Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verbale di deliberazione della Giunta Comunale"

Transcript

1 Comune di Siena Verbale di deliberazione della Giunta Comunale del N 193 OGGETTO: Piano Esecutivo di Gestione Approvazione. Presenti: DANIELA BINDI FABIO MINUTI MARIA TERESA FABBRI PIER PAOLO FIORENZANI MASSIMO BIANCHI MARCELLO FLORES D ARCAIS DONATELLA CINELLI COLOMBINI SILVIA LAZZERONI Assenti: MAURIZIO CENNI LORENZO GARIBALDI Presidente della seduta: Partecipa Il Segretario Generale: MAURO MARZUCCHI - Giancarlo Gasparini

2 N Seduta del OGGETTO: Piano Esecutivo di Gestione 2010 Approvazione. LA GIUNTA COMUNALE Premesso che l art. 169 del Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali approvato con Decreto Legislativo 18/8/2000 n. 267 prevede la definizione del Piano Esecutivo di Gestione da parte dell organo esecutivo dell ente, sulla base del bilancio di previsione annuale deliberato dal Consiglio Comunale, determinando gli obiettivi di gestione ed affidando gli stessi, unitamente alle dotazioni necessarie, ai responsabili dei servizi; Dato atto che con deliberazioni n. 39 e n. 41 del 09/03/2010 il Consiglio Comunale ha, rispettivamente, adottato il Piano Triennale dei Lavori Pubblici ed approvato il Bilancio di previsione per l esercizio 2010, unitamente al Bilancio pluriennale per il triennio ed ai relativi allegati; Visti l articolo 108 del Decreto Legislativo 18/8/2000 n. 267 e gli articoli 30 e 31 del Regolamento per l ordinamento degli uffici e dei servizi, ai sensi dei quali la Direzione Generale, al termine della negoziazione degli obiettivi, dei programmi e delle dotazioni caratterizzanti gli incarichi dirigenziali di periodo, provvede a formulare la proposta di Piano esecutivo di gestione; Rilevato che, giusto l articolo 31 appena citato, alla definizione della complessiva pianificazione delle attività gestionali concorrono la determinazione delle strutture organizzative e delle rispettive linee funzionali ed obiettivi, l individuazione ed il conferimento degli incarichi dirigenziali, la definizione dei tempi di attuazione delle attività ed obiettivi previsti, l indicazione delle metodologie di verifica del grado di realizzazione degli stessi, l individuazione ed attribuzione delle risorse destinate al perseguimento degli obiettivi, nonché l individuazione delle modalità di valutazione delle prestazioni dirigenziali; Vista la nota a firma del Direttore Generale di questo Comune, prot. spec. n. 105 del 04/11/2009 con oggetto: PEG 2010 e Bilancio di Previsione 2010 e Pluriennale, nota inviata in quella data dal medesimo Direttore Generale a tutti i Dirigenti; Visto, altresì, che gli obiettivi di PEG anche di questo anno 2010 hanno in buona misura le caratteristiche richieste per essere effettivamente tali ovvero: essere in primo luogo obiettivi di miglioramento ; miglioramento inteso nel senso di migliori performances ottenibili con gli stessi obiettivi e riconducibili od a miglioramenti temporali, od a miglioramenti quantitativi od a miglioramenti qualitativi. A tutte le Direzioni è stato richiesto dalla Direzione Generale di costruire obiettivi (e così è avvenuto) chiari, definiti, misurabili, con effettivo valore aggiunto e con precisi indicatori sia di processo che di output e di outcome; Viste, quindi, le proposte di obiettivi di PEG presentate da tutte le Direzioni di questo Comune ed analizzate sia dalla Direzione Generale che dal Sindaco e dall Assessore alle Finanze; Vista la proposta complessiva di PEG 2010, allegata, che si compone delle seguenti parti che si uniscono al presente atto per formarne parte integrante e sostanziale:

3 a. Parte prima: Indirizzi generali di gestione (ALLEGATO A); b. Parte seconda, suddivisa per Strutture Organizzative: Obiettivi, Risultati attesi, indicatori delle fasi di attività programmate nell anno delle collegate risorse finanziarie, ove necessarie e dei Responsabili di riferimento (ALLEGATO B); c. Parte terza: complessiva dotazione di mezzi finanziari per il conseguimento degli obiettivi e delle attività dell esercizio finanziario 2010 (ALLEGATO C); Dato atto inoltre: che l attuale articolazione strutturale dell apparato direzionale dell Ente è stata rideterminata dalla Giunta Comunale con deliberazione n. 457 del 13 dicembre 2006 così come modificata e integrata da: - deliberazione della Giunta Comunale n. 23 del 24 gennaio 2007 Area Tecnica e Gestione del Territorio Indirizzi per l attuazione dei provvedimenti di riorganizzazione direzionale e per l assegnazione delle competenze delle Direzioni ricompresse nell Area ; - deliberazione della Giunta Comunale n. 420 del 27 dicembre 2007 e riorganizzazione del Complesso dell Ospedale di Santa Maria della Scala e di altri Istituti Museali: assunzione della gestione in forma diretta, in attuazione della deliberazione del consiglio Comunale n,. 384 del ; - deliberazione della Giunta Comunale n. 27 del 30 gennaio 2008 Articolazione dell Area Organizzazione e Affari Istituzionali ; - deliberazioni della Giunta Comunale n. 225 del 25 giugno 2008 Parziale modifica proprie precedenti deliberazioni n. 457 del 13/12/2006 e n. 27 del 30/01/2008 ; - deliberazione n. 306 del 8 ottobre 2008 Articolazione strutturale dell ente: parziale modifica proprie precedenti deliberazioni n. 457 del 13/12/2006 e n. 225 del 25/06/2008; - che il Sindaco con proprio decreto n. 390 del 28 dicembre 2006 ha provveduto all attribuzione degli incarichi dirigenziali con decorrenza dal 1 gennaio 2007 per la durata di due anni, nonché, con decreto n. 339 del 28 dicembre 2007, alla conferma ad interim di alcuni incarichi, per l anno 2008, nonché, con decreto n. 340 del 28 dicembre 2007, al conferimento di un nuovo incarico, così risultando coperte tutte le posizioni dirigenziali previste dal corrente assetto organizzativo dell Ente; - che, altresì, il Sindaco con propri decreti n. 205 e n. 206 del 16/07/2008 ha provveduto all attribuzione di due nuovi incarichi dirigenziali con decorrenza da tale data per una durata corrispondente al mandato amministrativo, nonché con decreto n. 326 del 31 dicembre 2008 alla conferma di tutti gli incarichi dirigenziali fino al termine del mandato amministrativo del sottoscritto Sindaco; - che la valutazione delle prestazioni dirigenziali terrà presente, nella misura di circa il 40 per cento del totale, la misurazione del grado e le modalità di realizzazione degli Obiettivi di PEG di cui al presente atto, anche in riferimento a quanto specificato nella Parte Prima Indirizzi Generali, con la precisazione che, per le necessarie ulteriori determinazioni di dettaglio, si rinvia alle determinazioni del Nucleo di Valutazione, che verranno assunte su proposta della Direzione Generale a seguito dell approvazione del presente atto; - che invece la valutazione dell attuazione degli stessi obiettivi sarà utilizzata per l attribuzione della parte predominante del premio di produttività del personale non dirigente di questo Comune;

4 Ritenuto, altresì, dover confermare, al momento, le dotazioni di risorse umane già attribuite alle varie articolazioni organizzative; Precisato: - che in sede di approvazione del Piano Esecutivo di Gestione, si procede all individuazione delle entrate e delle spese correnti per centro di responsabilità, in conformità a quanto stabilito in merito dall art. 4 del Regolamento di contabilità, nonché dei corrispondenti stanziamenti riferiti agli anni successivi del triennio ( ), questi ultimi limitatamente alle strette necessità di adozione nell anno 2010 di atti gestionali a rilevanza pluriennale, con riferimento all articolazione strutturale dell Amministrazione, tenuto conto dei riassetti intervenuti; - che il comma 2 dell articolo 11 del Regolamento di Contabilità approvato con la deliberazione del Consiglio Comunale n. 228 del 24/06/2008, recita: qualora il Piano Esecutivo di Gestione non contenga, per particolari dotazioni finanziarie, le direttive che consentano l esercizio dei poteri di gestione da parte del responsabile del Servizio, esso dovrà essere integrato con appositi atti della Giunta, fornendo così all Amministrazione la possibilità di evitare, in tale frangente, discontinuità nell attività gestionale dell Ente; Ritenuto, inoltre, di fare convenzionalmente corrispondere i centri di costo con le articolazioni dirigenziali dell Ente e le loro eventuali ripartizioni interne, sulla base dell articolazione strutturale dell Amministrazione di cui si è detto; Considerato che l articolo 108 del Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali attribuisce al Direttore Generale la competenza alla predisposizione del piano dettagliato degli obiettivi previsto dall art. 197, comma 2, lettera a) nonché la proposta di piano esecutivo di gestione previsto dall art. 169 del Testo Unico stesso, e che, in ragione delle modalità prescelte per la formulazione della proposta di Piano esecutivo di gestione, che reca il dettaglio operativo degli obiettivi di sviluppo e di miglioramento, questi ultimi costituiscono il Piano dettagliato degli obiettivi, previsto dal citato art. 197 e dall art. 34 del Regolamento per l ordinamento degli uffici e dei servizi, proposto anch esso dalla Direzione Generale; Precisato, altresì: - che gli obiettivi di gestione sono esplicitati in modo da consentire l'attivazione delle responsabilità di gestione e di risultato dei soggetti individuati nella struttura dell'ente; - che il contenuto del P.E.G. consente anche l'attivazione delle correlate responsabilità in capo ai dirigenti per l accertamento delle entrate e d'impegno delle spese da parte dei responsabili dei servizi; - che ai Dirigenti responsabili, sulla base del P.EG., spetta l adozione degli atti e dei provvedimenti amministrativi, compresi tutti gli atti che impegnano l amministrazione verso l esterno, nonché la gestione finanziaria, tecnica ed amministrativa, mediante autonomi poteri di spesa, di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo, così come stabilito dall art. 4 del Decreto Legislativo n. 165/2001, e successive modifiche ed integrazioni, e dall art. 107 del Testo unico degli enti locali;

5 - che gli obiettivi individuati e da raggiungere, e nello specifico quelli che prevedono impegni di spesa, sono in stretto collegamento con l effettiva realizzazione dell entrata complessivamente, ovvero specificatamente, prevista in bilancio e, di conseguenza, al mantenimento degli equilibri finanziari; - che nell espletamento dell attività gestionale sopra richiamata e relativa agli uffici e servizi di preposizione, i dirigenti e/o i funzionari da essi incaricati dovranno attenersi agli indirizzi generali di gestione definiti e delineati nella parte prima del Piano Esecutivo di Gestione; - che il Piano Esecutivo di Gestione rappresenta anche uno strumento indispensabile per l attuazione del controllo di gestione e che si ritiene quindi opportuno prevedere, alla fine dei mesi di maggio e agosto, due verifiche intermedie, in modo da coordinare dette verifiche con quelle relative al rispetto degli equilibri di bilancio di cui all articolo 16 del vigente Regolamento di Contabilità, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 228 del 24/6/2008; - che il Piano Esecutivo di Gestione rappresenta, inoltre, anche uno strumento indispensabile per l attuazione del sistema premiante per tutto il personale dipendente non dirigente del Comune di Siena per l anno 2010 e che a questo scopo, sarà effettuata una ulteriore verifica straordinaria sullo stato di attuazione degli obiettivi alla fine del primo semestre; - che, peraltro, reputandosi opportuno semplificare la gestione del PEG in corso d esercizio, si prevede la possibilità di una diversa allocazione di risorse fra i capitoli di spesa corrente attribuiti ad un medesimo centro di spesa/responsabilità e riferite al medesimo codice di bilancio, mediante determinazione del Dirigente competente; - che l attribuzione delle risorse alle varie strutture organizzative potrà subire in corso di esercizio scostamenti qualitativi e/o quantitativi, sia in incremento che in diminuzione, nel rispetto delle vigenti disposizioni di legge e dei regolamenti di contabilità e sull ordinamento degli uffici e dei servizi; Tenuto conto: - che, ai sensi dell articolo ultimo comma del Decreto Legislativo 18/8/2000 n. 267, il Piano Esecutivo può essere oggetto di variazioni, sia nella parte propriamente contabile che in quella relativa agli obiettivi, fino al 15 dicembre dell anno di riferimento; - che le eventuali variazioni, da operarsi con le modalità descritte nell ambito degli indirizzi generali di gestione dirigenziale contenuti nel P.E.G. stesso, sono di competenza della Giunta Comunale; Preso atto che il presente Piano Esecutivo di Gestione è stato oggetto di idonea informazione alle competenti istanze sindacali; Richiamate le disposizioni vigenti in materia e particolarmente: - Testo Unico delle leggi sull Ordinamento degli Enti Locali - Testo Unico Enti Locali; - il Decreto Legislativo 30/03/2001 n. 165; - il D. Lgs n. 150 del 27/10/2009; - lo Statuto dell Ente;

6 - il Regolamento sull Ordinamento degli Uffici e dei Servizi; - il Regolamento di Contabilità; Ritenuto dover dichiarare, con separata votazione, il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell art. 134, comma 4, del Decreto Legislativo 18/8/2000 n. 267; Si esprimono i pareri favorevoli di regolarità tecnica e contabile ai sensi dell art. 49, primo comma del D.Lgs. n. 267 del ; Su proposta della Direzione Generale; Con votazione unanime; DELIBERA 1. di approvare il Piano Esecutivo di Gestione per l anno 2010 contenente la definizione degli obiettivi per Direzione, precisando che esso si compone delle seguenti parti che costituiscono parte integrante e sostanziale della presente deliberazione: a. Parte prima: Indirizzi Generali di Gestione (ALLEGATO A); b. Parte seconda, suddivisa per Strutture Organizzative: Obiettivi, Risultati attesi, Indicatori delle fasi di attività programmate nell anno, delle collegate risorse finanziarie ove necessarie e dei Responsabili di riferimento (ALLEGATO B); c. Parte terza: complessiva dotazione di mezzi finanziari per il conseguimento degli Obiettivi e della attività dell esercizio finanziario 2010 (ALLEGATO C); 2. di affidare ai Dirigenti, ed a tutti i dipendenti, i quali si impegnano al loro perseguimento, il raggiungimento degli obiettivi individuati; 3. di dare atto che l assunzione degli impegni di spesa sarà di competenza di ciascun Dirigente, mediante l adozione di apposite determinazioni all interno degli stanziamenti previsti per ciascun capitolo e in attuazione degli obiettivi individuati, nel rispetto degli indirizzi generali di gestione dirigenziale più volte richiamati; 4. di precisare che le schede relative alle dotazioni contabili che corredano il P.E.G. riguardano esclusivamente le risorse finanziarie per la spesa corrente e che, pertanto, la possibilità di assumere impegni per il perseguimento degli obiettivi che concernono spese per investimenti, resta condizionata all effettiva disponibilità in bilancio delle risorse stesse; 5. di consentire che una diversa allocazione di risorse fra i capitoli di spesa corrente attribuiti ad un medesimo centro di spesa/responsabilità e riferite al medesimo codice di bilancio, possa avvenire mediante determinazione del Dirigente competente; 6. di dichiarare la presente deliberazione, con separata votazione, immediatamente eseguibile.

7 Fatto verbale e sottoscritto. IL SEGRETARIO GENERALE - Giancarlo Gasparini F.to IL VICE SINDACO MAURO MARZUCCHI F.to La presente deliberazione è posta in pubblicazione all Albo Pretorio per 15 giorni consecutivi, a decorrere dal Siena, lì IL SEGRETARIO GENERALE F.to - Giancarlo Gasparini La presente deliberazione è divenuta esecutiva il ai sensi dell art.134 del D.Lgs. n 267 del Siena,lì IL SEGRETARIO GENERALE - Giancarlo Gasparini Per copia conforme all originale per uso amministrativo Siena,lì IL SEGRETARIO GENERALE - Giancarlo Gasparini

8 COMUNE DI SIENA PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PER L ESERCIZIO 2010 PARTE PRIMA INDIRIZZI GENERALI ALLEGATO A) alla Deliberazione della Giunta Comunale n. 193 del 21/04/2010

9 INDIRIZZI GENERALI Dopo l entrata in vigore, con decorrenza dal 1 gennaio 2007, del nuovo assetto strutturale e direzionale dell Ente, ai sensi e per gli effetti della deliberazione della Giunta Comunale n. 457 del 13 dicembre 2006, modificata ed integrata dalle deliberazioni della Giunta Comunale n. 23 del 24 gennaio 2007, n. 420 del 27 dicembre 2007 e n. 27 del 30 gennaio 2008, si può ritenere ormai definita la struttura direzionale dell Ente come modificato con le deliberazioni della Giunta Comunale n. 225 del 25 giugno 2008 e n. 306 del 8 ottobre Si richiamano al riguardo le indicazioni contenute negli indirizzi generali allegati alle deliberazioni del PEG degli anni 2008 e 2007, nonché nella nota del Direttore Generale, prot. Spec. n. 105 del 4/11/2009, circa la necessità di garantire il compiuto perseguimento degli obiettivi di razionalizzazione funzionale ed operativa per assicurare la corretta ed ottimale composizione di tutti i fattori di produzione a propria disposizione, mediante l adozione delle necessarie direttive e degli opportuni atti di gestione e distribuzione delle risorse, nell ottica della massima responsabilizzazione dei ruoli e dei referenti d ufficio e di procedimento ed ai quali si rinvia per il dettaglio. Gli obiettivi di PEG anche di questo anno sono obiettivi di miglioramento ovvero miglioramento inteso nel senso di migliori performances ottenibili con gli stessi obiettivi e riconducibili od a miglioramenti temporali, od a miglioramenti quantitativi od a miglioramenti qualitativi. A tutte le Direzioni è stato richiesto dalla Direzione Generale di costruire obiettivi (e così è avvenuto) chiari, definiti, misurabili, con effettivo valore aggiunto e con precisi indicatori sia di processo che di output e di outcome. Per salvaguardare la coerenza tra la programmazione finanziaria e la pianificazione operativa e di progetto deve essere assicurato il costante e dinamico aggiornamento dei documenti di programmazione. Al riguardo verranno effettuate due verifiche intermedie in merito allo stato di attuazione del PEG (20 maggio e 20 agosto) che dovranno prevedere, oltre all accertamento dello stato di attuazione degli obiettivi, anche la richiesta di variazione degli stessi secondo le disposizioni di seguito specificate: - la richiesta di variazione dovrà essere inoltrata, dalla Direzione competente, alla Direzione Generale per il tramite dell ufficio Programmazione e Controllo di Gestione con l invio completo di tutti i dati ed elementi necessari per provvedere alla variazione delle risorse finanziarie e delle schede obiettivo; - l ufficio Programmazione e Controllo di Gestione procederà alla verifica di completezza ed adeguatezza delle informazioni e potrà richiedere se, necessario, eventuali integrazioni e specificazioni alla Direzione competente. Completata l istruttoria, la proposta sarà trasmessa dallo stesso ufficio alla Direzione Generale per le valutazioni di competenza e per la successiva sottoposizione al competente organo di governo. Nel sottolineare che la funzione delle verifiche intermedie è soprattutto quella di evidenziare tempestivamente situazioni di difficoltà operative al fine di riorientare l azione amministrativa al raggiungimento dei risultati, si raccomanda il rispetto delle suddette scadenze sia per quanto riguarda la consuntivazione che la richiesta di variazioni di PEG.

10 Gli obiettivi ed i programmi di lavoro sono curati impiegando le dotazioni di personale assegnate a ciascuna struttura, anche in relazione alla correlata pianificazione occupazionale e fermo restando l obiettivo di razionalizzazione e ottimizzazione di impiego delle risorse umane.

11 COMUNE DI SIENA PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PER L ESERCIZIO 2010 PARTE SECONDA OBIETTIVI RISULTATI ATTESI INDICATORI RISORSE FINANZIARIE ALLEGATO B) alla Deliberazione della Giunta Comunale n. 193 del 21/04/2010

12 N. Titolo Obiettivo Area/Direzione Dirigente Atti in deposito presso la Segreteria Generale - Raccolta, controllo e catalogazione delle osservazioni pervenute con particolare riferimento al R.U. di nuova adozione Consolidamento e sviluppo del sistema Controllo di Gestione Realizzazione di un info day sulle opportunità di finanziamento in ambito culturale. Direzione Generale Ufficio di Segreteria al Segretario Generale e Direttore Generale Programmazione e CdG Finanziamenti Europei Dott. Gasparini Dott. Gasparini Dott. Gasparini 4 Implementazione della Banca Dati Progetti Finanziamenti Europei Dott. Gasparini 5 Attività di supporto alla Direzione Polizia Municipale, - nuova e ulteriore rispetto alle ordinarie competenze - afferente la costituzione in giudizio da parte del Comune di Siena Legale Dott. Gasparini relativa ai ricorsi proposti avverso i verbali di accertamento alle infrazioni al C.d.S.ed alle cartelle di pagamento. 6 Iscrizione del Funzionario P.O. nell Albo Speciale Avvocati Approvazione del Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Comunale. Legale Dott. Gasparini 7 D. Lgs. 150/2009: attuazione Digitalizzazione fascicoli dei dipendenti comunali Il fascicolo c.d.virtuale (2 FASE) Rilevazione presenze e gestione economica del personale: completamento informatizzazione Piano della formazione: approvazione, attuazione e informatizzazione Sistemazione previdenziale di tutti i dipendenti che raggiungeranno il diritto a pensione di vecchiaia entro il 31/12/ Benessere Organizzativo (2 fase) 13 Protocollo interoperabile Progetto di allineamento totale della banca dati anagrafica con la banca dati tributaria, al fine di consentire la piena attivazione del Sistema integrato di circolarità anagrafica INA-SAIA per l interconnessione telematica delle anagrafi comunali e l aggiornamento in tempo reale delle Amministrazioni pubbliche che fondano il proprio sistema sull archivio anagrafico. Progetto per l individuazione degli immobili ad uso abitativo di proprietà comunale in fase di avvio dei procedimenti di iscrizione/variazione anagrafica Digitalizzazione degli atti di nascita ante 1960 e di matrimonio ante 1980, in funzione della certificazione on line di stato civile. Trasparenza sull attività tecnico-amministrativa e di indirizzo politico-amministrativo, attraverso la completa Direzione Risorse Umane Direzione Risorse Umane Direzione Risorse Umane Direzione Risorse Umane Direzione Risorse Umane Direzione Risorse Umane Direzione Risorse Umane Dott.ssa Giampietro Dott.ssa Giampietro Dott.ssa Giampietro Dott.ssa Giampietro Dott.ssa Giampietro Dott.ssa Giampietro Direzione Affari Istituzionali e Servizio Turismo Direzione Affari Istituzionali Direzione Affari Istituzionali Direzione Affari Istituzionali Direzione Affari Istituzionali Direzione Affari Istituzionali Dott.ssa Palmas Dott.ssa Palmas Dott.ssa Palmas Dott.ssa Palmas Dott.ssa Palmas

13 N. Titolo Obiettivo Area/Direzione Dirigente informatizzazione del processo di redazione di Atti e Provvedimenti e la loro pubblicazione sul sito istituzionale Progetto di valorizzazione delle professionalità, attraverso un interscambio di esperienze in house. Rilascio tesserini venatori presso le Circoscrizioni di decentramento politico amministrativo Il cerimoniale istituzionale presso la Segreteria del Sindaco e l Ufficio Amministrazione e supporto organizzativo (uffici di staff del Sindaco), quali luoghi naturali di allocazione Servizio di custodia di Palazzo Pubblico e di Palazzo Berlinghieri: prima accoglienza dell utenza straniera Servizio di custodia sedi distaccate: miglioramento della collaborazione con gli uffici di assegnazione Direzione Affari Istituzionali Direzione Affari Istituzionali Direzione Affari Istituzionali Direzione Affari Istituzionali Direzione Affari Istituzionali 23 Osservatorio turistico di destinazione Siena Servizio Turismo Piano turismo Multicentrico Anno 2010 Nuove strategie di sostenibilità turistica Verifiche ventennali ed ipotecarie sulla proprietà dei beni immobili oggetto di espropriazione Aggiornamento dell Albo dei professionisti tecnici istituito dalla Direzione Gestione del Territorio in esecuzione dell atto di indirizzo della Giunta Comunale n. 31 del 2007 Revisione e riorganizzazione della documentazione contabile ed amministrativa conservata presso la Direzione Gare ed Appalti Attività di supporto alle fasi preliminari e successive alle procedure concorsuali Servizio Turismo Dott.ssa Palmas Dott.ssa Palmas Dott.ssa Palmas Dott.ssa Palmas Dott.ssa Palmas Dott.ssa Palmas Dott.ssa Palmas Direzione Gare e Appalti Direzione Gare e Appalti Direzione Gare e Appalti Direzione Gare e Appalti Direzione Gare e Appalti Dott.ssa Cateni Dott.ssa Cateni Dott.ssa Cateni Dott.ssa Cateni Area Economico Finanziaria 29 Bilancio consolidato 2009 Ufficio Partecipazioni Dott. Benedetti 30 Affidamento dei servizi alle aziende verifica e supporto Ufficio Partecipazioni Dott. Benedetti Direzione Risorse Finanziarie 31 ICI - del gettito ordinario Direzione Risorse Finanziarie Dott. Benedetti 32 Gestione della TIA 2010 Direzione Risorse Finanziarie Dott. Benedetti 33 Gare nuove gestioni Direzione Risorse Finanziarie Dott. Benedetti Riassunzione in economia della gestione dell Illuminazione votiva Equilibri finanziari 2010 monitoraggio e proposta di soluzioni Direzione Risorse Finanziarie Direzione Risorse Finanziarie Direzione Patrimonio Dott. Benedetti Dott. Benedetti 36 Assegnazione alloggi ad ultrasessantacinquenni Direzione Patrimonio D.ssa Ongaro 37 L. 431/98 - revisione dei criteri di erogazione dei contributi ad integrazione dei canoni di locazione Direzione Patrimonio D.ssa Ongaro 38 Bando assegnazione contributi affitto miglioramento delle informazioni per una corretta compilazione delle istanze Direzione Patrimonio D.ssa Ongaro 39 L/431/98 - assegnazione contributi affitto controllo sulle Direzione Patrimonio D.ssa Ongaro

14 N. Titolo Obiettivo Area/Direzione Dirigente autocertificazioni collaborazione con la guardia di finanza 40 Condivisione con Siena casa di un programma di controllo relativo al recupero e alla ristrutturazione degli alloggi di Direzione Patrimonio D.ssa Ongaro proprietà comunale 41 Riorganizzazione degli spazi di proprietà da utilizzare per fini propri dell ente Direzione Patrimonio D.ssa Ongaro 42 Disciplina dei rapporti per la gestione dei locali adibiti a centri anziani Direzione Patrimonio D.ssa Ongaro 43 Velocizzazione delle procedure relative alle richieste di risarcimento danno Direzione Patrimonio D.ssa Ongaro Area Tecnica e Gestione del Territorio Direzione Territorio 44 Inserimento DOCFA (Documenti Catasto Fabbricati) nel sistema informatizzato per la gestione del Catasto on-line a Direzione Territorio Arch. Valacchi livello comunale 45 Aggiornamento degli elementi lineari della cartografia integrata in scala 1: e 1:2.000 Direzione Territorio Arch. Valacchi 46 Nuovo sistema password per accesso all area protetta webgis Direzione Territorio Arch. Valacchi 47 Catalogazione di tracce di elementi decorativi delle facciate di una porzione del Centro Storico (Terzo di Città) Direzione Territorio Arch. Valacchi 48 Registrazione informatizzata delle anagrafiche delle pratiche edilizie relative agli anni 1988, 1989 e Direzione Territorio Arch. Valacchi 49 Riorganizzazione della procedura delle pratiche edilizie con separazione degli aspetti urbanistici da quelli paesaggistici al fine di migliorare le risposte sia in termini temporali che Direzione Territorio Arch. Valacchi qualitativi. 50 Revisione del Regolamento Edilizio Direzione Territorio Arch. Valacchi 51 Realizzazione della nuova bretella stradale tra Isola d Arbia e la strada provinciale Direzione Territorio Arch. Valacchi Direzione Edilizia Scuole comunali. Programma di verifica della stabilità delle componenti edilizie non strutturali. Avvio del programma pluriennale di verifica sismica degli edifici strategici e rilevanti di proprietà comunale. Edifici vincolati. Attuazione di progetti e/o lavori di particolare urgenza in rapporto a scadenze normativo o di finanziamento. Attuazione di un metodo di valutazione dei costi (consumi e/o tariffe) per energia elettrica negli immobili comunali. Elaborazione e messa a regime di un piano di spazzamento e di taglio dell erba nei cimiteri comunali. 57 Miglioramento e riqualificazione strade 58 Manutenzione strade 59 Aree verdi e nuovi parchi Direzione Edilizia Direzione Edilizia Direzione Edilizia Direzione Edilizia Direzione Edilizia Ing. Montagnani Ing. Montagnani Ing. Montagnani Ing. Montagnani Ing. Montagnani Direzione LL.PP. e Ambiente Direzione LL.PP. e Ambiente Direzione LL.PP. e Ambiente Direzione LL.PP. e Ambiente Ing. Pignata Ing. Pignata Ing. Pignata

15 N. Titolo Obiettivo Area/Direzione Dirigente 60 Manutenzione aree verdi 61 Nuove infrastrutture 62 Protezione civile 63 Logistica 64 Sicurezza del lavoro 65 Ambiente 66 Amministrazione Direzione LL.PP. e Ambiente Direzione LL.PP. e Ambiente Direzione LL.PP. e Ambiente Direzione LL.PP. e Ambiente Direzione LL.PP. e Ambiente Direzione LL.PP. e Ambiente Direzione LL.PP. e Ambiente Direzione di Progetto Ing. Pignata Ing. Pignata Ing. Pignata Ing. Pignata Ing. Pignata Ing. Pignata Ing. Pignata 67 Ristrutturazione ed adeguamento del Teatro Comunale dei Rinnovati Direzione di Progetto Ing. Fontani 68 Ristrutturazione ex-orfanotrofio S. Marco Direzione di Progetto Ing. Fontani 69 Lavori di edilizia residenziale sperimentale, denominati "Contratti di Quartiere" in loc. San Miniato. Direzione di Progetto Ing. Fontani 70 Costruzione di palestra annessa alla Scuola Media P.A. Mattioli e relativa viabilità. Direzione di Progetto Ing. Fontani 71 Lavori di realizzazione di una risalita meccanizzata dalla stazione ferroviaria all'area dell'antiporto Direzione di Progetto Ing. Fontani 72 Archiviazione informatica delle comunicazioni della struttura ed atti correlati Direzione di Progetto Ing. Fontani 73 Dematerializzazione elaborati progettuali (completamento) Direzione di Progetto Ing. Fontani Localizzazione delle aree edificabili contenute nel regolamento urbanistico sulle mappe catastali. Individuazione delle proprietà interessate e attribuzione delle potenzialità edificatorie per la determinazione dei valori immobiliari ai fini ici Procedura informatizzata per la gestione informatizzata delle osservazioni al regolamento urbanistico Semplificazione ed agevolazioni per le famiglie nella richiesta di vari servizi educativi e sociali Direzione Urbanistica Direzione Urbanistica Direzione Urbanistica Arch. Valentini Arch. Valentini Direzione Servizi alla Persona Istruzione 77 Estategiocando Istruzione 78 Promozione dell immagine dei servizi educativi all infanzia del Comune di Siena, mediante l implementazione di iniziative mirate, centrate su corretta informazione, comunicazione efficace e attiva partecipazione degli utenti (adulti e bambini) Istruzione 79 Dal progetto educativo al progetto di ambiente. Istruzione 80 Regolamento unico per l accesso ai servizi e alle prestazioni erogate dalla Società della Salute Senese Sociale 81 Accreditamento delle strutture e dei servizi alla persona Sociale Dott.ssa Meioni Dott.ssa Meioni Dott.ssa Meioni Dott.ssa Meioni Dott.ssa Meioni Dott.ssa Meioni

16 N. Titolo Obiettivo Area/Direzione Dirigente 82 Il Centro per l adozione Sociale 83 Sportello/ Call Center per l applicazione delle nuove disposizioni legislative interessanti l ambito dell invalidità civile ai sensi della legge 102/2009 Sociale Dott.ssa Meioni Dott.ssa Meioni Direzione Cultura e Grandi Eventi 84 Settecentesimo anniversario del Costituto del comune di Siena -fase Sicurezza locali per spettacoli teatrali e sportivi Settecentesimo anniversario del costituto del comune di Siena fase 2010 Implementazione dotazioni tecnologiche. Centrale Operativa Polizia Municipale Riduzione dei tempi di iscrizione a ruolo delle sanzioni non conciliate 89 Aumento presenza sul territorio in orario serale / notturno 90 Educazione stradale ed alla legalità Direzione Cultura e Grandi Eventi Direzione Cultura e Grandi Eventi Dott.ssa Fratiglioni Dott.ssa Fratiglioni Direzione Attività Produttive e sviluppo economico Direzione Attività Produttive e sviluppo economico Dott.ssa Fratiglioni Direzione Polizia Municipale Direzione Polizia Municipale Direzione Polizia Municipale Direzione Polizia Municipale Direzione Polizia Municipale Dott. Bonucci Dott. Bonucci Dott. Bonucci Dott. Bonucci Direzione Comunicazione, Sistema Informativo e Reti Tecnologiche 91 Protocollo cavalli da palio 92 Organizzazione dell URP attraverso un sistema di trouble ticketing 93 Anziani e sicurezza 94 Agenda 21 Azioni, comunicazione e operatività partecipata 95 Sportello polifunzionale 96 Verifiche ventennali ed ipotecarie sulla proprietà dei beni immobili oggetto di espropriazione (interdirezionale con la Direzione Gare e Appalti) Direzione Comunicazione, Sistema Informativo e Reti Tecnologiche Direzione Comunicazione, Sistema Informativo e Reti Tecnologiche Direzione Comunicazione, Sistema Informativo e Reti Tecnologiche Direzione Comunicazione, Sistema Informativo e Reti Tecnologiche Direzione Comunicazione, Sistema Informativo e Reti Tecnologiche Direzione Comunicazione, Sistema Informativo e Reti Tecnologiche Dott. Pocci Dott. Pocci Dott. Pocci Dott. Pocci Dott. Pocci Dott. Pocci

17 N. Titolo Obiettivo Area/Direzione Dirigente 97 Stradario on line ad uso degli uffici comunali, cittadini e turisti 98 L informazione nei nidi e nelle scuole dell infanzia 99 Informatizzazione del processo di redazione di atti e provvedimenti e la loro pubblicazione sul sito istituzionale 100 CNS ed accesso multicanale ai servizi 101 Nuovo portale comune di Siena 102 Monitoraggio sull attività edilizia nel territorio comunale su cartografia sit, con produzione di tavole statistiche per la diffusione del dato in forma aggregata (a livello comunale) partendo dai dati ISTAT sulla rilevazione dell attività edilizia 103 Osservatorio turistico Direzione Comunicazione, Sistema Informativo e Reti Tecnologiche Direzione Comunicazione, Sistema Informativo e Reti Tecnologiche Direzione Comunicazione, Sistema Informativo e Reti Tecnologiche Direzione Comunicazione, Sistema Informativo e Reti Tecnologiche Direzione Comunicazione, Sistema Informativo e Reti Tecnologiche Direzione Comunicazione, Sistema Informativo e Reti Tecnologiche Direzione Comunicazione, Sistema Informativo e Reti Tecnologiche Dott. Pocci Dott. Pocci Dott. Pocci Dott. Pocci Dott. Pocci Dott. Pocci Dott. Pocci Progettazione degli strumenti più idonei per l accessibilità ai contenuti culturali del Complesso Museale da parte di persone diversamente abili Realizzazione di un laboratorio di restauro attrezzato e progettazione di un cantiere didattico Interventi di adeguamento temporaneo e/o stabile revisione dell organizzazione e della gestione di alcune attività del Santa Maria della Scala in concomitanza con la mostra Da Jacopo della Quercia a Donatello. Le arti a Siena nel primo Rinascimento Elaborazione di un Sistema di Gestione della Sicurezza Antincendio (SGSA) presso il Complesso Museale di Santa Maria della Scala 108 Apprendisti Ciceroni al Museo Popolamento del sito (banche dati, immagini, cataloghi, etc.), biblioteca digitale e comunicazione Ampliamento e miglioramento dei servizi di biblioteca pubblica e di rete Direzione Santa Maria della Scala Direzione Santa Maria della Scala Direzione Santa Maria della Scala Direzione Santa Maria della Scala Direzione Santa Maria della Scala Direzione Santa Maria della Scala Dott.ssa Campioni Dott.ssa Campioni Dott.sa Campioni Dott.ssa Campioni Dott.ssa Dott.ssa Campioni Istituzione Biblioteca Comunale degli Intronati Biblioteca Comunale Dott. Danesi degli Intronati Biblioteca Comunale Dott. Danesi degli Intronati 111 Mostre e utilizzo della Sala storica della Biblioteca comunale Biblioteca Comunale Dott. Danesi

18 N. Titolo Obiettivo Area/Direzione Dirigente 112 Indagine sulla soddisfazione degli utenti e sull impatto della Biblioteca sulla comunità (indagine sui non utenti) degli Intronati Biblioteca Comunale degli Intronati Dott. Danesi

19 DIREZIONE GENERALE

20 DIREZIONE GENERALE UFFICIO DI SEGRETERIA AL SEGRETARIO GENERALE E DIRETTORE GENERALE CENTRO DI RESPONSABILITA SX0 A) ATTIVITÀ DELL ESERCIZIO FINANZIARIO Segreteria e supporto all attività del Segretario Generale e Direttore Generale Assistenza e supporto all attività pre e post Giunta Comunale Segreteria e supporto all attività operativa del Nucleo di Valutazione Assistenza e supporto per le riunioni della Conferenza dei Dirigenti e per gli incontri della Delegazione Trattante N DESCRIZIONE ATTIVITA Assistenza e supporto all attività pre e post Giunta Comunale Segreteria e supporto all attività operativa del Nucleo di Valutazione Assistenza e supporto per le riunioni della Conferenza dei Dirigenti e per gli incontri della Delegazione Trattante Destinazione elemento di riferimento Segreteria Generale Ufficio di Segreteria Direzione Generale Ufficio di Segreteria Direzione Generale Ufficio di Segreteria INDICATORE Numero sedute Numero incontri Numero incontri: - Conferenza Dir. - Delegazione Tr. VALORE B) OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO N. 1 TITOLO OBIETTIVO Atti in deposito presso la Segreteria Generale - Raccolta, controllo e catalogazione delle osservazioni pervenute con particolare riferimento al R.U. di nuova adozione DESCRIZIONE PROGETTO Il progetto consiste nella ricezione delle osservazioni e nella successiva e sollecita catalogazione nell apposita procedura informatizzata creata nell occasione dalla Direzione Urbanistica. A tal proposito verrà effettuato un controllo sulle osservazioni pervenute entro i termini previsti. Successivamente verranno distinte le osservazioni pervenute nei termini di deposito e quelle pervenute fuori dagli stessi. La Segreteria Generale si coordinerà con la Direzione Urbanistica e la Direzione Affari Istituzionali (Ufficio Archivio e Protocollo) per una compiuta ed efficiente gestione di quanto sopra. RISULTATO ATTESO Il risultato dell obiettivo porterà ad una sostanziale ottimizzazione dei tempi di gestione delle osservazioni che perverranno successivamente all adozione e al relativo deposito presso questa Segreteria del Regolamento Urbanistico. DESCRIZIONE FASI RESPONSABILE INDICATORE Ricezione, raccolta e catalogazione delle osservazioni Segretario Generale Entro il 15/08/2010 DESTINAZIONE ELEMENTARE DI RIFERIMENTO Ufficio di Segreteria

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Sergio dal Maso Viale C.Colombo, 165 Foggia Telefono 328/2775122 Fax 0881/720007 E-mail Nazionalità

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori...

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori... INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7 CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto.... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori.... 7 TITOLO II - STRUTTURA ORGANIZZATIVA E FUNZIONI DI

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI. Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli

COMUNE DI NAPOLI. Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli COMUNE DI NAPOLI Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli (approvato con delibera di Consiglio comunale n. 238 del 10.7.02) TITOLO I Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 Comune di Vicenza - a cura del Settore Risorse Umane, Segreteria 1 Generale e Organizzazione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPPELLI CRISTINA Telefono Uff. 050 509750 Fax 050 509471 E-mail c.cappelli@sns.it Nazionalità ITALIANA ESPERIENZA LAVORATIVA Nome e

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 A cura del Direttore Responsabile della Trasparenza Erminia Zoppè PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2017 Indice

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli