Manuale di Debian Live

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale di Debian Live"

Transcript

1 Debian Live Project January 25, 2011

2 Copyright Debian Live Project; License: Questo programma è software libero: è possibile ridistribuirlo e modificarlo secondo i termini della GNU General Public License come pubblicata dalla Free Software Foundation, sia la versione 3 della licenza o (a scelta) una versione successiva. Questo programma è distribuito nella speranza che possa essere utile, ma SENZA AL- CUNA GARANZIA, nemmeno la garanzia implicita di COMMERCIABILITÀ o IDONEITÀ PER UN PARTICOLARE SCOPO. Vedere la GNU General Public License per ulteriori dettagli. Si dovrebbe aver ricevuto una copia della GNU General Public License con questo programma. In caso contrario, vedere Sui sistemi Debian, il testo completo della GNU General Public License può essere trovato nel file /usr/share/common-licenses/gpl-3. ii

3 Contents Contents Manuale di Debian Live 1 A proposito 1 1. A proposito di questo manuale Per gli impazienti Glossario Autori Contribuire a questo documento Applicare le patch Traduzione A proposito del progetto Debian Live Motivazioni Cosa c'è di sbagliato con gli attuali sistemi live Perché creare il proprio sistema live? Filosofia Solamente pacchetti ufficiali inalterati Nessun pacchetto di configurazione per il sistema live Contatti Utente 7 3. Installazione Requisiti Installare live-build Dal repository Debian Da sorgenti Da `istantanee' live-boot e live-config Dal repository Debian Da sorgenti Da `istantanee' Nozioni di base Che cos'è un sistema live? Primi passi: creare un'immagine ISO Provare un'immagine ISO con Qemu Provare un'immagine ISO con virtualbox-ose Masterizzare un'immagine ISO su un supporto fisico Creare un'immagine USB/HDD Copiare un'immagine USB/HDD su una penna USB Provare un'immagine USB/HDD con Qemu Usare lo spazio rimanente su una penna USB Creare un'immagine netboot Server DHCP iii

4 Contents Server TFTP Server NFS Come provare una netboot Qemu VMWare Player Panoramica degli strumenti live-build Il comando lb config Il comando lb build Il comando lb clean Il pacchetto live-boot Il pacchetto live-config Gestire una configurazione Utilizzare auto per gestire i cambiamenti di configurazione Esempi di auto script Panoramica sulla personalizzazione Configurazione in fase di compilazione e di avvio Fasi della creazione Integrare la configurazione di lb con dei file Personalizzazione dei compiti Personalizzare l'installazione dei pacchetti Sorgenti dei pacchetti Distribuzione, le aree di archivio e le modalità Mirror delle distribuzioni Mirror delle distribuzioni usati in fase di compilazione Mirror delle distribuzioni usate durante l'esecuzione Repository addizionali Scegliere i pacchetti da installare Scegliere pochi pacchetti Elenchi di pacchetti Elenchi predefiniti di pacchetti Elenchi locali dei pacchetti Elenchi locali di pacchetti binari Estendere un'elenco di pacchetti usando gli include Usare condizioni all'interno degli elenchi di pacchetti Task Task per desktop e lingua Installare pacchetti modificati o di terze parti Utilizzare chroot_local-packages per installare pacchetti personalizzati Utilizzare un repository APT per installare pacchetti personalizzati Pacchetti personalizzati e APT Configurare APT in fase di costruzione Scegliere apt o aptitude iv

5 Contents Utilizzare un proxy con APT Modificare APT per risparmiare spazio Passare opzioni ad apt o aptitude APT pinning Personalizzazione dei contenuti Include Live/chroot include locali Include locali binari Include binari Hook Live/chroot hook locali Hook in fase di avvio Hook binari locali Preconfigurare le domande di Debconf Personalizzare i comportamenti durante l'esecuzione Personalizzare l'utente live Personalizzare la localizzazione e la lingua Persistenza Persistenza completa Mount automatico della home Istantanee Sottotesto persistente Rimasterizzazione parziale Personalizzare l'immagine binaria Bootloader Metadati ISO Personalizzare il Debian Installer Tipologie del Debian Installer Personalizzare il Debian Installer con la preconfigurazione Personalizzare il contenuto del Debian Installer Progetto Segnalare bug Problemi noti Ricostruire da zero Usare pacchetti aggiornati Raccogliere informazioni Se possibile isolare il caso non andato a buon fine Segnalare il bug del pacchetto giusto Durante la compilazione mentre esegue il bootstrap Durante la compilazione mentre installa i pacchetti In fase di avvio In fase di esecuzione Fare la ricerca Dove segnalare i bug v

6 Contents 14. Lo stile nello scrivere codice Compatibilità Rientri Ritorno a capo Variabili Varie Procedure Aggiornamenti degli udeb Rilasci importanti Rilasci minori Modello per l'annuncio di un rilascio minore Esempi Esempi Usare gli esempi Tutorial 1: un'immagine standard Tutorial 2: servizio browser web Tutorial 3: un'immagine personalizzata Prima revisione Seconda revisione Un client Kiosk VNC Un'immagine base per una chiavetta USB da 128M Un desktop KDE localizzato e l'installer Metadata 55 SiSU Metadata, document information vi

7 Manuale di Debian Live 1 A proposito 2 1. A proposito di questo manuale 3 L'obiettivo di questo manuale e quello di servire da punto di accesso centralizzato per 4 tutta la documentazione relativa al progetto Debian Live; non include documentazione rivolta agli utenti finali sul come usare un sistema Debian Live, se non quella specifica per un sistema live. Alcuni dei comandi menzionati nel testo devono essere eseguiti con i privilegi di super- 5 utente che possono essere ottenuti diventando utente root tramite su oppure usando sudo. Per distinguere i comandi che possono essere eseguiti come utente normale da quelli che necessitano dei privilegi di super-utente, i comandi sono preceduti rispettivamente da $ o #. Questi simboli non fanno parte del comando. 1.1 Per gli impazienti 6 Sebbene crediamo che ogni cosa in questo manuale sia importante almeno per al- 7 cuni dei nostri utenti, ci rendiamo conto che c'è tanto materiale da trattare e che si potrebbe voler provare il software prima di entrare nei dettagli. Pertanto, abbiamo messo a disposizione nella sezione Esempi tre tutorial progettati per insegnarvi le basi della costruzione e della personalizzazione delle immagini. Si legga innanzitutto Usare gli esempi, seguito da Tutorial 1: un'immagine standard, Tutorial 2: un programma di utilità web browser e, infine, Tutorial 3: un'immagine personalizzata. Alla fine di queste esercitazioni, si avrà un assaggio di ciò che si può fare con Debian Live. Ti invitiamo ad uno studio più approfondito del manuale, magari leggendo in seguito Nozioni di base, sfogliando o saltando Creare un'immagine netboot, e finendo con la lettura di Panoramica sulla personalizzazione e dei capitoli che lo seguono. A questo punto, ci auguriamo che tu sia davvero eccitato da ciò che si può fare con Debian Live e motivato a leggere il resto del manuale, da cima a fondo. 1.2 Glossario 8 Live system : Un sistema operativo che può partire senza installazione su disco 9 rigido. I sistemi live non alterano né il sistema operativo locale (o i sistemi operativi locali) né i file già installati sul disco rigido del computer a meno che lo si faccia volontariamente. I sistemi live vengono solitamente avviati da supporti quali CD, DVD o penne USB; alcuni possono anche avviarsi via rete. Debian Live : Il sotto-progetto Debian che mantiene i pacchetti live-boot, live-build, 10 live-config e live-manual. Debian Live system : Un sistema live che usa software proveniente dal sistema 11 1

8 operativo Debian e che può essere lanciato da CD, DVD, supporti USB, via rete (tramite immagini netboot) e via internet (tramite il parametro di boot fetch=url). Host system : L'ambiente utilizzato per creare il sistema live. 12 Target system : L'ambiente usato per eseguire il sistema live. 13 live-boot : Una raccolta di script usati per avviare sistemi live. live-boot era una 14 parte di live-initramfs. live-build : Una raccolta di script usati per creare sistemi Debian Live personalizzati. 15 live-build era conosciuto come live-helper, ed ancora prima come live-package. live-config : Una raccolta di script usati per configurare un sistema live durante il 16 processo di inizializzazione. live-config era una parte di live-initramfs. live-manual : Questo documento è inserito nel pacchetto chiamato live-manual. 17 Debian Installer (d-i) : Il sistema d'installazione ufficiale per la distribuzione Debian. 18 Boot parameters : Parametri che possono essere immessi nel prompt del boot 19 loader per modificare il comportamento del kernel o di live-config. chroot : Il programma chroot, chroot(8), rende possibile eseguire diverse istanze 20 dell'ambiente GNU/Linux su un singolo sistema simultaneamente senza riavviare. Binary image : Un file che contiene il sistema live, come binary.iso o binary.img. 21 Target distribution : La distribuzione su cui sarà basato il sistema live. Può differire 22 dalla distribuzione presente sul proprio computer. Squeeze/Wheezy/Sid (stable/testing/unstable) : Nomi in codice per i rilasci De- 23 bian; al momento Squeeze è l'attuale stable e Wheezy l'attuale testing. Sid sarà sempre il sinonimo della unstable. In tutto il manuale si tende ad usare i nomi in codice dei rilasci, in quanto questo è ciò che è previsto dagli strumenti stessi. La distribuzione stable contiene l'ultima distribuzione ufficialmente rilasciata da De- 24 bian; la testing è il punto di raccolta per i pacchetti della prossima stable. Uno dei principali vantaggi nell'uso di questa distribuzione sta nell'avere software più recente rispetto alla stable. La distribuzione unstable è dove avviene lo sviluppo attivo di Debian; viene generalmente usata dagli sviluppatori o da coloro che amano l'azzardo. 1.3 Autori 25 Lista degli autori (in ordine alfabetico): 26 Ben Armstrong 27 Brendan Sleight 28 Chris Lamb 29 Daniel Baumann 30 2

9 Franklin Piat 31 Jonas Stein 32 Kai Hendry 33 Marco Amadori 34 Mathieu Geli 35 Matthias Kirschner 36 Richard Nelson 37 Trent W. Buck Contribuire a questo documento 39 Questo manuale è pensato come un progetto comunitario e ogni suggerimento e con- 40 tributo è benvenuto. Il modo migliore per apportare un contributo è di inviarlo alla mailing list. Per maggiori informazioni si veda la sezione Contatti. Quando si sottopone un contributo, si prega di indicare chiaramente il detentore del 41 copyright e di includere la licenza. Si noti che, per essere accettato, il contributo deve essere distribuito con la stessa licenza del resto del documento, ovvero la GPL versione 3 o successiva. I sorgenti di questo manuale sono mantenuti utilizzando il sistema di controllo Git. Si 42 può visionare la copia più recente eseguendo: $ git clone git://live.debian.net/git/live-manual.git 43 Prima di sottoporre un contributo, si prega di visionare l'anteprima del proprio lavoro. 44 Per ottenere l'anteprima di live-manual, assicurarsi di avere installati i pacchetti necessari per la sua compilazione eseguendo: # apt-get install make po4a sisu-complete libnokogiri-ruby 45 Si può compilare il live-manual dalla directory superiore del checkout di Git eseguendo: 46 $ make build 47 Dato che occorre del tempo per compilare il manuale in tutte le lingue supportate, può 48 risultare conveniente farlo per una sola lingua, ad esempio eseguendo: $ make build LANGUAGES=en Applicare le patch 50 Chiunque può eseguire il commit direttamente sul repository; tuttavia chiediamo di in- 51 viare le modifiche più corpose in mailing list, per poterne prima discuterne. Per eseguire il push sul repository, si deve seguire questa procedura: Prelevare la chiave pubblica: 52 3

10 $ mkdir -p ~/.ssh/identity.d 53 $ wget \ -O $ wget \ -O $ chmod 0600 Aggiungere la seguente sezione alla propria configurazione di openssh-client: 54 $ cat >> ~/.ssh/config << EOF 55 Host live.debian.net Hostname live.debian.net User gitosis IdentityFile EOF Scaricare tramite ssh un clone del manuale: 56 $ git clone 57 Dopo aver modificato i file in manual/en/, chiamare il target `commit' nella directory 58 superiore per bonificare i file ed aggiornare i file di traduzione: $ make commit 59 Dopo la pulizia è possibile eseguire il commit delle modifiche. Si scrivano messaggi 60 costituiti da frasi in inglese esaurienti ed utili, inizianti con una lettera maiuscola e terminanti con un punto. Solitamente cominceranno con la forma `Fixing/Adding/- Removing/Correcting/Translating', ad esempio. $ git commit -a -m "Adding a section on applying patches." 61 Inviare il commit al server: 62 $ git push Traduzione 64 Per inviare una traduzione per una nuova lingua, seguire questi tre passi: 65 Tradurre i file about_manual.ssi.pot, about_project.ssi.pot e index.html.in.pot nella 66 propria lingua con il proprio editor preferito (tipo poedit). Inviare i file tradotti alla mailing list. Una volta che abbiamo ricevuto il contributo, aggiungeremo la nuova lingua al manuale (fornendo i file po) e la attiveremo per la procedura di compilazione automatica. Una volta che la nuova lingua è stata aggiunta, si può iniziare a tradurre tutti i file po 67 situati in manual/po/, nell'ordine che si preferisce. Non si dimentichi che è necessario dare un make commit per assicurarsi che i manuali 68 tradotti siano aggiornati partendo dai file po, prima di git commit -a e git push. 4

11 2. A proposito del progetto Debian Live Motivazioni Cosa c'è di sbagliato con gli attuali sistemi live 71 Quando Debian Live iniziò erano disponibili svariati sistemi live basati su Debian che 72 tuttora stanno facendo un buon lavoro. Dal punto di vista di Debian molti di essi hanno uno o più dei seguenti svantaggi: Sono progetti non ufficiali, sviluppati al di fuori di Debian. 73 Mischiano differenti distribuzioni come ad esempio: testing e unstable. 74 Supportano solamente i Modificano l'aspetto e il comportamento dei pacchetti snellendoli per risparmiare 76 spazio. Includono pacchetti non ufficiali. 77 Forniscono un kernel con patch addizionali che non appartengono a Debian. 78 Sono grandi e lenti a causa delle loro dimensioni e non adatti per operazioni di 79 salvataggio. Non sono disponibili in diversi formati come CD, DVD, penne USB e immagini net- 80 boot Perché creare il proprio sistema live? 81 Debian è il Sistema Operativo Universale: ha un sistema live ufficiale per mostrare e 82 rappresentare ufficialmente il vero, unico e solo sistema Debian con i seguenti principali vantaggi: Sarebbe un sottoprogetto ufficiale Debian. 83 Riflette lo stato (attuale) di una distribuzione. 84 Gira su più architetture possibili. 85 È costituito solo da pacchetti Debian non modificati. 86 Non contiene nessun pacchetto non ufficiale. 87 Usa un kernel Debian inalterato senza patch addizionali. 88 5

12 2.2 Filosofia Solamente pacchetti ufficiali inalterati 90 Verranno usati solo pacchetti ufficiali dei repository Debian della sezione main. La 91 sezione non-free non è parte di Debian perciò non possono essere affatto usati per le immagini ufficiali del sistema live. Non verrà cambiato nessun pacchetto. Nel caso in cui sarà necessario cambiare qual- 92 cosa sarà fatto in coordinazione con il maintainer del pacchetto Debian. In via eccezionale i nostri pacchetti come live-boot, live-build o live-config possono 93 temporaneamente essere usati dal nostro repository per ragioni di sviluppo (ad esempio per creare istantanee). Verranno caricati regolarmente in Debian Nessun pacchetto di configurazione per il sistema live 94 In questa fase non saranno disponibili né esempi di installazione né configurazioni al- 95 ternative. Tutti i pacchetti vengono usati con la loro configurazione predefinita così come accade con una regolare installazione di Debian. Nel caso in cui serva una configurazione predefinita differente, sarà fatto in coordi- 96 nazione con il maintainer del pacchetto in Debian. Viene fornito un sistema per configurare i pacchetti tramite debconf nel lb config 97 (use --preseed FILE) consentendo di installare pacchetti configurati secondo le proprie preferenze nell'immagine Debian Live personalizzata, ma per le immagini ufficiali verrà usata la configurazione predefinita. Per ulteriori informazioni si veda Panoramica sulla personalizzazione. Eccezione: ci sono alcuni cambiamenti essenziali per far nascere un sistema live (ad 98 esempio configurare pam per permettere le password vuote). Queste modifiche essenziali devono essere tenute al minimo possibile e saranno eventualmente aggiunte ai repository Debian. 2.3 Contatti 99 Mailing list : Il principale contatto del progetto è la mailing list 100 debian-live/, si possono inviare alla lista direttamente a Gli archivi sono disponibili presso IRC : Molti utenti e sviluppatori sono presenti sul canale #debian-live su irc.debian.org 101 (OFTC). Quando si pone una domanda su IRC, si prega di essere pazienti nell'ottenere una risposta; se non si riceve risposta scrivere alla mailing list. BTS : Il Debian Bug Tracking System (BTS) contiene i dettagli dei bug riportati dagli 102 utenti e dagli sviluppatori. A ciascun bug viene assegnato un numero, e viene mantenuto finché non è segnato come risolto. Per ulteriori informazioni si veda Segnalare bug. 6

13 Wiki : Il wiki di Debian Live all'indirizzo è un posto dove 103 raccogliere informazioni, discutere di tecnologie applicate e documenti sull'infrastruttura dei sistemi Debian Live che vanno oltre lo scopo di questo manuale. Utente Installazione Requisiti 106 Per costruire immagini Debian Live i requisiti di sistema sono davvero pochi: 107 Accesso come super-utente (root) 108 Una versione aggiornata di live-build 109 Una shell POSIX-compliant, come bash o dash. 110 debootstrap o cdebootstrap 111 Linux 2.6.x 112 Si noti che usare Debian o una distribuzione derivata Debian non è richiesto - live- 113 build funzionerà sostanzialmente su qualsiasi distribuzione che soddisfi i requisiti di cui sopra. 3.2 Installare live-build 114 Si può installare live-build in diversi modi: 115 Dal repository Debian 116 Da sorgenti 117 Da istantanee 118 Se si sta usando Debian, il metodo raccomandato è di installare live-build attraverso il 119 repository Debian Dal repository Debian 120 Installare live-build semplicemente come qualsiasi altro pacchetto: 121 # apt-get install live-build 122 o 123 # aptitude install live-build 124 7

14 3.2.2 Da sorgenti 125 live-build è sviluppato usando il sistema di controllo versione Git. Sui sistemi Debian è 126 fornito dal pacchetto git. Per scaricare il codice aggiornato, eseguire: $ git clone git://live.debian.net/git/live-build.git 127 È possibile costruirsi ed installarsi il proprio pacchetto Debian eseguendo: 128 $ cd live-build 129 $ dpkg-buildpackage -rfakeroot -b -uc -us $ cd.. Si installino ora i file.deb appena generati ai quali si è interessati, ad esempio: 130 # dpkg -i live-build_ _all.deb 131 Si può anche installare live-build direttamente sul proprio sistema eseguendo: 132 # make install 133 e disinstallarlo con: 134 # make uninstall Da `istantanee' 136 Se non si desidera generare o installare live-build da sorgenti, è possibile usare le istan- 137 tanee. Sono costruite automaticamente dall'ultima versione presente su Git e disponibili su 3.3 live-boot e live-config 138 Nota: non è necessario installare live-boot o live-config sul proprio sistema per creare 139 sistemi Debian Live personalizzati. Tuttavia, farlo non nuoce Dal repository Debian 140 Sia live-boot che live-config sono disponibili dai repository Debian come per l' instal- 141 lazione di live-build Da sorgenti 142 Per utilizzare i sorgenti più recenti da Git si può seguire il procedimento seguente. 143 Assicurarsi di conoscere i termini menzionati nel Glossario. Scaricare i sorgenti di live-boot e live-config 144 $ git clone git://live.debian.net/git/live-boot.git 145 $ git clone git://live.debian.net/git/live-config.git Consultare la pagine man di live-boot e live-config per i dettagli sulla personalizzazione 146 se questa è il motivo per compilare questi pacchetti dai sorgenti. 8

15 Costruire un.deb di live-boot e live-config 147 Bisogna costruire o sulla propria distribuzione target, oppure in un chroot contenete 148 la piattaforma target: significa che se il target è Squeeze allora bisogna costruire su Squeeze. Utilizzare un builder personale tipo pbuilder o sbuild se si deve costruire live-boot per 149 una distribuzione target diversa dal proprio sistema di build. Ad esempio, per immagini live Squeeze, si generi live-boot in un chroot Squeeze. Se la distribuzione target corrisponde con la distribuzione del proprio sistema di build, si può costruire direttamente sul sistema di build usando dpkg-buildpackage (fornito dal pacchetto dpkg-dev) : $ cd live-boot 150 $ dpkg-buildpackage -b -uc -us $ cd../live-config $ dpkg-buildpackage -b -uc -us Usare il.deb di live-boot generato 151 Siccome live-boot e live-config sono installati dal sistema live-build, installare il pac- 152 chetto nel sistema host non è sufficiente: occorre trattare il.deb generato come un qualsiasi altro pacchetto su misura. Per maggiori informazioni si veda Personalizzare l'installazione dei pacchetti. Si presti particolare attenzione a Repository aggiuntivi Da `istantanee' 153 Si può lasciare che live-build usi automaticamente l'ultima istantanea di live-boot e live- 154 config configurando un repository esterno nella directory di configurazione di live-build. Assumendo che si sia già creato un albero di configurazione con lb config: $ lb config --repository live.debian.net Nozioni di base 156 Questo capitolo contiene una breve panoramica del processo di generazione e le 157 istruzioni per utilizzare i tre tipi di immagine più comunemente utilizzati. La tipologia di immagine più versatile, iso-hybrid, può essere usata su una macchina virtuale, supporto ottico o dispositivo di archiviazione portatile USB. In alcuni casi particolari, la usb-hdd potrebbe essere più adatta per i dispositivi USB. Il capitolo termina con le istruzioni per costruire e usare un'immagine di tipo net, che è un poco più complessa a causa del setup richiesto sul server. Si tratta di un argomento leggermente avanzato per chi non ha familiarità con l'avvio da rete, ma è incluso qui perché, una volta che il setup è stato fatto, è un modo molto comodo per collaudare e distribuire immagini facendo il boot nella rete locale senza la seccatura di doversi occupare dei mezzi di divulgazione dell'immagine. 9

16 4.1 Che cos'è un sistema live? 158 Per sistema live generalmente si intende un sistema operativo che può essere avviato 159 da un supporto rimovibile, come un CD-ROM o una chiavetta USB, oppure da una rete, pronto per l'uso senza alcuna installazione su hard disk, con una auto-configurazione fatta durante l'esecuzione (vedere Glossario ). Con Debian Live, si tratta di un sistema operativo Debian GNU/Linux, generato per 160 una delle architetture previste (attualmente amd64, i386, powerpc e sparc). È costituito dalle seguenti parti: Immagine del kernel Linux, comunemente chiamata vmlinuz* 161 Initial RAM disk image (initrd) : un disco RAM creato per il boot di Linux, conte- 162 nente i moduli potenzialmente necessari per montare l'immagine di sistema e alcuni script per farlo. Immagine di sistema : l'immagine del filesystem del sistema operativo. Normal- 163 mente è usato un filesystem compresso SquashFS, per minimizzare le dimensioni dell'immagine Debian Live. Si noti che è in sola lettura. Dunque, durante il boot il sistema Debian Live userà un disco RAM e il meccanismo `unione' per attivare i file in scrittura all'interno del sistema in esecuzione. Ad ogni modo, tutte le modifiche verranno perse con lo spegnimento a meno che non si usi la persistenza opzionale (si veda Persistenza ). Bootloader : una piccola porzione di codice predisposto per l'avvio dal supporto 164 scelto, che presenta un prompt o un menu per la selezione di opzioni/configurazioni. Carica il kernel Linux ed il suo initrd da eseguire con un filesystem associato. Possono essere usate diverse soluzioni, in base al supporto di destinazione ed al formato del filesystem contenenti le componenti precedentemente citate: isolinux per il boot da CD o DVD nel formato ISO9660, syslinux per supporti HDD o USB che si avviano da una partizione VFAT, extlinux per le partizioni ext/2/3/4 e btrfs, pxelinux per il netboot PXE, GRUB per partizioni ext2/3/4, ecc. È possibile usare live-build per creare l'immagine di sistema secondo le proprie speci- 165 fiche, scegliere un kernel Linux, il suo initrd ed un bootloader per avviarli, tutto in un unico formato che dipende dal mezzo (immagini ISO9660, immagine disco, ecc.) 4.2 Primi passi: creare un'immagine ISO 166 La seguente sequenza di comandi di live-build creerà un'immagine ISO ibrida di base 167 contenente soltanto il sistema Debian standard senza X.org. È adatta per essere masterizzata su CD o DVD e anche per essere copiata su una penna USB (come per Copiare un'immagine USB/HDD su una penna USB, specificando l'estensione.iso dove è indicato.img ). In primo luogo eseguire il comando lb config, il quale creerà una gerarchia config/ 168 nella directory corrente e che verrà utilizzata da altri comandi: 10

17 $ lb config 169 Non passando alcun parametro a lb config, si indica che si intende utilizzare le im- 170 postazione predefinite (vedere Il comando lb config ). Ora che si ha una gerarchia config/ si può generare l'immagine con il comando lb 171 build: # lb build 172 Questo processo può richiedere tempo, a seconda della velocità della connessione di 173 rete (vedere Il comando lb build ) Provare un'immagine ISO con Qemu 174 Collaudare una ISO è semplice: 175 # apt-get install qemu 176 $ qemu -cdrom binary.iso Provare un'immagine ISO con virtualbox-ose 177 Per provare la ISO con virtualbox-ose: 178 # apt-get install virtualbox-ose virtualbox-ose-dkms 179 $ virtualbox Creare una nuova macchina virtuale, modificare le impostazione di archiviazione in 180 modo da usare binary.iso come dispositivo CD/DVD, ed avviare la macchina. Nota: per sistemi live contenenti X.org che si vogliono provare con virtualbox-ose, si 181 può voler includere il pacchetto dei driver per X.org di VirtualBox, virtualbox-ose-guestx11, nella configurazione di live-build. Altrimenti, la risoluzione è limitata a 800x600. $ lb config --packages virtualbox-ose-guest-x Masterizzare un'immagine ISO su un supporto fisico 183 Masterizzare un'immagine ISO è semplice: 184 # apt-get install wodim 185 $ wodim binary.iso 4.3 Creare un'immagine USB/HDD 186 La seguente sequenza di comandi creerà un'immagine USB/HDD di base contenente 187 solo un sistema Debian standard senza X.org. È adatta per avviarsi da chiavette USB, 11

18 dischi rigidi USB, e da svariati altri dispositivi di archiviazione portatili. In genere per questo scopo può essere usata un'immagine ISO ibrida, ma se si ha un BIOS che non supporta le immagini ibride, o si vuole usare lo spazio rimanente sul supporto per una partizione persistente, allora occorre un'immagine USB/HDD. Nota: se si è creata un'immagine ISO con gli esempi precedenti, occorre pulire la di- 188 rectory di lavoro con il comando lb clean (vedere Il comando lb clean ): # lb clean --binary 189 Eseguire il comando lb config con i parametri atti a configurare la struttura config/ 190 per creare un'immagine di tipo USB/HDD: $ lb config -b usb-hdd 191 Si crei ora l'immagine con il comando lb build: 192 # lb build Copiare un'immagine USB/HDD su una penna USB 194 L'immagine binaria generata contiene una partizione VFAT e il bootloader syslinux, 195 pronti per essere scritti direttamente su una penna USB. Inserire una chiavetta USB con una dimensione maggiore di quella di binary.img e digitare: $ dd if=binary.img of=${usbstick} 196 dove ${USBSTICK} è il nome del device, come /dev/sdb (non una partizione come /- 197 dev/sdb1!); si può trovare il nome corretto del device guardando l'output di dmesg dopo aver inserito la chiavetta USB, o meglio ancora ls -l /dev/disk/by-id. Questo sovrascriverà definitivamente qualsiasi dato in precedenza sulla chi- 198 avetta! Nota: come disquisito in precedenza, questo stesso processo può essere usato per 199 immagini di tipo iso-hybrid (con suffisso -hybrid.iso), ma non per le immagini di tipo iso Provare un'immagine USB/HDD con Qemu 200 # apt-get install qemu 201 $ qemu -hda binary.img Usare lo spazio rimanente su una penna USB 202 Se si vuole usare lo spazio libero che rimane dopo l'installazione di binary.img, si 203 può usare uno strumento di partizionamento come gparted o parted per creare una nuova partizione sulla penna. La prima partizione verrà utilizzata dal sistema Debian Live. 12

19 # gparted ${USBSTICK} 204 Dopo aver creato la partizione, si deve creare su di essa un filesystem. Una scelta 205 possibile potrebbe essere ext4. # mkfs.ext4 ${USBSTICK} 206 Usare FAT32 se si vuole usare questa partizione dati con Windows. 207 # mkfs.vfat -F Ricorda: ogni volta che si installa un nuovo file binary.img sulla penna, tutti i dati 209 sulla chiavetta saranno persi perché la tabella delle partizioni viene sovrascritta con i contenuti dell'immagine. 4.4 Creare un'immagine netboot 210 La seguente sequenza di comandi creerà un'immagine netboot di base contenente il 211 sistema Debian standard senza X.org. È adatta per il boot tramite rete. Nota: se qualcuno tra gli esempi precedenti è stato seguito, bisogna pulire la directory 212 di lavoro con il comando lb clean: # lb clean --binary 213 Per configurare l'immagine per l'avvio da rete, eseguire il comando lb config come 214 segue: $ lb config -b net --net-root-path "/srv/debian-live" --net-root-server 215 " " Diversamente dalle immagini ISO e USB/HDD, il boot via rete non fornisce un'immagine 216 del filesytem al client, perciò i file devono essere forniti via NFS. Le opzioni net-rootpath e net-root-server specificano, rispettivamente, il percorso e il server del server NFS dove l'immagine del filesystem sarà situata all'avvio. Accertarsi che questi siano impostati su valori adeguati alla propria rete. Si crei ora l'immagine con il comando lb build: 217 # lb build 218 In un avvio tramite rete, il client esegue una piccola parte di software che normalmente 219 risiede sulla EPROM della scheda Ethernet. Questo programma invia una richiesta DHCP per ottenere un indirizzo IP e le informazioni su cosa fare in seguito. In genere il passo successivo è ottenere un bootloader di di livello superiore attraverso il protocollo TFTP. Questi potrebbe essere pxelinux, GRUB, o anche avviare direttamente un sistema operativo come Linux. Per esempio, estraendo l'archivio generato binary-net.tar.gz nella directory /srv/- 220 debian-live, si troverà l'immagine del filesystem in live/filesystem.squashfs mentre il kernel, initrd ed il bootloader pxelinux in tftpboot/debian-live/i386. Per abilitare l'avvio tramite rete vanno ora configurati tre servizi:i server DHCP, TFTP 221 e NFS. 13

20 4.4.1 Server DHCP 222 Si deve configurare il server DHCP della rete per essere sicuri di fornire un indirizzo 223 IP al sistema client che si avvia tramite rete, e notificare la posizione del bootloader PXE. Ecco un esempio, scritto per un server DHCP ISC isc-dhcp-server nel file di config- 224 urazione /etc/dhcp/dhcpd.conf: # /etc/dhcp/dhcpd.conf - configuration file for isc-dhcp-server 225 ddns-update-style none; option domain-name "example.org"; option domain-name-servers ns1.example.org, ns2.example.org; default-lease-time 600; max-lease-time 7200; log-facility local7; subnet netmask { range ; next-server servername; filename "pxelinux.0"; } Server TFTP 226 Fornisce al sistema il kernel e il ramdisk iniziale in fase di esecuzione. 227 Si installi il pacchetto tftpd-hpa, che mette a disposizione tutti i file contenuti in una 228 directory root, di solito /srv/tftp. Affinché si possa disporre dei file contenuti in /- srv/debian-live/tftpboot, eseguire il seguente comando come utente root: # dpkg-reconfigure -plow tftpd-hpa 229 e inserire la nuova directory del server tftp quando viene richiesto Server NFS 231 Una volta che il computer ospite ha scaricato e avviato un kernel Linux e caricato il suo 232 initrd, cercherà di montare l'immagine del filesystem Live tramite un server NFS. Bisogna installare il pacchetto nfs-kernel-server. 233 Quindi, rendere disponibile l'immagine del filesystem via NFS aggiungendo una riga 234 come la seguente in /etc/exports: /srv/debian-live *(ro,async,no_root_squash,no_subtree_check)

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

Per Iniziare con Parallels Desktop 10

Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Copyright 1999-2014 Parallels IP Holdings GmbH e i suoi affiliati. Tutti i diritti riservati. Parallels IP Holdings GmbH Vordergasse 59 8200 Schaffhausen Svizzera

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti APRS su Linux con Xastir Installazione dai sorgenti L installazione di Xastir Per installare Xastir non è richiesto essere un guru di Linux, anche se una conoscenza minima della piattaforma è necessaria.

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

Guida alla migrazione da Windows XP a Linux

Guida alla migrazione da Windows XP a Linux 2014/04/13 20:48 1/12 Guida alla migrazione da Windows XP a Linux Guida alla migrazione da Windows XP a Linux Introduzione Il prossimo 8 aprile, Microsoft cesserà il supporto e gli aggiornamenti per Windows

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Usare KDE su 6 3 Funzionamento interno 8

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

Guida dell'utente di Norton Save and Restore

Guida dell'utente di Norton Save and Restore Guida dell'utente Guida dell'utente di Norton Save and Restore Il software descritto in questo manuale viene fornito con contratto di licenza e può essere utilizzato solo in conformità con i termini del

Dettagli

Zeroshell su vmware ESXi 4.1

Zeroshell su vmware ESXi 4.1 Zeroshell su vmware ESXi 4.1 Introduzione Vediamo come installare Zeroshell su Vmware ESXi 4.1 usando come immagine quella per IDE,SATA e USB da 1GB. Cosa ci serve prima di iniziare: Una distro Live io

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Per iniziare con Parallels Desktop 9

Per iniziare con Parallels Desktop 9 Per iniziare con Parallels Desktop 9 Copyright 1999-2013 Parallels Holdings, Ltd. and its affiliates. All rights reserved. Parallels IP Holdings GmbH. Vordergasse 59 CH8200 Schaffhausen Switzerland Tel:

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO

PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO Informazioni generali Il programma permette l'invio di SMS, usufruendo di un servizio, a pagamento, disponibile via internet. Gli SMS possono essere

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

Traduzione di TeamLab in altre lingue

Traduzione di TeamLab in altre lingue Lingue disponibili TeamLab è disponibile nelle seguenti lingue nel mese di gennaio 2012: Traduzioni complete Lingue tradotte parzialmente Inglese Tedesco Francese Spagnolo Russo Lettone Italiano Cinese

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

RSYNC e la sincronizzazione dei dati

RSYNC e la sincronizzazione dei dati RSYNC e la sincronizzazione dei dati Introduzione Questo breve documento intende spiegare come effettuare la sincronizzazione dei dati tra due sistemi, supponendo un sistema in produzione (master) ed uno

Dettagli

Acronis Compute with Confidence, Acronis Startup Recovery Manager, Acronis Active Restore ed il logo Acronis sono marchi di proprietà di Acronis, Inc.

Acronis Compute with Confidence, Acronis Startup Recovery Manager, Acronis Active Restore ed il logo Acronis sono marchi di proprietà di Acronis, Inc. Copyright Acronis, Inc., 2000-2011.Tutti i diritti riservati. Acronis e Acronis Secure Zone sono marchi registrati di Acronis, Inc. Acronis Compute with Confidence, Acronis Startup Recovery Manager, Acronis

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

HTTPD - Server web Apache2

HTTPD - Server web Apache2 Documentazione ufficiale Documentazione di Ubuntu > Ubuntu 9.04 > Guida a Ubuntu server > Server web > HTTPD - Server web Apache2 HTTPD - Server web Apache2 Apache è il server web più utilizzato nei sistemi

Dettagli

Zeroshell su HP Microserver

Zeroshell su HP Microserver Zeroshell su HP Microserver Introduzione Un Captive Portal su HP Microserver Approfondisco l argomento Zeroshell, mostrando la mia scelta finale per la fornitura di un captive portal in versione boxed,

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

Analisi di sistemi compromessi (ricerca di rootkit, backdoor,...)

Analisi di sistemi compromessi (ricerca di rootkit, backdoor,...) Analisi di sistemi compromessi (ricerca di rootkit, backdoor,...) Massimo Bernaschi Istituto per le Applicazioni del Calcolo Mauro Picone Consiglio Nazionale delle Ricerche Viale del Policlinico, 137-00161

Dettagli

Fedora 11 Guida d'installazione

Fedora 11 Guida d'installazione Fedora 11 Guida d'installazione Installazione di Fedora 11 su x86, AMD64, e architetture Intel a 64 bit Fedora Documentation Project Guida d'installazione Fedora 11 Guida d'installazione Installazione

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX

1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX 1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX Configurazione di Atlas con client Linux DESCRIZIONE Di seguito sono descritte le operazioni da effettuare per configurare correttamente

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

CA Process Automation

CA Process Automation CA Process Automation Glossario Release 04.2.00 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Marco Giorgi Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Post mortem (Dopo lo spegnimento del sistema) Si smonta il dispositivo e lo si collega ad un PC dedicato all'acquisizione Live forensics (Direttamente

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file 1 di 1 Uso del computer e gestione dei file Argomenti trattati: Sistema operativo Microsoft Windows: interfaccia grafica e suoi elementi di base Avvio e chiusura di Windows Le FINESTRE e la loro gestione:

Dettagli

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione 2013. 12 (Revisione 2.6.) Esclusione di responsabilità legale SAMSUNG ELECTRONICS SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE I PRODOTTI, LE INFORMAZIONI

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z Progettata da Vodafone Benvenuti nel mondo della comunicazione in mobilità 1 Benvenuti 2 Impostazione della Vodafone Internet Key 4 Windows 7, Windows Vista,

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

Lezione 15 File System

Lezione 15 File System Lezione 15 File System Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2014/2015 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia http://weblab.ing.unimo.it/people/andreolini/didattica/sistemi-operativi

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation Guida introduttiva 1 Informazioni sul documento Questo documento descrive come installare e iniziare ad utilizzare

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE INTRODUZIONE BENVENUTO Benvenuto in SPARK XL l applicazione TC WORKS dedicata al processamento, all editing e alla masterizzazione di segnali audio digitali. Il design di nuova

Dettagli