PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO DIFFUSO NELLA CITTA CONSOLIDATA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE AMBITO N.1 RONDO TORRETTA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO DIFFUSO NELLA CITTA CONSOLIDATA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE AMBITO N.1 RONDO TORRETTA"

Transcript

1 PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO DIFFUSO NELLA CITTA CONSOLIDATA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE AMBITO N.1 RONDO TORRETTA

2 Indice Titolo I Art.1 Art.2 Ambito di applicazione, articolazione territoriale, finalità ed elaborati del Programma Integrato di Intervento...4 Ambito di applicazione...4 Definizioni...4 Art.3 Obiettivi del Programma Integrato di Intervento...4 Art.4 Art.5 Titolo II Art.6 Modalità di attuazione...5 Elaborati costitutivi del Programma Integrato di Intervento...5 Destinazioni d uso e parametri urbanistici ed edilizi del Programma Integrato di Intervento...7 Indici di edificabilità...7 Art.7 Destinazioni d uso ammesse...7 Art.8 Art.9 Interventi edilizi, consistenza volumetrica e destinazioni d uso degli edifici da realizzare o ristrutturare nelle aree di intervento...7 Interventi edilizi previsti e destinazioni d uso da insediare nell edificio di via XX Settembre n.90 (Area di intervento A)...9 Art.10 Parametri edilizi, distanze e altezze dei nuovi edifici a destinazione privata...9 Art.11 Sistemazioni delle aree di pertinenza degli edifici a destinazione privata Art.12 Dotazione di parcheggi a servizio degli edifici a destinazione privata Art.13 Aree destinate ad opere di urbanizzazione Titolo III Modalità di attuazione e termini di validità del Programma Integrato di Intervento...11 Art.14 Presupposti per l attuazione degli interventi edilizi consentiti dal Programma Integrato di Intervento Art.15 Articolazione temporale degli interventi Art.16 Modifiche al Programma Integrato di Intervento Art.17 Termini di validità del Programma Integrato di Intervento ALLEGATO n. 1 alle Norme Tecniche di Attuazione...13 SCHEDA DELLE DEFINIZIONI

3 Art.1 Definizione dei parametri urbanistici ed edilizi da applicare all ambito n 1 Rondò - Torretta Art.2 Definizione degli interventi ammessi nell ambito n 1 Rondò - Torretta ALLEGATO n. 2 alle Norme Tecniche di Attuazione...16 DEFINIZIONE DELLE DESTINAZIONI D USO...16 Art.1 Destinazioni d uso ammesse nelle aree di intervento Art.2 Esclusione di destinazioni d uso

4 Titolo I Ambito di applicazione, articolazione territoriale, finalità ed elaborati del Programma Integrato di Intervento Art.1 Ambito di applicazione 1. Le presenti norme si applicano all ambito Rondò - Torretta, costituito dalle seguenti aree di intervento: 1.1 Aree di intervento di proprietà privata: - Area di intervento 01 area e immobili di piazza di Trento Trieste - Area di intervento 06 area e immobili di viale Gramsci Area di intervento 12 area di viale Gramsci n Area di intervento 24 area di via Firenze - Area di intervento 25 area e immobili di via Risorgimento via Corridoni - Area di intervento 27 area e immobili di via Cardinal Ferrari n Area di intervento 50 area e immobili di via Battisti via Magenta - Area di intervento 69 area e immobili di via Bergomi n Aree di intervento di proprietà comunale: - Area di intervento A immobile di via XX Settembre n.90 - Area di intervento P1 area di parcheggio di via Baracca Area di intervento P2 area di parcheggio di via Cardinal Ferrari, ang. via XX settembre - Area di intervento P3 - area di parcheggio di via XX settembre, ang. via Cardinal Ferrari - Area di intervento P5 - area di parcheggio di via Corridoni angolo via Zorzi 2. Le aree di intervento sono graficamente individuate nella tavola 1 Inquadramento territoriale e 4 bis Sistema degli interventi di riqualificazione urbanistica e ambientale del Programma Integrato di Intervento. Art.2 Definizioni 1. Ai fini delle presenti norme si assumono le definizioni fornite dall allegato n.1 Scheda delle definizioni. Art.3 Obiettivi del Programma Integrato di Intervento 1. In coerenza con i requisiti della Legge Regionale 12 aprile 1999 n.9 e con le indicazioni del Documento di Inquadramento approvato dal Consiglio Comunale, il Programma Integrato di Intervento promuove la riqualificazione architettonica, urbana e ambientale 4

5 della città costruita attraverso la contestuale realizzazione di interventi puntuali di ricucitura e razionalizzazione del tessuto edilizio esistente che comportano la costruzione di nuovi edifici in aree interstiziali e il recupero di immobili dismessi e degradati. 2. Il Programma Integrato di Intervento è altresì rivolto al miglioramento dell offerta di servizi a beneficio del quartiere e della città, al completamento di spazi pubblici nonché alla sistemazione e al potenziamento delle urbanizzazioni e dei sottoservizi esistenti. Art.4 Modalità di attuazione 1. Il Programma Integrato di Intervento trova attuazione mediante gli interventi definiti nell allegato n.1 Scheda delle definizioni, che verranno realizzati a seguito della stipula della convenzione attuativa di cui al successivo Art Il Programma Integrato di Intervento garantisce la dotazione di standard urbanistici determinata secondo le modalità dell art.6 della Legge Regionale 12 aprile 1999 n La convenzione attuativa prevede la cessione gratuita al Comune o l asservimento ad uso pubblico di aree destinate alla realizzazione di attrezzature urbanistiche primarie e secondarie nonché di opere di allacciamento ai pubblici servizi. 4. In coerenza con le disposizioni dell art.6 della Legge Regionale 12 aprile 1999 n.9 e come precisato al successivo Art.9, i Soggetti Attuatori si impegnano nella convenzione attuativa a finanziare i lavori di sistemazione dei parcheggi pubblici P1, P2, P3 e P5 e le opere di ristrutturazione dell edificio di via XX Settembre n.90 quale sede di servizi di uso e interesse pubblico. L importo del finanziamento è almeno pari al valore delle aree a standard non reperite nelle aree di intervento di proprietà privata. 5. Sono a carico dei Soggetti Attuatori gli obblighi relativi alle opere di risanamento ambientale delle aree di intervento di proprietà privata, la cui necessità o opportunità emerga a seguito di verifiche sullo stato dei luoghi. Art.5 Elaborati costitutivi del Programma Integrato di Intervento 1. Costituiscono parte integrante del Programma Integrato di Intervento i seguenti elaborati, redatti in conformità alle disposizioni contenute nel punto 8 della Delibera della Giunta Regionale 9 luglio 1999 n.6/44161 Adempimenti previsti dall art.7, comma 3 della Legge Regionale 12 aprile 1999 n.9 Disciplina dei Programmi Integrati di Intervento. Approvazione circolare esplicativa : tav. 1) Planimetria di inquadramento territoriale; tav. 2) Planimetria e Documentazione fotografica dello stato di fatto degli ambiti di intervento; tav. 3) Azzonamento del Piano Regolatore Generale vigente, della Variante al Piano regolatore Generale vigente e della Variante Generale adottata; tav. 4) Progetto planivolumetrico; 5

6 tav. 4bis) Sistema degli interventi di riqualificazione urbanistica e ambientale; tav. 5) Progetto delle opere di adeguamento dei sottoservizi tecnologici, delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria; tav. 6) Progetto dell opera comunale standard qualitativo; doc. 7) Computo metrico estimativo; doc. 8) Relazione tecnica; doc. 9) Relazione economica; doc. 10) Schema di convenzione; doc. 11) Norme Tecniche di Attuazione del Programma Integrato di Intervento; doc. 12) Relazione tecnica di valutazione dell'impatto paesistico; doc. 13) Documentazione integrativa relativa ai dati catastali di proprietà: Planimetrie catastali; doc. 14) Documentazione integrativa relativa ai dati catastali di proprietà: Atto di acquisizione; 6

7 Titolo II Destinazioni d uso e parametri urbanistici ed edilizi del Programma Integrato di Intervento Art.6 Indici di edificabilità 1. Con riferimento all articolazione territoriale del Programma Integrato di Intervento definita al precedente Art.1, alle aree di intervento vengono assegnati i seguenti indici di edificabilità: 1.1 Aree di intervento di proprietà privata: indice fondiario di edificabilità (I.F.) massimo 0,77 mq/mq 1.2 Area di intervento di proprietà comunale A: indice fondiario di edificabilità (I.F.) massimo 1 mq/mq 2. Alle aree di intervento di proprietà comunale P1, P2, P3 e P5 non vengono assegnati diritti edificatori. 3. Per le aree di intervento sono fatti salvi maggiori diritti edificatori derivanti : 3.1 da interventi di sostituzione edilizia di cui all allegato n.1 Scheda delle definizioni che comportino il riutilizzo della superficie lorda di pavimento degli edifici esistenti incrementata del 10%; 3.2 da trasferimenti di superficie lorda di pavimento disciplinati dalle presenti norme. Art.7 Destinazioni d uso ammesse 1. Nelle aree di intervento sono ammesse le seguenti destinazioni d uso: 1.1 Aree di intervento di proprietà privata: residenza e attività compatibili di cui all Art.1, comma 1 dell allegato n.2 Definizione delle destinazioni d uso ; 1.2 Area di intervento di proprietà comunale A: attrezzature pubbliche, di uso e interesse pubblico o di interesse generale di cui all Art.1, comma 2 dell allegato n.2 Definizione delle destinazioni d uso ; 1.3 Aree di intervento di proprietà comunale P1, P2, P3, P5: parcheggi pubblici di cui all Art.1, comma 3 dell allegato n.2 Definizione delle destinazioni d uso Art.8 Interventi edilizi, consistenza volumetrica e destinazioni d uso degli edifici da realizzare o ristrutturare nelle aree di intervento 1. Nelle aree di intervento vengono previsti i seguenti interventi edilizi: 1.1 Aree di intervento 01, 06, 12, 25, 50 e 69: sostituzione edilizia degli immobili esistenti; 1.2 Area di intervento 24: nuova costruzione; 7

8 1.3 Area di intervento 27: ristrutturazione edilizia riproduttiva dello stabile di via Cardinal Ferrari n e sostituzione edilizia degli altri immobili compresi nell area di intervento; 1.4 Area di intervento A: ristrutturazione edilizia; 1.5 Aree di intervento P1, P2, P3 e P5: opere di urbanizzazione. 2. Per lo stabile di via Cardinal Ferrari n tutelato dalla Variante Generale al Piano Regolatore adottata con Delibera del Consiglio Comunale n.47 del 18 luglio 2000 quale edificio di valore storico documentale è richiesta la conservazione del fronte lungo strada. Per il medesimo immobile è ammesso l incremento di un piano abitabile nonché - per ragioni derivanti dall inserimento di scale, ascensori, passaggi e impianti ovvero per altre motivate ragioni di carattere progettuale - la modifica della sagoma e dell ingombro in conformità al progetto planivolumetrico definito dalla tavola n. 4b. 3. In coerenza con le disposizioni dei precedenti Art.6 e Art.7, alle aree di intervento di proprietà privata vengono assegnate dal Programma Integrato di Intervento le seguenti superfici lorde di pavimento e destinazioni d uso: 4.1. Area di intervento 01: superficie lorda di pavimento massima: 748 mq destinazione d uso: residenza (cat.a); 4.2. Area di intervento 06: superficie lorda di pavimento massima: mq destinazione d uso: residenza (cat.a); 4.3. Area di intervento 12: superficie lorda di pavimento massima:754 mq destinazione d uso: residenza (cat.a); 4.4. Area di intervento 24: superficie lorda di pavimento massima: 312 mq destinazione d uso: residenza (cat.a); 4.5. Area di intervento 25: superficie lorda di pavimento massima: mq destinazione d uso: residenza (cat.a); 4.6. Area di intervento 27: superficie lorda di pavimento massima: mq destinazioni d uso: residenza (cat.a) e attività compatibili; 4.7. Area di intervento 50: superficie lorda di pavimento massima: 678 mq destinazione d uso: residenza (cat.a); 4.8. Area di intervento 69: superficie lorda di pavimento massima: 681 mq destinazione d uso: residenza (cat.a). 4. E ammesso il trasferimento, verso l area di intervento 25, di una superficie lorda di pavimento non superiore a 316 mq, derivante dal Programma Integrato di Intervento relativo all ambito n.3, Isola del Bosco delle Corti. La superficie lorda di pavimento 8

9 oggetto di trasferimento si aggiunge a quella prevista al precedente punto 4.5 e mantiene la destinazione d uso residenziale (cat.a). 5. Le modalità e le garanzie in ordine al trasferimento di superficie lorda di pavimento sono disciplinate dalla convenzione attuativa. Art.9 Interventi edilizi previsti e destinazioni d uso da insediare nell edificio di via XX Settembre n.90 (Area di intervento A) 1. Il Programma Integrato di Intervento prevede la ristrutturazione edilizia dell edificio comunale di via XX Settembre n.90 (Area di intervento A) già in parte utilizzato come asilo nido, scuola materna e per altri servizi comunali - per consentire l insediamento delle funzioni indicate all Art.7, e in particolare di associazioni e gruppi di volontariato. 2. In coerenza con le disposizioni dell art.6 della Legge Regionale 12 aprile 1999 n.9, le opere di ristrutturazione indicate al comma precedente, meglio definite nel progetto preliminare di cui all Art.5, devono essere finanziate dai Soggetti Attuatori unitamente ai lavori di sistemazione dei parcheggi pubblici P1, P2, P3 e P5 per un importo almeno pari al valore economico delle aree a standard non altrimenti reperite. 3. Gli impegni e le garanzie in ordine al finanziamento delle opere indicate ai precedenti commi sono disciplinate dalla convenzione attuativa. Art.10 Parametri edilizi, distanze e altezze dei nuovi edifici a destinazione privata 1. Gli edifici a destinazione privata da realizzare mediante interventi di nuova costruzione o di sostituzione edilizia saranno costruiti in conformità ai progetti planivolumetrici di cui alle tavole n. 4 e nel rispetto dei seguenti parametri urbanistici edilizi: 1.1 Rapporto di copertura (R.C.) massimo: 30 per cento; 1.2 Rapporto di occupazione del sottosuolo (R.O.S.) massimo: 60 per cento; 1.3 Altezza (H.) massima: 1,5 volte la larghezza stradale e comunque non superiore a 25 metri. Nel caso della realizzazione di un edificio su strade con diversa larghezza, anche per il fronte sulla strada di minore larghezza è consentito raggiungere, per una profondità pari a 12 metri, l altezza calcolata con riferimento alla strada di maggiore larghezza; 1.4 Filo edilizio obbligatorio in caso di allineamento degli edifici esistenti sulle aree contigue; 1.5 Distanza dai confini (D.C.): minimo ½ dell altezza (H.) degli edifici in progetto e comunque non inferiore a 5 metri. E ammessa la costruzione in aderenza in caso di preesistenza edilizia a confine o di accordo trascritto tra proprietà confinanti; 1.6 Distanza tra edifici (D.E.) su aree indivise: minimo 10 metri; 1.7 Distanza tra pareti finestrate (D.P.F.): minimo 10 metri. 9

10 2. Le previsioni delle tavole n. 4 di progetto planivolumetrico prevalgono sui parametri urbanistici ed edilizi di cui comma 1. L altezza massima di gronda indicata nelle tavole n 4 di progetto planivolumetrico sostituisce l altezza (H) massima indicata al punto 1.3. Rimane comunque fermo il rispetto della distanza di cui al punto 1.7 nonché di ulteriori limitazioni derivanti da vigenti disposizioni in materia di igiene edilizia ed ambientale. 3. Sono ammesse, in fase di attuazione del Programma Integrato di Intervento, modifiche planivolumetriche ex art.7 comma 10 della Legge Regionale 23 giugno 1997 n.23, nel rispetto del successivo Art.16. Art.11 Sistemazioni delle aree di pertinenza degli edifici a destinazione privata 2. I lavori di sistemazione e, ove previsti, di recinzione delle aree di pertinenza, costituiscono parte integrante delle opere di nuova costruzione, sostituzione e di ristrutturazione degli edifici e saranno realizzati in conformità al cronoprogramma allegato alla relazione economica del Programma Integrato di Intervento. Art.12 Dotazione di parcheggi a servizio degli edifici a destinazione privata 1. Per i nuovi edifici a destinazione privata da realizzare mediante interventi di nuova costruzione o di sostituzione edilizia e per quelli oggetto di ristrutturazione edilizia riproduttiva è richiesta la seguente dotazione minima di parcheggi privati pertinenziali: 1.1 destinazione d uso residenza: 1 mq ogni 3 mq di superficie lorda di pavimento per i nuovi edifici o parti di essi destinati a residenza; 1.2 destinazione d uso compatibili con la residenza: 2 mq ogni 3 mq di superficie lorda di pavimento. Art.13 Aree destinate ad opere di urbanizzazione 1. Il Programma Integrato di Intervento prevede la riqualificazione dei parcheggi pubblici compresi nelle aree di intervento di proprietà comunale P1, P2, P3 e P5. Le opere di riqualificazione sono definite dal progetto preliminare di cui all Art Il Programma Integrato di Intervento individua nelle aree di intervento di proprietà privata ulteriori aree per urbanizzazioni, da cedere gratuitamente al Comune o da asservire ad uso pubblico. Le aree sono indicate nelle tavole n.4 e 5 di cui all Art La sistemazione delle aree di cui al comma 2, è realizzata dai Soggetti Attuatori a scomputo degli oneri di urbanizzazione dovuti per l esecuzione degli interventi edilizi compresi nel Programma Integrato di Intervento. 4. La convenzione attuativa del Programma Integrato di Intervento disciplina gli impegni dei Soggetti Attuatori in ordine alla cessione di aree, alla realizzazione dei necessari lavori di demolizione degli stabili su di esse insistenti e alla realizzazione delle sistemazioni di cui ai precedenti commi 2 e 2 in conformità alle prescrizioni contenute negli elaborati tecnici del Programma stesso e nel rispetto dei tempi definiti dal cronoprogramma allegato alla relazione economica e con le relative garanzie. 10

11 Titolo III Modalità di attuazione e termini di validità del Programma Integrato di Intervento Art.14 Presupposti per l attuazione degli interventi edilizi consentiti dal Programma Integrato di Intervento 1. L attuazione degli interventi previsti dal Programma Integrato di Intervento è subordinata alla stipula della convenzione attuativa, che dovrà intervenire con le modalità ed entro i termini previsti dalla medesima convenzione. 2. Fino alla data di stipula della convenzione attuativa sono ammessi nelle aree di intervento di proprietà privata: - gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici esistenti nonché gli altri interventi strettamente necessari per la messa in sicurezza degli immobili e il rispetto di prescrizioni di legge; - i lavori di demolizione coerenti con le previsioni del Programma Integrato di Intervento. 3. Nelle aree di intervento di proprietà comunale sono ammessi tutti gli interventi edilizi di cui all allegato n.1 Scheda delle definizioni, che risultino coerenti con le previsioni urbanistiche del Programma Integrato di Intervento. Art.15 Articolazione temporale degli interventi 1. L articolazione temporale degli interventi previsti dal Programma Integrato di Intervento viene definita dal cronoprogramma allegato alla relazione economica e, quanto agli impegni in capo ai Soggetti Attuatori, dalla convenzione attuativa. 2. Presupposto per l accertamento dell agibilità dei nuovi edifici previsti dal Programma Integrato di Intervento è il loro allacciamento ai pubblici servizi e il compimento delle opere di urbanizzazione ad essi relative. Art.16 Modifiche al Programma Integrato di Intervento 1. Nel rispetto del dimensionamento globale degli insediamenti previsti, della dotazione di aree e spazi pubblici e di uso pubblico individuata e delle caratteristiche tipologiche di impostazione di cui al successivo comma, sono ammesse modifiche planivolumetriche al Programma Integrato di Intervento promosse anche su iniziativa dei Soggetti attuatori interessati. 2. Ai sensi e per gli effetti dell art.7 comma 10 della Legge Regionale 23 giugno 1997 n.23 si intendono come caratteristiche tipologiche di impostazione del Programma Integrato di Intervento: 2.1 le destinazioni d uso ammesse dall Art.7 e la superficie lorda di pavimento massima attribuita dall Art.8 alle aree di intervento di proprietà privata; 11

12 2.2 le opere di ristrutturazione dell edificio comunale di via XX Settembre n.90; 2.3 l altezza massima prescritta dal punto 1.3 dell Art.10 ovvero dalle tavole n. 4 di progetto planivolumetrico per i nuovi edifici da realizzare nelle aree di intervento di proprietà privata; 3. Le proposte di modifiche planivolumetriche saranno redatte nel rispetto dei parametri edilizi e dei limiti di altezza e distanza tra le costruzioni prescritti dall Art.10, da verificare limitatamente agli edifici - o loro parti - interessati dalle modifiche stesse. Potranno essere concesse deroghe ai parametri edilizi e ai limiti di cui sopra congruamente motivate sotto il profilo tecnico e urbanistico. 4. Qualora le proposte di modifiche planivolumetriche dovessero comportare anche mutamenti delle destinazioni d uso previste nelle aree di intervento, i Soggetti Attuatori provvedono, ove necessario, al reperimento della dotazione aggiuntiva di standard urbanistici nelle forme consentite dall art.6 della Legge Regionale 12 aprile 1999 n Le proposte di modifiche planivolumetriche verranno corredate da adeguati elaborati tecnici che rappresenteranno, anche all opportuna scala urbanistica, le mutate situazioni progettuali. Art.17 Termini di validità del Programma Integrato di Intervento 1. Il Programma Integrato di Intervento ha validità di cinque anni dalla data di stipula della convenzione attuativa. 12

13 ALLEGATO n. 1 alle Norme Tecniche di Attuazione del Programma Integrato di Intervento relativo all ambito Rondò - Torretta SCHEDA DELLE DEFINIZIONI Art.1 Definizione dei parametri urbanistici ed edilizi da applicare all ambito n 1 Rondò - Torretta 1. I parametri urbanistici ed edilizi da applicare all ambito n.1 Rondò - Torretta, ai fini delle presenti norme si definiscono come segue: 1.1 Superficie fondiaria (S.F.): rappresenta la superficie delle aree di intervento comprese nell ambito n.1 Rondò - Torretta. 1.2 Superficie lorda di pavimento (S.L.P.): Somma della superficie di tutti i piani abitabili o agibili fuori terra, in sottosuolo, nei sottotetti e dei soppalchi. La suddetta superficie deve essere calcolata al lordo di tutte le murature interne e perimetrali. Costituiscono parte della superficie lorda di pavimento i locali ricavati nei sottotetti degli edifici che presentano i requisiti necessari per la loro trasformazione in locali abitabili in applicazione della Legge Regionale 15 luglio 1996 n.15 e successive modifiche e integrazioni. Sono esclusi dal calcolo della superficie lorda di pavimento: a- i porticati e pilotis anche se chiusi con vetrate purché di uso pubblico; b- i balconi, le terrazze, le logge; c- le cantine di edifici industriali e artigianali, per una superficie massima pari al sedime di detti edifici e le cantine in genere; d- le superfici adibite a parcheggi e i relativi spazi di manovra; e- i locali destinati alla installazione di impianti tecnologici (di riscaldamento e condizionamento, cabine elettriche, locali macchine, ascensori, ecc.); f- i soppalchi, se totalmente aperti sul lato maggiore, per una superficie massima pari al 30 per cento della superficie netta del locale su cui si affacciano ed una altezza massima di 2,50 m; g- i sottotetti non aventi le caratteristiche sopra indicate. Ai corpi scala, compreso vano ascensore, delle nuove edificazioni viene assegnata una dimensione virtuale di 18 mq per ogni piano fuori terra. 1.3 Superficie coperta (S.C.): Area della proiezione, sul piano orizzontale, del massimo ingombro delle parti edificate fuori terra, delimitate dalle superfici esterne delle 13

14 murature perimetrali o, in loro mancanza, dai piani verticali circoscritti alle strutture portanti, con l'esclusione delle proiezioni di parti esterne (sporti, intesi anche come volumi, cornicioni, pensiline, tettoie) aggettanti non più di 2 m e per non più del 10 per cento della superficie coperta assunta. 1.4 Indice fondiario di edificabilità (I.F.): definisce la superficie lorda di pavimento edificabile per ogni metro quadrato di superficie fondiaria. 1.5 Rapporto di copertura (R.C.): rappresenta il rapporto, misurato in percentuale, tra superficie coperta e superficie fondiaria degli edifici. 1.6 Rapporto di occupazione del sottosuolo (R.O.S.): rappresenta il rapporto, misurato in percentuale, tra l area di pertinenza e la proiezione delle superfici utilizzate sotto il livello stradale o di campagna. 1.7 Distanze dai confini (D.C.): rappresenta la distanza degli edifici dai confini misurata perpendicolarmente ai confini stessi in proiezione orizzontale. 1.8 Distanza tra edifici (D.E.): rappresenta la lunghezza del segmento minimo congiungente i fabbricati. Nel calcolo della distanza tra i fabbricati e dai confini vengono considerate anche le sporgenze dei terrazzi o dei balconi superiori a m 1,20 restando esclusi solamente gli aggetti delle coperture e degli elementi decorativi. 1.9 Distanza tra pareti finestrate (D.P.F.): rappresenta la distanza tra le pareti finestrate di edifici limitrofi, da osservarsi anche quando una sola delle pareti frontistanti è finestrata. Non si considerano finestrate le pareti con aperture destinate unicamente all'aerazione dei servizi igienici, di locali tecnici e dei vani scala Altezza degli edifici (H.): rappresenta la differenza di quota tra il piano del marciapiede stradale all intradosso del solaio di copertura dell ultimo piano abitabile o agibile, fatto salvo quanto disposto dall art.57 del Regolamento Edilizio Comunale approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.9 del 29 gennaio Altezza di gronda: rappresenta l altezza degli edifici misurata sul fronte degli stessi dal piano del pubblico marciapiede all intradosso del solaio di copertura in corrispondenza del filo di gronda. Art.2 Definizione degli interventi ammessi nell ambito n 1 Rondò - Torretta 1. Per la classificazione degli interventi ammessi nell ambito n.1 Rondò - Torretta si rimanda alle definizioni di cui all art.3 del Decreto Legislativo 6 giugno 2001 n.380 e successive modifiche e integrazioni. 2. Fatte salve le definizioni generali di cui al precedente comma, ai fini delle norme tecniche di attuazione del Programma Integrato di Intervento si intendono, nello specifico, come: 2.1 Ristrutturazione edilizia: gli interventi rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possono portare ad un organismo 14

15 edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente. Tali interventi comprendono il ripristino o la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell'edificio, l eliminazione, la modifica e l'inserimento di nuovi elementi ed impianti; essi non possono risultare tali da comportare la sostituzione di più di uno dei muri perimetrali dell'edificio; 2.2 Ristrutturazione edilizia riproduttiva: gli interventi rivolti alla sostituzione fedele di un edificio. Il nuovo organismo edilizio conseguente a detta sostituzione deve avere lo stesso ingombro, la stessa sagoma, le stesse facciate e lo stesso numero di piani di quello preesistente. Fermi restando i limiti di cui sopra, sono ammesse modifiche a fini di adeguamento igienico e tecnologico, l inserimento di nuovi elementi ed impianti necessari agli stessi fini e le modifiche distributive necessarie al fine di rendere più funzionale l edificio. 2.3 Sostituzione edilizia: gli interventi rivolti alla sostituzione di edifici esistenti non segnalati per il particolare valore storico, culturale, ambientale o architettonico. 15

16 ALLEGATO n. 2 alle Norme Tecniche di Attuazione del Programma Integrato di Intervento relativo all ambito n.1 Rondò - Torretta DEFINIZIONE DELLE DESTINAZIONI D USO Art.1 Destinazioni d uso ammesse nelle aree di intervento 1. Destinazione d uso principale: Residenza (cat.a) 1.1 Destinazioni d uso compatibili con la residenza: - Attività ricettive (cat.b), intese come alberghi, pensioni, locande, pensionati, case per studenti, collegi; - Attività commerciali e pubblici esercizi (cat.d1), intese come esercizi di vicinato di cui al Decreto Legislativo 31 marzo 1998 n.114, attività di ristorazione e pubblici esercizi, attività artigianali di servizio; - Attività terziarie uffici (cat.e2), intese come studi professionali ed agenzie turistiche, immobiliari, bancarie, assicurative ecc.; - Attività artigianali non moleste insediate in edifici con tipologia assimilabile a quella degli edifici residenziali del contesto urbano in cui essi devono essere inseriti; - Attrezzature per il tempo libero; - Attrezzature e spazi pubblici, di uso e interesse pubblico o di interesse generale; 1.2 Alle funzioni compatibili con la residenza, eccezion fatta per quelle ricettive e per le attrezzature e spazi pubblici, di uso e interesse pubblico o di interesse generale, potrà essere destinata una quota parte non superiore al 20 per cento della superficie lorda di pavimento complessiva attribuita alle singole aree di intervento di proprietà privata. 2. Destinazione d uso principale: Attrezzature pubbliche, di uso e interesse pubblico o di interesse generale. 2.1 Nelle attrezzature di cui al precedente punto 2 sono ammesse, quali destinazioni d uso compatibili, gli uffici amministrativi, le attività ricreative e culturali di dopo-lavoro, le attività di ristorazione e i servizi in genere riservati al personale e agli utenti delle attrezzature stesse. 2.2 Fatte salve eventuali specifiche prescrizioni di legge o regolamentari, le destinazioni d uso compatibili di cui al comma 2.1 possono impegnare una quota non superiore al 30 per cento della superficie lorda di pavimento complessiva delle singole attrezzature. 16

17 3. Destinazione d uso principale: parcheggi pubblici, verde di arredo, spazi e percorsi pedonali funzionali all utilizzo dei parcheggi; Art.2 Esclusione di destinazioni d uso 1. Eccezion fatta per le destinazioni indicate come compatibili nel precedente articolo, e nei limiti dallo stesso consentiti, ai sensi e per gli effetti dell art.1, secondo comma, della Legge Regionale 15 gennaio 2001 n.1 sono escluse dalle aree di intervento dell ambito n.1 Rondò Torretta le seguenti destinazioni d uso: - Attività produttive manifatturiere (cat.c); - Attività commerciali di media distribuzione (cat.d2) di cui al Decreto Legislativo 31 marzo 1998 n.114; - Attività commerciali di grande distribuzione (cat.d3) di cui al Decreto Legislativo 31 marzo 1998 n.114; - Centri commerciali (cat.d4) di cui al Decreto Legislativo 31 marzo 1998 n.114; Attività per il commercio all ingrosso (cat.d5) di cui al Decreto Legislativo 31marzo 1998 n.114; - Attività terziarie uffici (cat.e1); - Impianti tecnologici (cat. G) - Produzione di beni e servizi 17

COMUNE DI SESTO S. GIOVANNI PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI SESTO S. GIOVANNI PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI SESTO S. GIOVANNI PROVINCIA DI MILANO PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO - LEGGE REGIONALE 11 MAR- ZO 2005, N 12 AREA TRIAKIS DI VIA MAZZINI ANGOLO VIA FALCK NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE La proprietà

Dettagli

Norme tecniche di Variante Urbanistica

Norme tecniche di Variante Urbanistica Norme tecniche di Variante Urbanistica relative al Comparto di via Milano via Pace / ex Monastero di San Nicolao, oggetto di Programma Integrato di Intervento ex Legge Regionale 9/99. 1 Le presenti disposizioni

Dettagli

ART. 1 DEFINIZIONI... 2 ART. 2 DESTINAZIONI D USO AMMESSE... 3 ART. 3 PARAMETRI E INDICI... 4 ART. 4 PARCHEGGI PRIVATI... 4

ART. 1 DEFINIZIONI... 2 ART. 2 DESTINAZIONI D USO AMMESSE... 3 ART. 3 PARAMETRI E INDICI... 4 ART. 4 PARCHEGGI PRIVATI... 4 INDICE ART. 1 DEFINIZIONI... 2 1.1 DESTINAZIONI... 2 1.2 SLP (mq): SUPERFICIE LORDA DI PAVIMENTO... 2 1.3 V (mc) = VOLUME... 2 1.4 H (m): ALTEZZA MASSIMA DEL FABBRICATO... 2 1.5 IT (mc/mq): INDICE VOLUMETRICO

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AMBITO EX ERCOLE MARELLI

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AMBITO EX ERCOLE MARELLI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AMBITO EX ERCOLE MARELLI 2 Indice Titolo I Ambito di applicazione, articolazione territoriale, finalità ed elaborati del

Dettagli

PGT ALLEGATO A. Norme Tecniche di Attuazione N.T.A. Lonate Ceppino. PIANO di GOVERNO del TERRITORIO

PGT ALLEGATO A. Norme Tecniche di Attuazione N.T.A. Lonate Ceppino. PIANO di GOVERNO del TERRITORIO Regione Lombardia comune Lonate Ceppino PGT PIANO di GOVERNO del TERRITORIO adottato in data 15 novembre 2012 approvato in data 10 giugno 2013 Norme Tecniche di Attuazione N.T.A. ALLEGATO A MODALITA DI

Dettagli

Piano Attuativo di Iniziativa Privata

Piano Attuativo di Iniziativa Privata Comune di Pisa Piano Attuativo di Iniziativa Privata Variante al Regolamento Urbanistico- Scheda Norma n. 06.1 Cisanello - area filtro verde - area agricola S. Michele - comparto 3 N o r m e T e c n i

Dettagli

Borgo Santa Caterina - SCHEDA

Borgo Santa Caterina - SCHEDA Borgo Santa Caterina - SCHEDA 695021028 Inventario dei Beni Culturali e Ambientali Scheda n 150116 DATI GENERALI Data rilievo: 19/06/2008 Località: Indirizzo: Indirizzo: Indirizzo: Foto aerea Borgo Santa

Dettagli

TORINO Via Bistagno, 10. Palazzo uffici

TORINO Via Bistagno, 10. Palazzo uffici TORINO Via Bistagno, 10 Palazzo uffici Aprile 2013 Localizzazione 2 Descrizione Il complesso immobiliare occupa un intero isolato, di forma romboidale, delimitato a nord-est da Via Monbasiglio, a est da

Dettagli

DISPOSIZIONI PROVINCIALI IN MATERIA DI DISTANZE (articolo 58 della legge provinciale 4 marzo 2008, n. 1)

DISPOSIZIONI PROVINCIALI IN MATERIA DI DISTANZE (articolo 58 della legge provinciale 4 marzo 2008, n. 1) DISPOSIZIONI PROVINCIALI IN MATERIA DI DISTANZE (articolo 58 della legge provinciale 4 marzo 2008, n. 1) (approvate con deliberazione della Giunta provinciale n. 2023 di data 3 settembre 2010) Art. 1 Disposizioni

Dettagli

Ai fini dell'applicazione delle presenti Norme, si utilizzano le seguenti definizioni:

Ai fini dell'applicazione delle presenti Norme, si utilizzano le seguenti definizioni: Art. 3 - Definizioni Ai fini dell'applicazione delle presenti Norme, si utilizzano le seguenti definizioni: 1. Zona Parte del territorio definita dalla Variante Generale del P.R.G. in base a caratteri

Dettagli

N.T.A. PIANO DELLE REGOLE

N.T.A. PIANO DELLE REGOLE VIGENTE ART. 2 INDICI E PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI St: Superficie territoriale (mq) E la superficie complessiva delle aree necessarie per l'attuazione degli interventi, comprensiva di tutte le aree

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ART.1 VALIDITAʼ DELLE NORME La porzione di territorio del Comune di Ceggia, situata tra via Roma e via Foscolo, che insiste sui mappali 92, 94, 824, 756, 1639, 1641, del Foglio

Dettagli

Art. 1 Disposizioni generali.

Art. 1 Disposizioni generali. ALLEGATO 2 DISPOSIZIONI PROVINCIALI IN MATERIA DI DISTANZE (articolo 58 della legge provinciale 4 marzo 2008, n. 1) (Testo coordinato dell'allegato 2 alla deliberazione della Giunta provinciale n. 2023

Dettagli

Disposizioni provinciali in materia di distanze. Art. 1 Disposizioni generali

Disposizioni provinciali in materia di distanze. Art. 1 Disposizioni generali Disposizioni provinciali in materia di distanze Art. 1 Disposizioni generali 1. Questa deliberazione disciplina, ai sensi dell articolo 59, comma 2, della legge provinciale: a) le distanze minime tra edifici

Dettagli

PGT Piano di Governo del Territorio

PGT Piano di Governo del Territorio Comune di Torre de Busi (Provincia di Lecco) PGT Piano di Governo del Territorio Variante n 3 ESTRATTO NORME TECNICHE PIANO DELLE REGOLE Il progettista LEO arch. Domenico del T 1 INDICE NORME VARIATE 2.

Dettagli

COMUNE DI CAPENA (RM) REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI MANUFATTI PERTINENZIALI

COMUNE DI CAPENA (RM) REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI MANUFATTI PERTINENZIALI COMUNE DI CAPENA (RM) REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI MANUFATTI PERTINENZIALI Allegato alla Delibera di Consiglio Comunale n. 15 del 08/04/2014 COMUNE DI CAPENA REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI

Dettagli

1. PREMESSA STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VIGENTI STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VARIANTE...

1. PREMESSA STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VIGENTI STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VARIANTE... SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VIGENTI... 2 3. STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VARIANTE... 5 1 1. PREMESSA In seguito alle considerazioni riportate

Dettagli

Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio

Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio TAVOLO DELLE PROFESSIONI TECNICHE PIETRASANTA 18 SETTEMBRE 2014 DISTANZE ART. 4 NTA Distanze tra edifici: 10 mt pareti finestrate (DM 1444/68) Distanze tra

Dettagli

Limiti e obblighi nel piano regolatore generale

Limiti e obblighi nel piano regolatore generale Corso di laurea in Architettura quinquennale Fondamenti di Urbanistica - a.a. 2010-11 prof. Carlo Natali 22 novembre 2010 Limiti e obblighi nel piano regolatore generale Definizioni e parametri urbanistici

Dettagli

Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141

Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141 COMUNE DI ORVIETO Provincia di Terni UFFICIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA UFFICIO SUAPE Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141 DEFINIZIONE NUOVI PARAMETRI IN MATERIA DI CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

oneri di urbanizzazione primaria (residenziale e servizi) 40,00 oneri di urbanizzazione secondaria (residenziale)

oneri di urbanizzazione primaria (residenziale e servizi) 40,00 oneri di urbanizzazione secondaria (residenziale) TABELLA A ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA INCIDENZA ECONOMICA ONERI DI URBANIZZAZIONE PER INSEDIAMENTI RESIDENZIALI E PER SERVIZI (art. 38, commi 1 e 3, regolamento regionale 2/2015) IMPORTO

Dettagli

PGT del Comune di Verrua Po AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE E PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:...

PGT del Comune di Verrua Po AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE E PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:... 1 SCHEDA AU_03_18175.pdf COMUNE DI VERRUA PO PROVINCIA DI PAVIA PGT TESSUTO URBANO CONSOLIDATO AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE INDICE PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:...

Dettagli

COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma)

COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma) COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma) Piazza C. Battisti, 14-00010 Marcellina Rm tel. 0774/427037 fax 0774/426075 Cod. Fisc. 86002050580 Partita IVA 02146041005 COSTO DI COSTRUZIONE ONERI CONCESSORI Diritti

Dettagli

QUADRO SINOTTICO DEGLI INTERVENTI

QUADRO SINOTTICO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLO UNICO DELL EDILIZIA Legge regionale 13 marzo 2012 - n. 4 Norme per la valorizzazione del patrimonio edilizio esistente e altre disposizioni in materia urbanistico edilizia

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.U.A. C3/150 - PDL via Case Bianche OGGETTO Realizzazione di un marciapiede, parcheggio e verde pubblico nell ambito del PDL. COMMITTENTE

Dettagli

Destinazione principale: attività residenziali inclusi gli spazi di pertinenza (soffitte, cantine, spazi per il parcheggio, accessori).

Destinazione principale: attività residenziali inclusi gli spazi di pertinenza (soffitte, cantine, spazi per il parcheggio, accessori). Norme Tecniiche dii Attttuaziione 1. PREMESSA Le presenti N.T.A. si riferiscono al Piano Attuativo residenziale denominato 5 situato in Via F.lli Kennedy, nel territorio del comune di Pian Camuno (Bs).

Dettagli

LOTTO N. 6 Ex scuola elementare Trivignano

LOTTO N. 6 Ex scuola elementare Trivignano LOTTO N. 6 Ex scuola elementare Trivignano Direzione Patrimonio e Casa Lotto n. 6 Ex scuola elementare Trivignano UBICAZIONE: via Castellana, angolo via Cà Lin Trivignano CARATTERI GENERALI Descrizione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO (*)

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO (*) ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA COMUNE DI COLLEGNO RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO (*) DESCRIZIONE DEL SITO DI INSEDIAMENTO caratteri ambientali del sito aspetti relativi all'esposizione, morfologici,

Dettagli

Studio Legale Spallino

Studio Legale Spallino LEGGE REGIONE LOMBARDIA 11 MARZO 005, N. 1 PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO TITOLO IV - ATTIVITÀ EDILIZIE SPECIFICHE CAPO I - RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI in grassetto le modifiche

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N di iniziativa dei Consiglieri regionali: Fermi, Dotti, D.Maroni. Recupero dei piani seminterrati esistenti.

PROGETTO DI LEGGE N di iniziativa dei Consiglieri regionali: Fermi, Dotti, D.Maroni. Recupero dei piani seminterrati esistenti. REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 9323 PROGETTO DI LEGGE N. 0258 di iniziativa dei Consiglieri regionali: Fermi, Dotti, D.Maroni Recupero dei piani seminterrati esistenti. PRESENTATO

Dettagli

OMISSIS OMISSIS IL CONSIGLIO COMUNALE

OMISSIS OMISSIS IL CONSIGLIO COMUNALE REGIONE PIEMONTE BU25 22/06/2017 Comune di Sezzadio (Alessandria) Approvazione modifiche al Regolamento Edilizio Comunale, deliberazione di C.C. n. 13 del 26/04/2017, a seguito del recepimento della deliberazione

Dettagli

LEGGE CONSIGLIO REGIONALE N. 148

LEGGE CONSIGLIO REGIONALE N. 148 X LEGISLATURA ATTI: 9323 LEGGE CONSIGLIO REGIONALE N. 148 Recupero dei vani e locali seminterrati esistenti Approvata nella seduta del 28 febbraio 2017 Servizio Segreteria dell Assemblea e Authority regionali

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO. Provincia di Grosseto

COMUNE DI GAVORRANO. Provincia di Grosseto COMUNE DI GAVORRANO Provincia di Grosseto Variante al regolamento urbanistico per la zona D1 di San Giuseppe Variante al piano per insediamenti produttivi "San Giuseppe 2" e contestuale variante al regolamento

Dettagli

STUDIO TECNICO DI INGEGNERIA Ing. Andrea Dessi SOMMARIO

STUDIO TECNICO DI INGEGNERIA Ing. Andrea Dessi SOMMARIO SOMMARIO SOMMARIO Sommario 1 Norme di attuazione 2 Art. - I Finalità 2 Art. - II Strumento d attuazione del piano urbanistico comunale 2 Art. - III Disposizioni generali 2 Art. - IV Norme di edificabilità

Dettagli

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 La VARIANTE interessa i seguenti Comparti: - Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 Per questi comparti è prevista la modifica sia della parte di testo che della parte grafica. Si

Dettagli

ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012

ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012 ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO 2012-12-11 DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012 QUADRO RIASSUNTIVO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE A) Edifici residenziali e scolastici

Dettagli

l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio

l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio step 19 aprile 2016 Recupero del patrimonio edilizio esistente Riduzione del consumo di suolo Valorizzazione del paesaggio Ridefinizione

Dettagli

Specifiche Operative

Specifiche Operative Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

NORME TECNICHE SI ATTUAZIONE A.T.R. 1

NORME TECNICHE SI ATTUAZIONE A.T.R. 1 NORME TECNICHE SI ATTUAZIONE A.T.R. 1 Le NTA dell'a.t.r.1 sono conformi alle N.T.A. del Piano di Governo del Territorio che nel loro insieme fanno parte integrante della presente normativa. ART. 1 RIFERIMENTI

Dettagli

VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art L.R. N. 12/2005)

VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art L.R. N. 12/2005) COMUNE DI TRIUGGIO (MILANO) VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art. 25 - L.R. N. 12/2005) DOC. N 1 - DELIBERAZIONE DI ADOZIONE E APPROVAZIONE DOC. N 2 - AZZONAMENTO VIGENTE - INDIVIDUAZIONE

Dettagli

ZONE OMOGENEE "A" "B"

ZONE OMOGENEE A B TABELLA 2 INSEDIAMENTI RESIDENZIALI, DIREZIONALI E COMMERCIALI - ALBERGHI E PENSIONI ZONE OMOGENEE "A" "B" I.F.F. B1/b 5,00 3.045 6.530 B2 3,50 3.810 6.530 B3 3,50 3.810 6.530 B4 0,80 8.599 6.530 B5 4,00

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATO B: INTERVENTI PRIVATI

RELAZIONE TECNICA ALLEGATO B: INTERVENTI PRIVATI Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco delle Corti RELAZIONE TECNICA ALLEGATO B: INTERVENTI PRIVATI Programma Integrato di Intervento

Dettagli

ONERI DI URBANIZZAZIONE

ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI REGGIOLO P..za Martiri n.38 42046 REGGIOLO (RE) Servizio Assetto ed Uso del Territorio e Ambiente TEL. 0522/213702-15-16-17-32-36 FAX. 0522/973587 e-mail : ufftecnico@comune.reggiolo.re.it ONERI

Dettagli

\\PC\Domus_p2\VALENZA - PIAZZA\PA_VARIENTE_APRILE_2013\DOCUMENTI\NTA.doc

\\PC\Domus_p2\VALENZA - PIAZZA\PA_VARIENTE_APRILE_2013\DOCUMENTI\NTA.doc Art. 1 - Scopo e finalità urbanistica del piano attuativo Il presente Piano Attuativo è in variante del nuovo PRG parte operativa, di cui agli OP art 20 e OP art. 93, ed è definito ai sensi del 16 comma

Dettagli

ABATE, Riqualificazione centro storico di Casaluce

ABATE, Riqualificazione centro storico di Casaluce ABATE, Riqualificazione centro storico di Casaluce CARUSONE, Riqualificazione Piazza Marconi ad Aversa Chianese, Piano di Recupero centro storico di Carinaro CORVINO, Riqualificazione centro storico di

Dettagli

VARIANTE AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA SA MINDA NOA

VARIANTE AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA SA MINDA NOA VARIANTE AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA SA MINDA NOA 1 Art. 1 Elementi costitutivi Si tratta dell intervento relativo alla variante al Piano di lottizzazione in zona Sa Minda Noa, il quale prevede zone

Dettagli

OSPEDALE (CHIESA DI S. EUSEBIO)

OSPEDALE (CHIESA DI S. EUSEBIO) Città di Venaria Reale Settore Urbanistica ed Edilizia Immobili pubblici in area centrale OSPEDALE (CHIESA DI S. EUSEBIO) SCHEDA N 7 Foto da piazza Annunziata (Nord Sud) Foto da Sud verso Nord Foto aerea

Dettagli

Oggetto: Precisazione interpretative relativamente al cambio di destinazione d uso e al frazionamento o fusione di unità immobiliari

Oggetto: Precisazione interpretative relativamente al cambio di destinazione d uso e al frazionamento o fusione di unità immobiliari Oggetto: Precisazione interpretative relativamente al cambio di destinazione d uso e al frazionamento o fusione di unità immobiliari QUESITO Viene posta da più cittadini la seguente richiesta: è possibile

Dettagli

ART. 9 NORME GENERALI PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI E TERZIARI

ART. 9 NORME GENERALI PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI E TERZIARI funzioni attinenti la produzione di beni e di servizi, sia pubblici sia privati, purché le attività svolte o previste non siano tali da costituire fonte di inquinamento atmosferico, del suolo o sonoro,

Dettagli

INTERVENTO UNITARIO CONVENZIONATO (IUC 8) VILLA ACQUA BONA

INTERVENTO UNITARIO CONVENZIONATO (IUC 8) VILLA ACQUA BONA Comune di San Lazzaro di Savena Bologna INTERVENTO UNITARIO CONVENZIONATO (IUC 8) VILLA ACQUA BONA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ELABORATO SOSTITUTIVO 06/02/2014 Art. 1 ELEMENTI COSTITUTIVI Il presente

Dettagli

NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE

NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNE DI PERUGIA Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell Economia U.O. Urbanistica NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE TESTO UNICO DELLE NORME DI ATTUAZIONE Parte operativa STRALCIO Gruppo di lavoro:

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-ECONOMICA E DI FATTIBILITA

RELAZIONE TECNICO-ECONOMICA E DI FATTIBILITA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO LINC Tra COMUNE DI ZIBIDO SAN GIACOMO e LINC SRL RELAZIONE TECNICO-ECONOMICA E DI FATTIBILITA Il Programma Integrato di Intervento insiste su un lotto edificato della

Dettagli

ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE

ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE Definizioni Superficie di applicazione del contributo Ai sensi dell art.46 del regolamento regionale 18

Dettagli

LOTTO EDIFICABILE - Padova Mortise

LOTTO EDIFICABILE - Padova Mortise settembre 2016 LOTTO EDIFICABILE - Padova Mortise Progetto Ubicazione: Padova, zona Mortise, via Polonio Lotto edificabile: Residenziale Perequazione Urbana. Volume urbanistico: 670 metri cubi. Progetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL'INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE in attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL'INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE in attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL'INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE in attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Art. 1 - Determinazione del costo base di urbanizzazione Ai sensi degli artt.

Dettagli

proposta di legge n. 106

proposta di legge n. 106 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 106 a iniziativa dei Consiglieri Zaffini, Zinni, Latini presentata in data 9 giugno 2011 NORME IN MATERIA DI RECUPERO DI SOTTOTETTI E DI LOCALI

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA Area SERVIZIO AL TERRITORIO, AMBIENTE E SVILUPPO ECONOMICO Servizio GOVERNO DEL TERRITORIO E EDILIZIA PRIVATA

COMUNE DI PISTOIA Area SERVIZIO AL TERRITORIO, AMBIENTE E SVILUPPO ECONOMICO Servizio GOVERNO DEL TERRITORIO E EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI PISTOIA Area SERVIZIO AL TERRITORIO, AMBIENTE E SVILUPPO ECONOMICO Servizio GOVERNO DEL TERRITORIO E EDILIZIA PRIVATA Allegato A SCHEMA PER L AUTODETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CUI ALL ART.183

Dettagli

COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO

COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO GENNAIO 2009 AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO LOCALIZZAZIONE AREA STRADARIO DI ACQUI TERME Area con destinazione residenziale

Dettagli

ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015

ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015 PARTICOM UNO SPA OMISSIS ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015 L ambito comprende le aree per la riqualificazione e la reindustrializzazione dell insediamento ex Alfa

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PIANO DELLE AREE PER L EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE APPROVATO CON DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N. 6966 DEL 4-12-1989 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 1 Indice Art. 1 - Contenuto delle norme Art. 2 - Richiamo

Dettagli

COMUNE DI CITTADELLA Provincia di Padova

COMUNE DI CITTADELLA Provincia di Padova COMUNE DI CITTADELLA Provincia di Padova SETTORE - Urbanistica ed Edilizia Privata SCHEMA ANALITICO DELLE SUPERFICI E VOLUMI UTILI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DOVUTO AI SENSI DEGLI ARTT. 3 - -

Dettagli

Aggiornamento degli Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria COMUNE DI VIMERCATE UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO DELLE ALLEGATO A

Aggiornamento degli Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria COMUNE DI VIMERCATE UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO DELLE ALLEGATO A COMUNE DI VIMERCATE UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE Determinazione degli oneri di urbanizzazione afferenti alle concessioni edilizie in applicazione degli artt. 5 e

Dettagli

COMUNE DI MODENA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO

COMUNE DI MODENA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO COMUNE DI MODENA 2003DI INTERVENTO PROGRAMMA INTEGRATO Tav. N PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO VIA EMILIA EST PEEP N 9 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E PREVISIONE DI SPESA Adottato con Del. di C.C. n. 71 del

Dettagli

Art.1 Contenuto della disciplina del P.I.I.in variante al P.R.G. vigente

Art.1 Contenuto della disciplina del P.I.I.in variante al P.R.G. vigente Art.1 Contenuto della disciplina del P.I.I.in variante al P.R.G. vigente Il Programma Integrato di Intervento (P.I.I.) di cui all art. 87 della L.R. n.12/05, comportante variante parziale al P.R.G. vigente

Dettagli

d o t t. S a l m a s o i n g. L o r e n z o d o t t. S a l m a s o i n g. P i e r v i t t o r i o B o r t o l o t t o g e o m.

d o t t. S a l m a s o i n g. L o r e n z o d o t t. S a l m a s o i n g. P i e r v i t t o r i o B o r t o l o t t o g e o m. studio SALMASO & ASSOCIATI d o t t. S a l m a s o i n g. L o r e n z o d o t t. S a l m a s o i n g. P i e r v i t t o r i o B o r t o l o t t o g e o m. G i a n p a o l o COMUNE DI FOSSÒ PROVINCIA DI

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE I N D I C E

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE I N D I C E NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE I N D I C E TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI PARTE PRIMA - ASPETTI GENERALI DEL PIANO art. 1.1. - applicazione ed arco temporale di validità del Piano art. 1.2. - elaborati

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione COMUNE DI CORTONA - AREZZO PIANO DI RECUPERO DI FABBRICATO e PORZIONE DI FABBRICATO Località Case Sparse Terontola Piano di Recupero ai sensi della Legge Regionale n. 1 del 2005 e del Regolamento Urbanistico

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA LOCALITA VICIOMAGGIO VIA DELL OLMO PIANO ATTUATIVO N. 163 PER LA REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO ABITATIVO PLURIFAMILIARE E CONTESTUALI OPERE DI SISTEMAZIONE ESTERNA NORME

Dettagli

Art.1 Contenuto della disciplina del P.I.I.in variante al P.R.G. vigente

Art.1 Contenuto della disciplina del P.I.I.in variante al P.R.G. vigente Art.1 Contenuto della disciplina del P.I.I.in variante al P.R.G. vigente Il Programma Integrato di Intervento (P.I.I.) di cui all art. 87 della L.R. n.12/05, comportante variante parziale al P.R.G. vigente

Dettagli

VARIANTE URBANISTICA. Norme Tecniche di Attuazione. Zona di Decentramento n. 8

VARIANTE URBANISTICA. Norme Tecniche di Attuazione. Zona di Decentramento n. 8 DIREZIONE CENTRALE SVILUPPO DEL TERRITORIO Settore Pianificazione Urbanistica Attuativa e Strategica ATTO INTEGRATIVO ALL ACCORDO DI PROGRAMMA, PROMOSSO DAL COMUNE DI MILANO, AI SENSI DELL ART. 34 D.LGS.

Dettagli

COMUNE DI ARONA (Provincia di Novara)

COMUNE DI ARONA (Provincia di Novara) 1 COMUNE DI ARONA (Provincia di Novara) PIANO PARTICOLAREGGIATO UNITÀ DI INTERVENTO n. 3-5 DELL AMBITO NORMATIVO Br3 VIALE BERRINI VIA MARTIRI DELLA LIBERTÀ NORME DI ATTUAZIONE 1. OGGETTO DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 26-06-1997 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 26-06-1997 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 26-06-1997 REGIONE LAZIO Norme in materia di programmi integrati di intervento per la riqualificazione urbanistica, edilizia ed ambientale del Territorio della Regione. Fonte:

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio U.O. Programmazione degli Interventi di Trasformazione Urbana MUNICIPIO XIX PROGRAMMA

Dettagli

Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n Pian Saccoccia

Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n Pian Saccoccia Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n. 19.11 Pian Saccoccia La manovra di recupero dei nuclei di edilizia ex abusiva L Amministrazione di Roma Capitale, fin dalla

Dettagli

PROVINCIA DI VITERBO

PROVINCIA DI VITERBO COMUNE DI VITORCHIANO PROVINCIA DI VITERBO TABELLE PARAMETRICHE PER IL CALCOLO DELLE INCIDENZE DELLE SPESE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA ED IL CALCOLO DEL COSTO DI COSTRUZIONE TABELLE PER URBANIZZAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEGLI ONERI TABELLARI, DEL CONTRIBUTO PER IL COSTO DI COSTRUZIONE E DELLE MONETIZZAZIONI AGGIORNAMENTO 2016

REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEGLI ONERI TABELLARI, DEL CONTRIBUTO PER IL COSTO DI COSTRUZIONE E DELLE MONETIZZAZIONI AGGIORNAMENTO 2016 COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Città Metropolitana di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEGLI ONERI TABELLARI, DEL CONTRIBUTO PER IL COSTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Legge Regionale 7/2017 In rosso le modifiche approvate. Legge Regionale 7/2017

Legge Regionale 7/2017 In rosso le modifiche approvate. Legge Regionale 7/2017 Legge Regionale 7/2017 Art. 1 (Finalità e presupposti) 1. La Regione promuove il recupero dei vani e locali seminterrati ad uso residenziale, terziario o commerciale, con gli obiettivi di incentivare la

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE. L area di intervento è posta in località Pievesestina in corrispondenza

NORME DI ATTUAZIONE. L area di intervento è posta in località Pievesestina in corrispondenza NORME DI ATTUAZIONE 1 - NORME DI P.R.G. E DATI DI PROGETTO Si confermano, per il piano in oggetto, le indicazioni del P.R.G. vigente del Comune di Cesena individua tale area all art. 45 delle norme di

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE n 64/R unificazione dei parametri urbanistici ed edilizi e definizioni tecniche in materia di governo del territorio

REGOLAMENTO REGIONALE n 64/R unificazione dei parametri urbanistici ed edilizi e definizioni tecniche in materia di governo del territorio 1 COLLEGIO GEOMETRI E LAUREATI DELLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA Data 19/12/2016 Dalle ore 15,00 alle ore 19,00 Luogo di svolgimento: Castello di Terrarossa, Via Nazionale Cisa 22 54016 Terrarossa (MS)

Dettagli

STUDIO TECNICO GEOM. CARLO GIOVANNI MARENZI

STUDIO TECNICO GEOM. CARLO GIOVANNI MARENZI STUDIO TECNICO GEOM. CARLO GIOVANNI MARENZI 1 ALLEGATO 2a) Tabella con indicati i parametri urbanistici ed edilizi riferiti all'area oggetto prima e dopo l'intervento, effettuando anche la verifica degli

Dettagli

Preambolo. Visto l articolo 117, terzo e quarto comma della Costituzione;

Preambolo. Visto l articolo 117, terzo e quarto comma della Costituzione; Proposta di legge: Disposizioni per il recupero del patrimonio edilizio esistente situato nel territorio rurale. Modifiche alla legge regionale 10 novembre 2014, n.65 (Norme per il governo del territorio).

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE RIPERIMETRAZIONE DI UNA MAGLIA DI PIANO URBANISTICO GENERALE UBICATA IN CONTRADA CAPITOLO A MONOPOLI (BA) E VARIANTE AL PIANO URBANISTICO ESECUTIVO PRATICA EDILIZIA N. 170/2209

Dettagli

COMUNE DI QUINTO DI TREVISO

COMUNE DI QUINTO DI TREVISO . MODALITA PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N. 14 (BUR n. 56/2009)INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE

Dettagli

COMUNE DI VALBRONA PROVINCIA DI COMO

COMUNE DI VALBRONA PROVINCIA DI COMO COMUNE DI VALBRONA PROVINCIA DI COMO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO legge regionale 12/2005 DOCUMENTO DI PIANO norme tecniche di attuazione Sindaco Sergio Rossini Segretario generale Mauro Bacchini Ufficio

Dettagli

PGT del Comune di Barbianello TESSUTO URBANO CONSOLIDATO AMBITI DEL TESSUTO PRODUTTIVO ESISTENTE

PGT del Comune di Barbianello TESSUTO URBANO CONSOLIDATO AMBITI DEL TESSUTO PRODUTTIVO ESISTENTE 1 SCHEDA AU_05_18008.PDF COMUNE DI BARBIANELLO PROVINCIA DI PAVIA PGT TESSUTO URBANO CONSOLIDATO AMBITI DEL TESSUTO PRODUTTIVO ESISTENTE INDICE PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:...

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 6 giugno 2001, n Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 6 giugno 2001, n Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia Art. 3 (L) Definizioni degli interventi edilizi (legge 5 agosto

Dettagli

Allegato 4. Estratto di mappa Procedura Esecutiva R.G.E. n 219/2013 Il CTU: Dott. Arch. Federica Carpanini

Allegato 4. Estratto di mappa Procedura Esecutiva R.G.E. n 219/2013 Il CTU: Dott. Arch. Federica Carpanini Allegato 4. Estratto di mappa Procedura Esecutiva R.G.E. n 219/2013 Il CTU: Dott. Arch. Federica Carpanini Allegato 5. Planimetrie catastali Procedura Esecutiva R.G.E. n 219/2013 Il CTU: Dott. Arch. Federica

Dettagli

COMUNE DI ORTACESUS Servizio Tecnico

COMUNE DI ORTACESUS Servizio Tecnico COMUNE DI ORTACESUS Servizio Tecnico CONCESIONE IN USO DI UN IMMOBILE COMUNALE IN VIA KENNEDY ADIBITO AD ALBERGO-RISTORANTE RELAZIONE DESCRITTIVA PREMESSO CHE: il Comune di Ortacesus è proprietario di

Dettagli

di cui alla Convenzione con l Unione dei Comuni Valli e Delizie e con il Comune di Argenta del Rep., con la quale sono stati stabiliti

di cui alla Convenzione con l Unione dei Comuni Valli e Delizie e con il Comune di Argenta del Rep., con la quale sono stati stabiliti NORME TECNICHE EDIFICATORIE Art. 1 Ambito di applicazione Le presenti norme si applicano all interno di un ambito per nuovi insediamenti urbani (ANS1) destinato prevalentemente alla funzione residenziale

Dettagli

Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013

Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013 Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013 1 Maggio 2013 I N D I C E (in rosso gli articoli e gli allegati variati o aggiunti) ART. 1 - DEFINIZIONE ED AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

SOTTOZONA D5 - ZONA PER ATTIVITÀ COMMERCIALI E NUOVI. - per l ambito di P.L.4 inserito e modificato con Variante ex art.23/97

SOTTOZONA D5 - ZONA PER ATTIVITÀ COMMERCIALI E NUOVI. - per l ambito di P.L.4 inserito e modificato con Variante ex art.23/97 SOTTOZONA D5 - ZONA PER ATTIVITÀ COMMERCIALI E NUOVI INSEDIAMENTI MISTI PRODUTTIVI-COMMERCIALI. a.5.) - Destinazione: nella Sottozona D5 sono ammessi: - per l ambito di P.L.4 inserito e modificato con

Dettagli

PdZ C22 CASALE NEI QUINQUIES

PdZ C22 CASALE NEI QUINQUIES maggio 2011 PdZ C22 CASALE NEI QUINQUIES Indice 1 Oggetto della Variante 2 Descrizione delle aree oggetto di variante 3 Dimensionamento del piano 1 Oggetto della Variante La Variante quinquies al Piano

Dettagli

NORMATIVA TECNICA TRASFERIMENTO DEI DIRITTI EDIFICATORI

NORMATIVA TECNICA TRASFERIMENTO DEI DIRITTI EDIFICATORI NORMATIVA TECNICA TRASFERIMENTO DEI DIRITTI EDIFICATORI Sommario Articolo 1 Ambito di applicazione... 2 Articolo 2 Condizioni di carattere generale... 2 Articolo 3 Procedura per il trasferimento dei diritti

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - URBANISTICA

RELAZIONE TECNICO - URBANISTICA COMUNE DI NERETO PROVINCIA DI TERAMO OGGETTO : PROGRAMMA INSEDIATIVO IN VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO IN APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO PER PROGRAMMI DI ADEGUAMENTO ED INTEGRAZIONE DELL ASSETTO EDILIZIO

Dettagli

NUOVA BADIA U.M.I. N.1

NUOVA BADIA U.M.I. N.1 COMUNE DI BAGNOLO CREMASCO PROVINCIA DI CREMONA Piano Attuativo di iniziativa privata residenziale-commerciale Ambito di Trasformazione Residenziale 2 ai sensi della l.r. 12/2005 e ai sensi dell art. 5

Dettagli

RIGLIONE - CIRCOLO L AVVENIRE

RIGLIONE - CIRCOLO L AVVENIRE COMUNE DI PISA Ufficio Speciale del Piano REGOLAMENTO URBANISTICO SCHEDA-NORMA PER LE AREE DI TRASFORMAZIONE SOGGETTE A PIANO ATTUATIVO scheda n 31.1 RIGLIONE - CIRCOLO L AVVENIRE D.M.1444/68: ZONA OMOGENEA

Dettagli

Regione Lazio. Leggi Regionali

Regione Lazio. Leggi Regionali 12/08/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64 Pag. 10 di 300 Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 8 agosto 2014, n. 8 Modifiche alle leggi regionali 6 luglio 1998, n. 24 (Pianificazione

Dettagli

PIANO DI ATTUAZIONE VIA SAN CARLO - VIA CASTELLAZZO Ambito 6

PIANO DI ATTUAZIONE VIA SAN CARLO - VIA CASTELLAZZO Ambito 6 Comune di RHO Provincia di Milano PIANO DI ATTUAZIONE VIA SAN CARLO - VIA CASTELLAZZO Ambito 6 RELAZIONE ILLUSTRATIVA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DI PIANO RELAZIONE FINANZIARIA Architetto Anna Negroni

Dettagli

Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione».

Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Art. 1 Incidenza degli oneri di urbanizzazione: tabelle parametriche Il Comune di

Dettagli

Altezze minime e principali requisiti igienico - sanitari dei locali adibiti ad abitazione, uffici pubblici e privati ed alberghi.

Altezze minime e principali requisiti igienico - sanitari dei locali adibiti ad abitazione, uffici pubblici e privati ed alberghi. Legge regionale23 agosto 1985, n. 44 Altezze minime e principali requisiti igienico - sanitari dei locali adibiti ad abitazione, uffici pubblici e privati ed alberghi. 1 Derogata la disciplina da art.

Dettagli