BREVE DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI EROGAZIONE DEL PROVVEDIMENTO.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BREVE DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI EROGAZIONE DEL PROVVEDIMENTO."

Transcript

1 DENOMINAZIONE DEL PROCEDIMENTO: AUTORIZZAZIONE ALLA COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI RECUPERO E/O SMALTIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E/O NON PERICOLOSI Breve descrizione: L autorizzazione in questione consiste nell emettere un provvedimento a favore di Ditte e Società private e pubbliche ed Enti per l approvazione dei progetti, realizzazione degli impianti ed all esercizio delle inerenti operazioni di messa in riserva, recupero e/o smaltimento di rifiuti speciali (stoccaggio, cernita, recupero e smaltimento, ecc.). NORMATIVA DI RIFERIMENTO: Decreto Legislativo 152/06 e s.m.i artt. 208 e 210. RESPONSABILE Dott. Galeazzi Giampaolo SI RICHIEDE: : per il rilascio del provvedimento è necessario produrre la documentazione (istanza e allegati vari) come da modulistica approvata dalla Regione Lombardia con D.G.R. n. 7/10161 del 6 agosto 2002, già disponibile sul sito della Provincia. (Vedi gli allegati disponibili a fondo pagina, così suddivisi: - richiesta di autorizzazione per nuovi impianti. - richiesta di rinnovo autorizzazione. - richiesta di autorizzazione per varianti all impianto. - richiesta di autorizzazione per varianti alle operazioni. - richiesta di autorizzazione per varianti non sostanziali. - richiesta di autorizzazione per volturazione dell autorizzazione. - richiesta di autorizzazione per variazioni sede legali,ragione sociale, ecc. Per ogni richiesta va sempre allegata la: - dichiarazione sostitutiva di certificazioni). BREVE DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI EROGAZIONE DEL PROVVEDIMENTO. Nuovi impianti Fasi Ricezione: il procedimento ha inizio con la presentazione dell istanza da parte del soggetto richiedente. Istruttoria: si prosegue in conformità alle norme specifiche di settore e generali connesse al procedimento amministrativo, attraverso l utilizzo dell istituto giuridico della conferenza di servizi. Nell ambito di tale procedimento vengono rispettati i modi e i tempi previsti dalla norma di settore. Emanazione: l autorizzazione viene rilasciata con determinazione del Responsabile del Servizio Rifiuti e Inquinamento. Notifica: il provvedimento viene notificato, previa accettazione di garanzia finanziaria, al legale rappresentante o suo delegato. Tempi: conclusione del procedimento entro 150 gg. dall avvio dello stesso. Modalità organizzative La richiesta di autorizzazione viene assegnata ai funzionari specificatamente designati per le fasi di istruttoria e stesura della determinazione per poi passare ad un altro funzionario designato per le fasi connesse alla richiesta e accettazione della garanzia finanziaria e notifica dell atto. Informazioni utili Gli uffici si rendono disponibili ad eventuali richieste, da parte delle Ditte, di appuntamenti con il funzionario incaricato al fine di chiarire e dare ulteriori informazioni sui progetti presentati. Passaggi endoprocedimentali Comunicazione di avvio del procedimento e convocazione della conferenza di servizi, valutazione della documentazione presentata, conferenza di servizi preliminare, eventuali richieste di integrazioni e chiarimenti, conferenza di servizi conclusiva, predisposizione atto autorizzativo, notifica, nulla osta realizzazione richiesta di garanzia finanziaria, verifica della stessa, accettazione della garanzia

2 notifica dell autorizzazione. Rinnovo autorizzazione Fasi Ricezione: il procedimento ha inizio con la presentazione dell istanza da parte del soggetto richiedente. Istruttoria: si prosegue in conformità alle norme specifiche di settore e generali connesse al procedimento amministrativo. Nell ambito di tale procedimento vengono rispettati i modi e i tempi previsti dalla norma di settore. Emanazione: l autorizzazione viene rilasciata con determinazione del Responsabile del Servizio Rifiuti e Inquinamento. Notifica: il provvedimento viene notificato, previa accettazione di garanzia finanziaria, al legale rappresentante o suo delegato. Tempi: conclusione del procedimento entro 90 gg. dall avvio dello stesso. Modalità organizzative La richiesta di autorizzazione viene assegnata ai funzionari specificatamente designati per le fasi di istruttoria e stesura della determinazione per poi passare ad un altro funzionario designato per le fasi connesse alla richiesta e accettazione della garanzia finanziaria e notifica dell atto. Informazioni utili Gli uffici si rendono disponibili ad eventuali richieste, da parte delle Ditte, di appuntamenti con il funzionario incaricato al fine di chiarire e dare ulteriori informazioni sui progetti presentati. Passaggi endoprocedimentali Comunicazione di avvio del procedimento, valutazione della documentazione presentata, eventuali richieste di integrazioni e chiarimenti, predisposizione atto autorizzativo, richiesta di garanzia finanziaria, verifica della stessa, accettazione della garanzia e restituzione della precedente notifica dell autorizzazione. Varianti all impianto Fasi Ricezione: il procedimento ha inizio con la presentazione dell istanza da parte del soggetto richiedente. Istruttoria: si prosegue in conformità alle norme specifiche di settore e generali connesse al procedimento amministrativo, attraverso l utilizzo dell istituto giuridico della conferenza di servizi. Nell ambito di tale procedimento vengono rispettati i modi e i tempi previsti dalla norma di settore. Emanazione: l autorizzazione viene rilasciata con determinazione del Responsabile del Servizio Rifiuti e Inquinamento. Notifica: il provvedimento viene notificato, previa eventuale accettazione di garanzia finanziaria, al legale rappresentante o suo delegato. Tempi: conclusione del procedimento entro 90 gg. dall avvio dello stesso. Modalità organizzative La richiesta di autorizzazione viene assegnata ai funzionari specificatamente designati per le fasi di istruttoria e stesura della determinazione per poi passare ad un altro funzionario designato per le fasi connesse alla richiesta e accettazione della garanzia finanziaria e notifica dell atto. Informazioni utili Gli uffici si rendono disponibili ad eventuali richieste, da parte delle Ditte, di appuntamenti con il funzionario incaricato al fine di chiarire e dare ulteriori informazioni sui progetti presentati. Passaggi endoprocedimentali Comunicazione di avvio del procedimento e convocazione della conferenza di servizi, valutazione della documentazione presentata, conferenza di servizi preliminare, eventuali richieste di integrazioni e chiarimenti, conferenza di servizi conclusiva, predisposizione atto autorizzativo,

3 eventuale richiesta di garanzia finanziaria, verifica della stessa, accettazione della garanzia notifica dell autorizzazione. Varianti alle operazioni Fasi Ricezione: il procedimento ha inizio con la presentazione dell istanza da parte del soggetto richiedente. Istruttoria: si prosegue in conformità alle norme specifiche di settore e generali connesse al procedimento amministrativo, attraverso l utilizzo dell istituto giuridico della conferenza di servizi. Nell ambito di tale procedimento vengono rispettati i modi e i tempi previsti dalla norma di settore. Emanazione: l autorizzazione viene rilasciata con determinazione del Responsabile del Servizio Rifiuti e Inquinamento. Notifica: il provvedimento viene notificato, previa eventuale accettazione di garanzia finanziaria, al legale rappresentante o suo delegato. Tempi: conclusione del procedimento entro 90 gg. dall avvio dello stesso. Modalità organizzative La richiesta di autorizzazione viene assegnata ai funzionari specificatamente designati per le fasi di istruttoria e stesura della determinazione per poi passare ad un altro funzionario designato per le fasi connesse alla richiesta e accettazione della garanzia finanziaria e notifica dell atto. Informazioni utili Gli uffici si rendono disponibili ad eventuali richieste, da parte delle Ditte, di appuntamenti con il funzionario incaricato al fine di chiarire e dare ulteriori informazioni sui progetti presentati. Passaggi endoprocedimentali Comunicazione di avvio del procedimento e convocazione della conferenza di servizi, valutazione della documentazione presentata, conferenza di servizi preliminare, eventuali richieste di integrazioni e chiarimenti, conferenza di servizi conclusiva, predisposizione atto autorizzativo, eventuale richiesta di garanzia finanziaria, verifica della stessa, accettazione della garanzia notifica dell autorizzazione. Varianti non sostanziali (si intendono gli ampliamenti dei quantitativi massimi dei rifiuti in stoccaggio non superiori al 20% di quanto autorizzato o modifiche di parti impiantistiche) Fasi Ricezione: il procedimento ha inizio con la presentazione dell istanza da parte del soggetto richiedente. Istruttoria: si prosegue in conformità alle norme specifiche di settore e generali connesse al procedimento amministrativo. Nell ambito di tale procedimento vengono rispettati i modi e i tempi previsti dalla norma di settore. Emanazione: l autorizzazione viene rilasciata con determinazione del Responsabile del Servizio Rifiuti e Inquinamento. Notifica: il provvedimento viene notificato, previa eventuale accettazione di garanzia finanziaria, al legale rappresentante o suo delegato. Tempi: conclusione del procedimento entro 90 gg. dall avvio dello stesso. Modalità organizzative La richiesta di autorizzazione viene assegnata ai funzionari specificatamente designati per le fasi di istruttoria e stesura della determinazione per poi passare ad un altro funzionario designato per le fasi connesse alla richiesta e accettazione della garanzia finanziaria e notifica dell atto. Informazioni utili Gli uffici si rendono disponibili ad eventuali richieste, da parte delle Ditte, di appuntamenti con il funzionario incaricato al fine di chiarire e dare ulteriori informazioni sui progetti presentati. Passaggi endoprocedimentali Comunicazione di avvio del procedimento, valutazione della documentazione presentata, eventuali richieste di integrazioni e chiarimenti,

4 predisposizione atto autorizzativo, eventuale richiesta di garanzia finanziaria, verifica della stessa, accettazione della garanzia notifica dell autorizzazione. Oneri Istruttoria E previsto il pagamento degli oneri di istruttoria come D.G.R. della Regione Lombardia n. VII/8882 del 24/04/02 diversi per ogni tipologia di istruttoria. Bollettino postale ccp causale: oneri istruttoria. Emissioni in atmosfera - art. 269 del D.L.vo 152/06 e s.m.i. Qualora l impianto per il quale si richiede l autorizzazione ai sensi del D.L.vo 152/06 e s.m.i., sia soggetto anche ad autorizzazione per le emissioni in atmosfera, ai sensi del D.P.R. 203/88, il richiedente può presentare contestuale istanza alla Provincia per la parte inerente i rifiuti e alla Regione Lombardia per la parte inerente le emissioni, salvo per le attività di recente delegate alla Provincia stessa. In questo caso, durante la conferenza di servizi preliminare, si prende atto che deve essere acquisita l autorizzazione alle emissioni atmosferiche e si sospende l istruttoria fino all emanazione di tale provvedimento. Applicazione delle procedure di V.I.A. Con il D.P.R. 12/04/96 e successive modifiche ed integrazioni, sono state emanate disposizioni in materia di valutazione di impatto ambientale. La Regione Lombardia ha emanato successivamente, ai sensi del citato Decreto, modalità operative ed autorizzative per gli impianti soggetti a verifica di V.I.A. e a V.I.A., sia per nuovi impianti che nel caso di rinnovi di autorizzazioni e di varianti sostanziali. Pertanto, qualora le operazioni svolte nell impianto, per il quale si richiede l autorizzazione ai sensi del D.L.vo 152/06 e s.m.i., la tipologia dei rifiuti e le soglie dimensionali ricadano in quelle previste dalla normativa (si allega per semplificazione la tabella), il cui provvedimento deve essere emanato dalla Regione stessa, si procede come segue: 1 - ove l impianto sia sottoposto a verifica di assoggettabilità alla V.I.A., deve essere presentata alla Provincia apposita richiesta, ai sensi dell art. 20 del D.L.vo 152/06 e s.m.i. e del la D.G.R. n del 28/05/2008, al fine di ottenere il relativo provvedimento; 2 -:ove l'impianto debba essere sottoposto alla procedura di V.I.A., ai sensi della normativa vigente, alla domanda è altresì allegata la comunicazione del progetto all'autorità competente ai predetti fini; ai sensi dell art. 208 del D.L.vo 152/06 e s.m.i. :i termini di avvio del procedimento restano sospesi fino all'acquisizione della pronuncia sulla compatibilità ambientale.

5 VIA REGIONALE - NUOVO IMPIANTO E MODIFICHE SOSTANZIALI ALL IMPIANTO AUTORIZZATO (D.L.vo n. 4/2008 Allegato III) (*) Soglie dimensionali ridotte del 50% per impianti all'interno di aree naturali protette Operazioni svolte nell impianto Rifiuti pericolosi Rifiuti non pericolosi Rifiuti Urbani non pericolosi VIA Verifica VIA VIA Verifica VIA VIA Verifica VIA D2 D8 D13 D14 D15 Tutti D2 D8 D9 D10 D11 > 10 t/g D2 D8 D9 D10 D11 da R1 a R9 > 10 t/g D13 D14 > 200 t/g > 20 t/g D 15 > mc > 200 t/g > mc > 40 t/g D1 D5 Tutti * > mc < 100,000 mc da R2 a R9 Tutti D1 D5 D9 D10 D11 R1 D9 D10 D11 R1 Tutti > 100 t/g Autodemolizioni sup.>1ha

6 Parte riservata al protocollo Categoria: 14 Classe: 03 Fascicolo: 12 via Don Maraglio, 4 tel fax PEC : Schema di richiesta di autorizzazione per nuovi impianti Imposta di bollo assolta in modo virtuale autorizzazionen 76779/2010 del 04/10/ Ag. Entrate Dir. Reg. Lombardia Alla Provincia di Mantova Via Don Maraglio, 4 Al Comune di All A.R.P.A. Dipartimento Provinciale di Mantova V.le Risorgimento, 43 Richiesta di autorizzazione ai sensi del d.lgs 3 aprile 2006, n. 152 e s.m.i. Il/La sottoscritto/a, nato/a a, il.., residente a, Via n, nella sua qualità di legale rappresentante dell impresa (ragione sociale) con sede legale a.., Via tel., fax.., codice fiscale/partita IVA.., C H I E D E l approvazione del progetto e l autorizzazione alla realizzazione dell impianto in via n.; nonché l autorizzazione all esercizio delle operazioni di (specificare come indicate negli Allegati del d.lgs 152/06 e s.m.i.) ai sensi dell art. 208 del d.lgs 3 aprile 2006, n. 152 e s.m.i. e successive modificazioni. Alla presente allega la seguente documentazione: 1. dichiarazione sostitutiva di certificazioni (come da ALLEGATO); 2. organigramma del personale adibito alla gestione dell impianto; 3. dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà di accettazione dell incarico di direttore tecnico dell impianto di gestione rifiuti; 4. certificato di destinazione urbanistica dell'area rilasciato dal Comune e dichiarazione resa dal Comune medesimo della eventuale presenza/assenza di vincoli ex d.lgs. 490/99 e r.d.l. 3267/23 (in originale o copia conforme); 5. dichiarazione del Comune o dell'ente gestore di inesistenza di punti di captazione delle acque destinate al consumo umano mediante infrastrutture di pubblico interesse nel raggio di 200 metri dall'impianto (in originale o copia conforme);

7 6. progetto definitivo progetto definitivo (relazione tecnica, elaborati grafici, studio di impatto ambientale, ove previsto, ovvero studio di compatibilità ambientale, come previsto da D.G.R. n. 7/10161 del 06/08/02); 7. estremi del versamento degli oneri per l istruttoria tecnica e per il collaudo finale. 8. Il/La sottoscritto/a dichiara sotto la propria responsabilità e per gli effetti di legge che i dati riportati nella domanda e nei suoi allegati sono veritieri. Distinti saluti Data, TIMBRO E FIRMA N.B. : LE ISTANZE DEVONO ESSERE PRESENTATE CONTESTUALMENTE A TUTTI I SOGGETTI IN INDIRIZZO; E FATTA SALVA LA POSSIBILITÀ DI AVVALERSI DELLE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DI NOTORIETÀ PREVISTE DAL D.P.R. 28 DICEMBRE 2000, N. 445.

8 Parte riservata al protocollo Categoria: 14 Classe: 03 Fascicolo: 12 via Don Maraglio, 4 tel fax PEC Schema di richiesta di rinnovo autorizzazione MARCA DA BOLLO TELEMATICA Alla Provincia di Mantova Via Don Maraglio, 4 Al Comune di All A.R.P.A. Dipartimento Provinciale di Mantova V.le Risorgimento, 43 Richiesta di rinnovo dell autorizzazione all esercizio delle operazioni di.(specificare come indicate negli Allegati del d.lgs 152/06) presso l impianto in, di cui al provvedimento n.del Il/La sottoscritto/a, nato/a a, il.., residente a, Via n, nella sua qualità di legale rappresentante dell impresa (ragione sociale) con sede legale a.., Via tel., fax.., codice fiscale/partita IVA.., C H I E D E il rinnovo dell autorizzazione all esercizio delle operazioni di (specificare come indicate negli Allegati del d.lgs 152/06 e s.m.i.), di cui all autorizzazione rilasciata con provvedimento n del presso l impianto in ai sensi dell art. 210 del 152/06 e s.m.i.; Alla presente allega la seguente documentazione: 1. dichiarazione sostitutiva di certificazioni (come da ALLEGATO ); 2. dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà di accettazione dell incarico di direttore tecnico dell impianto di gestione rifiuti;

9 3. dichiarazione del legale rappresentante che nulla è mutato rispetto a quanto autorizzato con il provvedimento in scadenza; 4. riepilogo delle operazioni effettuate, dei quantitativi autorizzati e dei codici C.E.R. ai sensi della decisione 2000/532/CE come modificata dalle decisioni 2001/118/CE, 2001/119/CE e 2001/573/CE; 5. estremi del versamento degli oneri per l istruttoria tecnica e per il controllo durante l attività. Il/La sottoscritto/a dichiara sotto la propria responsabilità e per gli effetti di legge che i dati riportati nella domanda e nei suoi allegati sono veritieri ed inoltre che nulla è cambiato rispetto a quanto già autorizzato. Distinti saluti Data, TIMBRO E FIRMA NOTA IMPORTANTE: N.B. : E FATTA SALVA LA POSSIBILITÀ DI AVVALERSI DELLE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DI NOTORIETÀ PREVISTE DAL D.P.R. 28 DICEMBRE 2000, N. 445.

10 Parte riservata al protocollo Categoria: 14 Classe: 03 Fascicolo: 12 via Don Maraglio, 4 tel fax PEC Schema di richiesta di autorizzazione per varianti all'impianto MARCA DA BOLLO TELEMATICA Alla Provincia di Mantova Via Don Maraglio, 4 Al Comune di All A.R.P.A. Dipartimento Provinciale di Mantova V.le Risorgimento, 43 Richiesta di autorizzazione ai sensi del d.lgs 3 aprile 2006, n. 152 e s.m.i. Il/La sottoscritto/a, nato/a a, il.., residente a, Via n, nella sua qualità di legale rappresentante dell impresa (ragione sociale) con sede legale a.., Via tel., fax.., codice fiscale/partita IVA.., C H I E D E l approvazione del progetto e l autorizzazione alla realizzazione di varianti all impianto in..via n, di cui al provvedimento n del..ed all esercizio delle inerenti operazioni di (specificare come indicate negli Allegati del d.lgs 152/06 e s.m.i.) ai sensi dell art. 208 del d.lgs 152/06 e s.m.i.; Alla presente allega la seguente documentazione: 1. dichiarazione sostitutiva di certificazioni (come da ALLEGATO ); 2. organigramma del personale adibito alla gestione dell impianto; 3. dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà di accettazione dell incarico direttore tecnico dell impianto di gestione rifiuti; 4. certificato di destinazione urbanistica dell'area rilasciato dal Comune e dichiarazione resa dal Comune medesimo della eventuale presenza/assenza di vincoli ex d.lgs. 490/99 e r.d.l. 3267/23 (in originale o copia conforme); 5. dichiarazione del Comune o dell'ente gestore di inesistenza di punti di captazione delle acque destinate al consumo umano mediante infrastrutture di pubblico interesse nel raggio di 200 metri dall'impianto (in originale o copia conforme); 6. progetto definitivo relativo alle opere modificate; 7. estremi del versamento degli oneri per l istruttoria tecnica e per il collaudo finale.

11 Il/La sottoscritto/a dichiara sotto la propria responsabilità e per gli effetti di legge che i dati riportati nella domanda e nei suoi allegati sono veritieri. Distinti saluti Data, TIMBRO E FIRMA N.B. : LE ISTANZE DEVONO ESSERE PRESENTATE CONTESTUALMENTE A TUTTI I SOGGETTI IN INDIRIZZO; E FATTA SALVA LA POSSIBILITÀ DI AVVALERSI DELLE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DI NOTORIETÀ PREVISTE DAL D.P.R. 28 DICEMBRE 2000, N (si rammenta che il documento, sottoscritto dall'interessato, concerne solo stati, qualità personali e fatti, che siano a diretta conoscenza di questi). I CERTIFICATI DI CUI AI PRECEDENTI PUNTI 4. E 5. DEVONO ESSERE PRESENTATI SOLO IN CASO DI AMPLIAMENTO DELL'IMPIANTO SU AREE NON AUTORIZZATE.

12 Parte riservata al protocollo Categoria: 14 Classe: 03 Fascicolo: 12 via Don Maraglio, 4 tel fax PEC Schema di richiesta di autorizzazione per varianti alle operazioni MARCA DA BOLLO TELEMATICA Alla Provincia di Mantova Via Don Maraglio, 4 Al Comune di All A.R.P.A. Dipartimento Provinciale di Mantova V.le Risorgimento, 43 Richiesta di autorizzazione ai sensi del d.lgs 3 aprile 2006, n. 152 e s.m.i. Il/La sottoscritto/a, nato/a a, il.., residente a, Via n, nella sua qualità di legale rappresentante dell impresa (ragione sociale) con sede legale a.., Via tel., fax.., codice fiscale/partita IVA, C H I E D E l'autorizzazione all esercizio di varianti alle operazioni di (specificare come indicate negli Allegati del d.lgs 152/06 e s.m.i.) autorizzate presso l impianto in.., di cui al provvedimento n del.., ai sensi dell art. 208 del d.lgs 152/06 e s.m.i. Alla presente allega la seguente documentazione: 1. dichiarazione sostitutiva di certificazioni (come da ALLEGATO ); 2. relazione tecnica illustrante le modifiche operative; 3. estremi del versamento degli oneri per l istruttoria tecnica; 4. progetto definitivo. Il/La sottoscritto/a dichiara sotto la propria responsabilità e per gli effetti di legge che i dati riportati nella domanda e nei suoi allegati sono veritieri.

13 Distinti saluti Data, TIMBRO E FIRMA N.B. : LE ISTANZE DEVONO ESSERE PRESENTATE CONTESTUALMENTE A TUTTI I SOGGETTI IN INDIRIZZO.

14 Parte riservata al protocollo Categoria: 14 Classe: 03 Fascicolo: 12 via Don Maraglio, 4 tel fax PEC : Schema di richiesta di autorizzazione per varianti non sostanziali MARCA DA BOLLO TELEMATICA Alla Provincia di Mantova Via Don Maraglio, 4 Al Comune di All A.R.P.A. Dipartimento Provinciale di Mantova V.le Risorgimento, 43 Richiesta di autorizzazione ai sensi del d.lgs 3 aprile 2006, n. 152 e s.m.i. Il/La sottoscritto/a, nato/a a, il.., residente a, Via n, nella sua qualità di legale rappresentante dell impresa (ragione sociale) con sede legale a.., Via tel., fax.., codice fiscale/partita IVA, C H I E D E l'autorizzazione alla realizzazione di varianti non sostanziali all impianto, autorizzato con provvedimento n del.., ai sensi dell art. 210 del d.lgs 152/06. Alla presente allega la seguente documentazione: 1. dichiarazione sostitutiva di certificazioni (come da ALLEGATO); 2. relazione tecnica illustrante le modifiche; 3. progetto definitivo relativo alle modifiche. 4. estremi del versamento degli oneri per l istruttoria tecnica; Il/La sottoscritto/a dichiara sotto la propria responsabilità e per gli effetti di legge che i dati riportati nella domanda e nei suoi allegati sono veritieri.

15 Distinti saluti Data, TIMBRO E FIRMA N.B. : LE ISTANZE DEVONO ESSERE PRESENTATE CONTESTUALMENTE A TUTTI I SOGGETTI IN INDIRIZZO.

16 Parte riservata al protocollo Categoria: 14 Classe: 03 Fascicolo: 12 via Don Maraglio, 4 tel fax PEC Schema di richiesta di volturazione dell autorizzazione MARCA DA BOLLO TELEMATICA Alla Provincia di Mantova Via Don Maraglio, 4 Al Comune di All A.R.P.A. Dipartimento Provinciale di Mantova V.le Risorgimento, 43 Richiesta di volturazione dell autorizzazione per la gestione di un impianto rifiuti, ai sensi del d.lgs 3 aprile 2006, n. 152 e s.m.i. Il/La sottoscritto/a, nato/a a, il.., residente a, Via n, nella sua qualità di legale rappresentante dell impresa (ragione sociale) con sede legale a.., Via tel., fax.., codice fiscale/partita IVA, C H I E D E La volturazione della seguente autorizzazione:, ai sensi dell art. 210 del d.lgs 152/06. per l impianto di: (specificare il tipo di impianto, e le operazioni di recupero o smaltimento rifiuti svolte) sito in comune di.. (MN), via n., di titolarità della Ditta (ragione sociale):, con sede a, via.. n., tel, fax...., codice fiscale /partita IVA. Alla presente allega la seguente documentazione: 1. dichiarazione sostitutiva di certificazioni( come da ALLEGATO); 2. dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà; 3. copia del certificato d Iscrizione alla C.C.I.A.A. della ditta che subentra;

17 4. atto da cui risulti la disponibilità dell area interessata dall impianto (proprietà, affitto, ecc.) in originale o copia conforme; 5. atto notarile, registrato, o altro titolo valido che confermi il trasferimento dell attività ed il passaggio alla Ditta subentrante; 6. dichiarazione firmata dal titolare/legale rappresentante di accettazione di tutti gli obblighi e prescrizioni di cui alla/e autorizzazione/i oggetto di istanza; 7. dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà di accettazione dell incarico di direttore tecnico responsabile dell impianto di gestione rifiuti; 8. organigramma del personale da adibire alla gestione dell impianto, specificandone la formazione tecnico/professionale; 9. estremi del versamento degli oneri per l istruttoria tecnica. Il/La sottoscritto/a dichiara sotto la propria responsabilità e per gli effetti di legge che i dati riportati nella domanda e nei suoi allegati sono veritieri. Distinti saluti Data, TIMBRO E FIRMA N.B. : LE ISTANZE DEVONO ESSERE PRESENTATE CONTESTUALMENTE A TUTTI I SOGGETTI IN INDIRIZZO.

18 Parte riservata al protocollo Categoria: 14 Classe: 03 Fascicolo: 12 via Don Maraglio, 4 tel fax PEC : Schema di richiesta di variazione sede legale, variazione ragione sociale, ecc. MARCA DA BOLLO TELEMATICA Alla Provincia di Mantova Via Don Maraglio, 4 Al Comune di All A.R.P.A. Dipartimento Provinciale di Mantova V.le Risorgimento, 43 Richiesta di modifiche dell autorizzazione per la gestione di un impianto rifiuti, ai sensi del d.lgs 3 aprile 2006, n. 152 e s.m.i. Il/La sottoscritto/a, nato/a a, il.., residente a, Via n, nella sua qualità di legale rappresentante dell impresa (ragione sociale) con sede legale a.., Via tel., fax.., codice fiscale/partita IVA, C H I E D E la variazione della.. (sede legale e/o ragione sociale, altro) della seguente autorizzazione:., per l impianto di: (specificare il tipo di impianto, e le operazioni di recupero o smaltimento rifiuti svolte) sito in comune di.. (MN), via n., di titolarità della Ditta, ai sensi dell art. 210 del d.lgs 152/06. Alla presente allega la seguente documentazione: 1. atto notarile, registrato, nel quale risulti la variazione richiesta (solo in caso di variazione ragione sociale); 2. certificato d Iscrizione alla C.C.I.A.A. con la variazione richiesta; 3. dichiarazione sostitutiva di certificazioni (come da ALLEGATO); 4. estremi del versamento degli oneri per l istruttoria tecnica.

19 Il/La sottoscritto/a dichiara sotto la propria responsabilità e per gli effetti di legge che i dati riportati nella domanda e nei suoi allegati sono veritieri. Distinti saluti Data, TIMBRO E FIRMA

20 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONI (art. 46 D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445) Il sottoscritto/a nato/a il.. a..residente in comune di... Via n. C.F...in relazione alla istanza (indicare il tipo di istanza) consapevole delle sanzioni penali, nel caso di dichiarazioni non veritiere, di formazione od uso di atti falsi, richiamate dall art. 76 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 DICHIARA - di rappresentare, in qualità di..., la ditta..avente: sede legale in..via...n..; iscrizione al Tribunale di... n.. del..; Iscrizione alla CCIAA n... del. ; Codice fiscale/partita IVA n...; Capitale.; Oggetto sociale:.. ; - di essere cittadino italiano, di Stato membro della UE oppure di essere cittadino residente in Italia o di un altro Stato che riconosca analogo diritto ai cittadini italiani; - di essere domiciliato, residente ovvero di avere sede o stabile organizzazione in Italia; - che la stessa ditta è iscritta al registro delle imprese (ad eccezione delle imprese individuali); - che la stessa ditta non si trova in stato di fallimento, di liquidazione, di cessazione attività o di concordato preventivo e in qualsiasi situazione equivalente secondo la legislazione straniera; - di non aver riportato condanne con sentenza passata in giudicato, salvi gli effetti della riabilitazione e della sospensione della pena: 1. a pena detentiva per reati previsti dalle norme a tutela dell ambiente; 2. alla reclusione per un tempo non inferiore ad un anno per un delitto contro la pubblica amministrazione, contro la fede pubblica, contro il patrimonio, contro l economia pubblica, ovvero per un delitto in materia tributaria; 3. alla reclusione per un tempo non inferiore a due anni per qualunque delitto non colposo; - di essere in regola con gli obblighi relativi al pagamento dei contributi previdenziali o assistenziali in favore dei lavoratori, secondo la legislazione italiana o quella del paese di residenza; - di non essere sottoposto a misure di prevenzione di cui all art. 3 della legge 27 dicembre 1956, n 1423, e successive modifiche ed integrazioni ; - di non essere sottoposto a procedure di cui al d.lgs. 490/94;

21 - di non essersi reso colpevole di false dichiarazioni nel fornire le informazioni richieste; - di essere proprietario dell area interessata dalla realizzazione dell impianto o di averne la piena disponibilità per la durata minima di 11 anni in base a [contratto d affitto, preliminare d acquisto, ecc.]; - che la presente dichiarazione viene resa ai fini dell acquisizione di autorizzazione di cui agli artt. 208 e/o 210 del D.L.vo 3 aprile 2006, n. 152 e s.m.i e successive modifiche ed integrazioni., li.. Il dichiarante. Ai sensi dell art. 38 del D.P.R. 445 del 28 dicembre 2000, la dichiarazione è sottoscritta dall interessato alla presenza del dipendente addetto ovvero sottoscritta e presentata o inviata anche per fax o via telematica unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore. La dichiarazione inviata per via telematica è valida se sottoscritta mediante la firma digitale o quando il sottoscrittore è identificato dal sistema informatico con l uso della carta di identità elettronica. INFORMATIVA AI SENSI DELL art. 13 DEL D.Lgs. 196/2003 La Provincia di Mantova, in qualità di titolare del trattamento dei dati personali nella Persona del Presidente pro tempore, La informa che i dati raccolti attraverso la compilazione del modulo per la dichiarazione sostitutiva di certificazione o di atto di notorietà vengono trattati per scopi strettamente inerenti alla verifica delle condizioni per l erogazione del servizio/ della prestazione richiesto/a, secondo quanto previsto dalle disposizioni di legge e regolamentari. I dati possono essere comunicati ai soggetti istituzionali nei soli casi previsti dalle disposizioni di legge o di regolamento, o a terzi interessati nel rispetto della normativa disciplinante l accesso. I dati da Lei forniti verranno trattati sia utilizzando mezzi elettronici o comunque automatizzati, sia mezzi cartacei. I dati da Lei forniti potranno essere utilizzati al fine della verifica della esattezza e veridicità delle dichiarazioni rilasciate, nelle forme e nei limiti previsti dal DPR. 445/2000 (cd. T.U. sulla documentazione amministrativa, recante norme sulla autocertificazione). Le ricordiamo che, in qualità di interessato, Lei può esercitare in qualsiasi momento i diritti previsti dall art. 7 del codice privacy, rivolgendosi al Dirigente Responsabile del Settore Ambiente con domicilio in via Don Maraglio n. 4, ; oppure all incaricato del trattamento specificatamente designato. tel Data Firma 1 : 1 Ai sensi dell art. 38 comma 3^ del Decreto del Presidente della Repubblica 28 Dicembre 2000, n. 445, la domanda compilata può essere sottoscritta dall interessato in presenza del personale addetto alla ricezione dell atto previa esibizione di un documento di identità valida ovvero, sottoscritta e presentata unitamente a copia fotostatica non autenticata del documento di identità in corso di validità del sottoscrittore.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Mod. A. Domanda di partecipazione alla selezione, per titoli ed esami, per l individuazione di educatori museali

Mod. A. Domanda di partecipazione alla selezione, per titoli ed esami, per l individuazione di educatori museali Mod. A Al Museo Castello del Buonconsiglio monumenti e collezioni provinciali Via B. Clesio, 5 38122 - TRENTO Esente da bollo ai sensi del D.P.R. 642/1972 Punto 11 Tab. All. B Domanda di partecipazione

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AVVISO INTERNO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AVVISO INTERNO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AVVISO INTERNO PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DELLA: STRUTTURA SEMPLICE Gestione

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari ISTANZA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari CIG: 55637729E4 Procedura aperta per l affidamento del servizio di raccolta,

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui al D.D. n. 7 del 01/04/2015 Al Direttore del Dipartimento di LETTERE dell Università degli Studi di Perugia Piazza Morlacchi, 11-06123 PERUGIA

Dettagli

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE Dati del titolare Cognome Nome Codice fiscale Data

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE MOD.COM 4 SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO MUNICIPIO.. Via - 00..Roma Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 16 e 26

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Spett/le ITALCONCILIA - Associazione Mediatori Professionisti Segreteria Generale Corso Europa, 43-83031 Ariano Irpino (Av) RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Il/La sottoscritto/a, nato/a

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

DICHIARAZIONE AI FINI DELLA LIQUIDAZIONE DEL TFR

DICHIARAZIONE AI FINI DELLA LIQUIDAZIONE DEL TFR Al Dirigente Scolastico DICHIARAZIONE AI FINI DELLA LIQUIDAZIONE DEL TFR Il/La sottoscritto/a Cognome: Nome: -C.F. Luogo di nascita: (Prov. )- data di nascita: Luogo di residenza -Prov. - C.A.P. Indirizzo:

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo VA : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato ai sensi degli artt. 14 comma 6 e 39 comma 9 del DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni Informazioni

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, per la copertura a tempo determinato di n. 12 posti di Dirigente medico - Area medica e delle specialità

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 MOD. 2 - Busta A AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA COMUNE DI MASER (TV) ESENTE da Marca da bollo COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA Il/La sottoscritto/a: DA COMPILARSI IN CASO DI PERSONA

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Largo Luigi Daga, 2 00164 ROMA Tel.06/665911 fax 06/66165233 C.F.

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Largo Luigi Daga, 2 00164 ROMA Tel.06/665911 fax 06/66165233 C.F. ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Largo Luigi Daga, 2 00164 ROMA Tel.06/665911 fax 06/66165233 C.F. 96154220584 BANDO PER ISTITUZIONE ELENCO IMPRESE DA INVITARE ALLE

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

RECAPITO a mezzo raccomandata/telegramma (se diverso dalla residenza, indicare qui sotto):

RECAPITO a mezzo raccomandata/telegramma (se diverso dalla residenza, indicare qui sotto): Prot. n. di data Riservato all Ufficio Al Direttore Generale dell'università degli Studi di Trieste Ripartizione Reclutamento e Formazione Piazzale Europa, 1-34127 Trieste Il/la sottoscritto/a chiede di

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, di mobilità regionale ed interregionale tra Aziende ed Enti del Servizio Sanitario, per la copertura

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA AL COMUNE DI OLGIATE MOLGORA VIA STAZIONE 20 - OLGIATE MOLGORA (LC) GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME)

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) MOD. A DOMANDA TIPO Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) Il sottoscritto (cognome e nome)..., nato a..., prov...., il... codice fiscale..., partita I.V.A.... e residente a..., prov....,

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000.

MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000. MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000. Domanda per l esercizio del servizio passeggeri effettuato mediante NCC-bus nella provincia di Bologna. Alla

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA CAPO I OGGETTO DEL DIRITTO D ACCESSO 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI 1. Al fine di favorire

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli