La gestione dei rifiuti nei cantieri edili. Ing. Andrea Bonvini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione dei rifiuti nei cantieri edili. Ing. Andrea Bonvini"

Transcript

1 La gestione dei rifiuti nei cantieri edili Ing. Andrea Bonvini 1

2 Cosa si intende per rifiuto? Quando il detentore di una sostanza, materiale o bene: si disfi; abbia deciso di disfarsi; abbia l obbligo di disfarsi; Pg. 26 di essa/o avviandola/o ad operazioni di recupero o smaltimento 2

3 Rifiuti potenzialmente prodotti presso i cantieri i rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione, aventi codici CER i rifiuti, aventi codici CER diversi dai , che possono essere prodotti nelle normali attività di costruzione e demolizioni (esempio, i rifiuti da imballaggi). Pg.32 3

4 Rifiuti speciali o urbani? I rifiuti da costruzione e demolizione sono rifiuti speciali. Articolo 184, c. 3, lettera b, D. Lgs 152/06): sono rifiuti speciali i rifiuti derivanti dalle attività di demolizione, costruzione, nonché i rifiuti che derivano dalle attività di scavo, fermo restando quanto disposto dall articolo 186*. Non possono essere assimilati ai rifiuti urbani. Solo i privati cittadini possono conferire i rifiuti da costruzione e demolizione derivanti dalle attività di manutenzione della proprie abitazioni alla piattaforma ecologica e/o centro di raccolta. 4

5 Il produttore dei rifiuti Perché fondamentale individuarlo? Tenuto ad avviare i rifiuti a Rec. / Smalt.; Attribuisce CER corretto e relativa gestione (pericoloso); Verifica iscrizione all Albo del trasportatore; Verifica autorizzazione del gestore dell impianto a cui il rif. è conferito; Tiene, ove necessario, il Registro di C/S, emette il FIR verificando il ritorno della quarta copia, presenta il MUD. Tutti questi sono oneri del produttore! Pg 50 5

6 Il produttore dei rifiuti nelle attività di costruzione e demolizione Dove il produttore rifiuti = committente: si limiterebbe la responsabilità dell appaltatore (colui che esegue) solo alle operazioni di raccolta e trasporto di rifiuti prodotti dal committente (per le quali occorre iscrizione all Albo.) Dove il produttore rifiuti = appaltatore: Colui che produce rifiuti, dalle proprie attività, ne risponde. In oltre: Dove il contratto d appalto prevede che l appaltatore operi in piena autonomia decisionale gestionale, questo è di sicuro identificato come produttore rif. ed il committente non ha obblighi di garanzia pg52-56 Dove il c.a. non prevede l operato in piena autonomia o se appaltatore ha in gestione attività di servizio tipo rimozione/smantellamento oggetti dismessi (macchinari, serbatoi) già definibili rifiuti nel momento in cui inizia la propria attività allora il produttore è il committente. Dove subappalto: corretta prassi è identificare il subappaltatore quale produttore dei rifiuti (quelli generati dalla propria attività) e appaltatore ha obblighi di vigilanza. 6

7 L identificazione del produttore dei Consiglio: rifiuti in edilizia stipulare accordi tra committente ed appaltatore sulla responsabilità di gestione dei rifiuti inserendo specifiche previsioni in merito. 7

8 Gestione dei rifiuti derivanti da manutenzione delle infrastrutture Premessa: il luogo di produzione dei rifiuti è definito: uno o più edifici o stabilimenti o siti infrastrutturali collegati tra loro all interna di un area delimitata in cui si svolgono le attività di produzione dalle quali sono originati i rifiuti.(pg 48) Art. 230 D.Lgs 152/06, riferito solo all infrastruttura a rete degli impianti per l erogazione di forniture e servizi di interesse pubblico (acqua, gas, energia) ed ai rifiuti derivanti da manutenzione degli stessi: Il luogo di produzione può essere: 1. La sede stessa del cantiere o 2. Sede locale del gestore dell infrastruttura e/o luogo dove il materiale tolto d opera viene trasportato per la successiva valutazione tecnica da effettuarsi entro 60 gg dal termine dei lavori. Pg

9 Gestione dei rifiuti derivanti da manutenzione delle infrastrutture (2) Questa deroga cosa comporta?: Gestore dell infrastruttura o ditta esecutrice dei lavori può adempiere alla tenuta del registro c/s e FIR in un luogo che non coincide con il cantiere in cui effettivamente si produce il rifiuto. Comunque, consiglio pratico, se si sceglie questa strada è preferibile registrare in maniera chiara e precisa tutti gli ingressi di materiale dal cantiere al luogo di valutazione tecnica (luogo ove si avrà registro c/s e FIR). 9

10 Gestione dei rifiuti derivanti da manutenzione delle infrastrutture (3) Art. 266 c.4, tale traslazione ed estensione del concetto di luogo di produzione può essere estesa anche alle attività di manutenzione *, ove necessario uno spostamento di materiale per valutazione tecnica. * categorie produttive che eseguono tali attività a livello artigianale e con dimensione rapportata ad esigue operazioni di interventi manutentivi, ossia con quantitativi minimi di rifiuti. pg 66 Consiglio pratico:non annoverare le attività di costruzione e demolizione tra queste. 10

11 Gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione derivanti da attività di manutenzione La deroga prevista dagli art. 266 e 230 è applicabile ai rifiuti da costruzione e demolizione derivanti da attività di manutenzione? Dal punto di vista giuridico dell interpretazione letterale della norma, si; tale ragionamento però vanificherebbe la disposizione normativa dell art. 183 c. 1,m, sul deposito temporaneo, dal momento in cui si consentirebbe di trasportare rifiuti dalla effettiva sede di produzione (cantiere) verso la sede del soggetto che svolge tale attività senza FIR. Quindi nell ambito delle attività di manutenzione, soggette al parziale regime di favore, è logico farvi rientrare solo quelle che, oltre alle caratteristiche dimensionali/strutturali menzionate, abbiano quelle qualitative (sicuramente i rifiuti da costruzione e demolizione non sono tra questi). Pg

12 Le principali prassi di cantiere per i rifiuti da manutenzione Ipotesi 1: Manutentore produce rifiuti in cantiere e gestisce all interno dello stesso, in apposita area, un personale deposito temporaneo con registro c/s (è il produttore); Ipotesi 2: Manutentore porta i rifiuti, subito dopo averli generati, presso propria sede, ove tiene registro c/s, usufruendo del 266 c.4.; Ipotesi 3: Manutentore gestisce all interno del cantiere un deposito cumulativo, ossia dei propri rifiuti + rifiuti committente o altri soggetti; Ipotesi 4: Manutentore produce rif. che vengono presi in carico dal committente che diventa il produttore assumendone la totale responsabilità; Ipotesi 5: Manutentore gestisce il d.t. presso area esterna rispetto all effettivo luogo di produzione ma non coincidente con la sede o il domicilio. 12

13 Le principali prassi di cantiere per i rifiuti da manutenzione (2) Ipotesi 1: corretta, specie in presenza di c.a. dove il manutentore conduce le attività in autonomia; Ipotesi 2: corretta, nei limiti legittimati dalla legge (tipo di attività e tipo di rifiuti); Ipotesi 3: scorretta, d.t. deve essere personale (solo del produttore); Ipotesi 4: corretta, specie in presenza di c.a. in cui risulti evidente un ingerenza del committente che riduce l autonomia dell appaltatore, o in essenza di c.a.; Ipotesi 5: scorretta, il d.t. può essere tenuto nel luogo di produzione del rifiuto o secondo quanto concesso dalla deroga dell art. 266 c.4. Pg 68 13

14 Oneri dei produttori (art. 188)* (1) pg 68 Il produttore o detentore dei rifiuti speciali assolve i propri obblighi con le seguenti priorità: Autosmaltimento dei rifiuti Conferimento dei rifiuti a terzi autorizzati Conferimento dei rifiuti ai soggetti che gestiscono il servizio pubblico di raccolta dei rifiuti urbani, con i quali sia stata stipulata apposita convenzione; Utilizzazione del trasporto ferroviario di rifiuti pericolosi per distanze superiori a 350 Km e quantità eccedenti le 25 t; Esportazioni di rifiuti (art. 194) * produttore: la persona la cui attività ha prodotto rifiuti cioe' il produttore iniziale e la persona che ha effettuato operazioni di pretrattamento, di miscuglio o altre operazioni che hanno mutato la natura o la composizione di detti rifiuti; detentore: il produttore dei rifiuti o il soggetto 14 che li detiene.

15 Oneri dei produttori e dei detentori (art. 188)* (2) La responsabilità del detentore per il corretto recupero o smaltimento dei rifiuti è esclusa in caso di conferimento dei rifiuti al servizio pubblico di raccolta. In caso di conferimento dei rifiuti a soggetti autorizzati, a condizione che il detentore abbia ricevuto il formulario controfirmato e datato in arrivo dal destinatario entro tre mesi dalla data di conferimento dei rifiuti al trasportatore, ovvero alla scadenza del predetto termine, abbia provveduto a dare comunicazione alla Provincia della mancata ricezione del formulario (sei mesi per le spedizioni transfrontaliere comunicazione alla Regione). Pg 71 15

16 Oneri dei produttori e dei detentori (art. 188)* (3) In ordine al concetto della responsabilità del produttore sottolineiamo l importanza della qualifica del fornitore del servizio di raccolta/smaltimento rifiuti. Infatti, il D. Lgs. 152/2006 obbliga il produttore a verificare che i trasportatori e i destinatari dei propri rifiuti siano soggetti regolarmente autorizzati al trasporto,riutilizzo, smaltimento, commercio o intermediazione di rifiuti. Il produttore verificherà preliminarmente: Iscrizione Albo Nazionale Gestori ambientali per le categorie di rif. (CER) che si intende far trasportare; Mezzo di trasporto utilizzato espressamente contemplato nel provvedimento di iscrizione (targa) e munito di copia autentica del provvedimento di iscrizione; Provvedimento di autorizzazione all esercizio delle operazioni di R/D o l iscrizione al Registro delle Imprese (per impianti di recupero in procedure semplificate) verificandone scadenza e CER ammissibili; Avvenuta presentazione delle garanzie finanziarie. pg 73 16

17 Oneri dei produttori e dei detentori Pratiche in cantiere I rifiuti inerti possono essere accumulati separatamente anche sul suolo, purché sagomato con adeguate pendenze in modo da evitare ristagni di acque meteoriche. Gli altri rifiuti (legno, metalli, cartoni, plastica ecc.) è bene siano posti in adeguati contenitori e/o cassonetti. I rifiuti pericolosi (es. oli e batterie) devono essere stoccati in appositi contenitori etichettati. 17

18 Deposito temporaneo (art. 183, c. 1 lett. m) Il raggruppamento dei rifiuti effettuato, prima della raccolta, nel luogo in cui sono prodotti: purchè tali non contengano PCB,PCD.(pg 49 ). NON PERICOLOSI assenza di determinate sostanze PERICOLOSI assenza di determinate sostanze effettuato per categorie omogenee nel rispetto delle relative norme tecniche; effettuato per categorie omogenee nel rispetto delle norme che disciplinano il deposito delle sostanze pericolose in essi contenute; rispetto delle norme che disciplinano l'imballaggio e l'etichettatura dei rifiuti pericolosi 18

19 Deposito temporaneo (art. 183, c. 1 lett. m) DURATA e QUANTITA Il produttore può scegliere tra le seguenti modalità: NON PERICOLOSI PERICOLOSI 3 MESI indipendentemente dalla quantità 3 MESI indipendentemente dalla quantità Quantitativo in deposito raggiunge i 20 mc e comunque deposito non superiore a 1 anno Quantitativo in deposito raggiunge i 10 mc e comunque deposito non superiore a 1 anno 19

20 Caratteristiche deposito temporaneo Può essere istituito e gestito solo dal produttore del rifiuto, quindi non può esistere un impresa che opera per conto del produttore in tal senso; Deve essere nel luogo di produzione del rifiuto salvo art ; I limiti quantitativi sono da intendersi complessivi ossia per la sommatoria dei pericolosi e dei non pericolosi; pg 122 Non deve essere deposito cumulativo ossia: - composto da rifiuti omogenei ma generati da diversi produttori anche se operanti nel medesimo cantiere; - composto da rifiuti omogenei generati dal medesimo produttore ma in cantieri diversi o attività diverse fa loro. 20

21 Registro di carico e scarico rifiuti L impresa edile che produce rifiuti è obbligata a tenere un registro di carico e scarico dei rifiuti solo ed esclusivamente per la produzione di rifiuti pericolosi e n.p da attività accessorie (slide 23). I rifiuti non pericolosi che derivano da attività di demolizione e costruzione non devono essere annotati sul registro di carico e scarico. (Art. 184 e 190, D. Lgs. 152/2006). Infatti art. 190, (189 c.3, sostituito art.2, c.24 d.lgs 4/08) obbliga la tenuta del registro c/s per: chi effettua attività di raccolta e trasporto a titolo professionale; commercianti ed intermediari senza detenzione; chi svolge attività di recupero o smaltimento; chi produce rif. pericolosi; consorzi istituiti al fine di rec. particolari tipologie rif.; chi produce rif. n.p. da lavorazioni industriali, artigianali, da R/D rif., trattamenti acque e fumi. Pg

22 Modello Unico di Dichiarazione Ambientale Comunicazione in materia ambientale effettuata dalle imprese con cadenza annuale, istituita dalla legge 25 gennaio 1994, n. 70, meglio conosciuta come il 740 verde. Le imprese edili, limitatamente alla produzione di rifiuti non pericolosi derivanti dall attività di demolizione e costruzione, sono esonerate dall obbligo di presentazione del Mud. L obbligo permane in caso di produzione di rifiuti pericolosi. Infatti sono tenuti a presentare il MUD: chi effettua attività di raccolta e trasporto a titolo professionale (= Registro); commercianti ed intermediari senza detenzione (= Registro); chi svolge attività di recupero o smaltimento (= Registro); chi produce rif. pericolosi (= Registro); chi produce rif. n.p. da lavorazioni industriali, artigianali, da R/D rif., trattamenti acque e fumi (= Registro); sono esclusi dal MUD: imprenditori agricoli (art c.civile), imprese che esercitano la raccolta ed il trasporto dei propri rif. n.p. (art. 212), imprese (solo per i n.p.) se <= 10 dip. Pg

23 La gestione del registro per le imprese che effettuano attività di costruzione demolizione. Premessa: i rifiuti da demolizione e costruzione se non pericolosi non rientrano in quelli per cui è prevista (art ) la tenuta del registro. Come si valuta (e/o valutano gli enti di controllo) il rispetto del deposito temporaneo (art. 183, m) le cui condizioni sono comunque da considerare? Si può ricostruire la storia attraverso fogli di lavoro o riscontri amministrativi in merito alla data inizio lavori, in ogni caso rimane la difficoltà oggettiva di segnare un punto zero da cui, per esempio, verificare il rispetto dei tre mesi. Per tutti i rif. Pericolosi e per i non pericolosi derivanti da lavorazioni artigianali, manutenzione veicoli, lavorazioni meccaniche o altro, la tenuta del registro è obbligatoria nel luogo stesso di produzione ossia in cantiere, nel caso di più cantieri, quindi più luoghi di produzione, per ciascuno di essi. Il FIR è obbligatorio ad eccezione del trasporto di rif. non pericolosi effettuato in conto proprio in maniera occasionale e saltuaria per quantità inferiori a 30 Kg/l. Obbligo MUD per rifiuti pericolosi (tutti) e non pericolosi di cui (art.184).. da lavorazioni industriali, artigianali se si hanno più di 10 dipendenti. Pg 83 23

24 Ipotesi di trasporto rifiuti da e verso il cantiere Dal cantiere verso l impianto di conferimento (R/D) tramite trasportatori terzi iscritti all Albo (212 c /06) con FIR; Come sopra ma tramite mezzi propri previa iscrizione all Albo (212 c /06 per i rifiuti pericolosi, comma 8 procedura semplificata per i non pericolosi) con FIR; Limitatamente all area interna del cantiere, con propri mezzi, al deposito temporaneo oppure al centro di stoccaggio provvisorio debitamente autorizzato (messa in riserva) senza FIR; Per i rifiuti in deroga come da art. 230 e 266 senza FIR; Da un cantiere (ove prodotti) ad un altro (della medesima impresa), passando su strada pubblica, FIR e cantiere che riceve i rifiuti autorizzato come impianto si stoccaggio non posso fare deposito temporaneo; come sopra ma all interno dell area delimitata di cantiere (senza passaggio strada pubblica), il secondo cantiere può essere deposito temporaneo purchè vi siano depositati solo rifiuti derivanti dall attività della medesima impresa. 24

25 Oneri del produttore relativi al conferimento in discarica D.Lgs n.36/2003, DM 3 agosto 2005: Rifiuti inerti: rif. solidi che non subiscono alcuna trasformazione fisica, chimica (stabili)., non si dissolvono, non bruciano, non producono percolati, non rilasciano sostanze ecotossiche (..in pratica (art. 7 D.Lgs 36/03) sottoposti a trattamento per ottenere le caratteristiche di cui sopra, ove tecnicamente possibile ed indispensabile). Il produttore presenta la documentazione attestante tutte queste caratteristiche (criteri di ammissibilità previsti dal DM agosto 2005) al gestore della discarica; Tali certificazioni devono essere presentate al primo conferimento e poi annualmente se il rifiuto non cambia, altrimenti ad ogni variazione dello stesso; La caratterizzazione di base (allegato 1 DM) è requisito fondamentale al fine di determinare l ammissibilità di un determinato rifiuto in una determinata categoria di discarica, ed è obbligatoria, eccetto dove espressamente specificato, per ogni tipologia di rifiuto (ogni CER) conferito in discarica. La caratterizzazione di base deve essere effettuata solo alla fine dell ultimo trattamento effettuato al fine di stabilizzare il rifiuto. 25

26 Oneri del gestore relativi al conferimento in discarica Controlla la documentazione; Verifica la conformità dei rifiuti relativamente al FIR ed ai criteri di ammissibilità con la medesima frequenza con cui il produttore effettua la caratterizzazione; Effettua ispezione visiva di ogni carico dei rifiuti, prima e dopo lo scarico; Effettua le verifiche analitiche di conformità (di cui almeno un test di cessione per lotti), del rifiuto conferito, ai criteri di ammissibilità, con cadenza stabilità dall autorità competente (vedi autorizzazione), al massimo annuale, conservando per 2 mesi i campioni prelevati vedi allegato 3 del DM 03/08/2005; Comunica alla regione ed alla provincia l eventuale mancata ammissione dei rifiuti in discarica; Presenta per l approvazione, alle autorità competenti i piani di gestione. N.B: le discariche sono soggette ad autorizzazione. 26

27 Conferimento in discarica dei rifiuti da demolizione I rifiuti da demolizione possono essere smaltiti in discarica per inerti (ex discariche di II categoria tipo 2 A) se: Rientrano nella tabella 1 del DM 3 agosto 2005, senza accertamento analitico (ne caratterizzazione), provengono da un unico processo e rispettano le restrizioni: Es /02/03 (Cemento/Mattoni/Mattonelle e Ceramiche, ammessi solo se contenenti % minoritaria di metalli, plastica, legno, gomma ed origine nota (demolizioni di edifici contenenti sostanze pericolose). In caso sussistano dubbi, da parte del gestore della discarica, circa la conformità del rifiuto ai requisiti dalla Tab. 1 (esame visivo), devono essere analizzati o comunque respinti. 27

28 Conferimento in discarica dei rifiuti da demolizione (2) I rifiuti da demolizione possono essere smaltiti in discarica per inerti se: A seguito della caratterizzazione di base soddisfano tre requisiti: 1) al test di cessione*(s32) presentano un eluato conforme alle concentrazioni fissate in Tab. 2 del DM; 2) non contengono contaminanti organici (oli minerali, benzene, toluene..) in concentrazioni superiori a quelle di Tab. 3 del DM; 3) non contengono le sostanze di tabella 1, allegato 1 del DM 25/10/99 n. 471 dove le concentrazioni limite di riferimento sono quelle per i siti ad uso commerciale - industriale. 28

29 Caratterizzazione di base pg 110 Raccolta di informazioni necessarie allo smaltimento in sicurezza del rifiuto: Fonte ed origine del rifiuto, descrizione del processo che origina il rifiuto, descrizioni dei trattamenti effettuati sul rifiuto od una dichiarazione che spieghi perché tali trattamenti non siano considerati necessari, composizione del rifiuto, CER, la categorie di discarica alla quale sono ammissibili. Oltre a tali informazioni, i rifiuti, per il conferimento in discarica necessitano di caratterizzazione analitica. Per determinare la gamma di analisi si procede individuando due tipologie di rifiuti: rifiuti generati regolarmente nel corso dello stesso processo e rifiuti non generati regolarmente. Le analisi devono essere condotte da un laboratorio accreditato. 29

30 Caratterizzazione di base (2) Rifiuti generati regolarmente: da un processo noto che coinvolge materie definite, è un rifiuto omogeneo di cui il produttore fornisce tutte le informazioni. Questi rifiuti sono sottoposti a test di cessione per lotti (attraverso la raccolta di campioni rappresentativi) e determinazioni analitiche. Rifiuti generati non regolarmente: da un processo particolare che non fanno parte di un flusso produttivo determinato e caratterizzato. La determinazione analitiche devono essere condotte su ogni lotto e non su campioni rappresentativi. 30

31 Cosa è successo? Il D.Lgs n.36/03 ed il suo attuativo DM 03/08/05 sono stati continuamente prorogati (cinque volte). Il dl 208/2008 prevedeva la fine di questa situazione al 31/12/2008, poi la legge n.13/2009 rimanda al 30/06/2009, previa richiesta delle regioni al ministero dell ambiente, con tempi massimi di adeguamento al 31/12/2009. In pratica i nuovi criteri, di derivazione comunitaria, di ammissibilità dei rifiuti in discarica, entrano a regime con il Infatti le discariche già autorizzate al 27/03/03 possono continuare fino al 31/12/2009 a ricevere i rifiuti così come autorizzate (ossia vecchia normativa), quelle autorizzate dopo il 27/03/03 ricevono in osservanza alla vecchia normativa. Attenzione: le discariche devono comunque aver presentata il piano di adeguamento al 36/03: se il piano non viene presentato o accettato dall autorità, quest ultima doveva provvedere a prescrivere modi e tempi di chiusura, se approva il piano e nello stesso fa riferimento ai nuovi criteri del 36/03 questi diventano attuativi. *s31: le novità del 36/03 comprendono anche le modalità di conduzione del test di cessione: 31

32 Norma UNI Rifiuti liquidi, granulari, pastosi e fanghi campionamento manuale, preparazione ed analisi degli eluati. Metodi di campionamento ed analisi (compreso eluato): Il campionamento è parte integrante del processo analitico, la norma sviluppa ed affronta le problematiche inerenti al passaggio da una grande massa eterogenea ad una piccola (campione) omogenea e rappresentativa. Definisce il numero di prelievi da effettuare per ogni cumulo di materiale secondo una griglia determinata (quartatura). Fondamentale quindi che, non solo la parte strumentale/analitica, ma anche le operazioni di prelievo siano condotte dai tecnici del laboratorio incaricato. Modalità di verbalizzazione del prelievo, contenuti necessari. Metodi analitici: ENV 12506, ENV 12457/1-4**, ENV 13370: Eluati, parametri da determinare. * Test di cessione, metodica dei rifiuti granulari Appendice B. ** n.b. sono quattro metodologie di eluizione distinte, purtroppo nel DM 03/08/05 i valori limite indicati sono riferiti solo ad un determinato rapporto liquido/solido 10 l/kg pertanto il riferimento a più test genera confusione. 32

33 Trattamento dei rifiuti provenienti da C&D, attraverso il recupero con impianti mobili. I rifiuti prodotti dalle demolizioni sono da trattare come art. 184 comma 3 lett. B del 152/06: speciali. Utilizzo di impianti mobili (per frantumazione o vagliatura), disciplinati dall art. 208, comma 15 ed art. 212 c.5.; Sono esclusi gli impianti mobili per la disidratazione dei fanghi degli impianti di depurazione; Tali impianti devono essere autorizzati dalla regione (o dalla provincia se delegata) ove l interessato ha sede legale art. 212 c.5 ; Il gestore di tali attività di recupero è tenuto all iscrizione all Albo nazionale gestori ambientali con rinnovo ogni 5 anni (mediante presentazione di varie caratteristiche tecniche richieste); L autorizzazione è riconducibile ad uno specifico macchinario (marca, modello, matricola); Per lo svolgimento di tali attività, l interessato, almeno 60gg prima, comunica alla regione nella quale si trova il sito in cui svolgerà la campagna di attività, le specifiche circa l attività da svolgere (programma, luogo del cantiere, quantità lavorate ) allegando propria autorizzazione; La comunicazione permette alle autorità di effettuare la verifica di assoggettabilità a VIA, fornire prescrizioni o vietare l attività (art. 208); Per definizione, è impianto mobile se effettua operazioni di recupero da R2 a R9 (solitamente R5); In genere, tra le prescrizioni delle regioni, troviamo la verifica delle certificazioni analitiche in merito alla caratterizzazione (CER) del rifiuto da trattare negli impianti; Gli impianti devono osservare a tutti gli effetti gli adempimenti tipici delle operazioni di recupero: vedi esempi. In uscita dal trattamento avremo materie prime secondarie (art. 181 bis): devono essere conformi all allegato 1, sub 1, p DM 05/02/98 che rinvia all allegato C della circolare Ministero 15/07/05 n. UL/2005/5205, su questi materiali deve essere condotto test di cessione come da All. 3 del DM 05/02/98 Pg

34 Trattamento dei rifiuti provenienti da C&D, attraverso il recupero con impianti mobili:esclusioni. Sono esclusi dalla categoria di impianti mobili e dai relativi obblighi: Macchine che nei cantieri sono adibite alla cippatura (riduzione volumetrica) del legno; Macchine di pressatura della carta o plastica; Impianti di sola riduzione volumetrica la cui attività non perfeziona il ciclo di recupero ma ne effettua una fase preliminare (rif. Direttiva UE CE): il materiale risultante resta un rifiuto es.: Calcestruzzo armato (demolizione) che viene frantumato e, successivamente, viene estratto il tondino in ferro manualmente, che deve essere poi gestito come rifiuto (trasporto con formulario, conferimento a destinatario autorizzato ) 34

35 Trattamento dei rifiuti provenienti da C&D, attraverso il recupero con impianti fissi. Devono essere autorizzati (richiesta inoltrata alla Provincia) in base al DM 05/02/98 in procedura semplificata per i CER individuati al punto 7.1 e 7.6 ossia tipici C&D, in procedura ordinaria (VIA se si superano le 100 t/gg vedi 152/06 all.c parte IV); Devono adeguarsi a tutti gli effetti alla normativa sui rifiuti con tutti gli obblighi di gestori di impianti di recupero rifiuti. 35

36 Riutilizzo dei rifiuti provenienti da C&D. Normativa da considerare: - D.Lgs n. 4/08, D.Lgs. N. 152/06, DM 05/02/98 Norme tecniche per il recupero rifiuti non pericolosi; - Qualifica dei materiali derivanti dalle operazioni di recupero: - UNI 10006:2002 Prescrizione sulle tecniche di impiego delle terre per la costruzione e la manutenzione delle strade.. qualifica dei materiali provenienti dal riciclaggio degli scarti della attività di C&D dei quali sia ammesso il recupero. - dal 04/02/2008 obbligo della marcatura CE per gli aggregati derivanti dal recupero di rifiuti inerti; - circolare ministeriale n. 5205/05 sull utilizzo degli aggregati riciclati che li distingue in base alla natura d origine, garantendo la produzione di aggregati con determinate caratteristiche prestazionali in relazione alla destinazione d uso finale (DM n. 203 del 08/05/2003 test di cessione per la compatibilità ambientale); - UNI EN 12620: Aggregati per il calcestruzzo; UNI /2: per gli aggregati di riciclo in attesa di una regolamentazione europea è permesso il riutilizzo. 36

37 Riassumendo Per una serena gestione dei residui da C & D come MPS si consiglia: demolizione selettiva, preventivamente pianificata; utilizzo solo all interno del cantiere di produzione; attestazione (verbale di verifica) dei requisiti merceologici ed ambientali delle MPS (vedi Circ. Min. Amb. del 15/07/05, n. UL/2005/5205) test di cessione sulle MPS (o idonea documentazione relativa al materiale d origine); 37

38 Qualifica dei residui di C&D in sottoprodotto. D.Lgs 152/06 art. 183, lett. P, c.1 (modificato D.Lgs n. 4/08): Sostanze di cui il produttore non intende disfarsi e che soddisfano tutti i seguenti requisiti (5 punti fondamentali): Originati da processo non direttamente destinato alla loro produzione (non sono l oggetto finale dell attività in corso); Il loro impiego sia certo, integrale e preventivato (le parti in questione, produttore ed eventuale terzo utilizzatore, siano consapevoli ed abbiano progettato il riutilizzo), programmato; Soddisfino requisiti merceologici e di qualità ambientale senza impatti; Non devono necessitare di nessun trattamento* ma possedere dalla nascita le caratteristiche di idoneità; Abbiano un valore economico di mercato; * come distinguere i trattamenti che hanno finalità di apportare migliorie al materiale (e quindi non può più essere SP) da quelli aventi altre finalità? 38

39 Trattamenti I sottoprodotti non devono essere sottoposti a trasformazioni preliminari, ma possedere i requisiti merceologici e di qualità ambientale sin dalla fase della produzione. Ma cosa si intende per trasformazione preliminare? Così come si evince dalle traduzioni ufficiali effettuate dagli uffici della Corte, per further processing la Corte intende le operazioni di trasformazione preliminare e non di semplice trattamento. Si tratta pertanto di operazioni che fanno perdere al sottoprodotto la sua identità, ossia le caratteristiche merceologiche e di qualità e le proprietà che esso già possiede, e non di semplici trattamenti, quali la purificazione, la deumidificazione o la frantumazione, cui possono essere sottoposte anche le materie prime vergini nel normale processo di produzione. Questa è una condizione spesso difficile da valutare. Al fine di dimostrare l assenza di attività preliminari di trasformazione che facciano perdere al residuo la sua identità potrebbe essere opportuno essere in grado di provare (magari in via analitica) le specifiche caratteristiche del sottoprodotto in uscita dal ciclo in cui si produce e in entrata in quello in cui si reimpiega. 39

40 Terre e rocce di scavo un po di storia: D. Lgs. 22/97 Ronchi (abrogato) escludeva dalla legislazione attività di scavo le c.d. terre di scavo. Il 389/97 riportava le terre e rocce da scavo nella normativa sui rifiuti; D. Lgs 152/06 art 186 e successive modifiche del D.Lgs. N. 4/08: Le terre e rocce da scavo, anche di gallerie, ed i residui della lavorazione della pietra destinate all'effettivo utilizzo per reinterri, riempimenti, rilevati e macinati non costituiscono rifiuti e sono, perciò, esclusi dall'ambito di applicazione della parte quarta del presente decreto solo nel caso in cui. 40

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 Rifiuti potenzialmente prodotti presso i cantieri i rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione,

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI DEL CANTIERE EDILIZIO

LA GESTIONE DEI RIFIUTI DEL CANTIERE EDILIZIO Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà LA GESTIONE DEI

Dettagli

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI»

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI Fare i Conti con l ambiente rifiuti-acqua-energia workshop H RAVENNA 27/09/2012 «LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» DOTT.

Dettagli

Il destino dei rifiuti da costruzione e demolizione Obblighi e realtà nella Provincia di Vercelli

Il destino dei rifiuti da costruzione e demolizione Obblighi e realtà nella Provincia di Vercelli LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 Il destino dei rifiuti da costruzione e demolizione Obblighi e realtà nella Provincia di Vercelli

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 Laura Fornasiero Limena 14 dicembre 2012 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE OBIETTIVI: indicazioni

Dettagli

La gestione dei rifiuti in edilizia

La gestione dei rifiuti in edilizia La gestione dei rifiuti in edilizia L Aquila, 26 febbraio 2008 ANCE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI Direzione Legislazione Mercato Privato 1 EDILIZIA E CODICE AMBIENTE NUOVA EDIFICAZIONE INTERVENTI

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE Comune di Nuoro SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI E DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PROVENIENTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ART.

Dettagli

Unione Industriali Pordenone

Unione Industriali Pordenone Unione Industriali Pordenone Decreto Legislativo n 152 del 3 aprile 2006 D.Lgs 152/2006 noto come Testo unico ambientale : è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale 14 aprile

Dettagli

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente LINEE-GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERIALI/RIFIUTI INERTI DERIVANTI DALLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE, COSTRUZIONE E SCAVO, COMPRESE LE COSTRUZIONI

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI 1. LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME SOTTOPRODOTTI 2. I SITI CONTAMINATI 3. LA GESTIONE IN IMPIANTO DI RECUPERO DEI RIFIUTI DA

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

CANTINI FABIO & C. S.n.c. Largo Mazzini, N 35-56034. Casciana Terme Pisa CAVE BORRA E POGGIO ALLA FARNIA. Casciana Terme Pisa

CANTINI FABIO & C. S.n.c. Largo Mazzini, N 35-56034. Casciana Terme Pisa CAVE BORRA E POGGIO ALLA FARNIA. Casciana Terme Pisa GEOSER s.c.r.l. Indagini e studi geologico-tecnici Topografia Idrogeologia Geologia ambientale Cave e discariche CANTINI FABIO & C. S.n.c. Largo Mazzini, N 35-56034 Casciana Terme Pisa CAVE BORRA E POGGIO

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale Il nuovo decreto legislativo 152, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006, S.O. n. 96, è entrato in vigore il 29 aprile 2006.

Dettagli

Aspetti ambientali della manutenzione

Aspetti ambientali della manutenzione Aspetti ambientali della manutenzione La gestione dei rifiuti prodotti dalle attività manutentive Dott. Stefano Schiavon, Aplus S.r.l. Bologna, Fiera, Martedì 3 maggio 2011 Indice della presentazione Inquadramento

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA Con le modifiche apportate dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 al

Dettagli

Impieghi degli inerti recuperati e la OPCM 4014/2012

Impieghi degli inerti recuperati e la OPCM 4014/2012 Impieghi degli inerti recuperati e la OPCM 4014/2012 Dott.ssa Maria Stagnini Settore Ambiente e Urbanistica Provincia dell Aquila IL RECUPERO E LA VALORIZZAZIONE DEGLI INERTI provenienti dalla rimozione

Dettagli

Accordo di Programma per il Recupero dei Residui da Costruzione e Demolizione nella Provincia di Ferrara

Accordo di Programma per il Recupero dei Residui da Costruzione e Demolizione nella Provincia di Ferrara SERVIZIO RISORSE IDRICHE E TUTELA AMBIENTALE PROVINCIA DI FERRARA OSSERVATORIO PROVINCIALE DEI RIFIUTI Accordo di Programma per il Recupero dei Residui da Costruzione e Demolizione nella Provincia di Ferrara

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006 Claudio Boldori CON LA PUBBLICAZIONE DEL RONCHI TER, SEMBRA CONCLUSA LA PRIMA E DOVEROSA FASE DI COMPLETAMENTO

Dettagli

Gestione dei rifiuti

Gestione dei rifiuti SEMINARIO GRATUITO Gestione dei rifiuti ing. Marco Borile Pordenone 5 aprile 2011 Società di ingegneria ENERGIA SICUREZZA AMBIENTE PROGETTAZIONE CONSULENZA FORMAZIONE Veneto Trentino Alto Adige Lombardia

Dettagli

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI Tutte le attività produttive, che nell esercizio del ciclo lavorativo producono rifiuti speciali, devono

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica LA GESTIONE DEI RIFIUTI Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica La disciplina della gestione dei rifiuti è regolata dal Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 ed è rivolta a tutti

Dettagli

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati Pordenone, martedì 26 maggio 2009 Paolo Verardo Settore Tutela Ambientale della Provincia di Pordenone Normativa di riferimento D.Lgs.

Dettagli

LA GESTIONE DEI MATERIALI DI RISULTA COME RIFIUTO. Claudio Pilla

LA GESTIONE DEI MATERIALI DI RISULTA COME RIFIUTO. Claudio Pilla LA GESTIONE DEI MATERIALI DI RISULTA COME RIFIUTO Claudio Pilla DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.lgs.152/2006 Art. 183 comma 1 lettera a) Si intende per rifiuto qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore

Dettagli

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio Il Legale Rappresentante di una società di capitali che abbia delegato ad altri soggetti di sua fiducia attività in tema di gestione dei rifiuti diviene responsabile

Dettagli

PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA DI RICICLAGGIO, RECUPERO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI INERTI NELLA REGIONE LAZIO :

PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA DI RICICLAGGIO, RECUPERO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI INERTI NELLA REGIONE LAZIO : Workshop TERRE, ROCCE DA SCAVO E MATERIALI RICICLATI. QUANDO END OF WASTE? 14 GIUGNO 2012 SALA CONGRESSI DELLA PROVINCIA DI MILANO VIA CORRIDONI, 16 MILANO PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli

La produzione di aggregati riciclati di qualità. La gestione ottimale di un impianto di riciclaggio di rifiuti da C&D

La produzione di aggregati riciclati di qualità. La gestione ottimale di un impianto di riciclaggio di rifiuti da C&D La produzione di aggregati riciclati di qualità. La gestione ottimale di un impianto di riciclaggio di rifiuti da C&D Ing. Stefano Cicerani Convegno sul tema: La qualità degli aggregati riciclati: i controlli

Dettagli

Allegato: 1 LINEE GUIDA

Allegato: 1 LINEE GUIDA Allegato: 1 LINEE GUIDA Modalità applicative per il riutilizzo delle terre e rocce da scavo previsto dall art. 186 del D.Lgs. n. 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

INTRODUZIONE. 4 RIMOZIONE MASSICCIATA STRADALE. 5 DEMOLIZIONE MANUFATTI EDILI E STRADALI. 5 SCAVO TRADIZIONALE ALL APERTO.

INTRODUZIONE. 4 RIMOZIONE MASSICCIATA STRADALE. 5 DEMOLIZIONE MANUFATTI EDILI E STRADALI. 5 SCAVO TRADIZIONALE ALL APERTO. SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 RIMOZIONE MASSICCIATA STRADALE... 5 3 DEMOLIZIONE MANUFATTI EDILI E STRADALI... 5 4 SCAVO TRADIZIONALE ALL APERTO... 6 5 TRIVELLAZIONI... 6 6 CARATTERIZZAZIONE CHIMICA...

Dettagli

Come e dove dovrebbero andare a finire i rifiuti C&D?

Come e dove dovrebbero andare a finire i rifiuti C&D? Cap. 2.A Come e dove dovrebbero andare a finire i rifiuti C&D? Nella parte denominata Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati del D.lgs. 152/2006, di cui all art.183,

Dettagli

27/08/2009. In particolare vanno segnalati, come punti di riferimento significativi, del medesimo Quadro Normativo : L Aquila, 28 giugno 2007

27/08/2009. In particolare vanno segnalati, come punti di riferimento significativi, del medesimo Quadro Normativo : L Aquila, 28 giugno 2007 INTERNATIONAL WORKSHOP Asphalt Recycling and Materials Re-use in Asphalt Pavements Identification of open questions and research needs CONSIDERAZIONI SULL IMPIEGO DI MATERIE PRIME SECONDARIE NELLA COSTRUZIONE

Dettagli

INTERNATIONAL WORKSHOP Asphalt Recycling and Materials Re-use in Asphalt Pavements Identification of open questions and research needs

INTERNATIONAL WORKSHOP Asphalt Recycling and Materials Re-use in Asphalt Pavements Identification of open questions and research needs INTERNATIONAL WORKSHOP Asphalt Recycling and Materials Re-use in Asphalt Pavements Identification of open questions and research needs CONSIDERAZIONI SULL IMPIEGO DI MATERIE PRIME SECONDARIE NELLA COSTRUZIONE

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (resa ai sensi degli artt. 47 e 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (resa ai sensi degli artt. 47 e 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445) Spett.le ARPA Lombardia DIPARTIMENTO DI.. Via...... (indirizzare all ARPA territorialmente competente con riferimento al sito di produzione dei materiali da scavo) Dichiarazione relativa al rispetto delle

Dettagli

news letter Inerti Foro Legge numero 1 gennaio 2009 www.inertiforo.it

news letter Inerti Foro Legge numero 1 gennaio 2009 www.inertiforo.it news letter Inerti Foro numero 1 gennaio 2009 www.inertiforo.it ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO

LA GESTIONE DEI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO AMIANTO : aggiornamenti normativi e gestione delle segnalazioni Seminario 22 maggio 2009 LA GESTIONE DEI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO Checchi Lella ARPA Sezione Provinciale di Modena Servizio Territoriale

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI

REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI Art. 1 Definizione, finalità e localizzazione Ai sensi del Piano di adeguamento di cui al D.Lgs. 13.01.2003 n. 36, registrato in atti Provinciali

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO NUMERO

Dettagli

ALBO GESTORI AMBIENTALI

ALBO GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE DEL VENETO ALBO GESTORI AMBIENTALI ISCRIZIONE CATEGORIA 1 GESTORI DEI CENTRI DI RACCOLTA Partner ufficiale 2008 della Camera di Commercio di Venezia Categoria 1 CENTRI DI RACCOLTA Riferimenti

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA DL/dl PROVINCIA DI BOLOGNA ASSESSORATO AMBIENTE Fax051.6598883.>... Alla Ditta x: \ ECOFELSINEA s.r.l. ""'-.?>. Via Dei Poeti, 1/2 40125 BOLOGNA (BO) AH' Ufficio Ambiente e Verde Urbano del Comune di 40129

Dettagli

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative Chiarimenti 1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative A distanza di tre anni dalla data di entrata in vigore del D.Lgs

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LATINA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LATINA Lezione 1 - giovedì 3 aprile 2014 - h. 15.00 19.00 Gestione dei Rifiuti - Quadro generale della normativa; - Definizioni, la nozione di rifiuto; l esclusione dei sottoprodotti e delle materie prima secondarie;

Dettagli

Approccio Normativo e problematiche Gestionali Discariche

Approccio Normativo e problematiche Gestionali Discariche . Approccio Normativo e problematiche Gestionali Discariche Dott. Geol. Raffaele Rizzo Dott.Geol.. RAFFAELE RIZZO - ROMA 4 maggio 2011 1 Normativa Europea di riferimento: - Direttiva 1999/31 31/CE relativa

Dettagli

LA NORMATIVA SUI RIFIUTI. Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011

LA NORMATIVA SUI RIFIUTI. Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011 LA NORMATIVA SUI RIFIUTI Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011 Il progetto: Un nuovo sistema normativo fondato sulla necessità di garantire: omogeneità dei criteri per le attività inerenti la gestione

Dettagli

LE LINEE GUIDA PROVINCIALI

LE LINEE GUIDA PROVINCIALI LE LINEE GUIDA PROVINCIALI 2) INDICAZIONI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEI MODULI ELABORATO PROGETTUALE (Mod.( A) predisposto dal produttore delle terre e rocce da scavo va presentato all autorità competente

Dettagli

paragrafo successivo, in cui sono indicate le modalità di riutilizzo, omettendo la parte anagrafica già compilata nel presente paragrafo.

paragrafo successivo, in cui sono indicate le modalità di riutilizzo, omettendo la parte anagrafica già compilata nel presente paragrafo. Riutilizzo Terre e Rocce da Scavo DECRETO LEGISLATIVO 3 aprile 2006, n 152 - Art. 186, come modificato dal D.lgs. N. 4/08 Il sottoscritto (cognome) (nome) nato a il in qualità di Titolare, Legale Rappresentante,

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 DEFINIZIONI

ART. 1 FINALITA ART. 2 DEFINIZIONI ART. 1 FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina tutte le fasi della gestione dei rifiuti cimiteriali come definiti dall'art.7, comma 2 lett. f) D.Lgs.22/97 e successive modificazioni ed integrazioni,

Dettagli

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE A) ISCRIZIONE ALL ALBO DEI GESTORI - articolo 212 d.lgs.n.152/06 Ai sensi dell articolo 212, comma 5, del d.lgs. n.152/06 sono obbligati

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO AI SENSI DELL ART. 186 DEL D. LGS.

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO AI SENSI DELL ART. 186 DEL D. LGS. giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2424 del 08 agosto 2008 pag. 1/18 PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO AI SENSI DELL ART. 186 DEL D. LGS. n. 152/2006 (come

Dettagli

PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA

PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA UFFICIO TECNICO PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA PROGETTO A CURA DELL UFFICIO TECNICO Istruttore Amministrativo Geometra Ingegnere PORCARO OLINDO SALVATORE BARBATO

Dettagli

ALLEGATO 3 LIMITI E PRESCRIZIONI RIFIUTI

ALLEGATO 3 LIMITI E PRESCRIZIONI RIFIUTI LIMITI E PRESCRIZIONI ALLEGATO 3 L autorizzazione integrata ambientale ai sensi del D.lgs 152/2006, è rilasciata alla Società ECO-WORKS S.r.l. per l esercizio dell impianto di raccolta, stoccaggio e trattamento

Dettagli

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO Il formulario è un documento di tipo formale che garantisce la tracciabilità del flusso dei rifiuti nelle varie fasi del trasporto, dal produttore/detentore al

Dettagli

ALLEGATO 2.4 RELAZIONE TECNICA

ALLEGATO 2.4 RELAZIONE TECNICA ALLEGATO 2.4 RELAZIONE TECNICA PROCEDURA DI VERIFICA (SCREENING) PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO PER LA MESSA IN RISERVA E IL TRATTAMENTO DI RIFIUTI NON PERICOLOSI SITO IN RIMINI VIA TURCHETTA COMMITTENTE:

Dettagli

COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO PROVINCIA DI FIRENZE. PAVIMENTAL S.p.A. STUDIO AMBIENTALE PRELIMINARE Assoggettabilità a V.I.A. SINTESI NON TECNICA

COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO PROVINCIA DI FIRENZE. PAVIMENTAL S.p.A. STUDIO AMBIENTALE PRELIMINARE Assoggettabilità a V.I.A. SINTESI NON TECNICA STUDIO ASSOCIATO DI TECNOLOGIE AMBIENTALI Piazza Cavour, 17-50031 Barberino di Mugello Tel 055.8416595 - Fax 055.8416861 COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO PROVINCIA DI FIRENZE PAVIMENTAL S.p.A. STUDIO AMBIENTALE

Dettagli

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti Controllo dei cantieri in corso d opera Francesco Perotti Controllo Ambientale Cantieri Riferimenti progettuali ed obblighi contrattuali per la gestione ambientale dei cantieri Riferimenti per la gestione

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PRESSO LA PIAZZOLA ECOLOGICA COMUNALE Il presente regolamento determina i criteri per un ordinato e corretto utilizzo della piazzola ecologica

Dettagli

PARTE QUARTA NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI (pubblicato nel suppl. ord. alla GU 14 aprile 2006, n.

PARTE QUARTA NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI (pubblicato nel suppl. ord. alla GU 14 aprile 2006, n. DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152 NORME IN MATERIA AMBIENTALE PARTE QUARTA NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI (pubblicato nel suppl. ord. alla GU 14 aprile

Dettagli

PREMESSA 3.04.2006, 152 L.R.

PREMESSA 3.04.2006, 152 L.R. ALLEGATO 1 DIRETTIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE IN VIA DEFINITIVA E DI SVOLGIMENTO DELLE SINGOLE CAMPAGNE DI ATTIVITA DEGLI IMPIANTI MOBILI DI SMALTIMENTO O DI RECUPERO DI RIFIUTI DI CUI ALLA

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO Gestione e smaltimento inerti di cantiere

TERRE E ROCCE DA SCAVO Gestione e smaltimento inerti di cantiere Con il patrocinio dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo CORSO 1 (8 ore) SOCI SOSTENITORI Per ingegneri di BERGAMO città e provincia ALLA LUCE DELLE ULTIMISSIME NOVITÀ LEGISLATIVE Organizzatore

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE A N P A R Associazione Nazionale Produttori Aggregati Riciclati Via Boni 28 20144 Milano Italia tel: +390258314546 fax: +390292877865 e-mail: info@anpar.org www.anpar.org LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO Tesi di Laurea SMALTIMENTO E RIUTILIZZO DEL MATERIALE

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE 1 RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE RIFIUTO PERICOLOSO (* asterisco) RIFIUTO NON PERICOLOSO 2 MANUTENZIONE RIFIUTI SPECIALI IN OFFICINA Rifiuti prodotti all interno dell azienda Ricambi vari Derivati dalla

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI CERTIFICAZIONE DELLE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI NELLA REGIONE CALABRIA PREMESSA...2 DEFINIZIONI...2 CALCOLO DELLA PERCENTUALE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA...5 ESCLUSIONI DAL

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI PRODUTTORE DEL RIFIUTO E SUOI ONERI Articolo 183 del Dlgs 152/2006 Definizioni b) produttore: la persona la cui attività ha prodotto rifiuti cioè

Dettagli

D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10

D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10 D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10 Agg. n 1/11 CHE art. 192 commi 1-2 art. 192 commi 1-2 art. 226 art. 231 commi 1-2 art. 231 art. 255 art. 255 art. 231 art. 255 Abbandono o deposito incontrollato

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

RESPONSABILITA' NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI DA C/D, TERRE E ROCCE DA SCAVO E TRASPORTO RIFIUTI DA SISMA

RESPONSABILITA' NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI DA C/D, TERRE E ROCCE DA SCAVO E TRASPORTO RIFIUTI DA SISMA RESPONSABILITA' NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI DA C/D, TERRE E ROCCE DA SCAVO E TRASPORTO RIFIUTI DA SISMA MANTOVA, 18 SETTEMBRE 2013 Relatore: Andrea Minari LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

INTERVENTI DI BONIFICA DI SITI CONTAMINATI: L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MILANO

INTERVENTI DI BONIFICA DI SITI CONTAMINATI: L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MILANO INTERVENTI DI BONIFICA DI SITI CONTAMINATI: L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MILANO RELATORE: Ing. De Salvia Servizio Piani di Bonifica Settore Piani e Programmi Esecutivi per l Edilizia -

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI DI CANTIERE Istituto BAZZI

LA GESTIONE DEI RIFIUTI DI CANTIERE Istituto BAZZI LA GESTIONE DEI RIFIUTI DI CANTIERE Istituto BAZZI 17-11-2014 Area Territorio Tecnologia Economia Geom. Roberto Caporali 1 TESTO UNICO DELL AMBIENTE Le definizioni più importanti per il nostro settore

Dettagli

7.1.4 Caratteristiche delle materie prime e/o

7.1.4 Caratteristiche delle materie prime e/o Tabella codici CR gestibili CODIC CR DSCRIZION RIFIUTO S.I.M. DSCRIZION TIPOLOGIA Sigla R/N TST CSON PROVNINZA R5 R10 RICL CARATTRISTICH DL RIFIUTO ATTIVITA DI RCUPRO CARATTRISTICH DLL MATR PRIM /O PRODOTTI

Dettagli

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F.

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F. 1/11 Spett.le R.A.P. S.p.A. Piazzetta Cairoli 90123 Palermo OGGETTO: RICHIESTA DI AMMISSIBILITÀ RIFIUTI PRESSO LA DISCARICA DI BELLOLAMPO. ISTANZA DEL PRODUTTORE Il legale rappresentante della ditta P.

Dettagli

REGOLAMENTO D'USO DELLE DISCARICHE COMUNALI PER RIFIUTI INERTI.

REGOLAMENTO D'USO DELLE DISCARICHE COMUNALI PER RIFIUTI INERTI. COMUNE DI VEZZANO Provincia di Trento REGOLAMENTO D'USO DELLE DISCARICHE COMUNALI PER RIFIUTI INERTI. Approvato con deliberazione consiliare n. 19 dd. 04.06.2002 Pag. 1 INDICE INDICE... 2 Art.1...3 Definizione...

Dettagli

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i.

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Milano Bicocca Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Procedura relativa alla richiesta di conferimento

Dettagli

IL TRASPORTO DEI RIFIUTI DA DEMOLIZIONE

IL TRASPORTO DEI RIFIUTI DA DEMOLIZIONE IL TRASPORTO DEI RIFIUTI DA DEMOLIZIONE Modalità di gestione, violazioni e sanzioni di Tiziano Granata, Chimico e Assistente della Polizia Stradale e-mail: tiziano.granata@gmail.com Testo aggiornato a

Dettagli

Nuova direttiva rifiuti e nuove regole di classificazione per i rifiuti pericolosi. Conseguenze e impatti su produzione, deposito, trasporto, gestione

Nuova direttiva rifiuti e nuove regole di classificazione per i rifiuti pericolosi. Conseguenze e impatti su produzione, deposito, trasporto, gestione Nuova direttiva rifiuti e nuove regole di classificazione per i rifiuti pericolosi. Conseguenze e impatti su produzione, deposito, trasporto, gestione Dr.ssa Micaela Utili Confapi Ravenna Verona 21 aprile

Dettagli

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007 MUD 2015 RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MUD 2015 Normativa di riferimento Il D. Lgs. n.152/2006 all art. 189 dispone l obbligo di comunicare le quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti per

Dettagli

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE DISCARICHE Nuove definizioni: riflessi per le aziende Criteri di ammissione dei rifiuti, adeguamento delle discariche in esercizio, obblighi dei conferitori dei rifiuti Il Decreto Legislativo 13 gennaio

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI Area: CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI Area: CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 864 09/12/2014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 20854 DEL 01/12/2014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI Area: CICLO INTEGRATO

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1333 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Legge provinciale 14 aprile 1998, n. 5 (Disciplina della raccolta differenziata

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI E OPERATIVITÀ SISTRI

GESTIONE RIFIUTI E OPERATIVITÀ SISTRI CONFINDUSTRIA PADOVA, ROVIGO, TREVISO, VICENZA GESTIONE RIFIUTI E OPERATIVITÀ SISTRI FEBBRAIO 2014 Numero verde Le Associazioni di Padova, Rovigo, Treviso e Vicenza hanno sottoscritto un Accordo di collaborazione

Dettagli

29 ottobre 2009 BOLOGNA. Grazie alla sponsorizzazione di:

29 ottobre 2009 BOLOGNA. Grazie alla sponsorizzazione di: ATTI convegno La gestione dei rifiuti e dei sottoprodotti nella filiera del comparto edilizio, dalle cave alla produzione di cemento e calcestruzzo per finire alla gestione di un cantiere edile per lo

Dettagli

O.R.G.S. IL RUOLO DEL GEOLOGO NELLA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Partinico Real Cantina Borbonica

O.R.G.S. IL RUOLO DEL GEOLOGO NELLA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Partinico Real Cantina Borbonica O.R.G.S. IL RUOLO DEL GEOLOGO NELLA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Partinico Real Cantina Borbonica 12 Settembre 2014 Terre e Rocce da Scavo nel regime dei rifiuti Utilizzo degli Aggregati Riciclati

Dettagli