MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI"

Transcript

1 MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice dell tsfomzione di similitudine, ovveo mtice di pssggio dll A ll B. Pe indice che l mtice B è simile ll mtice A si scive: B ~ A e si legge: B è simile d A. Dll definizione dt seguono le popietà: popietà iflessiv: A ~ A; popietà simmetic: se B ~ A llo A ~ B; c popietà tnsitiv: se A ~ B e B ~ C llo A ~ C Le popietà,, e c si issumono dicendo che: nell insieme delle mtici qudte di odine n l elzione di similitudine è un elzione di equivlenz. Inolte due mtici simili hnno invese simili; ciò si espime nche dicendo che l similitudine è comptiile con l invesione. Mettimo in evidenz lcune impotnti popietà delle mtici simili. Due mtici simili hnno lo stesso deteminnte; Due mtici simili hnno lo stesso polinomio ctteistico; due mtici A e B che ino lo stesso polinomio ctteistico non sono necessimente simili: lo sono se pe ogni utovloe λ i isult: ngo(a λ i I ngo(b λ i I; 3 Due mtici simili hnno lo stesso ngo; 4 Mtici simili hnno gli stessi utovloi; 5 Mtici simili hnno tcce uguli. Si considei un ENDOMORFISMO ƒ: V V, ove V è uno spzio vettoile di dimensione n sul cmpo R. Si fisst pe V un se {v, v,..., v n } e si A l mtice ssocit d ƒ ispetto quest se. Si dice che l mtice A è DIAGONALIZZABILE se è possiile tove un se pe V tle che l mtice ssocit d ƒ ispetto tle se si digonle, cioè se esiste un se di V costituit d utovettoi pe ƒ. CONDIZIONE SUFFICIENTE ffinché l mtice A di un endomofismo ƒ si digonlizzile è che esistno n utovloi distinti. Si invece: det( A λi k ( λ λ ( λ λ...( λ λk k CONDIZIONE NECESSARIA E SUFFICIENTE ffinché A si digonlizzile è che lo spzio di utovettoi, o utospzio, eltivo d ogni utovloe λ i i dimensione i, cioè i un dimensione ugule ll molteplicità lgeic dell utovloe eltivo λ i ; questo si veific qundo, dett n l dimensione dello spzio V, pe ogni i, isult: ngo(a λ i I (n i Ricodndo che si dicono SIMILI due mtici A e B se ppesentno, in si divese, lo stesso endomofismo, llo esiste un mtice invetiile S tle che:

2 B S A S Petnto ogni mtice A DIAGONALIZZABILE è SIMILE d un mtice DIAGONALE, che h lungo l digonle pinciple gli AUTOVALORI dell endomofismo; se P è l mtice che espime il cmimento di se, dll BASE dt ll se degli AUTOVETTORI isult: M P A P in cui M è in fom digonle, quindi m ik pe i k ed m ii λ i pe i k. L mtice P è dett mtice digonlizznte. ESERCIZIO.: Detemine utovloi ed utovettoi dell endomofismo ƒ di R 3 definito d: + f c + c + c Consideimo l se cnonic di R 3, ess è costituit di te vettoi: e (,, ; e (,, ; e 3 (,,. L endomofismo ƒ pplicto ll se cnonic fonisce: f e f e f e 3 ( ( ( L mtice A ssocit d ƒ ispetto ll se cnonic è l seguente: A Gli utovloi di A sono le soluzioni dell equzione ctteistic det(a - λ I ; petnto: λ ( A λi λ λ ovveo: λ λ det( A λ I det ( ( ( λ λ λ λ λ λ Semplificndo si ottiene l elzione seguente: ( λ [ λ( λ] ( λ ( λ + λ Risolvendo l equzione di secondo gdo si ottiene: λ ± + 8 ± 3 λ 3 λ + 3 Petnto, complessivmente si hnno te utovloi eli e distinti di vloe: λ -; λ ; λ 3 Si x il vettoe di componenti x (,, c. Gli utovettoi eltivi ll utovloe λ sono le soluzioni del sistem: ( A λ x c c + c c

3 L utovettoe eltivo ll utovloe λ ssume l fom seguente: c x e ponendo si h: x Gli utovettoi eltivi ll utovloe λ sono le soluzioni del sistem: ( A x c c c + + λ Le soluzioni del sistem sono: ; c con di vloe itio. L utovettoe eltivo ll utovloe λ ssume l fom seguente: x c d cui ponendo si ottiene: x Gli utovettoi eltivi ll utovloe λ 3 sono le soluzioni del sistem: ( A x c c c + λ 3 3 Le soluzioni del sistem sono: ; c con di vloe itio. L utovettoe eltivo ll utovloe λ 3 ssume l fom seguente: x c 3 d cui ponendo si ottiene: x 3 I te utovettoi linemente indipendenti dell mtice A sono: x x x 3 L mtice A è simile ll mtice digonle M che pesent, lungo l digonle pinciple, gli utovloi dell endomofismo, ovveo: M P L mtice digonlizznte P, sop ipott, è ottenut ccostndo gli utovettoi x i ssociti i ispettivi utovloi λ i. Si veific inolte (si consigli l utilizzo di Mtl o Excel che le te mtici A, M e P soddisfno l elzione: M P - A P. ESERCIZIO.:Stilie se è digonlizzile l mtice A di seguito ipott e in cso ffemtivo tove l mtice digonle M ll qule è simile e l mtice digonlizznte P.

4 3 A 3 Si devono clcole gli utovloi dell mtice A. Gli utovloi sono le dici dell equzione ctteistic: det(a λ I ; cioè: 3 λ 3 det( A λi det 3 λ det λ 3 λ Ovveo, pplicndo il clcolo del deteminnte fcendo ifeimento ll elemento posto nell tez ig e tez colonn, si deve icoee ll elzione: ( ( ( λ λ λ λ ( λ ( λ( λ λ λ3 Si ottengono te utovloi non distinti, in pticole; l utovloe semplice λ e l utovloe con odine di molteplicità dto d λ. Dto che gli utovloi NON sono distinti, pe stilie se l mtice A è digonlizzile si deve fe icoso ll CONDIZIONE NECESSARIA E SUFFICIENTE. Deve, pe tnto, isulte soddisftt l condizione: ngo( A λ ii ( n i Nel cso specifico in esme, dovnno essee veificte le seguenti elzioni: ngo( A λi ( 3 e ngo( A λ I ( 3 Pe l utovloe semplice ( λ si ottiene: λ 3 3 ( A λi ( A I λ 3 3 ( λ λ λ ( λ Si ossev l pesenz di un minoe del odine diveso d zeo. Ne consegue che: ngo( A λ I ngo( A I Petnto, l pim condizione ichiest dll C.N.E.S. pe l digonlizzzione dell mtice A è soddisftt; inftti: ngo( A λ I ( n ngo( A I ( 3 Pe l utovloe doppio ( λ si ottiene: λ 3 3 ( A λi ( A I λ 3 3 ( λ λ λ ( λ + L mtice pesent l tez ig costituit d tutti zeo, inolte l pim e l second ig sono uguli; petnto tutti i minoi del secondo odine sono nulli. Ne consegue che: ngo( A λ I ngo( A I Anche, l second condizione ichiest dll C.N.E.S. pe l digonlizzzione dell mtice A è soddisftt; inftti: ngo( A λ I ( n ngo( A I ( 3

5 Si conclude che l mtice A È digonlizzile e quindi è simile d un mtice digonle M che h lungo l digonle pinciple gli utovloi di A; si ottiene petnto: M Si x il vettoe di componenti x (,, c. Gli utovettoi eltivi ll utovloe semplice λ, sono le soluzioni del sistem: c det( A x c λ 3 3 c c c L utovettoe eltivo ll utovloe λ ssume l fom seguente: x d cui ponendo si h: x c L utospzio eltivo λ h, petnto, dimensione uno. Gli utovettoi eltivi ll utovloe doppio λ λ 3 sono le soluzioni del sistem: 3 + 3c det( A x c c λ c Petnto -3c mente e c isultno iti. Gli utovettoi eltivi ll utovloe doppio λ λ 3 ssumono l fom: x 3c c + 3 c d cui si icvno i due utovettoi indipendenti, che geneno l utospzio, di dimensione due, eltivo ll utovloe doppio λ λ 3 ; inftti si ottiene: x ottenuto ponendo e c ; x3 3 ottenuto ponendo e c ; Si conclude, petnto, che l mtice digonlizznte P h l fom di seguito ipott: P 3 Pe detemine l mtice digonlizznte P tle che si: M P - A P isogn detemine gli utovettoi dell mtice A, ovveo i vettoi x soluzioni dell equzione: (A λ I x oppue, nche: P 3 Si ossevi che nell individuzione delle mtici digonlizznti P e P, tteso l già definit stuttu dell mtice M, l pim colonn è costituit dll utovettoe eltivo ll utovloe λ, l second e tez colonn devono essee costituite di due utovettoi indipendenti che geneno l utospzio eltivo λ λ 3. Si può veifice (si consigli l utilizzo di Mtl o di Excel che le te mtici A, M e P, ovveo le te mtici A, M e P, soddisfno l elzione seguente: M P A P P A P

6 ESERCIZIO 3.: Stilie se è digonlizzile l mtice A di seguito ipott. 3 A 4 Si devono clcole gli utovloi dell mtice A. Gli utovloi sono le dici dell equzione ctteistic: det(a λ I ; cioè: 3 λ 3 det( A λi det λ det λ 4 4 λ Ovveo, pplicndo il clcolo del deteminnte fcendo ifeimento ll elemento posto nell pim ig e pim colonn, si deve icoee ll elzione: ( λ ( λ ( + λ ( λ ( + λ dll qule si evincono le soluzioni seguenti: λ con odine di molteplicità: ; λ + con odine di molteplicità:. Si ottengono te utovloi non distinti, cioè: l utovloe semplice λ e l utovloe λ con odine di molteplicità. Dto che gli utovloi non sono distinti, pe stilie se l mtice A è digonlizzile isogn fe icoso ll CONDIZIONE NECESSARIA E SUFFICIENTE. Deve, petnto, isulte soddisftt l condizione: ngo( A λ ii ( n i Nel cso specifico in esme, dovnno essee veificte le seguenti elzioni: ngo( A λi ( 3 ngo( A λi ( 3 Pe l utovloe semplice ( λ, si ottiene: λ 3 3 ( A λi ( λ λ λ 4 λ 4 ( λ Si ossev l pesenz di un minoe del odine diveso d zeo. Ne consegue che: ngo( A λ I Petnto, l pim condizione ichiest dll C.N.E.S. pe l digonlizzzione dell mtice A è soddisftt. Pe l utovloe doppio ( λ +, si ottiene: λ 3 3 ( A λi ( λ λ λ 4 λ 4 ( λ + Si ossev l pesenz di un minoe del odine diveso d zeo. Ne consegue che: ngo( A λ I mente ( n ( 3 Petnto, l second condizione ichiest dll C.N.E.S. pe l digonlizzzione dell mtice A NON È SODDISFATTA; ne consegue che l mtice A NON È digonlizzile.

7 ESERCIZIO 4.:Die se esistono dei vloi del pmeto k pe cui isult digonlizzile l mtice A di seguito ipott. k 4 6 A k 8 3 Si devono clcole gli utovloi dell mtice A. Gli utovloi sono le dici dell equzione ctteistic: det(a λ I ; cioè: k 4 6 k λ 4 6 det( A λi det k 8 λ det k λ λ Ovveo, poiché tttsi di un mtice tingole ss, isult det(a λ I qundo isult soddisftt l seguente elzione: ( k λ ( k λ (3 λ dll qule si evincono le soluzioni seguenti: ( 3 λ λ 3 ( k λ λ k ( k λ λ k In vitù dell CONDIZIONE SUFFICIENTE ffinché l mtice A si digonlizzile è che esistno utovloi distinti l mtice A È senz lto digonlizzile se sono soddisftte le condizioni che impongono te utovloi distinti: k 3 k k k 3 k 3 k k 3 Esminimo o gli lti csi. Se è k 3, oppue k 3/, oppue k, l mtice A(k ssume, ispettivmente, le fome seguenti: A( k A( k / A ( k Pe k 3, l mtice A (k3 h te utovloi non distinti, cioè: l utovloe semplice λ 6 e l utovloe doppio λ 3, cioé con odine di molteplicità. Dto che gli utovloi non sono distinti, pe stilie se l mtice A è digonlizzile si deve f icoso ll condizione NECESSARIA E SUFFICIENTE. Deve cioè isulte soddisftt l elzione seguente: ngo( A λ ii ( n i Nel cso specifico in esme, si ottiene: ngo[ ( A( k I ] ngo 3 λ 8 ; ( n i ( ( 3 3 λ Poiché isult che: [ ( k 3 λ ] ngo ( A I ( n i cioè ( λ 3 L condizione necessi e sufficiente peché A (k 3 si digonlizzile NON È soddisftt.

8 Si conclude, petnto, che pe k 3, l mtice A (k 3 NON È digonlizzile. Pe k 3/, l mtice A (k 3/ pesent te utovloi non distinti, cioè: l utovloe semplice λ 3/ e l utovloe doppio λ 3, con odine di molteplicità. Dto che gli utovloi non sono distinti, pe stilie se l mtice A è digonlizzile si f icoso ll condizione NECESSARIA E SUFFICIENTE. Deve cioè isulte soddisftt l elzione seguente: ngo( A λ ii ( n i Nel cso specifico in esme, si ottiene: 4 6 ngo [( A( k 3 λi ] ngo 3 8 ( λ 3 ( n i (3 Poiché isult che: ngo[ ( A( k 3/ λi ] ( n i cioè ( λ 3 L condizione necessi e sufficiente peché A (k 3/ si digonlizzile NON È soddisftt Si conclude, petnto, che pe k 3/, l mtice A (k 3/ NON È digonlizzile. Pe k, l mtice A (k h te utovloi non distinti, cioè: l utovloe semplice λ 3 e l utovloe doppio λ, ovveo con odine di molteplicità. Dto che gli utovloi non sono distinti, pe stilie se l mtice A è digonlizzile si deve f icoso ll condizione NECESSARIA E SUFFICIENTE. Deve cioè isulte soddisftt l elzione seguente: ngo( A λ ii ( n i Nel cso specifico in esme, si ottiene: 4 6 ngo[ ( A( k λ I ] ngo 8 ; ( n (3 ( λ i 3 Poiché isult che: ngo[ ( A( k λi ] ( n i cioè ( λ L condizione necessi e sufficiente peché A (k si digonlizzile NON È soddisftt. Si conclude, petnto, che pe k, l mtice A (k NON È digonlizzile. ESERCIZIO 5.:Stilie pe quli vloi del pmeto h è digonlizzile l mtice A di seguito ipott ed in tli csi detemine l mtice digonle simile d A. h A 5 h h 3 Si devono detemine gli utovloi dell mtice A. Gli utovloi sono tutte e solo le dici dell equzione ctteistic: det(a λ I ; cioè: h λ det( A λ I det 5 h λ ( ( h ( h 3 λ λ λ h 3 λ

9 Dto che si ttt di un mtice tingole lt, isult det(a λ I qundo isult nullo il podotto degli elementi posti sull digonle pinciple, cioè qundo è soddisftt l seguente elzione: ( h λ ( h λ ( 3 λ dll qule si evincono le soluzioni seguenti: ( 3 λ λ 3 ( h λ λ h ( h λ λ h In vitù dell CONDIZIONE SUFFICIENTE ffinché l mtice A si digonlizzile è che esistno utovloi distinti l mtice A è senz lto digonlizzile se sono soddisftte le condizioni che impongono te utovloi distinti: h 3 h h 3 h h 3 h h Sotto queste condizioni del pmeto h, un mtice digonle simile d A è l mtice che h lungo l digonle pinciple gli utovloi di A; si ottiene, petnto: h M h 3 Esminimo o gli lti csi. Se è h, oppue h 3, oppue h, l mtice A(h ssume, ispettivmente, le fome seguenti: 3 A( h A( h A ( h Pe h, l mtice A (h h te utovloi non distinti, cioè: l utovloe semplice λ 3 e l utovloe doppio λ, ovveo con odine di molteplicità. Dto che gli utovloi non sono distinti, pe stilie se l mtice A è digonlizzile isogn f icoso ll Condizione NECESSARIA E SUFFICIENTE. Deve petnto isulte soddisftt l elzione seguente: ngo( A λ ii ( n i Nel cso specifico in esme di λ, si ottiene: ngo[ ( A( h I ] ngo λ 5 ; ( n i ( ( 3 λ ngo ( A I ( n i cioè ( λ Poiché isult che: [ ( h λ ] l condizione necessi e sufficiente ffinché A (h si digonlizzile NON È soddisftt. Si conclude, petnto, che pe h, l mtice A (h NON È digonlizzile. Pe h 3, l mtice A (h 3 h te utovloi non distinti, cioè: l utovloe semplice λ e l utovloe doppio λ 3, ovveo con odine di molteplicità. Dto che gli utovloi non sono distinti, l fine di stilie se l mtice A è digonlizzile isogn fe icoso ll Condizione NECESSARIA E SUFFICIENTE. Deve, petnto, isulte soddisftt l elzione seguente:

10 ngo( A λ ii ( n i Nel cso specifico in esme di λ 3, si veific che: ngo ( h 3 ( 3 ( 3 ngo λ h 3 mente isult, inolte: (n i 3 [ A λ I ] ngo[( A 3I 5 4 ( [ ] Poiché isult che: ( h 3 λ ngo ( A I ( n i cioè ( λ 3 l condizione necessi e sufficiente ffinché A (h 3 si digonlizzile NON È soddisftt. Si conclude, petnto, che pe h 3, l mtice A (h 3 NON È digonlizzile. Pe h, l mtice A (h- h te utovloi non distinti: l utovloe semplice λ e l utovloe doppio λ 3, ovveo con odine di molteplicità. Poiché gli utovloi non sono distinti, pe stilie se l mtice A è digonlizzile si deve fe icoso ll Condizione NECESSARIA E SUFFICIENTE. Deve cioè isulte soddisftt l elzione seguente: ngo( A λ ii ( n i Nel cso specifico in esme di λ 3, si ottiene: ngo 4 ( 3 ( ngo λ h [ A λ I ] ngo( A 3I 5 ( ( h ed nco: (n i 3 [ ] Poiché isult che: ( h λ ngo ( A I ( n i cioè ( λ 3 l ª condizione necessi e sufficiente ffinché A (h si digonlizzile È soddisftt. Doimo o veifice che l ª condizione necessi e sufficiente si soddisftt nche nel cso dell utovloe semplice λ. In tle cso specifico si ottiene: ngo[ ( A( h I ] ngo( A h I ngo ( ( + λ 5 4 λ 4 ed nco: (n i 3 [ ] Poiché isult che: ( h λ ngo ( A I ( n i cioè ( λ l ª condizione necessi e sufficiente ffinché A (h si digonlizzile È soddisftt. Si conclude, petnto, che pe h, l mtice A (h È digonlizzile. Un mtice digonle M simile d A è l mtice che h lungo l digonle pinciple gli utovloi di A (h ; petnto, si ottiene: M ( h 3 3

11 ESERCIZIO 6.: Detemine i vloi del pmeto h pe cui è digonlizzile l mtice di seguito ipott ed in tli csi detemine l mtice digonle simile A. 3 A h h + Si devono clcole gli utovloi dell mtice A. Gli utovloi sono le dici dell equzione ctteistic: det(a λ I ; cioè: 3 λ det( A λ I det h λ ( ( h ( h 3 λ λ λ h + λ Dto che si ttt di un mtice tingole ss, isult det(a λ I qundo isult nullo il podotto degli elementi posti sull digonle pinciple, cioè qundo è soddisftt l elzione: ( h λ ( h λ ( 3 λ dll qule si evincono le soluzioni seguenti: ( 3 λ λ 3 ( h λ λ h ( h λ λ h In vitù dell CONDIZIONE SUFFICIENTE ffinché l mtice A si digonlizzile è che esistno utovloi distinti l mtice A È senz lto digonlizzile se sono soddisftte le condizioni che impongono te utovloi distinti: h 3 h h 3 h h 3 h h Sotto queste condizioni del pmeto h, un mtice digonle simile d A è l mtice che h lungo l digonle pinciple gli utovloi di A; si ottiene, petnto: 3 M h h Esminimo o gli lti csi. Se è h 3, oppue h, oppue h, l mtice A(h ssume, ispettivmente, le fome seguenti: A ( h 3 3 A( h A( h 3 Pe h 3, l mtice A (h3 h te utovloi non distinti, cioè: l utovloe semplice λ e l utovloe doppio λ 3, ovveo con odine di molteplicità. Dto che gli utovloi non sono distinti, pe stilie se l mtice A è digonlizzile isogn fe icoso ll Condizione NECESSARIA E SUFFICIENTE. Deve cioè isulte soddisftt l elzione seguente: ngo( A λ ii ( n i Nel cso specifico in esme, si ottiene:

12 ngo [( A λ I ] ngo ; ( n (3 ( λ 3 4 ngo ( A( h 3 λi ( n i cioè ( λ 3 ( h 3 i Poiché isult che: [ ] l condizione necessi e sufficiente ffinché A (h 3 si digonlizzile NON È soddisftt. Si conclude, petnto, che pe h 3, l mtice A (h 3 NON È digonlizzile. Pe h, l mtice A (h h te utovloi non distinti, cioè: l utovloe semplice λ 3 e l utovloe doppio λ, ovveo con odine di molteplicità. Dto che gli utovloi non sono distinti, l fine di stilie se l mtice A è digonlizzile isogn fe icoso ll Condizione NECESSARIA E SUFFICIENTE. Deve, petnto, isulte soddisftt l elzione seguente: ngo( A λ ii ( n i Nel cso specifico in esme, si veific che: ngo[ ( A( h I ] ngo[( A h I ngo ( ( λ 3 λ isult, inolte: (n i 3 [ ] Poiché isult che: ngo ( A( h λi ( n i cioè ( λ l condizione necessi e sufficiente ffinché A (h 3 si digonlizzile È soddisftt. Si conclude, petnto, che pe h, l mtice A (h È digonlizzile. Un mtice digonle M simile d A (h è l mtice che h lungo l digonle pinciple gli utovloi di A (h ; petnto, si ottiene: 3 M ( h Pe h, l mtice A (h h te utovloi non distinti: l utovloe semplice λ e l utovloe doppio λ 3, ovveo con odine di molteplicità. Poiché gli utovloi non sono distinti, pe stilie se l mtice A è digonlizzile si deve fe icoso ll Condizione NECESSARIA E SUFFICIENTE. Deve cioè isulte soddisftt l elzione seguente: ngo( A λ ii ( n i Nel cso specifico in esme, si ottiene: ngo[ ( A( h I ] ngo( A h I ngo ( ( λ λ ed nco: (n i 3 [ ] Poiché isult che: ngo ( A( h λi ( n i cioè ( λ 3 l condizione necessi e sufficiente ffinché A (h si digonlizzile È soddisftt.

13 Si conclude, petnto, che pe h, l mtice A (h È digonlizzile. Un mtice digonle M simile A (h è l mtice che h lungo l digonle pinciple gli utovloi di A (h ; petnto, si ottiene: 3 M ( h 3 ESERCIZIO 7.:Si detemini l mtice A ssocit ll ppliczione linee ƒ : R R, spendo che l ƒ mmette gli utovloi λ e λ cui coispondono, ispettivmente, gli utovettoi seguenti: x x Dto che gli utovloi dell mtice A, ssocit ll ppliczione ƒ : R R sono distinti, isult soddisftt l CONDIZIONE SUFFICIENTE ffinché l mtice A si digonlizzile. Inolte, l mtice digonle M, SIMILE ll mtice A ssocit ll ppliczione ƒ : R R, è un mtice che h gli elementi dell digonle pinciple costituiti dgli utovloi dell mtice A stess. Gli utovloi sono: λ e λ ; petnto, isult ovvi l posizione seguente: M λ λ L mtice digonlizznte P è costituit di vettoi colonn che definiscono gli utovettoi dell mtice A ssocit ll ppliczione e eltivi i ispettivi utovloi; è, petnto, possiile definie l mtice P tmite l costituzione di seguito mostt: P ( x x P 3 3 M P A P 3 3 Pemoltiplicndo mo i memi dell elzione f le mtici, sop ipott, pe l mtice P (moltipliczione sinist, si ottiene l scittu: P M P P A P ovveo P M I A P P M A P Postmoltiplicndo mo i memi dell ultim elzione scitt f le mtici A, M e P, pe l mtice inves P - (moltipliczione dest, si ottiene l scittu: P M P A P P ovveo P M P A I L mtice A ssocit ll ppliczione ƒ : R R est definit e costituit dll scittu seguente: A P M P Svolgendo il podotto ighe pe colonne f le mtice indicte, si ottiene l elzione: A L similitudine f l mtice digonle M e l mtice ssocit ll ppliczione A, ttes l stuttu dell mtice digonlizznte P, ichiede che isulti soddisftt l seguente elzione:

14 In conclusione, l mtice A ssocit ll ppliczione ƒ : R R, ssume l fom lto ipott. A 3 ESERCIZIO 8.: Si detemini se sono simili le mtici A e B di seguito ipotte: A 5 5 B Ricodimo che, in se ll definizione, due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, cioè invetiile, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice dell tsfomzione di similitudine, ovveo l mtice di pssggio dll A ll B. Si ossevi che l elzione sopccitt è equivlente, moltiplicndo mo i memi sinist pe l mtice S stess, ll elzione di seguito ipott: S ( S A S S B ( S S A S S B A S S B All mtice S, che deve essee invetiile, viene ichiesto di soddisfe l condizione definit dll elzione o icvt. L geneic mtice S qudt del tezo odine (n 3 sà così costituit: S c d e f g h i c c 5 d e f d e f 5 g h i g h i c 5 + c c d e f d f e f g + 5h c + 5i 5g + i h i ovveo: cui coispondono le seguenti elzioni d soddisfsi contemponemente: 5 + c c c d 5d + f e e f f + 5g 5g + i + 5h h c + 5i i 4 c c c 4d f e e f f i 4h 4i c Le elzioni ffeenti gli elementi dell mtice S intoducono lcuni gdi di lietà; in pticole, si evince che si l elemento e si l elemento g possono ssumee qulsisi vloe, invece l scelt dei vloi gli elementi, d, ed h stilisce il vloe dei estnti elementi dell mtice. Quindi, esplicitte le seguenti itie posizioni: d h e g L condizione A S S B impost ll mtice S, olte ll succitt necessità di essee NON SINGOLARE e, quindi, invetiile, l fine di veifice se le mtici A e B sono simili, impone l seguente elzione lgeic f mtici: i - - h , si ottiene:, d cui: S -4 c 4 4 f 4d 4 Veifichimo che l mtice S o detemint si invetiile; si ottiene inftti det(s 4; inolte è:

15 - S inv(s Pe ulteioe confem dell vlidità dei isultti ottenuti pe l mtice S veifichimo l elzione: B S A S. A tle scopo, si ottiene, inftti, l seguente scittu: B * * ESERCIZIO 9.: Si detemini pe quli vloi del pmeto ele k sono simili le mtici di seguito ipotte ed in cso ffemtivo detemine l mtice S di pssggio tle che isulti: A S B S A k k + k B 3 k Sino A e B sono due mtici qudte di odine n, si dice che l mtice B è simile ll mtice A se esiste un mtice di pssggio S non singole tle che isulti: A S B S L ppliczione del teoem di Binet, eltivo l ngo di un mtice, ll elzione scitt consente di ffeme qunto segue: det( S A S det( B det( S det( A det( S det( B Ricodndo che det( S det( S, si ottiene l condizione finle: det( A det( B Petnto, non est che pocedee l clcolo dei deteminnti delle due mtici ottenendo le elzioni di seguito esplicitte: det( A det k ( k k k k + k det( B det 3 k 3 k Affinché le due mtici A e B sino simili deve isulte soddisftt l condizione: det( A det( B k + 3k k Si può, petnto, concludee d suito che le mtici A e B, pe k, NON SONO SIMILI. Quindi è necessio studie l evento ffeente k. In tle contesto le mtici A e B ssumono l fom di seguito ipott: A B 3

16 Si deteminno, questo punto, gli utovloi, spendo che due mtici simili pesentno gli stessi utovloi, ovveo lo stesso polinomio ctteistico ϕ(λ. Si ottengono, petnto, le elzioni seguenti: λ det( A λi det det λ λ λ ( λ( λ ( λ ( λ[( λ ] ( λ ( 4 4λ + λ ( λ ( 3 4λ + λ ( λ ( 3 4λ + λ ( λ ( λ ( λ 3 ( λ ( λ 3 λ det( B λi det 3 det λ 3 λ λ ( λ ( 3 λ ( λ ( λ 3 Dll nlisi dei isultti si evince che l utovloe λ 3 è semplice e, petnto, gode dell popietà di essee egole. È necessio i fini dell digonlizzilità delle mtici A e B nlizze il cso dell utovloe λ, che pesent un molteplicità lgeic. A tle igudo è indiffeiile pocedee l clcolo del ngo delle due mtici di seguito ipotte: λ ngo( A λ I ngo ngo λ λ ( λ λ ngo( B λ I ngo ngo 3 λ λ ( λ Atteso qunto pemesso, isult soddisftt l condizione NECESSARIA E SUFFICIENTE pe l digonlizzilità delle due mtici A e B; inftti isultno veificte le condizioni impost dlle seguenti elzioni: ngo( A λi I ( n i 3 ngo( B λ I ( n 3 i i Le due mtici A e B possiedono entmi te utovloi egoli e, petnto, isultno entme digonlizzili e quindi simili ll medesim mtice digonle e,petnto, simili f loo. In sintesi, le mtici A e B sono entme digonlizzili ed inolte hnno lo stesso polinomio ctteistico e, quindi, consegue che pe k e solo pe tle vloe, le mtici A e B sono simili in ossequio qunto sncito dl teoem che ecit così come segue: se A e B sono due mtici entme digonlizzili, esse sono simili se e solo se hnno lo stesso polinomio ctteistico. Pe qunto ttiene l definizione dell mtice S di pssggio, si deve icode l elzione: A S B S S A B S Si inolte S l geneic mtice di odine te ctteizzt dgli elementi ppesso ipotti:

17 c S d e f g h i c c d e f d e f 3 g h i g h i, ovveo: + + c + c + c + d + e c + f d + e + f e + f e + f d e f g + h + i h + i h + i d + g e + h f + i cui coispondono le seguenti elzioni d soddisfsi contemponemente: + c d + c e + c f e + f d e f e f h + i d h + i e h + i f d e f g Le elzioni ffeenti gli elementi dell mtice S intoducono lcuni gdi di lietà; in pticole, si evince che si l elemento si l elemento g possono ssumee qulsisi vloe, invece l scelt dei vloi gli elementi d, e, ed f stilisce il vloe dei estnti elementi dell mtice tteso che ess deve essee NON singole. Si sceglie: g, con l ccotezz che si d, l fine d evite un colonn di tutti zei, mente si pone d e f. In tle cso l mtice S, che deve vee det(s ssume l fom seguente: S c h i L condizione S A B S impost ll mtice S, olte ll citt necessità di ESSERE NON SINGOLARE e, petnto, invetiile, llo scopo di ppesente l mtice del pssggio f le due mtici simili A e B, impone l seguente elzione lgeic f le stesse mtici: h det( S h c i i Ricodndo che le pecedenti elzioni dedotte dll condizione S A B S impongono l essee: + c f ed h + i f, l fine, quindi, di soddisfe l condizione det(s ppe poi utile l posizione seguente: h i, c Si ottiene così l seguente confomzione pe l mtice S: S det( S S Veifichimo l coettezz del isultto conseguito pe l mtice S pendendo tto che ess soddisf l elzione A S B S. Si ottiene inftti: S B S A S B S Tle veific può ottenesi pidmente fcendo icoso l pcchetto pplictivo MATLAB. c

18 ESERCIZIO : Si consideino le mtici di seguito mostte. Detemine, se esistono, vloi di k in modo che A e B sino simili. Tove un mtice di pssggio P tle che A P - B P. (Peppello del 6 feio 8 A k k B Due mtici simili hnno lo stesso deteminnte e lo stesso polinomio ctteistico, cioè gli stessi utovloi con l medesim molteplicità. A tle igudo ossevimo che: det( A k + k k det( B Sempe dll ossevzione dell mtice B si evince che tttsi di un mtice tingole ss e che, petnto, olte che essee ctteizzt d det(b 33, possiede l popietà che gli elementi dell su digonle pinciple lto non sono che gli utovloi dell mtice stess. Inftti, come veific, si ossev che: λ det( B λi det det λ λ λ d cui, svolgendo i dovuti e necessi pssggi lgeici, si peviene ll seguente scittu: det( B λi λ ( λ ( λ λ ( λ ( + λ Segue, così, che l deteminzione degli utovloi dell mtice B est ffidt l veificsi dell condizione det(b λi ; si ottiene, petnto: λ ( λ ( + λ λ λ λ 3 Atteso che gli utovloi dell mtice B sono tutti e te semplici e, petnto, tutti e te egoli, isult soddisftt l condizione necessi e sufficiente ffinché l mtice B si digonlizzile. Si deve, questo punto, icece quli sino gli utovloi dell mtice A. A tle igudo si ottiene: λ det( A λi det k det k λ k λ k λ L deteminzione degli utovloi dell mtice A ffeisce ll condizione det(a λi. Petnto: det( A λi ( λ ( k λ ( λ + k ( λ d cui, svolgendo i dovuti e necessi pssggi lgeici, si peviene lle scittue che si ipotno di seguito: 3 ( λ ( k λ + k kλ k kλ λ + λ k + k λ 3 λ kλ + ( k λ λ [ λ kλ + ( k ] Ricodndo che un podotto è nullo qundo sono septmente nulli i singoli fttoi, si ottiene: λ e λ kλ + ( k, ovveo isolvendo l equzione di gdo in λ si h: k ( k k k + k ± k 4( k k ± k 4k + 4 λ, 3 k + ( k k + k Si può petnto concludee che gli utovloi dell mtice A sono definiti dlle elzioni seguenti:

19 λ ; λ k; λ3 ( k k Segue con immeditezz che: λ λ λ λ A B A B Poiché due mtici simili, come già detto, hnno gli stessi utovloi con l medesim molteplicità lgeic, si deduce che gli utovloi dell mtice A sono uguli gli utovloi dell mtice B llo e solo llo che isult: λb3 λa3 k k Attesi i isultti conseguiti si conclude che pe K l mtice A pesent gli stessi utovloi dell mtice B e tli utovloi sono tutti e te semplici cioè egoli; petnto è soddisftt l condizione necessi e sufficiente ffinché l mtice A si nch ess digonlizzile. Qunto sseito implic che le mtici A e B isultno simili ll stess mtice digonle che pesent sull digonle pinciple gli utovloi λ, λ e λ 3, quindi, l mtice A è simile ll mtice B. Al fine dell deteminzione dell mtice P di pssggio, in ossequio ll definizione di mtici simili, dovà essee veifict l impliczione seguente: A P B P P A P P B P P A B P Si inolte P l geneic mtice di odine te ctteizzt dgli elementi ppesso ipotti: c L condizione P A B P impost ll mtice P, olte ll già citt P d e f necessità di ESSERE NON SINGOLARE e, petnto, invetiile, llo scopo di ppesente l mtice del pssggio f le due mtici simili A e B, impone l seguente elzione lgeic f le stesse mtici: g h i c c d e f d e f g h i g h i + c c + g + h c + i d + f e f g + i h i g h i, ovveo: cui coispondono le seguenti elzioni d soddisfsi contemponemente: + c + g + h c c + i d + f e f g + i g h h i i d e f h c g i I isultti cui si è pevenuti individuno un mtice i cui elementi sono: g Poiché l mtice P deve essee invetiile, l deteminzione degli P f f f elementi dell mtice P ichiede ssolutmente che si det(p. Ciò implic che: det(p (ƒg gƒ, cioè gƒ( + g. Si g g peviene, petnto, lle ovvie elzioni che di seguito si ipotno: f g + g f g g I gdi di lietà ffeenti gli elementi dell mtice P, contestulmente lle condizioni ichieste pe l NON SINGOLARITÀ dell mtice P stess, consentono, f le vie scelte possiili, di itenee lecit l seguente posizione: f g Si peviene, così, ll mtice P di pssggio di seguito ipott: g P f f f g g

20 Veifichimo l coettezz del isultto ottenuto pe l mtice P pendendo tto che ess soddisf l elzione A P B P. Si ottiene inftti: P B P B P Tle veific può ottenesi pidmente fcendo icoso l pcchetto pplictivo MATLAB tmite le seguenti ighe di codice digitte l pompt dell MATLAB Commnd Window:»B[ ; ; -];»P[ ;- - ; -];»Ainv(P*B*P P A

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

capacità si può partire dalla sua definizione: C = e dalla relazione fra la differenza di potenziale ed il campo elettrico: V

capacità si può partire dalla sua definizione: C = e dalla relazione fra la differenza di potenziale ed il campo elettrico: V secizio (ll ppello 6/7/4) n conenstoe pino è costituito ue mtue qute i lto b septe un istnz. Il conenstoe viene completmente cicto ll tensione e poi scollegto ll bttei ust pe ciclo, così est isolto ll

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE Pof. Agelo Ageletti -.s. 006/007 1) COME SI SCRIVE IL RISULTATO DI UNA MISURA Il modo miglioe pe espimee il isultto di u misu è quello di de,

Dettagli

Angoli e funzioni. goniometriche

Angoli e funzioni. goniometriche UNITÀ 1 ngoli e funzioni goniometihe TEORI 1 Definizioni di ngolo Misu degli ngoli 3 Funzioni goniometihe seno e oseno 4 Funzioni goniometihe tngente e otngente 5 Vloi delle funzioni goniometihe 6 Gfii

Dettagli

1 O 1 3. 2, calcola l area della regione piana delimitata da C dalla curva di equazione y = gl(x) nell intervallo [-2;

1 O 1 3. 2, calcola l area della regione piana delimitata da C dalla curva di equazione y = gl(x) nell intervallo [-2; Risolvi uno dei due poblemi e ispondi 5 quesiti del questionio PROBLEMI VERSO L ESAME In un loclità sull Oceno Atlntico l me h un notevole escusione e pe questo è impotnte pevedene l ndmento In pim ppossimzione

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI e MATRICI ASSOCIATE

APPLICAZIONI LINEARI e MATRICI ASSOCIATE APPLICAZIONI LINEARI e MATRICI ASSOCIATE Dt un ppliczione f: V W con V e W spzi vettorili si dice che f è un ppliczione linere o omomorfismo f(v + v 2 ) = f(v ) + f(v 2 ) v, v 2 V f(αv) = α f(v) v V e

Dettagli

Geometria elementare. Sezione Prima Geometria nel piano

Geometria elementare. Sezione Prima Geometria nel piano pitolo 3 Geometi elemente Sezione Pim Geometi nel pino 1 Enti geometii fondmentli 113 on il temine Geometi, pol ompost di oigine ge he signifi lettelmente misuzione dell te, s intende l sienz zionle he

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

a colori Nuova Matematica Leonardo Sasso Edizione ARANCIONE per la riforma. Quinto anno con elementi di Informatica

a colori Nuova Matematica Leonardo Sasso Edizione ARANCIONE per la riforma. Quinto anno con elementi di Informatica Leondo Ssso Nuov Mtemtic coloi nuovo ZONAMtemtic Misue di supefici e di volumi Complementi di clcolo integle Complementi di pobbilità e sttistic 5 con elementi di Infomtic Edizione ARANCIONE pe l ifom.

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE E. DI NARDO

VARIABILI ALEATORIE E. DI NARDO VARIABILI ALEATORIE E. DI NARDO 1. Vibile letoi Definizione 1.1. Fissto uno spzio di pobbilità (Ω, F, P ), un funzione X : Ω R si dice vibile csule (o vibile letoi, v..), se ess è F misubile, ossi B B(R)

Dettagli

V. SEPARAZIONE DELLE VARIABILI

V. SEPARAZIONE DELLE VARIABILI V SEPARAZIONE DEE VARIABII 1 Tasfomazioni Otogonali Sia u = u 1, u 2, u 3 una tasfomazione delle vaiabili in R 3, dove x = x 1, x 2, x 3 sono le coodinate catesiane, u j = u j x 1, x 2, x 3 j = 1, 2, 3

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Energia potenziale e dinamica del punto materiale

Energia potenziale e dinamica del punto materiale Enegia potenziale e dinamica del punto mateiale Definizione geneale di enegia potenziale (facoltativo) In modo geneale, la definizione di enegia potenziale può esee pesentata come segue. Sia un punto di

Dettagli

Il candidato risolva uno dei due problemi e 4 degli 8 quesiti scelti nel questionario.

Il candidato risolva uno dei due problemi e 4 degli 8 quesiti scelti nel questionario. LICEO SCIENTIFICO SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO (AMERICHE) SESSIONE ORDINARIA Il candidato isolva uno dei due poblemi e degli 8 quesiti scelti nel questionaio. N. De Rosa, La pova di matematica pe il liceo

Dettagli

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr 4. Lavoo ed enegia Definizione di lavoo di una foza Si considea un copo di massa m in moto lungo una ceta taiettoia. Si definisce lavoo infinitesimo fatto dalla foza F duante lo spostamento infinitesimo

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA CAP. 14 20

MATEMATICA FINANZIARIA CAP. 14 20 MTEMTIC FINNZIRI CP. 42 pputi di estimo INTERESSE SEMPLICE Iteesse semplice I C M C ( ) = fzioe di o [] C M G F M M G L S O N D Motte semplice di te costti 2 3 M R R R... R [2] 2 2 2 2 Poiché l fomul è

Dettagli

11. Geometria piana ( ) ( ) 1. Formule fondamentali. Rettangolo. A = b = h = = b h. b = base h = altezza. Quadrato

11. Geometria piana ( ) ( ) 1. Formule fondamentali. Rettangolo. A = b = h = = b h. b = base h = altezza. Quadrato 11. Geometi pin 1. Fomule fonmentli Rettngolo = h = h = h p= + h p= + h h= p = p h + ( ) = h = h h = = se = igonle p = peimeto h = ltezz = e p = semipeimeto Quto = l l = = l l = l = lto = igonle = e p

Dettagli

Lezioni di Fisica Generale Per il corso di laurea in Ingegneria Edile A.A. 2002/2003 (in costruzione)

Lezioni di Fisica Generale Per il corso di laurea in Ingegneria Edile A.A. 2002/2003 (in costruzione) Giogio Pieto Mggi Lezioni di Fisic Genele Pe il coso di lue in Ingegnei Edile A.A. 00/003 (in costuzione) Politecnico di Bi Pemess. Le Lezioni di Fisic Genele qui poposte non vogliono in lcun modo sostituie

Dettagli

Corso di Elettrotecnica 1 - Cod. 9200 N Diploma Universitario Teledidattico in Ingegneria Informatica ed Automatica Polo Tecnologico di Alessandria

Corso di Elettrotecnica 1 - Cod. 9200 N Diploma Universitario Teledidattico in Ingegneria Informatica ed Automatica Polo Tecnologico di Alessandria Schede di lettotecnica Coso di lettotecnica - Cod. 900 N Diploma Univesitaio Teledidattico in Ingegneia Infomatica ed utomatica Polo Tecnologico di lessandia cua di Luca FRRRIS Scheda N Sistemi tifase:

Dettagli

Diagonalizzazione di matrici e applicazioni lineari

Diagonalizzazione di matrici e applicazioni lineari CAPITOLO 9 Diagonalizzazione di matrici e applicazioni lineari Esercizio 9.1. Verificare che v = (1, 0, 0, 1) è autovettore dell applicazione lineare T così definita T(x 1,x 2,x 3,x 4 ) = (2x 1 2x 3, x

Dettagli

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari :

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari : Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >, per ogni R se, per tutti e soli gli R se

Dettagli

Disequazioni. 21.1 Intervalli sulla retta reale

Disequazioni. 21.1 Intervalli sulla retta reale Disequazioni 1 11 Intevalli sulla etta eale Definizione 11 Dati due numei eali a e b, con a < b, si chiamano intevalli, i seguenti sottoinsiemi di R: a, b) = {x R/a < x < b} intevallo limitato apeto, a

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI DI UNA MATRICE

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI DI UNA MATRICE AUTOVALORI ED AUTOVETTORI DI UNA MATRICE TEOREMA: Un elemento di K è un autovaloe pe una matice A, di odine n, se e solo se, indicata con I la matice identità di odine n, isulta: det( A I) Il deteminante

Dettagli

CAPITOLO 11 La domanda aggregata II: applicare il modello IS-LM

CAPITOLO 11 La domanda aggregata II: applicare il modello IS-LM CPITOLO 11 La domanda aggegata II: applicae il modello - Domande di ipasso 1. La cuva di domanda aggegata appesenta la elazione invesa ta il livello dei pezzi e il livello del eddito nazionale. Nel capitolo

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stbilità dei sistemi di controllo in retrozione Criterio di Nyquist Il criterio di Nyquist Estensione G (s) con gudgno vribile Appliczione sistemi con retrozione positiv 2 Criterio di Nyquist Stbilità

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

Campo elettrico in un conduttore

Campo elettrico in un conduttore Cmpo elettico in un conduttoe In entmbi i csi se il conduttoe è isolto e possiede un cic totle, dett cic si dispone sull supeficie esten del conduttoe; se così non fosse inftti ci sebbe un foz sulle ciche

Dettagli

C8. Teoremi di Euclide e di Pitagora

C8. Teoremi di Euclide e di Pitagora 8. Teoemi di uclide e di Pitagoa 8.1 igue equiscomponibili ue poligoni sono equiscomponibili se è possibile suddivideli nello stesso numeo di poligoni a due a due conguenti. Il ettangolo e il tiangolo

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI 1 se 0, per ogni R ; Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >0: Sono definite: se >0: Non sono definite: Csi prticolri: Le proprietà delle

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

ESERCIZI ESERCIZI. Test di autoverifica... 206 Prova strutturata conclusiva... 208 ESERCIZI

ESERCIZI ESERCIZI. Test di autoverifica... 206 Prova strutturata conclusiva... 208 ESERCIZI Indice cpitolo Insiemi ed elementi di logic... 7 8 Insiemi... Operzioni con gli insiemi... 8 Introduzione ll logic... 9 Connettivi e tvole di verità... Espressioni proposizionli... 0 Predicti e quntifictori...

Dettagli

Introduzione. Sorgenti magnetiche (fittizie) Priinciipiio dii equiivallenza deii campii

Introduzione. Sorgenti magnetiche (fittizie) Priinciipiio dii equiivallenza deii campii ppunti di ntnn Cpitolo 4 ntnn d ptu (II) PRINCIPIO DI QUIVLN DI CMPI... Intoduzion... Sognti gntich (fittizi)... Pincipio di quivlnz di cpi... 3 ppliczion ll idizion dll ntnn d ptu... 9 Ossvzion... 4 Guid

Dettagli

Approfondimento 7.5 - Altri tipi di coefficienti di correlazione

Approfondimento 7.5 - Altri tipi di coefficienti di correlazione Appofondimento 7.5 - Alti tipi di coefficienti di coelazione Il coefficiente di coelazione tetacoico e policoico Nel 900 Peason si pose anche il poblema di come misuae la coelazione fa caatteistiche non

Dettagli

Algebra Lineare e Geometria

Algebra Lineare e Geometria Algebra Lineare e Geometria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2013-2014 Prova d esame del 16/06/2014. 1) a) Determinare la matrice associata all applicazione lineare T : R 3 R 4 definita da

Dettagli

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423 Comune di Poviglio Provinci di Reggio Emili Relzione illustrtiv dell Delierzione Consilire di pprovzione, dei coefficienti e prmetri di conversione che ssicurno l equivlenz tr le definizioni e le modlità

Dettagli

8 Controllo di un antenna

8 Controllo di un antenna 8 Controllo di un ntenn L ntenn prbolic di un rdr mobile è montt in modo d consentire un elevzione compres tr e =2. Il momento d inerzi dell ntenn, Je, ed il coefficiente di ttrito viscoso, f e, che crtterizzno

Dettagli

Corrente elettrica. Definizione. dq i = dt. Unità di misura. 1Coulomb 1 Ampere = 1secondo. Verso della corrente

Corrente elettrica. Definizione. dq i = dt. Unità di misura. 1Coulomb 1 Ampere = 1secondo. Verso della corrente Nome file j:\scuola\cosi\coso fisica\elettomagnetismo\coente continua\coenti elettiche.doc Ceato il 05/1/003 3.07.00 Dimensione file: 48640 byte Elaboato il 15/01/004 alle oe.37.13, salvato il 10/01/04

Dettagli

Rendite (2) (con rendite perpetue)

Rendite (2) (con rendite perpetue) Rendite (2) (con rendite perpetue) Esercizio n. Un ziend industrile viene vlutt ttulizzndo i redditi futuri dell gestione l tsso del 9% con inflzione null. I redditi prospettici vengono stimnti nell misur

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

IL MOMENTO ANGOLARE E IL MOMENTO D INERZIA

IL MOMENTO ANGOLARE E IL MOMENTO D INERZIA . L'IMPULS 0 DI MT IL MMENT NGLRE E IL MMENT D INERZI Il momento angolae nalizziamo alcuni moti di otazione. Se gli attiti sono tascuabili, una uota di bicicletta messa in otazione può continuae a giae

Dettagli

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica www.suolinweb.ltevist.og L Dinmi Poblemi di isi L Dinmi PROBLEA N. Un opo di mss m 4 kg viene spostto on un foz ostnte 3 N su un supefiie piv di ttito pe un ttto s,3 m. Supponendo he il opo inizilmente

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio di dimetro OA,

Dettagli

Ottavio Serra. Dalle leggi di Keplero alla legge di gravitazione universale di Newton.

Ottavio Serra. Dalle leggi di Keplero alla legge di gravitazione universale di Newton. Ottvio Se Dlle leggi di Keleo ll legge di gvitzione univesle di Newton Pemess utti snno he Newton giunse ll legge di gvitzione univesle deivndol mtemtimente dlle te leggi ottenute induttivmente d Keleo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

1. DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

1. DESCRIZIONE DEL PRODOTTO 1. DESCRIZIONE DEL PRODOTTO FORCELLE Le focelle sono ogni meccnici di collegmento dtti ll tsmissione di foze sttiche. I peni o le clips, bbinbili lle focelle hnno il compito di college l focell con l pte

Dettagli

8 Equazioni parametriche di II grado

8 Equazioni parametriche di II grado Equzioni prmetrihe di II grdo Un equzione he oltre ll inognit (o lle inognite) ontiene ltre lettere (un o più) si die letterri o prmetri e le lettere sono himte, nhe, prmetri; si suppong he l equzione

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Dinamica: Applicazioni delle leggi di Newton

Dinamica: Applicazioni delle leggi di Newton Fisic Fcolà di Scienze MM FF e, Uniesià Snnio Dinmic: Appliczioni delle leggi di ewon Gionni Filell (filell@unisnnio.i) Il poblem genele dell dinmic Quindi se conoscimo ue le foze che giscono su un oggeo

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA Slvtore Loris Pelell Corso di Mtemtic RCS LIBRI EDUCATION SPA ISBN 88-45-084-3 004 RCS Libri S.p.A.- Milno Prim edizione: gennio 004 Ristmpe 004 005 006 3 4 5 Stmp: V. Bon, Torino Coordinmento editorile

Dettagli

CAPITOLO 10 La domanda aggregata I: il modello IS-LM

CAPITOLO 10 La domanda aggregata I: il modello IS-LM CAPITOLO 10 La domanda aggegata I: il modello IS-LM Domande di ipasso 1. La coce keynesiana ci dice che la politica fiscale ha un effetto moltiplicato sul eddito. Infatti, secondo la funzione di consumo,

Dettagli

La magnetostatica. Le conoscenze sul magnetismo fino al 1820.

La magnetostatica. Le conoscenze sul magnetismo fino al 1820. Le conoscenze sul magnetismo fino al 1820. La magnetostatica Le nozioni appese acquisite nel coso dei secoli sui fenomeni magnetici fuono schematizzate elativamente tadi ispetto alle pime ossevazioni,

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. DEFINIZIONE DI APPLICAZIONE LINEARE. Sio V e W due spzi vettorili su u medesimo cmpo K. Si :V W u ppliczioe di V i W. Si dice che l è u ppliczioe liere di V i W se soo veriicte

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Facoltà di Ingegneria

Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Fcoltà di Ingegneri Corso di Lure Specilistic in Ingegneri per l Ambiente e il Territorio TESINA DI CALCOLO NUMERICO Anlisi dell errore nei metodi di risoluzione dei

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 005 Sessione suppletiv Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Sono dti un pirmide

Dettagli

Scuola di Dottorato in Scienze e Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione.

Scuola di Dottorato in Scienze e Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione. T. ZOLZZI. Appunti del corso di Introduzione ll Anlisi Funzionle Scuol di Dottorto in Scienze e Tecnologie dell Informzione e dell Comuniczione. NOTA. L utore desider ringrzire le studentesse di dottorto,

Dettagli

FAST FOURIER TRASFORM-FFT

FAST FOURIER TRASFORM-FFT A p p e n d i c e B FAST FOURIER TRASFORM-FFT La tasfomata disceta di Fouie svolge un uolo molto impotante nello studio, nell analisi e nell implementazione di algoitmi dei segnali in tempo disceto. Come

Dettagli

12 L energia e la quantità di moto - 12. L impulso

12 L energia e la quantità di moto - 12. L impulso L enegia e la quantità di moto -. L impulso Il momento angolae e il momento d inezia Il momento angolae nalizziamo alcuni moti di otazione. Se gli attiti sono tascuabili, una uota di bicicletta messa in

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO. Dispositivo sperimentale

FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO. Dispositivo sperimentale FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO 0 Dispositivo speimentale Consideiamo pe semplicità un campo magnetico unifome, le linee di foza sono paallele ed equidistanti. Si osseva una foza di oigine

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO REALTÀ E MDELLI SCHEDA DI LAVR La clessida ad acqua Ipotizziamo che la clessida ad acqua mostata in figua sia fomata da due coni pefetti sovapposti La clessida impiega,5 minuti pe svuotasi e supponiamo

Dettagli

liberamente tratto da Oschman La natura non ha né nucleo né involucro è tutto contemporaneamente. Goethe

liberamente tratto da Oschman La natura non ha né nucleo né involucro è tutto contemporaneamente. Goethe LA MATRICE VIVENTE libemente ttto d Oschmn L ntu non h né nucleo né involuco è tutto contemponemente. Goethe Qundo ossevimo un cos nel mondo, tovimo che è ttcct tutto il esto. John Mui Nel momento in cui

Dettagli

LS-DYNA3D ABAQUS-explicit PAMCRASH RADIOSS. Vediamo come si sviluppa la soluzione esplicita del problema

LS-DYNA3D ABAQUS-explicit PAMCRASH RADIOSS. Vediamo come si sviluppa la soluzione esplicita del problema Anlisi rnsiori L'nlisi dinmic rnsiori (de nche nlisi emporle) è un ecnic che consene di deerminre l rispos dinmic di un sruur sogge d un generic eccizione emporle Gli eei emporli sono li d rendere imporni

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Esame di Geometria (Prof. F. Tovena) Argomenti: Proprietà di nucleo e immagine di una applicazione lineare. dim V = dim

Dettagli

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è:

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è: 1) In un equzione differenzile del tipo y (t)= y(t), con > 0, il tempo di rddoppio, cioè il tempo T tle che y(t+t)=y(t) è: A) T = B) 1 T = log e C) 1 T = log e ** D) 1 T = E) T = log e ) L equzione differenzile

Dettagli

UNITÀ DI GUIDA E SLITTE

UNITÀ DI GUIDA E SLITTE UNITÀ DI GUIDA E SLITTE TIPOLOGIE L gmm di unità di guid e di slitte proposte è molto mpi. Rggruppimo le guide in fmiglie: Unità di guid d ccoppire cilindri stndrd Si trtt di unità indipendenti, cui viene

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S Sessione ordinri 996 Liceo di ordinmento Soluzione di De Ros Nicol ) In un pino, riferito d un sistem di ssi crtesini ortogonli (O), sono ssegnte le prbole di equzione:, dove è un numero rele positivo.

Dettagli

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001 Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone Mturità scientific, corso di ordinmento, sessione ordinri 000-001 PROBLEMA 1 Si consideri l seguente relzione tr le vribili reli x, y: 1 1 1 +

Dettagli

Operatori divergenza e rotore in coordinate cilindriche

Operatori divergenza e rotore in coordinate cilindriche Opeatoi divegena e otoe Univesità di Roma To Vegata Pof. Ing. Paolo Sammaco Opeatoi divegena e otoe in coodinate cilindiche Dott. Ing. Macello Di Risio 1 Sistema di ifeimento Si assume il sistema di ifeimento

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

Introduciamo il concetto di trasformazione geometrica prendendo come esempio una rotazione.

Introduciamo il concetto di trasformazione geometrica prendendo come esempio una rotazione. Le trsformzioni geometriche ITL 7 TERI Letture llo specchio! Ingegni, ossesso, nilin: tre esempi di plindromi, ovvero di prole che si possono leggere si d sinistr verso destr, si d destr verso sinistr.

Dettagli

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali Equivlenz tr equzioni di Lgrnge e problemi AM Cherubini 20 Aprile 2007 1 / 21 Problemi Mostrimo or come si possono ricvre sistemi di equzioni con struttur lgrngin in un mbito diverso: prim si er crtterizzt

Dettagli

Tutorato di GE110. Universitá degli Studi Roma Tre - Corso di Laurea in Matematica

Tutorato di GE110. Universitá degli Studi Roma Tre - Corso di Laurea in Matematica Universitá degli Studi Roma Tre - Corso di Laurea in Matematica Tutorato di GE110 A.A. 2014-2015 - Docente: Prof. Angelo Felice Lopez Tutori: Federico Campanini e Giulia Salustri Soluzioni Tutorato 13

Dettagli

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio 1 Problemi di collegmento delle strutture in cciio Unioni con bulloni soggette tglio Le unioni tglio vengono generlmente utilizzte negli elementi compressi, quli esempio le unioni colonn-colonn soggette

Dettagli

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione MANUALE DI SUPPOTO ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFOMA SINTEL GUIDA ALLE FOMULE DI AGGIUDICAZIONE Pgin 1 di 21 AGENZIA EGIONALE CENTALE ACQUISTI Indice 1 INTODUZIONE... 3 1.1 Cso di studio... 4 2 FOMULE DI CUI

Dettagli

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes I Teoremi di Green, dell divergenz o di Guss e di Stokes In R Si un sottoinsieme limitto di R semplice rispetto d entrmbi gli ssi crtesini con costituit dll unione di un numero finito di sostegni di curve

Dettagli

Lezione 22. Fattorizzazione di ideali.

Lezione 22. Fattorizzazione di ideali. Lezioe Peequisiti: Lezioi 0, Fattoizzazioe di ideali Teoema Sia A u domiio di Dedekid, e sia I u suo ideale popio o ullo Alloa esistoo uici ideali pimi o ulli P,, P a due a due distiti ed uici umei itei

Dettagli

Introduzione all algebra

Introduzione all algebra Introduzione ll lgebr E. Modic ersmo@glois.it Liceo Scientifico Sttle S. Cnnizzro Corso P.O.N. Modelli mtemtici e reltà A.S. 2010/2011 Premess Codificre e Decodificre Nell vit quotidin ci cpit spesso di

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione Serie dei Trttti Europei - n 47 Convenzione sull'unificzione di tluni elementi del diritto dei revetti d'invenzione Strsurgo, 27 novemre 1963 Trduzione ufficile dell Cncelleri federle dell Svizzer Gli

Dettagli

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione LEZIONE 20 20.1. Prodotti sclri. Definizione 20.1.1. Si V uno spzio vettorile su R. Un prodotto sclre su V è un ppliczione tle che:, : V V R (v 1, v 2 ) v 1, v 2 (PS1) per ogni v 1, v 2 V si h v 1, v 2

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I)

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I) Elettronic dei Sistemi Digitli Il test nei sistemi elettronici: gusti ctstrofici e modelli di gusto (prte I) Vlentino Lierli Diprtimento di Tecnologie dell Informzione Università di Milno, 26013 Crem e-mil:

Dettagli

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico Magnetostatica: foze magnetiche e campo magnetico Lezione 6 Campo di induzione magnetica () (nomenclatua stoica ; in ealtà si dovebbe chiamae, e spesso lo è, campo magnetico) è un campo di foze vettoiale

Dettagli

SIMULAZIONE - 22 APRILE 2015 - QUESITI

SIMULAZIONE - 22 APRILE 2015 - QUESITI www.matefilia.it Assegnata la funzione y = f(x) = e x 8 SIMULAZIONE - APRILE 5 - QUESITI ) veificae che è invetibile; ) stabilie se la funzione invesa f è deivabile in ogni punto del suo dominio di definizione,

Dettagli

Cariche in campo magnetico: Forza magnetica

Cariche in campo magnetico: Forza magnetica Lezione 18 Campo magnetico I Stoicamente, i geci sapevano che avvicinando un pezzo di magnetite a della limatua di feo questa lo attaeva. La magnetite ea il pimo esempio noto di magnete pemanente. Come

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI. B si definisce surriettiva. 9 quando ogni elemento di. B risulta IMMAGINE di. almeno un elemento di A.

APPLICAZIONI LINEARI. B si definisce surriettiva. 9 quando ogni elemento di. B risulta IMMAGINE di. almeno un elemento di A. APPLICAZIONI LINEARI Siano V e W due spazi vettoriali, di dimensione m ed n sullo stesso campo di scalari R. Una APPLICAZIONE ƒ : V W viene definita APPLICAZIONE LINEARE od OMOMORFISMO se risulta, per

Dettagli