SELEZIONE DEI VIGILI DEL FUOCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SELEZIONE DEI VIGILI DEL FUOCO"

Transcript

1 SELEZIONE DEI VIGILI DEL FUOCO Colonnello Cheryl D. Lamerson, C. D., Ph. D. Direttore Ricerca e Valutazione delle Risorse Umane Quartier Generale della Difesa Nazionale, Ottawa, Canada K1A OK2 lamerson. forces.ca Due anni fa mio marito ed io abbiamo visitato Villa Adriana, nei dintorni di Roma. Mentre vagavamo tra le rovine ci siamo imbattuti in un cartello che indicava l ubicazione della prima sede dei Vigili del Fuoco. Ho cominciato a pensare cosa avesse potuto significare essere un vigile del fuoco nell antica Roma. Si trattava di professionisti a tempo pieno o di volontari? In cosa consisteva il loro addestramento? Erano molto impegnati? Pare di si ai tempi di Nerone, stando a quanto ci viene riferito. In che modo diventavano vigili del fuoco? Come sapete, faccio parte dell esercito canadese. Sono una Psicologa specializzata nella selezione del personale. Consideriamo le persone la nostra risorsa più importante e preziosa e ci rendiamo perfettamente conto che è inutile disporre dei migliori macchinari al mondo se non vi sono persone in grado e desiderose di utilizzare tali attrezzature e di lavorare. Dobbiamo procedere ad un accurata, efficace e giusta selezione del personale se vogliamo che sia capace di apprendere e di svolgere gli incarichi con profitto nel corso di tanti anni. Il servizio Antincendi esiste da migliaia di anni ma la scienza della selezione risale soltanto a circa 100 anni fa. Vi spiegherò perché la selezione è importante e quale uso ne facciamo in Canada. Nelle prime forme di società, presumo che in caso di incendio qualunque persona abile che si trovasse nelle vicinanze fosse chiamata a partecipare allo spegnimento. Ma con l evolversi della società, probabilmente alcuni uomini sono diventati vigili del fuoco. Potremmo chiamare questo processo autoselezione e sopravvivenza dei migliori. Se eri disposto a combattere gli incedi, e abbastanza bravo da non perderci la vita, allora diventavi e rimanevi un vigile del fuoco. In seguito, con la crescita dei paesi e delle città, è stato necessario assegnare ai vigili del fuoco determinati

2 2 incarichi. Probabilmente vi erano più domande per diventare vigili del fuoco di quanti non fossero i posti disponibili. Nel corso degli ultimi 100 anni, i paesi e le città si sono resi conto che l addestramento dei vigili del fuoco richiedeva tempo, danaro e lavoro per cui volevano essere certi di scegliere quanti avessero maggiori possibilità di superare brillantemente l addestramento ed in seguito il lavoro vero e proprio. Si manifestava quindi il desiderio di poter disporre di uno strumento per stabilire chi selezionare e chi fosse maggiormente in grado di svolgere l incarico. Si riconosceva che la volontà di lavorare, ossia la motivazione, era certo importante, ma che erano necessarie altresì la conoscenza, la capacità e l abilità. In altre parole scopo principale del processo di collocamento è scegliere le persone che possano essere maggiormente in grado di svolgere le proprie mansioni. (Guion, 1997). L espressione la persona giusta al posto giusto al momento giusto è spesso utilizzata per descrivere la selezione e l assegnazione nell ambito del processo di collocamento. Indipendentemente dalle dimensioni, dalla semplicità e complessità dell organizzazione, di norma il processo di collocamento è composto dai seguenti elementi: a) L organizzazione ha bisogno di persone; b) Le persone, perlomeno alcune di esse, vogliono svolgere l attività dell organizzazione; c) Individuazione delle caratteristiche del lavoro; d) Individuazione delle persone; e) Assunzione di persone con le caratteristiche desiderate. Pensate un attimo alla vostra esperienza nel Dipartimento dei Vigili del Fuoco o nell organizzazione cui appartenete. Come siete stati assunti? Probabilmente in un momento in cui l organizzazione aveva bisogno di personale. Ne avrete sentito parlare da amici o familiari, avrete visto alcune pubblicità oppure vi sarete recati nell ufficio per chiedere se vi fosse ricerca di personale. Avete presentato la domanda. Eravate perfettamente a conoscenza di cosa significasse essere un vigile del Fuoco? Avevate visto qualcuno all opera, avevate letto qualcosa su questo tipo di lavoro o conosciuto qualcuno che lavorasse in questo settore? Avevate avuto

3 3 un esperienza di lavoro simile o un qualche addestramento per questo tipo di attività? In America del Nord, molti vigili del fuoco professionisti hanno iniziato come volontari in piccole comunità. Vi è qualche somiglianza con la vostra esperienza? Che cosa è successo quando avete presentato la vostra domanda? Avete dovuto superare un test? Le prove scritte avevano lo scopo di dimostrare le vostre conoscenze in fatto di meccanica, matematica, letteratura, legislazione antincendi o qualcos altro? Avete dovuto passare una visita medica? Avete dovuto superare test di abilità? Siete stati interrogati? In caso di risposta affermativa, quali domande vi sono state poste? Si riferivano al lavoro oppure alla vostra storia, forse alla vostra personalità? Avete dovuto svolgere mansioni identiche o simili al vostro lavoro attuale? Occupate ormai questo posto, per cui si presume che sia stato giusto avervi scelto per quel dato incarico. Ma avrete certamente incontrato altre persone che hanno superato le prove iniziali ma non l addestramento o, forse, non erano adatte per questo mestiere. Vi siete mai chiesti: Come ha potuto questo collega essere ammesso a svolgere tale lavoro? E del tutto inutile! Ormai siete a conoscenza di un fatto triste, ma vero. La scienza della selezione del personale non è perfetta. E allora, perché non tirare una monetina per ciascuna persona che desideri entrare nel Corpo dei vigili del Fuoco? Se esce testa ci riesce, se esce croce no. Quali sarebbero i costi, il tempo e la fatica, sia per il corpo dei vigili del fuoco, sia per l aspirante? Non sarebbe meglio individuare un metodo sistematico e scientifico per aumentare le possibilità di successo, che con il lancio della monetina sono del 50%? La selezione del personale è strettamente collegata alla previsione. Il datore di lavoro prevede che sarete adatti per gli interventi di soccorso o altri incarichi particolari. In seguito prevederà che diventerete bravi sottufficiali, ufficiali o addirittura capi. Ma, per poter prevedere, si deve sapere che cosa si deve prevedere. In altre parole, qual è l attività finale, il risultato. Si sta parlando qui di prestazione e, nel nostro caso, delle prestazioni, del comportamento di un vigile del fuoco qualificato. Una volta conosciute e descritte le prestazioni si potrà lavorare a ritroso e dire quali comportamenti e risultati vanno esaminati per poter fare previsioni. Nell elaborare un processo di selezione dei vigili del fuoco cinque sono le fasi, relativamente semplici, da percorrere:

4 4 a) Innanzitutto occorre stabilire le caratteristiche di un buon rendimento del vigili del fuoco; b) Secondo, bisogna definire come misurare queste caratteristiche; c) Terzo, è necessario stabilire il livello di rendimento desiderato in base alle nostre misure di previsione; d) Quarto, i candidati vanno valutati in base alle misure di previsione; e) Infine, occorre decidere se promuovere o bocciare i candidati esaminati. Allora, come stabilire che cosa costituisce un ottimo rendimento per i vigili del fuoco? Procediamo ad un analisi del lavoro. Ciò significa raccogliere e analizzare informazioni sul lavoro. Si tratta di un primo passo necessario nel nostro processo di selezione. Un analisi ben fatta sul lavoro fornisce informazioni su tre aspetti fondamentali del lavoro: il contenuto, le esigenze ed il contesto. Il contenuto del lavoro ha a che vedere con le informazioni sui compiti e le attività da svolgere. I requisiti sono dichiarazioni su necessari attributi umani quali conoscenze, capacità, abilità ed altre capacità. Il contesto si riferisce all ambiente e alle condizioni in cui viene svolto tale lavoro, tra cui gli obiettivi, il grado di responsabilità, le conseguenze degli errori o lo stress fisico e mentale legato al lavoro. Nella città di Ottawa, dove vivo, il nostro Dipartimento Antincendi descrive il contesto di lavoro del vigile del fuoco in quanto competente in materia di estinzione degli incendi al fine di salvare vite e proteggere proprietà. Si tratta di lottare contro gli incendi, spegnerli e/o prevenirli svolgendo determinati compiti rapidamente ed in modo efficace come richiesto in situazioni di emergenza (di frequente in presenza di rischi di notevole entità). Questa descrizione corrisponde a mansioni del tipo guidare e/o far funzionare qualsiasi veicolo o attrezzatura, disporre e collegare tubi, salire e lavorare su scale e indossare maschere autosufficienti (sito web Città di Ottawa, 2002). Ciò che non troviamo in questo profilo dell attività è un elenco dei requisiti. Quante e che tipo di conoscenze deve possedere un vigile del fuoco? Che cosa deve essere in grado di fare e con quanta abilità? Sappiamo, ad esempio, che uno dei compiti dei vigili del fuoco di Ottawa è quello di salire su una scala e lavorare su di essa.

5 5 Ma ciò che non sappiamo è fino a quale e altezza della scala devono poter giungere e a quale velocità devono arrampicarsi. Sono questi fattori importanti nella selezione di potenziali vigili del fuoco. Quali comportamenti, gradi di rendimento e risultati sono particolarmente importanti per l attività di vigile del fuoco? Il successo finale del lavoro del vigile del fuoco consiste nel combattere e vincere l incendio in ogni situazione e rapidamente. Comunque, tutto ciò è troppo generico per una valutazione precisa e giusta. Sappiamo che, per poter estinguere un incendio, il vigile del fuoco deve essere in grado di guidare un veicolo e/o far funzionare un attrezzatura, disporre il tubo, salire sulla scala e dirigere la lancia. Nel cercare di selezionare adeguatamente i futuri vigili del fuoco dobbiamo poter essere quanto più concreti possibile al fine di stabilire cosa e come misurare. Le caratteristiche di un buon rendimento sono chiamate criteri. I criteri devono essere pertinenti. I criteri dovrebbero rappresentare comportamenti sul lavoro o produzioni dell attività. Se un criterio contiene informazioni irrilevanti lo si considera contaminato, se manca di informazioni importanti e pertinenti, lo si considera carente. Gran parte ma non tutto ciò che si fa in quanto vigile del fuoco ha caratteristiche fisiche. Quindi, cosa non sorprendente, gran parte dei criteri ritenuti importanti nella selezione dei vigili del fuoco sono fisici. Ad Ottawa i criteri fisici sono comportamenti e compiti quali salire le scale, trascinare tubi, trasportare attrezzature, sollevare ed allungare scale, entrare con la forza, la ricerca, il soccorso, l apertura di varchi nel soffitto, ecc. L intelligenza in genere, la buona salute, la capacità di guidare, il saper obbedire e la motivazione sono considerati altrettanto importanti per il rendimento dei vigili del fuoco. Ora, come possiamo misurare questi criteri per prevedere chi sarà in grado di svolgere queste mansioni e di comportarsi sufficientemente bene da diventare un buon vigile del fuoco?

6 6 Considerati i tempi, i costi e la fatica della selezione, prenderemo in considerazione le misure di previsione che siamo le più inerenti all effettivo rendimento sul lavoro. Così dovremmo appiccare un incendio e pretendere che i candidati ad entrare nel Corpo dei Vigili del Fuoco lo spengano? Questa misura è strettamente legata all effettiva prestazione del vigile ma potrebbe risultare costosa in termini di feriti e comunque non riconosce la necessità di addestramento per diventare vigile del fuoco. Possiamo creare alcune misure, possiamo chiedere ad un gruppo di esperti quali misure a loro avviso dovremmo utilizzare o possiamo essere in grado di trovarne ulteriori che siano impiegate in altri Servizi Antincendi o organizzazioni ed usarle come misure di previsione. Come stabilire quali devono essere i livelli di riferimento per quanto concerne le misure di previsione? Ad esempio, stabiliamo una misura per l ingresso con la forza negli edifici. Ricorrerò ad un esempio tratto dal Servizio Antincendi di Ottawa. Si dà al candidato una mazza del peso di 5 Kg. chiedendogli di farla roteare ripetutamente in parallelo al moto terrestre ad un altezza di 100 centimetri contro una pesante porta di legno. Quando dobbiamo considerare superata questa prova? Quando il candidato è riuscito a sollevare la mazza, quando ha colpito dieci volte in due minuti, quando ha colpito il centro della porta nove volte su dieci, quando ha colpito la porta con una forza di 50 Kg. oppure quando è riuscito a penetrare attraverso la porta? A dire il vero, se la mia casa fosse in fiamme e il vigile del fuoco dall altra parte della porta, spererei che, essendo stato selezionato e avendo superato il periodo di addestramento, possa essere in grado di sfondare la porta. Per poter decidere cosa debba essere in grado di fare un candidato occorre esaminare che cosa sono attualmente in grado di fare i vigili del fuoco in servizio e stabilire quanto l addestramento abbia contribuito ai progressi compiuti. Diciamo che ci troviamo a scoprire che il vigile del fuoco medio attualmente in servizio non è in grado di sfondare una porta; ce ne vogliono due per farlo. E quindi inutile stabilire un livello di selezione così elevato da non poter scegliere nessuno, ma neppure così basso da promuovere tutti.

7 7 Desideriamo che le nostre misure di previsione siamo pertinenti e tali da operare una differenza tra i vari gradi di rendimento. Tutto ciò ha a che vedere con il livello di sensibilità della misura e con la sua capacità di saper distinguere tra un rendimento buono, medio o scarso. Nel limite del possibile, nello scegliere le misure di previsione occorrerebbe tener conto dell utilità. Bisogna soppesare il costo di una misura rispetto al valore di ciò che tale misura ci dice. E improbabile che un organizzazione adotti un sistema di selezione per il quale una o tutte le misure siano così costose da provocarne il fallimento. Vorrei citare un esempio tratto dalla mia stessa organizzazione, l Aeronautica canadese. Addestrare piloti di caccia è molto costoso considerato che gli stessi aerei sono molto cari. Un sistema di selezione piuttosto dispendioso può essere giustificato dalla necessità di evitare il costo di un aereo del valore di svariati milioni di dollari caduto a terra perché guidato da un cattivo pilota. Ma una selezione altrettanto costosa non sarà certo ben accetta se applicata agli impiegati della pubblica amministrazione. Per essere utilizzata, una misura di previsione deve essere pratica, ed una caratteristica importante dell essere pratico è il confronto tra costi ed efficacia, ossia l utilità. Qualsiasi metodo, dal colloquio all autovalutazione alle prove scritte ha una sua validità, purchè misuri caratteristiche logicamente inerenti a ciò che conta, ossia il rendimento; sia standardizzato, così da fare in modo che ogniqualvolta si ricorra a tale misura si ottenga un risultato affidabile; sia tale da essere valutato per giustificarne l uso. Nel realizzare il nostro processo di selezione dovremo altresì decidere se vogliano che ciascun candidato superi ciascuna misura o se preferiamo accettare che un comportamento eccellente in un test possa compensare un comportamento insufficiente in un altro. Dovremo altresì decidere se intendiamo definire un livello assoluto nei nostri test o creare una lista che disponga i candidati secondo una classifica o entrambi i criteri. In

8 8 altre parole, se il mio rendimento nel corso delle misure di previsione mi colloca 74 in classifica, ciò sta a significare che sono stato ammesso? Dopotutto, posso essere 74 in una lista di 74 candidati. Le nostre misure di previsione valutano la capacità e la motivazione. I criteri di abilità comprendono l intelligenza, l attitudine e la capacità. I criteri di motivazione comprendono l attitudine a lavorare, ad esempio l etica sul lavoro o l impegno nei confronti del Servizio Antincendi, caratteristiche della personalità (anche se notoriamente non sono validi criteri per misurare il rendimento) quali la tendenza al successo o l affidabilità. Ora che sappiamo quale tipo di rendimento è veramente importante per noi, quali misure utilizzeremo per prevedere il rendimento e quali livelli desideriamo che i candidati raggiungano durante le prove, dobbiamo effettivamente esaminarli facendo ricorso alle nostre misure di previsione. Una volta valutati, avremo un idea di chi avrà un buon comportamento nel corso degli addestramenti e sul lavoro. Ammetteremo alcuni nel Servizio Antincendi e ne escluderemo altri. Vi potrebbe essere un terzo gruppo di incerti, ossia quelli che più si avvicinano alla linea di demarcazione che abbiamo stabilito. In questi casi potremmo essere meno sicuri delle nostre previsioni, dell opportunità di ammettere o respingere queste persone. Ho già detto che nessun processo di selezione può essere perfetto al 100%. Due sono i tipi di errori in cui possiamo incorrere. Vi sono persone che riteniamo non possano essere dei bravi vigili del fuoco e che bocciamo ma che in realtà sarebbero stati dei bravi vigili del fuoco; sono i cosiddetti falsi negativi. Al contrario vi sono persone che prevediamo possano essere bravi vigili del fuoco e che promuoviamo ma che in seguito dimostrano di non esserlo; sono i cosiddetti falsi positivi. Quello che cerchiamo di ottenere con il nostro processo di selezione è ridurre al minimo queste due false previsioni.

9 9 Le selezione non avviene solo nei confronti di nuovi candidati ad entrare nel Servizio Antincendi. Ne facciamo uso altresì per quanto riguarda l assunzione di personale specializzato o l addestramento in settori quali le sostanze pericolose, il soccorso in acqua, all interno di fosse, ecc. Ricorriamo alla selezione anche per stabilire chi promuovere. In America del Nord molte città e paesi seguono un loro proprio processo di selezione. Sebbene vi siano alcune somiglianze, non esiste un sistema di selezione standard. Sono a conoscenza del fatto che in Europa molti paesi hanno un sistema di selezione e addestramento standard. Che si tratti di un sistema standard o unico, vigono gli stessi principi per una selezione scientifica per garantire che il vigile del fuoco che lavora accanto a noi sia stato adeguatamente selezionato per svolgere quella determinata attività. Fare in modo che il processo di selezione della vostra organizzazione fornisca la migliore previsione in merito a chi possa diventare un vigile del fuoco permette di garantire la vostra sicurezza e la sicurezza dei cittadini per i quali operate. [Guion, R.M. (1991). Personnel assessment, selection and placement. In MD Dunnette and L.M. Hough (Eds.), Handbook of industrial and organizational psychology (2 nd ed) (pp ). Palo Alto, CA: Consulting Psychologists Press]. [Cammpbell, J.P. & Pritchard, R.D. (1976). Motivation Theory in industrial and organizational psychology. In M.D. Dunnette (Ed.) Handbook of industrial and organizational psychology (pp ). Chicago Rand McNally.] [City of Ottawa (2002). MP/lp-mlf-2 parte

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE COPYRIGHT 2008 PROCTER & GAMBLE CINCINNATI, OH 45202 U.S.A. AVVERTENZA: Tutti i diritti riservati. Questo opuscolo non può essere riprodotto in alcun

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Brochure La verità sull inchiostro

Brochure La verità sull inchiostro Brochure La verità sull inchiostro Sommario Fai clic sui collegamenti per vederne i paragrafi 1 mito: Le cartucce non originali HP sono affidabili tanto quanto le cartucce originali HP. 2 mito: La resa

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Soldato di professione nel Distaccamento d esplorazione dell esercito 10

Soldato di professione nel Distaccamento d esplorazione dell esercito 10 Soldato di professione nel Distaccamento d esplorazione dell esercito 10 1 2 3 4 5 6 7 8 Impiego & compito I Processo di selezione & requisiti I Istruzione I Attività lavorative I Contatto Il distaccamento

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto? Furto con destrezza: si possono evitare? Cosa fare per non trovarsi beffati?

Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto? Furto con destrezza: si possono evitare? Cosa fare per non trovarsi beffati? ESPERTI RIFERME SERRATURE ITALIA - 20090 FIZZONASCO (MI) - V.LE UMBRIA 2 TEL. 02/90724526 FAX 02/90725558 E-mail: info@ersi.it Web Site: www.ersi.it Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto?

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

La lettera di presentazione

La lettera di presentazione La lettera di presentazione Aggiornato a novembre 2008 La lettera di presentazione è necessaria nel caso di autocandidatura e facoltativa (quando non richiesta esplicitamente dall'azienda) negli altri

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname?

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Le schede di Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Tutti immagino. Quindi armatevi di pazienza

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!!

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! SEZIONE PROGETTI AVAB Amici del Volo Aeromodellistico di Bovolone Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! Di Federico Fracasso In questo articolo spiegherò a grandi passi

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso Luigi De Giovanni, Laura Brentegani 1 1) Risolvere il seguente problema di programmazione lineare. ma + + 3 s.t. 2 + + 2 + 2 + 3 5 2 + 2 + 6,, 0 Soluzione.

Dettagli