 2013

Dettagli

Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare

Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica Varese, 3 luglio 2012 Il carcinoma pancreatico Patogenesi Suscettibilità genetica Implicazioni diagnostiche

Dettagli

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico RNA interference Tecnica che permette di interferire con l espressione di alcuni geni mediante la trasfezione di piccoli frammenti di RNA a doppio filamento in grado di antagonizzare l RNA messaggero corrispondente.

Dettagli

LINFOMA DELLA ZONA MARGINALE PRIMITIVO SPLENICO

LINFOMA DELLA ZONA MARGINALE PRIMITIVO SPLENICO LINFOMA DELLA ZONA MARGINALE PRIMITIVO SPLENICO CLINICA 2% dei linfomi NH. Età > 60 aa Splenomegalia di grado variabile (ln ilari freq. +) Non interessamento di ln periferici (sec. WHO) Linfocitosi (quadro

Dettagli

Progetto Tesi di Master Dr. Zamir KADIJA

Progetto Tesi di Master Dr. Zamir KADIJA Progetto Tesi di Master Dr. Zamir KADIJA Profilo mutazionale di oncogeni candidati nel carcinoma broncogeno non-a-piccole cellule condotto su campioni ottenuti mediante biopsia endobronchiale ed agoaspirato

Dettagli

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica AlphaReal BREAST Scheda Tecnica A3 DS RT 607 ARBreast_01_2015.doc Pag. 1 di 5 Rev. 01 del Gennaio 2015 Prodotto: AlphaReal BREAST Codice prodotto: RT-607.05.20 / RT-607.10.20 N Tests: 5/10 tests Destinazione

Dettagli

a) Titolo: Analisi di genomica mediante tecniche microarray dei tumori stromali gastrointestinali (GIST) e relative implicazioni cliniche.

a) Titolo: Analisi di genomica mediante tecniche microarray dei tumori stromali gastrointestinali (GIST) e relative implicazioni cliniche. Proponente: Dott.ssa Maria A Pantaleo a) Titolo: Analisi di genomica mediante tecniche microarray dei tumori stromali gastrointestinali (GIST) e relative implicazioni cliniche. b) Breve presentazione dell

Dettagli

La sindrome di Lynch. Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC. G. A. Pablo Cirrone. lunedì 11 marzo 2013

La sindrome di Lynch. Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC. G. A. Pablo Cirrone. lunedì 11 marzo 2013 La sindrome di Lynch Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC G. A. Pablo Cirrone 1 Caratteristiche generali I HNPCC (Hereditary Non-Polyposis Colonrectal Cancer) è caratterizzato dalla comparsa,

Dettagli

10 anni di. Ematologia a Venezia. Convegno. 25 novembre 2004. 26 novembre 2004 PROGRAMMA. Venezia, Mestre, Prof. Teodoro Chisesi

10 anni di. Ematologia a Venezia. Convegno. 25 novembre 2004. 26 novembre 2004 PROGRAMMA. Venezia, Mestre, Prof. Teodoro Chisesi 25 novembre 2004 Venezia, Convegno Biblioteca S. Domenico O.C. SS. Giovanni e Paolo 10 anni di Ematologia a Venezia Prof. Teodoro Chisesi 26 novembre 2004 Mestre, Laguna Palace Hotel and Conference Center

Dettagli

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2015-2016. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2015-2016. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2015-2016 Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Possibili testi di riferimento Introduction to Genomics, A.M. Lesk, Oxford Capitoli 1, 3,

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Valutazione del profilo di espressione genica nello studio della leucemia linfatica cronica

Valutazione del profilo di espressione genica nello studio della leucemia linfatica cronica Università degli studi di Roma Sapienza Dipartimento di Biotecnologie Cellulari ed Ematologia Sezione di Ematologia Dottorato di Ricerca in Scienze Ematologiche XXI ciclo TESI Valutazione del profilo di

Dettagli

Applicazioni biotecnologiche in systems biology

Applicazioni biotecnologiche in systems biology Applicazioni biotecnologiche in systems biology Lezione #6 Dr. Marco Galardini AA 2012/2013 Gene regulation analysis Lezione #6 Dr. Marco Galardini AA 2012/2013 Regolazione genica Elementi molecolari e

Dettagli

allele angiogenesi antisenso apoptosi carcinoma in situ cellula germinale cellula somatica cellule staminali cellule staminali embrionali chimera

allele angiogenesi antisenso apoptosi carcinoma in situ cellula germinale cellula somatica cellule staminali cellule staminali embrionali chimera Glossario allele: una delle possibili forme alternative di un gene che può essere presente nella specifica posizione cromosomica occupata da quel gene angiogenesi: processo di formazione dei vasi sanguigni;

Dettagli

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche la storia di HER2 V. Martin 28 giugno 2011 HER2: Human Epidermal Receptor HER2 e carcinoma mammario alias c-erb, ERBB2, HER-

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Mobile FORTUNATO MORABITO VIA CICCARELLO, 99/B 89132 REGGIO CALABRIA (+39)0984681329 (+39)3343520317

Dettagli

22-23 aprile Sestri Levante

22-23 aprile Sestri Levante 22-23 aprile Sestri Levante CORSO DI MORFOLOGIA DELLO STRISCIO PERIFERICO: lo striscio periferico ci può dire qualcosa? guardare con attenzione!!! ASL 4 CHIAVARESE LABORATORIO ANALISI SETTORE EMATOLOGIA,

Dettagli

Università degli Studi di Firenze FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DOTTORATO DI RICERCA XVIII CICLO

Università degli Studi di Firenze FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DOTTORATO DI RICERCA XVIII CICLO Università degli Studi di Firenze FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DOTTORATO DI RICERCA XVIII CICLO CHIRURGIA DEMOLITIVA E RICOSTRUTTIVA DEL DISTRETTO TESTA-COLLO Direttore del Dipartimento Prof. Nicola

Dettagli

IL-2R & IL-15R Alice Praduroux

IL-2R & IL-15R Alice Praduroux Università degli Studi di Torino Facoltà di Biotecnologie Molecolari Anno Accademico 2006/2007 Corso di Immunologia Molecolare IL-2R & IL-15R Alice Praduroux Classificazione Recettori appartenenti alla

Dettagli

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015 Servizi di Ricerca a Terzi Luglio 2015 Chi siamo Vera Salus Ricerca S.r.l. (VSR) è una target discovery biotech company che mette a disposizione le proprie competenze e la propria strumentazione in qualità

Dettagli

Varianti del genoma umano

Varianti del genoma umano 1000 genomes Varianti del genoma umano dbsnp 132 30,442,771 SNP (1% del genoma) Varianti strutturali (DGV) CNVs: 66741 Inversioni: 953 InDels (100bp-1Kb): 34229 Total CNV loci: 15963 35% del genoma Obiettivi

Dettagli

DIPARTIMENTO DI GENETICA Sezione di Genetica BIOLOGIA E BIOCHIMICA

DIPARTIMENTO DI GENETICA Sezione di Genetica BIOLOGIA E BIOCHIMICA Associazione Gli amici di Valentina via C.L.N. 42/A 10095 - Grugliasco (TO) Gent.li famiglie dell Associazione, Come per l anno in corso, anche per il prossimo anno la nostra attivita di laboratorio procedera

Dettagli

Lezione 8. DNA sequencing informatics

Lezione 8. DNA sequencing informatics Lezione 8 DNA sequencing informatics Il materiale di questa lezione è contenuto nel libro Next-generation DNA sequencing informatics Edited by Stuart M Brown Disponibile in biblioteca (CHIOSTRO 572.8633

Dettagli