LTE Long Term Evolution Late To Evolve

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LTE Long Term Evolution Late To Evolve"

Transcript

1 LTE Long Term Evolution Late To Evolve 0

2 Overview della tecnologia 1

3 Driver del 4G: la domanda di banda del mobile 2

4 LTE (3GPP Rel.8): ingredienti tecnologici del 4G Architettura Evoluta (E-UTRAN) di tipo "flat" (in cui tutti i protocolli radio vengono terminati sull'enb), che riduce la latenza introdotta nel sistema. Flessibilità di Utilizzo dello Spettro per mezzo di una banda di allocazione scalabile (1.4, 3, 5, 10, 15, 20 MHz) che garantisce il possibile dispiegamento in diverse bande di frequenza sia in DL che in UL, in modalità di duplex FDD o TDD. x 1 y 1 x 2 y 2 x 3 y 3 Schemi di Antenne Multiple (Multiple Input Multiple Output: MIMO) basati sull applicazione di tecniche di processing spaziale, che incrementano l efficienza spettrale del sistema. Nuove Tecniche di Accesso Radio (e.g. OFDM) che permettono di utilizzare le modulazioni multi-portante adatte a scenari di propagazione con cammini multipli e a processing efficace nel dominio della frequenza. 3

5 Spettro LTE: banda scalabile L UMTS non permette l utilizzo di una larghezza di banda maggiore di 5 MHz, che comunque consente al WCDMA/HSPA con ricevitori a equalizzatore di ragionevole complessità buone prestazioni Bit rate più alti richiedono larghezze di banda superiori (fino a 20 MHz) per i quali la trasmissione OFDM utilizzata in LTE è più adatta L LTE consente anche bande piccole per agevolare il posizionamento spettrale LTE è stato definito con banda scalabile: 1.4 MHz, 3 MHz, 5 MHz, 10 MHz e 20 MHz Il W-CDMA non è adatto per supportare una banda flessibile (è possibile, tuttavia, aggregare più bande da 5 MHz diverse con HSPA Dual Cell) 1.4 MHz 3.0 MHz 5.0 MHz 10 MHz 20 MHz High Data Rates 4

6 LTE: asta assegnazione frequenze in Italia (2011) 60 MHz su banda 800 MHz (dividendo digitale e ex-frequenze televisive): fino a 6 lotti di frequenze FDD da 5 MHz in spettro accoppiato, assegnabili su base nazionale, (nominati da 1 a 6); 30 MHz in banda 1800 MHz: fino a 3 lotti di frequenze FDD da 5 MHz in spettro accoppiato, assegnabili su base nazionale (nominati da 1 a 3); 150 MHz in banda 2600 MHz: fino a 12 lotti di frequenze FDD da 5 MHz, in spettro accoppiato, assegnabili su base nazionale (nominati da 3 a 14), e 2 lotti di frequenze TDD (nominati da 1 a 2) Circa 4 M (Sett. 2011) 5

7 Tecniche di accesso UL/DL LTE impiega, in downlink, una tecnica di accesso multiportante basata sulla modalità OFDM (Orthogonal Frequency Division Multiplexing) In uplink viene utilizzata la SC-FDMA per ridurre il peak-to-average ratio e sfruttare la linearità degli amplificatori. L OFDM consente: Bassa complessità realizzativa dei ricevitori Buone performance in condizioni di canale affetto da fading selettivo Possibilità di inseguire i cambiamenti del canale tramite uno scheduling dinamico e veloce 6

8 Downlink: modulazione multiportante OFDM La tecnica OFDM può essere vista come una tecnica FDM ma con maggiore efficienza spettrale: in tal caso, infatti, è ammessa una parziale sovrapposizione degli spettri associati alle sottoportanti frequency L ortogonalità tra le sottoportanti è ottenuta facendo coincidere il valore di picco di ogni sottoportante con gli zeri delle altre L ortogonalità si ottiene scegliendo Δf= 1/NT, con T=tempo di simbolo emesso dalla sorgente (N= num. sotto-portanti) f frequency 7

9 Downlink: vantaggi dell OFDM Elevata resistenza alla distorsione causata dalla propagazione su cammini multipli. Ridotta complessità di implementazione (IFFT/FFT). Le tecniche di trasmissione/ricezione spazio-temporali (MIMO) sono applicate in modo indipendente su ciascuna sottoportante permettendo di ridurre la complessità del ricevitore rispetto ad un sistema a singola portante di uguale banda. L applicazione di tecniche di modulazione e codifica adattative (AMC) possono essere applicate singolarmente o a gruppi di sottoportanti adiacenti permettendo di sfruttare in modo efficace la selettività in frequenza del canale. Quando la tecnica OFDM è utilizzata anche come tecnica di accesso (OFDMA) permette di ripartire in modo flessibile le risorse tempofrequenza fra più utenti. 8

10 subcarriers subcarriers Downlink: accesso multiplo OFDMA Frazioni diverse delle subcarrier OFDM sono assegnate ad utenti differenti. Le portanti assegnate al singolo utente possono essere adiacenti o sparse su tutto lo spettro disponibile User #1 User #1 User #2 User #3 User #4 Considerando anche una multiplazione TDMA degli utenti User #2 User #3 User #4 User #5 User #6 slots slots 9

11 Uplink: accesso multiplo SC-FDMA Per la tratta in uplink il 3GPP ha selezionato una tecnica di accesso radio differente in quanto la tecnica OFDM presenta lo svantaggio di un elevato PAPR (Peak-to-Average Power Ratio) che pone vincoli più stringenti sulla linearità dell amplificatorein trasmissione Al fine di ottimizzare l utilizzo della potenza nei terminali e ridurne i costi, è stata selezionata la tecnica di accesso SC-FDMA (Single Carrier Frequency Division Multiple Access). Tale tecnica, come nel caso dell OFDM, divide il canale in più sottoportanti tra di loro ortogonali. Tuttavia al contrario del sistema OFDM, dove i simboli dati modulano in maniera indipendente ogni resource element, nel caso della SC-FDMA il segnale modulato nella singola sottoportante è una combinazione lineare di tutti i simboli trasmessi allo stesso istante di tempo. Questa caratteristica fornisce al segnale proprietà simili a quelle di un segnale singola portante, riducendone il PAPR significativamente. 10

12 Tecniche Multi Antenna Le tecniche di antenna Multiple Input Multiple Output (MIMO) consentono all LTE di raggiungere I bit rate più elevati Il MIMO è una tecnologia nativa per LTE mentre per HSPA è stata innestata su uno standard esistente. La tecnica OFDMA, inoltre, si presta meglio all applicazione del MIMO rispetto alla tecnica W-CDMA. Nello standard sono stati definiti schemi MIMO fino al 4x4 Il MIMO può essere utilizzato sia per lo Spatial Multiplexing: aumento capacità Space Time Coding: aumento copertura x 1 y 1 x 2 y 2 x 3 y 3 Spatial Multiplexing Space Time Coding 11

13 Architettura rete LTE L architettura di Rel8, è denominata EPS (Evolved Packet System) e comprende l E-UTRAN (Evolved UTRAN), rete di accesso radio, detta anche LTE (Long Term Evolution) e l EPC (Evolved Packet Core), ossia la Core Network; detta anche SAE (System Architecture Evolution) L enb è la combinazione, in termini funzionali, del NodeB e dell RNC L interfaccia S1-MME (controllo) è responsabile della segnalazione tra enb e MME (Mobility Management Entity), quest ultimo analogo alla funzione di Control Plane di un SGSN; Control Plane User Plane l interfaccia S1-U (dati) permette invece il transito dei dati tra enb e SGW (Serving GateWay), quest ultimo analogo alla funzione di User Plane di un SGSN. LTE SAE EPS 12

14 Architettura rete LTE L architettura di Rel8, è denominata EPS (Evolved Packet System) e comprende la rete di accesso radio E-UTRAN (Evolved UTRAN, detta anche Long Term Evolution - LTE) e la Core Network EPC (Evolved Packet Core), detta anche SAE (System Architecture Evolution) 13

15 Prestazioni di LTE: oltre i 100Mbit/s di picco (DL) Uplink: circa 50 Mbit/s 14

16 Copertura di LTE 15

17 GSM, GPRS, EDGE, UTRAN R99, HSPA, HSPA+, LTE Come uso tuttei questi sistemi cellualari tutti insieme??? Algoritmi di Common Radio Resource Management (CRRM) CRRM in idle-mode CRRM in connected-mode 16

18 La rete radiomobile eterogenea 17

LTE: Caratteristiche della Rete di Accesso

LTE: Caratteristiche della Rete di Accesso Università degli Studi di Padova FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Triennale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Tesi di Laurea LTE: Caratteristiche della Rete di Accesso Laureando Davide Sartori

Dettagli

LTE <E-A. Vittorio Degli Esposti DEI UniBO. Enrico Tarantino Claudia Carciofi Fondazione Ugo Bordoni

LTE &LTE-A. Vittorio Degli Esposti DEI UniBO. Enrico Tarantino Claudia Carciofi Fondazione Ugo Bordoni LTE <E-A Vittorio Degli Esposti DEI UniBO Enrico Tarantino Claudia Carciofi Fondazione Ugo Bordoni Sommario! Introduzione! Obiettivi! Architettura! Livello fisico! MIMO! Livello 2: MAC! RRM! The Real

Dettagli

LTE: THE EVOLUTION TO 4G WIRELESS

LTE: THE EVOLUTION TO 4G WIRELESS LTE: THE EVOLUTION TO 4G WIRELESS Università degli Studi Roma Tre - Facoltà di Ingegneria, 8 Maggio 2013 Speakers Marcello Donato Ing. TLC Università Federico II, Napoli Carlo Salatino Ing. TLC Università

Dettagli

Long Term Evolution. Introduzione alle tecniche di accesso al mezzo e alle procedure di acquisizione iniziale di codice. Ing.

Long Term Evolution. Introduzione alle tecniche di accesso al mezzo e alle procedure di acquisizione iniziale di codice. Ing. Appunti per il corso di Elaborazione numerica dei segnali per telecomunicazioni. Long Term Evolution Introduzione alle tecniche di accesso al mezzo e alle procedure di acquisizione iniziale di codice Ing.

Dettagli

LTE Long Term Evolution

LTE Long Term Evolution LTE Long Term Evolution Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. In telecomunicazioni l'lte, acronimo di Long Term Evolution, o anche 4G, è la più recente evoluzione degli standard di telefonia mobile cellulare

Dettagli

Il sistema mobile di quarta generazione LTE

Il sistema mobile di quarta generazione LTE Il sistema mobile di quarta generazione LTE Martina Andreozzi Giuseppina De Vito Lo sviluppo delle reti di comunicazione mobile è in una fase di transizione storica verso la cosiddetta 4 generazione. La

Dettagli

Evoluzioni delle reti mobili verso la larga banda

Evoluzioni delle reti mobili verso la larga banda MOBILE SPECIALE NGN2 Evoluzioni delle reti mobili verso la larga banda LUCA D ANTONIO PAOLO GIANOLA GIOVANNI ROMANO L utilizzo sempre più diffuso di Internet, in particolare dei servizi di download di

Dettagli

Implementazione rete LTE

Implementazione rete LTE Implementazione rete LTE Milano, 11 dicembre 2013 Riccardo Zanini Agenda LTE: caratteristiche e prestazioni Stazioni radio base: installazione ed integrazione Strategia e sviluppo della rete Agenda LTE:

Dettagli

Dispensa del Corso Comunicazioni Wireless

Dispensa del Corso Comunicazioni Wireless UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA, GESTIONALE E MECCANICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA, GESTIONALE E MECCANICA Dispensa del Corso

Dettagli

Progetto in inchiesta pubblica PROGETTO C. 1114 08-03-2013 2013-02

Progetto in inchiesta pubblica PROGETTO C. 1114 08-03-2013 2013-02 N O R M A I T A L I A N A C E I 1 Data Scadenza Inchiesta C. 1114 08-03-2013 Data Pubblicazione 2013-02 Classificazione 106- Titolo Guida per la misura e per la valutazione dei campi elettromagnetici nell'intervallo

Dettagli

Analisi delle prestazioni di reti ibride Wi-Fi e LTE tramite simulazione di rete.

Analisi delle prestazioni di reti ibride Wi-Fi e LTE tramite simulazione di rete. Università degli Studi di Padova Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Triennale in Ingegneria dell Informazione Analisi delle prestazioni di reti ibride Wi-Fi e LTE tramite simulazione di rete. Laureando

Dettagli

Appunti per il corso di Telecomunicazioni Wireless. Long Term Evolution. Introduzione. Ing. Elena Guzzon

Appunti per il corso di Telecomunicazioni Wireless. Long Term Evolution. Introduzione. Ing. Elena Guzzon Appunti per il corso di Telecomunicazioni Wireless Long Term Evolution Introduzione Ing. Elena Guzzon a.a 2011/2012 1. INTRODUZIONE Long Term Evolution (LTE) è l'evoluzione dei sistemi di telecomunicazioni

Dettagli

LTE-Advanced e l evoluzione verso sistemi beyond-4g

LTE-Advanced e l evoluzione verso sistemi beyond-4g Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Protocolli per reti mobili LTE-Advanced e l evoluzione verso sistemi beyond-4g Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Comunicazione multimediale su reti LTE Multimedial Communication over LTE networks

Comunicazione multimediale su reti LTE Multimedial Communication over LTE networks Università degli Studi di Padova Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Tesi di Laurea Triennale in Ingegneria Dell Informazione Comunicazione multimediale su reti LTE Multimedial Communication over

Dettagli

Docenti: Dott. Franco Mazzenga, Dott.ssa. Ernestina Cianca a.a. 2009-2010

Docenti: Dott. Franco Mazzenga, Dott.ssa. Ernestina Cianca a.a. 2009-2010 Tecniche avanzate di trasmissione Docenti: Dott. Franco Mazzenga, Dott.ssa. Ernestina Cianca a.a. 2009-2010 1 Informazioni Docente di questa parte del corso: Dott.ssa Ernestina Cianca Email: cianca@ing.uniroma2.it

Dettagli

Algoritmi per la pianificazione incrementale di LTE nelle reti di accesso radiomobile

Algoritmi per la pianificazione incrementale di LTE nelle reti di accesso radiomobile Politecnico di Milano V Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Algoritmi per la pianificazione incrementale di LTE nelle reti di accesso radiomobile Relatore: Prof.

Dettagli

Le Aziende del Distretto Green & High Tech presentano i loro progetti. Valorizzare le sinergie della rete per creare valore aggiunto.

Le Aziende del Distretto Green & High Tech presentano i loro progetti. Valorizzare le sinergie della rete per creare valore aggiunto. Le Aziende del Distretto Green & High Tech presentano i loro progetti Valorizzare le sinergie della rete per creare valore aggiunto Azcom Technology Relatore: Claudio Canosi 10-15 Aprile 2014 APA Confartigianato

Dettagli

Le Reti Cellulari. Ing. Daniele Tarchi. Telematica nei Sistemi di trasporto - L08 1

Le Reti Cellulari. Ing. Daniele Tarchi. Telematica nei Sistemi di trasporto - L08 1 Le Reti Cellulari Ing. Daniele Tarchi Telematica nei Sistemi di trasporto - L08 1 Sistemi cellulari Nei primi sistemi radiomobili ogni terminale di utente operava trasmettendo su un certo intervallo di

Dettagli

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN)

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN) WLAN 802.11 1 Local Area Network (LAN) Ethernet Server Hub Internet 2 1 Wireless Local Area Network (WLAN) Ethernet Server Access Point Internet 3 Perchè le Wireless LAN Riduzione costi di manutenzione

Dettagli

Università degli Studi di Siena

Università degli Studi di Siena Università degli Studi di Siena Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Indirizzo Sistemi per il telerilevamento Allocazione distribuita delle risorse

Dettagli

La continua crescita del traffico dati nelle reti mobili richiede

La continua crescita del traffico dati nelle reti mobili richiede 24 NOTIZIARO TECNICO TELECOM ITALIA 25 I TRIAL LTE TI: EVOLUZIONE DEL SISTEMA RADIOMOBILE VERSO IL 4G INNOVAZIONE MOBILE Loris Bollea, Marco Caretti, Vincenzo Torrasi La continua crescita del traffico

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI TESI DI LAUREA SPECIALISTICA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI TESI DI LAUREA SPECIALISTICA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI TESI DI LAUREA SPECIALISTICA SIMULAZIONE EFFICIENTE DI UN COLLEGAMENTO WIRELESS MIMO IN TECNOLOGIA 3GPP-LTE

Dettagli

PRONTO INTERVENTO SULL IMPIANTO

PRONTO INTERVENTO SULL IMPIANTO Adeguamento, filtri e soluzioni di emergenza contro le interferenze Scenari Il punto della situazione, le prospettive, i competitor di telefonia mobile, le problematiche da risolvere sul campo a cura di

Dettagli

Una panoramica su GSM, GPRS, EDGE e UMTS

Una panoramica su GSM, GPRS, EDGE e UMTS Una panoramica su GSM, GPRS, EDGE e UMTS Luca D Antonio Roma, 7/12/2006 0 Sistemi radiomobili Connettono utenti mobili ad utenti mobili e/o fissi utilizzando la risorsa radio, indipendentemente dalla posizione

Dettagli

Architettura e protocolli nelle reti LTE

Architettura e protocolli nelle reti LTE Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Protocolli per reti mobili Architettura e protocolli nelle reti LTE Anno Accademico 2014/2015 Candidato:

Dettagli

Page 1. Elettronica delle telecomunicazioni II ETLC2 - C1 29/05/2006 2006 DDC 1. Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione

Page 1. Elettronica delle telecomunicazioni II ETLC2 - C1 29/05/2006 2006 DDC 1. Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione Modulo Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione Elettronica delle telecomunicazioni II C - Sistemi e moduli UMTS C1 Struttura interfaccia radio» Accesso multiplo» Radio frame» Blocchi funzionali

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Tesi di Laurea in TRASMISSIONE NUMERICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Tesi di Laurea in TRASMISSIONE NUMERICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Tesi di Laurea in TRASMISSIONE NUMERICA Laureando: Serge TcheguemTango Relatore: Chiar.mo

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento INFOCOM. Aldo Roveri Lezioni dell a.a. 2013-2014

Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento INFOCOM. Aldo Roveri Lezioni dell a.a. 2013-2014 Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento INFOCOM RETI MOBILI E MULTIMEDIALI Aldo Roveri Lezioni dell a.a. 2013-2014 XVII. LTE ADVANCED LTE Advanced XVII.1 I sistemi di quarta generazione

Dettagli

COMUNE DI MARTELLAGO

COMUNE DI MARTELLAGO Regolamentazione per l'installazione delle stazioni radio base per telefonia mobile - Aggiornamento COMUNE DI MARTELLAGO PROVINCIA DI VENEZIA Piano di localizzazione per l installazione delle stazioni

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

TECNOLOGIE WIRELESS PER LA LARGA BANDA

TECNOLOGIE WIRELESS PER LA LARGA BANDA TECNOLOGIE WIRELESS PER LA LARGA BANDA SCENARI EVOLUTIVI Roberto Piermarini Guido Vannucchi 3.4 L offerta tecnologica di soluzioni per la larga banda wireless sta diventando sempre più ampia, con differenti

Dettagli

IEEE 802.16 WIRELESS MAN

IEEE 802.16 WIRELESS MAN Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di Ingegneria dell Informazione IEEE 802.16 WIRELESS MAN Maria Luisa Merani IEEE 802.16 e WiMAX M LM 1 Oggetto dello standard 802.16 Fornire

Dettagli

LTE Duplex Gap 821- -832 - BANDA Uplink Wind 832- -842 837 Uplink Tim 842- -852 847 Uplink Vodafone 852- -862 857

LTE Duplex Gap 821- -832 - BANDA Uplink Wind 832- -842 837 Uplink Tim 842- -852 847 Uplink Vodafone 852- -862 857 TABELLA CANALI TV DIGITALI DVB-T Banda Canale Estremi canale MHz Frequenza MHz E1 40- -47 / E2 47- -54 / VHF I E3 54- -61 / E4 61- -68 / E5 174- -181 177,5 E6 181- -188 184,5 E7 188- -195 191,5 VHF III

Dettagli

08/12/2013. Introduzione LTE. Long Term Evolution. Introduzione. Introduzione. Considerazioni. Considerazioni. Considerazioni

08/12/2013. Introduzione LTE. Long Term Evolution. Introduzione. Introduzione. Considerazioni. Considerazioni. Considerazioni Introduzione LTE Long Term Evolution Considerazioni - crescita complessiva negli ultimi 2 anni: 280% - già a dicembre 2009 è avvenuto il sorpasso del traffico dati rispetto al traffico voce - Cisco Systems

Dettagli

Lucidi delle lezioni del corso di SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE

Lucidi delle lezioni del corso di SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE TELEFONIA MOBILE Cenni Storici La propagazione nello spazio libero è usata da quasi 100 anni per le telecomunicazioni I primi (rudimentali) sistemi di telecomunicazione mobile non diffusiva appaiono durante

Dettagli

CATALOGO CORSI FORMAZIONE ICT - TECNOLOGIE SOSTENIBILI

CATALOGO CORSI FORMAZIONE ICT - TECNOLOGIE SOSTENIBILI CATALOGO CORSI FORMAZIONE ICT - TECNOLOGIE SOSTENIBILI Chi siamo TransTec Services è una società operante nel settore ICT, il cui modello di business è fondato sull innovazione tecnologica, la professionalità

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione 1 - Introduzione al corso Reti Radiomobili

Dettagli

Quarta Lezione Le reti Mobili

Quarta Lezione Le reti Mobili Le reti Mobili Università aperta 13 feb 13 Quarta Lezione Le reti Mobili Federico Marcheselli 1 Argomenti del Corso: sistemi di comunicazione: schema a blocchi schema a blocchi di una corretta comunicazione

Dettagli

UMTS: Universal Mobile Telecommunication Systems

UMTS: Universal Mobile Telecommunication Systems UMTS: Universal Mobile Telecommunication Systems Sommario Introduzione Tecnologia radio Architettura di rete Canali UMTS Introduzione Introduzione I due maggiori successi commerciali degli anni 90 sono

Dettagli

Coperture cellulari. Marco Listanti. Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009. INFOCOM Dept

Coperture cellulari. Marco Listanti. Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009. INFOCOM Dept Coperture cellulari Marco Listanti Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009 Indice Le reti cellulari Architettura di una rete cellulare Coperture cellulari Motivazioni Il canale radiomobile

Dettagli

CAPITOLO 3 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI DAL TACS ALL UMTS

CAPITOLO 3 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI DAL TACS ALL UMTS CAPITOLO 3 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI DAL TACS ALL UMTS 3.1 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI Nel campo della comunicazione wireless si individuano successive generazioni di sistemi che si distinguono

Dettagli

QUALITÀ DEI SERVIZI DI

QUALITÀ DEI SERVIZI DI QUALITÀ DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI RELAZIONE SULL ANALISI TECNICO-ECONOMICA DEI SERVIZI RADIOMOBILI E RAPPORTO FINALE CONTENENTE LE LINEE GUIDA PER LA REGOLAMENTAZIONE Sommario 1 Sigle

Dettagli

scheduling, ossia occorre un algoritmo che nel tempo assegni ciascuna sottoportante dati ad un certo utente. Lo standard non specifica l'algoritmo di

scheduling, ossia occorre un algoritmo che nel tempo assegni ciascuna sottoportante dati ad un certo utente. Lo standard non specifica l'algoritmo di WiMAX WiMAX è il risultato del tentativo di standardizzare soluzioni wireless a banda larga. Gli obiettivi di questa tecnologia sono servire un elevato numero di utenti (migliaia), coprire lunghe distanze

Dettagli

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS c.so Duca degli Abruzzi 4 1019 Torino (Italy) Fax +39 011 564 4099 pag. /34 Premessa Il seguente capitolo illustra i principi tecnici fondamentali a cui si ispirano le tecnologie utilizzate per i serivizi

Dettagli

Tecnologia 4G [ LTE ]

Tecnologia 4G [ LTE ] HSDPA permette di aumentare la velocità di trasmissione raggiungendo la velocità teorica di 14.4 Mbit/s. HSUPA viceversa permette di migliorare le performance di up-link fino a 5.76Mbit/s teorici. Recentemente

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI MODI DI TRASFERIMENTO SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE L informazione da trasferire si ipotizza strutturata in IU Costituita da b bit Da consegnare in t secondi Se

Dettagli

Le tecnologie per la connettività radio in ambito geografico

Le tecnologie per la connettività radio in ambito geografico Le tecnologie per la connettività radio in ambito geografico 1 Molteplici requisiti Uniformità di copertura radio Servizio di connettività offerto in zone a differente richiesta di traffico e ad utenti

Dettagli

VERSO LA QUARTA GENERAZIONE RADIOMOBILE

VERSO LA QUARTA GENERAZIONE RADIOMOBILE VERSO LA QUARTA GENERAZIONE RADIOMOBILE 3.4 Vittorio Trecordi Lo sviluppo delle reti mobili è tra i fattori che hanno maggiormente influenzato l evoluzione delle telecomunicazioni, mutando le abitudini

Dettagli

Orthogonal Frequency-Division Multiplexing

Orthogonal Frequency-Division Multiplexing Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Firenze, 20 Gennaio 2005 Corso di Sistemi Wireless in Area Locale Orthogonal Frequency-Division Multiplexing Un approccio

Dettagli

HSPA - High Speed Packet Access

HSPA - High Speed Packet Access HSPA - High Speed Packet Access 0 Downlink: HSDPA caratteristiche 1 Cos è l HSDPA? E un insieme di funzionalità radio introdotte in UTRAN R5 finalizzate a: Fruizione ottimale di servizi a pacchetto asimmetrici

Dettagli

Le Reti Cellulari. Ing. Daniele Tarchi. Sistemi cellulari

Le Reti Cellulari. Ing. Daniele Tarchi. Sistemi cellulari Le Reti Cellulari Ing. Daniele Tarchi A.A. 2007/08 Telematica nei Sistemi di trasporto - L08 1 Sistemi cellulari Nei primi sistemi radiomobili ogni terminale di utente operava trasmettendo su un certo

Dettagli

Sorgenti per comunicazione mobile e modalità di esposizione. Daniele Andreuccetti IFAC-CNR, Firenze

Sorgenti per comunicazione mobile e modalità di esposizione. Daniele Andreuccetti IFAC-CNR, Firenze Sorgenti per comunicazione mobile e modalità di esposizione Daniele Andreuccetti IFAC-CNR, Firenze ZigBee Bluetooth Wi-Fi UWB I servizi di telecomunicazione numerica Wi-Max DVB-S GSM DVB-T PCN UMTS DVB-H

Dettagli

L accesso mobile a internet

L accesso mobile a internet L accesso mobile a internet Le frequenze utilizzabili Mario Frullone Direttore delle Ricerche Roma 24 febbraio 2011 L evoluzione del broadband mobile Previsione di crescita per il traffico dati su reti

Dettagli

TECNOLOGIE DI RELAY PER SISTEMI MOBILI LTE-ADVANCED E WIMAX

TECNOLOGIE DI RELAY PER SISTEMI MOBILI LTE-ADVANCED E WIMAX UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE TESINA TECNOLOGIE DI RELAY PER SISTEMI MOBILI LTE-ADVANCED E WIMAX RELATORE: Ch.mo Prof. Stefano Tomasin LAUREANDO: Simone

Dettagli

Appunti di telecomunicazione

Appunti di telecomunicazione Servizio radiomobile GSM Cenni storici Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali.

Dettagli

Filtraggio dei segnali. Soluzioni Fracarro. fracarro.com -50.00 -40.00 -30.00 20.00 -10.00 0.000 -20.00

Filtraggio dei segnali. Soluzioni Fracarro. fracarro.com -50.00 -40.00 -30.00 20.00 -10.00 0.000 -20.00 Filtraggio dei segnali Soluzioni Fracarro 5.. 3.. 1...... -5. fracarro.com Cos'è LTE? Il termine LTE, acronimo di Long Term Evolution, è un nuovo standard internazionale, adottato dalla Comunità Europea,

Dettagli

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Prof : Stefano Bistarelli Seminario : RETI CELLULARI (2 / 3 / 4 G) THANKS TO Sara Di Matteo SOMMARIO: Introduzione 1G (TACS) Architettura della rete cellulare Tecniche

Dettagli

Rete di accesso UMTS. Ing. Luca FOSSATI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA

Rete di accesso UMTS. Ing. Luca FOSSATI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA Rete di accesso UMTS Ing. Luca FOSSATI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA Pavia, 28 Gennaio 2004 Sommario Overview sulla tecnologia UMTS Pianificazione della

Dettagli

RETI CELLULARI. Principi generali. Definizioni

RETI CELLULARI. Principi generali. Definizioni RETI CELLULARI Principi generali Copyright Gruppo Reti di Telecomunicazioni Politecnico di Torino Rete wireless Definizioni (sotto)rete in cui l accesso da un terminale avviene attraverso un canale radio,

Dettagli

Università degli studi di Napoli Federico II - Facoltà d Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni

Università degli studi di Napoli Federico II - Facoltà d Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Questo è lo spettro di un segnale FM a 50 MHz. La fm è 10kHz, di conseguenza fp=2,4x10khz =24kHz Siccome si può settare con precisione la frequenza modulata usando un analizzatore di spettro e siccome

Dettagli

WiMAX mobile e Telecom Italia

WiMAX mobile e Telecom Italia APPROFONDIMENTI WiMAX mobile e Telecom Italia MARCO CARETTI IVANO COLLOTTA DARIO SABELLA 1. Introduzione La procedura di assegnazione delle frequenze "WiMAX", presentata ad ottobre 2007 dal La tecnologia

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE TECNICHE DI ACCESSO AL MEZZO NELLE RETI CELLULARI DI NUOVA GENERAZIONE

VALUTAZIONE DELLE TECNICHE DI ACCESSO AL MEZZO NELLE RETI CELLULARI DI NUOVA GENERAZIONE VALUTAZIONE DELLE TECNICHE DI ACCESSO AL MEZZO NELLE RETI CELLULARI DI NUOVA GENERAZIONE RELATORE: Leonardo Badia CORRELATORE: Daniele Munaretto LAUREANDO: Michele Luvisotto A.A. 2011-2012 UNIVERSITÀ

Dettagli

Introduzione: scelta della tecnica di accesso multiplo

Introduzione: scelta della tecnica di accesso multiplo Sistema UMTS Tecnica di accesso W-CDMA Introduzione: scelta della tecnica di accesso multiplo... 1 Concetti generali sul CDMA... 3 L operazione di spreading... 6 Parametri caratteristici dell operazione

Dettagli

Tecniche di modulazione in segnali radio

Tecniche di modulazione in segnali radio Capitolo 13 Tecniche di modulazione in segnali radio Impatto ambientale dei campi elettromagnetici Misure a banda stretta Elemento fondamentale per le misure a banda stretta è l analizzatore di spettro.

Dettagli

Tecnologie GPRS/EDGE e Servizio Push-To-Talk

Tecnologie GPRS/EDGE e Servizio Push-To-Talk Tecnologie GPRS/EDGE e Servizio Push-To-Talk Ing. Vittorio BELOTTI Pavia, 29 Gennaio 2004 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA 1 / 61 Sommario Attività della

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz)

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz) LA MODULAZIONE DMT Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda (up to 1104 KHz) Consente di suddividere la banda di trasmissione in un determinato numero di sottobande (BINS) a ciascuna

Dettagli

GSM - GSM - parte IV

GSM - GSM - parte IV GSM - parte IV Argomenti della lezione Il livello fisico dell interfaccia radio (Um) Frequenze assegnate al GSM (Europa) GSM primario downlink GSM primario uplink GSM esteso downlink GSM esteso uplink

Dettagli

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

easy LTE a cura di Paolo Semenzato

easy LTE a cura di Paolo Semenzato easy LTE a cura di Paolo Semenzato dedicato a Raoul docere, delectare, movere (Cicerone) easy LTE a cura di Paolo Semenzato 7 Prefazione LTE è adesso! LTE (Long Term Evolution) è la nuova rete radiomobile

Dettagli

sistema di copertura globale

sistema di copertura globale UMTS UMTS, Universal Mobile Telecommunication System, nasce con la necessità di fornire copertura globale con buona qualità del servizio, prerequisito non fondamentale in GSM, velocità di trasmissione

Dettagli

Protocolli di accesso multiplo

Protocolli di accesso multiplo Protocolli di accesso multiplo Quando l accesso ad una risorsa può avvenire da parte di più utenti indipendenti, si parla di risorsa condivisa ed è necessaria l implementazione di particolari protocolli

Dettagli

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma L ambiente mobile Ing. Gianfranco Pontevolpe Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Programma I sistemi cellulari Lo standard GSM I problemi di sicurezza del GSM Lo standard

Dettagli

Spostamento = Velocità utente Frequenza della portante Velocità della luce

Spostamento = Velocità utente Frequenza della portante Velocità della luce 1 Spostamento = Velocità utente Frequenza della portante Velocità della luce 2 3 4 5 6 7 WiMAX : Worldwide Interoperability for Microwave Access Consorzio no-profit di aziende creato per promuovere e certificare

Dettagli

3.3 - GPRS-EDGE. Architetture e Protocolli per Reti Wireless - R. Bolla 1. Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Prof.

3.3 - GPRS-EDGE. Architetture e Protocolli per Reti Wireless - R. Bolla 1. Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Prof. Università di Genova Facoltà di Ingegneria 3. Reti Radio-mobili Cellulari 3.3 GPRS-EDGE Prof. Raffaele Bolla Architetture e Protocolli per Reti Wireless dist La trasmissione dati su reti radio mobili cellulari

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

SISTEMI RADIOMOBILI DI QUINTA GENERAZIONE

SISTEMI RADIOMOBILI DI QUINTA GENERAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA corso di laurea triennale in ingegneria delle telecomunicazioni TESI DI LAUREA SISTEMI RADIOMOBILI DI QUINTA GENERAZIONE Relatore: ROBERTO CORVAJA Laureando: BERTRAND NEMBOT

Dettagli

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE L acronimo xdsl indica una famiglia di sistemi che consente di impiegare il doppino telefonico in rame per trasportare il traffico numerico

Dettagli

Esperienze di trial WiMAX in Telecom Italia

Esperienze di trial WiMAX in Telecom Italia Belluno, 23 novembre 2007 Esperienze di trial WiMAX in Telecom Italia Technology - Tilab VALERIO PALESTINI Wireless Broadband technologies evolution 2003/4 2005/6 2007/8 2009/10 2011/12 2013/14 WiMax Fixed

Dettagli

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali.

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 01CXGBN Trasmissione numerica parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 1 TRASMISSIONE NUMERICA Trasmissione da un utente TX a un utente RX di informazione discreta

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni

Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni Le reti locali si differenziano da quelle geografiche e dai sistemi multiprocessore dalla velocità di trasmissione (data rate) R usata e dalla distanza

Dettagli

è acronimo di Long Term Evolution, detto anche Super 3G o 4G per Internet Mobile ed utilizzerà l OFDM come modulazione.

è acronimo di Long Term Evolution, detto anche Super 3G o 4G per Internet Mobile ed utilizzerà l OFDM come modulazione. Cosa cambierà Cos è LTE?? è acronimo di Long Term Evolution, detto anche Super 3G o 4G per Internet Mobile ed utilizzerà l OFDM come modulazione. A settembre 2011 si è conclusa con successo l'asta pubblica

Dettagli

OSSERVAZIONI di HUAWEI

OSSERVAZIONI di HUAWEI CONSULTAZIONE PUBBLICA CONCERNENTE L IMPIEGO DI FREQUENZE NELLA BANDA 3600-3800 MHZ DA PARTE DI SISTEMI TERRESTRI IN GRADO DI FORNIRE SERVIZI DI COMUNICAZIONI ELETTRONICHE (DELIBERA AGCOM N. 553/12/CONS)

Dettagli

La diffusione delle reti locali (LAN)

La diffusione delle reti locali (LAN) TECNOLOGIE W-LAN E WIMAX: IL FUTURO DELLA CONNETTIVITÀ INDOOR E OUTDOOR di Ing. Paolo Talone, Responsabile Progetti di Ricerca della Fondazione Ugo Bordoni (FUB) LA TECNOLOGIA DELLE RETI È IN CONTINUO

Dettagli

AGCOM Progetto ISBUL WP1.2 Accesso Radio

AGCOM Progetto ISBUL WP1.2 Accesso Radio AGCOM Progetto ISBUL WP1.2 Accesso Radio Autori: Marco Ajmone Marsan, Carlo Cambini, Claudio Casetti, Carla-Fabiana Chiasserini, Nicola Garelli (Politecnico di Torino) Antonio Sassano (Università di Roma

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento INFOCOM. Aldo Roveri Lezioni dell a.a. 2013-2014

Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento INFOCOM. Aldo Roveri Lezioni dell a.a. 2013-2014 Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento INFOCOM RETI MOBILI E MULTIMEDIALI Aldo Roveri Lezioni dell a.a. 2013-2014 1 XII. ACCESSO WIRELESS E MOBILITA Accesso wireless e mobilità XII.1 Tecniche

Dettagli

Rete Radiomobile TETRA

Rete Radiomobile TETRA Aeroporti di Roma La Tecnologia Digitale TETRA TErrestrial Trunked RAdio TETRA - Lo standard digitale per i Sistemi Radiomobili Professionali European Telecommunications Standardization Institute attraverso:

Dettagli

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing Multiplexing I semestre 02/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Multiplexing In genere un utente non riesce ad utilizzare tutta la banda messa a disposizione

Dettagli

Elaborazione Numerica dei Segnali per Telecomunicazioni. Software Defined Radio e Campionamento Passa-Banda

Elaborazione Numerica dei Segnali per Telecomunicazioni. Software Defined Radio e Campionamento Passa-Banda Elaborazione Numerica dei Segnali per Telecomunicazioni Anno Accademico 2008/2009 Software Defined Radio e Campionamento Passa-Banda Francesco Benedetto (fbenedet@uniroma3.it) Digital Signal Processing,

Dettagli

CARATTERISTICHE COMUNI A ETACS E GSM

CARATTERISTICHE COMUNI A ETACS E GSM Page 1 of 10 CENNI STORICI Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali. Nel nostro

Dettagli

Fondamenti teorici dello SS

Fondamenti teorici dello SS Tecniche a spettro espanso Un sistema a spettro espanso è realizzato sulla base di tecniche per cui il segnale trasmesso ha un occupazione spettrale maggiore (10 3 10 6 ) di quella che avrebbe il convenzionale

Dettagli

Per garantire robustezza agli ambienti mobili WiMax combina l'harq,amc e CQICH.

Per garantire robustezza agli ambienti mobili WiMax combina l'harq,amc e CQICH. WiMax WiMax è l'acronimo per Worldwide Interoperability for Microwave Access ed è una tecnologia che consente l'accesso a reti di telecomunicazioni a banda larga e senza fili le cui specifiche sono state

Dettagli

Mobile TV Quali opzioni per le architetture di rete

Mobile TV Quali opzioni per le architetture di rete Guido GENTILE Elettronica Industriale Mobile TV Quali opzioni per le architetture di rete Bologna 24 Novembre 2005 0 Agenda Introduzione all architettura DVB-H Mediaset Specificità e problematiche nella

Dettagli

Sistemi per Telecomunicazioni

Sistemi per Telecomunicazioni Sistemi per Telecomunicazioni QSD Sistemi s.r.l. 20060 Pessano con Bornago (MI), Via Isonzo 6/bis Tel 02.9504773 Email: info@qsdsistemi.it - www.qsdsistemi.it CONSULENZA NELLE TLC Dal 2004 QSD Sistemi

Dettagli

Classificazione delle reti wireless

Classificazione delle reti wireless 1 Classificazione delle reti wireless Wireless nelle reti di comunicazione Infrastrutture di base per assicurare la connettività Comunicazioni persona-persona (P2P), persona-macchina (P2M) e macchinamacchina

Dettagli

La storia. dist. Lezione 3.4, v. 1.0. Architetture e Protocolli Wireless -N. O. Lezione 3.4, v. 1.0. Architetture e Protocolli Wireless -N. O.

La storia. dist. Lezione 3.4, v. 1.0. Architetture e Protocolli Wireless -N. O. Lezione 3.4, v. 1.0. Architetture e Protocolli Wireless -N. O. Università di Genova Facoltà di Ingegneria 3. Reti Radio-mobili Cellulari 3.4 UMTS Prof. Raffaele olla Architetture e Protocolli per Reti Wireless dist La storia Nel 1985 viene fondato il primo gruppo

Dettagli

Femtocell per sistemi cellulari di nuova generazione

Femtocell per sistemi cellulari di nuova generazione Femtocell per sistemi cellulari di nuova generazione Sommario 1 Reti femtocell... 3 1.1 Introduzione... 3 1.2 Introduzione alle reti cellulari... 4 1.2.1 Copertura a celle... 6 1.2.2 Gestione della mobilità...

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE... 1. Capitolo 1: RETI WIRELESS... 5. 1.1 Reti Wireless... 5. 1.2 Lo standard IEEE 802.11... 10. 1.3 Le Vanet...

INDICE INTRODUZIONE... 1. Capitolo 1: RETI WIRELESS... 5. 1.1 Reti Wireless... 5. 1.2 Lo standard IEEE 802.11... 10. 1.3 Le Vanet... Indice INDICE INTRODUZIONE... 1 Capitolo 1: RETI WIRELESS... 5 1.1 Reti Wireless... 5 1.2 Lo standard IEEE 802.11... 10 1.3 Le Vanet... 14 1.4 LTE (Long Term Evolution)... 19 1.5 5G... 21 Capitolo 2: RETI

Dettagli