Allegato 5 CAPITOLATO TECNICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato 5 CAPITOLATO TECNICO"

Transcript

1 Allegato 5 CAPITOLATO TECNICO Gara relativa all affidamento dei servizi di sviluppo, manutenzione e gestione su aree del Sistema Informativo Gestionale di ENAV

2 INDICE DEI CONTENUTI 1. PREMESSA IL CONTESTO Descrizione delle Caratteristiche Applicative Descrizione tecnica degli Ambienti Tecnologici Compatibilità DEFINIZIONE DELLA FORNITURA Oggetto Durata DESCRIZIONE DEI SERVIZI Sviluppo e Mev di Software Descrizione e requisiti Siti Web Dimensioni del Servizio Composizione dei Gruppi di Lavoro Manutenzione Adeguativa e Correttiva (MAC) Descrizione e Requisiti del servizio di Manutenzione Adeguativa e Correttiva Dimensioni del Servizio di Manutenzione Adeguativa e Correttiva Composizione dei Gruppi di Lavoro Supporto alla gestione dell infrastruttura applicativa e basi dati Dimensioni del supporto all infrastruttura applicativa e basi dati Composizione dei Gruppi di Lavoro Supporto operativo Dimensioni del Servizio di Supporto Operativo Composizione dei Gruppi di Lavoro Supporto per fine fornitura Sistema integrato di supporto al governo della fornitura Requisiti hardware e software Referenti MODALITA DI ESECUZIONE Modalità di Esecuzione dei Servizi e delle Attività Modalità Progettuale Modalità Continuativa Orario di Servizio, Reperibilità, Disponibilità Ambienti di Sviluppo e Luogo di lavoro Supporto Sistemistico Gestione della Fornitura Gestione degli Obiettivi Rilievi Pianificazione e Consuntivazione Addestramento a Inizio Fornitura...33 Capitolato Tecnico Pag. 2 di 46

3 5.2.5 Comunicazione Formale Prodotti della Fornitura Elenco dei Prodotti Modalità di Consegna dei Prodotti Vincoli Temporali sulle Consegne Aggiornamento della documentazione di corredo al sistema applicativo Inventario Applicativo in Punti Funzione Assicurazione Qualità Classe di Rischio Cessazione del Servizio Attività di fine contratto Garanzia DIREZIONE LAVORI Modalità di Esecuzione dei Servizi e delle Attività Piani della Qualità Piani di Lavoro Prodotti di Fase Valutazione risorse Incentivi di prestazione Monitoraggio COLLAUDI Test Automatici e Certificazione Codice di Test e Collaudo INDICATORI DI QUALITÁ...46 Capitolato Tecnico Pag. 3 di 46

4 1. PREMESSA Il presente capitolato ha lo scopo di definire gli obiettivi relativi della fornitura dei servizi di sviluppo, manutenzione e supporto alla gestione dell infrastruttura applicativa e basi dati, in quantità, qualità e livelli di servizio adeguati allo sviluppo, mantenimento ed utilizzo di aree dei Sistemi Informativi Gestionali di ENAV. Si ricorda che le prescrizioni contenute nel presente capitolato tecnico rappresentano requisiti minimi della fornitura. Si precisa che, in assenza di espliciti riferimenti, quanto stabilito nei capitoli con il termine ENAV va intesa la ENAV S.p.A., con il termine Fornitore va intesa l Impresa aggiudicataria della fornitura. Quando non diversamente specificato, con capitolato si intende il presente documento, con gara si intende la gara da effettuare a fronte del capitolato, con contratto si intende il contratto che verrà sottoscritto a seguito dell aggiudicazione della gara, con fornitura si intende il complesso delle attività e dei prodotti che il Fornitore è chiamato a compiere e a produrre per onorare il contratto. In genere, ogni altro termine che potrebbe essere scritto in minuscolo, viene scritto in maiuscolo quando assume un ben preciso significato ai fini della comprensione del testo (es. analisi, per un accezione qualsiasi presente in un dizionario della lingua italiana, Analisi ad indicare una ben precisa fase del ciclo di sviluppo software, specificatamente definita nel documento, ed il cui significato è formalmente collegato alla presente fornitura). L oggetto della fornitura è riportato nel capitolo 3, con lo scopo di definire a grandi linee i servizi richiesti. Nel capitolo 4 è fornita una descrizione dei servizi richiesti, nonché i parametri quantitativi e le figure professionali previste per la fornitura. Le modalità di esecuzione dei servizi e delle attività nonché gli aspetti qualitativi della fornitura sono descritti nel capitolo 5. Nei capitoli 6 e 7 è descritta la direzione lavori, le modalità e gli strumenti per l effettuazione dei collaudi. Gli indicatori di qualità richiesti sono nel capitolo 8. Sono parti integranti del capitolato le seguenti appendici: Appendice 1: Descrizione delle funzionalità applicative, delle caratteristiche tecnologiche e dei principali obiettivi di sviluppo e manutenzione evolutiva dei Sistemi Informativi Gestionali di ENAV; Appendice 2: Requisiti per la realizzazione di un applicativo per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione; Appendice 3: Requisiti per lo sviluppo di un tool per la gestione dell Inventario Funzionale Applicativo; Appendice 4: Conteggio FP e modalità di calcolo della complessità dell ERP aziendale; Capitolato Tecnico Pag. 4 di 46

5 Appendice 5: Descrizione degli ambienti tecnologici dei Sistemi Informativi Gestionali di ENAV; Appendice 6: Sistema per la gestione delle attività di Change e Configuration Management. Appendice 7: Dettagli profili professionali richiesti. Appendice 8: Indicatori di qualità della fornitura. Appendice 9: Metodologia di gestione del ciclo di sviluppo e contenuti dei prodotti da realizzare Capitolato Tecnico Pag. 5 di 46

6 2. IL CONTESTO 2.1 Descrizione delle Caratteristiche Applicative La descrizione delle aree e delle funzionalità applicative, delle caratteristiche tecnologiche e degli obiettivi di sviluppo e manutenzione evolutiva si trova nell Appendice 1 e riporta le seguenti informazioni: la descrizione generale dell area applicativa; la descrizione delle diverse applicazioni in cui si articola l area in oggetto, con il numero di utenti. Si precisa che tale numero è da considerarsi orientativo e non è sommabile, in quanto le diverse applicazioni possono avere come utenti sottoinsiemi diversamente composti del totale degli utenti dell area; le piattaforme software utilizzate dall area e/o applicazione; una descrizione degli ipotetici obiettivi di sviluppo dell area o delle singole applicazioni che comunque potranno essere variati in corso di esecuzione del contratto a seconda delle esigenze di ENAV 2.2 Descrizione tecnica degli Ambienti Tecnologici Le descrizioni dell architettura, della configurazione degli ambienti, delle infrastrutture e dei prodotti software utilizzati sono contenuti nell Appendice Compatibilità I prodotti che compongono gli ambienti sono elencati nell Appendice 1 e nell Appendice 5. Tali prodotti potranno subire variazioni di release nel corso della fornitura. Il software realizzato dovrà essere compatibile con la release effettiva degli ambienti di collaudo/esercizio attivi al momento in cui il software verrà utilizzato. Ciò comporta la verifica, in fase di Definizione dell Obiettivo, degli effettivi release e dell eventuale piano di evoluzione degli ambienti. Nel caso di modifiche impreviste in corso d opera dei prodotti in uso, si concorderà l eventuale impegno per l adeguamento dei prodotti già realizzati. Capitolato Tecnico Pag. 6 di 46

7 3. DEFINIZIONE DELLA FORNITURA 3.1 Oggetto Sono oggetto della fornitura i seguenti servizi: A. Sviluppo e manutenzione evolutiva del software: a. per un massimale stimato punti funzione per classi di progetto conoscitivo, custom e siti web b. per un massimale stimato di punti complessità per classe di progetto ERP B. Manutenzione Adeguativa e Correttiva (MAC): Manutenzione Adeguativa a) per un massimale di giorni persona per classe di progetto ERP b) per un massimale di giorni persona per classi di progetto conoscitivo, custom e siti web Manutenzione Correttiva a) per un massimale stimato di punti funzione per classi di progetto conoscitivo, custom e siti web b) per un massimale stimato di punti complessità per classe di progetto ERP C. Supporto alla gestione dell infrastruttura applicativa e delle basi dati: a. Per un massimale stimato di giorni persona. D. Supporto operativo: a. Per un massimale stimato di giorni persona. E. Supporto per fine fornitura: a. Per un massimale stimato di giorni persona. su aree funzionali dei Sistemi Informativi Gestionali ENAV. 3.2 Durata La durata delle attività relative alla fornitura è di 36 mesi dalla data di inizio attività (o data di inizio fornitura) per tutte le attività oggetto del presente capitolato. I requisiti e le modalità sono specificati nei successivi paragrafi. Capitolato Tecnico Pag. 7 di 46

8 4. DESCRIZIONE DEI SERVIZI 4.1 Sviluppo e Mev di Software Descrizione e requisiti Per sviluppo software si intende la realizzazione di funzionalità volte a soddisfare esigenze utente. La realizzazione riguarda nuove applicazioni non presenti nelle attuali aree di intervento (di seguito anche Aree): ERP Applicazioni custom Conoscitivo (EDW) Siti Web. Specificatamente per sviluppo in ambito EDW si intende l implementazione di un ambiente centralizzato destinato ad ospitare e rendere disponibili, mediante applicazioni di supporto alle decisioni, informazioni consolidate provenienti da sistemi sorgente eterogenei. E infatti attraverso l Enterprise Data Warehouse che l ENAV può disporre, in maniera rapida e sicura, di una fonte unica e certa del patrimonio informativo dei vari sistemi gestionali a supporto del proprio processo decisionale. L utente di tale sistema è messo in grado di soddisfare le proprie specifiche esigenze di analisi, avvalendosi sia di prospetti predefiniti sia di interrogazioni estemporanee, senza dover necessariamente conoscere l organizzazione logica e fisica della base dati né il suo linguaggio di accesso. Il Data Warehouse si basa su un database centralizzato, l Enterprise Data Warehouse (EDW) e su diversi Data Mart (DM). Le informazioni presenti sia sull EDW che sui vari DM sono sottoposte a processi di controllo in modo da certificare la correttezza del dato presente nel Data Warehouse rispetto al dato originario proveniente dal sistema sorgente. Specificatamente per una fornitura WEB lo sviluppo riguarda la possibilità di creare svariati tipi di siti/portali, ad esempio: siti internet istituzionali: canale di comunicazione sia per veicolare l immagine dell ENAV, sia per fornire informazioni al pubblico. La correttezza, tempestività e tracciabilità delle informazioni pubblicate sul sito sono i requisiti fondamentali; siti temporanei per iniziative e/o esigenze specifiche. La velocità ed il costo di creazione del sito sono i principali requisiti; siti Intranet: facilitano il rapido accesso alle applicazioni, alle informazioni, alla collaborazione e alla condivisione di conoscenze da parte del personale interno. Per manutenzione evolutiva si intende la realizzazione di funzionalità volte a soddisfare esigenze utente che riguardano funzioni aggiuntive, modificate o complementari al sistema esistente. Sono riconducibili a manutenzione evolutiva anche le modifiche urgenti alle Capitolato Tecnico Pag. 8 di 46

9 funzioni, da realizzarsi con risorse e tempi contenuti, quali ad esempio, la modifica di una transazione o di una stampa per una diversa prospettazione dei dati. Lo sviluppo e la manutenzione evolutiva rilasciano prodotti che modificano la consistenza del parco applicativo misurata in Punti Funzione (PF) ove possibile, chiamata anche baseline del sistema, che di norma si incrementa, salvo casi di cancellazione in contemporanea di applicazioni/funzioni obsolete e eventualmente sostituite da quelle nuove sviluppate. Il Fornitore è tenuto a fornire tutti gli elementi di misurazione necessari a mantenere aggiornata la baseline. Mentre per l ambito ERP nuove funzionalità o l inserimento di nuovi moduli andranno a variare il grado di complessità del sistema. Lo sviluppo e la manutenzione evolutiva sono suddivisi in Obiettivi, ognuno dei quali può essere assimilato, dal punto di vista del Fornitore, ad un progetto, la cui esecuzione è suddivisa in fasi, secondo un ciclo di sviluppo dipendente dalle dimensioni, dalla criticità e dalla tipologia di applicazione, come descritto in Appendice 9. L elenco degli Obiettivi individuati alla data è riportato in Appendice 1. Tale elenco non si può considerare esaustivo ed immutabile, ma potrà subire delle revisioni nel periodo di validità contrattuale. La descrizione associata agli Obiettivi, inoltre, non va intesa in termini vincolanti sul modo in cui avverrà la realizzazione Siti Web Requisiti specifici e imprescindibili che devono caratterizzare lo sviluppo di siti WEB sono i seguenti: accessibilità da parte dei soggetti disabili: la legge n. 4 del 9 gennaio 2004 Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici, prevede che le Pubbliche Amministrazioni non possono stipulare, a pena di nullità, contratti per la realizzazione e la modifica di siti Internet quando non è previsto che essi siano conformi ai requisiti di accessibilità stabiliti dal decreto del Ministro per l innovazione e le tecnologie dell 8 luglio 2005; pubblicazione di siti e pagine web accessibili rispettando i seguenti standard: o raccomandazioni del World Wide Web Consortium (W3C): HTTP 1.1, HTML strict e CSS 2.0; o Compatibilità con i seguenti browser: Internet Explorer 6.x o superiori, Netscape 6.0/7.0 o superiori, e almeno uno tra Mozilla 1.6 o superiori e Firefox 1.5 o superiori (obbligatori); Opera 6.0/7.0 o superiori (raccomandati); o Standard per l accesso sicuro a pagine web: SSL 2.0 (obbligatorio) e SSL 3.0 (opzionale); compatibilità con i seguenti standard di gestione dei contenuti : o JSR 168 (specifica dei portlet ); o JSR 170 (API standard per accedere ai servizi di un sistema di Gestione Contenuti Web); o WSRP 1.0 (Web Services for Remote Portlet); compatibilità con i seguenti standard relativi ai formati di descrizione dei contenuti: o XML (Extensible Markup Language, vedi Capitolato Tecnico Pag. 9 di 46

10 compatibilità con i seguenti standard internazionali: o ISO , ISO : effectiveness, efficiency, (safety), satisfaction; o ISO : Usability of every day products Dimensioni del Servizio Il servizio di Sviluppo e Mev di software è dimensionato in un massimale di Punti Funzione (PF) o di Punti Complessità (PC), quale somma delle dimensioni in punti funzione/complessità dei singoli Obiettivi. La valutazione della dimensione dei servizi per le Aree Applicazioni custom, EDW e Siti Web è stata realizzata attraverso l uso del calcolo dei Punti Funzione. Tale analisi è descritta in Appendice 4. La valutazione del sistema ERP è stata realizzata attraverso una diversa metodica basata su alcuni parametri di complessità dei moduli, numero utenti ed altro. Tali parametri sono stati consuntivati sempre in Appendice 4. Ai fini del dimensionamento dei custom ERP, va tenuto presente che deve essere considerato in modo fisso, il costo del PC (punto di complessità) per custom come il 30% del costo del PC (punto di complessità) per modulo standard, in relazione al differente impatto che lo sviluppo del primo ha sulle fasi per l implementazione secondo la Metodologia AIM (Application Implementation Method). Si precisa I due diversi modi di pesatura saranno utilizzati nella fase di gestione della fornitura, ovvero nel richiedere al fornitore attività manutentiva e di sviluppo relative agli ambiti gestionali di ENAV La tabella che segue riporta il massimale di impegno in PF e PC previsto per lo sviluppo e Mev di software ad hoc suddiviso per Area, di cui: quota parte (prevalente) corrisponde agli Obiettivi elencati in Appendice 1, stimati sulla base dell esperienza, al meglio delle conoscenze disponibili alla data; quota parte (residua) costituisce una disponibilità da gestire in sede di revisione della pianificazione iniziale, come regolato da contratto, in caso di altre esigenze emergenti nel tempo. Area Totale Punti Funzione Totale Punti Complessità Standard Totale Punti Complessità per Custom ERP Applicazioni custom Conoscitivo Siti Web Capitolato Tecnico Pag. 10 di 46

11 La ripartizione dei massimali per Area non è vincolante; è stimata al meglio delle conoscenze attuali e, pertanto, sarà possibile una diversa ripartizione dei massimali, nel corso della durata contrattuale, sempre nel rispetto del massimale globale del servizio Composizione dei Gruppi di Lavoro Per i servizi di sviluppo e manutenzione evolutiva, facendo la media di tutti gli Obiettivi su tutte le aree applicative il fornitore dovrà dichiarare in offerta ed impiegare un mix di figure professionali così come riportato nelle tabelle che seguono. Area ERP Figura Professionale % Utilizzo Capo progetto 12 Analista funzionale 48 Analista programmatore 40 Area Applicazioni custom Figura Professionale % Utilizzo Capo progetto 8 Analista funzionale 35 Analista programmatore 45 Specialista di prodotto/tecnologia 12 Area Conoscitivo Figura Professionale % Utilizzo Capo progetto 7 Analista Funzionale 30 Analista Programmatore 31 Progettista EDW/EDA 20 Business Intelligence Specialist 12 Area Siti Web Figura Professionale % Utilizzo Capo progetto 8 Analista Funzionale 35 Capitolato Tecnico Pag. 11 di 46

12 Analista Programmatore 45 Specialista di Prodotto/tecnologia 12 I dettagli delle figure professionali richieste sono in Appendice Manutenzione Adeguativa e Correttiva (MAC) Descrizione e Requisiti del servizio di Manutenzione Adeguativa e Correttiva Con manutenzione adeguativa si intendono: adeguamenti dovuti a seguito di cambiamenti di condizioni al contorno (ad esempio per variazioni al numero utenti, per migliorie di performance, per aumento delle dimensioni delle basi dati, ecc.); adeguamenti necessari per innalzamento di versioni del software di base; adeguamenti intesi all introduzione di nuovi prodotti o modalità di gestione del sistema; migrazioni di piattaforma; modifiche, anche massive, non a carattere funzionale, alle applicazioni (ad esempio cambiamento di titoli sulle maschere/pagine web, ecc); La manutenzione adeguativa tipicamente non varia la consistenza della baseline; nei casi di eccezione, il Fornitore è tenuto a fornire tutti gli elementi di misurazione necessari a mantenere aggiornata la baseline. Per manutenzione correttiva si intende la diagnosi e la rimozione delle cause e degli effetti, sia sulle interfacce utente che sulle basi dati, dei malfunzionamenti delle procedure e dei programmi in esercizio. La manutenzione correttiva è normalmente innescata da una segnalazione di impedimento all esecuzione dell applicazione/funzione o dal riscontro di differenze fra l effettivo funzionamento del software applicativo e quello atteso, come previsto dalla relativa documentazione o comunque determinato dai controlli che vengono svolti durante l attività dell utente. I malfunzionamenti imputabili a difetti presenti nel codice sorgente, o nelle specifiche di formato o di base dati, non rilevati a suo tempo durante il ciclo di sviluppo o in collaudo, sono risolti dal servizio di manutenzione correttiva con la riparazione del codice sorgente. Nel caso di software in garanzia da parte di un precedente fornitore, il servizio di manutenzione correttiva consiste nell affidare a tale fornitore la riparazione, collaudarla e installarla nel sistema di esercizio. I malfunzionamenti, le cui cause non sono imputabili a difetti presenti nel software applicativo, ma ad errori tecnici, operativi o d integrazione con altri sistemi (ad esempio interruzione del collegamento TP, uso improprio delle funzioni, ecc.), possono comportare, da parte del servizio di manutenzione correttiva, il solo supporto all attività diagnostica sulla causa del malfunzionamento, a fronte della segnalazione pervenuta, ma sono poi risolti da altre strutture di competenza. La manutenzione correttiva, di norma, non comporta la modifica della baseline; nei casi di Capitolato Tecnico Pag. 12 di 46

13 eccezione, il Fornitore è tenuto a fornire tutti gli elementi di misurazione necessari a mantenere aggiornata la baseline. Sono parte integrante.della manutenzione correttiva le seguenti attività: acquisizione da parte di ENAV o dal Fornitore precedente del necessario know how per operare, sia con riguardo alla baseline non in garanzia che a quella in garanzia; partecipazione, durante il periodo di collaudo, alle attività di presa in carico dei prodotti sviluppati e da rilasciare in esercizio, al fine di acquisire il know how necessario al corretto svolgimento del servizio; contributi di competenza sistemistica e specialistica di prodotto necessaria alla corretta soluzione del malfunzionamento; garanzia (paragrafo 5.5.2) sulla rimozione della difettosità residua relativamente al software collaudato il terzo anno contrattuale, per la durata di un anno dopo il terzo anno contrattuale, operando attraverso il fornitore che subentra nel servizio. La tempestività di ripristino delle applicazioni a fronte di malfunzionamento è misurata rispetto a valori articolati in funzione della categoria di malfunzionamento (si rimanda all Appendice 8 par. 3.1) Dimensioni del Servizio di Manutenzione Adeguativa e Correttiva I servizi di manutenzione adeguativa e correttiva sono dimensionati rispettivamente in: 1. un massimale di Giorni Persona (GP) per la manutenzione adeguativa stimato in base alle necessità dei singoli progetti. 2. un massimale di Punti Funzione affidati per anno al servizio di manutenzione correttiva determinato sulla base della dimensione del parco applicativo non soggetto a garanzia. Relativamente al sistema ERP viene indicato un valore di complessità, per ENAV, attribuito ad ogni singolo modulo componente il sistema. Tale valore dovrà essere considerato nella stima del canone proposto Manutenzione Adeguativa Per quanto riguarda le classi di progetto conoscitivo, applicazioni custom e siti web, Il massimale stimato per il servizio di Manutenzione Adeguativa è di 400 GP. Per il sistema ERP il servizio di Manutenzione Adeguativa il massimale stimato è di 300 GP Manutenzione Correttiva Il massimale in punti funzione del servizio dovrà tener conto, stante gli sviluppi ancora in corso, di un possibile incremento di tale previsione. Il massimale stimato per il servizio di manutenzione correttiva è di Punti Funzione anno, per complessivi nel Capitolato Tecnico Pag. 13 di 46

14 triennio. Per il sistema ERP si dovrà tener conto di quanto sopraccitato ed esplicitato nell appendice 4. Il massimale stimato per il servizio di manutenzione correttiva è di Punti complessità anno, per complessivi nel triennio. I Punti complessità anno sono così suddivisi: Area Massimale Punti Complessità Standard Massimale Punti Complessità per Custom ERP Si tratta di valori stimati al meglio delle conoscenze attuali, delle evoluzioni in corso e pianificate sulle applicazioni oggetto del servizio di manutenzione correttiva. Il conteggio dei punti funzione affidati in manutenzione correttiva potrà essere effettuato ad inizio fornitura. Il numero derivante da tale conteggio potrà subire variazioni sia in aumento sia in diminuzione che daranno luogo al conseguente adeguamento del canone mensile. Tale adeguamento avrà efficacia a partire dal mese successivo all avvenuta variazione Composizione dei Gruppi di Lavoro Per i servizi di manutenzione adeguativa e correttiva relativi alle aree tematiche Applicazioni custom, Siti web e Conoscitivo, facendo la media di tutti gli Obiettivi di manutenzione adeguativa e correttiva sulle aree tematiche identificate, il Fornitore dovrà impiegare il mix di figure professionali riportato nella tabella seguente: Manutenzione Adeguativa e Correttiva Applicazioni custom, Siti web e Conoscitivo Figura Professionale % Utilizzo Analista Funzionale applicazioni custom 10% Analista Funzionale Conoscitivo 10% Analista Funzionale Siti web 10% Analista Programmatore 55% Specialista di prodotto/tecnologia 10% Data Base Administrator 3% Specialista architetture 2% Capitolato Tecnico Pag. 14 di 46

15 Per i servizi di manutenzione adeguativa e correttiva relativi all area tematica ERP facendo la media di tutti gli Obiettivi di manutenzione adeguativa e correttiva, il Fornitore dovrà impiegare il mix di figure professionali riportato nella tabella seguente: Manutenzione Adeguativa e Correttiva ERP Figura Professionale % Utilizzo Analista Funzionale ERP 35% Analista Programmatore ERP 50% Specialista di prodotto/tecnologia 10% Data Base Administrator 3% Specialista architetture 2% Per il servizio di manutenzione correttiva, il Fornitore dovrà comunque garantire, per tutta la durata della fornitura, la presenza di almeno 3 risorse a tempo pieno presso ENAV per assicurare il rispetto dei livelli di servizio richiesti (si veda paragrafo e 5.1.3). 4.3 Supporto alla gestione dell infrastruttura applicativa e basi dati Per supporto alla gestione dell infrastruttura applicativa si intende l erogazione dei seguenti servizi/attività: Installazione e configurazione DBMS Oracle e SQLServer Installazione e configurazione Stack Tecnologico Oracle Applications Installazione e configurazione Oracle Fusion Patch Management Gestione Ambienti Alta Complessità (VLDB, RAC, LDAP, HA..) Installazione e configurazione Stack Tecnologici Ambienti Conoscitivi (Data Stage, Quality Stage, Business Objects Installazione e configurazione ambienti Siti WEB (Oracle Portal,...) Implementazione di sistemi di monitoraggio e gestione Ottimizzazione DB ed infrastruttura Applicativa. Dettagli sulle architetture relative alla infrastruttura applicativa sono illustrati in Appendice Dimensioni del supporto all infrastruttura applicativa e basi dati I servizi di supporto alla infrastruttura applicativa e basi di dati sono dimensionati in: un massimale di 110 GP stimato in base alle necessità dei singoli progetti; un presidio continuativo a canone, per il primo anno di servizio. Capitolato Tecnico Pag. 15 di 46

16 Si tratta di valori medi stimati al meglio delle conoscenze attuali, delle esigenze utente e della relativa evoluzione pianificata. Al mutare delle esigenze, e perciò delle risorse impegnate, in quantità e qualità, il piano potrà essere rivisto ed aggiornato, come regolato a contratto, nel limite del massimale di GP prestabilito Composizione dei Gruppi di Lavoro Per i servizi di supporto alla infrastruttura applicativa e basi di dati, il Fornitore dovrà impiegare le seguenti figure professionali: DBA Specialista di prodotto/tecnologia Specialista Infrastrutture Specialista Architetture Il piano di impiego è riportato nella tabella seguente: Supporto Infrastruttura Applicativa e Basi di Dati Figura Professionale giorni persona DBA 130 Specialista di prodotto/tecnologia 80 Specialista Infrastrutture 100 Specialista Architetture Supporto operativo Per il servizio di supporto operativo si intendono le seguenti attività che di norma non modificano la baseline del sistema: supporto tematico alla redazione di studi, analisi di fattibilità, stima dei tempi, costi e benefici, benchmark; supporto all analisi dei processi; creazione o aggiornamento di documentazione non collegata a specifici interventi di sviluppo; esecuzioni di sperimentazioni che non producano software applicativo; supporto sistemistico e specialistico all uso dei prodotti software; supporto informatico alla predisposizione di relazioni tecniche per studi di fattibilità, alla redazione di documenti di architettura, all individuazione dei requisiti di sistema, ; supporto metodologico e di indirizzo per tutti gli sviluppi in ambiente EDW; Capitolato Tecnico Pag. 16 di 46

17 formazione al personale delle strutture ENAV. L elenco non si può considerare esaustivo e immutabile, ma potrà subire delle revisioni nel periodo di validità contrattuale per comprendere attività affini e comunque orientate a supportare lo sviluppo, la manutenzione e la gestione del Sistema Informativo Gestionale Dimensioni del Servizio di Supporto Operativo I servizi di supporto operativo sono dimensionati in un massimale di GP stimato in base alle necessità delle singole applicazioni. Il massimale stimato per questo servizio è di 180 GP. Si tratta di valori medi stimati al meglio delle conoscenze attuali, delle esigenze utente e della relativa evoluzione pianificata. Al mutare delle esigenze, e perciò delle risorse impegnate, in quantità e qualità, il piano potrà essere rivisto ed aggiornato, come regolato a contratto, nel limite del massimale di GP prestabilito Composizione dei Gruppi di Lavoro Per i servizi di supporto operativo, il Fornitore dovrà impiegare le seguenti figure professionali: Specialista di tematica Specialista di prodotto/tecnologia Analista funzionale ERP Analista funzionale applicazioni custom Analista funzionale conoscitivo Analista funzionale siti Web Il piano di impiego è riportato nella tabella seguente: Supporto Operativo Figura Professionale giorni persona Specialista di tematica 70 Specialista di prodotto/tecnologia 30 Analista Funzionale ERP 20 Analista Funzionale applicazioni custom 20 Analista Funzionale Conoscitivo 20 Analista Funzionale Siti web 20 Capitolato Tecnico Pag. 17 di 46

18 4.5 Supporto per fine fornitura Per supporto per fine fornitura si intendono tutte le attività di trasferimento di know-how tra il Fornitore uscente ed il Fornitore entrante ovvero ENAV. Tale servizio è stimato in un massimale di GP in base alle necessità dei singoli progetti. Il massimale stimato per questo servizio è di 100 Giorni Persona. Si tratta di un valore medio stimato al meglio delle conoscenze attuali, delle esigenze utente e della relativa evoluzione pianificata. Al mutare delle esigenze, e perciò delle risorse impegnate, in quantità e qualità, il piano potrà essere rivisto ed aggiornato, come regolato a contratto, nel limite del massimale di GP prestabilito. 4.6 Sistema integrato di supporto al governo della fornitura Il Fornitore renderà disponibile a ENAV entro 75 giorni solari (o entro il termine previsto nell offerta tecnica, se migliorativo) dalla data di inizio attività e per tutta la durata della fornitura, l utilizzo di uno strumento (Portale) per la condivisione di tutta la documentazione di progetto e per il controllo della fornitura nel suo complesso, nei singoli servizi che compongono la fornitura. La soluzione proposta (compresa nel corrispettivo globale della fornitura) dovrà implementare, inoltre, gli strumenti di controllo e verifica dei requisiti di qualità e livelli di servizio, con particolare riferimento a strumenti di cruscottistica, utilizzabili anche da ENAV. Tale implementazione potrà avvenire anche con il supporto di tool e o prodotti hw/sw, compresi nel corrispettivo della fornitura. Esso dovrà permettere a ENAV l accesso via WEB per verificare in un qualsiasi momento lo stato di avanzamento dei lavori. Le informazioni minime che dovranno essere disponibili ed accedibili sono: i documenti ed i prodotti previsti obbligatoriamente dal presente capitolato, senza peraltro che la catalogazione sul portale si sostituisca agli obblighi di comunicazione previsti dal presente capitolato; tutti i dati necessari alla predisposizione degli indicatori di qualità e degli incentivi di prestazione previsti dal presente capitolato nell Appendice 8 integrati dalle eventuali proposte migliorative del fornitore nonché il calcolo degli indicatori di qualità e gli incentivi di prestazione medesimi; tali dati devono essere disponibili on-line per l intera durata della fornitura; rilevazione mensile del mix delle figure professionali per servizio/area; dati riepilogativi per fornitura e scostamenti rispetto ai mix globali di riferimento. In particolare il Portale dovrà tenere in considerazione, per assicurare un sistema coerente di supporto al governo della fornitura: Capitolato Tecnico Pag. 18 di 46

19 Piattaforma di trouble ticketing (si veda Appendice 2); Inventario funzionale degli applicativi (si veda il par e l Appendice 3); Applicativo di change e configuration management (si veda Appendice 6). Si sottolinea la necessità di una gestione flessibile degli accessi per tipologia di utenza (responsabile contratto, responsabile obiettivo, responsabile qualità, ecc ). La soluzione proposta dal fornitore potrà offrire la disponibilità di altre informazioni, ad esempio: esiti delle attività di test, statistiche sull andamento dei risultati delle misurazioni dei livelli di servizio o degli indicatori di qualità, visibilità dei curricula delle risorse da impiegare nei servizi continuativi e/o nel servizio di consulenza, ecc.) tese a facilitare la verifica dell effettivo andamento dei lavori, ad anticipare la gestione dei problemi, ad efficientare le attività gestionali e di monitoraggio. Il fornitore si impegna, inoltre, ad aggiornare gli strumenti a supporto della fornitura, recependo eventuali richieste di miglioramento proposte da ENAV al fine di permettere un efficiente ed efficace controllo della fornitura. Nel corso della fornitura, ENAV potrà richiedere di trasferire la documentazione e i dati presenti sul portale su altri prodotti messi a disposizione da ENAV stessa. Tale migrazione dovrà essere comunque garantita a fine fornitura, senza alcun onere aggiuntivo. Di seguito si riporta uno schema logico di funzionamento del Portale. Modello di funzionamento del sistema integrato di supporto al governo della fornitura Dati per il calcolo degli indicatori di qualità e degli SLA PORTALE PIATTAFORMA DI TROUBLE TICKETING Figure professionali SISTEMA DI GOVERNO INTEGRATO Documentiprodotti INVENTARIO FUNZIONALE DEGLI APPLICATIVI APPLICATIVO DI CHANGE E CONFIGURATION MANAGEMENT Capitolato Tecnico Pag. 19 di 46

20 4.6.1 Requisiti hardware e software Tutte le licenze d uso relative alla Piattaforma devono essere permanenti, irrevocabili e non esclusive; concesse a titolo definitivo e con durata perpetua. Le licenze d uso devono coprire l intera configurazione e dimensionamento proposto. L offerta deve includere anche le licenze d uso per il sito di sviluppo e staging, inclusi gli strumenti di sviluppo. Per quest ultimo sito, è preferibile una licenza complessiva, legata al soggetto giuridico ed al periodo della fornitura e non alle dimensioni fisiche delle installazioni o al numero degli addetti. Deve essere inclusa inoltre la manutenzione delle licenze per l intera durata del contratto. Le licenze d uso dei prodotti software non possono essere legate a parametri dipendenti dalle modalità d uso come numero utenti e/o di connessioni attive. L unico requisito ammesso è il dimensionamento delle infrastrutture hardware e software necessarie al corretto funzionamento della Piattaforma e che dovranno essere specificate nell offerta nel caso in cui non fossero compatibili con quanto descritto nell appendice 5. Nel pieno rispetto della regole sancite dall OpenPa, il progetto potrà essere realizzato con l utilizzo di prodotti Open source. 4.7 Referenti Il Fornitore dovrà indicare il Responsabile unico delle attività contrattuali, per l intera fornitura, cui ENAV farà riferimento per gli aspetti generali, o potrà scalare per ogni problema riguardante la fornitura stessa. E richiesta inoltre l indicazione di un referente, compreso nel corrispettivo della fornitura, sull utilizzo dei Punti Funzione, certificato IFPUG ed esperto in tutti gli ambienti compresi i siti web e conoscitivi. E facoltà del Fornitore prevedere altri referenti, nel qual caso ne dovrà dare disponibilità in sede di offerta. ENAV si riserva di decidere, sulla base delle proposte del Fornitore ma senza vincolo, le aree o servizi più idonei all impiego di tali referenti. Il Responsabile unico delle attività contrattuali coadiuvato dagli eventuali ulteriori referenti di cui sopra dovrà riferire a ENAV sulle tematiche contrattuali, quali ad esempio: predisposizioni e variazioni del piano globale della fornitura; Capitolato Tecnico Pag. 20 di 46

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI All.1 al Disciplinare di Gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario, ai sensi dell

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it www.consip.it www.acquistinretepa.it ***

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it www.consip.it www.acquistinretepa.it *** Oggetto: Accordo Quadro con più operatori economici sul quale basare l aggiudicazione di appalti specifici, ai sensi e per gli effetti dell art. 2, comma 225, L.n. 191/2009, per l affidamento dei Servizi

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Termini del servizio La funzione dell Help Desk è quella di assicurare il mantenimento delle caratteristiche ottimali di funzionamento della

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140 LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO ED IL RIUSO DI PROGRAMMI INFORMATICI O PARTI DI ESSI PUBBLICATI NELLA BANCA DATI DEI PROGRAMMI INFORMATICI RIUTILIZZABILI DI DIGITPA DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema

Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema Pagina 1 di 9 Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema Descrizione dei prodotti valida dal febbraio 2015 Autore: Swissgrid SA Rielaborazioni: Versione Data Sezione 1.0 21.08.2008

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli