SELEZIONE DEI VIGILI DEL FUOCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SELEZIONE DEI VIGILI DEL FUOCO"

Transcript

1 SELEZIONE DEI VIGILI DEL FUOCO Colonnello Cheryl D. Lamerson, C. D., Ph. D. Direttore Ricerca e Valutazione delle Risorse Umane Quartier Generale della Difesa Nazionale, Ottawa, Canada K1A OK2 lamerson. forces.ca Due anni fa mio marito ed io abbiamo visitato Villa Adriana, nei dintorni di Roma. Mentre vagavamo tra le rovine ci siamo imbattuti in un cartello che indicava l ubicazione della prima sede dei Vigili del Fuoco. Ho cominciato a pensare cosa avesse potuto significare essere un vigile del fuoco nell antica Roma. Si trattava di professionisti a tempo pieno o di volontari? In cosa consisteva il loro addestramento? Erano molto impegnati? Pare di si ai tempi di Nerone, stando a quanto ci viene riferito. In che modo diventavano vigili del fuoco? Come sapete, faccio parte dell esercito canadese. Sono una Psicologa specializzata nella selezione del personale. Consideriamo le persone la nostra risorsa più importante e preziosa e ci rendiamo perfettamente conto che è inutile disporre dei migliori macchinari al mondo se non vi sono persone in grado e desiderose di utilizzare tali attrezzature e di lavorare. Dobbiamo procedere ad un accurata, efficace e giusta selezione del personale se vogliamo che sia capace di apprendere e di svolgere gli incarichi con profitto nel corso di tanti anni. Il servizio Antincendi esiste da migliaia di anni ma la scienza della selezione risale soltanto a circa 100 anni fa. Vi spiegherò perché la selezione è importante e quale uso ne facciamo in Canada. Nelle prime forme di società, presumo che in caso di incendio qualunque persona abile che si trovasse nelle vicinanze fosse chiamata a partecipare allo spegnimento. Ma con l evolversi della società, probabilmente alcuni uomini sono diventati vigili del fuoco. Potremmo chiamare questo processo autoselezione e sopravvivenza dei migliori. Se eri disposto a combattere gli incedi, e abbastanza bravo da non perderci la vita, allora diventavi e rimanevi un vigile del fuoco. In seguito, con la crescita dei paesi e delle città, è stato necessario assegnare ai vigili del fuoco determinati

2 2 incarichi. Probabilmente vi erano più domande per diventare vigili del fuoco di quanti non fossero i posti disponibili. Nel corso degli ultimi 100 anni, i paesi e le città si sono resi conto che l addestramento dei vigili del fuoco richiedeva tempo, danaro e lavoro per cui volevano essere certi di scegliere quanti avessero maggiori possibilità di superare brillantemente l addestramento ed in seguito il lavoro vero e proprio. Si manifestava quindi il desiderio di poter disporre di uno strumento per stabilire chi selezionare e chi fosse maggiormente in grado di svolgere l incarico. Si riconosceva che la volontà di lavorare, ossia la motivazione, era certo importante, ma che erano necessarie altresì la conoscenza, la capacità e l abilità. In altre parole scopo principale del processo di collocamento è scegliere le persone che possano essere maggiormente in grado di svolgere le proprie mansioni. (Guion, 1997). L espressione la persona giusta al posto giusto al momento giusto è spesso utilizzata per descrivere la selezione e l assegnazione nell ambito del processo di collocamento. Indipendentemente dalle dimensioni, dalla semplicità e complessità dell organizzazione, di norma il processo di collocamento è composto dai seguenti elementi: a) L organizzazione ha bisogno di persone; b) Le persone, perlomeno alcune di esse, vogliono svolgere l attività dell organizzazione; c) Individuazione delle caratteristiche del lavoro; d) Individuazione delle persone; e) Assunzione di persone con le caratteristiche desiderate. Pensate un attimo alla vostra esperienza nel Dipartimento dei Vigili del Fuoco o nell organizzazione cui appartenete. Come siete stati assunti? Probabilmente in un momento in cui l organizzazione aveva bisogno di personale. Ne avrete sentito parlare da amici o familiari, avrete visto alcune pubblicità oppure vi sarete recati nell ufficio per chiedere se vi fosse ricerca di personale. Avete presentato la domanda. Eravate perfettamente a conoscenza di cosa significasse essere un vigile del Fuoco? Avevate visto qualcuno all opera, avevate letto qualcosa su questo tipo di lavoro o conosciuto qualcuno che lavorasse in questo settore? Avevate avuto

3 3 un esperienza di lavoro simile o un qualche addestramento per questo tipo di attività? In America del Nord, molti vigili del fuoco professionisti hanno iniziato come volontari in piccole comunità. Vi è qualche somiglianza con la vostra esperienza? Che cosa è successo quando avete presentato la vostra domanda? Avete dovuto superare un test? Le prove scritte avevano lo scopo di dimostrare le vostre conoscenze in fatto di meccanica, matematica, letteratura, legislazione antincendi o qualcos altro? Avete dovuto passare una visita medica? Avete dovuto superare test di abilità? Siete stati interrogati? In caso di risposta affermativa, quali domande vi sono state poste? Si riferivano al lavoro oppure alla vostra storia, forse alla vostra personalità? Avete dovuto svolgere mansioni identiche o simili al vostro lavoro attuale? Occupate ormai questo posto, per cui si presume che sia stato giusto avervi scelto per quel dato incarico. Ma avrete certamente incontrato altre persone che hanno superato le prove iniziali ma non l addestramento o, forse, non erano adatte per questo mestiere. Vi siete mai chiesti: Come ha potuto questo collega essere ammesso a svolgere tale lavoro? E del tutto inutile! Ormai siete a conoscenza di un fatto triste, ma vero. La scienza della selezione del personale non è perfetta. E allora, perché non tirare una monetina per ciascuna persona che desideri entrare nel Corpo dei vigili del Fuoco? Se esce testa ci riesce, se esce croce no. Quali sarebbero i costi, il tempo e la fatica, sia per il corpo dei vigili del fuoco, sia per l aspirante? Non sarebbe meglio individuare un metodo sistematico e scientifico per aumentare le possibilità di successo, che con il lancio della monetina sono del 50%? La selezione del personale è strettamente collegata alla previsione. Il datore di lavoro prevede che sarete adatti per gli interventi di soccorso o altri incarichi particolari. In seguito prevederà che diventerete bravi sottufficiali, ufficiali o addirittura capi. Ma, per poter prevedere, si deve sapere che cosa si deve prevedere. In altre parole, qual è l attività finale, il risultato. Si sta parlando qui di prestazione e, nel nostro caso, delle prestazioni, del comportamento di un vigile del fuoco qualificato. Una volta conosciute e descritte le prestazioni si potrà lavorare a ritroso e dire quali comportamenti e risultati vanno esaminati per poter fare previsioni. Nell elaborare un processo di selezione dei vigili del fuoco cinque sono le fasi, relativamente semplici, da percorrere:

4 4 a) Innanzitutto occorre stabilire le caratteristiche di un buon rendimento del vigili del fuoco; b) Secondo, bisogna definire come misurare queste caratteristiche; c) Terzo, è necessario stabilire il livello di rendimento desiderato in base alle nostre misure di previsione; d) Quarto, i candidati vanno valutati in base alle misure di previsione; e) Infine, occorre decidere se promuovere o bocciare i candidati esaminati. Allora, come stabilire che cosa costituisce un ottimo rendimento per i vigili del fuoco? Procediamo ad un analisi del lavoro. Ciò significa raccogliere e analizzare informazioni sul lavoro. Si tratta di un primo passo necessario nel nostro processo di selezione. Un analisi ben fatta sul lavoro fornisce informazioni su tre aspetti fondamentali del lavoro: il contenuto, le esigenze ed il contesto. Il contenuto del lavoro ha a che vedere con le informazioni sui compiti e le attività da svolgere. I requisiti sono dichiarazioni su necessari attributi umani quali conoscenze, capacità, abilità ed altre capacità. Il contesto si riferisce all ambiente e alle condizioni in cui viene svolto tale lavoro, tra cui gli obiettivi, il grado di responsabilità, le conseguenze degli errori o lo stress fisico e mentale legato al lavoro. Nella città di Ottawa, dove vivo, il nostro Dipartimento Antincendi descrive il contesto di lavoro del vigile del fuoco in quanto competente in materia di estinzione degli incendi al fine di salvare vite e proteggere proprietà. Si tratta di lottare contro gli incendi, spegnerli e/o prevenirli svolgendo determinati compiti rapidamente ed in modo efficace come richiesto in situazioni di emergenza (di frequente in presenza di rischi di notevole entità). Questa descrizione corrisponde a mansioni del tipo guidare e/o far funzionare qualsiasi veicolo o attrezzatura, disporre e collegare tubi, salire e lavorare su scale e indossare maschere autosufficienti (sito web Città di Ottawa, 2002). Ciò che non troviamo in questo profilo dell attività è un elenco dei requisiti. Quante e che tipo di conoscenze deve possedere un vigile del fuoco? Che cosa deve essere in grado di fare e con quanta abilità? Sappiamo, ad esempio, che uno dei compiti dei vigili del fuoco di Ottawa è quello di salire su una scala e lavorare su di essa.

5 5 Ma ciò che non sappiamo è fino a quale e altezza della scala devono poter giungere e a quale velocità devono arrampicarsi. Sono questi fattori importanti nella selezione di potenziali vigili del fuoco. Quali comportamenti, gradi di rendimento e risultati sono particolarmente importanti per l attività di vigile del fuoco? Il successo finale del lavoro del vigile del fuoco consiste nel combattere e vincere l incendio in ogni situazione e rapidamente. Comunque, tutto ciò è troppo generico per una valutazione precisa e giusta. Sappiamo che, per poter estinguere un incendio, il vigile del fuoco deve essere in grado di guidare un veicolo e/o far funzionare un attrezzatura, disporre il tubo, salire sulla scala e dirigere la lancia. Nel cercare di selezionare adeguatamente i futuri vigili del fuoco dobbiamo poter essere quanto più concreti possibile al fine di stabilire cosa e come misurare. Le caratteristiche di un buon rendimento sono chiamate criteri. I criteri devono essere pertinenti. I criteri dovrebbero rappresentare comportamenti sul lavoro o produzioni dell attività. Se un criterio contiene informazioni irrilevanti lo si considera contaminato, se manca di informazioni importanti e pertinenti, lo si considera carente. Gran parte ma non tutto ciò che si fa in quanto vigile del fuoco ha caratteristiche fisiche. Quindi, cosa non sorprendente, gran parte dei criteri ritenuti importanti nella selezione dei vigili del fuoco sono fisici. Ad Ottawa i criteri fisici sono comportamenti e compiti quali salire le scale, trascinare tubi, trasportare attrezzature, sollevare ed allungare scale, entrare con la forza, la ricerca, il soccorso, l apertura di varchi nel soffitto, ecc. L intelligenza in genere, la buona salute, la capacità di guidare, il saper obbedire e la motivazione sono considerati altrettanto importanti per il rendimento dei vigili del fuoco. Ora, come possiamo misurare questi criteri per prevedere chi sarà in grado di svolgere queste mansioni e di comportarsi sufficientemente bene da diventare un buon vigile del fuoco?

6 6 Considerati i tempi, i costi e la fatica della selezione, prenderemo in considerazione le misure di previsione che siamo le più inerenti all effettivo rendimento sul lavoro. Così dovremmo appiccare un incendio e pretendere che i candidati ad entrare nel Corpo dei Vigili del Fuoco lo spengano? Questa misura è strettamente legata all effettiva prestazione del vigile ma potrebbe risultare costosa in termini di feriti e comunque non riconosce la necessità di addestramento per diventare vigile del fuoco. Possiamo creare alcune misure, possiamo chiedere ad un gruppo di esperti quali misure a loro avviso dovremmo utilizzare o possiamo essere in grado di trovarne ulteriori che siano impiegate in altri Servizi Antincendi o organizzazioni ed usarle come misure di previsione. Come stabilire quali devono essere i livelli di riferimento per quanto concerne le misure di previsione? Ad esempio, stabiliamo una misura per l ingresso con la forza negli edifici. Ricorrerò ad un esempio tratto dal Servizio Antincendi di Ottawa. Si dà al candidato una mazza del peso di 5 Kg. chiedendogli di farla roteare ripetutamente in parallelo al moto terrestre ad un altezza di 100 centimetri contro una pesante porta di legno. Quando dobbiamo considerare superata questa prova? Quando il candidato è riuscito a sollevare la mazza, quando ha colpito dieci volte in due minuti, quando ha colpito il centro della porta nove volte su dieci, quando ha colpito la porta con una forza di 50 Kg. oppure quando è riuscito a penetrare attraverso la porta? A dire il vero, se la mia casa fosse in fiamme e il vigile del fuoco dall altra parte della porta, spererei che, essendo stato selezionato e avendo superato il periodo di addestramento, possa essere in grado di sfondare la porta. Per poter decidere cosa debba essere in grado di fare un candidato occorre esaminare che cosa sono attualmente in grado di fare i vigili del fuoco in servizio e stabilire quanto l addestramento abbia contribuito ai progressi compiuti. Diciamo che ci troviamo a scoprire che il vigile del fuoco medio attualmente in servizio non è in grado di sfondare una porta; ce ne vogliono due per farlo. E quindi inutile stabilire un livello di selezione così elevato da non poter scegliere nessuno, ma neppure così basso da promuovere tutti.

7 7 Desideriamo che le nostre misure di previsione siamo pertinenti e tali da operare una differenza tra i vari gradi di rendimento. Tutto ciò ha a che vedere con il livello di sensibilità della misura e con la sua capacità di saper distinguere tra un rendimento buono, medio o scarso. Nel limite del possibile, nello scegliere le misure di previsione occorrerebbe tener conto dell utilità. Bisogna soppesare il costo di una misura rispetto al valore di ciò che tale misura ci dice. E improbabile che un organizzazione adotti un sistema di selezione per il quale una o tutte le misure siano così costose da provocarne il fallimento. Vorrei citare un esempio tratto dalla mia stessa organizzazione, l Aeronautica canadese. Addestrare piloti di caccia è molto costoso considerato che gli stessi aerei sono molto cari. Un sistema di selezione piuttosto dispendioso può essere giustificato dalla necessità di evitare il costo di un aereo del valore di svariati milioni di dollari caduto a terra perché guidato da un cattivo pilota. Ma una selezione altrettanto costosa non sarà certo ben accetta se applicata agli impiegati della pubblica amministrazione. Per essere utilizzata, una misura di previsione deve essere pratica, ed una caratteristica importante dell essere pratico è il confronto tra costi ed efficacia, ossia l utilità. Qualsiasi metodo, dal colloquio all autovalutazione alle prove scritte ha una sua validità, purchè misuri caratteristiche logicamente inerenti a ciò che conta, ossia il rendimento; sia standardizzato, così da fare in modo che ogniqualvolta si ricorra a tale misura si ottenga un risultato affidabile; sia tale da essere valutato per giustificarne l uso. Nel realizzare il nostro processo di selezione dovremo altresì decidere se vogliano che ciascun candidato superi ciascuna misura o se preferiamo accettare che un comportamento eccellente in un test possa compensare un comportamento insufficiente in un altro. Dovremo altresì decidere se intendiamo definire un livello assoluto nei nostri test o creare una lista che disponga i candidati secondo una classifica o entrambi i criteri. In

8 8 altre parole, se il mio rendimento nel corso delle misure di previsione mi colloca 74 in classifica, ciò sta a significare che sono stato ammesso? Dopotutto, posso essere 74 in una lista di 74 candidati. Le nostre misure di previsione valutano la capacità e la motivazione. I criteri di abilità comprendono l intelligenza, l attitudine e la capacità. I criteri di motivazione comprendono l attitudine a lavorare, ad esempio l etica sul lavoro o l impegno nei confronti del Servizio Antincendi, caratteristiche della personalità (anche se notoriamente non sono validi criteri per misurare il rendimento) quali la tendenza al successo o l affidabilità. Ora che sappiamo quale tipo di rendimento è veramente importante per noi, quali misure utilizzeremo per prevedere il rendimento e quali livelli desideriamo che i candidati raggiungano durante le prove, dobbiamo effettivamente esaminarli facendo ricorso alle nostre misure di previsione. Una volta valutati, avremo un idea di chi avrà un buon comportamento nel corso degli addestramenti e sul lavoro. Ammetteremo alcuni nel Servizio Antincendi e ne escluderemo altri. Vi potrebbe essere un terzo gruppo di incerti, ossia quelli che più si avvicinano alla linea di demarcazione che abbiamo stabilito. In questi casi potremmo essere meno sicuri delle nostre previsioni, dell opportunità di ammettere o respingere queste persone. Ho già detto che nessun processo di selezione può essere perfetto al 100%. Due sono i tipi di errori in cui possiamo incorrere. Vi sono persone che riteniamo non possano essere dei bravi vigili del fuoco e che bocciamo ma che in realtà sarebbero stati dei bravi vigili del fuoco; sono i cosiddetti falsi negativi. Al contrario vi sono persone che prevediamo possano essere bravi vigili del fuoco e che promuoviamo ma che in seguito dimostrano di non esserlo; sono i cosiddetti falsi positivi. Quello che cerchiamo di ottenere con il nostro processo di selezione è ridurre al minimo queste due false previsioni.

9 9 Le selezione non avviene solo nei confronti di nuovi candidati ad entrare nel Servizio Antincendi. Ne facciamo uso altresì per quanto riguarda l assunzione di personale specializzato o l addestramento in settori quali le sostanze pericolose, il soccorso in acqua, all interno di fosse, ecc. Ricorriamo alla selezione anche per stabilire chi promuovere. In America del Nord molte città e paesi seguono un loro proprio processo di selezione. Sebbene vi siano alcune somiglianze, non esiste un sistema di selezione standard. Sono a conoscenza del fatto che in Europa molti paesi hanno un sistema di selezione e addestramento standard. Che si tratti di un sistema standard o unico, vigono gli stessi principi per una selezione scientifica per garantire che il vigile del fuoco che lavora accanto a noi sia stato adeguatamente selezionato per svolgere quella determinata attività. Fare in modo che il processo di selezione della vostra organizzazione fornisca la migliore previsione in merito a chi possa diventare un vigile del fuoco permette di garantire la vostra sicurezza e la sicurezza dei cittadini per i quali operate. [Guion, R.M. (1991). Personnel assessment, selection and placement. In MD Dunnette and L.M. Hough (Eds.), Handbook of industrial and organizational psychology (2 nd ed) (pp ). Palo Alto, CA: Consulting Psychologists Press]. [Cammpbell, J.P. & Pritchard, R.D. (1976). Motivation Theory in industrial and organizational psychology. In M.D. Dunnette (Ed.) Handbook of industrial and organizational psychology (pp ). Chicago Rand McNally.] [City of Ottawa (2002). MP/lp-mlf-2 parte

SALUTE E SICUREZZA NEGLI STUDI PROFESSIONALI: SOGGETTI, OBBLIGHI E ADEMPIMENTI

SALUTE E SICUREZZA NEGLI STUDI PROFESSIONALI: SOGGETTI, OBBLIGHI E ADEMPIMENTI SALUTE E SICUREZZA NEGLI STUDI PROFESSIONALI: SOGGETTI, OBBLIGHI E ADEMPIMENTI Ciascun datore di lavoro ha l obbligo di adeguarsi alla normativa sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, sancita dal

Dettagli

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.)

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) Indice: 1. Quali sono le principali leggi di riferimento per gli adempimenti sicurezza sui luoghi di lavoro? 2. Quali sono le aziende che hanno l obbligo di adempiere a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08?

Dettagli

Domande e risposte sul Decreto Legge n. 34/2014 come convertito dalla Legge n. 78/2014. Sommario

Domande e risposte sul Decreto Legge n. 34/2014 come convertito dalla Legge n. 78/2014. Sommario Domande e risposte sul Decreto Legge n. 34/2014 come convertito dalla Legge n. 78/2014 Sommario Contratto a tempo determinato...2 a) Limite percentuale alle assunzioni (art. 1, comma 1 del D. Lgs. n. 368/2001):...2

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore Il controllo di gestione è uno strumento che consente di gestire al meglio l impresa e viene usato abitualmente in tutte le imprese di medie e

Dettagli

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008 Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA TITOLO I 1 PRIMA DEL D.LGS.81 DEL 2008? IL CODICE CIVILE (1865 ) (Con la Legge 80/1898

Dettagli

Indice. Il bilancio delle competenze. Il curriculum vitae Il mio progetto. Banche dati

Indice. Il bilancio delle competenze. Il curriculum vitae Il mio progetto. Banche dati Indice Il bilancio delle competenze Competenze Il curriculum vitae Il mio progetto Stabilire mete Banche dati Il bilancio delle competenze La consapevolezza di sé comporta la conoscenza dei propri stati

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

D.Lgs 9 aprile 2008, n.81

D.Lgs 9 aprile 2008, n.81 D.Lgs 9 aprile 2008, n.81 Definizioni Ai sensi dell art.2 del decreto 81/2008, si precisa che: 1. Datore di lavoro: è il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Nel caso Suo è la persona

Dettagli

I Tre Pilastri del Benessere

I Tre Pilastri del Benessere Building P ro fits b y Putting People F irst I Tre Pilastri del Benessere dall esistente al possibile Benessere Fattori organizzativi Standard di gestione Profilo del leader Saper governare i Tre Pilastri

Dettagli

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE COPYRIGHT 2008 PROCTER & GAMBLE CINCINNATI, OH 45202 U.S.A. AVVERTENZA: Tutti i diritti riservati. Questo opuscolo non può essere riprodotto in alcun

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Casi pratici di comunicazione per il farmacista

Casi pratici di comunicazione per il farmacista Casi pratici di comunicazione per il farmacista 1 Premessa e Punti di vista Un futuro farmacista viene addestrato, ma vuol dire la sua opinione La storia Farmacia lunedì mattina ore 8.15 Buon giorno. Si

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

I N T R O D U Z I O N E

I N T R O D U Z I O N E REGOLAMENTO INTRODUZIONE Anno Domini è un gioco di strategia e conquista. ambientato nel medioevo. Il miglior modo per imparare a giocare è quello di leggere attentamente il regolamento, passo dopo passo.

Dettagli

AREA 1 COMPRENDERE IL PERCORSO PORTFOLIO

AREA 1 COMPRENDERE IL PERCORSO PORTFOLIO AREA 1 COMPRENDERE IL PERCORSO PORTFOLIO Descrizione Questa area introduce e contestualizza il percorso di costruzione del portfolio delle competenze. Attivata nel primo o secondo anno di formazione professionale,

Dettagli

LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE

LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE Nota a cura del prof. Francesco Paoletti, Università di Milano - Bicocca Release 1.0, settembre 2005 Indice Introduzione 1. Le tipologie di tesi 2.

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa

Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa A ACQUISIZIONE INCARICO PRESENTAZIONE DA 1 MINUTO Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa Posso dare un occhiata veloce alla

Dettagli

Cosa s intende per dislessia e discalculia e come si manifestano nei ragazzi e negli adulti?

Cosa s intende per dislessia e discalculia e come si manifestano nei ragazzi e negli adulti? Promemoria 204 Dislessia e discalculia Questo promemoria indica come sostenere le persone soggette a difficoltà nella lettura, nell ortografia o nella matematica, durante il periodo di formazione professionale

Dettagli

CONAPO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE PROVINCIALE ING. VINCENZO GIORDANO SUL FUNZIONAMENTO DEL DISTACCAMENTO DI BRONI.

CONAPO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE PROVINCIALE ING. VINCENZO GIORDANO SUL FUNZIONAMENTO DEL DISTACCAMENTO DI BRONI. CONAPO "nella nostra autonomia la Vostra sicurezza" Sezione Provinciale PAVIA email : conapo.pavia@conapo.it uuu SINDACATO AUTONOMO VIGILI DEL FUOCO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

2 Strategia di promozione, il marketing di se stessi

2 Strategia di promozione, il marketing di se stessi 2 Strategia di promozione, il marketing di se stessi Un equivoco di fondo a volte rende difficile l incontro con il mercato del lavoro: quando cerchiamo un occupazione, la nostra professionalità (conoscenze

Dettagli

Intelligenza o abilità?

Intelligenza o abilità? a Intelligenza o abilità? L apprendimento è stato spesso collegato con l intelligenza, e l intelligenza è stata misurata dagli psicologi con vari tipi di test. Ma come funziona un «tipico» test di intelligenza?

Dettagli

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE EPOCH BUSINESS ANALYSIS Azienda: Indirizzo: Nome Persona: Mansione: Telefono: E Mail: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE ISTRUZIONI: Questa è un analisi del potenziale

Dettagli

I Tre Pilastri del Benessere

I Tre Pilastri del Benessere Building Profits by Putting People First I Tre Pilastri del Benessere dall esistente al possibile Benessere Fattori organizzativi Standard di gestione Profilo del leader Saper governare i Tre Pilastri

Dettagli

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Mi faccia dire innanzitutto, che è davvero molto bello entrare in questa gigantesca tensostruttura

Dettagli

Pensavamo fosse. invece..

Pensavamo fosse. invece.. Pensavamo fosse. invece.. La presentazione che segue racconta il percorso scolastico di uno studente straniero con una lunga serie di bocciature alle spalle. Istituto Comprensivo Darfo2 La storia O. è

Dettagli

CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI

CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE LICEO SCIENTIFICO DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la

Dettagli

1.4 il colloquio di lavoro fonte: Turismo.com - CLITT di G. Colli e G. Petroni

1.4 il colloquio di lavoro fonte: Turismo.com - CLITT di G. Colli e G. Petroni Prof. Ventricelli Massimo Michele Psicologo Tel. 320 7769900 1.4 il colloquio di lavoro fonte: Turismo.com - CLITT di G. Colli e G. Petroni Al colloquio di selezione bisogna giungere preparati: non c è

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

ottenere delle basi sulla quale poter sviluppare successivamente progetti di miglioramento organizzativo a partire dalle priorità individuate all

ottenere delle basi sulla quale poter sviluppare successivamente progetti di miglioramento organizzativo a partire dalle priorità individuate all Introduzione Il tema del benessere organizzativo è attualmente molto discusso all interno dei contesti lavorativi. Ciò perché tutti coloro che si occupano di organizzazione e di gestione delle risorse

Dettagli

Gli Psicologi e le nuove norme sulla Sicurezza nel Lavoro

Gli Psicologi e le nuove norme sulla Sicurezza nel Lavoro Gli Psicologi e le nuove norme sulla Sicurezza nel Lavoro Con le recenti innovazioni normative circa la Sicurezza sul Lavoro si aprono ampie possibilità di impegno lavorativo per gli Psicologi. L articolo

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

GRUPPO DI CONTATTO DEI DIRETTORI

GRUPPO DI CONTATTO DEI DIRETTORI GRUPPO DI CONTATTO DEI DIRETTORI PRIMA EDIZIONE (4 giugno 2014) LISTA DI CONTROLLO PER L ASSUNZIONE DI UN BUON CONSULENTE I. Lavoro interno di preparazione II. Criteri personali per la scelta di un consulente

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

PROTOCOLLO GESTIONE DELLA SICUREZZA

PROTOCOLLO GESTIONE DELLA SICUREZZA PROTOCOLLO DI GESTIONE DELLA SICUREZZA PROCEDURE E MODULISTICA COORDINATORE DEI REFERENTI PER LA SICUREZZA DELL I. C. DI CAPIAGO INTIMIANO BELLANTE LUISA 1 Premessa TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA

Dettagli

Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi

Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi SOMMINISTRAZIONE DEL TEST E ATTRIBUZIONE DEI PUNTEGGI 19 2 Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi Criteri di idoneità Il TAD misura una gamma di sintomatologie associate a depressione e

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

ACST-2 Opuscolo informativo per i pazienti

ACST-2 Opuscolo informativo per i pazienti ACST-2 Opuscolo informativo per i pazienti Informazioni su uno studio di ricerca al quale potrebbe essere invitato a partecipare I pazienti che presentano un restringimento in una delle arterie che portano

Dettagli

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni.

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. CAMPO DI APPLICAZIONE Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. FIGURE INTERESSATE Datore di Lavoro Lavoratore

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Viale F. Rodolfi n. 37 36100 VICENZA

AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Viale F. Rodolfi n. 37 36100 VICENZA Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Viale F. Rodolfi n. 37 36100 VICENZA COD. REGIONE 050 COD. U.L.SS. 106 COD.FISC. E P.IVA 02441500242 Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo S.p.E.S. Servizi per l educazione e la scuola - Onlus Sede legale: Corso Fanti, 89-41012 CARPI (Mo) Recapito postale: Corso Fanti, 44-41012 Carpi (Mo) Codice Fiscale: 90020120367 Tel/Fax 059.686889 Percorso

Dettagli

LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626

LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626 LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626 Introduzione pag. 02 Quali sono i lavoratori tutelati dal 626? pag. 04 Il datore di lavoro pag. 05 Il responsabile del servizio

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 29 del 20 novembre 2008 Testo Unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro (DLgs. 9.4.2008 n. 81) - Valutazione dei rischi e redazione del relativo documento -

Dettagli

1 formare volontari che si dedicheranno alle diverse attività della C.R.I.

1 formare volontari che si dedicheranno alle diverse attività della C.R.I. PRESENTAZIONE E OBIETTIVI DEL CORSO I corsi di reclutamento della C.R.I. sono strutturati secondo un sistema modulare, per permettere di entrare nell ente anche a quelle persone che non intendono dedicarsi

Dettagli

INTRODUZIONE 7. Introduzione

INTRODUZIONE 7. Introduzione INTRODUZIONE 7 Introduzione «Mi sento a pezzi», «Ho i nervi a fior di pelle», «Non ce la faccio più», «Non riesco a dormire»: probabilmente vi sarà capitato di usare espressioni di questo genere e certamente

Dettagli

Educhiamoci ad educare

Educhiamoci ad educare Educhiamoci ad educare Percorso per genitori ed insegnanti dei ragazzi della scuola secondaria con la dott.ssa Katia Guerriero, educatrice professionale Scopriamo l'abc delle nostre emozioni Vezzano, 4-11

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO SALUTE E SICUREZZA LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO SALUTE E SICUREZZA LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO SALUTE E SICUREZZA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3... 4 LA FORMAZIONE DEI PREPOSTI... 7 LA FORMAZIONE DEI DIRIGENTI... 7 L ABILITAZIONE

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO

Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO ELABORATO N. 5 Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO ALLEGATO 1 - PERCORSO FORMATIVO PER ADDETTO ANTINCENDIO (DECRETO MINISTERIALE 10/03/1998) Roma lì, GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO ANTINCENDIO

Dettagli

Guida per gli acquirenti

Guida per gli acquirenti Guida per gli acquirenti Abbiamo creato una breve guida per i privati al fine di fornire le informazioni più importanti per l acquisto di un azienda. Desiderate avere una vostra azienda? L acquisto di

Dettagli

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Schede SEGNALETICA 1 Segnaletica di sicurezza In cantiere dovrà essere posizionata la segnaletica di sicurezza, conforme al D. Lgs. 81/08. Quando nei luoghi di

Dettagli

Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali. Materiali di Orientamento Giugno 2014

Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali. Materiali di Orientamento Giugno 2014 Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali Materiali di Orientamento Giugno 2014 Il Network (rete personale) La mia RETE di conoscenze e relazioni con persone che possono interessarsi alla mia

Dettagli

Probabilmente chiunque

Probabilmente chiunque INVENTARI L inventario. Le attività necessarie e il metodo Costretti ad affrontarlo almeno una volta l anno, l inventario è sentito come un male necessario, un attività da sbrigare nel minor tempo possibile

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier

Studio Legale Casella e Scudier Circolare n. 2/2011 del 20 settembre 2011* SICUREZZA E SALUTE DEL LAVORO NELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO E NELLE COOPERATIVE SOCIALI: EMANATO IL DECRETO MINISTERIALE DI ATTUAZIONE DEL DECRETO 81/08

Dettagli

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali 1 URHM UNIVERSITY BUSINESS SCHOOL GENERL ENTERPRICING TENENCY (GET) TEST 2 INTROUZIONE Il Test è stato progettato per cogliere insieme e misurare un numero

Dettagli

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS La mia relazione riprende il filo del discorso tracciato con la prima relazione che si soffermava

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA L ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE DIRITTI, DOVERI E SANZIONI PER I VARI SOGGETTI AZIENDALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL

Dettagli

ISMEDA Group di LOMAGLIO Franco

ISMEDA Group di LOMAGLIO Franco AD OGGI ABBIAMO GIA EFFETTUATO CORSI per la Sicurezza per oltre.500 SCUOLE, AZIENDE, ENTI ITALIANI (Formazione Figure sensibili ai sensi del Testo Unico sulla Sicurezza DLgs 8/08) I costi seguenti si riferiscono

Dettagli

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 2 di

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

GUIDA VELOCE PER TRAINER

GUIDA VELOCE PER TRAINER GUIDA VELOCE ~ 6 ~ GUIDA VELOCE PER TRAINER Perché usare il toolkit di EMPLOY? In quanto membro del personale docente, consulente di carriera, addetto al servizio per l impiego o chiunque interessato ad

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO AIMC PIEMONTE S. DAMIANO ( convegno UCIIM) 2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO Sentiamo ormai da qualche anno parlare di emergenza educativa ma io amo di più l espressione Sfida educativa

Dettagli

MANUALE PER L UTILIZZATORE

MANUALE PER L UTILIZZATORE Prova di In basket MANUALE PER L UTILIZZATORE INDICE DEI CONTENUTI Prove di In-basket: note introduttive (omissis) Parte prima: Struttura della prova (omissis) L ambientazione I documenti I personaggi

Dettagli

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Elisa Ceccarelli, già Presidente del Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Destano particolare allarme e doloroso

Dettagli

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora.

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora. Dieci anni di sanità in Puglia 19 maggio 2011 Brindisi di Emilio Gianicolo È arduo il compito di mostrare in poche righe punti di forza e punti di debolezza di un sistema sanitario in confronto ai sistemi

Dettagli

Prima Parte. Rotazioni difensive a metà campo per mantenere gli effetti della difesa multipla

Prima Parte. Rotazioni difensive a metà campo per mantenere gli effetti della difesa multipla Prima Parte Rotazioni difensive a metà campo per mantenere gli effetti della difesa multipla Difesa Vincente 2 Introduzione I Milwaukee Bucks furono, per diversi anni, una guida nelle rotazioni difensive

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 12 giugno

Dettagli

La regolamentazione mette in pericolo la posizione del settore elettrico svizzero?

La regolamentazione mette in pericolo la posizione del settore elettrico svizzero? La regolamentazione mette in pericolo la posizione del settore elettrico svizzero? Intervento di Kurt Bobst, CEO Repower Forum ElCom 2015; 20 novembre 2015, Basilea Gentili signore, egregi signori, innanzitutto

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SULLA PROPOSTA DI CUI AL TERZO, QUARTO E

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SULLA PROPOSTA DI CUI AL TERZO, QUARTO E RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SULLA PROPOSTA DI CUI AL TERZO, QUARTO E QUINTO PUNTO DELL ORDINE DEL GIORNO DELLA PARTE ORDINARIA DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI PRYSMIAN S.P.A. DEL

Dettagli

Da dove vengono i vostri cuscinetti? La verità sul problema della crescente contraffazione

Da dove vengono i vostri cuscinetti? La verità sul problema della crescente contraffazione Da dove vengono i vostri cuscinetti? La verità sul problema della crescente contraffazione Quando pagate per la qualità SKF, dovete ricevere la qualità SKF Se acquistate i cuscinetti o altri prodotti della

Dettagli

MISURA B1 LINEE 2 E 5 DEL P.O.R. OBIETTIVO 3 F.S.E. 2000-2006

MISURA B1 LINEE 2 E 5 DEL P.O.R. OBIETTIVO 3 F.S.E. 2000-2006 Strategie di ricerca attiva Pagina 1 di 11 Come Presentarsi : la lettera di accompagnamento e il Curriculum Vitae Questa sezione è molto importante perché il curriculum vitae e lettera di accompagnamento

Dettagli

La truffa si sta diffondendo dal Canada con velocità impressionante.

La truffa si sta diffondendo dal Canada con velocità impressionante. Cari colleghi, vi volevo avvisare di questo nuovo metodo che usano i malviventi per cercare di raggirare le persone. Forse è il caso di avvisare pure le chiese di stare attenti e non fidarsi di nessuno

Dettagli

MODULO 1. Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie

MODULO 1. Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie Normativa, organizzazione della prevenzione, diritti e doveri dei soggetti aziendali, organi di vigilanza Modulo 1 La vigente normativa

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai.

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Prima di tutto voglio farti i complimenti per l apertura mentale che ti ha portato a voler scaricare questo mini ebook. Infatti, non è da

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008 N. 81 E S.M.I. ASPETTI DELLA NORMATIVA CHE RIGUARDANO LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008 N. 81 E S.M.I. ASPETTI DELLA NORMATIVA CHE RIGUARDANO LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008 N. 81 E S.M.I. ASPETTI DELLA NORMATIVA CHE RIGUARDANO LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106

Dettagli

Una semplice visita in officina con intervista

Una semplice visita in officina con intervista Una semplice visita in officina con intervista Prima il nostro magazzino era tre volte più grande. Il carpentiere metallico specializzato Yves Antoni ci parla della gestione del magazzino. Una semplice

Dettagli

U-Dog, cani speciali!

U-Dog, cani speciali! 66 U-Dog, cani speciali! Quando ho incontrato Lavan e Veronica, la sua compagna di vita, mi si è aperto un mondo. Un mondo che mi sono reso conto essere abitato da cani speciali addestrati da persone altrettanto

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

Secondo modulo. Obiettivi

Secondo modulo. Obiettivi Secondo modulo Obiettivi Acquisire le conoscenze di base sull organizzazione della prevenzione aziendale per la tutela e la sicurezza sui luoghi di lavoro. Temi Misure di tutela e sicurezza Soggetti della

Dettagli

Quiz sicurezza sul lavoro 1. QUALE DISPOSIZIONE LEGISLATIVA HA DATO ATTUAZIONE ALL ART. 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123 IN

Quiz sicurezza sul lavoro 1. QUALE DISPOSIZIONE LEGISLATIVA HA DATO ATTUAZIONE ALL ART. 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123 IN 1. QUALE DISPOSIZIONE LEGISLATIVA HA DATO ATTUAZIONE ALL ART. 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123 IN MATERIA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO? D.LGS. 81/2008 LEGGE 244/2007 LEGGE 203/2008

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire PREISCRIZIONE AL CORSO DI AGGIORNAMENTO DELLA FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA LOTTA E P Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato

Dettagli

D.Lgs.81 Rischi per il settore terziario VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

D.Lgs.81 Rischi per il settore terziario VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO D.Lgs.81 Rischi per il settore terziario VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO Le persone possono essere molto stressate per un sommarsi di fattori di stress lavorativo ed extralavorativo Rilevare

Dettagli

La nomina del Medico Competente e le sue conseguenze giuridiche Il rapporto contrattuale Graziano Frigeri Presidente Assoprev

La nomina del Medico Competente e le sue conseguenze giuridiche Il rapporto contrattuale Graziano Frigeri Presidente Assoprev La nomina del Medico Competente e le sue conseguenze giuridiche Il rapporto contrattuale Graziano Frigeri Presidente Assoprev Nomina titolo giuridico mediante il quale avviene l attribuzione ad un soggetto

Dettagli

Il Decreto Legislativo 81/2008 e i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Il Decreto Legislativo 81/2008 e i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Il Decreto Legislativo 81/2008 e i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Edizione 2009 Testo realizzato da: Silvia Maria Squarcina Responsabile Processo Prevenzione Sede INAIL di Parma Giovanna

Dettagli

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io Creatività / ingegno Risolvo i problemi in modo diverso Riesco a pensare a cose nuove facilmente Ho idee visionarie Sviluppo nuove opportunità e le metto in pratica

Dettagli

Cognome. Aula/sede. FIRMA DEL PARTECIPANTE FIRMA DEL CONDUTTORE DEL COLLOQUIO DATA...

Cognome. Aula/sede. FIRMA DEL PARTECIPANTE FIRMA DEL CONDUTTORE DEL COLLOQUIO DATA... DOCUMENTAZIONE PERSONALE di Nome Cognome. Aula/sede. FIRMA DEL PARTECIPANTE FIRMA DEL CONDUTTORE DEL COLLOQUIO DATA... 1 1. SCHEDA PERSONALE A. DATI DI STATUS NOME COGNOME B. INDIRIZZO COMUNE/PROVINCIA

Dettagli

Autoefficacia e apprendimento

Autoefficacia e apprendimento Autoefficacia e apprendimento Definizione di autoefficacia Convinzione della propria capacità di fornire una certa prestazione organizzando ed eseguendo le sequenze di azioni necessarie per gestire adeguatamente

Dettagli

MANUALE : COME APRIRE UN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA SOFTAIR

MANUALE : COME APRIRE UN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA SOFTAIR MANUALE : COME APRIRE UN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA SOFTAIR Titolo: Come Aprire un A.S.D. Soft Air Autore: Libero Cristofaro Tutti i diritti riservati. è vietata la riproduzione, anche parziale,

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli