Progettazione e realizzazione di siti web per dispositivi mobili. Andrea Crevola

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progettazione e realizzazione di siti web per dispositivi mobili. Andrea Crevola andrea.crevola@3juice.com"

Transcript

1 Progettazione e realizzazione di siti web per dispositivi mobili Andrea Crevola

2 Sommario Introduzione alle tematiche del laboratorio Lo scenario tecnologico Il modello di fruizione Le Mobile Web Best Practices (MWBP)

3 Mobile web È comune pensare al web come a un medium fruito attraverso un personal computer. L innovazione digitale sta conducendo tuttavia a una sempre minor identificazione del contenuto con il contenitore. Il numero di dispositivi di accesso al web è sempre maggiore e differenziato: telefoni cellulari, PDA, sistemi di gioco portatile e non, TV media center). Questa varietà è destinata a crescere e a portare con sé ulteriori elementi di innovazione. Accanto a una conoscenza delle caratteristiche tecniche dello scenario attuale è importante acquisire un metodo e un approccio alla progettazione orientato agli utenti e alle loro esigenze.

4 Ubiquitous computing Il mobile web si inserisce in una prospettiva teorica più ampia denominata ubiquitous computing (Mark Weiser). Il personal computer dovrebbe mantenere un ruolo specializzato nelle operazioni di programmazione e di pubblicazione delle informazioni, ma la fruizione di contenuti e servizi può essere mediato da altri dispositivi. I dispositivi mobili si allineano a questo paradigma portando l informazione nella realtà, laddove gli utilizzatori ne hanno realmente bisogno. Il web ha, in questa prospettiva, un ruolo chiave: per definizione è un sistema aperto e multipiattaforma, vettore ideale di contenuti che non desiderano essere limitati a un unica piattaforma di consultazione. Per maggiori informazioni, si può partire da:

5 Mobile e Web 2.0 Gli ultimi anni sono stati contraddistinti dal concetto di web 2.0: un web più interattivo, più partecipativo e maturo. Le sue caratteristiche sono state descritte in un articolo dell editore Tim O Reilly: Il web diventa una piattaforma su cui gli utenti possono condividere e diffondere informazioni con sempre minore difficoltà e limitazioni. I dispositivi mobili sono una finestra di accesso a dati e servizi che un tempo erano relegati ad ambienti di fruizione ben precisi e confinati. Le attuali tecnologie web consentono di garantire esperienze di fruizione personalizzate in funzione del dispositivo di accesso, a dispetto delle attuali limitazioni hardware e software;

6 I dispositivi PDA Smartphones Tablet PC Sistemi di gioco (portatile)

7 I dispositivi: caratteristiche comuni Possibilità di essere a conoscenza della posizione geografica del dispositivo. Connettività di rete (wireless e/o a collegamento fisico). Limitate capacità di calcolo e di memoria (rispetto ad un PC desktop). Alimentazione a batteria con possibili criticità sui tempi di autonomia. Numerose varianti in termini di piattaforme, componenti hardware e sofware, interfacce-utente (anche all interno di una stessa classe di dispositivo).

8 Input e output Alcune risoluzioni frequenti: 160 x 160 (smartphone) 240 x x x x x x x x 1050 (tablet PC) Modalità di input Tastiere alfanumeriche Tastiere QWERTY Frecce direzionali Joystick Touch screen Stili ( pennini )

9 Software Sistemi operativi Windows Mobile Palm OS Symbian Linux Apple Mac OS X (IPhone) Browser Openwave Mobile Browser Nokia browser Opera Mobile Browser Pocket IE NetFront Browser Web browser 3.0 (Palm) Safari (IPhone)

10 Connettività GPRS (General Packet Radio Service): 57.6 Kbit/s in download e di 14.4 Kbit/s in upload. UMTS (Universal Mobile Telecommunications System): 384Kbit/s per la trasmissione di dati in download, paragonabile a una ADSL. IEEE (Wi-Fi): velocità fino a 54Mbit/s IEEE (Wi-Max); Attenzione: tariffe a tempo Vs tariffe a dati

11 Il modello di fruizione Uno scenario innovativo può far porre la concentrazione soprattutto sulla dimensione tecnica che, per molti motivi, tende ad accentrare su di sé l attenzione. La conoscenza del piano tecnico è fondamentale ma presuppone una consapevolezza relativa a come e perché gli utenti accedono al web con i dispositivi mobili.

12 Caratteristiche dell accesso all informazione Ravvicinato: la distanza dal display è pochi centimetri anziché di alcune decine o interi metri. Individuale, mentre di fronte a uno schermo di PC o a una TV possono sedere anche più persone, tutte coinvolte nell esperienza di fruizione. Seriale: solo pochi browser per device mobili permettono di aprire più di una finestra di navigazione alla volta; nel caso, l apertura di altri programmi, come l agenda, causano un radicale spostamento del focus. Outdoor: i dispositivi mobili consentono un uso non relegato tra le mura di casa o dell ufficio, quindi anche in contesti rumorosi e contraddistinti da un illuminazione naturale (quindi ridotta o eccessiva). Immersa e condizionata dal contesto: molto spesso il mobile web viene sfruttato per accedere ad informazioni utili per portare a termine azioni della propria vita quotidiana, come organizzare spostamenti, consultare elenchi e directory di risorse ecc.

13 Scopi / Motivazioni Il comportamento di ricerca più frequente è probabilmente la ricerca di oggetti conosciuti : l utente accede al mobile web per recuperare un informazione o di eseguire un azione che già riesce a definire con precisione e si aspetta di individuare rapidamente le modalità per portare a termine la sua esigenza. Solitamente, la ricerca di informazione è legata a necessità legate al contesto fisico in cui l utente e il suo dispositivo si trovano: per esempio, la ricerca di un orario ferroviario, di informazioni su un evento, del prezzo di un prodotto da acquistare. Per questo i molti siti per dispositivi mobili consistono soprattutto directory di link, mini-portali, siti di reference ecc: si privilegia la rapidità di conclusione del task rispetto alla navigazione esplorativa (e senza meta). Altro caso d uso frequente è la ricerca di un aggiornamento informativo rispetto ad azioni precedentemente avviate o argomenti di interesse: per esempio la ricerca di un risultato di un evento sportivo. Simili comportamenti sono anche funzione delle condizioni di fruizione, dalle limitazioni ergonomiche, dalle logiche di tariffazione.

14 Anatomia di un sito mobile Un sito web (sia tradizionale sia nato per il mobile web) è infatti composto da due dimensioni fondamentali: codice e design: Il primo livello, se sviluppato con le dovute attenzioni, può adattarsi senza difficoltà allo strumento di consultazione mobile: alle sue capacità di visualizzazione, alle dimensioni dello schermo così come alle modalità di inserimento di input. Il secondo, invece, riguarda la gestione dei contenuti, l organizzazione dell informazione e la strutturazione delle unità informative (pagine), dell usabilità del sistema e più in generale la dimensione comunicativa del sito.

15 Strategie di progettazione Due alternative: Sito derivato: un unica realizzazione del sito web e adattamento della versione per PC l utente consulta le medesime pagine (al medesimo indirizzo web) sia che vi acceda tramite un PC desktop sia che stia utilizzando un cellulare o un palmare. Pur non avendo la medesima impaginazione, l informazione e le funzionalità presenti saranno ugualmente disponibili; Sito dedicato: realizzazione della versione di un sito appositamente pensata per il mondo mobile, anche in assenza di una corrisponente versione per compter desktop il sito web ha un identità propria: partendo da un insieme di materiali già esistenti ma da riorganizzare e revisionare mediante un processo di analisi e progettazione vero e proprio, significa riflettere attentamente sulle esigenze degli utenti, sulle ragioni che li potrebbero spingere ad accedere all informazione mediante i loro telefoni cellulari e di quali contenuti essi sono alla ricerca

16 Siti mobili derivati: vantaggi Riduzione dei costi di progettazione e di realizzazione: necessario affrontare solo un attiività di ottimizzazione; Riduzione dei costi di mantenimento: un eventuale modifica ai contenuti o ad altri elementi saranno immediatamente disponibili anche per gli utenti di tutti i dispositivi; L idea di un web unico, indipendente dal dispositivo di fruizione, è del resto la posizione del W3C stesso; È decisamente più semplice mantenere un look & feel omogeneo indipendente dal dispositivo utilizzato.

17 Siti derivati: svantaggi Può essere complicato ottenere una versione mobile di buona qualità cercando di adattare un sito che è stato costruito con tecnologie obsolete o deprecate; Le tempistiche di adattamento potrebbero essere prolungate, con il rischio di dissipare i vantaggi economici precedentemente illustrati; Esiste il rischio di giungere a una visualizzazione che eccede i limiti orizzontali del display dell utente, rendendo necessario all utente un fastidioso scorrimento orizzontale per la lettura dei contenuti; Se il giudizio sul comportamento delle tecnologie web sulle piattaforme mobili è nonostante tutto positivo, altrettanto non si può affermare per quanto concerne l organizzazione dell informazione, sia a livello di pagina sia relativamente al sito nel suo complesso: si corre il rischio di fornire pagine troppo ricche di contenuti, che rallentano l accesso e che complicano l orientamento all interno del sito; Un analoga riflessione può valere anche per gli elementi di interattività come i moduli (form), che se su un piano tecnico possono continuare a funzionare, da un punto di vista più operativo possono rivelarsi molto più complessi da utilizzare, dal momento che rispetto ad un personal computer vengono a mancare mouse e tastiera; L utente che ha accesso da un dispositivo mobile potrebbe giungere in pagine che non sono ancora state ottimizzate o che presentano contenuti in formati non ben supportati da tutti i dispositivi (per esempio il PDF), con una conseguente fastidiosa interruzione dell esperienza d uso; L utente di riferimento non è sempre altrettanto facilmente derivabile.

18 Siti dedicati: vantaggi preceduto da un attenta fase di analisi e nasce a seguito di una progettazione centrata sugli utenti, esistono buone probabilità che si pubblichino contenuti e servizi di valore per i propri utenti; se si parte da un sito già esistente, la selezione dei contenuti più adatti alla fruizione mobile evita di sovraccaricare l interfaccia con informazione non pertinente, sovrabbondante e spesso indesiderata; parimenti, è possibile superare rapidamente le criticità presenti sul sito per PC ed evitare di riproporre anche sul canale mobile le medesime imperfezioni (per esempio un codice HTML non standard o l uso di formati proprietari); si può proporre un architettura dell informazione ottimizzata e contenuti pensati specificatamente per una consultazione nomade, così come si può costruire il sito attorno ad un interfaccia-utente che sia capace di semplificare l interazione a chi dispone di sistemi di puntamento e di immissione del testo meno efficienti di mouse e tastiera; si può ottenere un sito più semplice e leggero, rapido da scaricare e da consultare;

19 Siti dedicati: svantaggi trattandosi di un prodotto che possiede una sua autonomia, sono spesso necessari costi di progettazione e di sviluppo extra; se il sito viene pubblicato contemporaneamente su più canali (desktop e dispositivi mobili) si può incorrere difficoltà a mantenere aggiornate e consistenti le varie versioni: un problema significativo sia per i contenuti che in particolar modo per le funzionalità più interattive. la grande variabilità dei dispositivi finali rende difficile la produzione di un interfaccia-utente davvero universale, ossia capace di accontentare i requisiti di tutti i browser e le capacità dei vari devices; se ci si orienta anche verso la redazione di contenuti pensati appositamente per l utenza mobile, si deve essere pronti a vedere quasi raddoppiare il lavoro (e i costi) relativi al content management: dalla redazione dei testi al montaggio audio-video dei contenuti multimediali.

20 Adattamento I lati negativi di entrambi gli approcci possono ricevere un contributo cruciale dalle tecniche di adattamento. Contenuti e servizi sono modellati in funzione del dispositivo e del contesto di fruizione finale. Tanto più tale processo è trasparente e tanto meno l utente deve spendere energie per raggiungere contenuti e servizi adatti al suo dispositivo. A tal fine, è necessario che la piattaforma tecnologica diventi più intelligente : devono essere a disposizione delle metainformazioni utili a determinare quali dovranno essere le caratteristiche dell adattamento stesso

21 Negoziazione Il primo passo per ottenere un processo di adattamento efficace consiste nel riconoscimento da parte del server delle caratteristiche tecniche del dispositivo richiedente. La negoziazione può avvenire in quattro modalità: l utente richiede esplicitamente una versione ottimizzata per un dispositivo mobile; il browser del dispositivo rappresenta in versione ottimizzata i contenuti inviati in modo identico a tutti i dispositivi; Il server riconosce il client sulla base delle informazioni inviate nelle intestazioni HTTP che accompagnano la richiesta della pagina; Il server ottiene un profilo completo del dispositivo di accesso grazie a una descrizione formale basata sulle specifiche CC/PP (UAProf e WURFL)

22 Adattamento e tecnologie web Sul piano tecnologico è possibile risolvere il problema dell adattamento in quattro modi principali: rendering del browser (SSR di Opera); la selezione del CSS (media queries); l applicazione delle trasformazioni XSL; l impiego di un Content Management System.

23 Selezione del CSS

24 Mobile Web Best Practices Le Mobile Web Best Practices (MWBP) sono un insieme di raccomandazioni fornite dal W3C per la costruzione di siti web adatti al web mobile, non solo dal punto di vista tecnico ma anche sotto il profilo dell'esperienza d'uso. Prendono in considerazione aspetti quali la gestione della navigazione, la struttura della pagina, il trattamento del dialogo tra l'applicazione e l'utente nonché alcune dimensioni più strettamente tecniche legate alla trasmissione dell'informazione verso i dispositivi mobili. Se, da un lato, alcune caratteristiche tecniche di questo ambito potranno cambiare ed evolversi (ad esempio le dimensioni degli schermi di consultazione potrebbero aumentare o avere maggiori performance), dall'altro si assume che alcune problematiche, come per esempio l'input di dati, resteranno costanti nel tempo.

25 MBWP: struttura Introduzione alle problematiche del mobile web. One web. Contesto di distribuzione finale e adattamento. Best practices: 1. Comportamento generale; 2. Navigazione e link; 3. Layout di pagina e contenuti; 4. Elementi della pagina; 5. Input dell utente

26 MBWP: comportamento generale Consistenza tematica: assicurarsi che il contenuto accessibile da una URL offra un esperienza coerente qualora sia fruita da dispositivi differenti; Sfruttare le capacità del dispositivo: l autore della pagina dovrebbe cercare di offrire un esperienza d uso accresciuta su quei dispositivi dalle potenzialità maggiori (e non limitarsi al minimo comune denominatore): progressive enhancement. Risolvere le deficienze delle attuali implementazioni: l autore della pagina dovrebbe cercare di risolvere i problemi legati alle attuali implementazioni delle tecnologie web da parte dei browser per dispositivi mobili ( work around Vs Hack ). Test delle pagine: è essenziale condurre dei test di resa della pagine sia sui dispositivi effettivi sia mediante degli emulatori.

27 MBWP: navigazione e link (1) Usare URL di ingresso brevi. Fornire una barra di navigazione minimale all inizio della pagina, in modo che sia visibile immediatamente e senza la necessità di scorrere la pagina; se si vuole usare una navigazione secondaria, la si può mettere a fondo pagina (ma solo se necessaria). Bilanciamento ampiezza / profondità dell ipertesto: si valuti l opportunità di appiattire la struttura del sito al fine di diminuire il numero di link necessari per raggiungere una data pagina. Meccanismi di navigazione consistenti: un sistema di navigazione costante permette all utente di orientarsi meglio in un sistema informativo. Tasti di accesso rapido (access keys): associare un tasto di accesso rapido (con l attributo XHML accesskey= 1 ) alle opzioni di navigazione più frequenti può aumentare la velocità di interazione.

28 MBWP: navigazione e link (1) Chiarire la destinazione dei link: ogni collegamento dovrebbe aiutare l utente a capire quale sarà il contenuto e il formato della destinazione. Evitare le immagini-mappa: sono inutilizzabili per molti dispositivi che non possiedono sistemi di puntamento diretto (se si desidera usarle, fornire un equivalente testuale: per esempio una lista di link). Evitare le finestre pop-up ed evitare di aprire altre finestre senza aver avvisato l utente. Evitare pagine che si aggiornano in modo automatico (a meno che non abbiate avvisato l utente e non forniate un meccanismo per interrompere il caricamento). Evitare i reindirizzamenti automatici: possono disorientare l utente e rallentano la connessione con le risorse remote. Minimizzare il numero di risorse incorporate nella pagina (CSS, immagini ecc.): ogni risorsa, infatti, corrisponde a una diversa richiesta HTTP che può rendere più lento l accesso all informazione.

29 MBWP: navigazione e link (2) Chiarire la destinazione dei link: ogni collegamento dovrebbe aiutare l utente a capire quale sarà il contenuto e il formato della destinazione. Evitare le immagini-mappa: sono inutilizzabili per molti dispositivi che non possiedono sistemi di puntamento diretto (se si desidera usarle, fornire un equivalente testuale: per esempio una lista di link). Evitare le finestre pop-up ed evitare di aprire altre finestre senza aver avvisato l utente. Evitare pagine che si aggiornano in modo automatico (a meno che non abbiate avvisato l utente e non forniate un meccanismo per interrompere il caricamento). Evitare i reindirizzamenti automatici: possono disorientare l utente e rallentano la connessione con le risorse remote. Minimizzare il numero di risorse incorporate nella pagina (CSS, immagini ecc.): ogni risorsa, infatti, corrisponde a una diversa richiesta HTTP che può rendere più lento l accesso all informazione.

30 MBWP: Layout di pagina e contenuti (1) Contenuti: Assicurarsi che i contenuti siano adatti a un contesto mobile ; Usare un linguaggio chiaro e semplice; Limitarsi a ciò che l utente ha richiesto: è opportuno evitare l invio di risorse non cercate dall utente, il quale può addirittura vivere con fastidio tale presenza.

31 MBWP: Layout di pagina e contenuti (2) Dimensione delle pagine Dividere le pagine in porzioni più limitate e maneggevoli; Assicurarsi che la dimensione totale delle pagine sia appropriata alle capacità di memoria del dispositivo (il calcolo comprende anche immagini e CSS!). Scorrimento delle pagine: Limitare lo scorrimento in una sola direzione, a meno che lo scorrimento secondario non sia evitabile.

32 MBWP: Layout di pagina e contenuti (3) Stabilire una buona gerarchia dell informazione: assicurarsi che gli elementi centrali per il significato della pagina precedano quelli che non sono necessari. Uso degli elementi grafici: Non usare elementi grafici per ottenere effetti di spaziatura; Non utilizzare immagini che non possono essere visualizzate dal dispositivo (per formato o dimensione); Si evitino immagini ad alta risoluzione a meno che non siano centrali per veicolare il significato della pagina.

33 MBWP: Layout di pagina e contenuti (4) Colore: Assicurarsi che il colore non sia l unico metodo per veicolare un informazione (cfr. WCAG); Utilizzare un sufficiente contrasto tra gli elementi in primo piano e lo sfondo (cfr. WCAG); Immagini di background: se si usano immagini di sfondo assicurarsi che il contenuto resti leggibile sul dispositivo;

34 MBWP: elementi della pagina (1) Titoli: fornire titoli (<title>) di pagina brevi ma descrittivi. Frames: non usare i frames. Markup strutturale: usare le caratteristiche semantiche del markup per dare una struttura logica al documento. Tabelle: Non utilizzare tabelle a meno che non si sia certi che il device le supporti; Se le supporta, non usare tabelle annidate; Se le supporta, non usare tabelle di layout ma solo per dati di natura tabellare (es. dati statistici); Se le supporta, ove possibile, fornire una presentazione alternativa non basata su tabelle;

35 MBWP: elementi della pagina (2) Elementi non testuali: Fornire un equivalente testuale per ogni elemento non testuale (immagini, video, audio ecc); Non affidarsi a oggetti incorporati (es. applet Java o animazioni Flash) o a script; Dimensione delle immagini: Specificare le dimensioni delle immagini nel codice di marcatura, in modo tale che sia agevolato il rendering del browser; Effettuare il ridimensionamento delle immagini lato server, per massimizzare l efficienza della comunicazione tra client e server; Markup valido: creare pagine valide rispetto alle grammatiche formali (in alternativa la presentazione finale potrebbe essere difficile da controllare);

36 MBWP: elementi della pagina (3) Unità di misura: non usare i pixel né unità di misura assolute (es. pt o mm), ma fare affidamento a unità di misura relative (percentuali, ems, parole chiave) sia nel markup che nel CSS; Fogli di stile: Usare i fogli di stile per controllare il layout e la presentazione, a meno che il device non li supporti; Organizzare i contenuti in modo tale che possano essere letti anche in assenza di foglio di stile; Mantenere i fogli di stile di dimensioni ridotte; Minimizzare: scegliere soluzioni di markup leggere e poco intricate (pro efficienza)

37 MBWP: elementi della pagina (4) Content types: assicurarsi che il server invi le pagine al client in un formato che si conosce come supportato dal dispositivo; Laddove possibile, inviare i documenti in un formato preferito dall utente. Codifica dei contenuti: Assicurarsi che il contenuto sia codificato secondo un set di caratteri riconoscibile da parte del dispositivo; Indicare nella risposta HTTP la codifica del carattere da utilizzare (es. Content- Type: text/html; charset=utf-8); Messaggi di errore: fornire all utente messaggi di errore ad alto contenuto informativo nonché modalità per allontanarsi da una situazione di errore in direzione di informazione più utile.

38 MBWP: elementi della pagina (5) Cookie: non fare affidamento sui cookie per memorizzare informazioni in modo persistente (meglio utilizzare sempre tecnologie lato server). Sfruttare la memoria cache dei dispositivi mediante le opportune intestazioni HTTP di risposta; Font: non fare affidamento su tipologie di caratteri (font) che potrebbero non essere supportate dai dispositivi;

39 MBWP: Input degli utenti (1) Input: Minimizzare il più possibile il numero di passaggi in cui è richiesto l input dell utente (inserimento di testo, selezione di link ecc); Evitare il più possibile l inserimento di testo libero (preferire la selezione tra opzioni predefinite); Offrire valori pre-selezionati di default, se possibile; Specificare una modalità di default per l inserimento di testo, per il linguaggio e per il formato di input (es. per le date);

40 MBWP: Input degli utenti (2) Ordine di tabulazione: assicurarsi che esista un ordine logico tra link, elementi delle form e oggetti interattivi (per esempio sfruttando l attributo tabindex, se supportato); Etichette per i campi delle form: Ogni elemento di una form dovrebbe essere accompagnato da un etichetta opportunamente marcata con il tag <label>; Posizionare le etichette testuali in modo che sia evidente la relazione con il campo a cui fanno riferimento.

41 Riferimenti W3C, Mobile Web Best Practices 1.0, 2006 (http://www.w3.org/tr/mobile-bp/) Crevola A., Guida siti per dispositivi mobili, 2005 (http://mobile.html.it/guide/leggi/29/guida-siti-per-dispositivi-mobili/) Crevola A., Mobile Web Best Practices 1.0, 2006 (http://mobile.html.it/articoli/leggi/1647/mobile-web-best-practices-10/) Etemad E., Newth J.D., Pocket-Sized Design: Taking Your Website to the Small Screen, Morville P., Ambient Findability, O Reilly 2006 Altri link utili

REQUISITO DI ACCESSIBILITA

REQUISITO DI ACCESSIBILITA ISTITUTO COMPRENSIVO Pascoli - Crispi Via Gran Priorato, 11-98121 Messina Via Monsignor D'Arrigo, 18-98122 Messina Tel/Fax. 09047030 090360037 e-mail: meic87300t@istruzione.it / meee00800r@istruzione.it

Dettagli

SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004

SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004 SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004 Le pagine del sito istituzionale e dei siti tematici del Comune di Pesaro sono state progettate

Dettagli

Dichiarazione di accessibilità del sito di Ulisse - Nella rete della scienza

Dichiarazione di accessibilità del sito di Ulisse - Nella rete della scienza Dichiarazione di accessibilità del sito di Ulisse - Nella rete della scienza I riferimenti riguardano quanto indicato nelle Recommendation del World Wide Web Consortium (W3C) ed in particolare in quelle

Dettagli

Conformità: Conforme; tutte le pagine sono realizzate con linguaggio XHTML 1.0 Strict.

Conformità: Conforme; tutte le pagine sono realizzate con linguaggio XHTML 1.0 Strict. Tasti di accesso rapido Al fine di migliorare l'accessibilità del sito sono stati definiti i seguenti tasti di accesso rapido, per attivare le principali funzionalità offerte: [H] = Homepage [R] = Ricerca

Dettagli

Università della Svizzera italiana

Università della Svizzera italiana Università della Svizzera italiana Il sito dell Università della Svizzera italiana e l accessibilità Vs.1.0 11 / 12 / 2007 TEC-LAB WEB-SERVICE 1. INTRODUZIONE Avere accesso al web, per un utente disabile,

Dettagli

Dichiarazione di Accessibilità

Dichiarazione di Accessibilità Dichiarazione di Accessibilità Requisito n. 1 : Realizzare le pagine e gli oggetti al loro interno utilizzando tecnologie definite da grammatiche formali pubblicate nelle versioni più recenti disponibili

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore III Servizio Finanziario e Partecipate. Servizio Informatico Ufficio CED

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore III Servizio Finanziario e Partecipate. Servizio Informatico Ufficio CED COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Settore III Servizio Finanziario e Partecipate Servizio Informatico Ufficio CED Accessibilità L'accessibilità di un sito web è il frutto di un insieme di tecniche

Dettagli

Accessibilità del sito web del Comune di Triggiano

Accessibilità del sito web del Comune di Triggiano Accessibilità del sito web del Comune di Triggiano Il Comune di Triggiano, già attento nella precedente versione del suo sito web al tema dell'accessibilità delle informazioni, ha riprogrammato tutte le

Dettagli

Lista dei Punti di Controllo per l'accessibilità dei contenuti web

Lista dei Punti di Controllo per l'accessibilità dei contenuti web Lista dei Punti di Controllo per l'accessibilità dei contenuti web Questo documento è tratto dal sito del W3C http://www.w3.org/tr/wai-webcontent/full-checklist.html ed è stato tradotto dagli studenti

Dettagli

Dichiarazione di Accessibilità

Dichiarazione di Accessibilità Dichiarazione di Accessibilità Requisito 1 Enunciato: realizzare le pagine e gli oggetti al loro interno utilizzando tecnologie definite da grammatiche formali pubblicate nelle versioni più recenti disponibili

Dettagli

Lista dei punti di controllo per l accessibilità

Lista dei punti di controllo per l accessibilità Lista dei punti di controllo per l accessibilità Parte Prima Punti di controllo obbligatori Aa. In generale 3 Per ogni elemento non di testo è fornito un equivalente testuale (per esempio, mediante "alt",

Dettagli

Dichiarazione di Accessibilità

Dichiarazione di Accessibilità Dichiarazione di Accessibilità Requisito n. 1 Realizzare le pagine e gli oggetti al loro interno utilizzando tecnologie definite da grammatiche formali pubblicate nelle versioni più recenti disponibili

Dettagli

Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it

Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it NOTE: Verifica effettuata in base ai requisiti descritti nell allegato A del Decreto Ministeriale 8 luglio 2005, ai sensi della legge n.4 del 9

Dettagli

Dichiarazione di Accessibilità

Dichiarazione di Accessibilità Dichiarazione di Accessibilità Il sito web del comune è stato progettato e realizzato con particolare attenzione a quanto prescritto dalla Legge 4/2004 (cosiddetta Legge Stanca ), contenente "Disposizioni

Dettagli

Verifica tecnica accessibilità

Verifica tecnica accessibilità Verifica tecnica accessibilità Realizzato secondo il modello predisposto dal CNIPA per i soggetti di cui all articolo 3, comma 1, della legge 9 gennaio 2004, n. 4 Soggetto interessato: Comune di San Mauro

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER Architettura dei calcolatori (hardware e software base )

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 COMUNE DI BRUSAPORTO PROV. DI BG Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto A MARZO 2014 Sommario Obiettivi

Dettagli

Requisiti 19, 20, 21, 22

Requisiti 19, 20, 21, 22 Requisiti 19, 20, 21, 22 Pubblicato da Roberto Castaldo il giorno 15 ottobre 2007 Requisito 19 Enunciato: Rendere chiara la destinazione di ciascun collegamento ipertestuale (link) con testi significativi

Dettagli

Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti

Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti COMUNE DI GALLARATE Settore Risorse Economiche e Finanziarie Centro Elaborazione Dati Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti Dichiarazione di accessibilità Il sito del Comune

Dettagli

Sommario. Copyright 2008 Apogeo

Sommario. Copyright 2008 Apogeo Sommario Prefazione xix Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione 1 1.1 Fondamenti 3 Algoritmi...3 Diagramma di flusso...4 Progettare algoritmi non numerici...5 Progettare algoritmi

Dettagli

HTML 1. HyperText Markup Language

HTML 1. HyperText Markup Language HTML 1 HyperText Markup Language Introduzione ad HTML Documenti HTML Tag di markup Formattazione del testo Collegamenti ipertestuali Immagini Tabelle Form in linea (moduli) Tecnologie di Sviluppo per il

Dettagli

CORSO PER REDATTORI DI SITI WEB

CORSO PER REDATTORI DI SITI WEB CORSO PER REDATTORI DI SITI WEB Prerequisiti: Conoscenza di base dei seguenti argomenti: linguaggi di marcatura (HTML), strumenti software per l'elaborazione di testi. Esperienza nella redazione e pubblicazione

Dettagli

Sistemi operativi I: Windows. Lezione I

Sistemi operativi I: Windows. Lezione I Sistemi operativi I: Windows Lezione I Scopo della lezione Richiamare le principali funzionalità di un sistema operativo Esemplificarle descrivendo la loro implementazione in Windows Introdurre alcuni

Dettagli

Decreto Ministeriale 8 luglio 2005. (Ministro per l Innovazione e le tecnologie) Allegato A

Decreto Ministeriale 8 luglio 2005. (Ministro per l Innovazione e le tecnologie) Allegato A Decreto Ministeriale 8 luglio 2005. (Ministro per l Innovazione e le tecnologie) Allegato A Verifica tecnica e requisiti tecnici di accessibilità delle applicazioni basate su tecnologie internet 1. Premessa

Dettagli

Introduzione. In questo capitolo

Introduzione. In questo capitolo Introduzione I CSS ( Cascading Style Sheets, fogli di stile a cascata) sono la tecnologia elaborata dal W3C (World Wide Web Consortium; http://www.w3.org/) per definire l aspetto (caratteri, colori e impaginazione)

Dettagli

Nuova ECDL ONLINE COLLABORATION

Nuova ECDL ONLINE COLLABORATION PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER Nuova ECDL ONLINE COLLABORATION CONCETTI FONDAMENTALI USO DI DISPOSITIVI MOBILI APPLICAZIONI SINCRONIZZAZIONE 4. COLLABORAZIONE MOBILE 4.1. Concetti fondamentali 4.1.1 Identificare

Dettagli

Rapporto sulla verifica tecnica preliminare di accessibilità

Rapporto sulla verifica tecnica preliminare di accessibilità Rapporto sulla verifica tecnica preliminare di accessibilità Modello per i soggetti di cui all articolo 3, comma 1, della legge 9 gennaio 2004, n. 4 Soggetto interessato: Comune di Padova Responsabile

Dettagli

Indice generale. Introduzione...xv. Parte I Per iniziare Capitolo 1 Introduzione allo sviluppo ios con tecnologie web...3

Indice generale. Introduzione...xv. Parte I Per iniziare Capitolo 1 Introduzione allo sviluppo ios con tecnologie web...3 Introduzione...xv A chi si rivolge questo libro...xv Gli argomenti trattati...xv Com è organizzato il libro...xvi Cosa occorre per utilizzare il libro...xvii Convenzioni adottate...xvii Il codice sorgente...xviii

Dettagli

La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ. Web: Modello di Qualità (Polillo) Web: Modello di Qualità. Qualità: Visualizzazione

La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ. Web: Modello di Qualità (Polillo) Web: Modello di Qualità. Qualità: Visualizzazione La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ Informatica Generale (AA 0-5) Web: Modello di Qualità Web: Modello di Qualità (Polillo) caratteristiche principali grafica autorevolezza accessibilità

Dettagli

CONOSCENZE Sapere Riconoscere e descrivere con terminologia

CONOSCENZE Sapere Riconoscere e descrivere con terminologia DISCIPLINA TRATTAMENTO TESTI E DATI Igea-Erica M.1.1 IL PC: STRUMENTO DI LAVORO U.D.1.1. Hardware e Software U.D.1.1.2 Ambienti operativi U.D. 1.1.3 Finestre windows U.D 1.1.4 Gestione di file e cartelle

Dettagli

Guida all utilizzo: Screen Sharing (data pubblicazione 22/06/2012)

Guida all utilizzo: Screen Sharing (data pubblicazione 22/06/2012) Guida all utilizzo: Screen Sharing (data pubblicazione 22/06/2012) www.skymeeting.net Indice Indice... 2 Introduzione... 3 Requisiti minimi per una sessione di Screen Sharing... 4 Test di autodiagnosi...

Dettagli

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione Conoscenze Informatiche 51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione 52) Un provider è: A) un ente che fornisce a terzi l accesso a Internet B) un protocollo di connessione

Dettagli

websitearchitettibo ALLEGATO 01 - LINEE GUIDA PER IL PROGETTO

websitearchitettibo ALLEGATO 01 - LINEE GUIDA PER IL PROGETTO CONCORSO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIOINE DEL NUOVO SITO WEB DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DI BOLOGNA ALLEGATO 01 - LINEE GUIDA PER IL PROGETTO PRINCIPI

Dettagli

REPORT DI VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ

REPORT DI VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ Pag. 1 di 13 REPORT DI VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Comune di Pella (NO) http://www.comune.pella.no.it/ DATA DELLA VALUTAZIONE 09/07/2008 AUTORE DELLA VALUTAZIONE Alessio Mantegna

Dettagli

Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base

Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base Prof. Orlando De Pietro Programma L' hardware Computer multiutente e personal computer Architettura convenzionale di un calcolatore L unità centrale

Dettagli

Sommario. MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione, 1

Sommario. MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione, 1 Sommario MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione, 1 UD 1.1 Algoritmo, 3 L algoritmo, 4 Diagramma di flusso, 4 Progettare algoritmi non numerici, 5 Progettare algoritmi numerici, 5

Dettagli

DESKTOP. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file. Vediamo in dettaglio queste parti.

DESKTOP. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file. Vediamo in dettaglio queste parti. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file DESKTOP All accensione del nostro PC, il BIOS (Basic Input Output System) si occupa di verificare, attraverso una serie di test, che il nostro hardware

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Come viene definito un layout studiato per una dimensione standard, di cui non è possibile variare la larghezza ridimensionando la finestra del

Come viene definito un layout studiato per una dimensione standard, di cui non è possibile variare la larghezza ridimensionando la finestra del Come viene definito un layout studiato per una dimensione standard, di cui non è possibile variare la larghezza ridimensionando la finestra del browser o cambiando la dimensione del testo? Layout elastic

Dettagli

Lista di controllo dei Punti di controllo per le Linee guida per l'accessibilit à ai contenuti del Web 1.0

Lista di controllo dei Punti di controllo per le Linee guida per l'accessibilit à ai contenuti del Web 1.0 Pagina 1 di 7 [Linee Guida] Lista di controllo dei Punti di controllo per le Linee guida per l'accessibilit à ai contenuti del Web 1.0 Questa versione del documento: (formato testo, postscript, pdf) Questa

Dettagli

FileMaker 13. Guida di WebDirect

FileMaker 13. Guida di WebDirect FileMaker 13 Guida di WebDirect 2014 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica SOFTWARE Francesco Tura francesco.tura@unibo.it 1 Le componenti del calcolatore: HARDWARE E SOFTWARE HARDWARE parti che compongono fisicamente il calcolatore componente multifunzionale

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014 Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO BASE DI INFORMATICA Il corso di base è indicato per i principianti e per gli autodidatti che vogliono

Dettagli

Analisi Accessibilità Diagnosi funzionale Ver. 1.0

Analisi Accessibilità Diagnosi funzionale Ver. 1.0 Analisi Accessibilità Diagnosi funzionale Ver. 1.0 Rapporto conclusivo di accessibilità... 2 Sommario della verifica tecnica e requisiti tecnici di accessibilità delle applicazioni basate su tecnologie

Dettagli

LA SOLUZIONE DIGITAL SIGNAGE DI EUROSELL

LA SOLUZIONE DIGITAL SIGNAGE DI EUROSELL LA SOLUZIONE DIGITAL SIGNAGE DI EUROSELL Il mercato dell'oohm (Out Of Home Media) è stato approcciato con un evoluto sistema di Digital Signage in grado di soddisfare tutte le esigenze del mercato. Proprio

Dettagli

Introduzione allo sviluppo ios con tecnologie web

Introduzione allo sviluppo ios con tecnologie web Capitolo 1 Introduzione allo sviluppo ios con tecnologie web L introduzione di iphone e la presentazione successiva di ipod touch e ipad hanno rivoluzionato il modo con il quale le persone interagiscono

Dettagli

Le sezioni logiche di una pagina web

Le sezioni logiche di una pagina web Le sezioni logiche di una pagina web Il primo passo da fare nella realizzazione di un sito web è pianificare i contenuti. Strutturare logicamente i contenuti di una pagina, creare un template (modello)

Dettagli

Andrea Vaccari. Il mio sito CREARE UN SITO WEB PARTENDO DA ZERO VOLUME 1. Estratto. I linguaggi HTML e CSS e il Design Responsivo.

Andrea Vaccari. Il mio sito CREARE UN SITO WEB PARTENDO DA ZERO VOLUME 1. Estratto. I linguaggi HTML e CSS e il Design Responsivo. Andrea Vaccari Il mio sito CREARE UN SITO WEB PARTENDO DA ZERO VOLUME 1 Estratto I linguaggi HTML e CSS e il Design Responsivo Informatica Andrea Vaccari: Il mio sito - Creare un sito web partendo da zero.

Dettagli

INFORMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA del CONSIGLIO DI MATERIA A.S. 2015-16 INDIRIZZO A.F.M. - TURISMO PRIMO BIENNIO

INFORMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA del CONSIGLIO DI MATERIA A.S. 2015-16 INDIRIZZO A.F.M. - TURISMO PRIMO BIENNIO INFORMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA del CONSIGLIO DI MATERIA A.S. 2015-16 INDIRIZZO A.F.M. - TURISMO PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA Competenze Conoscenze Abilità/Compiti Moduli/UdA Periodo Obiettivi Identificare

Dettagli

Client - Server. Client Web: il BROWSER

Client - Server. Client Web: il BROWSER Client - Server Client Web: il BROWSER Il client Web è un applicazione software che svolge il ruolo di interfaccia fra l utente ed il WWW, mascherando la complessità di Internet. Funzioni principali Inviare

Dettagli

NOMENCLATURA INTERFACCIA DI INTERNET EXPLORER PRINCIPALI PULSANTI DELLA BARRA DEGLI STREUMENTI

NOMENCLATURA INTERFACCIA DI INTERNET EXPLORER PRINCIPALI PULSANTI DELLA BARRA DEGLI STREUMENTI NOMENCLATURA INTERFACCIA DI INTERNET EXPLORER Pagina 6 PRINCIPALI PULSANTI DELLA BARRA DEGLI STREUMENTI Richiama la pagina visualizzata in precedenza Richiama la pagina visualizzata dopo quella attualmente

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2013

Obiettivi di accessibilità per l anno 2013 Comune di Brunate Obiettivi di accessibilità per l anno 2013 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 31/03/2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

crossmedia publishing

crossmedia publishing Presentazione volantino digitale CLEV ER M A RKETI N G SO LUTI O crossmedia publishing CLEV ER M A RKETI N G SO LUTI O N S > Il flyer digitale Immagicgroup è una società specializzata in azioni di marketing

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI L AQUILAL FACOLTA DI INGEGNERIA Applicazioni per dispositivi mobili: gli strumenti di sviluppo di Flash Lite. Diego Vasarelli Indice degli argomenti trattati. Introduzione agli

Dettagli

REPORT DI VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ

REPORT DI VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ REPORT DI VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ REPORT DI VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ Ente richiedente Provincia url Comune di Carmagnola TO http://comune.carmagnola.to.it/ Autore della valutazione Data Maurizio

Dettagli

In genere i portatili possono essere differenziati, per tipologia e uso, in due grandi categorie:

In genere i portatili possono essere differenziati, per tipologia e uso, in due grandi categorie: Pagina 1 di 8 Piattaforme hardware Personal Computer In questa parte verranno elencate le più diffuse tipologie di piattaforme hardware, descrivendo per ciascuna esempi di utilizzo e modelli e suggerendo

Dettagli

Domande WEB Modulo 1. ************* Introduzione alla Legge Stanca Definizioni *******************************

Domande WEB Modulo 1. ************* Introduzione alla Legge Stanca Definizioni ******************************* Domande WEB Modulo 1 ************* Introduzione alla Legge Stanca Definizioni ******************************* La Legge 9 gennaio 2004, n. 4, recante Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili

Dettagli

Accessibilità e Guida all'uso del Sito

Accessibilità e Guida all'uso del Sito Accessibilità e Guida all'uso del Sito Questo documento fornisce una panoramica sulle caratteristiche di questo sito con particolare riferimento alla accessibilità. IMPORTANTE: Se si riscontrano problemi

Dettagli

Piattaforme hardware Personal Computer

Piattaforme hardware Personal Computer Pagina 1 di 8 Piattaforme hardware Personal Computer In questa parte verranno elencate le più diffuse tipologie di piattaforme hardware, descrivendo per ciascuna esempi di utilizzo e modelli e suggerendo

Dettagli

Guida all uso di Crossbook

Guida all uso di Crossbook Guida all uso di Crossbook Compatibilità Crossbook è un prodotto multipiattaforma; può essere utilizzato sui principali Sistemi Operativi di computer fissi e portatili (Windows, MacOS, Linux) e di strumenti

Dettagli

tratteremo di... Definizione di Internet e Web Linguaggio HTML e Siti web Statici Siti web Dinamici e codice PHP Breve accenno ai CMS Server Locale

tratteremo di... Definizione di Internet e Web Linguaggio HTML e Siti web Statici Siti web Dinamici e codice PHP Breve accenno ai CMS Server Locale LET S GO Progetto del corso Il web: introduzione ad Internet; i linguaggi digitali; siti statici e siti dinamici; i programmi CMS. Approfondimento di HTML e CSS. Web di qualità: tecniche di web writing;

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

Layout dell area di lavoro

Layout dell area di lavoro Layout dell area di lavoro In Windows, Dreamweaver fornisce un layout che integra tutti gli elementi in una sola finestra. Nell area di lavoro integrata, tutte le finestre e i pannelli sono integrati in

Dettagli

PON 2009-2011 Innovazione e Crescita a Supporto dell Efficienza dei Servizi per il Lavoro

PON 2009-2011 Innovazione e Crescita a Supporto dell Efficienza dei Servizi per il Lavoro PON 2009-2011 Innovazione e Crescita a Supporto dell Efficienza dei Servizi per il Lavoro Requisiti tecnici per la produzione di moduli formativi destinati all offerta didattica del progetto INCREASE Allegato

Dettagli

CLASSE PRIMA Istruzione Professionale Servizi Commerciali a.s. 2013/14

CLASSE PRIMA Istruzione Professionale Servizi Commerciali a.s. 2013/14 IIS Almerico Da Schio - DISCIPLINA: Informatica e Laboratorio CLASSE PRIMA Istruzione Professionale Servizi Commerciali a.s. 2013/14 COMPETENZE ABILITÀ/ CAPACITÀ CONOSCENZE dei linguaggi L1 Utilizzare

Dettagli

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine Siti interattivi e dinamici in poche pagine 1 Siti Web interattivi Pagine Web codificate esclusivamente per mezzo dell HTML non permettono alcun tipo di interazione con l utente, se non quella rappresentata

Dettagli

Dichiarazione di Accessibilità

Dichiarazione di Accessibilità Dichiarazione di Accessibilità Obiettivi di questo sito web Requisiti tecnici di accessibilità e punti di controllo per la valutazione di conformità Sommario Obiettivi di questo sito web... 3 Metodologia

Dettagli

Piattaforma e-learning VIDEO IN DIRETTA MANUALE UTENTE

Piattaforma e-learning VIDEO IN DIRETTA MANUALE UTENTE Piattaforma e-learning VIDEO IN DIRETTA MANUALE UTENTE Prerequisiti Attraverso la piattaforma i partecipanti possono vedere e ascoltare i relatori. Per accedere alle aule virtuali è sufficiente essere

Dettagli

Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa

Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa La Problematica Negli ultimi tempi la sempre maggior quantità di informazioni necessarie alla vita e allo sviluppo

Dettagli

PRINCIPI DI PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB

PRINCIPI DI PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB PRINCIPI DI PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB Area di specializzazione Esperto in DTP e Web graphic design Anno scolastico 2006/2007 Prof. ALDO GORLA PRINCIPI DI PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB Progettare in base

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base del computer

Modulo 1 Concetti di base del computer Modulo 1 Concetti di base del computer Il presente modulo definisce i concetti e le competenze fondamentali per l uso dei dispositivi elettronici, la creazione e la gestione dei file, le reti e la sicurezza

Dettagli

Desktop & Application Sharing Quick Start Guide

Desktop & Application Sharing Quick Start Guide Desktop & Application Sharing Quick Start Guide 1 Introduzione La funzionalità Application sharing integrata nella piattaforma di videoconferenza skymeeting TM consente al conduttore di condividere il

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 COMUNE DI MONTEVARCHI Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 27/03/2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

ICARO Terminal Server per Aprile

ICARO Terminal Server per Aprile ICARO Terminal Server per Aprile Icaro è un software aggiuntivo per Aprile (gestionale per centri estetici e parrucchieri) con funzionalità di terminal server: gira sullo stesso pc dove è installato il

Dettagli

IIS D ORIA - PROGRAMMAZIONE per UFC INDICE DELLE UFC

IIS D ORIA - PROGRAMMAZIONE per UFC INDICE DELLE UFC INDICE DELLE UFC 1 STRUTTURA E NORMATIVE 2 IL SISTEMA OPERATIVO 3 TESTI, IPERTESTI E PRESENTAZIONI 4 LE RETI TELEMATICHE E INTERNET 5 IL FOGLIO DI CALCOLO EXCEL 6 BASI DI PROGRAMMAZIONE TIPOLOGIA VERIFICHE.

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Ausili per disabilità sensoriali

Ausili per disabilità sensoriali Ausili per disabilità sensoriali Sommario 1. Introduzione 2. Ausili informatici 3. Ausili per disabilità visive 4. Ausili per disabilità uditive Studio di Consulenza Stefano Persichino Consulenza, valutazione,

Dettagli

USABILITÀ DEL SITO (*)

USABILITÀ DEL SITO (*) USABILITÀ DEL SITO (*) In generale un progetto software tecnicamente perfetto ma difficile da usare è destinato a non essere usato! Pertanto l'usabilità di un'applicazione software rappresenta una delle

Dettagli

MediaLibraryOnLine. la biblioteca a portata di click

MediaLibraryOnLine. la biblioteca a portata di click MediaLibraryOnLine la biblioteca a portata di click 1 Glossario Redazione: Claudia Arnetoli Coordinamento: Luca Brogioni, Marco Piermartini, Marco Pinzani Sistema Documentario Integrato Area Fiorentina

Dettagli

Programma Corso Office ECDL

Programma Corso Office ECDL Programma Corso Office ECDL FASE DI AULA PRIMA LEZIONE MICROSOFT WORD Concetti generali: Primi passi Aprire (e chiudere) Microsoft Word. Aprire uno o più documenti. Creare un nuovo documento (predefinito

Dettagli

WWW.ICTIME.ORG. NVU Manuale d uso. Cimini Simonelli Testa

WWW.ICTIME.ORG. NVU Manuale d uso. Cimini Simonelli Testa WWW.ICTIME.ORG NVU Manuale d uso Cimini Simonelli Testa Cecilia Cimini Angelo Simonelli Francesco Testa NVU Manuale d uso EDIZIONE Gennaio 2008 Questo manuale utilizza la Creative Commons License www.ictime.org

Dettagli

Guida all uso di Firefox 4 per dispositivi mobili. Contact us: press@mozilla.com

Guida all uso di Firefox 4 per dispositivi mobili. Contact us: press@mozilla.com Guida all uso di Firefox 4 per dispositivi mobili Contact us: press@mozilla.com Indice Mozilla 1 Come iniziare 2 Scrivi di Meno, Naviga di Più 3 Mettiti in Moto 5 Personalizzalo ovunque 7 Le funzioni più

Dettagli

Relazione sulla verifica accessibilità

Relazione sulla verifica accessibilità Relazione sulla verifica accessibilità Sito web: www.comune.stresa.vb.it Premessa Il presente rapporto e l effettiva attività di controllo requisiti per l accessibilità, sono stati effettuati seguendo

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

Funzioni principali di Dropbox

Funzioni principali di Dropbox ICT Rete Lecco Generazione Web - Progetto FARO Dropbox "Un luogo per tutti i tuoi file, ovunque ti trovi" Dropbox è il servizio di cloud storage più popolare, uno tra i primi a fare la sua comparsa nel

Dettagli

Rich Media Communication Using Flash CS5

Rich Media Communication Using Flash CS5 Rich Media Communication Using Flash CS5 Dominio 1.0 Impostare i requisiti del progetto 1.1 Individuare lo scopo, i destinatari e le loro esigenze per i contenuti multimediali. 1.2 dentificare i contenuti

Dettagli

SISTEMA DI VIDEOCONFERENZA IFOAP

SISTEMA DI VIDEOCONFERENZA IFOAP SISTEMA DI VIDEOCONFERENZA IFOAP MANUALE UTENTE Prerequisiti La piattaforma IFOAP è in grado di fornire un sistema di videoconferenza full active: uno strumento interattivo di comunicazione audio-video

Dettagli

Introduzione. A chi si rivolge questo libro. Gli argomenti trattati

Introduzione. A chi si rivolge questo libro. Gli argomenti trattati Introduzione Il successo straordinario di iphone e ipad degli ultimi quattro anni ha confermato che gli sviluppatori di applicazioni si trovano al centro di un nuovo mondo di soluzioni mobili, sofisticate

Dettagli

1.3 Concetti base dell Informatica: Elaboratore

1.3 Concetti base dell Informatica: Elaboratore 1.3 Concetti base dell Informatica: Elaboratore Insegnamento di Informatica Elisabetta Ronchieri Corso di Laurea di Economia, Universitá di Ferrara I semestre, anno 2014-2015 Elisabetta Ronchieri (Universitá)

Dettagli

FileMaker Pro 13. Utilizzo di una Connessione Desktop Remota con FileMaker Pro13

FileMaker Pro 13. Utilizzo di una Connessione Desktop Remota con FileMaker Pro13 FileMaker Pro 13 Utilizzo di una Connessione Desktop Remota con FileMaker Pro13 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054

Dettagli

EASY VISION - VIDEOREGISTRATORI IBRIDI

EASY VISION - VIDEOREGISTRATORI IBRIDI EASY VISION - VIDEOREGISTRATORI IBRIDI EASY VISION SICEP arrichisce la gamma dei prodotti dedicati alla videosorveglianza presentando la serie EasyVision, un videoregistratore a 4 ingressi video, con sistema

Dettagli

01. Conoscere l area di lavoro

01. Conoscere l area di lavoro 01. Conoscere l area di lavoro Caratteristiche dell interfaccia Cambiare vista e dividere le viste Gestire i pannelli Scegliere un area di lavoro Sistemare le barre degli strumenti Personalizzare le preferenze

Dettagli

Richiami sugli elementi del linguaggio HTML

Richiami sugli elementi del linguaggio HTML Richiami sugli elementi del linguaggio HTML Un documento in formato Web può essere aperto con un browser, attraverso un collegamento a Internet oppure caricandolo dal disco del proprio computer senza connettersi

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli

WEBMASTER. Strategie per programmare siti web e portali. Corso pratico per Webmaster di Daniele Venditti. Manuale di informatica per il web

WEBMASTER. Strategie per programmare siti web e portali. Corso pratico per Webmaster di Daniele Venditti. Manuale di informatica per il web WEBMASTER Strategie per programmare siti web e portali Corso pratico per Webmaster di Daniele Venditti Manuale di informatica per il web www.progettimultimediali.com www.corsi-online.it Questo Ebook è

Dettagli