DOCUMENTO DI SICUREZZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI SICUREZZA"

Transcript

1 C.R. FRASCATI SERVIZIO SICUREZZA E SALVAGUARDIA DOCUMENTO DI SICUREZZA Sigla di Identificazione Distribuzione Tipologia Documento Pagina di: _RIF L Procedura Operativa di Sicurezza 1 24 TITOLO: PROCEDURA PER LA RACCOLTA, STOCCAGGIO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI, PERICOLOSI E NON PERICOLOSI Responsabile FRA-SIC Direttore di Centro 00 Emissione M. CIAFFI; D. SILLA R. MARMIGI G.M. MONTI REV. Descrizione Data Preparato Convalidato Approvato

2 Pag. 2 di 24 Oggetto: INDICE DI SEZIONE MATRICE DELLE REVISIONI... 3 LISTA DI DISTRIBUZIONE SCOPO CAMPO DI APPLICAZIONE DOCUMENTI DI RIFERIMENTO DEFINIZIONI ACRONIMI RESPONSABILITA MODALITA OPERATIVE CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI RIFIUTI SPECIALI RIFIUTI PERICOLOSI RIFIUTI NON PERICOLOSI MODALITA DI RICHIESTA DA PARTE DELLE UNITA PER LA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI MODALITA DI ATTIVAZIONE DELLA DITTA ESTERNA PER LA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI MODALITA DI CONFEZIONAMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI MODALITA PER IL TRASPORTO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI IMPIANTI DI SMALTIMENTO TRASPORTO DEI RIFIUTI ANALISI CHIMICHE REGISTRI E SCRITTURE DI LEGGE OBBLIGHI E DIVIETI REGISTRAZIONI OBBLIGATORIE GESTIONE DEL REGISTRO DI CARICO/SCARICO (CS) GESTIONE DEI FORMULARI CONTROLLO DEI REQUISITI E DELLE TARGHE DEI TRASPORTATORI ADEMPIMENTI SPECIFICI A CURA DELLE UNITA DEL CENTRO CONTRATTI DI SMALTIMENTO RIFIUTI GESTITI DA ALTRE UNITA DEL C.R. FRASCATI SMALTIMENTO DI MATERIALE DISINVENTARIATO SMALTIMENTO DI TONER, PILE E BATTERIE TONER, CARTUCCE PER STAMPANTI E PILE E BATTERIE NON INDUSTRIALI BATTERIE PER VEICOLI E BATTERIE DI TIPO INDUSTRIALE REGISTRAZIONE ED ARCHIVIAZIONE ALLEGATI... 18

3 Pag. 3 di 24 MATRICE DELLE REVISIONI Indice di revisione Data di Emissione Prima Emissione Descrizione delle Modifiche Motivi delle Modifiche LISTA DI DISTRIBUZIONE NOME FUNZIONE DISTRIBUZIONE TRAMITE Direzione del C.R. Frascati Responsabili Unità Tecniche del C.R. Frascati Responsabili Uffici Centrali del C.R. Frascati Archivio Tecnico FRA-SIC Copia Comunicazione e.mail e Sito Web Comunicazione e.mail e Sito Web Copia originale

4 Pag. 4 di 24 1 SCOPO La presente procedura ha lo scopo di definire le modalità di raccolta, classificazione, stoccaggio e smaltimento dei rifiuti speciali, pericolosi e all interno del Centro Ricerche ENEA di Frascati, nel rispetto delle leggi e delle normative vigenti. 2 CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutto quanto rientra nella definizione corrente di rifiuti speciali, pericolosi e prodotti nell ambito delle attività svolte all interno del C.R. Frascati, ad eccezione dei rifiuti solidi urbani, della raccolta differenziata della carta e della gestione dei fanghi, 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO - D.Lgs. n. 152/2006 Testo Unico Ambientale - parte IV. - D.Lgs. n. 151/2005 "Attuazione delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell'uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, nonché allo smaltimento dei rifiuti" - D.Lgs. n. 22/1997 (Decreto Ronchi) Attuazione delle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi e 94/62/CE sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio. - SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti) Edizione Circolare Direzione Centro Frascati n. 58/2008 Tutela del patrimonio del 3 novembre Comunicazione Direzione Centro Frascati Smaltimento apparecchiature elettroniche obsolete del 1 aprile DEFINIZIONI - Rifiuto: rientrano nella definizione di rifiuto tutti i materiali inclusi nelle categorie riportate nella Direttiva 9 aprile 2002, e di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi. - Produttore: la persona e/o la struttura la cui attività ha prodotto rifiuti e la persona che ha effettuato operazioni di pretrattamento o di miscuglio o altre operazioni che hanno mutato la natura o la composizione dei rifiuti.

5 Pag. 5 di 24 - Gestione dei Rifiuti: la raccolta, il trasporto, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti, compreso il controllo di queste operazioni. - Raccolta: l'operazione di prelievo, di cernita e di raggruppamento dei rifiuti per il loro trasporto. - Raccolta Differenziata: la raccolta idonea a raggruppare i rifiuti urbani in frazioni merceologiche omogenee - Smaltimento: le operazioni previste nell'allegato B del D.Lgs 22/97. - Recupero: le operazioni previste nell'allegato C del D.Lgs 22/97. - Deposito rifiuti: apposita area debitamente segnalata in cui vengono temporaneamente depositati i rifiuti. - Deposito Temporaneo: il raggruppamento dei rifiuti effettuato, prima della raccolta, nel luogo in cui sono prodotti. - Codice CER: codice a sei cifre attribuito alle diverse tipologie di rifiuto riportate nel Catalogo Europeo dei Rifiuti in vigore dal primo gennaio 2002 All. alla Parte IV del D.lgs 152/ Rifiuto speciale: i rifiuti derivanti da attività, agricole, industriali, artigianali, commerciali di servizio, rifiuti derivanti dalle attività di demolizione; i rifiuti derivanti dalla attività di recupero e smaltimento di rifiuti; i macchinari e le apparecchiature deteriorati ed obsoleti. - Rifiuto speciale pericoloso: rifiuto speciale classificato pericoloso ai sensi della legislazione vigente (in particolare si veda Catalogo Europeo dei Rifiuti e art. 184 e allegato D alla parte IV del D.Lgs. 152/2006). - MUD: Modello Unico di Dichiarazione Ambientale, è una dichiarazione annuale riferita ai dati dell'anno precedente che le imprese e gli altri soggetti produttori di rifiuti sono tenuti a presentare alla Camera di Commercio competente per territorio - Responsabile MUD (RM): soggetto responsabile della compilazione del MUD - Registro carico e scarico: registro (da vidimare presso la Camera di Commercio) nel quale devono essere annotati, con cadenza periodica, le informazioni sulle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti prodotti da una singola unità locale, da utilizzare ai fini della compilazione del modello unico di dichiarazione ambientale (MUD). - RAEE: rifiuto da apparecchiature elettriche ed elettroniche come da D.Lgs. 151/2005.

6 Pag. 6 di 24 5 ACRONIMI SIGLA DDC SIC SGS NC AC AP RUP GDR RDS IASS RCS PER ESTESO Direzione di Centro Servizio Sicurezza e Salvaguardia Sistema di Gestione della Sicurezza Non Conformità Azione Correttiva Azione Preventiva Responsabile Unico del Procedimento Gestore dei Rifiuti: Responsabili di Struttura Imprese Assegnatarie del Servizio di Smaltimento: Registro di Carico e Scarico 6 RESPONSABILITA DDC Direttore di Centro: E il Referente dell unità locale, intesa come sede presso la quale il dichiarante ha detenuto i rifiuti oggetto della dichiarazione, in relazione alle attività ivi svolte (produzione, deposito preliminare, messa in riserva, trattamento, stoccaggio definitivo) o dalla quale dipendono funzionalmente le attività esterne (bonifiche o manutenzioni) che hanno originato i rifiuti oggetto della dichiarazione. Il DDC approva la presente procedura e successivi aggiornamenti. SIC Servizio Sicurezza e Salvaguardia: il Servizio Sicurezza e Salvaguardia del Centro assicura la corretta applicazione delle procedure e della normativa di riferimento per la gestione e lo smaltimento dei rifiuti nell ambito del C.R. Frascati. IASS Imprese Assegnatarie del Servizio di Smaltimento: Provvedono al corretto smaltimento dei Rifiuti in conformità al Capitolato d Appalto. Ai fini della presente procedura sono responsabili della trasmissione delle autorizzazioni proprie e degli impianti di smaltimento presso cui sono conferiti i rifiuti prelevati presso il C.R. Frascati.

7 Pag. 7 di 24 GDR Gestore dei Rifiuti: Organizza e gestisce lo smaltimento dei rifiuti secondo le disposizioni previste dalla normativa tecnica e legislativa di riferimento. Nell ambito del C.R. Frascati il GDR coincide con il RUP (Responsabile Unico del Procedimento) relativo all appalto conferito a Ditta Esterna incaricata per il Servizio raccolta, trasporto e smaltimento di varie tipologie di rifiuti speciali pericolosi e del C.R. Frascati Ai fini della presente procedura il Gestore dei Rifiuti/RUP ha il compito di: - Verificare la coerenza tra la tipologia dei rifiuti da smaltire per conto delle Unità interessate del Centro e quelle previste nell ambito del Contratto stipulato con Ditta Esterna - Programmare e condurre i sopralluoghi e le verifiche in fase di raccolta dei rifiuti da parte della Ditta Esterna, e redigere la documentazione prevista dalla normativa applicabile. - Verificare, tramite sopralluogo a campione, che l automezzo IASS impiegato per la raccolta sia autorizzato, anche ai sensi dell ADR, a trasportare il rifiuto oggetto della raccolta. - Verificare la corretta tenuta dei registri di carico e scarico rifiuti. - Provvedere alla compilazione del MUD (Modello Unico di Dichiarazione Ambientale) riferita ai dati dell'anno precedente, nonché alla sua comunicazione alla Camera di Commercio competente per territorio. - Revisionare la procedura. RDS Responsabili di struttura: A seconda della tipologia statutaria della struttura, sono individuati da: - Responsabili Unità Tecniche - Responsabili Uffici Centrali - Responsabili di Servizio - Responsabili di Laboratorio - Responsabili di Funzioni I RDS sono responsabili della gestione dei rifiuti, in termini di rispetto degli adempimenti di legge e della presente procedura, per quanto riguarda i rifiuti prodotti dalla loro struttura. 7 MODALITA OPERATIVE 7.1. CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Per la classificazione dei rifiuti viene fatto esplicito riferimento all Art. 184 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 "Norme in materia ambientale", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile Supplemento Ordinario n. 96. In particolare, per quanto attiene alla tipologia di rifiuti oggetto della presente procedura, sono presi in considerazione:

8 Pag. 8 di RIFIUTI SPECIALI Facendo esplicito riferimento all Art. 184 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 "Norme in materia ambientale", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006, risultano essere classificati come Rifiuti Speciali i seguenti prodotti: a) i rifiuti da attività agricole e agro-industriali; b) i rifiuti derivanti dalle attività di demolizione, costruzione, nonché i rifiuti pericolosi che derivano dalle attività di scavo, fermo restando quanto disposto dall'articolo 186 del D.Lgs. 152/2006; c) i rifiuti da lavorazioni industriali, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 185, comma 1, lettera i); d) i rifiuti da lavorazioni artigianali; e) i rifiuti da attività commerciali; f) i rifiuti da attività di servizio; g) i rifiuti derivanti dalla attività di recupero e smaltimento di rifiuti, i fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi; h) i rifiuti derivanti da attività sanitarie; i) i macchinari e le apparecchiature deteriorati ed obsoleti; j) i veicoli a motore, rimorchi e simili fuori uso e loro parti; k) il combustibile derivato da rifiuti; l) i rifiuti derivati dalle attività di selezione meccanica dei rifiuti solidi urbani RIFIUTI PERICOLOSI Secondo il D.lgs. 152/06 (art. 184, comma 5), sono rifiuti pericolosi quelli contrassegnati da apposito asterisco nell elenco CER2002. In tale elenco alcune tipologie di rifiuti sono classificate come pericolose o non pericolose fin dall origine, mentre per altre la pericolosità dipende dalla concentrazione di sostanze pericolose e/o metalli pesanti presenti nel rifiuto. Per "sostanza pericolosa" si intende qualsiasi sostanza classificata come pericolosa ai sensi della direttiva 67/548/CEE e successive modifiche: questa classificazione è soggetta ad aggiornamenti, in quanto la ricerca e le conoscenze in questo campo sono in continua evoluzione. In particolare, sono pericolosi i rifiuti non domestici indicati espressamente come tali, con apposito asterisco, nell'elenco di cui all'allegato D alla parte quarta del D.Lgs. n. 152/2006, sulla base degli Allegati G, H e I alla medesima parte quarta.

9 Pag. 9 di RIFIUTI NON PERICOLOSI Vengono classificati come Non Pericolosi tutta la tipologia di rifiuti non appartenente alle categorie di Rifiuto Speciale e Rifiuto Pericoloso, riportate e descritte neò D.lgs. 152/ MODALITA DI RICHIESTA DA PARTE DELLE UNITA PER LA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI Il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti speciali, pericolosi e all interno del C.R. Frascati è stato affidato ad idonea Ditta Esterna attraverso uno specifico Contratto di Appalto gestito dal Servizio Sicurezza e Salvaguardia del Centro (FRA-SIC). Gli interventi previsti dal Servizio FRA-SIC avverranno a esclusivamente a seguito di richiesta scritta inviata al RUP (Responsabile Unico del Procedimento) del Contratto di Smaltimento dei Rifiuti o ad un suo collaboratore; tale richiesta dovrà contenere dettagliate informazioni riguardo alla tipologia, alla quantità ed all ubicazione dei rifiuti da smaltire, e dovrà essere effettuata a cura della struttura interessata allo smaltimento utilizzando esclusivamente il Modulo SIC.MOD.RIF.001 Richiesta di ritiro e smaltimento rifiuti riportato in Allegato 1 e disponibile sul Sito Web del Servizio Sicurezza e Salvaguardia (www.frascati.enea.it/sic). Il RUP concorderà con il referente della struttura interessata le modalità e la tempistica per evadere la richiesta di smaltimento dei rifiuti appositamente formulata effettuando, ove ritenuto necessario, anche un sopralluogo presso l ubicazione dei rifiuti stessi; tale sopralluogo sarà formalizzato mediante il il Modulo SIC.MOD.RIF.002 Rapporto di sopralluogo per smaltimento rifiuti riportato in Allegato 2 e disponibile sul Sito Web del Servizio Sicurezza e Salvaguardia (www.frascati.enea.it/sic). Sarà compito della struttura interessata mettere a disposizione del RUP, nel giorno concordato per il prelievo dei rifiuti, tutto il supporto logistico per l accesso ai locali in cui risulta ubicato il materiale da smaltire. In ogni caso, prima di richiedere lo smaltimento dei rifiuti al Servizio competente, tutte le strutture interessate del C.R. Frascati sono tenute obbligatoriamente a provvedere al disinventario di eventuali beni a loro carico da considerare come rifiuti (ad esempio attrezzature, materiali, strumenti, etc), che dovrà esse effettuato in accordo con la normativa vigente in materia.

10 Pag. 10 di MODALITA DI ATTIVAZIONE DELLA DITTA ESTERNA PER LA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI A seguito di una o più richieste di smaltimento di rifiuti speciali, pericolosi e/o effettuate a cura delle strutture interessate del C.R. Frascati, l IASS (Impresa Assegnataria del Servizio di Smaltimento) viene contattata in forma scritta (anche via fax o ) dal RUP del Contratto al fine di concordare tempi e modalità del prelievo in funzione della tipologia e dell ubicazione dei rifiuti. L Impresa Assegnataria del Servizio di Smaltimento è tenuta ad effettuare ogni intervento (a prescindere dalla tipologia e dal quantitativo del rifiuto speciale pericoloso e/o non pericoloso da smaltire) entro 72 ore dalla data stabilita in calendario da ENEA ovvero dalla richiesta scritta inviata dall ENEA, mediante telefax e/o posta elettronica, anche se anticipata per via telefonica. Le operazioni nel Centro Ricerche ENEA di Frascati verranno eseguite, di norma, tra le ore 8.30 e le ore 15.30, dal lunedì al venerdì, con esclusione delle festività infrasettimanali, delle giornate considerate non lavorative dall ENEA ed in occasione dei periodi di chiusura del Centro. I Responsabili di Procedimento dell ENEA e dell Impresa Assegnataria del Servizio di Smaltimento, provvederanno a definire le modalità di intervento e gli eventuali programmi esecutivi delle varie operazioni. Sono a carico dell Impresa Assegnataria del Servizio di Smaltimento le seguenti prestazioni: - l assistenza di un tecnico esperto e qualificato per la conduzione tecnica del servizio e delle attività e l utilizzo di personale, specializzato e non, di manovalanza, ecc., assicurato a norma di legge, ivi comprese le spese per trasferte e viaggi; - lo sgombero di tutti i materiali ed attrezzature di proprietà della Ditta, al termine di ogni intervento; 7.4. MODALITA DI CONFEZIONAMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI Il confezionamento dei rifiuti speciali pericolosi e dovrà avvenire secondo le modalità stabilite dalla legge e, in particolare, secondo quanto segue per ogni tipologia di rifiuto. a) Sanitari pericolosi (ospedalieri medicinali scaduti) Per tali rifiuti dovranno essere forniti: - un contenitore monouso in polietilene rigido e rinforzato, di capacità adeguata, per aghi e materiali taglienti; - un contenitore rigido (monouso o riutilizzabile) in polietilene rigido e rinforzato, di capacità adeguata, impermeabile con sacco interno e laccio di chiusura omologato ADR per la classe 6.2, per i sanitari pericolosi; - un contenitore monouso in polietilene rigido e rinforzato, di capacità adeguata, per medicinali scaduti; - disinfettante liquido o solido per rifiuti sanitari pericolosi (con relativa scheda tecnica che ne dimostri l idoneità per l utilizzo specifico).

11 Pag. 11 di 24 Salvo diverse disposizioni del RUP di Contratto ENEA, i suddetti contenitori dovranno essere ritirati, di norma, a cadenza settimanale e, ad ogni ritiro, dovrà essere fornito un altro contenitore vuoto, delle stesse caratteristiche e capacità. b) Speciali pericolosi e vari Per la raccolta di tali rifiuti, l Impresa Assegnataria del Servizio di Smaltimento dovrà fornire, se richiesto da ENEA, dei contenitori di tipo scarrabile, di capacità complessiva variabile dagli 8 ai 20 m 3. Per tutte le tipologie di rifiuti citate nel contratto, dovranno essere forniti appositi contenitori in vetro, plastica o metallo, in funzione della compatibilità tra contenuto e contenitore, secondo richiesta di ENEA. Tutti i contenitori utilizzati per il confezionamento dei rifiuti speciali pericolosi dovranno essere omologati ADR, qualora sia previsto il trasporto solo su strada, ovvero omologati ONU, per tutti gli altri tipi di trasporto MODALITA PER IL TRASPORTO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI Il Servizio di Smaltimento dei rifiuti speciali, pericolosi e svolto dall Impresa Assegnataria dovrà essere eseguito con la massima cura ed attenzione, nel rispetto della normativa in materia vigente alla data di esecuzione delle prestazioni, senza produrre danni a persone, a beni, a cose ed all ambiente in genere. Le metodologie operative da applicare dovranno essere quelle più idonee in relazione alla natura e caratteristiche delle operazioni da effettuare; dette operazioni dovranno eseguirsi mediante l impiego di personale specializzato e dotato di equipaggiamento ed attrezzature adeguate, in modo da poter operare in regime di massima sicurezza. Tutti i materiali di consumo, attrezzature e veicoli occorrenti per l esecuzione del servizio sono ad esclusivo carico ed onere dell Impresa Assegnataria IMPIANTI DI SMALTIMENTO I rifiuti speciali pericolosi e, prodotti e prelevati dal C.R. ENEA di Frascati, dovranno essere trattati e smaltiti presso impianti in possesso dei requisiti e delle prescritte autorizzazioni previste dalla normativa vigente. L Impresa Assegnataria del Servizio di Smaltimento dovrà possedere formali dichiarazioni di disponibilità, rilasciate dai gestori degli impianti di smaltimento, all accettazione di tutte le tipologie di rifiuti speciali pericolosi e prodotti nel C.R. ENEA di Frascati oggetto del contratto di appalto.

12 Pag. 12 di TRASPORTO DEI RIFIUTI Gli automezzi impiegati per l esecuzione del Servizio di Smaltimento dei Rifiuti, dovranno essere muniti delle prescritte autorizzazioni ADR rilasciate dalle Autorità competenti in materia, con apposita iscrizione sulla carta di circolazione, e gli autisti dovranno possedere idonea patente per il trasporto di merci pericolose ANALISI CHIMICHE Per la classificazione dei rifiuti rispetto alla codifica CER e per l individuazione della corretta modalità di trattamento e smaltimento, a seguito di specifica richiesta dell ENEA l Impresa Assegnataria del Servizio di Smaltimento dovrà eseguire idonee analisi chimiche. I certificati di dette analisi dovranno contenere la caratterizzazione del rifiuto, la sua classificazione ed il relativo codice CER REGISTRI E SCRITTURE DI LEGGE L Impresa Assegnataria del Servizio di Smaltimento dovrà fornire al Responsabile del Procedimento dell ENEA tutto il supporto necessario per la tenuta dei Registri di carico e scarico, delle scritture previste a norma di legge e della elaborazione del Modello Unico di Dichiarazione (MUD) per la prescritta denuncia annuale al Catasto Rifiuti. Per ciascun trasporto e per ciascuna tipologia di rifiuto, la Ditta appaltatrice dovrà emettere l apposito Formulario di Identificazione del Rifiuto, redatto secondo quanto previsto dalla normativa vigente OBBLIGHI E DIVIETI E tassativamente proibito trasportare e conferire i rifiuti prodotti dall ENEA C.R. Frascati insieme a rifiuti provenienti da altri siti, tranne nel caso che siano inequivocabilmente distinguibili o che ci sia specifica autorizzazione dell ENEA. L ENEA è sollevato da ogni responsabilità, presente e futura, che dovesse derivare dalla mancata osservanza delle disposizioni di legge in materia, da parte della Ditta appaltatrice, nell eseguire le operazioni di raccolta, stoccaggio, trasporto e smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e prodotti nell ambito delle attività del Centro Ricerche ENEA di Frascati.

13 Pag. 13 di REGISTRAZIONI OBBLIGATORIE Il Registro di Carico e Scarico (RCS) e le copie dei formulari di accompagnamento dei rifiuti, insieme alla rimanente documentazione obbligatoria per la gestione dei rifiuti, sono conservati presso l ufficio il Servizio Sicurezza e Salvaguardia secondo i termini di legge. La redazione del Modello Unico di Dichiarazione (MUD) e l invio alle autorità competenti, effettuata sulla base delle informazioni desumibili dal registro di CS, avviene a cura del Servizio Sicurezza e Salvaguardia nei termini stabiliti dalla normativa di riferimento GESTIONE DEL REGISTRO DI CARICO/SCARICO (CS) Il Registro di Carico e Scarico (RCS) viene utilizzato per la raccolta delle informazioni sulle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti da utilizzare ai fini della comunicazione annuale. Per quanto riguarda i produttori del rifiuto, le annotazioni devono essere effettuate almeno entro una settimana dalla produzione del rifiuto e dallo scarico del medesimo.

14 Pag. 14 di GESTIONE DEI FORMULARI Nel caso di trasporto di rifiuti per i quali è previsto l accompagnamento del Formulario di Identificazione del Rifiuto (ai sensi dell art. 188 e art. 193 del D.Lgs. n. 152 del 03/04/2006 e del D.M. 145 del 01/04/1998), il RUP dell ENEA si assicura che esso sia compilato con le seguenti informazioni: - nome ed indirizzo del produttore e del detentore; - origine, tipologia e quantità del rifiuto; - impianto di destinazione; - data e percorso dell istradamento; - nome ed indirizzo del destinatario. Il formulario deve essere redatto in quattro esemplari, compilato, datato e firmato dal detentore dei rifiuti, e controfirmato dal trasportatore. Una copia del formulario deve rimanere presso il detentore, e le altre tre, controfirmate e datate in arrivo dal destinatario, sono acquisite una dal destinatario e due dal trasportatore, che provvede a trasmetterne una al detentore. Le copie del formulario devono essere conservate per cinque anni. Se entro 2 mesi dalla data di conferimento dei rifiuti al trasportatore il RUP del Contratto di Smaltimento non riceve la quarta copia del formulario, essa invia una lettera di sollecito allo smaltitore finale, e per conoscenza, anche al trasportatore.

15 Pag. 15 di 24 Se entro 3 mesi dalla data di conferimento dei rifiuti al trasportatore il RUP del Contratto di Smaltimento non riceve la quarta copia del formulario, esso deve dare comunicazione alla Provincia della mancata ricezione del formulario CONTROLLO DEI REQUISITI E DELLE TARGHE DEI TRASPORTATORI Viene redatta e mantenuta aggiornata dal RUP del contratto ENEA per lo smaltimento dei rifiuti un apposita tabella contenente i dati identificativi dei mezzi di trasporto autorizzati, onde permettere un rigoroso controllo al momento del prelievo dei rifiuti presso il C.R. Frascati. Ogni volta che i mezzi dell Impresa Assegnataria del Servizio di Smaltimento entrano nel C.R. Frascati per il prelievo dei rifiuti, il RUP dell ENEA o un suo collaboratore verifica che la targa dell automezzo sia tra quelle autorizzate e, se necessario, provvederà alla loro registrazione mediante badge. 8 ADEMPIMENTI SPECIFICI A CURA DELLE UNITA DEL CENTRO 8.1. CONTRATTI DI SMALTIMENTO RIFIUTI GESTITI DA ALTRE UNITA DEL C.R. FRASCATI Il Registro di Carico e Scarico (RCS) dei Rifiuti risulta essere unico per tutto il C.R. Frascati, e viene gestito, per conto della Direzione di Centro (Produttore dei Rifiuti) dal Servizio Sicurezza e Salvaguardia (FRA-SIC). In ottemperanza a quanto previsto dalla normativa di riferimento, su tale Registro devono essere obbligatoriamente registrati, in ordine cronologico, tutti gli avvenuti prelievi di materiale da smaltire, effettuati dalle Ditte Esterne specializzate ed autorizzate, le quali all atto del prelievo rilasciano la documentazione di legge riguardo all identificazione e destinazione dei rifiuti (Formulario). Pertanto tutte le Unità del Centro ENEA di Frascati che, a vario titolo, gestiscono in proprio contratti di smaltimento per rifiuti speciali, pericolosi e/o, devono obbligatoriamente consegnare al Servizio Sicurezza e Salvaguardia (FRA-SIC) l originale del Formulario rilasciato dal trasportatore entro 24 ore dalla data di prelievo dei materiali, unitamente ai riferimenti dell Unità che ha gestito le operazioni di prelievo/smaltimento.

16 Pag. 16 di SMALTIMENTO DI MATERIALE DISINVENTARIATO Fermo restando quanto precedentemente specificato al ' 7.2 relativo a Modalità di richiesta da parte delle Unità per la rimozione e smaltimento dei rifiuti, contestualmente al prelievo del materiale da smaltire da parte della Ditta Autorizzata, il Referente dell Unità di Centro che ha curato la richiesta di smaltimento pervenuta a FRA-SIC dovrà compilare il Documento di Trasporto riportato in FAC-SIMILE IN Allegato 3, reperibile presso il Magazzino Generale del C.R. Frascati; copia di tale documento, debitamente timbrata dal Magazzino Generale, dovrà essere consegnata al RUP del Contratto ENEA per il Servizio di Smaltimento lo stesso giorno del prelievo da parte della Ditta Esterna Autorizzata SMALTIMENTO DI TONER, PILE E BATTERIE Per quanto riguarda lo smaltimento di toner, pile e batterie, viene fatto esplicito riferimento al Decreto Legislativo del 20 novembre 2008, n. 188 Attuazione della direttiva 2006/66/CE concernente pile, accumulatori e relativi rifiuti e che abroga la direttiva 91/157/CEE. Al fine di consentire una corretta interpretazione riguardo alle caratteristiche che definiscono e classificano i prodotti da smaltire, viene di seguito riportato un estratto dell Art. 2 Definizioni del suddetto Decreto nei punti di maggior interesse. «pila» o «accumulatore»: una fonte di energia elettrica ottenuta mediante trasformazione diretta di energia chimica, costituita da uno o più elementi primari (non ricaricabili) o costituita da uno o piu' elementi secondari (ricaricabili); «pacco batterie»: un gruppo di pile o accumulatori collegati tra loro o racchiusi come un'unita' singola e a sé stante in un involucro esterno non destinato ad essere lacerato o aperto dall'utilizzatore; «pile o accumulatori portatili»: le pile, le pile a bottone, i pacchi batteria o gli accumulatori che sono sigillati, sono trasportabili a mano e non costituiscono pile o accumulatori industriali, ne' batterie o accumulatori per veicoli; «pile a bottone»: piccole pile o accumulatori portatili di forma rotonda, di diametro superiore all'altezza, utilizzati a fini speciali in prodotti quali protesi acustiche, orologi e piccoli apparecchi portatili e come energia di riserva; «batterie o accumulatori per veicoli»: le batterie o gli accumulatori utilizzati per l'avviamento, l'illuminazione e l'accensione; «pile o accumulatori industriali»: le pile o gli accumulatori progettati esclusivamente a uso industriale o professionale, o utilizzati in qualsiasi tipo di veicoli elettrici; «punto di raccolta per pile ed accumulatori»: contenitore destinato alla raccolta esclusiva di pile e accumulatori accessibile all'utilizzatore finale e distribuito sul territorio, tenuto conto della densita' di popolazione, non soggetto ai requisiti in materia di registrazione o di autorizzazione di cui alle norme vigenti sulla gestione dei rifiuti.

17 Pag. 17 di 24 Nel rispetto della vigente normativa in materia di Sicurezza e Tutela Ambientale, per lo smaltimento di toner, pile e batterie la Direzione di Centro ha reso disponibile un apposita area di stoccaggio temporaneo per il deposito di toner, cartucce per stampanti e batterie di tipo industriale e non industriale, in attesa dello smaltimento a cura della Ditta Esterna Specializzata; i riferimenti logistici di tale deposito vengono indicati nella Planimetria riportata in Allegato 4. Di conseguenza, allo scopo di salvaguardare e mantenere nel tempo le condizioni di tutela ambientale all interno del Centro, le Unità del C.R. Frascati ed il personale a loro afferente dovranno obbligatoriamente operare secondo quanto indicato nei successivi paragrafi TONER, CARTUCCE PER STAMPANTI E PILE E BATTERIE NON INDUSTRIALI Le Unità del C.R. Frascati ed il personale a loro afferente che hanno necessità di smaltire toner, cartucce per stampanti e batterie di tipo non industriale, come definite nel precedente paragrafo 8.3, dovranno obbligatoriamente collocare tale materiale all interno dell area di stoccaggio temporaneo indicata nella Planimetria riportata in Allegato 4. Per quanto riguarda specificatamente i Toner, prima di essere collocati nel deposito temporaneo essi dovranno essere inseriti, senza il loro originale contenitore di cartone, nelle buste di plastica presenti nella confezione originale del prodotto, che dovranno risultare accuratamente chiuse onde evitare la dispersione di polvere nell ambiente. L area di stoccaggio temporaneo risulta corredata di adeguata segnaletica finalizzata ad indicare i punti di deposito dei differenti materiali.. Dall entrata in vigore della presente procedura, il personale del Magazzino Generale cesserà di provvedere all accettazione ed alla raccolta di toner, cartucce per stampanti e batterie di tipo non industriale BATTERIE PER VEICOLI E BATTERIE DI TIPO INDUSTRIALE Per quanto riguarda specificatamente lo smaltimento di batterie per veicoli e batterie di tipo industriale, come definite nel precedente paragrafo 8.3, le Unità del C.R. Frascati ed il personale a loro afferente direttamente interessato dovranno redigere la Richiesta di Smaltimento rifiuti attraverso il Modulo SIC.MOD.RIF.001 (riportato in Allegato 1 e disponibile sul Sito Web del Servizio Sicurezza e Salvaguardia - e farla pervenire al RUP (Responsabile Unico del Procedimento) del Contratto di Smaltimento dei Rifiuti o ad un suo collaboratore. Il RUP concorderà con il referente della struttura interessata le modalità e la tempistica per la consegna e l accettazione del materiale presso il deposito temporaneo di cui al precedente paragrafo 8.3.; il trasporto del materiale da smaltire presso il deposito temporaneo risulta a cura dell Unità interessata.

18 Pag. 18 di 24 Dall entrata in vigore della presente procedura, il personale del Magazzino Generale cesserà di provvedere all accettazione ed alla raccolta delle batterie di tipo industriale. 9 REGISTRAZIONE ED ARCHIVIAZIONE I documenti di registrazione descritti nella presente procedura vengono compilati, aggiornati e conservati a cura del Responsabile Unico del Procedimento (RUP) presso l Archivio Tecnico del Servizio Sicurezza e Salvaguardia. 10 ALLEGATI Per l espletamento delle azioni previste e descritte all interno della presente procedura, viene utilizzata la modulistica riportata in allegato alla presente procedura. ELENCO DEGLI ALLEGATI ALLEGAT CODICE DESCRIZIONE Allegato 1 SIC.MOD.RIF.001 Richiesta di ritiro e smaltimento rifiuti Allegato 2 SIC.MOD.RIF.002 Rapporto di sopralluogo per smaltimento rifiuti Allegato 3 Allegato 4 FAC-SIMILE Documento di Trasporto Planimetria relativa all area di stoccaggio temporanea

19 Pag. 19 di 24 RICHIESTA DI RITIRO E SMALTIMENTO RIFIUTI ALLEGATO 1 Da: compilare il modulo di richiesta di smaltimento rifiuti in ogni sua parte (ove applicabile) ed inviarlo debitamente firmato al Servizio FRA-SIC (fax ) (Modulo disponibile in formato word sul sito Data: A: FRA SIC (Fax 5020) Si chiede il ritiro dei seguenti rifiuti: DENOMINAZIONE/DESCRIZIONE DEL RIFIUTO CODICE EUROPEO STATO FISICO (barrare la casella) CER CARATTERISTICHE DI PERICOLO (eventuali) EVENTUALI ALTRE INFORMAZIONI (esempio componenti, stato del rifiuto, etc)) QUANTITA litri Kg N Colli/Contenitori CONFEZIONAMENTO (es. bottiglie, taniche, sacci, etc)) DENOMINAZIONE/DESCRIZIONE DEL RIFIUTO CODICE EUROPEO STATO FISICO (barrare la casella) CER CARATTERISTICHE DI PERICOLO (eventuali) EVENTUALI ALTRE INFORMAZIONI (esempio componenti, stato del rifiuto, etc)) QUANTITA litri Kg N Colli/Contenitori CONFEZIONAMENTO (es. bottiglie, taniche, sacci, etc)) DENOMINAZIONE/DESCRIZIONE DEL RIFIUTO CODICE EUROPEO STATO FISICO (barrare la casella) CER CARATTERISTICHE DI PERICOLO (eventuali) EVENTUALI ALTRE INFORMAZIONI QUANTITA (esempio componenti, stato del rifiuto, etc)) litri Kg N Colli/Contenitori CONFEZIONAMENTO (es. bottiglie, taniche, sacci, etc)) (*) 1 Solido pulverulento; 2 Solido Non pulverulento; 3 Fangoso palabile; 4 Liquido

20 Pag. 20 di 24 SITO DI DEPOSITO DEL RIFIUTO (edificio, piano, stanza, etc) NOMINATIVO DELLA PERSONA DI RIFERIMENTO PER LA CONSEGNA DEI RIFIUTI NOMINATIVO TELEFONO FAX Si dichiara inoltre di aver provveduto, ove necessario, al disinventario del materiale oggetto della presente richiesta secondo le procedure attualmente in vigore. Il Referente Locale (Nome, Cognome e Firma) Il Responsabile della Struttura (Nome, Cognome e Firma) A CURA DELL UNITA FRA-SIC RICHIESTA DI SMALTIMENTO NUMERO RICEVUTA IN DATA ANNO TRAMITE Il Responsabile del Procedimento (Per il Contratto di Smaltimento Rifiuti)

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08 (RAEE): pc, server, video e altre periferiche. Pag. 1/8 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 4 4.1 Diagramma di flusso gestione... 4

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Procedura Operativa di Sorveglianza e Sopralluoghi PO.GR.03

Procedura Operativa di Sorveglianza e Sopralluoghi PO.GR.03 Codice Procedura: PO-GR-03.doc Titolo: PO.GR.03 Data aggiornamento: 19/06/03 Sommario SOMMARIO... 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 DEFINIZIONI... 3 NORME DI RIFERIMENTO... 4 DOCUMENTI COLLEGATI...

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA ART. 1

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA ART. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI E DEI RIFIUTI SANITARI PRODOTTI DALL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA ART. 1 Il presente

Dettagli

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato.

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato. CAPITOLATO TECNICO PER L APPALTO DEL SERVIZIO QUADRIENNALE DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO, SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, DEI RIFIUTI e dei SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE (S.O.A.) DERIVANTI DA ATTIVITA

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

NORMATIVE. Rifiuti. Tutti i rifiuti sono classificati secondo la loro destinazione finale: Rifiuti

NORMATIVE. Rifiuti. Tutti i rifiuti sono classificati secondo la loro destinazione finale: Rifiuti NORMATIVE La legge nr. 22 del 05/02/1997, nota come "Decreto Ronchi" è un decreto attuativo alle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi e 94/9262/CEE relativa agli imballaggi

Dettagli

La gestione dei rifiuti La teoria

La gestione dei rifiuti La teoria La gestione dei rifiuti La teoria Destinatario Formulario Registro C/S Sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi. I rifiuti vengono classificati in relazione

Dettagli

C.R. FRASCATI DOCUMENTO DI SICUREZZA

C.R. FRASCATI DOCUMENTO DI SICUREZZA SERVIZIO SICUREZZA E SALVAGUARDIA C.R. FRASCATI DOCUMENTO DI SICUREZZA Classificazione Distribuzione Pagina di:.acc L 1 43 TITOLO: PROCEDURA PER LA GESTIONE DEGLI ACCESSI E DELLA PERMANENZA NEL CENTRO

Dettagli

Art. 1 CAMPO DI APPLICAZIONE. Art. 2 DEFINIZIONI

Art. 1 CAMPO DI APPLICAZIONE. Art. 2 DEFINIZIONI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÁ CA FOSCARI VENEZIA E INDIVIDUAZIONE E DESIGNAZIONE DEI DELEGATI SISTRI LOCALI ADDETTI ALLA GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative Chiarimenti 1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative A distanza di tre anni dalla data di entrata in vigore del D.Lgs

Dettagli

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti Gestione integrata dei rifiuti IL RUOLO DELL ATENEO NELLA GESTIONE E NELLA TUTELA DELL AMBIENTE AMIANTO ACQUA UPS ARIA RIFIUTI LA GESTIONE UNICA DEI RIFIUTI DELL ATENEO Regolamento di Ateneo per la gestione

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI PROCEDURA N. REV. DESCRIZIONE MODIFICHE 0 Prima emissione STATUS FUNZIONE NOME DATA FIRMA Elaborato RQ Servizio Prev. e Prot. 21/10/2009 Verificato DIR Dott.ssa A. Di Mella 26/10/2009 Approvato DG IN VIGORE

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia SCHEDA REGISTRO DI CARICO/SCARICO E FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI TRASPORTATI Ogni singola Struttura, per poter smaltire correttamente i propri Rifiuti Speciali, si dovrà dotare degli strumenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Emanato con Decreto 9 marzo 2015, n. 166 Entrato in vigore il 27 marzo 2015 UFFICIO PREVENZIONE

Dettagli

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE 1 RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE RIFIUTO PERICOLOSO (* asterisco) RIFIUTO NON PERICOLOSO 2 MANUTENZIONE RIFIUTI SPECIALI IN OFFICINA Rifiuti prodotti all interno dell azienda Ricambi vari Derivati dalla

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI (S.G.R) del POLITECNICO. Foglio informativo per tutto il personale del DCMIC sede MANCINELLI

SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI (S.G.R) del POLITECNICO. Foglio informativo per tutto il personale del DCMIC sede MANCINELLI SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI (S.G.R) del POLITECNICO Foglio informativo per tutto il personale del DCMIC sede MANCINELLI Sommario PREMESSA... 2 RESPONSABILITÀ... 3 MODALITÀ OPERATIVE... 4 Il Piano di

Dettagli

qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi (Art. 183 D.lgs.

qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi (Art. 183 D.lgs. RIFIUTI: ASSEGNAZIONE DEI CODICI C.E.R. E CORRETTE MODALITA DI STOCCAGGIO D.Lgs. 152/2006 Montebelluna, 14.05.2011 ASOLOMONTEBELLUNA 1 DEFINIZIONE DI RIFIUTO qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale Il nuovo decreto legislativo 152, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006, S.O. n. 96, è entrato in vigore il 29 aprile 2006.

Dettagli

CENTRO RICERCHE FRASCATI

CENTRO RICERCHE FRASCATI CENTRO RICERCHE FRASCATI LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Centro ENEA di Frascati INDICE GENERALE INTRODUZIONE...3 ISTRUZIONI DI RACCOLTA: CARTA...4 ISTRUZIONI DI RACCOLTA: VETRO...5 ISTRUZIONI DI RACCOLTA: ALLUMINIO

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 Osservatorio Rifiuti Provincia di Torino Pagina 116 Rapporto sullo stato del sistema di gestione dei rifiuti Giugno 2006 Capitolo 7 Quadro

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Terzo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Lorella Di Giuseppe

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Il registro di carico e scarico è un documento di tipo formale che deve contenere tutte le informazioni relative alle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti

Dettagli

Buon lavoro Dr. Elio SAVI IL FORMULARIO DEI RIFIUTI (FIR) CON PRONTUARIO E MODULISTICA

Buon lavoro Dr. Elio SAVI IL FORMULARIO DEI RIFIUTI (FIR) CON PRONTUARIO E MODULISTICA Avvertenze La presente trattazione rispecchia esclusivamente l interpretazione dello scrivente e non impegna in alcun modo l Amministrazione dello Stato di appartenenza. Si invitano tutti gli operatori

Dettagli

LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti fitosanitari

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti fitosanitari Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti fitosanitari GESTIONE DEI RIFIUTI Parte IV del D.lgs 152/2006 Norme in materia di gestione dei rifiuti RIFIUTO: qualsiasi

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO) Comunità Montana Triangolo Lariano Gestione Associata dei Servizi di Igiene Urbana, Raccolta Differenziata e Smaltimento RSU REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO NUMERO

Dettagli

Area dei Rapporti Istituzionali e con il Territorio

Area dei Rapporti Istituzionali e con il Territorio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Area dei Rapporti Istituzionali e con il Territorio Prot. n. 3 3 39 Ali. 1 N.B. Nella risposta vanno citati il numero di protocollo della presente e l'area di provenienza

Dettagli

Università di Sassari

Università di Sassari Università di Sassari REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI PRODOTTI NELL UNIVERSITÀ DI SASSARI Art. 1 - Campo di applicazione 1. Il presente Regolamento è emanato

Dettagli

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta

CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta REGOLAMENTO DI GESTIONE CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI DIFFERENZIATI PER FRAZIONI OMOGENEE Art.1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e

Dettagli

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI Allegato A CRITERI DI ACCETTAZIONE E CONTROLLO DEI RIFIUTI IN INGRESSO pag.1/9 1. Premessa La presente procedura descrive le modalità

Dettagli

www.leverup.it info@leverup.it

www.leverup.it info@leverup.it 1. Raccolta e confezionamento in laboratorio. 2. trasferimento al deposito temporaneo. 3. gestione del deposito temporaneo compilazione del registro di carico e scarico rapporto con le diverse ditte incaricate

Dettagli

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i.

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Milano Bicocca Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Procedura relativa alla richiesta di conferimento

Dettagli

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01 LINEE GUIDA GESTIONE DELLE CARTUCCE ESAUSTE Le linee guida di seguito proposte rappresentano una breve analisi dell attuale normativa vigente nel campo della gestione dei rifiuti applicata alle cartucce

Dettagli

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio Il Legale Rappresentante di una società di capitali che abbia delegato ad altri soggetti di sua fiducia attività in tema di gestione dei rifiuti diviene responsabile

Dettagli

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO.

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO. ABC 123456/14 FORMULARIO RIFIUTI D.Lgs. del 5 febbraio 1997, n.22 (art. 15 e successive modifiche e integrazioni) D.M. del 1 aprile 1998, n 145 Direttiva Ministero Ambiente 9 aprile 2002 D.Lgs 3 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 8 DEL 13.04.2015 INDICE Premessa Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 - DEFINIZIONI

Dettagli

PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI RIFIUTI SPECIALI Pag. 1/12 PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI LISTA DELLE REVISIONI REV/ED DATA REDATTA VERIFICATA APPROVATA 0/0 16.02.04 File: PR 09_RIFIUTI_SPECIALI definitivo 1 RIFIUTI SPECIALI Pag. 2/12 Indice

Dettagli

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta DISTRIBUZIONE: N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta 01 02 03 04 13 15/09/14 6 Gestione nuovo rifiuto punto 6.17 12 22/05/13 3 Caratterizzazione del rifiuto 11 22/04/13 tutte Nuove modalità operative

Dettagli

**** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE

**** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE **** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE Servizio di noleggio contenitori, trasporto, smaltimento o recupero dei rifiuti speciali provenienti da impianto di depurazione periodo dal 01-01-2016 al 31-12-2016.

Dettagli

La gestione dei rifiuti sanitari

La gestione dei rifiuti sanitari I RIFIUTI SANITARI (NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE) Legnago Ottobre-Novembre 2014 La gestione dei rifiuti sanitari Dott.ssa Giuliana Bonizzato Direzione Medica Ospedaliera il cambiamento

Dettagli

ADEMPIMENTI GENERALI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE E GESTIONE DEI REGISTRI CARICO E SCARICO RIFIUTI a cura di: Giuseppe Lopez

ADEMPIMENTI GENERALI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE E GESTIONE DEI REGISTRI CARICO E SCARICO RIFIUTI a cura di: Giuseppe Lopez ADEMPIMENTI GENERALI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE E GESTIONE DEI REGISTRI CARICO E SCARICO RIFIUTI a cura di: Giuseppe Lopez Districarsi nel complicato mondo delle norme che regolano la gestione dei rifiuti

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

Nuovo Elenco dei rifiuti

Nuovo Elenco dei rifiuti Nuovo Elenco dei rifiuti Il 18 dicembre 2014 la Commissione europea ha emanato la decisione 2014/955/UE che modifica la decisione 2000/532/CE relativa all elenco europeo dei rifiuti ai sensi della direttiva

Dettagli

P.O. 01 Accettazione rifiuti

P.O. 01 Accettazione rifiuti Accettazione dei rifiuti (Piano gestione rifiuti ai sensi della DGR X/2031 del 01/07/2014) ELENCO DELLE REVISIONI REV. N Descrizione Revisioni DATA Preparato RI Verificato RQ Approvato PRE 0 PRIMA EMISSIONE

Dettagli

Adempimenti ambientali lavanderie

Adempimenti ambientali lavanderie Adempimenti ambientali lavanderie Guida pratica Con questa guida, Arpa Umbria intende fornire, a quelle piccole imprese che per le loro dimensioni spesso non hanno personale interno specializzato nella

Dettagli

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI L applicazione della Decisione 16 gennaio 2001(2001/118/CE) modificata ed integrata dalle Decisioni 2001/119/CE e 2001/573/CE e dalla Legge 21 dicembre 2001 n. 443 (art.

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08 30.11.07 ag. 1/9 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4. Modalità operative... 3 4.1 Gestione rifiuti Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 3 4.2

Dettagli

Procedura per gli interventi di emergenza dovuti ad anomalie di funzionamento degli ascensori e montacarichi presenti nel Centro ENEA di Frascati

Procedura per gli interventi di emergenza dovuti ad anomalie di funzionamento degli ascensori e montacarichi presenti nel Centro ENEA di Frascati Pag. 2 di 19 INDICE DI SEZIONE LISTA DI DISTRIBUZIONE... 3 1 SCOPO... 4 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 4 4 TERMINI, DEFINIZIONI ED ACRONIMI... 4 4.1. TERMINI E DEFINIZIONI...4

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI COSA E' IL SISTRI Il SISTRI è il Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti che permette l'informatizzazione dell'intera filiera dei rifiuti

Dettagli

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

IL RETTORE. il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ;

IL RETTORE. il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ; IL RETTORE DECRETO RETTORALE NR. 81/2015 il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ; il Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 Disposizioni di attuazione della direttiva

Dettagli

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente e Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano 30 ottobre 2015 Camera di Commercio di Milano

Dettagli

IL REGISTRO DI CARICO E DI SCARICO DEI RIFIUTI (ART.190): PRIMA PARTE.

IL REGISTRO DI CARICO E DI SCARICO DEI RIFIUTI (ART.190): PRIMA PARTE. IL REGISTRO DI CARICO E DI SCARICO DEI RIFIUTI (ART.190): PRIMA PARTE. di Alberto PIEROBON già Dirigente e ViceSegretario Generale Enti Locali già Dirigente e Direttore Generale Azienda Pluricomunale di

Dettagli

Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie

Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie Dott. Marco Ottaviani Coordinatore Area Ambiente ANIE-CSI Convegno Mercoledì 6 maggio 2009 Palazzo delle Stelline, Milano, C.so Magenta

Dettagli

ADEMPIMENTI NORMATIVI PER LO STUDIO ODONTOIATRICO

ADEMPIMENTI NORMATIVI PER LO STUDIO ODONTOIATRICO ADEMPIMENTI NORMATIVI PER LO STUDIO ODONTOIATRICO 1) Impianto elettrico nello studio odontoiatrico 2) Smaltimento dei rifiuti sanitari 3) Apparecchiature radiologiche 4)Direttiva europea 93/42 conformità

Dettagli

Ecomonografie. Pile, accumulatori e relativi rifiuti. Percorso normativo. Febbraio 2011 Volume 1, Numero 1

Ecomonografie. Pile, accumulatori e relativi rifiuti. Percorso normativo. Febbraio 2011 Volume 1, Numero 1 Ecomonografie Febbraio 2011 Volume 1, Numero 1 www.energ-etica.eu info@energ-etica.eu Pile, accumulatori e relativi rifiuti Indice Pile, accumulatori e relativi rifiuti 1 Percorso normativo 1 Inclusioni

Dettagli

Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali

Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali MODULO 3 Gestione dei rifiuti speciali Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali Dott. Michele Santoro I principali adempimenti amministrativi connessi alla produzione

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO

LA GESTIONE DEI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO AMIANTO : aggiornamenti normativi e gestione delle segnalazioni Seminario 22 maggio 2009 LA GESTIONE DEI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO Checchi Lella ARPA Sezione Provinciale di Modena Servizio Territoriale

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE DOCUMENTO TECNICO DI DESCRIZIONE DEL SERVIZIO PER I SERVIZI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO E RACCOLTA RIFIUTI SPECIALI PER LE SEDI DELLE REGIONI VENETO, TRENTINO ALTO ADIGE E FRIULI VENEZIA GIULIA

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27.

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27. Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27 dicembre 2013 Suppl. Ordinario n. 89) Rosanna Laraia IL DPCM 12 dicembre

Dettagli

Università degli Studi di Catania IL RETTORE

Università degli Studi di Catania IL RETTORE REP. DECRETI N 11766 Università degli Studi di Catania IL RETTORE Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168; Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Catania, emanato con D.R. 6 maggio 1996, n. 1885,

Dettagli

COMUNE DI FAVARA (Provincia di Agrigento)

COMUNE DI FAVARA (Provincia di Agrigento) COMUNE DI FAVARA (Provincia di Agrigento) Ordinanza n. 235 del 21/11/2014 Prot. n. 50795 del 21/11/2014 OGGETTO: Servizio di raccolta dei Rifiuti solidi urbani domestici nel centro urbano modifica ed integrazione

Dettagli

Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti

Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti Gestione e consulenza rifiuti elettronici e da ufficio v.2.0 del 06/09/2011 Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL FORMULARIO 2 Le presenti linee

Dettagli

Regolamento comunale per la gestione del Centro di raccolta rifiuti

Regolamento comunale per la gestione del Centro di raccolta rifiuti Comune di Osio Sotto (Provincia di Bergamo) Regolamento comunale per la gestione del Centro di raccolta rifiuti Novembre 2011 Art. 1 Istituzione del servizio Il Comune di Osio Sotto istituisce il servizio

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi)

Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi) Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi) Area Gestione Territorio Ambiente e Attività Produttive DISCIPLINARE DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA

Dettagli

I rifiuti speciali e pericolosi nel contesto universitario: principali aspetti legati alla corretta gestione

I rifiuti speciali e pericolosi nel contesto universitario: principali aspetti legati alla corretta gestione I rifiuti speciali e pericolosi nel contesto universitario: principali aspetti legati alla corretta gestione I rifiuti derivanti dalle attività didattiche, sperimentali e di ricerca Università degli Studi

Dettagli

PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA

PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA UFFICIO TECNICO PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA PROGETTO A CURA DELL UFFICIO TECNICO Istruttore Amministrativo Geometra Ingegnere PORCARO OLINDO SALVATORE BARBATO

Dettagli

Art. 1 Oggetto del Regolamento. 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P.

Art. 1 Oggetto del Regolamento. 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P. Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P. 72 Rapagnanese; 2. Oggetto del presente regolamento è la gestione, l organizzazione

Dettagli

Norme in campo ambientale. - Rifiuti -

Norme in campo ambientale. - Rifiuti - Norme in campo ambientale - Rifiuti - 15 maggio 2013 D. Lgs. 152/2006 e s.m.i. - Parte IV Norme in materia di gestione dei rifiuti TITOLO I Gestione dei rifiuti (artt. 177 216) TITOLO II Gestione degli

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. N 1386 Prot. n. 12072 Data 04 giugno 2009 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO VISTO il D.Lgs. del 03.04.2006, n. 152, recante norme in materia di gestione dei

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI (Approvato con delibera di C.c. n. 24 del 31.03.2010 modificato con delibera di C.c. n. 29 del 31.05.2012)

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI PRODUTTORE DEL RIFIUTO E SUOI ONERI Articolo 183 del Dlgs 152/2006 Definizioni b) produttore: la persona la cui attività ha prodotto rifiuti cioè

Dettagli

DOUGLAS ECOLOGY S.R.L. Via Podgora 10-20122 Milano Via G.Fantoli 28/12-20138 Milano TEL 02 58018373 FAX 02 55400532

DOUGLAS ECOLOGY S.R.L. Via Podgora 10-20122 Milano Via G.Fantoli 28/12-20138 Milano TEL 02 58018373 FAX 02 55400532 DOUGLAS ECOLOGY S.R.L. Via Podgora 10-20122 Milano Via G.Fantoli 28/12-20138 Milano TEL 02 58018373 FAX 02 55400532 OFFERTA / CONVENZIONE LA FIRST N / md del. PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO E SMALTIMENTO

Dettagli

Ciclo del recupero :

Ciclo del recupero : AZIENZA PRODUTTRICE, luogo di produzione rifiuti Destinati al recupero Ciclo del recupero : Deve essere applicata la disciplina del deposito temporaneo o stoccaggio dei rifiuti REGISTRI - SISTRI Deve essere

Dettagli

La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari

La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari SAURO SACCHETTI Servizio Rifiuti e Bonifica Siti Regione Emilia-Romagna pag. 1 di 20 NORMATIVA NAZIONALE: D.Lgs. 152/2006 (1 di 4) Definizioni

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti LE NOVITA' DEL CODICE DELL'AMBIENTE Ecco articolo per articolo cosa cambia con il nuovo testo unico sull'ambiente che introduce una vasta serie di modifiche sia alle disposizioni che disciplinano la gestione

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SITO NEL COMUNE DI PONTEDERA ZONA INDUSTRIALE LA BIANCA VIA DON MEI Art. 1 Definizione centro raccolta

Dettagli

DICHIARAZIONE DI IMMESSO AEE/PILE/ FATTURATO. Guida all utilizzo dell applicativo per la dichiarazione di immesso e fatturato al Consorzio

DICHIARAZIONE DI IMMESSO AEE/PILE/ FATTURATO. Guida all utilizzo dell applicativo per la dichiarazione di immesso e fatturato al Consorzio DICHIARAZIONE DI IMMESSO AEE/PILE/ FATTURATO Guida all utilizzo dell applicativo per la dichiarazione di immesso e fatturato al Consorzio 1 Sommario Introduzione... 3 Preparazione dei dati... 3 Importanti

Dettagli

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007 MUD 2015 RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MUD 2015 Normativa di riferimento Il D. Lgs. n.152/2006 all art. 189 dispone l obbligo di comunicare le quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti per

Dettagli

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Sezione Centro Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico CONOSCERE IL SISTRI SISTEMA DI

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale C O M U N E D I P I A N O D I S O R R E N T O Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli

Ambiente. Mud 2013. Approfondimenti.

Ambiente. Mud 2013. Approfondimenti. 11 Circolare n. 04 del 29/01/2013 FC-fa Ambiente Mud 2013 Approfondimenti. Il DPCM 20 dicembre 2012 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2013 ha abrogato e sostituito il

Dettagli

SERVIZIO BIENNALE PER RACCOLTA TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI (LOTTO O 1)

SERVIZIO BIENNALE PER RACCOLTA TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI (LOTTO O 1) SERVIZIO BIENNALE PER RACCOLTA TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI (LOTTO O 1) GESTIONE RIFIUTI Pagina 1 di 10 PREMESSA la presente specifica tecnica definisce le modalità operative, i compiti

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO DI RIFIUTI ILLECITAMENTE ABBANDONATI SU AREE PUBBLICHE CON PREVALENZA DI MANUFATTI IN AMIANTO NEL

Dettagli