Appunti di (test di) logica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appunti di (test di) logica"

Transcript

1 Appunti di (test di) logica Luca Mari, - maggio 2010 Questi Appunti sono stati redatti per un ciclo di quattro seminari tenuti nei mesi di febbraio e marzo 2009, e ripetuti nei mesi di aprile e maggio 2010, per gli studenti del Liceo C.Rebora, di Rho, con l obiettivo di presentare ai partecipanti, alcune decine di studenti degli ultimi anni di scuola superiore, elementi di logica utili come strumenti per affrontare in modo appropriato i test di logica tipicamente proposti nelle prove di ammissione ai corsi di laurea. Sommario 0. Premessa Introduzione Cenni di (test di) logica proposizionale Cenni di (test di) logica predicativa Cenni di (test di) logica in senso lato Premessa (dal sito: enfatizzazioni mie) Sui test in generale I test sono generalmente composti da una sezione verbale, che misura la comprensione linguistica e concettuale, e da una sezione matematica, che verifica la capacità di risolvere problemi che richiedano il ragionamento logico-matematico e una conoscenza di base dell algebra e della geometria. Il test, dunque, sebbene prenda in esame quanto appreso nel corso dell istruzione, soprattutto, secondaria, tenta di evitare di porre quesiti che dipendano dalla conoscenza di argomenti specifici, per mettere invece l accento sulla capacità di utilizzare abilità acquisite per risolvere problemi nuovi. Di fronte alla crescente diffusione dei test di selezione molti studenti chiedono se valga la pena di svolgere una specifica preparazione. In questo senso una certa familiarità con i test è fondamentale: chi ha già avuto esperienze di test, e sa quindi cosa aspettarsi, è più sicuro di sé rispetto a chi non ne ha avute. Per esempio, si può essere avvantaggiati dalla familiarità con le schede di risposta e con il modo corretto di compilarle, dalla capacità di esaminare attentamente tutte le risposte di un test a scelta multipla anziché scegliere la prima soluzione che sembra corretta, dal sapere di non dovere perdere troppo tempo per le domande che non si riescono a risolvere, dal capire se e quando vale la pena di rischiare una risposta casuale (se non vi sono penalizzazioni per le risposte errate, vale la pena di tentare comunque a caso; se la risposta errata comporta una penalizzazione è più opportuno cercare di ridurre le alternative eliminando le risposte che sembrano più improbabili). Sulla parte dei test relativa alla cultura generale e capacità logica Per queste prove non esiste un programma specifico. I test mirano a saggiare il livello culturale degli studenti oppure la loro capacità di comprendere e di interpretare un testo (comprensione verbale). I test di capacità logica consistono prevalentemente in problemi la cui soluzione richiede facoltà di concentrazione, di analisi e di sintesi; non si richiedono nozioni specifiche, ma di volta in volta nell enunciato dei test vengono forniti tutti gli elementi necessari per risolverli correttamente. Le domande di capacità logica valutano: 1. la capacità di comprendere il significato preciso dei termini, di cogliere termini simili e analogie etimologiche; di capire quale categoria mentale (causa-effetto, contrapposizione, identità,...) stabilisce un rapporto tra coppie di parole; di scegliere tra varie parole quelle che possono essere inserite opportunamente in un discorso dato o di riconoscere quelle che non rispondono alla logica del discorso stesso; 2. la capacità di distinguere, tra le diverse interpretazioni di grafici, quelle ammissibili da quelle errate o arbitrarie; 3. la capacità di ritenere le informazioni che si sono appena lette, di interpretarle, di trarre delle conclusioni conseguenti e di scartare conclusioni errate, arbitrarie o non rigorosamente giustificate. I test di capacità logica presentano domande di carattere molto diversificato sia nella lunghezza 1

2 dell enunciato, sia nel contenuto. Alcuni contengono testi di attualità comparsi su quotidiani o su riviste di ampia tiratura, altri di autori del passato o contemporanei che presentano riflessioni di carattere sociale o morale, o passi significativi di recenti testi di narrativa. Tra questi quesiti possono comparire anche problemi in cui si delinea una situazione puramente teorica, alla quale vengono proposte soluzioni da vagliare sulla base dei dati forniti; è richiesta quindi molta attenzione alla definizione della situazione e alla distinzione tra ciò che in essa è possibile, necessario o logicamente inammissibile. I quesiti di logica non richiedono comunque una specifica preparazione culturale in definiti ambiti disciplinari. 1. Introduzione Per superare un test occorre essere allenati a sufficienza, per gestire il (generalmente non tanto) tempo in modo efficiente, applicando sia il ragionamento in avanti / forward chaining (l unico in generale possibile se la domanda non fosse a risposte chiuse) ma anche all indietro / backward chaining (dato il fatto che le risposte possibili sono pre-identificate, operare per esclusione, eliminando progressivamente i distrattori ). Di fronte a un problema, il primo passo da compiere generalmente consiste nell individuarne la struttura, separando forma da contenuto, con un processo di astrazione (nota che generalmente l enfasi è al contrario...) che porta a mantenere appunto solo la struttura del problema. Per esempio: PROBLEMA 1 Il beffardo mago Atlante ha rinchiuso in un castello fatato Angelica, l intelligente principessa cinese. Angelica è confinata in una stanza con cinque porte contrassegnate UNO, DUE, TRE, QUATTRO, CINQUE davanti a ciascuna delle quali sta un aiutante di Atlante, con il contrassegno della porta ricamato sul cappello. Lei sa che quattro di essi mentono sempre e uno sempre dice la verità. Dietro alle porte dei mentitori c è un disgustoso e vorace drago, ma dietro alla porta dell aiutante che dice la verità c è il corridoio che porta fuori dal castello. Angelica rivolge alcune domande agli aiutanti del mago, ricevendo queste informazioni: - UNO dice che TRE, QUATTRO e CINQUE mentono - TRE dice che UNO o DUE dicono il vero - QUATTRO dice che TRE dice il vero Da quale porta deve uscire Angelica? A) CINQUE B) UNO C) QUATTRO D) TRE E) DUE Individuando la struttura del problema, si tralasciano tutti i dettagli a proposito di beffardi maghi, intelligenti principesse,... Ciò che rimane è che ci sono cinque proposizioni, una vera e quattro false, e che occorre individuare quella vera. Ciò è tipico della logica, che infatti assume la verità delle asserzioni di partenza e si accontenta di trarne le conclusioni, come per il sillogismo: ((Socrate è un uomo) e (ogni uomo è mortale)) implica (Socrate è mortale) e assume solo poche, e generalmente non particolarmente significative (significative, appunto...) verità logiche (chiamate tautologie ), come A=A, dove A è il simbolo per una proposizione qualsiasi. Questa è poi la ragione per cui si possono proporre test di logica: non si deve essere esperti di beffardi maghi e intelligenti principesse, ma solo di ragionamento, acquisendo familiarità con alcune strutture logiche di base (connettivi proposizionali, quantificatori, condizioni necessarie e sufficienti, ). Al proposito, due considerazioni: 1. l uso di simboli, che avvicina la logica alla matematica, presenta vari benefici (elimina, o almeno riduce, le ambiguità delle espressioni nei linguaggi storico-naturali; è sintetico; consente di calcolare la verità di proposizioni composte a partire dalla verità delle proposizioni componenti: vedremo in che senso e come), ma comporta una, per qualcuno innaturale, attenzione alle questioni specificamente notazionali. Per esempio: 2

3 PROBLEMA 2 Se x è il numero mancante nella seguente successione: 1, 1; 9, 3; 25, 5; 49, 7; x, 9;... dire quante tra le seguenti conclusioni sono corrette: x > 9 x > 98 x < 100 x < 50 A) 2 B) 4 C) 3 D) 1 E) 0 un problema davvero semplice non appena ci si accorga dell uso specificamente notazionale, appunto della virgola e del punto e virgola nella successione, eseguendo quindi con cura i due passi: - trovare il valore di x: x=81; - contare il numero di conclusioni corrette. 2. Il punto di partenza dei test è generalmente un affermazione, cioè una proposizione che viene dichiarata vera (per cui per esempio A=A si può scrivere anche A A, a significare A è vero se e solo se A è vero ). Se dunque scrivere A corrisponde in effetti a scrivere A è (considerata) vero, ci occorre una notazione per asserire invece che A non è vero: A, che si legge anche A è falso a causa dei principi di bivalenza, A A (non-non-a è vero se e solo se A è vero) e del terzo escluso, A o non-a, in simboli A A (è sempre vero, cioè è una tautologia, che A o non-a). Applicando poi le leggi di De Morgan, (A B) ( A B) (il simbolo rappresenta la congiunzione e ) e (A B) ( A B), si mostra facilmente che i principi del terzo escluso e di non contraddizione sono equivalenti: (A A) (A A)). Dal principio di bivalenza segue tra l altro che nella logica che stiamo considerando che si rifa a quella che può essere chiamata logica classica sono previsti solo due valori di verità, vero e falso. Quando si vuole mettere in evidenza la presenza di tali valori di verità, l asserzione della verità di una proposizione A può essere essere scritta v(a)=v, oppure v(a)=f per indicare la falsità di A, dunque mediante una funzione v, verità di, che attribuisce un valore di verità, V o F, a una proposizione A. Tornando a questioni più generali, quando ci si trova di fronte a un test è utile identificare il tipo di problema che pone. Si possono forse identificare tre categorie generali di test generalmente considerati di logica : 1. test di logica in senso stretto (come il PROBLEMA 1); 2. test di ragionamento matematico ipotetico (o ipotetico-deduttivo) (come il PROBLEMA 2); 3. test di ragionamento matematico deduttivo. Un esempio di questa terza categoria è il seguente: PROBLEMA 3 Del numero intero n sappiamo che è compreso tra 2 e 6 (precisamente 2 n 6) e che rende vera una e una sola delle seguenti affermazioni: n è divisibile per 4 n è divisibile per 6 n è divisibile per 2 n è un divisore proprio di 6 Qual è il valore di n? A) 3 B) 6 C) 5 D) 4 E) 2 3

4 non particolarmente complesso non appena ci si ricordi il significato dei concetti di divisibilità e di divisore proprio. In questo caso non sembra possibile se non andare per tentativi, considerando via via tutti i numeri 2, 3,, 6. 2: verifica due affermazioni; 3: verifica un affermazione; 4: verifica due affermazioni; 5: non verifica alcuna affermazione; 6: verifica due affermazioni. Le tre categorie di problemi citate sono sufficientemente diverse tra loro non tanto per la forma con cui si presentano, ma per le condizioni di soluzione che prospettano: 1. i test di logica in senso stretto sono generalmente risolubili con un ragionamento formale (cioè: un po di intuizione può essere utile, ma non è necessaria); 2. i test di ragionamento matematico ipotetico richiedono alcune competenze di base ma anche intuizione; 3. i test di ragionamento matematico deduttivo richiedono generalmente solo alcune competenze di base. Torniamo ora a considerare il PROBLEMA 1. Abbiamo già individuato la struttura del problema, tralasciando dunque tutti i dettagli a proposito di beffardi maghi, intelligenti principesse,...: ci sono cinque proposizioni, indichiamole semplicemente 1,..., 5, una vera e quattro false. Occorre individuare quale è vera. Conosciamo in modo diretto solo tre di esse: 1 = 3 4 5:? 3 = 1 2:? 4 = 3:? La verità di 4 implicherebbe che anche 3 sia vera, cosa non possibile. Dunque 4 e perciò 3. Da 3 segue (1 2), che per la legge di De Morgan è equivalente a 1 2. Ciò è già sufficiente per concludere che 5. Verifichiamo comunque questa conclusione analizzando anche 1. Poiché 1, allora ( 3 4 5), che ancora per la legge di De Morgan è equivalente a 3 4 5, compatibile con l asserzione di verità di Cenni di (test di) logica proposizionale [esistono numerosi testi di introduzione alla logica; un buon riferimento sugli argomenti di questo e del prossimo capitolo è in particolare: W. Hodges, Logica, Garzanti, 1986] Lavoriamo un po sulla prima categoria di problemi, i test di logica in senso stretto. Un semplice esempio è il seguente: PROBLEMA 4 L affermazione quando bevo troppo, mi si gonfia lo stomaco implica che: A) se non mi si gonfia lo stomaco allora non ho bevuto troppo B) non mi si gonfia lo stomaco pur avendo bevuto troppo C) a volte capita che non mi si gonfi lo stomaco pur avendo bevuto troppo D) se mi si gonfia lo stomaco vuol dire che ho bevuto troppo E) o bevo troppo o mi si gonfia lo stomaco Si può certamente cercare di vedere intuitivamente la soluzione, e in casi semplici come questo, per chi ne è in grado, è forse perfino la tecnica più efficiente. Ma esiste anche una tecnica semi-algoritmica, che è sufficientemente generale e ha tra il vantaggio di limitare il ruolo dell intuizione, e quindi di essere impiegabile anche dai non intuitivi. Tale tecnica si basa sui seguenti passi, applicabili a ogni affermazione A da considerare, per esempio A= quando bevo troppo, mi si gonfia lo stomaco. 1. Si analizza la struttura di A e si stabilisce se sia una proposizione elementare, cioè non costituita da due o più proposizioni, o sia una proposizione composta. Un criterio empirico per stabilire se un espressione candidata x sia o meno una proposizione è il seguente: se è vero che x è grammaticalmente corretto, naturalmente sostituendo a x l espressione candidata, allora tale espressione è una proposizione. Le 4

5 proposizioni elementari sono allora proposizioni non scomponibili. Nell esempio, A è chiaramente una proposizione composta, le proposizioni elementari componenti essendo bevo troppo e mi si gonfia lo stomaco. E immediato constatare che anche le proposizioni A)-E) sono composte. 2. Nel caso in cui la proposizione considerata sia composta, la si riscrive isolando i connettivi dalle proposizioni elementari e, per sintesi, sostituendo queste ultime con dei simboli; A potrebbe diventare perciò: quando B, S, avendo sostituito B= bevo troppo e S= mi si gonfia lo stomaco. In questa riscrittura, modi e tempi dei verbi tendono a perdere di importanza. Per esempio B= bevo troppo, ma anche B= ho bevuto troppo, come nella proposizione A). 3. Il problema che si pone ora è di ricondurre il valore di verità della proposizione composta al valore di verità delle proposizioni elementari; nell esempio, la domanda da porsi è: come dipende il valore di verità di quando B, S dal valore di verità di B e di S? Ancora più concretamente, se per esempio B (cioè è falso che abbia bevuto troppo) e S (mi si è comunque gonfiato lo stomaco), diremmo che quando B, S è vera o falsa? Data la ricchezza espressiva di una lingua come l italiano, una soluzione generale a problemi di questo genere è difficile da trovare. E anche per questo che i logici, anche al costo di perdere alcuni dettagli e sfumature semantiche, hanno individuato alcune forme standard, a cui le proposizioni che ci vengono proposte dovrebbero essere ricondotte, per parafrasi. Tali forme standard sono, in particolare: - non A (in simboli A): negazione; - A o B (in simboli A B): disgiunzione; - o A o B (in simboli A B): disgiunzione esclusiva; - A e B (in simboli A B): congiunzione; - A implica B (o: se A allora B ) (in simboli A B): implicazione; - A se e solo B (in simboli A B): bi-implicazione o equivalenza. Parafrasiamo dunque l affermazione iniziale del problema e le proposizioni A)-E) in modo da ricondurle a forme standard (si noti ancora che nelle parafrasi modi e tempi verbali tendono a non essere importanti): quando B, S diventa se B allora S : B S A) se non S allora non B non richiede parafrasi: S B B) non S pur B diventa non S e B : S B C) a volte non S pur B contiene il problematico a volte, che non sappiamo come trattare; per il resto è identico a B D) se S vuol dire che B diventa se S allora B : S B E) o B o S non richiede parafrasi: B S 4. I connettivi che caratterizzano le forme standard sono tali che il valore di verità di una proposizione composta mediante ognuno di essi dipende esclusivamente dal valore di verità delle proposizioni componenti (e perciò in logica sono chiamati vero-funzionali ). Tali relazioni di dipendenza sono presentate in modo efficace mediante le cosiddette tavole della verità : A A V F F V (da leggere: se A è vero allora A è falso, e se A è falso allora A è vero) A B A B A B A B A B A B A B A B V V V V V F V V V V V V V F V V F V V F F V F F F V V F V V F V F F V F F F F F F F F F F F F V 5

6 tutti non solo ragionevoli ma anche semplici da comprendere (ma si noti la differenza tra disgiunzione e disgiunzione esclusiva). Per ultima, perché particolarmente importante e perché non così intuitivamente semplice, la tavola della verità dell implicazione: A B A B V V V V F F F V V F F V che si può leggere così: A implica B è sempre vero salvo quando da una premessa, A, vera si ottiene una conseguenza, B, falsa; oppure anche: mentre da una premessa vera si può dedurre solo una conseguenza vera, da una premessa falsa si può dedurre qualsiasi conclusione. Il problema che ci siamo posti è dunque: (B S)? Non bisogna però lasciarsi trarre in inganno dalla condizione di implicazione: dato che affermare una proposizione significa asserirne la verità, la situazione corrisponde in effetti alla sola prima riga della tavola di verità, e quindi il problema è in effetti (B S)? Si tratta, in pratica, di verificare se: A) (B S) ( S B)? B) (B S) ( S B)? e così via. Applicando passo passo le tavole della verità, controlliamo la prima (tra parentesi l ordine di calcolo): B (0) (1) S (0) (4) S (2) (3) B (2) V V V V F V F V F F V V F F F V V V F V V F V F V V V V che ne dimostra la correttezza: (B S) ( S B) è una tautologia, e quindi A) è la risposta esatta. Per completezza, controlliamo anche la seconda: B (0) (1) S (0) (4) S (2) (3) B (2) V V V F F F V V F F V V V V F V V F F F F F V F F V F F che invece nella colonna (4) contiene dei valori F, cosa che indica che l ipotesi B) è sbagliata. Un altro problema: PROBLEMA 5 Da Chi dorme non piglia pesci segue logicamente: A) chi piglia pesci non dorme B) chi non piglia pesci non dorme C) chi non piglia pesci dorme D) chi piglia pesci dorme E) Nessuna delle altre alternative proposte Riscriviamo l affermazione iniziale in forma standard: se uno dorme, allora non piglia pesci. La simbolizzazione di questa affermazione secondo le modalità introdotte finora, dunque D P, nasconde un problema, dato che non consente di distinguere se uno dorme, allora non piglia pesci da se uno dorme, allora un altro non piglia pesci, proposizioni la cui verità non è evidentemente la stessa. Vedremo nel seguito come affrontare questo genere di problemi; per ora manteniamo la forma proposizionale: D P. 6

7 Trasformiamo corrispondentemente anche le risposte: A) P D B) P D C) P D D) P D A questo punto si può operare con le tavole della verità per trovare a quale tra le proposizioni A)-E) l affermazione di partenza è equivalente. Ancora un problema: PROBLEMA 6 Nel diario del giovane Telesforo è scritto: Nonno Ubaldo dice che quando era giovane ha traversato l oceano Atlantico a nuoto e che riusciva a battere in velocità le balene. Secondo me questa è una bugia. Si dica cosa si può correttamente dedurre dalla convinzione di Telesforo. A) Se Nonno Ubaldo riusciva a battere in velocità le balene allora non ha traversato l oceano Atlantico a nuoto B) A Nonno Ubaldo non piacciono le balene C) Nonno Ubaldo ha traversato l oceano Atlantico a nuoto ma non riusciva a battere in velocità le balene D) Nonno Ubaldo non ha traversato l oceano Atlantico a nuoto ma riusciva comunque a battere in velocità le balene E) Nonno Ubaldo non ha traversato l oceano Atlantico a nuoto e non riusciva a battere in velocità le balene Indichiamo T= Nonno Ubaldo quando era giovane ha traversato l oceano Atlantico a nuoto e B= Nonno Ubaldo riusciva a battere in velocità le balene. Dunque la convinzione di Telesforo è che (T B). Per De Morgan, ciò è equivalente a T B. Riscriviamo ora anche le proposizioni A)-E): A) B T B)... C) T B D) T B E) T B Nuovamente, si può ora operare con le tavole della verità. Come si vede, le leggi di De Morgan: (A B) ( A B) (A B) ( A B) sono spesso utili per trasformare le proposizioni, mantenendone le condizioni di verità. Analogamente, è utile imparare le seguenti due equivalenze, relative all implicazione: (A B) ( A B) (A B) ( B A) Dimostriamo, a titolo di esempio, la seconda: A (0) (1) B (0) (4) Β (2) (3) A (2) V V V V F V F V F F V V F F F V V V F V V F V F V V V V E plausibile che con queste poche, e semplici, regole la gran parte dei test di logica delle proposizioni possano essere interpretati e risolti. Facciamo qualche esercizio di parafrasi, in particolare per trovare esempi di proposizioni equivalenti, compatibili e incompatibili a quella di partenza: 7

8 Sarai bocciato, a meno che tu non ti metta a studiare Tale affermazione è parafrasabile in se non S allora B, equivalente a S o B : studi o sarai bocciato (attenzione: non si tratta della disgiunzione esclusiva, o studi o sarai bocciato, che nega la possibilità che pur studiando si sia bocciati). Per analizzare le condizioni di verità dell affermazione, è particolarmente efficace sfruttare la corrispondenza tra logica e insiemistica, e quindi rappresentare A B in un diagramma di Venn come: così che S B si rappresenta: A B Grazie a tale rappresentazione possiamo posizionare nel diagramma i casi seguenti: S B. 1 S B I punti 1, 2 e 3 corrispondono rispettivamente a S B ( non studi e sei bocciato ), S B ( studi e sei bocciato ) e S B ( studi e sei non bocciato ), tutte compatibili con l affermazione iniziale, cioè tali da essere equivalenti a S B almeno in qualche caso. Viceversa, il caso rimanente, S B ( pur non studiando non sarai bocciato ), non può essere rappresentato nel diagramma, cosa che ne mostra l incompatibilità con l affermazione iniziale. In termini, ( S B) ( S B) è sempre falso, cioè è una contraddizione, e quindi (( S B) ( S B)) è una tautologia. Un secondo esercizio: Andrò al mare solo se c è bel tempo Tale affermazione è equivalente (un po controintuitivamente) a se M allora B, e quindi non M o B, e quindi l unica proposizione incompatibile è M e non B : andrò al mare e non c è bel tempo. 3. Cenni di (test di) logica predicativa [a differenza della logica delle proposizioni, la logica dei predicati porta a risultati espressi nella forma di teoremi profondi e complessi: quanto segue è dunque solo preliminare a un discorso di logica dei predicati vero e proprio] Un nuovo problema: PROBLEMA 7 Negare che ogni gatto miagola equivale a dire che: A) c è un gatto che non miagola B) se non miagola non è un gatto C) c è un gatto che miagola 8

9 D) ogni gatto non miagola E) nessun gatto miagola Siamo qui di fronte a una difficoltà, dovuta alla non riducibilità dell affermazione di partenza a una proposizione, a causa del fatto che il problema si gioca sulla presenza dei termini ogni, c è, nessuno,... E questo il primo esempio di un problema per la cui soluzione la logica delle proposizioni con cui abbiamo operato finora non è sufficiente: occorre passare a una logica più generale, e più complessa, chiamata dei predicati. Per lo scopo di affrontare efficacemente test come il PROBLEMA 7, è generalmente sufficiente imparare una versione delle leggi di De Morgan generalizzata alla logica dei predicati. Ripartiamo da: (A B) ( A B) (A e B è falso se e solo se sono falsi A o B; detto altrimenti: A e B è una bugia se e solo A è una bugia, oppure B è una bugia, oppure lo sono entrambi). Ciò è generalizzabile a tre o più proposizioni: (A B C) ( A B C) e quindi: (A 1... A n ) ( A 1... A n ) Supponiamo ora che le n proposizioni A i abbiano tutte la stessa forma: dato un insieme di n individui, l individuo i-esimo ha la proprietà A. Per esempio, A 1 = il gatto 1 miagola ; A 2 = il gatto 2 miagola ;... Allora in particolare (A 1... A n ) e (A 1... A n ) significano tutti i gatti (dell insieme considerato) miagolano, e almeno un gatto miagola, rispettivamente. Per denotare in modo sintetico situazioni di questo genere si introducono il quantificatore universale: x, A(x): per ogni elemento x dell insieme considerato, x ha la proprietà A e il quantificatore esistenziale: x, A(x): esiste almeno un elemento x nell insieme considerato tale che x ha la proprietà A Le leggi di De Morgan generalizzate sono allora: x, A(x) x, A(x) ( non tutti i gatti miagolano è equivalente a esiste un gatto che non miagola, cioè almeno un gatto non miagola ) x, A(x) x, A(x) ( non esiste un gatto che miagola, cioè nessun gatto miagola, è equivalente a tutti i gatti non miagolano ) Tornando allora al problema, l affermazione iniziale, negare che ogni gatto miagola, si scrive x, M(x), e altrettanto facilmente si possono scrivere le asserzioni A)-E): A) c è un gatto che non miagola: x, M(x) B) se non miagola non è un gatto: x, M(x) G(x) C) c è un gatto che miagola: x, M(x) D) ogni gatto non miagola: x, M(x) E) nessun gatto miagola: x, M(x) Applicando le leggi di De Morgan a x, M(x) si ottiene x, M(x). Un problema analogo: PROBLEMA 8 Un grande teorico dei numeri ha scoperto i numeri troppobelli, e, avendo osservato che tutti quelli che ha scoperto sono pari, congettura che esistano solo numeri troppobelli pari. Un suo allievo, studiando con cura questi numeri, afferma che la congettura del maestro è falsa. Dunque l allievo sostiene che: A) c è almeno un numero troppobello dispari B) nessun numero pari è troppobello C) c è almeno un numero pari che non è troppobello D) esiste solo un numero finito di troppobelli pari E) tutti i numeri troppobelli sono dispari 9

10 La congettura è x, T(x) P(x). Poiché si assume che sia falsa: ( x, T(x) P(x)), che per De Morgan è equivalente a x, (T(x) P(x)) e quindi x, ( T(x) P(x)) e ancora per De Morgan x, T(x) P(x). Infine, un problema ancora analogo ma un poco più complesso: PROBLEMA 9 C è una casa con almeno due porte; si consideri l affermazione: Esiste una chiave che apre tutte le porte di casa, ma non la porta della cantina. Indicare quale tra le seguenti frasi costituisce la negazione dell affermazione riportata sopra. A) Per ogni chiave, o esiste una porta che non è quella della cantina che non viene aperta da quella chiave, oppure quella chiave apre la porta della cantina B) Esiste una chiave che apre tutte le porte di casa, compresa quella della cantina C) Esiste una chiave che non apre nessuna porta, se non quella della cantina D) Nessuna chiave apre tutte le porte E) Per ogni chiave, esiste una porta che non è quella della cantina che viene aperta da quella chiave Riscriviamo l affermazione iniziale in forma standard e cercando di semplificarla, in particolare assumendo che oggetto di base del discorso siano implicitamente sempre chiavi: esiste un elemento tale da essere onniaprente e non cantina-aprente. Dunque: x, O(x) C(x). Poiché dobbiamo analizzare la negazione dell affermazione, applichiamo la versione generalizzata della legge di De Morgan: x, A(x) x, A(x). Dunque la negazione dell affermazione precedente è equivalente a x, (O(x) C(x)). Applicando la legge di De Morgan: x, O(x) C(x)). 4. Cenni di (test di) logica in senso lato [non è facile trovare testi di introduzione alla logica in senso lato ; un interessante riferimento al proposito è: G. Polya, Come risolvere i problemi di matematica, Feltrinelli, 1976] Infine, lavoriamo per esempi su alcuni problemi di tipo matematico, o comunque di logica in senso lato, per i quali la procedura introdotta e adottata finora non è generalmente applicabile, e quindi, oltre ad alcune competenze matematiche di base, occorre disporre di un metodo di approccio ai problemi. Cominciamo con un tipico problema continua la successione : PROBLEMA 10 Indicare quale numero prosegue la successione: 7, 20, 46, 98, 202, 410,... A) 826 B) 820 C) 612 D) 814 E) 938 Il problema è dunque: dati i termini x 1 =7, x 2 =20, x 3 =46, x 4 =98, x 5 =202, x 6 =410 di una successione, qual è il valore di x 7? Si vede che x 2 x 1 =13 e x 3 x 2 =26. Potremmo allora formulare l ipotesi che la differenza tra ogni coppia di termini della successione sia un multiplo crescente di 13, cioè che x i+1 x i =13i. In questo caso, sarebbe che x 4 x 3 =39, e quindi x 4 =39+46=85. L ipotesi è errata, dunque. Guardiamo le differenze successive: x 4 x 3 =52; x 5 x 4 =104; x 6 x 5 =208. Ogni differenza è il doppio della precedente. Partendo dai suoi primi due termini: x 1 =7 x 2 =20 la successione è dunque definita dalla regola: x i+1 -x i =2(x i x i 1 ) e quindi, con un po di algebra: x i+1 =3x i 2x i 1 10

11 Perciò x 7 =3x 6 2x 5. Spesso i test chiedono di analizzare la relazione tra due gruppi di individui, come in questo semplicissimo caso: PROBLEMA 11 A una conferenza, 8 persone prendono appunti, 5 hanno un registratore. Con questi dati si può concludere con certezza che il numero totale N degli ascoltatori a quella conferenza è: A) N >= 8 B) N = 13 C) N > 8 D) N < 8 E) N > 13 in cui è sufficiente riconoscere che si considerano due proprietà indipendenti. Più complesso è invece quest altro problema. PROBLEMA 12 Nell harem del sultano Alì Babà i 4/5 delle odalische hanno i capelli neri e i 3/4 hanno gli occhi neri. Si può concludere che: A) almeno 11/20 delle odalische hanno sia capelli sia occhi neri B) 3/5 delle odalische hanno sia capelli sia occhi neri C) al più 11/20 delle odalische hanno sia capelli sia occhi neri D) 4/5 delle odalische hanno sia capelli sia occhi neri E) 3/4 delle odalische hanno sia capelli sia occhi neri Tutte le risposte possibili si riferiscono al problema di determinare la frazione di individui (odalische, in questo caso) che hanno sia la proprietà A (capelli neri) sia la proprietà B (occhi neri), indichiamola f A B, a partire dalle frazioni f A e f B. Se il problema fosse: la frazione f A =4/5 di individui ha la proprietà A e la frazione f B =3/4 di questi ha la proprietà B, allora la frazione f A B sarebbe semplicemente 4/5 x 3/4 = 12/20 = 3/5. Ma le due frazioni sono invece espresse senza relazione l una con l altra. Proviamo ad analizzare il problema generale in questo caso. Date le frazioni f A e f B, la richiesta tipicamente potrebbe riguardare la frazione f A B (come appunto nel nostro problema) ma anche la frazione f A B degli individui che hanno la proprietà A o la proprietà B (chiamiamoli per brevità individui-a e individui-b ). Consideriamo prima di tutto la situazione particolare in cui una delle due frazioni, supponiamo f A, è uguale a 0 o 1. La soluzione è evidentemente: f A B f A B f A=0 0 f B f A=1 f B 1 Per esempio quanto è indicato nella prima riga della tabella, se non ci sono individui-a allora non ci possono essere individui-aeb, mentre la frazione di individui-aob coincide con la frazione di individui-b. Assumiamo ora invece che 0<f A <1 e 0<f B <1, e ipotizziamo per esempio che f A f B. Come si vede anche dalle risposte A)-E), in questo caso si può dover stabilire non solo il valore di f A B (o f A B ), ma anche il suo valore minimo ( almeno..., come nella risposta A)) o il suo valore massimo ( al più, come nella risposta C)). Cominciamo a prendere in considerazione il caso, più semplice, f A B. Il valore massimo di f A B si presenta nel caso in cui c è intersezione minima tra individui-a e individui-b, quindi per f A +f B. D altra parte, occorre garantire che f A B abbia al massimo il valore 1, corrispondente alla situazione in cui tutti gli individui sono individui-a o individui-b, cosa che richiede di calcolare il massimo di f A B come il minimo tra 1 e f A +f B : 11

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

E possibile costruire una mentalità matematica?

E possibile costruire una mentalità matematica? E possibile costruire una mentalità matematica? Prof. F. A. Costabile 1. Introduzione La matematica è più di una tecnica. Apprendere la matematica significa conquistare l attitudine ad un comportamento

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

Esercitazioni per il corso di Logica Matematica

Esercitazioni per il corso di Logica Matematica Esercitazioni per il corso di Logica Matematica Luca Motto Ros 14 marzo 2005 Nota importante. Queste pagine contengono appunti personali dell esercitatore e sono messe a disposizione nel caso possano risultare

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Logica del primo ordine

Logica del primo ordine Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A7_4 V1.3 Logica del primo ordine Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. Universitá di Bologna

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. <sacerdot@cs.unibo.it> Universitá di Bologna Linguaggi 18: Semantica della logica del prim ordine Universitá di Bologna 11/04/2011 Outline Semantica della logica del prim ordine 1 Semantica della logica del prim ordine Semantica

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri?

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? I numeri Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? Come ti sarai reso conto, i numeri occupano un ruolo importante nella tua vita: dai numeri che esprimono il prezzo degli oggetti venduti in un

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1 DIAGRAMMI A BLOCCHI TEORIA ED ESERCIZI 1 1 Il linguaggio dei diagrammi a blocchi è un possibile formalismo per la descrizione di algoritmi Il diagramma a blocchi, o flowchart, è una rappresentazione grafica

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL CAPITOLO SULLE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI IRRAZIONALI O COL VALORE ASSOLUTO

PRESENTAZIONE DEL CAPITOLO SULLE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI IRRAZIONALI O COL VALORE ASSOLUTO 9 PRESENTAZIONE DEL CAPITOLO SULLE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI IRRAZIONALI O COL VALORE ASSOLUTO Il capitolo che sta per iniziare presenta alcuni argomenti dall aspetto un po arido. Tuttavia, nelle facoltà

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

CALCOLO COMBINATORIO E PROBABILITA

CALCOLO COMBINATORIO E PROBABILITA CALCOLO COMBINATORIO E PROBABILITA Con calcolo combinatorio si indica quel settore della matematica che studia i possibili modi di raggruppare ed ordinare oggetti presi da un insieme assegnato, con l obiettivo

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo 5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo X m a (mod n ) Oggetto di questo paragrafo è lo studio della risolubilità di congruenze del tipo: X m a (mod n) con m, n, a Z ed m, n > 0. Per l effettiva

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova SCUOLA MEDIA STATALE GIULIANO DA SANGALLO Via Giuliano da Sangallo,11-Corso Duca di Genova,135-00121 Roma Tel/fax 06/5691345-e.mail:scuola.sangallo@libero.it SELEZIONE INTERNA PER LA MARATONA DI MATEMATICA

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Alla pagina successiva trovate la tabella

Alla pagina successiva trovate la tabella Tabella di riepilogo per le scomposizioni Come si usa la tabella di riepilogo per le scomposizioni Premetto che, secondo me, questa tabella e' una delle pochissime cose che in matematica bisognerebbe "studiare

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro Lo Spettro primo di un anello Carmelo Antonio Finocchiaro 2 Indice 1 Lo spettro primo di un anello: introduzione 5 1.1 Le regole del gioco................................ 5 1.2 Prime definizioni e risultati

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli