Tecniche e Metodi per superare l esame d ammissione a

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecniche e Metodi per superare l esame d ammissione a"

Transcript

1

2

3 Tecniche e Metodi per superare l esame d ammissione a Medicina, Odontoiatria, Veterinaria ed altri corsi di laurea di area scientifica e sanitaria Marco Bonora - Oscar Sasso - Daniela Storti

4 Tecniche e metodi per superare l esame di ammissione I Edizione Copyright 2010, EdiSES S.r.l. Napoli Le cifre sulla destra indicano il numero e l anno dell ultima ristampa effettuata A norma di legge è vietata la riproduzione, anche parziale, del presente volume o di parte di esso con qualsiasi mezzo. L Editore Impaginazione: ProMediaStudio di A. Leano - Napoli Fotoincisione: PrintSprint - Napoli Stampato presso la Litografia di Enzo Celebrano - Pozzuoli (Napoli) per conto della EdiSES s.r.l. - Napoli ISBN

5 INDICE GENERALE Premessa 1 Parte Prima: Tecniche e metodi per una preparazione efficace 0 1. Il test a risposta multipla 1.1. La valutazione del livello di preparazione La classificazione dei livelli cognitivi e i metodi di valutazione Le alternative errate: i distrattori La struttura di una prova a risposta multipla La struttura della prova di ammissione 21 Corsi di laurea in Medicina, Odontoiatria, Veterinaria 21 Corsi di laurea nelle Professioni Sanitarie 23 Corsi di laurea in Farmacia e CTF 24 Corsi di laurea in Biotecnologie e Scienze Biologiche Il grado di un quesito e la complessità della prova I livelli di difficoltà del test di ammissione 28 Odontoiatria e Protesi Dentaria 29 Medicina e Chirurgia 30 Professioni Sanitarie 31 Veterinaria 32 Farmacia, CTF, Scienze Tecniche e metodi per risolvere i test 2.1. Classificazione operativa dei distrattori Tipologie di quesiti Tecniche di lettura dei quesiti Tipologie testuali Analisi della sintassi del testo Applicazioni delle tecniche di lettura Tecniche di risoluzione dei test Studiare per il test 3.1. Metodi di studio Come studiare le discipline Organizzazione dello studio Tempi di lavoro e vacanze estive 112

6 IV Indice Generale 3.5. Motivazione e psicologia Le simulazioni Il giorno dell esame 4.1. La fase di pre-test: cosa fare per rimanere tranquilli Strategie di scelta dell argomento da cui iniziare a rispondere Organizzazione ottimale dei tempi Tecniche di copia sul modulo risposte a lettura ottica La fase successiva al test Conclusioni: il profilo ideale 130 Parte seconda: Applicazioni per disciplina 0 Premessa 135 Tecniche e metodi di risoluzione dei test - Modello schematico Test di cultura generale 1.1. Storia e Letteratura Geografia Educazione civica Test di logica 2.1. Classificazioni concettuali Problemi logico-matematici Analogie verbali Test di matematica 3.1. Insiemi, numeri, algebra e radicali Equazioni e disequazioni Logaritmi, esponenziali e funzioni Geometria Trigonometria Statistica Test di fisica 4.1. Cinematica Dinamica e Statica Lavoro ed energia Calorimetria e termodinamica Elettromagnetismo 229

7 Indice Generale V 5. Test di chimica 5.1. La materia, costituzione e proprietà La struttura dell atomo e le particelle subatomiche; teoria atomica moderna e configurazione elettronica degli elementi Sistema periodico degli elementi Il legame chimico, la rappresentazione delle molecole e gli stati di aggregazione della materia Le soluzioni, proprietà delle soluzioni acquose e del solvente acqua Rappresentazione, nomenclatura e proprietà di alcuni composti inorganici Reazioni chimiche, bilanciamento e rapporti ponderali (stechiometria) Acidi e basi, teorie acido-base e definizioni Cenni di termodinamica, elettrochimica e cinetica Fondamenti di chimica organica e la chimica della vita: le biomolecole Test di biologia 6.1. La chimica dei viventi La cellula come base della vita Bioenergetica Riproduzione ed ereditarietà Eredità e ambiente Anatomia e fisiologia degli animali e dell uomo Diversità e interazione tra i viventi 317

8

9 PREMESSA A chi è utile questo libro? Questo testo costituisce un utile guida per prepararsi all esame di ammissione alle facoltà a numero chiuso, utilizzando al meglio le proprie potenzialità. Il perché di un libro di tecnica Sono stati pubblicati numerosi libri di teoria e di test per guidare i candidati nello svolgimento delle prove di ammissione universitaria, in particolare per la facoltà di Medicina, ma ben poco è stato detto circa le tecniche e i metodi di approccio ai test. Questo volume trae spunto da alcune domande che gli studenti si pongono scorrendo le graduatorie di ammissione degli anni precedenti, come: perché molti studenti diplomati con il massimo dei voti non riescono a superare l esame, mentre studenti diplomati con un punteggio inferiore ce la fanno? come mai molti candidati che riprovano il test l anno successivo al diploma, nonostante abbiano studiato mesi interi, vengono superati da maturandi che si sono preparati solo in un mese e mezzo? La risposta è che una prova incentrata sui quiz a risposta multipla richiede una preparazione e una serie di competenze diverse da quelle necessarie per sviluppare un elaborato scritto o per sostenere un colloquio orale. Per svolgere in maniera ottimale il test di ammissione, non basta una preparazione nozionistica: è fondamentale sviluppare adeguate capacità di ragionamento sulle conoscenze acquisite e spiccate abilità nella scelta delle tecniche di lettura e di risposta più appropriate. In pratica, gli elementi da tener presente per affrontare al meglio il test sono: una buona preparazione culturale di base; un adeguato metodo di studio; appropriate tecniche di lettura dei quesiti; un efficace gestione della prova e del tempo in sede d esame.

10 2 PREMESSA Si considerino a tal proposito i seguenti esempi di quesiti a risposta multipla: 1) Quali Stati sono membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite? A. Francia, Germania, Regno Unito, Stati Uniti e Russia B. Francia, Regno Unito, Cina, Stati Uniti e Russia (risposta corretta) C. Francia, Giappone, Regno Unito, Cina e Stati Uniti D. Regno Unito, Stati Uniti, Cina, Russia e Germania E. Germania, Italia, Russia, Stati Uniti, Francia 2) Aumentando del 10% le lunghezze della base e dell altezza di un rettangolo, l area aumenta del: A. 121% B. 21% (risposta corretta) C. 100% D. 20% E 10% Pur trattandosi di domande che richiedono conoscenze a livello di scuola media, la maggior parte dei diplomati/diplomandi riscontrerà una certa difficoltà a rispondere ad esse in maniera rapida e corretta. Sembra assurdo, ma è così! Spesso, infatti, le carenze non sono di natura strettamente culturale, ma soprattutto tecnica, nel senso che le metodologie di lettura e di risposta o l organizzazione dello studio effettuato non risultano adeguati. Nel caso specifico della domanda n. 1) si evince che la conoscenza critica della seconda guerra mondiale non è di grande aiuto nel rispondere, mentre alcune banali considerazioni storiche potrebbero rivelarsi preziose per arrivare alla risposta corretta. L esempio appena mostrato è la prova evidente che un elevato livello di preparazione o una full immersion nello studio, da soli, non sono sufficienti a garantire il superamento del test di ammissione. Come già detto, è essenziale fare proprie le opportune capacità di ragionamento sui diversi eventi e fenomeni discussi nel testo delle domande. Come nasce il libro Questo volume nasce dall esperienza degli autori maturata in anni di lavoro dedicato alla preparazione agli esami di ammissione alle facoltà a numero chiuso. Gli autori, impegnati su più fronti, sia come docenti di scuola superiore, sia in ambito universitario in attività di docenza o di ricerca, hanno avuto modo di analizzare l intero iter formativo di uno studente gestendo la fase

11 PREMESSA 3 di transizione dalle scuole superiori all università. Ed è stato seguendo i ragazzi in questo percorso che i docenti hanno notato una certa affinità tra i metodi di studio utilizzati alle superiori e quelli adottati poi all università, mentre entrambi si discostano notevolmente dai metodi necessari per la preparazione ai test di ammissione. In altre parole, un bravo studente di scuola superiore si troverà molto più a suo agio nell inserirsi nel sistema universitario che non nel prepararsi ad una eventuale prova di ammissione. Il prodotto richiesto per superare un esame universitario, infatti, è un elaborato scritto e una prova orale, esattamente come avviene alle superiori, sebbene ad un livello diverso; il prodotto richiesto per l esame di ammissione, invece, è qualcosa di molto differente: si tratta di un test pieno di insidie, da risolvere in tempi rapidi, in cui argomenti semplici vengono presentati in modo difficile e in cui, come in una gara, il successo dipende non solo dalla bravura del partecipante ma anche dal livello degli altri concorrenti. Come è strutturato il testo Il libro è suddiviso in due parti: nella prima si discute la strutturazione e la complessità dei test a risposta multipla con riferimento ai corsi di laurea delle facoltà di Medicina, Odontoiatria e Veterinaria, descrivendo un determinato modello risolutivo e analizzando l organizzazione dello studio e la gestione della prova d esame. Nella seconda parte vengono presentati oltre trecento quesiti applicativi con risposta commentata secondo i criteri del modello risolutivo illustrato nel testo. Obiettivo del libro Il testo è stato concepito con l intento di fornire ai candidati strumenti utili ad affrontare la prova di ammissione nel migliore dei modi. Per raggiungere quest obiettivo il libro fornisce una serie di indicazioni che consentono di unire alla preparazione culturale un adeguata competenza tecnica sia nell organizzazione dello studio, sia nelle metodologie di approccio al test, sia infine nella gestione della prova d esame. Tutte le indicazioni contenute nel volume hanno lo scopo di guidare il candidato al raggiungimento di un efficace metodo di preparazione al test. Quando e come leggere questo testo Questo libro va letto ed analizzato in più riprese: la prima volta all inizio del percorso di preparazione, soffermandosi sulla prima parte intitolata Tecni-

12 4 PREMESSA che e metodi per una preparazione efficace. Tale lettura deve essere effettuata in modo piacevole e con l entusiasmo nell apprendere i metodi proposti. Questo non è un testo da studiare, ma da comprendere, perciò le parti che più appassionano e interessano vanno lette e sottolineate per fissare i concetti che si ritengono più importanti; gli argomenti che invece riguardano tematiche altrettanto rilevanti, ma relative al giorno della prova d esame vanno letti nei giorni immediatamente precedenti la prova. La seconda parte del testo, intitolata Applicazioni per ogni disciplina, concernente i quesiti di verifica specifici per ogni materia con risposte commentate secondo il modello risolutivo presentato nel testo, dovrà essere letta durante una seconda sessione di studio, preferibilmente nei mesi estivi.

13 PARTE PRIMA TECNICHE E METODI PER UNA PREPARAZIONE EFFICACE

14

15 1 IL TEST A RISPOSTA MULTIPLA 1.1. La valutazione del livello di preparazione Il primo elemento fondamentale da considerare per sviluppare un efficace percorso di preparazione ai test di ammissione è la valutazione continua del livello culturale di base. Tale conoscenza permette di elaborare un adeguato piano di studi e di modificarlo nel tempo sulla base dei risultati ottenuti. Per tale motivo la verifica delle competenze deve avvenire sia prima di iniziare lo studio, sia in itinere, sia in prossimità della prova d esame. Il primo passo consiste nell analizzare il livello culturale e tecnico iniziale relativo ad ogni disciplina; in seguito, durante le fasi di studio sarà necessaria l autovalutazione sia dei livelli di apprendimento raggiunti sia delle capacità di applicare le conoscenze nozionistiche alla risoluzione dei quesiti. Infine, si deve essere consapevoli del valore finale raggiunto prima di svolgere il test d ammissione; di quest ultimo punto si parlerà in modo più approfondito in una sezione successiva. È utile dare alcune definizioni ed effettuare una serie di considerazioni sull intero iter del percorso di autovalutazione. L autovalutazione, intesa come calcolo della percentuale di risposte esatte, è un processo che va messo in pratica costantemente in tutte le fasi della preparazione. La valutazione delle prestazioni comprende: a) L autovalutazione iniziale (livello di partenza). Essa serve a conoscere quali strategie si dovranno adottare per la successiva azione didattica. In genere si consiglia di svolgere tre simulazioni tratte dai test ufficiali degli anni precedenti 1. In questa fase lo studente analizza il proprio livello iniziale sia culturale sia relativo alla tecnica di risoluzione dei quiz. Trattandosi di una sessione prevalutativa non bisogna lasciarsi condizionare dai risultati delle prove, poiché la tempistica di lavoro non varia, qualunque sia il livello iniziale. Ciò che varierà, in base al livello di partenza, sarà il 1 Tutti i volumi della collana Ammissioni Universitarie EdiTEST consentono di scaricare gratuitamente un software di simulazione mediante cui effettuare esercitazioni di prove d esame o di specifiche materie.

16 8 PARTE PRIMA - TECNICHE E METODI PER UNA PREPARAZIONE EFFICACE grado di preparazione raggiunto nel tempo. In altri termini, anche se si inizia con un buon grado di preparazione, è necessario comunque studiare ed esercitarsi molto. b) L autovalutazione in itinere (valutazione formativa). Essa serve soprattutto a correggere e indirizzare in maniera appropriata il proprio percorso di formazione. Le fasi di studio e le relative tempistiche verranno analizzate nel capitolo Come studiare, in cui viene individuata una progressiva personalizzazione dei tempi di lavoro nelle singole discipline in base ai risultati ottenuti. Ovviamente il piano di studio e la mole di lavoro varieranno a seconda che la preparazione inizi nei mesi invernali o direttamente nei mesi estivi, che lo studente sia un diplomando o un diplomato. Inoltre, attraverso le valutazioni in itinere, è possibile comprendere se gli errori effettuati nei test discendono da una scarsa conoscenza nozionistica della disciplina o da una inappropriata applicazione delle tecniche di risoluzione dei test. A seconda delle casistiche, si orienterà lo studio nell una o nell altra direzione. c) La valutazione finale (valutazione sommativa, o meglio conclusiva). Essa serve allo studente come certificazione e consolidamento delle abilità conseguite: avviene nell ultima settimana che precede la prova e si sviluppa attraverso alcuni giorni di lavoro intenso con batterie di test e simulazioni finali. La valutazione finale o conclusiva (perché la vera valutazione sommativa si avrà solo il giorno della prova d esame) non ha tanto la finalità di mettere in luce le carenze nozionistiche, ma quella di indirizzare le scelte tecniche e tattiche del test ormai prossimo. Ciò significa che lo studente in questa fase valuterà principalmente come affrontare il test, cioè da quale disciplina iniziare a rispondere, come applicare le tecniche di risposta alle domande dubbie, ed effettuerà solo limitate ripetizioni di carattere nozionistico. Ad esempio, se lo studente nota di avere profonde lacune in una determinata disciplina, non sarà proficuo per lui dedicare tempo prezioso ad approfondire quella specifica materia, ma sarà più opportuno continuare ad esercitarsi su tutto il programma. Al contrario, se fa semplicemente un po di confusione su alcuni aspetti di un argomento che magari richiedono sforzo mnemonico (come la nomenclatura delle ossa dello scheletro), potrà dedicarsi per qualche ora alla ripetizione dei punti più lacunosi. La differenza tra valutazione e misurazione Si è usato il termine valutazione per indicare i risultati ottenuti nelle verifiche dello studio, che siano test relativi ad una singola disciplina o simulazio-

17 4 TEST DI FISICA I test relativi a questa disciplina sono sia di carattere applicativo, cioè riguardano la risoluzione di semplici esercizi (tipo 1), sia di carattere teorico. Quest ultima tipologia si può a sua volta suddividere in quesiti in cui è richiesta solo la nozione, cioè la conoscenza mnemonica della definizione o della formula (tipo 2) e domande inerenti la comprensione dei fenomeni fisici, che richiedono cioè di individuare la formula da applicare, ragionando quindi sul problema (tipo 3). Nelle prove d esame i test sono principalmente di carattere teorico, cioè di tipo 2 e 3, e a differenza dei test di matematica è difficile trovare esercizi applicativi che richiedono passaggi complessi per la risoluzione. Si presenta un esempio di quesito per ognuna delle tipologie. Tipo 1 (esempio tratto dal test di Medicina del 2009) Ad una batteria da automobile da 12 V vengono collegati in serie 2 elementi resistivi così costituiti: 1 Due resistenze da 60 e 120 ohm collegate tra loro in parallelo 2 Una resistenza da 40 ohm Trascurando la resistenza dei conduttori, qual è il valore più probabile della corrente circolante nel circuito? A. 150,0 ma B. 54,5 ma C. 600,0 ma D. 66,6 ma E. 960,0 ma Il quesito richiede una veloce schematizzazione (L1-L2) che permette di individuare le formule da utilizzare. Se non si ricorda la formula del parallelo, la conoscenza almeno parziale del fenomeno (D3) permette di ricordare che il valore del parallelo tra due resistenze è inferiore ai valori di entrambe le resistenze. Tale valore sarà inferiore sia a 60 sia a 120, si ipotizzi ad esempio che sia di 50 ohm (R5). Ricordando la formula delle resistenze in serie (R = ) e la legge di Ohm si ricava il seguente valore: ΔV 12 I = = = 0, 13 = 130 ma. Tale valore è prossimo solo alla risposta A. R 90

18 206 PARTE SECONDA - APPLICAZIONI PER DISCIPLINA Analiticamente, si calcola il parallelo tra R1 e R2: = + = + = R R R P 1 2 La serie tra le due resistenze è R eq = R 3 + R P = = 80 ΔV 12V La corrente è: I = = = 150mA R 80Ω eq Tipo 2 (esempio tratto dal test di Medicina del 2008) Un corpo di 200 grammi viene legato ad un estremo di un filo sottile inestensibile, molto leggero e lungo un metro. Il corpo viene fatto oscillare con un ampiezza di pochi centimetri. Il tempo impiegato a percorrere un ciclo completo (periodo) dipende essenzialmente: A. dalla lunghezza del filo B. dall ampiezza delle oscillazioni C. dal tipo di supporto a cui è agganciato il filo D. dalla natura del filo E. dal materiale che forma il corpo appeso Il quesito richiede di schematizzare il testo semmai con un disegno (L1) e di scrivere la formula appropriata. Si comprende che si tratta di una specie di pendolo. Se non si ricorda la formula, si deve ragionare per eliminare i distrattori. Le alternative C e D sono poco scientifiche (D2) o meglio la natura del materiale e il tipo di supporto non sono elementi tali da poter elaborare una formula generale del pendolo. A questo punto, provando a far oscillare il proprio braccio (R4) come un pendolo si nota che il periodo non varia con l ampiezza (B) e in aggiunta se si fa oscillare solo la propria mano (R4) con la stessa velocità con cui oscillava il braccio si nota che il periodo è più piccolo, ciò vuol dire che quest ultimo è legato alla lunghezza del filo, da cui la chiave è la A. Analiticamente: T = 2π l g Tipo 3 (esempio tratto dal test di Medicina del 2009) Un aereo di linea viaggia ad altezza e velocità di crociera. Il segnale luminoso relativo alle cinture di sicurezza è spento e tutti i passeggeri le hanno slacciate. Mantenendo costante la velocità orizzontale, l aereo inizia a perdere quota al regime di circa 9,8 metri al secondo per ogni secondo, descrivendo

19 4. Test di Fisica 207 in questo modo una traiettoria parabolica. Indicare l affermazione più adeguata tra le seguenti: A. I passeggeri galleggiano nella cabina dell aereo apparentemente privi di peso B. I passeggeri non si accorgono di nulla C. I passeggeri rimangono seduti, ma si sentono alleggeriti D. I passeggeri provano una forte turbolenza E. I passeggeri si sentono schiacciati contro il sedile Per rispondere è utile pensare ad un fenomeno analogo (L3) già vissuto dal concorrente, come quello di trovarsi su una giostra tipo ascensore che all improvviso accelera verso il basso oppure il superare un dosso con l automobile o con gli sci: si avverte un senso, per pochi istanti, di sospensione in aria, di leggerezza. Si ipotizza quindi che la risposta sia la A. Lavorando sui distrattori si evince che la C non può essere corretta (D2) perché non si può ipotizzare un alleggerimento senza relazionarlo al peso di ogni passeggero, la D è una forma alternativa (D1+D5) di diverse risposte e quindi troppo generica, la B si esclude perché ad esempio in automobile o su una giostra, una qualunque variazione di velocità viene avvertita sempre dal passeggero (D3). La E è falsa perché il testo afferma che non c è variazione orizzontale di velocità. L unica alternativa rimasta è la A, quindi si conferma l ipotesi. Analiticamente, poiché l aereo cade con un accelerazione pari a quella di gravità, i passeggeri si sollevano (quantomeno non caricano il peso) dal sedile e non essendo più appoggiati sono soggetti all accelerazione di 9,8 m/s 2 della forza peso con le stesse regole della caduta di un grave. Da un punto di vista tecnico i quesiti applicativi richiedono necessariamente una conoscenza almeno parziale della formula (D3) e dopo aver schematizzato il testo (L1-L2) si lavora con approssimazioni (R5), in modo non analitico (R4) o con il metodo della verifica (R6). I quesiti a carattere principalmente teorico richiedono l utilizzo del modello risolutivo usato in questo testo ad ampio spettro. Non si può affermare di poter privilegiare le tecniche di lettura o il lavoro sui distrattori o l utilizzo delle tecniche di risposta in maniera generale, ma deve essere analizzato ogni singolo caso. In linea di massima, però, la chiave consiste nel costruire modelli fisici analoghi noti per poi ragionare attraverso una formula. Non si specificano regole particolari per ogni argomento perché le considerazioni sopra descritte valgono per tutta la disciplina.

20 208 PARTE SECONDA - APPLICAZIONI PER DISCIPLINA Statistica in percentuale delle domande presentate nei test di ammissione al Corso di Laurea in Medicina dal 2001 al 2009: Argomento Percentuale Unità misura e calcolo dimensionale 11% Vettori 3% Cinematica 15% Dinamica e Statica 19% Lavoro, energia e potenza 6% Meccanica dei fluidi 4% Termologia e termodinamica 12% Elettricità 16% Magnetismo 3% Onde 8% Fisica nucleare 3%

21

22

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato n. 2 (Procedure per l iscrizione, l accesso ai risultati e lo scorrimento della graduatoria) 1. Ciascun candidato deve presentare la richiesta di partecipazione al test selettivo per l accesso

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI

CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI 2011/2012 2012/2013 2013/2014 Iscritti I anno I volta Iscritti totali

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna Gualtiero Gandini Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie Università di Bologna membro del tavolo tecnico ANVUR

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI.

A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI. A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI. - Il professionista, medico specialista, il medico veterinario e delle altre professionalità sanitarie di cui

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli