GENERAZIONE WEB TRA INNOVAZIONE E CREATIVITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GENERAZIONE WEB TRA INNOVAZIONE E CREATIVITA"

Transcript

1 GENERAZIONE WEB TRA INNOVAZIONE E CREATIVITA INTRODUZIONE Il mondo della scuola negli ultimi anni è notevolmente cambiato perché i ragazzi che la frequentano sono profondamente diversi rispetto alla generazione dei propri genitori. Oggi gli insegnanti davanti alle proprie cattedre trovano banchi occupati da studenti sempre più esperti e fruitori delle nuove tecnologie, ragazzi abituati a lavorare con strumenti di cui spesso gli adulti ignorano l esistenza o il funzionamento. I ragazzi nati e cresciuti nell era digitale sono multitasking, abituati a comunicare, giocare e studiare attraverso i nuovi media. Tuttavia, escluse alcune esperienze che rappresentano casi di eccellenza 2.0; book in progress1, ecc.), la scuola italiana è ancora molto lontana da quel mondo, che tanto affascina e coinvolge i ragazzi. Nel nostro paese, la scuola è spesso un luogo in cui la multimedialità entra di rado o è vista ancora con diffidenza; si crea così un gap tra il mondo del lavoro e della comunicazione, che vive al di fuori delle porte scolastiche e che di multimedialità è permeato, e l ancora troppo statico mondo dell istruzione. Se è vero, infatti, che in alcuni istituti superiori, soprattutto a indirizzo tecnico e professionale, le tecnologie dell informazione fanno parte da tempo degli strumenti di lavoro di studenti e docenti, in altri ordini e indirizzi di scuole la familiarità con le tecnologie non è così scontata. I rapidi cambiamenti socio-culturali degli ultimi anni verso la società dell informazione hanno reso necessario e urgente da parte delle istituzioni scolastiche di adeguarsi. Programma di sviluppo Al fine di favorire o potenziare l acquisizione di competenze nella multimedialità sviluppare l apprendimento/approfondimento di temi didattici e scolastici. rendere più efficace l azione didattica migliorare gli strumenti della professionalità docente il Ministero della Pubblica Istruzione ha promosso il Programma di Sviluppo delle Tecnologie Didattiche 1997/2000, in linea con le indicazioni dell Unione Europea. Il Consiglio europeo di Lisbona (Marzo 2000) segna, infatti, una svolta decisiva nella percezione del ruolo che i processi educativi andranno a svolgere nell ambito dell obiettivo strategico della Unione per il prossimo decennio: diventare l economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi e miglior posti di lavoro ed una maggiore coesione sociale. I sistemi europei d istruzione e formazione, secondo i capi di governo intervenuti a Lisbona, devono essere adeguati alle esigenze della società dei saperi e alla necessità di migliorare il livello e la qualità dell occupazione. Nel 2001 al Consiglio europeo di Stoccolma il Consiglio Istruzione dell UE ha presentato una relazione e gli obiettivi strategici da raggiungere entro il 2013: 1. migliorare la qualità e l efficacia dei sistemi d istruzione e formazione dell Unione 2. facilitare a tutti l accesso ai sistemi d istruzione e formazione 3. aprire i sistemi d istruzione e formazione al resto del mondo. Pertanto, le tecnologie didattiche nel quotidiano scolastico, se utilizzate in modo mirato e corretto, possono rivelarsi autentiche risorse per la didattica. Del resto anche le teorie della mente elaborate dalle nuove scienze cognitive hanno dimostrato che il processo di formazione/apprendimento è come una co-costruzione tra menti che si integrano, per cui superare i limiti tradizionali della trasmissione sequenziale delle conoscenze può favorire l acquisizione delle competenze più profonde, quelle metacognitive. La struttura reticolare offerta da ipermedia e reti produce, infatti, una frammentazione dei contenuti complessi in concetti più semplici che facilitano l apprendimento e, contemporaneamente, la ricchezza di immagini, suoni e animazione della comunicazione multimediale, facilita il coinvolgimento emotivo degli studenti anche meno motivati, producendo un effetto sinergico in grado di facilitare e di potenziare il processo di apprendimento. Per le scuole di ogni ordine e grado diventa quindi un imperativo fondamentale dare agli alunni, insieme agli strumenti, il gusto di scoprire, fornendo loro l opportunità di esercitare il piacere di lavorare in modo cooperativo, utilizzando le nuove tecnologie. L aula diventa un laboratorio per maturare le competenze di ognuno in modo trasversale ai quattro assi culturali (asse dei linguaggi, matematico, scientifico-tecnologico, storico-sociale), per crescere in modo responsabile e critico come uomini e come cittadini del domani. La lezione non è più cattedratica e frontale, non pone al centro dell attenzione il programma, ma è interattiva, multimediale e multicentrica, ponendo al centro del processo di insegnamento-apprendimento l allievo, che diventa il vero protagonista del suo cammino educativo-formativo. Il problema centrale della scuola secondaria di 1 e di 2 grado è sviluppare il gusto di apprendere (che implica il piacere di studiare, di ricercare, di capire), oltre l interesse. Da questo punto di vista la motivazione è allora legata alla competenza: essa non è correlata solo al compito della situazione proposta, ma è connessa al gusto di essere competente, di saper fare. L uso delle nuove tecnologie permette agli allievi di comprendere immediatamente se sanno 1

2 o non sanno fare, e tutto questo risulta molto efficace sul piano degli apprendimenti. Si avverte infatti uno spostamento dalle modalità di apprendimento individuale e quasi esclusivamente simboliche a modalità sociali (il lavoro con altri) con manipolazione di strumenti e di tecnologie e con l uso simbolico di forme di ragionamento contestualizzate (condivisione e negazione). Le nuove modalità organizzative ed operative per la definizione e costruzione dell attività didattica Europa 2020 si presenta come la naturale conseguenza della Strategia di Lisbona Se quest ultima proponeva che: I sistemi europei d istruzione e formazione devono essere adeguati alle esigenze della società dei saperi e alla necessità di migliorare il livello e la qualità dell occupazione, Europa 2020 nel quadro di una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva mira a sviluppare un economia basata sulla conoscenza e sull innovazione. (Comunicazione della Commissione Europa 2020, Bruxelles, 3/3/2010). In questo quadro si colloca l iniziativa faro Youth on the move all interno della quale la Commissione si adopererà tra l altro per: accelerare il programma di modernizzazione dell istruzione superiore (programmi di studio, gestione e finanziamenti ) anche valutando le prestazione dell università e i risultati nel settore dell istruzione in un contesto globale promuovere i riconoscimento dell apprendimento non formale e informale invitando gli Stati membri a: garantire investimenti efficienti nei sistemi di istruzione e formazione a tutti i livelli (dalla scuola materna all insegnamento superiore) migliorare i risultati nel settore dell istruzione in ciascun segmento nell ambito di un impostazione integrata che comprenda le competenze fondamentali e riduca l abbandono scolastico migliorare l apertura e la pertinenza dei sistemi di istruzione creando quadri nazionali delle qualifiche e conciliare meglio i risultati nel settore dell istruzione con le esigenze del mercato del lavoro favorire l ingresso dei giovani nel mercato del lavoro mediante un azione integrata che comprenda, tra l altro orientamento, consulenza e apprendistati. Inoltre tra le altre iniziative poste in essere dalla Commissione europea vi è da registrare l Agenda Europea del Digitale utile per accelerare le diffusione dell internet ad alta velocità e sfruttare i vantaggi di un mercato unico del digitale per famiglie, imprese e scuole, aggiungiamo noi. In questo quadro si definisce l obiettivo di garantire a tutti l accesso alla banda larga a velocità di internet superiori a 30 Mbps entro il 2020 e garantendo che almeno il 50% delle famiglie europee si abboni a connessioni internet di oltre 100 Mbps.. Di stretta derivazione da Europa 2020 è il Progetto Strategico Agenda Digitale Italiana, importante novità del decreto Semplifica Italia voluto nei mesi scorsi dal Governo Monti, che propone le seguenti competenze digitali: 1. estendere il modello della scuola digitale (banda larga per la didattica nelle scuole; cloud per la didattica; trasformare gli ambienti di apprendimento; contenuti digitali e libri di testo /adozioni; formazione degli insegnanti in ambiente di blended e-learning; LIM e-book; e-participation...) 2. affrontare il problema dell'inclusione sociale (diversamente abili, stranieri, minori ristretti, ospedalizzati, anziani...) anche attraverso soluzioni di telelavoro 3. incentivare il target femminile all'uso delle ICT 4. sicurezza e uso critico e consapevole dei contenuti e dell'infrastruttura della rete 5. promuovere l'uso delle ICT nei vari settori professionali, del mondo del lavoro pubblico e privato, per garantire la riqualificazione e la formazione professionale continua 6. costruire un quadro normativo abilitante per il fund raising privato per partnership pubblico-privato 7. promuovere la standardizzazione dei beni e dei servizi da acquistare favorendo l'utilizzazione dello e- procurement pubblico 8. sostenere attraverso campagne di comunicazione istituzionale l'utilizzo delle tecnologie e la promozione delle conoscenze In questo quadro dagli orizzonti multipli viene a collocarsi l iniziativa Generazione Web voluta da Regione Lombardia, USR Lombardia e Miur. Ora, per far fronte a questa forte spinta che parte da Europa 2020, attraversa l Agenda digitale italiana arriva sino al sistema di istruzione lombardo tramite Generazione Web, occorre individuare e preparare delle nuove modalità organizzative che ri-definiscano e ri-costruiscano le attività didattiche dando loro un senso nuovo alla luce di un processo di insegnamento/apprendimento che svolge il suo ruolo all interno delle nuove tecnologie del XXI secolo. 2

3 Flessibilità degli spazi di apprendimento In una scuola attenta alle nuove metodologie e ai nuovi strumenti tecnologici, lo spazio-classe non può essere pensato come un luogo tradizionale di parcheggio dove gli studenti attendono passivi il verbo docente. Esso deve diventare un ambiente operativo ricco di stimoli culturali e di occasioni di crescita. In questo luogo gli studenti diventano protagonisti attivi del loro apprendimento con le loro personalità poste al centro del processo educativo. Le nuove tecnologie aiutano a creare le condizioni per favorire tale valenza didattica e facilitare le modalità comunicative interne ed esterne (ad esempio, internet come finestra tra la classe e il mondo) il docente dovrà allora: individuare la situazione operativa più giusta in funzione dei contenuti organizzare l ambiente di apprendimento riflettere sul proprio ruolo progettare la proposta didattica da rivolgere alla classe ragionare sul come organizzare la comunicazione della stessa e ciò comporta una serie di riflessioni : sugli obiettivi sulle attività didattiche da proporre sulle modalità di interazione da porre in essere sul senso della comunicazione interpersonale sul contesto fisico in cui dovrà avvenire la comunicazione tra docenti e allievi sul contesto fisico in cui dovrà avvenire la comunicazione tra studenti. Questi ultimi punti ci portano a riflettere sulle modalità organizzative dello spazio-classe, sul setting dell aula, cioè sulla definizione dello spazio di azione, della cornice entro cui avviene l apprendimento, delle modalità con cui le persone si dispongono in tali luoghi, gli strumenti di cui ci si avvale, le azioni che vengono compiute dall insegnante e dagli studenti, dalle richieste effettuate ecc La scelta del setting è in grado di influenzare il risultato di un operazione didattica in quanto può condizionare facilitando o ostacolando il processo di apprendimento. L aula e l organizzazione degli spazi deve tener conto della presenza di strumentazioni tecnologiche per cui nel setting dell aula, visto positivamente come uno spazio cantiere composto da: aula banchi macchine persone software e hardware per cui viene di conseguenza che elementi da considerare sono: spazio aula disposizione dei banchi disposizione delle macchine disposizione delle persone disposizione e disponibilità degli strumenti Lo spazio deve essere pensato e progettato in funzione della metodologia di apprendimento che si vuole attuare. Ciò significa che non esiste uno spazio-classe ideale, ma questo deve essere duttile e predisposto di volta in volta in funzione dei fruitori, degli obiettivi, della strumentazione tecnologica necessaria alla lezione. Facendo l ipotesi di una classe che abbia in uso tablet e LIM si potrebbero proporre diverse modalità di setting d aula: banchi a platea banchi ad arco banchi a isole banchi ad esagono banchi ad ottagono banchi a tavola rotonda ecc. 3

4 Risulta evidente che le prime due disposizioni si prestano molto quando la LIM è lo strumento principale, mentre le isole e le altre incontrano parere favorevole nell utilizzo del tablet o di notebook dove la classe è suddivisa in piccoli gruppi che avviano procedure di ricerca e di confronto continuo, in una logica costruttivista tipica della didattica laboratoriale come il WebQuest e il Big6 e del cooperative learning. In questi casi la LIM potrebbe essere utilizzata a rotazione. Materiali immateriali nella classe cantiere L introduzione delle nuove tecnologie e di nuovi strumenti nella scuola obbliga gli insegnanti a definire, organizzare e costruire un attività didattica completamente rinnovata. Le azioni che ne discendono individuano i seguenti obiettivi : flessibilità nel presentare i contenuti integrazione delle risorse multimediali ricerca delle informazioni su internet interazione e la condivisione dei contenuti approccio collaborativo e cooperativo nel processo di insegnamento-apprendimento. Se il setting della classe tende a riorganizzare lo spazio di apprendimento, occorre definire gli strumenti utili in quello spazio a generare processi di apprendimento in grado di misurarsi con la capacità di risolvere nuovi problemi (problem solving), creare contenuti e oggetti multimediali condivisibili (didattica costruttivista) e di aggiornare in modo autonomo le proprie conoscenze, competenze, capacità (longlife learning). Il ruolo del docente dovrà essere quindi quello di affiancare e sostenere l allievo nel suo processo di apprendimento, ma anche di individuare gli strumenti più idonei per la organizzazione e costruzione di un attività didattica interattiva. Di seguito viene presentato un repertorio solo di alcuni tra ambienti, prodotti e strumenti utili ad individuare e accompagnare le modalità operative per la definizione e costruzione dell attività didattica. Prodotti Categoria Prodotto Azione Ambienti 2.0 e video Ambienti 2.0 e video Ambienti 2.0 Radio Podcast Docu-fiction Ipertesto Slideshow Video- Inchiesta Video Video Streaming Attività su Podcast Video Sito Web online Fotosequenza Video Tipologie di video realizzabili: sequenze di situazioni in classe; interviste ai protagonisti delle esperienze didattiche; mini-fiction di riesame di situazioni e processi; tutorial; sincronizzazioni di video e slide per creare videoseminari, tutorial; sequenze di processi e azioni. Utilizzo di Slideshow. Sincronizzare immagini, foto, slide, audio da codificare in streaming Flash. Utilizzare ambienti che consentono di creare canali streaming avvicinandosi a concetto di web tv. Distribuire contenuti in diretta collegando al computer una videocamera o una webcam. Mandare in onda: eventi scolastici, lezioni, attività laboratoriali; dibattiti. Si potrà poi interagire con i protagonisti via chat realizzando una storia diretta e partecipata. Lezioni o altri materiali audio in podcast da scaricare da piattaforma Ricostruire la storia di un esperienza didattica. Stendere la sceneggiatura. Effettuare le riprese e il relativo montaggio Creare un ipertesto basandosi sui link, sull organizzazione dell informazione in reti concettuali da rappresentare tramite mappe. Frammentare l informazione in microcontent e strutturarla in livelli di approfondimento. Il lettore accederà ai contenuti seguendo differenti percorsi e approcci, soffermandosi laddove maggiori sono i suoi interessi. Creare sequenza di immagini proiettata secondo un opportuna temporizzazione. Associare audio sincronizzato. Utilizzare registro narrativo. Raccontare l esperienza per aspetti topici che ne mettano in evidenza il significato, i risultati raggiunti. Servizio giornalistico. Coinvolgere punti di vista differenti. Effettuare sintesi. Individuare e propone i momenti topici della storia. Individuare con chiarezza i protagonisti, ma anche le microstorie e gli approfondimenti. 4

5 Ambienti Ambiente Risorsa Significato Ambiente integrato Ambienti Wiki Blog Sito dedicato alla documentazione Wikispaces; PBWorks Google Blogger; Altervista, Wordpress Il web consente di raccontare storie in forma multimediale, di fornire conoscenze e promuover competenze, di creare dibattito ed interazione permettendo la costruzione di ambienti autogestiti di sviluppo e interazione tra tutte le componenti scolastiche ed extrascolastiche. Scrittura Collettiva in forma strutturata di conoscenza. Supporto di forum di discussione per alimentare l interazione e il dialogo tra i soggetti coinvolti Consentono di raccogliere la cronaca delle esperienze. E un ambiente centrato sulla quotidianità, è un diario pubblico che riveste una dimensione sociale e non solo personale. Il racconto può andare dal consiglii di classe ai docenti agli studenti. In particolare il racconto degli allievi è un momento metacognitivo, ma anche strumento didattico per sviluppare, attraversop il web, forme di peer education. Cloud Google Drive Repository di materiali didattici interattivi Condivisione Bookmarks Delicious Costruzione collettiva di repertori di materiale di studio e formazione, tramite un uso concordato di tag. I repertori sono costituiti da link anche limitabili alla comunità o gruppo. Tendono a definire mappe collettive di risorse. Istituzione di corsi; interazione tramite chat, videochat, forum, Piattaforma e- learning Dokeos Sequenza foto Flickr; Picasa Elaborare e pubblicare su internet gallerie di foto. Strumenti Strumenti Risorsa Significato/azione Aggregatori di attività Feed RSS Raccolta automatica di attività svolte nei diversi ambienti del web 2.0. Chat Possibilità di interagire in tempo reale anche al di fuori dell orario scolastico Forum Aprire discussioni intorno ad un argomento con considerazioni più meditate rispetto alla chat. Strumento per costruire attività interattive che consente di rappresentare, LIM costruire, condividere conoscenze e organizzare il lavoro in modo innovativo basandosi sul concetto di partecipazione. Amplificatore cognitivo che potenzia i processi attentivi. Spazio di scambio e lettura collettiva. Consentono di creare una rappresentazione di concetti mediante mappe. Ai concetti è possibile allegare documenti e lineare contenuti on line. Si Mappe mentali e Web application possono inglobare (embed) materiali multimediali contenuti in rete. strumenti di Mindomo.com Strumenti di profondo riesame delle esperienze didattiche consentono un presentazione in Prezi.com approccio cognitivo ai materiali documentali, con una forte riflessione forma di mappa collettiva che trasforma la storia in òuna precisa struttura della conoscenza elaborata. Mass-media on line Radio & TV digitale Costruire in ambiente collaborativo un piccolo palinsesto con tg scolastico settimanale; Il docente che effettua la correzione di un compito; un incontro a scuola o fuori, una lezione, ecc Podcast Deposito di materiale didattico audio scaricabile e ascoltabile in qualsiasi momento Skype Telefonia gratuita Telefonare a studenti in stage all estero. Scambio informazioni. Social Media Social network Time line Youtube, slideshare Facebook; MSN piattaforma Capzles.com Forme di condivisione on line di prodotti multimediali realizzabili con strumenti oggi facilmente accessibili (fotocamere, videocamere, software free, open source, ecc Utili anche per riversare materiali informali che consentono la raccolta rapidadi informazioni in itinere e/o che possano ecìvidenziare momenti che in forme più strutturate andrebbero perduti. Parte abitata della rete. Insediamenti virtuali. Raccontare un esperienza didattica in tale ambiente, attraverso la cronaca raccontata ora per ora dai suoi attori con uno stile informale, libero che non chiude il confronto in forme codificate e rituali ma che stimola il dibattito verso produzioni collaborative e cooperative. E possibile organizzare veri a propri incontri virtuali formalizzati, vere e proprie assemblee. Consentono un organizzazione cronologica dei prodotti documentali e un approccio ai contenuti utile a ricostruire esattamente il percorso Questa rappresentazione di strumenti, ambienti, prodotti disegna sicuramente scenari didattici avvincenti, sia in termini di modalità organizzative che di definizione e costruzione dell attività didattica. La scuola diventa: una scuola da vivere non come spazio dove ascoltare le lezioni, ma come un grande laboratorio in cui si possono fare esperienze diversificate e con percorsi individualizzati perché vi si trovano gli ambienti più adatti 5

6 una scuola della cittadinanza agita, aperta, effettivamente abitata da intelligenze proiettate verso il futuro, da una comunità che apprende. Inoltre vi è un repertorio di free-software, open source presenti sia come pacchetti applicativi che come software di produttività che consentono di avere a disposizione a costo zero, suite utili alla costruzione di oggetti multimediali interattivi. Infine, per ciò che concerne le famiglie questo modello organizzativo favorisce l accesso ad hardware e a software, infatti un primo abbattimento dei costi è da rilevare nell adozione di libri di testo digitali e nell accesso ad hardware e software tramite i portali Consip o E-ducazione quest ultimo promosso da USR Lombardia per favorire l incontro tra tecnologie e utilizzatori, in modo tale che vi sia un approccio consapevole con costi accessibili alle tecnologie, per dare alle famiglie e alle scuole la possibilità di partecipare all innovazione tecnologica-didattico-educativa. Piccola storia dell ITC Oberdan Identità Oberdan L Istituto Tecnico Commerciale Statale G. Oberdan di Treviglio ha ottantuno anni e non li dimostra. Sorto nel 1931 presenta un identità che ha fortemente contribuito al disegno del tessuto socio-economico di Treviglio e della Bassa bergamasca. Nel corso della sua storia, l Oberdan ha preparato studenti che in seguito hanno ricoperto ruoli anche direttivi in ogni settore: dal primario al secondario, dal terziario al terziario avanzato. A titolo di curiosità, oltre agli sbocchi universitari classici come le facoltà di Economia e Commercio e Giurisprudenza, non sono stati pochi gli studenti che hanno rivolto l attenzione con successo anche alla facoltà di Ingegneria Informatica, al Politecnico e ultimamente anche Ingegneria Meccanica (una studentessa). L Oberdan tra innovazione e territorio Se si pensa allo specifico, l indirizzo del nostro Istituto rivolge la sua attenzione soprattutto alla formazione di competenze che consentano poi di agire soprattutto nel settore terziario, in ogni sua declinazione. D altronde la vocazione del territorio sembra essere questa e i dati dei Censimenti industriali, al momento disponibili, lo dimostrano: tra il 1981 e il 2001 gli addetti nel terziario della Bassa bergamasca sono passati da unità a con un incremento del 73%. Nel trevigliese però, si riesce a fare di meglio. Gli addetti passano da 9706 unità a con un vero e proprio balzo in avanti del 76%, pari ad un incremento di 6181 unità. Dati più recenti fanno riferimento agli Addetti nel terziario alle unità locali di 15 o più addetti, pubblicati dalla Provincia di Bergamo, nel dossier-studio Evoluzione del terziario. I servizi distributivi e i servizi alle imprese nella bassa bergamasca. In questo caso parliamo di realtà lavorative più strutturate in termini di produttività e divisione del lavoro Nella Bassa l incremento, tra il 1981 e il 2004, è stato del 294% con gli addetti che sono passati da 2161 a 8534, mentre nel trevigliese, in termini di valori assoluti, vi è stato un aumento intermini assoluti di 5432 unità pari a 273 punti percentuale. Da questa breve analisi si deduce che le attività legate al terziario, in termini occupazionali, sono costantemente cresciute nei bacini di Treviglio e della Bassa e ciò può solo significare che a fronte di tale crescita occorra formare personale con le dovute competenze e propensioni all utilizzo delle nuove tecnologie informatiche per poter gestire in modo efficace, efficiente e produttivo le attività sia per il front-office che per il back-office. Sarebbe allora auspicabile che la cultura dell innovazione tecnologico - gestionale perdurasse nell area. E chi meglio della scuola in generale e degli Istituti tecnici commerciali in particolare può rendere permanente questo tipo di cultura innovativa? Appare evidente che un orientamento della istruzione e della formazione nel territorio che allontanasse i legami tra le forze di lavoro e i saperi e le competenze legate all innovazione, alle nuove tecnologie, all informatica potrebbe avere effetti dai costi sociali e aziendali non sottovalutabili, specie nell attuale congiuntura non favorevole. Da un lato avremmo un settore in crescita, ma con una popolazione attiva poco istruita dal punto di vista informatico e che stenta ad entrare con mansioni di lavoro concettuale, dall altro si avrebbe l onere da parte delle aziende di dover formare comunque del personale per impiegarlo nelle attività gestionali e concettuali. Ma in che modo il territorio risponde a questo modello di sviluppo? Il polso della situazione, circa la qualità del terziario nei confronti dell innovazione, mostra per il territorio considerato una situazione a suo modo problematica (cfr. Tab. 1). La tabella testimonia la pigrizia che la Bassa bergamasca rivela nell avviare progetti innovativi dal punto di vista tecnologico nel periodo Oltre il 46%, quasi una su due, delle imprese intervistate hanno dichiarato che non hanno effettuato alcuna innovazione tecnologica anche se, per il 2008, si sta pensando di avviare questo tipo di innovazione; la considerazione degrada se si osserva sia il resto della provincia di Bergamo che l insieme della stessa. Tab. 1. Distribuzione percentuale attività/progetti nel triennio destinati all introduzione di innovazioni tecnologiche Area funzionale Area Resto BG Romano Treviglio Totale BG Innovazioni di prodotto/servizio Innovazioni di processo Inn. di prodotto/servizio e di processo

7 Nessuna innovazione tecnologica Totale Fonte: Provincia di Bergamo, Evoluzione del terziario. I servizi distributivi e i servizi alle imprese nella bassa bergamasca. In definitiva emerge, per la Bassa, una certa allergia alle diverse forme di innovazione. L innovazione tecnologica, però, necessità di competenze che solo una scuola non più solo al passo con i tempi, ma che li anticipi, può concorrere a formare. Si evidenzia così la necessità di innestare e avviare processi di istruzione e formazione che consentano alle aziende di individuare in primis sul posto le risorse umane necessarie alle proprie esigenze. L ITC Oberdan intende porsi alla testa di tale processo innovativo. Oberdan e Linee guida Nel quadro della Riforma della scuola, l ITC Oberdan ha avviato la riscrittura del Piano dell Offerta Formativa per poter rispondere alle sfide lanciate dalla società della conoscenza e proporre un nuovo profilo di diplomato fondato su un robusto utilizzo delle tecnologie informatiche, sull acquisizione di competenze tramite un approccio laboratoriale rivolto a tutte le discipline del curricolo e sulla valorizzazione del metodo scientifico. In tal senso, si avverte come un processo innovativo di tale portata necessiti di tecnologie all altezza del mutamento del paradigma didattico-educativo e dei bisogni di acquisizione di conoscenze e competenze da parte di studenti in stragrande maggioranza ormai nativi digitali. Le linee guida relative alla Riforma della scuola si pongono in continuità con gli obiettivi della strategia di Europa 2020 laddove si parla di una crescita basata sulla conoscenza come fattore di ricchezza: in un mondo in cui i prodotti e i processi si differenziano in funzione dell innovazione, le opportunità e la coesione sociale vanno potenziate valorizzando l istruzione, la ricerca e l economia digitale e quindi del coinvolgimento dei cittadini in una società partecipativa e di un economia competitiva, interconnessa e più verde. Questi tre punti hanno quindi ispirato l Agenda digitale italiana che mira ad estendere il modello della scuola digitale e a produrre inclusione e partecipazione sociale attive. La Riforma della scuola pone l accento sull opportunità di disegnare un nuovo profilo del diplomato degli istituti tecnici in quanto connotato da conoscenze teoriche e applicative spendibili in vari contesti di vita e lavoro e da abilità cognitive idonee per risolver problemi e per muoversi, in autonomia e con modalità di lavoro in team, in ambiti caratterizzati da innovazioni continue. (Linee guida, pag. 6, D.P.R. 15/3/2010). In merito a quanto sopra specificato la riprogettazione del Piano dell Offerta Formativa, che l ITC Oberdan di Treviglio sta avviando a conclusione, mira a diversificare la proposta didattico- educativa in relazione al primo biennio e alle tre articolazioni - AFM, RIM, SIA - del secondo biennio, ponendo a denominatore comune l introduzione delle nuove tecnologie per la didattica. L infrastruttura dell Istituto consentirà che esso stesso diventi, nella totalità dei luoghi e delle componenti, laboratorio per l acquisizione di competenze formalizzate, non formali e informali. Va da sé la necessità di una diversa interpretazione del ruolo dei dipartimenti disciplinari visti come forze propulsive all utilizzo delle tecnologie informatiche per un azione didattica innovativa, che migliori la qualità dell offerta di istruzione e formazione della scuola al territorio. Risorse attuali Attualmente le risorse tecnologiche dell ITC Oberdan risultano essere simili a quelle presenti in altri istituti. Vi sono tre laboratori con una media di 26 pc presenti. Tutti i laboratori sono connessi ad internet. Tra i software in dotazione si evidenziano i pacchetti Office ed Euroconta, per citare quelli relativi all office automation e alle attività gestionali. Inoltre sono presenti software di produttività, utili all indirizzo Mercurio, per poter progettare applicazioni come ad esempio Visual Basic. Inoltre vengono utilizzati anche software in versione free o open source specie nel campo della produzione di pagine web e allora parliamo di Notepad++, Html Kit, PhotoFilter, Gimp ecc. L istituto è dotato anche di un Laboratorio linguistico, oltre che del Laboratorio di Scienze. Infine è attiva la piattaforma di e-learning Dokeos, utilizzata spesso per progetti avviati in collaborazione con la facoltà di Economia e Commercio dell Università di Bergamo, nell ambito del progetto POSM, per la determinazione dei saperi minimi in matematica, informatica, inglese e, a breve, per progetti in rete con altri istituti. Risorse future In previsione dell attuazione degli obiettivi posti dalla riforma, l ITC Oberdan intende rinnovare e ampliare la sua dotazione software e hardware. In primo luogo sul piano dell innovazione relativa alla comunicazione intende dotarsi di software idonei che facilitino la produttività comunicazionale liberando risorse sul piano della creatività degli studenti, si pensi alle suite CS della Adobe con DreamWeaver, FireWorks, Flash, pensando ad un processo didattico, che consenta di passare gradualmente dalla produzione di pagine in Html e Fogli di stile all utilizzo di tali pacchetti. Si intende rinnovare l intera attività didattico-educativa, sposando l idea di una didattica in cui il concetto di laboratorio sia estendibile a tutto l istituto ribaltando il paradigma formativo che vede lo studente in posizione passiva mentre attende il verbo dal docente in una lezione per lo più frontale. Le risorse hardware in un laboratorio così esteso devono garantire la mobilità e non solo al suo interno, in quanto una lezione di Scienze della terra effettuata, ad esempio, in un oasi protetta attraverso tecnologie mobile può notevolmente trasformare gli studenti in soggetti attivi nell esplorazione e nella descrizione dell ambiente, con contenuti inviati on line ad un cloud repository. Circa le risorse software rimandiamo al paragrafo Materiali immateriali nella classe cantiere. 7

8 Social network L influenza della Information and Communication Technology (ICT) è determinante ai fini del processo di insegnamento-apprendimento. La semplice presenza a casa o a scuola di un pc collegato in rete non è detto che migliori il rendimento scolastico, quello che conta è l uso che se ne fa e le modalità didattiche con cui questi strumenti vengono utilizzati. Come nella storia un innovazione tecnologica non si afferma e non si diffonde se non incontra un tessuto sociale favorevole, così nella formazione di un individuo non esiste un repertorio di atti strumentali o di eventi le cui conseguenze sono predeterminate, entrano in gioco il modo in cui lo strumento è usato o la specifica esperienza è vissuta, in funzione del retroterra e del bagaglio di preconoscenze di cui egli già dispone. (Calvani, Dal libro stampato al libro multimediale,1990). La questione dovrebbe essere impostata nei seguenti termini: da un lato si tratta di individuare le forme e i modi per valorizzare al meglio, ai fini dell apprendimento, le caratteristiche insite in questi strumenti, dall altro occorre capire se e come la presenza invasiva di questa tecnologia nell attuale realtà sociale stia producendo delle modificazioni nella rappresentazione della realtà, nelle forme di pensiero e quindi nei processi di apprendimento degli individui. Dotare la scuola di strumenti multimediali che forniscano l occasione per condividere interessi, contenuti ed abilità, imparare insieme, collaborare e condividere idee ed informazioni, rendendo possibile la creazione di un rete virtuale significherebbe creare una scuola aperta con numerosi vantaggi sia in relazione all integrazione e alla socializzazione, sia relativamente ai processi di apprendimento. Utile sarebbe poi avviare un processo di disseminazione delle buone pratiche che coinvolga classi parallele e non di scuole diverse che lavorano insieme intorno a progetti di interesse comune per incrementare l interazione sociale degli attori coinvolti, sviluppando una convergenza tesa al miglioramento dell attività didattica e al raggiungimento comune di competenze. Diventerebbe così possibile lo sviluppo di un intelligenza collettiva che abbia come obiettivo la costituzione di community tematiche che facilitino la risoluzione di problemi e il raggiungimento del successo formativo. Le modalità di definizione e/o uso dei social network al fine della cooperazione e interazione fra classi e scuole. La seconda metà del decennio appena trascorso ha portato con sé il concetto di social. Questo termine è diventato uno dei più adottati e associati quando si parla di Internet e World Wide Web. Intorno ad esso staziona uno sciame di neologismi di cui Web 2.0, social network, social media, blogosfera, peer to peer, software collaborativo sono i più utilizzati. In particolare i social network si configurano come siti web per mezzo dei quali gli utenti possono: 1. creare e gestire un profilo pubblico o semipubblico in un sistema vincolato 2. individuare una lista di utenti con i quali stabilire una connessione 3. accedere alla lista di connessioni create da altri utenti all interno del sistema. Come curvare i social network alle esigenze di progetti, didattiche e processi di apprendimento collaborativi sia tra classi che tra scuole? Facebook, MySpace, Orkut, Anobii, sono alcuni dei social network presenti oggi nella rete. Ciascuno di essi offre una tipologia di programmi definiti social software tramite cui gli utilizzatori possono incontrarsi, interagire e condividere dati (Wikipedia). Secondo lo studioso di media digitali Clay Shirky (2002) i social software devono essere in grado di: supportare le conversazioni tra gruppi e individui consentire agli utenti di valutare il contenuto esplicitare le relazioni che esistono in Rete. A tale definizione, sicuramente 1.0, occorre aggiungere, per avvicinarci alla 2.0, quei software utili alla produzione e pubblicazione di contenuti in rete. Quindi quegli applicativi che consentono chat, forum, mondi virtuali, applicazioni per la produzione di contenuti vengono a identificarsi come social software. Allora, in un contesto di cooperazione e interazione fra istituti e/o classi, ad esempio si pensi a progetti interscuole come Cittadinanza e Costituzione, l utilizzo di un social network e/o di una piattaforma di e-learning si rivela necessario. Ma accanto ad essi occorre altresì utilizzare social software come: la tipologia wiki per creare e pubblicare pagine web in forma collaborativa (Wikipedia, Wikiquote, Wikimedia Commons) gli editor collaborativi in real-time per scrivere documenti a più mani (si pensi alla suite Google Docs). Questo tipo di programmi aiuta l organizzazione del lavoro di gruppo e a sviluppare dinamiche di collaborazione alternative chat e video-chat per discutere in tempo reale su temi emersi in fase di avvio o di costruzione di un progetto forum per avviare un dibattito più meditato intorno a temi, problemi incontrati o proposti tecnologia VoIp, come Skype, per effettuare video chiamate o chattare qualora vi siano difficoltà di collegamento 8

9 social tagging che consentono di condividere, classificare e organizzare contenuti come siti web, testi, video, foto. Si pensi ad esempio a servizi di photosharing (Flickr), video (You Tube), news (Digg), bookmarking (Delicious). Social media Nel definire l uso dei social network al fine della cooperazione e interazione fra classi e scuole, vi è da superare il concetto di radio e televisione con il loro paradigma di comunicazione unidirezionale uno a molti. Il modello prevalente di comunicazione in una logica 2.0 deve essere molti a molti in cui ciascuno può essere emittente di contenuti e tutti i destinatari hanno la possibilità di replicare interagendo con la sorgente e gli altri fruitori. In tale categoria utile per reti di scuole e comunicazioni interclasse, possiamo inserire strumenti in grado di permettere la condivisione di risorse, materiali ed esperienze didattiche come ad esempio: blog (WordPress, Blogger, Edublog) citizen journalism o giornalismo partecipativo blook (blog + book) In defintiva blog, wiki, reti sociali configurano contesti in cui i soggetti (istituti, classi, individui) possono produrre rappresentazioni di sé, creare relazioni, esercitare forme di partecipazione, esprimersi attraverso la realizzazione di contenuti. La modalità di definizione, attuazione dell attività didattica al di fuori dell orario scolastico L utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione rappresentano un contenuto essenziale nella definizione delle competenze di base. Da ciò deriva che tutte le scuole e i centri d insegnamento dovranno non solo disporre di attrezzature e risorse multimediali di elevata qualità (collegamenti Internet a banda larga, wireless, ecc.), ma anche offrire servizi educativi come software specifici, servizi a distanza e locali (virtuali/reali), assistenza, orientamento e livelli adeguati di sostegno pedagogico. L organizzazione dell attività didattica, al di fuori dell orario scolastico, necessita di una definizione che miri in primo luogo a stabilire il perché e il quando si rende necessario tutto ciò. L attività didattica al di fuori dell orario scolastico può rendersi necessaria nei seguenti casi: 1. malattia breve 2. malattia lunga 3. visita guidata(1gg.) 4. viaggio istruzione in Italia(>5gg) 5. viaggio istruzione estero (> 5 gg) 6. stage linguistico (7gg) 7. alternanza scuola-lavoro (14 gg) 8. attività di recupero/potenziamento 9. discussione in tempo reale su un tema individuato in classe 10. risoluzione di un problema 11. discussione di approfondimento tematico. In relazione a tale casistica, sarà opportuno avere a disposizione una serie di risorse utili per la progettazione di opportuni interventi pensati per un apprendimento autonomo online. In tale direzione ci vengono in aiuto i Learning Object (LO), intesa come entità digitale o non digitale che viene utilizzata per apprendere, istruire, educare e che può essere riutilizzata e impiegata come riferimento nell apprendimento supportato da strumenti tecnologici (IEEE 2000). I LO vengono progettati dai docenti e posti in un opportuna repository a cui possono accedere gli interessati tramite opportune password. Gli ambienti più idonei per questo tipo di lavoro è possibile individuarli nel cloud e nelle piattaforme di e-learning. In quest ultimo, vero e proprio ambiente di apprendimento, è possibile attivare: forum chat video chat videoconferenze assegnare lavori da svolgere a casa progettare questionari a risposta singola, multipla, aperta. forum di approfondimento tematico e risoluzione di problemi comunicazioni sull attività didattica Inoltre si potrebbe pensare nell avviare una lezione in diretta da scuola che lo studente assente può seguire da casa, o comunque registrare la lezione e renderla disponibile in rete. 9

10 Inoltre nel web è possibile anche attivare: blog siti internet videochiamate piattaforma e-learning social network area comune per elaborare ipertesti, ipermedia web quest contatti con esperti del territorio nazionale e con esperti di altre nazioni contatti/gemellaggi con coetanei di altre regioni/nazioni Nel cloud, occorre sfruttarne la potenzialità in quanto repository di oggetti didattici interattivi e multimediali. Questo consente di poter utilizzare, da qualsiasi postazione ci si trovi, il materiale depositato. Conclusioni Appare evidente che oggi un processo formativo non può prescindere dall utilizzo delle nuove tecnologie. Il mondo del lavoro ne è invaso, così come la vita di tutti i giorni. In tal senso occorre reinterpretare le teorie didattico-pedagogiche in modo tale che si arrivi ad un utilizzo consapevole, virtuoso e fruttuoso di tali oggetti. L ITC Oberdan, avverte la forte necessità di intraprendere tale via, alcuni docenti hanno già costituito dei gruppi di studio in tal senso. Nel nostro Istituto, sempre più spesso colleghi dell area umanistica invadono con le loro classi i laboratori di informatica, specie quando la didattica è quella proposta dal WebQuest, la cui spinta laboratoriale è evidente. Ma la scuola, rispetto al territorio, ha un marcia in più, essa non somministra solo competenze e capacità legate a quelle che potrebbero essere la futura professione o l insieme dei saperi utili alla carriera universitaria di uno studente. Essa è in grado di iniettare del valore aggiunto in termini di sistemi valoriali basati sulle buone pratiche di condivisione etica dello stare insieme e sul valore d uso delle conoscenze, competenze e capacità, in quanto invita, attraverso una didattica attiva, a condividere valori e saperi per avviare ricerche di soluzioni che possano trovare nelle idee e nella 10

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

DIDATTICA ATTIVA SU MOODLE: PROSPETTIVE PER IL FREQUENTANTE ONLINE

DIDATTICA ATTIVA SU MOODLE: PROSPETTIVE PER IL FREQUENTANTE ONLINE DIDATTICA ATTIVA SU MOODLE: PROSPETTIVE PER IL FREQUENTANTE ONLINE Alessio Ceccherelli 1, Andrea Volterrani 2 1 Scuola Istruzione a Distanza, Università di Roma Tor Vergata ceccherelli@scuolaiad.it 2 Dipartimento

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Learning 4 All Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Autore/i Data Versione Reviewer Ferrari L., Lovece S. 12/10/2010 1.1 Luigi Guerra, Elena Pacetti, Manuela Fabbri, Enrico

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Lettera aperta agli studenti di questo pianeta

Lettera aperta agli studenti di questo pianeta Lettera aperta agli studenti di questo pianeta Postscritto all edizione tascabile dell estate 2011 di The World Is Open: How Web Technology Is Revolutionizing Education C U R T I S J. B O N K, P R O F

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Micro.Stat Workshop laboratori

Micro.Stat Workshop laboratori Promozione e diffusione della cultura statistica Micro.Stat Workshop laboratori I numeri raccontano storie a chi li sa leggere. Le statistiche parlano di ciò che siamo e della società in cui viviamo. Chi

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli