Progetto in inchiesta pubblica PROGETTO C

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto in inchiesta pubblica PROGETTO C. 1114 08-03-2013 2013-02"

Transcript

1 N O R M A I T A L I A N A C E I 1 Data Scadenza Inchiesta C Data Pubblicazione Classificazione 106- Titolo Guida per la misura e per la valutazione dei campi elettromagnetici nell'intervallo di frequenza 10 khz GHz, con riferimento all'esposizione umana Appendice E: Misura del campo elettromagnetico da stazioni radio base per sistemi di comunicazione mobile (2G, 3G, 4G) Title CEI COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO AEIT FEDERAZIONE ITALIANA DI ELETTROTECNICA, ELETTRONICA, AUTOMAZIONE, INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CNR CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE PROGETTO

2 Appendice E Misura del campo elettromagnetico da stazioni radio base per sistemi di comunicazione mobile (2G, 3G, 4G) 1 Introduzione La presente Appendice descrive le metodologie di misura dei campi elettromagnetici generati da stazioni radio base per le comunicazioni mobili, con particolare riferimento ai sistemi di seconda generazione (2G), ovvero GSM e DCS, di terza generazione (3G), ovvero UMTS e HSPA, e infine di quarta generazione (4G), ovvero LTE. Per quanto riguarda i sistemi 2G e 3G, il contenuto della presente appendice e coerente con quanto già riportato nella Guida , rispettivamente al Capitolo 7 (sistemi 2G) e nell Appendice H (sistemi 3G). 2 I sistemi di comunicazione mobile Nei sistemi di comunicazioni mobili, la stazione radio base (SRB) può essere definita come l insieme di apparati rice-trasmittenti atti ad irradiare il segnale in un'area delimitata, detta area di copertura, tramite opportuni elementi che effettuano la conversione tra le onde elettromagnetiche trasmesse o ricevute, e le tensioni e correnti a radiofrequenza guidate in una linea di trasmissione ad essi collegati: le antenne. Sono proprio le caratteristiche radioelettriche di questi elementi radianti, la potenza immessa in antenna e il diagramma di radiazione della stessa che influenzano la distribuzione del campo elettromagnetico nello spazio circostante il sistema radiante. Per quanto riguarda il primo punto, la potenza realmente immessa in antenna dagli apparati non è mai quella massima: essa varia nel tempo in relazione alle richieste di connettività da parte degli utenti (il traffico) e grazie ad alcune funzionalità di rete (ad esempio il power control e la discontinuous transmission o DTX nelle connessioni vocali del GSM e dell UMTS) che consentono di minimizzare le emissioni elettromagnetiche. Per ciò che concerne il diagramma di radiazione, le antenne tipicamente installate sulle SRB differiscono secondo il tipo di utilizzazione. Le antenne delle macrocelle sono, generalmente, antenne a schiera, costituite da una serie di elementi radianti disposti verticalmente e a distanza uguale l uno dall altro: tipicamente per ridurre l impatto visivo si utilizzano antenne in grado di trasmettere su due polarizzazioni ortogonali tra loro. Le antenne più diffuse presentano diagrammi di irradiazione direttivi su entrambi i piani orizzontale e verticale, la direttività dell antenna è ottenuta agendo opportunamente, in fase di progetto, sul fattore di schiera e sulla forma del radiatore elementare. Per le antenne non omnidirezionali, si usa, nella parte posteriore dell antenna e lungo il suo asse verticale, una superficie metallica avente funzione di riflettore. L antenna ha poi una copertura di materiale plastico sottile, trasparente alla radiofrequenza, detta radome, avente funzione di protezione dagli agenti atmosferici. Allo scopo di ridurre l impatto visivo si utilizzano in genere antenne multi banda, ovvero in grado di trasmettere sistemi operanti su frequenze diverse: queste antenne sono caratterizzate tipicamente da schiere radianti indipendenti sulle diverse frequenze, che condividono però lo stesso radome, l antenna ha quindi tanti connettori quante sono le frequenze e polarizzazioni che possono essere trasmesse. Dal punto di vista radioelettrico, quindi, un antenna multi banda è perfettamente equivalente a più singole antenne a singola banda, ognuna delle quali avente potenza in ingresso al connettore di antenna pari alla potenza in ingresso al singolo connettore dell antenna multi banda. Nella tipica configurazione trisettoriale delle macrocelle, ogni antenna deve garantire la copertura radioelettrica su di un area formata da un settore angolare di 120. In questo caso l antenna presenta un ampiezza a -3dB del diagramma orizzontale di circa 65 e un ampiezza a -10 db di circa 120. Il diagramma verticale risulta più direttivo con un ampiezza a 3dB compresa generalmente tra i 5 e i 15. Il guadagno massimo risulta generalmente compreso tra 15 e 18 dbi. 1

3 Le antenne per microcelle, invece, devono garantire la copertura radioelettrica su aree meno estese e tipicamente in ambiente urbano o al coperto. I diagrammi di irradiazione sono larghi su entrambi i piani verticale ed orizzontale e il guadagno massimo è generalmente compreso tra 3 e 5 dbi. Nel seguito saranno descritte alcune caratteristiche dei diversi sistemi di comunicazione mobile, richiamando in particolare alcuni aspetti rilevanti per la definizione delle procedure di misura. 2.1 I sistemi 2G (GSM, DCS) Il sistema digitale di comunicazione mobile GSM nasceva con lo scopo di superare le limitazioni del sistema analogico TACS, e in particolare rispondeva al requisito di presentare specifiche di interfaccia standardizzate a livello europeo per consentire ai produttori economie di larga scala (GSM sta infatti per Global System for Mobile Communications) garantendo il roaming (mobilità) nei paesi aderenti allo standard. La standardizzazione del GSM inizia nel 1982 con la definizione del Group Special Mobile all interno della CEPT (Conference European of Post and Telecommunications), per concludersi nel 1987 con la firma di un Memorandum of Understanding (MoU) tra 13 operatori, seguita nel 1990 dalla specifiche per il GSM Phase 1, nel 1991 dalle specifiche per il DCS 1800, e negli anni 90 dal lancio del servizio nei principali Paesi Europei. Come in tutti i sistemi di comunicazione mobile, la comunicazione terminale mobile rete è bidirezionale, a differenza dei sistemi broadcast: si distinguono, pertanto, due tratte radio, uplink da mobile a rete e downlink da rete a mobile. Le frequenze utilizzate dal GSM sono riportate in Tab. 1. Tabella 1 2 UPLINK DOWNLINK Banda GSM 900 Primaria (P-GSM) MHz MHz Banda GSM 900 estesa (E-GSM) MHz MHz Banda GSM 900 Ferroviaria (R-GSM) MHz MHz Banda DCS MHz MHz Come in tutti i sistemi ad accesso multiplo, nel GSM una risorsa non è assegnata in maniera definitiva ad un utente, ma viene ripartita tra più utenti che la utilizzano a divisione di carico. I sistemi ad accesso multiplo sono caratterizzati in base alla risorsa suddivisa: si parla tipicamente di FDMA(accesso multiplo a divisione di frequenza), TDMA(accesso multiplo a divisione di tempo) e CDMA(accesso multiplo a divisione di codice). L accesso GSM consiste in un mix di FDMA e TDMA, con la stessa portante vengono infatti serviti fino a 8 utenti (8 timeslots). La trasmissione TDMA è discontinua (trasmissione solo durante il time slot assegnato), riducendo così l interferenza (C/I più favorevoli) e aumentando la capacità. La frequenza portante è centrata su una banda a radiofrequenza più larga rispetto al solo FDMA in quanto viene usata da più utenti (200 khz nel GSM contro i 25 khz del TACS). La trasmissione discontinua consente inoltre di rendere più efficiente l handover (assenza di micro-interruzioni), e offre la possibilità di utilizzare il frequency hopping (ogni ricetrasmettitore con cui ciascuna cella è equipaggiata, salta da una frequenza di centro banda ad un altra, riducendo gli effetti deleteri del fading selettivo in frequenza per ciascuna connessione mobile-rete). L accesso alla rete da parte dell utente mobile, MS, avviene tramite l individuazione della miglior cella disponibile. Tale individuazione si basa sulla misura delle portanti «on air» trasmesse dagli apparati con potenza costante (pari al valore massimo) su un particolare timeslot di una ben precisa frequenza fra quelle disponibili per ogni cella (BCCH: broadcast control channel). Alla portante di BCCH non si applica il frequency hopping, inoltre il timeslot BCCH non può essere soggetto né al power control né al DTX.

4 2.2 I sistemi 3G (UMTS, HSPA) Nella seconda metà degli anni Novanta si è manifestata una fortissima crescita del numero di utenti e parallelamente, con lo sviluppo di Internet, si è delineata chiaramente l esigenza di consentire l accesso a servizi ad alto ritmo binario anche in assenza di reti fisse. Questa domanda non poteva essere pienamente soddisfatta con i sistemi radiomobili di seconda generazione. È quindi emerso un generale interesse per i sistemi radiomobili 3G, con i quali si è inteso dare una risposta all esigenza di estensione universale delle comunicazioni personali, sia in termini di espansione dei servizi, sia in termini di copertura geografica. Questo interesse ha portato alla definizione del nuovo standard UMTS (Universal Mobile Telecommunications System). Per consentire un uso efficiente delle risorse e per trasportare in maniera flessibile un ampio spettro di servizi multiplati sulla stessa portante, è stato deciso di far convivere nel medesimo standard due differenti modalità di funzionamento: la prima, detta FDD (Frequency Division Duplex), prevede che la trasmissione e la ricezione avvengano su frequenze portanti distinte; la seconda, detta TDD (Time Division Duplex), prevede invece che trasmissione e ricezione avvengano in tempi distinti sulla stessa frequenza portante. La tecnica FDD, con due bande di 60 MHz ciascuna, è considerata più idonea per servizi cellulari con ampie coperture, mentre la tecnica TDD, con banda complessiva di 35 MHz in Europa (50 MHz nelle attribuzioni ITU), è considerata più adatta per servizi in cui la quantità di informazione da trasferire nei due versi di trasmissione è così diversa da rendere conveniente la realizzazione di canali asimmetrici. Per le bande simmetriche la soluzione adottata prevede l associazione delle tecniche W-CDMA e FDD (sistema FDD/W-CDMA), mentre nel caso delle bande asimmetriche alla tecnica CDMA si associa la tecnica TDD (sistema TDD/TD-CDMA). Un primo vantaggio della tecnica CDMA è dato dall uso dello spettro espanso (spread spectrum), che utilizza per la trasmissione del segnale nel canale radio una larghezza di banda molto maggiore di quella del segnale di informazione e quindi anche molto più grande di quelle richieste dalle tradizionali tecniche di modulazione impiegate nelle radiotrasmissioni. Lo spread spectrum consente di sovrapporre, nella medesima banda, più segnali. Esso si basa sul concetto di associare in emissione al segnale numerico di informazione un opportuna chiave di codifica, ovvero una forma d onda numerica ausiliaria perfettamente nota e periodica, impressa individualmente e univocamente sul segnale stesso. In ricezione si potrà estrarre il segnale utile separandolo dai disturbi riconoscendo la chiave di codifica nota. Con questa tecnica si possono realizzare sistemi di trasmissione tanto robusti nei confronti dell interferenza da consentire di riutilizzare l intera banda disponibile in ogni cella dell area di servizio. Le tecniche di accesso a banda stretta (FDMA, TDMA) richiedono invece che le celle che utilizzano le stesse frequenze siano opportunamente distanziate e perciò consentono di riusare la banda meno intensamente. In definitiva la tecnica CDMA si presta ad un uso più efficiente della risorsa spettrale disponibile per il servizio. Nel CDMA non esiste un limite preciso al numero di connessioni che si possono stabilire simultaneamente in ciascuna cella: quanto più cresce il numero di comunicazioni attive, tanto più cresce il valore di BER, ovvero tanto più degrada la qualità di trasmissione di ciascun collegamento. Dato il tasso di errore accettabile per il servizio erogato, si può stimare il massimo numero di connessioni simultaneamente attivabili nell ipotesi di hard-blocking. In Figura 1 sono riportate l attribuzione di spettro standardizzata per la famiglia di sistemi radiomobili 3G IMT-2000 (International Mobile Telecommunications) e quelle stabilite per il sistema UMTS in Europa e per altri elementi della famiglia di sistemi in altre significative parti del mondo. 3

5 Figura 1 Attribuzioni spettrali IMT-2000 La prima versione dell UMTS, prevista nella Release 99 dall ente di standardizzazione 3GPP consentiva velocità di centinaia di Kbit/s. Il 3GPP ha successivamente sviluppato, nella Release 5, l HSDPA (High Speed Downlink Packet Access) che migliora sia la velocità trasmissiva sulla tratta downlink, sia i ritardi di trasmissione e i tempi di latenza nella rete di accesso. Le principali innovazioni dell HSDPA sono: l incremento dell efficienza spettrale del sistema; il miglioramento della gestione di informazioni intermittenti con alta velocità di picco; la massima velocità nominale raggiunge i 14 Mbit/s rispetto ai 2 Mbit/s di Release 99; la flessibilità della trasmissione radio attraverso meccanismi adattativi, basati sulla rapida riconfigurazione delle risorse e sulla stima del canale trasmissivo. Si noti che l HSDPA di Release 5 è una tecnica ottimizzata esclusivamente per la tratta in downlink che sfrutta i canali dedicati tradizionali DCH (Dedicated CHannel) per la trasmissione sul canale di ritorno in uplink. In questo contesto il 3GPP, a partire dalla Release 6, ha previsto una serie di ottimizzazioni anche per il canale di ritorno dando luogo alla tecnica HSUPA (High SpeedUplinkPacket Access), nota anche come FDD Enhanced Uplink. Per indicare entrambe le tecnologie, uplink e downlink, si parla di HSxPA o di HSPA. L HSUPA introduce un insieme di miglioramenti sui canali dedicati della tratta uplink del sistema UMTS, mediante una serie di funzionalità che mirano, da un lato, a supportare in maniera più efficiente servizi multimediali quali download di video e file, , gaming, video-streaming e, dall altro, ad aumentare la capacità complessiva di sistema. In particolare, l obiettivo della tecnologia HSUPA è quello di rendere possibile una copertura in uplink con alti bit rate di picco (fino ad un massimo teorico di 5,8Mbit/s), riducendo al contempo il ritardo nelle trasmissioni a pacchetto e favorendo in tal modo il supporto di servizi realtime. La tecnologia HSUPA costituisce quindi la naturale controparte, sulla tratta uplink, della tecnologia HSDPA, inserendosi in tal modo nel framework evolutivo HSPA della rete UMTS come step intermedio in vista del dispiegamento delle reti cellulari di quarta generazione LTE (Long Term Evolution). 4

6 Nelle successive release dello standard le componenti HSDPA e HSUPA si sono evolute ulteriormente per raggiungere bit rate di picco più elevati come indicato nella tabella seguente: Release standard 3GPP Bit rate di picco in downlink Bit rate di picco in uplink Release 7 21/28 Mbps 11 Mbps 5 Note Introduzione di 64QAM e MIMO in downlink e 16QAM in uplink Release 8 42 Mbps 11 Mbps Introduzione Dual Carrier in downlink Release 9 84 Mbps 23 Mbps Inpiego simultaneo di 64QAM e MIMO in downlink. Introduzione dualcarrier in uplink Release Mbps 23 Mbps Inserimento multi carrier in downlink (fino a 4 portanti) 2.3 I sistemi 4G (LTE) La continua crescita del traffico dati nelle reti mobili richiede una disponibilità di banda maggiore sia sull interfaccia radio sia sul backhauling del segmento di accesso. La nuova tecnologia di quarta generazione (4G) è l LTE (Long Term Evolution), ed è nata come evoluzione dei sistemi mobili di terza generazione per rispondere in maniera adeguata a questa esigenza. Il processo di standardizzazione del sistema LTE nel 3GPP (Third Generation Partnership Project) è partito alla fine del 2004 e ha portato alla definizione di una nuova tecnica di accesso radio ottimizzata per la trasmissione a pacchetto ed in grado di fornire più elevati valori di throughput con minore latenza rispetto a quanto offerto dai sistemi attualmente in esercizio. Una caratteristica importante del sistema LTE è la flessibilità nell uso dello spettro: per questo il sistema è stato progettato per supportare sia il duplexing FDD (Frequency Division Duplexing, dove le porzioni di banda utilizzate per la tratta downlink, e quella utilizzata per la tratta uplink sono differenti), sia quello TDD (Time Division Duplexing, dove si utilizza la stessa porzione di banda per la tratta downlink e uplink). Inoltre, sempre al fine di adattare il sistema anche a scenari caratterizzati da scarsità di spettro, il sistema supporta differenti canalizzazioni (1,4 MHz, 3 MHz, 5 MHz, 10 MHz, 15 MHz e 20 MHz). La tecnica di modulazione e multiplazione utilizzata per la tratta downlink è la tecnica multi portante S-OFDMA (Scalable Orthogonal Frequency Division Multiple Access). La tecnica multi portante OFDM è ampiamente utilizzata in diversi sistemi di telecomunicazione, quali l ADSL, le WLAN, il WiMAX. In un sistema OFDMA lo spettro disponibile è diviso in portanti multiple, chiamate sottoportanti e al fine di realizzare una trasmissione ad elevato bit rate, ogni sottoportante può essere modulata indipendentemente da un flusso dati a basso rate.

7 Figura 1 Rappresentazione del segnale OFDMA nel dominio del tempo e della frequenza (sinistra) e confronto tra la tecnica di multiplazione OFDMA e SC-FDMA nel dominio tempo-frequenza utilizzando una modulazione QPSK (destra) Nella parte a sinistra in Figura 1 sono mostrate le caratteristiche principali, in tempo e frequenza, di un segnale OFDMA. Un vantaggio della trasmissione di un segnale OFDM, rispetto ad un sistema singola portante, è la minore complessità richiesta per l equalizzazione del canale. Di contro tale tecnica è particolarmente sensibile ad errori di frequenza e rumore di fase, che causano la perdita di ortogonalità tra le sottoportanti. Per le stesse ragioni, l OFDM è anche sensibile all effetto Doppler, che causa interferenza tra le sottoportanti ICI (Inter Carrier Interference). Nella terminologia LTE è introdotto il concetto di RE (Resource Element) che corrisponde ad una sottoportante OFDMA nell intervallo di tempo di un simbolo OFDM. La larghezza di banda di una singola sottoportante nel sistema LTE è stata fissata a 15 khz. La multiplazione di più connessioni è ottenibile associando differenti gruppi di sottoportanti a diversi utenti. Ad ogni utente è possibile associare un formato di codifica e modulazione differente in funzione delle condizioni radio sperimentate. Anche se in teoria è possibile allocare ogni singola sottoportante ad un differente terminale ed applicare un formato di modulazione e codifica differente, al fine di limitare il carico di segnalazione sull interfaccia radio, in LTE è stato introdotto il concetto di PRB (Physical Resource Blocks). Un PRB rappresenta l unità minima di allocazione del sistema ed è definito da un numero di simboli OFDM consecutivi nel dominio nel tempo pari a 7, corrispondente ad una durata di 0,5 ms, indicato nella terminologia LTE come slot, e da un numero di sottoportanti consecutive nel dominio della frequenza pari a 12 (corrispondente ad un occupazione di 180 khz nel dominio della frequenza). Due slot consecutivi, corrispondenti a 14 simboli OFDM, formano il TTI (Transmission Time Interval). Il numero totale di PRB disponibili nel sistema varia secondo la canalizzazione considerata e va da un minimo di 6, nel caso in cui il segnale occupi un canale di 1,4 MHz, per arrivare fino a 100 nel caso in cui si consideri una canalizzazione di 20 MHz. Lo standard LTE supporta differenti tecniche di trasmissione MIMO (Multiple Input Multiple Output). La trasmissione MIMO, che sfrutta la molteplicità di antenne al trasmettitore e al ricevitore, consente di trasmettere più flussi informativi in parallelo, aumentando il throughput di picco del sistema. Un vantaggio derivante dall utilizzo della tecnica OFDM, rispetto a sistemi a singola portante, è la possibilità di separare nel ricevitore l operazione di equalizzazione del canale da quella di decodifica della trasmissione MIMO, semplificando il progetto del ricevitore. In particolare lo standard supporta anche configurazioni MIMO 4x4 che permettono di raggiungere nel down link throughput attorno ai 300 Mbps per settore. 6

8 Per la tratta in uplink il 3GPP ha selezionato una tecnica di accesso radio differente in quanto la tecnica OFDM presenta lo svantaggio di un elevato PAPR (Peak to Average Power Ratio), dovuto proprio alla natura multi portante del segnale. In particolare, poiché un elevato PAPR pone vincoli più stringenti sulla linearità dell amplificatore in trasmissione, al fine di ottimizzare l utilizzo della potenza nei terminali e ridurne i costi, è stata selezionata la tecnica di accesso SC-FDMA (Single Carrier Frequency Division Multiple Access). Tale tecnica, come nel caso dell OFDM, divide il canale in più sottoportanti tra di loro ortogonali. Tuttavia al contrario del sistema OFDM, dove i simboli dati modulano in maniera indipendente ogni resource element, nel caso della SC-FDMA il segnale modulato nella singola sottoportante è una combinazione lineare di tutti i simboli trasmessi allo stesso istante di tempo. Questa caratteristica fornisce al segnale proprietà simili a quelle di un segnale a singola portante, riducendone il PAPR significativamente. Nella parte a destra di Fig. 1 è rappresentato un confronto grafico tra OFDMA e SC-FDMA. Nell esempio illustrato per semplicità di rappresentazione si usano solo 4 sottoportanti su due periodi di simbolo con i dati del payload rappresentati tramite una modulazione QPSK. Come descritto in precedenza, in realtà i segnali LTE sono allocati in unità di 12 sottoportanti adiacenti. La differenza più ovvia tra i due schemi è che nel caso dell OFDMA i quattro simboli dati QPSK sono trasmessi in parallelo, uno per sottoportante, mentre nel caso della SC-FDMA i quattro simboli dati sono trasmessi in serie ad una velocità quattro volte superiore, con ogni simbolo dati che occupa una banda larga 4 (numero di sottoportanti) x 15 khz. LTE è in grado di supportare alti data-rate con picchi di 75Mbit/s in uplink e 300Mbit/s in downlink e con una larghezza di banda scalabile da 1,4MHz a 20MHz. 3 Misura ed estrapolazione per i sistemi di comunicazione mobile In riferimento alle misure ed alle estrapolazioni volte alla verifica della conformità delle SRB e ai limiti prescritti dalle legislazioni o dalle norme tecniche, si precisano qui di seguito alcuni aspetti essenziali. 3.1 Estrapolazione alla massima potenza La Guida CEI distingue tra misura, intesa come la rilevazione oggettiva del valore di campo elettromagnetico in un dato istante di tempo, ed estrapolazione: le tecniche di estrapolazione a massima potenza, in particolare, come esplicitamente indicato all interno della Guida CEI 211-7, sono modalità di calcolo del livello di campo elettromagnetico finalizzate a svincolare la misura dalla reale situazione di carico della rete, permettendo di verificare, quindi, se in un dato punto sia possibile o meno superare un limite ipotizzando il caso peggiore di emissione della SRB. Il valore così ottenuto non ha validità di misura: esso non può essere utilizzato per dimostrare un effettivo superamento di un limite, ma può permetteredi escludere che un dato limite possa essere superato indipendentemente dalla futura evoluzione della situazione di carico della rete. Come sarà descritto nel seguito, tali tecniche si basano sulla conoscenza della potenza misurata in un dato punto e su un parametro di estrapolazione che risulta essere specifico per ogni sistema (2G, 3G o 4G) e differente a seconda che la misura sia ottenuta nel dominio della frequenza o mediante analisi vettoriale. 7

9 È necessario far notare sin da ora, e sarà chiarito nel seguito, che per il 3G e per il 4G la metodologia di estrapolazione che consente di calcolare il valore di campo in un punto, considerando il caso peggiore di emissione della SRB senza incorrere in eccessive ed ingiustificate sovrastime, è quello che deriva dalla misura con analizzatore vettoriale (nel domino dei codici per il 3G e nel dominio LTE per il 4G), in questo caso l estrapolazione si basa sulla potenza misurata ed attribuibile ad un ben determinato canale (CPICH per il 3G, RS per il 4G) unitamente alla conoscenza del parametro di estrapolazione che è un vero parametro di rete (dipende dalla potenza massima in uscita dalla SRB e dalla potenza riservata al canale CPICH/RS).Nel caso invece di estrapolazione alla massima potenza per i sistemi 3G e 4G ottenuta mediante misura nel dominio delle frequenze, invece, ci sono sovrastime dovute all eventuale presenza di traffico in rete, non riconoscibile dallo strumento selettivo in frequenza, e da eventuali contributi derivanti da altre SRB che trasmetto sulla stessa frequenza portante: inoltre, in questo caso gli specifici parametri di estrapolazione che verranno definiti successivamente non corrispondono a veri parametri di rete, ma derivano dalla composizione di parametri diversi, che l analizzatore di spettro non può distinguere. 3.2 Estrapolazione per confronto con valori di soglia definiti come media sulle 24 ore La normativa italiana prevede che alcune soglie normative (valore di cautela e obiettivo di qualità) siano definite come valori mediati sulle 24 ore: per verificare il rispetto di tali soglie è possibile eseguire una misura istantanea ed estrapolare un valore da confrontare con la soglia fissata dalla normativa. Questa estrapolazione per confronto con le soglie normative definite come media sulle 24 ore può essere effettuata facilmente conoscendo il coefficiente, reso disponibile sulla base dei dati storici di ogni specifico impianto, che descrive la potenza media dell impianto sulle 24 ore (α 24h ) rispetto alla potenza massima: P 24h = P max * α 24h L estrapolazione sulle 24 ore si ottiene semplicemente applicando lo stesso coefficiente di riduzione (in radice quadrata) al valore di campo elettromagnetico ottenuto come estrapolazione alla massima potenza. Una misura in banda stretta e di tipo vettoriale per il 3G e il 4G, può quindi essere utilizzata sia per l estrapolazione alla massima potenza, che per l estrapolazione sulle 24 ore conoscendo il coefficiente α 24h relativo al sistema sotto indagine. Il coefficiente α 24h è reso disponibile secondo le modalità previste dalla normativa. 4 Misure in banda larga Le misure a banda larga possono essere utilizzate per la verifica del rispetto delle soglie stabilite dalla legge tramite confronto diretto con la soglia di interesse, ovviamente a condizione di essere mediate su un intervallo temporale pari a quello definito dalla normativa per la soglia di cui si intende verificare la conformità (6 minuti per i limiti di esposizione, 24 ore per il valore di cautela e l obiettivo di qualità: in quest ultimo caso tipicamente si dovranno utilizzare centraline di monitoraggio in continua). Le misure in banda larga possono anche essere utilizzate per stimare il campo elettromagnetico pre-esistente ad una specifica installazione, spesso indicato anche come fondo ambientale, come previsto dal Codice delle Comunicazione Elettroniche. In presenza di sorgenti esclusivamente riconducibili a stazioni radio base e impianti radio televisivi, la misura in banda larga in orario diurno, ad esempio su un intervallo di 6 minuti, è generalmente conservativa rispetto alla media sulle 24 ore, sulla base dei numerosi lavori in letteratura che hanno decritto l andamento tipico dell esposizione da stazioni radio base nel corso della giornata. Ai fini di una stima più aderente alla realtà, appare comunque preferibile valutare il campo prodotto dalle sorgenti più rilevanti (ad esempio, le altre sorgenti nelle vicinanze) attraverso misure in banda stretta e applicando ad ogni sorgente l estrapolazione sulle 24 ore calcolata sulla base dello specifico coefficiente di ogni singolo impianto, oppure, solo in assenza di tale dato, applicando un coefficiente generico. 8

10 I sistemi 3G e 4G sono caratterizzati da segnali aventi banda larga (larghezza di banda superiore a 1 MHz). Per questi sistemi, pertanto, valgono le considerazioni riportate nell Appendice C della Guida al paragrafo C.4.1: per questo motivo, nel caso in cui la misura in banda larga su questi sistemi restituisca valori prossimi al limite (come riportato nella Guida e relative appendici) è necessario effettuare misure in banda stretta mediate sull intervallo di interesse. 5 Misura ed estrapolazione in banda stretta Nel presente capitolo sono descritte le metodologie di misura in banda stretta e le relative tecniche di estrapolazione alla massima potenza per i sistemi 2G, 3G e 4G. Nel caso in cui un sistema sia in posizione di co-siting con altri sistemi,come solitamente avviene, il livello di campo in un punto è dato dalla radice della somma quadratica dei contributi di ogni sistema collocato nel sito in misura: G+ 3G+ 4G = E2G + E3G E4G (Equazione 1) E + Anche le misure a banda stretta potranno essere effettuate utilizzando centraline di monitoraggio in continua secondo quanto previsto nell appendice A della guida CEI Sistemi 2G Per i sistemi 2G le misure in banda stretta e le relative estrapolazioni alla massima potenza sono basate sull acquisizione mediante analizzatore di spettro. Viste le caratteristiche del segnale 2G, i parametri consigliati per una corretta configurazione dello strumento di misura sono i seguenti: RBW [Resolution Bandwith] >=100 khz VBW [Video Bandwith] ] >=100 khz SPAN = 5=10 MHz Per quanto riguarda lo Sweep Time si consiglia, quando possibile, di impostare tale parametro in modalità automatica. In questo modo l analizzatore seleziona il valore in modo da ottimizzarlo in relazione alla RBW, SPAN, e WBW utilizzati. Qualora lo strumento utilizzato non fosse in grado di indicare automaticamente il valore di Sweep Time adeguato, si può indicativamente fare riferimento all intervallo ms Misure su sistemi 2G La misura di un segnale 2G su un dato intervallo temporale si effettua misurando ogni singola portante in modalità AVERAGE, mediando sull intervallo temporale prescelto: questa metodologia è da preferire quando occorre confrontare il valore misurato con un limite mediato su un intervallo temporale di 6 minuti. Alcuni modelli di analizzatore di spettro consentono di memorizzare e di mediare i contributi spettrali in un dato intervallo di tempo: una media sui 6 minuti, ad esempio, rappresenta una misura direttamente confrontabile con il limite di esposizione. Una metodologia alternativa, meno precisa perché sovrastima il valore reale, prevede di memorizzare i valori massimi (modalità MAX HOLD) per un tempo sufficiente affinché i valori di picco si stabilizzino. È evidente che il valore così ottenuto rappresenterà comunque una sovrastima rispetto al valore mediato sullo stesso intervallo temporale, previsto dalla normativa: nel caso di stazioni radiobase 2G, infatti, l unica portante che viene trasmessa sempre alla massima potenza è quella relativa al canale di segnalazione (BCCH), mentre la potenza di trasmissione di tutte le altre portanti non è costante nel tempo. 9

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS c.so Duca degli Abruzzi 4 1019 Torino (Italy) Fax +39 011 564 4099 pag. /34 Premessa Il seguente capitolo illustra i principi tecnici fondamentali a cui si ispirano le tecnologie utilizzate per i serivizi

Dettagli

LTE Long Term Evolution Late To Evolve

LTE Long Term Evolution Late To Evolve LTE Long Term Evolution Late To Evolve 0 Overview della tecnologia 1 Driver del 4G: la domanda di banda del mobile 2 LTE (3GPP Rel.8): ingredienti tecnologici del 4G Architettura Evoluta (E-UTRAN) di tipo

Dettagli

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Barellini A. 1,Bogi L. 2, Licitra G. 3, Silvi A.M. 2 1 ARPA Toscana Dip. Prov.le Pisa via V.Veneto,

Dettagli

Modalità di rilevazione ed esecuzione delle misurazioni dei campi EM a radiofrequenze e microonde. Laura Vallone

Modalità di rilevazione ed esecuzione delle misurazioni dei campi EM a radiofrequenze e microonde. Laura Vallone Modalità di rilevazione ed esecuzione delle misurazioni dei campi EM a radiofrequenze e microonde Laura Vallone Frequenze in gioco 2 Come si effettuano le misure? Normative tecniche Tipo di sorgente/i

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

LTE Duplex Gap 821- -832 - BANDA Uplink Wind 832- -842 837 Uplink Tim 842- -852 847 Uplink Vodafone 852- -862 857

LTE Duplex Gap 821- -832 - BANDA Uplink Wind 832- -842 837 Uplink Tim 842- -852 847 Uplink Vodafone 852- -862 857 TABELLA CANALI TV DIGITALI DVB-T Banda Canale Estremi canale MHz Frequenza MHz E1 40- -47 / E2 47- -54 / VHF I E3 54- -61 / E4 61- -68 / E5 174- -181 177,5 E6 181- -188 184,5 E7 188- -195 191,5 VHF III

Dettagli

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura 01/06/2007 dei Campi Elettromagnetici 1 Normativa tecnica di riferimento Guida CEI 211-10: Guida

Dettagli

TzxÇé t exz ÉÇtÄx ÑxÜ Ät cüéàxé ÉÇx wxääëtåu xçàx wxä YÜ âä ixçxé t Z âä t

TzxÇé t exz ÉÇtÄx ÑxÜ Ät cüéàxé ÉÇx wxääëtåu xçàx wxä YÜ âä ixçxé t Z âä t TzxÇé t exz ÉÇtÄx ÑxÜ Ät cüéàxé ÉÇx wxääëtåu xçàx wxä YÜ âä ixçxé t Z âä t PROCEDURA PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI LIMITI DI LEGGE DI CUI AL DPCM 08.07.03 A SEGUITO DELL ATTIVAZIONE DI IMPIANTO PER

Dettagli

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Prof : Stefano Bistarelli Seminario : RETI CELLULARI (2 / 3 / 4 G) THANKS TO Sara Di Matteo SOMMARIO: Introduzione 1G (TACS) Architettura della rete cellulare Tecniche

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Tesi di Laurea in TRASMISSIONE NUMERICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Tesi di Laurea in TRASMISSIONE NUMERICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Tesi di Laurea in TRASMISSIONE NUMERICA Laureando: Serge TcheguemTango Relatore: Chiar.mo

Dettagli

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento La telefonia cellulare Piccola presentazione di approfondimento Introduzione Oggigiorno, i telefoni cellulari sono diffusissimi e godono della massima popolarità. Molte persone, tuttavia, non conoscono

Dettagli

Page 1. Elettronica delle telecomunicazioni II ETLC2 - C1 29/05/2006 2006 DDC 1. Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione

Page 1. Elettronica delle telecomunicazioni II ETLC2 - C1 29/05/2006 2006 DDC 1. Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione Modulo Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione Elettronica delle telecomunicazioni II C - Sistemi e moduli UMTS C1 Struttura interfaccia radio» Accesso multiplo» Radio frame» Blocchi funzionali

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Protocolli di accesso multiplo

Protocolli di accesso multiplo Protocolli di accesso multiplo Quando l accesso ad una risorsa può avvenire da parte di più utenti indipendenti, si parla di risorsa condivisa ed è necessaria l implementazione di particolari protocolli

Dettagli

Appunti di telecomunicazione

Appunti di telecomunicazione Servizio radiomobile GSM Cenni storici Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali.

Dettagli

Implementazione rete LTE

Implementazione rete LTE Implementazione rete LTE Milano, 11 dicembre 2013 Riccardo Zanini Agenda LTE: caratteristiche e prestazioni Stazioni radio base: installazione ed integrazione Strategia e sviluppo della rete Agenda LTE:

Dettagli

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali.

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 01CXGBN Trasmissione numerica parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 1 TRASMISSIONE NUMERICA Trasmissione da un utente TX a un utente RX di informazione discreta

Dettagli

GSM - GSM - parte IV

GSM - GSM - parte IV GSM - parte IV Argomenti della lezione Il livello fisico dell interfaccia radio (Um) Frequenze assegnate al GSM (Europa) GSM primario downlink GSM primario uplink GSM esteso downlink GSM esteso uplink

Dettagli

Sorgenti per comunicazione mobile e modalità di esposizione. Daniele Andreuccetti IFAC-CNR, Firenze

Sorgenti per comunicazione mobile e modalità di esposizione. Daniele Andreuccetti IFAC-CNR, Firenze Sorgenti per comunicazione mobile e modalità di esposizione Daniele Andreuccetti IFAC-CNR, Firenze ZigBee Bluetooth Wi-Fi UWB I servizi di telecomunicazione numerica Wi-Max DVB-S GSM DVB-T PCN UMTS DVB-H

Dettagli

Ogni stazione base viene collegata via cavo ad altri nodi della rete fissa.

Ogni stazione base viene collegata via cavo ad altri nodi della rete fissa. Reti cellulari La rete cellulare è una rete per cui la copertura geografica è realizzata con una tassellazione a celle: porzioni di area geografica che unite ricoprono perfettamente una zona. La prerogativa

Dettagli

Fondamenti teorici dello SS

Fondamenti teorici dello SS Tecniche a spettro espanso Un sistema a spettro espanso è realizzato sulla base di tecniche per cui il segnale trasmesso ha un occupazione spettrale maggiore (10 3 10 6 ) di quella che avrebbe il convenzionale

Dettagli

Le Reti Cellulari. Ing. Daniele Tarchi. Telematica nei Sistemi di trasporto - L08 1

Le Reti Cellulari. Ing. Daniele Tarchi. Telematica nei Sistemi di trasporto - L08 1 Le Reti Cellulari Ing. Daniele Tarchi Telematica nei Sistemi di trasporto - L08 1 Sistemi cellulari Nei primi sistemi radiomobili ogni terminale di utente operava trasmettendo su un certo intervallo di

Dettagli

CAPITOLO 3 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI DAL TACS ALL UMTS

CAPITOLO 3 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI DAL TACS ALL UMTS CAPITOLO 3 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI DAL TACS ALL UMTS 3.1 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI Nel campo della comunicazione wireless si individuano successive generazioni di sistemi che si distinguono

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

COMUNE DI MARTELLAGO

COMUNE DI MARTELLAGO Regolamentazione per l'installazione delle stazioni radio base per telefonia mobile - Aggiornamento COMUNE DI MARTELLAGO PROVINCIA DI VENEZIA Piano di localizzazione per l installazione delle stazioni

Dettagli

Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar)

Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar) Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar) www.studioingsapone.it Pagina 1 di 10 Premessa Questo modulo rappresenta una opzione

Dettagli

Roma, 24 Novembre 2014

Roma, 24 Novembre 2014 Roma, 24 Novembre 2014 Piano di rete Comune di GUARDIAGRELE (CH) Piano 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2

Dettagli

Coperture cellulari. Marco Listanti. Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009. INFOCOM Dept

Coperture cellulari. Marco Listanti. Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009. INFOCOM Dept Coperture cellulari Marco Listanti Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009 Indice Le reti cellulari Architettura di una rete cellulare Coperture cellulari Motivazioni Il canale radiomobile

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA ELETTRONICA. Acquisizione e Sincronizzazione Iniziale di Codice in Sistemi 3G (UMTS)

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA ELETTRONICA. Acquisizione e Sincronizzazione Iniziale di Codice in Sistemi 3G (UMTS) LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA ELETTRONICA Anno Accademico 2006/2007 Acquisizione e Sincronizzazione Iniziale di Codice in Sistemi 3G (UMTS) ing. Francesco Benedetto (fbenedet@uniroma3.it) Digital Signal

Dettagli

Introduzione. Introduzione

Introduzione. Introduzione Introduzione L uomo sin dalla preistoria ha sempre cercato, per necessità e per comodità, di comunicare con altri individui; con l andare del tempo questa esigenza è cresciuta sempre più, si è passati

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Giovedì 22-05-2014 1 Reti wireless Una

Dettagli

CAPITOLO 2 TECNOLOGIA DEI SISTEMI RADIOMOBILI

CAPITOLO 2 TECNOLOGIA DEI SISTEMI RADIOMOBILI CAPITOLO 2 TECNOLOGIA DEI SISTEMI RADIOMOBILI L uomo del XX secolo trova perfettamente logico e naturale avere a disposizione un telefono nella maggior parte dei luoghi in cui si svolgono le sue attività

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 1 - INTRODUZIONE Prof. Mario Barbera 1 Argomenti della lezione Cenni storici Definizioni: Sorgente di informazione Sistema di comunicazione Segnali trasmissivi

Dettagli

Teoria dei Segnali Modulazione digitale

Teoria dei Segnali Modulazione digitale Teoria dei Segnali Modulazione digitale Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Teoria dei Segnali Modulazione digitale 9 novembre Valentino

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB

Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB ArpaInforma iniziative di informazione alla popolazione e di supporto tecnico agli Enti locali Comune di Scandiano Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB Maurizio Poli, Paolo Zanichelli

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN)

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN) WLAN 802.11 1 Local Area Network (LAN) Ethernet Server Hub Internet 2 1 Wireless Local Area Network (WLAN) Ethernet Server Access Point Internet 3 Perchè le Wireless LAN Riduzione costi di manutenzione

Dettagli

LTE Long Term Evolution

LTE Long Term Evolution LTE Long Term Evolution Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. In telecomunicazioni l'lte, acronimo di Long Term Evolution, o anche 4G, è la più recente evoluzione degli standard di telefonia mobile cellulare

Dettagli

Introduzione alle reti di telecomunicazioni

Introduzione alle reti di telecomunicazioni Introduzione alle reti di telecomunicazioni La comunicazione Nello studio dei sistemi di telecomunicazione si è soliti fare riferimento a tre entità fondamentali: il messaggio, che rappresenta l oggetto

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI MODI DI TRASFERIMENTO SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE L informazione da trasferire si ipotizza strutturata in IU Costituita da b bit Da consegnare in t secondi Se

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Università degli studi di Napoli Federico II - Facoltà d Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni

Università degli studi di Napoli Federico II - Facoltà d Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Questo è lo spettro di un segnale FM a 50 MHz. La fm è 10kHz, di conseguenza fp=2,4x10khz =24kHz Siccome si può settare con precisione la frequenza modulata usando un analizzatore di spettro e siccome

Dettagli

Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015

Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015 Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2 LE POTENZIALITÀ

Dettagli

Quarta Lezione Le reti Mobili

Quarta Lezione Le reti Mobili Le reti Mobili Università aperta 13 feb 13 Quarta Lezione Le reti Mobili Federico Marcheselli 1 Argomenti del Corso: sistemi di comunicazione: schema a blocchi schema a blocchi di una corretta comunicazione

Dettagli

Dispensa del Corso Comunicazioni Wireless

Dispensa del Corso Comunicazioni Wireless UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA, GESTIONALE E MECCANICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA, GESTIONALE E MECCANICA Dispensa del Corso

Dettagli

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz)

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz) LA MODULAZIONE DMT Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda (up to 1104 KHz) Consente di suddividere la banda di trasmissione in un determinato numero di sottobande (BINS) a ciascuna

Dettagli

Funzioni trigonometriche e modulazione dei segnali

Funzioni trigonometriche e modulazione dei segnali Funzioni trigonometriche e modulazione dei segnali Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 263 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/~liberali

Dettagli

Filtraggio dei segnali. Soluzioni Fracarro. fracarro.com -50.00 -40.00 -30.00 20.00 -10.00 0.000 -20.00

Filtraggio dei segnali. Soluzioni Fracarro. fracarro.com -50.00 -40.00 -30.00 20.00 -10.00 0.000 -20.00 Filtraggio dei segnali Soluzioni Fracarro 5.. 3.. 1...... -5. fracarro.com Cos'è LTE? Il termine LTE, acronimo di Long Term Evolution, è un nuovo standard internazionale, adottato dalla Comunità Europea,

Dettagli

Wireless LAN. Scritto da BigDaD

Wireless LAN. Scritto da BigDaD Una Wireless local area network, WLAN, è un sistema di comunicazione flessibile e implementabile nella sua estensione, o alternativo, ad una rete fissa (wired LAN). In una W-LAN viene utilizzata una tecnologia

Dettagli

Elementi di teoria dei segnali /b

Elementi di teoria dei segnali /b Elementi di teoria dei segnali /b VERSIONE 29.4.01 Filtri e larghezza di banda dei canali Digitalizzazione e teorema del campionamento Capacità di canale e larghezza di banda Multiplexing e modulazioni

Dettagli

Long Term Evolution. Introduzione alle tecniche di accesso al mezzo e alle procedure di acquisizione iniziale di codice. Ing.

Long Term Evolution. Introduzione alle tecniche di accesso al mezzo e alle procedure di acquisizione iniziale di codice. Ing. Appunti per il corso di Elaborazione numerica dei segnali per telecomunicazioni. Long Term Evolution Introduzione alle tecniche di accesso al mezzo e alle procedure di acquisizione iniziale di codice Ing.

Dettagli

DigitalSubscriberLine(DSL)

DigitalSubscriberLine(DSL) DigitalSubscriberLine(DSL) 1 La famiglia di tecnologie, nota come DSL (DigitalSubscriberLine), è stata introdotta allo scopo di aumentare il ritmo binario sulle ordinarie linee d utente fino a valori dell

Dettagli

Introduzione: scelta della tecnica di accesso multiplo

Introduzione: scelta della tecnica di accesso multiplo Sistema UMTS Tecnica di accesso W-CDMA Introduzione: scelta della tecnica di accesso multiplo... 1 Concetti generali sul CDMA... 3 L operazione di spreading... 6 Parametri caratteristici dell operazione

Dettagli

CARATTERISTICHE COMUNI A ETACS E GSM

CARATTERISTICHE COMUNI A ETACS E GSM Page 1 of 10 CENNI STORICI Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali. Nel nostro

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione 1 - Introduzione al corso Reti Radiomobili

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

Focus su Inquinamento elettromagnetico e ambiente urbano. S. Curcuruto, M. Logorelli Servizio Agenti Fisici - ISPRA

Focus su Inquinamento elettromagnetico e ambiente urbano. S. Curcuruto, M. Logorelli Servizio Agenti Fisici - ISPRA Focus su Inquinamento elettromagnetico e ambiente urbano S. Curcuruto, M. Logorelli Servizio Agenti Fisici - ISPRA Argomento Focus È stata focalizzata l attenzione su un tema molto attuale che riguarda

Dettagli

COMUNE DI FONTE PIANO DI LOCALIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI FONTE PIANO DI LOCALIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI FONTE PIANO DI LOCALIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE RELAZIONE COMUNE DI FONTE Indice RELAZIONE Conferimento incarico Scopo dell incarico Premessa tecnica Descrizione delle operazioni

Dettagli

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz]

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz] 58 Ponti radio Per ponte radio si intende un sistema di collegamento, bidirezionale, a larga banda, che utilizza le onde elettromagnetiche per trasmettere informazioni sia analogiche sia digitali. I ponti

Dettagli

è acronimo di Long Term Evolution, detto anche Super 3G o 4G per Internet Mobile ed utilizzerà l OFDM come modulazione.

è acronimo di Long Term Evolution, detto anche Super 3G o 4G per Internet Mobile ed utilizzerà l OFDM come modulazione. Cosa cambierà Cos è LTE?? è acronimo di Long Term Evolution, detto anche Super 3G o 4G per Internet Mobile ed utilizzerà l OFDM come modulazione. A settembre 2011 si è conclusa con successo l'asta pubblica

Dettagli

Rete Radiomobile TETRA

Rete Radiomobile TETRA Aeroporti di Roma La Tecnologia Digitale TETRA TErrestrial Trunked RAdio TETRA - Lo standard digitale per i Sistemi Radiomobili Professionali European Telecommunications Standardization Institute attraverso:

Dettagli

Relazione Tecnica Campagna di monitoraggio SRB sul territorio comunale di Monza anno 2013 - Prima fase

Relazione Tecnica Campagna di monitoraggio SRB sul territorio comunale di Monza anno 2013 - Prima fase Relazione Tecnica Campagna di monitoraggio SRB sul territorio comunale di Monza anno 2013 - Prima fase Come previsto dalla convenzione per il monitoraggio dei campi elettromagnetici sottoscritta dall amministrazione

Dettagli

PROMAX NEWSLETTER Nº 25

PROMAX NEWSLETTER Nº 25 PROMAX NEWSLETTER Nº 25 Velo? Pronti a Togliere il HD RANGER Evoluzione? No. Rivoluzione! MO-470: modulatore DVB-T2 TVHUNTER+: misuratore palmare DVB-T2 2 HD RANGER HD RANGER Rivoluzionare il mercato.

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE INDICE 1. Introduzione...3 2. Lista delle abbreviazioni...3 3. Requisiti e architettura del test jig COMMS...4 3.1 I compiti

Dettagli

fmtvdigitalbroadcasting

fmtvdigitalbroadcasting fmtvdigitalbroadcasting EVOLUZIONE DELLA TV SITUAZIONE DEL MERCATO: PRIMA Mercati separati e verticali LA SITUAZIONE DEL MERCATO: ADESSO CONVERGENZA DIGITALE: nuovi mercati orizzontali, con molteplici

Dettagli

Misure in modalità Span Zero su impianti LTE: prime misure della potenza associata ai canali di segnalazione e di controllo

Misure in modalità Span Zero su impianti LTE: prime misure della potenza associata ai canali di segnalazione e di controllo Misure in modalità Span Zero su impianti LTE: prime misure della potenza associata ai canali di segnalazione e di controllo Barellini A. 1, Bracci B. 1, Licitra G. 2, Pinzauti A. 1, Silvi A.M. 1 1 Agenzia

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 5 - EGALI DIGITALI E A IMPULI I BADA BAE Prof. Mario Barbera [parte ] Codifica La fase di codifica prevede che venga fatta una associazione tra il livello del segnale

Dettagli

COMUNE DI FORMIGINE AMBIENTE. Presentazione del Piano di Localizzazione per gli impianti di telecomunicazione della telefonia mobile

COMUNE DI FORMIGINE AMBIENTE. Presentazione del Piano di Localizzazione per gli impianti di telecomunicazione della telefonia mobile Presentazione del Piano di Localizzazione per gli impianti di telecomunicazione della telefonia mobile Il fenomeno elettromagnetico ad oggi è prodotto dai grandi conduttori di energia elettrica, dai trasmettitori

Dettagli

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT Il gestore di un ipermercato richiede l' installazione di un access point da utilizzare per il collegamento wireless delle casse automatiche alla rete

Dettagli

L accesso mobile a internet

L accesso mobile a internet L accesso mobile a internet Le frequenze utilizzabili Mario Frullone Direttore delle Ricerche Roma 24 febbraio 2011 L evoluzione del broadband mobile Previsione di crescita per il traffico dati su reti

Dettagli

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL.

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL. P5 CONVERSIONE DI REQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. P. P5. Un segnale modulato in ampiezza con portante e banda di modulazione B=9 khz centrata su, deve essere convertito in frequenza su una portante

Dettagli

Lucidi delle lezioni del corso di SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE

Lucidi delle lezioni del corso di SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE TELEFONIA MOBILE Cenni Storici La propagazione nello spazio libero è usata da quasi 100 anni per le telecomunicazioni I primi (rudimentali) sistemi di telecomunicazione mobile non diffusiva appaiono durante

Dettagli

Modulo TLC:TRASMISSIONI Accesso multiplo

Modulo TLC:TRASMISSIONI Accesso multiplo 1 11.. Accesso A multiplo 2 Modalità di trasmissione (1/3) Ad una via (unidirezionale): dalla sorgente S verso la destinazione S A due vie (bidirezionale): tra 2 terminali T1, T2 T1 T2 3 Modalità di di

Dettagli

Relazione Tecnica. INDAGINI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (Wi-Fi) presso SEDE ISPRA di via Vitaliano Brancati 48

Relazione Tecnica. INDAGINI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (Wi-Fi) presso SEDE ISPRA di via Vitaliano Brancati 48 Relazione Tecnica INDAGINI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (Wi-Fi) presso SEDE ISPRA di via Vitaliano Brancati 48 ISPRA - Roma, 18 maggio 2010 SOMMARIO: : 1 PREMESSA 3 2 SITO OGGETTO DI INDAGINI 3 3 NORMATIVA

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni

Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni Le reti locali si differenziano da quelle geografiche e dai sistemi multiprocessore dalla velocità di trasmissione (data rate) R usata e dalla distanza

Dettagli

di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove

di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove Negli ultimi anni il settore delle telecomunicazioni ha assunto un ruolo di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove tecniche di modulazione e demodulazione digitale

Dettagli

Tecniche di modulazione in segnali radio

Tecniche di modulazione in segnali radio Capitolo 13 Tecniche di modulazione in segnali radio Impatto ambientale dei campi elettromagnetici Misure a banda stretta Elemento fondamentale per le misure a banda stretta è l analizzatore di spettro.

Dettagli

REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE

REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE Andrea Cerniglia (1), Giovanni Brambilla (2), Patrizio Verardi (2) 1) 01 db Italia, Milano 2) Istituto di Acustica

Dettagli

QUALITÀ DEL SERVIZIO NEI SISTEMI RADIOMOBILI DI TERZA GENERAZIONE (UMTS)

QUALITÀ DEL SERVIZIO NEI SISTEMI RADIOMOBILI DI TERZA GENERAZIONE (UMTS) QUALITÀ DEL SERVIZIO NEI SISTEMI RADIOMOBILI DI TERZA GENERAZIONE (UMTS) In questo articolo si descriverà il sistema UMTS WCDMA, che verrà introdotto in Europa per la realizzazione della rete radiomobile

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Direct Sequence o Frequency Hopping

Direct Sequence o Frequency Hopping Direct Sequence o Frequency Hopping Questo documento vuole essere un punto di riferimento per aiutare quanti si avvicinano per la prima volta alla tecnologia delle wireless Fidelity LAN Wi-Fi. Un confronto

Dettagli

Esperienza n. 8 Uso dell oscilloscopio analogico

Esperienza n. 8 Uso dell oscilloscopio analogico 1 L oscilloscopio consente di visualizzare forme d onda e più in generale è un dispositivo che visualizza una qualunque funzione di 2 variabili. Per fare ciò esse devono essere o essere trasformate in

Dettagli

Relazione Tecnica RT_001_14_P. Piano territoriale per l installazione di Stazioni Radio Base per la telefonia mobile nel Comune di Oliveto Citra

Relazione Tecnica RT_001_14_P. Piano territoriale per l installazione di Stazioni Radio Base per la telefonia mobile nel Comune di Oliveto Citra Relazione Tecnica Piano territoriale per l installazione di Stazioni Radio Base per la telefonia mobile nel Comune di Oliveto Citra CLIENTE: Comune di Oliveto Citra COMMESSA: CO_001_14_P del 13/01/2014

Dettagli

Le tecnologie per la connettività radio in ambito geografico

Le tecnologie per la connettività radio in ambito geografico Le tecnologie per la connettività radio in ambito geografico 1 Molteplici requisiti Uniformità di copertura radio Servizio di connettività offerto in zone a differente richiesta di traffico e ad utenti

Dettagli

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE Condizionamento ed acquisizione del segnale Prof. Salvatore Nuccio salvatore.nuccio@unipa.it, tel.: 0916615270 1 Circuito di condizionamento Un sensore/trasduttore (S/T)

Dettagli

RADWIN 5000 HPMP ALTA CAPACITÀ PUNTO-MULTIPUNTO. Opuscolo del prodotto RADWIN 5000 HPMP PERCORRI L AUTOSTRADA SENZA FILI DI RADWIN 5000 HPMP

RADWIN 5000 HPMP ALTA CAPACITÀ PUNTO-MULTIPUNTO. Opuscolo del prodotto RADWIN 5000 HPMP PERCORRI L AUTOSTRADA SENZA FILI DI RADWIN 5000 HPMP Opuscolo del prodotto RADWIN 5000 HPMP RADWIN 5000 HPMP ALTA CAPACITÀ PUNTO-MULTIPUNTO PERCORRI L AUTOSTRADA SENZA FILI DI RADWIN 5000 HPMP RADWIN 5000 HPMP Punto-Multipunto fornisce fino a 200 Mbps a

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento INFOCOM. Aldo Roveri Lezioni dell a.a. 2013-2014

Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento INFOCOM. Aldo Roveri Lezioni dell a.a. 2013-2014 Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento INFOCOM RETI MOBILI E MULTIMEDIALI Aldo Roveri Lezioni dell a.a. 2013-2014 XVII. LTE ADVANCED LTE Advanced XVII.1 I sistemi di quarta generazione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G. MARCONI" Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI)

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: DISCIPLINA: Telecomunicazioni- pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: DISCIPLINA: Monte ore annuo

Dettagli

HSPA - High Speed Packet Access

HSPA - High Speed Packet Access HSPA - High Speed Packet Access 0 Downlink: HSDPA caratteristiche 1 Cos è l HSDPA? E un insieme di funzionalità radio introdotte in UTRAN R5 finalizzate a: Fruizione ottimale di servizi a pacchetto asimmetrici

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE... 1. Capitolo 1: RETI WIRELESS... 5. 1.1 Reti Wireless... 5. 1.2 Lo standard IEEE 802.11... 10. 1.3 Le Vanet...

INDICE INTRODUZIONE... 1. Capitolo 1: RETI WIRELESS... 5. 1.1 Reti Wireless... 5. 1.2 Lo standard IEEE 802.11... 10. 1.3 Le Vanet... Indice INDICE INTRODUZIONE... 1 Capitolo 1: RETI WIRELESS... 5 1.1 Reti Wireless... 5 1.2 Lo standard IEEE 802.11... 10 1.3 Le Vanet... 14 1.4 LTE (Long Term Evolution)... 19 1.5 5G... 21 Capitolo 2: RETI

Dettagli

Definizione e Sviluppo di un Ricevitore Software per l Elaborazione dei Segnali GPS e Galileo: Peculiarità e Risultati della Fase di Acquisizione

Definizione e Sviluppo di un Ricevitore Software per l Elaborazione dei Segnali GPS e Galileo: Peculiarità e Risultati della Fase di Acquisizione Tesi di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Anno Accademico 26-27 Definizione e Sviluppo di un Ricevitore Software per l Elaborazione dei Segnali GPS e Galileo: Peculiarità e Risultati

Dettagli

Evoluzioni delle reti mobili verso la larga banda

Evoluzioni delle reti mobili verso la larga banda MOBILE SPECIALE NGN2 Evoluzioni delle reti mobili verso la larga banda LUCA D ANTONIO PAOLO GIANOLA GIOVANNI ROMANO L utilizzo sempre più diffuso di Internet, in particolare dei servizi di download di

Dettagli

RETI CELLULARI. Principi generali. Definizioni

RETI CELLULARI. Principi generali. Definizioni RETI CELLULARI Principi generali Copyright Gruppo Reti di Telecomunicazioni Politecnico di Torino Rete wireless Definizioni (sotto)rete in cui l accesso da un terminale avviene attraverso un canale radio,

Dettagli