DOCUMENTO DI SICUREZZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI SICUREZZA"

Transcript

1 C.R. FRASCATI SERVIZIO SICUREZZA E SALVAGUARDIA DOCUMENTO DI SICUREZZA Sigla di Identificazione Distribuzione Tipologia Documento Pagina di: _RIF L Procedura Operativa di Sicurezza 1 24 TITOLO: PROCEDURA PER LA RACCOLTA, STOCCAGGIO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI, PERICOLOSI E NON PERICOLOSI Responsabile FRA-SIC Direttore di Centro 00 Emissione M. CIAFFI; D. SILLA R. MARMIGI G.M. MONTI REV. Descrizione Data Preparato Convalidato Approvato

2 Pag. 2 di 24 Oggetto: INDICE DI SEZIONE MATRICE DELLE REVISIONI... 3 LISTA DI DISTRIBUZIONE SCOPO CAMPO DI APPLICAZIONE DOCUMENTI DI RIFERIMENTO DEFINIZIONI ACRONIMI RESPONSABILITA MODALITA OPERATIVE CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI RIFIUTI SPECIALI RIFIUTI PERICOLOSI RIFIUTI NON PERICOLOSI MODALITA DI RICHIESTA DA PARTE DELLE UNITA PER LA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI MODALITA DI ATTIVAZIONE DELLA DITTA ESTERNA PER LA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI MODALITA DI CONFEZIONAMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI MODALITA PER IL TRASPORTO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI IMPIANTI DI SMALTIMENTO TRASPORTO DEI RIFIUTI ANALISI CHIMICHE REGISTRI E SCRITTURE DI LEGGE OBBLIGHI E DIVIETI REGISTRAZIONI OBBLIGATORIE GESTIONE DEL REGISTRO DI CARICO/SCARICO (CS) GESTIONE DEI FORMULARI CONTROLLO DEI REQUISITI E DELLE TARGHE DEI TRASPORTATORI ADEMPIMENTI SPECIFICI A CURA DELLE UNITA DEL CENTRO CONTRATTI DI SMALTIMENTO RIFIUTI GESTITI DA ALTRE UNITA DEL C.R. FRASCATI SMALTIMENTO DI MATERIALE DISINVENTARIATO SMALTIMENTO DI TONER, PILE E BATTERIE TONER, CARTUCCE PER STAMPANTI E PILE E BATTERIE NON INDUSTRIALI BATTERIE PER VEICOLI E BATTERIE DI TIPO INDUSTRIALE REGISTRAZIONE ED ARCHIVIAZIONE ALLEGATI... 18

3 Pag. 3 di 24 MATRICE DELLE REVISIONI Indice di revisione Data di Emissione Prima Emissione Descrizione delle Modifiche Motivi delle Modifiche LISTA DI DISTRIBUZIONE NOME FUNZIONE DISTRIBUZIONE TRAMITE Direzione del C.R. Frascati Responsabili Unità Tecniche del C.R. Frascati Responsabili Uffici Centrali del C.R. Frascati Archivio Tecnico FRA-SIC Copia Comunicazione e.mail e Sito Web Comunicazione e.mail e Sito Web Copia originale

4 Pag. 4 di 24 1 SCOPO La presente procedura ha lo scopo di definire le modalità di raccolta, classificazione, stoccaggio e smaltimento dei rifiuti speciali, pericolosi e all interno del Centro Ricerche ENEA di Frascati, nel rispetto delle leggi e delle normative vigenti. 2 CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutto quanto rientra nella definizione corrente di rifiuti speciali, pericolosi e prodotti nell ambito delle attività svolte all interno del C.R. Frascati, ad eccezione dei rifiuti solidi urbani, della raccolta differenziata della carta e della gestione dei fanghi, 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO - D.Lgs. n. 152/2006 Testo Unico Ambientale - parte IV. - D.Lgs. n. 151/2005 "Attuazione delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell'uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, nonché allo smaltimento dei rifiuti" - D.Lgs. n. 22/1997 (Decreto Ronchi) Attuazione delle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi e 94/62/CE sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio. - SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti) Edizione Circolare Direzione Centro Frascati n. 58/2008 Tutela del patrimonio del 3 novembre Comunicazione Direzione Centro Frascati Smaltimento apparecchiature elettroniche obsolete del 1 aprile DEFINIZIONI - Rifiuto: rientrano nella definizione di rifiuto tutti i materiali inclusi nelle categorie riportate nella Direttiva 9 aprile 2002, e di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi. - Produttore: la persona e/o la struttura la cui attività ha prodotto rifiuti e la persona che ha effettuato operazioni di pretrattamento o di miscuglio o altre operazioni che hanno mutato la natura o la composizione dei rifiuti.

5 Pag. 5 di 24 - Gestione dei Rifiuti: la raccolta, il trasporto, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti, compreso il controllo di queste operazioni. - Raccolta: l'operazione di prelievo, di cernita e di raggruppamento dei rifiuti per il loro trasporto. - Raccolta Differenziata: la raccolta idonea a raggruppare i rifiuti urbani in frazioni merceologiche omogenee - Smaltimento: le operazioni previste nell'allegato B del D.Lgs 22/97. - Recupero: le operazioni previste nell'allegato C del D.Lgs 22/97. - Deposito rifiuti: apposita area debitamente segnalata in cui vengono temporaneamente depositati i rifiuti. - Deposito Temporaneo: il raggruppamento dei rifiuti effettuato, prima della raccolta, nel luogo in cui sono prodotti. - Codice CER: codice a sei cifre attribuito alle diverse tipologie di rifiuto riportate nel Catalogo Europeo dei Rifiuti in vigore dal primo gennaio 2002 All. alla Parte IV del D.lgs 152/ Rifiuto speciale: i rifiuti derivanti da attività, agricole, industriali, artigianali, commerciali di servizio, rifiuti derivanti dalle attività di demolizione; i rifiuti derivanti dalla attività di recupero e smaltimento di rifiuti; i macchinari e le apparecchiature deteriorati ed obsoleti. - Rifiuto speciale pericoloso: rifiuto speciale classificato pericoloso ai sensi della legislazione vigente (in particolare si veda Catalogo Europeo dei Rifiuti e art. 184 e allegato D alla parte IV del D.Lgs. 152/2006). - MUD: Modello Unico di Dichiarazione Ambientale, è una dichiarazione annuale riferita ai dati dell'anno precedente che le imprese e gli altri soggetti produttori di rifiuti sono tenuti a presentare alla Camera di Commercio competente per territorio - Responsabile MUD (RM): soggetto responsabile della compilazione del MUD - Registro carico e scarico: registro (da vidimare presso la Camera di Commercio) nel quale devono essere annotati, con cadenza periodica, le informazioni sulle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti prodotti da una singola unità locale, da utilizzare ai fini della compilazione del modello unico di dichiarazione ambientale (MUD). - RAEE: rifiuto da apparecchiature elettriche ed elettroniche come da D.Lgs. 151/2005.

6 Pag. 6 di 24 5 ACRONIMI SIGLA DDC SIC SGS NC AC AP RUP GDR RDS IASS RCS PER ESTESO Direzione di Centro Servizio Sicurezza e Salvaguardia Sistema di Gestione della Sicurezza Non Conformità Azione Correttiva Azione Preventiva Responsabile Unico del Procedimento Gestore dei Rifiuti: Responsabili di Struttura Imprese Assegnatarie del Servizio di Smaltimento: Registro di Carico e Scarico 6 RESPONSABILITA DDC Direttore di Centro: E il Referente dell unità locale, intesa come sede presso la quale il dichiarante ha detenuto i rifiuti oggetto della dichiarazione, in relazione alle attività ivi svolte (produzione, deposito preliminare, messa in riserva, trattamento, stoccaggio definitivo) o dalla quale dipendono funzionalmente le attività esterne (bonifiche o manutenzioni) che hanno originato i rifiuti oggetto della dichiarazione. Il DDC approva la presente procedura e successivi aggiornamenti. SIC Servizio Sicurezza e Salvaguardia: il Servizio Sicurezza e Salvaguardia del Centro assicura la corretta applicazione delle procedure e della normativa di riferimento per la gestione e lo smaltimento dei rifiuti nell ambito del C.R. Frascati. IASS Imprese Assegnatarie del Servizio di Smaltimento: Provvedono al corretto smaltimento dei Rifiuti in conformità al Capitolato d Appalto. Ai fini della presente procedura sono responsabili della trasmissione delle autorizzazioni proprie e degli impianti di smaltimento presso cui sono conferiti i rifiuti prelevati presso il C.R. Frascati.

7 Pag. 7 di 24 GDR Gestore dei Rifiuti: Organizza e gestisce lo smaltimento dei rifiuti secondo le disposizioni previste dalla normativa tecnica e legislativa di riferimento. Nell ambito del C.R. Frascati il GDR coincide con il RUP (Responsabile Unico del Procedimento) relativo all appalto conferito a Ditta Esterna incaricata per il Servizio raccolta, trasporto e smaltimento di varie tipologie di rifiuti speciali pericolosi e del C.R. Frascati Ai fini della presente procedura il Gestore dei Rifiuti/RUP ha il compito di: - Verificare la coerenza tra la tipologia dei rifiuti da smaltire per conto delle Unità interessate del Centro e quelle previste nell ambito del Contratto stipulato con Ditta Esterna - Programmare e condurre i sopralluoghi e le verifiche in fase di raccolta dei rifiuti da parte della Ditta Esterna, e redigere la documentazione prevista dalla normativa applicabile. - Verificare, tramite sopralluogo a campione, che l automezzo IASS impiegato per la raccolta sia autorizzato, anche ai sensi dell ADR, a trasportare il rifiuto oggetto della raccolta. - Verificare la corretta tenuta dei registri di carico e scarico rifiuti. - Provvedere alla compilazione del MUD (Modello Unico di Dichiarazione Ambientale) riferita ai dati dell'anno precedente, nonché alla sua comunicazione alla Camera di Commercio competente per territorio. - Revisionare la procedura. RDS Responsabili di struttura: A seconda della tipologia statutaria della struttura, sono individuati da: - Responsabili Unità Tecniche - Responsabili Uffici Centrali - Responsabili di Servizio - Responsabili di Laboratorio - Responsabili di Funzioni I RDS sono responsabili della gestione dei rifiuti, in termini di rispetto degli adempimenti di legge e della presente procedura, per quanto riguarda i rifiuti prodotti dalla loro struttura. 7 MODALITA OPERATIVE 7.1. CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Per la classificazione dei rifiuti viene fatto esplicito riferimento all Art. 184 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 "Norme in materia ambientale", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile Supplemento Ordinario n. 96. In particolare, per quanto attiene alla tipologia di rifiuti oggetto della presente procedura, sono presi in considerazione:

8 Pag. 8 di RIFIUTI SPECIALI Facendo esplicito riferimento all Art. 184 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 "Norme in materia ambientale", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006, risultano essere classificati come Rifiuti Speciali i seguenti prodotti: a) i rifiuti da attività agricole e agro-industriali; b) i rifiuti derivanti dalle attività di demolizione, costruzione, nonché i rifiuti pericolosi che derivano dalle attività di scavo, fermo restando quanto disposto dall'articolo 186 del D.Lgs. 152/2006; c) i rifiuti da lavorazioni industriali, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 185, comma 1, lettera i); d) i rifiuti da lavorazioni artigianali; e) i rifiuti da attività commerciali; f) i rifiuti da attività di servizio; g) i rifiuti derivanti dalla attività di recupero e smaltimento di rifiuti, i fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi; h) i rifiuti derivanti da attività sanitarie; i) i macchinari e le apparecchiature deteriorati ed obsoleti; j) i veicoli a motore, rimorchi e simili fuori uso e loro parti; k) il combustibile derivato da rifiuti; l) i rifiuti derivati dalle attività di selezione meccanica dei rifiuti solidi urbani RIFIUTI PERICOLOSI Secondo il D.lgs. 152/06 (art. 184, comma 5), sono rifiuti pericolosi quelli contrassegnati da apposito asterisco nell elenco CER2002. In tale elenco alcune tipologie di rifiuti sono classificate come pericolose o non pericolose fin dall origine, mentre per altre la pericolosità dipende dalla concentrazione di sostanze pericolose e/o metalli pesanti presenti nel rifiuto. Per "sostanza pericolosa" si intende qualsiasi sostanza classificata come pericolosa ai sensi della direttiva 67/548/CEE e successive modifiche: questa classificazione è soggetta ad aggiornamenti, in quanto la ricerca e le conoscenze in questo campo sono in continua evoluzione. In particolare, sono pericolosi i rifiuti non domestici indicati espressamente come tali, con apposito asterisco, nell'elenco di cui all'allegato D alla parte quarta del D.Lgs. n. 152/2006, sulla base degli Allegati G, H e I alla medesima parte quarta.

9 Pag. 9 di RIFIUTI NON PERICOLOSI Vengono classificati come Non Pericolosi tutta la tipologia di rifiuti non appartenente alle categorie di Rifiuto Speciale e Rifiuto Pericoloso, riportate e descritte neò D.lgs. 152/ MODALITA DI RICHIESTA DA PARTE DELLE UNITA PER LA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI Il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti speciali, pericolosi e all interno del C.R. Frascati è stato affidato ad idonea Ditta Esterna attraverso uno specifico Contratto di Appalto gestito dal Servizio Sicurezza e Salvaguardia del Centro (FRA-SIC). Gli interventi previsti dal Servizio FRA-SIC avverranno a esclusivamente a seguito di richiesta scritta inviata al RUP (Responsabile Unico del Procedimento) del Contratto di Smaltimento dei Rifiuti o ad un suo collaboratore; tale richiesta dovrà contenere dettagliate informazioni riguardo alla tipologia, alla quantità ed all ubicazione dei rifiuti da smaltire, e dovrà essere effettuata a cura della struttura interessata allo smaltimento utilizzando esclusivamente il Modulo SIC.MOD.RIF.001 Richiesta di ritiro e smaltimento rifiuti riportato in Allegato 1 e disponibile sul Sito Web del Servizio Sicurezza e Salvaguardia (www.frascati.enea.it/sic). Il RUP concorderà con il referente della struttura interessata le modalità e la tempistica per evadere la richiesta di smaltimento dei rifiuti appositamente formulata effettuando, ove ritenuto necessario, anche un sopralluogo presso l ubicazione dei rifiuti stessi; tale sopralluogo sarà formalizzato mediante il il Modulo SIC.MOD.RIF.002 Rapporto di sopralluogo per smaltimento rifiuti riportato in Allegato 2 e disponibile sul Sito Web del Servizio Sicurezza e Salvaguardia (www.frascati.enea.it/sic). Sarà compito della struttura interessata mettere a disposizione del RUP, nel giorno concordato per il prelievo dei rifiuti, tutto il supporto logistico per l accesso ai locali in cui risulta ubicato il materiale da smaltire. In ogni caso, prima di richiedere lo smaltimento dei rifiuti al Servizio competente, tutte le strutture interessate del C.R. Frascati sono tenute obbligatoriamente a provvedere al disinventario di eventuali beni a loro carico da considerare come rifiuti (ad esempio attrezzature, materiali, strumenti, etc), che dovrà esse effettuato in accordo con la normativa vigente in materia.

10 Pag. 10 di MODALITA DI ATTIVAZIONE DELLA DITTA ESTERNA PER LA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI A seguito di una o più richieste di smaltimento di rifiuti speciali, pericolosi e/o effettuate a cura delle strutture interessate del C.R. Frascati, l IASS (Impresa Assegnataria del Servizio di Smaltimento) viene contattata in forma scritta (anche via fax o ) dal RUP del Contratto al fine di concordare tempi e modalità del prelievo in funzione della tipologia e dell ubicazione dei rifiuti. L Impresa Assegnataria del Servizio di Smaltimento è tenuta ad effettuare ogni intervento (a prescindere dalla tipologia e dal quantitativo del rifiuto speciale pericoloso e/o non pericoloso da smaltire) entro 72 ore dalla data stabilita in calendario da ENEA ovvero dalla richiesta scritta inviata dall ENEA, mediante telefax e/o posta elettronica, anche se anticipata per via telefonica. Le operazioni nel Centro Ricerche ENEA di Frascati verranno eseguite, di norma, tra le ore 8.30 e le ore 15.30, dal lunedì al venerdì, con esclusione delle festività infrasettimanali, delle giornate considerate non lavorative dall ENEA ed in occasione dei periodi di chiusura del Centro. I Responsabili di Procedimento dell ENEA e dell Impresa Assegnataria del Servizio di Smaltimento, provvederanno a definire le modalità di intervento e gli eventuali programmi esecutivi delle varie operazioni. Sono a carico dell Impresa Assegnataria del Servizio di Smaltimento le seguenti prestazioni: - l assistenza di un tecnico esperto e qualificato per la conduzione tecnica del servizio e delle attività e l utilizzo di personale, specializzato e non, di manovalanza, ecc., assicurato a norma di legge, ivi comprese le spese per trasferte e viaggi; - lo sgombero di tutti i materiali ed attrezzature di proprietà della Ditta, al termine di ogni intervento; 7.4. MODALITA DI CONFEZIONAMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI Il confezionamento dei rifiuti speciali pericolosi e dovrà avvenire secondo le modalità stabilite dalla legge e, in particolare, secondo quanto segue per ogni tipologia di rifiuto. a) Sanitari pericolosi (ospedalieri medicinali scaduti) Per tali rifiuti dovranno essere forniti: - un contenitore monouso in polietilene rigido e rinforzato, di capacità adeguata, per aghi e materiali taglienti; - un contenitore rigido (monouso o riutilizzabile) in polietilene rigido e rinforzato, di capacità adeguata, impermeabile con sacco interno e laccio di chiusura omologato ADR per la classe 6.2, per i sanitari pericolosi; - un contenitore monouso in polietilene rigido e rinforzato, di capacità adeguata, per medicinali scaduti; - disinfettante liquido o solido per rifiuti sanitari pericolosi (con relativa scheda tecnica che ne dimostri l idoneità per l utilizzo specifico).

11 Pag. 11 di 24 Salvo diverse disposizioni del RUP di Contratto ENEA, i suddetti contenitori dovranno essere ritirati, di norma, a cadenza settimanale e, ad ogni ritiro, dovrà essere fornito un altro contenitore vuoto, delle stesse caratteristiche e capacità. b) Speciali pericolosi e vari Per la raccolta di tali rifiuti, l Impresa Assegnataria del Servizio di Smaltimento dovrà fornire, se richiesto da ENEA, dei contenitori di tipo scarrabile, di capacità complessiva variabile dagli 8 ai 20 m 3. Per tutte le tipologie di rifiuti citate nel contratto, dovranno essere forniti appositi contenitori in vetro, plastica o metallo, in funzione della compatibilità tra contenuto e contenitore, secondo richiesta di ENEA. Tutti i contenitori utilizzati per il confezionamento dei rifiuti speciali pericolosi dovranno essere omologati ADR, qualora sia previsto il trasporto solo su strada, ovvero omologati ONU, per tutti gli altri tipi di trasporto MODALITA PER IL TRASPORTO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI Il Servizio di Smaltimento dei rifiuti speciali, pericolosi e svolto dall Impresa Assegnataria dovrà essere eseguito con la massima cura ed attenzione, nel rispetto della normativa in materia vigente alla data di esecuzione delle prestazioni, senza produrre danni a persone, a beni, a cose ed all ambiente in genere. Le metodologie operative da applicare dovranno essere quelle più idonee in relazione alla natura e caratteristiche delle operazioni da effettuare; dette operazioni dovranno eseguirsi mediante l impiego di personale specializzato e dotato di equipaggiamento ed attrezzature adeguate, in modo da poter operare in regime di massima sicurezza. Tutti i materiali di consumo, attrezzature e veicoli occorrenti per l esecuzione del servizio sono ad esclusivo carico ed onere dell Impresa Assegnataria IMPIANTI DI SMALTIMENTO I rifiuti speciali pericolosi e, prodotti e prelevati dal C.R. ENEA di Frascati, dovranno essere trattati e smaltiti presso impianti in possesso dei requisiti e delle prescritte autorizzazioni previste dalla normativa vigente. L Impresa Assegnataria del Servizio di Smaltimento dovrà possedere formali dichiarazioni di disponibilità, rilasciate dai gestori degli impianti di smaltimento, all accettazione di tutte le tipologie di rifiuti speciali pericolosi e prodotti nel C.R. ENEA di Frascati oggetto del contratto di appalto.

12 Pag. 12 di TRASPORTO DEI RIFIUTI Gli automezzi impiegati per l esecuzione del Servizio di Smaltimento dei Rifiuti, dovranno essere muniti delle prescritte autorizzazioni ADR rilasciate dalle Autorità competenti in materia, con apposita iscrizione sulla carta di circolazione, e gli autisti dovranno possedere idonea patente per il trasporto di merci pericolose ANALISI CHIMICHE Per la classificazione dei rifiuti rispetto alla codifica CER e per l individuazione della corretta modalità di trattamento e smaltimento, a seguito di specifica richiesta dell ENEA l Impresa Assegnataria del Servizio di Smaltimento dovrà eseguire idonee analisi chimiche. I certificati di dette analisi dovranno contenere la caratterizzazione del rifiuto, la sua classificazione ed il relativo codice CER REGISTRI E SCRITTURE DI LEGGE L Impresa Assegnataria del Servizio di Smaltimento dovrà fornire al Responsabile del Procedimento dell ENEA tutto il supporto necessario per la tenuta dei Registri di carico e scarico, delle scritture previste a norma di legge e della elaborazione del Modello Unico di Dichiarazione (MUD) per la prescritta denuncia annuale al Catasto Rifiuti. Per ciascun trasporto e per ciascuna tipologia di rifiuto, la Ditta appaltatrice dovrà emettere l apposito Formulario di Identificazione del Rifiuto, redatto secondo quanto previsto dalla normativa vigente OBBLIGHI E DIVIETI E tassativamente proibito trasportare e conferire i rifiuti prodotti dall ENEA C.R. Frascati insieme a rifiuti provenienti da altri siti, tranne nel caso che siano inequivocabilmente distinguibili o che ci sia specifica autorizzazione dell ENEA. L ENEA è sollevato da ogni responsabilità, presente e futura, che dovesse derivare dalla mancata osservanza delle disposizioni di legge in materia, da parte della Ditta appaltatrice, nell eseguire le operazioni di raccolta, stoccaggio, trasporto e smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e prodotti nell ambito delle attività del Centro Ricerche ENEA di Frascati.

13 Pag. 13 di REGISTRAZIONI OBBLIGATORIE Il Registro di Carico e Scarico (RCS) e le copie dei formulari di accompagnamento dei rifiuti, insieme alla rimanente documentazione obbligatoria per la gestione dei rifiuti, sono conservati presso l ufficio il Servizio Sicurezza e Salvaguardia secondo i termini di legge. La redazione del Modello Unico di Dichiarazione (MUD) e l invio alle autorità competenti, effettuata sulla base delle informazioni desumibili dal registro di CS, avviene a cura del Servizio Sicurezza e Salvaguardia nei termini stabiliti dalla normativa di riferimento GESTIONE DEL REGISTRO DI CARICO/SCARICO (CS) Il Registro di Carico e Scarico (RCS) viene utilizzato per la raccolta delle informazioni sulle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti da utilizzare ai fini della comunicazione annuale. Per quanto riguarda i produttori del rifiuto, le annotazioni devono essere effettuate almeno entro una settimana dalla produzione del rifiuto e dallo scarico del medesimo.

14 Pag. 14 di GESTIONE DEI FORMULARI Nel caso di trasporto di rifiuti per i quali è previsto l accompagnamento del Formulario di Identificazione del Rifiuto (ai sensi dell art. 188 e art. 193 del D.Lgs. n. 152 del 03/04/2006 e del D.M. 145 del 01/04/1998), il RUP dell ENEA si assicura che esso sia compilato con le seguenti informazioni: - nome ed indirizzo del produttore e del detentore; - origine, tipologia e quantità del rifiuto; - impianto di destinazione; - data e percorso dell istradamento; - nome ed indirizzo del destinatario. Il formulario deve essere redatto in quattro esemplari, compilato, datato e firmato dal detentore dei rifiuti, e controfirmato dal trasportatore. Una copia del formulario deve rimanere presso il detentore, e le altre tre, controfirmate e datate in arrivo dal destinatario, sono acquisite una dal destinatario e due dal trasportatore, che provvede a trasmetterne una al detentore. Le copie del formulario devono essere conservate per cinque anni. Se entro 2 mesi dalla data di conferimento dei rifiuti al trasportatore il RUP del Contratto di Smaltimento non riceve la quarta copia del formulario, essa invia una lettera di sollecito allo smaltitore finale, e per conoscenza, anche al trasportatore.

15 Pag. 15 di 24 Se entro 3 mesi dalla data di conferimento dei rifiuti al trasportatore il RUP del Contratto di Smaltimento non riceve la quarta copia del formulario, esso deve dare comunicazione alla Provincia della mancata ricezione del formulario CONTROLLO DEI REQUISITI E DELLE TARGHE DEI TRASPORTATORI Viene redatta e mantenuta aggiornata dal RUP del contratto ENEA per lo smaltimento dei rifiuti un apposita tabella contenente i dati identificativi dei mezzi di trasporto autorizzati, onde permettere un rigoroso controllo al momento del prelievo dei rifiuti presso il C.R. Frascati. Ogni volta che i mezzi dell Impresa Assegnataria del Servizio di Smaltimento entrano nel C.R. Frascati per il prelievo dei rifiuti, il RUP dell ENEA o un suo collaboratore verifica che la targa dell automezzo sia tra quelle autorizzate e, se necessario, provvederà alla loro registrazione mediante badge. 8 ADEMPIMENTI SPECIFICI A CURA DELLE UNITA DEL CENTRO 8.1. CONTRATTI DI SMALTIMENTO RIFIUTI GESTITI DA ALTRE UNITA DEL C.R. FRASCATI Il Registro di Carico e Scarico (RCS) dei Rifiuti risulta essere unico per tutto il C.R. Frascati, e viene gestito, per conto della Direzione di Centro (Produttore dei Rifiuti) dal Servizio Sicurezza e Salvaguardia (FRA-SIC). In ottemperanza a quanto previsto dalla normativa di riferimento, su tale Registro devono essere obbligatoriamente registrati, in ordine cronologico, tutti gli avvenuti prelievi di materiale da smaltire, effettuati dalle Ditte Esterne specializzate ed autorizzate, le quali all atto del prelievo rilasciano la documentazione di legge riguardo all identificazione e destinazione dei rifiuti (Formulario). Pertanto tutte le Unità del Centro ENEA di Frascati che, a vario titolo, gestiscono in proprio contratti di smaltimento per rifiuti speciali, pericolosi e/o, devono obbligatoriamente consegnare al Servizio Sicurezza e Salvaguardia (FRA-SIC) l originale del Formulario rilasciato dal trasportatore entro 24 ore dalla data di prelievo dei materiali, unitamente ai riferimenti dell Unità che ha gestito le operazioni di prelievo/smaltimento.

16 Pag. 16 di SMALTIMENTO DI MATERIALE DISINVENTARIATO Fermo restando quanto precedentemente specificato al ' 7.2 relativo a Modalità di richiesta da parte delle Unità per la rimozione e smaltimento dei rifiuti, contestualmente al prelievo del materiale da smaltire da parte della Ditta Autorizzata, il Referente dell Unità di Centro che ha curato la richiesta di smaltimento pervenuta a FRA-SIC dovrà compilare il Documento di Trasporto riportato in FAC-SIMILE IN Allegato 3, reperibile presso il Magazzino Generale del C.R. Frascati; copia di tale documento, debitamente timbrata dal Magazzino Generale, dovrà essere consegnata al RUP del Contratto ENEA per il Servizio di Smaltimento lo stesso giorno del prelievo da parte della Ditta Esterna Autorizzata SMALTIMENTO DI TONER, PILE E BATTERIE Per quanto riguarda lo smaltimento di toner, pile e batterie, viene fatto esplicito riferimento al Decreto Legislativo del 20 novembre 2008, n. 188 Attuazione della direttiva 2006/66/CE concernente pile, accumulatori e relativi rifiuti e che abroga la direttiva 91/157/CEE. Al fine di consentire una corretta interpretazione riguardo alle caratteristiche che definiscono e classificano i prodotti da smaltire, viene di seguito riportato un estratto dell Art. 2 Definizioni del suddetto Decreto nei punti di maggior interesse. «pila» o «accumulatore»: una fonte di energia elettrica ottenuta mediante trasformazione diretta di energia chimica, costituita da uno o più elementi primari (non ricaricabili) o costituita da uno o piu' elementi secondari (ricaricabili); «pacco batterie»: un gruppo di pile o accumulatori collegati tra loro o racchiusi come un'unita' singola e a sé stante in un involucro esterno non destinato ad essere lacerato o aperto dall'utilizzatore; «pile o accumulatori portatili»: le pile, le pile a bottone, i pacchi batteria o gli accumulatori che sono sigillati, sono trasportabili a mano e non costituiscono pile o accumulatori industriali, ne' batterie o accumulatori per veicoli; «pile a bottone»: piccole pile o accumulatori portatili di forma rotonda, di diametro superiore all'altezza, utilizzati a fini speciali in prodotti quali protesi acustiche, orologi e piccoli apparecchi portatili e come energia di riserva; «batterie o accumulatori per veicoli»: le batterie o gli accumulatori utilizzati per l'avviamento, l'illuminazione e l'accensione; «pile o accumulatori industriali»: le pile o gli accumulatori progettati esclusivamente a uso industriale o professionale, o utilizzati in qualsiasi tipo di veicoli elettrici; «punto di raccolta per pile ed accumulatori»: contenitore destinato alla raccolta esclusiva di pile e accumulatori accessibile all'utilizzatore finale e distribuito sul territorio, tenuto conto della densita' di popolazione, non soggetto ai requisiti in materia di registrazione o di autorizzazione di cui alle norme vigenti sulla gestione dei rifiuti.

17 Pag. 17 di 24 Nel rispetto della vigente normativa in materia di Sicurezza e Tutela Ambientale, per lo smaltimento di toner, pile e batterie la Direzione di Centro ha reso disponibile un apposita area di stoccaggio temporaneo per il deposito di toner, cartucce per stampanti e batterie di tipo industriale e non industriale, in attesa dello smaltimento a cura della Ditta Esterna Specializzata; i riferimenti logistici di tale deposito vengono indicati nella Planimetria riportata in Allegato 4. Di conseguenza, allo scopo di salvaguardare e mantenere nel tempo le condizioni di tutela ambientale all interno del Centro, le Unità del C.R. Frascati ed il personale a loro afferente dovranno obbligatoriamente operare secondo quanto indicato nei successivi paragrafi TONER, CARTUCCE PER STAMPANTI E PILE E BATTERIE NON INDUSTRIALI Le Unità del C.R. Frascati ed il personale a loro afferente che hanno necessità di smaltire toner, cartucce per stampanti e batterie di tipo non industriale, come definite nel precedente paragrafo 8.3, dovranno obbligatoriamente collocare tale materiale all interno dell area di stoccaggio temporaneo indicata nella Planimetria riportata in Allegato 4. Per quanto riguarda specificatamente i Toner, prima di essere collocati nel deposito temporaneo essi dovranno essere inseriti, senza il loro originale contenitore di cartone, nelle buste di plastica presenti nella confezione originale del prodotto, che dovranno risultare accuratamente chiuse onde evitare la dispersione di polvere nell ambiente. L area di stoccaggio temporaneo risulta corredata di adeguata segnaletica finalizzata ad indicare i punti di deposito dei differenti materiali.. Dall entrata in vigore della presente procedura, il personale del Magazzino Generale cesserà di provvedere all accettazione ed alla raccolta di toner, cartucce per stampanti e batterie di tipo non industriale BATTERIE PER VEICOLI E BATTERIE DI TIPO INDUSTRIALE Per quanto riguarda specificatamente lo smaltimento di batterie per veicoli e batterie di tipo industriale, come definite nel precedente paragrafo 8.3, le Unità del C.R. Frascati ed il personale a loro afferente direttamente interessato dovranno redigere la Richiesta di Smaltimento rifiuti attraverso il Modulo SIC.MOD.RIF.001 (riportato in Allegato 1 e disponibile sul Sito Web del Servizio Sicurezza e Salvaguardia - e farla pervenire al RUP (Responsabile Unico del Procedimento) del Contratto di Smaltimento dei Rifiuti o ad un suo collaboratore. Il RUP concorderà con il referente della struttura interessata le modalità e la tempistica per la consegna e l accettazione del materiale presso il deposito temporaneo di cui al precedente paragrafo 8.3.; il trasporto del materiale da smaltire presso il deposito temporaneo risulta a cura dell Unità interessata.

18 Pag. 18 di 24 Dall entrata in vigore della presente procedura, il personale del Magazzino Generale cesserà di provvedere all accettazione ed alla raccolta delle batterie di tipo industriale. 9 REGISTRAZIONE ED ARCHIVIAZIONE I documenti di registrazione descritti nella presente procedura vengono compilati, aggiornati e conservati a cura del Responsabile Unico del Procedimento (RUP) presso l Archivio Tecnico del Servizio Sicurezza e Salvaguardia. 10 ALLEGATI Per l espletamento delle azioni previste e descritte all interno della presente procedura, viene utilizzata la modulistica riportata in allegato alla presente procedura. ELENCO DEGLI ALLEGATI ALLEGAT CODICE DESCRIZIONE Allegato 1 SIC.MOD.RIF.001 Richiesta di ritiro e smaltimento rifiuti Allegato 2 SIC.MOD.RIF.002 Rapporto di sopralluogo per smaltimento rifiuti Allegato 3 Allegato 4 FAC-SIMILE Documento di Trasporto Planimetria relativa all area di stoccaggio temporanea

19 Pag. 19 di 24 RICHIESTA DI RITIRO E SMALTIMENTO RIFIUTI ALLEGATO 1 Da: compilare il modulo di richiesta di smaltimento rifiuti in ogni sua parte (ove applicabile) ed inviarlo debitamente firmato al Servizio FRA-SIC (fax ) (Modulo disponibile in formato word sul sito Data: A: FRA SIC (Fax 5020) Si chiede il ritiro dei seguenti rifiuti: DENOMINAZIONE/DESCRIZIONE DEL RIFIUTO CODICE EUROPEO STATO FISICO (barrare la casella) CER CARATTERISTICHE DI PERICOLO (eventuali) EVENTUALI ALTRE INFORMAZIONI (esempio componenti, stato del rifiuto, etc)) QUANTITA litri Kg N Colli/Contenitori CONFEZIONAMENTO (es. bottiglie, taniche, sacci, etc)) DENOMINAZIONE/DESCRIZIONE DEL RIFIUTO CODICE EUROPEO STATO FISICO (barrare la casella) CER CARATTERISTICHE DI PERICOLO (eventuali) EVENTUALI ALTRE INFORMAZIONI (esempio componenti, stato del rifiuto, etc)) QUANTITA litri Kg N Colli/Contenitori CONFEZIONAMENTO (es. bottiglie, taniche, sacci, etc)) DENOMINAZIONE/DESCRIZIONE DEL RIFIUTO CODICE EUROPEO STATO FISICO (barrare la casella) CER CARATTERISTICHE DI PERICOLO (eventuali) EVENTUALI ALTRE INFORMAZIONI QUANTITA (esempio componenti, stato del rifiuto, etc)) litri Kg N Colli/Contenitori CONFEZIONAMENTO (es. bottiglie, taniche, sacci, etc)) (*) 1 Solido pulverulento; 2 Solido Non pulverulento; 3 Fangoso palabile; 4 Liquido

20 Pag. 20 di 24 SITO DI DEPOSITO DEL RIFIUTO (edificio, piano, stanza, etc) NOMINATIVO DELLA PERSONA DI RIFERIMENTO PER LA CONSEGNA DEI RIFIUTI NOMINATIVO TELEFONO FAX Si dichiara inoltre di aver provveduto, ove necessario, al disinventario del materiale oggetto della presente richiesta secondo le procedure attualmente in vigore. Il Referente Locale (Nome, Cognome e Firma) Il Responsabile della Struttura (Nome, Cognome e Firma) A CURA DELL UNITA FRA-SIC RICHIESTA DI SMALTIMENTO NUMERO RICEVUTA IN DATA ANNO TRAMITE Il Responsabile del Procedimento (Per il Contratto di Smaltimento Rifiuti)

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS Responsabile della Gestione Rifiuti dell ISS (Dott.ssa Loredana Musmeci) Responsabile dell Unità Gestione Rifiuti dell ISS (Ing.

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società Registro Imprese - La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società - I trasferimenti di sede da altra provincia Come descrivere l attività Sintetica, chiara e concreta SI

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 MOD. 2 - Busta A AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

1. LE SEMPLIFICAZIONI NECESSARIE PERCHE IL SISTRI SIA UN SISTEMA A PORTATA DELLE IMPRESE 2

1. LE SEMPLIFICAZIONI NECESSARIE PERCHE IL SISTRI SIA UN SISTEMA A PORTATA DELLE IMPRESE 2 SISTRI 1. LE SEMPLIFICAZIONI NECESSARIE PERCHE IL SISTRI SIA UN SISTEMA A PORTATA DELLE IMPRESE 2. I NODI NORMATIVI E INTERPRETATIVI CHE ANCORA IMPEDISCONO IL CORRETTO FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI TRACCIAMENTO

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA mod. DICH. POSA OPERA-2004 pag. 1 Rif. Pratica VV.F. n. DICHIARAZIONE DI CORRETTA POSA IN OPERA DEI MATERIALI CLASSIFICATI AI FINI DELLA REAZIONE AL FUOCO (COMPRESI I PRODOTTI VERNICIANTI IGNIFUGHI), DELLE

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014)

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014) Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti (testo in vigore al 1º luglio 2014) Nota dell editore: Per ottenere i dettagli delle modifiche del Regolamento d Esecuzione

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari ISTANZA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari CIG: 55637729E4 Procedura aperta per l affidamento del servizio di raccolta,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS ISTRUZIONI MOD.COM6BIS COMMERCIO ELETTRONICO 2 AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM6BIS, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA DELLA CIRCOLARE, ALLA QUALE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

è stata acquisita la documentazione antimafia di cui all art.84 del D.Lgs. n.159/2011 ed il DURC attestante la regolarità e correntezza contributiva

è stata acquisita la documentazione antimafia di cui all art.84 del D.Lgs. n.159/2011 ed il DURC attestante la regolarità e correntezza contributiva CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO, TRASPORTO E SUPPORTO OPERATIVO PER GLI UFFICI, CENTRALI E DISTACCATI, DELL ACI IN ROMA E PER L UFFICIO PROVINCIALE ACI DI ROMA CIG n.5393972e7e tra L AUTOMOBILE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Logistica di Amazon. Guida rapida alla creazione della spedizione

Logistica di Amazon. Guida rapida alla creazione della spedizione Logistica di Amazon Guida rapida alla creazione della spedizione Come inviare le spedizioni Logistica di Amazon ad Amazon in modo efficiente e senza intoppi Agenda 1 2 3 4 5 6 7 Creazione di una spedizione

Dettagli

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia DISCIPLINARE TECNICO E AMMINISTRATIVO VERIFICAZIONE PERIODICA DI ESECUZIONE DELLA PREMESSA L art. 11 del T.U. delle leggi sui pesi e sulle misure, approvato con R. D. 23 agosto 1890 n. 7088, stabilisce

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI I.1) STAZIONE APPALTANTE: A.R.T.E. Azienda Regionale Territoriale per l Edilizia della Provincia di Genova via B. Castello civ.3 16121 Genova tel. 010.53901

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli