Progetto dell interfaccia di Replica Management in InterDataNet per il Web of Data

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto dell interfaccia di Replica Management in InterDataNet per il Web of Data"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Corso di Laurea in Ingegneria Informatica P.O. Progetto dell interfaccia di Replica Management in InterDataNet per il Web of Data Tesi di Laurea di Maddalena Barlotti Relatori Prof. Franco Pirri Correlatori Ing. Davide Chini Prof. Dino Giuli Ing. Samuele Innocenti Ing. Maria Chiara Pettenati Anno Accademico 2006/2007

2

3 Ringraziamenti Desidero ringraziare tutti coloro che hanno contribuito allo svolgimento del presente lavoro di tesi, per il tempo dedicatomi e per il clima di serenità che mi ha permesso di vivere questa esperienza in modo piacevole. Ringrazio il Prof. Franco Pirri e il Prof. Dino Giuli per avermi reso partecipe di un progetto interessante e per avermi dato l opportunità di apportare il mio contributo ad esso. Ringrazio i miei correlatori, con i quali ho instaurato un ottimo rapporto sia di tipo collaborativo che personale: l Ing. Davide Chini, che ha seguito da vicino l evoluzione del presente lavoro, per gli innumerevoli suggerimenti e consigli senza i quali avrei spesso faticato ad andare avanti; e gli Ing. Samuele Innocenti e Maria Chiara Pettenati, per le correzioni e la cura nei dettagli. Grazie anche a tutte le persone che durante questo periodo hanno frequentato insieme a me il laboratorio integrato Tecnologie della Telematica Radar e Radiocomunicazioni, in particolare Stefano Cigheri, Lucia Ciofi, Niccolò Francini e Michela Paolucci, per l atmosfera di amicizia e la simpatia dimostratami fin dai primi momenti, e in modo speciale Cristiano Costantini, che come me in questi mesi ha visto concludersi il suo percorso di studi, per l incoraggiamento e il supporto morale. Un ultimo ringraziamento va ai miei genitori, che hanno pazientemente atteso la conclusione della mia carriera universitaria, e a tutti i familiari e gli amici che hanno espresso la loro partecipazione agli sviluppi del presente lavoro. Firenze, 2 aprile 2008 Maddalena Barlotti

4

5 Il semble que la perfection soit atteinte non quand il n y a plus rien à ajouter, mais quand il n y a plus rien à retrancher. Antoine de Saint-Exupéry

6

7 Ai miei nonni

8

9 Indice Introduzione xv I Sistemi per la replicazione di risorse condivise 1 1 Sistemi per la gestione di risorse Aspetti generali del file system Concetto di file Struttura della directory Condivisione e protezione Partizioni e montaggio di un file system Realizzazione e struttura del file system Aspetti implementativi Allocazione dello spazio su disco Efficienza e prestazioni Ripristino e verifica della coerenza Sistemi distribuiti per la gestione di risorse Caratteristiche dei file system distribuiti Interfaccia e servizi offerti Spazio dei nomi e trasparenza Confronto tra server stateful e stateless Semantica della consistenza Metodi di accesso remoto e caching FAN: File Area Network

10 Indice 3 Replicazione di risorse in ambito distribuito Vantaggi introdotti con la replicazione Architetture dei sistemi di replicazione Modelli di consistenza delle repliche Modelli data-centrici Modelli client-centrici Protocolli di gestione della consistenza Metodo del sito primario Metodo a votazione Metodo dei vettori di versione Strategie di replicazione Posizionamento delle repliche Propagazione degli aggiornamenti II Progettazione del Replica Management di IDN Il progetto InterDataNet Sistemi collaborativi e interoperabilità Il modello dell informazione Caratteristiche dell informazione Concetto di documento Il sistema dei nomi L architettura dei servizi Principi progettuali La gerarchia dei livelli Le applicazioni IDN e le API Overlay network IDN come file system replicato Confronto con il file system Replicazione Requisiti del Replica Management Scenari applicativi Estensioni dell applicabilità Esempi di impiego Definizioni Classificazione dei requisiti viii

11 Indice 5.4 Specifica dei requisiti Requisiti per la gestione delle risorse Requisiti per la replicazione Servizi e interfacce del Replica Management Il servizio di gestione delle risorse Il servizio di memorizzazione persistente Il servizio di risoluzione dei nomi Il servizio di replicazione Mantenimento della consistenza Posizionamento delle repliche Selezione della replica e routing delle richieste Azioni atomiche e transazioni Definizione delle interfacce Interfaccia esposta da Replica Management Interfaccia esposta da Localization Service Conclusioni 216 III Appendici 221 A Implementazioni di file system 223 A.1 File system per i sistemi Windows A.1.1 FAT: File Allocation Table A.1.2 NTFS: New Technology File System A.2 File system per i sistemi Linux A.2.1 Extended File System A.2.2 L interfaccia del file system virtuale A.2.3 FUSE: File system in userspace A.3 File system distribuiti A.3.1 NFS: Network File System A.3.2 AFS: Andrew File System A.4 Replicazione nel file system Coda Bibliografia 265 ix

12

13 Elenco delle figure 1.1 Suddivisione del disco in partizioni File system stratificato Confronto tra allocazione a blocchi e allocazione basata su extent Efficienza e prestazioni in funzione della dimensione dei blocchi Modelli upload/download e ad accesso remoto per il file service Lettura e scrittura in un sistema a singolo processore Lettura e scrittura in un sistema distribuito Posti in cui memorizzare i file in un sistema client-server Architettura di una File Area Network Architettura di un sistema di gestione delle repliche Organizzazione di un archivio di dati distribuito e replicato Accesso ad un sistema replicato da parte di un utente mobile Approccio del sito primario con letture sui siti di backup Approccio del sito primario con migrazione del sito primario Esempi di configurazione per i quorum nell approccio a votazione Esempio dell approccio dei vettori di versione Organizzazione logica dei tipi di repliche presenti in un archivio Esempio di documento IDN Storico dell informazione nell IDN-IM Esempi di nomi di livello applicativo nell IDN-IM Il sistema dei nomi di IDN Gerarchia dei livelli nell IDN-SA Architettura del middleware IDN

14 Elenco delle figure 4.7 Possibile scenario di utilizzo di IDN Definizione dei PRI con notazione BNF Esempio di LS con struttura ad albero Approccio a votazione con quorum a maggioranza su due livelli Casi d uso dell interfaccia esposta da RM: operazioni CRUD Casi d uso dell interfaccia esposta da RM: operazioni Advanced Casi d uso dell interfaccia esposta da RM: operazioni Admin Casi d uso dell interfaccia esposta da RM a istanze di pari livello Casi d uso dell interfaccia esposta da Localization Service A.1 Struttura dell inode A.2 Struttura del file system virtuale di Linux A.3 Architettura di FUSE A.4 Architettura del Network File System A.5 Architettura dell Andrew File System xii

15 Elenco delle tabelle 2.1 Confronto tra i vantaggi dei server stateful e stateless Metodi per gestire i file condivisi in un sistema distribuito Metodi per gestire la cache dei file nel client Modelli di consistenza che non usano variabili di sincronizzazione Modelli di consistenza che usano variabili di sincronizzazione. 74

16

17 Introduzione Disporre di soluzioni per la gestione delle informazioni costituisce una risorsa strategica essenziale e di valore inestimabile. Infatti, per qualsiasi organizzazione, la possibilità di accedere a tale risorsa e ai diversi generi di documenti (cartacei, audiovisivi o telematici) che la contengono si pone al centro delle priorità. Di conseguenza, tra le responsabilità primarie per ogni organizzazione si trovano lo sviluppo, la gestione e l utilizzo efficace delle informazioni e dell infrastruttura tecnologica posseduta a tal fine. Nelle più semplici attività umane, le informazioni sono scambiate per mezzo di simboli, oppure mediante il linguaggio scritto o parlato. Allo scopo di conservarle in modo permanente e renderle accessibili e aggiornate perché possano riflettere rapidamente le variazioni subite, nei sistemi informatici queste informazioni vengono rappresentate per mezzo di dati. Storicamente, l approccio convenzionale alla gestione delle informazioni digitali prevede la memorizzazione dei dati sotto forma di file che risiedono sullo stesso calcolatore a cui le applicazioni e gli utenti accedono. L identificazione dei file avviene attraverso dei nomi, quasi sempre specificando il dispositivo fisico nel quale sono contenuti. La parte del sistema che si occupa dell archiviazione dei dati, consentendone la ricerca e fornendo meccanismi per la condivisione, è chiamata file system; le sue funzionalità di base comprendono operazioni quali la creazione, la lettura, la modifica e l eliminazione dei file. Per rendere più flessibile l accesso alle informazioni da parte di utenti geograficamente sparsi, le modalità di condivisione sono cambiate nel tempo, anche grazie all evolversi della tecnologia: se un tempo i dispositivi per la

18 Introduzione memorizzazione a lungo termine dei dati erano direttamente connessi al computer a cui accede l utente, adesso le risorse sono rese disponibili attraverso la rete. La connettività promossa da Internet ha portato alla nascita di numerose organizzazioni e comunità virtuali, rendendo più semplice la collaborazione e lo scambio delle informazioni tra gli utenti (come dimostrato da blog, forum e wiki) e allo stesso tempo rafforzando il bisogno di rendere riutilizzabili le risorse. Un file system distribuito permette la memorizzazione e l accesso ai file remoti esattamente come avviene per quelli locali, con la differenza che gli utenti sono sparsi in un sistema distribuito, e possono accedere ai file ovunque si trovino. La diffusione dell approccio distribuito, insieme alla quantità largamente predominante di dati non strutturati contenuti nei file, ha fatto emergere la necessità di trovare un nuovo paradigma che permetta di interconnettere in modo più semplice informazioni eterogenee. Recentemente è stata proposta un architettura, chiamata File Area Network (FAN), con lo scopo di semplificare i compiti elementari nella gestione dei file, grazie alla quale le organizzazioni possono implementare dei servizi in modo da fornire una grande varietà di funzionalità a livello infrastrutturale, quali la migrazione e il posizionamento dei dati, il bilanciamento del carico e il controllo di accesso. Questo tipo di approccio sta trovando particolare successo in quanto ripropone l interazione tipica del file system, ormai familiare agli utenti e di realizzazione meno complessa rispetto ad altri sistemi per la gestione documentale. L idea chiave ruota attorno all esistenza di uno spazio dei nomi globale che preservi i file system esistenti, permettendo l accesso ad essi come se fossero un unica entità condivisa e costituendo così un astrazione logica che rappresenta un singolo punto di accesso alla sottostante infrastruttura fisica di memorizzazione, abilitando la federazione degli archivi di dati. Poiché l architettura FAN è distribuita per natura, la sua costruzione migliora l instradamento delle richieste, dirigendole verso le appropriate risorse, e fornendo così agli utenti e alle applicazioni dei percorsi persistenti attraverso i quali accedere ai dati. La virtualizzazione dei file che ne consegue permette di mascherare non solo le contromisure di sicurezza e di affidabilità, ma anche le complessixvi

19 Introduzione tà relative alla locazione fisica dei dati nella rete, riuscendo così a fornire agli utenti l accesso ininterrotto alle informazioni, a prescindere dalla loro posizione e dal fatto che essa possa variare nel tempo. Una funzionalità che tende al miglioramento del servizio di condivisione in un ambiente come quello appena descritto è la replicazione, la quale consiste nel memorizzare i dati in modo ridondante, mantenendone più copie e distribuendole su un certo numero di siti. In questo modo, si riescono a ottenere migliori prestazioni, maggiore disponibilità e affidabilità nell accesso ai dati, nonché scalabilità e tolleranza ai guasti del sistema nel suo complesso. In un sistema replicato, le informazioni sono viste come oggetti logici, ciascuno dei quali è fisicamente implementato da un insieme di elementi, ovvero le sue repliche. Se il sistema è in grado di realizzare la trasparenza alla replicazione, l utente non dovrà essere a conoscenza del fatto che esistono più copie fisiche dei dati: ogni volta che avrà bisogno di effettuare un operazione su un informazione, potrà richiederla identificando l oggetto logico (anche se poi l operazione potrà essere eseguita, internamente, su una qualsiasi delle sue repliche). Oltre a fornire l accesso ai dati, la parte del sistema preposta alla gestione delle repliche assicura la consistenza tra di esse e permette di crearle e trattarle secondo strategie che possono tenere conto di fattori come la domanda dei dati, la provenienza delle richieste e la capacità dei dispositivi di memorizzazione. Il progetto InterDataNet (IDN) ha come obiettivi la gestione e la condivisione delle informazioni in un contesto distribuito su larga scala, al fine di aumentare l interoperabilità e la collaborazione tra le organizzazioni connesse in rete. In questo progetto si inserisce il presente lavoro di tesi, che vede in quanto precedentemente esposto le sue finalità. L architettura IDN propone un modello per la rappresentazione di informazioni strutturate, composta da servizi stratificati che si occupano dei diversi aspetti del trattamento delle risorse. Tra le funzionalità principali si trovano la gestione della concorrenza e del ciclo di vita dell informazione, la navigazione nella struttura del documento e il controllo di versione. Poiché presenta un modello secondo il quale i dati possono essere integrati e riusati in modo intelligente, IDN può essere visto come una soluzione in grado di dare una spinta alla visione del Web semantico. Lo scopo è xvii

20 Introduzione quello di spostare i problemi relativi alla collaborazione nella gestione dell informazione dal livello applicativo al livello infrastrutturale, in analogia a quanto avvenuto nella gestione dei documenti ipertestuali con l adozione del protocollo HTTP e del linguaggio HTML. Nel presente lavoro di tesi sarà quindi affrontata la progettazione del livello Replica Management di IDN, il quale, sfruttando il servizio di memorizzazione persistente offerto dal livello inferiore, sarà incaricato di fornire la replicazione delle informazioni in modo trasparente ai livelli superiori. In analogia all approccio FAN, sarà perseguito lo scopo di rendere l identificazione delle risorse indipendente dalla loro posizione fisica all interno del sistema. A tal fine, nella prima parte del lavoro saranno illustrati i sistemi per la gestione e la replicazione delle risorse condivise, affinché l analisi dei modelli esistenti permetta successivamente di effettuare le scelte necessarie alla progettazione. Nel seguito saranno definiti prima i requisiti del sistema e poi le modalità con cui il Replica Management dovrà permettere l accesso alle risorse e realizzarne la replicazione. Il presente lavoro è strutturato nei seguenti capitoli: Capitolo 1 Stato dell arte di sistemi multiutente per la gestione di risorse condivise in ambiente centralizzato; descrizione degli aspetti generali e implementativi del file system. Capitolo 2 Stato dell arte di sistemi multiutente per la gestione di risorse condivise in ambiente distribuito; caratteristiche dei file system distribuiti, semantica della consistenza, metodi di accesso remoto e approccio FAN. Capitolo 3 Stato dell arte di sistemi per la replicazione distribuita delle informazioni; modelli e protocolli per la consistenza, strategie per il posizionamento delle repliche e la propagazione degli aggiornamenti. xviii

21 Introduzione Capitolo 4 Descrizione del progetto InterDataNet; modello dell informazione, architettura stratificata dei servizi, overlay network, confronto con file system e replicazione. Capitolo 5 Requisiti del Replica Management; scenari di applicabilità ed esempi di impiego del sistema, specifica dei requisiti. Capitolo 6 Definizione dei servizi e delle interfacce del Replica Management; memorizzazione persistente, risoluzione dei nomi e replicazione delle risorse, interfacce per la comunicazione. Appendice A Stato dell arte delle principali implementazioni di file system; FAT, NTFS, Extended File System, file system virtuale di Linux, FUSE per la realizzazione di file system nello spazio utente, NFS, AFS e replicazione in Coda. xix

22

23 Parte I Sistemi per la replicazione di risorse condivise

24

25 Capitolo 1 Sistemi per la gestione di risorse I computer hanno bisogno che le applicazioni siano in grado di memorizzare i dati, e in seguito di recuperarli e accedere ad essi. Questa necessità è dettata da motivi storici, non solo puramente tecnici ma soprattutto di ordine economico, come ad esempio i costi delle memorie volatili e i consumi energetici, i quali rimangono tuttora validi. Esistono dei requisiti essenziali per la memorizzazione a lungo termine dell informazione. Per prima cosa, deve essere possibile memorizzare una grande quantità di informazioni. I sistemi che utilizzano il meccanismo della memoria virtuale assegnano ad ogni processo uno spazio di indirizzi in memoria centrale; mentre un processo è in esecuzione, esso è in grado memorizzare una quantità di informazioni che è limitata dalla dimensione del suo spazio di indirizzi. Per alcune applicazioni questa dimensione può essere sufficiente, ma per altre risulta troppo piccola [Tan01]. In secondo luogo, l informazione deve sopravvivere al termine del processo che la usa. Tenendo le informazioni all interno dello spazio di indirizzi di un processo, quando questo termina l informazione è perduta. Molte applicazioni hanno bisogno di conservare le informazioni per settimane, mesi, o

26 Aspetti generali del file system Sistemi per la gestione di risorse anche per sempre, e non è accettabile che esse scompaiano quando termina il processo che le sta usando o quando un crollo del computer lo interrompe. Infine, più processi devono essere in grado di accedere contemporaneamente all informazione. Se questa è memorizzata nello spazio di indirizzi di un singolo processo, solo quel processo può accedervi. Perciò, è necessario rendere l informazione autonoma rispetto a qualsiasi processo. La soluzione più comune a questi problemi è memorizzare l informazione su dischi o altri mezzi esterni, in unità chiamate file. L informazione contenuta nei file non deve essere influenzata dalla creazione e terminazione di un processo, ossia deve essere persistente. Un file deve infatti scomparire soltanto quando il proprietario ne richiede esplicitamente la rimozione. Nel complesso, quella parte del sistema operativo che controlla i file è conosciuta come sistema per la gestione dei file (file management system, o più comunemente file system); essa è responsabile della loro creazione, cancellazione e modifica, del controllo dell accesso, e anche della gestione delle risorse usate dai file [FM91]. Molti dei più recenti sistemi operativi forniscono il supporto per svariati tipi di file system, tra cui è possibile scegliere a seconda delle specifiche esigenze. 1.1 Aspetti generali del file system Il file system serve ad archiviare i dati contenuti nel sistema, rendendo meno complessa la ricerca e l accesso ad essi da parte degli utenti. Dal punto di vista fisico, dispositivi non volatili come i dischi e i nastri magnetici o i dischi ottici forniscono la tecnologia di base per la memorizzazione dei dati. Dal punto di vista logico, il file system fornisce il modello di organizzazione che permette al sistema di localizzare i dati in qualunque punto su un dato dispositivo, grazie alla struttura della directory in cui sono memorizzati i singoli file [Mue03]. Una qualunque implementazione di file system deve essere in grado di eseguire alcuni compiti base, come creare, leggere, modificare e cancellare i file, e identificarli attraverso i loro nomi logici, senza dover specificare il nome 4

27 Sistemi per la gestione di risorse Aspetti generali del file system del dispositivo fisico [Nag97]. Inoltre, è necessario tenere traccia di dove sono memorizzati i file nel sistema tramite le directory, che ne contengono il nome, la locazione fisica in memoria secondaria, e altre informazioni importanti [FM91]. Altre funzionalità del file system comprendono l accesso ai file condivisi e la protezione dei file dai malfunzionamenti del sistema Concetto di file Un file è un tipo di dati astratto, definito e realizzato dal sistema operativo ; è la più piccola unità di memoria logica di cui può disporre l utente, e può essere visto come un insieme di informazioni, correlate e registrate nella memoria secondaria, cui è stato assegnato un nome [SGG02]. Il contenuto di un file può rappresentare programmi o dati, e possedere o meno una struttura. Alcuni sistemi operativi distinguono i file a seconda del tipo, che può essere incluso come parte del nome, e li gestiscono in relazione alla loro struttura attraverso un insieme di operazioni specifiche. Questo approccio può essere utile in quanto risparmia del lavoro ai programmatori, ma un numero troppo grande di tipi gestiti porta ad un aumento eccessivo della dimensione del sistema; in generale tutti i sistemi operativi prevedono almeno un tipo, quello dei file eseguibili [Tan01]. In genere, un file è formato da una sequenza di record 1 il cui significato è definito dal creatore e dall utente del file stesso. Tutte le funzioni di I/O di base operano in termini di blocchi di dimensione fissa, i quali dipendono alla struttura del disco e solitamente non corrispondono ai record logici. Per poter considerare il file come una sequenza di blocchi, si procede al cosiddetto impaccamento, che può essere effettuato dal sistema operativo come dal programma di applicazione, e che consiste nel riunire un certo numero di record logici fino ad ottenere una dimensione pari a quella del blocco fisico. Questo però porta al fenomeno della frammentazione interna: poiché ad ogni file viene assegnato un numero di record logici che deve essere multiplo 1 Un record è un elemento logico, di lunghezza fissa o variabile; può essere un bit, un byte o una riga, ossia una sequenza di byte che termina con un simbolo speciale. 5

28 Aspetti generali del file system Sistemi per la gestione di risorse della dimensione del blocco fisico, spesso parte dell ultimo blocco finisce per essere sprecato. Tutti i file system soffrono di questo problema, in maniera tanto più grave quanto maggiore è la dimensione dei blocchi. A seconda del sistema operativo in uso, un file può avere diversi attributi o metadati, cioè dati che riguardano i dati. Si tratta di informazioni che riguardano il file ma che non fanno parte dei byte che lo compongono [Gia98], e generalmente comprendono: Nome del file. È l unica informazione in formato leggibile dall uomo. Viene usato come riferimento per accedere al file, rendendolo indipendente dal processo, dall utente e dal sistema. Identificatore. Viene impiegato dal sistema per identificare il file all interno del file system; di solito è un numero. Tipo. Questo attributo è presente nei sistemi che gestiscono i tipi. Puntatore alla locazione fisica. Serve per individuare il file all interno del dispositivo, e il dispositivo stesso. Dimensione attuale del file. Può essere presente anche la dimensione massima consentita. Informazioni per la protezione. Controllano chi può leggere, scrivere o eseguire il file. Informazioni sull ora, data e identificazione dell utente. Sono informazioni, dette anche timestamp, relative al momento della creazione e dell ultima modifica, utili per la protezione e il monitoraggio dell utilizzo del file. Queste informazioni sono contenute nella struttura della directory, che deve essere non volatile e perciò sta in memoria secondaria [FM91]. Il sistema operativo mette a disposizione alcune chiamate di sistema che possono essere richieste per un file, tra le quali si trovano alcune operazioni di base: 6 Creazione di un file. Viene allocato lo spazio e in seguito viene creato, nella directory opportuna, un elemento che rappresenta il file.

29 Sistemi per la gestione di risorse Aspetti generali del file system Scrittura di un file. Si accede al file specificandone il nome, per trovare l elemento nella directory, e la posizione in cui scrivere all interno del file. Quest ultima è individuata da un apposito puntatore di scrittura, aggiornato ad ogni operazione. Lettura di un file. Si accede al file specificandone il nome, per trovare l elemento nella directory, e la posizione nella memoria dove collocare il blocco successivo, usando un apposito puntatore di lettura. Questo viene aggiornato ad ogni operazione e serve per individuare la locazione, all interno del file, in cui avverrà la successiva lettura 2. Riposizionamento o seek in un file. Non viene eseguita nessuna operazione di I/O. Viene cercato nella directory l elemento desiderato, di cui viene aggiornato il puntatore alla posizione corrente. Cancellazione di un file. Viene trovato nella directory l elemento relativo al file. In seguito viene rilasciato lo spazio occupato, rendendolo così nuovamente disponibile. Infine viene eliminato l elemento della directory. Troncamento di un file. Questa operazione è usata per cancellare il contenuto di un file, rilasciando lo spazio occupato, mantenendone però gli attributi, tranne la lunghezza che viene azzerata. Queste operazioni primitive possono essere combinate per creare nuove funzioni, ad esempio per copiare un file. Altre operazioni possono essere l aggiunta di informazioni alla fine di un file, la ridenominazione di un file, la lettura e la definizione degli attributi di un file. Come si è visto, molte operazioni richiedono l individuazione, all interno della directory, dell elemento relativo al file. Alcuni sistemi evitano questa continua ricerca adoperando una chiamata di sistema open ed una tabella dei file aperti. La chiamata di sistema open è invocata quando si comincia ad usare un file, e prende in input il nome del file, di cui cerca l elemento nella directory, ed eventuali informazioni sul modo di accesso (creazione, sola lettura, lettura e scrittura), chiamate diritti di accesso, che servono per decidere se consentire 2 Poiché di solito in un dato istante un processo o scrive o legge, entrambe le operazioni di scrittura e lettura possono usare un unico puntatore alla posizione corrente del file. 7

30 Aspetti generali del file system Sistemi per la gestione di risorse o meno le successive operazioni di I/O; dopo aver controllato i permessi relativi al file, inserisce nella tabella dei file aperti un puntatore all elemento, che rappresenta la posizione del file nel disco. Per le successive operazioni di I/O, il file sarà individuato da un indice nella tabella, senza dover eseguire nuovamente la ricerca. Quando il file non è più usato, viene invocata la chiamata di sistema close, che si occupa di rimuovere il relativo elemento dalla tabella. Possono esistere due livelli di tabelle di file aperti: una per ciascun processo e una per il sistema. La tabella di un processo contiene informazioni sui file aperti da quel processo, come il puntatore alla posizione corrente del file o i diritti di accesso. Ciascun elemento di questa tabella punta alla tabella di sistema, che contiene le informazioni indipendenti dai processi, come la posizione del file nel disco, i timestamp e le dimensioni dei file. Un contatore dei file aperti tiene il conto delle chiamate open e close effettuate, in modo da potersi accorgere quando, una volta che tutti i processi hanno chiuso il file, è possibile rimuovere la relativa voce dalla tabella, e riutilizzarne quindi gli elementi. Alcuni sistemi operativi forniscono gli strumenti per eseguire il locking di un file aperto, o di alcune sue parti, da parte di un processo, con lo scopo di impedire ad altri processi di accedervi. Solitamente il lock è esclusivo; ciò significa che soltanto un processo per volta può acquisirlo, ad esempio per eseguire un operazione di scrittura. In certi casi si può ottenere invece un lock condiviso, tale cioè che più processi possono acquisirlo allo stesso tempo, ad esempio per un operazione di lettura. Se il meccanismo di locking è mandatory, è il sistema operativo che deve garantirne l integrità; se è advisory, sarà invece compito degli sviluppatori di software assicurarsi che il processo acquisisca il lock del file prima di accedervi. Il primo schema è adottato dai sistemi Windows, il secondo da quelli Unix [SGG05]. Nel momento in cui si vuole usare un file, è necessario trasferire in memoria le informazioni che contiene. Il metodo più semplice e comune per accedere all informazione è l accesso sequenziale, che si ispira al modello di file tipico del nastro magnetico. Le informazioni vengono elaborate in ordine, un record dopo l altro a partire dall inizio del file. L operazione di lettura (read next) legge la prossima 8

Implementazione del File System

Implementazione del File System Implementazione del file system Implementazione del File System Struttura del file system. Realizzazione del file system. Implementazione delle directory. Metodi di allocazione. Gestione dello spazio libero.

Dettagli

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Organizzazione logica ed implementazione di un File

Dettagli

Realizzazione del file system

Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione.

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione. C6. REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM Struttura del file system Un file è analizzabile da diversi punti di vista. Dal punto di vista del sistema è un contenitore di dati collegati tra di loro, mentre dal punto

Dettagli

Capitolo 11 -- Silberschatz

Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System File system: Definizione dell aspetto del sistema agli occhi dell utente Algoritmi e strutture dati che permettono

Dettagli

Indice. settembre 2008 Il File System 2

Indice. settembre 2008 Il File System 2 Il File System Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file - 1 9. I file - 2 10. Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione - 1 13. Livelli di astrazione

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II)

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) Realizzazione del file system Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 Sommario Realizzazione

Dettagli

Sistemi Operativi. Implementazione del File System

Sistemi Operativi. Implementazione del File System Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

File System Distribuiti

File System Distribuiti File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema 20.1 Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Lezione 11 system Sistemi operativi 12 maggio 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 11.1 Di cosa parliamo in questa lezione? L interfaccia : system 1 Il

Dettagli

Interfaccia del file system

Interfaccia del file system Interfaccia del file system Concetto di file Modalità di accesso Struttura delle directory Montaggio di un file system Condivisione di file Protezione 9.1 File E un insieme di informazioni correlate e

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1 IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2011-12 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

Il file system. File system. Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti

Il file system. File system. Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti Il file system File system Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti Collezione di file Struttura di cartelle (directory) 1! Interfaccia Implementazione

Dettagli

uomo Software (sistema operativo) hardware

uomo Software (sistema operativo) hardware uomo Software (sistema operativo) hardware 1 Sistema operativo Insieme di programmi che svolgono funzioni essenziali per l uso del sistema di elaborazione Questi programmi sono i primi ad essere eseguiti

Dettagli

1. I dispositivi periferici

1. I dispositivi periferici La gestione dell I/O 1. I dispositivi periferici Un ulteriore aspetto fondamentale del SO è la gestione dei dispositivi periferici (periferiche) Dal punto di vista del sistema operativo per periferiche

Dettagli

Sistema Operativo Compilatore

Sistema Operativo Compilatore MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Sistema Operativo Compilatore Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Il Sistema

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Interfaccia del file system. Fabio Buttussi HCI Lab Dipart. di Matematica ed Informatica Università degli Studi di Udine www.dimi.uniud.

Interfaccia del file system. Fabio Buttussi HCI Lab Dipart. di Matematica ed Informatica Università degli Studi di Udine www.dimi.uniud. HCI Lab Dipart. di Matematica ed Informatica Università degli Studi di Udine www.dimi.uniud.it/buttussi Cos'è il file system? Consiste in: Insieme di file Strutture dati per organizzare i file nel sistema

Dettagli

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12.

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12. File system Chiamate di sistema POSIX Esempi: 4.3 BSD Linux Chiamate di sistema Windows Esempio: NTFS Esercizi 12.1 Le chiamate di sistema di UNIX per file UNIX mette a disposizione sia chiamate di sistema

Dettagli

10. Interfaccia del File System

10. Interfaccia del File System 10. Interfaccia del File System 10.1 Il concetto di File 10.2 Metodi di accesso 10.3 Struttura delle Directory 10.4 Protezione (Leggere) 10.5 Semantica della Consistenza (Leggere) Un File System consiste

Dettagli

Lezione 12. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Lezione 12. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata Lezione 12 Sistemi operativi 19 maggio 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 12.1 Di cosa parliamo in questa lezione? Organizzazione e realizzazione dei

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi Sistemi Operativi Lez. 16 File System: aspetti implementativi Layout disco Tutte le informazioni necessarie al file system per poter operare, sono memorizzate sul disco di boot MBR: settore 0 del disco,

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Il Sistema Operativo Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela Fogli Cos

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella Il Sistema Operativo Sistema Operativo 2 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato

Dettagli

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa Il File System 1 Il file system E quella componente del SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti

Dettagli

Il Sistema Operativo. Funzionalità. Sistema operativo. Sistema Operativo (Software di base)

Il Sistema Operativo. Funzionalità. Sistema operativo. Sistema Operativo (Software di base) Sistema Operativo (Software di base) Il Sistema Operativo Il sistema operativo è un insieme di programmi che opera sul livello macchina e offre funzionalità di alto livello Es.organizzazione dei dati attraverso

Dettagli

Infrastrutture Software

Infrastrutture Software Infrastrutture Software I componenti fisici di un sistema informatico sono resi accessibili agli utenti attraverso un complesso di strumenti software finalizzati all utilizzo dell architettura. Si tratta

Dettagli

PROGETTAZIONE FISICA

PROGETTAZIONE FISICA PROGETTAZIONE FISICA Memorizzazione su disco, organizzazione di file e tecniche hash 2 Introduzione La collezione di dati che costituisce una BDD deve essere fisicamente organizzata su qualche supporto

Dettagli

Il File System. Il file system

Il File System. Il file system Il File System Il file system Parte di SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti di file:

Dettagli

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1 Struttura dei Componenti Servizi di un sistema operativo System Call Programmi di sistema Struttura del sistema operativo Macchine virtuali Progettazione e Realizzazione

Dettagli

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file 11 Realizzazione del File System 1 Metodi di allocazione Allocazione contigua Allocazione concatenata e varianti Allocazione indicizzata e varianti Gestione dello spazio libero 11.1.1 Struttura a livelli

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI Archivio: - insieme di registrazioni (record), ciascuna costituita da un insieme prefissato di informazioni elementari dette attributi (campi) - insieme di informazioni relative

Dettagli

Realizzazione del File System

Realizzazione del File System Realizzazione del File System Realizzazione del file system Struttura del file system Realizzazione del file system Realizzazione delle directory Metodi di allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo

Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Il Sistema Operativo (S0) (Inf.) E' l'insieme dei programmi che consentono

Dettagli

Il sistema operativo

Il sistema operativo Il sistema operativo Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Cos è un Sistema Operativo? Per capirlo, immaginiamo inizialmente

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

Il Software. Il software del PC. Il BIOS

Il Software. Il software del PC. Il BIOS Il Software Il software del PC Il computer ha grandi potenzialità ma non può funzionare senza il software. Il software essenziale per fare funzionare il PC può essere diviso nelle seguenti componenti:

Dettagli

Solitamente la capacità è minore di un disco magnetico, ma la velocità è molto più alta.

Solitamente la capacità è minore di un disco magnetico, ma la velocità è molto più alta. C4. MEMORIA SECONDARIA Nel seguito verranno analizzati, oltre alla struttura dei dispositivi di memorizzazione, anche gli algoritmi di scheduling delle unità a disco, la formattazione dei dischi, la gestione

Dettagli

12. Implementazione di un File System. 12.1.1 Struttura a livelli. 12.2.1 Allocazione contigua

12. Implementazione di un File System. 12.1.1 Struttura a livelli. 12.2.1 Allocazione contigua 12. Implementazione di un File System 1 Struttura del file system Metodi di allocazione Gestione dello spazio libero Implementazione delle directory Prestazioni ed efficienza 2 Utente 12.1.1 Struttura

Dettagli

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Chiamate del sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progettazione e realizzazione

Dettagli

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 11 LEZIONE INTERFACCIA DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 11 LEZIONE INTERFACCIA DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08 Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 11 LEZIONE INTERFACCIA DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione

Dettagli

Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1. Introduzione

Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1. Introduzione Introduzione Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1 Elaboratori necessitano di SOFTWARE SOFTWARE DI SISTEMA (SISTEMI OPERATIVI): fanno funzionare le varie componenti del computer e permettono all

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Il software Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Universitàdegli Studi di Parma SOFTWARE I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono

Dettagli

Cos è un file system? File system Distribuiti. Cos è un sistema distribuito? Operazioni fondamentali. Struttura di un DFS.

Cos è un file system? File system Distribuiti. Cos è un sistema distribuito? Operazioni fondamentali. Struttura di un DFS. Cos è un file system? File system Distribuiti Corso di Sistemi per Elaborazione dell Informazione Prof. Carpentieri Bruno A.A. 2004/2005 Un file system è il mezzo logico con cui un sistema operativo memorizza

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96

Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96 Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96 Il software L hardware non è direttamente utilizzabile Sono necessari dei programmi per far svolgere delle funzioni all insieme di circuiti Informatica 97 Il

Dettagli

Introduzione ai sistemi informatici 3/ed Donatella Sciuto, Giacomo Buonanno, Luca Mari. Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl

Introduzione ai sistemi informatici 3/ed Donatella Sciuto, Giacomo Buonanno, Luca Mari. Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl Capitolo 7 Le infrastrutture SoftWare Funzioni del sistema operativo Rendere utilizzabili le risorse fisiche presenti nel sistema informatico: correttezza e precision; anywhere, anytime; affidabilità,

Dettagli

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3)

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega Architettura di NTFS 1 NTFS file system adottato

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono:

Dettagli

Informatica di Base - 6 c.f.u.

Informatica di Base - 6 c.f.u. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Informatica di Base - 6 c.f.u. Anno Accademico 2007/2008 Docente: ing. Salvatore Sorce Il Sistema Operativo Gerarchia del software

Dettagli

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO ARCHIVIO è un insieme di informazioni che hanno tra di loro un nesso logico (sono inerenti ad uno stesso argomento) e sono organizzate in modo tale da renderne facile la consultazione Le informazioni di

Dettagli

Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi

Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi 11 marzo 2013 Macchina Hardware/Software Sistema Operativo Macchina Hardware La macchina hardware corrisponde alle componenti fisiche del calcolatore (quelle

Dettagli

Introduzione ai Sistemi Operativi

Introduzione ai Sistemi Operativi Introduzione ai Sistemi Operativi Sistema Operativo Software! Applicazioni! Sistema Operativo! È il livello di SW con cui! interagisce l utente! e comprende! programmi quali :! Compilatori! Editori di

Dettagli

comuni ai moderni SO sui quali il corso è incentrato Definizione di sistema operativo

comuni ai moderni SO sui quali il corso è incentrato Definizione di sistema operativo Il Sistema Operativo (SO) è una parte essenziale di un sistema di calcolo In generale un SO è un insieme di programmi che agisce come intermediario tra utenti e hardware di un computer. Esiste un insieme

Dettagli

Strutture dei Sistemi Operativi

Strutture dei Sistemi Operativi Strutture dei Sistemi Operativi Componenti di sistema Servizi del sistema operativo Chiamate di sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progetto e implementazione di sistemi

Dettagli

Parte VI SISTEMI OPERATIVI

Parte VI SISTEMI OPERATIVI Parte VI SISTEMI OPERATIVI Sistema Operativo Ogni computer ha un sistema operativo necessario per eseguire gli altri programmi Il sistema operativo, fra l altro, è responsabile di riconoscere i comandi

Dettagli

* Accesso ai file remoti - trasferimento effettivo dei dati mediante RPC - aumento delle prestazioni tramite caching

* Accesso ai file remoti - trasferimento effettivo dei dati mediante RPC - aumento delle prestazioni tramite caching * Sistemi operativi di rete: ambiente composto da risorse remote accessibili esplicitamente con controllo utente. Funzioni principali (demone); - login remoto (telnet) - trasferimento di file remoti (FTP)

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 2007 SISTEMI OPERATIVI Gestione della memoria Domande di verifica Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 Gestione della memoria 1. Si descriva il concetto di memoria virtuale (esame del 19-06-2006)

Dettagli

Sistemi Operativi. Struttura astratta della memoria. Gerarchia dei dispositivi di. Memoria centrale. Memoria secondaria (di massa)

Sistemi Operativi. Struttura astratta della memoria. Gerarchia dei dispositivi di. Memoria centrale. Memoria secondaria (di massa) Struttura astratta della memoria Memoria centrale il solo dispositivo di memoria al quale la CPU puo accedere direttamente Memoria secondaria (di massa) Estensione della memoria centrale che fornisce grande

Dettagli

IL FILE SYSTEM Memorizzazione delle Informazioni Permanenza delle Informazioni Indipendenza delle Informazioni I File Nome.

IL FILE SYSTEM Memorizzazione delle Informazioni Permanenza delle Informazioni Indipendenza delle Informazioni I File Nome. IL FILE SYSTEM Memorizzazione delle Informazioni Le applicazioni su un calcolatore hanno bisogno di memorizzare e rintracciare informazioni. Un processo può utilizzare il suo spazio degli indirizzi per

Dettagli

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Giampiero Allamprese 0000260193 PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi A.A. 2007/2008 ABSTRACT L obiettivo di questo progetto è la realizzazione

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 4: SoftWare. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 4: SoftWare. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 4: SoftWare Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Software È un insieme di programmi che permettono di trasformare un insieme di circuiti elettronici (=

Dettagli

Struttura del File-System! Implementazione del File System! Filesystem!

Struttura del File-System! Implementazione del File System! Filesystem! Struttura del File-System Implementazione del File System Struttura dei File Unità logica di memorizzazione Collezione di informazioni correlate File control block (inode) struttura dati per le informazioni

Dettagli

boot loader partizioni boot sector

boot loader partizioni boot sector IL SISTEMA OPERATIVO Il sistema operativo (S.O.) è un software che fa da interfaccia tra l uomo e l hardware, mettendo a disposizione un ambiente per eseguire i programmi applicativi. Grazie al S.O. un

Dettagli

Software di base. Corso di Fondamenti di Informatica

Software di base. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Software di base Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1 GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE 6.1 Gestione della Memoria Background Spazio di indirizzi Swapping Allocazione Contigua Paginazione 6.2 Background Per essere eseguito un programma deve trovarsi (almeno

Dettagli

Sistemi Operativi File System (parte 2)

Sistemi Operativi File System (parte 2) Sistemi Operativi File System (parte 2) Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega Realizzazione del file system 1 I file system (FS) sono memorizzati

Dettagli

17/05/2013. Indice dei Contenuti. Ruolo del Naming nei SD. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano

17/05/2013. Indice dei Contenuti. Ruolo del Naming nei SD. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano /35 Ruolo del Naming nei SD - 3 Denominazione di entità - 4 Sistemi di Naming - 8 Tipologie di Naming - 10 Naming Semplice e Differenti

Dettagli

Il software impiegato su un computer si distingue in: Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi

Il software impiegato su un computer si distingue in: Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi Il Software Il software impiegato su un computer si distingue in: Software di sistema Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi Software applicativo Elaborazione testi Fogli elettronici Basi

Dettagli

Sistemi informatici. Informatica. Il software. Il sw di sistema. Il sw applicativo. Il sw di sistema. Il sistema operativo. Hardware.

Sistemi informatici. Informatica. Il software. Il sw di sistema. Il sw applicativo. Il sw di sistema. Il sistema operativo. Hardware. http://159.149.98.238/lanzavecchia/docum enti/sscta.htm Sistemi informatici Hardware Microprocessore Memoria Periferiche di input e output Software Software di sistema Programmi applicativi 1 2 Il sw applicativo

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi Evoluzione dei sistemi operativi (4) Sistemi multiprogrammati! più programmi sono caricati in contemporaneamente, e l elaborazione passa periodicamente dall uno all altro Evoluzione dei sistemi operativi

Dettagli

Lezione 5: Software. Firmware Sistema Operativo. Introduzione all'informatica - corso E

Lezione 5: Software. Firmware Sistema Operativo. Introduzione all'informatica - corso E Lezione 5: Software Firmware Sistema Operativo Architettura del Calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macrocomponenti: Hardware e Software Firmware: strato di (micro-)programmi

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Alessandro.bardine@gmail.com alessandro.bardine@iet.unipi.it Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File

Dettagli

Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti

Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti Parte 3 Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti Interfaccia utente Gestore dell I/O Gestore del File System Gestore dei Processi Gestore della Memoria Centrale *KERNEL Informatica

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione Il sistema di I/O Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O Introduzione 1 Sotto-sistema di I/O Insieme di metodi per controllare i dispositivi di I/O Obiettivo: Fornire ai processi utente un interfaccia

Dettagli

Lezione 14. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Lezione 14. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata Lezione 14 Sistemi operativi 9 giugno 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 14.1 Di cosa parliamo in questa lezione? Ottimizzazione degli accessi alla

Dettagli

File e indici. Tecnologia delle BD: perché studiarla? Le basi di dati sono grandi e persistenti. DataBase Management System DBMS

File e indici. Tecnologia delle BD: perché studiarla? Le basi di dati sono grandi e persistenti. DataBase Management System DBMS 1 Tecnologia delle BD: perché studiarla? File e indici I DBMS offrono i loro servizi in modo "trasparente": per questo abbiamo potuto finora ignorare molti aspetti realizzativi abbiamo considerato il DBMS

Dettagli

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M)

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M) 2009-2010 Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M) 13 File e cartelle File system Software di utilità Il S.O. e le periferiche Il S.O. e la memoria

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

INTERAZIONE CON L UTENTEL

INTERAZIONE CON L UTENTEL IL SISTEMA OPERATIVO Insieme di programmi che opera al di sopra della macchina fisica, mascherandone le caratteristiche e fornendo agli utenti funzionalità di alto livello. PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Funzioni dei Sistemi Operativi!2 Le funzioni principali del SO Gestire le risorse dell elaboratore

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE TESTUALI INTERFACCE TESTUALI FUNZIONI DEL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE GRAFICHE

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE TESTUALI INTERFACCE TESTUALI FUNZIONI DEL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE GRAFICHE IL SISTEMA OPERATIVO Insieme di programmi che opera al di sopra della macchina fisica, mascherandone le caratteristiche e fornendo agli utenti funzionalità di alto livello. PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE

Dettagli

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z)

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z) 2011-2012 Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z) 14 File e cartelle File system Software di utilità Il S.O. e le periferiche Il S.O. e la memoria

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Il Sistema Operativo. Introduzione di programmi di utilità. Elementi di Informatica Docente: Giorgio Fumera

Il Sistema Operativo. Introduzione di programmi di utilità. Elementi di Informatica Docente: Giorgio Fumera CPU Memoria principale Il Sistema Operativo Elementi di Informatica Docente: Giorgio Fumera Corso di Laurea in Edilizia Facoltà di Architettura A.A. 2009/2010 ALU Unità di controllo Registri A indirizzi

Dettagli