Area Istruzione e Formazione professionale della Provincia di Torino e Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Area Istruzione e Formazione professionale della Provincia di Torino e Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo"

Transcript

1 Area Istruzione e Formazione professionale della Provincia di Torino e Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo Progetto INNOVAZIONE NEI BIENNI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO DELLA PROVINCIA DI TORINO A.S. 2006/ /08 1

2 PREMESSA Il riferimento per l innovazione è rappresentato dai D.M. n. 46 e 47 del 13 giugno 2006, della Nota di indirizzo per l avvio dell anno scolastico ( ), dalla legge Finanziaria 2007 (Legge /12/06), dalla C.M. n. 74 del 21/12/06 e dai decreti sull istruzione tecnicoprofessionale. Come azione di avvio del processo che dovrà promuovere il miglioramento dei risultati scolastici e di conseguenza la riduzione della dispersione nell istruzione deve essere intensificato l impegno di far convergere gli interventi dei diversi soggetti istituzionali (Provincia di Torino, Ministero, USR, USP, Regione Piemonte, Scuole, reti di Scuole, Enti pubblici e privati) nel sostegno all incremento della qualità della scuola, assunta come centralità del processo innovativo: la riforma profonda del sistema dell educazione è fortemente legata con il miglioramento dei risultati di apprendimento. Particolare attenzione deve essere rivolta allo sviluppo di un rapporto efficace tra la scuola e le strutture formative (con particolare riferimento alla formazione professionale e al mondo del volontariato) nel riconoscimento delle rispettive specifiche funzioni e competenze. OBIETTIVI GENERALI Progettazione e avvio, nel rispetto dell autonomia delle scuole, di interventi finalizzati al successo nell istruzione di ragazzi tra i 14 e i 16 anni attraverso azioni innovative relativamente alle variabili e agli snodi che maggiormente determinano la qualità dei risultati di apprendimento: - ridisegnare gli impianti curricolari e i relativi risultati, anche in termini di competenze, da raggiungere alla conclusione del biennio; - rilanciare la qualità del curricolo orizzontale e verticale, delle relazioni educative; - valorizzare il raccordo con la scuola media e con il triennio della scuola superiore sulle tematiche dell orientamento e della continuità curricolare; - definire modelli di sostegno per il successo scolastico e di recupero della dispersione scolastica dei drop out, grazie all avvio di attività extra curricolari in relazione con le associazioni presenti sul territorio; - riflettere sui rapporti con altri enti formativi presenti nel territorio, con particolare attenzione alla formazione professionale; - ripensare il clima in cui avviene l insegnamento/apprendimento (spazi e loro gestione, protagonismo degli studenti finalizzato ad incrementare l intenzionalità ad apprendere, coordinamento); - rivedere il lavoro e le funzioni degli organismi di progettazione; - costruire modelli di assetti e strumenti organizzativi coerenti; - costruire un sistema di relazioni con carattere di rete tra istruzione e formazione professionale. DESTINATARI Il progetto prevede nell anno scolastico 2006/07 e 2007/08 il coinvolgimento di sei scuole secondarie di secondo grado (3 Istituti tecnici e 3 Istituti professionali) della provincia di Torino disponibili a ridisegnare impianti curricolari, sperimentali e innovativi, finalizzati al successo formativo nel primo biennio della scuola secondaria di secondo grado. I materiali prodotti sono destinati, nei successivi anni scolastici, a tutti gli Istituti tecnici e professionali interessati a contribuire al processo innovativo legato all innalzamento dell obbligo di istruzione. 2

3 Verranno inoltre coinvolti alcuni istituti professionali con progetti di sostegno e recupero extra curricolare finanziati dalla Direttiva relativa alle attività sperimentali afferenti le attività di formazione iniziale assolventi l Obbligo di Istruzione, la prevenzione dell abbandono scolastico e la lotta alla dispersione scolastica e formativa 2007/2008: anche in questo caso modelli, metodi e materiali messi a punto verranno messi a disposizione di tutte le scuole della provincia interessate a contribuire al processo innovativo legato all innalzamento dell obbligo di istruzione. STRUTTURA ORGANIZZATIVA Il progetto verrà coordinato da un responsabile (coordinatore scientifico) che curerà l organizzazione e la gestione complessiva del progetto e le attività dei gruppi di lavoro. Per la realizzazione del progetto saranno istituiti un gruppo di coordinamento e sette gruppi di lavoro. Il gruppo di coordinamento del progetto avrà il compito di curare la regia della singole attività e, presieduto dal coordinatore scientifico, sarà costituito dal Direttore dell Area Istruzione e Formazione professionale della Provincia di Torino, dal Direttore della Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo, da 5 esperti nei diversi ambiti curricolari (italiano, matematica, scienze, indirizzo meccanico, commerciale e sociale; 2 di essi anche con esperienze di tipo dirigenziale) e da 5 esperti di progetti di recupero dei drop out. Sei gruppi di lavoro di ricerca-azione curricolare (uno per istituto), costituito da docenti di italiano, scienze, matematica, indirizzo meccanico, commerciale, sociale con il compito di progettare e implementare l innovazione curricolare all interno della propria area disciplinare, supportati dagli esperti del gruppo di coordinamento: questi gruppi saranno costituiti da un minimo di 7 docenti fino ad un massimo di 13. Un gruppo di lavoro di ricerca-azione extra curricolare, costituito da 5 consulenti esperti, con il compito di mettere a punto modelli di recupero extra curricolare e di supportare metodologicamente e operativamente 5 istituti professionali con progetti di recupero e sostegno dei drop out finanziati dalla Direttiva relativa alle attività sperimentali afferenti le attività di formazione iniziale assolventi l Obbligo di Istruzione, la prevenzione dell abbandono scolastico e la lotta alla dispersione scolastica e formativa per il 2007/2008. Il progetto si sviluppa in 4 macrofasi: MACROFASI Fase A Avvio del progetto Fase B Progettazione attività di ricerca-azione Fase C Implementazione delle attività di ricerca-azione Face D Diffusione dei risultati Le attività si svilupperanno a partire da marzo 2007 e si concluderanno a dicembre

4 Fase A Avvio del progetto FASI, TEMPI DI ATTUAZIONE E RISULTATI ATTESI In questa fase si costituisce il Gruppo di Coordinamento del progetto e si mette a punto il progetto nella sua dimensione operativa. Attività e obiettivi specifici Il Gruppo di Coordinamento avrà la regia del progetto nel suo complesso, da un punto di vista metodologico e organizzativo, oltre ad avere la funzione di monitorare le attività dei singoli gruppi di lavoro istituiti presso le scuole coinvolte. In particolare avrà il compito di: definire nel dettaglio modalità di attuazione, tempi di sviluppo e linee guida del progetto; definire metodi e strumenti per il monitoraggio delle attività; costituire i gruppi di lavoro sulla ridefinizione dei curricoli scolastici presso le scuole disponibili a partecipare alla sperimentazione (3 Istituti tecnici e 3 1 Istituti professionali) con la partecipazione di docenti di italiano, scienze, matematica, indirizzo meccanico, commerciale, sociale; costituire gruppi di lavoro presso gli istituti professionali (massimo 5) disponibili a partecipare alla sperimentazione dei progetti di sostegno e recupero extra curricolare 2 ; promuovere attività di co-progettazione, confronto e scambio tra i diversi gruppi di lavoro istituiti per la sperimentazione di innovazione curricolare e di attività di sostegno e recupero extra curricolare; riflettere su nuove ed efficaci modalità di collaborazione tra il mondo della scuola e il mondo della formazione professionale, per lo sviluppo di un sistema per competenze nell istruzione secondaria superiore; definire gli obiettivi specifici dei singoli gruppi di lavoro; coordinare le attività e fornire un supporto metodologico e scientifico ai gruppi di lavoro costituiti presso le scuole coinvolte nel progetto; monitorare da un punto di vista qualitativo le attività dei gruppi di lavoro istituiti presso i singoli istituti. Risultati attesi fase A Piano delle attività definito per ogni singola fase. Milestones per la verifica dei risultati raggiunti e dei materiali prodotti nelle singole fasi concordati. Gruppi di lavoro per la sperimentazione di nuovi curricoli costituiti presso le 6 scuole coinvolte. Gruppi di lavoro su progetti di sostegno extra curricolari costituiti presso 5 istituti professionali coinvolti. Modalità di collaborazione tra scuola e formazione professionale individuate per lo sviluppo di un sistema per competenze nell istruzione secondaria superiore. Obiettivi dei gruppi di lavoro condivisi. Modalità definite e strumenti di monitoraggio e coordinamento delle attività predisposti. 1 Con progetti finanziati sulla Direttiva relativa alle attività sperimentali afferenti le attività di formazione iniziale assolventi l Obbligo di Istruzione, la prevenzione dell abbandono scolastico e la lotta alla dispersione scolastica e formativa 2007/ Con progetti finanziati sulla Direttiva relativa alle attività sperimentali afferenti le attività di formazione iniziale assolventi l Obbligo di Istruzione, la prevenzione dell abbandono scolastico e la lotta alla dispersione scolastica e formativa 2007/

5 Tempi di attuazione Marzo Maggio 2007 Fase B Progettazione attività di ricerca-azione In base al piano di lavoro definito nella fase precedente verranno attivati i singoli gruppi di lavoro di ricerca-azione sull innovazione curricolare sugli ambiti tematici previsti e sui modelli di recupero extra curricolare. Attività e obiettivi specifici I sei gruppi di ricerca-azione sull innovazione curricolare delle discipline (italiano, scienze, matematica, indirizzo meccanico, commerciale, sociale) istituiti presso le singole scuole lavoreranno, anche in collaborazione con i dirigenti scolastici, per la progettazione di possibili nuovi impianti curricolari, metodologie e materiali didattici innovativi da sperimentare nei 6 istituti coinvolti nell anno successivo (a.s. 2007/08), con particolare attenzione ai contenuti di pre-professionalità in esse presenti, alla ricerca del rapporto con la formazione professionale sia come risorsa per la qualità del percorso di istruzione, sia come possibile sbocco formativo dopo il biennio. In particolare i gruppi di lavoro avranno il compito di: mettere a punto attività di ricerca-azione per definire nuovi percorsi curricolari efficaci, nell ottica della lotta all insuccesso scolastico e volte ad esplorare possibili innovazioni curricolari, nell ambito di quanto previsto dal DPR 275/99 e dal D.M. 47/06, e finalizzati a ripensare le mediazioni culturali, le relazioni interpersonali e comunicative e la pratica disciplinare nella logica dell approccio laboratoriale e in riferimento ai bisogni formativi dei ragazzi nell adolescenza; progettare/costruire percorsi innovativi per le diverse aree curricolari con particolare attenzione allo sviluppo della dimensione laboratoriale nelle discipline maggiormente rilevanti nella dispersione scolastica, avendo come elemento di priorità il collegamento con la scuola media e il successivo biennio; predisporre materiali da utilizzare nelle attività laboratoriali; discutere e ridefinire le funzioni degli organismi di programmazione di classe. Trasversalmente un piccolo gruppo di lavoro svilupperà attività di sensibilizzazione a sostegno di una revisione dei curricoli scolastici anche in collaborazione con la formazione professionale, nell ottica di un sistema per competenze nell istruzione secondaria superiore e di un reciproco riconoscimento di crediti per i passaggi tra il sistema dell istruzione e il sistema della formazione professionale. Il gruppo di esperti sui modelli di recupero extra curricolare lavorerà sulle linee guida da fornire ai progetti finanziati sulla Direttiva relativa alle attività sperimentali afferenti le attività di formazione iniziale assolventi l Obbligo di Istruzione, la prevenzione dell abbandono scolastico e la lotta alla dispersione scolastica e formativa 2007/2008 e sulle modalità di monitoraggio e sostegno agli istituti coinvolti nella sperimentazione di attività di sostegno e rimotivazione extra curricolare. Il gruppo di esperti sui modelli di recupero extra curricolare in questa fase avrà il compito di: fare una ricognizione sui progetti e sulle sperimentazioni in atto con modelli di sostegno per il successo scolastico e di recupero della dispersione scolastica dei drop out con attività extra curricolari, con particolare attenzione alle esperienze in atto nel Comune di Torino; definire le linee guida da proporre ai progetti di sostegno extra curricolari finanziati sulla Direttiva relativa alle attività sperimentali afferenti le attività di formazione iniziale assolventi l Obbligo di Istruzione, la prevenzione dell abbandono scolastico e la lotta alla dispersione scolastica e formativa 2007/2008; 5

6 individuare e prendere contatti con alcuni istituti professionali su progetti di recupero extra curricolare finanziati dalla Direttiva relativa alle attività sperimentali afferenti le attività di formazione iniziale assolventi l Obbligo di Istruzione, la prevenzione dell abbandono scolastico e la lotta alla dispersione scolastica e formativa 2007/2008 che prevedono la collaborazione di associazioni, scuole medie inferiori e Centri provinciali di educazione degli adulti (ex CTP), in cui istituire gruppi di lavoro e con cui collaborare in modo privilegiato mediante un sostegno metodologico e un monitoraggio qualitativo sulle attività in atto. Risultati attesi fase B Nuovi impianti curricolari progettati e condivisi con il dirigente scolastico. Nuovi impianti curricolari inseriti nel POF per le discipline italiano, scienze, matematica, indirizzo meccanico, commerciale, sociale. Materiali didattici innovativi predisposti. Revisione dei curricoli scolastici in collaborazione con la formazione professionale realizzata nell ottica di un sistema per competenze all interno della scuola secondaria superiore. Mappatura delle buone prassi di progetti e sperimentazioni in atto con modelli di sostegno per il successo scolastico e di recupero della dispersione scolastica dei drop out con attività extra curricolari conclusa. Linee guida su modelli di sostegno extra curricolare definite. Gruppi di lavoro su modelli di sostegno per il successo scolastico e di recupero della dispersione scolastica dei drop out con attività extra curricolari istituiti presso le scuole coinvolte. Attività di supporto, monitoraggio e verifica da parte del gruppo di coordinamento sulle attività di progettazione effettuati. Tempi fase B Maggio Settembre 2007 Fase C Implementazione delle attività di ricerca- azione In questa fase verranno implementate da parte dei gruppi di lavoro le azioni innovative curricolari sui 6 ambiti disciplinari previsti e verranno messe in atto le attività di supporto ai progetti di recupero extra curricolare finanziati dalla Direttiva relativa alle attività sperimentali afferenti le attività di formazione iniziale assolventi l Obbligo di Istruzione, la prevenzione dell abbandono scolastico e la lotta alla dispersione scolastica e formativa 2007/2008. Attività e obiettivi specifici I gruppi di ricerca-azione sull innovazione curricolare di italiano, scienze, matematica, indirizzo meccanico, commerciale, sociale nel primo biennio sperimenteranno all interno dei singoli istituti i nuovi impianti curricolari inseriti nel POF mediante l utilizzo delle metodologie e dei materiali didattici innovativi predisposti nella fase precedente. In particolare i gruppi di lavoro dei 3 Istituti tecnici e dei 3 Istituti professionali 3 sulle azioni innovative curricolari avrà il seguente obiettivo: implementare gli interventi di innovazione relativi alle competenze di base e all area di indirizzo (compreso il concorso che la formazione professionale può offrire nel 3 Per gli Istituti professionali le azioni si collocano come supporto metodologico e didattico ai progetti finanziati con la Direttiva relativa alle attività sperimentali afferenti le attività di formazione iniziale assolventi l Obbligo di Istruzione, la prevenzione dell abbandono scolastico e la lotta alla dispersione scolastica e formativa 2007/2008, mentre gli Istituti tecnici si collocano all interno di una sperimentazione pilota dato che non sono previsti finanziamenti messi a bando per questi istituti. 6

7 processo di istruzione e nel raccordo con la fase successiva al biennio) finalizzati al miglioramento della qualità del processo di insegnamento-apprendimento. In particolare i gruppi di lavoro sui modelli di sostegno extracurricolari, indirizzati ad allievi italiani e stranieri frequentanti il primo biennio, avranno i seguenti obiettivi: sperimentare interventi di sostegno nelle scuole e sul territorio, con la partecipazione di associazioni, scuole medie inferiori e CTP, anche mediante la predisposizione di materiali di supporto e la definizione di metodologie e di modalità di collaborazione tra i diversi soggetti coinvolti. Il gruppo di coordinamento, secondo le modalità operative definite nella fase A, avrà il compito di: realizzare interventi di sostegno sui singoli gruppi di lavoro istituiti presso le scuole coinvolte nella sperimentazione mediante predisposizione di materiali di supporto, divulgazione delle linee guida, attività di formazione formatori, supporto metodologico ai singoli gruppi di lavoro; promuovere una proposta per un reciproco riconoscimento di crediti per i passaggi tra il sistema dell istruzione e il sistema della formazione professionale; promuovere il confronto tra gli istituti coinvolti nella sperimentazione nell ottica della diffusione delle buone prassi e di reciproco sostegno nella messa a punto di interventi innovativi trasferibili a livello provinciale; monitorare i risultati attraverso l utilizzo degli strumenti di monitoraggio predisposti dal gruppo di coordinamento nella fase A per verificare il raggiungimento degli obiettivi definiti. Risultati attesi fase C Nuovi impianti curricolari, metodologie e materiali didattici innovativi sperimentati nelle discipline italiano, scienze, matematica, indirizzo meccanico, commerciale, sociale. Linee guida per un reciproco riconoscimento di crediti per i passaggi tra il sistema dell istruzione e il sistema della formazione professionale definite. Interventi di sostegno extra curricolari sperimentati. Monitoraggio, sostegno metodologico e organizzativo realizzato dal gruppo di coordinamento. Primi risultati delle sperimentazioni raccolti. Tempi fase C Ottobre Giugno 2008 Fase D Disseminazione dei risultati In questa fase verranno discussi, elaborati e sistematizzati i risultati delle sperimentazioni nell ottica della diffusione delle buone prassi sul territorio provinciale, in particolare negli istituti tecnici e professionali. Attività e obiettivi specifici Il gruppo di coordinamento, con l ausilio dei docenti che hanno partecipato alla sperimentazione, utilizzeranno i dati raccolti con i seguenti obiettivi: selezionare materiali, strumenti e metodologie maggiormente significativi; elaborare linee guida in un ottica di disseminazione sul territorio provinciale delle buone prassi, anche nell ottica del passaggio tra i sistemi; 7

8 rendere pubblici i materiali di lavoro elaborati dalle scuole nelle attività, le valutazioni e le considerazioni sull esperienza svolta sia con la pubblicazione di volumi sia mediante la pubblicazione di materiali sui siti della Provincia di Torino e della Fondazione per la Scuola; disseminare le proposte e le pratiche innovative sperimentate mediante seminari e l organizzazione di un convegno di rilevanza non solo regionale. Risultati attesi fase D Materiali raccolti e sistematizzati. Volumi (uno per ambito disciplinare) pubblicati. Materiali pubblicati on line sui siti della Provincia di Torino e della Fondazione per la Scuola. Tempi fase D Luglio Dicembre 2008 COSTI La Provincia di Torino e la Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo cofinanzieranno il progetto nella misura del 50% su base biennale per le annualità 2007 e 2008 per un totale di ,00. 8

9 COMPOSIZIONE dei GRUPPI DI LAVORO GRUPPO DI COORDINAMENTO Coordinatore scientifico del progetto Fondazione per la Scuola Provincia di Torino Esperto disciplinare area linguistica Esperto disciplinare area matematica Esperto disciplinare area scientifica Esperto disciplinare area di indirizzo amministrativo-economico e di modelli extra curricolari Esperto disciplinare area di indirizzo sociale e di modelli extra curricolari Esperto disciplinare area di indirizzo industriale Domenico Chiesa Claudia Mandrile Altri da definire Laura Forneris Stefania Massara Mario Ambel Maria Rosa Bertotto Vittorio Baritello Carlo Zanzottera Marco Masuelli Giuseppe Pipitone Alessandro Scanavino Silvana Rasello Alberto Badini GRUPPO DI ESPERTI negli ambiti disciplinari curricolari Area Nominativi N istituti tecnici (*) N istituti professionali (**) Esperto disciplinare area linguistica Mario Ambel 3 3 Esperto disciplinare area matematica Maria Rosa Bertotto 3 3 Esperto disciplinare area scientifica Vittorio Baritello 3 3 Esperto disciplinare area di indirizzo Carlo Zanzottera 1 1 amministrativo-economico- commerciale Esperto disciplinare area di indirizzo sociale Marco Masuelli 1 Esperto disciplinare area di indirizzo meccanico industriale Giuseppe Pipitone 2 1 (*) Sella, Pininfarina, Avogadro (**) da definire in base ai progetti sperimentali curricolari finanziati con la Direttiva relativa alle attività sperimentali afferenti le attività di formazione iniziale assolventi l Obbligo di Istruzione, la prevenzione dell abbandono scolastico e la lotta alla dispersione scolastica e formativa 2007/2008 GRUPPO DI ESPERTI in modelli di recupero, rimotivazione e sostegno extra curricolare Area Nominativi N Istituiti professionali (*) enti Alessandro Scanavino locali Silvana Rasello formazione professionale 5 parti Alberto Badini sociali Marco Masuelli sistemi educativi rapporto scuola/formazione Carlo Zanzottera (*) Da definire in base ai progetti di sostegno extra curricolare finanziati con la Direttiva relativa alle attività sperimentali afferenti le attività di formazione iniziale assolventi l Obbligo di Istruzione, la prevenzione dell abbandono scolastico e la lotta alla dispersione scolastica e formativa 2007/2008 di Istruzione, la prevenzione dell abbandono scolastico e la lotta alla dispersione scolastica e formativa 2007/2008 9

Fondo Sociale Europeo

Fondo Sociale Europeo PON 2014-2020 PER LA SCUOLA Competenze e ambienti per l apprendimento Fondo Sociale Europeo A CHE PUNTO SIAMO Claudia Saccone Roma, 11 Aprile 2016 FSE: I PRIMI AVVISI DEL PROGRAMMA Avvisi pubblicati Avviso

Dettagli

A scuola di competenze

A scuola di competenze Dipartimento di Filosofia e Scienze dell Educazione - Università di Torino Progetto di ricerca A scuola di competenze 2013-2014 2014-2015 Obiettivi 1. Rispondere ai bisogni di formazione dei docenti in

Dettagli

ATTUAZIONE. C.M. n. 22 del 26/08/2013 MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO INDICAZIONI NAZIONALI 2012 ACCORDO DI RETE. Nuovi Orizzonti

ATTUAZIONE. C.M. n. 22 del 26/08/2013 MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO INDICAZIONI NAZIONALI 2012 ACCORDO DI RETE. Nuovi Orizzonti ATTUAZIONE C.M. n. 22 del 26/08/2013 MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO INDICAZIONI NAZIONALI 2012 ACCORDO DI RETE Nuovi Orizzonti Anni Scolastici 2013,2014,2015 ACCORDO DI RETE NUOVI ORIZZONTI PREMESSA Visto l

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITA RELATIVE AL PROGETTO GLI STRUMENTI DELLA LEGALITA DEI CENTRI DI PROMOZIONE DELLA LEGALITA (CPL)

ACCORDO QUADRO PER LA REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITA RELATIVE AL PROGETTO GLI STRUMENTI DELLA LEGALITA DEI CENTRI DI PROMOZIONE DELLA LEGALITA (CPL) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio V A.T. Como - Settore regionale Ordinamenti e Politiche per gli Studenti Via Pola, 11 20124

Dettagli

Gli strumenti Unioncamere per l Orientamento. Licia Cianfriglia Vicepresidente ANP

Gli strumenti Unioncamere per l Orientamento. Licia Cianfriglia Vicepresidente ANP Gli strumenti Unioncamere per l Orientamento il sistema informativo Excelsior e il portale Filo Licia Cianfriglia Vicepresidente ANP Introduzione al secondo webinar per dirigenti e docenti a cura di Anp,

Dettagli

CALENDARIO DELLE AZIONI

CALENDARIO DELLE AZIONI CALENDARIO DELLE AZIONI AZIONE TIPOLOGIA CONTENUTI AVVIO Azione 1 Azione 2 Azione 3 Laboratorio territoriale: ricerca delle condizioni di efficacia Formazione formatori e operatori Sperimentazione dei

Dettagli

Progetto

Progetto Progetto Scuola@Appennino Azione regionale per la valorizzazione, il consolidamento e lo sviluppo qualitativo delle scuole di montagna dell Emilia-Romagna Informativa alla V Commissione Assembleare 11

Dettagli

Assessorato Istruzione e Formazione Professionale ALLEGATO A

Assessorato Istruzione e Formazione Professionale ALLEGATO A Assessorato Istruzione e Formazione Professionale ALLEGATO A Sperimentazione e validazione di modelli di innovazione didattica, metodologica ed organizzativa per l accompagnamento al successo formativo

Dettagli

Sintesi delle Linee Guida per l Alternanza Scuola-Lavoro. Il potenziamento dell alternanza scuola-lavoro segue tre direttrici principali:

Sintesi delle Linee Guida per l Alternanza Scuola-Lavoro. Il potenziamento dell alternanza scuola-lavoro segue tre direttrici principali: Sintesi delle Linee Guida per l Alternanza Scuola-Lavoro Il potenziamento dell alternanza scuola-lavoro segue tre direttrici principali: Lo sviluppo dell orientamento per studenti dell ultimo anno (anche

Dettagli

I Prossimi passi. Coordinatore dello Staff: Prof. Roberto Martini

I Prossimi passi. Coordinatore dello Staff: Prof. Roberto Martini I Prossimi passi Coordinatore dello Staff: Prof. Roberto Martini Si è costituito lo Staff Regionale di Supporto presso l USR Toscana che ha: elaborato un vademecum «Note sul Piano di formazione del personale»

Dettagli

Proposta di Patto Provinciale per la prevenzione e il contrasto alla dispersione scolastica e formativa. Bozza di lavoro 1

Proposta di Patto Provinciale per la prevenzione e il contrasto alla dispersione scolastica e formativa. Bozza di lavoro 1 Proposta di Patto Provinciale per la prevenzione e il contrasto alla dispersione scolastica e formativa 1 Bozza di lavoro 1 Considerati la Legge del 27 dicembre 2006 n. 296 articolo 1, comma 622, che prevede

Dettagli

Sintesi delle Linee guida per l alternanza scuola-lavoro

Sintesi delle Linee guida per l alternanza scuola-lavoro Sintesi delle Linee guida per l alternanza scuola-lavoro a cura di Francesco Celentano Francesco Celentano 1 Le tre direttrici del potenziamento dell alternanza scuola-lavoro Lo sviluppo dell orientamento

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MIUR

Dettagli

LICEO ARTISTICO ENRICO GALVANI CORDENONS (PN) CRITERI VALUTAZIONE DEL MERITO_L.107/2015

LICEO ARTISTICO ENRICO GALVANI CORDENONS (PN) CRITERI VALUTAZIONE DEL MERITO_L.107/2015 LICEO ARTISTICO ENRICO GALVANI CORDENONS (PN) CRITERI VALUTAZIONE DEL MERITO_L. A. Qualità dell insegnamento e contributo al miglioramento dell istituzione scolastica, nonché del successo formativo e scolastico

Dettagli

Titolo del progetto. IL LABORATORIO DEL SAPERE SCIENTIFICO Proposte per l innovazione della didattica della fisica a Trieste

Titolo del progetto. IL LABORATORIO DEL SAPERE SCIENTIFICO Proposte per l innovazione della didattica della fisica a Trieste 1 Titolo del progetto IL LABORATORIO DEL SAPERE SCIENTIFICO Proposte per l innovazione della didattica della fisica a Trieste 2 Ente promotori e Coordinatori Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei Trieste

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DEL BONUS PER IL MERITO I. C. Noceto (PR)

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DEL BONUS PER IL MERITO I. C. Noceto (PR) CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DEL BONUS PER IL MERITO I. C. Noceto (PR) Comma 129 della Legge n. 170/2015 La legge 107/2015 stabilisce che il Comitato di valutazione elabora i criteri per la valorizzazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MIUR. L Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (nel seguito denominata AIIG, rappresentata dal Presidente

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MIUR. L Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (nel seguito denominata AIIG, rappresentata dal Presidente PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MIUR E L Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (nel seguito denominata AIIG, rappresentata dal Presidente Ministero dell Istruzione,dell Università e della Ricerca Dipartimento

Dettagli

Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della provincia di Salerno. Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della provincia di Salerno

Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della provincia di Salerno. Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della provincia di Salerno Università degli Studi di Salerno PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UNA RETE DI SCOPO DENOMINATA WORK IN PROGRESS FINALIZZATA A PROMUOVERE E SOSTENERE AZIONI PER L ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tra

Dettagli

L impegno della Regione nelle politiche su educazione ed istruzione

L impegno della Regione nelle politiche su educazione ed istruzione Regione Toscana Settore istruzione Istruzione e educazione Convegno L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola. L impegno della

Dettagli

Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell Autonomia Scolastica ex- IRRE EMILIA ROMAGNA PROGRAMMA 2010

Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell Autonomia Scolastica ex- IRRE EMILIA ROMAGNA PROGRAMMA 2010 CHI SIAMO L ex-irre-er, ora nucleo territoriale per l Emilia Romagna dell Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell Autonomia Scolastica, è parte integrante del complesso sistema scuola MIUR-Ufficio Scolastico

Dettagli

Descrittori sotto ambito a1

Descrittori sotto ambito a1 ALLEGATO 1 Ambiti di Legge e sotto ambiti (Legge 107/15) Indicatori Descrittori Descrittori sotto ambito a1 volti ad evidenziare la qualità dell insegnamento ambito a) l. 107/15: qualità dell insegnamento

Dettagli

Il Dirigente Scolastico

Il Dirigente Scolastico Prot. n. 3587 Oggetto : DELIBERA COMITATO DI VALUTAZIONE. Il Dirigente Scolastico Vista la Legge 107/15 art. 1 comma 126,127.128.129; Viste le determinazioni assunte dal Collegio dei docenti in data 08/02/2016;

Dettagli

AZIONI DI ACCOMPAGNAMENTO AL RIORDINO DEI LICEI Allegato n.1 SCHEDA PER LE AZIONI DI INFORMAZIONE/FORMAZIONE I nuovi ordinamenti dei Licei, in vigore a partire dalle prime classi funzionanti nell anno

Dettagli

AUTONOMIA SCOLASTICA. Dal D.Lgs 275del 1999 alla L.107del 2015

AUTONOMIA SCOLASTICA. Dal D.Lgs 275del 1999 alla L.107del 2015 AUTONOMIA SCOLASTICA Dal D.Lgs 275del 1999 alla L.107del 2015 IL MODELLO DI STATO E L AUTONOMIA SCOLASTICA L AUTONOMIA ALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E STATA CONFERITA TRAMITE LART. 21 DELLA LEGGE 59/97

Dettagli

RAGAZZI STRANIERI A SCUOLA

RAGAZZI STRANIERI A SCUOLA PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Programmazione Sociale RAGAZZI STRANIERI A SCUOLA tavolo provinciale di coordinamento e azioni di supporto nell area dell integrazione socio-culturale e dell intercultura

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE ANIMATORE DIGITALE INS. RITA FERRETTI TRIENNIO 2016-2019

PIANO TRIENNALE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE ANIMATORE DIGITALE INS. RITA FERRETTI TRIENNIO 2016-2019 PIANO TRIENNALE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE ANIMATORE DIGITALE INS. RITA FERRETTI TRIENNIO 2016-2019 PREMESSA Il nostro istituto al fine di sviluppare e di migliorare le competenze

Dettagli

MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA E RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA Osservatorio Regionale Dispersione Scolastica

MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA E RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA Osservatorio Regionale Dispersione Scolastica MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA E RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA Osservatorio Regionale Dispersione Scolastica Piano regionale INNALZAMENTO COMPETENZE DI BASE SCUOLE PRIMARIE «POTENZIAMENTO»

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO CENTRO DI SERVIZI PER LA DISABILITA UNIVERSITA DEGLI STUDI CATANIA

PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO CENTRO DI SERVIZI PER LA DISABILITA UNIVERSITA DEGLI STUDI CATANIA PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO CENTRO DI SERVIZI PER LA DISABILITA UNIVERSITA DEGLI STUDI AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE n 3 UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER

Dettagli

Il CLIL nei licei linguistici. Le norme transitorie. Letizia Cinganotto

Il CLIL nei licei linguistici. Le norme transitorie. Letizia Cinganotto Il CLIL nei licei linguistici Le norme transitorie Letizia Cinganotto Direzione Generale per gli Ordinamenti scolastici e per l Autonomia scolastica MIUR Genova, 4 ottobre 2013 CLIL La linea della D.G.

Dettagli

IL COMITATO DI VALUTAZIONE. il DLgs , n. 297, art. 11 così come novellato dalla legge 107/15, ed in particolare il comma 3;

IL COMITATO DI VALUTAZIONE. il DLgs , n. 297, art. 11 così come novellato dalla legge 107/15, ed in particolare il comma 3; MINISTERO dell'istruzione,universita' e RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ELLERA VITERBO Piazza Gustavo VI Adolfo n. 000 Viterbo Tel. 076/34309 vtic834005@istruzione.it

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLE ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE ED ATA

PIANO TRIENNALE DELLE ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE ED ATA PIANO TRIENNALE DELLE ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE ED ATA ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE VIA COPERNICO Codice Meccanografico: RMIS071006 sede: Via Copernico,

Dettagli

Istituto Comprensivo San Giacomo - La Mucone" San Giacomo d Acri (CS) Tel e Fax

Istituto Comprensivo San Giacomo - La Mucone San Giacomo d Acri (CS) Tel e Fax Istituto Comprensivo San Giacomo - La Mucone" 87040 San Giacomo d Acri (CS) Tel e Fax. 0984-952025 SITO WEB: www.ic-acrisangiacomo.it email CSIC88400A@ISTRUZIONE.IT Codice Scuola CSIC88400A- C.F. 98094150780

Dettagli

SCHEDA DI PIANIFICAZIONE

SCHEDA DI PIANIFICAZIONE MODELLO PIANIFICAZIONE ATTIVITÀ a. s. 2016 / 2017 REFERENTE SCHEDA DI PIANIFICAZIONE FINALITÀ Miglioramento della qualità dell offerta formativa e degli apprendimenti OBIETTIVI CONTENUTI / ATTIVITÁ 1.

Dettagli

Sondrio 24 settembre 2008 Pavia 25 settembre 2008 Milano 1 ottobre 2008

Sondrio 24 settembre 2008 Pavia 25 settembre 2008 Milano 1 ottobre 2008 un progetto di SCUOLA 21 Educazione sostenibile nella scuola del 21 secolo Sondrio 24 settembre 2008 Pavia 25 settembre 2008 Milano 1 ottobre 2008 Valeria Garibaldi - Area Ambiente 1 1. La strategia della

Dettagli

PIANO TRIENNALE. PER L ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE ANIMATORE DIGITALE Prof. Carmine Antonio Muraca TRIENNIO

PIANO TRIENNALE. PER L ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE ANIMATORE DIGITALE Prof. Carmine Antonio Muraca TRIENNIO ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA PRIMO GRADO Via G. Leopardi - Tel. 096881006 Fax 0968818921 - E-mail: czic813004@istruzione.it Sito web: www.icserrastretta.it tcodice Meccanografico:CZIC813004

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Finalità generali: realizzare una scuola aperta, quale laboratorio permanente di ricerca, sperimentazione e innovazione didattica, di partecipazione e di educazione alla cittadinanza

Dettagli

Estensione del programma regionale LST Lombardia

Estensione del programma regionale LST Lombardia Estensione del programma regionale LST Lombardia 22 febbraio 2015 RETE DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE SPS e la Carta d Iseo Le scuole si impegnano a: Assumere la titolarità del governo di determinanti

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE ESPERIENZE PROFESSIONALI. Docente

DICHIARAZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE ESPERIENZE PROFESSIONALI. Docente DICHIARAZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE ESPERIENZE PROFESSIONALI Docente DICHIARAZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE ESPERIENZE PROFESSIONALI Aree di riferimento Criteri individuati dal Comitato di valutazione

Dettagli

MONITORAGGIO SU PROGETTO PILOTA

MONITORAGGIO SU PROGETTO PILOTA MONITORAGGIO SU PROGETTO PILOTA Progetto DSA: creare una buona scuola per un apprendimento facilitato degli allievi DSA Prof. Antonio Augenti, Dott.ssa Maria A. Geraci Dott.ssa M. Filomena Casale PREMESSA

Dettagli

In riferimento alle suddette Aree si propongono i seguenti obiettivi di processo:

In riferimento alle suddette Aree si propongono i seguenti obiettivi di processo: ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO "GIULIO TIFONI" 54027 PONTREMOLI - Via Roma,58 - tel.0187/830205 e fax 0187/461083 E-MAIL: msic814005@istruzione.it - cod.fiscale

Dettagli

DI SCOLARIZZAZIONE E CURRICOLO PLURILINGUE ED INTERCULTURALE- LSCPI

DI SCOLARIZZAZIONE E CURRICOLO PLURILINGUE ED INTERCULTURALE- LSCPI ACCORDO INTEGRATO DI RETE tra le istituzioni scolastiche della regione Marche per la realizzazione del progetto ministeriale sperimentale di ricerca azione su LINGUE DI SCOLARIZZAZIONE E CURRICOLO PLURILINGUE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA REGIONE LOMBARDIA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

PROTOCOLLO D INTESA FRA REGIONE LOMBARDIA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI PROTOCOLLO D INTESA FRA REGIONE LOMBARDIA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI PER LA SPERIMENTAZIONE DI NUOVI MODELLI NEL SISTEMA DI

Dettagli

Linee guida nazionali per l orientamento permanente

Linee guida nazionali per l orientamento permanente Linee guida nazionali per l orientamento permanente L orientamento è un insieme di attività che mette in grado i cittadini di ogni età,, in qualsiasi momento della loro vita di identificare le proprie

Dettagli

I^ SCUOLA ESTIVA DI BENI CULTURALI TERRITORIO

I^ SCUOLA ESTIVA DI BENI CULTURALI TERRITORIO I^ SCUOLA ESTIVA DI BENI CULTURALI TERRITORIO 16 20 Luglio 2007 ( Maddaloni ) Nell ambito delle azioni previste in attuazione dei Protocolli d intesa stipulati il 23 novembre 2006 e il 13 marzo 2007 rispettivamente,

Dettagli

EMANA. Ai sensi dell art. 3 del DPR 275/99 così come sostituito dall art. 1 comma 14 della legge 107/2015, il seguente.

EMANA. Ai sensi dell art. 3 del DPR 275/99 così come sostituito dall art. 1 comma 14 della legge 107/2015, il seguente. Prot. N.3348/3pi Ai docenti OGGETTO: atto d indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione del Piano Triennale dell Offerta Formativa ex art. 1 comma 14, legge 107/2015. IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Programmazione Fondi Strutturali Europei 2007/2013 LE VALUTAZIONI DEI PROGRAMMI OPERATIVI PER L ISTRUZIONE 2007/2013

Programmazione Fondi Strutturali Europei 2007/2013 LE VALUTAZIONI DEI PROGRAMMI OPERATIVI PER L ISTRUZIONE 2007/2013 Programmazione Fondi Strutturali Europei 2007/2013 LE VALUTAZIONI DEI PROGRAMMI OPERATIVI PER L ISTRUZIONE 2007/2013 N. STATO TITOLO OGGETTO 1 Conclusa 2 Conclusa 4 Conclusa 5 Conclusa Fase 1 Pilota -

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore al Lavoro e Formazione

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore al Lavoro e Formazione Oggetto: Attuazione della D.G.R. n. 364 del 8/8/2011 percorsi di durata inferiore al triennio realizzati nei Centri di Formazione Professionale rivolti all acquisizione di una qualifica professionale da

Dettagli

I^ SCUOLA ESTIVA DI BENI CULTURALI TERRITORIO

I^ SCUOLA ESTIVA DI BENI CULTURALI TERRITORIO I^ SCUOLA ESTIVA DI BENI CULTURALI TERRITORIO 16 20 Luglio 2007 ( Maddaloni ) Nell ambito delle azioni previste in attuazione dei Protocolli d intesa stipulati il 23 novembre 2006 e il 13 marzo 2007 rispettivamente,

Dettagli

ALLEGATO 1. Descrittori

ALLEGATO 1. Descrittori A1) Qualità dell'insegnamento Conseguimento di competenze professionali certificate e attestati di formazione con ricaduta sull attività professionale (rif. anno in corso) Capacità di progettazione Capacità

Dettagli

Facciamo il punto dei lavori

Facciamo il punto dei lavori dei lavori A cura di Rosalia Monaco Indice delle diapositive: 1. ATTIVITA SVOLTE aa. ss. 2007/2008 e 2008-09 3-12 2. ORGANIZZAZIONE O.Pe.R.Leg C&C e USR UMBRIA 13-19 3. SISTEMA FORMATIVO..20-24 4. COINVOLGIMENTO

Dettagli

Il ruolo dei CPIA per l apprendimento permanente. Firenze 24 novembre 2015

Il ruolo dei CPIA per l apprendimento permanente. Firenze 24 novembre 2015 Il ruolo dei CPIA per l apprendimento permanente Firenze 24 novembre 2015 Principali norme di riferimento Legge 92/12 (art. 4, commi 51-68); Accordo in CU del 10/7/14 (1.2,1.3,1.4 e 2.2) DI 12 marzo 2015

Dettagli

Una questione complicata

Una questione complicata Una questione complicata mettere in ordine Documenti MIUR MIUR.AOODPIT.REGISTRO UFFICIALE(U).0000035.07-01-2016 OGGETTO: Indicazioni e orientamenti per la definizione del piano triennale per la formazione

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ FORMATIVA LE COMPETENZE IN ITALIANO, MATEMATCA, INGLESE:

FORMAT DELL UNITÀ FORMATIVA LE COMPETENZE IN ITALIANO, MATEMATCA, INGLESE: FORMAT DELL UNITÀ FORMATIVA LE COMPETENZE IN ITALIANO, MATEMATCA, INGLESE: CONFRONTO TRA LE COMPETENZE IN USCITA DALLA SCUOLA MEDIA E LE COMPETENZE RICHIESTE DAI LICEI E DAGLI ISTITUTI TECNICI 5/7 istituti

Dettagli

tra la Regione Toscana e l Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Deliberazione GR 996 del 10 novembre 2014

tra la Regione Toscana e l Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Deliberazione GR 996 del 10 novembre 2014 ADOZIONE SCUOLA Percorso per l attuazione l del Protocollo d Intesa d tra la Regione Toscana e l Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Deliberazione GR 996 del 10 novembre 2014 LE FINALITA Promuovere

Dettagli

Piano triennale per l attuazione del piano nazionale scuola digitale

Piano triennale per l attuazione del piano nazionale scuola digitale Piano triennale per l attuazione del piano nazionale scuola digitale Animatore digitale d istituto triennio 2016-2019 docente Scafuto Teresa Premessa Il nostro istituto al fine di sviluppare e di migliorare

Dettagli

UNITARIETA DELLA SCUOLA DI BASE E CURRICOLO VERTICALE. Isp. Luciano Rondanini

UNITARIETA DELLA SCUOLA DI BASE E CURRICOLO VERTICALE. Isp. Luciano Rondanini UNITARIETA DELLA SCUOLA DI BASE E CURRICOLO VERTICALE Isp. Luciano Rondanini STRUTTURA DELLE INDICAZIONI NAZIONALI CULTURA SCUOLA PERSONA La scuola nel nuovo scenario- Centralità della persona- Per una

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO A.S. 2017/18

PIANO DI MIGLIORAMENTO A.S. 2017/18 ISTITUTO COMPRENSIVO MATTIA DE MARE DI SAN CIPRIANO D AVERSA Via Schipa, 1 - Tel 081. 892.2216 - Fax 081 816776 - Codice meccanografico CEIC899001 Codice Fiscale 900550618 e-mail: ceic899001@istruzione.it

Dettagli

Sintesi del report in schede D I C E M B R E

Sintesi del report in schede D I C E M B R E Sintesi del report in schede C I T T A D I N I S I D I V E N T A R E T E D E L L E S C U O L E M E D I E D I M O D E N A D I C E M B R E 2 0 1 1 La storia del progetto Il progetto Cittadini si diventa

Dettagli

Prof.ssa Cardinale Leonarda ORIENTAMENTO FUNZIONE STRUMENTALE n. 4 ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO ATTRIBUZIONI DELLE FUNZIONI

Prof.ssa Cardinale Leonarda ORIENTAMENTO FUNZIONE STRUMENTALE n. 4 ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO ATTRIBUZIONI DELLE FUNZIONI FUNZIONI STRUMENTALI 2016-2017 FUNZIONE SPECIFICA DOCENTE FUNZIONE STRUMENTALE n. 1 GESTIONE POF Prof.ssa Graziano Gabriella FUNZIONE STRUMENTALE n. 2 MONITORAGGIO, POF-MANUALE QUALITA Prof. La Carità

Dettagli

Progetto per il sostegno dell educazione fisica e sportiva nella scuola primaria 28/11/2014

Progetto per il sostegno dell educazione fisica e sportiva nella scuola primaria 28/11/2014 Progetto per il sostegno dell educazione fisica e sportiva nella scuola primaria 28/11/2014 1 Premessa Partendo dall analisi dell esperienza fatta con 5 edizioni del progetto di Alfabetizzazione Motoria

Dettagli

La Qualità è a scuola

La Qualità è a scuola Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA Direzione Generale Via Ponte della Maddalena 55-80142 Napoli Segreteria Direttore Generale - 0815576624-356

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Composizione del nucleo interno d valutazione PIANO DI MIGLIORAMENTO Ornella Sipala Angela Scuderi Carmela Perna Sebastiana La Mastra Michela Casciana Nome Ruolo Dirigente Scolastico Docente Scuola Secondaria

Dettagli

Piano per la formazione dei docenti Schede di lettura Le priorità nazionali: i destinatari

Piano per la formazione dei docenti Schede di lettura Le priorità nazionali: i destinatari AUTONOMIA ORGANIZZATIVA E DIDATTICA Referenti di istituto, funzioni strumentali e figure di Progettazione nell ambito dell autonomia, flessibilità organizzativa, leadership educativa, governance territoriale

Dettagli

XIV ISTITUTO COMPRENSIVO K. WOJTYLA Via Tucidide, 5 SIRACUSA CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE EDUCAZIONE DEGLI ADULTI

XIV ISTITUTO COMPRENSIVO K. WOJTYLA Via Tucidide, 5 SIRACUSA CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE EDUCAZIONE DEGLI ADULTI XIV ISTITUTO COMPRENSIVO K. WOJTYLA Via Tucidide, 5 SIRACUSA Tel- Fax 0931-38083 www.14comprensivosr.it sric81100x@istruzione.it CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE EDUCAZIONE DEGLI ADULTI Progetto assistito

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI LECCO AZIONI DI SUPPORTO

UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI LECCO AZIONI DI SUPPORTO AZIONI DI SUPPORTO per l INTEGRAZIONE SCOLASTICA e il SUCCESSO FORMATIVO degli ALUNNI STRANIERI ELEMENTI DI RIFLESSIONE: lo scenario da 2 3 anni è estremamente cambiato l immigrazione non è più un fenomeno

Dettagli

Piano di Miglioramento per il triennio 2016/2019 (ai sensi del D.P.R. 80/2013)

Piano di Miglioramento per il triennio 2016/2019 (ai sensi del D.P.R. 80/2013) DIREZIONE DIDATTICA STATALE GIOVANNI LILLIU Via Garavetti 1, 09129 CAGLIARI - tel. 070492737 fax 070457687 caee09800r@istruzione.it www.direzionedidatticagiovannililliu.gov.it Piano di Miglioramento per

Dettagli

I progetti Erasmus+ e le strategie di sviluppo del sistema di istruzione degli adulti in Italiap

I progetti Erasmus+ e le strategie di sviluppo del sistema di istruzione degli adulti in Italiap Centro Provinciale Istruzione Adulti (C.P.I.A.) Caltanissetta/Enna C.F. 92063460858 - Codice meccanografico: CLMM04200B Sede amministrativa: Viale Regina Margherita, n. 26 93100 Caltanissetta Tel/Fax:

Dettagli

Via XVIII Aprile, 2/a 44011 ARGENTA (FE) Tel. e Fax 0532/804048

Via XVIII Aprile, 2/a 44011 ARGENTA (FE) Tel. e Fax 0532/804048 Prot. n. 2083/A.19 Argenta, 5 maggio 2016 Oggetto : Individuazione dei Criteri per la valorizzazione del merito del personale docente di ruolo ai fini dell assegnazione del bonus (legge n. 107/15 commi

Dettagli

VISTA la legge , n. 107, art. 1 commi ;

VISTA la legge , n. 107, art. 1 commi ; MINISTERO dell'istruzione,universita' e RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ELLERA VITERBO Piazza Gustavo VI Adolfo n. 000 Viterbo Tel. 076/34309 vtic834005@istruzione.it

Dettagli

VALORIZZAZIONE DEL MERITO CRITERI DI ACCESSO AL FONDO (bozza di verbale)

VALORIZZAZIONE DEL MERITO CRITERI DI ACCESSO AL FONDO (bozza di verbale) VALORIZZAZIONE DEL MERITO CRITERI DI ACCESSO AL FONDO (bozza di verbale) Premesso che: - Il comma 6 della Legge dispone che per la valorizzazione del merito è istituito... un apposito fondo. Il successivo

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI ATTUAZIONE DEL PNSD PER IL PTOF

PIANO TRIENNALE DI ATTUAZIONE DEL PNSD PER IL PTOF PIANO TRIENNALE DI ATTUAZIONE DEL PNSD PER IL PTOF Premessa Il Piano Nazionale per la Scuola Digitale (PNSD) è un documento pensato per guidare le scuole in un percorso di innovazione e digitalizzazione,

Dettagli

CRITERI BONUS - Art.1, comma 129, punto 3, lett.a), b) e c).

CRITERI BONUS - Art.1, comma 129, punto 3, lett.a), b) e c). CRITERI BONUS - Art.1, comma 129, punto 3, lett.a), b) e c). Il comitato individua i criteri per la valorizzazione dei docenti sulla base: A) AREA DIDATTICA della qualità dell'insegnamento e del contributo

Dettagli

C. D. A. De Gasperi - Palermo A.S

C. D. A. De Gasperi - Palermo A.S Piazza Papa Giovanni Paolo II, 906 Palermo Tel 09 599 Fax 09 67099 E-mail: paee000@istruzione.it C. D. A. De Gasperi - Palermo A.S. 05-06 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA VALUTAZIONE DEI DOCENTI: -Assenza di

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO e Classico G. Asproni LICEO ARTISTICO R. Branca

LICEO SCIENTIFICO e Classico G. Asproni LICEO ARTISTICO R. Branca LICEO SCIENTIFICO e Classico G. Asproni LICEO ARTISTICO R. Branca PIANO DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DOCENTE Premessa La comunicazione del MIUR n.2915, del 15/09/2016 sulla progettazione delle attività

Dettagli

SCHEMA DELLA RELAZIONE FINALE DI TIROCINIO

SCHEMA DELLA RELAZIONE FINALE DI TIROCINIO SCHEMA DELLA RELAZIONE FINALE DI TIROCINIO La relazione deve consistere in un elaborato originale, non limitato a una semplice esposizione delle attività svolte. Esso deve evidenziare la capacità del tirocinante

Dettagli

L autonomia delle istituzioni scolastiche

L autonomia delle istituzioni scolastiche L autonomia delle istituzioni scolastiche Possiamo dire che cfr. AA.VV., Norme per la scuola, Ed.Adierre, p.37; p.43; p.147 gli anni 70 e 80 gli anni 90 il 2003 Sono stati gli anni della collegialità.

Dettagli

PERIODO di PROVA PERSONALE DOCENTE NEO-ASSUNTO IL DIRIGENTE INFORMA

PERIODO di PROVA PERSONALE DOCENTE NEO-ASSUNTO IL DIRIGENTE INFORMA PERIODO di PROVA PERSONALE DOCENTE NEO-ASSUNTO IL DIRIGENTE INFORMA Come da CM MIUR 36167/2015, punto 3, il Dirigente scolastico informa i docenti neo-assunti tenuti all effettuazione del periodo di prova

Dettagli

Progetto di dettaglio

Progetto di dettaglio Area Politiche ed Offerte per la Formazione Iniziale e Permanente Ricerca azione per la prevenzione della dispersione scolastica e formativa Progetto di dettaglio Realizzazione di un percorso di degli

Dettagli

MODULO BONUS PREMIALE LEGGE 107/2015

MODULO BONUS PREMIALE LEGGE 107/2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO LECCO 1 LCIC82500N C.F. 92061390131 Via A. De Gasperi, 18 23900 Lecco Tel. 0341 255243 - Fax 0341 494650 e-mail: lcic82500n@istruzione.it

Dettagli

SCHEDA DOCUMENTAZIONE PER L ATTRIBUZIONE DEL BONUS PREMIALE. Il/La sottoscritto/a,docente in servizio a tempo indeterminato presso la scuola di,in

SCHEDA DOCUMENTAZIONE PER L ATTRIBUZIONE DEL BONUS PREMIALE. Il/La sottoscritto/a,docente in servizio a tempo indeterminato presso la scuola di,in . Istituto Comprensivo Statale Catanzaro V.Vivaldi Viale Crotone, 57-88100 Catanzaro Tel. 0961 31056-32470 fax 0961 391908 www.icvivaldicatanzaro.gov.it - e-mail: czic86700c@istruzione.net Cod.Mecc. CZIC86700C

Dettagli

TRIENNIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO Giovanni XXIII Monte San Biagio- Lenola (LT)

TRIENNIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO Giovanni XXIII Monte San Biagio- Lenola (LT) I Monte San Biagio- Lenola (LT) TRIENNIO 2016-19 1. Premessa L azione #28 del Piano Nazionale Scuola Digitale prevede la nomina di un docente ad animatore digitale ossia un docente che deve elaborare progetti

Dettagli

L esperienza dell Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia

L esperienza dell Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia L esperienza dell Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Varese, 29 gennaio 2011 Referente regionale Volontariato La storia 1 1998 Intese tra ex Provveditorati agli Studi e Centro Nazionale Volontariato

Dettagli

Il contributo della Regione Veneto per l'alternanza scuola lavoro

Il contributo della Regione Veneto per l'alternanza scuola lavoro Il contributo della Regione Veneto per l'alternanza scuola lavoro 26 settembre 2016 Dott. Santo Romano Direttore Area Capitale Umano e Cultura IL CONTESTO NORMATIVO Legge Moratti (L.53/2003) D.Lgs. 77/2005

Dettagli

Protocollo. tra. Ufficio Scolastico Regionale per. l Emilia-Romagna. Giunta e Assemblea legislativa della. Regione Emilia-Romagna

Protocollo. tra. Ufficio Scolastico Regionale per. l Emilia-Romagna. Giunta e Assemblea legislativa della. Regione Emilia-Romagna Protocollo tra Ufficio Scolastico Regionale per l Emilia-Romagna Giunta e Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna per la promozione dell Alternanza Scuola-Lavoro 1 L'Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

DAI PROGRAMMI ALLE INDICAZIONI

DAI PROGRAMMI ALLE INDICAZIONI DAI PROGRAMMI ALLE INDICAZIONI Riflessione sulle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione e sulle misure di accompagnamento UNO SGUARDO AL PASSATO

Dettagli

PIANO TRIENNALE SCUOLA DIGITALE

PIANO TRIENNALE SCUOLA DIGITALE 1. Premessa PIANO TRIENNALE SCUOLA DIGITALE Il MIUR, con D.M. n. 851 del 27 ottobre 2015, ha adottato il Piano Nazionale Scuola Digitale, come previsto dalla Legge 107/2015 di riforma del sistema dell

Dettagli

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Premessa Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Il Piano nazionale scuola Digitale (PNSD) (D.M. n.851 del 27/10/2015) si pone nell ottica di scuola non più unicamente trasmissiva e di scuola

Dettagli

Apprendimenti di base e cultura della valutazione

Apprendimenti di base e cultura della valutazione Apprendimenti di base e cultura della valutazione Presentazione delle linee guida dell USR per il Veneto Venerdì 2 settembre 2005 SMS Giulio Cesare - Venezia Mestre Dal cambiamento dei contesti di vita

Dettagli

REGOLAMENTO DIPARTIMENTI DISCIPLINARI ANNO SCOLASTICO IL COLLEGIO DOCENTI. Visti: l Art.5 comma 2 del DPR 275 del 8 marzo 1999

REGOLAMENTO DIPARTIMENTI DISCIPLINARI ANNO SCOLASTICO IL COLLEGIO DOCENTI. Visti: l Art.5 comma 2 del DPR 275 del 8 marzo 1999 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI CHIGNOLO PO Scuola dell'infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Via Marconi, 3 27013 Chignolo Po (PV) Tel. 0382/ 723710

Dettagli

Individuare criteri di osservazione e valutazione condivisi per le competenze chiave di cittadinanza;

Individuare criteri di osservazione e valutazione condivisi per le competenze chiave di cittadinanza; PIANO DI MIGLIORAMENTO 1) Competenze chiave e di cittadinanza Sviluppo delle competenze sociali degli alunni nel curricolo verticale di istituto. Elaborazione di strumenti condivisi di osservazione e valutazione

Dettagli

Il Tutor dei docenti neoassunti

Il Tutor dei docenti neoassunti Il Tutor dei docenti neoassunti Aspetti di contesto e...di senso Modena 05/06/2016 Claudio Bergianti Dirigente Tecnico 1 Commissione per il monitoraggio e la valutazione del Piano di formazione del personale

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. Ministero dell Istruzione, dell Universita e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. Ministero dell Istruzione, dell Universita e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D'INTESA TRA Ministero dell Istruzione, dell Universita e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) E Federazione Nazionale Stampa Italiana (di seguito denominato Federazione) Scuola e informazione:

Dettagli

INVALSI 2015 Rilevazioni Nazionali degli apprendimenti Analisi, riflessioni, formazione

INVALSI 2015 Rilevazioni Nazionali degli apprendimenti Analisi, riflessioni, formazione INVALSI 2015 Rilevazioni Nazionali degli apprendimenti Analisi, riflessioni, formazione PREMESSA Il M.I.U.R. ha fornito una anticipazione dei risultati delle prove INVALSI 2015 mediante la loro presentazione,

Dettagli

ACCORDO TRA PER PREMESSO CHE

ACCORDO TRA PER PREMESSO CHE M i n i s t e r o D e l l i s t r u z i o n e, D e l l u n i v e r s i t à E D e l l a R i c e r c a Ufficio scolastico regionale per la Sardegna Direzione Generale ACCORDO TRA l Assessorato della Pubblica

Dettagli

CONVITTO NAZIONALE V.EMANUELE II di AREZZO

CONVITTO NAZIONALE V.EMANUELE II di AREZZO POLO NAZIONALE PER L ORIENTAMENTO PERMANENTE LMC ORIENTA-MENTI Il progetto Orienta-Menti è una nuova iniziativa promossa dalla Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. VOLTA CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEI DOCENTI. (legge n. 107/2015 art. 1)

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. VOLTA CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEI DOCENTI. (legge n. 107/2015 art. 1) SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. VOLTA VIA Venezia, 75 TARANTO CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEI DOCENTI (legge n. 107/2015 art. 1) Ambiti legge 107 Abilità-Competenze Descrittori Lettera A A1)Qualità dell

Dettagli

SCHEDA DI RILEVAZIONE DATI

SCHEDA DI RILEVAZIONE DATI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca - MIUR I.I.S.S. LICEO G. G. ADRIA - G. P. BALLATORE Via A. Oriani, 7 91026 Mazara del Vallo (TP) TEL. 0923-934095 FAX 0923-670879 C.F. 91030860810

Dettagli

Catalogo regionale dell offerta orientativa in Friuli Venezia Giulia

Catalogo regionale dell offerta orientativa in Friuli Venezia Giulia Catalogo regionale dell offerta orientativa in Friuli Venezia Giulia Valorizzare e disseminare esperienze di qualità per promuovere il benessere a scuola e supportare la transizione tra i sistemi Francesca

Dettagli

La Formazione in ingresso dei docenti

La Formazione in ingresso dei docenti La Formazione in ingresso dei docenti Bergamo, 17 novembre 2015 Delia Campanelli Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale 1 Il contesto attuale Complessità crescente e rapidità di cambiamento

Dettagli

La didattica per competenze. Seconda fase. Costruire, proporre e valutare l Unità di Apprendimento

La didattica per competenze. Seconda fase. Costruire, proporre e valutare l Unità di Apprendimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale La didattica per competenze. Seconda fase. Costruire, proporre

Dettagli