2019_11_19_lampeggio_plus_macchina a stati_v15

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2019_11_19_lampeggio_plus_macchina a stati_v15"

Transcript

1 2019_11_19_lampeggio_plus_macchina a stati_v15

2 Sommario Blocchi di programma Main [OB1] 3-1 Startup [OB100] 4-1 Calcolo_Tempo [FC2] 5-1 Ingressi e uscite [FC1] 6-1 Blocchi di sistema Risorse del programma filtro_in0 [DB1] 7-1 filtro_in1 [DB2] 8-1 filtro_in2 [DB3] 9-1 filtro_in3 [DB4] 10-1 filtro_in4 [DB5] 11-1 filtro_in5 [DB6] 12-1 filtro_in6 [DB7] 13-1 filtro_in7 [DB8] 14-1 timer_s1_led_on [DB9] 15-1 timer_s2_led_off [DB10] 16-1

3 Blocchi di programma Main [OB1] Main Proprietà Nome Main Numero 1 Tipo OB Linguaggio KOP Titolo "Main Program Sweep (Cycle)" Autore Commento Programma che fa Lampeggiare Q0.7 a frequenza di 0,5Hz se Abil_Val (I0.2, NA, 200ms ) è off, mentre il semiperiodo di lampeggio è pari a 100ms*NUM dove NUM è il numero binario 1 a 15 formato i bit I0.4- I0.7 (tutti NA, 1s). Il lampeggio parte acceso se va a 1 Abil_A (I0.0, NA, 200ms) e parte spento se va a 1 Abil_S (I0.1, NA, 200ms). Segnalazione di errore su Q0.1 se Abil_A=Abil_S=1 oppure se I0.4-I0.7=0000 con Abil_Val=1 e in tal caso si usi un limite a 1 per NUM Usare "Base per macchina a stati" e relative istruzioni. Famiglia Versione 0.1 ID definito NOTE: - La segnalazione di errore su Q0.1 non rientra nella macchina a stati in quanto non influisce sul lampeggio del led e agisce nello stesso modo in tutti gli stati - Se invece la segnalazione di errore avesse comportato lo spegnimento del led, sarebbe stato opportuno creare uno stato 3 nel quale si entra in modo incondizionato a seguito di Errore_switch e l quale si esce verso lo stato 0. ATTZIONE!!! Se la macchina a stati riguar 2 uscite, si deve essere certi che entrambe le uscite abbiano sempre uno stato sicuro in tutti gli stati, quindi nello stato 0 avrei dovuto resettare Q0.1 Base per macchina a stati 1) disegnare macchina a stati 2) configurare costanti e variabili (ATTZIONE! Mettere tutte le nuove variabili a partire ll'indirizzo 10, lasciando inalterata la mappatura 0 a 9) 3) elencare passi rimuovendo gli esempi e modificando il commento di ciascun segmento dopo averlo controllato 4) elencare transizioni condizionate (priorità all'ultimo segmento) rimuovendo gli esempi e modificando il commento di ciascun segmento dopo averlo controllato 5) elencare transizioni incondizionate (dopo quelle condizionate) rimuovendo gli esempi e modificando il commento di ciascun segmento 6) controllare compattando i segmenti e guarndo i timer in blocchi di sistema/ risorse del programma 7) compilare, caricare e testare Nome Tipo di ti Valore di default Commento Temp Constant

4 Segmento 1: richiamo FC, Ingressi e Uscite creazione immagine uscite (MB1) usare come ingressi %M7.0 "sempre vero" %FC1 "Ingressi e uscite" O Segmento 2: richiamo FC, calcolo tempi creazione immagine uscite (MB1) usare come ingressi %M7.0 "sempre vero" %FC2 "Calcolo_Tempo" O Segmento 3: Errore switch %M2.0 "Abil_A" %M2.1 "Abil_S" %Q0.1 "errore switch" %M2.2 "Abil_Val" %M2.4 "Val_lsb" %M2.5 "Val_2" %M2.6 "Val_3" %M2.7 "Val_4" Segmento 4: Abilitazione lampeggio %M2.0 "Abil_A" %M10.0 "Abil_lamp" %M2.1 "Abil_S" Segmento 5: Transizioni: 0->1 %MB8 "Stato" == Byte 0 %M2.0 "Abil_A" 1 O %MB9 "Stato_futuro" Segmento 6: Transizioni: 0->2 %MB8 "Stato" == Byte 0 %M2.1 "Abil_S" 2 O %MB9 "Stato_futuro" Segmento 7: Transizioni: 1->2 %MB8 "Stato" == Byte 1 "timer_s1_led_ on".q 2 O %MB9 "Stato_futuro" Segmento 8: Transizioni: 2->1 %MB8 "Stato" == Byte 2 "timer_s2_led_ off".q 1 O %MB9 "Stato_futuro"

5 Segmento 9: Transizioni: ->0 %M10.0 "Abil_lamp" 0 O %MB9 "Stato_futuro" Segmento 10: Passaggio di stato ( non rimuovere ne modificare!!!) %M7.0 "sempre vero" %MB9 "Stato_futuro" O %MB8 "Stato" Segmento 11: Passi: 0 %MB8 "Stato" == Byte 0 %Q0.7 "led" R Segmento 12: Passi: 1 led on %MB8 "Stato" == Byte 1 %DB9 "timer_s1_led_ on" TON Time Q %MD20 ET... "Semiperiodo" PT %Q0.7 "led" S Segmento 13: Passi: 2 led off %MB8 "Stato" == Byte 2 %DB10 "timer_s2_led_ off" TON Time Q %MD20 ET... "Semiperiodo" PT %Q0.7 "led" R

6 Blocchi di programma Startup [OB100] Startup Proprietà Nome Startup Numero 100 Tipo OB Linguaggio KOP Titolo "Complete Restart" Autore Commento Famiglia Versione 0.1 ID definito Nome Tipo di ti Valore di default Commento Input Temp LostRetentive Bool True if retentive ta are lost LostRTC Bool True if real time clock is lost Constant Segmento 1: bit sempre vero creazione bit sempre vero %M7.0 "sempre vero" %M7.0 "sempre vero" S Segmento 2: Init Uscite %M7.0 "sempre vero" B#2# "Maschera Out Reset" O %QB0 "uscite byte" Segmento 3: Init Macchina a stati %M7.0 "sempre vero" O O 0 "Stato_partenza" %MB8 "Stato" 0 "Stato_partenza" %MB9 "Stato_futuro"

7 Blocchi di programma Calcolo_Tempo [FC2] Calcolo_Tempo Proprietà Nome Calcolo_Tempo Numero 2 Tipo FC Linguaggio KOP Titolo Autore Commento Famiglia Versione 0.1 ID definito Nome Tipo di ti Valore di default Commento Input Output InOut Temp Constant Return Calcolo_Tempo Segmento 1: Void %M2.2 "Abil_Val" T#1s "Tempo_fisso_ lampeggio" O %MD20 "Semiperiodo" Segmento 2: %M2.2 "Abil_Val" %MB2 "ingressi memorie filtrato" B#2# "Maschera Val" AND Byte O OUT 1 2 %MB24 "Var_Byte" Segmento 3: %M2.2 "Abil_Val" SHR Byte O %MB24 "Var_Byte" OUT %MB24 "Var_Byte" 4 "Numero_Shift" N Segmento 4: %M2.2 "Abil_Val" %MB24 "Var_Byte" T#100ms "Tempo_ quanto_x_mul" MUL DInt O 1 OUT 2 %MD20 "Semiperiodo"

8 Blocchi di programma Ingressi e uscite [FC1] Ingressi e uscite Proprietà Nome Ingressi e uscite Numero 1 Tipo FC Linguaggio KOP Titolo Autore Commento Famiglia Versione 0.1 ID definito Nome Tipo di ti Valore di default Commento Input Output InOut Temp Constant Return Ingressi e uscite Segmento 1: creazione immagine uscite (MB1) usare come ingressi Void creazione immagine uscite (MB1) usare come ingressi %M7.0 "sempre vero" %QB0 "uscite byte" O %MB1 "uscite memorie" Segmento 2: maschera ingressi NC in modo gestirli come NA maschera ingressi NC in modo gestirli come NA %M7.0 "sempre vero" %IB0 "ingressi byte" B#2# "maschera NCNA" XOR Byte O 1 OUT 2 %MB0 "ingressi memorie" Segmento 3: Filtro TON e P ingresso I0.0 %M0.0 "in0_na" %DB1 "filtro_in0" TON Time Q T#200ms ET... "filtro in0" PT %M2.0 "Abil_A" %M2.0 "Abil_A" P %M4.0 "in0_var_p" %M3.0 "in0_p" Segmento 4: Filtro TON e P ingresso I0.1 %M0.1 "in1_na" %DB2 "filtro_in1" TON Time Q T#200ms ET... "filtro in1" PT %M2.1 "Abil_S" %M2.1 "Abil_S" P %M4.1 "in1_var_p" %M3.1 "in1_p" Segmento 5: Filtro TON e P ingresso I0.2

9 %M0.2 "in2_na" %DB3 "filtro_in2" TON Time Q T#200ms ET... "filtro in2" PT %M2.2 "Abil_Val" %M2.2 "Abil_Val" P %M4.2 "in2_var_p" %M3.2 "in2_p" Segmento 6: Filtro TON e P ingresso I0.3 %M0.3 "in3_na" %DB4 "filtro_in3" TON Time Q T#100ms ET... "filtro in3" PT %M2.3 "in3" %M2.3 "in3" P %M4.3 "in3_var_p" %M3.3 "in3_p" Segmento 7: Filtro TON e P ingresso I0.4 %M0.4 "in4_na" %DB5 "filtro_in4" TON Time Q T#1s ET... "filtro in4" PT %M2.4 "Val_lsb" %M2.4 "Val_lsb" P %M4.4 "in4_var_p" %M3.4 "in4_p" Segmento 8: Filtro TON e P ingresso I0.5 %M0.5 "in5_na" %DB6 "filtro_in5" TON Time Q T#1s ET... "filtro in5" PT %M2.5 "Val_2" %M2.5 "Val_2" P %M4.5 "in5_var_p" %M3.5 "in5_p" Segmento 9: Filtro TON e P ingresso I0.6 %M0.6 "in6_na" %DB7 "filtro_in6" TON Time Q T#1s ET... "filtro in6" PT %M2.6 "Val_3" %M2.6 "Val_3" P %M4.6 "in6_var_p" %M3.6 "in6_p" Segmento 10: Filtro TON e P ingresso I0.7

10 %M0.7 "in7_na" %DB8 "filtro_in7" TON Time Q T#1s ET... "filtro in7" PT %M2.7 "Val_4" %M2.7 "Val_4" P %M4.7 "in7_var_p" %M3.7 "in7_p"

11 Blocchi di programma / Blocchi di sistema / Risorse del programma filtro_in0 [DB1] filtro_in0 Proprietà Nome filtro_in0 Numero 1 Tipo DB Linguaggio DB Titolo Autore Simatic Commento Famiglia IEC Versione 1.0 ID definito IEC_TMR Static Nome Tipo di ti Valore di avvio A ritenzione Accessibile HMI/OPC Scrivibile HMI/ OPC Visibile in HMI Engineering PT Time T#0ms False True True True False ET Time T#0ms False True False True False Bool false False True True True False Q Bool false False True False True False Valore di impostazione Controllo Commento

12 Blocchi di programma / Blocchi di sistema / Risorse del programma filtro_in1 [DB2] filtro_in1 Proprietà Nome filtro_in1 Numero 2 Tipo DB Linguaggio DB Titolo Autore Simatic Commento Famiglia IEC Versione 1.0 ID definito IEC_TMR Static Nome Tipo di ti Valore di avvio A ritenzione Accessibile HMI/OPC Scrivibile HMI/ OPC Visibile in HMI Engineering PT Time T#0ms False True True True False ET Time T#0ms False True False True False Bool false False True True True False Q Bool false False True False True False Valore di impostazione Controllo Commento

13 Blocchi di programma / Blocchi di sistema / Risorse del programma filtro_in2 [DB3] filtro_in2 Proprietà Nome filtro_in2 Numero 3 Tipo DB Linguaggio DB Titolo Autore Simatic Commento Famiglia IEC Versione 1.0 ID definito IEC_TMR Static Nome Tipo di ti Valore di avvio A ritenzione Accessibile HMI/OPC Scrivibile HMI/ OPC Visibile in HMI Engineering PT Time T#0ms False True True True False ET Time T#0ms False True False True False Bool false False True True True False Q Bool false False True False True False Valore di impostazione Controllo Commento

14 Blocchi di programma / Blocchi di sistema / Risorse del programma filtro_in3 [DB4] filtro_in3 Proprietà Nome filtro_in3 Numero 4 Tipo DB Linguaggio DB Titolo Autore Simatic Commento Famiglia IEC Versione 1.0 ID definito IEC_TMR Static Nome Tipo di ti Valore di avvio A ritenzione Accessibile HMI/OPC Scrivibile HMI/ OPC Visibile in HMI Engineering PT Time T#0ms False True True True False ET Time T#0ms False True False True False Bool false False True True True False Q Bool false False True False True False Valore di impostazione Controllo Commento

15 Blocchi di programma / Blocchi di sistema / Risorse del programma filtro_in4 [DB5] filtro_in4 Proprietà Nome filtro_in4 Numero 5 Tipo DB Linguaggio DB Titolo Autore Simatic Commento Famiglia IEC Versione 1.0 ID definito IEC_TMR Static Nome Tipo di ti Valore di avvio A ritenzione Accessibile HMI/OPC Scrivibile HMI/ OPC Visibile in HMI Engineering PT Time T#0ms False True True True False ET Time T#0ms False True False True False Bool false False True True True False Q Bool false False True False True False Valore di impostazione Controllo Commento

16 Blocchi di programma / Blocchi di sistema / Risorse del programma filtro_in5 [DB6] filtro_in5 Proprietà Nome filtro_in5 Numero 6 Tipo DB Linguaggio DB Titolo Autore Simatic Commento Famiglia IEC Versione 1.0 ID definito IEC_TMR Static Nome Tipo di ti Valore di avvio A ritenzione Accessibile HMI/OPC Scrivibile HMI/ OPC Visibile in HMI Engineering PT Time T#0ms False True True True False ET Time T#0ms False True False True False Bool false False True True True False Q Bool false False True False True False Valore di impostazione Controllo Commento

17 Blocchi di programma / Blocchi di sistema / Risorse del programma filtro_in6 [DB7] filtro_in6 Proprietà Nome filtro_in6 Numero 7 Tipo DB Linguaggio DB Titolo Autore Simatic Commento Famiglia IEC Versione 1.0 ID definito IEC_TMR Static Nome Tipo di ti Valore di avvio A ritenzione Accessibile HMI/OPC Scrivibile HMI/ OPC Visibile in HMI Engineering PT Time T#0ms False True True True False ET Time T#0ms False True False True False Bool false False True True True False Q Bool false False True False True False Valore di impostazione Controllo Commento

18 Blocchi di programma / Blocchi di sistema / Risorse del programma filtro_in7 [DB8] filtro_in7 Proprietà Nome filtro_in7 Numero 8 Tipo DB Linguaggio DB Titolo Autore Simatic Commento Famiglia IEC Versione 1.0 ID definito IEC_TMR Static Nome Tipo di ti Valore di avvio A ritenzione Accessibile HMI/OPC Scrivibile HMI/ OPC Visibile in HMI Engineering PT Time T#0ms False True True True False ET Time T#0ms False True False True False Bool false False True True True False Q Bool false False True False True False Valore di impostazione Controllo Commento

19 Blocchi di programma / Blocchi di sistema / Risorse del programma timer_s1_led_on [DB9] timer_s1_led_on Proprietà Nome timer_s1_led_on Numero 9 Tipo DB Linguaggio DB Titolo Autore Simatic Commento Famiglia IEC Versione 1.0 ID definito IEC_TMR Static Nome Tipo di ti Valore di avvio A ritenzione Accessibile HMI/OPC Scrivibile HMI/ OPC Visibile in HMI Engineering PT Time T#0ms False True True True False ET Time T#0ms False True False True False Bool false False True True True False Q Bool false False True False True False Valore di impostazione Controllo Commento

20 Blocchi di programma / Blocchi di sistema / Risorse del programma timer_s2_led_off [DB10] timer_s2_led_off Proprietà Nome timer_s2_led_off Numero 10 Tipo DB Linguaggio DB Titolo Autore Simatic Commento Famiglia IEC Versione 1.0 ID definito IEC_TMR Static Nome Tipo di ti Valore di avvio A ritenzione Accessibile HMI/OPC Scrivibile HMI/ OPC Visibile in HMI Engineering PT Time T#0ms False True True True False ET Time T#0ms False True False True False Bool false False True True True False Q Bool false False True False True False Valore di impostazione Controllo Commento

2018_12_22_preappello_8&10 / PLC_1 [CPU 1214C DC/DC/DC] / Blocchi di programma

2018_12_22_preappello_8&10 / PLC_1 [CPU 1214C DC/DC/DC] / Blocchi di programma 2018_12_22_preappello_8&10 / PLC_1 [CPU 1214C DC/DC/DC] / Blocchi di programma Main [OB1] Main Proprietà Generale Nome Main Numero 1 Tipo OB Linguaggio KOP Numerazione Automatico Informazioni Titolo "Main

Dettagli

PLC_1 [CPU 1214C DC/DC/DC]

PLC_1 [CPU 1214C DC/DC/DC] PL_1 [PU 1214 //] PL_1 Generale\Informazioni sul progetto Nome PL_1 utore Studente ommento PositionNumber 1 Generale\Informazioni sul catalogo escrizione sintetica PU 1214 // escrizione Memoria di lavoro

Dettagli

USO DEI TEMPORIZZATORI NEI PLC S7 1500

USO DEI TEMPORIZZATORI NEI PLC S7 1500 USO DEI TEMPORIZZATORI NEI PLC S7 1500 Prof. A. Messina Nel PLC ci sono quattro tipi di temporizzatori TON, TOF, TP, TONR che hanno le seguenti caratteristiche 1. Vengono controllati con un singolo elemento

Dettagli

STEP7: blocchi. Vi sono diversi tipi di blocchi che possono essere utilizzati all'interno di programmi utente:

STEP7: blocchi. Vi sono diversi tipi di blocchi che possono essere utilizzati all'interno di programmi utente: STEP7: generalità In una CPU sono eseguiti due programmi distinti: Sistema operativo - gestione avviamenti e richiamo OB - gestione immagini di processo di ingresso e di uscita (OB1) - diagnostica e comunicazione

Dettagli

Wincc TIA Portal v14

Wincc TIA Portal v14 Wincc TIA Portal v14 All apertura il programma richiede di creare un nuovo progetto. Impostare il percorso desiderato (desktop) e selezionare CREA Step (1) Creazione di un nuovo dispositivo Una volta creato

Dettagli

PLC_1 [CPU 1214C DC/DC/DC]

PLC_1 [CPU 1214C DC/DC/DC] PLC_1 [CPU 1214C DC/DC/DC] PLC_1 Generale\Informazioni sul progetto Nome PLC_1 Autore Studente Commento PositionNumber 1 Generale\Informazioni sul catalogo Descrizione sintetica CPU 1214C DC/DC/DC Descrizione

Dettagli

ESEMPIO QUATTRO: TRAPANO COMPLESSO

ESEMPIO QUATTRO: TRAPANO COMPLESSO ESEMPIO QUATTRO: TRAPANO COMPLESSO Tecnica basata sulla macchina a stati Il sistema da analizzare è costituito da un trapano che deve effettuare un foro su un pezzo posizionato alla base del sistema. Il

Dettagli

TUTORIAL. Uso di FB e creazione di Istanze in ambiente TIA Portal V12

TUTORIAL. Uso di FB e creazione di Istanze in ambiente TIA Portal V12 TUTORIAL Uso di FB e creazione di Istanze in ambiente TIA Portal V12 Prof.S.Cavalieri University of Catania Dept. Electrical Electronic and Computer Engineering (DIEEI) 1 1. Creazione di un Blocco Funzionale

Dettagli

Controllo Accessi Telnet

Controllo Accessi Telnet Controllo Accessi Telnet 03 Luglio 2015 Versione software 2.0 Datasheet Connessione Menu Terminal: Connettere la scheda ad un qualsiasi pc attraverso il cavo USB e aprire l applicazione Terminal.exe quindi

Dettagli

MODULO 2 ELEMENTI DI PROGRAMMAZIONE DEL PLC S SIEMENS PARTE PRIMA IL LINGUAGGIO A CONTATTI

MODULO 2 ELEMENTI DI PROGRAMMAZIONE DEL PLC S SIEMENS PARTE PRIMA IL LINGUAGGIO A CONTATTI MODULO 2 ELEMENTI DI PROGRAMMAZIONE DEL PLC S7 1200 SIEMENS PARTE PRIMA IL LINGUAGGIO A CONTATTI.. 2.1 CONTATTI E BOBINE (KOP) pag. 2 2.2 ISTRUZIONI DI IMPOSTAZIONE E RESET.pag. 3 2.3 LATCH DI BIT CON

Dettagli

Vogliamo far lampeggiare i led collegati come in figura ai bit della porta D del PIC 18F8722 presente sulla demo board in dotazione al laboratorio.

Vogliamo far lampeggiare i led collegati come in figura ai bit della porta D del PIC 18F8722 presente sulla demo board in dotazione al laboratorio. Lampeggio di 8 led Vogliamo far lampeggiare i led collegati come in figura ai bit della porta D del PIC 18F8722 presente sulla demo board in dotazione al laboratorio. Bit7 Bit6 Bit5 Bit4 Bit3 Bit2 Bit1

Dettagli

Il linguaggio C. Notate che...

Il linguaggio C. Notate che... Il linguaggio C Notate che... 1 Il C è un linguaggio a blocchi int main (void) { blocco } 2 Il C è un linguaggio a blocchi (2) Non è possibile mischiare dichiarazioni e comandi! int main (void) { } Dichiarazione

Dettagli

Il linguaggio C. Notate che...

Il linguaggio C. Notate che... Il linguaggio C Notate che... 1 Il C è un linguaggio a blocchi int main (void) { blocco } 2 Il C è un linguaggio a blocchi (2) Non è possibile mischiare dichiarazioni e comandi! int main (void) { } Dichiarazione

Dettagli

Linguaggio di Programmazione Ladder

Linguaggio di Programmazione Ladder Linguaggio di Programmazione Ladder E' il più vecchio linguaggio di programmazione per PLC Si basa su simboli di provenienza "elettrica": binari di potenza (power rail), contatti elettrici e avvolgimenti

Dettagli

Linguaggi di Programmazione

Linguaggi di Programmazione IEC 1131 Linguaggi di Programmazione Linguaggio a contatti (Ladder Diagram) Diagramma a blocchi funzionali (FBD) Diagramma sequenziale funzionale (SFC) Lista di istruzioni Testo strutturato Ladder Diagram

Dettagli

PLC_1 [CPU 1214C DC/DC/DC]

PLC_1 [CPU 1214C DC/DC/DC] PLC_1 [CPU 1214C DC/DC/DC] PLC_1 Generale\Informazioni sul progetto Nome PLC_1 Autore Studente Commento PositionNumber 1 Generale\Informazioni sul catalogo Descrizione sintetica CPU 1214C DC/DC/DC Descrizione

Dettagli

Reti e Sistemi per l Automazione LADDER LOGIC. Stefano Panzieri Ladder Logic - 1

Reti e Sistemi per l Automazione LADDER LOGIC. Stefano Panzieri Ladder Logic - 1 LADDER LOGIC Stefano Panzieri Ladder Logic - 1 Linguaggi di Programmazione IEC 1131 Linguaggio a contatti (Ladder Diagram) Diagramma a blocchi funzionali (FBD) Diagramma sequenziale funzionale (SFC) Lista

Dettagli

Il Linguaggio di Programmazione IEC 61131-3 Ladder

Il Linguaggio di Programmazione IEC 61131-3 Ladder Il Linguaggio di Programmazione IEC 61131-3 Ladder Linguaggio di Programmazione Ladder E' il più vecchio linguaggio di programmazione per PLC Si basa su simboli di provenienza "elettrica": binari di potenza

Dettagli

TIA Portal Programmazione

TIA Portal Programmazione TIA Portal Programmazione Rev Digitale 1.0 del 01/09/2019 Introduzione..... 2 Il blocco OB1..... 2 I tipi di dati...... 3 Le aree di memoria per la memorizzazione dei dati 3 Valori immediati........ 4

Dettagli

Informatica/ Ing. Meccanica/ Ing. Edile/ Prof. Verdicchio/ 02/04/2014/ Appello straordinario/ Foglio delle domande / VERSIONE 1

Informatica/ Ing. Meccanica/ Ing. Edile/ Prof. Verdicchio/ 02/04/2014/ Appello straordinario/ Foglio delle domande / VERSIONE 1 Informatica/ Ing. Meccanica/ Ing. Edile/ Prof. Verdicchio/ 02/04/2014/ Appello straordinario/ Foglio delle domande/ VERSIONE 1 1) Nell uso dei puntatori in C++ la scrittura -> vuol dire: a) riferimento

Dettagli

Corso di Automazione industriale

Corso di Automazione industriale Corso di Automazione industriale Lezione 7 PLC Testo strutturato Università degli Studi di Bergamo, Automazione Industriale, A.A. 2017/2018, A. L. Cologni 1 Introduzione Il Testo strutturato è il linguaggio

Dettagli

RELAZIONE DELLA PROVA DI LABORATORIO DI INFORMATICA

RELAZIONE DELLA PROVA DI LABORATORIO DI INFORMATICA RELAZIONE DELLA PROVA DI LABORATORIO DI INFORMATICA Anno scolastico Lab informatica AULA n 35 Data inizio svolgimento Progr. relazione primo trimestre secondo pentamestre Cognome e Nome DATI DELLO STUDENTE

Dettagli

TIA PORTAL-SCL. Structured Control Language per Step7 V11. Orazio Vinci Siemens AG All Rights Reserved.

TIA PORTAL-SCL. Structured Control Language per Step7 V11. Orazio Vinci   Siemens AG All Rights Reserved. TIA PORTAL-SCL Structured Control Language per Step7 V11 Orazio Vinci E-mail : orazio.vinci@siemens.com Struttura della presentazione Introduzione Caratteristiche generali Ambiente di sviluppo e finestra

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

FC1 - <offline> "" Pagina 1 di 9. Autore: Versione: 0.1 Versione blocco: 2 Data e ora Codice: 21/10/

FC1 - <offline>  Pagina 1 di 9. Autore: Versione: 0.1 Versione blocco: 2 Data e ora Codice: 21/10/ FC1 - "" Nome: Famiglia: Autore: Versione: 0.1 Versione blocco: 2 Data e ora Codice: 21/10/2015 22.54.13 Interfaccia: 12/10/2015 20.32.34 Lunghezze (blocco / codice / dati): 00996 00798 00006

Dettagli

Tela (Teaching Language)

Tela (Teaching Language) Tela (Teaching Language) Paradigma imperativo Dichiarazioni di variabili, costanti, moduli Programma strutturato in moduli innestati Scope statico Passaggio dei parametri per valore Corpo del modulo =

Dettagli

Unità Didattica 3 Linguaggio C. Generalità sulle Funzioni. Variabili locali e globali. Passaggio di parametri per valore.

Unità Didattica 3 Linguaggio C. Generalità sulle Funzioni. Variabili locali e globali. Passaggio di parametri per valore. Unità Didattica 3 Linguaggio C Generalità sulle Funzioni. Variabili locali e globali. Passaggio di parametri per valore. Funzioni Generalizzazione del concetto di funzione algebrica: legge che associa

Dettagli

MANUALE Lanterne di coda con decoder

MANUALE Lanterne di coda con decoder MANUALE Lanterne di coda con decoder Cod. Lanterne di coda con decoder Pag. 1 di 5 CODICE PRODOTTO Funzionalità Questo decoder multifunzioni e previsto per il funzionamento su impianti che supportano il

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. SB3Conf Help V1.00 (01 ITA).doc pag. 1 / 10

EFA Automazione S.r.l. SB3Conf Help V1.00 (01 ITA).doc pag. 1 / 10 EFA Automazione S.r.l. SB3Conf Help V1.00 (01 ITA).doc pag. 1 / 10 SOMMARIO Requisiti software pag. 2 Istruzioni per l installazione pag. 2 Avvio del Configuratore pag. 2 Creazione di un nuovo progetto

Dettagli

SISTEMI PER L INDUSTRIA E PLC 10/01/18 Teoria, 30minuti, Minimo 4 punti su 12 di Programmazione

SISTEMI PER L INDUSTRIA E PLC 10/01/18 Teoria, 30minuti, Minimo 4 punti su 12 di Programmazione SISTEMI PER L INDUSTRIA E PLC 10/01/18 Teoria, 30minuti, Minimo 4 punti su 12 di Programmazione 1) Illustrare brevemente le differenze tra PLC, Soft-PLC e Periferia (3 punti) 2) Dato un Timer TON, illustrare

Dettagli

C:\ProgrammiC\Dino18\terminal.h

C:\ProgrammiC\Dino18\terminal.h 1. 2. 3. 4. 5 //Init e Lcd Display============================= 6 if (DisplayStatus) // se = 0 sono disabilitate tutte le routine relative al display 7 { 8 if (InitFlag) 9 /* Inizializza l'lcd e le routine

Dettagli

Main [OB1] Segmento 1: creazione bit sempre vero. creazione bit sempre vero. Project name 6_ventilatori motore finec allarme generale ok Date

Main [OB1] Segmento 1: creazione bit sempre vero. creazione bit sempre vero. Project name 6_ventilatori motore finec allarme generale ok Date Main [O1] Main Proprietà Generale Nome Main Numero 1 Tipo O.Programycle Linguaggio KOP Informazioni Titolo "Main Program weep (ycle)" utore ommento Programma 6_ventilatori motore amiglia finec allarme

Dettagli

Espressioni logiche. Espressioni logiche. Operatori logici. Operatori logici. Operatori logici. Espressioni Logiche e Istruzione di Test

Espressioni logiche. Espressioni logiche. Operatori logici. Operatori logici. Operatori logici. Espressioni Logiche e Istruzione di Test Espressioni logiche Espressioni Logiche e Istruzione di Test Fondamenti di Informatica 1 Massimo Di Nanni Gennaio, 2001 Espressioni logiche nelle Istruzioni di Test e di Iterazione Calcolo del massimo

Dettagli

# $ %$&'" '! () *$+,!-

# $ %$&' '! () *$+,!- !" # $ $&'" '! () *$+,!- ',.''/ '/0 1' *'/*'* * 2*! 3( * +- 1 '.'"'!0*'.''! 0* 2.''!0 445 5 5 464 + 1 7+!"" 788 9 3 7 : 7, ;, # < = (,? >,? @,, $3 $, 3 $ >$ (A 3- > $, A9 B $$ ; (; -*'" *73*

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica Prof Aldo Franco Dragoni Prova Scritta 25/07/2011

Corso di Fondamenti di Informatica Prof Aldo Franco Dragoni Prova Scritta 25/07/2011 Corso di Fondamenti di Informatica Prof Aldo Franco Dragoni Prova Scritta 25/07/2011 La figura riporta una "matrice" di 16 x 16 pixels, di soli 4 colori differenti: "B"ianco, "G"rigio, "N"ero e "V"erde.

Dettagli

Informatica/ Ing. Meccanica/ Edile/ Prof. Verdicchio/ 02/07/2015/ Foglio delle domande /VERSIONE 1 Matricola Cognome Nome

Informatica/ Ing. Meccanica/ Edile/ Prof. Verdicchio/ 02/07/2015/ Foglio delle domande /VERSIONE 1 Matricola Cognome Nome Informatica/ Ing. Meccanica/ Edile/ Prof. Verdicchio/ 02/07/2015/ Foglio delle domande /VERSIONE 1 Matricola Cognome Nome 1) Il termine informatica viene dalla fusione delle seguenti parole a) informazione

Dettagli

Informatica/ Ing. Meccanica/ Edile/ Prof. Verdicchio/ 17/01/2014/ Foglio delle domande / VERSIONE 1

Informatica/ Ing. Meccanica/ Edile/ Prof. Verdicchio/ 17/01/2014/ Foglio delle domande / VERSIONE 1 Informatica/ Ing. Meccanica/ Edile/ Prof. Verdicchio/ 17/01/2014/ Foglio delle domande/ VERSIONE 1 1) L approccio con cui si studia un sistema focalizzandosi solo sul rapporto tra input e output si chiama

Dettagli

M1410 Ingresso/Uscita parallelo

M1410 Ingresso/Uscita parallelo M1410 Ingresso/Uscita parallelo Descrizione tecnica Eiserstraße 5 Telefon 05246/963-0 33415 Verl Telefax 05246/963-149 Data: 12.7.95 Versione : 2.0 pagina 1 di 13 M1410 Ingresso/uscita parallelo Indice

Dettagli

MULTIFLEXI INVERTED DC

MULTIFLEXI INVERTED DC MULTIFLEXI INVERTED DC 21 26 28-36 1.Display unità interna: 1) AUTO Indicazione di funzionamento automatico 2) TIMER Indicatore di programmazione timer (si accende quando il timer è acceso) 3) PRE.-DEF

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica Prof. Aldo Franco Dragoni Prova scritta del 21/06/2010. Avvertenze. Specifiche

Corso di Fondamenti di Informatica Prof. Aldo Franco Dragoni Prova scritta del 21/06/2010. Avvertenze. Specifiche Avvertenze Usare ESCLUSIVAMENTE penne ad inchiostro nero o blu (NO MATITE). Consegnare solo fogli formato A4 scritti da ambo le parti. In testa a ciascun foglio scrivere: cognome, nome, numero progressivo

Dettagli

IL PLC S SIEMENS

IL PLC S SIEMENS ITI E. FERMI DESIO IL PLC S7-1200 SIEMENS SUPPORTO DIDATTICO PER IL LABORATORIO REALIZZATO DAL PROF. SALVATORE PAPOTTO SOMMARIO MODULO 1: ELEMENTI DI HARDWARE DEL PLC S7-1200 SIEMENS MODULO 2: ELEMENTI

Dettagli

MODBUS RTU MC608 CMD03+CMD16

MODBUS RTU MC608 CMD03+CMD16 MODBUS RTU MC608 CMD03+CMD16 1. REGISTRI MODBUS COMANDO 03 CMD03 Read Holding Register MODBUS REGISTER MODBUS ADDRESS num. bytes Accesso Data Type descrizione TIPO DATO (Read/Write) CMD16 (*) 4:1002 1001

Dettagli

SISTEMI DISTRIBUITI E PLC 02/02/15 SISTEMI ELETTRONICI PER L AUTOMAZIONE E PLC, LABORATORIO DI STRUMENTAZIONE PER L AUTOMAZIONE

SISTEMI DISTRIBUITI E PLC 02/02/15 SISTEMI ELETTRONICI PER L AUTOMAZIONE E PLC, LABORATORIO DI STRUMENTAZIONE PER L AUTOMAZIONE 1) Definire il ciclo di scansione di un PLC, descrivendo le operazioni svolte. Illustrare, motivando, se è possibile gestire un uscita attraverso immagine di processo (es. Q0.0) commutandola ogni 10us

Dettagli

/***********************************************************/ /**** Prototipi /***********************************************************/

/***********************************************************/ /**** Prototipi /***********************************************************/ /**/ /* Bresciani Silvia **/ /* Piccinelli Mario **/ /* programma di controllo sensore di temperatura DS1631 **/ /**/ #include #include #include #include /* Configurazione

Dettagli

A. Ferrari. informatica. Java basi del linguaggio. Alberto Ferrari Informatica

A. Ferrari. informatica. Java basi del linguaggio. Alberto Ferrari Informatica informatica Java basi del linguaggio Alberto Ferrari Informatica struttura di un programma Java /** * Classe EsempioProgramma * Un esempio di programmazione in Java * @author 4A Informatica */ public class

Dettagli

Il C nel C++ Struttura di un linguaggio. regole per la definizione i simboli. regole per la composizione dei simboli

Il C nel C++ Struttura di un linguaggio. regole per la definizione i simboli. regole per la composizione dei simboli Il C nel C++ Struttura di un linguaggio Livello lessicale: regole per la definizione i simboli Livello sintattico: regole per la composizione dei simboli Livello semantico: significato delle strutture

Dettagli

Struttura di un linguaggio

Struttura di un linguaggio Il C nel C++ Struttura di un linguaggio Livello lessicale: regole per la definizione i simboli Livello sintattico: regole per la composizione dei simboli Livello semantico: significato delle strutture

Dettagli

TRD US Unità master per sistema centralizzazione porte US

TRD US Unità master per sistema centralizzazione porte US . MANUALE TECNICO TRD US Unità master per sistema centralizzazione porte US - LAY OUT SCHEDA 60 59 58 57 56 55 54 5 52 5 50 49 48 47 JP JP5 JP6 JP4 JP7 JP0 2 4 5 6 7 8 9 0 2 4 5 6 7 8 9 20 2 CM6 P JP8

Dettagli

Programmazione Procedurale in Linguaggio C++

Programmazione Procedurale in Linguaggio C++ Programmazione Procedurale in Linguaggio C++ Strutture di Controllo Parte 4 Conclusioni G. Mecca M. Samela Università della Basilicata Strutture di Controllo >> Sommario Sommario Ricapitolazione Alcune

Dettagli

Curtarolo (Padova) Italy. Guida alla programmazione della centrale GUARDIAN

Curtarolo (Padova) Italy. Guida alla programmazione della centrale GUARDIAN Curtarolo (Padova) Italy Guida alla programmazione della centrale GUARDIAN GENERALITÁ Per entrare in programmazione si deve digitare il codice installatore (default ) e attendere la comparsa della lettera

Dettagli

DESCRIZIONE PROFILO CONFIGURAZIONE DIP-SWITCH DIZIONARIO OGGETTI (OD)

DESCRIZIONE PROFILO CONFIGURAZIONE DIP-SWITCH DIZIONARIO OGGETTI (OD) Via monte Nero, 4/B 149 TRADATE (VA) ITALY Tel: +39 ()3318417 Fax:+39 ()33184195 - e-mail:datexel@datexel.it - www.datexel.it User Guide protocollo CANopen Dispositivo CANopen Slave 16 ingressi digitali

Dettagli

Istruzioni semplici e strutturate

Istruzioni semplici e strutturate Consorzio NETTUNO Corso di Fondamenti di Informatica I secondo giorno di stage Istruzioni semplici e strutturate Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Napoli Federico II

Dettagli

Laboratorio Progettazione Web Le funzioni in PHP. Angelica Lo Duca IIT-CNR 2012/2013

Laboratorio Progettazione Web Le funzioni in PHP. Angelica Lo Duca IIT-CNR 2012/2013 Laboratorio Progettazione Web Le funzioni in PHP Angelica Lo Duca IIT-CNR angelica.loduca@iit.cnr.it 2012/2013 Funzioni Una funzione è una sequenza di istruzioni che implementano una specifica funzionalità

Dettagli

Introduzione. Programma didattico

Introduzione. Programma didattico Introduzione Il corso contenuto in questa parte riguarda i concetti elementari della programmazione, al livello minimo di astrazione possibile, utilizzando il linguaggio C per la messa in pratica degli

Dettagli

Allocazione dinamica della memoria

Allocazione dinamica della memoria Allocazione dinamica della memoria Allocazione statica: limiti Per quanto sappiamo finora, in C le variabili sono sempre dichiarate staticamente la loro esistenza deve essere prevista e dichiarata a priori

Dettagli

SLAVE MODBUS 6DI 4DO 2AI

SLAVE MODBUS 6DI 4DO 2AI SLAVE MODBUS 6DI 4DO 2AI Codice: SLV-MDBT-1 Versione MODBUS TCP 1 SLAVE MODBUS TCP Lo slave MODBUS TCP è dotati di 6 ingressi digitali, 4 uscite digitali e 2 ingressi analogici in tensione 0-10 Volt. La

Dettagli

Ambiente di sviluppo STEP 7 Micro/Win

Ambiente di sviluppo STEP 7 Micro/Win Ambiente di sviluppo STEP 7 Micro/Win Viene utilizzato per lavorare esclusivamente con i PLC Simatic della serie S7-200. La finestra di progetto riprodotta in figura 1, che fa riferimento alla versione

Dettagli

Lez2 mar 7 Ottobre 2008 Op. aritmetiche/logiche arch. Elaboratore

Lez2 mar 7 Ottobre 2008 Op. aritmetiche/logiche arch. Elaboratore Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE Lez2 mar 7 Ottobre 2008 Op. aritmetiche/logiche arch. Elaboratore 1 OPERAZIONI BINARIE Vedremo l addizione e la sottrazione (riflettete

Dettagli

GUIDA RAPIDA PER LA CONFIGURAZIONE DI AZIONAMENTI A VELOCITÀ VARIABILE

GUIDA RAPIDA PER LA CONFIGURAZIONE DI AZIONAMENTI A VELOCITÀ VARIABILE I GUIDA RAPIDA PER LA CONFIGURAZIONE DI AZIONAMENTI A VELOCITÀ VARIABILE LOVATO ELECTRIC S.P.A. 24020 GORLE (BERGAMO) ITALIA VIA DON E. MAZZA, 12 TEL. 035 4282111 FAX (Nazionale): 035 4282200 FAX (International):

Dettagli

TCP - TIMER CICLICO PROGRAMMABILE

TCP - TIMER CICLICO PROGRAMMABILE OWNER s MANUAL MANUALE ISTRUZIONI (per firmware v. 2.0 B) TCP - TIMER CICLICO PROGRAMMABILE 2018 by Valter Narcisi www.narcisivalter.it A1 PROGRAMMABLE CYCLIC TIMER with PIC16F628A CARATTERISTICHE / FEATURES

Dettagli

Programmable Logic Controllers - PLC. Lezione 3

Programmable Logic Controllers - PLC. Lezione 3 Programmable Logic Controllers - PLC Lezione 3 PLC- Programmazione Introdurremo nel seguito i fondamenti della programmazione dei PLC Siemens, disponibili in laboratorio Il laboratorio ha 10 postazioni

Dettagli

Supporto Tecnico (*1) Lampade di segnalazione. Lampada Condizione Significato Modello

Supporto Tecnico (*1) Lampade di segnalazione. Lampada Condizione Significato Modello Codice progressivo FAQ Argomento Data Emissione FAQ_02 Domande: Janus MJbox - Modulo di interconnessione 13/01/2016 Come funziona, quali sono i comandi e come si collega alla barriera di sicurezza il modulo

Dettagli

Laboratorio di Informatica I

Laboratorio di Informatica I Struttura della lezione Lezione 3: Istruzioni ed operatori booleani. Vittorio Scarano Corso di Laurea in Informatica Università di Salerno Soluzioni agli esercizi Istruzioni (statement) semplici e di controllo

Dettagli

Raccolta Test di Laboratorio di Sistemi a Microcontrollore

Raccolta Test di Laboratorio di Sistemi a Microcontrollore Raccolta Test di Laboratorio di Sistemi a Microcontrollore prof. Corrado Santoro 1 Digital I/O 1. Quale delle seguenti istruzioni permette di porre a 0 la linea PC4? GPIOC->ODR &= (int32_t)0x10; GPIOC->ODR

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI - 1TT TIMER + TERMOREGOLATORE

MANUALE DI ISTRUZIONI - 1TT TIMER + TERMOREGOLATORE www.bebmilano.it Alla accensione l apparecchio, visualizza: - SEL display sup. - CAL display inf. MANUALE DI ISTRUZIONI - 1TT TIMER + TERMOREGOLATORE Dopo qualche secondo il display superiore visualizza

Dettagli

Linguaggio C: Espressioni

Linguaggio C: Espressioni Linguaggio C: Espressioni Moreno Marzolla Dipartimento di Informatica Scienza e Ingegneria (DISI) Università di Bologna http://www.moreno.marzolla.name/ 2 Ringraziamenti prof. Mirko Viroli, Università

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Programmazione modulare (top-down) Fondamenti di Informatica 15. Funzioni in C++ (parte 1) Problemi complessi Conviene suddividere il programma in sottoprogrammi piu semplici mediante la metodologia di

Dettagli

Informatica/ Ing. Meccanica e Ing. Edile/ Prof. Verdicchio/ 16/07/2013 / Foglio delle domande / VERSIONE 1

Informatica/ Ing. Meccanica e Ing. Edile/ Prof. Verdicchio/ 16/07/2013 / Foglio delle domande / VERSIONE 1 Informatica/ Ing. Meccanica e Ing. Edile/ Prof. Verdicchio/ 16/07/2013 / Foglio delle domande / VERSIONE 1 1) In un diagramma di flusso, la rappresentazione di un ciclo WHILE include sicuramente almeno:

Dettagli

SCHEDA SPERIMENTALE ARDUINO UNO

SCHEDA SPERIMENTALE ARDUINO UNO ARDUINO Sistema di sviluppo open source che permette di programmare vari microcontrollori montati su una scheda sperimentale collegata al pc mediante cavo usb. La scheda arduino uno monta il microcontrollore

Dettagli

Programmazione Funzionale

Programmazione Funzionale 1/9 Programmazione Funzionale Esercizio sulle variabili locali Davide Mottin - Themis Palpanas March 12, 2014 OCaml Funzioni preparatorie Sommario 2/9 Funzioni preparatorie Costruire una funzione val even

Dettagli

TIA Portal V12 Diagnostica con S Siemens AG All Rights Reserved.

TIA Portal V12 Diagnostica con S Siemens AG All Rights Reserved. TIA Portal V12 Diagnostica con S7-1500 TIA Portal V12 Diagnostica con S7-1500 Principio di funzionamento Diagnostica di sistema dell S7-1500 Strumenti di visualizzazione della diagnostica Riportare gli

Dettagli

Cod. art. BWU2045: Modulo di uscita relè di sicurezza AS-i con slave di diagnostica e 1 ingresso EDM n.c n.c.

Cod. art. BWU2045: Modulo di uscita relè di sicurezza AS-i con slave di diagnostica e 1 ingresso EDM n.c n.c. Sicurezza e standard I/O in un unico modulo Uscita di relè AS-i di sicurezza con set di contatti galvanicamente separati, fino a 230 V IEC 61508 SIL 3, EN ISO 13849-1/PLe cat 4, EN 62061 SIL 3 Grado di

Dettagli

OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO

OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO CENTRO STUDI ULISSE Via Buccino, n. 22 - C.a.p. 84018 - Scafati (SA) Tel. Fax. 081.19970299-339.2365416-349.4152010 E-mail: info@centrostudiulisse.it - www.centrostudiulisse.it OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER

Dettagli

Il C nel C++ Struttura di un linguaggio. Elementi lessicali. Spazi. Livello lessicale: Livello sintattico: Livello semantico:

Il C nel C++ Struttura di un linguaggio. Elementi lessicali. Spazi. Livello lessicale: Livello sintattico: Livello semantico: Struttura di un linguaggio Il C nel C++ Livello lessicale: regole per la definizione i simboli Livello sintattico: regole per la composizione dei simboli Livello semantico: significato delle strutture

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Processi in Linux. Giorgio Giacinto Sistemi Operativi

SISTEMI OPERATIVI. Processi in Linux. Giorgio Giacinto Sistemi Operativi SISTEMI OPERATIVI Processi in Linux 2 Creazione di processi concorrenti» La creazione di un processo figlio consente di far eseguire alcune funzionalità del programma in modo concorrente» Opzione 1 il

Dettagli

OPERAZIONI ARITMETICHE

OPERAZIONI ARITMETICHE OPERAZIONI ARITMETICHE Merker speciali: SM1.0 risultato uguale a zero SM1.1 overflow SM1.2 risultato negativo SM1.3 divisione per zero Tabella riassuntiva (codici operativi in IL) INTERI (16 Bit) DOUBLE

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Primi programmi

Introduzione al linguaggio C Primi programmi Introduzione al linguaggio C Primi programmi Violetta Lonati Università degli studi di Milano Dipartimento di Scienze dell Informazione Laboratorio di algoritmi e strutture dati Corso di laurea in Informatica

Dettagli

Corso di Programmazione

Corso di Programmazione Corso di Programmazione III Accertamento del 19 Giugno 2002 / A cognome e nome Risolvi i seguenti esercizi e riporta le soluzioni in modo chiaro su questo foglio, giustificando sinteticamente le risposte.

Dettagli

Le Novità di prodotto. MOSAIC versione 3.0

Le Novità di prodotto. MOSAIC versione 3.0 MOSAIC versione 3.0 1 Le altre Novità di MOSAIC HM1 - Pannello operatore Mosaic Pannello operatore Mosaic - Versione con display alfanumerico. Permette la visualizzazione dei messaggi definiti tramite

Dettagli

Leonardo PRO+ 2kW/X000/48 Appendice 1 STARTUP TROUBLESHOOTING

Leonardo PRO+ 2kW/X000/48 Appendice 1 STARTUP TROUBLESHOOTING Lo Start-Up Troubleshooting riguardano il collaudo del sistema leonardo Pro+ 2kW/x000/48 e l eventuale risoluzione dei principali problemi che possono verificarsi in fase di prima accensione. Nel caso

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA. Struttura di un programma Java

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA. Struttura di un programma Java Fondamenti di Informatica INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA 1 Struttura di un programma Java Un programma Java consiste in un insieme di definizioni di classi. In genere

Dettagli

Informatica Generale 07 - Sistemi Operativi:Gestione dei processi

Informatica Generale 07 - Sistemi Operativi:Gestione dei processi Informatica Generale 07 - Sistemi Operativi:Gestione dei processi Cosa vedremo: Esecuzione di un programma Concetto di processo Interruzioni Sistemi monotasking e multitasking Time-sharing Tabella dei

Dettagli

VARIABLES. Project : ArduinoLCD VARIABLES : Release : LCDMessage. Ver :1.00. Author : Sergio Bertana. Date:18/02/2014. Note : Page:1 of 1

VARIABLES. Project : ArduinoLCD VARIABLES : Release : LCDMessage. Ver :1.00. Author : Sergio Bertana. Date:18/02/2014. Note : Page:1 of 1 VARIABLES VAR_GLOBAL Day : USINT; (* Valore giorno *) Month : USINT; (* Valore mese *) Year : USINT; (* Valore anno *) Hour : USINT; (* Valore ora *) Minute : USINT; (* Valore minuti *) Second : USINT;

Dettagli

Esercitazione n 2. Obiettivi

Esercitazione n 2. Obiettivi Esercitazione n 2 Obiettivi Progettazione di una applicazione Java Utilizzo di classi come schemi Utilizzo di costruttori Utilizzo di stringhe Uguaglianza tra oggetti Utilizzo di classi come componenti

Dettagli

Rappresentazione base 2

Rappresentazione base 2 Rappresentazione base 2 La rappresentazione di un numero con decimali nel computer avviene utilizzando una particolare notazione identificata con il nome di IEEE754: Rappresentazione base 2 Si noti che

Dettagli

Ing. Emiliano Capuzzo Remote Contro NEC 11/11/2003. Remote Control NEC

Ing. Emiliano Capuzzo Remote Contro NEC 11/11/2003. Remote Control NEC Remote Control NEC Questo progetto risponde all esigenza di decodificare ed utilizzare i codici prodotti da telecomandi IR che adottano la codifica NEC Trasmissione Format. Questo tipo di codifica è attualmente

Dettagli

TC 49 CONTAIMPULSI ELETTRONICO DIGITALE A MICROPROCESSORE

TC 49 CONTAIMPULSI ELETTRONICO DIGITALE A MICROPROCESSORE TC 49 CONTAIMPULSI ELETTRONICO DIGITALE A MICROPROCESSORE CARATTERISTICHE TECNICHE CARATTERISTICHE MECCANICHE Contenitore Plastico autoestinguente UL 94 V0 Dimensioni 48x48 mm DIN profondità 98 mm Peso

Dettagli

1 uscita di relè di sicurezza 1.24 NC 1.13 ASI NC 1.14 ASI

1 uscita di relè di sicurezza 1.24 NC 1.13 ASI NC 1.14 ASI Sicurezza e standard I/O in un unico modulo Uscita di relè AS-i di sicurezza con set di contatti galvanicamente separati, fino a 230 V IEC 61 508 SIL 3, EN 13 849-1/PLe cat 4, EN IEC 62 061 SIL 3 Grado

Dettagli

STANDARD IEC PRIMA PARTE Introduzione SECONDA PARTE Elementi comuni TERZA PARTE Linguaggi di programmazione

STANDARD IEC PRIMA PARTE Introduzione SECONDA PARTE Elementi comuni TERZA PARTE Linguaggi di programmazione STANDARD IEC 61131 PRIMA PARTE Introduzione SECONDA PARTE Elementi comuni TERZA PARTE Linguaggi di programmazione 1 - Introduzione Un sistema di controllo di processi industriali deve avere tre caratteristiche

Dettagli

3) Descrivere l architettura di un elaboratore tramite astrazione a livelli

3) Descrivere l architettura di un elaboratore tramite astrazione a livelli Di seguito sono elencati una serie di domande tipo esonero ; i quiz vogliono dare un sistema di autovalutazione e di confronto allo studente che deve prepararsi alla prova di metà corso. Il numero e l

Dettagli

SECURITY TECHNOLOGY SRL - Soluzioni e Sistemi Centralizzati contro Furti e Rapine Via A. del Verrocchio 14/B Bologna - Fax

SECURITY TECHNOLOGY SRL - Soluzioni e Sistemi Centralizzati contro Furti e Rapine Via A. del Verrocchio 14/B Bologna - Fax Panoramica del MultiGSM Il MultiGSM e un modulo GSM per controlli in modalita remota ed invio di notifiche. Il modulo GSM dispone di un ingresso optoisolato ed una uscita rele indipendente che puo' essere

Dettagli

gestione ticket da hypersic

gestione ticket da hypersic gestione ticket da hypersic manuale operativo Magenta, 23 luglio 2019 Versione 3.0 1. Stato del documento VERSIONI Revisione Data Note Bozza V. 1.0 del 10 Luglio 2019 Definitivo V. 2.0 del 12 Luglio 2019

Dettagli