Regione Calabria Osservatorio Regionale Rifiuti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regione Calabria Osservatorio Regionale Rifiuti"

Transcript

1 Regione Calabria Osservatorio Regionale Rifiuti

2 L elaborazione e la stesura degli Indirizzi sono state curate da Miriam Gualtieri, coordinatrice delle attività dell Osservatorio Regionale sui Rifiuti. Hanno collaborato: Alessandra Costabile, per il capitolo sulla raccolta differenziata, Vincenzo Cotroneo, per il quadro normativo regionale e il glossario, e Antonino Demasi, per la stesura finale. Si ringraziano per i contributi forniti le Province e gli Osservatori Provinciali sui Rifiuti. La copertina è stata creata e realizzata da Mario Verta.

3 INDIRIZZI E LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI

4 INDICE PARTE I INTRODUZIONE CAPITOLO 1 CONTENUTI E FINALITA DEL DOCUMENTO 1.1 Il tema dei rifiuti pag Gli obiettivi del lavoro» I destinatari» La struttura delle linee guida» 10 CAPITOLO 2 - IL QUADRO NORMATIVO E PIANIFICATORIO DI RIFERIMENTO 2.1 Il quadro comunitario» Il quadro nazionale» Il quadro regionale» 11 PARTE II LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI CAPITOLO 1 - L OGGETTO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI 1.1 La nozione di rifiuto» L elenco europeo dei rifiuti» La classificazione dei rifiuti» I rifiuti urbani» I rifiuti speciali» I rifiuti speciali assimilabili» I rifiuti pericolosi» 19 CAPITOLO 2 - LE ATTIVITA DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI 2.1 Introduzione» La raccolta» Il trasporto» Il recupero» Lo smaltimento» Lo stoccaggio» Lo spazzamento delle strade» Conclusioni» 21

5 CAPITOLO 3 - I SOGGETTI DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI 3.1 Introduzione pag Lo Stato» Il Commissario Delegato» ISPRA (ex APAT-ICRAM-INFS)» L Osservatorio Nazionale» L albo dei gestori ambientali» La Regione» L Osservatorio Regionale» ARPACAL» Le Autorità d Ambito» Le Province» Gli Osservatori Provinciali» OPR di Catanzaro» OPR di Cosenza» OPR di Crotone» OPR di Reggio Calabria» OPR di Vibo Valentia» I Comuni» I Corpi polizia» Le ONG» Il detentore e il produttore di rifiuti» 35 CAPITOLO 4 - GLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI 4.1 Il catasto» Il registro di carico e di scarico» Il formulario di identificazione» 39 PARTE III IL SERVIZIO DI GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI CAPITOLO 1 - LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO 1.1 L affidamento del servizio» Il contratto di servizio» L organizzazione del servizio» Gli accordi e i contratti di programma» Conclusioni» 44 CAPITOLO 2 - LA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 2.1 Introduzione» 45

6 2.2 La definizione di tariffa» La determinazione della tariffa pag La tariffa dopo il D.Lgs. 152/2006» 45 PARTE IV STRATEGIE DI AZIONE CAPITOLO 1 - LA PREVENZIONE E LA MINIMIZZAZIONE DEI RIFIUTI 1.1 Introduzione» Definizioni» Obiettivi» Strumenti» Accordi volontari e di programma» Norme» Strumenti economici» Azioni informative e formative» Conclusioni» 54 CAPITOLO 2 - LA RACCOLTA DIFFERENZIATA 2.1 Introduzione» La raccolta differenziata in Calabria» Obiettivi e finalità della RD» Strutture a supporto della RD» Centri di raccolta» Impianti di valorizzazione» L organizzazione integrata del sistema delle raccolte» Raccolta dello scarto organico» Scarto di cucina» Scarto verde» Raccolta di carta e cartone» Raccolta della plastica» Raccolta del vetro» Raccolta di ingombranti» Raccolta di rifiuti urbani pericolosi» Raccolta di RAEE» Sensibilizzazione e informazione dei soggetti interessati» 63 GLOSSARIO» 65

7 Linee guida per l organizzazione e la gestione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani - Parte I 7 PARTE I INTRODUZIONE CAPITOLO 1 CONTENUTI E FINALITA DEL DOCUMENTO 1.1 IL TEMA DEI RIFIUTI I rifiuti rappresentano un problema ambientale, sanitario, economico e sociale. Poiché la loro produzione è strettamente legata alla capacità produttiva di un Paese e ai comportamenti di consumo dei suoi cittadini, le politiche ambientali degli ultimi anni riconoscono l impossibilità di proteggere l ambiente e la salute umana in assenza di una loro corretta gestione. Quest ultima dovrebbe configurarsi come un processo caratterizzato dalla cooperazione e responsabilizzazione di tutti i soggetti coinvolti: da coloro che producono, distribuiscono, utilizzano e consumano beni, a coloro che, successivamente, provvedono al trasporto, recupero e smaltimento dei rifiuti che ne derivano. 1.2 GLI OBIETTIVI DEL LAVORO Il presente documento è stato redatto allo scopo di dare attuazione al disposto dell articolo 13, comma 1, lettera a) dell allegato B al Piano di Gestione dei Rifiuti della Calabria, che attribuisce alla Regione il compito di formulare indirizzi e linee guida per l organizzazione e la gestione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani. I suoi contenuti costituiscono, quindi, una guida operativa di riferimento che tenta di risolvere i problemi di natura interpretativa e applicativa scaturenti dalla complessità della legislazione ambientale nazionale e regionale. Complessità intrinseca alla materia che ne è oggetto (si pensi alla sua vastità e trasversalità che rendono, ad esempio, difficile tracciarne i confini rispetto a materie come la tutela della salute, l urbanistica e il governo del territorio), alla quale si è aggiunta l incertezza sulla sorte della disciplina introdotta dal D.Lgs. 152/2006, impropriamente noto come Codice dell ambiente. Con l inizio della XV legislatura è, infatti, cominciato un lungo processo di revisione del decreto, ritenuto lesivo delle norme, dei principi comunitari e della stessa legge di delega. Alcune di tali censure sono confluite in ricorsi alla Corte Costituzionale e il decreto ha avuto un attuazione parziale e inadeguata, che ha lasciato in parte irrisolto il problema della disorganicità e della frammentarietà del quadro normativo ambientale. Inoltre, il nuovo disegno di legge per la revisione del Codice ambientale, approvato dal Consiglio dei Ministri nel mese di agosto del 2008, prevede la riapertura dei termini per revisioni ed integrazioni a seguito della sopravvenienza della direttiva quadro sui rifiuti e di quella sui reati penali ambientali. Accanto all obbligo normativo, sopra delineato, ne esiste un altro, che trova la propria ratio nella necessità di promuovere e diffondere nella collettività la cultura di uno sviluppo sostenibile. Detto altrimenti, un mondo sostenibile non può essere realizzato sino in fondo se non è concepito collettivamente. La sua immagine deve essere costruita nella mente di

8 Linee guida per l organizzazione e la gestione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani Parte I 8 molti per essere completa e convincente. Per incoraggiare altri a unirsi all impresa 1. Le linee guida rappresentano anche un modo per onorare questo impegno. 1.3 I DESTINATARI Gli scopi e gli obiettivi delle linee guida sono stati definiti in funzione delle esigenze di due gruppi di soggetti: destinatari primari e secondari. I destinatari primari sono i soggetti che esercitano funzioni pubbliche in materia di gestione dei rifiuti, nonché i soggetti pubblici e privati che producono o detengono rifiuti. I destinatari secondari del presente documento sono i membri del pubblico, cioè quell insieme molto eterogeneo di attori al quale è ormai universalmente riconosciuto un ruolo fondamentale nei processi riguardanti l ambiente. Il perseguimento di una corretta gestione dei rifiuti richiede, infatti, l acquisizione di una maggiore consapevolezza del peso delle scelte che tutti, indistintamente, operano nei confronti dell ambiente. 1.4 LA STRUTTURA DI INDIRIZZI E LINEE GUIDA Le linee guida sono articolate in quattro parti. La prima (in cui è compreso il presente capitolo introduttivo) delinea il contesto in cui hanno avuto origine le linee guida e illustra, sinteticamente, il quadro normativo e pianificatorio nel quale si inserisce il servizio di gestione integrata dei rifiuti. La seconda parte, partendo dalla nozione di rifiuto, ripercorre le diverse fasi che costituiscono la gestione integrata e identifica i soggetti coinvolti nella produzione, nella gestione e nel controllo dei rifiuti, nonché gli adempimenti richiesti. La terza parte affronta la questione dell organizzazione del servizio, del suo affidamento, della tariffa e delle forme di cooperazione tra gli Enti locali. Infine la quarta parte suggerisce alcune strategie di azione in merito alla prevenzione e alla raccolta differenziata dei rifiuti. Il testo è arricchito da un glossario. 1 MEADOWS D. - RANDERS J., I nuovi limiti dello sviluppo, Mondadori, 2006.

9 Linee guida per l organizzazione e la gestione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani Parte I 9 CAPITOLO 2 IL QUADRO NORMATIVO E PIANIFICATORIO DI RIFERIMENTO 2.1 IL QUADRO COMUNITARIO Nell ordinamento comunitario la gestione dei rifiuti è stata oggetto di un processo di revisione, che si è concluso con la recente approvazione della nuova Direttiva 2008/98/CE, sostitutiva, dal 12 dicembre 2010, dell attuale direttiva quadro sui rifiuti (Direttiva 2006/12/CE), della direttiva sui rifiuti pericolosi (Direttiva 91/689/CEE) e della direttiva sugli oli usati (Direttiva 75/439/CEE). Il documento fissa nuovi obiettivi in materia di riutilizzo e riciclaggio che gli Stati membri dovranno conseguire entro il Stabilisce una gerarchia nella gestione dei rifiuti, in base alla quale la prevenzione è la soluzione privilegiata, seguita dal riutilizzo, dal riciclaggio, da altre forme di recupero e, solo come ultima opzione, dallo smaltimento (questo, tuttavia, non impedisce agli stati membri di discostarsene, nel caso in cui ciò risulti necessario per flussi di rifiuti specifici in relazione agli impatti complessivi della produzione e della gestione di tali rifiuti in ordine alla fattibilità tecnica ed alla praticabilità). Ridefinisce il recupero, il riciclaggio e lo stesso concetto di rifiuto. Rafforza le disposizioni in materia di prevenzione dei rifiuti, imponendo l obbligo agli Stati membri di elaborare programmi nazionali di prevenzione dei rifiuti e alla Commissione di riferire sulle politiche di prevenzione. 2.2 IL QUADRO NAZIONALE La disciplina nazionale in materia di gestione dei rifiuti è caratterizzata da un progressivo adeguamento al sistema comunitario. Il fulcro normativo è rappresentato dal più volte citato D.Lgs. 152/2006. Come già detto, il decreto in questione non è un codice e nemmeno un testo unico. La legge di delega n. 308 del 2004 ha escluso, infatti, dalla delegazione legislativa diversi settori ambientali. Inoltre, il D.Lgs. 152/2006 non ha provveduto a disciplinare tutti quelli nei quali la Legge n. 308 del 2004 aveva delegato il Governo a riordinare, coordinare e integrare le disposizioni vigenti anche mediante la redazione di testi unici 2. In particolare, nella gestione dei rifiuti, cui è dedicata la parte quarta del decreto in questione, non si ritrova la disciplina delle discariche e quella dell incenerimento, rimaste rispettivamente nel D.Lgs. n. 36 del 2003 e nel D.Lgs. n. 133 del Ciononostante, l approvazione del cosiddetto Codice rappresenta un importante ed imprescindibile punto di partenza per la semplificazione normativa dell ambiente, indissolubilmente legata alla semplificazione funzionale e organizzativa dell Amministrazione ambientale. 2.3 IL QUADRO REGIONALE L attuazione a livello regionale delle politiche comunitarie e nazionali in materia di rifiuti, diretta conseguenza di una gestione non ordinaria del settore, quale è quella commissariale che perdura ormai da più di una dozzina di anni, è stata condotta dal 2 articolo 1, comma 1, della legge di delega.

10 Linee guida per l organizzazione e la gestione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani Parte I 10 punto di vista normativo attraverso l emanazione di una serie di provvedimenti d urgenza, gli O.P.C.M. ed i conseguenti provvedimenti di adozione da parte del Commissario delegato per l emergenza, aventi la finalità di integrare, ove ritenuto necessario ed in assenza di riferimenti legislativi regionali, la norma nazionale. Dal punto di vista programmatico, l unico riferimento è rappresentato dal Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti, approvato con O.C.D. n del 30 ottobre 2007 e pubblicato sul B.U.R.C. S.S. n. 2 al n. 20 del Parti I e II, è stato redatto a seguito della revisione ed aggiornamento del previgente PGR, di cui all O.C.D. n. 2065/2002. Tale rimodulazione, effettuata per dare attuazione ai disposti dell O.PC.M. 3585/2007 e concretezza all O.C.D. n. 5201/2006, con particolare riferimento all obiettivo del raggiungimento del 65% di RD entro il 2012, come previsto dall art. 205, comma 1, del D.Lgs. 152/06, ha permesso altresì di individuare, ad un quinquennio dall approvazione, sulla base dell analisi delle criticità relative all attuazione del Piano, ulteriori azioni finalizzate a migliorare il raggiungimento degli obiettivi prefissati dal PGR. Lo strumento di pianificazione che ne è derivato risulta articolato nelle seguenti sezioni. Nella prima, viene ricostruito il quadro normativo e programmatico di settore ai diversi livelli istituzionali (comunitario, nazionale e regionale). Segue la verifica dello stato dell arte e l analisi delle criticità relative all attuazione del previgente PGR. Sulla base della verifica del fabbisogno di impianti e discariche, è stato valutato il livello di raggiungimento degli obiettivi che il vecchio Piano si prefissava di raggiungere. I risultati dello studio hanno evidenziato le numerose criticità del sistema di smaltimento dei RSU, riguardanti sia l aspetto strutturale che quello funzionale. In particolare, le cause principali della ridotta attuazione delle previsioni del Piano sono imputabili a: deficit impiantistici causati dalla mancato completamento del sistema (mancata realizzazione dei previsti impianti tecnologici, delle stazioni di trasferimento e delle discariche); insufficienza della RD e mancato avvio della raccolta differenziata della frazione umida. L analisi della produzione dei rifiuti, poi, riporta le informazioni relative alla produzione e raccolta dei rifiuti (dati totali e pro capite, aggregati a livello provinciale sulla base dei dati merceologici), alle quantità di rifiuti indifferenziati avviati allo smaltimento (livello di aggregazione comunale e provinciale), nonché alle previsioni sulla produzione futura. Gli obiettivi del Piano, determinati sia sulla base dei criteri fissati dalla normativa di riferimento, che rispetto alle specificità del contesto regionale, sono stati formulati sulla base delle seguenti previsioni: Definizione dei criteri per l Individuazione degli Ambiti Territoriali Ottimali per i rifiuti urbani (ATO R), secondo i quali viene

11 Linee guida per l organizzazione e la gestione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani Parte I 11 confermata la necessità di costituire cinque A.T.O. coincidenti con i territori amministrativi delle Province; Soppressione dell articolazione del sistema, prevista dal previgente PGR, in aree di raccolta; Dimensionamento del sistema di raccolta e smaltimento mediante la razionalizzazione ed il potenziamento della dotazione impiantistica di ciascun ATO; Gestione unitaria del sistema di RD per ciascun ATO. Con particolare riferimento all obiettivo del raggiungimento del 65% di RD al 2012, oltre al predetto potenziamento del sistema, il Piano ritiene necessario avviare anche una politica di incentivi e penalizzazioni nei confronti dei soggetti pubblici per indurli a soddisfare le condizioni imposte dalla norma. Lo scenario di riferimento (individuato mediante l analisi dei fabbisogni dell impiantistica, ovvero in relazione alle stime della produzione potenziale dei rifiuti) proposto dal PGR per il dimensionamento degli impianti tecnologici e delle discariche a servizio del sistema di raccolta e smaltimento dei rifiuti, evidenzia la necessità di rafforzare l approccio integrato nella gestione dei servizi attraverso la razionalizzazione ed il potenziamento dei sistemi di raccolta, domiciliare e stradale, nonché della rete delle strutture di conferimento. Per quanto concerne gli impianti tecnologici, il Piano, sottolineando l importanza del ruolo svolto dalla rete delle stazioni ecologiche e delle piattaforme ecologiche per la RD, dall impiantistica di recupero e valorizzazione delle diverse frazioni e dagli impianti di trattamento e smaltimento finale, ritiene opportuno valorizzare e, ove necessario, revampizzare gli impianti esistenti, nonché realizzare nuove strutture in grado di soddisfare le esigenze del territorio, confermando sostanzialmente le scelte impiantistiche del previgente PGR, ivi incluso il raddoppio della potenzialità dell unico termovalorizzatore presente in Regione. Con riferimento alle complessa ed annosa questione delle discariche, imprescindibilmente legata alle criticità del sistema di gestione, il PGR propone l attivazione di nuove discariche di servizio sulla base dell analisi dei fabbisogni condotta sia per le discariche necessarie alla gestione del transitorio, che per quelle, di lungo periodo, di servizio agli impianti. Le misure individuate a proposito del periodo compreso tra l approvazione del PGR e l attuazione di tutte le disposizioni in esso contenute, specie considerando le criticità del periodo transitorio (forma giuridica, costituzione e redazione degli strumenti di pianificazione degli ATO; realizzazione e messa in esercizio degli impianti previsti dal PGR e dai Piani d Ambito; raggiungimento degli obiettivi di RD minima; realizzazione di un sistema di raccolta/smaltimento mediante gestore unico per ogni ATO; ecc.) fanno riferimento alla necessità di disporre di una sufficiente capacità di carico del sistema. Secondo tali misure è necessario, nelle more della messa a regime delle previsioni di Piano, disporre di volumi di abbanco in discarica tali da garantire lo smaltimento di tutti i rifiuti prodotti e raccolti che non trovano adeguato trattamento negli impianti,

12 Linee guida per l organizzazione e la gestione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani Parte I 12 facendo eventualmente ricorso all utilizzo di discariche di soccorso al sistema regionale, anche fuori Ambito. La localizzazione e realizzazione di tali discariche (almeno una per Ambito) è demandata ad ogni singolo ATO, per il tramite del gestore unico. Il PGR, al fine di favorire il superamento dello stato di transizione, prevede anche l implementazione di una serie di azioni di supporto al Piano stesso che si configurano in: iniziative di informazione e sensibilizzazione alle tematiche ambientali finalizzate sia alla diffusione delle problematiche legate alla produzione, raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti, che alla creazione del consenso pubblico sulle questioni inerenti la localizzazione di impianti e discariche; a proposito di tale argomento, le strutture del sistema regionale IN.F.E.A. continueranno a rivestire un ruolo di primo piano; misure di agevolazione, incentivazione e compensazione ambientale, la cui promozione è di notevole importanza per l avvio del sistema tariffario sui rifiuti. La corretta determinazione (di competenza dell Autorità d Ambito), nonché applicazione e riscossione delle tariffe (demandata al soggetto affidatario del servizio di gestione integrata), infatti, non può prescindere dalla previsione di specifiche azioni di fiscalità ambientale. Il Piano delle bonifiche, un documento specifico sui siti inquinati o potenzialmente inquinanti, redatto nell ambito del nuovo PGR, fornisce utili indicazioni sullo stato del territorio (molto critico a causa dei siti utilizzati per lo smaltimento dei rifiuti che nella maggior parte dei casi già dismessi risultano essere in numero eccessivo rispetto ai fabbisogni regionali, erroneamente localizzati e quasi sempre sprovvisti delle necessarie opere di prevenzione dell inquinamento) e propone una serie di interventi di bonifica, formulati sulla base della classificazione dei siti e delle priorità di rischio ambientale ad essi attribuita, per risolvere le numerose criticità riscontrate (trattamenti in situ, off site o in site, mediante l utilizzo, ove possibile, di biotecnologie avanzate). A proposito del sistema integrato di gestione dei rifiuti speciali, inoltre, sono sostanzialmente confermate le linee programmatiche delineate dal previgente Piano secondo le quali, considerando che la gestione dei rifiuti speciali è affidata al privato (ovvero al produttore del rifiuto stesso), è necessario promuovere politiche di prevenzione per la riduzione della produzione e della pericolosità dei rifiuti come, ad esempio, la diffusione di innovazioni tecnologiche ambientalmente più sostenibili o l implementazione di SGA da parte delle imprese. Il PGR, infine, è coerente con il precedente strumento pianificatorio anche in riferimento alla problematica dell amianto, ribadendo la necessità di avviare le operazioni necessarie per la stesura del Piano Regionale Amianto, come disposto dall art. 10, comma 2, della L. 257/92. In conclusione, lo strumento redatto dall Ufficio del Commissario delegato per l emergenza ambientale nel territorio calabrese conferma la preesistente articolazione

13 Linee guida per l organizzazione e la gestione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani Parte I 13 del territorio regionale nei cinque A.T.O. R e l utilizzo degli impianti di trattamento già previsti, determina il nuovo fabbisogno impiantistico per il trattamento dei rifiuti urbani in ciascun Ambito Territoriale (valutato sulla base dei tempi imposti per il raggiungimento degli obiettivi di RD minima al 65% entro l anno 2012 e delle stime qualitative, quantitative e sul trend relativamente alla produzione dei rifiuti) e propone le misure per il superamento del periodo transitorio. Lo strumento, inoltre, include il Piano per la bonifica dei siti inquinati, le indicazioni sul consolidamento del sistema di gestione dei rifiuti speciali ed, infine, le operazioni propedeutiche alla predisposizione del Piano Amianto. Il PGR sovrintende la programmazione nei singoli ATO da porre a base dello strumento dell organizzazione della gestione unitaria, il cosiddetto Piano d Ambito, che dovrà essere costituito dai seguenti atti : a) programma degli interventi; b) modello gestionale ed organizzativo; c) piano economico finanziario; d) piano tariffario.

14 Linee guida per l organizzazione e la gestione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani - Parte II 14 PARTE II LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI CAPITOLO 1 L OGGETTO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI 1.1 LA NOZIONE DI RIFIUTO L articolo 183, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 152/2006, riproponendo la definizione comunitaria di rifiuto, stabilisce che si deve considerare tale qualsiasi sostanza od oggetto che rientra nelle categorie riportate nell allegato A dello stesso decreto e di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi. Tuttavia la sedicesima ed ultima categoria dell allegato A (qualunque sostanza, materia o prodotto che non rientri nelle categorie sopra elencate) sembrerebbe rendere superflua l elencazione dei precedenti quindici punti e, conseguentemente, pletorico l intero allegato. In realtà il criterio chiave per l applicazione della norma non risiede nella natura del rifiuto ma, piuttosto, nelle tre possibili azioni del detentore: questi può materialmente disfarsi dell oggetto (abbandonandolo), oppure averne l intenzione (ponendo in essere, in questo caso, inequivocabili ed evidenti azioni che svelino tale decisione) o, ancora, essere obbligato a disfarsene (ad esempio da una legge o da una P.A.). In conclusione, quindi, devono essere soddisfatte due condizioni perché si possa stabilire se una sostanza o un oggetto sia un rifiuto: la prima è che rientri in specifiche categorie; la seconda è che il detentore se ne disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsene. 1.2 L ELENCO EUROPEO DEI RIFIUTI L elenco europeo dei rifiuti (noto come Cer) è trasposto nell allegato D alla Parte Quarta del D.Lgs. 3 Serve per identificare i rifiuti, sebbene l inclusione di un determinato materiale in tale elenco non implica che, in ogni circostanza, esso sia un rifiuto. La classificazione si applica, infatti, solo se il materiale corrisponde alla definizione di cui all articolo 1 della Direttiva 75/442/CEE, ossia alla definizione del paragrafo precedente. L identificazione del rifiuto avviene mediante un codice a sei cifre: le prime due individuano il capitolo, che corrisponde a categorie generali, ricavate in base all attività generatrice (capitoli da 01 a 12 e da 17 a 20), alle caratteristiche del materiale (capitoli 13, 14 e 15) o in modo residuale (capitolo 16); la seconda coppia di numeri indica il processo specifico all interno dell attività; infine le ultime due cifre individuano la singola tipologia di rifiuto. Sono ritenuti pericolosi i rifiuti contrassegnati con un asterisco. L attribuzione del codice avviene utilizzando la procedura disciplinata dal citato allegato D alla Parte Quarta del decreto. 3 Alcuni esperti ritengono che tale allegato contenga numerosi errori. Si veda, in proposito, la tesi della redazione della Rivista Rifiuti - Bollettino di informazione normativa.

15 Linee guida per l organizzazione e la gestione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani - Parte II LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI I rifiuti sono classificati, secondo l origine, in rifiuti urbani e rifiuti speciali e, secondo le caratteristiche di pericolosità, in rifiuti pericolosi e rifiuti non pericolosi. Tale classificazione è funzionale all attuazione della normativa, applicandosi un regime diverso, in considerazione dei rischi per l ambiente derivanti dalla loro gestione. 1.4 I RIFIUTI URBANI Ai sensi dell articolo 184, comma 2, del decreto, sono urbani i rifiuti: a) domestici, anche ingombranti, provenienti da locali e luoghi adibiti ad uso di civile abitazione; b) non pericolosi provenienti da locali e luoghi adibiti ad usi diversi dall uso di civile abitazione, assimilati ai rifiuti urbani per qualità e quantità; c) provenienti dallo spazzamento delle strade; d) di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade ed aree private comunque soggette ad uso pubblico o sulle spiagge marittime e lacuali e sulle rive dei corsi d acqua; e) vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali; f) provenienti da esumazioni ed estumulazioni, nonché gli altri rifiuti provenienti da attività cimiteriale diversi da quelli di cui alle lettere b), c) ed e). Pertanto, i rifiuti urbani si distinguono in rifiuti domestici (sempre assoggettati al regime dei rifiuti non pericolosi) e rifiuti non domestici (assoggettati al regime proprio delle eventuali caratteristiche di pericolosità che possiedono). 1.5 I RIFIUTI SPECIALI Ai sensi dell articolo 184, comma 3, del D.Lgs. 152/2006, sono speciali i rifiuti derivanti da: 1) attività agricole e agro-industriali; 2) attività di demolizione, costruzione, nonché i rifiuti che derivano dalle attività di scavo, fermo restando quanto disposto dall articolo 186 in merito alle terre e alle rocce di scavo; 3) lavorazioni industriali; 4) lavorazioni artigianali; 5) attività commerciali; 6) attività di servizio; 7) attività di recupero e smaltimento di rifiuti, i fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi; 8) attività sanitarie. E ancora sono rifiuti speciali: 9) i macchinari e le apparecchiature deteriorati ed obsoleti; 10) i veicoli a motore, rimorchi e simili fuori uso e loro parti; 11) il combustibile derivato da rifiuti.

16 Linee guida per l organizzazione e la gestione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani - Parte II 16 Ai sensi dell articolo 188, comma 2, il produttore o detentore dei rifiuti speciali assolve i propri obblighi con le seguenti priorità: a) autosmaltimento; b) conferimento dei rifiuti a terzi autorizzati; c) conferimento dei rifiuti ai soggetti che gestiscono il servizio pubblico di raccolta dei rifiuti urbani, con i quali sia stata stipulata apposita convenzione; d) utilizzazione del trasporto ferroviario di rifiuti pericolosi per distanze superiori a trecentocinquanta chilometri e quantità eccedenti le venticinque tonnellate; e) esportazione dei rifiuti con le modalità previste dall articolo 194 in merito alle spedizioni transfrontaliere. 1.6 I RIFIUTI SPECIALI ASSIMILABILI I rifiuti speciali non pericolosi possono essere assimilati ai rifiuti urbani dai regolamenti comunali (art. 198, comma 1 e 2, lett. g) solo ai fini della raccolta e dello smaltimento (art. 195, comma 2, lett. e). I criteri qualitativi e quali-quantitativi per l assimilazione sono rimessi all emanazione di un apposito decreto del Ministro dell Ambiente. Nel frattempo, la Legge n. 244/2007 (Finanziaria 2008) ha stabilito che, in materia di assimilazione dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani, continuano ad applicarsi le disposizioni del D.Lgs. 22/1997, il cosiddetto Decreto Ronchi (art. 1, comma 184, lett. b), ferme restando, ovviamente, le esclusioni dettate dal D.Lgs. 152/2006. Pertanto, ai sensi dell articolo 195, comma 2, lett. e), non sono assimilabili ai rifiuti urbani i rifiuti che si formano nelle aree produttive (cioè quelle in cui avvengono attività di trasformazione industriale e commerciale) nonché i rifiuti che si formano nelle strutture di vendita con superficie due volte superiore ai limiti di cui all articolo 4, comma 1, lettera d), del decreto legislativo n. 114 del 1998 (tali limiti corrispondono a una superficie di vendita inferiore a mq.150 nei comuni con meno di abitanti, e a mq. 250 nei comuni con più di abitanti)http://www.reteambiente.it/rifiuti/dlgs152_06nrifiuti.htm - n58http://www.reteambiente.it/rifiuti/dlgs152_06nrifiuti.htm - n58. I rifiuti assimilati sono assoggettati al regime giuridico, organizzativo e di tariffazione dei rifiuti urbani, anche relativamente al divieto di smaltirli in altre regioni e alle relative deroghe (art. 182, comma 5 e art. 194, comma 2). La predetta tariffazione deve includere, nel rispetto del principio della copertura integrale dei costi del servizio prestato, una parte fissa, una variabile e una quota dei costi dello spazzamento stradale. E determinata dall amministrazione comunale tenendo conto anche della natura dei rifiuti, del tipo, delle dimensioni economiche e operative delle attività che li producono. La tariffa non si applica per gli imballaggi per i quali risulti documentato l avvio a recupero e riciclo tramite soggetti autorizzati (art. 195, comma 2, lett. e) e si riduce proporzionalmente alle quantità di rifiuti assimilati che il produttore dimostri di aver avviato al recupero, sempre tramite soggetti autorizzati (art. 238, comma 10).

17 Linee guida per l organizzazione e la gestione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani - Parte II I RIFIUTI PERICOLOSI Sono pericolosi i rifiuti non domestici, urbani e speciali, indicati espressamente come tali, con apposito asterisco, nell elenco europeo dei rifiuti (trasposto, come già detto, nell allegato D alla Parte Quarta del decreto), sulla base degli allegati G, H e I che elencano, rispettivamente, i rifiuti in base alla loro natura o all attività che li ha prodotti, ai costituenti che li rendono pericolosi e alle caratteristiche di pericolo. I rifiuti sono classificati pericolosi solo se le sostanze in essi contenute raggiungono determinate concentrazioni, tali da far diventare il rifiuto: esplosivo, comburente, facilmente infiammabile, infiammabile, irritante, nocivo, tossico, cancerogeno, corrosivo, infettivo, teratogeno, mutageno, capace di sprigionare gas tossici, suscettibile di dare origine ad altre sostanze con caratteristiche pericolose, ecotossico (allegato I). Conseguentemente, nell elenco europeo dei rifiuti sono presenti le cosiddette voci a specchio o speculari, quelle in cui una voce si riferisce al rifiuto non pericoloso e l altra allo stesso rifiuto, identificato come pericoloso in base al contenuto di sostanze pericolose. L onere della classificazione del rifiuto è a carico del produttore/detentore, poiché ritenuto dalla normativa vigente l unico soggetto che, avendo cognizione delle materie prime impiegate e del processo tecnologico nel quale le stesse sono utilizzate, conosce le caratteristiche dei rifiuti generati.

18 Linee guida per l organizzazione e la gestione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani - Parte II 18 CAPITOLO 2 LE ATTIVITA DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI 2.1 INTRODUZIONE L articolo 183 del D.Lgs. 152/2006 definisce gestione integrata il complesso delle attività volte ad ottimizzare la gestione dei rifiuti, compresa l attività di spazzamento delle strade (comma 1, lett. bb) e definisce gestione il complesso delle seguenti attività: raccolta, trasporto, recupero e smaltimento dei rifiuti, nonché controllo di queste operazioni e delle discariche dopo la chiusura (comma 1, lett. d). A tali attività corrisponde un diverso regime giuridico (regolamentazione, adempimenti, obblighi e sanzioni) che sarà illustrato in seguito. 2.2 LA RACCOLTA La raccolta consiste nel prelievo, nella cernita e nel successivo raggruppamento dei rifiuti. 2.3 IL TRASPORTO Il trasporto indica ogni operazione di movimentazione dei rifiuti, ad eccezione di quelle effettuate all interno di aree private. Ciò significa che solo quando i rifiuti vengono spostati da un sito di produzione o di deposito a un altro sito, esterno al primo, si può parlare di trasporto ai sensi della normativa vigente. Lo svolgimento delle attività di trasporto è subordinato all iscrizione all Albo dei gestori ambientali, secondo quanto previsto dall articolo 212 del D.Lgs. 152/2006. La norma prescrive anche alcune modalità di trasporto. Nel caso di rifiuti pericolosi, per esempio, occorre utilizzare il trasporto ferroviario per distanze superiori a trecentocinquanta chilometri e quantità eccedenti le venticinque tonnellate (art. 188, comma 2, lett. d). I rifiuti pericolosi, inoltre, devono essere imballati ed etichettati in conformità alle norme vigenti in materia (art. 193, comma 3). 2.4 IL RECUPERO Il recupero dei rifiuti, le cui operazioni sono elencate nell allegato C alla Parte Quarta del D.Lgs. 152/2006, è regolato dall articolo 181 del decreto. Ai sensi di tale articolo, le autorità competenti favoriscono la riduzione dello smaltimento finale dei rifiuti attraverso: 1) il riutilizzo, il riciclo o le altre forme di recupero; 2) l adozione di misure economiche e la determinazione di condizioni di appalto che prevedano l impiego dei materiali recuperati dai rifiuti al fine di favorire il mercato dei materiali medesimi; 3) l utilizzazione dei rifiuti come combustibile o come altro mezzo per produrre energia. 2.5 LO SMALTIMENTO Lo smaltimento dei rifiuti in Italia continua ad essere, purtroppo, una fase preponderante e non residuale della gestione dei rifiuti. Al fine di realizzare l autosufficienza, l articolo 182 del D.Lgs. 152/2006 vieta di smaltire i rifiuti urbani

19 Linee guida per l organizzazione e la gestione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani - Parte II 19 non pericolosi in regioni diverse da quelle dove gli stessi sono prodotti, fatti salvi eventuali accordi regionali o internazionali. Sono escluse da tale divieto le frazioni, oggetto di raccolta differenziata, destinate al recupero, per le quali è sempre permessa la libera circolazione sul territorio nazionale, con l obiettivo di favorire quanto più possibile il loro recupero. Nell allegato B del D.Lgs. 152/2006 sono elencate le operazioni di smaltimento, da eseguire senza pregiudicare la salute umana e l ambiente. 2.6 LO STOCCAGGIO Con il termine stoccaggio si indicano due diverse forme di deposito: quello preliminare (punto D15, allegato B, Parte Quarta del D.Lgs. 152/2006) e quello di messa in riserva (punto R13, allegato C, Parte Quarta del D.Lgs. 152/2006). La differenza tra i due depositi sta nel fatto che il primo riguarda esclusivamente rifiuti destinati allo smaltimento, mentre il secondo i rifiuti destinati al recupero. Purché siano dettate da esigenze di trasporto e non superino le quarantotto ore, non rientrano nelle attività di stoccaggio: la sosta durante il trasporto dei rifiuti caricati per la spedizione all interno dei porti e degli scali ferroviari, delle stazioni di partenza, di smistamento e di arrivo, gli stazionamenti dei veicoli in configurazione di trasporto, nonché le soste tecniche per le operazioni di trasbordo. Il deposito temporaneo, poiché può essere effettuato solo prima dell operazione di raccolta, non fa parte della gestione dei rifiuti. Pertanto, a differenza del deposito preliminare e della messa in riserva, non richiede l autorizzazione. Il D.Lgs. 152/2006 precisa, ancora, che il deposito temporaneo dei rifiuti deve effettuato nel luogo in cui gli stessi sono prodotti. Quindi soltanto chi produce dei rifiuti può effettuare il deposito temporaneo senza l ausilio di autorizzazioni, purché il raggruppamento resti nel luogo di produzione, costituendone una sorta di prolungamento, nel rispetto di determinate condizioni. Da tutto ciò consegue che il mancato rispetto, da parte del produttore, delle suddette condizioni, che comprendono anche soglie di quantità e/o di tempo, delinea un operazione di gestione (che, in quanto tale, deve essere autorizzata) o uno stoccaggio o una discarica abusiva o un deposito incontrollato. In altri termini, il deposito incontrollato ricorre quando non sono rispettate le condizioni di deposito controllato (temporaneo, preliminare, messa in riserva, discarica autorizzata). Il suo concetto equivale, sotto il profilo sanzionatorio, a quello di abbandono, ma non a quello di discarica non autorizzata, che esige un attività sistematica ed organizzata. 2.7 LO SPAZZAMENTO DELLE STRADE Ai sensi dell articolo 183 lett. dd), lo spazzamento delle strade è la modalità di raccolta dei rifiuti su strada. I rifiuti provenienti da tale attività sono considerati rifiuti urbani (art. 184, comma 2, lett. c) e le spese da essa derivanti devono essere coperte dalla tariffa per la gestione dei rifiuti urbani (art. 238, comma 3). 2.8 CONCLUSIONI La gestione dei rifiuti, comprendente le attività elencate nei paragrafi precedenti, deve essere integrata (art. 200, comma 1, lett. a). Sebbene l espressione integrata

20 Linee guida per l organizzazione e la gestione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani - Parte II 20 non sia una novità 4, il D.Lgs. 152/2006 indica, con maggiore chiarezza che in passato, i criteri per conseguire una siffatta gestione: il superamento della frammentazione (art. 200, comma 1, lett. a), le adeguate dimensioni gestionali (art. 200, comma 1, lett. b), l ottimizzazione dei trasporti all interno dell ambito (art. 200, comma 1, lett. a), l unicità del governo d ambito attraverso l istituzione obbligatoria delle Autorità (art. 201, comma 2), l affidamento ad un unico soggetto dell insieme delle attività di gestione, compresa la realizzazione e gestione degli impianti (art. 201, comma 4, lett. a) e art. 202, comma 5). Tra tutti la prescrizione di affidare a terzi l intero servizio costituisce la novità più rilevante. 4 L articolo 19 del D.Lgs. 22/1997 definisce gestione integrata il complesso delle attività volte ad ottimizzare il riutilizzo, il riciclaggio, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti.

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale Il nuovo decreto legislativo 152, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006, S.O. n. 96, è entrato in vigore il 29 aprile 2006.

Dettagli

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI L applicazione della Decisione 16 gennaio 2001(2001/118/CE) modificata ed integrata dalle Decisioni 2001/119/CE e 2001/573/CE e dalla Legge 21 dicembre 2001 n. 443 (art.

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

CAPITOLO 4 - LA PROGRAMMAZIONE D EMERGENZA

CAPITOLO 4 - LA PROGRAMMAZIONE D EMERGENZA CAPITOLO 4 - LA PROGRAMMAZIONE D EMERGENZA 4.1 IL PIANO DEGLI INTERVENTI PRIORITARI L Ordinanza n. 2983/99, all art. 1, nominava il Presidente della Regione siciliana commissario delegato per la predisposizione

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

RESPONSABILITA' NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI DA C/D, TERRE E ROCCE DA SCAVO E TRASPORTO RIFIUTI DA SISMA

RESPONSABILITA' NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI DA C/D, TERRE E ROCCE DA SCAVO E TRASPORTO RIFIUTI DA SISMA RESPONSABILITA' NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI DA C/D, TERRE E ROCCE DA SCAVO E TRASPORTO RIFIUTI DA SISMA MANTOVA, 18 SETTEMBRE 2013 Relatore: Andrea Minari LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2741 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Articolo 74, comma 1, del d.p.g.p. 26 gennaio 1987, n. 1-41/Leg., recante "Testo

Dettagli

SOMMARIO. .a questo ed altro risponde lo. 1. LA NOZIONE DI RIFIUTO E LA SUA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL D.LGS. n 22/97. 2. LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI.

SOMMARIO. .a questo ed altro risponde lo. 1. LA NOZIONE DI RIFIUTO E LA SUA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL D.LGS. n 22/97. 2. LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI. Alberto Casarotti Orari Martedì dalle ore 9,00 alle ore 13,00 Giovedì dalle ore 9,00 alle ore 16,00 Su appuntamento in orari diversi da quelli indicati sopra tel. 0532 299540 fax 0532 299525 rispondiamo

Dettagli

COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento

COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con deliberazione dell assemblea comprensoriale n. 32 del 19.12.2002,modificato

Dettagli

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01 LINEE GUIDA GESTIONE DELLE CARTUCCE ESAUSTE Le linee guida di seguito proposte rappresentano una breve analisi dell attuale normativa vigente nel campo della gestione dei rifiuti applicata alle cartucce

Dettagli

La gestione dei rifiuti sanitari

La gestione dei rifiuti sanitari I RIFIUTI SANITARI (NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE) Legnago Ottobre-Novembre 2014 La gestione dei rifiuti sanitari Dott.ssa Giuliana Bonizzato Direzione Medica Ospedaliera il cambiamento

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI CERTIFICAZIONE DELLE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI NELLA REGIONE CALABRIA PREMESSA...2 DEFINIZIONI...2 CALCOLO DELLA PERCENTUALE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA...5 ESCLUSIONI DAL

Dettagli

Punto 5.c all ordine del giorno del V Comitato di Sorveglianza

Punto 5.c all ordine del giorno del V Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA INFORMATIVA SULLA PROPOSTA DI MODIFICA DEL PROGRAMMA OPERATIVO A SEGUITO DELLE MODIFICHE INTERNE ALL ASSE III E ALL ASSE V (obiettivo specifico V.3)

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti,

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti, DGR del 7 agosto 2010, n. 375 OGGETTO: Revisione del Metodo standardizzato di certificazione della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani, di cui alla D.G.R. 310/2009. LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA REPORT STATISTICO I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA ANNI A 2007 2007-20122012 1 I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione

Dettagli

PARTE QUARTA NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI (pubblicato nel suppl. ord. alla GU 14 aprile 2006, n.

PARTE QUARTA NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI (pubblicato nel suppl. ord. alla GU 14 aprile 2006, n. DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152 NORME IN MATERIA AMBIENTALE PARTE QUARTA NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI (pubblicato nel suppl. ord. alla GU 14 aprile

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica LA GESTIONE DEI RIFIUTI Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica La disciplina della gestione dei rifiuti è regolata dal Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 ed è rivolta a tutti

Dettagli

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO Il PRB e il coinvolgimento degli attori Il percorso di ascolto e consultazione degli stakeholder

Dettagli

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti A cure dal Dott. Bernardino Albertazzi Giurista Ambientale ORGANIZZAZIONE E COORDINAMENTO A cura

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

RASSEGNA ESSENZIALE DELLA NORMATIVA SETTORIALE DELLE REGIONI OB. CONVERGENZA

RASSEGNA ESSENZIALE DELLA NORMATIVA SETTORIALE DELLE REGIONI OB. CONVERGENZA Programma Operativo Governance e Azioni di Sistema FSE 2007 2013 Obiettivo 1 Convergenza Asse E Capacità istituzionale Progetto di supporto e affiancamento operativo in favore degli Enti Pubblici delle

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2012 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Giugno 2013 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI -

Dettagli

Gli impianti dedicati alla raccolta differenziata di rifiuti solidi urbani : modalità realizzative e gestionali.

Gli impianti dedicati alla raccolta differenziata di rifiuti solidi urbani : modalità realizzative e gestionali. Gli impianti dedicati alla raccolta differenziata di rifiuti solidi urbani : modalità realizzative e gestionali. Preso atto delle continue modifiche normative del settore e delle richieste di chiarimenti

Dettagli

STATISTICHE SUI RIFIUTI

STATISTICHE SUI RIFIUTI STATISTICHE SUI RIFIUTI 1 Rifiuti: comportamento virtuoso dell Isola nella gestione dei rifiuti urbani. Le ultime statistiche mostrano come il comparto della gestione dei rifiuti urbani in Sardegna sia

Dettagli

CAPO I Principi generali

CAPO I Principi generali NUOVE NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI CAPO I Principi generali Art. 1 - Oggetto. 1. La presente legge: a) detta norme in materia di gestione dei rifiuti, in conformità al decreto legislativo 5

Dettagli

LA NORMATIVA SUI RIFIUTI. Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011

LA NORMATIVA SUI RIFIUTI. Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011 LA NORMATIVA SUI RIFIUTI Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011 Il progetto: Un nuovo sistema normativo fondato sulla necessità di garantire: omogeneità dei criteri per le attività inerenti la gestione

Dettagli

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 Rifiuti potenzialmente prodotti presso i cantieri i rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione,

Dettagli

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI Tutte le attività produttive, che nell esercizio del ciclo lavorativo producono rifiuti speciali, devono

Dettagli

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013.

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013. Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Direzione generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche CIRCOLARE n. 1 per l applicazione dell articolo 11 del decreto legge

Dettagli

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 1. Quadro normativo statale Il Parlamento italiano è intervenuto circa 20 anni fa con una legge organica, la legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

ALLEGATO 2 PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

ALLEGATO 2 PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI REGIONE ABRUZZO ALLEGATO 2 PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE E L AGGIORNAMENTO DELL ANAGRAFE DEI SITI CONTAMINATI A cura della Direzione Parchi Territorio Ambiente

Dettagli

PARCO REGIONALE SPINA VERDE CORSO GEV 2014 POLIZIA AMMINISTRATIVA: RIFIUTI. Colverde 29/11/2014. Dott.ssa Claudia Testanera

PARCO REGIONALE SPINA VERDE CORSO GEV 2014 POLIZIA AMMINISTRATIVA: RIFIUTI. Colverde 29/11/2014. Dott.ssa Claudia Testanera PARCO REGIONALE SPINA VERDE CORSO GEV 2014 POLIZIA AMMINISTRATIVA: RIFIUTI Colverde 29/11/2014 Dott.ssa Claudia Testanera LA GESTIONE DEI RIFIUTI Alcune nozioni: Definizione di Rifiuto Definizione di Sottoprodotto

Dettagli

La gestione del rifiuto secco non riciclabile. I casi di Padova e Treviso, inceneritore o CDR?

La gestione del rifiuto secco non riciclabile. I casi di Padova e Treviso, inceneritore o CDR? Corso di Laurea specialistica (ordinamento ex D.M. 509/1999) in Amministrazione e Controllo. Tesi di Laurea. La gestione del rifiuto secco non riciclabile. I casi di Padova e Treviso, inceneritore o CDR?

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 DEFINIZIONI

ART. 1 FINALITA ART. 2 DEFINIZIONI ART. 1 FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina tutte le fasi della gestione dei rifiuti cimiteriali come definiti dall'art.7, comma 2 lett. f) D.Lgs.22/97 e successive modificazioni ed integrazioni,

Dettagli

Inquadramento normativo

Inquadramento normativo Provincia di Vercelli Programma Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Urbani Inquadramento normativo Con il recepimento della Direttiva 98/2008 sui rifiuti, è stata introdotta nell ordimento interno

Dettagli

Nuova direttiva rifiuti e nuove regole di classificazione per i rifiuti pericolosi. Conseguenze e impatti su produzione, deposito, trasporto, gestione

Nuova direttiva rifiuti e nuove regole di classificazione per i rifiuti pericolosi. Conseguenze e impatti su produzione, deposito, trasporto, gestione Nuova direttiva rifiuti e nuove regole di classificazione per i rifiuti pericolosi. Conseguenze e impatti su produzione, deposito, trasporto, gestione Dr.ssa Micaela Utili Confapi Ravenna Verona 21 aprile

Dettagli

Il testo è aggiornato con tutte le modifiche intervenute sino ad oggi.

Il testo è aggiornato con tutte le modifiche intervenute sino ad oggi. Reteambiente Normativa vigente - rifiuti Decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (cd. "Decreto Ronchi" - Testo vigente) (Supplemento ordinario n. 33 alla Gazzetta ufficiale 15 febbraio 1997 n. 38) Il

Dettagli

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO ART. 1 Destinatari 1. Il presente Regolamento si applica a tutte le strutture dell Università degli Studi di Milano, nonché alle seguenti categorie di personale: 1) personale docente, ricercatore, tecnico

Dettagli

I RIFIUTI SANITARI NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE

I RIFIUTI SANITARI NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE I RIFIUTI SANITARI NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE La gestione dei rifiuti sanitari: aspetti normativi A cura di: Marco Ferrari Tecnico della Prevenzione Servizio Controllo Ambientale

Dettagli

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti Gestione integrata dei rifiuti IL RUOLO DELL ATENEO NELLA GESTIONE E NELLA TUTELA DELL AMBIENTE AMIANTO ACQUA UPS ARIA RIFIUTI LA GESTIONE UNICA DEI RIFIUTI DELL ATENEO Regolamento di Ateneo per la gestione

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014: ALLEGATO A1) ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 22 dd. 20.05.2014 COMUNE DI ALA PROVINCIA DI TRENTO PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L.

Dettagli

REGOLAMENTO 27 luglio 2012, n. 8

REGOLAMENTO 27 luglio 2012, n. 8 REGOLAMENTO 27 luglio 2012, n. 8 Regolamento per l'assegnazione ai comuni della Campania del contributo di ristoro ambientale previsto dall'articolo 28 della legge regionale 28 marzo 2007, n. 4 "norme

Dettagli

Accordo di Programma per il Recupero dei Residui da Costruzione e Demolizione nella Provincia di Ferrara

Accordo di Programma per il Recupero dei Residui da Costruzione e Demolizione nella Provincia di Ferrara SERVIZIO RISORSE IDRICHE E TUTELA AMBIENTALE PROVINCIA DI FERRARA OSSERVATORIO PROVINCIALE DEI RIFIUTI Accordo di Programma per il Recupero dei Residui da Costruzione e Demolizione nella Provincia di Ferrara

Dettagli

PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA

PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA UFFICIO TECNICO PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA PROGETTO A CURA DELL UFFICIO TECNICO Istruttore Amministrativo Geometra Ingegnere PORCARO OLINDO SALVATORE BARBATO

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15 LEGGE REGIONALE 27 aprile 2012, n. 17 Disposizioni in materia di risorse idriche. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli

IL REGISTRO DI CARICO E DI SCARICO DEI RIFIUTI (ART.190): PRIMA PARTE.

IL REGISTRO DI CARICO E DI SCARICO DEI RIFIUTI (ART.190): PRIMA PARTE. IL REGISTRO DI CARICO E DI SCARICO DEI RIFIUTI (ART.190): PRIMA PARTE. di Alberto PIEROBON già Dirigente e ViceSegretario Generale Enti Locali già Dirigente e Direttore Generale Azienda Pluricomunale di

Dettagli

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE A) ISCRIZIONE ALL ALBO DEI GESTORI - articolo 212 d.lgs.n.152/06 Ai sensi dell articolo 212, comma 5, del d.lgs. n.152/06 sono obbligati

Dettagli

LEGGI E DECRETI PRESIDENZIALI

LEGGI E DECRETI PRESIDENZIALI GAZZETTA REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE SICILIANA Anno 64 - Numero 18 UFFICIALE PARTE PRIMA Palermo - Lunedì, 12 aprile 2010 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI Sped. in a.p., comma 20/c, art.2, l. n.

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti FUNZIONI DEL SERVIZIO 1. Attività su bonifica dei siti contaminati Il Servizio ha il compito di emettere la certificazione di avvenuta bonifica dei siti contaminati.

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

PREMESSA 3.04.2006, 152 L.R.

PREMESSA 3.04.2006, 152 L.R. ALLEGATO 1 DIRETTIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE IN VIA DEFINITIVA E DI SVOLGIMENTO DELLE SINGOLE CAMPAGNE DI ATTIVITA DEGLI IMPIANTI MOBILI DI SMALTIMENTO O DI RECUPERO DI RIFIUTI DI CUI ALLA

Dettagli

Regione Abruzzo D.Lgs.151/05 RAEE. Dott. Franco Gerardini Regione Abruzzo Servizio Gestione Rifiuti

Regione Abruzzo D.Lgs.151/05 RAEE. Dott. Franco Gerardini Regione Abruzzo Servizio Gestione Rifiuti D.Lgs.151/05 RAEE Dott. Franco Gerardini Servizio Gestione Rifiuti La gestione integrata dei rifiuti Criticità del sistema regionale di gestione dei rifiuti la L.R.83/00 (contenente il PRGR) non recepisce

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE INTEGRATA DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI (ISOLA ECOLOGICA) DI PIAZZA STAZIONE

REGOLAMENTO GESTIONE INTEGRATA DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI (ISOLA ECOLOGICA) DI PIAZZA STAZIONE REGOLAMENTO GESTIONE INTEGRATA DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI (ISOLA ECOLOGICA) DI PIAZZA STAZIONE Art. 1 Finalità - 1. Il presente Regolamento contiene le disposizioni per la corretta gestione

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA ACCORDO DI PROGRAMMA (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA LE SOCIETÀ con sede in Bologna, in qualità di soggetti gestori delle piattaforme di conferimento

Dettagli

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006 Claudio Boldori CON LA PUBBLICAZIONE DEL RONCHI TER, SEMBRA CONCLUSA LA PRIMA E DOVEROSA FASE DI COMPLETAMENTO

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i. ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.) Fra LA PROVINCIA DI VICENZA I SOGGETTI GESTORI DEL CIRCUITO

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

www.leverup.it info@leverup.it

www.leverup.it info@leverup.it 1. Raccolta e confezionamento in laboratorio. 2. trasferimento al deposito temporaneo. 3. gestione del deposito temporaneo compilazione del registro di carico e scarico rapporto con le diverse ditte incaricate

Dettagli

Direttive regionali in materia di comunicazione dei dati riferiti al sistema impiantistico per la gestione dei rifiuti. Approvazione.

Direttive regionali in materia di comunicazione dei dati riferiti al sistema impiantistico per la gestione dei rifiuti. Approvazione. Direttive regionali in materia di comunicazione dei dati riferiti al sistema impiantistico per la gestione dei rifiuti. Approvazione. LA GIUNTA REGIONALE PREMESSO che la Regione Abruzzo intende affermare

Dettagli

Centro studi e ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti. Progetto a Tema 2011. Gli indicatori del recupero SINTESI

Centro studi e ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti. Progetto a Tema 2011. Gli indicatori del recupero SINTESI Centro studi e ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Progetto a Tema 2011 Gli indicatori del recupero SINTESI INDICE 1. PANORAMA NORMATIVO...3 1.1 Obiettivi per il recupero...3 1.2 Norme tecniche...4

Dettagli

Gestione dei rifiuti

Gestione dei rifiuti SEMINARIO GRATUITO Gestione dei rifiuti ing. Marco Borile Pordenone 5 aprile 2011 Società di ingegneria ENERGIA SICUREZZA AMBIENTE PROGETTAZIONE CONSULENZA FORMAZIONE Veneto Trentino Alto Adige Lombardia

Dettagli

MUD 2009. Incremento dei soggetti tenuti a presentare il modello unico di dichiarazione. Piccoli produttori di rifiuti unici soggetti agevolati

MUD 2009. Incremento dei soggetti tenuti a presentare il modello unico di dichiarazione. Piccoli produttori di rifiuti unici soggetti agevolati l Dichiarazione unica ambientale. Aumentati i moduli da compilare MUD 2009 Piccoli produttori di rifiuti unici soggetti agevolati Incremento dei soggetti tenuti a presentare il modello unico di dichiarazione

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO I RIFIUTI Sommario: 1. Quadro normativo di riferimento. - 2. La definizione di rifiuto. - 3. Classificazione dei rifiuti. - 4. Limiti al campo di applicazione della disciplina del D.Lgs.

Dettagli

Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento

Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento La presente relazione dà conto delle modificazioni apportate al secondo decreto legislativo correttivo

Dettagli

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007 MUD 2015 RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MUD 2015 Normativa di riferimento Il D. Lgs. n.152/2006 all art. 189 dispone l obbligo di comunicare le quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti per

Dettagli

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio Il Legale Rappresentante di una società di capitali che abbia delegato ad altri soggetti di sua fiducia attività in tema di gestione dei rifiuti diviene responsabile

Dettagli

PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI

PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI Marco Gentilini, Nova Consulting Rieti, 25.9.2014 CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICI COMUNALI Obiettivo principale: migliorare la

Dettagli

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Sanitaria - Ambientale Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento

Dettagli

CONSIDERATO CHE - la gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è regolata dalla legge; - il decreto legislativo 5 febbraio

CONSIDERATO CHE - la gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è regolata dalla legge; - il decreto legislativo 5 febbraio CONSIDERATO CHE - la gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è regolata dalla legge; - il decreto legislativo 5 febbraio 1997 n. 22 (attuazione delle direttive 91/156/CEE sui

Dettagli

COMUNE DI MIRANDOLA (Provincia di Modena)

COMUNE DI MIRANDOLA (Provincia di Modena) Prot. 19079 6.10 del 17/11/2010 n. 18 del 17 novembre 2010 Oggetto: Raccolta differenziata dei rifiuti urbani e assimilati con modalità domiciliare nel centro storico e nell area urbana di Mirandola. IL

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

D.lgs. 152/06 art. 197

D.lgs. 152/06 art. 197 FUNZIONI DELLA PROVINCIA D.lgs. 152/06 art. 197 1. In attuazione dell'articolo 19 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, alle province competono: a) il controllo e la verifica degli interventi

Dettagli

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO COMUNE DI DERUTA SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO ANALISI ECONOMICHE DEI SERVIZI REPORT PARZIALE ANNO 2013 CONFRONTO CON ANNI 2010-2011-2012 Servizi monitorati: Igiene urbana Asilo nido 1 COMUNE

Dettagli

Unione Industriali Pordenone

Unione Industriali Pordenone Unione Industriali Pordenone Decreto Legislativo n 152 del 3 aprile 2006 D.Lgs 152/2006 noto come Testo unico ambientale : è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale 14 aprile

Dettagli

INDICE. SIS.T.RI. Normativa Soggetti obbligati e soggetti non obbligati Ultime novità normative Operatività L utilizzo della piattaforma SISTRI

INDICE. SIS.T.RI. Normativa Soggetti obbligati e soggetti non obbligati Ultime novità normative Operatività L utilizzo della piattaforma SISTRI LA GESTIONE E LA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SIS.T.RI Relatore: Giovanni Cadeddu 16 Dicembre 2014 STUDIO DI CONSULENZA AMBIENTALE GIOVANNI CADEDDU Uff. Mantova Via Solferino, 1 46049 VOLTA M.NA (MN) tel.

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

2 INQUADRAMENTO NORMATIVO

2 INQUADRAMENTO NORMATIVO Inquadramento normativo 9 2 INQUADRAMENTO NORMATIVO Nel presente capitolo viene sinteticamente richiamato il quadro normativo di riferimento ai fini della pianificazione provinciale in materia di rifiuti.

Dettagli

CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO. Piano d Ambito ATO n. 6 Chietino CAP. I Inquadramento normativo e struttura del piano

CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO. Piano d Ambito ATO n. 6 Chietino CAP. I Inquadramento normativo e struttura del piano CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO 1 INDICE 1. INQUADRAMENTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO... 3 1.1 RICOGNIZIONE... 7 1.2 LIVELLI DI SERVIZIO... 9 1.3 AREE CRITICHE E PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI...

Dettagli

ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE

ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE D. Lgs. 49/2014 ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE Torino, 14 aprile 2014 GIANLUCA CENCIA Direttore Federambiente RECEPIMENTO DIRETTIVA EUROPEA SUI RAEE D. Lgs. 14 marzo 2014, n. 49 Attuazione della

Dettagli

a.a. 09-10 ing. F.Parotti Adempimenti normativi Ambientali nell attività di cantiere I RIFIUTI

a.a. 09-10 ing. F.Parotti Adempimenti normativi Ambientali nell attività di cantiere I RIFIUTI I RIFIUTI DEFINIZIONE DI RIFIUTO qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore: si disfi Voglia disfarsi Abbia l'obbligo di disfarsi (CEE 751442; termine per l'attuazione luglio1977), qualsiasi sostanza

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1333 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Legge provinciale 14 aprile 1998, n. 5 (Disciplina della raccolta differenziata

Dettagli

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative Chiarimenti 1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative A distanza di tre anni dalla data di entrata in vigore del D.Lgs

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

LA GOVERNANCE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI Un focus sul servizio di gestione dei rifiuti

LA GOVERNANCE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI Un focus sul servizio di gestione dei rifiuti Programma Operativo Governance e Azioni di Sistema FSE 2007 2013 Obiettivo 1 Convergenza Asse E Capacità istituzionale Progetto di supporto e affiancamento operativo a favore degli Enti Pubblici delle

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2011 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

Ordine del Giorno sulla Ecotassa prevista dalla Regione Puglia. Premesso che:

Ordine del Giorno sulla Ecotassa prevista dalla Regione Puglia. Premesso che: Ordine del Giorno sulla Ecotassa prevista dalla Regione Puglia Premesso che: - Il Testo Unico sull ambiente (D.Lgs. 152/2006) agli artt. 196 197 198, disciplina le competenze di Regioni, Province e Comuni

Dettagli