Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività 2007 2013"

Transcript

1 Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività Smart Cities and Communities and Social Innovation Asse e Obiettivo: Asse II Azioni integrate per lo sviluppo sostenibile Ambito: Smart Culture e Turismo Progetto Esecutivo Integrato Cluster Cultura e Turismo DiCeT LivingLab DiCultura etecnologia INMOTO: INformation and MObility for Tourism e OR.C.HE.S.T.R.A. Organization of Cultural Heritage for Smart Tourism and Real time Accesibility

2 Indice del documento Prima Parte Dati salienti sul progetto Titolo Settore/Ambito Sintesi del progetto (IT) DICET INMOTO ORCHESTRA Sintesi del progetto (UK) DICET INMOTO ORCHESTRA Descrizione dell obiettivo generale del progetto DICET INMOTO ORCHESTRA Descrizione degli elementi di coerenza del progetto con le strategie comunitarie, nazionali e regionali DiCeT InMoto ORCHESTRA Descrizione dell obiettivo finale Caratteristiche e prestazioni da realizzare STREAM 1 DiCet STREAM 2 INMOTO STREAM 3 ORCHESTRA Specifiche quantitative da conseguire DiCeT INMOTO ORCHESTRA Principali problematiche di R&S STREAM 1 DiCeT STREAM 2 INMOTO STREAM 3 ORCHESTRA Durata e data di inizio del progetto Luoghi di svolgimento del progetto STREAM 1 DiCeT STREAM 2 INMOTO STREAM 3 ORCHESTRA Responsabile del progetto

3 5.1 Responsabili singoli proponenti DiCeT InMoto Università del Salento Expert System Open Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per i Beni archeologici e monumentali (IBAM) TSC consulting Università della Calabria Università Magna Graecia di Catanzaro Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni (ICAR) Descrizione della Compagine dei Proponenti STREAM 1: DiCeT Engineering Expert System Open 1 srl CNR IBAM UNISALENTO Consulenti STREAM 2: INMOTO ACI Informatica S.p.A Engineering S.p.A Università della Calabria Università di Catanzaro TSC Consulting s.r.l CNR ICAR Consulenti STREAM 3 ORCHESTRA Università degli Studi di Napoli Federico II Consiglio Nazionale delle Ricerche IBM ITALIA S.p.A AUTOSTRADE TECH S.p.A Lauro.it S.p.A Obiettivi, attività e tempistica DICET INMOTO Struttura del prodotto/servizio Obiettivi realizzativi e attività: STREAM 1 DiCeT Obiettivi realizzativi e attività: STREAM 2 INMOTO OR2.2 Ontologia e analisi semantica, mappatura e indicizzazione

4 7.2 Tempistica GANTT Complessivo ORCHESTRA Obiettivi realizzativi e attività Tempistica Costi ammissibili Costi ammissibili per partner DiCeT InMoto Engineering Università del Salento CNR IBAM Expert System Open ACI Informatica Engineering (Parte INMOTO) TSC Consulting Università della Calabria Universitò di Catanzaro CNR ICAR Costi ammissibili per partner ORCHESTRA IBM AUTOSTRADE TECH LAURO UNIVERSITÀ FEDERICO II CNR Verifica dell esito del progetto di ricerca DiCeT InMoto Verifica intermedia Verifica finale ORCHESTRA Verifica intermedia Verifica finale Seconda Parte Elementi per la valutazione dell'effetto incentivante dell'intervento pubblico (da compilare solo da parte delle Grandi Imprese) DiCeT InMoto Aspetti quantitativi Elementi distintivi

5 1.2 ORCHESTRA IBM AUTOSTRADE Interesse tecnico scientifico DiCeT InMoto Novità e originalità delle conoscenze acquisibili Utilità delle conoscenze acquisibili per innovazioni di prodotto/servizio ORCHESTRA Novità e originalità delle conoscenze acquisibili Utilità delle conoscenze acquisibili per innovazioni di prodotto/processo/servizio Copertura finanziaria DiCeT InMoto Stream DiCeT Engineering Università del Salento Expert System Open CNR IBAM STREAM INMOTO ACI Informatica Engineering TSC UNICAL UNICZ CNR ICAR ORCHESTRA IBM Italia S.p.A Autostrade Tech S.p.A LAURO.IT S.P.A Governance del progetto DiCeT InMoto Governance del progetto integrato Cultura e Turismo Comitato di Governo Principali figure del Project Management Steering Commitee Comitato di Gestione Tecnica Governance Stream 1 DiCeT

6 4.1.3 Governance Stream 2 INMOTO ORCHESTRA Modalità organizzative prescelte per la gestione del progetto Criteri di selezione e monitoraggio del progetto Validità industriale del progetto DiCeT InMoto Competitività tecnologica Ricadute economiche dei risultati attesi STREAM 1 DiCeT STREAM 2 INMOTO Previste ricadute occupazionali STREAM 1 DiCeT STREAM 2 INMOTO Impatto atteso sul riposizionamento strategico del sistema socioeconomico delle Regioni della Convergenza Previsione della localizzazione dello sfruttamento industriale ORCHESTRA Coerenza strategica e gestione del progetto Competitività tecnologica Ricadute economiche dei risultati attesi Previste ricadute occupazionali Impatto atteso sul riposizionamento strategico del sistema socioeconomico delle Regioni della Convergenza Previsione della localizzazione dello sfruttamento industriale Articolazione dei costi DiCeT InMoto Stream 1 DiCeT Personale Consulenze Attrezzature STREAM 2 INMOTO Consulenze Attrezzature ORCHESTRA Effort Personale e consulenze Costi Personale Bibliografia

7 8. ANNEX 1 Curriculum Vitae dei responsabili di Progetto

8 Premessa Il presente documento è la risultante delle due fasi di integrazione descritte di seguito. I FASE Costruzione di un progetto esecutivo che risulta da un intenso sforzo di coordinamento e sinergia di due tra le idee progettuali ammesse alla fase di progettazione esecutiva con D.D. n.255/ric. del 30 maggio 2012, relativamente all ambito Smart Culture e Turismo del bando "Smart cities and communities and social innovations". Precisamente si tratta delle idee progettuali: DiCeT LivingLab Di Cultura e Tecnologia INMOTO Information MObility for TOurism Il progetto risultante è stata formulato rispettando e valorizzando i seguenti principi: 1. eliminare le duplicazioni di attività presenti tra le tre idee progettuali originarie; 2. preservare pienamente le attività cardine delle idee progettuali originarie, cioè le attività che concentravano gli aspetti tecnicamente e scientificamente più qualificanti di ciascuna; 3. inquadrare le attività risultanti in un numero relativamente limitato (e quindi gestibile) di Obiettivi Realizzativi, ricercando anche nell organizzazione formale delle attività la massima razionalità e le massime sinergie possibili tra le attività ipotizzate nelle idee progettuali iniziali, realizzando così un importante economia nelle previsioni di costo rispetto alla somma delle analoghe previsioni delle due idee progettuali iniziali; 4. preservare gli Obiettivi relativi alle fasi di sperimentazione d interesse per le Pubbliche Amministrazioni di riferimento; da questo punto di vista la presente proposta preserva tutti i contenuti e le funzionalità rilevanti delle idee originarie, motivo per cuile delibere delle Pubbliche Amministrazioni di riferimento, esistenti e già prodotte in forma ufficiale dalle due idee progettuali originarie mantengono inalterata la loro validità, in totale conformità con quanto previsto dal Bando PON Smart Cities. II FASE Un ulteriore sforzo di integrazione, coordinato dai responsabili del MIUR, tra il Progetto DICET INMOTO edil Progetto ORCHESTRA, entrambi ammessi alle agevolazioni con DD 623/Ric del 08/10/2012, ha dato vita al progetto esecutivo descritto nel presente documento. Inoltre, le compagini proponenti dei progetti DICET INMOTO ed ORCHESTRAsi impegnano a perseguire, nel corso dello svolgimento del progetto, ogni possibile ulteriore area di integrazione; ciò sarà reso possibile dalla condivisione costante dell avanzamento delle attività attraverso incontri periodici di coordinamento tra le compagini. 8

9 Prima Parte 1. DATI SALIENTI SUL PROGETTO 1.1 Titolo Progetto Integrato Cultura e Turismo: DiCeT INMOTO ORCHESTRA Tecnologie e metodi innovativi per la fruizione di beni e contenuti culturali e la promozione dei territori collegati per uno sviluppo del turismo sostenibile. 1.2 Settore/Ambito Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività Settore: Smart Cities and Communities and Social Innovation Asse e Obiettivo: Asse II Azioni integrate per lo sviluppo sostenibile Ambito: Smart Culture e Turismo 1.3 Sintesi del progetto (IT) DICET INMOTO Il progetto Cultura e Turismo: DiCet InMoto ha l obiettivo di definire e realizzare modelli, processi e strumenti innovativi per lo sviluppo sostenibile di un territorio intelligente attraverso la valorizzazione dei suoi beni culturali e risorse ambientali e la promozione e commercializzazione della loro offerta turistica. Il progetto è organizzato come un cluster integrato di due linee d intervento (stream) concentrati su due aspetti complementari: da una parte la capitalizzazione dell offerta culturale (stream DiCeT) e dall altra l organizzazione e valorizzazione della domanda turistica (stream InMoto). Entrambi gli stream adottano le più innovative tecnologie del cosiddetto Internet del Futuro e il paradigma del Social Network per realizzare un ecosistema in cui convivono aziende, pubblica amministrazione, cittadini e turisti. Lo stream DiCeT ha lo scopo di definire e sviluppare una piattaforma abilitante aperta di servizi intelligenti di capitalizzazione dei beni culturali, in grado di migliorare l esperienza culturale, rafforzare l inclusione sociale e favorire la formazione di luoghi virtuosi, reali o digitali, in cui si possano creare, condividere e elaborare informazioni al fine di migliorare la vita dei cittadini e delle imprese in un quadro di auspicabile crescita sociale e economica. Lo stream studierà e costruirà soluzioni innovative per l offerta culturale: la conoscenza sul patrimonio culturale da offrire agli utenti (turisti, cittadini, curatori, ricercatori...); la fruizione dello stesso; la sua conservazione e salvaguardia. Lo stream InMoto ha lo scopo di definire e sviluppare un sistema integrato di servizi e applicazioni innovativi per la creazione, certificazione, organizzazione, monitoraggio e promozione dell Offerta Turistica e Culturale e una piattaforma real time di supporto alla Mobilità Turistica. Lo stream adotterà un nuovo modello strategico di Destination Management Organization e implementerà una declinazione Turismo 4.0 come una formulazione innovativa di strumenti e servizi per la promo commercializzazione dell Offerta Turistica e Culturale attraverso: standardizzazione e razionalizzazione dello scambio di contenuti turistici, processi efficienti di distribuzione di servizi turistici, sostegno pervasivo al turismo in mobilità e promozione di percorsi e itinerari turistici esperienziali. 9

10 1.3.2 ORCHESTRA Il progetto di ricerca intende Sviluppare un insieme di soluzioni tecnologiche orientate alla valorizzazione intelligente del patrimonio culturale, materiale e immateriale, della Regione Campania ad uso e fruizione di turisti, visitatori e cittadini, nel rispetto dei principi di sostenibilità ed eco compatibilità. Esso si inserisce nell ambito Smart culture e turismo. L insieme delle soluzioni tecnologiche e delle metodologie che saranno impiegate (Streaming computing, Big Data, Business Analytics) fanno capo ad un architettura intelligente complessa che attraverso l uso di una piattaforma, consentirà l erogazione di un ampio range di servizi integrati. La piattaforma si sviluppa in quattro aree funzionali principali: DESIGN e PROMOZIONE di esperienze di viaggio basate sulla profilazione dell utente. INFORMAZIONE e FRUIZIONE per il turista e il cittadino. L informazione non sarà disponibile solamente in fase di pianificazione, ma seguirà l utente dinamicamente, consentendogli di modificare i percorsi in funzione dello stato del territorio (es. eccessivo afflusso), delle condizioni meteorologiche, delle condizioni dell offerta locale o di eventi particolari o del gradimento o scarso gradimento dell esperienza condotta fino al momento. VENDITA e relativo pagamento di servizi e prodotti. OTTIMIZZAZIONE DELLE OPERAZIONI E BUSINESS INTELLIGENCE. La piattaforma si configura come un decision support system a tre livelli: per l utente con il user trip planner, per l operatore (per gestire i prodotti turistico culturali) e per l Amministrazione che, analizzando i dati di fruizione sarà in grado di governare i flussi turistici pianificando e orientando le politiche e/o i servizi. Nel complesso, si identificano cinque livelli architetturali e, segnatamente: 1) SENSING: che consente la raccolta dei dati e delle informazioni dalle fonti strutturate e non strutturate (Dalla disponibilità di posti letto e di risorse culturali alle offerte tipiche di un territorio). Sarà, inoltre, possibile la rilevazione dei dati di feedback dai dispositivi mobili personali e dai tornelli delle biglietterie museali. 2) INFORMATION CREATION: che consente l elaborazione e l interpretazione dei dati secondo un modello semantico che ne renda pienamente disponibile il valore informativo. 3) DECISION SUPPORT SYSTEMS per turista, operatore ed Amministrazione. In tale ambito, saranno sviluppati motori per la generazione di informazioni a supporto delle seguenti tipologie decisionali: a. Previsione b. Simulazione e pianificazione c. Costruzione di offerte integrate d. Ottimizzazione processi 4) WORKFLOW MANAGEMENT a. Definizione del percorso e sua ripianificazione dinamica b. Acquisto del percorso e delle variazioni c. Gestione Emergenze d. Gestione congestione (operatori ed aziende) e. Camera di compensazione (tra aziende ed agenzie) f. Inclusione in circuito turistico (aziende a KM zero) 5) BUSINESS INTELLIGENCE a. Analisi e Reportistica (verifica effetti di promozione, verifica profilo di flusso turistico e relativa spesa sui vari servizi e prodotti offerti) b. Analisi del gradimento ed elasticità dei parametri di offerta c. Reputation analysis I risultati del progetto avranno anche ricadute nell ambito della mobilità urbana e marittima, poiché la piattaforma ICT comprenderà anche lo sviluppo di tecnologie e soluzioni ICT finalizzate a migliorare i sistemi di infomobilità locale. Sotto questo profilo, quello dello smart mobility si configura come l ambito secondario del progetto che si propone di realizzare. 10

11 La valorizzazione dei risultati della ricerca avverrà mediante la sperimentazione del modelloo OR.C.HE.S.T.R.A. in un area del centro antico di Napoli ed eventualmente in altre aree territoriali della Campania. L architettura della piattaforma può essere graficamente rappresentata dalla seguente figura. Figura n.1 La Piattaforma OR.C.HE.S.T.R.A Gli obiettivi realizzativi del progettoo sono: OR 1. METODI E MODELLI PER LA PROGETTAZIONE, LA VALUTAZIONE E LA GESTIONE DI PERCORSI TURISTICI ESPERENZIALI; OR 2. MODELLI PER IL METAMANAGEMENT E LA GOVERNANCE DEL TERRITORIO; OR 3. MODELLI SEMANTICI PER LA RACCOLTA, METADATAZIONE, ORGANIZZAZIONE E CONDIVISIONE DEI DATI; OR 4. INFRASTRUTTURAA TECNOLOGICA PER LA MESSA A SISTEMA DEI SERVIZI E DELLE INFRASTRUTTURE RELATIVE AL SETTORE DEL TURISMO E DEI BENI CULTURALI; OR 5. SOLUZIONI PER L INFOMOBILITÀ FINALIZZATE AD UNA FRUIZIONE INTELLIGENTE DEL TERRITORIO; OR 6. REALIZZAZIONE DEL PROTOTIPO; OR 7. SPERIMENTAZIONE DEL PROTOTIPO. 1.4 Sintesi del progetto (UK) DICET INMOTOO The project Tourism and Culture: DiCet Inmoto aims to define and implement models, processes and tools for sustainable development of an intelligent territory through the exploitation of its cultural heritage and environmental resources and the promotion and marketing of its touristic offer. The project is organized as an integrated cluster of two lines of action (streams) focused on two complementary aspects: one is the 11

12 capitalization of the cultural (stream DiCeT) and the other concerns organization and marketing of tourism (stream Inmoto). Both streams adopt the most advanced technology of Future Internet and the Social Network paradigm to realize an ecosystem of cooperating heterogeneous entities such as companies, government, citizens and tourists. The stream DiCeT will define and develop an open enabling platform of intelligent services for cultural heritage capitalization, able to enhance cultural experience, based on social inclusion enhancement and on support for realizing (real or digital) virtuous places,. Within this framework, information and knowledge can be created, shared and processed with the goal of improving the life quality of both citizens and organizations to achieve a desirable social and economic growth. The stream will study and build innovative solutions for improving the territory cultural offer: the knowledge on cultural heritage to be provided to users (tourists, citizens, operators, researchers...), the cultural heritage fruition, its conservation and preservation. The stream Inmoto aims to define and develop an integrated system of novel services and applications for the creation, certification, organization, monitoring and promotion of tourism and a real time platform to support Travel Mobility. The stream will adopt a novel strategic model of the Destination Management Organization and implement a declination Tourism 4.0 as an integrated set of innovative tools and services for the promotion and commercialization of tourism by means of: standardization and rationalization of tourist content exchange, processes for efficient touristic service delivery, pervasive support to travel mobility and promotion of experiential tourism routes and itineraries ORCHESTRA The research project intends to develop a set of technological solutions directed towards a smarter valorisation of material and immaterial Cultural Heritage of Campania Region for the benefit, use and enjoyment of tourists, visitors and citizens, according to the principles of sustainability and ecocompatibility. The project falls within the field Smart Culture and Tourism. The set of technological solutions and methodologies which will be used (Streaming Computing, Big Data, Business Analytics) relates to a complex and smart architecture that, through the use of a smart platform, will enable the provision of a wide range of integrated services. The platform consists of four main functional areas: Design and promotion of travel experiences on user profiling Information and Fruition for the tourists and the citizens. The information will be available not only in the planning stage, but also during the journey by enabling the users to modify the routes in relation to the general conditions of the area (for instance. chaotic traffic, overcrowding), of the weather, of the local offer, of special events or in relation to the level of experience satisfaction achieved by the user until that moment Sales and payment of services and products Operations and business intelligence optimization The platform is configured as a decision support system in three levels : the first one provides the users with the user trip planner ; the second one is addressed to the operators for managing the cultural tourism products; finally, the last one turns to the Public Administration that, by analysing the data of fruition, will be able to manage the flows of tourists by planning and guiding policies and/or services. On the whole five architectural levels can be distinguished, and specifically: 1) SENSING: it allows the collection of data and information from structured and unstructured sources (spanning from availability of paybeds and cultural resources to local traditional offers; ). In addition, it will be possible, to collect the feedback data from personal mobile devices as well as from museums ticket offices revenues and the number of accesses. 12

13 2) INFORMATION CREATION: it allows the elaboration and interpretation of data according to a semantic model that makes fully understand their informational value. 3) DECISION SUPPORT SYSTEM: for tourist, operator and Public Administration. In this context, they will be developed triggers for the generation of information in support of the following decision types: a. forecast; b. simulation and planning; c. building of integrated offers; d. processes optimization. 4) WORKFLOW MANAGEMENT: a. definition of route and its dynamic redevelopment; b. purchase of the journey, including its variations; c. emergency management; d. congestion management (operators and companies); e. clearing house (between companies and agencies); f. inclusion in the touristic circuits (Kilometer Zero companies). 5) BUSINESS INTELLIGENCE: a. analysis and reporting (monitoring of the effects of promotion, check of profile of tourist flow and related expenditure on different services and products offered); b. analysis of satisfaction and elasticity of supply parameters; c. reputation analysis. The results of the project will also have impact on the field of urban and maritime mobility, as the ICT platform will also include the development of ICT technologies and solutions aimed at improving the local info mobility systems. The mobility represents, in fact, the secondary field of the present project. The valorisation of research results will be done by testing the OR.C.HE.S.T.R.A. model on the historic centre of Naples and on other areas of Campania Region, thus allowing the Administrations to set up touristic and territorial marketing processes. The platform may be graphically represented by the following figure. The objectives of the project are: 1) Methods and models for planning, assessment and management of tourist experiential paths; 2) Models for meta management and territorial governance; 3) Semantic models for collection, metadatation, organization and sharing of data; 4) Technological infrastructure for systematization of services and infrastructures related to tourism and cultural heritage sector; 5) Solutions for the info mobility aimed at a smart fruition of the territory; 6) Demonstrator realization; 7) Demonstrator testing. 1.5 Descrizione dell obiettivo generale del progetto DICET INMOTO Il progetto Cultura e Turismo: DiCet InMoto ha l obiettivo di definire e realizzare modelli, processi e strumenti innovativi per lo sviluppo sostenibile di un territorio intelligente attraverso la valorizzazione dei suoi beni culturali e risorse ambientali e la promozione e commercializzazione della loro offerta turistica. Tale obiettivo risponde alle esigenze emergenti di promuovere l evoluzione del territorio verso un modello più sostenibile e intelligente coerentemente con i recenti orientamenti comunitari sul tema di Smart Cities e le politiche d innovazione contenute nella direttiva europea Europe

14 Il modello innovativo proposto dal progetto considera due aspetti fondamentali per rendere il territorio sostenibile e, nel contempo, più vivibile: la conservazione e valorizzazione delle risorse culturali e ambientali e, contestualmente, la loro promozione e commercializzazione turistica per consentire una migliore diffusione delle risorse territoriali a totale beneficio delle collettività, migliorandone lo stato economico e sociale e quindi, più in generale, la qualità di vita. In particolare, il progetto contribuirà a innovare tutta la filiera dei beni culturali e turismo per aumentare i livelli di occupazione, accrescere la produttività e garantire la sostenibilità di modelli sociali. Inoltre, in coerenza con gli obiettivi della direttiva europea in merito alla crescita intelligente, attraverso un ampia attività di sperimentazione, le varie entità operanti sul territorio, quali aziende, pubblica amministrazione, cittadini e turisti, saranno stimolate ad apprendere, studiare ed aggiornare le loro competenze nel settore del patrimonio culturale e del turismo, a creare nuovi prodotti/servizi in grado di stimolare la crescita e l'occupazione e a promuovere la società digitale attraverso un uso avanzato delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nel settore del Cultura e Turismo. Il progetto è organizzato come un cluster integrato di due linee d intervento (stream) focalizzati sui due aspetti complementari: da una parte la capitalizzazione dell offerta culturale (stream DiCeT) e dall altra l organizzazione e valorizzazione della domanda turistica (stream InMoto). Entrambi gli stream adottano le più innovative tecnologie del cosiddetto Internet del Futuro e il paradigma del Social Network per realizzare un ecosistema in cui convivono aziende, pubblica amministrazione, cittadini e turisti. I risultati della ricerca e le sperimentazioni dei due stream saranno inseriti in uno schema complessivo di riferimento che implementerà una visione innovativa della filiera dei beni culturali e del turismo. Stream DiCeT Obiettivo generale dello stream DiCeT è quello di creare una piattaforma abilitante nei processi di sviluppo sostenibile per un territorio intelligente, fondata sulla diffusione della conoscenza, su un modello innovativo di fruizione e valorizzazione di beni culturali orientato al miglioramento dell esperienza culturale. L obiettivo dello stream è fornire, attraverso una piattaforma aperta, servizi intelligenti di capitalizzazione dei beni culturali, in grado di rafforzare l inclusione sociale e favorire la formazione di luoghi virtuosi, reali o digitali, in cui si possano creare, condividere e elaborare informazioni al fine di migliorare la vita dei cittadini e delle imprese in un quadro di auspicabile crescita sociale e economica. DiCeT si basa su un approccio di Social Innovation dove i servizi vengono co creati coinvolgendo tutti gli attori di un ecosistema orientato alla Smart culture e Turismo (Aziende, Ricerca, Pubbliche Amministrazioni e utenti finali). Lo stream DiCeT studierà e costruirà soluzioni innovative per gli elementi che costituiscono l offerta culturale: la conoscenza sul patrimonio culturale da offrire agli utenti (turisti, cittadini, curatori, ricercatori, ecc.); la fruizione dello stesso; la sua conservazione e la salvaguardia. Con riferimento alla conoscenza sul patrimonio culturale, lo stream intende andare oltre gli attuali metodi di digitalizzazione di oggetti 2D/3D, introducendo elementi molto innovativi: estrazione automatica di informazioni dai contenuti digitalizzati (catalogazione automatica di immagini, testi, video, ecc.), analisi e correlazione di tali informazioni attraverso motori semantici (in italiano e inglese da evolvere e specializzare, in latino e tedesco da realizzare), pubblicazione come Linked Open Data (LOD) e aderenza al modello di Europeana. In tal modo, più sorgenti informative potranno essere integrate e più informazioni potranno essere estratte dalla singola sorgente, aumentandone l ampiezza e la profondità dello spazio informativo. Dal punto di vista della fruizione, si vuole realizzare (estendendo e perfezionando tecnologie open source oltre il loro stato dell arte) un sistema intelligente che abiliti il concetto di esplorazione (fruizione aumentata) del bene culturale: informazioni, narrazioni, storie rilevanti e pertinenti che ne arricchiscono la visione; ripercorrere la vita del bene culturale; manipolare e/o muoversi virtualmente attorno al bene culturale; documentare e condividere la fruizione. Il sistema abiliterà un esplorazione personalizzata (rispetto alle intenzioni o esigenze di conoscenza e esperienze passate dell utente) e contestualizzata (al luogo, alla situazione, ecc.): il sistema partecipa così 14

15 alla co creazione di un esperienza culturale di lungo termine (la visita diventa solo la tappa di un percorso culturale), suggerendo e proponendo nuove opportunità di esplorazione. Questa esplorazione sarà realizzata attraverso servizi e applicazioni mobili che integrano sistemi di ragionamento automatico, interfacce utente multimodali, multimediali, proattive, coinvolgenti, immersive e partecipative (es. ambienti 3D), basate su nuove metafore di interazione (che integrano smartphone, grandi display fissi e dispositivi immersi nell ambiente), realtà virtuale e aumentata, nuove forme di interazione (storytelling adattivo: narrazioni personalizzate multimediali costruite on the fly). Il progetto introduce anche il tema della conoscenza collettiva e crowd sourcing: i contenuti e le informazioni sul patrimonio culturale potranno anche provenire dalla gente comune (es. una storia legata ad una tradizione locale relativa ad un monumento o un luogo); i servizi potranno essere definiti in maniera partecipativa anche dagli utenti (co creazione dell offerta culturale); i contenuti e i servizi potranno essere adattati alla tipologia dei singoli fruitori (es. la visita di un museo sarà adattata, sia in fase di pianificazione che sul posto, al gruppo di amici che partecipano all evento). Questi processi saranno abilitati da un infrastruttura social che rappresenterà il sistema operativocloud based dell intera piattaforma, uno spazio di collaborazione e comunicazione. Il sistema risultante sarà sperimentato e validato nel contesto di una mostra permanente che coinvolgerà gli utenti in un esperienza ludica, educativa e personalizzata. Stream InMoto Obiettivo generale dello stream InMoto è definire e sviluppare un sistema integrato di servizi e applicazioni innovativi per la creazione, certificazione, organizzazione, monitoraggio e promozione dell Offerta Turistica e Culturale e una piattaforma real time di supporto alla Mobilità Turistica. Lo stream adotterà un nuovo modello strategico di Destination Management Organization e implementerà una declinazione Turismo 4.0 come una formulazione innovativa di strumenti e servizi per la promocommercializzazione dell Offerta Turistica e Culturale con la finalità di: standardizzare, facilitare e razionalizzare la creazione e lo scambio di contenuti turistici tra enti che svolgono compiti di promozione o che operano nei servizi di mobilità, siano essi operatori del settore o cittadini del territorio; rendere efficienti i processi di distribuzione di servizi turistici, realizzando un ecosistema di piattaforme, smart objects, apps mobile e Web su logiche 4.0, mirato a costruire e distribuire contenuti strutturati su itinerari geografici ed esperienziali; agevolare il turismo in mobilità, con la definizione di servizi e la predisposizione di tecnologie in grado di garantire da un lato una larga ed accurata disponibilità di informazioni sui flussi in mobilità, orientata ad un innovazione della programmazione logistica del territorio, e dall altro la condivisione di mezzi di trasporto ad uso privato; promuovere percorsi e itinerari turistici esperienziali attraverso l aggregazione di contenuti informativi su base geografica e tematica provenienti anche da piattaforme social; supportare la formazione diffusa e la conoscenza delle risorse turistiche e dei beni culturali presenti sul territorio per cittadini e turisti. Lo stream realizzerà servizi diffusi ad alto valore aggiunto nel settore del turismo, agendo lungo tre assi portanti. Il primo asse riguarda la definizione di un Ontologia del Turismo che possa permettere di normalizzare e contestualizzare fonti e contenuti, in un ottica di Open Data e abilitare il rilascio dei dati pubblici in formato aperto e la definizione dei modelli e degli strumenti per l'interoperabilità mediante un innovativo linked Open Data System applicato al turismo, rendendo così disponibili i dati anche su infrastrutture di cloud computing. Il secondo asse concerne l acquisizione, standardizzazione, normalizzazione e certificazione di contenuti 15

16 turistici acquisiti dalle fonti tipiche di un ambiente definibile come Smart Territory. Le fonti informative comprendono quelle istituzionali del turismo (dati in Open Data o in formati proprietari forniti da Enti, Istituzioni, Organizzazioni, Pubbliche Amministrazioni Centrali e Locali), quelle classiche di Internet (media specializzati e generici sul turismo, dati forniti da attrattori, aggregatori, operatori del turismo, fonti accademiche, ecc) e ulteriori sorgenti informative emergenti e con rilevanza crescente, quali quelle messe a disposizione dall evoluzione dell Internet delle Cose (smart objects e smartphone con funzionalità contextaware diffusi sul territorio) e dei canali del Social Network (Twitter, Facebook, Blogger, Youtube, Flickr, Instagram, Google+, ecc.). Il terzo asse infine è focalizzato sulla creazione di servizi ad alto valore aggiunto sfruttando la grande quantità di informazioni e conoscenze messe a disposizione dalle attività degli altri due assi. Tali servizi saranno capaci di scoprire nuovi pattern e interessi nella domanda e nell offerta turistica utilizzando tecnologie innovative di mining e knowledge discovery di dati, processi e delle attività dei social network. I servizi consentiranno di disegnare nuovi percorsi turistici in linea con le esigenze sempre in evoluzione del turismo. Un aspetto importante di tali servizi è l utilizzo di una piattaforma innovativa di rilevazione e analisi di dati provenienti da Intelligent Transport System (ITS), già predisposti su molti mezzi di trasporto, con attenzione a quelli basati su tecnologie a basso impatto ambientale. Infine sarà curata la distribuzione di dati, contenuti e servizi verso il mondo del turismo, le Destination Management Organization e le pubbliche amministrazioni all interno di un ecosistema di riferimento basato su tecnologie cloud. Il processo di innovazione che lo stream InMoto intende introdurre nel settore del Turismo in Mobilità favorirà la promozione della tutela, l'uso sostenibile e la valorizzazione delle risorse naturali per l'attrazione turistica e per il miglioramento della qualità della vita dei cittadini. Le attività di ricerca e sviluppo previste permetteranno di avanzare le competenze delle risorse umane non solo nel settore della ricerca, ma anche di applicarle alla produzione industriale del software e della promozione turistica con ricadute occupazionali positive sul territorio nel medio periodo. La crescente importanza dell'economia della conoscenza da un lato, e del turismo online dall'altro, rappresentano infatti un grande potenziale per la creazione di posti di lavoro sostenibili e qualificati. Considerata l importanza della modernizzazione e digitalizzazione del sistema turistico per le aree urbane e i sistemi turistici regionali, è prevista un ampia sperimentazione per consentire una diffusione accelerata dei risultati sul territorio ORCHESTRA La compagine proponente si pone l obiettivo di sviluppare un insieme di soluzioni tecnologiche orientate alla valorizzazione intelligente del patrimonio culturale, materiale e immateriale, della Campania con particolare riferimento alla città di Napoli ad uso e fruizione dei cittadini, visitatori e turisti nel rispetto dei principi di sostenibilità ed eco compatibilità ( ORCHESTRA ORganization of Cultural HEritage and Smart Tourism and Real time Accessibility ). Attraverso le capacità di ricerca dei Partners istituzionali come il CNR e l Università Federico II e le competenze tecnologiche nel settore ICT della IBM, nonchè di quelle nel settore del Turismo del Gruppo Lauro e delle altre PMI facenti parte della Compagine, saranno analizzati e sviluppati modelli e tecniche per l emersione, la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale e turistico del territorio, in modo da rendere lo stesso, non solo oggetto di destinazione, ma anche luogo di incontro di culture e di sviluppo socio economico, attraverso meccanismi di inclusione e di crowdsourcing, strutturati e non (social network etc.), per la partecipazione attiva dei cittadini/turisti/visitatori. In particolare si andranno a sviluppare modelli utili a rendere più competitiva la filiera turistica in modo da favorire la promozione della destinazione turistico culturale e la creazione di percorsi esperenziali. Nel contempo la presenza, nell ambito del Partenariato, di autorevoli esponenti del settore del trasporto delle persone, quali Gruppo Autostrade ed ancora Gruppo Lauro, consentirà di dotare la piattaforma tecnologica anche di un sistema intelligente della mobilità, come fattore abilitante. 16

17 Infatti, l integrazione di aree come il Turismo ed i Beni Culturali con altri settori appartenenti all ecosistema della Città ed afferenti al concetto di Smart Cities (come smart mobility, smart health, smart education, e smart energy) contribuirà ad incrementare con soddisfazione di operatori e utenti finali il flusso turistico delle destinazioni culturali, paesaggistiche ed artistiche, ma anche a creare nuove condizioni di sviluppo socio economico e di sostenibilità del territorio. I partner si impegnano a coordinarsi, inoltre, con i gruppi vincitori del bando smart cities innovazione sociale che svilupperanno progetti di car sharing e bike sharing a supporto della mobilità e del turismo nella città di Napoli. Ad esempio in riferimento al concetto di smart mobility, la disponibilità di un efficace rete di trasporto unita al coordinamento ed alla gestione intelligente di un sistema di infomobilità, incluso nella piattaforma tecnologica, consentiranno di cogliere tutte le grandi opportunità che un territorio, come quello campano, è in grado di offrire intercettando i grandi flussi turistici e di business per indirizzarli verso luoghi di attrazione meno conosciuti e/o meno visitati a causa di cattiva reputazione o di problemi legati alla sicurezza. Non a caso il modello proposto dalla compagine, pur partendo dal tema del Turismo e dei Beni Culturali, fa riferimento al seguente schema che include l approfondimento di tutti gli altri ambiti funzionali alla logica del modello della Smart City. Servizi al Cittadino ed alle imprese Servizi Sociali Mobilità Strategia e Sviluppo Governanc Educazione Benesser Infrastruttur e Sostenibilità Beni Culturali e Turismo Sicurezza L attività di ricerca si focalizzerà pertanto sulle seguenti linee di attività: a) Identificazione delle destinazioni che hanno e/o potrebbero avere rilevanza turistica/culturale, considerate come sistemi dinamici e interconnessi di beni, servizi, esperienze all interno di un insieme complesso di relazioni nei confronti del quale il visitatore/viaggiatore/turista assume il ruolo fondamentale di co produttore di esperienze. Gli utenti sono considerati protagonisti nella creazione del sistema turistico esperenziale e la loro interazione con l offerta diviene fondamentale e verificabile per comportamenti, consumi e preferenze. Queste interazioni sono indispensabili per il vantaggio competitivo del territorio perché permettono di creare profili personalizzati in grado di soddisfare le domande del visitatore stesso. Sarà sviluppato un work package finalizzato all analisi ed allo sviluppo dei sistemi di incentivazione alla 17

18 partecipazione da parte dei cittadini/turisti. Particolare attenzione sarà rivolta anche al coinvolgimento degli operatori locali (associazioni di categoria, artigiani, operatori dl turismo etc.) che avranno interesse nel condividere contenuti di carattere informativo/commerciale mel suddetto processo di partecipazione condivisa. b) Ricerca sullo sviluppo di un asset dinamico di informazioni multimediali del territorio raccolte, organizzate, conservate e canalizzate verso gli usi più diversificati grazie a soluzioni fondate sui principi del marketing esperenziale. Attraverso un uso evoluto delle tecnologie ICT si può fornire un servizio personalizzato e contestualizzato per rendere migliore la valorizzazione e la sostenibilità di tutto il territorio. Il risultato finale del percorso di ricerca è un sistema integrato di servizi, soluzioni, metodologie, applicazioni che combina competenze manageriali, economiche e tecnologiche per offrire all utente un accompagnamento durante tutto il suo percorso di scelta, scoperta, visita e ricordo di una destinazione. c) Analisi e sviluppo di modelli comportamentali atti a studiare i flussi turistici nella loro dimensione, frequenza e distribuzione, ed i loro i comportamenti di consumo, le loro preferenze ed i loro feedback al fine non solo di alimentare il sistema di fruizione e di dimensionare dinamicamente l offerta turistica ma anche per minimizzare l impatto ambientale. Infatti i consumi e la generazione di rifiuti legati ai flussi turistici saranno adeguatamente monitorati dalla piattaforma al fine di indirizzarli verso il naturale percorso di riciclo previsto dall Amministrazione competente sul territorio e seguendo la logica condvisa dello zero waste. d) Sviluppo e sperimentazione di un sistema di elementi cooperanti per la gestione armonica ed intelligente dei flussi di persone, con l obiettivo di fornire informazioni incentivando i cittadini ed i visitatori alla fruizione dei nuovi servizi integrati e co modali con particolare attenzione a quelli sostenibili (collettivi, car sharing, bike sharing...) permettendo anche la totale integrazione con i circuiti nazionali (autostradali, ferroviari, marittimi, aerei). Tutto ciò favorirà l introduzione di infrastrutture innovative e contribuirà allo sviluppo di un sistema della mobilità sostenibile in ambito urbano, interurbano e in aree protette e/o di grande attrazione culturale. Il sistema, attraverso il consolidamento ed il monitoraggio dei dati provenienti dal territorio sarà in grado di elaborare modelli previsionali per la gestione e la pianificazione del sistema dei trasporti e della mobilità delle persone attraverso la raccolta, integrazione, distribuzione di informazioni al cittadino e al turista (Infomobilità). Sarà affrontato anche l aspetto dela intermodalità con la progettazione e la sperimentazione di un sistema di bigliettazione integrato e condiviso da tutti gli stakeholders del territorio nei settori del turismo e della mobilità delle persone, tale da consentire un esperienza di trasporto co modale trasparente al viaggiatore. Descrizione dei prototipi di progetto Riferendoci anche al successivo capitolo 2 descrizione obiettivo finale indichiamo in estrema sintesi le installazioni pilota previste. L installazione Pilota della piattaforma Intelligent Tourism Operation Center (nel seguito ITOC) prevede una serie di verticalizzazioni sulle seguenti amministrazioni: Comune e Provincia di Napoli, Comune di Portici, il Comune Consorzio PASS dei Comuni del Cilento e la Sovrintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico, Etnoantropologico e per il Polo Museale della Città di Napoli. Per ciascuna amministrazione verranno definiti gli ambiti in funzione dei risultati della ricerca condotta concentrandosi sia sulla specificità funzionale (es. gestione emergenze, gestione flussi turistici, gestione congestione, ottimizzazione risorse) che su quella della disponibilità dei dati Ciascuna Amministrazione avrà una vista sulla piattaforma ITOC che consentirà di sperimentare l efficacia di un centro operativo smartcity. Benché limitato all ambito di sperimentazione identificato ed all insieme necessariamente limitato dei dati di campo disponibili, l Amministrazione sarà in grado di visualizzare real time le funzioni di monitoraggio sugli eventi identificati (es. le emergenze, le situazioni di crisi, i flussi di traffico o di turisti, le attività di manutenzione che riducono la disponibilità delle risorse etc.) La visualizzazione avverrà su mappe GIS o mappe grafiche relative alle aree di monitoraggio contestualizzando gli eventi nello scenario di controllo. 18

19 Per ciascuna vista dell ITOC sarà possibile configurare un sistema di workflow per indirizzare le azioni operative di risposta ad eventi particolari (es. reindirizzo di turisti in aree non congestionate, oppure indicazione di percorsi alternativi, invio di squadre di supporto).i Analogamente sarà possibile sperimentare un sistema di workflow per la gestione delle emergenze. L archiviazione dei dati di monitoraggio consentirà di applicare le funzioni di previsione (ad esempio previsione del traffico turistico o veicolare) e le funzioni di simulazione e la valutazione dei livelli di servizio e di controllo in relazione ai KPI identificati. Installazione e distribuzione ad una popolazione pilota di uno strumento per la gestione del routing (navigatore personale) multimodale turistico su piattaforma mobile. Installazione pilota di sistema previsionale traffico e mobilità utilizzabile dagli operatori e dalle amministrazioni ma anche dall utente finale attraverso il sistema di navigazione personale Installazione pilota della piattaforma TCP Tourism Content Platform, che consentirà, di caricare e rendere disponibili all ecosistema turistico le informazioni descrittive degli itinerari turistici (es. contenuti digitali descrittivi dei beni culturali). TCP implementa, in forma pilota, anche le funzioni di e marketplace turistico. Il prototipo relativo alla piattaforma AVM multimodale che verrà realizzata sarà la sorgente delle informazioni relative al trasporto collettivo che alimenterà l ITOC e che consentirà la realizzazione dell infomobilità rivolta al turista/cittadino. L infomobilità è infatti uno degli elementi che contribuiscono a una migliore fruizione del trasporto collettivo in chiave multimodale, nel momento in cui vengono proposte all utente informazioni in real time per decidere come raggiungere la destinazione prescelta. Essendo la piattaforma presposta alla raccolta e gestione delle informazioni scambiate con gli On Board System installati sui mezzi da monitorare, il prototipo che verrà realizzato prevede l implementazione e l esecuzione della Centrale Operativa sul Data Center del gruppo Lauro e l installazione e il cablaggio delle On Board Unit a bordo dei mezzi. Le informazioni tra OBS e Centrale Operativa verranno scambiate in tempo reale e contempleranno tutte le informazioni geografiche rilevate, quelle relative alla sensoristica e quelle elaborate in tempo reale dalla On Board Unit in base ai grafi della rete di trasporto. Verranno inoltre realizzati ed installati nei punti nodali di scambio dei servizi multimodali dei sistemi di informativa tramite interfacce grafiche che consentano la visualizzazione dell infomobilità. Sperimentazione e test sul campo nelle PA coinvolte La realizzazione dell installazione Pilota richiede un ampio coinvolgimento delle Amministrazioni/ Enti e delle Aziende affinché si rendano parte attiva della sperimentazione stessa. La sperimentazione si baserà prevalentemente sulle Amministrazioni che hanno offerto la loro collaborazione: Comune di Napoli Provincia di Napoli Comune di l Aquila Comune di Portici Consorzio PASS dei Comuni del Cilento La Sovrintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico, Etnoantropologico e per il Polo Museale della Città di Napoli Anche le relative aziende operatrici (ad esempio le aziende municipalizzate del trasporto pubblico ovvero le aziende che erogano servizi per conto dell Amministrazione o quelle convenzionate nei siti di interesse culturale) dovranno essere coinvolte per definire concordemente gli ambiti di sperimentazione sia in termini funzionali che in termini di definizione dei dati da utilizzare. E evidente come un elemento importante di sperimentazione, oltre a quello tecnologico di piattaforma, sia quello organizzativo, in quanto una piattaforma integrata come ITOC prevede una collaborazione fattiva tra amministrazioni, aziende e agenzie sia in termini di governance che di utilizzo di dati operativi e commerciali. 19

20 Alcuni aspetti tecnologici importanti da sperimentare, saranno, inoltre gli elementi avanzati di integrazione e, soprattutto, di information creation. L insieme dei dati provenienti da una molteplicità di imprese, amministrazioni e cittadini/turisti consentiranno di generare informazioni di elevato contenuto a loro volta destinate ad un arricchita ed efficace fruizione da parte degli stessi enti, aziende ed individui. Questi elementi primari di governance della collaborazione lungo la filiera turistica sono parte della stessa della ricerca e sono articolati nei vari deliverables di progetto e saranno formalmente indirizzati dai protocolli di sperimentazione. Per quanto riguarda l aspetto legato al tema della mobilità, al fine di rispondere ad una ricaduta concreta sul territorio nei confronti delle amministrazioni coinvolte e che hanno sostenuto l idea progettuale sono stati individuati degli operatori di trasporto collettivo che svolgono servizi che interessano i comuni oggetto delle delibere. Questo consentirà al prototipo di aderire al meglio alle attese delle amministrazioni e di creare un circuito integrato di mobilità turistica collettiva esportabile e replicabile in altre realtà territoriali. 1.6 Descrizione degli elementi di coerenza del progetto con le strategie comunitarie, nazionali e regionali DiCeT InMoto STREAM 1 DiCeT Coerenza con strategie regionali La presente proposta è coerente con gli obiettivi di ricerca del progetto PON01_00625 Tecnologie Italiane per applicazioni avanzate nei Beni Culturali, che propone un azione di sviluppo di tecnologie evolute per la conservazione, conoscenza e valorizzazione dei Beni Culturali italiani. Tra le varie innovazioni proposte, alcune (ad esempio le tecniche di datazione e conservazione, le wireless sensor networks per il monitoraggio dei beni, i metodi della realtà aumentata, i sistemi della conoscenza) ben si collegano alle azioni del stream 1 DiCeT. Anche il partenariato (Consorzio s.r.l., Quadra T.V. s.c.a.r.l., S.I.PRE. S.R.L., DipietroGroup S.r.l., CONSORZIO TERIN; AGEOTEC s.r.l.; CCNR DMD, Università del Salento, TechLab Works S.a.s., Cultura e Innovazione S.c a r.l., ENEA, CACCAVO SRL, Università degli Studi di Palermo, Università della Calabria) prevede elementi di collegamento coerente che potranno essere portate a sistema. Altri evidenti elementi di coerenza si trovano nel Programma operativo Puglia FESR l Asse IV Valorizzazione delle risorse naturali e culturali per l attrattività e lo sviluppo che definisce l obiettivo strategico per lo sviluppo di politiche regionali in ambito turistico e culturale: valorizzare le risorse naturali, culturali e paesaggistiche trasformandole in vantaggio competitivo per aumentare l attrattività turistica del territorio in tutti i periodi dell anno, migliorando la qualità della vita dei residenti e promuovendo nuove forme di sviluppo economico sostenibile. Inoltre, il Programma Operativo Interregionale Attrattori culturali, naturali e turismo consente l effettiva integrazione degli interventi territoriali connessi alla valorizzazione dei grandi attrattori e alle relative azioni di promozione dell attrattività turistica attraverso la concentrazione delle risorse sui poli turistici di eccellenza. L obiettivo generale è: promuovere e sostenere lo sviluppo socio economico delle Regioni Convergenza attraverso la valorizzazione, il rafforzamento e la messa a sistema su scala sovra regionale dei fattori di attrattività turistica del patrimonio culturale, naturale e paesaggistico. Nell'ambito della pianificazione delle aree vaste, il turismo e i beni culturali ricoprono un ruolo importante. I piani strategici di area vasta che esplicitano in modo diretto di voler sviluppare interventi nel settore turismo e beni culturali in chiave innovativa sono in particolare quelli di Bari e di Lecce. Queste azioni vanno in continuità con altri interventi della precedente programmazione Regionale. Ad esempio il progetto pilota POR 6.2c SIBECS, che ha visto l Università del Salento come attore principale e il CNR IBAM come partner, ha avuto l obiettivo di progettare e realizzare in forma prototipale un sistema 20

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT. Progetto PRISMA

PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT. Progetto PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT PRISMA Progetto PRISMA SMART CITIES AND COMMUNITIES AND SOCIAL INNOVATION Cloud Computing per smart technologies PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 History Integrated Mobility Trentino Transport system TRANSPORTATION AREAS Extraurban Services Urban Services Trento P.A. Rovereto Alto Garda Evoluzione

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento Esempi e strumenti di attuazione A. A Beccara I. Pilati Trento RISE S3 PAT ICT Micro nano-elett. Qualità della vita Agrifood Nanotech. Fotonica

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico O9 P o l i c y A d v i C E n ot e s innovativi per il trasporto L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli