UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Ingegneria Sede di Modena Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Installazione di Linux: guida passo-passo e confronto delle distribuzioni più comuni Relatore: Chiar.mo Prof. Letizia Leonardi Elaborato di Laurea di: Hosseini Peiman Anno Accademico

2 Ringraziamenti Vorrei ringraziare innanzitutto i miei genitori che mi hanno permesso di intraprendere la mia carriera universitaria in serenità, credendo sempre in me e spronandomi perché dessi il cento per cento. Ringrazio mia sorella per essermi stata vicino e le auguro di passare al meglio l esame di terza media che dovrà affrontare questa estate. Ringrazio i miei amici più cari Pigo, Abba, Massa, Zanna e Biagio per avermi regalato tanti piccoli momenti di serenità e allegria grazie a voi non mi sono mai sentito solo un istante! Ringrazio il mio Maestro Fede e il mio allenatore Stefano per avermi insegnato ad aprire la mente e andare oltre i miei limiti, ringrazio inoltre tutti i miei compagni di allenamento della Tribe Jiu Jitsu: Cri, Giusep, Neo, Mezzochilo, Mario the Centurion, Daniele, Gianfranco, Dimitri, grazie a tutti amici! Viva la Familia sempre! Ringrazio tutti miei compagni di studio della BSI: Bacci, Varo, Vic, Leti, Ila, Vale, Piccio, Emilio, Sanga, è grazie a voi se ogni mattina ho voglia di venire a Modena. Un ringraziamento speciale a colei che mi ha fatto provare emozioni bellissime e indimenticabili, grazie Giulia, sei per me una persona speciale! grazie a tutti di cuore 2

3 Indice Ringraziamenti... 2 Indice... 3 Indice delle figure... 4 INTRODUZIONE PER INIZIARE Dove Procurarsi le distribuzioni Come verificare che le versioni scaricate non siano rovinate Come masterizzare i file immagine INSTALLAZIONE DI SLACKWARE LINUX INSTALLAZIONE DI FEDORA CORE INSTALLAZIONE DI MANDRIVA 2006 FREE EDITION INSTALLAZIONE DI SUSE CONFRONTO DELLE DISTRIBUZIONI ANALIZZATE Slackware Fedora Core Mandriva Suse Tabella riassuntiva di confronto delle installazioni GLOSSARIO CONCLUSIONI

4 Indice delle figure Figura prompt di installazione di Slackware Figura schermata di root di Slackware Figura Fdisk, utility di partizionamento dischi Figura lista dei comandi di Fdisk Figura tabella delle partizioni di Fdisk Figura Fdisk, creare una nuova partizione Figura Fdisk, creazione partizione primaria Figura Fdisk, creazione partizione da 1 Gbyte Figura Fdisk, creazione partizione estesa Figura Fdisk, creazione delle partizioni logiche Figura Fdisk, modifica Id number Figura Fdisk, partizione /usr da 8 Gbyte Figura Fdisk, partizione per /opt di 2 Gbyte Figura Fdisk, partizione /home Figura Avviso di errore durante il salvataggio della tabella delle partizioni Figura schermata iniziale di Setup di Slackware Figura sezione di ADDSWAP del Setup Figura selezionare la partizione di root (/) Figura schermata di selezione del tipo di formattazione (rapida o lenta) Figura scelta del filesystem Figura selezionare la densità degli inode del filesystem Figura formattazione di /usr Figura Destinazione di mounting per la partizione da 8 Gbyte Figura selezione della partizione per /opt Figura scelta della partizione per /home Figura sommario delle formattazioni Figura scelta della sorgente dei file di installazione Figura scelta dei pacchetti da installare Figura scelta della modalità di prompting dell'installazione Figura installazione dei pacchetti in corso Figura scelta del kernel Figura scelta del kernel dalla lista Figura creazione del disco d'avvio di emergenza Figura configurazione del modem Figura configurazione periferiche hotplug Figura configurazione di LILO Figura scelta della modalità di visualizzazione Figura scelta dei parametri extra da passare a LILO Figura scelta della destinazione di installazione di LILO Figura scelta del tipo di mouse Figura attivazione del GPM Figura network hostname Figura scelta del domain name Figura 2.44 scelta del tipo di assegnazione dell IP Figura inserimente dell' hostname per il DHCP server Figura configurazione dell'adattatore di rete Figura adattatore di rete trovato (probe) Figura finestra di riepilogo delle impostazione dell'adattatore di rete Figura inserire l'indirizzo del vostro IP statico Figura inserire il subnet mask Figura inserimento dell'indirizzo di Gateway Figura inserimento del DNS primario

5 Figura finestra di riepilogo delle impostazioni di rete Figura 2.54 scelta dei servizi da caricare all'avvio Figura impostazione dell'orologio di sistema Figura scelta del fuso orario Figura scelta del desktop manager Figura impostazione della password di root Figura utility di setup, installazione conclusa Figura schermata di boot del primo CD di Fedora Core Figura testing del supporto di installazione Figura finestra di benvenuto dell'installazione di Fedora Core Figura scelta della lingua di installazione Figura scelta del tipo di installazione Figura scelta del tipo di partizione Figura finestra di conferma del partizionamento automatico Figura selezione del tipo di partizionamento automatico Figura come viene allocato lo spazio su disco nel caso di partizionamento automatico Figura partizionamento manuale Figura creazione della partizione /boot Figura creazione della partizione di root Figura creazione della partizione di swap Figura tabella riassuntiva per il partizionamento manuale Figura configurazione del boot loader Figura configurazione della rete Figura configurazione della sicurezza Figura selezione della lingua di default Figura scelta della password di root Figura selezione dei pacchetti da installare Figura installazione terminata Figura schermata di benvenuto Figura desktop di Fedora Core Figura schermata di benvenuto di Mandriva Figura selezione della lingua Figura scelta del livello di sicurezza Figura scelta della modalità di partizionamento (manuale o automatica) Figura utility di partizionamento manuale Figura creazione della partizione di boot Figura creazione della partizione di swap Figura creazione della partizione di root Figura grafico riassuntivo delle partizioni Figura Scelta dei gruppi di pacchetti da installare Figura finestra di conferma per l'installazione dei server Figura copia dei file di installazione Figura scelta di una password di root Figura creazione di un utente Figura sommario di configurazione Figura impostazione della lingua della tastiera Figura scelta del fuso orario Figura impostazione della rete Figura scelta della scheda di rete Figura configurazione dell'indirizzo IP Figura inserimento dell'indirizzo IP del router Figura impostazioni di connessione Figura sommario di installazione Figura aggiornamento dei pacchetti Figura installazione terminata, riavvio Figura prima schermata di installazione

6 Figura contratto di licenza Figura selezione della lingua Figura controllo del supporto di installazione Figura sommario delle impostazioni di installazione Figura impostazione layout della tastiera Figura partizionamento guidato Figura impostazione fuso orario Figura licenza di macromedia flash Figura partizionamento disco Figura copia dei pacchetti Figura scelta della password di root Figura impostazioni di rete Figura configurazione manuale dei dispositivi di rete Figura lista dei dispositivi già impostati Figura impostazione IP statico Figura impostazione Host Name e Name Server Figura impostazione del Gateway Figura salvataggio delle impostazioni di rete Figura test di connessione a internet Figura autoupdate Figura creazione di altri utenti Figura installazione ultime periferiche Figura installazione terminata

7 Introduzione Negli ultimi anni si sta osservando un incremento di quantità e qualità dei cosiddetti programmi Open Source. Ormai è possibile trovare praticamente qualunque tipo di software (fogli di calcolo, videoscrittura, elaborazioni grafiche, ecc.) in versione Open Source quindi gratuito e liberamente modificabile. Lo scoglio più grande da superare rimane la scarsa facilità di utilizzo di questo genere di software. A cominciare dal SO, gli utenti alle prime armi con un PC hanno non poche difficoltà a scegliere e installare la distribuzione migliore per i loro scopi. Lo scopo di questo elaborato è quella di creare una guida passo passo dettagliata e completa su come installare alcune delle più popolari distribuzioni Linux attualmente presenti in circolazione. L augurio che ci si fa è quello di poter avvicinare più persone possibili al mondo del software libero. In particolare verranno analizzate le seguenti distribuzioni: Slackware Fedora Core Mandria Free Edition Suse Per ognuna delle distribuzioni si cercherà di creare una guida, completa di screenshots, che aiuti un utente inesperto dell ambiente Linux a conoscere il mondo dell Open Source. Da ultimo verrà fatta una comparazione critica delle caratteristiche delle varie distribuzioni presentate allo scopo di stabilire, a seconda delle necessità dell utente, quale sia per lui la più appropriata. Il presente elaborato è costituito da 7 capitoli di cui uno di Glossario. Il primo capitolo fornisce all utente gli indirizzi da cui scaricare i file immagine delle distribuzioni e lo guida al controllo e alla masterizzazione dei suddetti. I capitoli dal 2 al 5 sono le guide delle distribuzioni prese in considerazione in questo elaborato. Il capitolo 6 tratta la comparazione tra le distribuzioni, mentre l ultimo capitolo (il 7) è un breve Glossario che illustra alcuni termini utilizzati nei capitoli precedenti. 7

8 1 Per iniziare 1.1 Dove Procurarsi le distribuzioni Prima di iniziare a lavorare con le distribuzioni Linux è necessario procurarsi i CD (o i DVD) generalmente gratuiti dalla rete. I modi più comuni sono due: il download dalla rete oppure l acquisto dei set dal sito ufficiale dello sviluppatore. In genere trovare siti dal quale è possibile scaricare un CD set di Linux non è difficile: è sufficiente andare su un motore di ricerca, digitare il nome della distribuzione e seguire i link per il download diretto. Quello che spesso non si fa è controllare che la copia scaricata sia una copia fedele di quella disponibile sul sito: se questa operazione viene saltata è possibile incorrere in errori durante la fase di copiatura dei file sul disco. Nel seguito verranno elencati sia i siti Free Open Source e le caratteristiche delle distribuzioni considerate in questo elaborato, sia i siti delle eventuali versioni commerciali indicandone, nel caso, le caratteristiche. Slackware Versione free Open Source: Caratteristiche: Versione completa e scaricabile gratuitamente dai mirror presenti sul sito. La documentazione è presente in formato html. Versione Commerciale: Non esiste nessuna versione commerciale. Fedora Versione free Open Source: Caratteristiche: Fedora Core completo in tutto e per tutto, la documentazione è disponibile sul sito in formato pdf. Versione Commerciale: Non esiste, è possibile tuttavia comprare il CD set di Fedora da uno dei siti rintracciabili all indirizzo Caratteristiche: Sono le medesime della versione free, si paga solo la masterizzazione dei CD. 8

9 Mandriva Versione free Open Source: Caratteristiche: Versione liberamente scaricabile dai mirror presenti sul sito. Nessun supporto da parte del produttore. Versione Commerciale: Caratteristiche: Pieno supporto online, manuale, DVD o CD set completo. Suse Versione free Open Source: Caratteristiche: Versione liberamente scaricabile da oltre 100 mirror presenti sul sito. Questa versione non ha nessun tipo di supporto da parte del produttore. Versione commerciale: Caratteristiche: Pieno supporto online, CD set completo, manuale. 1.2 Come verificare che le versioni scaricate non siano rovinate Per assicurarsi che i file di immagine ISO (si veda la parte di Glossario) scaricate dalla rete siano integre e perfette al 100% è necessario utilizzare un programma, chiamato md5sum, disponibile sotto Linux, DOS e Windows. Md5sum è scaricabile da questo sito Di seguito verrà presa in esame la versione per DOS. Dopo aver scaricato questa piccola utility, dovrete metterla nella stessa directory dei file immagini delle distribuzioni scaricate, aprire una finestra DOS e digitare md5sum *.iso attendete qualche minuto e vi compariranno delle stringhe di caratteri. Queste stringhe sono il cosiddetto checksum, una sorta di impronta digitale univoca del file. Se anche solo un bit della 9

10 vostra ISO è fuori posto il checksum sarà diverso da quello originale e voi sarete costretti a riscaricate il file dalla rete (possibilmente da un mirror più affidabile). I checksum delle ISO si trovano sui siti ufficiali da cui scaricate le distribuzioni oppure in allegato al file immagine. 1.3 Come masterizzare i file immagine Nel seguito verranno riportati i passi necessari a masterizzare i CD con un comune programma di masterizzazione (Nero Burning Rom): Lanciate Nero Burning Rom. Se parte il Wizard, chiudetelo. Scegliete File > Scrivi Immagine. Nella finestra di dialogo di selezione dei file, cliccate sul menu a tendina che contiene File Immagine (*.nrg) e selezionate Tutti i file (*.*). In questa finestra di dialogo, scegliete il primo file ISO e cliccate su Apri. Nella finestra di dialogo Impostazioni immagini estranee (bella traduzione, complimenti), selezionate queste impostazioni: Tipo immagine: Dati Modo 1 Dimensione blocco: 2048 Intestazione immagine: 0 Anteprima immagine: 0 Lasciate vuote tutte le caselle di spunta. Inserite un CD vergine e cliccate su OK. Nella finestra di dialogo Scrivi CD, attivate il segno di spunta in Scrivi e Chiudi CD. Poi cliccate sul pulsante Scrivi. 10

11 2 Installazione di Slackware Linux Prima di procedere con l installazione è consigliabile occuparsi di tutti gli altri SO che si intenderà installare e lasciare Slackware per ultimo. Il motivo di questa scelta sta nel fatto che, a differenza di Windows, Slackware richiede più di una partizione per funzionare al meglio e ciò potrebbe creare confusione. Se per esempio si vuole creare un sistema dual-boot con la possibilità di scegliere in fase di avvio di sistema che SO caricare (ad esempio Windows o Slackware) è necessario partire con l altro (o gli altri) SO, creare una partizione, formattarla e installarci il SO. Una volta terminata l installazione del SO che avete scelto potrete iniziare con Slackware inserendo il primo CD del set e avviando il PC. Se l utility di installazione non parte automaticamente probabilmente il BIOS non è configurato per il boot da CD, è anche possibile che il CD sia rovinato. Se il vostro PC non è in grado di eseguire il boot da CD per un qualche motivo è sempre possibile creare un floppy di avvio: leggere il file README nella directory bootdisks di Slackware per maggiori informazioni. Una volta che l utility di installazione verrà avviata la prima schermata che troverete sarà quella di Figura 2.1: Figura prompt di installazione di Slackware 11

12 Gli utenti con hard disk tipo EIDE possono premere direttamente invio e caricare il kernel bare.i, per chi possiede hard disk SCSI è necessario scegliere il kernel appropriato. I più comuni kernel sono: bare.i sata.i adaptec.s Carica il supporto per quasi la totalità delle unità EIDE. È una versione di bare.i per hard disk di tipo SATA Carica il supporto per i controller SCSI più comuni. Se il vostro lettore non cade in una di queste categorie si consiglia di leggere il file README nella directory bootdisks di Slackware per scegliere il kernel adatto. Una volta caricato il kernel vi verrà chiesto di loggarvi come root, scrivete root nessuna password verrà richiesta in questo momento (Figura 2.2). Figura schermata di root di Slackware 12

13 Ora è il momento di partizionare il disco, questa è probabilmente la parte più articolata della installazione perché non viene fornita nessuna utility grafica e punta-e-clicca ma solo il vecchio e rodato fdisk. Nel nostro caso abbiamo recuperato un hard disk da 40 gbyte EIDE, abbiamo avviato l installazione di Windows, creato una partizione da 8 gbyte, formattata in NTFS, installato rapidamente WindowsXP e lasciato il resto non allocato. Fdisk deve essere eseguito con il nome dell HD da partizionare. In questo caso stiamo utilizzando il primario master quindi useremo come nome /dev/hda, qui di seguito troverete una tabella per i nomi nel caso in cui il vostro hard disk non sia il primario /dev/hda - Primary Master /dev/hdb - Primary Slave /dev/hdc - Secondary Master /dev/hdd - Secondary Slave Notare che questi nomi non si riferiscono a filesystem o partizioni ma sono i nomi degli hard disk stessi. Gli hard disk tipo SCSI sono nominati /dev/sda, /dev/sdb, ecc. in base a come sono numerati sul bus SCSI. Scrivere quindi fdisk /dev/hda (Figura 2.3) Figura Fdisk, utility di partizionamento dischi Il problema del numero dei cilindri non deve preoccupare l utente a meno che non si stia installando una versione di Linux molto vecchia, mentre in tutti gli altri casi non ci saranno problemi. Premere m e apparirà la lista di comandi di fdisk mostrata in Figura

14 Figura lista dei comandi di Fdisk La prima cosa che vogliamo fare è premere P per stampare a video la tabella delle partizioni (Figura 2.5). Faremo questo a ogni passo per vedere che tutto stia procedendo come voluto, in realtà non cambierà fisicamente nulla fintantoché non daremo il comando di write (scrittura) quindi non ci sarà motivo di preoccuparsi per eventuali errori di partizione. Figura tabella delle partizioni di Fdisk Come vediamo è presente la nostra partizione NTFS da 8 Gbyte che con i termini di Windows viene chiamata partizione attiva, questa non verrà alterata durante l installazione di Slackware. 14

15 Le unità (di Start e End) sono in cilindri di byte, circa 7.84 Mbyte. Nella tabella viene mostrata anche la dimensione in blocchi di circa 1 Kbyte. Come allocare lo spazio dipende molto dalle preferenze personali dell utente, quello che realmente è necessario a Linux è un partizione di root e una di swap (si veda la parte di Glossario a fine tesi). Nel nostro caso abbiamo a disposizione un disco di grandi capacità ed è quindi possibile montare parti del filesystem di Linux su partizioni separate. Questo modo di operare è solo uno dei possibili; le preferenze dell utente e lo spazio a disposizione saranno i parametri da tenere in considerazione. Se lo spazio è poco è possibile creare solamente una partizione di root e lasciare qualche centinaio di Mbyte per la partizione di swap. Per esempio se si possiede un hard disk da 4 Gbyte sarebbe opportuno creare una root da 3,7 Gbyte e una swap da 300 Mbyte. La suddivisione del disco che verrà presentata è quindi solo una delle possibili scelte: la peculiarità sta nel fatto che separa parti di file system di Slackware (/opt, /usr, ecc.) in modo da rendere più chiaro e immediato l approccio da parte dell utente. 1 Gbyte di partizione root (partizione primaria) Il filesystem di root, contiene programmi e librerie, configurazione dati (/etc), dati di stato locali (/var) e tutti gli altri filesystem montati sotto di esso. Partizione estesa con il resto dello spazio sul disco Successivamente creeremo unità logiche sulla partizione estesa 1 Gbyte di partizione swap (drive logico) Da notare che probabilmente non è necessario avere una partizione di swap così grande ma essendo il nostro disco molto capiente questo ci permetterà di lavorare su file di grandissime dimensioni e avremo spazio extra di memory addressing. In genere 256 Mbyte di swap sono sufficienti se lo spazio a disposizione è poco. 8 Gbyte per /usr (drive logico) La maggior parte dei programmi dell utente verranno installati in /usr, è bene allocare molto spazio. 15

16 2 Gbyte per /opt (drive logico) Il software optional verrà installato in /opt. Per esempio il KDE sarà installato in /opt/kde. 18 Gbyte approssimativamente per /home (drive logico) Usiamo lo spazio rimanente per /home. Qui verranno salvate tutti le directory e i file personali dell utente. Ora cominceremo a creare le partizioni. Per creare una nuova partizione premere (Figura 2.6) n Figura Fdisk, creare una nuova partizione Ci verrà chiesto di scegliere tra primaria o estesa. Qui vogliamo creare una partizione estesa. In ogni caso la partizione di root potrebbe anche essere una partizione logica. Premiamo P e creiamo la partizione primaria (Figura 2.7). Figura Fdisk, creazione partizione primaria 16

17 Ora dobbiamo numerare la nostra partizione. La partizione di Windows XP è già la partizione 1 quindi dovremo scegliere 2 Ora ci verrà chiesto il cilindro di partenza. Sarà sufficiente premere invio per accettare il valore di default (il primo cilindro disponibile). Di volta in volta accetteremo sempre il valore di default per il cilindro di partenza. Successivamente sarà necessario inserire il valore del cilindro di fine, specificandone la dimensione in Mbytes. Scriveremo +1024M per creare una partizione di circa 1 Gbyte (Figura 2.8). Figura Fdisk, creazione partizione da 1 Gbyte Rivediamo la tabella delle partizioni (tasto p) per vedere cosa è cambiato sino ad ora. Se è stato fatto un errore basterà premere d e scegliere la partizione da eliminare (la seconda in questo caso, se si cancella la prima verrà eliminato WindowsXP). Non è stato scritto ancora niente su disco e quindi è possibile cancellare la partizione 2 e ripetere il passaggio precedente. È per questo motivo che è buona abitudine rivedere la tabella ad ogni operazione che andiamo ad eseguire. Se si è soddisfatti si potrà procedere al passo successivo. È anche possibile premere q per uscire dall utility senza cambiare nulla e ricominciare dall inizio. Adesso andremo a creare una partizione estesa che fungerà da contenitore per le nostre partizioni estese (Figura 2.9). 17

18 Figura Fdisk, creazione partizione estesa Premere n per creare una nuova partizione e e per scegliere una partizione di tipo esteso. Ora vi verrà chiesto di numerare la partizione, essendo questa la terza partizione che abbiamo creato premiamo 3 e la partizione verrà designata come /dev/had3. Non accederemo mai a questa partizione ma solo alle unità logiche contenute in essa. Ricapitolando, la numerazione delle partizioni sarà la seguente, dalla 1 alla 4 partizioni primarie (le partizioni estese sono considerate partizioni primarie). Questa è una limitazione architetturale dei BIOS PC che per ogni disco rende possibile avere solo 4 partizioni primarie. È possibile tuttavia avere numerose partizioni logiche. Le partizioni logiche cominceranno dalla 5, nello schema di Linux. 18

19 Premere invio quando vi verrà chiesto di inserire il numero del primo cilindro: accetterete così il valore standard. Quando il sistema richiederà l inserimento dell ultimo cilindro premere semplicemente invio per scegliere la fine dell ultimo (4865). Premere p per stampare la tabella delle partizioni. Ora andremo a creare le partizioni logiche a cominciare da quella di swap. Si consiglia di inserire la partizione di swap tra quella di root e la /usr (Figura 2.10). Figura Fdisk, creazione delle partizioni logiche A questo punto sarà chiara la procedura. Premendo n, stavolta andremo a creare una partizione logica quindi L. Da notare che non sarebbe comunque possibile creare altre partizioni primarie perché il massimo è 4 per sistema. Il programma assegnerà automaticamente il numero 5 alla partizione logica creata. Premere invio per accettare la il valore di default per il primo cilindro, successivamente digitare +1024M per impostare una dimensione di 1 Gbyte. 19

20 Premendo nuovamente p ci si accorgerà che una nuova partizione di nome /dev/hda5 è attiva. Non ci sarà più /dev/hda4 perché non esistono più partizioni primarie sul disco. Notare il numero sotto la colonna Id nella tabella delle partizioni. Di default, quando creiamo una partizione essa viene indicata come 83 ovvero Linux Native. Dovremo andare a cambiare l Id della partizione in Linux Swap (Figura 2.11). Figura Fdisk, modifica Id number Premere t per cambiare l Id della partizione e digitare 5 quando vi verrà richiesto il numero della partizione. (Questo ovviamente utilizzando la disposizione delle partizioni presentata in questa tesi). Ora il programma si aspetterà che inseriate il codice nuovo Id della partizione in esadecimali. È possibile visionare la lista completa degli Id conosciuti da Fdisk premendo il tasto L. Inserite 20

21 82 che sta per Linux Swap e premete invio. Digitando p è possibile visionare le modifiche apportate. Tutte le altre partizioni che andremo a creare saranno del tipo 83 (Linux Native) e per questo non servirà apportare alcuna modifica. Premere n per creare una nuova partizione. Scegliere l per il tipo logica. Premere invio per accettare il valore di default del primo cilindro. Per l ultimo cilindro digitare +8192M per creare una partizione di 8 Gbyte per /usr (Figura 2.12). Figura Fdisk, partizione /usr da 8 Gbyte Ancora una volta premere n per una nuova partizione, l per sceglierla logica, premere invio per il primo cilindro e +2048M per l ultimo cilindro. Abbiamo così creato la partizione per /opt (Figura 2.13). 21

22 Figura Fdisk, partizione per /opt di 2 Gbyte Siamo finalmente giunti all ultima partizione (quella di /home). Create la solita partizione logica e stavolta premete invio sia quando vi verrà chiesto del primo cilindro che dell ultimo, andremo a riempire interamente la nostra partizione estesa (Figura 2.14). Figura Fdisk, partizione /home 22

23 Date un ultimo sguardo alla tabella, se siete soddisfatti dei cambiamenti premete w per salvare e uscite da Fdisk. Se vedete una schermata come quella di Figura 2.15 dovete semplicemente riavviare il sistema con il solito CD di Slackware inserito. La procedura fatta finora andrà purtroppo persa. Figura Avviso di errore durante il salvataggio della tabella delle partizioni Per chi non ha seguito la tabella di partizioni presentata in questa tesi, è necessario prendere nota delle partizioni da voi create perché andranno a corrispondere con i punti di mount che verranno richiesti durante il setup. Siamo finalmente pronti per installare Slackware Linux. Ora che abbiamo creato le nostre partizioni, scriviamo setup nel prompt del root. Apparirà una schermata come quella di Figura 2.16: Figura schermata iniziale di Setup di Slackware 23

24 Da qui è possibile leggere la sezione di help oppure reimpostare il tipo di tastiera che si sta utilizzando se quella di default non è corretta. Nel caso fosse tutto a posto scendere con le frecce e selezionare ADDSWAP comparirà una finestra come quella di Figura 2.17: Figura sezione di ADDSWAP del Setup Il programma troverà automaticamente la partizione di swap creata durante il partizionamento (ovvero quella con Id 82), seguite le istruzioni a video per formattarla (mkswap) e attivarla (swapon). Completando uno step il programma di setup vi porterà automaticamente a quello successivo. Ora è il momento di selezionare la partizioni in cui andremo a installare i filesystem di Slackware. Per prima cosa vi verrà chiesto di scegliere quale partizione ospiterà la root (/) (Figura 2.18). Figura selezionare la partizione di root (/) 24

25 selezionare /dev/hda2 Adesso vi verrà chiesto se formattare velocemente o se cercare settori danneggiati durante la formattazione. Si consiglia di selezionare Check in modo da accertarsi che il disco sia integro e funzionante (Figura 2.19). Figura schermata di selezione del tipo di formattazione (rapida o lenta) Il prossimo passo sarà scegliere il tipo di filesystem che andrete a usare. Si consiglia di selezionare ext2 perché è un filesystem semplice e ben rodato. In alternativa si può scegliere il tipo EXT3 o il REISERFS che hanno un filesystem di tipo Journaling (si veda la parte di Glossario a fine tesi) (Figura 2.20). Figura scelta del filesystem 25

26 Ora dovrete scegliere la densità degli inode del filesystem (Si veda la parte di Glossario a fine tesi). selezionare 4096 (valore di default) Se avete un disco di grosse dimensioni e molti file è probabile che questa sia la scelta più idonea (Figura 2.21). Figura selezionare la densità degli inode del filesystem Nel caso abbiate creato solo una partizione di root e una di swap, avete finito con la formattazione. Se avete creato altre partizioni esse andranno selezionate, formattate e andranno assegnati punti di mount. Il procedimento è sempre lo stesso; selezioniamo la prossima partizione (Figura 2.22). 26

Procedure di ripristino del sistema.

Procedure di ripristino del sistema. Procedure di ripristino del sistema. Procedura adatta a sistemi con sistema operativo Microsoft Windows 8 In questo manuale verranno illustrate tutte le procedure che potrete utilizzare per creare dei

Dettagli

Brevissima Introduzione a eduknoppix.

Brevissima Introduzione a eduknoppix. Brevissima Introduzione a eduknoppix. Francesco Paparella 21 Marzo 2005 Sommario Questo documento spiega come creare una home directory permanente su di un disco fisso o su di un dispositivo rimovibile

Dettagli

Manuale dell utente. InCD. ahead

Manuale dell utente. InCD. ahead Manuale dell utente InCD ahead Indice 1 Informazioni su InCD...1 1.1 Cos è InCD?...1 1.2 Requisiti per l uso di InCD...1 1.3 Aggiornamenti...2 1.3.1 Suggerimenti per gli utenti di InCD 1.3...2 2 Installazione...3

Dettagli

SELEZIONE DELLA PRIORITA' DI BOOT

SELEZIONE DELLA PRIORITA' DI BOOT In questa piccola guida esamineremo l'installazione di un sistema Windows XP Professional, ma tali operazioni sono del tutto simili se non identiche anche su sistemi Windows 2000 Professional. SELEZIONE

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Manuale dell utente. Ahead Software AG

Manuale dell utente. Ahead Software AG Manuale dell utente Ahead Software AG Indice 1 Informazioni su InCD...3 1.1 Cos è InCD?...3 1.2 Requisiti per l uso di InCD...3 1.3 Aggiornamenti...4 1.3.1 Suggerimenti per gli utenti di InCD 1.3...4 2

Dettagli

Configurare una rete con PC Window s 98

Configurare una rete con PC Window s 98 Configurare una rete con PC Window s 98 In estrema sintesi, creare una rete di computer significa: realizzare un sistema di connessione tra i PC condividere qualcosa con gli altri utenti della rete. Anche

Dettagli

Installare Windows Xp Guida scritta da CroX

Installare Windows Xp Guida scritta da CroX Installare Windows Xp Guida scritta da CroX INTRODUZIONE: 2 PREPARAZIONE 2 BOOT DA CD 2 BIOS 3 PASSAGGI FONDAMENTALI 4 SCEGLIERE COSA FARE TRA RIPRISTINO O INSTALLARE UNA NUOVA COPIA 5 ACCETTARE CONTRATTO

Dettagli

Nota: E' necessario che il sistema possa fare il boot da CD per effettuare l'installazione.

Nota: E' necessario che il sistema possa fare il boot da CD per effettuare l'installazione. Questa guida mostra come convertire un normale PC in un server Untangle utilizzando un CD di installazione Untangle. Che cosa sa fare il Server Untangle? Il server Untangle offre un modo semplice per proteggere,

Dettagli

L installer di Torinux

L installer di Torinux L installer di Torinux Installazione nel Disco Per un installazione normale si raccomanda usare ext3 o reiserfs. Prima di procedere con l installazione per favore rimuova tutti i dispositivi USB, tipo

Dettagli

ADSL Router :: Ericsson B-Connect (HM220dp)

ADSL Router :: Ericsson B-Connect (HM220dp) ADSL Router :: Ericsson B-Connect (HM220dp) 1. Introduzione www.ericsson.com L Ericsson B-Connect HM220dp è un dispositivo di connessione ADSL che può essere configurato come Modem oppure come Router ADSL.

Dettagli

Procedure di ripristino del sistema.

Procedure di ripristino del sistema. Procedure di ripristino del sistema. Procedura adatta a sistemi con sistema operativo Microsoft Windows 8.1 In questo manuale verranno illustrate tutte le procedure che potrete utilizzare per creare dei

Dettagli

Procedure di ripristino del sistema.

Procedure di ripristino del sistema. Procedure di ripristino del sistema. Procedure adatte a sistemi con sistema operativo Microsoft Windows 7 In questo manuale verranno illustrate tutte le procedure che potrete utilizzare per creare dei

Dettagli

Guida Installazione Windows 7

Guida Installazione Windows 7 Guida Installazione Windows 7 Cos è Windows 7? Windows 7 è il nuovo Sistema Operativo di casa Microsoft nonchè successore di Windows Vista. Si presenta come uno dei Miglior Sistemi Operativi Microsoft

Dettagli

Come installare Ubuntu Linux

Come installare Ubuntu Linux Come installare Ubuntu Linux Come procurarsi Ubuntu Acquistando riviste del settore: www.linuxpro.it - www.linux-magazine.it - www.oltrelinux.com Chiedere a un amico di masterizzarcene una copia Richiederlo

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

Procedura di creazione di un set di dischi di ripristino del sistema.

Procedura di creazione di un set di dischi di ripristino del sistema. Procedura di creazione di un set di dischi di ripristino del sistema. Procedura adatta a sistemi con sistema operativo Microsoft Windows 8 Consigliamo di eseguire quest operazione alla prima accensione

Dettagli

Corso di Informatica Modulo L2 2-Installazione

Corso di Informatica Modulo L2 2-Installazione Corso di Informatica Modulo L2 2-Installazione 1 Prerequisiti Uso pratico elementare di un sistema operativo Concetto di macchina virtuale Scaricare e installare software 2 1 Introduzione Sebbene le istruzioni

Dettagli

Creazione e installazione di un NAS utilizzando FreeNAS

Creazione e installazione di un NAS utilizzando FreeNAS Creazione e installazione di un NAS utilizzando FreeNAS Introduzione Un NAS (Network Attached Storage) è un dispositivo di rete avente la funzione di condividere tra gli utenti della rete uno o più dischi

Dettagli

MANUALE D USO Agosto 2013

MANUALE D USO Agosto 2013 MANUALE D USO Agosto 2013 Descrizione generale MATCHSHARE è un software per la condivisione dei video e dati (statistiche, roster, ) delle gare sportive. Ogni utente abilitato potrà caricare o scaricare

Dettagli

I parte Disegnare ed elaborare le informazioni con il CAD

I parte Disegnare ed elaborare le informazioni con il CAD I parte Disegnare ed elaborare le informazioni con il CAD Jacopo Russo - SISTEMI di ELABORAZIONE delle INFORMAZIONI Creare ed utilizzare un computer virtuale Per rendere più agevole il nostro lavoro insieme,

Dettagli

Guida per l'installazione SENSORE PER RADIOVIDEOGRAFIA RX4. Responsabile di redazione: Francesco Combe Revisione: Ottobre 2012

Guida per l'installazione SENSORE PER RADIOVIDEOGRAFIA RX4. Responsabile di redazione: Francesco Combe Revisione: Ottobre 2012 Guida per l'installazione SENSORE PER RADIOVIDEOGRAFIA RX4 Responsabile di redazione: Francesco Combe FH056 Revisione: Ottobre 2012 CSN INDUSTRIE srl via Aquileja 43/B, 20092 Cinisello B. MI tel. +39 02.6186111

Dettagli

GIUIDA ALLA CREAZIONE DVD VISTA HOME PREMIUM

GIUIDA ALLA CREAZIONE DVD VISTA HOME PREMIUM GIUIDA ALLA CREAZIONE DVD VISTA HOME PREMIUM Questa guida vi illustrerà come procedere alla creazione di un dvd di Microsoft Windows Vista. La guida è indirizzata ai possessori di notebook Sony Vaio Serie

Dettagli

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 Il Personal Computer Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 1 accendere il Computer Per accendere il Computer effettuare le seguenti operazioni: accertarsi che le prese di corrente siano tutte

Dettagli

Corso Linux per Principianti

Corso Linux per Principianti Corso Linux per Principianti In questa lezione vedremo come installare l'ultima versione di Ubuntu al momento disponibile, la 8.04, nome in codice Hardy Heron. Oltre ad essere l'ultima versione scaricabile

Dettagli

Modulo T Manuale della procedura di Ripristino

Modulo T Manuale della procedura di Ripristino rif.: ma-mt-rip ver. 10.0.1 del 16/2/2010 Modulo T Manuale della procedura di Ripristino per la linea di sistemi di visione artificiale HQV / Vedo. Questo manuale illustra le modalità di impiego della

Dettagli

Networking Wireless con Windows XP

Networking Wireless con Windows XP Networking Wireless con Windows XP Creare una rete wireless AD HOC Clic destro su Risorse del computer e quindi su Proprietà Clic sulla scheda Nome computer e quindi sul pulsante Cambia Digitare il nome

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Guida Pratica Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Integrare FileMaker Pro con Office pagina 1 Sommario Introduzione... 3 Prima di iniziare... 4 Condivisione di dati tra FileMaker Pro e Microsoft

Dettagli

Procedura di installazione di Xubuntu 8.10 su un PC

Procedura di installazione di Xubuntu 8.10 su un PC Procedura di installazione di Xubuntu 8.10 su un PC Bonacina Alberto Prima di tutto si deve inserire il Live CD nel computer, riavviare il computer e fare in modo che nelle preferenze del boot ci sia impostata

Dettagli

In quest attività sarà installato il sistema operativo Windows XP Professional.

In quest attività sarà installato il sistema operativo Windows XP Professional. 5.4.2 Laboratorio: Installazione di Windows XP Introduzione Stampare e completare questo laboratorio. In quest attività sarà installato il sistema operativo Windows XP Professional. Apparecchiatura Raccomandata

Dettagli

Aggiornamento, backup e ripristino del software

Aggiornamento, backup e ripristino del software Aggiornamento, backup e ripristino del software Guida per l utente Copyright 2007 Hewlett-Packard Development Company, L.P. Windows è un marchio registrato negli Stati Uniti di Microsoft Corporation. Le

Dettagli

DUAL BOOT WINDOWS-LINUX.

DUAL BOOT WINDOWS-LINUX. DUAL BOOT WINDOWS-LINUX. Realizzato da Jona Lelmi Nickname PyLinx Iniziato il giorno 5 Luglio 2010 - terminato il giorno 8 Luglio 2010 email autore: jona.jona@ymail.com Canale Youtube http://www.youtube.com/user/pylinx

Dettagli

Modulo 12. Cliente di posta elettronica Di cosa abbiamo bisogno per usare la posta elettronica?

Modulo 12. Cliente di posta elettronica Di cosa abbiamo bisogno per usare la posta elettronica? Pagina 1 di 14 Cliente di posta elettronica Di cosa abbiamo bisogno per usare la posta elettronica? L'obiettivo di questo approfondimento è imparare a configurare un cliente di posta elettronica. Come

Dettagli

Migrazione di HRD da un computer ad un altro

Migrazione di HRD da un computer ad un altro HRD : MIGRAZIONE DA UN VECCHIO PC A QUELLO NUOVO By Rick iw1awh Speso la situazione è la seguente : Ho passato diverso tempo a impostare HRD e a personalizzare i comandi verso la radio, le frequenze preferite,

Dettagli

INTERNET EXPLORER. Breve manuale d'uso

INTERNET EXPLORER. Breve manuale d'uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d'uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE...3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

Ultr@ VNC: Guida (parte 1)

Ultr@ VNC: Guida (parte 1) Ultr@ VNC: Guida (parte 1) Vi presento la guida in italiano per l installazione e l utilizzo di Ultra VNC :http://ultravnc.sourceforge.net. Le potenzialità del programma ve le abbiamo già presentate :http://www.femetal.it/9/ultravncrecensione,

Dettagli

Reti Informatiche: Internet e posta. elettronica. Tina Fasulo. Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail

Reti Informatiche: Internet e posta. elettronica. Tina Fasulo. Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail Reti Informatiche: Internet e posta elettronica Tina Fasulo 2012 Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail 1 Parte prima: navigazione del Web Il browser è un programma che consente

Dettagli

Configurazione Zeroshell 3.0.0 nel mio caso aziendale

Configurazione Zeroshell 3.0.0 nel mio caso aziendale Configurazione Zeroshell 3.0.0 nel mio caso aziendale Quello che so di Zeroshell l ho scritto in questa guida. Chiedo scusa in anticipo... non sono assolutamente un esperto!!! I miei complimenti e ringraziamenti

Dettagli

FoLUG Forlì Linux User Group. Partizionamento

FoLUG Forlì Linux User Group. Partizionamento FoLUG Forlì Linux User Group con la partecipazione della Circoscrizione n 3 di Forlì Partizionamento Quello che occorre sapere sul disco fisso per installare UBUNTU 10.10 o altri sistemi operativi. FoLUG

Dettagli

- Guida a VMware - Guida a VMware. Questa guida vi aiuterà passo passo nell installazione e la configurazione di VMware.

- Guida a VMware - Guida a VMware. Questa guida vi aiuterà passo passo nell installazione e la configurazione di VMware. 1 di 5 05/12/2008 1.06 Guida a VMware Scritto da Aleshotgun Venerdì 08 Febbraio 2008 17:44 - Guida a VMware - Questa guida vi aiuterà passo passo nell installazione e la configurazione di VMware. Prima

Dettagli

Come creare una rete domestica con Windows XP

Come creare una rete domestica con Windows XP Lunedì 13 Aprile 2009 - ore: 12:49 Pagina Reti www.google.it www.virgilio.it www.tim.it www.omnitel.it Come creare una rete domestica con Windows XP Introduzione Una rete locale (LAN,

Dettagli

Formattare un PC con Windows 7. Guida Completa

Formattare un PC con Windows 7. Guida Completa Formattare un PC con Windows 7 Guida Completa Formattare un PC con Windows 7 In informatica col termine formattazione ci si riferisce alla procedura che serve a preparare dispositivi di memorizzazione

Dettagli

Introduzione all'uso di

Introduzione all'uso di Introduzione all'uso di Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica.

Dettagli

ACRONIS TRUE IMAGE. Guida del programma:

ACRONIS TRUE IMAGE. Guida del programma: ACRONIS TRUE IMAGE In questo articolo parleremo della versione HOME di Acronis True Image. (il programma è in lingua inglese, tuttavia è semplicissimo da usare) Questo utilissimo programma di backup, (oppure

Dettagli

Quaderni per l'uso di computer

Quaderni per l'uso di computer Quaderni per l'uso di computer con sistemi operativi Linux Ubuntu 0- a cura di Marco Marchetta Aprile 2014 1 HARDWARE MASTERIZZATORE CONNESSIONE INTERNET CD - DVD Chiavetta USB o Router ADSL (*) COMPONENTI

Dettagli

MW DOCKING STATION USB

MW DOCKING STATION USB Attenzione Le seguenti istruzioni si applicano in genere ad ogni modello delle nostre docking, ma alcune funzioni possono non essere attive in base al modello acquistato. -Nei modelli sprovvisti di Tasto

Dettagli

Aggiornamento da Windows XP a Windows 7

Aggiornamento da Windows XP a Windows 7 Aggiornamento da Windows XP a Windows 7 Se si aggiorna il PC da Windows XP a Windows 7 è necessario eseguire un'installazione personalizzata che non conserva programmi, file o impostazioni. Per questo

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 3 Introduzione 4 Cosa ti occorre 5 Panoramica dell installazione 5 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 5 Passo 2: Per preparare

Dettagli

Il File System di Linux

Il File System di Linux Il File System di Linux La struttura ad albero / Cartella radice, detta ROOT DIRECTORY, di cui sono figlie tutte le altre Ci si muove nel file system con percorsi relativi o percorsi assoluti In un albero,

Dettagli

INSTALLAZIONE DI KUBUNTU

INSTALLAZIONE DI KUBUNTU INSTALLAZIONE DI KUBUNTU Tutorial passo-passo per l'installazione di Kubuntu 6.06 per sistemi x86 32bit. La distro-live distribuita dal FoLUG al LINUX-DAY 2006. Per le informazioni su Kubuntu si rimanda

Dettagli

Innanzitutto andiamo sul sito http://www.dropbox.com/ ed eseguiamo il download del programma cliccando su Download Dropbox.

Innanzitutto andiamo sul sito http://www.dropbox.com/ ed eseguiamo il download del programma cliccando su Download Dropbox. Oggi parlerò di qualcosa che ha a che fare relativamente con la tecnica fotografica, ma che ci può dare una mano nella gestione dei nostri archivi digitali, soprattutto nel rapporto professionale con altre

Dettagli

Quaderni per l'uso di computer

Quaderni per l'uso di computer Quaderni per l'uso di computer con sistemi operativi Linux Ubuntu 0- INSTALLAZIONE a cura di Marco Marchetta Aprile 2013 1 HARDWARE MASTERIZZATORE CD - DVD (*) (*) Requisiti minimi richiesti da da Ubuntu

Dettagli

Manuale Installazione e Configurazione

Manuale Installazione e Configurazione Manuale Installazione e Configurazione INFORMAZIONI UTILI Numeri Telefonici SERVIZIO TECNICO HOYALOG.......02 99071281......02 99071282......02 99071283........02 99071284.....02 99071280 Fax 02 9952981

Dettagli

V 1.00b. by ReBunk. per suggerimenti e critiche mi trovate nell hub locarno.no-ip.org. Guida di base IDC ++1.072

V 1.00b. by ReBunk. per suggerimenti e critiche mi trovate nell hub locarno.no-ip.org. Guida di base IDC ++1.072 V 1.00b by ReBunk per suggerimenti e critiche mi trovate nell hub locarno.no-ip.org Guida di base IDC ++1.072 Thanks To SicKb0y (autore del idc++) staff (per sopportarmi tutti i giorni) Versione definitiva

Dettagli

CREARE UNA TAB DI FACEBOOK SULLA PAGINA AZIENDALE

CREARE UNA TAB DI FACEBOOK SULLA PAGINA AZIENDALE CREARE UNA TAB DI FACEBOOK SULLA PAGINA AZIENDALE Autore: KATIA D ORTA (@katiatrew) in collaborazione con MARISA FAUSONE (@Mfausone) 1 Questa guida è liberamente scaricabile sul sito cowinning.it 2 Questa

Dettagli

ISTRUZIONI PASSO PASSO PER CREARE UN SITO CON JOOMLA SU ALTERVISTA

ISTRUZIONI PASSO PASSO PER CREARE UN SITO CON JOOMLA SU ALTERVISTA ISTRUZIONI PASSO PASSO PER CREARE UN SITO CON JOOMLA SU ALTERVISTA REGISTRARSI AL SITO ALTERVISTA, PER OTTENERE SPAZIO WEB GRATUITO o Andare sul sito it.altervista.org o Nel riquadro al centro, scrivere

Dettagli

Pratica 3 Creare e salvare un documento. Creare e salvare un file di testo

Pratica 3 Creare e salvare un documento. Creare e salvare un file di testo Pratica 3 Creare e salvare un documento Creare e salvare un file di testo Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia Guermandi Luglio 2015 Realizzato da RTI Ismo

Dettagli

Dopo aver installato WSFTP.le, alla prima schermata quando lo apriamo vedremo questo.

Dopo aver installato WSFTP.le, alla prima schermata quando lo apriamo vedremo questo. Dopo aver installato WSFTP.le, alla prima schermata quando lo apriamo vedremo questo. clicchiamo su Continue nella finestra successiva, spuntiamo la voce Other e clicchiamo su Next Nella terza schermata

Dettagli

Installare GNU/Linux

Installare GNU/Linux Installare GNU/Linux Installare GNU/Linux Linux non è più difficile da installare ed usare di qualunque altro sistema operativo Una buona percentuale di utenti medi si troverebbe in difficoltà ad installare

Dettagli

HDSL640 ADSL USB Modem

HDSL640 ADSL USB Modem HDSL640 ADSL USB Modem Manuale Utente Contenuti CAPITOLO 1 1 INTRODUZIONE 1.1 Caratteristiche tecniche del Modem ADSL Hamlet HDSL640 1.2 Contenuto della confezione 1.3 LED frontali 1.4 Informazioni sul

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT

MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT Pagina 1 di 36 Requisiti necessari all installazione... 3 Configurazione del browser (Internet Explorer)... 4 Installazione di una nuova Omnistation... 10 Installazione

Dettagli

Esame n 2 per il conseguimento della patente europea del computer E.C.D.L. 19/11/2010 realizzato dal prof.conti Riccardo 1

Esame n 2 per il conseguimento della patente europea del computer E.C.D.L. 19/11/2010 realizzato dal prof.conti Riccardo 1 Esame n 2 per il conseguimento della patente europea del computer E.C.D.L 19/11/2010 realizzato dal prof.conti Riccardo 1 1. I PRIMI PASSI INDICE GENERALE 2. COMANDI DI GESTIONE FINESTRA 3. DISPOSIZIONE

Dettagli

La posta elettronica. ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale

La posta elettronica. ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale La posta elettronica ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Posta elettronica E mail Elettronica Posta In questo argomento del nostro corso impareremo

Dettagli

NOTE OPERATIVE PER L AGGIORNAMENTO DA WINCODY 2.2 A WINCODY 2.3

NOTE OPERATIVE PER L AGGIORNAMENTO DA WINCODY 2.2 A WINCODY 2.3 NOTE OPERATIVE PER L AGGIORNAMENTO DA WINCODY 2.2 A WINCODY 2.3 Il passaggio dalla versione 2.2.xxx alla versione 2.3.3729 può essere effettuato solo su PC che utilizzano il Sistema Operativo Windows XP,

Dettagli

ATOLLO BACKUP GUIDA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE

ATOLLO BACKUP GUIDA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE ATOLLO BACKUP GUIDA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE PREMESSA La presente guida è da considerarsi come aiuto per l utente per l installazione e configurazione di Atollo Backup. La guida non vuole approfondire

Dettagli

Istruzioni per l'aggiornamento del firmware degli SSD client Crucial

Istruzioni per l'aggiornamento del firmware degli SSD client Crucial Istruzioni per l'aggiornamento del firmware degli SSD client Crucial Informazioni generali Tramite questa guida, gli utenti possono aggiornare il firmware degli SSD client Crucial installati in un ambiente

Dettagli

0$18$/( ',167$//$=,21( 6,67(0$' $&&(662.(<3$66:25'

0$18$/( ',167$//$=,21( 6,67(0$' $&&(662.(<3$66:25' 0$18$/( ',167$//$=,21( 6,67(0$' $&&(662.(

Dettagli

SUSE Linux Enterprise Desktop 10

SUSE Linux Enterprise Desktop 10 SUSE Linux Enterprise Desktop 10 Riferimento ramarpido di installazione SP1 Novell SUSE Linux Enterprise Desktop 10 GUIDA RAPIDA Marzo 2007 www.novell.com SUSE Linux Enterprise Desktop Utilizzare i seguenti

Dettagli

Procedura di presentazione domanda UMA via web da parte delle aziende agricole. Servizio fornito da Agriservizi - Regione Emilia-Romagna

Procedura di presentazione domanda UMA via web da parte delle aziende agricole. Servizio fornito da Agriservizi - Regione Emilia-Romagna Procedura di presentazione domanda UMA via web da parte delle aziende agricole. Servizio fornito da Agriservizi - Regione Emilia-Romagna Note per la corretta configurazione del computer (predisposte dall

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

# DISPENSA SECONDA GIORNATA

# DISPENSA SECONDA GIORNATA # DISPENSA SECONDA GIORNATA Indice 0. Cosa vi serve 1. Scelta della distribuzione (perche abbiamo scelto fedora) 2. Partizionamento I - Ridimensionare Windows con partition Magic 3. Boot 4. Test del Cd

Dettagli

Procedura di creazione di un set di dischi di ripristino del sistema.

Procedura di creazione di un set di dischi di ripristino del sistema. Procedura di creazione di un set di dischi di ripristino del sistema. Procedura adatta a sistemi con sistema operativo Microsoft Windows 7 Consigliamo di eseguire quest operazione alla prima accensione

Dettagli

Creare una memory stick USB bootable con cui avviare Windows XP

Creare una memory stick USB bootable con cui avviare Windows XP http://www.aprescindere.com Pag. 1 di 12 Creare una memory stick USB bootable con cui avviare Windows XP Creare una memory stick USB bootable con cui avviare Windows XP Perché avere una memory stick bootable

Dettagli

Risolvere i problemi di avvio di Windows XP

Risolvere i problemi di avvio di Windows XP Risolvere i problemi di avvio di Windows XP Un computer che esegue Windows XP non riesce più ad avviarsi correttamente e, invece di caricare il sistema operativo, mostra una schermata DOS con il messaggio:

Dettagli

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Virtual Configurator Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Virtual Configurator Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti

Dettagli

Start > Pannello di controllo > Prestazioni e manutenzione > Sistema Oppure clic destro / Proprietà sull icona Risorse del computer su Desktop

Start > Pannello di controllo > Prestazioni e manutenzione > Sistema Oppure clic destro / Proprietà sull icona Risorse del computer su Desktop Installare e configurare una piccola rete locale (LAN) Usando i Protocolli TCP / IP (INTRANET) 1 Dopo aver installato la scheda di rete (seguendo le normali procedure di Aggiunta nuovo hardware), bisogna

Dettagli

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO Capittol lo 5 File 5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO In Word è possibile creare documenti completamente nuovi oppure risparmiare tempo utilizzando autocomposizioni o modelli, che consentono di creare

Dettagli

LACIE PRIVATE/PUBLIC GUÍDA UTENTE

LACIE PRIVATE/PUBLIC GUÍDA UTENTE LACIE PRIVATE/PUBLIC GUÍDA UTENTE FARE CLIC QUI PER ACCEDERE ALLA VERSIONE IN LINEA PIÙ AGGIORNATA di questo documento, sia in termini di contenuto che di funzioni disponibili, come ad esempio illustrazioni

Dettagli

Breve guida a Linux Mint

Breve guida a Linux Mint Breve guida a Linux Mint Il Desktop. Il "desktop" (scrivania) è la parte del sistema operativo che è responsabile per gli elementi che appaiono sul desktop: il Pannello, lo sfondo, il Centro di Controllo,

Dettagli

Le Proprietà della Barra delle applicazioni e Menu Start di Giovanni DI CECCA - http://www.dicecca.net

Le Proprietà della Barra delle applicazioni e Menu Start di Giovanni DI CECCA - http://www.dicecca.net - Introduzione Con questo articolo chiudiamo la lunga cavalcata attraverso il desktop di Windows XP. Sul precedente numero ho analizzato il tasto destro del mouse sulla Barra delle Applicazioni, tralasciando

Dettagli

Pratica guidata 9. Cercare, scaricare e installare applicazioni dal web

Pratica guidata 9. Cercare, scaricare e installare applicazioni dal web Pratica guidata 9 Cercare, scaricare e installare applicazioni dal web Cercare, scaricare e installare applicazioni dal web Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia

Dettagli

Archivio Parrocchiale

Archivio Parrocchiale BREVI INFORMAZIONI PER L UTILIZZO DEL PROGRAMMA Archivio Parrocchiale 1 INDICE PREMESSA...3 CENNI SUL PROGRAMMA...4 REQUISITI MINIMI DEL PC...5 LA FINESTRA PRINCIPALE...6 I PULSANTI DEL MENU PRINCIPALE...7

Dettagli

Uso di Avast Free 8.01

Uso di Avast Free 8.01 Uso di Avast Free 8.01 Rispetto alla precedente versione, Avast Free 8.01, creato da Avast Software, ha introdotto rilevanti modifiche nell interfaccia utente, mantenendo comunque inalterata la sua ottima

Dettagli

Uso di Avast Free 7.01

Uso di Avast Free 7.01 Uso di Avast Free 7.01 Abbastanza simile alla precedente versione e ovviamente sempre in lingua italiana, Avast Free 7.01 creato da Avast Software, ha un ottima fama fra le soluzioni anti-malware gratuite:

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

1. Avviare il computer

1. Avviare il computer Guida n 1 1. Avviare il computer 2. Spegnere correttamente il computer 3. Riavviare il computer 4. Verificare le caratteristiche di base del computer 5. Verificare le impostazioni del desktop 6. Formattare

Dettagli

Ubiquity getting started

Ubiquity getting started Introduzione Il documento descrive I passi fondamentali per il setup completo di una installazione Ubiquity Installazione dei componenti Creazione del dominio Associazione dei dispositivi al dominio Versione

Dettagli

Mussida Musica Editore Guida all installazione e autorizzazione del software

Mussida Musica Editore Guida all installazione e autorizzazione del software Mussida Musica Editore Guida all installazione e autorizzazione del software Risposte alle domande e ai problemi più comuni Enciclopedie Didattiche in DVD Guida all installazione e autorizzazione del software

Dettagli

Max Configurator v1.0

Max Configurator v1.0 NUMERO 41 SNC Max Configurator v1.0 Manuale Utente Numero 41 17/11/2009 Copyright Sommario Presentazione... 3 Descrizione Generale... 3 1 Installazione... 4 1.1 Requisiti minimi di sistema... 4 1.2 Procedura

Dettagli

Installare un nuovo programma

Installare un nuovo programma Installare un nuovo programma ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Installare un nuovo programma sul computer installazione Quando acquistiamo

Dettagli

DEBELLARE IL VIRUS GUARDIA DI FINANZA, POLIZIA

DEBELLARE IL VIRUS GUARDIA DI FINANZA, POLIZIA DEBELLARE IL VIRUS GUARDIA DI FINANZA, POLIZIA Ultimamente è molto diffuso un virus relativo ad un falso annuncio della Guardia di Finanza o della Polizia. Dopo avere preso l'infezione, avviando il computer

Dettagli

INSTALLAZIONE ed USO VUZE per DOWNLOAD FILE TORRENT

INSTALLAZIONE ed USO VUZE per DOWNLOAD FILE TORRENT INSTALLAZIONE ed USO VUZE per DOWNLOAD FILE TORRENT Questa guida vuole essere un breve tutorial su come installare VUZE sul proprio PC in modo da riuscire a scaricare i file torrent che troviamo su Internet.

Dettagli

GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER

GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER (vers. 2.0.0) GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER (vers. 2.0.0)... 1 Installazione... 2 Prima esecuzione... 7 Login... 8 Funzionalità... 9 Gestione punti... 10 Caricare punti...

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT

MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT Pagina 1 di 31 Requisiti necessari all installazione:... 3 Configurazione Browser per WIN7... 3 Installazione Software... 6 Configurazione Java Runtime Environment...

Dettagli

Connessioni e indirizzo IP

Connessioni e indirizzo IP Connessioni e indirizzo IP Questo argomento include le seguenti sezioni: "Installazione della stampante" a pagina 3-2 "Impostazione della connessione" a pagina 3-6 Installazione della stampante Le informazioni

Dettagli

VIDEOCAMERA DI RETE SFERICA AVANZATA GUIDA ALL'INSTALLAZIONE

VIDEOCAMERA DI RETE SFERICA AVANZATA GUIDA ALL'INSTALLAZIONE VIDEOCAMERA DI RETE SFERICA AVANZATA GUIDA ALL'INSTALLAZIONE Vi preghiamo di leggere queste istruzioni attentamente prima di del funzionamento e conservatele come riferimento futuro. 1. PANORAMICA 1.1

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Guida rapida all installazione

Guida rapida all installazione Guida rapida all installazione Wireless Network Broadband Router 140g+ WL-143 La presente guida illustra solo le situazioni più comuni. Fare riferimento al manuale utente contenuto nel CD-ROM in dotazione

Dettagli