Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento INFOCOM. Aldo Roveri Lezioni dell a.a

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento INFOCOM. Aldo Roveri Lezioni dell a.a. 2013-2014"

Transcript

1 Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento INFOCOM RETI MOBILI E MULTIMEDIALI Aldo Roveri Lezioni dell a.a

2 XVII. LTE ADVANCED

3 LTE Advanced XVII.1 I sistemi di quarta generazione 151

4 IMT Advanced (1/4) Nel 2008 l ITU-R (International Telecommunication Union Radiocommunication Sector) con un documento dal titolo International Mobile Telecommunication Advanced, abbreviato in IMT-Advanced, ha fissato le tecnologie di telecomunicazioni mobili a larga banda di quarta generazione (4G). IMT-Advanced è l evoluzione del precedente documento IMT 2000, che a suo tempo ha definito i requisiti per i sistemi mobili di terza generazione (3G). 152

5 IMT Advanced (2/4) L IMT-Advanced, comel IMT 2000, definisce solo requisiti minimi che le tecnologie candidate a implementarli debbono rispettare, non essendo però limiti cogenti. Tra le tecnologie candidate in corso di sviluppo vanno citate: l LTE Advanced (lo standard a cura del 3GPP successivo a LTE); il Mobile WiMax m (lo standard a cura dell IEEE successivo all e). 153

6 IMT Advanced (3/4) Le note che seguono sono dedicate all LTE Advanced, che ha aderito alle linee guida dell IMT- Advanced al fine di permettere una completa interoperabilità tra i sistemi cellulari che vi hanno aderito. Le principali caratteristiche dei sistemi IMT Advanced sono: funzionalità interoperanti a livello mondiale e possibilità di roaming senza limiti; 154

7 IMT Advanced (4/4) compatibilità dei servizi all interno dell IMT e di quelli offerti dalle reti fisse; interoperabilità con altri sistemi di accesso radio; aumento del ritmo binario di picco per consentire la fruizione di nuovi servizi, che richiedono per cella 100 Mbit/s in condizioni di alta mobilità, fino a 1 Gbit/s per bassa mobilità; applicazioni e servizi user-friendly; terminali idonei a un uso planetario. 155

8 Attività del 3GPP verso il 4G (1/3) Una solida ragione che ha indotto il 3GPP a orientarsi verso l IMT-Advanced è che i sistemi a questo conformi sono candidati a utilizzare per la radiocomunicazione cellulare le nuove gamme di frequenza collocate nello spettro UHF superiore e destinate finora alla diffusione della televisione terrestre. 156

9 Attività del 3GPP verso il 4G (2/3) Secondo la WARC (World Administrative Radio Conference) tenutasi a Ginevra a fine 2007, all Europa e a parte dell Asia è stata attribuita la banda MHz, mentre al continente americanoea9paesi asiatici la banda assegnata è stata quella MHz. Il 3GPP ha concentrato i propri sforzi verso l LTE- Advanced (in sigla LTE-A) a partire dalla Release 10 (marzo 2011) e tuttora sta proseguendo con le releases successive. 157

10 Attività del 3GPP verso il 4G (3/3) Nelle precedenti releases 8 e 9 (dicembre 2008 e dicembre 2009) era stato sviluppato il sistema LTE, a cui è stato dedicato il capitolo precedente; per sottolineare che in LTE non si ha una completa osservanza dei parametri prestazionali richiesti per sistemi di quarta generazione, il sistema LTE è considerato di generazione intermedia tra 3G e 4G. 158

11 Confronto tra LTE Rel.8, LTE-A e IMT- Advanced (1/6) Per chiarire la differenza tra gli obiettivi prestazionali di LTE-A e quelli di LTE Release 8, e per mettere a confronto entrambi questi sistemi con i parametri posti dall IMT-Advanced, nella Tab. XVII.1 sono riportati i valori assunti come riferimento per: il ritmo dei dati di picco in downlink e in uplink; l efficienza spettrale di picco in downlink e in uplink; 159

12 Confronto tra LTE Rel.8, LTE-A e IMT- Advanced (2/6) la capacità di trasferimento per unità di banda e per cella con diverse configurazioni di antenne; Il throughput a bordo cella per unità di banda, per cella e per utente con diverse configurazioni di antenne; i tempi di latenza» da UE IDLE a UE ACTIVE» RTT (Round Trip Time). 160

13 Confronto tra LTE Rel.8, LTE-A e IMT- Advanced (3/6) - Tab. XVII.1 Ritmo di dati di picco (Mbit/s) Efficienza spettrale di picco (bit/s/hz) Capacità di trasferimento (bit/s/hz/cella) Throughput di utente a bordo cella (bit/s/hz/cella) DL/UL Configurazioni di antenna LTE Release 8 LTE Advanced IMT Advanced DL UL DL UL - 3, ,75 DL UL DL UL 2x2 1,69 2,4-4x2 1,87 2,6 2,2 4x4 2,67 3,7-1x2 0,74 1,2-2x4-2,0 1,4 2x2 0,05 0,07-4x2 0,06 0,09 0,06 4x4 0,08 0,12-1x2 0,024 0,04-2x4-0,07 0,03 Da idle a active < 100 <50 < (ms) Round trip time < 10 <5 < 10 Tempi di latenza

14 Confronto tra LTE Rel.8, LTE-A e IMT- Advanced (4/6) Dall esame di questa tabella si vede che: le prestazioni di LTE Release 8 non soddisfano i requisiti di IMT Advanced; tali requisiti sono invece pienamente soddisfatti dalle prestazioni fissate per LTE Advanced; rilevante è il miglioramento di prestazioni da LTE prima maniera a LTE versione attuale. 162

15 Confronto tra LTE Rel.8, LTE-A e IMT- Advanced (5/6) Non incluso nella tabella è il numero minimo di utenti per cella; facendo riferimento al caso di utenti con allocazione massima di banda uguale a 5 MHz, questo numero minimo cresce di 100 unità nel passaggio dalla versione più datata a quella più recente; occorre aggiungere che in quest ultima versione si fa riferimento a utenti non in modalità discontinua. 163

16 Confronto tra LTE Rel.8, LTE-A e IMT- Advanced (6/6) Relativamente infine alle classi di mobilità, le due versioni di LTE non presentano differenze e sono entrambe rispondenti ai requisiti di IMT Advanced: fino a 15 km/h, le prestazioni sono insensibili alla mobilità; si comincia ad avere perdita di prestazioni quando la velocità del mobile cresce fino a 120 km/h; in ogni caso la continuità del servizio deve essere garantita quando la mobilità cresce ulteriormente fino a 350/500 km/h. 164

17 Novità di LTE-A (1/4) Come risulterà più chiaro dalle note che seguono, le novità introdotte da LTE Advanced hanno riguardato quasi esclusivamente la rete di accesso, mentre la rete dorsale non ha subito modifiche di rilievo. I cinque paragrafi che seguono sono dedicati alla presentazione dei provvedimenti attuati in LTE-A sulla E-UTRAN: 165

18 Novità di LTE-A (2/4) il conseguimento di throughput più elevati mediante l allocazione di portanti multiple aggregate a un singolo UE fino ad un massimo di 100 MHz contro un massimo di 20 MHz nella Release 8; il miglioramento della tecnica MIMO ottenuto con l impiego di 8 antenne in trasmissione e in ricezione (rispetto alle 4 previste nell LTE prima maniera) e con l utilizzazione di modalità di precoding più evolute; 166

19 Novità di LTE-A (3/4) l uso di una strategia di coordinamento tra più enb nel collegamento con una pluralità di UE, avendo l obiettivo di minimizzare l interferenza inter-cella; il superamento della iniziale omogeneità della rete di accesso (che risultava composta da enb tutti di uguale potenzialità) con l adozione di una rete eterogenea che, per l accesso, utilizza enb con caratteristiche diverse; ciò allo scopo di aumentare l efficienza spettrale di una cella e di ottenere celle con raggio di copertura molto diversificato e, in definitiva, meglio rispondente alla diversità di distribuzione dell utenza sul territorio; 167

20 Novità di LTE-A (4/4) l affiancamento ad un enb di una particolare SRB chiamata Relay Node (RN) e collocata al di fuori della E-UTRAN; mediante l azione di rilegamento svolta dal RN anche utenti che si trovano al di fuori o ai bordi di una cella LTE possono essere serviti con buone prestazioni. 168

21 LTE Advanced XVII.2 Aggregazione delle portanti 169

22 Necessità dell aggregazione La flessibilità nell uso dello spettro di frequenze è una delle caratteristiche distintive di LTE, ma all attuazione di tale flessibilità si frappongono almeno due ostacoli: un primo ostacolo risiede nel fatto che lo spettro radio per reti cellulari nelle varie aree del mondo è composto da diverse bande di frequenza con differenti dimensioni; un secondo ostacolo è dovuto al fatto che diverse tecnologie radio devono operare contemporaneamente nello stesso spettro radio. 170

23 Uso dell aggregazione (1/2) Per supportare ritmi di dati più elevati rispetto all LTE Release 8, LTE-A ha necessità di disporre di larghezze di banda fino a 100 MHz. Per questo scopo si usano portanti multiple tra loro aggregate in modo che la somma delle bande supportate da queste portanti consenta di raggiungere la larghezza di banda desiderata; tali portanti possono supportare bande di diversa larghezza, trovarsi o meno nella stessa porzione di banda ed essere o meno contigue nella stessa banda. 171

24 Uso dell aggregazione (2/2) In definitiva l aggregazione delle portanti (carrier aggregation) è riferita a più portanti LTE, trattate in modo che: i dispositivi di LTE-A siano in grado di utilizzare una banda di larghezza fino a 100 MHz; Quelli di LTE prima maniera possano continuare a trattare separatamente queste bande. 172

25 Modalità di aggregazione Ci sono diverse modalità per aggregare le portanti: a) aggregazione di portanti con componenti contigue nella stessa porzione di banda (intraband); b) aggregazione di portanti con componenti non contigue nella stessa porzione di banda (intraband); c) aggregazione di portanti con componenti non contigue in bande multiple (interband). 173

26 Opportunità offerte dall aggregazione L aggregazione di portanti, oltre a consentire di aumentare il ritmo-dati di picco, contribuisce anche a conseguire una migliore copertura per ritmi-dati medi, dato che per questi possono essere utilizzati livelli di modulazione e tassi di codifica con valori minori; queste soluzioni riducono la potenza di trasmissione necessaria e quindi, a parità di potenza, migliorano la copertura. 174

27 Ricetrasmettitori per l aggregazione (1/3) La modalità a) è la più facile da implementare: il canale aggregato può essere considerato dal UE come un singolo canale allargato dal punto di vista RF. Di conseguenza nel UE è richiesto solo un ricetrasmettitore, ma, con l aumento della larghezza di banda, il dispositivo deve essere in grado di operare su questa banda passante senza riduzione di prestazioni. 175

28 Ricetrasmettitori per l aggregazione (2/3) Nelle altre due modalità, b) e c), sono richiesti ricetrasmettitori multipli, e quindi con l aggiunta di una significativa maggiore complessità al sistema; lo svantaggio è l impatto su costo e prestazioni. Si hanno due possibili modi per la realizzazione dei ricetrasmettitori in modo indipendente dalla attuazione della aggregazione: 176

29 Ricetrasmettitori per l aggregazione (3/3) un ricetrasmettitore multiplo a banda singola: per N bande sono utilizzati N ricetrasmettitori, uno per ogni banda in cui è suddiviso lo spettro (per LTE Advanced le bande possibili sono 6 e coprono lo spettro radio da 450 MHz a 4,99 GHz); un ricetrasmettitore singolo a larga banda: questo deve essere in grado di trattare tutte le 6 bande dello spettro utilizzato. 177

30 LTE Advanced XVII.3 Miglioramenti di MIMO 178

31 Modifiche apportate da LTE-A (1/2) Nel LTE Advanced si è ulteriormente migliorato (rispetto al LTE Release 8) il trasferimento multiantenna per aumentare il ritmo-dati di picco e la capacità complessiva della cella. Le modifiche apportate hanno riguardato: la possibilità di utilizzare 8 antenne sia in trasmissione che in ricezione (MIMO 8 x 8) invece delle 4 antenne previste nella Release 8; 179

32 Modifiche apportate da LTE-A (2/2) l introduzione di un MIMO collaborativo tra enb in luogo di MIMO a sito singolo che coinvolgono un solo enb alla volta; le possibili strategie di cooperazione sono accennate nel prossimo par. XVII.4. Con il MIMO collaborativo è possibile migliorare le prestazioni percepite/subite dagli utenti che si trovano ai confini tra due celle; ciò grazie alla collaborazione tra enb che riduce l interferenza intercella. 180

33 Spaziatura delle antenne (1/5) Per poter sfruttare contemporaneamente le tecniche di multiplazione spaziale, di diversità spaziale e di beamforming, occorre considerare che: da un lato è necessario utilizzare più antenne in trasmissione/ricezione; dall altro le tre tecniche presentano requisiti di spaziatura tra antenne decisamente contrastanti. 181

34 Spaziatura delle antenne (2/5) Il beamforming permette di ottenere alti valori di guadagno in particolari direzioni nelle quali il fascio viene concentrato, permettendo di ridurre decisamente l interferenza agli altri utenti non illuminati. Se ne deduce che, per questa tecnica, le antenne dovrebbero essere le più vicine possibile. Una scelta frequente è quella di una distanza uguale a λ/2. 182

35 Spaziatura delle antenne (3/5) La multiplazione spaziale e la diversità spaziale possono essere meglio sfruttate solo se i segnali ricevuti dalle antenne sono scorrelati o scarsamente correlati; se le antenne vengono poste troppo vicine, i segnali ricevuti sono fortemente correlati e i guadagni che ne derivano sono troppo limitati. E quindi necessario distanziare il più possibile le antenne. 183

36 Spaziatura delle antenne (4/5) Una soluzione di compromesso, scelta tra le molte proposte e in grado di soddisfare almeno parzialmente le esigenze di tutte le tre tecniche, è l uso di antenne cross-polarizzate (che emettono onde e.m. con modi di polarizzazione ortogonali). Tali antenne possono essere spaziate di λ/2 fornendo la possibilità di applicare anche il beamforming, oltre alla multiplazione spaziale e alla diversità spaziale. 184

37 Spaziatura delle antenne (5/5) Con un MIMO evoluto, non si può trascurare di citare il problema posto dalla spaziatura delle antenne in relazione alle dimensioni molto ridotte dell apparato mobile. Al riguardo esistono più proposte di soluzione, che non vengono qui presentate per i limiti delle presenti note. 185

38 MIMO collaborativo Come conseguenza dell uso di più antenne, la tecnologia MIMO di tipo collaborativo è in grado di aumentare notevolmente la capacità trasmissiva pur obbedendo ai limiti della formula di Shannon. Se si aumenta il numero di antenne in trasmissione e in ricezione, è possibile aumentare linearmente la capacità del canale con ogni coppia di antenne aggiunte al sistema. 186

39 LTE Advanced XVII.4 Multipunto cooperativo 187

40 Contro l interferenza intercella LTE prevede l ortogonalità delle trasmissioni dei vari utenti all interno della stessa cella, garantendo, almeno in teoria, un assenza di interferenza intra-cella. Diversa situazione riguarda invece l interferenza intercella, che limita le prestazioni degli UE a bordo cella. Per ovviare a questo disturbo non si avrebbe alcun giovamento da un aumento della potenza trasmessa dalle SRB, dato che un tale provvedimento aumenterebbe l interferenza causata agli UE collegati con altri enb. 188

41 La tecnica CoMP (2/2) Si è invece seguita una soluzione diversa per limitare l interferenza inter-cella: questa soluzione prevede la trasmissione in downlink (quindi multipunto) da parte di enb cooperanti tra loro; da qui l acronimo CoMP (Cooperative Multi Point) attribuito a questa soluzione. 189

42 La tecnica CoMP (2/2) Entrando in qualche maggior chiarimento, la tecnica CoMP prevede che le SRB, distribuite geograficamente su un area del territorio, cooperino per migliorare le prestazioni (in particolare quelle legate all interferenza inter-cella) fornite agli utenti che si trovano in quest area di cooperazione. Perché la cooperazione possa aver luogo è necessario che le SRB candidate a cooperare siano connesse tra loro e che tra loro avvenga uno scambio di elevate moli di dati su canali dedicati ad alta velocità e a bassa latenza. 190

43 CoMP in downlink (1/4) La tecnica CoMP essendo basata su un coordinamento delle SRB, si applica in downlink; le SRB tra loro coordinate provvedono a scadenzare l assegnazione di banda agli UE che si trovano a bordo cella, in modo da non creare interferenza reciproca. 191

44 CoMP in downlink (2/4) In particolare le celle adiacenti si scambiano periodicamente informazioni sulla componente di spettro che hanno intenzione di assegnare agli UE che si trovano a bordo cella e sul livello di interferenza percepita nelle varie componenti dello spettro. Per attuare questo scambio di informazioni, lo Standard prende in considerazione soluzioni sia centralizzate che distribuite, tutte combinate con varii schemi di emissione coordinata. 192

45 CoMP in downlink (3/4) Qualunque sia la soluzione impiegata: gli UE, che sono ubicati nell area di copertura delle SRB cooperanti, effettuano una stima del canale verso i vari enb cooperanti; questi ultimi ricevono dagli UE i dati stimati (feedback) e provvedano direttamente a elaborarli, come avviene nella soluzione distribuita, che consente di suddividere equamente il relativo carico computazionale; 193

46 CoMP in downlink (4/4) i risultati di queste elaborazioni consentono alle SRB cooperanti di armonizzare le loro azioni e, in particolare, di definire uno scadenzamento nell assegnazione di banda agli UE collocati nell area di cooperazione senza creare mutua interferenza. 194

47 CoMP in uplink La tecnica CoMP può essere applicata anche in uplink: per questo scopo è necessario che più enb ricevano ed elaborino il segnale di un UE. Poiché però l UE non ha la necessità di conoscere quali enb abbiano ricevuto la propria informazione, il CoMP in uplink ha un impatto minimo sulle prestazioni desiderate e, in particolare, sull incremento della portata di trasferimento per gli utenti a bordo cella. 195

48 LTE Advanced XVII.5 Reti eterogenee 196

49 SRB macro e pico (1/2) In luogo di una E-UTRAN in cui gli enb componenti hanno potenzialità non dissimili (rete omogenea), l LTE Advanced introduce la possibilità di utilizzare una rete di accesso composta da enb con diverse potenzialità (rete eterogenea). Lo scopo è realizzare celle con raggio di copertura molto diversificato; in una rete di accesso eterogenea si distinguono quindi enb di potenzialità decrescenti passando da un enb macro ad uno pico e ad uno femto. 197

50 SRB macro e pico (2/2) Circa il ruolo di questi enb, una rete eterogenea si compone di aree, in ognuna delle quali si distinguono: un enb macro che trasmette con una potenza nettamente superiore (da 5 a 40 W) agli altri nodi della E-UTRAN; vari enb pico abassapotenza(da0,2a2w)che hanno un ruolo di supplemento dell enb macro e che possono essere impiegati per coprire zone non coperte all interno dell area di copertura dell enb macro. 198

51 Opportunità offerte dalla eterogeneità Il vantaggio di una rete eterogenea rispetto a una omogenea risiede nella possibilità offerta di distribuire il carico sulla cella nella maniera più conveniente, con UE uniformemente distribuiti nella cella o concentrati intorno agli enb pico. 199

52 La decisione di handover (1/2) Questo obiettivo è reso possibile basando la decisione di handover (e quindi di associazione di un UE a una SRB piuttosto che a un altra) sul combinato della potenza ricevuta dai vari enb (macro e pico) in uplink oltre che su quella ricevuta dagli UE in downlink. Questo provvedimento è giustificato dal fatto che una decisione di handover unicamente basata sulla potenza ricevuta dagli UE in downlink (come avviene in una rete omogenea) condurrebbe inevitabilmente a restringere l associazione degli UE alla SRB che emette con maggiore potenza e cioè a un enb macro. 200

53 La decisione di handover (2/2) Invece, se la decisione di handover tiene conto anche della potenza ricevuta in uplink da tutte le SRB nell area di copertura, l associazione a una SRB è effettuata anche sulla base della potenza emessa dagli UE (che è costante a prescindere dalla presenza di enb macro e pico) e quindi la scelta di associazione coinvolge anche gli enb pico, oltre agli enb macro. 201

54 Range Extension Ciò aumenta in definitiva la copertura degli enb pico, consentendo di avvicinare gli UE agli enb, riducendo in tal modo l attenuazione tra trasmettitore e ricevitore (path loss); migliorare il riuso frequenziale, l efficienza spettrale e la capacità complessiva della cella; rendere, per quanto possibile, uniformi le prestazioni di QoS offerte a un UE, prescindendo da quale sia la sua posizione all interno di una cella. A questo aumento di copertura e alla modalità che lo realizza viene attribuito il nome di Range Extension. 202

55 Impiego delle SRB macro, pico e femto (1/2) Per concludere è opportuno precisare che: enb macro e pico trovano il loro impiego tipico nell ambito di reti cellulari pubbliche; un enb macro è collocato in esterni con posizione che è quella tipica di una SRB preposta a coprire elettromagneticamente una cella (come in una rete omogenea); 203

56 Impiego delle SRB macro, pico e femto (2/2) gli enb pico, collocati anche in interni e distribuiti in numero variabile intorno a un enb macro, hanno il compito di integrare la copertura di quest ultimo, offrendo le opportunità chiarite in precedenza. gli enb femto (detti anche enb home), normalmente collocati in interni, hanno una utilizzazione in reti per gruppi chiusi di utenti. 204

57 LTE Advanced XVII.6 Rilegamenti 205

58 Miglioramenti con l utilizzo di RN (1/2) I rilegamenti in una rete cellulare LTE-A e i nodi che li realizzano come particolari SRB consentono a un UE che non si trovi in area di copertura di una E- UTRAN di poter accedere ai servizi della rete. Lo standard precisa i miglioramenti ottenibili con l utilizzo di RN (Relay Nodes): l offerta di copertura più estesa in nuove aree al momento non ancora coperte; l aumento del throughput a bordo cella nelle cui vicinanze è collocato un RN; 206

59 Miglioramenti con l utilizzo di RN (2/2) il conseguimento di ritmi di dati maggiori; una riduzione dei costi nell ampliamento delle possibilità di accesso, ove si tenga conto che il costo di un RN è minore di quello di un enb e che il rilegamento tra RN e enb è via radio; una riduzione del consumo di potenza. 207

60 Composizione del rilegamento Per chiarire quest ultimo punto occorre considerare come avviene il rilegamento tra enb e UE; questo si compone di due tratte (hop): la prima traenbern (primo hop) e la seconda tra RN e UE (secondo hop); se la collocazione degli enb e degli RN è scelta in modo accorto, la potenza di trasmissione di enb, di RN e di UE può essere diminuita essendo minore l attenuazione di percorso elettromagnetico. 208

61 Tipi di RN Sono stati definiti due tipi di RN, chiamati RN di tipo 1 e RN di tipo 2: RN di tipo 1 crea una vera e propria cella provvista di un proprio identificativo fisico, di canali di sincronizzazione e di simboli di riferimento; RN di tipo 2 non crea una nuova cella e quindi non ha un identificativo fisico diverso da quello dell enb a cui è rilegato. 209

62 Schemi di rilegamento (1/3) Lo standard ha messo a punto varii schemi di rilegamentoaduehoptraunenbeunuetramite un RN; tra questi si citano: Amplify and Forward: in una prima fase il RN riceve il segnale dall enb (o dall UE); in una seconda fase provvede ad amplificarlo e ad inoltrarlo all UE (o all enb); è lo schema più semplice, ma con minori prestazioni nei confronti del rumore che si aggiunge al segnale nella seconda fase. 210

63 Schemi di rilegamento (2/3) Selective Decode and Forward: il RN riceve il segnale dall enb (o dall UE), lo decodifica estraendone il contenuto informativo; viene così verificata, tramite un CRC (Cyclic Redundancy Code), la presenza o meno di errori; se non ci sono errori i dati vengono codificati e inoltrati all UE (o all enb); è uno schema sicuramente meglio protetto nei confronti del rumore, ma penalizzato da un ritardo elevato, dovuto all elaborazione del segnale effettuata presso il RN. 211

64 Schemi di rilegamento (3/3) Demodulation and Forward: il RN, ricevuto il segnale dall enb (o dall UE), lo demodula con hard decision, senza però decodificarlo; provvede poi a rimodularlo e a inoltrarlo verso l UE (o l enb); lo schema è semplice e non penalizzato da un ritardo, in quanto non si ha elaborazione presso il RN; ha però lo svantaggio di non avere protezione nei confronti degli errori. 212

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Francesco Vatalaro Dipartimento di Ingegneria dell Impresa Mario Lucertini Università di Roma Tor Vergata Padova, Orto Botanico - Aula Emiciclo, 27 Marzo 2015 Contenuti

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Radiazioni non ionizzanti

Radiazioni non ionizzanti 12. Da sempre sulla Terra è presente un fondo naturale di radiazione elettromagnetica non ionizzante dovuto ad emissioni del sole, della Terra stessa e dell atmosfera. Il progresso tecnologico ha aggiunto

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Materiale di radiocomunicazione

Materiale di radiocomunicazione BevSTitelSeite PROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE Materiale di radiocomunicazione Ricetrasmittente SE-125 UFFICIO FEDERALE DELLA PROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE Febbraio 2004 1503-00-1-02-i.doc Indice Ricetrasmittente

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015

D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015 D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015 (Fonte Ministero Dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare) Linee guida, relative alla definizione delle modalità con cui gli operatori

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

(2) t B = 0 (3) E t In presenza di materia, le stesse equazioni possono essere scritte E = B

(2) t B = 0 (3) E t In presenza di materia, le stesse equazioni possono essere scritte E = B Equazioni di Maxwell nei mezzi e indice di rifrazione I campi elettrici e magnetici (nel vuoto) sono descritti dalle equazioni di Maxwell (in unità MKSA) E ϱ ɛ 0 () E B (2) B 0 (3) E B µ 0 j + µ 0 ɛ 0

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Analisi qualitativa di reti wifi attraverso l individuazione di parametri significativi e la rilevazione dello spostamento degli utenti

Analisi qualitativa di reti wifi attraverso l individuazione di parametri significativi e la rilevazione dello spostamento degli utenti UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Specialistica in Tecnologie Informatiche Analisi qualitativa di reti wifi attraverso l individuazione di

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata:

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Teorie comunicative Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Sintattico Livello della trasmissione del messaggio Semantico Livello della

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

Alimentatori cinesi, non tutti sanno che

Alimentatori cinesi, non tutti sanno che Alimentatori cinesi, non tutti sanno che di Roberto IS0GRB Ho acquistato di recente 3 alimentatori cinesi da 30A e uno da 50A mi e' stato regalato dal collega Salvatore IS0XGA perche' troppo rumoroso.

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi rapporti tecnici 2008 Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi Giuseppe Anania Sezione provinciale Bologna Campi elettromagnetici INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. LO STANDARD

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

PATENTE DI GUIDA ITALIA DESCRIZIONE MODELLO 720 P

PATENTE DI GUIDA ITALIA DESCRIZIONE MODELLO 720 P Modello di patente di guida utilizzato dal 19 gennaio 2013 (Mod. 720 P) PATENTE DI GUIDA ITALIA DESCRIZIONE MODELLO 720 P Decreto legislativo 18 aprile 2011, n. 59, con cui sono state recepite, le direttive

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

Telecom Italia Dicembre 2013

Telecom Italia Dicembre 2013 RICARICABILE BUSINESS TIM : PROPOSIZIONE ESCLUSIVA PER MEPA Telecom Italia Dicembre 2013 Ricaricabile Business TIM La piattaforma ricaricabile business di Telecom Italia prevede un basket per singola linea.

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Le seguenti grandezze fisiche sono utilizzate per descrivere l'esposizione ai campi elettromagnetici:

Dettagli

Fig.2 Diagramma del rumore, con evidenziata la situazione per la gamma dei 20 metri.

Fig.2 Diagramma del rumore, con evidenziata la situazione per la gamma dei 20 metri. Propagazione sui 20 metri Dopo la serie di articoli precedentemente pubblicati, inizia qui una nuova collana dedicata allo studio della propagazione sulle gamme amatoriali più alte delle onde corte, questa

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA Le Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC) adottano un approccio prestazionale alla progettazione delle strutture nuove e alla verifica

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali AmpEQ Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali GAI04 Memo Series Alessandro Scalambra Rev: Sergio Mariotti, Jader Monari I.N.A.F GAI04-FR-2.0

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

NOTA APPLICATIVA IL METODO DEL PICCO PONDERATO NELLA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI

NOTA APPLICATIVA IL METODO DEL PICCO PONDERATO NELLA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI NOTA APPLICATIVA IL METODO DEL PICCO PONDERATO NELLA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI Daniele Andreuccetti Alessandro Gandolfo Mario Monti Nicola Zoppetti Dicembre 2013 NOTA

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli