Indefiniti orizzonti. distanze infinite

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indefiniti orizzonti. distanze infinite"

Transcript

1 CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLE PROCEDURE PREVISTE DALLA l.p. 4 marzo 2008, n. 1 Deliberazione G.P. n. 2023, del 3 settembre 2010, come modificata dalla deliberazione G.P. n. 1427, del 1 luglio 2011 A cura di arch. Giorgio Melchiori 22 maggio 2012 Indefiniti orizzonti. distanze infinite 1

2 Deliberazione GP n del 3 settembre 2010 Come integrata con Deliberazione GP n del 1 luglio 2011 Schemi tecnici esplicativi in materia di elementi geometrici, distanze e parcheggi ALLEGATO 1 Definizione dei metodi di misurazione ALLEGATO 2 Disposizioni in materia di distanze ALLEGATO 3 Spazi di parcheggio ALLEGATO 4 Procedure per la riduzione delle fasce di rispetto cimiteriale ALLEGATO 5 Criteri e limiti per variazioni di lieve entità in corso d opera ALLEGATO 6 Disposizioni attuative in materia di aree produttive ALLEGATO 7 Disposizioni attuative in materia di attrezzature per sport invernali 2

3 ALLEGATO 1 Definizione dei metodi di misurazione degli elementi geometrici delle costruzioni. - art. 36, comma 2, l.p. 4 marzo 2008 n. 1 DEFINIZIONI GENERALI a) Costruzione b) Destinazione d uso c) Edificio o fabbricato d) Fronte e) Lotto f) Piano di spiccato g) Sedime h) Volumi tecnici GRANDEZZE, SIMBOLI E MISURE a) Altezza b) Altezza di interpiano c) Altezza utile d) Distanza dalle strade e) Distanze tra edifici o dai confini f) Superficie coperta g) Superficie fondiaria h) Superficie permeabile i) Superficie territoriale j) Superficie utile lorda k) Superficie utile netta l) Volume edificio m) Volume entro terra o interrato n) Volume fuori terra 3

4 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio 2011 Allegato 1 Definizione dei metodi di misurazione degli elementi geometrici delle costruzioni. Art. 2, comma 1, lettera f) - Piano di spiccato; Art. 2, comma 2, lettera a) - Altezza dell edificio. H max H max Quota prestabilita v MODIFICA PROFILO NATURALE DEL TERRENO VEDI: art. 10, comma 1, lett. c) del Decreto del Presidente della Provincia 13 luglio 2010, n /Leg, come modificato dal D.P. 5 marzo 2012, n. 4-79/Leg Piano virtuale H Piano di spiccato 4

5 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio 2011 Allegato 1 Definizione dei metodi di misurazione degli elementi geometrici delle costruzioni. Art. 2, comma 1, lettera g) - Sedime; comma 2, lettera f) - Superficie coperta Art. 2, comma 4 - Sedime ALZATO <1,50 1,50 x interrato SEDIME sedime Non costituisce sedime interrato SUPERFICIE COPERTA > 1,50 Superficie coperta Non costituisce superficie coperta 5

6 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio 2011 Art. 2, comma 1 e Art. 8, comma 1 - Sopraelevazione in aderenza; Sopraelevazione in aderenza 6

7 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 5, comma 1, lett. a) e comma 2 - Distanze tra edifici PIANTA D min ml 10,00 FASCIA DI RISPETTO D min ml 10,00 D min. ml 10,00 se H > ml 10,00 D = 10,00 + Hmax 10,00 2 7

8 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 8, comma 1) Lotto A Lotto B Hmax = m 8,00 Hmax = m 14,00 m 6,00 m 6,00 D = m 12,00 Posizione non corretta m 5,00 m 6,00 se H > ml 10,00 D = 10, ,00 10,00 2 = 12,00 8

9 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010 integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 2, comma 1 Pareti non antistanti di edifici (Qa Qb) > H parete non frontistante Qa Qa -Qb H Qb Qa; Qb = quote del piano di spiccato H = altezza massima 9

10 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010 integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 4 - Distanze tra edifici nelle aree produttive Edifici produttivi Corpo di fabbrica Corpo di fabbrica Abitazione eventuale alloggio Min m 6,00 eventuale alloggio Min m 6,00 Min m 10,00 Art. 5, comma 1, lett. a) 10

11 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010 integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 6 - Distanze all interno di piani attuativi e nelle aree per servizi pubblici PIANI SUBORDINATI D/2 d d D D/2 D/2 D = Distanza prescritta d = distanza ridotta 11

12 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 2, comma 2 - Aggetti ALZATO <1,50 <1,50 <1,50 <1,50 <1,50 x interrato PIANTA 10,00 o PRG 10,00 + x o PRG + x interrato 12

13 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 2, comma 2 interrati ALZATO Confine proprietà tubo Confine proprietà fosse > m 1,00 interrato > m 2,00 > m 2,00 PIANTA pozzi cisterne fosse > m 2,00 interrato 13

14 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 2, comma 3 - Miglioramento prestazioni energetiche - Deliberazione n. 1531, del 25 giugno Allegati 1, ultimo paragrafo H 1 EDIFICI ESISTENTI 2 EDIFICI NUOVI Distanza H Distanza 1 EDIFICI ESISTENTI Eventuali opere volte a favorire il risparmio energetico NON sono computate né ai fini delle distanze né delle altezze. 2 EDIFICI NUOVI Eventuali opere volte a favorire il risparmio energetico sono computate solo ai fini delle distanze e non delle altezze. Distanza Distanza Isolazione computata Isolazione non computata 14

15 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 2, comma 3 - Miglioramento prestazioni energetiche - Deliberazione n. 1531, del 25 giugno Allegati 1, ultimo paragrafo REALIZZAZIONE ISOLAZIONE (cappotto) SU EDIFICIO ESISTENTE Distanza convenzionalmente invariata EDIFICIO ESISTENTE DEROGA max 20 cm* confine Isolazione non computata * elevabili a cm 25 in caso di materiali naturali o riciclabili 15

16 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 2, comma 3 - Miglioramento prestazioni energetiche - Deliberazione n. 1531, del 25 giugno Allegati 1, ultimo paragrafo REALIZZAZIONE ISOLAZIONE (cappotto) SU EDIFICI ANTISTANTI ESISTENTI Distanza convenzionalmente invariata Distanza convenzionalmente invariata RISPETTO DEL COD. CIVILE min. m 3,00 EDIFICIO ESISTENTE EDIFICIO ESISTENTE DEROGA max 20 cm* confine DEROGA max 20 cm* Isolazione non computata * elevabili a cm 25 in caso di materiali naturali o riciclabili 16

17 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 2, comma 3 - Miglioramento prestazioni energetiche - Deliberazione n. 1531, del 25 giugno Allegati 1, ultimo paragrafo REALIZZAZIONE NUOVO EDIFICIO FRONTISTANTE UN EDIFICIO ESISTENTE PRIVO DI ISOLAZIONE (cappotto) Distanza PRESCRITTA x Distanza PRESCRITTA x EDIFICIO ESISTENTE NUOVO EDIFICIO confine DEROGA max 20 cm*, con esclusione per la distanza Isolazione computata ai fini della distanza * elevabili a cm 25 in caso di materiali naturali o riciclabili 17

18 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 2, comma 3 - Miglioramento prestazioni energetiche - Deliberazione n. 1531, del 25 giugno Allegati 1, ultimo paragrafo REALIZZAZIONE NUOVO EDIFICIO FRONTISTANTE UN EDIFICIO ESISTENTE CON ISOLAZIONE (cappotto) Distanza PRESCRITTA Distanza convenzionalmente Invariata x Distanza PRESCRITTA x EDIFICIO ESISTENTE NUOVO EDIFICIO NON PENALIZZANTE DEROGA max 20 cm* confine DEROGA max 20 cm*, con esclusione per la distanza Isolazione computata ai fini della distanza Isolazione non computata * elevabili a cm 25 in caso di materiali naturali o riciclabili 18

19 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 7bis, comma 1, lett. a) - Ricostruzione fuori sedime nelle Zone A (centro storico) e in tutte le altre zone Zone A - Ricostruzione fuori dal sedime originario. Art.7bis, comma 1, lett. a) min. 6,00 Tutte le zone eccetto zone A - Ricostruzione fuori sedime originario Art. 7bis, comma 1, lett. a). D min. 10,00 se H > ml 10,00 Hmax 10,00 D = 10, min. 6,00 D min. 10,00 19

20 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 7bis, comma 1, lett. c) - Sopraelevazione sul sedime in tutte le zone In tutte le zone- ricostruzione e sopraelevazione sul sedime. Art. 7bis, comma 1, lett.c) 3,00 < 3,00 < 3,00 20

21 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 5, comma 1, lett. b) e Art. 8, comma 2, lett. a) e lett. b) - Sopraelevazione sul sedime di edifici antistanti Caso di edifici esistenti frontistanti a distanza < ml. 3,00 3,00 3,00 3,00 esistente < 3,00 esistente X > 3,00 Caso di edifici esistenti frontistanti a distanza > ml. 3,00 > 3,00 NB: NO avvicinamento fino a ml. 3,00 sopraelevazione solo sul sedime. esistente esistente 21

22 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 8, comma 2, lett. c) - Sopraelevazione sul sedime di edifici non antistanti (ad altri) senza penalizzazione PER LA SOPRAELEVAZIONE NON E RICHIESTO IL CONSENSO DEL PROPRIETARIO FINITIMO Caso in cui la sopraelevazione determina un altezza inferiore a ml. 10,00 o inferiore a quella prescritta dal PRG. L eventuale edificazione sul fondo finitimo non viene penalizzata. <10,00 o <PRG 2,00 8,00 esistente 3,00 10,00 o PRG 7,00 NON esistente CONFINE 22

23 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010 integrata con deliberazione n del 1 luglio Inapplicabilità dell art. 8, comma 2, lett. c) - Sopraelevazione sul sedime di edifici non antistanti (ad altri) con penalizzazione PER LA SOPRAELEVAZIONE E RICHIESTO IL CONSENSO DEL PROPRIETARIO FINITIMO ESEMPIO: caso in cui la sopraelevazione determina un altezza maggiore di ml. 10,00 o maggiore di quella prevista dal PRG. La maggiore altezza determina una penalizzazione sul fondo finitimo. >10,00 o >PRG 12,00 2,00 11,00 12,00 1,00 < 6,00 confine arretramento ALZATO PIANTA arretramento 23

24 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 7, comma 2 Distanze nei confronti dei manufatti accessori MANUFATTI ACCESSORI - DISTANZE m 1,50 Distanza min. m 5,00 Distanza inferiore solo con il consenso del proprietario finitino MANUFATTO ACCESSORIO Min m 3,00 NUOVO EDIFICIO confine Distanza min. dal manufatto accessorio m 3,00 Distanza min dal confine m 5,00 salvo consenso proprietario finitimo 24

25 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 7, comma 2 Distanze nei confronti dei manufatti accessori MANUFATTI ACCESSORI - DISTANZE < m 1,50 Distanza min. m 5,00 Distanza inferiore solo con il consenso del proprietario finitino MANUFATTO ACCESSORIO ESISTENTE Min m 3,00 NUOVO EDIFICIO confine Distanza min. dal manufatto accessorio m 3,00 Distanza min dal confine m 5,00 salvo consenso proprietario finitimo 25

26 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 7, comma 2 Distanze nei confronti dei manufatti accessori Caso 1 < m 1,50 > m 1,50 MANUFATTO ACCESSORIO ESISTENTE Min m 3,00 MANUFATTO ACCESSORIO NUOVO confine Caso 2 Min m 3,00 MANUFATTO ACCESSORIO ESISTENTE MANUFATTO ACCESSORIO NUOVO confine Distanza min. dal manufatto accessorio m 3,00 - oppure Costruzione in aderenza 26

27 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 7, comma 2 Distanze nei confronti dei manufatti accessori Caso 3 Distanza inferiore solo con il consenso del proprietario finitino m 2,00 m 1,50 MANUFATTO ACCESSORIO ESISTENTE Min m 3,00 MANUFATTO ACCESSORIO NUOVO confine Distanza min. dal manufatto accessorio m 3,00 - Distanza min. dal confine m 1,50 salvo consenso proprietario finitimo 27

28 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 10, comma 1, Distanze dei terrapieni artificiali e dei muri dai confini 28

29 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 10, comma 1, lettera c) Distanze dei terrapieni artificiali e dei muri dai confini confine < 1,50 scavo Non rilevante 29

30 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 11, Distanze delle abitazioni dai terrapieni artificiali, dai muri liberi e dai muri di sostegno. 30

31 Deliberazione G.P del 3 settembre 2010, integrata con deliberazione n del 1 luglio Art. 12, Distanze degli edifici non adibiti ad abitazioni dai terrapieni artificiali, dai muri liberi e dai muri di sostegno. 31

32 FASCE DI RISPETTO STRADALE Deliberazione della G.P. n. 909 del 3 febbraio 1995, come modificata da ultimo con deliberazione n. 890 del 5 maggio Art. 1 Dimensioni delle strade - TABELLA A Art. 2 Definizioni e metodo di misurazione Art. 3 Fasce di rispetto dei tracciati stradali esterni alle zone insediative - TABELLA B Art. 4 Fasce di rispetto dei tracciati stradali interni alle zone insediative - TABELLE C Art. 5 Fasce di rispetto nei piani subordinati al PUP Art. 6 Limiti di utilizzo 32

33 Deliberazione G.P. n. 909 del 3 febbraio 1995, come modificata con deliberazione n. 890 del 5 maggio Art. 6, comma 1 limiti di utilizzo delle fasce di rispetto stradale. Riferimento art. 36 del DP 13 luglio 2010, n /Leg SEZIONE Solo opere di infrastrutturazione del territorio, impianti tecnologici a rete, impianti di manutenzione stradale Distributori ove previsti dai PRG STRADA Confine proprietà interrato PIANTA STRADA Fascia di rispetto stradale interrato 33

34 Deliberazione G.P. n. 909 del 3 febbraio 1995, come modificata con deliberazione n. 890 del 5 maggio Art. 6, comma 2 limiti di utilizzo delle fasce di rispetto stradale. Nelle fasce di rispetto delle STRADE ESISTENTI possono essere realizzati: 1. ampliamento di edifici esistenti sia dentro che fuori terra; 2. nuovi edifici Condizioni: Per tutti gli interventi: - siano ricadenti in zone specificatamente destinate all insediamento individuate dai PRG; Per i nuovi edifici: - parere positivo della Commissione edilizia; - rispetto degli indici edilizi; - solo se preesistano fabbricati rispetto ai quali sia opportuno l allineamento; - non si crei pregiudizio alla sicurezza della circolazione. 34

35 Deliberazione G.P. n. 909 del 3 febbraio 1995, come modificata con deliberazione n. 890 del 5 maggio Art. 6, commi 3, 4 e 5 limiti di utilizzo delle fasce di rispetto stradale. Nelle fasce di rispetto stradali diverse da quelle precedenti (cioè STRADE DI PROGETTO O DA POTENZIARE) possono essere realizzati interventi solo su edifici già esistenti: a) ampliamento di edifici esistenti sia dentro che fuori terra, a condizione che l ampliamento non si avvicini al ciglio stradale più della parte emergente dell edificio preesistente; b) demolizione e ricostruzione, purché, di norma, sia previsto l aumento della distanza dal ciglio stradale della nuova costruzione rispetto alla parte emergente dell edificio preesistente. - E ammesso ampliamento : come da PRG. - In carenza della disciplina del PRG, ampliamento max 20% del volume preesistente alla data di entra in vigore del PUP 1987 (9 dicembre 1987). - In caso di edifici pubblici la misura del 20% può essere oggetto di deroga. 35

36 Deliberazione G.P. n. 909 del 3 febbraio 1995, come modificata con deliberazione n. 890 del 5 maggio Art. 6, commi 6 e 7 limiti di utilizzo delle fasce di rispetto stradale. Sono comunque consentite nelle fasce di rispetto di TUTTE LE STRADE : a) la realizzazione di volumi interrati da destinare a garage o di garage al piano terreno, a condizione che siano pertinenza di edifici residenziali, ai sensi dell art. 9, comma 1 della l. 24 marzo 1989, n. 122 b) la realizzazione di volumi interrati da destinare a garage a condizione che siano pertinenza di opere pubbliche. Tutti gli interventi ammessi, ivi compresi i nuovi accessi, sono subordinati al parere favorevole dell Ente competente alla gestione della strada. 36

37 Casi di errata individuazione sul PRG di strade esistenti Art. 34 della l.p. 4 marzo 2008, n. 1. Rettifica delle previsioni del PRG D D D- x D D D+y 37

38 Deliberazione G.P del 3 settembre Allegato 3 - Spazi di parcheggio. Art. 1 Campo di applicazione? Nuove costruzioni Ampliamenti Cambio d uso 38

39 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 17 GENERALITA - I parametri (standards) sono quantità minime; - il comune può incrementare i parametri stabiliti dalla G.P.; - previsione minima: prestabilita (tab. B) in base a zona e funzione con almeno un posto macchina (mq 12,00); - in caso di sdoppiamento di unità abitative: incremento di almeno un posto macchina per ogni nuovo alloggio. -Per nuova costruzione si intende anche ricostruzione; - in caso di ampliamento si considera solo il volume ampliato; - lo spazio di parcheggio (P) è la sola superficie netta. - ¼ di P deve essere esterno (più eventuali P condominiali); - Volume computabile (lordo: entro e fuori terra, eccetto locali di servizio); - Per edifici plurifunzionali il P deriva dalla somma delle quantità corrispondenti ad ogni funzione. - Le disposizioni della G.P. prevalgono sui PRG (salvo norme più restrittive) 39

40 Art. 5 Art. 6 Art. 12 Art. 13 Art. 14 GENERALITA - Titolo di possesso del P: (di norma) la proprietà; - può essere ammesso altro titolo di possesso, escluso per la residenza, con dichiarazione unilaterale di mantenimento. - (art 36bis, DP 13 luglio 2010, n /Leg) Obbligo di mantenimento dello standard sanzioni (150% del valore di un volume interrato corrispondente) - Per edifici commerciali ed esercizi pubblici lo standard è riferito alla superficie netta di vendita; - le quantità sono stabilite dalle disposizioni specifiche.(l. comm.) - Le infrastrutture a servizio di reti tecnologiche, bivacchi e rifugi sono esenti dalla realizzazione dei P. - Le strutture non comuni sono dotate di quantità derivanti da specifiche analisi progettuali. 40

41 TABELLA DELLE FUNZIONI 1. RESIDENZA 2. ALBERGHI 3. SERVIZI PUBBLICI O DI INTERESSE COLLETTIVO 4. EDIFICI PRODUTTIVI 5. EDIFICI PER IL COMMERCIO 6. ESERCIZI PUBBLICI 7. EDIFICI ADIBITI AD ATTIVITA AMMINISTRATIVA 8. IMPIANTI DI RISALITA 9. ALTRI EDIFICI DI TIPOLOGIA NON COMUNE 41

42 Art. 7 Art. 9 Art. 15 DISCIPLINA PER LE OPERE PUBBLICHE (locali) - I servizi pubblici applicano gli standard previsti dalle tabelle, salvo l obbligo di verifica a livello progettuale; - in caso ricadano in C.S. può essere usufruito il P pubblico, a breve distanza, a condizione del rispetto degli standards territoriali; - per ampliamenti è ammessa la riduzione di 1/3; - mense e servizi attinenti l università o servizi pubblici sono esenti dall obbligo del P. - le opere pubbliche e i servizi pubblici di quartiere, ricadenti in C.S. sono esenti; - I servizi pubblici possono usufruire di P pubblici purché i medesimi mantengano destinazione prevalentemente pubblica, le opere possono essere realizzate anche da privati, previa convenzione inerente l eventuale realizzazione, utilizzazione e gestione dei P; 42

43 DISCIPLINA PER LE INFRASTRUTTURE, STRUTTURE E OPERE PUBBLICHE O DI INTERESSE PUBBLICO DI RILIEVO PROVINCIALE (art. 59, commi 1 bis e 1 ter della l.p. n. 1/2008) comma 1 bis comma 1 ter - Quantità subordinate a specifico studio che può considerare anche la presenza di P pubblici. - Lo studio va preventivamente sottoposto al parere del servizio provinciale competente in materia urbanistica. - per le opere già esistenti alla data di entrata in vigore delle disposizioni introdotte con la legge finanziaria 2012 (29 dicembre 2011) è fatto salvo l assetto esistente. 43

44 DISCIPLINA PER INTERVENTI EDILIZI DI PARTICOLARE RILEVANZA Art. 15 Nei C.S., gli interventi rilevanti, esclusi gli edifici residenziali e produttivi, possono usufruire delle seguenti alternative, previa convenzione: a) che una quota di P venga destinata ad uso pubblico o pertinenziale per i residenti della zona. Tale quota può essere realizzata anche fuori dall area di pertinenza; b) la riduzione degli spazi e la monetizzazione di quelli mancanti, destinando le somme alla realizzazione di P pubblici. 44

45 Art. 9 CASI DI ESENZIONE - Interventi nel C.S. con esclusione di: a) nuove costruzioni, sostituzione edilizia e demolizione con ricostruzione; b) i servizi pubblici, fermo restando l art. 15, tuttavia la G.P. può autorizzare l esenzione parziale o totale, o la realizzazione dei P in altra zona, oppure la monetizzazione; c) interventi di demolizione e ricostruzione di edifici soggetti a risanamento conservativo autorizzati ai sensi dell art. 121, l.p. 1/2008 (interventi d urgenza e di carattere straordinario). - Cambio d uso a) in aree specifiche individuate dal PRG e b) nelle aree della Città consolidata del comune di TN, con esclusione della demolizione e ricostruzione, degli interventi di ristrutturazione urbanistica, compresa quella per opere pubbliche, fermo restando l art

46 Art. 9 MONETIZZAZIONE - Per gli interventi nel C.S. o il cambio d uso in aree specifiche individuate dal PRG e della Città consolidata del comune di TN, l esenzione dall obbligo di realizzare i P è subordinata alla monetizzazione degli spazi. - La monetizzazione si applica anche in caso di riduzione di parcheggi esistenti per interventi eccezionali che rivestono particolare rilevanza per la comunità a determinate condizioni di migliore funzionalità. - Tale monetizzazione, esclusa la riduzione dei P esistenti di cui sopra, può essere: ridotta fino ad 1/5 con deliberazione comunale, eccetto residenza diversa dalla prima casa; esentata per categorie di interventi di particolare importanza con motivata deliberazione comunale autorizzata dalla G.P. sono comunque esenti: opere pubbliche di quartiere, edilizia residenziale agevolata o convenzionata, prima abitazione, esercizi multiservizi, altri alloggi, oltre alla prima casa, per i residenti con provvedimento comunale. 46

47 IMPIANTI DI RISALITA (art. 59, commi 1 bis e 1 ter della l.p. n. 1/2008) comma 1 bis comma 1 ter - Quantità subordinate a specifico studio che può considerare anche la presenza di P pubblici. - Lo studio va preventivamente sottoposto al parere del servizio provinciale competente in materia urbanistica. - per le opere già esistenti alla data di entrata in vigore delle disposizioni introdotte con la legge finanziaria 2012 (29 dicembre 2011) è fatto salvo l assetto esistente. In presenza di atti a carattere convenzionale non ancora conclusi può essere presentato lo studio secondo le nuove modalità. È attualmente in corso un provvedimento di G.P. per la fissazione dei criteri e modalità attuative. (abbandono dei parametri attuali di 50 sciatori /ha e mantenimento di un min. di 100 posti auto per arroccamento 47

48 IMPIANTI DI RISALITA sono in corso nuove disposizioni di G.P. Art Le dotazioni di P si applicano per nuovi impianti, sostituzioni, ampliamento di piste e nuove piste; - vanno distribuite sugli arroccamenti; - vanno calcolate sulla capacità complessiva del sistema (n. 50 sciatori/ha o secondo la potenzialità dell impianto in assenza di piste, minimo 100 posti auto/impianto). - In situazioni particolari di compendi edilizi unitari in presenza di altre attività pubbliche e private, può essere elaborato un Piano integrato di intervento che preveda l utilizzazione di P pubblici esistenti, nonché la realizzazione di P privati (in quanto necessaria). - Il Piano è integrato da convenzione è approvato dal comune previa acquisizione del parere delle strutture competenti in materia di impianti a fune, turismo e urbanistica. 48

49 AUTOROMESSE E POSTI MACCHINA Art Le dimensioni minime dei box e dei posti macchina sono stabilite da apposite tabelle (tab. D E F). - Le dimensioni delle corsie sono di ml 6,00 (riducibili in funzione della disposizione a spina di pesce con un minimo di ml 4,50 nelle autorimesse e ml 5,00 per P in superficie). corsia corsia stallo m 6,00 m 4,50 49

50 Naturalmente non tutto è dissipato! Ci sarà sempre un po di..nebbia Grazie e Buon lavoro!! 50

Schemi tecnici esplicativi in materia di elementi geometrici e distanze

Schemi tecnici esplicativi in materia di elementi geometrici e distanze Deliberazione GP n. 2023 del 3 settembre 2010 Come integrata con Deliberazione GP n. 1427 del 1 luglio 2011 DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA Schemi tecnici esplicativi in materia di elementi geometrici

Dettagli

DISPOSIZIONI PROVINCIALI IN MATERIA DI DISTANZE (articolo 58 della legge provinciale 4 marzo 2008, n. 1)

DISPOSIZIONI PROVINCIALI IN MATERIA DI DISTANZE (articolo 58 della legge provinciale 4 marzo 2008, n. 1) DISPOSIZIONI PROVINCIALI IN MATERIA DI DISTANZE (articolo 58 della legge provinciale 4 marzo 2008, n. 1) (approvate con deliberazione della Giunta provinciale n. 2023 di data 3 settembre 2010) Art. 1 Disposizioni

Dettagli

Art. 1 Disposizioni generali.

Art. 1 Disposizioni generali. ALLEGATO 2 DISPOSIZIONI PROVINCIALI IN MATERIA DI DISTANZE (articolo 58 della legge provinciale 4 marzo 2008, n. 1) (Testo coordinato dell'allegato 2 alla deliberazione della Giunta provinciale n. 2023

Dettagli

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico- edilizio provinciale II PARTE

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico- edilizio provinciale II PARTE Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata Regolamento urbanistico- edilizio provinciale II PARTE dott.ssa Lucia Frenguelli dott. Corrado Braito Trento, 27 giugno 2017 4 luglio 2017

Dettagli

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico edilizio provinciale II PARTE

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico edilizio provinciale II PARTE Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata Regolamento urbanistico edilizio provinciale II PARTE dott.ssa Lucia Frenguelli dott. Corrado Braito Trento, 6 ottobre 2017 1 FOCUS STANDARD

Dettagli

Disposizioni provinciali in materia di distanze. Art. 1 Disposizioni generali

Disposizioni provinciali in materia di distanze. Art. 1 Disposizioni generali Disposizioni provinciali in materia di distanze Art. 1 Disposizioni generali 1. Questa deliberazione disciplina, ai sensi dell articolo 59, comma 2, della legge provinciale: a) le distanze minime tra edifici

Dettagli

TITOLO I - NORME GENERALI

TITOLO I - NORME GENERALI TITOLO I - NORME GENERALI - CAPO I - GENERALITÀ Art. 1 - Natura, scopi, contenuti e riferimenti del PRG pag. 1 Art. 2 - Modalità generali di attuazione, piani attuativi pag. 1 Art. 3 - Effetti e cogenza

Dettagli

Consorzio dei Comuni Trentini

Consorzio dei Comuni Trentini Consorzio dei Comuni Trentini Illustrazione delle disposizioni provinciali in materia di elementi geometrici delle costruzioni, delle distanze, delle fasce di rispetto stradale e dei parcheggi ARGOMENTI

Dettagli

Piano Attuativo di Iniziativa Privata

Piano Attuativo di Iniziativa Privata Comune di Pisa Piano Attuativo di Iniziativa Privata Variante al Regolamento Urbanistico- Scheda Norma n. 06.1 Cisanello - area filtro verde - area agricola S. Michele - comparto 3 N o r m e T e c n i

Dettagli

DAMBEL. Relazione illustrativa

DAMBEL. Relazione illustrativa PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI DAMBEL PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE 2016 : MODIFICA DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI DISTANZE ADOZIONE PRELIMINARE : Delibera del Consiglio Comunale n. 25 di data 20/09/2016

Dettagli

PGT ALLEGATO A. Norme Tecniche di Attuazione N.T.A. Lonate Ceppino. PIANO di GOVERNO del TERRITORIO

PGT ALLEGATO A. Norme Tecniche di Attuazione N.T.A. Lonate Ceppino. PIANO di GOVERNO del TERRITORIO Regione Lombardia comune Lonate Ceppino PGT PIANO di GOVERNO del TERRITORIO adottato in data 15 novembre 2012 approvato in data 10 giugno 2013 Norme Tecniche di Attuazione N.T.A. ALLEGATO A MODALITA DI

Dettagli

TITOLO I - NORME GENERALI

TITOLO I - NORME GENERALI TITOLO I - NORME GENERALI - CAPO I - GENERALITÀ Art. 1 - Natura, scopi, contenuti e riferimenti del PRG pag. 1 Art. 2 - Modalità generali di attuazione, piani attuativi pag. 1 Art. 3 - Effetti e cogenza

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE I N D I C E

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE I N D I C E NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE I N D I C E TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI PARTE PRIMA - ASPETTI GENERALI DEL PIANO art. 1.1. - applicazione ed arco temporale di validità del Piano art. 1.2. - elaborati

Dettagli

1. PREMESSA STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VIGENTI STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VARIANTE...

1. PREMESSA STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VIGENTI STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VARIANTE... SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VIGENTI... 2 3. STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VARIANTE... 5 1 1. PREMESSA In seguito alle considerazioni riportate

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regionale

Nuovo Piano Casa Regionale Nuovo Piano Casa Regionale Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Settembre 2011 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente

Dettagli

Zona destinata a insediamenti produttivi artigianali e di attrezzature commerciali e ricettive alberghiere nonché attività produzione servizi.

Zona destinata a insediamenti produttivi artigianali e di attrezzature commerciali e ricettive alberghiere nonché attività produzione servizi. VARIANTE ALL ART.13 (zona omogenea D1-Insediamenti Produttivi), ART.14(zona omogenea D2-Insediamenti Produttivi), ART.16(zona omogenea F - Attrezzature Pubbliche di interesse Comprensoriale), ART.17(zona

Dettagli

oneri di urbanizzazione primaria (residenziale e servizi) 40,00 oneri di urbanizzazione secondaria (residenziale)

oneri di urbanizzazione primaria (residenziale e servizi) 40,00 oneri di urbanizzazione secondaria (residenziale) TABELLA A ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA INCIDENZA ECONOMICA ONERI DI URBANIZZAZIONE PER INSEDIAMENTI RESIDENZIALI E PER SERVIZI (art. 38, commi 1 e 3, regolamento regionale 2/2015) IMPORTO

Dettagli

QUADRO SINOTTICO DEGLI INTERVENTI

QUADRO SINOTTICO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLO UNICO DELL EDILIZIA Legge regionale 13 marzo 2012 - n. 4 Norme per la valorizzazione del patrimonio edilizio esistente e altre disposizioni in materia urbanistico edilizia

Dettagli

Città di Pescara. Medaglia d oro al Merito Civile ALLEGATO A INDIRIZZI OPERATIVI LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 19 AGOSTO 2009

Città di Pescara. Medaglia d oro al Merito Civile ALLEGATO A INDIRIZZI OPERATIVI LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 19 AGOSTO 2009 Città di Pescara Medaglia d oro al Merito Civile ALLEGATO A INDIRIZZI OPERATIVI LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 19 AGOSTO 2009 1 ALLEGATO A INDIRIZZI OPERATIVI - LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 19 AGOSTO 2009 Art.

Dettagli

Piano Regolatore Generale

Piano Regolatore Generale Comunità della Vallagarina Comune di Mori Piano Regolatore Generale XVIIIa variante Estratto delle Norme di attuazione Variante al P.R.G. Comunità della Vallagarina ufficio tecnico urbanistico geom. Amedea

Dettagli

COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO

COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO GENNAIO 2009 AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO LOCALIZZAZIONE AREA STRADARIO DI ACQUI TERME Area con destinazione residenziale

Dettagli

Servizio Urbanistica e Tutela del Paesaggio AI COMUNI LORO SEDI ALLE COMUNITA LORO SEDI

Servizio Urbanistica e Tutela del Paesaggio AI COMUNI LORO SEDI ALLE COMUNITA LORO SEDI Servizio Urbanistica e Tutela del Paesaggio Via Lunelli n. 4-38121 Trento Tel. 0461497013 - Fax 0461497079-497088 e-mail: serv.urbanistica@provincia.tn.it AI COMUNI ALLE COMUNITA AL CONSORZIO DEI COMUNI

Dettagli

AREE RESIDENZIALI: Dati normativi

AREE RESIDENZIALI: Dati normativi AREE RESIDENZIALI: Dati normativi Area o lotto Concentrico 1 1910 0,33 / 100 (1) 7.00 P.C.. (1) tria aggiuntiva 2 PE 3735 (3) 0,33 0.60 2256 7.00 PE (3) Al lordo di: mq 451 da dismettere per parcheggio

Dettagli

TABELLE ONERI E CONTRIBUTI. aggiornamento Maggio 2010

TABELLE ONERI E CONTRIBUTI. aggiornamento Maggio 2010 Legge Regionale 03 Gennaio 2005 n 1 - Norme per il governo del territorio art. 120 e seguenti TABELLE ONERI E CONTRIBUTI allegate alla deliberazione del C.C. n 25 del 31/03/2005 aggiornamento Maggio 2010

Dettagli

Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio

Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio TAVOLO DELLE PROFESSIONI TECNICHE PIETRASANTA 18 SETTEMBRE 2014 DISTANZE ART. 4 NTA Distanze tra edifici: 10 mt pareti finestrate (DM 1444/68) Distanze tra

Dettagli

ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE

ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE Definizioni Superficie di applicazione del contributo Ai sensi dell art.46 del regolamento regionale 18

Dettagli

SOTTOZONA D5 - ZONA PER ATTIVITÀ COMMERCIALI E NUOVI. - per l ambito di P.L.4 inserito e modificato con Variante ex art.23/97

SOTTOZONA D5 - ZONA PER ATTIVITÀ COMMERCIALI E NUOVI. - per l ambito di P.L.4 inserito e modificato con Variante ex art.23/97 SOTTOZONA D5 - ZONA PER ATTIVITÀ COMMERCIALI E NUOVI INSEDIAMENTI MISTI PRODUTTIVI-COMMERCIALI. a.5.) - Destinazione: nella Sottozona D5 sono ammessi: - per l ambito di P.L.4 inserito e modificato con

Dettagli

Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 11 febbraio 2011

Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 11 febbraio 2011 LEGGE REGIONALE 21/12/2010 N.19 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 OTTOBRE 2009, N. 22 "INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE

Dettagli

ART. 1 DEFINIZIONI... 2 ART. 2 DESTINAZIONI D USO AMMESSE... 3 ART. 3 PARAMETRI E INDICI... 4 ART. 4 PARCHEGGI PRIVATI... 4

ART. 1 DEFINIZIONI... 2 ART. 2 DESTINAZIONI D USO AMMESSE... 3 ART. 3 PARAMETRI E INDICI... 4 ART. 4 PARCHEGGI PRIVATI... 4 INDICE ART. 1 DEFINIZIONI... 2 1.1 DESTINAZIONI... 2 1.2 SLP (mq): SUPERFICIE LORDA DI PAVIMENTO... 2 1.3 V (mc) = VOLUME... 2 1.4 H (m): ALTEZZA MASSIMA DEL FABBRICATO... 2 1.5 IT (mc/mq): INDICE VOLUMETRICO

Dettagli

Art. 72 Altezza dell'edificio

Art. 72 Altezza dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

LOTTO N. 6 Ex scuola elementare Trivignano

LOTTO N. 6 Ex scuola elementare Trivignano LOTTO N. 6 Ex scuola elementare Trivignano Direzione Patrimonio e Casa Lotto n. 6 Ex scuola elementare Trivignano UBICAZIONE: via Castellana, angolo via Cà Lin Trivignano CARATTERI GENERALI Descrizione

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 43/I-II del 25/10/2011 / Amtsblatt Nr. 43/I-II vom 25/10/

Bollettino Ufficiale n. 43/I-II del 25/10/2011 / Amtsblatt Nr. 43/I-II vom 25/10/ Bollettino Ufficiale n. 43/I-II del 25/10/2011 / Amtsblatt Nr. 43/I-II vom 25/10/2011 38 77486 Decreti - Parte 1 - Anno 2011 Provincia Autonoma di Trento DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 13 settembre

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Norme tecniche per l attuazione del Piano di Lottizzazione La seguente relazione ha lo scopo di delineare le norme tecniche, per l attuazione del Piano di Lottizzazione,

Dettagli

IL NUOVO PIANO CASA. LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio Treviso, 28 luglio 2011

IL NUOVO PIANO CASA. LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio Treviso, 28 luglio 2011 IL NUOVO PIANO CASA LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio 2011 Treviso, 28 luglio 2011 IL PIANO CASA La legge sul nuovo piano casa è una legge che non prevede nuovo consumo di territorio perché norma l edificato

Dettagli

ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015

ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015 PARTICOM UNO SPA OMISSIS ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015 L ambito comprende le aree per la riqualificazione e la reindustrializzazione dell insediamento ex Alfa

Dettagli

TORINO Via Bistagno, 10. Palazzo uffici

TORINO Via Bistagno, 10. Palazzo uffici TORINO Via Bistagno, 10 Palazzo uffici Aprile 2013 Localizzazione 2 Descrizione Il complesso immobiliare occupa un intero isolato, di forma romboidale, delimitato a nord-est da Via Monbasiglio, a est da

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO. Provincia di Grosseto

COMUNE DI GAVORRANO. Provincia di Grosseto COMUNE DI GAVORRANO Provincia di Grosseto Variante al regolamento urbanistico per la zona D1 di San Giuseppe Variante al piano per insediamenti produttivi "San Giuseppe 2" e contestuale variante al regolamento

Dettagli

studi in associazione temporanea -- prof. Arch. Enzo Siligardi Arch. Giorgio Losi

studi in associazione temporanea -- prof. Arch. Enzo Siligardi Arch. Giorgio Losi PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI S. LORENZO IN BANALE PIANO REGOLATORE GENERALE DEL COMUNE DI S. LORENZO IN BANALE NORME DI ATTUAZIONE Riferimento Delibera Consigliare n. 2 dd 25-03-2010 I adozione

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2023 Prot. n. 350/10cdz VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Disposizioni attuative della legge urbanistica provinciale 4 marzo 2008,

Dettagli

Allegato 4. Estratto di mappa Procedura Esecutiva R.G.E. n 219/2013 Il CTU: Dott. Arch. Federica Carpanini

Allegato 4. Estratto di mappa Procedura Esecutiva R.G.E. n 219/2013 Il CTU: Dott. Arch. Federica Carpanini Allegato 4. Estratto di mappa Procedura Esecutiva R.G.E. n 219/2013 Il CTU: Dott. Arch. Federica Carpanini Allegato 5. Planimetrie catastali Procedura Esecutiva R.G.E. n 219/2013 Il CTU: Dott. Arch. Federica

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DELIBERA C.C. N. 22 DEL 03/11/2009. Piano delle Regole

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DELIBERA C.C. N. 22 DEL 03/11/2009. Piano delle Regole COMUNE di TAVERNOLE S/MELLA Provincia di Brescia PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DELIBERA C.C. N. 22 DEL 03/11/2009 VARIANTE 2011 Piano delle Regole Estratto Norme tecniche di attuazione modificate a seguito

Dettagli

SCHEDE CENTRO STORICO

SCHEDE CENTRO STORICO Provincia Autonoma di Trento Comune di Giustino Piano Regolatore Generale Variante 2008 Adozione Definitiva SCHEDE CENTRO STORICO estratto delle schede oggetto di variante Schede n.: 03 31 63 78 marzo

Dettagli

VARIANTE EX ART. 44 L.U.R.

VARIANTE EX ART. 44 L.U.R. COMUNE DI ALASSIO Settore 4 -Servizio 4.' URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA VARIANTE EX ART. 44 L.U.R., f I \l:riante ART. 7 DELLE NORME DI A TTUAZIONE DEL PUC Alassio OTTOBRE 2011 IL DIRIGENTE DEL SETTORE

Dettagli

COMUNE DI QUINTO DI TREVISO

COMUNE DI QUINTO DI TREVISO . MODALITA PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N. 14 (BUR n. 56/2009)INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE

Dettagli

SETTORE URBANISTICA Servizio di Pianificazione Territoriale

SETTORE URBANISTICA Servizio di Pianificazione Territoriale COMUNE DI MASSA Via Porta Fabbrica, 1, 54100 Massa Tel. 0585.4901 Fax 0585.41245 Cod i ce fiscale 00181760455 Partita iva 00181760455 www.comune.massa.ms.it SETTORE URBANISTICA Servizio di Pianificazione

Dettagli

Codice dell'urbanistica e dell'edilizia Cronologia degli aggiornamenti

Codice dell'urbanistica e dell'edilizia Cronologia degli aggiornamenti 26.01.2015 il Codice dell'urbanistica e dell'edilizia é stato aggiornato con le modifiche introdotte dall'articolo 53 della L.P. 30 dicembre 2014, n. 14 (legge finanziaria provinciale 2015) al testo della

Dettagli

PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI NOMI. PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE 2017 Art. 39 L.P. 4 agosto 2015, n. 15

PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI NOMI. PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE 2017 Art. 39 L.P. 4 agosto 2015, n. 15 PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI NOMI PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE 2017 Art. 39 L.P. 4 agosto 2015, n. 15 ESTRATTO NORME DI ATTUAZIONE ESTRATTO NTA - Raffronto Prima Adozione Delibera del Consiglio

Dettagli

Legge Regionale n. 22/2009. Piano Casa. 30 ottobre ore Jesi - Sala Consiliare del Comune

Legge Regionale n. 22/2009. Piano Casa. 30 ottobre ore Jesi - Sala Consiliare del Comune Legge Regionale n. 22/2009 Piano Casa Incontro con i professionisti e con i cittadini 30 ottobre 2009 - ore 16.00 Jesi - Sala Consiliare del Comune Comune di Jesi_Assessorato Urbanistica e Ambiente_Servizio

Dettagli

COMUNE DI CIVEZZANO VARIANTE PRG - 2014 INDICE

COMUNE DI CIVEZZANO VARIANTE PRG - 2014 INDICE INDICE TITOLO I GENERALITA Art. 1 Finalità ed elementi costitutivi del Piano Regolatore Generale pag. 3 Art. 2 Modalità di attuazione pag. 3 Art. 3 Piani Attuativi pag. 3 Art. 4 Effetti e cogenza del piano

Dettagli

l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio

l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio step 19 aprile 2016 Recupero del patrimonio edilizio esistente Riduzione del consumo di suolo Valorizzazione del paesaggio Ridefinizione

Dettagli

PROGETTO DI AREA ARTIGIANALE IN COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI (PV)

PROGETTO DI AREA ARTIGIANALE IN COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI (PV) Variante di PRG Redatta ai sensi del DPR 447/98 S.U.A.P. Sportello Unico Attività Produttive PROGETTO DI AREA ARTIGIANALE IN COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI (PV) Luglio 2009 VIA SCOPOLI, 12 27100 PAVIA

Dettagli

STUDIO TECNICO DI INGEGNERIA Ing. Andrea Dessi SOMMARIO

STUDIO TECNICO DI INGEGNERIA Ing. Andrea Dessi SOMMARIO SOMMARIO SOMMARIO Sommario 1 Norme di attuazione 2 Art. - I Finalità 2 Art. - II Strumento d attuazione del piano urbanistico comunale 2 Art. - III Disposizioni generali 2 Art. - IV Norme di edificabilità

Dettagli

LOTTO EDIFICABILE - Padova Mortise

LOTTO EDIFICABILE - Padova Mortise settembre 2016 LOTTO EDIFICABILE - Padova Mortise Progetto Ubicazione: Padova, zona Mortise, via Polonio Lotto edificabile: Residenziale Perequazione Urbana. Volume urbanistico: 670 metri cubi. Progetto

Dettagli

ALLEGATO A 1 - PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI DEI TERRENI

ALLEGATO A 1 - PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI DEI TERRENI ALLEGATO A MODALITÀ DI CALCOLO DEGLI INCREMENTI DI VALORE DEI TERRENI IN APPLICAZIONE ALL'ART. 14.1 DEL TESTO COORDINATO DELLE NORME DI P.S.C. P.O.C. R.U.E. 1 - PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI

Dettagli

COMUNE DI SESTO S. GIOVANNI PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI SESTO S. GIOVANNI PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI SESTO S. GIOVANNI PROVINCIA DI MILANO PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO - LEGGE REGIONALE 11 MAR- ZO 2005, N 12 AREA TRIAKIS DI VIA MAZZINI ANGOLO VIA FALCK NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE La proprietà

Dettagli

CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE SERVIZIO URBANISTICA -Sportello Unico Edilizia CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Pratica edilizia n Anno Richiedente Intervento: in via Oneri di Urbanizzazione: EDILIZIA RESIDENZIALE COMMERCIALE DIREZIONALE

Dettagli

Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141

Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141 COMUNE DI ORVIETO Provincia di Terni UFFICIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA UFFICIO SUAPE Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141 DEFINIZIONE NUOVI PARAMETRI IN MATERIA DI CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PRIVATA. per demolizione e ricostruzione di edificio esistente con cambio di destinazione d uso

PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PRIVATA. per demolizione e ricostruzione di edificio esistente con cambio di destinazione d uso PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PRIVATA per demolizione e ricostruzione di edificio esistente con cambio di destinazione d uso N O R M E T E C N I C H E D I A T T U A Z I O N E modificate a seguito dell

Dettagli

Altezze minime e principali requisiti igienico - sanitari dei locali adibiti ad abitazione, uffici pubblici e privati ed alberghi.

Altezze minime e principali requisiti igienico - sanitari dei locali adibiti ad abitazione, uffici pubblici e privati ed alberghi. Legge regionale23 agosto 1985, n. 44 Altezze minime e principali requisiti igienico - sanitari dei locali adibiti ad abitazione, uffici pubblici e privati ed alberghi. 1 Derogata la disciplina da art.

Dettagli

Limiti e obblighi nel piano regolatore generale

Limiti e obblighi nel piano regolatore generale Corso di laurea in Architettura quinquennale Fondamenti di Urbanistica - a.a. 2010-11 prof. Carlo Natali 22 novembre 2010 Limiti e obblighi nel piano regolatore generale Definizioni e parametri urbanistici

Dettagli

PGT del Comune di Verrua Po AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE E PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:...

PGT del Comune di Verrua Po AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE E PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:... 1 SCHEDA AU_03_18175.pdf COMUNE DI VERRUA PO PROVINCIA DI PAVIA PGT TESSUTO URBANO CONSOLIDATO AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE INDICE PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:...

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento. Comune di CANAL SAN BOVO

Provincia Autonoma di Trento. Comune di CANAL SAN BOVO Provincia Autonoma di Trento Comune di CANAL SAN BOVO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE Legge provinciale 04 marzo 2008 nr. 01 1 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione pag. 3

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 - Finalità Le presenti norme hanno lo scopo di definire la disciplina degli interventi per l'attuazione del piano particolareggiato convenzionato di iniziativa privata,

Dettagli

Allegato alla Delibera di Consiglio Comunale n. 22 del 16/04/2009

Allegato alla Delibera di Consiglio Comunale n. 22 del 16/04/2009 Regolamento esplicativo per la determinazione delle dotazioni di parcheggi pubblici e privati inerenti gli interventi edilizi ricadenti nell ambito del Piano Particolareggiato delle Strutture Ricettive

Dettagli

con sede in via/piazza n. che rappresenta in qualità di

con sede in via/piazza n. che rappresenta in qualità di Comune di Villata Provincia di Vercelli Sportello Unico edilizia P.G. Marca da bollo da euro 10,33 DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (articoli da 11 a 15 del d.p.r. n. 380 del 2001) ordinario per interventi

Dettagli

COMUNE DI MODENA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO

COMUNE DI MODENA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO COMUNE DI MODENA 2003DI INTERVENTO PROGRAMMA INTEGRATO Tav. N PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO VIA EMILIA EST PEEP N 9 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E PREVISIONE DI SPESA Adottato con Del. di C.C. n. 71 del

Dettagli

ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012

ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012 ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO 2012-12-11 DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012 QUADRO RIASSUNTIVO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE A) Edifici residenziali e scolastici

Dettagli

Piano Regolatore Generale

Piano Regolatore Generale PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Condino Piano Regolatore Generale Variante 2010 ORDINE DEGLI ARCHITETTI DELLA PROV. DI TRENTO dott. arch. SERGIO NICCOLINI INSCRIZIONE ALBO N 236 Progettista: arch.

Dettagli

D E F G 1950 H 1.850

D E F G 1950 H 1.850 . 15 24 01 D 2.300 E 2.150 F 2.050 G 1950 H 1.850 TABELLA 1 Direzionale - Classi di valore medio degli immobili Direzionali della Tavola n. 2 Direzionale Fascia /mq A 3.100 B 2.650 B1 2.350 C 2.150 D 1.950

Dettagli

COMUNE DI RIMINI CF/P.IVA

COMUNE DI RIMINI CF/P.IVA COMUNE DI RIMINI CF/P.IVA 00304260409 DIREZIONE PIANIFICAZIONE E GESTIONE TERRITORIALE Settore Pianificazione Attuativa ed Edilizia Residenziale Pubblica U.O. Piani Attuativi Privati NORME TECNICHE DI

Dettagli

IL PIANO CASA E GLI INCREMENTI VOLUMETRICI DI UN EDIFICIO ESISTENTE:

IL PIANO CASA E GLI INCREMENTI VOLUMETRICI DI UN EDIFICIO ESISTENTE: IL PIANO CASA E GLI INCREMENTI VOLUMETRICI DI UN EDIFICIO ESISTENTE: NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNALI ED INTERVENTI AMMISSIBILI BARI 22 FEBBRAIO 2013 Arch. Giacomo Losapio Dirigente Ripartizione Tecnica

Dettagli

ATTI TECNICI ARCA - NORD SALENTO CITTA DI MESAGNE

ATTI TECNICI ARCA - NORD SALENTO CITTA DI MESAGNE CITTA DI MESAGNE ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI, URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITTORIO, PATRIMONIO, CENTRO STORICO E DECORO URBANO Via Roma 2-72023 - Mesagne (BR) tel. 0831 732 230 /228 fax 0831 777403

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA INTERVENTO UNITARIO CONVENZIONATO ART. 82 DEL RUE INTERVENTO DI NUOVA COSTRUZIONE PREVIA PARZIALE DEMOLIZIONE DELL'IMMOBILE SITO IN VIA FORNACE N. 15/A ANGOLO VIA BERTELLI,

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE AL PRG VIGENTE RELATIVA ALLA DISCIPLINA URBANISTICA DEGLI ALBERGHI AI SENSI DELLA L.R. 07 FEBBRAIO 2008 N. 1 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Sanremo, 21/04/2011

Dettagli

Unità locale dei servizi n... c. altitudine: capoluogo. max min

Unità locale dei servizi n... c. altitudine: capoluogo. max min FORMAZIONE DEL PIANO REGOLATORE GENERALE Scheda quantitativa dei dati urbani (art. 14, 1 comma, punto 2, l.r. 56/1977) COMUNE DI VIGNONE Localizzazione amministrativa Localizzazione geografica Provincia

Dettagli

Esame delle diverse problematiche relative alle cabine elettriche dal punto di vista della disciplina urbanistica e della normativa edilizia.

Esame delle diverse problematiche relative alle cabine elettriche dal punto di vista della disciplina urbanistica e della normativa edilizia. Seminario CABINE ELETTRICHE Esame delle diverse problematiche relative alle cabine elettriche dal punto di vista della disciplina urbanistica e della normativa edilizia. Seminario CABINE ELETTRICHE Queste

Dettagli

3.7-AO8 - SESTRIERE COLLE - PROGETTISTI

3.7-AO8 - SESTRIERE COLLE - PROGETTISTI MODIFICATO IN BASE ALLE OSSERV. ALLE CONTRODEDUZIONI PRESENTATE AL PROG. PRELIM. ADOTTATO CON DELIB. CC. N. 9 DEL 7.4.2009 IN BASE ALLE OSSERV. ALLE CONTRODEDUZIONI PRESENTATE AL PROG. PRELIM. RIPUBBLICATO

Dettagli

(D) (E) Superficie minima Uf. Costo a mq

(D) (E) Superficie minima Uf. Costo a mq TABELLA A: URBANIZZAZIONE SECONDARIA: Incidenza economica edifici residenziali e servizi (A) (B) (C) (D) (E) (F) (G) (H) (I) Categorie opere ex art. 4 RR 2/2015 Asili nido Scuole d infanzia Scuole dell

Dettagli

T A B E L L A A L L E G A T O A

T A B E L L A A L L E G A T O A T A B E L L A A L L E G A T O A A R E E E D I F I C A B I L I AREA LIBERA : area di completamento all interno del PRG oppure lotto in un piano particolareggiato già collaudato. C A L C O L O I M P O N

Dettagli

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 La VARIANTE interessa i seguenti Comparti: - Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 Per questi comparti è prevista la modifica sia della parte di testo che della parte grafica. Si

Dettagli

ESTRATTI CARTOGRAFICI E ESTRATTO NORME TECNICHE E TABELLE TECNICHE PARAMETRICHE TAVOLA 02

ESTRATTI CARTOGRAFICI E ESTRATTO NORME TECNICHE E TABELLE TECNICHE PARAMETRICHE TAVOLA 02 Progettista via dell'autostrada n. 9 51019 Ponte Buggianese (PT) COMUNE DI ALTOPASCIO Provincia di Lucca VARIANTE PUNTUALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO ai sensi dell'art.8 del DPR n.160/2010 e dell'art.

Dettagli

COMUNE DI ARONA (Provincia di Novara)

COMUNE DI ARONA (Provincia di Novara) 1 COMUNE DI ARONA (Provincia di Novara) PIANO PARTICOLAREGGIATO UNITÀ DI INTERVENTO n. 3-5 DELL AMBITO NORMATIVO Br3 VIALE BERRINI VIA MARTIRI DELLA LIBERTÀ NORME DI ATTUAZIONE 1. OGGETTO DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO

Dettagli

dato avvio al procedimento per la variante n. 1 al Piano di Governo del Territorio;

dato avvio al procedimento per la variante n. 1 al Piano di Governo del Territorio; VARIANTE N.1 AL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO RELAZIONE ILLUSTRATIVA 1. PREMESSE - il Comune di Sotto il Monte Giovanni XXIII è dotato di Piano di Governo del Territorio approvato deliberazione del Consiglio

Dettagli

Proposta di Deliberazione di Consiglio Comunale

Proposta di Deliberazione di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione di Consiglio Comunale PROPONENTE TERRITORIO\\SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA ANNO 2011 NUMERO 5 OGGETTO INDIRIZZI APPLICATIVI DELLA L.R. VENETO N.14/2009 COME MODIFICATA DALLA L.R.

Dettagli

C I T T À D I P O T E N Z A UNITÀ DI DIREZIONE PROTEZIONE CIVILE-GESTIONE AMMINISTRATIVA DEL PATRIMONIO

C I T T À D I P O T E N Z A UNITÀ DI DIREZIONE PROTEZIONE CIVILE-GESTIONE AMMINISTRATIVA DEL PATRIMONIO C I T T À D I P O T E N Z A UNITÀ DI DIREZIONE PROTEZIONE CIVILE-GESTIONE AMMINISTRATIVA DEL PATRIMONIO PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: approvazione dei criteri per la cessione dei

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO IL RESPONSAILE DEL SERVIZIO Ai sensi degli articoli 184 e 185 della Legge Regionale N. 65/2014 che prescrive l aggiornamento dei contributi concessori sulla base delle variazioni determinate dall Istituto

Dettagli

1 AMMISSIBILITA SI SI NO. 2 CUMULABILITA Vedi punto 5.8 dei Criteri - 3 PERCENTUALE CONTRIBUTO 30% 30% - 5 CONTRIBUTO MASSIMO 50.

1 AMMISSIBILITA SI SI NO. 2 CUMULABILITA Vedi punto 5.8 dei Criteri - 3 PERCENTUALE CONTRIBUTO 30% 30% - 5 CONTRIBUTO MASSIMO 50. SCHEDA N. 6 TIPOLOGIA/TECNOLOGIA: EDIFICI A BASSO CONSUMO NUOVI Edifici nuovi o soggetti agli interventi di cui al comma 3 dell art. 4 del D.P.P. n.11-13/leg del 13 luglio 2009 (sostituzione edilizia,

Dettagli

Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria

Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria Gli oneri si applicano alla superficie lorda, determinata ai soli fini del presente provvedimento, dalla somma delle S.U.L., così come previsto dall art. 3

Dettagli

Domande poste frequentemente ( FAQ - Frequently Asked Questions )

Domande poste frequentemente ( FAQ - Frequently Asked Questions ) 1 Un fabbricato, ubicato nel centro abitato, accatastato alla categoria C/2 può godere del cambio di destinazione d uso come abitazione da accatastare in categoria A e contestualmente godere dell ampliamento

Dettagli

COMUNE DI SCARPERIA Provincia di Firenze

COMUNE DI SCARPERIA Provincia di Firenze COMUNE DI SCARPERIA Provincia di Firenze TABELLE PARAMETRICHE RELATIVE AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA, CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE E ONERI VERDI PER INTERVENTI SOTTOPOSTI A:

Dettagli

TITOLO IV - CAPO I - Legge regionale 11 marzo 2005, n. 12 così come modificata dalla Legge regionale 27 dicembre 2005, n. 20.

TITOLO IV - CAPO I - Legge regionale 11 marzo 2005, n. 12 così come modificata dalla Legge regionale 27 dicembre 2005, n. 20. Alla cortese attenzione CONSIGLIO COMUNALE TITOLO IV - CAPO I - Legge regionale 11 marzo 2005, n. 12 così come modificata dalla Legge regionale 27 dicembre 2005, n. 20. Indirizzi di politica urbanistica

Dettagli

Comune di Montemarciano Provincia di Ancona

Comune di Montemarciano Provincia di Ancona Comune di Montemarciano Provincia di Ancona VARIANTE PARZIALE AL P.R.G. PER L AREA DELLA PARROCCHIA DI SANTA MARIA DELLA NEVE E SAN ROCCO LOCALITA MARINA - P.02 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE RAFFRONTO PRG

Dettagli

Piano Casa Regione Lazio

Piano Casa Regione Lazio Legge Regionale 11 agosto 2009, n. 21 Piano Casa Regione Lazio Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l edilizia residenziale sociale 1 PRINCIPALI CONTENUTI: Interventi di ampliamento

Dettagli

d o t t. S a l m a s o i n g. L o r e n z o d o t t. S a l m a s o i n g. P i e r v i t t o r i o B o r t o l o t t o g e o m.

d o t t. S a l m a s o i n g. L o r e n z o d o t t. S a l m a s o i n g. P i e r v i t t o r i o B o r t o l o t t o g e o m. studio SALMASO & ASSOCIATI d o t t. S a l m a s o i n g. L o r e n z o d o t t. S a l m a s o i n g. P i e r v i t t o r i o B o r t o l o t t o g e o m. G i a n p a o l o COMUNE DI FOSSÒ PROVINCIA DI

Dettagli

NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE

NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNE DI PERUGIA Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell Economia U.O. Urbanistica NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE TESTO UNICO DELLE NORME DI ATTUAZIONE Parte operativa STRALCIO Gruppo di lavoro:

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ART.1 VALIDITAʼ DELLE NORME La porzione di territorio del Comune di Ceggia, situata tra via Roma e via Foscolo, che insiste sui mappali 92, 94, 824, 756, 1639, 1641, del Foglio

Dettagli

ALLEGATO A 1 PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI DEI TERRENI Classi di destinazione urbanistica e valori medi degli immobili

ALLEGATO A 1 PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI DEI TERRENI Classi di destinazione urbanistica e valori medi degli immobili ALLEGATO A MODALITÀ DI CALCOLO DEGLI INCREMENTI DI VALORE DEI TERRENI IN APPLICAZIONE ALL'ART. 14.1 DEL TESTO COORDINATO DELLE NORME DI P.S.C. P.O.C. R.U.E. 1 PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI

Dettagli

C o m u n e d i R o n c h i d e i L e g i o n a r i Provincia di Gorizia

C o m u n e d i R o n c h i d e i L e g i o n a r i Provincia di Gorizia C o m u n e d i R o n c h i d e i L e g i o n a r i Provincia di Gorizia SETTORE URBANISTICO O G G E T T O VARIANTE N 20 AL PRGC PROPOSTA DI MODIFICHE ALLE N.T.A. DEL P.R.G.C. CONNESSE ALL APPROVAZIONE

Dettagli

(art art. 19, T.U. 380/01)

(art art. 19, T.U. 380/01) CITTÀ DI MONCALIERI Area Territorio e Infrastrutture Servizio Edilizia Privata DATI NECESSARI ALLA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO CONCESSORIO (art. 16 - art. 19, T.U. 380/01) PREMESSA: CONTRIBUTO CONCESSORIO

Dettagli

Legge Regionale n. 13 Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio urbanistico della Lombardia

Legge Regionale n. 13 Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio urbanistico della Lombardia Piano Legge Regionale n. 13 Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio urbanistico della Lombardia Il Comune di Brescia con delibera n. 196 del 12 ottobre 2009 ha

Dettagli