PROGRAMMA CORSO REFERENTE IN PET THERAPY 100 ORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA CORSO REFERENTE IN PET THERAPY 100 ORE"

Transcript

1 PROGRAMMA CORSO REFERENTE IN PET THERAPY 100 ORE Destinatari È rivolto a professionisti che operino nel settore sanitario, socio-assistenziale o dell educazione, tra cui psicologi, medici, educatori professionali, insegnanti, infermieri, fisioterapisti, operatori socio-sanitari, logopedisti, che vogliano orientarsi sulle applicazioni della pet therapy, organizzare e partecipare ad IAA secondo la propria professionalità. E prevista la partecipazione senza il cane. Obiettivi Il corso ha lo scopo di fornire informazioni sulle applicazioni e metodologie degli interventi assistiti dagli animali (e in particolare dal cane) e le competenze per partecipare, (in base alle propria qualifica professionale) alla programmazione e realizzazione di programmi di pet therapy. NB: non abilita alla conduzione dell animale, per cui è necessaria la partecipazione al percorso formativo per coadiutore in pet therapy, in seguito esplicato. Caratteristiche del percorso formativo Il percorso formativo prevede lezioni teoriche e pratiche per un totale di 100 ore ed un tirocinio pratico di ulteriori 50 ore in aula o presso le strutture dove vengono eseguiti gli interventi. Attestazione finale Per chi frequenta l intero percorso formativo, con almeno l 80% di ore di presenza, sarà rilasciato, previa verifica finale, un Attestato CSEN di qualifica in Referente di intervento in pet therapy con il relativo Tesserino (REFERENTE IN PET THERAPY) ORARIO LEZIONI: Sabato domenica (tranne alcune eccezioni, indicate nel programma) (eccezioni: dom 15 novembre: 8.30/ /17.30 e dom 31 gennaio 2016: 9-13) LEZIONI TEORICO-PRATICHE: 100 ORE

2 19/20 settembre 2015: (14 ore) 1.Introduzione alla Pet therapy (8 ore) DOCENTI: MONIA ISIDORI, SONIA SDRUBOLINI Storia e legislazione in ambito della Pet Therapy Scopi delle AAA e AAT e ambiti di applicazione, Indicazioni e Controindicazioni Tipologie di interventi e obbiettivi L equipe (operativa e prescrittiva): le figure chiave delle AAA e TAA e loro responsabilità 2. Psicologia canina e zoo-antropologia (6 ore) DOCENTI: MAURA MORICHETTI, IRENE PAZZAGLIA Il ruolo dell animale nelle attività e terapie assistite, Requisiti di capacità e attitudinali degli animali Aspetti giuridici ed amministrativi relativi al rapporto uomo - animale e le relazioni terapeutiche e formative. Elementi di diritto relativi agli animali ed al loro trattamento 10/11 ottobre 2015: (14 ore) DOCENTI: MAURA MORICHETTI, CINZIA CIARMATORI 2. Psicologia canina e zoo-antropologia (14 ore) Gli animali utilizzati nella pet therapy con particolare riferimento al cane. Aspetti di etologia, zoologia e zoo-antropologia; Psicologia, linguaggio degli animali e loro modalità di comunicazione con gli umani. Come approcciare al cane e come comportarsi in sua presenza Rapporto uomo-animale, bioetica animale e relazioni terapeutiche, di cura, educative e rieducative Gli animali utilizzati nella pet therapy con particolare riferimento al coniglio

3 24 ottobre 2015: (8 ore) 3. Medicina Veterinaria (8 ore) DOCENTI: MAURA MORICHETTI, IRENE PAZZAGLIA Requisiti sanitari dell animale Misure igieniche, profilassi e controllo delle infezioni, Le zoonosi Le patologie comportamentali animali (con particolare riferimento al cane), cause e sintomi di stress nell animale 14/15 novembre 2015: (16 ore) 4. Medicina umana (16 ore) DOCENTI: SABRINA ARTALE La disabilità, deficit neurologici e motori Autismo, ritardi cognitivi e dello sviluppo, epilessia Anziani e patologie dell anziano Elementi di pediatria e patologie pediatriche Patologie psichiatriche Patologie oncologiche e immunodepressione Deficit sensoriali Disturbi del linguaggio Educazione alla sedia a rotelle, agli ausili Norme igieniche e prevenzione delle infezioni

4 gestione delle situazioni critiche, riduzione del rischio 5/6 dicembre 2015 (14 ore): 5. Psicologia, etica e deontologia professionale (14 ore) DOCENTI: MICHELA ROMANO Approccio alla conversazione, capacità di ascolto, ulteriori tecniche di interazione Strumenti per la comunicazione, interazione e caring tra operatori, fruitori e animali Il lavoro in team: strumenti per la gestione del rapporto con l animale, il fruitore, l equipe e il personale della struttura Introduzione al lavoro con l utente Aspetti psicologici nell interazione con le varie categorie di fruitori con patologie o disabilità e con categorie socialmente svantaggiate o istituzionalizzate (es. detenuti) 19/20 dicembre 2015: (14 ore) 5. Psicologia, etica e deontologia professionale (10 ore) DOCENTI: MICHELA ROMANO Riconoscere e gestire lo stress Gestire le situazioni psicologicamente difficili, affrontare la perdita I diritti del paziente, Etica e Deontologia professionale 6. Pedagogia e Scienze della Formazione (4 ore)

5 DOCENTI: MONIA ISIDORI, SONIA SDRUBOLINI L età evolutiva, strumenti pedagogici per l educazione del bambino e la rieducazione nell adulto Elementi sulla comunicazione tra animale e bambino 9/10 gennaio 2016: (12 ore) 6. Pedagogia e Scienze della Formazione (12 ore) DOCENTI: MONIA ISIDORI, SONIA SDRUBOLINI Strutturare un percorso educativo in attività individuali e di gruppo Pedagogia sociale di categorie svantaggiate Pedagogia per soggetti con bisogni educativi speciali Programmazione e gestione delle attività educative e formative coadiuvate con animali (EAA). Zooantropologia didattica 30 gennaio 2016: (8 ore) 7. Aspetti pratici nella progettazione ed esecuzione degli interventi (8 ore) DOCENTI: MONIA ISIDORI, SONIA SDRUBOLINI Progettazione dell attività e procedure Le strutture: come valutarne l adeguatezza Valutazione d efficacia e monitoraggio del percorso

6 Procedure amministrative, politiche di sanità pubblica, documentazione e modulistica Formazione e abilitazione degli animali e dei tecnici 50 ORE DI TIROCINIO IN AULA E SUL CAMPO, NEI PROGETTI ATTIVI DELL ASSOCIAZIONE NOA-PET THERAPY O IN PROGETTI PILOTA ESAME : GIUGNO 2016 L esame: Per ottenere la qualifica di referente di intervento, il corsista deve superare un esame scritto con 80 domande a risposta multipla. Le domande del test devono essere elaborate dagli stessi docenti e devono equamente riguardare le varie aree scientifico-disciplinari (medicina, psicologia, pedagogia, obbiettivi e linee guida negli IAA, psicologia canina, veterinaria, zooantropologia). L esito positivo prevede almeno il 70% delle risposte corrette (56 su 80). Requisiti: Per essere ammesso all esame il corsista deve aver partecipato ad almeno l 80 % delle lezioni e al tirocinio per almeno 50 ore.

7 PROGRAMMA CORSO COADIUTORI DEL CANE IN PET THERAPY 200 ORE Obiettivi e attestazioni È rivolto ad appassionati, educatori e istruttori cinofili, e/o professionisti del settore socio/sanitario e/o educativo/pedagogico che vogliano condurre il cane negli IAA. Il corso ha lo scopo di fornire le nozioni teoriche e le competenze pratiche per preparare e condurre l animale in interventi educativi, terapeutici o ludico-ricreativi mediati dal cane. Il corso dovrà essere frequentato con il proprio cane. Sono previste 200 ore di lezioni teorico-pratiche, così suddivise: 100 ore di lezioni teoriche in aula 100 ore di attività pratica sul campo destinate alla preparazione dei cani e alle simulazioni di intervento 50 ore di tirocinio dedicate all osservazione e partecipazione agli IAA in aula e sul territorio Per chi frequenta l intero percorso formativo con almeno l 80% di presenza, sarà rilasciato, previa verifica finale, il tesserino tecnico del CSEN di Coadiutore del cane in Pet Therapy. Il programma : PRIMA parte: Gli Interventi Assistiti dall Animale : (lezioni teoricopratiche: 100 ore) VEDI PROGRAMMA CORSO REFERENTE Seconda parte: La preparazione e la conduzione del cane in PET therapy: (Lezioni teorico-pratiche: 100 ore) ORARIO LEZIONI II parte: Sabato domenica /17

8 27/28 febbraio 2016: (14 ore) 1. Psicologia canina / educazione cinofila: (14 ore) Il linguaggio del cane; comunicazione verbale, paraverbale e meta verbale Segnali calmanti e di conflitto, segnali di stress, arousal Psicologia sociale del cane 19/20 marzo: (14 ore) 1. Psicologia canina / educazione cinofila: (14 ore) Principi dell apprendimento; apprendimento per associazione; condizionamento classico e operante I diversi metodi educativi; Approccio zoo antropologico e cognitivismo; Cause, sintomi e gestione dello stress acuto e cronico Fasi dello sviluppo del cucciolo, socializzazione, pubertà e adolescenza Prevenzione e gestione delle paure: desensibilizzazione sistematica e controcondizionamento 2/3 aprile marzo 2016: (14 ore) 1. Psicologia canina / educazione cinofila: (14 ore) Insegnare l autocontrollo e la gestione delle risorse Insegnare i comportamenti di obbedienza di base: seduto, terra, resta, vieni Insegnare comportamenti inerenti alle AAT e AAT Abituare alla manipolazione e al grooming Il gioco e le attività ludiche finalizzate alle AAT e AAA

9 Para-agility 23/24 aprile 2016: (14 ore) 1. Psicologia canina / educazione cinofila: (14 ore) Risolvere i problemi comportamentali più comuni Controllo delle iniziative Inibizione del morso 14/15 maggio 2016: (14 ore) 1. Psicologia canina / educazione cinofila: (14 ore) Le visite ai bambini e gestione dell interazione cane-bambino Strumenti per l interazione tra cane e le varie categorie di utenti Gestire e prevenire le situazioni di rischio per il cane e per l utente Il ruolo dell animale e la scelta dell animale; 4/5 giugno 2016: (14 ore) 1. Psicologia canina / educazione cinofila: (14 ore) Requisiti del cane, del conduttore e della coppia cane-conduttore in pet therapy Gestione del cane prima, durante e dopo la seduta; controllo del benessere animale Pianificazione del lavoro del cane, modulistica; diario di attività del cane

10 25/26 giugno 2016: (16 ore) 2. Medicina veterinaria: (16 ore) DOCENTI: IRENE PAZZAGLIA, MAURA MORICHETTI Patologia comportamentale del cane; sindrome IA-IR, ansia da separazione, sociopatie, sindrome da deprivazione sensoriale Aspetti veterinari: la prevenzione e la profilassi vaccinale, le zoonosi Cura quotidiana, alimentazione, igiene del cane Prevenzione del rischio, nozioni di pronto soccorso e intervento Normative, obblighi e responsabilità del proprietario Aspetti pratici: somministrare medicinali, eseguire una medicazione ecc Responsabilità del conduttore rispetto ai requisiti sanitari del cane, linee guida e modulistica. 50 ORE DI TIROCINIO IN AULA E SUL CAMPO, NEI PROGETTI ATTIVI DELL ASSOCIAZIONE NOA-PET THERAPY E IN PROGETTI PILOTA Gli esami: Per ottenere la qualifica di coadiutore, il corsista deve superare un esame composto da 2 test tecnico-attitudinali 1. Test scritto con 100 domande a risposta multipla. Le domande del test scritto devono essere elaborate dagli stessi docenti e devono equamente riguardare le varie aree scientifico-disciplinari (medicina, psicologia, pedagogia, obbiettivi e linee guida degli IAA, psicologia canina, veterinaria, zoo-antropologia). L esito positivo prevede almeno il 70% delle risposte corrette. 2. Prova pratica così strutturata: o Educazione e gestione del cane: valutazione delle capacità del candidato di relazionarsi, comunicare e gestire l animale nell ambito del test di valutazione del cane (di seguito descritto); capacità di insegnare e/o evocare comportamenti di obbedienza di base e finalizzati alla pet therapy; o Simulazione di intervento: valutazione delle capacità del candidato di gestire il cane durante una seduta, riconoscere eventuali segnali di stress del cane ed intervenire adeguatamente, prevenire e gestire una situazione critica,

11 relazionarsi con l utente in base al caso, osservare e rispettare i tempi e i bisogni dell animale. NB: 1. E ammesso all esame solo chi abbia partecipato ad almeno l 80 % delle lezioni teorico-pratiche e frequentato il tirocinio per almeno 50 ore. 2. Non è possibile fare la prova pratica senza avere precedentemente superato la prova scritta. 3. L esame vuole valutare le capacità del coadiutore di gestire e preparare il cane per gli IAA. Per questo il candidato dovrà partecipare all esame con il cane, con cui ha frequentato il corso e che ha preparato per l abilitazione. 4. L esame non vincola l abilitazione del conduttore a quella del suo cane. Se il conduttore dimostra di avere le competenze teoriche e pratiche per gestire adeguatamente l animale in seduta e proteggerne il benessere, egli potrà essere abilitato anche se il proprio cane dovesse non superare il test attitudinale. Egli potrà comunque far ripetere il test di abilitazione al proprio cane dopo sei mesi. ESAME: SETTEMBRE 2016

12 PROGRAMMA CORSO VETERINARIO ESPERTO IN PET THERAPY 120 ORE Obiettivi e attestazioni E rivolto a medici veterinari che vogliano assumere la funzione di responsabile dell idoneità e del benessere dell animale nei progetti. Il corso ha lo scopo di fornire le nozioni teoriche e le competenze pratiche per controllare i requisiti igienico-sanitari e, in team con l istruttore cinofilo (preparatore degli animali), monitorare i requisiti attitudinali e il benessere dei cani coinvolti. E prevista la partecipazione senza il cane Sono previste 120 ore di lezioni teorico-pratiche, così suddivise: 70 ore di lezioni teoriche in aula 50 ore di attività pratica sul campo destinate alla preparazione dei cani e al controllo del benessere animale A cui si aggiungono 30 ore di tirocinio dedicate all osservazione di IAA in aula e sul territorio, alla progettazione e alla simulazione di interventi. Per chi frequenta l intero percorso formativo, con almeno l 80% di presenza, sarà rilasciato, previa verifica finale, il tesserino tecnico del CSEN di Veterinario Esperto in Pet Therapy. ORARIO LEZIONI: Sabato domenica (tranne alcune eccezioni, indicate nel programma)

13 (eccezioni: dom 15 novembre: 8.30/ /17.30 e dom 31 gennaio 2016: 9-13) LEZIONI TEORICO-PRATICHE: 100 ORE 19/20 settembre 2015: (14 ore) 1.Introduzione alla Pet therapy (8 ore) DOCENTI: MONIA ISIDORI, SONIA SDRUBOLINI Storia e legislazione in ambito della Pet Therapy Scopi delle AAA e AAT e ambiti di applicazione, Indicazioni e Controindicazioni Tipologie di interventi e obbiettivi L equipe (operativa e prescrittiva): le figure chiave delle AAA e TAA e loro responsabilità 2. Psicologia canina e zoo-antropologia (6 ore) DOCENTI: MAURA MORICHETTI, IRENE PAZZAGLIA Il ruolo dell animale nelle attività e terapie assistite, Requisiti di capacità e attitudinali degli animali Aspetti giuridici ed amministrativi relativi al rapporto uomo - animale e le relazioni terapeutiche e formative. Elementi di diritto relativi agli animali ed al loro trattamento 10/11 ottobre 2015: (14 ore) DOCENTI: MAURA MORICHETTI, CINZIA CIARMATORI 2. Psicologia canina e zoo-antropologia (14 ore) Gli animali utilizzati nella pet therapy con particolare riferimento al cane. Aspetti di etologia, zoologia e zoo-antropologia; Psicologia, linguaggio degli animali e loro modalità di comunicazione con gli umani. Come approcciare al cane e come comportarsi in sua presenza Rapporto uomo-animale, bioetica animale e relazioni terapeutiche, di cura, educative e

14 rieducative Gli animali utilizzati nella pet therapy con particolare riferimento al coniglio 24 ottobre 2015: (8 ore) 3. Medicina Veterinaria (8 ore) DOCENTI: MAURA MORICHETTI, IRENE PAZZAGLIA Requisiti sanitari dell animale Misure igieniche, profilassi e controllo delle infezioni, Le zoonosi Le patologie comportamentali animali (con particolare riferimento al cane), CAUSE e sintomi di stress nell animale 14/ 2015: (8 ore) 4. Medicina umana (8 ore) DOCENTI: SABRINA ARTALE La disabilità, deficit neurologici e motori Autismo, ritardi cognitivi e dello sviluppo, epilessia Anziani e patologie dell anziano Elementi di pediatria e patologie pediatriche Patologie psichiatriche Patologie oncologiche e immunodepressione Deficit sensoriali Disturbi del linguaggio

15 5/6 dicembre 2015 (16 ore): 5. Psicologia, etica e deontologia professionale (16 ore) DOCENTI: MICHELA ROMANO Approccio alla conversazione, capacità di ascolto, ulteriori tecniche di interazione Strumenti per la comunicazione, interazione e caring tra operatori, fruitori e animali Il lavoro in team: strumenti per la gestione del rapporto con l animale, il fruitore, l equipe e il personale della struttura Introduzione al lavoro con l utente Aspetti psicologici nell interazione con le varie categorie di fruitori con patologie o disabilità e con categorie socialmente svantaggiate o istituzionalizzate (es. detenuti) 20 dicembre 2015 (4 ore): 6. Pedagogia e Scienze della Formazione (4 ore) DOCENTI: MONIA ISIDORI, SONIA SDRUBOLINI L età evolutiva, strumenti pedagogici per l educazione del bambino e la rieducazione nell adulto Elementi sulla comunicazione tra animale e bambino 10 gennaio 2016: (4 ore) 6. Pedagogia e Scienze della Formazione (4 ore) DOCENTI: MONIA ISIDORI, SONIA SDRUBOLINI Strutturare un percorso educativo in attività individuali e di gruppo Pedagogia sociale di categorie svantaggiate Pedagogia per soggetti con bisogni educativi speciali

16 Programmazione e gestione delle attività educative e formative coadiuvate con animali (EAA). Zooantropologia didattica 30 gennaio 2016: (4 ore) 7. Aspetti pratici nella progettazione ed esecuzione degli interventi (4 ore) DOCENTI: MONIA ISIDORI, SONIA SDRUBOLINI Progettazione dell attività e procedure Le strutture: come valutarne l adeguatezza Valutazione d efficacia e monitoraggio del percorso 27/28 febbraio 2016: (14 ore) 2. Psicologia canina / educazione cinofila: (14 ore) Il linguaggio del cane; comunicazione verbale, paraverbale e meta verbale Segnali calmanti e di conflitto, segnali di stress, arousal Psicologia sociale del cane 19/20 marzo: (14 ore) 2. Psicologia canina / educazione cinofila: (14 ore) Principi dell apprendimento; apprendimento per associazione; condizionamento classico e operante I diversi metodi educativi; Approccio zoo antropologico e cognitivismo; Cause, sintomi, gestione e prevenzione dello stress acuto e cronico

17 Fasi dello sviluppo del cucciolo, socializzazione, pubertà e adolescenza Prevenzione e gestione delle paure: desensibilizzazione sistematica e controcondizionamento 14/15 maggio 2016: (14 ore) 2. Psicologia canina / educazione cinofila: (14 ore) Le visite ai bambini e gestione dell interazione cane-bambino Strumenti per l interazione tra cane e le varie categorie di utenti Gestire e prevenire le situazioni di rischio per il cane e per l utente Il ruolo dell animale e la scelta dell animale; 4 giugno 2016: (14 ore) 2. Psicologia canina / educazione cinofila: (14 ore) Requisiti del cane, del conduttore e della coppia cane-conduttore in pet therapy Gestione del cane prima, durante e dopo la seduta; controllo del benessere animale Pianificazione del lavoro del cane, modulistica; diario di attività del cane 30 ORE DI TIROCINIO IN AULA E SUL CAMPO, NEI PROGETTI ATTIVI DELL ASSOCIAZIONE NOA-PET THERAPY E IN PROGETTI PILOTA ESAME: SETTEMBRE 2016 Gli esami: Per ottenere la qualifica di esperto in pet therapy, il medico veterinario deve superare un test scritto con 80 domande a risposta multipla. Le domande del test devono essere elaborate dagli stessi docenti e devono equamente riguardare le varie aree scientifico-disciplinari (medicina, psicologia, pedagogia, obbiettivi e linee guida degli IAA, psicologia canina, veterinaria, zoo-antropologia). L esito positivo prevede almeno il 70% delle risposte corrette.

18 NB: E ammesso all esame solo chi abbia partecipato ad almeno l 80 % delle lezioni teoricopratiche e frequentato il tirocinio per almeno 30 ore. DOCENTI: Sabrina Artale, medico chirurgo, istruttore cinofilo, operatore e conduttore del cane in pet therapy Delta Society, addestratore cani da ausilio per persone con deficit motorio e preparatore del cane per la pet therapy, addestratore cane guida per non vedenti, Referente Nazionale di CSEN per la Pet Therapy, Presidente e Direttore tecnico di A.I.E.C.C.S (Associazione Internazionale Educazione Cinofila e Cani Sociali) Alessandra Cervigni, medico veterinario comportamentalista, istruttore cinofilo enci e csen, tecnico agility csen, formatore e veterinario esperto in pet therapy csen. Cinzia Ciarmatori, medico veterinario, consulente per animali esotici e selvatici, accreditato Fnovi per la Medicina e Chirurgia di piccoli mammiferi, rettili e anfibi, veterinario esperto in pet therapy csen. Monia Isidori, pedagogista giuridico e counselor, referente in pet therapy csen,, esperienza pluriennale in coppia con Asha per l' associazione Noa Pet- Therapy. Maura Morichetti, medico veterinario comportamentalista, veterinario esperto in pet therapy csen, esperienza pluriennale con l Associazione Noa Pet Therapy. Irene Pazzaglia, medico veterinario, esperto in pet therapy csen, educatrice cinofila SIUA 1 livello, PhD student UNICAM, esperinza pluriennale con l Associazione Noa Pet Therapy. Michela Romano, psicologa psicoterapeuta. Collaboratrice dell ULSS 4 Alto Vicentino in IAA (Interventi Assistiti con gli Animali). Formatrice in pet therapy. Creatrice del percorso di crescita personale e benessere A cavallo si può.

19 Sonia Sdrubolini, laureata in scienze dell' educazione, pedagogista clinica e referente in pet therapy csen, esperienza pluriennale sul campo in coppia con Violetta per l' associazione Noa Pet-Therapy.

REGOLAMENTO. Divisione E.R.D. Equitazione Ricreativa per Diversamente abili/discipline EQUESTRI INTEGRATE

REGOLAMENTO. Divisione E.R.D. Equitazione Ricreativa per Diversamente abili/discipline EQUESTRI INTEGRATE Il Settore Equitazione Ludico Educativo Ricreativa per Diversamente Abili (E.R.D.) nasce dalla necessità di conciliare l'inserimento nella società della persona diversamente abile, o a rischio di emarginazione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO Rif. Organizzatore 8568-10035201 IN COLLABORAZIONE CON ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Classe di abilitazione A036 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione A036 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione A036 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Classe di abilitazione C450 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C450 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C450 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

La Nostra Famiglia. Chi siamo:

La Nostra Famiglia. Chi siamo: Chi siamo: La Nostra Famiglia L'Associazione LA NOSTRA FAMIGLIA è un Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto con D.P.R. n. 765 del 19.6.58, che svolge anche attività ONLUS di assistenza sanitaria, socio-sanitaria,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA UFFICIO FORMAZIONE E ECM IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA Mod. -0701-08 a Rev. 02 Del 10/07/2011 LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: STRATEGIE E STRUMENTI LOW ED HIGH TECH PER LA COMUNICAZIONE,

Dettagli

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Uomo Natura e Interazione Con gli Animali. Presenta

Uomo Natura e Interazione Con gli Animali. Presenta Uomo Natura e Interazione Con gli Animali Presenta a.s 2011/2012 PREMESSA Lo psichiatra infantile Boris Levinson fu il primo a coniare il termine di "pet-therapy" per descrivere l'uso di animali da compagnia

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ORDINANZA 3 marzo 2009 Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione dei cani. (G.U. Serie

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Codice etico dell AIP

Codice etico dell AIP Codice etico dell AIP Premessa Questo Codice fa parte integrante del Regolamento dell'aip e si propone di regolamentare gli aspetti etici dell'attività di ricerca e di insegnamento della psicologia. Le

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

DIETE E PIANI ALIMENTARI: ELABORAZIONE E GESTIONE Roma, 19-22 novembre 2015

DIETE E PIANI ALIMENTARI: ELABORAZIONE E GESTIONE Roma, 19-22 novembre 2015 BRAIN HEALTH CENTRE CENTRO STUDI E RICERCHE CLINICHE NEUROPSICOFISIOLOGICHE Anagrafe Nazionale delle Ricerche (D.P.R. 11/7/1980 n.382-artt.63 e 64) n.55643fru Organizzatore di Attività Formativa Sede legale:

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli