DIAGNOSI E SCREENING ESEMPIO CLINICO: DIAGNOSI RAPIDA ED ACCURATA DELL INFEZIONE DA VIRUS DELL IMMUNODEFICIENZA UMANA (HIV)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIAGNOSI E SCREENING ESEMPIO CLINICO: DIAGNOSI RAPIDA ED ACCURATA DELL INFEZIONE DA VIRUS DELL IMMUNODEFICIENZA UMANA (HIV)"

Transcript

1 3 DIAGNOSI E SCREENING La categoria terapia comprende più pubblicazioni di qualsiasi altra categoria di ricerca in campo sanitario. La seconda categoria più frequentemente oggetto di ricerche è quella della diagnosi. I medici sono sempre alla ricerca di modi migliori per determinare se una patologia o una certa condizione siano presenti in pazienti sintomatici (diagnosi) o asintomatici (screening). I clinici ed i ricercatori definiscono migliori quei test diagnostici o di screening che forniscono un risultato più accurato in modo più veloce e ad un costo minore in termini di sicurezza, comodità e spesa. ESEMPIO CLINICO: DIAGNOSI RAPIDA ED ACCURATA DELL INFEZIONE DA VIRUS DELL IMMUNODEFICIENZA UMANA (HIV) Come abbiamo già fatto nel capitolo precedente, cominceremo con l esempio di un problema e delle ricerche necessarie per risolverlo. Il problema era rappresentato dal fatto che il test per HIV/AIDS richiede da una a due settimane prima che sia possibile fornire un risultato al paziente. Il Montefiore Hospital del Bronx, a New York, ha una delle incidenze più elevate di infezione da HIV del Nordamerica. 1 Ha inoltre un ampia popolazione di pazienti in transito. Così, anche se i pazienti avessero acconsentito ad eseguire il test, sarebbero poi ritornati dopo qualche settimana per avere il risultato? Lo staff dell ospedale aveva bisogno di un test per HIV più rapido del Western blot. Fu identificato un test enzimatico ELISA che impiegava dieci minuti per fornire un risultato. Il passo successivo era di confrontarlo con il test standard, il Western blot. Ottocentotrentasette pazienti con stato sierologico per HIV non noto furono sottoposti al test. Per ogni paziente furono eseguiti sia l ELISA che il Western blot. I tecnici o i clinici che interpretavano il risultato del test ELISA

2 80 GUIDA ALLA RICERCA DELLE INFORMAZIONI IN MEDICINA non erano a conoscenza del risultato del test Western blot, e i laboratoristi che eseguivano il Western blot non conoscevano il risultato del test ELISA. I due gruppi di risultati vennero confrontati per verificare la concordanza: risultati entrambi positivi o entrambi negativi. Quarantacinque pazienti (5%) avevano l infezione da HIV e solo nove coppie di campioni mostravano risultati differenti coi due test (coppie positivo/negativo o negativo/positivo). Data l elevata concordanza tra i due test e la rapidità nell ottenere i risultati con i kit ELISA, il test ELISA è ora il test di scelta per l infezione da HIV presso il Montefiore Hospital. COME VIENE ESEGUITO UNO STUDIO DI DIAGNOSI La procedura migliore per valutare un nuovo test diagnostico o di screening è quella di riunire un gruppo di persone e di somministrare loro i test che sono oggetto della valutazione. Questo gruppo dovrebbe includere persone con diversa gravità di malattia (cioè, alcune senza malattia, alcune con malattia moderata ed altre con malattia grave). Ogni soggetto deve essere sottoposto sia alla procedura correntemente in uso che costituisce il gold standard (spesso definita come standard diagnostico o criterio standard) che al nuovo test, che si spera sia migliore. Spesso il test standard è invasivo (per esempio, un intervento chirurgico o un autopsia per identificare la presenza di un cancro dello stomaco), costoso (per esempio, una notte in un centro per la cura del sonno per valutare la presenza di apnea durante il sonno), o richiede tempi troppo lunghi (per esempio, una settimana per coltivare il liquido di lavaggio bronchiale per determinare se un paziente in terapia intensiva ha la tubercolosi). L interpretazione, o la lettura, del test standard dovrebbe essere fatta senza conoscere i risultati del nuovo test e viceversa. I test diagnostici vengono utilizzati per soggetti con segni e sintomi che suggeriscono al clinico la presenza di una malattia specifica o di diverse malattie possibili (per esempio, la tosse può essere suggestiva di raffreddore, cancro polmonare, pertosse o di un effetto indesiderato di alcuni farmaci antipertensivi). I test di screening vengono eseguiti su soggetti che non hanno segni o sintomi della malattia in esame (per esempio, la mammografia per identificare il cancro della mammella in tutte le donne di età superiore ai 50 anni). Sia i test diagnostici che i test di screening vengono valutati con la stessa metodologia e i risultati vengono presentati utilizzando la stessa terminologia e le stesse statistiche. I buoni test sono quelli che danno un risultato positivo quando la malattia o condizione è presente e danno un risultato negativo quando la malattia o condizione è assente. Le misure del positivo quando deve essere positivo e negativo quando deve essere negativo vengono definite caratteristiche del test e sono descritte di seguito. In breve, queste sono: sensi-

3 Diagnosi e screening 81 bilità e specificità; valore predittivo positivo e negativo; rapporto di verosimiglianza positivo e negativo; proporzione di falsi positivi e di falsi negativi. TABELLA 2 X 2 Spesso, i dati della valutazione di un test diagnostico o di screening vengono presentati in una tabella 2 x 2. La verità, o risultato del test standard, si trova in cima alla tabella ed i risultati del nuovo test si trovano sul lato sinistro. Dal punto di vista rappresentativo ha la seguente struttura, con i riquadri, o celle dei dati, etichettati a, b, c e d. Ad esempio, nella tabella 2 x 2 sottostante, il numero di soggetti riportati nel riquadro o cella a corrisponde al numero di soggetti che hanno un risultato positivo utilizzando il test diagnostico standard e un risultato positivo utilizzando il nuovo test oggetto della valutazione. La cella a viene anche chiamata numero dei veri positivi. La cella d è il numero dei veri negativi, la cella b è il numero dei falsi positivi e la cella c è il numero dei falsi negativi. I dati nelle celle da a a d vengono impiegati per calcolare le caratteristiche del test. Malattia/condizione (standard diagnostico) Positivo Negativo + Risultati positivi + al nuovo test a b a + b Risultati negativi al nuovo test c d c + d a + c b + d a + b + c + d Sensibilità = a/(a + c) Specificità = d/(b + d) Rapporto di verosimiglianza positivo = sensibilità/(100 - specificità) Rapporto di verosimiglianza negativo = (100 - sensibilità)/ specificità Valore predittivo positivo = a/(a + b) Valore predittivo negativo = d/(c + d) Proporzione di falsi positivi = specificità o b/(b + d) Proporzione di falsi negativi = sensibilità o c/(a + c)

4 82 GUIDA ALLA RICERCA DELLE INFORMAZIONI IN MEDICINA DEFINIZIONI La verifica delle procedure diagnostiche inizialmente appare sufficientemente chiara. È comunque la metodologia della ricerca clinica che si avvale maggiormente del gergo. I ricercatori confrontano i risultati del vecchio test o standard diagnostico (positivi e negativi) con i risultati del nuovo test (positivi e negativi). Vogliono infatti assicurarsi che i risultati del nuovo test siano corretti il più spesso possibile: positivi quando devono essere positivi e negativi quando devono essere negativi. Sensibilità e specificità Le due misure di questa correttezza più frequentemente utilizzate sono la sensibilità e la specificità del test. La sensibilità misura la proporzione di pazienti affetti dalla patologia o condizione in esame che hanno un risultato positivo. Il test standard di gravidanza basato sull analisi biochimica dei livelli ormonali ha un alta sensibilità (tabella 3.1). Esso identifica correttamente un ampia proporzione delle pazienti che sono in gravidanza. Utilizzando i dati della tabella, il nuovo test ha una sensibilità del 92% (calcolata impiegando la formula a/(a + c) o 23/25). La specificità del test misura la proporzione di pazienti non affetti dalla patologia o condizione in esame che hanno un risultato negativo al test. Il test biochimico standard di gravidanza ha una specificità molto elevata. Esso esclude la gravidanza se la donna non è incinta - in altre parole, il risultato del test non sarebbe positivo se la donna non fosse incinta. La specificità del test di gravidanza è del 100% (calcolata impiegando la formula d/(b + d) o 75/75). TABELLA ESEMPIO DI UTILIZZO DEI DATI NEL CONFRONTO DEI TEST DI GRAVIDANZA DI 100 DONNE GRAVIDANZA (TEST RIPETUTO NEL TEMPO) POSITIVO NEGATIVO + Risultati positivi + al nuovo test 23 a b 0 a + b 23 Risultati negativi al nuovo test 2 c d 75 c+d a + c b + d 75 a + b + c + d 100

5 Diagnosi e screening 83 Sia la sensibilità che la specificità devono essere elevate perché un test diagnostico sia di vera utilità in ambito clinico. Nella pratica, entrambe dovrebbero superare l 80% perché il test sia clinicamente utile. Per i test di screening, come il test dell antigene prostatico specifico (PSA) per l identificazione del cancro della prostata in uomini asintomatici, la performance dovrebbe essere prossima alla perfezione (100%) per evitare di diagnosticare erroneamente soggetti non affetti dalla patologia in esame; i test diagnostici invece possono funzionare bene con una sensibilità ed una specificità minori. Nessun test ha una sensibilità ed una specificità del 100%. Spesso, se il livello di risultato del test viene aggiustato per massimizzare la sensibilità, la specificità diminuisce, mentre se il livello di risultato del test viene aggiustato per massimizzare la specificità, diminuirà la sensibilità. POTERE PREDITTIVO POSITIVO E POTERE PREDITTIVO NEGATIVO Altre misure del valore o della prestazione di un test diagnostico o di screening sono il potere (o valore) predittivo positivo ed il potere predittivo negativo. Questi rappresentano la misura di quanto un risultato positivo o negativo al test ci dica circa la probabilità di essere affetti dalla malattia o condizione in esame nello specifico ambito in cui lo stesso test è stato valutato. Il potere predittivo positivo è la proporzione di pazienti risultati positivi al test che hanno la malattia o condizione in esame. Il potere predittivo negativo è la proporzione di pazienti risultati negativi al test che non hanno la malattia o condizione in esame. Il potere predittivo positivo del test di gravidanza nelle 100 donne del nostro campione è molto alto, pari al 100% calcolato usando la formula a/(a + b) o 23/23; se il test è risultato positivo, la donna è quasi certamente incinta. Il test ha un potere predittivo negativo minore, pari al 98% calcolato usando la formula d/(d + c) o 75/77. Un test negativo può essere negativo in quanto la donna veramente non è incinta, o semplicemente in quanto il suo sistema riproduttivo non ha avuto abbastanza tempo per produrre livelli di ormone sufficienti da dare un risultato positivo al test. I valori predittivi vengono influenzati dalla prevalenza della condizione in esame nella popolazione oggetto di studio. Per la valutazione di un test diagnostico, la prevalenza è la proporzione di pazienti affetti da una data condizione su tutti i pazienti testati. La prevalenza viene anche talvolta definita probabilità pre-test o verosimiglianza pre-test di una data malattia o condizione. Un esempio riguardante l embolia polmonare illustra l effetto della prevalenza sui valori predittivi in due diverse popolazioni di pazienti con differenti probabilità pre-test di embolia polmonare. Un gruppo include pazienti anzia-

6 84 GUIDA ALLA RICERCA DELLE INFORMAZIONI IN MEDICINA ni che hanno sviluppato dolore toracico di tipo pleurico dopo una intervento di protesi d anca, e che non sono stati sottoposti a trattamento di profilassi con anticoagulanti per prevenire la formazione di coaguli ematici. Questi coaguli possono condurre ad embolia polmonare o a trombosi venosa profonda, che possono essere fatali. Il secondo gruppo include uomini giovani che hanno sviluppato dolore toracico dello stesso tipo mentre giocavano a baseball. Sebbene i test cui questi soggetti verranno sottoposti abbiano identici valori di sensibilità e di specificità, il potere predittivo positivo e negativo saranno diversi, in quanto la probabilità pre-test (prevalenza) di embolia polmonare sarà molto più elevata in pazienti anziani sottoposti ad intervento chirurgico che non in uomini giovani dopo il baseball. RAPPORTO DI VEROSIMIGLIANZA (LIKELIHOOD RATIO) I rapporti di verosimiglianza (likelihood ratio, LR), sia di tipo positivo che negativo (+LR e -LR), sono altre misure del valore o della prestazione di un test. Indicano quanto la probabilità di malattia o condizione cambia rispetto al valore di base quando il risultato del test è positivo (+LR) o negativo (-LR). I rapporti di verosimiglianza positivi vanno presi in considerazione quando sono nel range di 2 o più, e sono utili dal punto di vista clinico quando sono maggiori di 5. Per i rapporti di verosimiglianza negativi, i valori da tenere in considerazione sono quelli minori di 0.1. Una più completa spiegazione sull utilità dei rapporti di verosimiglianza è illustrata in un editoriale di Sackett e Straus. 2 Un test con un +LR di 24 significa che un risultato positivo del test è 24 volte più probabile che provenga da un soggetto affetto dalla condizione in esame piuttosto che da un soggetto non affetto. Nell interpretare i risultati del test per uno specifico paziente, il clinico deve tenere conto della verosimiglianza che il paziente inviatogli per essere sottoposto al test sia affetto da quella condizione prima del test, e quindi applicare questa verosimiglianza pre-test ai risultati finali del test ed alle tavole pubblicate dei rapporti di verosimiglianza per il test usando un nomogramma standard. Il nuovo test di gravidanza che stiamo esaminando ha un +LR pari ad infinito calcolato come sensibilità/(100 - specificità) o 98/( ): una donna che abbia un risultato positivo al test è infinitamente più verosimile che sia incinta che se avesse un risultato negativo. Il -LR di 0.02 calcolato come (100 - sensibilità)/specificità o (100-98)/100) significa che una donna con un test negativo ha una probabilità su 50 (o 2 su 100) di essere incinta (o 49 probabilità su 50 di non essere incinta), e questo -LR deve essere quindi fattorizzato contro la specifica probabilità pre-test della donna di essere in gravidanza.

7 Diagnosi e screening 85 PROPORZIONE DI FALSI POSITIVI E DI FALSI NEGATIVI Altre due definizioni dei test impiegate meno spesso sono la proporzione di falsi positivi e la proporzione di falsi negativi. Per il test di gravidanza la proporzione di falsi positivi è dello 0% (calcolata come (100 - specificità [ ]). Questa è la proporzione di donne che hanno avuto un risultato positivo al test quando non erano veramente incinte. La proporzione di falsi negativi è la proporzione di donne che hanno avuto un risultato negativo al test quando erano veramente incinte. Per il test di gravidanza la proporzione di falsi negativi è del 2% (calcolata come sensibilità o = 2). Sia i risultati falsamente positivi che quelli falsamente negativi influenzano la vita delle persone. In base ad un risultato falsamente positivo del test, la persona si convincerà erroneamente di essere affetta dalla malattia o condizione in esame e verrà etichettata. I soggetti che pensano di essere malati possono veramente cominciare a non sentirsi bene anche se sono in buona salute. Possono assentarsi dal lavoro o rifiutare una promozione e la loro qualità generale di vita può deteriorarsi. Questo si è verificato in soggetti che lavoravano in un acciaieria dopo che fu loro diagnosticata erroneamente una condizione di ipertensione arteriosa. 3 I risultati falsamente negativi influiscono in quanto il soggetto può non richiedere un trattamento quando questo invece sarebbe opportuno. Per esempio, si perde tempo utile dal punto di vista terapeutico se ad una donna affetta da cancro della mammella viene detto che non si tratta di un tumore maligno quando invece è così. Un altro modo di descrivere questo gruppo di valori è il numero di pazienti falsi positivi e di pazienti falsi negativi nel gruppo. Il numero di falsi positivi è quello che appare nella cella b della tabella 2 x 2 e il numero di falsi negativi è quello che appare nella cella c; nel nostro esempio, questi sono 0 e 2, rispettivamente. CURVE OPERATIVE CARATTERISTICHE (RECEIVER OPERATING CHARACTERISTIC CURVES) Le curve operative caratteristiche (Receiver Operating Characteristic Curves, ROC) sono rappresentazioni grafiche di confronti di un test diagnostico quando i risultati del test possono assumere diversi valori in un intervallo o range. Utilizzare i livelli di enzimi cardiaci per diagnosticare un infarto miocardico, o diversi valori di glicemia a digiuno per i pazienti con un sospetto di diabete mellito, sono esempi della possibile utilità delle curve ROC. Se il test ha più di un cut point (valore soglia di laboratorio) o ha un

8 86 GUIDA ALLA RICERCA DELLE INFORMAZIONI IN MEDICINA range di due o più risposte al test (per esempio, negativo, debolmente positivo e fortemente positivo), si può creare una curva ROC ponendo sensibilità e specificità su di un grafico. Ogni punto del grafico avrà quindi il suo valore di sensibilità e specificità. Un buon test avrà un valore ROC (area sotto la curva) maggiore dell 80%. Vengono spesso eseguiti calcoli per trovare quale punto o posizione sotto la curva (valore di laboratorio) abbia la miglior combinazione di sensibilità e specificità. Per i clinici che devono prendere decisioni utilizzando le caratteristiche del test sopra riportate è essenziale ricordare ed utilizzare le nove definizioni già citate. Per gli altri, soprattutto i bibliotecari che utilizzano i termini per costruire delle strategie di ricerca, non è altrettanto essenziale imparare le definizioni precise dei termini. La maggior parte dei testi standard, inclusi quelli elencati in appendice, hanno le definizioni, se ne avete bisogno. Ricordate che gli aspetti più importanti nel riportare i risultati dei test diagnostici sono la sensibilità e la specificità del test, quindi vengono i rapporti di verosimiglianza dei risultati positivi e negativi, la proporzione di falsi positivi e di falsi negativi, e i valori predittivi. I valori predittivi, data la loro variabilità in popolazioni diverse, sono attualmente meno frequentemente utilizzati di un tempo. I rapporti di verosimiglianza sono divenuti più importanti e il loro valore aumenta nel tempo. COMPRENDERE LE STATISTICHE DEI TEST DIAGNOSTICI La maggior parte dei clinici non esegue generalmente i calcoli riguardanti i test diagnostici, ma molti troveranno più facile comprendere i concetti attraverso un esempio di calcolo. Procederemo utilizzando uno scenario clinico: una donna di 35 anni con possibile pancreatite acuta. Il sospetto diagnostico è elevato. I suoi sintomi includono dolore epigastrico, anoressia, vomito, nausea e febbre, e ha un anamnesi positiva per abuso di alcool. Utilizzando i dati di un testo sulle strategie diagnostiche di Panzer et al 4 per studiare una popolazione di 200 soggetti con sospetta pancreatite, verrà eseguito a tutti un nuovo test, una misurazione della lipasi sierica. Per valutare se la misurazione della lipasi sierica sia un test valido (sensibilità e specificità maggiori dell 80%), i risultati del test della lipasi sono stati confrontati con lo standard diagnostico. Un efficace standard diagnostico per molte malattie, inclusa questa, è l attenta osservazione dei pazienti nel tempo, per determinare l eventuale sviluppo della malattia. Le cartelle cliniche dei pazienti sono state controllate nei tre mesi successivi e tutti i soggetti sono stati contattati telefonicamente per sapere se avevano avuto la

9 Diagnosi e screening 87 pancreatite. Sia i revisori delle cartelle che gli intervistatori telefonici non erano a conoscenza del risultato del test della lipasi per un dato paziente (cieco). Nei 200 soggetti testati, la revisione della cartelle e le interviste telefoniche mostrarono che 53 avevano avuto la pancreatite e 147 no. Dei 53 con la pancreatite, il test della lipasi sierica era positivo in 50 casi. Sette pazienti senza pancreatite avevano un test della lipasi positivo. Riempite la tabella che segue (tabella 3.2) e calcolate sensibilità e specificità, rapporti di verosimiglianza positivo e negativo, potere predittivo positivo e negativo, e proporzione di falsi positivi e negativi per il test della lipasi sierica. RIASSUNTO Riassumendo, la valutazione dei test diagnostici e di screening viene fatta utilizzando una metodologia che incorpora le caratteristiche che seguono. Queste caratteristiche sono riportate nell ordine di importanza che l Evidence-Based Medicine Working Group ha indicato nella serie User s Guide (Guida per l utente): 5 il personale di laboratorio che somministra e valuta o interpreta i test dovrebbe essere in cieco cioè non a conoscenza dei risultati degli altri test a confronto; il gruppo di pazienti dovrebbe includere soggetti con diversa gravità di malattia, cioè alcuni senza malattia, alcuni con malattia moderata ed altri con malattia grave (spesso è un gruppo ampio di soggetti, alcuni dei quali possono non essere affetti dalla malattia); esiste già uno standard diagnostico o gold standard (per esempio, la biopsia o una notte in un centro per lo studio del sonno).; ogni soggetto coinvolto nella valutazione viene sottoposto a tutti i test che devono essere valutati. L ordine in cui i test vengono ricevuti può essere casuale (random), prefissato o secondo la convenienza del personale che esegue i test o dei pazienti; i gruppi di risultati dei test vengono confrontati in base all assunto che siano positivi quando devono essere positivi e negativi quando devono essere negativi; queste concordanze (cioè, positivo con positivo e negativo con negativo) vengono misurate secondo parametri appaiati di sensibilità e specificità, rapporti di verosimiglianza positivi e negativi, proporzione di falsi positivi e falsi negativi, valori predittivi positivi e negativi.

10 88 GUIDA ALLA RICERCA DELLE INFORMAZIONI IN MEDICINA TABELLA TABELLA 2 X 2 PER LA DIAGNOSI DI PANCREATITE Tabella 2 X 2 per la pancreatite foglio di lavoro Malattia/condizione: (standard diagnostico) POSITIVO NEGATIVO + Nuovo test Risultati positivi + a b a + b Nuovo test Risultati negativi c d c + d a + c b + d a + b + c + d Sensibilità = a/(a + c) = /( + ) = / = Specificità = d/(b + d) = /( + ) = / = Rapporto di verosimiglianza positivo Rapporto di verosimiglianza negativo = sensibilità/(100 specificità) = /(100 ) = / = = (100 sensibilità)/specificità = (100 )/ = / = Valore predittivo positivo = a/(a + b) = /( + ) = / = Valore predittivo negativo = d/(c + d) = /( + ) = / = Proporzione di falsi positivi = 100 specificità o b/(b + d) = 100 ( ) = Proporzione di falsi negativi = 100 sensibilità o c/(a + c) = 100 ( ) = (segue)

11 Diagnosi e screening 89 (segue) TABELLA 3.2 Tabella 2 X 2 per la pancreatite risposte Malattia/condizione: pancreatite (standard diagnostico) attenta osservazione POSITIVO NEGATIVO + Nuovo test: test della lipasi sierica Risultati positivi + 50 a b 7 a + b 57 Nuovo test: test della lipasi sierica Risultati negativi 3 c d 140 c + d a + c b + d 147 a + b + c + d 200 Sensibilità = a/(a + c) Specificità = d/(b + d) = 50/(50 + 3) = 140/( ) = 50/53 =140/147 = 94% o 0.94 = 95% o 0.95 Rapporto di = sens./(100 spec.) Rapporto di = (100 sens.)/spec. verosimiglianza = 94/(100 95) verosimiglianza = (100 94)/95 positivo = 94/5 negativo = 6/95 = 18.8 = 0.06 Valore = a/(a + b) Valore = d/(c + d) predittivo = 50/(50 + 7) predittivo = 140/( ) positivo = 50/57 negativo = 140/143 = 88% = 98% Proporzione = 100 spec. o b/(b + d) Proporzione = 100 sens. o c/(a + c) di falsi = di falsi = positivi = 5% negativi = 6% Gli indicizzatori alla NLM identificano la maggior parte delle misure di risultato ma non indicizzano quasi mai tenendo conto del fatto che la procedura sia stata condotta in cieco o che i test siano stati condotti in ordine random. Comparative study (studio comparativo) non è un termine usato in modo costante dagli indicizzatori. Il CINAHL usa questi termini in modo parsimonioso, dato che gli infermieri spesso considerano che la diagnosi sia un concetto più ampio e raggruppano la terminologia più specificamente medica sotto termini quali assessment (valutazione).

12 90 GUIDA ALLA RICERCA DELLE INFORMAZIONI IN MEDICINA MEDLINE MeSH, subheadings, publication types e textwords per gli studi diagnostici MeSH Sensitivity and specificity* Predictive value of tests* ROC curves Diagnostic errors False negative reactions False positive reactions Observer variation Likelihood functions* Diagnosis, differential* Reproducibility of results Area under curve Probability Subheadings Diagnosis (per la diagnosi di malattie e disturbi) Radiography Radionuclide imaging Ultrasonography Diagnostic use (per le sostanze utilizzate nella diagnosi) Publication types None Textwords Sensitivit:* Specificit:* Predictive value: False positive False negative False rate: Likelihood ratio: Receiver operat: curve:

13 Diagnosi e screening 91 Pre test likelihood Pretest likelihood Post test likelihood Posttest likehood Post test probability Posttest probability ROC Diagnostic standard: Accurac: (combinazione di sensibilità e specificità) Diagnosis, differential Il termine MeSH diagnosis, differential non è un vero termine di ricerca di test diagnostici. Viene invece impiegato per indicizzare un articolo che tratta di due o più procedure già stabilite per differenziare patologie simili. Dovrete utilizzare diagnosis, differential se volete identificare quelle citazioni che forniscono una guida al clinico per distinguere il morbo di Alzheimer dalla depressione in un paziente anziano, o il croup dalla pertosse in un bambino. * Indica un termine preferenziale DATABASE CINAHL DI SCIENZE INFERMIERISTICHE E LETTERATURA PARAMEDICA Index terms e documentation types per gli studi di diagnosi in CINAHL CINAHL Index Terms Diagnosis Clinical assessment tools Diagnosis, differential Diagnosis, laboratory False negative reactions False positive reactions Diagnostic errors Failure to diagnose False negative reactions False positive reactions Sensitivity and specificity

14 92 GUIDA ALLA RICERCA DELLE INFORMAZIONI IN MEDICINA Validity Construct validity Sensitivity and specificity Predictive value of tests Measurement issues and assessments Reliability and validity Validity Construct validity Predictive value of tests Sensitivity and specificity Observer bias Assimilator bias Central tendency bias Enhancement of contrast effect Error of leniency Error of severity Halo effect Reproducibility of results Nursing assessment CINAHL Subheadings Diagnosis Radiography Ultrasonography Diagnostic use Nursing Symptoms CINAHL Document types Nursing diagnoses Practice guidelines Systematic review Research I termini CINAHL sono stati selezionati dall elenco da Katy Nesbit Tutti gli estratti sono ricavati da CINAHL Thesaurus Copyright 1999, Cinahl Information Systems; riproduzione autorizzata.

15 Diagnosi e screening 93 PsycINFO Descriptors, publication types e textwords per gli studi diagnostici Descriptors Diagnosis Computer Assisted Diagnosis Differential Diagnosis Educational Diagnosis Galvanic Skin Response Medical Diagnosis+ Biopsy Cardiography+ Electrocardiography Dexamethasone Suppression Test Echoencephalography Electro Oculography Electroencephalography + Alpha Rhythm Delta Rhythm Theta Rhythm Electromyography Electrostagmography Electroplethysmography Electroretinography Encephalography+ Echoencephalography Electroencephalography Alpha Rhythm Delta Rhythm Theta Rhythm Pneumoencephalography Rheoencephalography

16 94 GUIDA ALLA RICERCA DELLE INFORMAZIONI IN MEDICINA Galvanic Skin Response Ophthalmologic Examination+ Electro Oculography Electroretinography Plethysmography+ Electroplethysmography Pneumoencephalography Prenatal Diagnosis Rheoencephalography Roentgenography+ Angiography Mammography Pneumoencephalography Tomography+ Magnetic Resonance Imaging Urinalysis Psychodiagnosis+ Psychodiagnostic Interview+ Diagnostic Interview Schedule Differential Diagnosis Screening Ultrasound Measurement+ (definizione: termine concettualmente ampio che si riferisce al processo ed agli strumenti utilizzati nella valutazione psicologica degli esseri umani. Se possibile utilizzate nomi di test e procedure specifici) Testing+ (definizione: somministrazione di test ed analisi ed interpretazione dei punteggi dei test in modo da misurare differenze fra individui o fra comportamenti nei test dello stesso individuo in occasioni differenti)

17 Diagnosi e screening 95 Testing Methods+ Methodology Descriptors Predictive Validity+ Test Validity+ Statistical Validity+ Statistical Reliability+ Prediction Errors+ Maximum Likelihood Predictability Experimental Replication Publication Type or Form/Content Type Experimental Replication Textwords Sensitiv:* Specific:* ROC Curve:* Diagnostic Error:* False Positive:* False Negative:* Likelihood Ratio* Accuracy + Indica altri termini che possono essere esplosi * Indica un termine preferenziale I termini di PsycINFO sono stati selezionati da Jean Sullivant EMBASE/EXCERPTA MEDICA Index terms, links ed EMTAGS per gli studi di diagnosi e screening Index terms Diagnostic accuracy Diagnostic error Diagnostic value Receiver operating characteristics Differential diagnosis Area under the curve

18 96 GUIDA ALLA RICERCA DELLE INFORMAZIONI IN MEDICINA Links (subheadings) Diagnosis EMTAGS (publication types) Diagnosis FILTRI MEDLINE I filtri descritti nel capitolo della terapia sono stati sviluppati e valutati come strategie di ricerca MEDLINE che identifichino solo gli studi pronti per l uso clinico dei quali stiamo discutendo 6. Tali strategie sono state valutate utilizzando il processo di valutazione dei test diagnostici e sono state sviluppate in modo da identificare tutte le possibili citazioni rilevanti basate sulla metodologia della ricerca (per esempio, studi randomizzati controllati per quanto riguarda terapia o prevenzione), ed allo stesso tempo per non identificare, o identificare in misura minima, citazioni di articoli di minor qualità. In altre parole, noi volevamo una ricerca che fosse positiva quando doveva essere positiva e negativa quando doveva essere negativa; volevamo che le nostre strategie di ricerca identificassero le citazioni rilevanti (elevata sensibilità) e non identificassero le citazioni meno rilevanti (elevata specificità) il più spesso possibile. Per i Progetti di filtri, come li abbiamo definiti, la malattia o condizione che abbiamo studiato era un insieme di citazioni metodologicamente coerenti. L ambito era il database MEDLINE. Il gold standard che abbiamo utilizzato nel processo di ricerca è stato definito con cura. Tre lettori, sotto la supervisione del ricercatore principale dello studio, hanno letto e classificato gli articoli in categorie di ricerca e quindi secondo il fatto che per ogni articolo fossero verificati i criteri metodologici. La lettura è stata condotta tre volte fino a che i lettori sono stati in grado di completare la valutazione per il 90% in perfetto accordo. Una volta completato questo controllo di attendibilità intervalutatore, ogni lettore ha proseguito la lettura finché tutte le dieci riviste sono state lette per il 1986 ed il Il nuovo test era rappresentato da una serie di strategie di ricerca suggerite da bibliotecari, ricercatori clinici e personale della NLM. Questi termini, frasi e termini di indicizzazione sono stati usati per identificare delle citazioni che sono state quindi impiegate per valutare l efficacia dell indicizzazione fatta dalla NLM. Le misure di sensibilità (quale proporzione degli articoli rilevanti presenti nelle 10 riviste è stata identificata) e di specificità (quale proporzione di articoli irrilevanti presenti nelle 10 riviste la strategia di ricerca non ha identificato) sono state calcolate per ciascuno dei termini individual-

19 Diagnosi e screening 97 mente ed in combinazione con altri termini. Nella terminologia di ricerca standard, sono state determinate tutte le otto misure delle caratteristiche di valutazione dei test diagnostici per ogni voce di ricerca. Per identificare la maggior parte delle (il più elevato numero di) citazioni rilevanti, il miglior termine singolo in MEDLINE è sensitivity (textword). La strategia diagnostica con la più elevata sensibilità (la maggior parte degli articoli rilevanti con la più piccola quota di [il minor numero di] articoli irrilevanti) è: explode sensitivity a#d specificity (MeSH) OR all sensitivity (textword) OR diagnosis (pre-exploded subheading) OR diagnostic use (subheading) OR specificity (textword) La strategia diagnostica con la più elevata specificità (la maggior quota possibile di articoli rilevanti) è: explode sensitivity a#d specificity (MeSH) OR predictive value: (textword) Esempio 3-1 Baxt WG, Skora J. Prospective validation of artificial neural network trained to identify acute myocardial infarction. Lancet 1996; 347: Questo studio ha valutato 1070 pazienti con dolore toracico che si erano presentati al pronto soccorso di un ospedale della California. Lo studio confrontava le prestazioni degli interni e del personale strutturato nel discernere quali pazienti avessero un infarto miocardico con le prestazioni di un sistema computerizzato che aveva a disposizione i dati raccolti dagli stessi medici. I dati includevano informazioni anamnestiche, l esame obiettivo e l elettrocardiogramma. Lo standard diagnostico era rappresentato dall attenta osservazione dei pazienti nel tempo, combinata con una revisione della cartella ed un intervista al paziente. Sensibilità, specificità e rapporti di verosimiglianza sono stati calcolati per i medici e per il programma computerizzato che utilizzava i dati raccolti dai medici. I risultati dello studio sono stati che 818 pazienti avevano un dolore toracico non cardiaco, 102 un angina, 75 un angina instabile e 75 un infarto miocardico. La valutazione dei medici nella determinazione dell infarto miocardico aveva una sensibilità del 73% ed una specificità dell 81%, ed un rapporto di verosimiglianza positivo e negativo di 3.9 e 0.3, rispettivamente. Il programma computerizzato, dopo che aveva imparato su una serie di pazienti, aveva una sensibilità ed una specificità del 96%, ed un rapporto di verosimiglianza positi-

20 98 GUIDA ALLA RICERCA DELLE INFORMAZIONI IN MEDICINA Riproduzione autorizzata The Lancet 1996.

I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC

I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC G Ital Nefrol 2011; 28 (6): 642-647 MASTER IN EPIDEMIOLOGIA CLINICA I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi

Dettagli

Alla ricerca delle prove di efficacia

Alla ricerca delle prove di efficacia Ozzano dell Emilia EBVM e accesso a informazioni evidence-based 14 marzo 2009 Claudio Fabbri Biblioteca Centralizzata Polo Scientifico-Didattico di Rimini Università degli Studi di Bologna Alla ricerca

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE Kristiina Hayrinen, Kaija Saranto, Pirkko Nykanen. International Journal of Medical Infomratics

Dettagli

Valutare un test. Affidabilità e validità di un test. Sensibilità e specificità

Valutare un test. Affidabilità e validità di un test. Sensibilità e specificità Valutare un test 9 Quando si sottopone una popolazione ad una procedura diagnostica, non tutti i soggetti malati risulteranno positivi al test, così come non tutti i soggetti sani risulteranno negativi.

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

CHOOSING WISELY. Elenco delle pratiche di IMAGING ad alto rischio di inappropriatezza (pubblicate ad aprile 2012 e febbraio 2013)

CHOOSING WISELY. Elenco delle pratiche di IMAGING ad alto rischio di inappropriatezza (pubblicate ad aprile 2012 e febbraio 2013) CHOOSING WISELY Elenco delle pratiche di IMAGING ad alto rischio di inappropriatezza (pubblicate ad aprile 2012 e febbraio 2013) La fondazione statunitense ABIM (American Board of Internal Medicine) ha

Dettagli

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 2 Too much information, too little time THE COCHRANE LIBRARY - Pubblicazione elettronica aggiornata ogni

Dettagli

PROBABILITÀ E DECISIONI IN MEDICINA: I TEST DIAGNOSTICI

PROBABILITÀ E DECISIONI IN MEDICINA: I TEST DIAGNOSTICI Università degli Studi di Padova CICLO DI LEZIONI SCIENZE DI BASE PER I DOTTORATI DI RICERCA DELL AREA MEDICA Anno accademico 2005-06 Temi di Statistica ed Epidemiologia PROBABILITÀ E DECISIONI IN MEDICINA:

Dettagli

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi immunologici ELISA classici ELISA modificati Agglutinazione su vetrino Turbidimetrici/nefelometri Su sangue in toto Fonti di variabilità tra metodi per il dosaggio

Dettagli

Evidence Based Nursing (EBN)

Evidence Based Nursing (EBN) Evidence Based Nursing (EBN)! Si fonda su un processo di apprendimento che, partendo dall'individuazione di un problema clinico e dalla sua esplicita e corretta formulazione, si realizza nella ricerca

Dettagli

DECISION MAKING. E un termine generale che si applica ad azioni che le persone svolgono quotidianamente:

DECISION MAKING. E un termine generale che si applica ad azioni che le persone svolgono quotidianamente: DECISION MAKING E un termine generale che si applica ad azioni che le persone svolgono quotidianamente: Cosa indosserò questa mattina? Dove e cosa mangerò a pranzo? Dove parcheggerò l auto? Decisioni assunte

Dettagli

TERAPIA, PREVENZIONE, CONTROLLO E MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ

TERAPIA, PREVENZIONE, CONTROLLO E MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ 2 TERAPIA, PREVENZIONE, CONTROLLO E MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ ESEMPI CLINICI DI MUSICA E BRONCOSCOPIA La metodologia della ricerca si comprende meglio ricorrendo a degli esempi che con la sola discussione

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO DIPARTIMENTO DI MEDICINA DI LABORATORIO GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E CODICE: IOP.CPOsan.09 REV 6 del 06/07/10 Pag. 1 di 5 1. SCOPO E APPLICABILITA Scopo di questa

Dettagli

Safe Surgery Saves Lives and Resourses. Dott. Francesco Venneri

Safe Surgery Saves Lives and Resourses. Dott. Francesco Venneri Safe Surgery Saves Lives and Resourses Dott. Francesco Venneri CLINICAL RISK MANAGEMENT Safe Surgery Saves Lives and Resourses Dott. Francesco Venneri Clinical Risk Manager Azienda Sanitaria Firenze Tutti

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 I l termine diabete mellito indica un insieme di malattie metaboliche, diverse fra loro per eziopatogenesi, caratterizzate da iperglicemia

Dettagli

Esperienze di cure primarie: l innovazione 2.0 nell assistenza territoriale INFORMEG : uno strumento didattico per il Tutor in Medicina Generale

Esperienze di cure primarie: l innovazione 2.0 nell assistenza territoriale INFORMEG : uno strumento didattico per il Tutor in Medicina Generale Esperienze di cure primarie: l innovazione 2.0 nell assistenza territoriale INFORMEG : uno strumento didattico per il Tutor in Medicina Generale Dario BONETTI- Angelo CAVICCHI 1 Il Corso di Formazione

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli Ricercatore presso l Università di Pisa U.O. di Urologia Universitaria Generalità Neoplasia non cutanea più frequente nel maschio Malattia a lenta

Dettagli

La ricerca bibliografica. Catia Biavati - Centro Studi EBN catia.biavati@aosp.bo.it

La ricerca bibliografica. Catia Biavati - Centro Studi EBN catia.biavati@aosp.bo.it La ricerca bibliografica Catia Biavati - Centro Studi EBN catia.biavati@aosp.bo.it L Evidence Based Practice La ricerca di informazioni in ambito biomedico è più complessa che in altri settori; per una

Dettagli

Pradaxa è un medicinale contenente il principio attivo dabigatran etexilato. È disponibile in capsule (75, 110 e 150 mg).

Pradaxa è un medicinale contenente il principio attivo dabigatran etexilato. È disponibile in capsule (75, 110 e 150 mg). EMA/47517/2015 EMEA/H/C/000829 Riassunto destinato al pubblico dabigatran etexilato Questo è il riassunto della relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per. Illustra il modo in cui il comitato

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

Informativa rivolta ai pazienti da sottoporre ad intervento chirurgico per ragade anale

Informativa rivolta ai pazienti da sottoporre ad intervento chirurgico per ragade anale Informativa rivolta ai pazienti da sottoporre ad intervento chirurgico per ragade anale Il presente documento ha lo scopo di informarla e di fornirle, in maniera il più possibile semplice e comprensibile,

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Definire il ruolo dell epidemiologia nella valutazione dei bisogni sanitari e nell allocazione delle risorse Acquisire le conoscenze sulle principali

Dettagli

La Evidence Based Medicine nella interpretazione dei test diagnostici applicata a pazienti afferenti al Dipartimento di Emergenza Urgenza

La Evidence Based Medicine nella interpretazione dei test diagnostici applicata a pazienti afferenti al Dipartimento di Emergenza Urgenza Riv Med Lab - JLM, Vol. 5, S.1, 2004 1 La Evidence Based Medicine nella interpretazione dei test diagnostici applicata a pazienti afferenti al Dipartimento di Emergenza Urgenza R. Baricchi a, M. Maconi

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

Diagnosi delle aneuploidie

Diagnosi delle aneuploidie Diagnosi delle aneuploidie DIAGNOSI PRENATALE NON INVASIVA: UNA RIVOLUZIONE La diagnosi prenatale delle malattie monogeniche e delle aneuploidie Bologna, è attualmente 6 Giugno eseguita2014 nel I-II trimestre

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO A cura di: dr Luciano Bissolotti Prima di prescrivere un programma d allenamento è necessaria una accurata valutazione clinica. In particolare, la

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

Come scrivere Revisioni Sistematiche e Meta- Analisi anche in Medicina Nucleare

Come scrivere Revisioni Sistematiche e Meta- Analisi anche in Medicina Nucleare NOTIZIARIO DI MEDICINA NUCLEARE ED IMAGING MOLECOLARE 12 dicembre 2011 Come scrivere Revisioni Sistematiche e Meta- Analisi anche in Medicina Nucleare Cosa sono le Revisioni Sistematiche e le Meta- Analisi?

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

PREVENZIONE: Tumori del Seno

PREVENZIONE: Tumori del Seno PREVENZIONE: Tumori del Seno Francesco Paolo Pantano (Chirurgo Oncologo) Il tumore al seno rappresenta il 27% dei tumori del sesso femminile. Ogni anno vi sono circa 36.000 nuovi casi distribuiti nelle

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015 ESERCITAZIONE CdL Fisioterapia e Podologia 25 novembre 2015 Epidemiologia Domanda 1 Le neoplasie gastriche sono: a. diminuite in tutta Europa b. diminuite fino agli anni 80, poi stabili c. aumentate in

Dettagli

SIEROLOGIA DEL VIRUS DI EPSTEIN-BAAR

SIEROLOGIA DEL VIRUS DI EPSTEIN-BAAR METODO NAZIONALE STANDARD SIEROLOGIA DEL VIRUS DI EPSTEIN-BAAR VSOP 26 Emesso da Standards Unit, Evaluations and Standards Laboratory Centre for Infections Revisione no.3 Data di revisione 05.03.08 Emesso

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

Analisi delle decisioni cliniche

Analisi delle decisioni cliniche Analisi delle decisioni cliniche Decisioni Il clinico, a fronte del malato, deve prendere delle decisioni: Di quale malattia si tratta? Sono necessari ulteriori test diagnostici? E necessario un trattamento?

Dettagli

dello screening mammografico in Piemonte

dello screening mammografico in Piemonte I progetti per l innovazione dello screening mammografico in Piemonte Workshop regionale Torino, 7 novembre 2013 Antonio Ponti, Elisabetta Petracci CPO-Piemonte, Torino Loredana Correale im3d, Torino Progetto

Dettagli

13.15-14.15 Sala Bernini 2. Sessione Parallela - A Colazione con l Esperto. Leggere una metanalisi di laboratorio D. Giavarina

13.15-14.15 Sala Bernini 2. Sessione Parallela - A Colazione con l Esperto. Leggere una metanalisi di laboratorio D. Giavarina 13.15-14.15 Sala Bernini 2 Sessione Parallela - A Colazione con l Esperto Leggere una metanalisi di laboratorio D. Giavarina JAMA 1992: EBLM l'uso coscienzioso, esplicito e giudizioso delle migliori Prove

Dettagli

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma Confronto dei Criteri, degli Indicatori e degli Standard scelti per la valutazione multi-dimensionale dell attività di 4 Strutture Complesse di Ematologia certificate ISO 9001-2000 Dr. Michele Cedrone,

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Linee guida per l assegnazione del codice Presente all Accettazione - PAA

Linee guida per l assegnazione del codice Presente all Accettazione - PAA Allegato 3 Linee guida per l assegnazione del codice Presente all Accettazione - PAA Edizione aggiornata Tradotto e adattato da: Centers for Medicare and Medicaid Services (CMS) and National Center for

Dettagli

Domande e risposte frequenti

Domande e risposte frequenti Domande e risposte frequenti La malattia autosomica dominante di Alzheimer (Autosomal Dominant Alzheimer s Disease, ADAD) è una forma rara della malattia di Alzheimer (Alzheimer s disease, AD) che provoca

Dettagli

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA Dr. Alessandro Bernardini Circa il 10% della popolazione nei paesi sviluppati è probabile vada incontro nella sua vita a ulcera peptica: una percentuale di ulcere persistenti dell 1%. La dispepsia è un

Dettagli

Regione. Sardegna. Oristano (OR) - Presidio Ospedaliero San Martino... Pag. 218 Olbia (OT) - Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II... Pag.

Regione. Sardegna. Oristano (OR) - Presidio Ospedaliero San Martino... Pag. 218 Olbia (OT) - Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II... Pag. Regione Sardegna Oristano (OR) - Presidio Ospedaliero San Martino... Pag. 218 Olbia (OT) - Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II... Pag. 219 Cagliari (CA) - Azienda Ospedaliera G. Brotzu... Pag. 220 Carbonia

Dettagli

Per la valutazione statistica del test è necessario conoscere alcune caratteristiche del risultato del test quali:

Per la valutazione statistica del test è necessario conoscere alcune caratteristiche del risultato del test quali: Per la valutazione statistica del test è necessario conoscere alcune caratteristiche del risultato del test quali: la sensibilità diagnostica o clinica, la specificità diagnostica o clinica, l incidenza

Dettagli

COME NASCE E IN CHE COSA CONSISTE L EBM

COME NASCE E IN CHE COSA CONSISTE L EBM LEZIONE: LA MEDICINA BASATA SULLE PROVE DI EVIDENZA PROF. GIUSEPPE FERRAIOLO Indice 1 COME NASCE E IN CHE COSA CONSISTE L EBM ---------------------------------------------------------------- 3 2 L EVOLUZIONE

Dettagli

individuazione della causa di una patologia Diagnostica di laboratorio

individuazione della causa di una patologia Diagnostica di laboratorio DIAGNOSI (διαγνωσισ = distinguere) individuazione della causa di una patologia Diagnosi su base clinica e/o anatomo-patologica sospetto o orientamento diagnostico Diagnosi di laboratorio (diagnosi eziologica)

Dettagli

IL DISEGNO DELLO STUDIO

IL DISEGNO DELLO STUDIO IL DISEGNO DELLO STUDIO Le strategie dell epidemiologia clinica Epidemiologia osservazionale Studi descrittivi Case-report Case-series Studi costruttivi Trasversali Caso-controllo Coorte Epidemiologia

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

Nursing Sensitive Outcomes: prospettive internazionali ed esperienze italiane. Dr. Annamaria Ferraresi Az. Ospedaliero Universitaria di Ferrara

Nursing Sensitive Outcomes: prospettive internazionali ed esperienze italiane. Dr. Annamaria Ferraresi Az. Ospedaliero Universitaria di Ferrara Nursing Sensitive Outcomes: prospettive internazionali ed esperienze italiane Dr. Annamaria Ferraresi Az. Ospedaliero Universitaria di Ferrara Le fasi del processo di assistenza ACCERTAMENTO DIAGNOSI OBIETTIVI

Dettagli

A.A. 2014-2015. Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE

A.A. 2014-2015. Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE A.A. 2014-2015 Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE Utilizzare gli strumenti epidemiologici e statistici appropriati per ridurre l'area dell'incertezza nella rilevazione

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo Allegato III Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo 39 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 40 Paragrafo 4.1. Indicazioni terapeutiche

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

La cartella clinica. Ippocrate: cartella clinica di Apollonio. Vincenzo Della Mea

La cartella clinica. Ippocrate: cartella clinica di Apollonio. Vincenzo Della Mea A.A. 2001/02 La cartella clinica elettronica Electronic Patient Record Vincenzo Della Mea Università di Udine La cartella clinica nucleo fondamentale dei dati gestiti in sanità Supporta i tre cicli dell

Dettagli

DIABETE DI TIPO 2: PREVENZIONE E GESTIONE DEL PIEDE DIABETICO

DIABETE DI TIPO 2: PREVENZIONE E GESTIONE DEL PIEDE DIABETICO IBETE I TIPO 2: PREVENZIONE E GESTIONE EL PIEE IBETICO ELEMENTI CHIVE I GESTIONE Gestione generale Per avere cure efficaci è necessaria la collaborazione tra pazienti e professionisti, e tutte le decisioni

Dettagli

XXVII Congresso Nazionale GISE STUDIO AFTER. Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry. Pietro Mazzarotto Ospedale San Carlo - Roma

XXVII Congresso Nazionale GISE STUDIO AFTER. Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry. Pietro Mazzarotto Ospedale San Carlo - Roma XXVII Congresso Nazionale GISE Genova 3-6 OTTOBRE 2006 STUDIO AFTER Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry Pietro Mazzarotto Ospedale San Carlo - Roma per i Ricercatori dello studio AFTER Test

Dettagli

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Informazione per pazienti Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni sul percorso seguito

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

Misura vs. Valutazione. Valutazione quantitativa dell attività motoria. Misura

Misura vs. Valutazione. Valutazione quantitativa dell attività motoria. Misura Corso di Laurea specialistica in Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate Valutazione quantitativa dell attività motoria A. Buizza A.A. 2009/10 Misura vs. Valutazione Misura = descrizione

Dettagli

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto anni 35 - sintomatica EO: nodulo in regione infero-centrale Mammografia: quadro negativo

Dettagli

VALUTAZIONE DI STUDI DI ECONOMIA SANITARIA

VALUTAZIONE DI STUDI DI ECONOMIA SANITARIA EBN users guide Evidence-Based Nursing October 2002 Vol 5 No 4 Traduzione a cura di: Infermiera MARIA CRISTINA ROBB Centro studi EBN - Direzione Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Ospedaliera di

Dettagli

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo).

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). COS'È IL TUMORE ALLA TIROIDE La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). Ha la forma di una farfalla con le due ali poste ai lati della

Dettagli

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Dr. Luciano DI Mauro ANGIOLOGIA A.S.P. 3 Catania Corso di formazione ECM Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della relativa scheda di

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI. critical appraisal BOSCARO GIANNI 1

ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI. critical appraisal BOSCARO GIANNI 1 ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI critical appraisal BOSCARO GIANNI 1 BOSCARO GIANNI 2 Analisi Statistica analisi descrittiva: descrizione dei dati campionari con grafici,

Dettagli

L Infermiere Specialist

L Infermiere Specialist COLLANA DI CORSI FAD - 30 crediti ECM Corsi formativi a distanza con libri professionalizzanti per l infermiere Undici corsi di formazione a distanza per l infermiere I bisogni di salute emergenti nella

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Elementi di Epidemiologia Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Elementi di epidemiologia

Dettagli

Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti

Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti REGIONE LAZIO Azienda Sanitaria Locale RIETI Ospedale San Camillo de Lellis Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti Isabella Marchese Serafino Orazi

Dettagli

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI?

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? Firenze, 31 marzo 2012 Francesco Valitutti UOC Gastroenterologia ed Epatologia Pediatrica Dipartimento di Pediatria e Neuropsichiatria

Dettagli

La conferma di laboratorio della rosolia

La conferma di laboratorio della rosolia La conferma di laboratorio della rosolia La risposta anticorpale all infezione post-natale da rosolia IgG Rash IgM Prodromi INCUBAZIONE 0 7 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 27 35 42 VIREMIA ESCREZIONE

Dettagli

Verso la terapia personalizzata

Verso la terapia personalizzata Verso la terapia personalizzata M.G.Tibiletti Genetista Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese Soroptimist Club Varese Varese 20 aprile 2013 Test genetici DIAGNOSTICI PRESINTOMATICI PREDITTIVI,

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO: Definizione quadro caratterizzato da persistente ostruzione al flusso aereo la riduzione del flusso è di solito

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

More information >>> HERE <<<

More information >>> HERE <<< More information >>> HERE http://urlzz.org/hbritalian/pdx/port3788/ Tags: download, download

Dettagli

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO Introduzione Il lavoro è proseguito con l indicazione di una Esistono diverse Linee Guida che prendono serie di premesse che preludono alle

Dettagli

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT MILD COGNITIVE IMPAIRMENT - Rapporto del Gruppo di Lavoro Internazionale sul - Winblad B et al. (2004). Mild Cognitive Impairment: beyond controversies, towards a consensus. Journal of Internal Medicine;

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

INDICE. Premessa... Pag. 3. Cardiologia... Pag. 5. Pag. 15. Risonanza magnetica nucleare... Pag. 19. Tac... Pag. 25 - 2 - ...

INDICE. Premessa... Pag. 3. Cardiologia... Pag. 5. Pag. 15. Risonanza magnetica nucleare... Pag. 19. Tac... Pag. 25 - 2 - ... INDICE Premessa... Pag. 3 Cardiologia... Pag. 5 Risonanza magnetica nucleare... Pag. 15... Pag. 19 Tac... Pag. 25-2 - Premessa Con la D.G.R. n. 907 del 19/6/2006 è stato approvato il Piano Attuativo Regionale

Dettagli

Indice. 1 Introduzione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Introduzione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 LEZIONE CENNI STORICI ED EVOLUZIONE DELL EVIDENCE BASED PRACTICE; FORMULAZIONE DEL QUESITO CLINICO PROF. MATTEO STORTI Indice 1 Introduzione ------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Pavia, Giugno 2012. Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna

Pavia, Giugno 2012. Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna Pavia, Giugno 2012 Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna I principali problemi che vedo e il contributo delle ultime LG ACCP Diagnosi

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

Progettare una ricerca bibliografica

Progettare una ricerca bibliografica A.S.L. TO 2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Sede TO2 Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dettagli

Endoscopia nell anno successivo

Endoscopia nell anno successivo COLON FOLLOW-UP 01 Endoscopia nell anno successivo DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti sottoposti a endoscopia nei 12 mesi successivi all intervento 0-20 DISTRIBUZIONE SPAZIALE 21-40 41-60 61-80

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli