SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE"

Transcript

1 Comune di Nuoro SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI E DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PROVENIENTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto la corretta gestione dei rifiuti inerti e delle terre e rocce, da parte dei soggetti conferitori o di tutti coloro che realizzano lavori di costruzione e demolizione che diano perciò luogo a produzione di rifiuti speciali. ART. 2 DEFINIZIONI RIFIUTI: qualsiasi sostanza od oggetto di cui il produttore/detentore si disfi o abbia deciso di disfarsi o abbia l obbligo di disfarsi; PRODUTTORE: la persona la cui attività ha prodotto rifiuti; in tale concetto possono includersi indifferentemente il produttore iniziale e la persona che ha effettuato operazioni di pretrattamento, di miscuglio o altre operazioni che hanno mutato la natura o la composizione di detti rifiuti; in questa definizione è incluso oltre al soggetto dalla cui attività materiale sia derivata la produzione dei rifiuti, anche il soggetto al quale sia giuridicamente riferibile detta produzione e a carico del quale sia ascrivibile l obbligo di provvedere al corretto smaltimento; DETENTORE: il produttore dei rifiuti o il soggetto che li detiene; RIFIUTI INERTI: i rifiuti speciali derivanti dall attività di demolizione, costruzione, nonché i rifiuti pericolosi o le terre e rocce contaminate che derivano dalle attività di scavo; DEPOSITO TEMPORANEO: raggruppamento dei rifiuti inerti privi di sostanze pericolose depositatati temporaneamente sul luogo di produzione secondo le modalità indicate nell articolo apposito; TERRE E ROCCE: sono i materiali provenienti da scavi anche di gallerie, purchè non provenienti da siti contaminati, ottenute quali sottoprodotti da attività edificatoria destinati ad un concreto ed effettivo riutilizzo; MATERIE PRIME E PRODOTTI SECONDARI: sono i materiali che presentano i seguenti requisiti: Sono prodotti da un operazione di riutilizzo di recupero o di riciclo; Siano individuate con certezza la provenienza, la tipologia e le caratteristiche dei rifiuti dai quali si possono produrre; Sono individuate le operazioni di riutilizzo, recupero, riciclo che le producono. Pagina 1

2 ART. 3 ONERI DEL PRODUTTORE E DEL DETENTORE DI RIFIUTI INERTI Gli oneri relativi all attività di smaltimento sono a carico del detentore e/o del produttore dei rifiuti speciali. Tale obbligo si intende assolto nel caso in cui i rifiuti siano conferiti a terzi autorizzati che effettuano le operazioni di stoccaggio di messa in riserva, di recupero, di deposito preliminare o di smaltimento. La responsabilità del detentore dei rifiuti, nel caso in cui i rifiuti sono destinati a impianti di stoccaggio (messa in riserva in deposito preliminare) è esclusa a condizione che quest ultimo, oltre al formulario di trasporto dei rifiuti, abbia ricevuto il certificato di avvenuto smaltimento rilasciato dal titolare dell impianto che effettua una delle operazioni precedentemente indicate. Tale obbligo si intende assolto nel caso di invio ad impianto autorizzato per le operazioni di recupero e smaltimento, nel caso in cui il detentore abbia ricevuto la quarta copia controfirmata dall impianto di destinazione entro tre mesi dalla consegna del rifiuto. Il produttore o detentore dei rifiuti dovrà consegnare all Ente, insieme alla dichiarazione di fine lavori, una fotocopia della 4 a copia del formulario dei rifiuti. ART. 4 TERRE E ROCCE DA SCAVO Le terre e rocce da scavo, ottenute quali sottoprodotti nel corso di attività edificatorie e di costruzione di infrastrutture destinate all effettivo utilizzo per reinterri, riempimenti, rimodellazioni, rilevati non costituiscono rifiuti, purché: siano impiegate direttamente nell ambito di opere o interventi preventivamente individuati e definiti; siano utilizzati senza trattamenti preventivi o trasformazioni preliminari necessarie per garantire il raggiungimento di requisiti merceologici e di qualità ambientale idonei a garantire che il loro impiego non dia luogo ad emissioni e a impatti ambientali qualitativamente e quantitativamente diversi da quelli ordinariamente consentiti nel luogo di destinazione, sia individuato con certezza il luogo e le modalità di riutilizzo; sia possibile dimostrare e verificare con certezza il completo e concreto riutilizzo; le caratteristiche chimico fisiche siano tali che il loro impiego nel sito prescelto non determini rischi per la salute e per la qualità delle matrici interessate e sia quindi accertato che non provengano da siti contaminati o interessati da interventi di bonifica; Qualora la produzione di terre e rocce avvenga nell ambito della realizzazione di opere o attività soggetto a V.I.A. (valutazione impatto ambientale) o ad autorizzazione ambientale integrata (A.I.A.) i requisiti sopra indicati devono essere accertati nel progetto sottoposto a V.I.A. e secondo le modalità previste dal progetto approvato dall Autorità competente, dove devono essere indicati i tempi per il deposito temporaneo (di norma non superiore a un anno). Ove la produzione di terre e rocce avvenga nell ambito della realizzazione di opere o attività soggette a D.I.A. (dichiarazione inizio attività) o a permesso a costruire (autorizzazione edilizia o concessione edilizia) i requisiti sopra indicati, i tempi per il deposito e le modalità di riutilizzo devono essere accertati e verificati nel progetto allegato al permesso a costruire o nella D.I.A. approvati dall Autorità competente; il tempo di deposito non può in ogni caso essere superiore ad un anno. Pagina 2

