ISTITUTO SUPERIORE E.FERMI Tecnico Settore Tecnologico e Liceo Scientifico delle Scienze Applicate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO SUPERIORE E.FERMI Tecnico Settore Tecnologico e Liceo Scientifico delle Scienze Applicate"

Transcript

1 ISTITUTO SUPERIORE E.FERMI Tecnico Settore Tecnologico e Liceo Scientifico delle Scienze Applicate Strada Spolverina, MANTOVA Tel Fax Sistemi Operativi Argomenti: Sistemi Operativi File System

2 Descrizione e funzioni dei Sistemi Operativi Il Sistema Operativo (SO; OS=Operating System), detto anche software di base, è un insieme di programmi destinati alla gestione dei dispositivi che costituiscono un computer (detti risorse o risorse fisiche). Il SO serve all utente ed al programmatore di applicazioni, offrendo ad entrambi un interfaccia con i componenti hardware. Tutti i computer, dai PC ai grandi elaboratori militari, hanno il sistema operativo: comandi e interfacce possono cambiare, ma le funzioni sono le stesse. Chi si occupa di sistemi operativi è generalmente uno specialista, che non si occupa di software applicativo; analogamente, altri specialisti si occupano di scrivere i driver, programmi presenti su dispositivi esterni (stampanti, switch, router, telefoni VOIP, ), destinati a comunicare con il sistema operativo dei computer cui verranno collegati. Entrambe queste figure professionali, quasi sempre specialisti di hardware, sono spesso confuse con i programmatori applicativi, che invece scrivono software destinato a risolvere problemi di varia umanità, e generalmente sono specialisti di software, non di hardware. Il diagramma a fianco riassume ciò che collega l utente all hardware, ma, essendo solo una schematizzazione, non va preso troppo alla lettera. Ad esempio, il sistema operativo è posizionato ai livelli bassi, ma l utente è in grado di attivarne tutte le funzioni direttamente; analogamente, ci sono utenti che usano solo il middleware (software per produrre altro software, usato dai programmatori), ed altri che usano i programmi applicativi scritti tramite il middleware. Sarà quindi Informatica a strati facile trovare, su testi o su siti didattici, diagrammi simili, ma con lievi differenze: ad esempio, si potrebbero trovare due livelli del sistema operativo anziché uno, o i driver subito sopra l hardware, o il livello del middleware mancante. Sono dettagli dovuti alle preferenze di chi predispone il diagramma, ma non modificano il quadro generale. Ad un amministratore di sistema (un tempo detto sistemista) si richiede la conoscenza delle funzioni del sistema operativo, la sua organizzazione interna, le tecniche di gestione dei dispositivi e dei dati; nella pratica, dovrebbe essere in grado di eseguire le operazioni di installazione, configurazione, manutenzione, aggiornamento del SO, oltre che saper analizzare (e possibilmente risolvere) i problemi più frequenti. Il sistema operativo, come intermediario tra utente e computer, è responsabile da una parte del controllo e della gestione delle componenti hardware, e dall altra di garantire all utente la possibilità di eseguire programmi in modo efficiente 1. Si può quindi riassumerne in questo modo: Dal punto di vista interno (macchina), il SO è un gestore che dispone di tutte le risorse del computer, fisiche (dispositivi) e logiche (dati). Dal punto di vista esterno (utente), il SO è un interfaccia per l uso delle risorse, col fine ultimo di risolvere i problemi dell utente. Il SO, e in particolare la sua componente fondamentale, il kernel 2, è l unico programma che è sempre in esecuzione sul calcolatore. Viene caricato all accensione della macchina e continua a funzionare fino allo spegnimento. Esso si occupa di gestire: Stavvi Minos orribilmente, e ringhia; essamina le colpe ne l intrata; giudica e manda secondo ch avvinghia. i processi (programmi in esecuzione); la memoria centrale (dove sono presenti i processi); la memoria di massa (dove sono memorizzate le informazioni); i sistemi di Input/Output (I/O) con tutte le periferiche (per lo scambio delle informazioni). l interfaccia utente (attraverso la quale si manovra il computer); 1 Aggettivi come efficiente, sicuro, veloce non vanno considerati in modo assoluto: si tratta degli obiettivi del sistema operativo, non necessariamente del loro raggiungimento. Anche se un sistema operativo è peggiore o meno efficiente di altri (cose spesso soggettive), le operazioni che svolge sono le stesse. In questo corso i differenti sistemi operativi sul mercato non vengono giudicati. 2 kernel (=nucleo): software che fornisce ai processi in esecuzione un accesso sicuro e controllato all'hardware

3 Evoluzione e classificazione dei S.O. I primi computer (anni 40) prendevano in input singoli programmi (detti job) attraverso cablaggi tra componenti dell unità centrale: il programma era inserito assieme ai suoi dati e veniva eseguito usando tutte le risorse di calcolo disponibili, per poi stampare l output al termine delle operazioni. Non si può nemmeno parlare di SO, perché il computer funzionava con collegamenti elettrici ed elettronici diretti, effettuati manualmente, da operatrici dette computer (nella foto a fianco, Gloria Ruth Gordon e Esther Gerston, passeggiando all interno dell hardware con i cavi sottobraccio, definiscono i dati da elaborare). Pagate meno dei colleghi maschi, erano comunque scienziate di prim ordine3. Pochi più tardi (anni 50) comparvero lettori di schede e di nastri. Le schede, essenzialmente dei cartoncini perforati, consentivano di mantenere una copia delle istruzioni, e quindi di non dover modificare i cablaggi per ogni nuovo programma; inoltre, una volta trasferite le istruzioni su nastri magnetici, i programmi potevano essere mandati in esecuzione a lotti, anziché singolarmente. I job di un lotto venivano comunque eseguiti sequenzialmente e senza interruzioni: ciascuno rimaneva in coda fino al termine di quello precedente. Al termine del lotto tutti i risultati venivano portati ad un sistema secondario che consentiva di stampare i risultati. Questo modo di eseguire i programmi viene detto elaborazione batch4. Le schede sarebbero state usate fino agli anni 70, anche dopo altre evoluzioni dei sistemi operativi. Con questo modo di operare, programmatori e utenti erano fisicamente lontani dal computer: i programmi, composti da mazzi di schede a volte alti come scatole di scarpe, venivano consegnati alle operatrici (anche qui, generalmente si trattava di donne), che avevano l unica funzione di introdurre le schede nel lettore e riconsegnarli ai proprietari, assieme agli stampati, dopo l elaborazione. L era delle schede perforate Con l introduzione dei dischi (1956) venne adottata una tecnica detta spooling (Simultaneous Peripheral Operation On Line), una registrazione temporanea di dati in memoria per velocizzare le operazioni di input: le schede sono lette ed il loro contenuto (dati compresi) memorizzato su disco; l input del job in esecuzione avviene dal disco; l output è riversato sul disco; dall output su disco vengono stampati i risultati; i dati su disco vengono cancellati (in quanto le memorie sono limitate in capacità). Lo spooling sarebbe stato in seguito adottato anche per la gestione dell output. La quasi totalità dei risultati veniva stampata su moduli continui; a volte, per i disegni, si usavano dei plotter, dispositivi a penna ormai obsoleti (ma con un discreto mercato di appassionati dell usato). Macchine simili ai plotter, ma dotate di lame, vengono tuttora usate per il taglio del vetro o di altri materiali, come metalli e plastica. 3 Queste giovani, fondamentali per il funzionamento dei computer militari, rischiarono di sparire dalla storia, come spesso accadeva alle donne. La loro vicenda fu scoperta nel 1985 da Kathy Kleiman, programmatrice e avvocato specializzato in informatica. Il gruppo originale delle sei computer era composto da: Frances Bilas Spence, Jean Jennings Bartik, Ruth Lichterman Teitelbaum, Kathleen McNulty Mauchly Antonelli, Frances Betty Snyder Holberton, Marlyn Wescoff Meltzer. 4 Batch = a lotti : termine mutuato dai panettieri, indica l infornata di un gruppo di coppie di pane per la cottura

4 Evoluzione La presenza dell unità disco (anni 60) permise anche di eseguire più job (a quel punto denominati task), caricati contemporaneamente in memoria (multitasking): la RAM inizia ad essere vista come un grande contenitore per i programmi in esecuzione, che, nel caso la CPU necessiti di spazio per i calcoli o i risultati parziali, possono essere trasferiti su disco e sospesi per il tempo necessario: la memoria logica (quella che ogni programma pensa di avere a disposizione) diventa un estensione della memoria fisica (quella effettivamente presente nell unità centrale). In questo modo il programmatore inizia a liberarsi dal compito di dover predisporre la memoria a sua disposizione, anche se spesso era costretto a suddividere il task in blocchi indipendenti, che potevano essere scambiati tra di loro in RAM (una tecnica ormai non più conosciuta, anche perché già predisposta all interno dei moderni sistemi operativi, chiamata overlay). I task vengono mandati in esecuzione da un programma detto scheduler; il controllo della CPU viene assegnato ad un dato task dal programma dispatcher (o CPU scheduler). In questo periodo nasce il bisogno di migliorare l efficienza nello sfruttamento della CPU, il cui uso è solitamente a pagamento. A questo scopo si escogita il meccanismo delle interruzioni (interrupt), attivato quando un task necessita di un operazione di I/O: dal momento che le periferiche hanno tempi elevati rispetto alla CPU (millesimi di secondo contro milionesimi), sospendere l operazione del task fino al reperimento dei dati rende possibile assegnare l unità centrale ad un altro task, riducendo così i tempi morti (nei quali la CPU viene detta idle). Questo meccanismo nasce quando non esistono ancora applicazioni interattive. Questo è il successivo sviluppo della multiutenza; la multiprogrammazione viene estesa con il meccanismo del time sharing (condivisione di tempo). Nei nuovi sistemi, anche il tempo di uso delle risorse viene suddiviso tra i task: in particolare, il tempo della CPU è gestito mediante un timer che scatta periodicamente, assegnando l unità centrale a turno 5. La gestione del timer si aggiunge a quella delle interruzioni, con l obiettivo è di provvedere risposte immediate ad un utente che istruisce direttamente il computer o un programma. I programmi che non necessitano di interazione né di risposte immediate, e che magari consumano molto tempo della CPU, possono essere eseguiti in background, uno stato particolare, a bassa priorità, nel quale si cercano gli intervalli in cui la CPU è libera, interferendo il meno possibile con i processi principali. Il time sharing nasce con la l obiettivo di minimizzare i tempi di risposta alle operazioni dell utente interattivo, che deve essere in grado di lavorare come se avesse il sistema a sua completa disposizione. Se i tempi di risposta del computer si mantengono nell ordine dei secondi, risultano corrispondenti alla velocità di interazione dell utente, che riesce quindi a lavorare in modo continuativo, senza troppe attese. Mentre le unità a nastro venivano gestite sequenzialmente, per le memorie di massa (hard disk) il SO dovette occuparsi anche della gestione del file system, l organizzazione del contenuto di un disco (che verrà esaminata in seguito). Questo si aggiunge alle notevoli esigenze che la multiutenza comporta: controllo dell uso della CPU, sincronizzazione dei task, gestione delle risorse, il tutto con l obiettivo di rendere più efficiente e continuo il funzionamento del sistema, evitando le situazioni di deadlock (blocco). In breve nascono anche sistemi operativi real-time, in cui è necessario ottenere una risposta immediata in situazioni rischiose o di alta precisione. Hard disk da 16 Mb, anni 60 Sistemi real-time governano le centraline di auto o moto, molti processi industriali, e dispositivi medici come pacemaker o alimentatori automatici. Questi sistemi, detti dedicati, non sono oggetto di questo corso. Nei sistemi operativi attuali, le attività, che siano dell utente o del SO, sono dette processi (l evoluzione della terminologia consente di distinguere i periodi storici). Spesso i processi sono suddivisi in unità più piccole, dette thread: diversi thread contenuti nello stesso processo possono condividere alcune risorse (solitamente la memoria centrale del computer). Questa tecnica, detta multithreading, attua il principio detto divide et impera, consentendo di migliorare l efficienza nella gestione delle risorse tramite la sovrapposizione di operazioni distinte. Per fare un esempio molto semplice, capita spesso di visualizzare un filmato da una pagina Web intanto che parte del contenuto non è ancora completamente caricata. 5 Il meccanismo di turnazione viene detto round robin, espressione usata anche per descrivere quei campionati sportivi dove ogni partecipante incontra tutti gli altri.

5 Gestione dei processi Un processo è un programma in esecuzione, che necessita di un insieme di risorse (tempo di calcolo, memoria centrale, memoria di massa, connessioni di rete, periferiche, ecc.) per svolgere la propria attività. Il SO assegna dinamicamente al processo le risorse che questo richiede e inoltre mantiene informazioni su tutti i processi presenti in memoria. Tra le informazioni contenute nel descrittore di processo (PCB, Process Control Block 6 ), che il sistema mantiene per ogni processo attivo, ci sono: l identificatore del processo; lo stato del processo; informazioni sull esecuzione: a che punto il processo è arrivato, quali sono i suoi dati parziali; informazioni relative alle risorse assegnate (tra cui, per esempio, i file aperti dal processo). Lo stato del processo cambia durante il suo ciclo di esecuzione: il processo viene creato e lo stato è nuovo (new); viene quindi ammesso nella lista dei processi che possono entrare in esecuzione (ready); il processo cui viene assegnato l uso della CPU va in esecuzione (running) e resta in tale stato finché non avviene un evento tra i seguenti: o interruzione per gestione dati (I/O): il processo entra in uno stato di attesa (waiting) per la risposta dalla periferica consultata; una volta terminata l operazione, il processo tornerà nello stato di ready. Per soddisfare richieste contemporanee da più processi, ogni periferica li inserisce in una coda gestita dal proprio driver, lasciando libero il sistema operativo per altre operazioni. o interruzione per termine dello slot di tempo a disposizione del processo 7 : il processo torna nello stato di ready, in attesa di una nuova attivazione da parte dello scheduler, dopo di che riprenderà l esecuzione dal punto in cui era stato interrotto; o il processo esegue una istruzione di fine lavoro, o incontra un errore irreversibile 8 : passa allo stato di terminated, e lo spazio da esso occupato in RAM verrà rimesso a disposizione (riallocato). Un altro tipo di interruzione avviene quando un processo effettua una richiesta d uso di parti di memoria o di dati non presenti in RAM, ma in memoria virtuale. Questa è una situazione molto comune quando la memoria centrale ha dimensioni ridotte, ed è detta page fault. Capita, per esempio, quando si riprende l esecuzione di un programma lasciato a lungo inattivo, o si naviga all interno di documenti molto grandi, che il software di gestione suddivide in blocchi, lasciando in RAM solo quelli in elaborazione, per non occupare troppo spazio. Ad ogni interruzione viene anche salvato il contesto d esecuzione, ovvero lo stato dei registri al momento dell interruzione, che dovrà essere ripristinato quando il processo tornerà running. In entrambe le situazioni, l operazione viene detta context switch (cambio di contesto). Considerazioni analoghe si hanno anche quando i processi sono suddivisi in thread. 6 Prima era detto TCB (Task Control Block) 7 Alcuni manuali chiamano questa situazione timed waiting. 8 La gestione delle situazioni di errore viene detta error trapping; quando l errore non viene intercettato correttamente, il processo va in crash, o, come si diceva in tempi ormai trascorsi, in abend (abnormal end). Può essere errore irreversibile una divisione per zero, se un programma non ha previsto possibilità alternative di elaborazione.

6 Sistemi Operativi per PC Il concetto di sistema operativo nasce negli anni 50. Il primo del quale si ha nome e traccia potrebbe essere stato GM-NAA I/O, sviluppato nel 1956 da Robert Patrick (General Motors) e Owen Mock (North American Aviation) per gestire i sistemi batch IBM delle rispettive ditte. Nel 1959 nasce una versione perfezionata chiamata SHARE (o anche SOS), poi distribuita dalla IBM con il nome di IBSYS. Siamo ancora nell era dei tecnici in camice bianco, gli unici che avevano la possibilità di toccare il computer, sempre in ambienti asettici ed a temperatura costante (21 ). Alla fine degli anni 60 la AT&T (allora la maggior compagnia telefonica USA) sviluppa UNIX, un sistema operativo con interfaccia testuale ed interazione tramite riga di comando, nato per i computer delle serie PDP costruiti dalla DEC 9. A questo SO si ispirarono quelli destinati ai Personal Computer: in particolare, il CP/M (Control Program for Microcomputers 10 ) ed il successivo MS-DOS 11. Sui PC sono comparsi brevemente altri sistemi operativi, tutti soppiantati dal DOS (1981), e da Windows (circa 1995). Anche un sistema successivo UNIX: Thompson, Ritchie, Kernighan (OS/2) fece la stessa fine. L interfaccia grafica con mouse (GUI: Graphical User Interface) compare nel computer Xerox Alto (1973). Tutte le altre GUI sono ispirate 12 a questa, comprese quelle che alcuni sostengono essere originali. Al momento, i sistemi operativi per PC sono di due categorie: sistemi Windows (proprietari) e sistemi UNIXlike (anche se sono tutti derivati da UNIX). Tra questi ultimi ci sono quelli open-source, come, ad esempio, MINIX, XENIX, GNO/Linux 13 ), e uno proprietario che funziona in ambiente Apple, chiamato Mac OS X 14. Sistemi operativi Microsoft Sono da sempre i più diffusi nelle piattaforme ad uso personale, con buona pace dei loro detrattori. La ragione storica di questo sta nell uscita, nel 1981, del Personal Computer IBM. Al momento la IBM (soprannominata Big Blue) era l azienda dominante, quella che stabiliva il mercato, per cui l introduzione del PC diede uno standard che cancellò di fatto tutti gli esperimenti precedenti, compreso l unico definibile come standard (il CP/M). Avendo la IBM scelto il sistema operativo DOS di William Bill Gates, questo diventò lo standard di fatto. Il ben noto (per molti, famigerato) Windows nasce come applicazione DOS, per offrire un interfaccia grafica alle operazioni di sistema (questo fino alla versione 3.11). Negli anni si sono succedute, più o meno regolarmente, varie versioni: Windows 95, 98, 2000, Millennium, XP, Vista, 7, 8, e 9. GNU/Linux Gli amanti del software libero e dell open source preferiscono affidarsi a una delle svariate distribuzioni del sistema operativo GNU/Linux (impropriamente chiamato Linux), derivato, come tutti del resto, dallo storico UNIX. La sigla GNU è un gioco di sigle che significa GNU s Not Unix, ed è stato scritto quasi in prima persona dall americano Richard Stallman. Linux, sviluppato a partire dal 1991 dal finlandese Linus Torvalds, è solamente (per modo di dire: in realtà è un ottimo prodotto) un kernel che è stato inserito nel resto del sistema GNU. A leggere le interviste, pare di intuire che Stallman e Torvalds non siano in termini esattamente amichevoli. Stallman non sembra del tutto felice che il sistema operativo sia attribuito a Torvalds; Torvalds, da parte sua, non sembra approvare la dedizione maniacale di Stallman alla libera circolazione del software. 9 Ora estinti, sono entrati comunque nella storia come i primi computer a portata di uomo (e non di tecnico-sacerdote in camice bianco). 10 Negli anni 70 erano usati i termini minicomputer (per i piccoli sistemi multiutente) e microcomputer (più tardi personal computer). 11 Esistevano molti sistemi analoghi, come PC-DOS, DR-DOS, FreeDOS, Novell DOS, ed altri. 12 Anticamente si diceva copiate. 13 Linux NON è un sistema operativo completo: è un kernel per il sistema GNU. 14 In realtà si tratta di una versione glorificata di UNIX, rivestita con un interfaccia grafica e spacciata come geniale.

7 Installazione Rispetto ai primi anni 90, abbiamo assistito ad una notevole evoluzione dei sistemi operativi; siamo passati da sistemi con shell testuali (di cui rimane traccia nel Prompt dei comandi di Windows, e anche in certi oscuri comandi in GNU/Linux) a sistemi con interfacce grafiche sempre più intuitive con utility che permettono di svolgere ogni tipo di operazione, dalla formattazione di un disco alla gestione dei programmi TV. Di conseguenza, i programmi di installazione che prima erano distribuiti su floppy disk ora sono distribuiti in DVD o con altre modalità 15. Quando acquistiamo un personal computer possiamo richiedere una versione OEM (Original Equipment Manufacturer) del sistema operativo, che viene solitamente preinstallata sull hard disk, e talvolta, alla prima accensione, richiede le informazioni per la configurazione del sistema. È possibile poi registrare dei CD o DVD di ripristino per poter reinstallare o modificare una o più componenti del sistema. Un sistema operativo può essere installato usando diversi dispositivi e tecniche: supporti ottici come CD e DVD, generalmente compatibili con tutti i sistemi, anche se non con i net-pc; un sistema lento ma efficace; memorie a stato solido USB (pen-drive) o dischi removibili; un sistema veloce ed affidabile, però non tutti i sistemi supportano questa operazione; rete (Network-based): rispetto ai precedenti dà la possibilità di eseguire più installazioni in parallelo; anche se molto lenta, è una soluzione comunemente usata dove è presente una LAN di medie/grandi dimensioni con decine di computer da predisporre. installazioni ibride (CD+rete), in certi sistemi GNU/Linux (Debian, Fedora) clonazione: dopo avere installato il SO su un singolo computer, opportuni software consentono di replicare l installazione su altri; questo per evitare di ripetere la stessa procedura molte volte. Ogni sistema operativo ha requisiti minimi che possono variare da sistema a sistema e che possono dipendere anche dal tipo di installazione che si vuole effettuare. Generalmente si parla di configurazione hardware minima e configurazione consigliata: per configurazione minima si intende quella che permette al sistema operativo di andare in esecuzione. Se uno dei requisiti minimi non è soddisfatto il sistema operativo in questione non può essere installato e bisogna procedere ad un aggiornamento dell hardware (o cambiare computer). Per configurazione hardware consigliata, invece, si intende quella ottimale che permette al sistema di andare in esecuzione fornendo delle buone prestazioni. In realtà la configurazione minima non è solitamente in grado di funzionare in modo soddisfacente (e talvolta non funziona proprio). Per quanto riguarda l eventuale aggiornamento dell hardware, è una situazione impraticabile: ci sarebbero quasi certamente componenti obsoleti, incompatibili con quelli disponibili sul mercato. Convivenza Sullo stesso PC è possibile installare più sistemi operativi. Se si sceglie di installarli su partizioni fisiche separate (che verranno esaminate più avanti), potrà poi operare solamente un sistema alla volta; una soluzione più flessibile è quella di usare macchine virtuali, per consentire a tutti i sistemi di operare contemporaneamente, anche se sotto il comando di quello effettivamente funzionante. Se i sistemi da installare sono tutti Microsoft (ad esempio: XP, Vista, 7), l ordine d installazione deve essere dal sistema più vecchio al sistema più recente, per motivi di compatibilità. Se i sistemi sono GNU/Linux si può procedere con una qualsiasi sequenza purché all ultima installazione il computer venga configurato per avviare tutti i sistemi. Se invece sullo stesso PC si vogliono installare entrambi i tipi di sistemi, si consiglia di installare prima i sistemi Microsoft e poi quelli GNU/Linux (più versatili). 15 Anche perché i floppy disk da 1.44 Mb sono stati abbandonati da parecchi anni.

8 PROCESSO DI AVVIO DI UN SISTEMA OPERATIVO Il processo di avvio di un sistema operativo viene chiamato, per lunga tradizione, boot, abbreviazione di bootloading, a sua volta abbreviazione di bootstrap loading. Le bootstrap sono le strisce di cuoio cucite agli stivali per facilitarne la calzata 16. In tempi ormai andati (quelli dei camici bianchi) si usava la sigla IPL 17 (Initial Program Load). BIOS e MBR Il BIOS (Basic Input-Output System 18 ) è il primo programma che viene eseguito all avvio del PC. Il BIOS risiede in una memoria permanente di tipo EEPROM (ROM 19 programmabile) che conserva le informazioni anche quando il PC è spento. Il BIOS mantiene parecchie informazioni, tra cui la boot sequence (sequenza di boot), l elenco dei dispositivi dai quali caricare il sistema operativo, che vengono esaminati nell ordine, fino a quando non se ne incontra uno funzionante 20. Una tipica boot sequence è: hard disk, CD, USB. Dal dispositivo di boot il BIOS estrae il MBR (Master Boot Record) che contiene i dati necessari per il boot del sistema. Detto anche settore di avvio, occupa la zona iniziale dell hard disk. Il BIOS svolge le seguenti funzioni: La fase POST (Power-On Self Test) esegue una serie di test diagnostici sull hardware per verificare il corretto funzionamento dei principali dispositivi (CPU, RAM, scheda video, memorie di massa, mouse e tastiera): nel caso vengano rilevati errori questi vengono segnalati tramite un codice sonoro (una sequenza di beep che indica qual è il dispositivo guasto); La fase di bootstrap in cui, seguendo la sequenza di boot, viene individuato il dispositivo da cui leggere le informazioni per il boot, viene letto il MBR e si procede con l avvio del sistema operativo. Avvio nei sistemi Windows 1. POST (Power-On Self Test): controllo del corretto funzionamento dei principali dispositivi hardware; 2. il BIOS individua ed esamina il MBR, poi avvia il bootloader 21 che legge il file di configurazione 22 ; in caso di multi-boot, l utente sceglie il sistema operativo; 3. Caricamento del kernel; 4. Caricamento dei driver; 5. Avvio dei programmi residenti (quelli che restano sempre in memoria centrale: in Windows sono detti servizi; in altri sistemi daemon); 6. Login (autenticazione); 7. Avvio: vengono caricati desktop, icone e programmi in avvio automatico (quelli che l utente ritiene di usare sempre, risparmiandosi così la necessità di attivarli). Le versioni di Windows dalla 7 in poi hanno sostituito il file di configurazione con dati detti BCD (Binary Configuration Data), modificabili con i programmi chiamati MSCONFIG e BCEDIT. In precedenza venivano usati dei file di testo (boot.ini) contenenti le descrizioni delle modalità di boot, la cui complessità sempre crescente ha reso consigliabile la ricerca di formati più flessibili e veloci da consultare, analoghi a quelli del registry. Per gli amanti del rischio c è anche un opzione del Pannello di Controllo, chiamata Configurazione di Sistema. 16 L espressione deriva da to pull oneself up by one s bootstraps, storpiatura di una delle incredibili avventure del Barone di Munchhausen (R.E.Raspe, 1781). 17 Dalla sigla IPL certi manuali in italiano ricavavano la dubbia indicazione di ipiellare la macchina 18 Si chiama Input-Output perché nei primi sistemi Windows conteneva anche i driver per le periferiche 19 ROM = Read Only Memory 20 In mancanza di un dispositivo funzionante, di solito sono guai 21 bootmgr.exe in Windows (ntldr.exe in Windows XP); GRUB o LILO in GNU/Linux; BootX in Mac 22 BCD data in Windows (boot.ini in Windows XP); lilo.conf o grub.conf in GNU/Linux.

9 Patch e service pack Le patch e i service pack sono aggiornamenti che il produttore del sistema operativo mette a disposizione per correggere i problemi (bug). La differenza sta nell entità dell intervento: un patch serve a correggere un determinato bug, un service pack di solito è molto più consistente, e, oltre a raggruppare tutti i patch rilasciati fino a quel momento, talvolta aggiunge nuove funzionalità al sistema operativo. Durante l installazione degli aggiornamenti il sistema effettua un backup dei file modificati in modo da poter disinstallare il patch o il service pack (operazione detta rollback). Lo strumento che permette di verificare gli aggiornamenti nei sistemi Microsoft è Windows Update, attivabile dal menu Start o anche da Internet Explorer (menu Strumenti). Il programma viene avviato in una finestra di Internet Explorer, ma è forse consigliabile scaricare l aggiornamento ed eseguirlo direttamente dall hard disk. Il controllo può essere: Rapido: effettua la verifica solo degli aggiornamenti critici Personalizzato: effettua la verifica di tutti gli aggiornamenti disponibili permettendo all utente di scegliere quali aggiornamenti installare. Nella parte destra viene indicato se sono attivi o meno gli aggiornamenti automatici. Aprendo ogni voce è possibile vedere in dettaglio gli aggiornamenti possibili; dopo aver selezionato quali aggiornamenti installare viene mostrato l elenco nella parte destra della finestra. Ogni aggiornamento è rappresentato da un titolo e un codice Microsoft (di solito ha il suffisso KB e una sequenza di numeri); è possibile visualizzare i dettagli ed effettuare ulteriori selezioni. Anche i sistemi non Windows hanno le loro patch: Oltre ai sistemi operativi, è comune trovare patch anche per applicazioni varie:

10 File Syste ystem

11 Introduzione Il file system (FS) è una componente fondamentale del sistema di calcolo, dato che definisce e controlla l accesso alla memoria di massa da parte di utenti e applicazioni. Senza di esso, le informazioni su un disco sarebbero un insieme indefinito di dati, senza modo di riconoscerli e distinguerli. I dati sono memorizzati sui dischi in sezioni separate, individuate da un nome, dette file. Il termine è lo stesso che viene usato per gli armadi metallici usati nelle aziende per archiviare pratiche e schede. Anche il termine cartella, che indica un contenitore secondario dove si possono raggruppare più file, viene dal mondo del lavoro d ufficio. Nel passato, le cartelle venivano chiamate directory, termine che indica un qualsiasi elenco, ed in particolare quello telefonico. Con file system non si indicano solo i file (intesi come blocchi di informazioni indipendenti), ma anche la struttura e le regole usate File, cartella, directory per gestirli. Ci sono molti file system diversi, ciascuno con la propria struttura e la propria logica: cambiano, ad esempio, velocità, flessibilità, misure di sicurezza, dimensioni. In alcuni casi, i FS sono stati progettati per unità specifiche (come è avvenuto, ad esempio, per i CD e poi per i DVD). Esistono diversi dispositivi di memoria, ciascuno con il suo tipo di supporto. Quello più usato è il disco fisso (hard disk, hard drive), un piatto di metallo con superficie magnetizzata, sulla quale i bit dei dati sono registrati con impulsi elettrici che attivano una testina magnetica di lettura/scrittura. I dischi fissi risalgono agli anni 50, ed erano inizialmente chiamati Winchester. Nelle memorie a nastro DAT (Digital Audio Tape, eredi delle prime memorie di massa) i principi fisici della registrazione sono ancora magnetici. Nei dischi ottici (CD e DVD) i byte sono rappresentati da indentazioni nella superficie di plastica. Nelle memorie flash (come i pen-drive e le schedine delle macchine fotografiche), i dati sono registrati su dispositivi elettronici tramite un procedimento chiamato Fowler-Nordheim tunneling, che ha le sue basi nella meccanica quantistica. A volte anche la RAM del computer può essere usata per contenere un file system temporaneo (disco virtuale), con le stesse convenzioni usate per i dischi: l unica differenza sarà nel nome (o la lettera) che verrà assegnato alla zona usata. Le cartelle sono raggruppamenti separati di file, presumibilmente associati tra loro. Mentre nelle prime unità di memoria la struttura del file system era flat (piatta), ora è possibile strutturare un sistema gerarchico di cartelle con un organizzazione detta tree. Gli alberi informatici sono rovesciati, con la cartella principale, detta radice (root) in alto: ogni cartella può contenere file o altre cartelle. Gli elementi della struttura sono detti nodi, e quelli terminali sono detti foglie. Rispetto ad una sottocartella, quella che la contiene viene detta parent folder; a sua volta, quella subordinata viene detta child folder. Le parentele si fermano lì (non ci sono nonni, né cugini, né nipoti). I file sono identificati, oltre che dal loro nome, dall unità e dalla cartella nelle quali risiedono. Nei sistemi Windows, il nome dell unità è tradizionalmente una lettera. Dato che la struttura ad albero indica quali cartelle si incontrano per definire la posizione di un elemento, il nome completo di un file è detto pathname (path=cammino), dove, proseguento l analogia botanica, incontriamo: cartella, stem (stelo), estensione. C:\storage\data\inventory.jpg L estensione indica il tipo di file e l uso a cui è destinato. Ad esempio, exe viene usato per programmi e applicazioni, jpg per immagini, mp3 per clip audio, e così via per migliaia di casi diversi. Ogni file system prevede convenzioni per i nomi dei file: ad esempio, la lunghezza massima in caratteri del nome e dell estensione, i caratteri ammessi, il numero di livelli di sottocartelle, se le lettere maiuscole e minuscole sono significative. A dispetto di tutte le possibilità offerte, sono generalmente sconsigliati caratteri strani (non alfanumerici, tranne trattini o underscore), e anche gli spazi, per possibili incompatibilità tra file system diversi.

12 Cosa contiene il file system Dal punto di vista dell utente, il file system è un organizzazione che rende disponibili: I file (=archivi), zone di spazio su disco collegate tra loro e associate da un nome comune, in cui sono contenute le informazioni di interesse per gli utenti (programmi oppure dati). Il sistema gerarchico di gestione dei file che consente a utenti e applicazioni di organizzare i propri dati. Un disco (ormai divenuto un nome generico anche per altre memorie di massa, come i pen-drive) può essere usato interamente per un file system, oppure può essere diviso in partizioni, ciascuna delle quali può ospitare un file system diverso (anche se questa situazione è abbastanza inconsueta). Tutte le informazioni relative alle partizioni sono contenute in una struttura dati gerarchica, anticamente detta directory (elenco), oppure indice. Il nome ora usato è folder (cartella), che descrive quegli elementi del file system che contengono i nomi di file o di altre cartelle. Ci sono alcune cartelle privilegiate, tra le quali: home folder: contiene i file personali di un utente specifico; root folder: la cartella principale del FS, quella che contiene file e altre cartelle; system folder: contiene i file del sistema operativo; program folder: contiene programmi di utilità e middleware. Nei sistemi Windows, il file system è organizzato in unità logiche indicate con le lettere dell alfabeto. Le lettere A: e B: sono storicamente riservate per le unità floppy, ora non più un uso (esistono solo come unità esterne USB). L unità C: è il disco di sistema (contenente il sistema operativo) All interno della partizione di sistema sono presenti, tra le altre, le seguenti cartelle: Utenti (in XP, Documents and Settings): contiene tutti i profili degli utenti. Di default oltre alla directory relativa all utente Administrator sono presenti le directory All Users e Default User": la prima contiene informazioni valide per tutti gli utenti, la seconda è una matrice per i nuovi profili utente. Programmi (a volte, con versioni in inglese, Program Files ): contiene varie cartelle con programmi e applicazioni installati nel sistema. È possibile installare applicazioni in altre cartelle, ma per ragioni organizzative è generalmente sconsigliato. Windows: contiene i principali file del sistema Recycler: cartella di sistema nascosta (cestino); System Volume Information: cartella di sistema nascosta che viene usata dallo strumento Ripristino configurazione di sistema per memorizzare le informazioni e i punti di ripristino. La cartella utenti contiene una sottocartella per ogni utente; detta profilo utente e avente per nome lo stesso username, contiene, tra le altre, queste informazioni: Dati applicazioni: contiene alcune impostazioni specifiche dei programmi installati determinate dal produttore del software. Impostazioni locali: contiene i dati come la cronologia e i file temporanei. Desktop: file e le cartelle presenti nel desktop dell utente; Documenti, musica, video che l utente ha salvato; Preferiti: collegamenti ai siti web preferiti memorizzati dall utente. Nel sistema operativo Windows tutte le configurazioni (hardware, sistema, utente, dati) sono memorizzate nel registry (registro di sistema). Anch esso è organizzato come una cartella, ed è modificabile con un programma chiamato regedit (da usare con cautela).

13 Partizioni Una partizione è sostanzialmente una parte di un disco (o di più dischi) che il sistema operativo rende indipendente dal punto di vista logico e a cui assegna un apposito file system. Molto frequentemente su unità disco fisiche sono definite più partizioni (ovvero più unità disco logiche) come mostrato nella prima immagine sottostante. A volte, al contrario, sono usati più dischi per creare un unica partizione, come mostrato nella seconda immagine: Per usare una partizione bisogna assegnare predisporre la superficie fisica del disco e il file system. Questa operazione si chiama formattazione, e può essere di due tipi: ad alto livello (rapida), che cancella i riferimenti ai file, ma lascia inalterata la superficie del disco. a basso livello (completa), che cancella sia le informazioni del file system sia il disco. N.B.: un disco usato, anche se formattato, può essere comunque letto, anche se solo in parte, e da utenti molto esperti. L unico modo per impedire l accesso alle informazioni con assoluta sicurezza è la distruzione del disco. Esistono due tipi di partizioni: primarie ed estese. Una partizione estesa è una partizione che può contenere una o più sottopartizioni, chiamate dischi logici (o partizioni logiche). Una partizione primaria invece non può contenere sottopartizioni ma può essere usata per contenere ed avviare il sistema operativo. Una sola delle partizioni primarie può essere attiva in un certo momento e solo da quella partizione può essere avviato il sistema operativo. Un disco di base [vedere sotto] può contenere fino a 4 partizioni primarie, o tre partizioni primarie ed una estesa, all interno della quale è possibile creare fino a 60 partizioni logiche. Le partizioni, normalmente, sono statiche ed associate ad un singolo disco. Per superare questo vincolo, in ambiente Windows (ed anche in Linux) sono stati creati particolari metodi di allocazione dello spazio disco, volumi di base e volumi dinamici. In un volume di base, le partizioni si possono estendere solo all interno del disco fisico, mentre in un volume dinamico si possono estendere anche ad altri dischi fisici. La gestione dei volumi avviene attraverso il comando DiskPart ed è possibile solo per il file system NTFS (si tratta di operazioni delicate, che si consiglia lasciare agli utenti esperti).

14 Memorizzazione dei dati Per ottimizzare le operazioni di lettura e scrittura, il file system non alloca la memoria del disco settore per settore, ma in unità costituite da un insieme contiguo di settori (cluster). Il cluster è quindi l unità di allocazione su disco (la più piccola quantità di memoria disco che possa essere allocata). La struttura del disco, diviso in tracce (A), settori (B), e cluster (C) è mostrata nella figura a destra (può esserci anche uno sviluppo verticale, nel caso l hard disk sia composti da più piatti : il disco a sinistra ha 4 piatti e 8 testine di lettura/scrittura). Per esempio, in un disco che usa 512 byte per settore, un cluster di 512 byte contiene 1 settore, mentre uno di 4 Kb contiene 8 settori. Essendo il cluster l unità minima di allocazione, se sono troppo grandi potrebbe verificarsi un forte spreco di memoria su disco. Per esempio, per memorizzare un file di 5 Kb su un file system con cluster di 4 Kb sono necessari 2 cluster, per un totale di 8 Kb ed uno spreco di 3 Kb. In questo caso si parla di frammentazione interna, poiché la memoria disco risulta allocata ma non disponibile. La frammentazione esterna, invece, avviene quando tra due file si viene a creare uno spazio vuoto troppo piccolo per memorizzare i cluster di nuovi file in modo contiguo (tipicamente, questo avviene cancellando file il cui spazio è compreso tra zone del disco già occupate). Il nuovo file verrà pertanto frammentato su più cluster non contigui. In questo caso, più piccolo è il cluster e maggiore è la frammentazione. Nell immagine a fianco, i file sono rappresentati da papere di diverso colore. Si pu trovare (con alcune interessanti spiegazioni) presso: Interna o esterna, la frammentazione è la causa principale del rallentamento del tempo di accesso al disco, dato che aumenta il tempo di latenza medio per il reperimento dei cluster. La testina di lettura deve essere ruotata sul proprio perno per raggiungere la traccia, inoltre la rotazione del disco deve portare il settore in corrispondenza della testina. Queste due azioni determinano il tempo di latenza per il reperimento dei cluster: appare chiaro che quando i dati sono sparsi per tutto il disco, il tempo di overhead 23 aumenta in modo insostenibile. Quindi la scelta della dimensione del cluster (né troppo grande, né troppo piccolo) deve essere effettuata molto accuratamente, tenendo in considerazione il file system da usare e la dimensione media dei file che dovrà contenere. Ad esempio, se un utente ha a che fare con file molto grandi (come film e animazioni) dovrà aumentare la dimensione dei cluster, per tentare di ridurre l overhead. L immagine seguente esemplifica due possibili situazioni (frammentata e riorganizzata, anche se non perfettamente). La seguente immagine è tratta da Più avanti verrà esaminata la procedura per la deframmentazione. 23 Si definisce così il tempo sottratto all elaborazione per svolgere operazioni di manutenzione.

15 Metodi di allocazione I file system si differenziano nel modo in cui allocano i cluster di un file. Il primo metodo usato è stato quello detto allocazione contigua, nel quale, come dice il nome, si usavano sempre cluster contigui: fu presto abbandonato per le scarse prestazioni dovute ai tempi di latenza della testina di lettura/scrittura, e sostituito progressivamente dai seguenti: Allocazione concatenata (FAT 24 ): i cluster di un file sono organizzati come lista, memorizzando in ogni cluster il riferimento a quello successivo Allocazione indicizzata (prima HPFS 25, poi NTFS 26 ): il file è memorizzato in un insieme di cluster elencato in un cluster indice, consentendo così un accesso più veloce, perché non c è bisogno di inseguire i collegamenti tra un cluster e l altro. UDF 27, creato dalla OSTA (Optical Storage Technology Association), per le memorie ottiche (prima CD e poi DVD), al fine di ottimizzare la gestione di file di grandi dimensioni e per minimizzare la necessità di cambiamenti quando un file deve essere aggiunto o cancellato (operazioni lente sulle memorie di questo tipo). Cache del disco Quando si effettua una lettura da disco, l unità individua il settore richiesto dalla memoria di massa, per caricarlo in memoria centrale (spesso ne servono più di uno per contenere i dati necessari), ma estrae anche quelli nelle immediate vicinanze, copiandoli dentro una zona chiamata cache del disco. Questa memoria di passaggio (una volta definita buffer=tampone) è in un area privilegiata del disco fisso, ad accesso veloce. Nel caso (abbastanza probabile) che i dati della richiesta successiva siano già nella cache, si minimizza il loro tempo di estrazione; c è poi un altro effetto secondario nella riduzione l usura del disco, perché la testina di lettura/scrittura necessita di meno spostamenti. Ovviamente, prima o poi si dovrà di nuovo accedere al disco, ma presumibilmente con meno frequenza). E possibile usare la cache solo in lettura oppure anche in scrittura. In quest ultimo caso le modifiche dei dati vengono effettuati prima nella cache e, in un secondo momento, anche nel disco. Se vi è un interruzione di corrente prima che i dati della cache siano stati scritti sul disco, le modifiche vengono perse (questo spiega la presenza della rimozione sicura). I sistemi operativi possono usano anche parte della memoria centrale (anticamente chiamata HSB: High Speed Buffer) come cache, migliorando ulteriormente le prestazioni di accesso al disco. Per la gestione della cache esistono diverse possibilità, sia dal Pannello di Controllo (con Strumenti di Amministrazione / Gestione Computer / Gestione Periferiche), sia dal Prompt dei comandi, con il programma devmgmt.msc. Immagine tratta da 24 File Allocation Table 25 High Performance File System 26 New Technology File System 27 Universal Disk Format

16 Gestione dei dischi I dischi sono unità fondamentali, in quanto deposito dei dati utente. Questi vanno protetti e controllati in ogni modo possibile, essendo un patrimonio di informazioni spesso di vitale importanza per un attività o una persona 28. Le situazioni da evitare si possono suddividere in questo modo: perdita di dati; danneggiamento dell unità disco (che, ovviamente, comporta anch esso una perdita di dati). I dati vengono persi molto più spesso per propria imperizia che per interventi malevoli da parte di pirati informatici. Può anche mettersi di mezzo la malasorte, quando uno spegnimento improvviso del computer avviene prima che tutti i dati siano stati salvati: la protezione maggiore, tuttavia, è quella contro sé stessi: manovre avventate o frettolose si traducono spesso nella sovrascrittura o nella cancellazione di dati importanti, molto più frequentemente degli interventi esterni. A volte può avvenire un danno fisico ad un disco, che, ovviamente, comporta anch esso la perdita di tutti i suoi dati; anche in questo caso ha poca importanza se si tratta di un sabotaggio o del semplice fatto che ogni dispositivo è soggetto a guasti. Il sistema operativo e i programmi sono generalmente recuperabili, ripetendo le procedure di installazione; i dati, invece, sono responsabilità dell utente. Per quanti strumenti possano essere adottati (backup automatici e RAID 29 su tutti) è sempre consigliato fare delle copie su unità rimovibili, da conservare in luogo sicuro o su un altro computer; hard disk esterni, CD e DVD sono comunemente usati per queste operazioni. Una volta che i propri dati sono al sicuro, sarà possibile lavorare con più tranquillità, riguardo sia a nostre azioni inconsulte, sia a tutti i possibili guasti e danni che possono capitare. Esistono specialisti e strumenti in grado di recuperare dati, anche da dischi danneggiati, ma non è garantito che venga ripristinato tutto quanto è andato perso, perciò la copia preventiva rimane sempre e comunque l unica vera protezione. Permessi L accesso ai dati, legittimo o no, può essere regolato con i permessi di accesso, Introdotti con il file system NTFS, possono essere attribuiti con diverse opzioni, che possono riguardare singoli utenti o interi gruppi, singoli file o intere cartelle. La gestione dei permessi viene attivata selezionando le proprietà del file o della cartella interessati. I permessi possono riguardare varie operazioni: Lettura, Modifica, Scrittura, Esecuzione, Elenco. Esistono anche permessi più avanzati, che di solito vengono lasciati agli specialisti. I permessi sono gestiti da due categorie di utenti: l utente proprietario di un oggetto; l amministratore del sistema operativo. Sono detti utenti privilegiati quelli che hanno a disposizione tutti gli accessi; normalmente si tratta di esperti, meno propensi a commettere errori o a danneggiare il contenuto o il funzionamento del file system. Salvataggio automatico Questa operazione (detta backup) può facilitare nella manutenzione dell integrità dei dati. Può essere effettuata in modo logico (copia di file) o fisico (duplicazione di un intero disco); oltre ai sistemi operativi, anche molti software permettono di pianificare i salvataggi. Journaling Questa tecnologia è usata in molti file system moderni: ogni transazione effettuata su disco genera un log 30 in un apposito registro, dove vengono memorizzati i dettagli dell operazione, compresi tipo, data e ora, utente responsabile. Questo permette di rintracciare le registrazioni fatte, per tentare di ricostruire dei dati in seguito danneggiati o, più spesso, per individuare i responsabili di azioni dannose o criminose. 28 I video porno di solito non rientrano nella categoria dei dati importanti. 29 Redundant Array of Independent Devices: si tratta di dischi aggiuntivi dove i dati vengono copiati, o con operazioni periodiche o con duplicazioni complete dei dischi di lavoro. 30 Captain s log è il giornale di bordo in marina.

17 Manutenzione dei dischi I dischi dei computer sono dispositivi soggetti ad errori, data la loro struttura complessa e il numero elevato di operazioni che vengono eseguite su di essi. A questo si aggiungono possibili guasti di natura esterna, solitamente dovuti a bruschi spegnimenti del sistema o ad altri incidenti fisici. I principali sistemi operativi mettono a disposizione delle utility che permettono di controllare in modo accurato il file system e la consistenza della sua struttura, per correggere gli errori e rimediare alle situazioni di frammentazione. Un altra operazione che può risultare utile è l eliminazione dei file temporanei che molte applicazioni lasciano sparsi per il disco, sia in fase di installazione sia in fase di uso. A seconda del tipo di disco che si vuole controllare questi strumenti possono essere eseguiti senza interrompere le normali attività oppure, come ad esempio quando si vuole analizzare il file system in cui è installato il sistema operativo, richiedono il riavvio del sistema per effettuare la verifica in fase di boot, quando ancora nessun servizio è stato avviato. In Windows esistono due utility che correggono (o tentano di farlo) gli errori dovuti a perdita di informazioni sui file, per perdita di collegamenti o danneggiamento a settori: scandisk chkdsk da Accessori (pulizia disco/controllo superficie del disco) da Prompt dei comandi (comando legacy residuo del DOS) Un altra utility riorganizza il contenuto del disco per ridurre il fenomeno della frammentazione, e consentire così migliori prestazioni nelle successive operazioni di accesso alla memoria di massa, compattando le informazioni associate in aree contigue del disco. defrag da Accessori o da Prompt dei comandi Questo programma (e tutti quelli commerciali ad esso simili) visualizzano una mappa dei settori del disco prima e dopo la cura: va detto che difficilmente si riesce a riorganizzare completamente il contenuto, ma generalmente la situazione finale è molto meno critica. Queste utility consentono anche la sola analisi del contenuto del disco, senza procedere agli aggiornamenti, per progettare e pianificare meglio l azione effettiva: si tratta infatti di operazioni complesse, che non devono essere interrotte, altrimenti si corre il rischio di ritrovarsi una situazione incompleta, con perdita di dati. Nei sistemi GNU/Linux la contiguità dei file è un problema minore, soprattutto nei file system più recenti. Questo perché hanno a disposizione sofisticati algoritmi che permettono di ottimizzare al massimo la disposizione dei file sull hard disk, in particolare delle procedure di garbage collection, che hanno lo scopo di unire in un unico blocco il maggior numero di aree libere. Il problema in questi sistemi è che, al momento in cui si giunge al bisogno della deframmentazione, generalmente il disco è quasi pieno, e non ha più lo spazio sufficiente per effettuarla (è anche vero che questo avviene dopo anni di uso, ed a quel punto il disco è probabilmente da sostituire).

18 Pulizia dei dischi Eliminazione dei dati inutili Spesso le unità a disco subiscono un degrado delle prestazioni per l uso generalizzato di file temporanei, che possono essere residui di installazioni, dati provvisori di svariati programmi applicativi, o, più spesso, per mantenere traccia delle proprie frequentazioni Web. Per evitare che numero e dimensioni di questi file cresca a dismisura può essere utile sapere dove questi file vengono comunemente memorizzati e come usare strumenti che ci aiutano ad eliminarli, almeno periodicamente. Nei sistemi Windows è possibile rimuovere questi dati: tracce della navigazione nell Internet; dati del Cestino; file temporanei di Windows; componenti facoltativi di Windows. punti di ripristino della configurazione del sistema (ad eccezione, possibilmente, di quello più recente). Anche il Cestino, nonostante le apparenze, è una cartella del disco di sistema. Ci sono anche alcuni che lo usano come tale, per contenere dati di servizio, ma non è un abitudine consigliabile: potrebbe essere impostato lo svuotamento automatico del cestino, che ne cancella definitivamente il contenuto. Un file eliminato con il Prompt dei Comandi, invece, è comunque perso per sempre. Eliminazione dei programmi inutili Nel pannello di controllo, alla voce Programmi e funzionalità, è possibile consultare l elenco di tutti i programmi installati. Spesso capita di scaricare versioni dimostrative di programmi, o di provare nuove applicazioni: in questa sede possono essere selezionati e disinstallati i programmi che non si usano. Eliminazione delle barre di strumenti inutili Tutti gli interventi descritti sono indubbiamente da fare, almeno periodicamente. Vanno però integrati con la rimozione periodica di tutto il ciarpame che viene installato inavvertitamente quando si scaricano utility dall Internet. Un vero flagello sono le barre di ricerca, che spesso accompagnano i programmi scaricati, usando a tradimento spunte di consenso ben nascoste: prestando un po di attenzione è possibile non installarle, ma talvolta, per la fretta o per la distrazione, ci si ritrova il computer intasato, con visibili rallentamenti e schermi occupati dalle barre anziché dai dati che servono. Alcune di queste oscenità possono essere rimosse da Programmi e funzionalità, altre vanno disattivate delle impostazioni dei Componenti aggiuntivi dei browser. Ad esempio, la barra di ricerca della Transport for London (l azienda dei trasporti di Londra) non riesce a trovare un treno che sia uno, in compenso rallenta tragicamente il computer e occupa, nella sua trionfante inutilità, un bel po di spazio sullo schermo 31 : Esistono alcuni software che permettono di controllare ed eliminare le barre di ricerca, effettuando il cosiddetto cleanup: 31 Indicato con il termine real estate, usato per le proprietà immobiliari..

19 Come si organizzano i programmi Il desktop è una cartella Molti hanno la pessima abitudine di salvare tutto quanto è possibile sul proprio desktop. Il problema è che, contrariamente a quanto sembra, il desktop non è un luogo privilegiato, ma una cartella come tutte le altre, all interno della cartella Utenti. Il nome completo di tale cartella è piuttosto complesso; nell esempio sottostante è: C:\Users\Docente (a scuola)\desktop N.B. Nella versione italiana di Windows, sullo schermo si legge Utenti, ma in realtà il nome è quello della versione originale, Users. Nell uso di alcuni programmi di sviluppo (come i compilatori dei linguaggi di programmazione) è una pessima abitudine quella di usare il desktop come contenitore. Per prima cosa, questi programmi hanno difficoltà a distinguere i propri file all interno di cartelle con nomi complessi, comprendenti per di più degli spazi; la difficoltà è ancora maggiore per chi sviluppa, quando si tratta di unire parti di programma memorizzate in sottocartelle diverse. I maestri insegnano ad usare sottocartelle del disco fisso con nomi semplici e significativi, senza passare per un intricato percorso che porta dal disco all utente, dall utente al desktop, dal desktop ad altre sottocartelle. Nell esempio sottostante, ad ogni cartella corrisponde un applicazione o un elenco di file associati. Non ci sono complicazioni, né nomi dalla difficile gestione: Due delle applicazioni presenti sul disco sono nelle seguenti cartelle: C:\circe C:\eclipse Il consiglio dei maestri rimane fondamentale: usate le cartelle nel disco, non nel desktop

Il sistema operativo

Il sistema operativo Il sistema operativo Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Cos è un Sistema Operativo? Per capirlo, immaginiamo inizialmente

Dettagli

Il Sistema Operativo. Funzionalità. Sistema operativo. Sistema Operativo (Software di base)

Il Sistema Operativo. Funzionalità. Sistema operativo. Sistema Operativo (Software di base) Sistema Operativo (Software di base) Il Sistema Operativo Il sistema operativo è un insieme di programmi che opera sul livello macchina e offre funzionalità di alto livello Es.organizzazione dei dati attraverso

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Funzioni dei Sistemi Operativi!2 Le funzioni principali del SO Gestire le risorse dell elaboratore

Dettagli

1) Introduzione ai sistemi operativi (O.S.=operative system)

1) Introduzione ai sistemi operativi (O.S.=operative system) 1) Introduzione ai sistemi operativi (O.S.=operative system) Sistema Operativo: è un componente del software di base di un computer che gestisce le risorse hardware e software, fornendo al tempo stesso

Dettagli

boot loader partizioni boot sector

boot loader partizioni boot sector IL SISTEMA OPERATIVO Il sistema operativo (S.O.) è un software che fa da interfaccia tra l uomo e l hardware, mettendo a disposizione un ambiente per eseguire i programmi applicativi. Grazie al S.O. un

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

Il Sistema Operativo (1)

Il Sistema Operativo (1) E il software fondamentale del computer, gestisce tutto il suo funzionamento e crea un interfaccia con l utente. Le sue funzioni principali sono: Il Sistema Operativo (1) La gestione dell unità centrale

Dettagli

Sistemi Operativi: avvio

Sistemi Operativi: avvio Sistemi Operativi: avvio All avvio del computer, terminate le verifiche del BIOS, il controllo passa al sistema operativo. Il Sistema Operativo opera come intermediario tra l hardware del sistema e uno

Dettagli

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione.

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Compito fondamentale di un S.O. è infatti la gestione dell

Dettagli

Infrastrutture Software

Infrastrutture Software Infrastrutture Software I componenti fisici di un sistema informatico sono resi accessibili agli utenti attraverso un complesso di strumenti software finalizzati all utilizzo dell architettura. Si tratta

Dettagli

IL SOFTWARE TIPI DI SOFTWARE. MACCHINE VIRTUALI Vengono definite così perché sono SIMULATE DAL SOFTWARE, UNIFORMANO L ACCESSO SISTEMA OPERATIVO

IL SOFTWARE TIPI DI SOFTWARE. MACCHINE VIRTUALI Vengono definite così perché sono SIMULATE DAL SOFTWARE, UNIFORMANO L ACCESSO SISTEMA OPERATIVO IL SOFTWARE L HARDWARE da solo non è sufficiente a far funzionare un computer Servono dei PROGRAMMI (SOFTWARE) per: o Far interagire, mettere in comunicazione, le varie componenti hardware tra loro o Sfruttare

Dettagli

Introduzione ai Sistemi Operativi

Introduzione ai Sistemi Operativi Introduzione ai Sistemi Operativi Sistema Operativo Software! Applicazioni! Sistema Operativo! È il livello di SW con cui! interagisce l utente! e comprende! programmi quali :! Compilatori! Editori di

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

Indice degli argomenti del s.o. Software. Software. Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI

Indice degli argomenti del s.o. Software. Software. Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI Gli appunti sono disponibili per tutti gratis sul sito personale del Prof M. Simone al link: www.ascuoladi.135.it nella pagina web programmazione, sezione classi

Dettagli

Il Software. Il software del PC. Il BIOS

Il Software. Il software del PC. Il BIOS Il Software Il software del PC Il computer ha grandi potenzialità ma non può funzionare senza il software. Il software essenziale per fare funzionare il PC può essere diviso nelle seguenti componenti:

Dettagli

Funzioni del Sistema Operativo

Funzioni del Sistema Operativo Il Software I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono il cosiddetto Hardware (ferramenta). La struttura del calcolatore può essere schematizzata come una serie di

Dettagli

Informatica. Il software (S.O.) e ancora sulle basi numeriche

Informatica. Il software (S.O.) e ancora sulle basi numeriche (S.O.) e ancora sulle basi numeriche http://159.149.98.238/lanzavecchia/docum enti/sscta.htm 1 Il sistema operativo Un insieme di programmi che gestiscono le risorse (cpu, memoria, dischi, periferiche)

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

Calcolo numerico e programmazione. Sistemi operativi

Calcolo numerico e programmazione. Sistemi operativi Calcolo numerico e programmazione Sistemi operativi Tullio Facchinetti 25 maggio 2012 13:47 http://robot.unipv.it/toolleeo Sistemi operativi insieme di programmi che rendono

Dettagli

Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1. Introduzione

Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1. Introduzione Introduzione Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1 Elaboratori necessitano di SOFTWARE SOFTWARE DI SISTEMA (SISTEMI OPERATIVI): fanno funzionare le varie componenti del computer e permettono all

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Il Sistema Operativo Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela Fogli Cos

Dettagli

01/05/2014. Dalla precedente lezione. Ruolo dei sistemi operativi. Esecuzione dei programmi

01/05/2014. Dalla precedente lezione. Ruolo dei sistemi operativi. Esecuzione dei programmi Marco Lapegna Laboratorio di Programmazione Dalla precedente lezione 6. I sistemi operativi LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE Corso di laurea in matematica I Sistemi Operativi Il linguaggi di programmazione

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella Il Sistema Operativo Sistema Operativo 2 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato

Dettagli

Hardware, software e dati

Hardware, software e dati Hardware, software e dati. Hardware il corpo del computer. Software i programmi del computer. Dati la memoria del computer ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva

Dettagli

Informatica di Base. Il software

Informatica di Base. Il software di Base 1 Sistemi informatici Hardware Microprocessore Memoria Periferiche di input e output Software Software di sistema Programmi applicativi 2 Il sw applicativo Il sw applicativo è costituito dall insieme

Dettagli

Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti

Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti Parte 3 Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti Interfaccia utente Gestore dell I/O Gestore del File System Gestore dei Processi Gestore della Memoria Centrale *KERNEL Informatica

Dettagli

Corso di Introduzione all Informatica (corso A) MS-WINDOWS. Esercitatore: Francesco Folino

Corso di Introduzione all Informatica (corso A) MS-WINDOWS. Esercitatore: Francesco Folino Corso di Introduzione all Informatica (corso A) MS-WINDOWS Esercitatore: Francesco Folino IL SISTEMA OPERATIVO Il Sistema Operativo è il software che permette l interazione tra uomo e macchina (hardware).

Dettagli

1. I dispositivi periferici

1. I dispositivi periferici La gestione dell I/O 1. I dispositivi periferici Un ulteriore aspetto fondamentale del SO è la gestione dei dispositivi periferici (periferiche) Dal punto di vista del sistema operativo per periferiche

Dettagli

Lezione 5: Software. Firmware Sistema Operativo. Introduzione all'informatica - corso E

Lezione 5: Software. Firmware Sistema Operativo. Introduzione all'informatica - corso E Lezione 5: Software Firmware Sistema Operativo Architettura del Calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macrocomponenti: Hardware e Software Firmware: strato di (micro-)programmi

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 4: SoftWare. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 4: SoftWare. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 4: SoftWare Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Software È un insieme di programmi che permettono di trasformare un insieme di circuiti elettronici (=

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

Classificazione del software

Classificazione del software Classificazione del software Classificazione dei software Sulla base del loro utilizzo, i programmi si distinguono in: SOFTWARE Sistema operativo Software applicativo Sistema operativo: una definizione

Dettagli

ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche

ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche Sommario Definizione di S. O. Attività del S. O. Struttura del S. O. Il gestore dei processi: lo scheduler Sistemi Mono-Tasking e

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Informatica 1. 6 Sistemi operativi e software. ing. Luigi Puzone

Informatica 1. 6 Sistemi operativi e software. ing. Luigi Puzone Informatica 1 6 Sistemi operativi e software ing. Luigi Puzone Windows caratteristiche principali: Windows è un Sistema Operativo Con Interfaccia Grafica Multiutente Multitasking Multithreading Multiprocessing

Dettagli

Software: di base ed applicativo

Software: di base ed applicativo Consulente del Lavoro A.A 2003/2004 I Semestre Software: di base ed applicativo prof. Monica Palmirani Hardware e Software Hardware: parte fisica del computer costituita da parti elettroniche e meccaniche

Dettagli

Il Sistema Operativo

Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Si intende per Sistema Operativo (o software di sistema) un gruppo di programmi che gestisce il funzionamento di base del computer. Il sistema operativo rimane sempre attivo dal momento

Dettagli

Sistemi informatici. Informatica. Il software. Il sw di sistema. Il sw applicativo. Il sw di sistema. Il sistema operativo. Hardware.

Sistemi informatici. Informatica. Il software. Il sw di sistema. Il sw applicativo. Il sw di sistema. Il sistema operativo. Hardware. http://159.149.98.238/lanzavecchia/docum enti/sscta.htm Sistemi informatici Hardware Microprocessore Memoria Periferiche di input e output Software Software di sistema Programmi applicativi 1 2 Il sw applicativo

Dettagli

Software relazione. Software di base Software applicativo. Hardware. Bios. Sistema operativo. Programmi applicativi

Software relazione. Software di base Software applicativo. Hardware. Bios. Sistema operativo. Programmi applicativi Software relazione Hardware Software di base Software applicativo Bios Sistema operativo Programmi applicativi Software di base Sistema operativo Bios Utility di sistema software Software applicativo Programmi

Dettagli

EUCIP IT Administrator - Modulo 2 Sistemi operativi Syllabus Versione 3.0

EUCIP IT Administrator - Modulo 2 Sistemi operativi Syllabus Versione 3.0 EUCIP IT Administrator - Modulo 2 Sistemi operativi Syllabus Versione 3.0 Copyright 2011 ECDL Foundation Tutti i diritti riservati. Questa pubblicazione non può essere riprodotta in alcuna forma se non

Dettagli

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file 11 Realizzazione del File System 1 Metodi di allocazione Allocazione contigua Allocazione concatenata e varianti Allocazione indicizzata e varianti Gestione dello spazio libero 11.1.1 Struttura a livelli

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Come funziona un sistema di elaborazione

Come funziona un sistema di elaborazione Introduzione Cosa è un Sistema Sste aoperativo? Come funziona un sistema di elaborazione Proprietà dei Sistemi Operativi Storia dei Sistemi di Elaborazione Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi i Multiprocessori

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2011-12 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

I processi. Un processo è una attività, controllata da un programma, che si svolge su un processore.

I processi. Un processo è una attività, controllata da un programma, che si svolge su un processore. I processi Cos è un processo? Un processo è una attività, controllata da un programma, che si svolge su un processore. Il programma è una entità statica che descrive la sequenza di istruzioni che devono

Dettagli

Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi

Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi 11 marzo 2013 Macchina Hardware/Software Sistema Operativo Macchina Hardware La macchina hardware corrisponde alle componenti fisiche del calcolatore (quelle

Dettagli

Sistema Operativo e Applicativi

Sistema Operativo e Applicativi Sistema Operativo e Applicativi Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Software A.A. 2012-2013 1 / 36 Software Conosciamo due classi di software: Programmi

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 1 Sistema software 1 Prerequisiti Utilizzo elementare di un computer Significato elementare di programma e dati Sistema operativo 2 1 Introduzione In questa Unità studiamo

Dettagli

(A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA (B) CONOSCENZA E COMPETENZA

(A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA (B) CONOSCENZA E COMPETENZA (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA Dare una breve descrizione dei termini introdotti: Condivisione locale Condivisione di rete Condivisione web Pulitura disco Riquadro delle attività (B) CONOSCENZA E COMPETENZA

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Sistemi Operativi Modulo 2 Schema di un Sistema di Calcolo Programmi Dati di Input Calcolatore Dati di output Modello di von Neumann Bus di sistema CPU Memoria Centrale Memoria di Massa Interfaccia Periferica

Dettagli

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Appunti di informatica Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio RAM disco La RAM è basata su dispositivi elettronici, che funzionano con tempi molto rapidi, ma che necessitano di alimentazione

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI Il sistema operativo è il software che permette l esecuzione di programmi applicativi e lo sviluppo di nuovi programmi. CARATTERISTICHE Gestisce le risorse hardware e

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1 IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

INTERAZIONE CON L UTENTEL

INTERAZIONE CON L UTENTEL IL SISTEMA OPERATIVO Insieme di programmi che opera al di sopra della macchina fisica, mascherandone le caratteristiche e fornendo agli utenti funzionalità di alto livello. PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE

Dettagli

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 :

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 : Un Sistema Operativo è un insieme complesso di programmi che, interagendo tra loro, devono svolgere una serie di funzioni per gestire il comportamento del computer e per agire come intermediario consentendo

Dettagli

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale)

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tipologie di memoria: Elettroniche Magnetiche Ottiche La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tempo di accesso:

Dettagli

Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output)

Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output) Parte 3 Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output) Gestione Input/Output UTENTE SW APPLICAZIONI Sistema Operativo SCSI Keyboard Mouse Interfaccia utente Gestione file system Gestione

Dettagli

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software di sistema e software applicativo I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software soft ware soffice componente è la parte logica

Dettagli

Sistema Operativo Compilatore

Sistema Operativo Compilatore MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Sistema Operativo Compilatore Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Il Sistema

Dettagli

Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS. Esercitatore: Fabio Palopoli

Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS. Esercitatore: Fabio Palopoli Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS Esercitatore: Fabio Palopoli IL SISTEMA OPERATIVO Il Sistema Operativo è il software che permette l interazione tra uomo e macchina (hardware). Il S.O.

Dettagli

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP)

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP) Le diverse componenti HARDWARE, pur opportunamente connesse ed alimentate dalla corrette elettrica, non sono in grado, di per sé, di elaborare, trasformare e trasmettere le informazioni. Per il funzionamento

Dettagli

Le principali novità di Windows XP

Le principali novità di Windows XP Le principali novità di Windows XP di Gemma Francone supporto tecnico di Mario Rinina La nuova versione di Windows XP presenta diverse nuove funzioni, mentre altre costituiscono un evoluzione di quelle

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono:

Dettagli

Indice. settembre 2008 Il File System 2

Indice. settembre 2008 Il File System 2 Il File System Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file - 1 9. I file - 2 10. Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione - 1 13. Livelli di astrazione

Dettagli

INFORMATICA. Il Sistema Operativo. di Roberta Molinari

INFORMATICA. Il Sistema Operativo. di Roberta Molinari INFORMATICA Il Sistema Operativo di Roberta Molinari Il Sistema Operativo un po di definizioni Elaborazione: trattamento di di informazioni acquisite dall esterno per per restituire un un risultato Processore:

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

marco.falda@unipd.it 1. la coordinazione delle diverse componenti hardware (e software) del computer 2. l esecuzione e la coordinazione dei processi

marco.falda@unipd.it 1. la coordinazione delle diverse componenti hardware (e software) del computer 2. l esecuzione e la coordinazione dei processi Windows Il Sistema Operativo marco.falda@unipd.it Il Sistema Operativo è il software che permette l interazione tra uomo e macchina (hardware) È fornito in genere con l elaboratore, e ne consente il funzionamento

Dettagli

Brevissima Introduzione a eduknoppix.

Brevissima Introduzione a eduknoppix. Brevissima Introduzione a eduknoppix. Francesco Paparella 21 Marzo 2005 Sommario Questo documento spiega come creare una home directory permanente su di un disco fisso o su di un dispositivo rimovibile

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Parte 1 Desktop All avvio del computer compare il Desktop. Sul Desktop sono presenti le Icone. Ciascuna icona identifica un oggetto differente che può essere un file,

Dettagli

Il software. I sistemi operativi

Il software. I sistemi operativi Il software Il software viene usualmente suddiviso dal punto di vista della sua funzionalità. Si usano distinguere tre componenti: il sistema operativo, il software applicativo e i dati, anche se da un

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Software che sovrintende al funzionamento del computer eseguendo compiti diversi:

Software che sovrintende al funzionamento del computer eseguendo compiti diversi: Sistema Operativo dispensa a cura di Alessandro Bellini Software che sovrintende al funzionamento del computer eseguendo compiti diversi: 1. Gestire interazione utente macchina 2. Fornire un interfaccia

Dettagli

SELEZIONE DELLA PRIORITA' DI BOOT

SELEZIONE DELLA PRIORITA' DI BOOT In questa piccola guida esamineremo l'installazione di un sistema Windows XP Professional, ma tali operazioni sono del tutto simili se non identiche anche su sistemi Windows 2000 Professional. SELEZIONE

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER Architettura dei calcolatori (hardware e software base )

Dettagli

Informatica di Base - 6 c.f.u.

Informatica di Base - 6 c.f.u. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Informatica di Base - 6 c.f.u. Anno Accademico 2007/2008 Docente: ing. Salvatore Sorce Il Sistema Operativo Gerarchia del software

Dettagli

Per aprire Calcolatrice, fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi Calcolatrice.

Per aprire Calcolatrice, fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi Calcolatrice. LA CALCOLATRICE La Calcolatrice consente di eseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni. Dispone inoltre delle funzionalità avanzate delle calcolatrici scientifiche e statistiche. È possibile

Dettagli

Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo

Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Il Sistema Operativo (S0) (Inf.) E' l'insieme dei programmi che consentono

Dettagli

Procedure di ripristino del sistema.

Procedure di ripristino del sistema. Procedure di ripristino del sistema. Procedura adatta a sistemi con sistema operativo Microsoft Windows 8.1 In questo manuale verranno illustrate tutte le procedure che potrete utilizzare per creare dei

Dettagli

Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows

Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows www.informarsi.net Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows Sistema operativo Il sistema operativo, abbreviato in SO (in inglese OS, "operating system") è un particolare software, installato su un sistema

Dettagli

Software di base. Corso di Fondamenti di Informatica

Software di base. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Software di base Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

uomo Software (sistema operativo) hardware

uomo Software (sistema operativo) hardware uomo Software (sistema operativo) hardware 1 Sistema operativo Insieme di programmi che svolgono funzioni essenziali per l uso del sistema di elaborazione Questi programmi sono i primi ad essere eseguiti

Dettagli

2.2 Gestione dei file

2.2 Gestione dei file 2.2 Gestione dei file Concetti fondamentali Il file system Figura 2.2.1: Rappresentazione del file system L organizzazione fisica e logica dei documenti e dei programmi nelle memorie del computer, detta

Dettagli

Concetti fondamentali

Concetti fondamentali D I S C H I R I G I D I In questo documento vengono illustrati alcuni concetti fondamentali sul partizionamento di dischi rigidi. In alcune sezioni sono inclusi suggerimenti per l utilizzo di prodotti

Dettagli

Gestore di Memoria. Gestire le richieste di risorse di memoria Liberare le risorse non più utilizzate. Gestire la memoria virtuale (swap su disco)

Gestore di Memoria. Gestire le richieste di risorse di memoria Liberare le risorse non più utilizzate. Gestire la memoria virtuale (swap su disco) Diagramma a cipolla Gestore di Memoria Gestire le richieste di risorse di memoria Liberare le risorse non più utilizzate Gestire la memoria virtuale (swap su disco) Se la RAM non è sufficiente per i processi

Dettagli

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 Il Personal Computer Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 1 accendere il Computer Per accendere il Computer effettuare le seguenti operazioni: accertarsi che le prese di corrente siano tutte

Dettagli

Il sistema operativo

Il sistema operativo Il sistema operativo Il sistema operativo è il programma fondamentale di ogni PC. Costituisce l interfaccia fra l utente ed i componenti fisici del calcolatore. Il sistema operativo comunica con tutti

Dettagli

Gestione di file e uso delle applicazioni

Gestione di file e uso delle applicazioni Obiettivi del corso Gestione di file e uso delle applicazioni Conoscere gli elementi principali dell interfaccia di Windows Gestire file e cartelle Aprire salvare e chiudere un file Lavorare con le finestre

Dettagli

Informatica d ufficio

Informatica d ufficio Informatica d ufficio Anno Accademico 2008/2009 Lezione N 2 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è un programma che è sempre in funzione durante l utilizzo del PC (quando si accende

Dettagli

ECDL Modulo 2. Contenuto del modulo. Uso del computer e gestione dei file

ECDL Modulo 2. Contenuto del modulo. Uso del computer e gestione dei file ECDL Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file Contenuto del modulo Per iniziare Il desktop Organizzare i file Semplice editing Gestione della stampa Esercitazioni 1 Per iniziare (1) Per iniziare a

Dettagli

Note operative per Windows XP

Note operative per Windows XP Note operative per Windows XP AVVIO E ARRESTO DEL SISTEMA All avvio del computer, quando l utente preme l interruttore di accensione, vengono attivati i processi di inizializzazione con i quali si effettua

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE TESTUALI INTERFACCE TESTUALI FUNZIONI DEL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE GRAFICHE

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE TESTUALI INTERFACCE TESTUALI FUNZIONI DEL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE GRAFICHE IL SISTEMA OPERATIVO Insieme di programmi che opera al di sopra della macchina fisica, mascherandone le caratteristiche e fornendo agli utenti funzionalità di alto livello. PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE

Dettagli

Il software impiegato su un computer si distingue in: Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi

Il software impiegato su un computer si distingue in: Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi Il Software Il software impiegato su un computer si distingue in: Software di sistema Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi Software applicativo Elaborazione testi Fogli elettronici Basi

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Hardware e software Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche parti software: componenti logiche i dati da trattare le correlazioni

Dettagli

PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE COMANDI FILE SYSTEM GESTIONE DELLE PERIFERICHE GESTIONE DELLA MEMORIA GESTIONE DEI PROCESSI (NUCLEO) HARDWARE

PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE COMANDI FILE SYSTEM GESTIONE DELLE PERIFERICHE GESTIONE DELLA MEMORIA GESTIONE DEI PROCESSI (NUCLEO) HARDWARE IL SISTEMA OPERATIVO Insieme di programmi che opera al di sopra della macchina fisica, mascherandone le caratteristiche e fornendo agli utenti funzionalità di alto livello. PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI alla base di tutto. Informatica Applicata Prof.Emanuela Zilio

SISTEMI OPERATIVI alla base di tutto. Informatica Applicata Prof.Emanuela Zilio SISTEMI OPERATIVI alla base di tutto 1 Sistemi Operativi: avvio All avvio del computer, terminate le verifiche del BIOS, il controllo passa al sistema operativo. Il Sistema Operativo opera come intermediario

Dettagli

USO DEL COMPUTER e GESTIONE DEI FILE

USO DEL COMPUTER e GESTIONE DEI FILE USO DEL COMPUTER e GESTIONE DEI FILE Inizio di una sessione di lavoro Il Desktop Le proprietà delle finestre I file e le cartelle Inizio di una sessione di lavoro Avvio e spegnimento del computer Avvio

Dettagli