UOC Radiologia ULSS 20 Direttore dott.ssa Francesca Fornasa IMAGING E APPROPRIATEZZA SENOLOGIA CLINICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UOC Radiologia ULSS 20 Direttore dott.ssa Francesca Fornasa IMAGING E APPROPRIATEZZA SENOLOGIA CLINICA"

Transcript

1 UOC Radiologia ULSS 20 Direttore dott.ssa Francesca Fornasa IMAGING E APPROPRIATEZZA SENOLOGIA CLINICA UOS SENOLOGIA dott.ssa Stella Laveneziana S.Bonifacio 2 febbraio 2013

2

3 DIAGNOSTICA SENOLOGICA CLINICA PECULIARITA : Pz.di sesso femminile e/o maschile Qualunque fascia di età Non territorio definito Sintomatici o no Afferenza spontanea con impegnativa (MMG,Specialisti) Pazienti ricoverati, pre/post ricovero

4 DONNE ASINTOMATICHE < 40 ANNI ESAME OBIETTIVO ECOGRAFIA MAMMARIA se dubbi: mammografia ed agoaspirato (citologico o microistologico) sotto guida ecografica o stereotassica, risonanza magnetica della mammella ecc. Controllo periodico consigliato in alcuni casi

5 DONNE ASINTOMATICHE anni MAMMOGRAFIA BILATERALE ed ECOGRAFIA MAMMARIA (se mammelle dense) se dubbi: agoaspirato (citologico o microistologico) sotto guida ecografica o stereotassica, risonanza magnetica della mammella ecc. Controllo periodico consigliato ogni mesi

6 DONNE ASINTOMATICHE età > 50 anni MAMMOGRAFIA BILATERALE ed ECOGRAFIA MAMMARIA (se mammelle dense) se dubbi: agoaspirato (citologico o microistologico) sotto guida ecografica o stereotassica, risonanza magnetica della mammella ecc.

7 DONNE ASINTOMATICHE età > 50 anni PARTECIPAZIONE A PROGRAMMA DI SCREENING dai 50 ai 69 anni CONTROLLO SPONTANEO ogni 2 anni. Consigliato ogni 12 mesi se: in terapia sostitutiva, con familiarità positiva, operate di tumore della mammella, operate per patologia benigna recidivante ingravescente

8 DONNE SINTOMATICHE < 35 ANNI ESAME OBIETTIVO ECOGRAFIA MAMMARIA se dubbi: mammografia ed agoaspirato (citologico o microistologico) sotto guida ecografica o stereotassica, risonanza magnetica della mammella ecc.

9 DONNE SINTOMATICHE > a 35 ANNI MAMMOGRAFIA BILATERALE ed ECOGRAFIA MAMMARIA (se mammelle dense) se dubbi: agoaspirato (citologico o microistologico) sotto guida ecografica o stereotassica, risonanza magnetica della mammella ecc.

10 DONNE OPERATE QUADRANTECTOMIA: MAMMOGRAFIA ed ECOGRAFIA MAMMARIA Frequenza Annuale Se linfonodo sentinella negativo: Eco cavi ascellari ogni sei mesi SE DUBBI : TIPIZZAZIONE CON AGOASPIRATO RISONANZA MAGNETICA DELLA MAMMELLA

11 DONNE OPERATE MASTECTOMIA SEMPLICE MAMMOGRAFIA ed ECOGRAFIA MAMMELLA SANA, ECO PARETE TORACICA E CAVI ASCELLARI MASTECTOMIA CON PROTESI: MAMMOGRAFIA ed ECOGRAFIA MAMMELLA SANA, ECO CAVI ASCELLARI E TESSUTI MOLLI PERIPROTESICI Frequenza annuale SE DUBBI : TIPIZZAZIONE CON AGOASPIRATO RISONANZA MAGNETICA DELLA MAMMELLA

12

13 Appropriatezza prescrittiva ed erogativa delle indagini senologiche finalizzate alla diagnosi precoce del tumore della mammella NORMATIVA: DIRETTIVE NAZIONALI Legge Finanziaria 2000 e succ. DIRETTIVE REGIONALI Screening

14 DIAGNOSTICA SENOLOGICA CLINICA Donne con età < ai 40 anni: Ecografia mammaria NON IN ESENZIONE Donne con età < ai 45 anni: Esame senologico completo Mammografia Ecografia mammaria NON IN ESENZIONE Completamento con indagini integrative se dubbi diagnostici NON IN ESENZIONE

15 DIRETTIVE NAZIONALI Legge Finanziaria 388/2000 tra i 45 ed i 69 anni mammografia con frequenza biennale è esente dalla partecipazione alla spesa (codice di esenzione 5 B2): MMG o specialisti Legge Finanziaria 2002-L.448/2001 Esenti dalla partecipazione alla spesa anche tutte le prestazioni di secondo livello qualora l'esame mammografico lo richieda ( 5 B6)

16 Codice di esenzione 5B6 Gli approfondimenti alla mammografia 5B2 devono essere prescritti dal radiologo mammografista. Gli accertamenti di secondo livello sono: Esame clinico delle mammelle Ecografia mammaria Agoaspirato cito o istologico sotto guida ecografica o stereotassica Risonanza magnetica della mammella o altri esami Nota Regionale ottobre 2002

17 DIAGNOSTICA SENOLOGICA CLINICA Donne con età > ai 69 anni Mammografia bilaterale più eventuale ecografia mammaria Non esenzione (in assenza di condizioni di esenzioni generali) Completamento con indagini integrative se dubbi diagnostici NON IN ESENZIONE

18 ESAME SENOLOGICO NEL MASCHIO Pz. sintomatico Strumenti Mammografia Ecografia Ev. agoaspirato Non esenzione (in assenza di condizioni di esenzioni generali)

19 SCREENING Donne età compresa tra i 50 e i 69 anni mammografia ogni due anni, su invito con lettera da parte del Centro di Screening di Marzana (gratuita). Le donne del distretto 4, aderenti allo screening, eseguono la mammografia a S.Bonifacio PROGRAMMA SCREENING REGIONE VENETO

20

21 DIAGNOSTICA SENOLOGICA CLINICA DRG 993 del 5 giugno 2012 Standardizzazione delle specifiche cliniche di alcune prestazioni di Radiologia... Prescrizioni con codice U, B, D, P.sulla base di specifiche indicazioni cliniche, al fine di promuovere la qualità della appropriatezza prescrittiva

22 Linfoadenomegalia del cavo ascellare monolaterale MAMMOGRAFIA BILATERALE MAMMOGRAFIA MONOLATERALE Classe priorità Urgenza Differita Termine da indicare sulla ricetta dal prescrittore in aggiunta alle altre informazioni (Classe B entro 72 ore) B (entro 10 giorni) Sospetta Neoplasia (nodulo mammario, retrazione acuta del capezzolo, cute a buccia d'arancia, nodulo ulcerato della mammella) Secrezione ematica della mammella Trauma mammario (con evidenza clinica di lesione tissutale importante)

23 Classe priorità MAMMOGRAFIA BILATERALE MAMMOGRAFIA MONOLATERALE Termine da indicare sulla ricetta dal prescrittore in aggiunta alle altre informazioni D (entro 60 giorni) Mastodinia importante di nuova insorgenza Ginecomastia Galattorrea Modificazione di quadro benigno (cisti, fibroadenomi) P (entro 180 giorni) Paziente con dimostrati fattori di rischio elevato per neoplasia mammaria:elevata familiarità con più casi di neoplasia mammaria, test genetici positivi

24 Classe priorità Urgenza Differita (Classe B entro 72 ore) B (entro 10 giorni) ECOGRAFIA MAMMARIA BILATERALE ECOGRAFIA MAMMARIA MONOLATERALE Trauma mammario (con evidenza clinica di Termine da indicare sulla ricetta dal prescrittore in aggiunta alle altre informazioni lesione tissutale importante) Sospetta Neoplasia (nodulo mammario, retrazione acuta del capezzolo, cute a buccia d'arancia, nodulo ulcerato della mammella) Secrezione ematica della mammella Linfoadenomegalia del cavo ascellare monolaterale Sospetta rottura di protesi

25 ECOGRAFIA MAMMARIA BILATERALE ECOGRAFIA MAMMARIA MONOLATERALE Classe priorità Termine da indicare sulla ricetta dal D prescrittore in aggiunta alle altre informazioni Mastodinia (importante di nuova insorgenza) (entro 60 giorni) Ginecomastia Galattorrea Modificazione di quadro benigno (cisti, fibroadenomi) P (entro 180 giorni) Paziente con dimostrati fattori di rischio elevato per neoplasia mammaria: elevata familiarità con più casi di neoplasia mammaria, test genetici positivi

26 Le prestazioni di diagnostica della patologia della mammella sono da richiedere tenendo conto, oltre che della clinica, anche della età della paziente e dei fattori di rischio individuati DELIBERAZIONE GIUNTA REGIONALE n giugno 2012

27 Grazie per l'attenzione e...buon lavoro!!!!!!

28 UOC Radiologia ULSS 20 Direttore dott.ssa Francesca Fornasa IMAGING E APPROPRIATEZZA SENOLOGIA CLINICA UOS SENOLOGIA dott.ssa Stella Laveneziana S.Bonifacio 2 febbraio 2013

29 Grazie per l'attenzione e...buon lavoro!!!!!!

30 DIAGNOSTICA SENOLOGICA CLINICA Pazienti di sesso femminile preferibilmente con età inferiore ai 50 anni e superiore ai 69 anni Controlli annuali in donne in terapia e/p o sostitutiva o operate di patologia benigna border line Controlli annuali o semestrali in pazienti già operati di tumore della mammella Esami strumentali in pazienti di sesso maschile sintomatici

31 APPROPRIATEZZA IN RM MAMMELLA Francesca Fornasa Radiologia San Bonifacio S. Bonifacio, 2 febbraio 2013

32

33 RM DELLA MAMMELLA LE INDICAZIONI ESAME SENOLOGICO RM FASE PRE-CHIRURGICA Donne giovani ad elevato rischio genetico o familiare con mammelle mammograficamente dense Stadiazione locale pre chirurgica per evidenziare multifocalità e/o multicentricità. Ricerca di ca primario in presenza di metastasi di origine mammaria. Discrepanze tra le diverse metodiche diagnostiche. Monitoraggio di lesioni trattate con chemio terapia neoadiuvante pre chirurgica

34 RM DELLA MAMMELLA LE INDICAZIONI FASE POST CHIRURGICA Diagnosi differenziale tra recidiva e cicatrice Pazienti portratici di protesi: - diagnosi di rotture protesiche intra e/o extracapsulari. - valutazione delle parti molli peri-protesiche

35 RM DELLA MAMMELLA LE NON INDICAZIONI Tipizzazione di microcalcificazioni Valutazione della displasia Tipizzazione di lesioni stellate alla mammografia, senza storia di cicatrice Valutazione di lesioni infiammatorie

36

37 TUMORE MULTIFOCALE

38 ROTTURA PROTESICA

Servizio di Senologia della Provincia di Ferrara Genere e Appropriatezza Clinico-Diagnostica

Servizio di Senologia della Provincia di Ferrara Genere e Appropriatezza Clinico-Diagnostica Servizio di Senologia della Provincia di Ferrara Genere e Appropriatezza Clinico-Diagnostica Responsabile dipartimentale senologia AUSL FE SEDI DELLA ATTIVITÀ SENOLOGICA Screening Iniziato nel 1997 Attività

Dettagli

Percorsi diagnostici per la patologia mammaria

Percorsi diagnostici per la patologia mammaria Percorsi diagnostici per la patologia mammaria Screening mammografico per le donne dai 45 ai 74 anni Per le donne di 45-74 anni asintomatiche, i Medici di medicina generale, anziché prescrivere la mammografia,

Dettagli

PORTE DI ACCESSO ALLA BREAST UNIT: LO SCREENING MAMMOGRAFICO. PATRIZIA DA VICO SCREENING MAMMOGRAFICO Azienda AUSL di Parma

PORTE DI ACCESSO ALLA BREAST UNIT: LO SCREENING MAMMOGRAFICO. PATRIZIA DA VICO SCREENING MAMMOGRAFICO Azienda AUSL di Parma PORTE DI ACCESSO ALLA BREAST UNIT: LO SCREENING MAMMOGRAFICO PATRIZIA DA VICO SCREENING MAMMOGRAFICO Azienda AUSL di Parma PREVENZIONE SECONDARIA I programmi di screening della Regione Emilia-Romagna:

Dettagli

IL CARCINOMA DELLA MAMMELLA. Diagnostica strumentale

IL CARCINOMA DELLA MAMMELLA. Diagnostica strumentale IL CARCINOMA DELLA MAMMELLA Diagnostica strumentale DIAGNOSTICA STRUMENTALE TERMOGRAFIA DIAFANOSCOPIA ECOGRAFIA ECO-COLORDOPPLER COLORDOPPLER MAMMOGRAFIA XEROMAMMOGRAFIA PNEUMOCISTOMAMMOGRAFIA GALATTOGRAFIA

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA DALLO SCREENING ALLA RIABILITAZIONE ASPETTI RADIOLOGICI. dott.ssa Stefania Gava. U.O. Radiologia P.O. Di Vittorio Veneto

IL TUMORE DELLA MAMMELLA DALLO SCREENING ALLA RIABILITAZIONE ASPETTI RADIOLOGICI. dott.ssa Stefania Gava. U.O. Radiologia P.O. Di Vittorio Veneto IL TUMORE DELLA MAMMELLA DALLO SCREENING ALLA RIABILITAZIONE ASPETTI RADIOLOGICI dott.ssa Stefania Gava U.O. Radiologia P.O. Di Vittorio Veneto PROTOCOLLI DIAGNOSTICI (Linee guida FONCAM e SIRM) DONNE

Dettagli

Donne con età compresa fra 50 e 69aa. Descrizione iter dello screening. Consenso firmato. Informazione del medico curante

Donne con età compresa fra 50 e 69aa. Descrizione iter dello screening. Consenso firmato. Informazione del medico curante Donne con età compresa fra 50 e 69aa. Descrizione iter dello screening. Consenso firmato. Informazione del medico curante Pregresse patologie mammarie. Familiarità o ereditarietà. Presenza di protesi.

Dettagli

Risonanza Magnetica. Agobiopsie percutanee imaging - guidate. Citologia, Core Biopsy, Core Biopsy Vacuum- Assisted

Risonanza Magnetica. Agobiopsie percutanee imaging - guidate. Citologia, Core Biopsy, Core Biopsy Vacuum- Assisted 1 Obiettivo: Diagnosi Metodiche di imaging I Livello Mammografia ed Ecografia Tomosintesi (ancora in fase sperimentale) II Livello Risonanza Magnetica Agobiopsie percutanee imaging - guidate Citologia,

Dettagli

carcinoma della mammella Prima causa di mortalità nella popolazione femminile in Occidente ( Nord Europa )

carcinoma della mammella Prima causa di mortalità nella popolazione femminile in Occidente ( Nord Europa ) carcinoma della mammella Prima causa di mortalità nella popolazione femminile in Occidente ( Nord Europa ) Carcinoma della mammella 37.000 nuovi casi ogni anno in Italia 2 picchi di età ( 50 70 anni )

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO PER SOSPETTA NEOPLASIA MAMMARIA

PERCORSO DIAGNOSTICO PER SOSPETTA NEOPLASIA MAMMARIA PERCORSO DIAGNOSTICO PER SOSPETTA NEOPLASIA MAMMARIA PREMESSA Il Cancro Mammario (di seguito CM) è il tumore più frequente nel sesso femminile, con una prevalenza del 10/11% nella popolazione normale.

Dettagli

La situazione dei programmi di screening in Italia (ieri, oggi domani?) G. Saguatti

La situazione dei programmi di screening in Italia (ieri, oggi domani?) G. Saguatti La situazione dei programmi di screening in Italia (ieri, oggi domani?) G. Saguatti La attività di diagnosi precoce organizzata convive con quella spontanea (test eseguiti in strutture private o pubbliche),

Dettagli

DAY SURGERY DONNA & DONNE in gamba

DAY SURGERY DONNA & DONNE in gamba DAY SURGERY DONNA & DONNE in gamba Monselice (PD) 8 marzo 2014 Progressi nella tecnica e risultati Dott. Paolo Burelli Responsabile UOSD Senologia ULSS7 Conegliano (TV) Prime 10 neoplasie per incidenza

Dettagli

Lo screening mammografico di pazienti portatrici di protesi l esperienza della UOS Senologia della Fondazione Ca Granda

Lo screening mammografico di pazienti portatrici di protesi l esperienza della UOS Senologia della Fondazione Ca Granda Lo screening mammografico di pazienti portatrici di protesi l esperienza della UOS Senologia della Fondazione Ca Granda M. Campoleoni*, MS. Sfondrini**, V. Carrera**, L. Bracchi* * UOSD Fisica Medica **

Dettagli

Diagnostica clinica-strumentale

Diagnostica clinica-strumentale Diagnostica clinica-strumentale Dott. Enrico Guidetti S.C. Radiologia Diagnostica ed interventistica Ospedale Umberto Parini Aosta La storia Leborgne R. The breast in roentgen diagnosis. Montevideo, Uruguay,

Dettagli

Invito a tutte le donne tra i 50 e i 69 anni

Invito a tutte le donne tra i 50 e i 69 anni SISTEMA SANITARIO REGIONALE 1 ASL VITERBO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SISTEMA SANITARIO REGIONALE ASL VITERBO COORDINAMENTO DEI PROGRAMMI DI SCREENING Se hai dei dubbi o vuoi ulteriori informazioni puoi

Dettagli

Il ruolo del radiologo: l'impegno per il miglioramento dell'efficacia

Il ruolo del radiologo: l'impegno per il miglioramento dell'efficacia Screening per la prevenzione del tumore della mammella Il ruolo del radiologo: l'impegno per il miglioramento dell'efficacia Anna Giulia Guarneri Servizio di Radiologia Ospedale di Manerbio Azienda Ospedaliera

Dettagli

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente diagnosi differenziale: carcinoma della mammella sono elementi di sospetto: monolateralità, rapido sviluppo Primitiva: puberale,

Dettagli

IL PERCORSO SENOLOGICO DELLA ASL ROMA 4 ai sensi del DCA 38/2015 DICHIARAZIONE DI IMPEGNO

IL PERCORSO SENOLOGICO DELLA ASL ROMA 4 ai sensi del DCA 38/2015 DICHIARAZIONE DI IMPEGNO IL PERCORSO SENOLOGICO DELLA ASL ROMA 4 ai sensi del DCA 38/2015 DICHIARAZIONE DI IMPEGNO Programma di screening per la donna asintomatica Fascia di età 50-69 anni La ASL Roma 4 offre gratuitamente, alle

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI INVITI TRA LE ENNI E LE ENNI ALL INTERNO DEL PROGRAMMA DI SCREENING DEL DIP. N. 2

LA GESTIONE DEGLI INVITI TRA LE ENNI E LE ENNI ALL INTERNO DEL PROGRAMMA DI SCREENING DEL DIP. N. 2 Dipartimento di Prevenzione Oncologica Secondaria Regione Piemonte Dip. n. 2 Direttore Dr. P. Panarisi LA GESTIONE DEGLI INVITI TRA LE 45-49 ENNI E LE 70-75 ENNI ALL INTERNO DEL PROGRAMMA DI SCREENING

Dettagli

Il tumore al seno. Pianificazione. Cos è la pianificazione chirurgica?

Il tumore al seno. Pianificazione. Cos è la pianificazione chirurgica? www.daiuto.it www.underforty.it Il tumore al seno Pianificazione La pianificazione chirurgica richiede un ottimale conoscenza delle moderne tecniche di chirurgia oncoplastica e una comprovata esperienza

Dettagli

Dr.ssa Alessia Levaggi ASL 5 Spezzino. Stadiazione e TNM

Dr.ssa Alessia Levaggi ASL 5 Spezzino. Stadiazione e TNM Dr.ssa Alessia Levaggi ASL 5 Spezzino Stadiazione e TNM Rappresentazione sintetica dell estensione anatomica del tumore Informazioni prognostiche Stadiazione Indirizza la strategia terapeutica Linguaggio

Dettagli

Complesso conventuale S. Maria del Rifugio Cava dei Tirreni (SA) 28 settembre 1 Ottobre 2005

Complesso conventuale S. Maria del Rifugio Cava dei Tirreni (SA) 28 settembre 1 Ottobre 2005 Complesso conventuale S. Maria del Rifugio Cava dei Tirreni (SA) 28 settembre 1 Ottobre 2005 L Eco-Color-Doppler nella chirurgia del cancro della mammella Dott. Luca Rotunno Grazie agli studi che hanno

Dettagli

IMAGING ED APPROPRIATEZZA: PRESENTAZIONE DI ESPERIENZE E VALUTAZIONE DI RISULTATI

IMAGING ED APPROPRIATEZZA: PRESENTAZIONE DI ESPERIENZE E VALUTAZIONE DI RISULTATI : PRESENTAZIONE DI ESPERIENZE E VALUTAZIONE DI RISULTATI Ospedale G. Fracastoro San Bonifacio (VR) 1 febbraio 2014 L'ESPERIENZA LOMBARDA Enrico Vittorini PAC Percorsi Appropriatezza Clinica e Prescrittiva

Dettagli

La chirurgia conservativa e demolitiva

La chirurgia conservativa e demolitiva La chirurgia conservativa e demolitiva prof. Augusto Lombardi Facoltà di Medicina e Psicologia Dipartimento di Scienze Medico- Chirurgiche e Medicina Traslazionale Master di II livello in Senologia (Direttore

Dettagli

IL CARCINOMA DELLA MAMMELLA. Quadro clinico

IL CARCINOMA DELLA MAMMELLA. Quadro clinico IL CARCINOMA DELLA MAMMELLA Quadro clinico ANAMNESI: familiare e fisiologica Età della paziente Età al menarca ed alla menopausa N gravidanze Età alla prima gravidanza Allattamento Familiarità per carcinoma

Dettagli

L ecografia mammaria è tecnica singolare e dinamica che necessita di un operatore preparato e attento:

L ecografia mammaria è tecnica singolare e dinamica che necessita di un operatore preparato e attento: L ECOGRAFIA IN SENOLOGIA A cura del Dr. Antonio D Antonio Dirigente Ecografista Senologo Asl Na2 Nord Distr.41 L ecografia mammaria è tecnica singolare e dinamica che necessita di un operatore preparato

Dettagli

GRUPPO INTEGRATO OSPEDALE TERRITORIO (D.G.R. N. 3535/2004) Raggruppamenti di Attesa Omogenei RADIOLOGIA

GRUPPO INTEGRATO OSPEDALE TERRITORIO (D.G.R. N. 3535/2004) Raggruppamenti di Attesa Omogenei RADIOLOGIA GRPPO INTEGRATO OSPEDALE TERRITORIO (D.G.R. N. 3535/2004) Raggruppamenti di Attesa Omogenei RADIOLOGIA ECOGRAFIA ADDOME SPERIORE NELL ADLTO 3 gg Colica reno-ureterale. Macroematuria Colica biliare con

Dettagli

Scritto da Administrator Sabato 09 Gennaio :07 - Ultimo aggiornamento Sabato 03 Aprile :38

Scritto da Administrator Sabato 09 Gennaio :07 - Ultimo aggiornamento Sabato 03 Aprile :38 Le opportunità offerte dalla moderna diagnostica senologica In questa breve, sintetica esposizione prendiamo in esame le principali opportunità offerte dalla moderna diagnostica senologica per la diagnosi

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. La MAMMOGRAFIA

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. La MAMMOGRAFIA Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 La MAMMOGRAFIA INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV AL8-0 03/10/2011 INDICE Che cosa è la MAMMOGRAFIA? Perché sottoporsi alla MAMMOGRAFIA anche

Dettagli

Ca Duttale in Situ (DCIS)

Ca Duttale in Situ (DCIS) Ca Duttale in Situ (DCIS) unicentrico ampia exeresi margini negativi +/- radioterapia margini positivi nota 3 allargamento / mastectomia multicentrico mastectomia+ biopsia del linfonodo sentinella Nota

Dettagli

MAMMOGRAFIA ECOGRAFIA RISONANZA MAGNETICA

MAMMOGRAFIA ECOGRAFIA RISONANZA MAGNETICA Innovazione nella diagnostica senologica Dr.ssa Lina Mameli Diagnostica radiologica MAMMOGRAFIA ECOGRAFIA RISONANZA MAGNETICA Indicazioni Mammografia - 35-40 in presenza di fattori di rischio o di clinica

Dettagli

FOLLOW-UP. Dott. ssa Anna RUSSO Dott. Federico ZAMBONI

FOLLOW-UP. Dott. ssa Anna RUSSO Dott. Federico ZAMBONI Dipartimento di Radiologia Diagnostica Ospedale Sacro Cuore Don Calabria Negrar (VR) Direttore: Dott. Giovanni Carbognin FOLLOW-UP Dott. ssa Anna RUSSO Dott. Federico ZAMBONI BRCA 1, BRCA2 E NEOPLASIA

Dettagli

TERRITORIO E OSPEDALE ANNO 2009

TERRITORIO E OSPEDALE ANNO 2009 REGIONE VENETO LEGNAGO (VR) TERRITORIO E OSPEDALE ANNO 2009 Percorsi di cura aziendali: specialisti ospedalieri e ambulatoriali medici di medicina generale A CURA DEL NUCLEO DI CONTATTO OSPEDALE TERRITORIO:

Dettagli

La Stadiazione

La Stadiazione www.daiuto.it www.underforty.it Il tumore al seno La Stadiazione La stadiazione è un sistema attraverso il quale viene definita l'estensione del tumore al seno con la finalità di valutare la prognosi e

Dettagli

PERCORSO BREAST UNIT INTEGRATA

PERCORSO BREAST UNIT INTEGRATA PERCORSO BREAST UNIT INTEGRATA FASE DIAGNOSTICA A o B FASE COMUNICAZIONE DIAGNOSI FASE TERAPEUTICA Premessa Con l istituzione della Breast Unit è stato necessario definire un percorso terapeutico omogeneo

Dettagli

Profilo complesso di assistenza

Profilo complesso di assistenza Regioni a confronto Profilo complesso di assistenza Fasi principali del percorso di screening Test di screening (I livello): Mammografia Pap-test FOBT Approfondimento (II livello): Citologia/istologia

Dettagli

BREAST UNIT ASLTO4. Dott. Ovidio PAINO Responsabile Breast Unit ASLTO4

BREAST UNIT ASLTO4. Dott. Ovidio PAINO Responsabile Breast Unit ASLTO4 BREAST UNIT ASLTO4 Dott. Ovidio PAINO Responsabile Breast Unit ASLTO4 Istituzione Breast Unit ASLTO4 Presso il Dip. TO4 comprendente i territori di Ivrea, Cirie, Chivasso (popolazione target di screening:

Dettagli

Partial breast irradiation: la IORT il punto di vista del chirurgo

Partial breast irradiation: la IORT il punto di vista del chirurgo Facoltà di Medicina e Chirurgia Clinica Chirurgica Centro Trapianti Fegato-Rene-Pancreas Scuola di Specializzazione in Chirurgia Generale Scuola di Specializzazione in Chirurgia Vascolare Direttore: F.

Dettagli

EARLY RECALL ED EARLY RE-SCREEN: I DATI 2010 IN VENETO

EARLY RECALL ED EARLY RE-SCREEN: I DATI 2010 IN VENETO EARLY RECALL ED EARLY RE-SCREEN: I DATI 0 IN VENETO Perugia, 9 marzo 0 Chiara Fedato Registro Tumori del Veneto facoltativo programmi aderenti al GISMa 00 (,%) hanno risposto al questionario NON hanno

Dettagli

Chirurgia Senologica

Chirurgia Senologica Area Chirurgica Chirurgia Senologica GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI TREVISO Azienda ULSS 2 Marca trevigiana tutti i diritti riservati Guida ai Servizi Chirurgia Senologica Ospedale di Treviso Area Chirurgica

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Breast Care Unit. A.O.U. Policlinico di Bari

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Breast Care Unit. A.O.U. Policlinico di Bari REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Breast Care Unit A.O.U. Policlinico di Bari COS È LA BREAST CARE UNIT? La Breast Care Unit o Centro di Senologia è un nuovo

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Radiodiagnostica

Domande relative alla specializzazione in: Radiodiagnostica Domande relative alla specializzazione in: Radiodiagnostica Domanda #1 (codice domanda: n.1211) : Da quale delle seguenti patologie potrebbe essere determinato il quadro TC in figura? A: Polmonite interstiziale

Dettagli

PATOLOGIA MAMMARIA ANNO ACCADEMICO 2009 /2010

PATOLOGIA MAMMARIA ANNO ACCADEMICO 2009 /2010 PATOLOGIA MAMMARIA ANNO ACCADEMICO 2009 /2010 GINECOMASTIA Aumento del volume mammario nel maschio Monolaterale / bilaterale Primaria: puberale senile Secondaria: da farmaci -es. digossina, tiazidi, spironolattoni,

Dettagli

Breast Cancer Unit. ESPERIENZA della ASL5 Spezzino

Breast Cancer Unit. ESPERIENZA della ASL5 Spezzino Breast Cancer Unit ESPERIENZA della ASL5 Spezzino Breast Cancer Unit ASL5 MODELLO ORGANIZZATIVO: prevede che la paziente, fin dal primo contatto, venga accolta e guidata lungo un percorso appropriato,

Dettagli

Criteri di priorità di accesso per le prestazioni di mammografia ed ecografia

Criteri di priorità di accesso per le prestazioni di mammografia ed ecografia Allegato A Criteri per le prestazioni mammografia ed ecografia Premessa Le prestazioni considerate sono la mammografia e gli esami ecografici compresi nell elenco ministeriale (ve il Piano Nazionale governo

Dettagli

a cura della dott.ssa E. Orlando

a cura della dott.ssa E. Orlando a cura della dott.ssa E. Orlando CHE COS E? Il Mammotome è uno strumento diagnostico, alternativo alla biopsia chirurgica, utilizzato per effettuare biopsie di lesioni non palpabili della mammella in maniera

Dettagli

CENTRO DI SENOLOGIA NVC: MODELLO ORGANIZZATIVO DI ASSISTENZA MULTIDISCIPLINARE

CENTRO DI SENOLOGIA NVC: MODELLO ORGANIZZATIVO DI ASSISTENZA MULTIDISCIPLINARE CENTRO DI SENOLOGIA NVC: MODELLO ORGANIZZATIVO DI ASSISTENZA MULTIDISCIPLINARE Un percorso diagnostico-terapeutico assistenziale personalizzato al servizio della donna, a zero tempi di attesa Prevenzione

Dettagli

Semeiotica della mammella

Semeiotica della mammella Sapienza Università di Roma Dipartimento di Scienze Chirurgiche UOC Chirurgia Generale N Direttore: Prof. P. Chirletti Semeiotica della mammella Prof. Roberto Caronna roberto.caronna@uniroma1.it Richiami

Dettagli

Diagnostica e livelli essenziali di assistenza

Diagnostica e livelli essenziali di assistenza Diagnostica e livelli essenziali di assistenza Bologna 3 dicembre 2012 Antonio Brambilla Costi, volumi, variabilità Quasi 70 milioni di prestazioni di diagnostica, visite e laboratorio Fonte: Sistema Informativo

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE (PDTA) DELLE PAZIENTI CON CARCINOMA MAMMARIO INTRODUZIONE

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE (PDTA) DELLE PAZIENTI CON CARCINOMA MAMMARIO INTRODUZIONE PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE (PDTA) DELLE PAZIENTI CON CARCINOMA MAMMARIO INTRODUZIONE Il carcinoma mammario colpisce circa 1 donna su 8; in Italia vengono diagnosticati annualmente oltre

Dettagli

RUOLO DELLA CHIRURGIA

RUOLO DELLA CHIRURGIA Dr Graziano Meneghini Direttore Dipartimento Donna: Salute, Maternità ed Infanzia BREAST UNIT ULSS 5 Ovest Vicentino Montecchio Maggiore-Arzignano INTRODUZIONE Il trattamento delle recidive di carcinoma

Dettagli

INDICE. parte prima NEOPLASIE DEL RENE

INDICE. parte prima NEOPLASIE DEL RENE INDICE parte prima NEOPLASIE DEL RENE INQUADRAMENTO ANATOMOCLINICO Anatomia patologica dei tumori renali parenchimali e calicopielici dell'adulto Evoluzione delle classificazioni anatomopatologiche Classificazione

Dettagli

IMAGING ED APPROPRIATEZZA: PRESENTAZIONE DI ESPERIENZE E VALUTAZIONE DI RISULTATI

IMAGING ED APPROPRIATEZZA: PRESENTAZIONE DI ESPERIENZE E VALUTAZIONE DI RISULTATI IMAGING ED APPROPRIATEZZA: PRESENTAZIONE DI ESPERIENZE E VALUTAZIONE DI RISULTATI RAO - un percorso condiviso Ospedale-territorio RAO - qualcosa è cambiato? un percorso condiviso Ospedale-Territorio-Provincia?

Dettagli

Informazioni per il PAZIENTE Scintigrafia linfatica e linfoghiandolare segmentaria nelle lesioni mammarie (ricerca del linfonodo sentinella ) cod.

Informazioni per il PAZIENTE Scintigrafia linfatica e linfoghiandolare segmentaria nelle lesioni mammarie (ricerca del linfonodo sentinella ) cod. Informazioni per il PAZIENTE Scintigrafia linfatica e linfoghiandolare segmentaria nelle lesioni mammarie (ricerca del linfonodo sentinella ) cod. 92.16.1 Che cosa è la scintigrafia linfatica e linfoghiandolare

Dettagli

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA MAMMELLA

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA MAMMELLA Allegato A PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA MAMMELLA Background Epidemiologico Esclusi i carcinomi della cute, In Italia i cinque tumori più frequentemente diagnosticati tra

Dettagli

Esempi e discussione. I sarcomi dei tessuti molli. Simona Carone - Stefano Ferretti

Esempi e discussione. I sarcomi dei tessuti molli. Simona Carone - Stefano Ferretti Esempi e discussione I sarcomi dei tessuti molli Simona Carone - Stefano Ferretti 13 ottobre 2016 Esempio 1 - UOMO ANNI 67 SDO 03/07/2012-14/07/2012 Primo ricovero 171.8 TUMORI MALIGNI DEL CONNETTIVO E

Dettagli

S.I.R.M. - Società Italiana di Radiologia Medica e Interventistica

S.I.R.M. - Società Italiana di Radiologia Medica e Interventistica La SIRM si tinge di rosa e promuove in tutta Italia la Prima Giornata Nazionale della Radiologia Senologicamedianteuna campagna di comunicazione rivolta alla popolazione che prevedel'attivazione di un

Dettagli

CONSULTORIO FAMILIARE VENOSA PROGETTO VENERE

CONSULTORIO FAMILIARE VENOSA PROGETTO VENERE CONSULTORIO FAMILIARE VENOSA PROGETTO VENERE Screening senologico INTRODUZIONE Il Progetto Venere nasce quale attenzione alla salute della donna in tutte le sue fasi ed età ed è il prosieguo di una collaborazione

Dettagli

Il percorso di cura per la neoplasia della mammella: l esperienza dell Azienda Ospedaliero Universitaria di Udine

Il percorso di cura per la neoplasia della mammella: l esperienza dell Azienda Ospedaliero Universitaria di Udine Sesto al Reghena(PN) 3-4 Dicembre 2009 Il percorso di cura per la neoplasia della mammella: l esperienza dell Azienda Ospedaliero Universitaria di Udine Carla Cedolini Cattedra di Chirurgia Generale Scuola

Dettagli

TUMORE AL SENO. Prevenzione e chirurgia CLINICA CASTELLI EDUCATIONAL

TUMORE AL SENO. Prevenzione e chirurgia CLINICA CASTELLI EDUCATIONAL TUMORE AL SENO Prevenzione e chirurgia EDUCATIONAL INDICE Tumore al seno: conoscere, curare, guarire... 3 Tumore al seno: conoscere, curare, guarire PRIMA PARTE Epidemiologia e fattori di rischio...4 Prevenzione

Dettagli

PREVENZIONE SECONDARIA

PREVENZIONE SECONDARIA PREVENZIONE SECONDARIA SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Avvio del Programma nella Provincia di Foggia Conferenza stampa Direzione Strategica A cura dell Ufficio Stampa ASL Foggia Dott.ssa Anna Russo

Dettagli

IllIllii SEDE. Consiglio Regionale della Campania. Prot.n.72 dei 12/05/2017. Alla Segreteria Generale. Alla Segreteria Presidente del Consiglio

IllIllii SEDE. Consiglio Regionale della Campania. Prot.n.72 dei 12/05/2017. Alla Segreteria Generale. Alla Segreteria Presidente del Consiglio Ma Consiglio Regionale della Campania * Prot.n.72 dei 12/05/2017 A.O.D n.gi. d.ii Protocollo. 00083134 Data 1210512017 15:08 Uffko Classifica S.g nna Gn,&e IllIllii 11111 Alla Segreteria Generale Alla

Dettagli

L esperienza dell Emilia-Romagna

L esperienza dell Emilia-Romagna Workshop ONS - GISMa L esperienza dell Emilia-Romagna Reggio Emilia, 6 maggio 2015 Priscilla Sassoli de Bianchi, Lauro Bucchi, Carlo Naldoni Assessorato politiche per la Salute Regione Emilia-Romagna Il

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI CHIRURGIA GENERALE (CANALE A) Prof. Giuseppe Noya. Il trauma:

PROGRAMMA DEL CORSO DI CHIRURGIA GENERALE (CANALE A) Prof. Giuseppe Noya. Il trauma: PROGRAMMA DEL CORSO DI CHIRURGIA GENERALE (CANALE A) Prof. Giuseppe Noya Il trauma: - Valutazione iniziale e prime terapie chirurgiche del traumatizzato - Trauma del bambino, nell adulto e in gravidanza

Dettagli

Adeguatezza della richiesta radiologica a seconda del sospetto clinico Rimini, 10 novembre 2007 E. Cavagna, G. Madia, F. Muratore, R.

Adeguatezza della richiesta radiologica a seconda del sospetto clinico Rimini, 10 novembre 2007 E. Cavagna, G. Madia, F. Muratore, R. Corso di Formazione teorico-pratico su Osteoartrosi e Terapia Infiltrativa Adeguatezza della richiesta radiologica a seconda del sospetto clinico Rimini, 10 novembre 2007 E. Cavagna, G. Madia, F. Muratore,

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

INDAGINI DIAGNOSTICHE - INFORMAZIONI GENERALI

INDAGINI DIAGNOSTICHE - INFORMAZIONI GENERALI INDAGINI DIAGNOSTICHE - INFORMAZIONI GENERALI A cura del Dr.G.Antonini RIASSUNTO In questo capitolo sarà trattato in maniera sintetica lo stato dell arte delle indagini diagnostiche impiegate per lo studio

Dettagli

Requisiti delle Breast Unit: accreditamento nazionale

Requisiti delle Breast Unit: accreditamento nazionale Requisiti delle Breast Unit: accreditamento nazionale Dr. Corrado de Sanctis Breast Unit Città della salute e della scienza, Torino IL PERCORSO VERSO LE BREAST UNITS Ottobre 2006 RISOLUZIONE B6/0528/2006

Dettagli

PROGETTO APPROPRIATEZZA 2004 Percorsi Diagnostici in Senologia

PROGETTO APPROPRIATEZZA 2004 Percorsi Diagnostici in Senologia UO Diagnostica per Immagini e Radiologia Interventistica Ospedale Belcolle Viterbo PROGETTO APPROPRIATEZZA 2004 Percorsi Diagnostici in Senologia Dr. Enrico Pofi APPROPRIATEZZA Un intervento sanitario

Dettagli

BREAST UNIT: UN MODELLO DA PERSEGUIRE

BREAST UNIT: UN MODELLO DA PERSEGUIRE BREAST UNIT: UN MODELLO DA PERSEGUIRE Tsrm Valeria Vecchi AUSL Reggio Emilia Reggio Emilia 11 NOVEMBRE 2017 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI REGGIO EMILIA BREAST UNIT Modello interdisciplinare in cui interagiscono

Dettagli

Studio AMAROS SOMMARIO

Studio AMAROS SOMMARIO Studio AMAROS SOMMARIO Studio di fase III il cui principale obiettivo è dimostrare nelle pazienti con metastasi ai linfonodi ascellari, diagnosticate tramite biopsia con linfonodo sentinella, equivalente

Dettagli

Centro Senologico Trevigiano

Centro Senologico Trevigiano Area Radiologia Clinica Centro Senologico Trevigiano area diagnostica OSPEDALE DI TREVISO GUIDA AI SERVIZI Azienda ULSS 2 Marca trevigiana tutti i diritti riservati Guida ai Servizi Centro Senologico Trevigiano

Dettagli

ADENOCARCINOMA DEL RETTO

ADENOCARCINOMA DEL RETTO ADENOCARCINOMA DEL RETTO GASTOENTEROLOGO- PATOLOGO CHIRURGO-RADIOLOGO- PATOLOGO GIOG ONCOLOGO-PATOLOGO- RADIOLOGO RADIOTERAPISTA 1. esame endoscopico richiesto dal Curante e/o per screening programmato.

Dettagli

Il Percorso Diagnostico Terapeutico del paziente con tumore della mammella

Il Percorso Diagnostico Terapeutico del paziente con tumore della mammella Il Percorso Diagnostico Terapeutico del paziente con tumore della mammella Il PDTA del paziente del paziente con tumore della mammella Legenda Medico Chirurgo Medico Anestesista Personale Infermieristico

Dettagli

TUMORE RABDOIDE MULTIFOCALE: UNA SFIDA AL TRATTAMENTO MULTIDISCIPLINARE

TUMORE RABDOIDE MULTIFOCALE: UNA SFIDA AL TRATTAMENTO MULTIDISCIPLINARE TUMORE RABDOIDE MULTIFOCALE: UNA SFIDA AL TRATTAMENTO MULTIDISCIPLINARE Pio Luca Scuola di Specializzazione in Chirurgia Pediatrica UOC Chirurgia Pediatrica IGG Università di Genova S.C., maschio, nato

Dettagli

Tempi di attesa per il trattamento chirurgico dei tumori della mammella: sistemi di rilevazione regionali e nazionali e loro criticità

Tempi di attesa per il trattamento chirurgico dei tumori della mammella: sistemi di rilevazione regionali e nazionali e loro criticità Seminario di studio Tempi di attesa per il trattamento chirurgico dei tumori della mammella: sistemi di rilevazione regionali e nazionali e loro criticità Bologna, 23 marzo 2015 P Sassoli de Bianchi; M

Dettagli

Liste di attesa differenziate per priorità cliniche di accesso. Gruppo di Coordinamento interaziendale

Liste di attesa differenziate per priorità cliniche di accesso. Gruppo di Coordinamento interaziendale Liste di attesa differenziate per priorità cliniche di accesso Gruppo di Coordinamento interaziendale Trieste, 4 aprile 2003 Obiettivo del progetto Garantire tempi di attesa adeguati ai bisogni clinici

Dettagli

La mammella e gli ormoni durante la PMA. . quali rischi?????

La mammella e gli ormoni durante la PMA. . quali rischi????? La mammella e gli ormoni durante la PMA. quali rischi????? Dott. Corrado Tinterri Direttore Centro Senologia Chirurgia Senologica Humanitas Cancer Center CARCINOMA MAMMARIO Colpisce una donna su 8 Tumore

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale COPIA WEB Deliberazione N. 4 In data 15.01.2018 Prot. N. 1122 OGGETTO: COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione straordinaria

Dettagli

Programma di screening per la donna asintomatica Fascia di età anni

Programma di screening per la donna asintomatica Fascia di età anni Programma di screening per la donna asintomatica Fascia di età 50-69 anni La ASL Roma 1 offre gratuitamente, alle donne di 50-69 anni, l esecuzione della mammografia di screening (ogni 2 anni). L invito

Dettagli

APPROPRIATEZZA DELLE RICHIESTE DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA. Confronto con il lavoro del 2006 della provincia di REGGIO EMILIA

APPROPRIATEZZA DELLE RICHIESTE DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA. Confronto con il lavoro del 2006 della provincia di REGGIO EMILIA APPROPRIATEZZA DELLE RICHIESTE DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA Confronto con il lavoro del 2006 della provincia di REGGIO EMILIA GRUPPO DI LAVORO MMG Endoscopisti ASMN, ASL, Privato accreditato Gastroenterologi

Dettagli

APPROPRIATEZZA DELLE RICHIESTE DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA

APPROPRIATEZZA DELLE RICHIESTE DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA APPROPRIATEZZA DELLE RICHIESTE DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA Confronto con il lavoro del 2006 della provincia di REGGIO EMILIA GRUPPO DI LAVORO MMG Endoscopisti ASMN, ASL, Privato accreditato Gastroenterologi

Dettagli

Alberto Bortolami. Coordinamento Rete Oncologica del Veneto - ROV

Alberto Bortolami. Coordinamento Rete Oncologica del Veneto - ROV Alberto Bortolami Coordinamento Rete Oncologica del Veneto - ROV Obiettivi Rete Oncologica del Veneto (DGR n. 2067 del 19 novembre 2013) Definire e condividere i Percorsi Diagnostici Terapeutici (PDTA)

Dettagli

SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA

SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Questo testo intende fornire in maniera semplice utili informazioni su un tema di particolare importanza

Dettagli

Esenzione Ticket Sanitario, chi ne ha diritto?

Esenzione Ticket Sanitario, chi ne ha diritto? Esenzione Ticket Sanitario, chi ne ha diritto? Autore: Redazione In: Focus Esenzione ticket sanitario. Ecco un elenco completo delle categorie di pazienti che hanno diritto a non pagare la prestazione

Dettagli

PRIMA DELL INCIDENTE:

PRIMA DELL INCIDENTE: PRIMA DELL INCIDENTE: La prevenzione secondaria Dott.ssa Karen Borgonovo UO Oncologia Medica ASST BG Ovest Direttore: Dr S. Barni La prevenzione secondaria Mira ad effettuare una diagnosi precoce in modo

Dettagli

AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I

AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I CARTA DEI SERVIZI 2016 1 REFERENTE AZIENDALE Prof. Massimo Monti COORDINATORE PERCORSO DIAGNOSTICO Prof. Vincenzo Tombolini COORDINATORE PERCORSO TERAPEUTICO Prof. Massimo

Dettagli

Monitoraggio dell appropriatezza e sostenibilità dei percorsi di cura. Dott. Giovanni Messori Ioli Direttore Sanitario ASL CN2

Monitoraggio dell appropriatezza e sostenibilità dei percorsi di cura. Dott. Giovanni Messori Ioli Direttore Sanitario ASL CN2 Monitoraggio dell appropriatezza e sostenibilità dei percorsi di cura Dott. Giovanni Messori Ioli Direttore Sanitario ASL CN2 Torino, 21 febbraio 2017 Quali aree definiscono appropriatezza e sostenibilità

Dettagli

Storia naturale del tumore della mammella. diagnosi. +/-trattamento/i. preclinica. nascita del tumore. diagnosi. exitus. clinica

Storia naturale del tumore della mammella. diagnosi. +/-trattamento/i. preclinica. nascita del tumore. diagnosi. exitus. clinica Storia naturale del tumore della mammella diagnosi preclinica +/-trattamento/i? nascita del tumore diagnosi clinica exitus Trattamento carcinoma della mammella chirurgia radioterapia terapia medica MASSIMO

Dettagli

V anno, II semestre (dal 1 Marzo al 26Maggio 2016, Aula di Dermatologia) Orario Mercoledì 1 Marzo Giovedì 2 Marzo Venerdì 3 Marzo

V anno, II semestre (dal 1 Marzo al 26Maggio 2016, Aula di Dermatologia) Orario Mercoledì 1 Marzo Giovedì 2 Marzo Venerdì 3 Marzo V anno, II semestre (dal 1 Marzo al 26 2016, Aula di Dermatologia) Orario Mercoledì 1 Marzo Giovedì 2 Marzo Venerdì 3 Marzo 8.00-14.00 TIROCINIO CLINICO TIROCINIO CLINICO 14.00-15.00 INAUGURAZIONE DEL

Dettagli

Analisi e presentazione dei risultati

Analisi e presentazione dei risultati Revisione radiologica dei carcinomi di intervallo nei programmi di screening mammografico della Regione Emilia Romagna nel biennio 2004-2005 2005 Quarto approccio valutativo Analisi e presentazione dei

Dettagli

considerato che la proposta di linee guida regionali di screening oncologico dei tumori femminili per la diagnosi precoce del carcinoma della

considerato che la proposta di linee guida regionali di screening oncologico dei tumori femminili per la diagnosi precoce del carcinoma della LA GIUNTA REGIONALE visto il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell'articolo 1 della legge 23 ottobre 1992, n. 421 ; visto l articolo

Dettagli

QUESTIONARIO RILEVAZIONE PREVALENZA DOLORE. DATA RILEVAZIONE / / RILEVATORE (nome)

QUESTIONARIO RILEVAZIONE PREVALENZA DOLORE. DATA RILEVAZIONE / / RILEVATORE (nome) REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA LETTO N UNITA DI VALUTAZIONE TECHNOLOGY ASSESSMENT QUESTIONARIO RILEVAZIONE PREVALENZA DOLORE UNITÁ OPERATIVA DATA RILEVAZIONE / / RILEVATORE (nome) I sezione

Dettagli

AF-CPO-CRR, La senologia dell evidenza: analisi attraverso le problematiche

AF-CPO-CRR, La senologia dell evidenza: analisi attraverso le problematiche La senologia dell evidenza: analisi attraverso le problematiche Convegno Nazionale della Sezione di studio di Senologia della SIRM - Bologna, Palazzo di Re Enzo, 12-9-2003 Evoluzione dei protocolli - Lo

Dettagli

SIG DIRETTORE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA COSENZA

SIG DIRETTORE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA COSENZA REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Cosenza Dipartimento di Chirurgia Divisione di Chirurgia Generale F.Migliori (direttore f.f.:dott P.Verre) U.O. di Senologia Chirurgica Integrata (responsabile: dott.

Dettagli

AZIENDA ULSS 5 OVEST VICENTINO

AZIENDA ULSS 5 OVEST VICENTINO AZIENDA ULSS 5 1 Premessa La partecipazione dell azienda Ulss 5 Ovest Vicentino alla campagna per il BOLLINO ROSA si inserisce in una particolare attenzione alle Azioni positive a favore del perseguimento

Dettagli

E SE MI RICHIAMANO... DOPO LA MAMMOGRAFIA?

E SE MI RICHIAMANO... DOPO LA MAMMOGRAFIA? E SE MI RICHIAMANO... DOPO LA MAMMOGRAFIA? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Breast Unit Regionali

Breast Unit Regionali Motore Sanità Milano Breast Unit Regionali Prof. Gianni Amunni Direttore Istituto Toscano Tumori Percorso normativo 3-2-98 azione programmata per l oncologia (accoglienza, Dipartimenti, Gruppi Oncologici

Dettagli

Dott. Franco Bonanni Direttore dipartimento salute

Dott. Franco Bonanni Direttore dipartimento salute Dott. Franco Bonanni Direttore dipartimento salute Relazione sul cancro al seno nell Unione Europea 7 maggio 2003 gli Stati membri sono invitati a fare della lotta contro il cancro al seno una priorità

Dettagli

Il programma di screening mammografico nella città di Taranto. Risultati e prospettive. Taranto,11 aprile 2014

Il programma di screening mammografico nella città di Taranto. Risultati e prospettive. Taranto,11 aprile 2014 Il programma di screening mammografico nella città di Taranto. Taranto,11 aprile 2014 Giuseppe Melucci SS Radiologia Senologica Dip Diagnostica per Immagini e Radioterapia ASL TA EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE

Dettagli

CONVENZIONE L AZIENDA SANITARIA LOCALE DI CREMONA L AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE MAGGIORE DI CREMA

CONVENZIONE L AZIENDA SANITARIA LOCALE DI CREMONA L AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE MAGGIORE DI CREMA CONVENZIONE ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA AZIENDALE DI PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA TRA L AZIENDA SANITARIA LOCALE DI CREMONA E L AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE MAGGIORE DI CREMA Biennio 2015-2016 Tra

Dettagli