3 Ove la produzione di terre e rocce avvenga nell ambito della realizzazione di lavori pubblici non soggetti a V.I.A., D.I.A. o permesso a costruire, la verifica delle condizioni sopra richiamate deve risultare da idoneo progetto di riutilizzo allegato al progetto dell opera sottoscritto dal progettista approvato dall Autorità competente; anche in questo caso il tempo di deposito non può essere superiore ad un anno. Nel caso in cui le terre e rocce vengano riutilizzate nell ambito dello stesso progetto i tempi di deposito temporaneo possono coincidere con la durata del progetto purché in ogni caso non superiore a tre anni. Per i progetti di riutilizzo già autorizzati e in corso di realizzazione si può procedere entro 90 gg dall inizio, a comunicare il rispetto dei requisiti indicati al comma 1, l Autorità competente può disporre indicazioni e prescrizioni entro 60 gg. Qualora le terre e rocce non rispondano ai requisiti indicati al comma 1 o non vengano completamente riutilizzate, rientrano nel novero dei rifiuti e sono soggette a tale normativa. Nel caso in cui non sia possibile l immediato riutilizzo del materiale di scavo, dovrà essere indicato il sito di deposito del materiale, il quantitativo, la tipologia del materiale che dovrà essere riutilizzato entro un anno dall avvenuto deposito. Nel progetto approvato dovrà essere indicato anche il luogo del riutilizzo in modo che sia evidente il percorso del materiale. La non contaminazione del sito potrà essere dichiarata nei casi comuni dal progettista e dovrà essere dimostrata nei casi dubbi con indagini svolte a cura del produttore e accertati dalla Autorità competenti. Tutte le autorizzazioni, pareri, nulla osta inerenti questa materia, saranno trasmessi per il controllo, al corpo di Polizia Municipale Provinciale e al Corpo Forestale. ART. 5 RIFIUTI DERIVANTI DA ATTIVITA DI MANUTENZIONE DELLE INFRASTRUTTURE Il luogo di produzione dei rifiuti derivanti da attività di manutenzione delle infrastrutture, effettuata direttamente dal gestore dell infrastruttura a rete o tramite terzi può coincidere con la sede del cantiere ovvero in altro luogo idoneo preferibilmente individuato in sede di progettazione, autorizzato dall ente con provvedimento di Giunta Comunale. Tale luogo, dove il materiale tolto d opera viene trasportato per la successiva valutazione tecnica, può coincidere con la sede del cantiere che gestisce l attività di manutenzione o con la sede locale del gestore dell infrastruttura. La valutazione tecnica è finalizzata all individuazione del materiale direttamente ed oggettivamente riutilizzabile, senza che venga sottoposto ad alcun trattamento e secondo i requisiti indicati al comma 1 dell art. 4. La valutazione tecnica deve essere effettuata a cura di un tecnico di esperienza e professionalità adeguata e deve essere eseguita non oltre sessanta giorni dall ultimazione dei lavori, qualora gli stessi abbiano durata inferiore a dieci mesi. Per i lavori di durata superiore, tale valutazione tecnica dovrà essere effettuata semestralmente. Copia della documentazione relativa alla valutazione tecnica dovrà essere inviata all ente mentre l originale dovrà essere conservata per cinque anni dal gestore dell infrastruttura, insieme al formulario dei rifiuti. In nessun caso possono essere riutilizzati tali quali i rifiuti derivanti dall asportazione del materiale bituminoso. Pagina 3

4 ART. 6 DEPOSITO TEMPORANEO I titolari di permesso a costruire (concessione edilizia, autorizzazione edilizia) o D.I.A o coloro che eseguono lavori di manutenzione ordinaria o opere interne, possono depositare temporaneamente i rifiuti inerti non contenenti sostanze pericolose, a piè d opera e avviare a recupero o allo smaltimento secondo le seguenti modalità operative: con cadenza almeno trimestrale, indipendentemente dalle quantità in deposito; quando il quantitativo di rifiuti raggiunga i 20 m.c. (in questa ipotesi il deposito temporaneo non può essere superiore all anno); Ai fini del computo dei tempi sopra specificati, vale il concreto inizio lavori di cui si dovrà trasmettere idonea dichiarazione all ente (Settore Urbanistica e Settore Manutenzioni e Ambiente) nelle forme di legge da trasmettere contestualmente anche agli organi di polizia urbana comunale e provinciale per il controllo; Qualora nella massa di inerti compaiano anche sostanze pericolose, il deposito temporaneo prima dell avvio a recupero o a smaltimento deve procedere con le seguenti modalità operative: con cadenza almeno bimestrale, indipendentemente dalle quantità in deposito; quando il quantitativo di rifiuti raggiunga i 10 m.c. (in questa ipotesi il deposito temporaneo non può essere superiore all anno); La dichiarazione relativa al deposito temporaneo deve contenere l indicazione del luogo in cui viene effettuato il deposito temporaneo e dell indicazione riferibile alla pericolosità o meno del rifiuto. In tale dichiarazione deve sempre comparire il nome del produttore, dell eventuale detentore e del luogo di produzione dei rifiuti (indirizzo di cantiere); I rifiuti depositati temporaneamente devono essere raggruppati per tipi omogenei e nel rispetto della normativa ambientale vigente, in particolare l area scelta per il deposito temporaneo dei rifiuti deve avere caratteristiche tali da evitare dispersioni e inquinamenti e garantire quindi un elevato grado di tutela ambientale. Il raggruppamento dei rifiuti deve essere effettuato verificando la compatibilità degli stessi e adottando le stesse modalità previste per le materie prime. Non si può parlare di deposito temporaneo se i rifiuti provengono da luogo diverso da quello do produzione, al di fuori dei casi stabiliti al precedente art. 5 se i rifiuti provengono da luogo diverso da quello di produzione si parla di deposito preliminare o di stoccaggio e quindi presuppone un attività di gestione dei rifiuti vera e propria da autorizzarsi secondo le modalità di legge. La gestione in assenza di autorizzazione è perseguibile penalmente. ART. 7 RIUTILIZZO DELLE MATERIE PRIME SECONDARIE I residui che non possono essere riutilizzati senza ulteriore trattamento, sono inviati ad impianto di recupero autorizzato con le procedure semplificate previste dagli artt. n. 214,n. 215 e n. 216 del D. Lgs. 152/2006. I residui sottoposti a trattamento negli impianti autorizzati, diventano materia prima secondaria e possono essere riutilizzati nel ciclo di lavorazione come rinterri rilevati etc. L ente favorisce il riutilizzo delle materie prime secondarie provenienti dagli impianti di recupero autorizzati. Nella progettazione di opere pubbliche, è fatto obbligo inserire nei capitolati la clausola per cui almeno il 30% del materiale utilizzato per rinterri, rilevati etc deve essere realizzato con materie prime secondarie provenienti da rifiuti inerti sottoposti ad Pagina 4

5 un processo di trasformazione in impianti autorizzati secondo le procedure semplificate di cui al comma 1. Al verbale di ultimazione dei lavori deve essere allegata idonea dimostrazione riferibile alla provenienza delle materie prime secondarie. ART. 8 DIVIETI E fatto divieto a chiunque di riutilizzare i rifiuti inerti tal quali derivanti da una demolizione in nessun caso, neanche per la realizzazione di terrapieni, rilevati, piazzali, strade etc., devono invece subire un processo di recupero che richiede l autorizzazione della Provincia secondo le procedure semplificate di cui al comma 1. ART. 9 AZIONI DELL ENTE PER FAVORIRE LA DIMINUZIONE DELLA PRODUZIONE DI RIFIUTI INERTI E INTERCETTAZIONE DEI FLUSSI Al fine di limitare, ove possibile, la produzione dei rifiuti da costruzione e demolizione l ente può stringere accordi di programma con le associazioni di categoria ( Imprese iscritte alla C.C.I.A.A. per la categoria lavori edili o simili) che prevedano: demolizione selettiva; prima cernita dei materiali, in gruppi omogenei e puliti; riutilizzo in cantiere, ove possibile e nel rispetto della normativa vigente, solo dei materiali inerti prodotti di elevata qualità direttamente sul luogo di produzione ; conferimento dei rifiuti da demolizione a impianti di recupero e smaltimento concordati, fatta salva la possibilità per le imprese di organizzarsi autonomamente per il trattamento delle macerie edili prodotte in cantiere con propri impianti mobili di recupero; ART. 10 TRASPORTO DEI RIFIUTI INERTI Ai fini del trasporto di rifiuti inerti da parte di enti o imprese è obbligatoria l emissione del formulario di accompagnamento dei rifiuti redatto in quattro esemplari in accordo con il disposto dell art. 193 del D. Lgs. 152/2006. All atto dell emissione dell attestazione di fine lavori o prima del rilascio del certificato di abitabilità nel caso di committenti privati, devono essere consegnate all ente le quarte copie dei formulari, complete dell accettazione dell impianto di destinazione e controfirmate dal trasportatore. I committenti privati possono trasportare in proprio i rifiuti inerti prodotti purché non contengano sostanze pericolose e solo in modo occasionale e saltuario che non eccedano la quantità di trenta chilogrammi. In quest ultima ipotesi i committenti privati devono trasmettere all Ente, Settori Urbanistica e Manutenzioni e Ambiente, idonea dichiarazione secondo il fax simile allegato al presente regolamento che sostituirà il formulario dei rifiuti; Nel caso di lavori pubblici al verbale di ultimazione lavori devono essere allegate le quarte copie dei formulari dei rifiuti complete della firma dell impianto di destinazione finale. I trasporti di rifiuti effettuati da imprese di costruzioni o da artigiani iscritti alla C.C.I.A.A. nell esercizio della propria attività non sono considerate occasionali e pertanto richiedono comunque l emissione del formulario. Pagina 5

6 Le imprese o gli artigiani che trasportano i propri rifiuti in modo regolare anche in quantità che non eccedano i 30 Kg, devono iscriversi all Albo Nazionale Gestori Ambientali; Il trasporto delle terre e rocce dovrà essere accompagnata da idonea dichiarazione da trasmettere all Ente, Settori Urbanistica e Manutenzioni e Ambiente, in conformità al fax simile allegato al presente regolamento. Non è invece considerato trasporto dei rifiuti la movimentazione degli stessi all interno di un area privata. ART. 11 DIVIETO DI ABBANDONO E fatto divieto abbandone i rifiuti inerti provenienti da demolizione in siti di proprietà comunale o privata, chiunque venga sorpreso ad abbandonare rifiuti inerti dovrà provvedere a proprie spese all allontanamento dei rifiuti dal sito e nel caso siano presenti sostanze pericolose in concentrazioni superiori alle CSR anche alla bonifica dello stesso ai sensi dell art. 242 del D. L.gs 152/2006. L ente emanerà apposita ordinanza completa dell indicazione dei tempi e delle modalità di allontanamento dei rifiuti a carico di colui che ha effettuato l abbandono e degli obbligati in solido, ai sensi dell art. 192 del D. Lgs. 152/2006. ART. 12 CONFERIMENTO DEI RIFIUTI INERTI EFFETTUATA DA PARTE DI PRODUTTORI DI RIFIUTI DOCUMENTAZIONE DA PRODURRE Il committente privato, all atto della presentazione dell istanza per l ottenimento di titolo abilitativo (permesso a costruire) nelle forme di concessione edilizia, autorizzazione edilizia, denuncia di inizio attività (DIA) dichiarazione asseverativa, è tenuto a presentare oltre alla documentazione indicata all art. 16 del Regolamento Edilizio vigente, la seguente documentazione: 1. Stima, redatta da tecnico abilitato, contenente: Quantità di rifiuti provenienti da demolizione, da classificarsi come inerti misti da demolizione (codice CER ) che si presume possano derivare dai lavori, da determinarsi in modo analitico o con l ausilio di qualunque altra dimostrazione quali grafici o simili; Ove ricorra il caso: Quantità approssimativa di rifiuti separati se si fa ricorso alla demolizione selettiva: quali mattonelle, ceramica, cemento, mattoni, materiali isolanti, legno, vetro plastica anche contenenti sostanze pericolose o inquinanti; Ove ricorra il caso: Quantità di rifiuti potenzialmente pericolosi o inquinanti: quali materiali da costruzione a base di gesso, materiali da costruzione contenenti amianto, asfalto, catrame e prodotti catramosi; Ove ricorra il caso: Quantità di metalli derivanti dalle lavorazioni ( rame, alluminio, ferro, acciaio etc); Eventuale quantità di terre e rocce provenienti dagli scavi; Ove ricorra il caso: Quantità di materiali direttamente riutilizzabili, senza trasformazioni preliminari, quali cantonetti in granito, travi in legno, strutture in ferro o acciaio. Pagina 6

7 2. Eventuale ricorso al deposito temporaneo e indicazioni precise sul luogo da adibire allo scopo e sugli accorgimenti necessari per mantenere un elevata qualità ambientale; 3. Quantità presumile di materie prime seconde oggettivamente ed effettivamente riutilizzabile senza trasformazione; 4. Quantità di rifiuti presumibile da avviare a recupero con indicazione dell impianto di recupero o di messa in riserva; 5. Indicazione dell impianto di smaltimento (ubicazione e denominazione) presso il quale verranno conferiti i rifiuti non riutilizzabili, riferibile a ciascuna tipologia di rifiuto; La stima prodotta, dal tecnico incaricato, deve essere resa in forma di relazione asseverativa. Qualora vi siano riportate nella relazione affermazioni false o affette da evidente malafede, grave negligenza o imperizia al professionista potrà essere contestato il reato di falso ideologico. ART. 13 VERSAMENTO CAUZIONE A TITOLO DI CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI L Ente a titolo di garanzia sulla corretta gestione dei rifiuti inerti, prima del rilascio del titolo abilitativo, chiede contestualmente alla documentazione prevista nel Regolamento Edilizio e nelle varianti al Piano di fabbricazione la garanzia prestata nelle forme indicate: Versamento su C. C. postale o Bancario come comunicato con opportuna nota, riportante la seguente causale oneri a garanzia della corretta gestione dei rifiuti speciali provenienti da demolizione ; Nel caso in cui nella dichiarazione resa dal professionista si indichi un impianto di smaltimento diverso dall impianto di titolarità dell ente, il committente può versare la garanzia anche nella seguente forma: Garanzia fidejussoria prestata nelle forme previste per legge per un importo pari a quanto sotto indicato valida per tutto il periodo dei lavori di demolizione che verrà comunque svincolata a dimostrazione del corretto smaltimento dei rifiuti, mediante la produzione della quarta copia firmata per accettazione dall impianto di smaltimento. L importo da corrispondere a titolo di garanzia, verrà calcolato moltiplicando la tariffa unitaria stabilita dall Ente per il quantitativo di rifiuti indicati nella stima. ART. 14 RIMBORSO DI ONERI NON DOVUTI Nell ipotesi in cui il committente privato non ottenga il permesso a costruire, rinunci ad esercitare il diritto (nel periodo di validità del titolo abilitativo) o utilizzi altro impianto di smaltimento diverso da quello comunale, (dandone dimostrazione mediante produzione della quarta copia del formulario opportunamente firmato per accettazione dall impianto di destinazione), è onerato della presentazione della richiesta di rimborso degli oneri a garanzia della corretta gestione dei rifiuti inerti. La richiesta di rimborso deve essere corredata dalla copia del versamento, dovrà essere chiaramente specificata la motivazione per la quale non sono dovuti gli oneri. Pagina 7

8 ART. 15 CONFERIMENTO DEI RIFIUTI INERTI NELL IMPIANTO DI SMALTIMENTO DI TITOLARITA DELL ENTE Il produttore e/o detentore dei rifiuti che intenda conferire i propri rifiuti inerti provenienti da attività di costruzione e demolizione presso l impianto di smaltimento di titolarità dell ente, dovrà procedere con il versamento come specificato all art. 13, oltre che nei casi di manutenzione straordinaria, recupero e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, realizzazione di opere interne o altre attività soggette a DIA, o ad autorizzazione edilizia ai sensi della L.R. 16/05/2003, n 5 anche nel caso di opere di manutenzione ordinaria. All atto dell accettazione del rifiuto in discarica il gestore dovrà verificare il quantitativo di rifiuto ed eventualmente richiedere in forma scritta (dandone comunicazione all ente) l ulteriore versamento dovuto alla differenza tra i quantitativi stimati in fase di progettazione e quanto effettivamente conferito. Dovrà inoltre accettare solo la tipologia di rifiuti inerti, conformi all autorizzazione regionale, e dovrà segnalare all ente il rigetto di rifiuti non conformi all autorizzazione. ART. 16 ESECUZIONE DI LAVORI PUBBLICI O DI PUBBLICA UTILITA Nella progettazione di lavori pubblici, devono essere stimate le tipologie e quantità di rifiuti derivanti dalle demolizioni, nonché le quantità di terre e rocce presumibilmente presenti e l eventuale presenza di rifiuti pericolosi. Nel caso di lavori a rete, nella progettazione dovrà esserci l indicazione del sito indicato come cantiere a cui fare riferimento per il deposito temporaneo e per il deposito delle terre e rocce ai fini della valutazione tecnica necessaria per l immediato utilizzo. La valutazione tecnica dovrà essere effettuata dal direttore dei lavori e avvallata dal Responsabile Unico del Procedimento. Nella fase di ultimazione dei lavori, o per stati di avanzamento degli stessi, il responsabile del procedimento dovrà acquisire dalla D.L. la quarta copia del formulario dei rifiuti controfirmata per accettazione dall impianto di destinazione,. Il D.L. nella relazione sul conto finale dovrà dare notizia sulla destinazione dei rifiuti. ART. 17 SANZIONI Chiunque abbandona rifiuti inerti non contaminati, sostanze pericolose o terre e rocce non contaminate sul suolo o nel suolo o immette rifiuti nelle acque superficiali e sotterranee è punito con la sanzione da 50,00 a 155,00; Se i rifiuti inerti contengono sostanze pericolose o le terre o le rocce provengono da siti contaminati ovvero sono sostanze pericolose (eternit etc), la sanzione va da 105,00 a 620,00; Chiunque effettua il trasporto dei rifiuti in assenza di formulario o con dati incompleti, è punito con la sanzione amministrativa da 1.600,00 a 9.300,00; Nel caso di rifiuti pericolosi si applica la pena dell art. 483 del C.P.; Chiunque viola i principi di deposito temporaneo (art. 6), senza arrecare danno alle matrici ambientali è punito con la sanzione da 50,00 a 500,00 (art. 7 bis del D. Lgs. 267/2000); A chiunque supera i quantitativi previsti per il deposito temporaneo è ascrivibile il reato di stoccaggio senza autorizzazione o discarica abusiva, a seconda dell arco temporale in cui vengono accumulati i rifiuti, ai sensi dell art. 256 del D. Lgs. 152/2006, essendo tenuto contemporaneamente al ripristino dello stato dei luoghi o alla bonifica del sito; Pagina 8

9 Chiunque viola il disposto di cui all art. 5 del presente regolamento è punito come definito nel presente articolo; Chiunque violi l art. 8 del presente regolamento è punito con una sanzione da 50,00 a 500,00 (art. 7 bis del D. Lgs. 267/2000). Le sanzioni possono essere incamerate dall Ente Comune nell ipotesi in cui siano erogate da funzionari di vigilanza appartenenti al Corpo di Polizia Municipale. Nell ipotesi in cui le sanzioni siano erogate da funzionari di altri Enti, sono incamerate dalla Provincia competente per territorio. Pagina 9

La gestione dei rifiuti in edilizia

La gestione dei rifiuti in edilizia La gestione dei rifiuti in edilizia L Aquila, 26 febbraio 2008 ANCE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI Direzione Legislazione Mercato Privato 1 EDILIZIA E CODICE AMBIENTE NUOVA EDIFICAZIONE INTERVENTI

Dettagli

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 Rifiuti potenzialmente prodotti presso i cantieri i rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione,

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI»

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI Fare i Conti con l ambiente rifiuti-acqua-energia workshop H RAVENNA 27/09/2012 «LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» DOTT.

Dettagli

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente LINEE-GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERIALI/RIFIUTI INERTI DERIVANTI DALLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE, COSTRUZIONE E SCAVO, COMPRESE LE COSTRUZIONI

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 Laura Fornasiero Limena 14 dicembre 2012 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE OBIETTIVI: indicazioni

Dettagli

Unione Industriali Pordenone

Unione Industriali Pordenone Unione Industriali Pordenone Decreto Legislativo n 152 del 3 aprile 2006 D.Lgs 152/2006 noto come Testo unico ambientale : è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale 14 aprile

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA Con le modifiche apportate dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 al

Dettagli

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI Tutte le attività produttive, che nell esercizio del ciclo lavorativo producono rifiuti speciali, devono

Dettagli

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI PRODUTTORE DEL RIFIUTO E SUOI ONERI Articolo 183 del Dlgs 152/2006 Definizioni b) produttore: la persona la cui attività ha prodotto rifiuti cioè

Dettagli

Accordo di Programma per il Recupero dei Residui da Costruzione e Demolizione nella Provincia di Ferrara

Accordo di Programma per il Recupero dei Residui da Costruzione e Demolizione nella Provincia di Ferrara SERVIZIO RISORSE IDRICHE E TUTELA AMBIENTALE PROVINCIA DI FERRARA OSSERVATORIO PROVINCIALE DEI RIFIUTI Accordo di Programma per il Recupero dei Residui da Costruzione e Demolizione nella Provincia di Ferrara

Dettagli

Il destino dei rifiuti da costruzione e demolizione Obblighi e realtà nella Provincia di Vercelli

Il destino dei rifiuti da costruzione e demolizione Obblighi e realtà nella Provincia di Vercelli LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 Il destino dei rifiuti da costruzione e demolizione Obblighi e realtà nella Provincia di Vercelli

Dettagli

INTERVENTI DI BONIFICA DI SITI CONTAMINATI: L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MILANO

INTERVENTI DI BONIFICA DI SITI CONTAMINATI: L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MILANO INTERVENTI DI BONIFICA DI SITI CONTAMINATI: L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MILANO RELATORE: Ing. De Salvia Servizio Piani di Bonifica Settore Piani e Programmi Esecutivi per l Edilizia -

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO Tesi di Laurea SMALTIMENTO E RIUTILIZZO DEL MATERIALE

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI INERTI PROVENIENTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE

SISTEMA INTEGRATO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI INERTI PROVENIENTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE PROVINCIA DI LECCE SETTORE TERRITORIO E AMBIENTE ASSOCIAZIONE DEGLI INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI LECCE SISTEMA INTEGRATO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI INERTI PROVENIENTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE

Dettagli

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva di Avv. Rosa Bertuzzi Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva Il testo unico ambientale impone il divieto di abbandono di rifiuti, obbligando, in primis, il trasgressore alla rimozione.

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE DISCARICHE Nuove definizioni: riflessi per le aziende Criteri di ammissione dei rifiuti, adeguamento delle discariche in esercizio, obblighi dei conferitori dei rifiuti Il Decreto Legislativo 13 gennaio

Dettagli

ALLEGATO 2 PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

ALLEGATO 2 PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI REGIONE ABRUZZO ALLEGATO 2 PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE E L AGGIORNAMENTO DELL ANAGRAFE DEI SITI CONTAMINATI A cura della Direzione Parchi Territorio Ambiente

Dettagli

R I F I U T I D A C & D (art. 39, comma 2 della L.R. 45/07 e s.m.i.)

R I F I U T I D A C & D (art. 39, comma 2 della L.R. 45/07 e s.m.i.) MODULO 1 Al Comune di Provincia di Ufficio Urbanistica ed Edizia Privata e Pubblica AL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PRATICA N. Ing./geom Per trasmissione del presente modulo da parte del Comune alla Provincia

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LATINA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LATINA Lezione 1 - giovedì 3 aprile 2014 - h. 15.00 19.00 Gestione dei Rifiuti - Quadro generale della normativa; - Definizioni, la nozione di rifiuto; l esclusione dei sottoprodotti e delle materie prima secondarie;

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (resa ai sensi degli artt. 47 e 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (resa ai sensi degli artt. 47 e 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445) Spett.le ARPA Lombardia DIPARTIMENTO DI.. Via...... (indirizzare all ARPA territorialmente competente con riferimento al sito di produzione dei materiali da scavo) Dichiarazione relativa al rispetto delle

Dettagli

Aspetti ambientali della manutenzione

Aspetti ambientali della manutenzione Aspetti ambientali della manutenzione La gestione dei rifiuti prodotti dalle attività manutentive Dott. Stefano Schiavon, Aplus S.r.l. Bologna, Fiera, Martedì 3 maggio 2011 Indice della presentazione Inquadramento

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI

REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI Art. 1 Definizione, finalità e localizzazione Ai sensi del Piano di adeguamento di cui al D.Lgs. 13.01.2003 n. 36, registrato in atti Provinciali

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI 1. LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME SOTTOPRODOTTI 2. I SITI CONTAMINATI 3. LA GESTIONE IN IMPIANTO DI RECUPERO DEI RIFIUTI DA

Dettagli

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati Pordenone, martedì 26 maggio 2009 Paolo Verardo Settore Tutela Ambientale della Provincia di Pordenone Normativa di riferimento D.Lgs.

Dettagli

Legge del Fare. Gli speciali di

Legge del Fare. Gli speciali di Gli speciali di Legge del Fare II Decreto del Fare è diventato finalmente legge. Ecco le novità per l edilizia e la sicurezza nei luoghi di lavoro e nei cantieri Il decreto legge 21 giugno 2013, n. 69

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative Chiarimenti 1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative A distanza di tre anni dalla data di entrata in vigore del D.Lgs

Dettagli

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO.

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO. ABC 123456/14 FORMULARIO RIFIUTI D.Lgs. del 5 febbraio 1997, n.22 (art. 15 e successive modifiche e integrazioni) D.M. del 1 aprile 1998, n 145 Direttiva Ministero Ambiente 9 aprile 2002 D.Lgs 3 aprile

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

paragrafo successivo, in cui sono indicate le modalità di riutilizzo, omettendo la parte anagrafica già compilata nel presente paragrafo.

paragrafo successivo, in cui sono indicate le modalità di riutilizzo, omettendo la parte anagrafica già compilata nel presente paragrafo. Riutilizzo Terre e Rocce da Scavo DECRETO LEGISLATIVO 3 aprile 2006, n 152 - Art. 186, come modificato dal D.lgs. N. 4/08 Il sottoscritto (cognome) (nome) nato a il in qualità di Titolare, Legale Rappresentante,

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali Oggetto: Rinnovo dell autorizzazione all esercizio dell impianto di recupero di proprietà della Ditta Benassuti Rottami S.a.s., sito in Località Pigno del Comune di Sommacampagna (Vr) e contestuale presa

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA(1) comma 2, art. 6 del D.P.R. 380/01

COMUNICAZIONE DI ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA(1) comma 2, art. 6 del D.P.R. 380/01 In duplice copia Al Comune di SAN SALVO SERVIZIO URBANISTICA COMUNICAZIONE DI ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA(1) comma 2, art. 6 del D.P.R. 380/01 Il/i sottoscritt, nato a.. Il con residenza e/o recapito in..

Dettagli

IL TRASPORTO DEI RIFIUTI DA DEMOLIZIONE

IL TRASPORTO DEI RIFIUTI DA DEMOLIZIONE IL TRASPORTO DEI RIFIUTI DA DEMOLIZIONE Modalità di gestione, violazioni e sanzioni di Tiziano Granata, Chimico e Assistente della Polizia Stradale e-mail: tiziano.granata@gmail.com Testo aggiornato a

Dettagli

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLE MATERIE (ai sensi dell art. 26 comma 1 lett.i del D.P.R. n. 207/2010)

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLE MATERIE (ai sensi dell art. 26 comma 1 lett.i del D.P.R. n. 207/2010) RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLE MATERIE (ai sensi dell art. 26 comma 1 lett.i del D.P.R. n. 207/2010) La presente relazione si riferisce alle opere inerenti il progetto delle urbanizzazioni primarie e secondarie

Dettagli

ALLEGATO A Norme generali

ALLEGATO A Norme generali ALLEGATO A Norme generali Rinnovo Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.) - dell Impianto di trattamento rifiuti solidi urbani e valorizzazione della accolta differenziata a servizio dell Ambito Ottimale

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA DI RICICLAGGIO, RECUPERO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI INERTI NELLA REGIONE LAZIO :

PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA DI RICICLAGGIO, RECUPERO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI INERTI NELLA REGIONE LAZIO : Workshop TERRE, ROCCE DA SCAVO E MATERIALI RICICLATI. QUANDO END OF WASTE? 14 GIUGNO 2012 SALA CONGRESSI DELLA PROVINCIA DI MILANO VIA CORRIDONI, 16 MILANO PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI DI CANTIERE Istituto BAZZI

LA GESTIONE DEI RIFIUTI DI CANTIERE Istituto BAZZI LA GESTIONE DEI RIFIUTI DI CANTIERE Istituto BAZZI 17-11-2014 Area Territorio Tecnologia Economia Geom. Roberto Caporali 1 TESTO UNICO DELL AMBIENTE Le definizioni più importanti per il nostro settore

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio Il Legale Rappresentante di una società di capitali che abbia delegato ad altri soggetti di sua fiducia attività in tema di gestione dei rifiuti diviene responsabile

Dettagli

LE LINEE GUIDA PROVINCIALI

LE LINEE GUIDA PROVINCIALI LE LINEE GUIDA PROVINCIALI 2) INDICAZIONI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEI MODULI ELABORATO PROGETTUALE (Mod.( A) predisposto dal produttore delle terre e rocce da scavo va presentato all autorità competente

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI DEL CANTIERE EDILIZIO

LA GESTIONE DEI RIFIUTI DEL CANTIERE EDILIZIO Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà LA GESTIONE DEI

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 23 - Lunedì 04 giugno 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 23 - Lunedì 04 giugno 2012 Bollettino Ufficiale 5 D.g.r. 23 maggio 2012 - n. IX/3509 Linee guida per la disciplina del procedimento per il rilascio della certificazione di avvenuta bonifica, messa in sicurezza operativa e messa

Dettagli

Helios srl Processing and Recycling waste

Helios srl Processing and Recycling waste Helios srl Processing and Recycling waste Attività dell impianto Le attività di recupero e trattamento dei rifiuti previste presso l impianto possono essere essenzialmente ricondotte alle seguenti tipologie:

Dettagli

PIANO REGIONALE ATTIVITA ESTRATTIVE (P.R.A.E.)

PIANO REGIONALE ATTIVITA ESTRATTIVE (P.R.A.E.) REGIONE MARCHE Giunta Regionale PIANO REGIONALE ATTIVITA ESTRATTIVE (P.R.A.E.) DIRETTIVA PER I CASI IN CUI DALLA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE (articolo 6, comma 2, lettera f) della L.R. 1 dicembre

Dettagli

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili. Ing. Andrea Bonvini

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili. Ing. Andrea Bonvini La gestione dei rifiuti nei cantieri edili Ing. Andrea Bonvini 1 Cosa si intende per rifiuto? Quando il detentore di una sostanza, materiale o bene: si disfi; abbia deciso di disfarsi; abbia l obbligo

Dettagli

IL RETTORE. il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ;

IL RETTORE. il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ; IL RETTORE DECRETO RETTORALE NR. 81/2015 il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ; il Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 Disposizioni di attuazione della direttiva

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006 Claudio Boldori CON LA PUBBLICAZIONE DEL RONCHI TER, SEMBRA CONCLUSA LA PRIMA E DOVEROSA FASE DI COMPLETAMENTO

Dettagli

P.zza Martiri della Libertà, 19 21050 Tel.0331.617768 - fax 0331.618186. PEC: utc.gorlamaggiore@legalmail.it. e.mail: utc@gorlamaggiore.

P.zza Martiri della Libertà, 19 21050 Tel.0331.617768 - fax 0331.618186. PEC: utc.gorlamaggiore@legalmail.it. e.mail: utc@gorlamaggiore. COMUNE DI GORLA MAGGIORE Provincia di Varese UFFICIO GESTIONE DEL TERRITORIO PROTEZIONE CIVILE P.zza Martiri della Libertà, 19 21050 Tel.0331.617768 - fax 0331.618186 e.mail: utc@gorlamaggiore.org BANDO

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche)

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) RIG.ECO srl via dell artigianato 14 1di 9 INDICE 1. PREMESSA...1 2. DEFINIZIONI...3 3. SCOPO DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE 1 RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE RIFIUTO PERICOLOSO (* asterisco) RIFIUTO NON PERICOLOSO 2 MANUTENZIONE RIFIUTI SPECIALI IN OFFICINA Rifiuti prodotti all interno dell azienda Ricambi vari Derivati dalla

Dettagli

D.lgs. 152/06 art. 197

D.lgs. 152/06 art. 197 FUNZIONI DELLA PROVINCIA D.lgs. 152/06 art. 197 1. In attuazione dell'articolo 19 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, alle province competono: a) il controllo e la verifica degli interventi

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI INDICAZIONI PER I COORDINATORI DELLA SICUREZZA SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ALCUNE DEFINIZIONI TRATTE DAL D. LGS. 152/06

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale Il nuovo decreto legislativo 152, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006, S.O. n. 96, è entrato in vigore il 29 aprile 2006.

Dettagli

PREMESSA 3.04.2006, 152 L.R.

PREMESSA 3.04.2006, 152 L.R. ALLEGATO 1 DIRETTIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE IN VIA DEFINITIVA E DI SVOLGIMENTO DELLE SINGOLE CAMPAGNE DI ATTIVITA DEGLI IMPIANTI MOBILI DI SMALTIMENTO O DI RECUPERO DI RIFIUTI DI CUI ALLA

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F.

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F. 1/11 Spett.le R.A.P. S.p.A. Piazzetta Cairoli 90123 Palermo OGGETTO: RICHIESTA DI AMMISSIBILITÀ RIFIUTI PRESSO LA DISCARICA DI BELLOLAMPO. ISTANZA DEL PRODUTTORE Il legale rappresentante della ditta P.

Dettagli

Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n.

Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n. Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n. 98 A seguito dell entrata in vigore della Legge 09.08.2013 n. 98,

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO SPECIFICO INERENTE LE DISCARICHE DI II^ CATEGORIA DI TIPO A IN COMUNE DI CONEGLIANO LOCALITA BORGO PERINOT E CAL DELL EBREO

REGOLAMENTO TECNICO SPECIFICO INERENTE LE DISCARICHE DI II^ CATEGORIA DI TIPO A IN COMUNE DI CONEGLIANO LOCALITA BORGO PERINOT E CAL DELL EBREO CITTA DI CONEGLIANO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO TECNICO SPECIFICO INERENTE LE DISCARICHE DI II^ CATEGORIA DI TIPO A IN COMUNE DI CONEGLIANO LOCALITA BORGO PERINOT E CAL DELL EBREO - Approvato con

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO

LA GESTIONE DEI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO AMIANTO : aggiornamenti normativi e gestione delle segnalazioni Seminario 22 maggio 2009 LA GESTIONE DEI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO Checchi Lella ARPA Sezione Provinciale di Modena Servizio Territoriale

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER IL RECUPERO DEI RESIDUI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE (C & D) NELLA PROVINCIA DI ENNA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER IL RECUPERO DEI RESIDUI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE (C & D) NELLA PROVINCIA DI ENNA ACCORDO DI PROGRAMMA PER IL RECUPERO DEI RESIDUI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE (C & D) NELLA PROVINCIA DI ENNA PARTI CONTRAENTI - Provincia Regionale di Enna; - Prefettura di Enna - Comuni della provincia

Dettagli

La produzione di aggregati riciclati di qualità. La gestione ottimale di un impianto di riciclaggio di rifiuti da C&D

La produzione di aggregati riciclati di qualità. La gestione ottimale di un impianto di riciclaggio di rifiuti da C&D La produzione di aggregati riciclati di qualità. La gestione ottimale di un impianto di riciclaggio di rifiuti da C&D Ing. Stefano Cicerani Convegno sul tema: La qualità degli aggregati riciclati: i controlli

Dettagli

SERAM S.p.A. Gestione dei rifiuti PR SGSL 16

SERAM S.p.A. Gestione dei rifiuti PR SGSL 16 Pag. 2 di 14 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 3. RIFERIMENTI... 4 4. DEFINIZIONI... 6 5. RESPONSABILITA'... 7 6. GENERALITA... 8 6.1 Definizione di rifiuto... 8 7. PRODUZIONE

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

Aspetti normativi e procedure amministrative

Aspetti normativi e procedure amministrative Comune di Milano Settore Piani e Programmi Esecutivi per l Edilizia Servizio Piani di Bonifica Aspetti normativi e procedure amministrative Ing Alba De Salvia Servizio Piani di Bonifica Settore Piani e

Dettagli

Come e dove dovrebbero andare a finire i rifiuti C&D?

Come e dove dovrebbero andare a finire i rifiuti C&D? Cap. 2.A Come e dove dovrebbero andare a finire i rifiuti C&D? Nella parte denominata Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati del D.lgs. 152/2006, di cui all art.183,

Dettagli

Nuova direttiva rifiuti e nuove regole di classificazione per i rifiuti pericolosi. Conseguenze e impatti su produzione, deposito, trasporto, gestione

Nuova direttiva rifiuti e nuove regole di classificazione per i rifiuti pericolosi. Conseguenze e impatti su produzione, deposito, trasporto, gestione Nuova direttiva rifiuti e nuove regole di classificazione per i rifiuti pericolosi. Conseguenze e impatti su produzione, deposito, trasporto, gestione Dr.ssa Micaela Utili Confapi Ravenna Verona 21 aprile

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento RIFIUTI: AMMISIBILITA IN DISCARICA NUOVA LISTA POSITIVA Con delibera della Giunta Provinciale n. 2740 del 14 dicembre 2012 è stata modificata la lista positiva dei rifiuti non pericolosi che possono essere

Dettagli

COMUNE DI OPPEANO. Provincia di Verona Settore edilizia privata/urbanistica DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA D.I.A.

COMUNE DI OPPEANO. Provincia di Verona Settore edilizia privata/urbanistica DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA D.I.A. COMUNE DI OPPEANO Provincia di Verona Settore edilizia privata/urbanistica Al Responsabile UTC Ed. Priv./Urbanistica del Comune di Oppeano (VR) P.zza G. Altichieri, n. 1 37050 OPPEANO (VR) DENUNCIA DI

Dettagli

PARTE QUARTA NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI (pubblicato nel suppl. ord. alla GU 14 aprile 2006, n.

PARTE QUARTA NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI (pubblicato nel suppl. ord. alla GU 14 aprile 2006, n. DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152 NORME IN MATERIA AMBIENTALE PARTE QUARTA NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI (pubblicato nel suppl. ord. alla GU 14 aprile

Dettagli

ADEMPIMENTI IN CASO DI EVENTO POTENZIALMENTE CONTAMINANTE

ADEMPIMENTI IN CASO DI EVENTO POTENZIALMENTE CONTAMINANTE ADEMPIMENTI IN CASO DI EVENTO POTENZIALMENTE CONTAMINANTE Settore Ambiente Adempimenti in caso di evento potenzialmente contaminante Soggetti interessati Responsabile dell inquinamento Proprietario o gestore

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli

CONDIZIONI DA RISPETTARE. relative alla Determinazione n. del

CONDIZIONI DA RISPETTARE. relative alla Determinazione n. del CONDIZIONI DA RISPETTARE relative alla Determinazione n. del Gestore: TRASH s.r.l. P.IVA e C.F.: 05818421009 Sede Legale: Via Licenza n.9 00156 Roma (RM) Sede Operativa : Via Casale Cavallari n.45 00156

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PIEVE DI CENTO Provincia di Bologna

COMUNE DI PIEVE DI CENTO Provincia di Bologna COMUNE DI PIEVE DI CENTO Provincia di Bologna Regolamento comunale per la gestione del Centro di Raccolta dei Rifiuti urbani raccolti in modo differenziato (Stazione Ecologica Attrezzata) Norme di accesso

Dettagli

LE AUTORIZZAZIONI AMBIENTALI - COMUNICAZIONE PER L INZIO ATTIVITA DI RECUPERO RIFIUTI SOGGETTA A PROCEDURA SEMPLIFICATA DI AUTORIZZAZIONE

LE AUTORIZZAZIONI AMBIENTALI - COMUNICAZIONE PER L INZIO ATTIVITA DI RECUPERO RIFIUTI SOGGETTA A PROCEDURA SEMPLIFICATA DI AUTORIZZAZIONE LE AUTORIZZAZIONI AMBIENTALI - COMUNICAZIONE PER L INZIO ATTIVITA DI RECUPERO RIFIUTI SOGGETTA A PROCEDURA SEMPLIFICATA DI AUTORIZZAZIONE La Provincia iscrivere in un apposito registro i soggetti interessati

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER LO SMALTIMENTO DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO PRESSO IMMOBILI SITI NEL COMUNE DI DERVIO

BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER LO SMALTIMENTO DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO PRESSO IMMOBILI SITI NEL COMUNE DI DERVIO BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER LO SMALTIMENTO DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO PRESSO IMMOBILI SITI NEL COMUNE DI DERVIO. Art. 1 Oggetto e finalità del bando Il Comune di

Dettagli

D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10

D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10 D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10 Agg. n 1/11 CHE art. 192 commi 1-2 art. 192 commi 1-2 art. 226 art. 231 commi 1-2 art. 231 art. 255 art. 255 art. 231 art. 255 Abbandono o deposito incontrollato

Dettagli

Al Comune di CORTONA Piazza della Repubblica n. 1 52044 CORTONA

Al Comune di CORTONA Piazza della Repubblica n. 1 52044 CORTONA Prot. gen. del Comune Riservato al Servizio Prat. Edilizia: n. / Modalità di inoltro fax posta a mano via telematica Servizio Edilizia Privata (1) Sportello Unico Attività Produttive (2) Al Comune di CORTONA

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli ORDINANZA N. ^% del 29 -U,iL Oggetto: Ordinanza per la rimozione e lo smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi depositati in modo incontrollato -

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISANAMENTO AREE PUBBLICHE ATTRAVERSO OPERAZIONI DI RIMOZIONE, TRASPORTO E SMALTIMENTO, DEI RIFIUTI DI VARIA NATURA ABBANDONATI

Dettagli

Denuncia di Inizio Attività Edilizia

Denuncia di Inizio Attività Edilizia B_modulo DIAE rev.6 del 20.04.2015 Al sig. Sindaco del Comune di Trebaseleghe: Denuncia di Inizio Attività Edilizia redatta ai sensi e per gli effetti dell art. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 OGGETTO: Il/

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI LA NORMATIVA ATTUALE. REGGIO EMILIA Venerdì 4 aprile 2014

LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI LA NORMATIVA ATTUALE. REGGIO EMILIA Venerdì 4 aprile 2014 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI LA NORMATIVA ATTUALE REGGIO EMILIA Venerdì 4 aprile 2014 Il D.lgs 22/97 (c.d. Decreto Ronchi) introduce novità significative nella gestione dei rifiuti, rispetto a un passato

Dettagli

Impianti Stoccaggio Amianto

Impianti Stoccaggio Amianto Il trattamento e lo smaltimento dei Rifiuti Contenenti Amianto: situazione italiana. Roma 12 Dicembre 2013. Impianti Stoccaggio Amianto Ing. Beatrice Conestabile della Staffa Dott.ssa Federica Paglietti

Dettagli

Allegato: 1 LINEE GUIDA

Allegato: 1 LINEE GUIDA Allegato: 1 LINEE GUIDA Modalità applicative per il riutilizzo delle terre e rocce da scavo previsto dall art. 186 del D.Lgs. n. 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

DEPOSITO TEMPORANEO E CENTRI DI STOCCAGGIO COLLETTIVO 1. DEPOSITO TEMPORANEO DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE: DEFINIZIONE

DEPOSITO TEMPORANEO E CENTRI DI STOCCAGGIO COLLETTIVO 1. DEPOSITO TEMPORANEO DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE: DEFINIZIONE DEPOSITO TEMPORANEO E CENTRI DI STOCCAGGIO COLLETTIVO 1. DEPOSITO TEMPORANEO DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE: DEFINIZIONE Il raggruppamento dei rifiuti nel luogo in cui gli stessi vengono prodotti,

Dettagli