Attività Anno Pastorale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attività Anno Pastorale 2013-2014"

Transcript

1 Attività Anno Pastorale

2

3 Chi siamo La Caritas è l organismo pastorale voluto dalla Chiesa finalizzato a promuovere la testimonianza della carità all interno della comunità cristiana. La Caritas assume una prevalente funzione pedagogica: il suo aspetto spirituale non si misura con cifre e bilanci, ma con la capacità che essa ha di sensibilizzare la Chiesa locale e i singoli fedeli al senso e al dovere della carità in forme consone ai bisogni e ai tempi (Paolo VI -1972). La Caritas Diocesana ha lo scopo di favorire il cambiamento del modo di pensare e di vivere della comunità cristiana, passando da: - una solidarietà vissuta singolarmente ad una testimonianza comunitaria della carità - da una solidarietà episodica ad uno stile di carità capace di ascoltare e accogliere ogni giorno il grido dei poveri - da una solidarietà pronto soccorso, che cura le ferite della società ad una carità che sa anche riconoscere e sradicare le radici della povertà e dell ingiustizia La Caritas diocesana in collegamento organico con le Caritas parrocchiali individua l indirizzo e il cammino, sostiene nella formazione e nella progettazione, cerca di unificare e far convergere tutte le espressioni della carità presenti nella Diocesi, evitando, con tutte le forze e nel limite del possibile, di divenire essa stessa un gruppo operativo. A sua volta la Caritas parrocchiale anima la singola comunità al senso della carità, aiuta a far entrare nei progetti pastorali la dimensione caritativa, tiene aperta la coscienza ai bisogni e alle realtà più vaste, sia diocesane che mondiali e individua e organizza i vari interventi concreti supportando il volontariato. Duemila anni fa la comunità flegrea accolse S. Paolo, oggi questa terra continua a vivere la sua vocazione di ospitalità offrendo al fratello bisognoso non solo un punto di riferimento dove poter sostare, ma cercando di creare attenzione alla persona, con le sue esigenze di comunicazione e di piena collocazione nella società. La Caritas per tutti i suoi servizi si serve della preziosa opera di volontari. Persone che possono donare un ora del proprio tempo o che collaborino tutti i giorni e per molte ore. 1

4 I compiti della Caritas Promuovere l animazione della Carità verso le persone e le comunità in situazioni di difficoltà, favorendo interventi concreti con carattere promozionale e, possibilmente, preventivo. Curare il coordinamento delle opere caritative ed assistenziali di ispirazione cristiana, promuovere e sostenere le Caritas parrocchiali. In caso di pubbliche calamità, organizzare in collaborazione con la Caritas Italiana e coordinare a livello diocesano interventi di emergenza. Realizzare studi e ricerche dei bisogni presenti nella comunità, per aiutare a scoprirne le cause, per preparare piani d intervento sia curativo che preventivo, stimolare l azione delle istituzioni civili ed un adeguata legislazione. Promuovere il volontariato e favorire la formazione degli operatori pastorali della carità e degli operatori impegnati nei servizi sociali, sia pubblici che privati, e nelle attività di promozione umana. Contribuire allo sviluppo umano e sociale, anche dei paesi del Terzo Mondo, sensibilizzare alla pace, e al Servizio Civile. 2

5 Organigramma Presidente: monsignor Gennaro Pascarella, vescovo di Pozzuoli Direttore: don Fernando Carannante, vicario episcopale alla Carità Collaboratori: don Giuseppe Cipolletta - Carlo Cuomo Coordinatore: Ciro Grassini Ufficio Comunicazione: Ciro Biondi Segreteria: Olga Lengua Accoglienza: Luciano Stasiano Amministrazione: Maria Ricciardi Area Promozione Caritas Laboratorio promozione Caritas Parrocchiali e Centro di Ascolto: (Pozzuoli 1) Anita Ricciardo, Vincenzo Incoronato; (Pozzuoli 2 e Bacoli - Monte di Procida) Giuseppe Scognamiglio, Maria Rosaria Schiano; (Pianura e Quarto) Giuseppe Romano, Maria Rosaria Gabola; (Soccavo) Annamaria Salzano e Pasquale Di Pierno; (Fuorigrotta) Mario Frongillo e Margherita Lettieri, Salvatore Massa e Tina Costagliola. Osservatorio Povertà e Risorse: Carlo Lettieri Area Promozione Umana Centro San Marco e Casa Famiglia Donna Nuova: Maria Ricciardi Poliambulatorio Medico San Giuseppe Moscati : diacono Pasquale Grottola Servizio Civile: diacono Gabriele Aliberti Sportello H: Salvatore Iodice Sportello Eccomi - Orientamento e formazione al volontariato: Emilia Romano Progetto Policoro: Giuseppe Familiari Prestito della Speranza: accolito Antonio Testa Sportello Antiusura: Domenica Centola Area Promozione Mondialità Coordinatore: don Giuseppe Cipolletta Progetto adozioni a distanza Gerico : Denisia De Crescenzo via Fasano, , Pozzuoli (Na) dal lunedì al venerdì dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 15,30 alle 20,00 Telefono: Fax:

6 Centro di Ascolto Diocesano Il compito principale che svolge il Centro di Ascolto diocesano, è quello di capire - insieme ai centri di ascolto parrocchiali - i bisogni, i disagi e le difficoltà che hanno le famiglie o le singole persone in un territorio parrocchiale; quindi studiare con accurato discernimento le situazioni di disagio, per poi intervenire insieme ai centri di ascolto parrocchiali con azioni mirate o microprogetti al fine di risolvere le situazioni di indigenza. Il CdA diocesano ha quindi il compito primario di orientare e accompagnare i CdA parrocchiali nelle risoluzioni più idonee dei disagi che affliggono le persone e/o famiglie che ad essi si rivolgono, per restituire loro la dignità di persona. Sono gli operatori dei CdA parrocchiali ad interfacciarsi con il CdA diocesano, raccontare le problematiche del territorio o delle loro famiglie o delle singole persone, abbozzare anche dei progetti o azioni finalizzate alla risoluzione di esse, discuterle con gli operatori del CdA referenti delle proprie foranie e insieme trovare le soluzioni migliori e più idonee. Referenti Foranie Pozzuoli 1 e Bagnoli Vincenzo Incoronato e Anita Ricciardo Referenti Foranie Pozzuoli 2 e Bacoli - Monte di Procida Giuseppe Scognamiglio e Rosaria Schiano Referenti Foranie Pianura e Quarto Giuseppe Romano e Rosaria Gabola Referenti Forania di Soccavo Annamaria Salzano e Pasquale Di Pierno Referenti Forania di Fuorigrotta Margherita Lettieri e Mario Frongillo, Tina Costagliola e Salvatore Massa Sede: via Fasano, Pozzuoli (Na) Telefono:

7 Laboratorio del Centro di Ascolto Il laboratorio diocesano si occupa della promozione, formazione e accompagnamento delle Caritas parrocchiali. Il laboratorio è una delle priorità della Caritas Diocesana e viene considerato come strumento necessario per il coordinamento delle Caritas parrocchiali, anche nella formazione dei singoli volontari. Tra le finalità del laboratorio: - accompagnamento formativo delle Caritas parrocchiali - prossimità con le Caritas parrocchiali per favorire la loro crescita e sviluppo - crescita dei rapporti di rete con le Caritas parrocchiali - realizzazione di incontri di spiritualità con gli operatori della Carità diocesane e parrocchiali - sensibilizzazione dei parroci nell animazione alla testimonianza comunitaria della carità. Sede: via Fasano, Pozzuoli (Na) Telefono:

8 Osservatorio Povertà e Risorse L Osservatorio delle Povertà e delle Risorse, avviato nel giugno 1995, ha una funzione pastorale. Destinatari del lavoro dell'opr sono la comunità cristiana, le istituzioni civili, l opinione pubblica. L oggetto specifico di lavoro è la conoscenza competente, sistematica e aggiornata principalmente: - delle condizioni delle persone fragili, delle cause e delle dinamiche dei loro problemi; - delle risorse disponibili per l accoglienza delle loro fragilità (rilevando i servizi socio assistenziali, dal pubblico, dalle parrocchie, dal Terzo settore e dal privato sociale). L'Opr vede nelle parrocchie un interlocutore privilegiato: - da valorizzare: per la ricchezza e l unicità del punto di vista che potenzialmente possono avere rispetto al proprio territorio ed alle povertà che lo stesso può espri mere ed al contempo arginare - da coinvolgere: perché le stesse Caritas delle parrocchie assumano consapevo lezza di questo loro ruolo privilegiato e, crescano nella "abilità" di leggere il proprio territorio, ma soprattutto nella capacità di comunicare con la comunità cristiana e nella responsabilità di coinvolgerla. Il lavoro dell'opr è connesso con quello del Centro di ascolto diocesano e del Laboratorio per la promozione Caritas ed è in sintonia con i presidenti ed i coordinatori delle Caritas parrocchiali, punta a: - promuovere nelle parrocchie la capacità e l'importanza dell'osservazione del territorio; - incoraggia la conoscenza e l'uso di modalità di raccolta delle informazioni; - propone alle parrocchie modalità sostenibili di comunicazione dei dati emersi; - stimola il coinvolgimento delle comunità e la costruzione di una rete tra i vari attori sociali impegnati nel territorio; - sollecita la comunità parrocchiale a riconsiderare le proprie priorità pastorali, a par tire dalla lettura e dalla comprensione delle situazioni dei "poveri". direttore Carlo Lettieri referente Sportello d Informazione Sociale e Biblioteca Don Tonino Bello: Stefania Simeoli referente Settore Ricerca e Studi: Simona Lionetto affiancamento Settore Comunicazione: Ciro Biondi Ufficio progettazione Sociale: Raffaella Simeoli Sede: via Fasano, Pozzuoli (Na) Telefax: (lunedì e mercoledì ore 16-19; martedì e venerdì ore 10-13) 6

9 Il Centro San Marco Il Centro San Marco, opera segno della diocesi di Pozzuoli, ospita al suo interno diverse realtà tra cui la Casa Famiglia Donna Nuova e l Ambulatorio polispecialistico San Giuseppe Moscati. Accanto a queste, numerose e diversificate sono le attività che vi si svolgono. Il Centro San Marco si offre come centro di spiritualità per tutte le realtà, le associazioni, i gruppi e le parrocchie che abbiano la necessità di organizzare momenti di riflessione e preghiera in un contesto, che pur essendo al centro della città, riesce a garantire la pace e la tranquillità necessarie al raccoglimento. L Auditorium è una sala riunioni, con accesso da via Sacchini 33, per lo svolgimento di convegni, concerti, mostre e manifestazioni culturali. La sala è dotata di computer, proiettore e schermo. L uso è concesso a gruppi, associazioni, enti, società o privati che ne facciano richiesta scritta e motivata (comprensiva di date e orari) da presentare alla responsabile a mezzo fax ( ). Responsabile: Maria Ricciardi Sede: Via Roma, Pozzuoli (Na) La segreteria è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 12:30 Telefono: Fax:

10 Le attività del Centro San Marco Bottega della Solidarietà La Bottega offre sostegno e accompagnamento a chi si trova a vivere un periodo di particolare difficoltà economica attraverso la distribuzione di generi alimentari, abbigliamento e altri generi di prima e seconda necessità. L attività della Bottega, condotta in collaborazione con il Centro di Ascolto Diocesano, passa attraverso le Caritas Parrocchiali ed intende essere per queste ultime un aiuto per fronteggiare il periodo di crisi che stiamo vivendo Settore carcere. All interno di questo settore di attività del Centro San Marco operano diverse realtà che danno vita ad iniziative a sostegno dei detenuti e delle detenute e delle loro famiglie. Dentro le mura del carcere: il cappellano volontario don Fernando Carannante offre ascolto sostegno e accompagnamento soprattutto a quelle donne che non hanno la vicinanza della famiglia; un gruppo di suore missionarie si occupa in maniera specifica della pastorale offrendo formazione spirituale e accompagnamento anche a quelle detenute che manifestano il desiderio di ricevere i sacramenti; gruppi parrocchiali provenienti dalle parrocchie Santa Maria Annunziata, San Gennaro, San Luca, Santa Maria della Consolazione. Un gruppo di volontari del gruppo Rinnovamento nello Spirito ed un gruppo di volontari del Movimento dei Focolari si occupano dell animazione delle liturgie. La Boutique rosa, uno spazio riservato alle detenute che non godono di alcun tipo di sostegno economico da parte della famiglia e all interno del quale possono ricevere tutto ciò di cui hanno bisogno: indumenti, necessario per l igiene, piccola profumeria. 8

11 Eccomi, sportello di formazione e orientamento al volontariato, è uno strumento all interno del Centro San Marco per agevolare l inserimento di nuovi volontari presso le associazioni, le parrocchie e i gruppi che operano sul territorio della diocesi e per accompagnare chi ha già compiuto questa scelta di servizio. Tra le sue attività offre: - promozione e diffusione della cultura del volontariato - colloquio personalizzato di orientamento che mira ad individuare l organizzazione adatta alle esigenze dell aspirante volontario - informazioni sulle realtà già operanti - corsi di formazione sulle tematiche del volontariato e della giustizia. Responsabile: Emilia Romano Sede: Via Roma, Pozzuoli Sportello Eccomi Apertura al pubblico: giovedì dalle 9:00 alle 12:30 Telefono: Fax:

12 Casa Famiglia Donna Nuova L ambito della pastorale carceraria è da sempre luogo privilegiato di attenzione e di intervento da parte della Caritas Diocesana. La presenza sul territorio di due realtà carcerarie, la Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli e l Istituto di pena minorile di Nisida, è stata da sprone e da stimolo per elaborare risposte ai bisogni dei detenuti e delle loro famiglie, al fine di tradurre in opere l indicazione evangelica di visitare i carcerati. Nella Casa Famiglia, al quarto anno di attività, sono state garantite 37 disponibilità ed accolte 22 donne. La Casa ospita donne sottoposte a regime di detenzione alternativo alla reclusione in istituto e consente loro di vivere il particolare e difficile momento che si trovano a dover affrontare in un ambiente sereno ed accogliente. Il contesto domestico e la gestione familiare della casa consentono alle ospiti di mantenere saldi i legami con la normalità e la quotidianità dell esistenza e di non vivere l esperienza di spersonalizzazione e disumanizzazione che accompagna la vita in carcere. Nella casa famiglia ciascuna donna assume una serie di impegni da portare avanti responsabilmente. Il clima affettivo e relazionale costituisce il contesto ideale per la realizzazione di interventi pedagogici con le singole ospiti. Con la stessa intenzionalità pedagogica, sono stati attivati ogni anno, grazie alla preziosa collaborazione di un gruppo di volontarie, una serie di laboratori tra cui cucito, decoupage e bigiotteria. Questi laboratori hanno dato vita ad una vera e propria officina di produzione di piccolo artigianato: Officina Donna Nuova. Responsabile: Maria Ricciardi Sede: Via Roma, Pozzuoli (Na) La Casa famiglia Donna Nuova è funzionante 24 ore su 24, 365 giorni l anno. La segreteria è aperta dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.30 alle Telefono: fax

13 Ambulatorio S. Giuseppe Moscati e Studio Odontoiatrico Manlio Fanuzzi La Diocesi di Pozzuoli attraverso il poliambulatorio San Giuseppe Moscati e lo studio odontoiatrico Manlio Fanuzzi della Caritas Diocesana, esprime un segno concreto di attenzione nei confronti di chi ha bisogno. L ambulatorio si trova nel Centro Polifunzionale San Marco di Pozzuoli. Il servizio sanitario offerto è strategicamente un punto fondamentale per promuovere una prima risposta sanitaria (con esclusione delle urgenze gestite dai pronto soccorso). L ambulatorio della Caritas non è solo un punto di riferimento per gli stranieri, i senza fissa dimora, gli anziani indigenti, ma anche un luogo di formazione di volontari che coniugano professionalità ed attenzione, assistenza e sensibilità ad ogni diversità. Il servizio preventivo, diagnostico-terapeutico e d indirizzo sanitario per le patologie più complesse registra attualmente una crescita dell utenza dovuta alla crisi economia. Per tale esigenza, l Ambulatorio ha provveduto a potenziare di un ulteriore riunito odontoiatrico il servizio, nonostante resti ancora molto da fare. Lo studio odontoiatrico offre servizi di protesi dentaria e attività collegate: conservativa, ortodonzia, implantologia, paradontologia, protesi fissa e mobile, endodonzia, chirurgia orale. Responsabile: diacono Pasquale Grottola, medico specializzato in medicina del lavoro Sede: via Roma, Pozzuoli (Na) L Ambulatorio è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle 13,30 Telefax:

14 Il Servizio Civile Nazionale si svolge su base esclusivamente volontaria. È un modo di difendere la Patria, il cui dovere è sancito dall articolo 52 della Costituzione; una difesa che non deve essere riferita al territorio dello Stato e alla tutela dei suoi confini esterni, quanto alla condivisione di valori comuni e fondanti l ordinamento democratico. Possono partecipare i giovani dai 18 ai 28 anni che vogliono dedicare un anno della propria vita a favore di un impegno solidaristico inteso come impegno per il bene di tutti e di ciascuno e quindi come valore di coesione sociale. Il servizio civile volontario garantisce ai giovani una forte valenza educativa e formativa, un importante e spesso unica occasione di crescita personale, una opportunità di educazione alla cittadinanza attiva, contribuendo allo sviluppo sociale, culturale ed economico del nostro Paese. Tra gli enti accreditati dal Governo c è anche la Caritas Diocesana di Pozzuoli. L Ufficio Servizio Civile della Caritas di Pozzuoli si occupa di: - Progettazione - Selezione dei volontari - Formazione - Coordinamento - Monitoraggio Responsabile: diacono Gabriele Aliberti Sede: via Nicola Fasano, Pozzuoli (Na) c/o Caritas Diocesana di Pozzuoli L Ufficio è aperto il lunedì e il mercoledì dalle 9,30 alle 13,00 Telefono: fax: Servizio Civile 12

15 Lo sportello di segretariato sociale intende migliorare la qualità della vita, attraverso la semplificazione di iter procedurali e la diffusione di leggi e norme, rendendo il cittadino più consapevole. Ha lo scopo di fornire ascolto, informazioni ed orientamento in merito ai diritti, alle prestazioni ed alle modalità di accesso ai servizi, favorendo l incontro tra cittadino ed enti ed organizzazioni di settore. Servizio di riparazione e prestito ausili ortopedici: ha lo scopo di fornire ausili ortopedici a chi ne ha bisogno e non può acquistarli, a chi non rientra nelle concessioni che l Asl di competenza oppure non può attendere i tempi burocratici. Il Servizio si occupa anche di riparare gli ausili ortopedici dismessi così da consentire un riciclo sul territorio Servizio di concessione di materiale sanitario monouso: ha lo scopo di ridistribuire quel materiale sanitario monouso confezionato ed igienico. Ad esempio si forniscono gratuitamente: pannoloni, traverse, strisce assorbenti, ecc. Responsabile: Salvatore Iodice (Coordinatore e referente), Gioacchino Trabasso (referente) Sede Operativa principale: c/o associazione Pro Handicap Onlus, via Miseno, 8 (int. Villa Comunale) Bacoli (Na) Si riceve per appuntamento presso la Caritas Diocesana o presso le Caritas parrocchiali Telefono: Sportello H 13

16 Progetto Policoro Il Progetto Policoro rappresenta un azione organica e di rete, che la Chiesa Italiana ha intrapreso dal 1995, per educare ad una nuova cultura del lavoro e stimolare risposte concrete al problema del lavoro nei giovani ed in particolare nei giovani del sud Italia. Le finalità: offrire alla Comunità Diocesana strumenti e opportunità per affrontare il problema della disoccupazione giovanile in una prospettiva di evangelizzazione e di promozione umana; stimolare le diverse pastorali e aggregazioni laicali della diocesi a lavorare in rete in un ottica di sinergia e di collaborazione reciproca; aiutare le Chiese locali ad interagire tra di loro con spirito di solidarietà e di reciprocità. Linee di intervento. Evangelizzazione: diffondere una particolare attenzione pastorale verso i giovani in cerca di lavoro o con esperienze negative di lavoro. Si testimonia la volontà della Chiesa diocesana di stare nella storia con Amore accompagnando i giovani in questo difficile percorso e aiutandoli a crescere nella vita, ricchi di Fede e di Speranza. Formazione: si cerca di diffondere una nuova mentalità verso il lavoro, di ricerca attiva del lavoro, di consapevolezza dei propri talenti e delle ricchezze e risorse del territorio e della comunità. Accompagnamento alla Creazione di Gesti Concreti: la comunità diocesana si impegna ad offrire momenti formativi e a sostenere l avvio di nuove attività produttive da parte dei giovani. Direttori: don Fernando Carannante (vicario episcopale alla Carità), don Mario Russo (direttore Ufficio della Pastorale Giovanile), diacono Alberto Iannone (direttore Ufficio per la pastorale del lavoro e delle questioni sociali). Tutor: diacono Alberto Iannone, Animatore di Comunità: Giuseppe Familiari Sede: Via Campi Flegrei, Pozzuoli (Na) Telefono: (Si riceve per appuntamento) 14

17 Il Prestito della Speranza, promosso dalla Conferenza Episcopale Italiana, è un fondo di garanzia per le famiglie. L accesso al credito è possibile per quelle famiglie che, all atto della presentazione della domanda, versano in condizioni di vulnerabilità economica e sociale. Sono ammissibili alla garanzia del Fondo due tipologie diverse di prestito: 1) Il credito sociale alle famiglie, di importo non superiore a 6 mila euro. 2) Il prestito all attivazione di attività artigianale o imprenditoriale a singoli o a società di persone o cooperative per un valore massimo di euro (microcredito al l impresa). Il tasso annuo effettivo globale (Taeg) applicato ai finanziamenti credito sociale non potrà essere superiore al 4,00%; il tasso del microcredito all impresa sarà equivalente al Taeg medio della categoria pubblicato da Bankitalia scontato del min. 30% Il piano di rimborso, per ciascun finanziamento deliberato, decorrerà trascorsi 12 mesi dalla delibera e con durata non superiore ai 5 anni. Il Fondo risponde per il 75% del singolo finanziamento sui crediti sociali, e al 50% sui microcrediti all impresa. L ufficio diocesano verifica la presenza del requisito soggettivo e procede ad una valutazione-approvazione del merito personale e sociale del richiedente, e trasferisce alla banca quelle ritenute idonee tramite l applicativo informatico messo a disposizione dal gestore. La Banca riceve la richiesta di finanziamento accompagnata dalla valutazione dell Ufficio diocesano e non deve sindacare la sussistenza del requisito soggettivo essendo il relativo accertamento riservato in via esclusiva all Ufficio pastorale proponente, ma a sua volta verifica il merito creditizio e di solvibilità del richiedente; entro 15 giorni lavorativi dalla presentazione della domanda alla banca, se ritenuta idonea, invia al gestore la richiesta dell attivazione della garanzia del Fondo. Responsabile per la Diocesi di Pozzuoli: accolito Antonio Testa Prestito della Speranza 15

18 Sportello di prevenzione dell usura Lo sportello di prevenzione e di aiuto alle vittime di usura è una struttura di servizio che offre informazioni, solidarietà, assistenza e consulenza. Nello specifico: consulenza penalistica e civilistica per problematiche attinenti all usura e all indebitamento; gestione dei problemi bancari (controversie e transazioni); consulenza aziendale per il risanamento di situazioni debitorie. Accompagnamento alla denuncia quando questo è possibile e utile allo scopo di liberare le vittime di usura. Responsabile: Domenica Centola Sedi: Via Fasano, Pozzuoli e in Via Trencia, 62 Quartiere Pianura, Napoli Telefono: fax (si riceve per appuntamento) 16

19 Area Promozione Mondialità La Caritas, oltre ad occuparsi di chi vive nel territorio diocesano, si occupa anche del mondo, con i suoi abitanti, le Istituzioni, i servizi, le diverse realtà sociali. Per mondialità si intende quindi la capacità di aprirsi al mondo, di sentirsi parte di un mosaico di popoli ognuno con le sue caratteristiche e con il proprio patrimonio culturale e spirituale. All ambito Promozione mondialità sono quindi riconducibili tutte le azioni volte a stimolare: - interventi nelle emergenze - interventi di cooperazione internazionale e sviluppo - cammini di accompagnamento delle Chiese locali - azioni di difesa e tutela dei diritti dei popoli più poveri - iniziative educative alla mondialità, all interculturalità alla pace e riconciliazione - promozione del volontariato all estero - rete dei gruppi, associazioni, organizzazioni non governative, impegnate sul fronte della mondialità (partecipazioni a campagne, eventi, e iniziative di sensibilizzazione) Coordinatore: don Giuseppe Cipolletta Progetto Gerico Il Progetto Gerico è un ufficio di adozioni a distanza di minori, orfani e non, ospitati dall Istituto Santa Maria di Gerico in Palestina, affidato e gestito dalle Sorelle Francescane. Responsabile: Denisia De Crescenzo Sede: via Nicola Fasano, Pozzuoli (Na) c/o Caritas Diocesana di Pozzuoli L Ufficio è aperto il lunedì e il venerdì dalle 9,30 alle 13,30 Telefono: fax:

20 Opuscolo a cura dell Ufficio Comunicazione della Caritas Diocesana di Pozzuoli

21 Indice Chi siamo pag. 1 I compiti della Caritas pag. 2 Organigramma pag. 3 Centro di Ascolto Diocesano pag. 4 Laboratorio del CdA Diocesano pag. 5 Osservatorio delle Povertà e delle Risorse pag. 6 Centro San Marco pag. 7 Sportello Eccomi pag. 9 Casa Famiglia Donna Nuova pag. 10 Ambulatorio Polispecialistico pag. 11 Servizio Civile pag. 12 Sportello H pag. 13 Progetto Policoro pag. 14 Prestito della Speranza pag. 15 Sportello di prevenzione all usura pag. 16 Mondialità pag

22 Collega al sito per conoscere uffici e a vità, avere no zie e conta guardare foto e video della Caritas Diocesana di Pozzuoli per iscriverti alla newsletter periodica con le più importanti informazioni della Caritas manda un a Siamo su Facebook Caritas Diocesana di Pozzuoli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011)

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011) Assetto organizzativo-funzionale Organigramma (maggio 2011) Caritas Diocesana Veronese Lungadige Matteotti n. 8 37126 Verona, Tel. 0458300677 Fax 045.8302787 www.caritas.vr.it Presentazione L idea di predisporre

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Scoperchiarono il tetto dalla parte dov era Gesù (Mc 2,4) Sinodalità Conversione Missione

Scoperchiarono il tetto dalla parte dov era Gesù (Mc 2,4) Sinodalità Conversione Missione Arcidiocesi di Salerno Campagna Acerno CONVEGNO PASTORALE DIOCESANO 16-17-18 giugno 2015 Scoperchiarono il tetto dalla parte dov era Gesù (Mc 2,4) Sinodalità Conversione Missione STRUMENTO DI LAVORO alla

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Linee di ricerca e progettazione sociale. sommario. A cura di Tiziana Ciampolini. 1. Le attività di ricerca

Linee di ricerca e progettazione sociale. sommario. A cura di Tiziana Ciampolini. 1. Le attività di ricerca Linee di ricerca e progettazione sociale A cura di Tiziana Ciampolini sommario 1. Le attività di ricerca 2. Le conoscenze maturate grazie all attività di ricerca 3. Dalla ricerca alla sperimentazione Tiziana

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te.

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Nel Sud del mondo in una situazione di povertá e di emarginazione a molti bambini sono negati i diritti fondamentali alla vita, alla

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA Requisiti Altri servizi alla persona Note per la compilazione delle schede dei requisiti Il legale rappresentante o l'operatore individuale compila una scheda dei requisiti

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Linee orientative per la gestione dei beni negli Istituti di vita consacrata e nelle Società di vita apostolica

Linee orientative per la gestione dei beni negli Istituti di vita consacrata e nelle Società di vita apostolica Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più (Lc 12, 48) Linee orientative

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli