Gestione di impianti per il deposito intermedio, la triturazione, il riciclaggio e la combustione di rifiuti di legno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione di impianti per il deposito intermedio, la triturazione, il riciclaggio e la combustione di rifiuti di legno"

Transcript

1 Gestione di impianti per il deposito intermedio, la triturazione, il riciclaggio e la combustione di rifiuti di legno (Aiuto all esecuzione rifiuti di legno)

2 Valenza giuridica della presente pubblicazione La presente pubblicazione è uno strumento d'aiuto all'esecuzione proposto dall'ufam in veste di autorità di vigilanza e destinato in primo luogo alle autorità esecutive. Nel testo viene data concretezza a concetti giuridici indeterminati, inclusi in leggi e ordinanze, nell'intento di uniformarne l'esecuzione nella prassi. L'UFAM pubblica i testi d'aiuto all'esecuzione, spesso designati con il nome di direttive, istruzioni, raccomandazioni, manuali, aiuti pratici, ecc., nella sua collana «Ambiente-Esecuzione». Da un lato dette pubblicazioni assicurano in notevole misura l'uguaglianza giuridica e la certezza del diritto; dall'altro permettono l'adozione, se del caso, di soluzioni flessibili e adeguate. Quando le autorità esecutive tengono conto di un simile testo, si può partire dal presupposto che esse applicano la legislazione in modo conforme al diritto federale. Soluzioni alternative non sono escluse, purché in ossequio alla prassi giudiziaria ne venga dimostrata la conformità al diritto federale.

3 1 Introduzione Il presente aiuto all esecuzione è stato redatto in collaborazione con un gruppo di lavoro a cui hanno partecipato rappresentanti del mondo economico e delle autorità cantonali. Il testo dà concretezza ai requisiti qualitativi di un trattamento rispettoso dell'ambiente dei rifiuti provenienti dalla lavorazione del legno e spiega in che cosa consiste lo smaltimento ecocompatibile di tali rifiuti, in particolare nel caso del riciclaggio del legno per la produzione di pannelli truciolari. L aiuto all esecuzione fa riferimento alle disposizioni relative ai cosiddetti altri rifiuti soggetti all obbligo di controllo (tra cui il legno usato) contenute nell ordinanza sul traffico di rifiuti (OTRif) 1. Tale ordinanza, che sostituisce l ordinanza sul traffico dei rifiuti speciali (OTRS) 2, è entrata in vigore il 1 gennaio La relativa ordinanza del DATEC 3 sulle liste per il traffico dei rifiuti (OLTRif) 4 contiene un elenco completo dei rifiuti che comprende anche quelli provenienti dalla lavorazione del legno. 2 Scopo dell aiuto all'esecuzione Normalmente i rifiuti provenienti dalla lavorazione del legno vengono triturati prima di essere inceneriti o riciclati. La maggior parte di questi rifiuti continua ad essere smaltita in Svizzera in impianti a combustione idonei alimentati con legno usato o in impianti d incenerimento dei rifiuti urbani (IIRU). Negli ultimi anni tuttavia, l esportazione di rifiuti di legno destinati ad essere riciclati nelle fabbriche di pannelli truciolari è aumentata in modo considerevole. Poiché a causa dei diversi tenori di sostanze inquinanti soltanto determinate qualità di rifiuti di legno si prestano ad essere riciclati come pannelli truciolari, l aiuto all esecuzione intende assicurare che vengano riciclate solo quelle frazioni di legno che, in base al loro tenore di sostanze inquinanti, sono effettivamente idonee al riciclaggio. Il sistema di controllo descritto nel presente aiuto all esecuzione contiene dei valori indicativi per queste sostanze inquinanti e delle raccomandazioni per i prelievi di campioni e le analisi. Il sistema serve principalmente per controllare il riciclaggio dei rifiuti di legno ma contiene anche criteri per poter distinguere i rifiuti problematici dagli altri. 3 Requisiti dello smaltimento 3.1 Classificazione L ordinanza sul traffico di rifiuti (OTRif) recepisce l elenco dei rifiuti europeo (ERE) 5. L elenco completo dei rifiuti viene emanato mediante l OLTRif. L allegato A del presente documento contiene i codici con i quali vengono classificati i rifiuti di legno in detto elenco. Sulla base della definizione di rifiuti contenuta nella legge sulla protezione dell ambiente (art. 7 cpv. 6bis LPAmb) 6 e in combinazione con l elenco dei rifiuti europeo, anche il legno allo stato naturale e quello non trattato, come gli scarti provenienti dalle aziende che lavorano il legno (scarti di falegnamerie ecc), è considerato un rifiuto se il titolare intende liberarsene. Secondo l OLTRif il legno trattato o rivestito fa parte degli altri rifiuti soggetti all obbligo di controllo (rc). Come tale, 1 Ordinanza del 22 giugno 2005 sul traffico di rifiuti (OTRif, RS ). 2 Ordinanza del 12 novembre 1986 sul traffico dei rifiuti speciali (OTRS, RS ). 3 Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni. 4 Ordinanza del DATEC del 18 ottobre 2005 sulle liste per il traffico di rifiuti (OLTRif, RS ). 5 Elenco dei rifiuti europeo (2000/532/CE) del 03/05/2000, modificato il 16/01/2001 (2001/118/CE), il 22/01/2001 (2001/119/CE) e il 23/07/2001 (2001/573/CE). 6 Legge federale del 7 ottobre 1983 sulla protezione dell ambiente (Legge sulla protezione dell ambiente) (LPAmb, RS ). 1

4 in futuro esso deve essere smaltito in impianti autorizzati dai Cantoni e dotati di un infrastruttura idonea (art. 8 OTRif). Poiché in questo settore economico vengono normalmente utilizzate le quattro categorie definite sulla base dell ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt) 7, l allegato A mette a confronto la classificazione secondo l OIAt e quella secondo l OTRif. 3.2 Deposito intermedio e triturazione dei rifiuti di legno Gli impianti per il deposito intermedio e la triturazione dei rifiuti di legno devono soddisfare, per quanto riguarda il deposito intermedio, i requisiti definiti nell articolo 37 dell ordinanza tecnica sui rifiuti (OTR) 8 relativi ai depositi intermedi e, per quanto riguarda la triturazione, gli impianti devono essere in linea con lo stato attuale della tecnica. Essi devono soddisfare in particolare le seguenti condizioni: Separazione Per la separazione occorre tenere conto della provenienza, dell aspetto e dell odore. È importante che il personale del deposito intermedio o del centro di triturazione addetto alla separazione venga istruito in modo idoneo. Le eventuali sostanze estranee (p. es. metalli, plastica, vetro) separate devono essere smaltite in modo ecocompatibile Deposito intermedio Drenaggio L intera area di deposito deve essere provvista di un rivestimento impermeabile e di un bordo perimetrale. Il drenaggio deve confluire nella canalizzazione delle acque di scarico attraverso un collettore di fanghi con un pozzetto di decantazione (cfr. art. 37 OTR). Per l immissione nelle canalizzazioni pubbliche è necessaria un autorizzazione secondo l articolo 7 della legge federale sulla protezione delle acque (LPAc) 9 e dell articolo 7 dell ordinanza sulla protezione delle acque (OPAc) 10. Eventualmente deve essere installato un impianto idoneo per la depurazione delle acque di scarico. Nelle zone di protezione delle acque sotterranee da S1 a S3 non sono ammessi il deposito intermedio e le aree di trasbordo e di trattamento del legno usato (cfr. allegato 4 cifra 2 OPAc). Copertura In linea di principio, il legno usato sottoposto a triturazione deve essere depositato in un luogo coperto. Esso può essere depositato in container se questi ultimi sono coperti (p. es. con un telone) e se si trovano su un area consolidata e dotata di un rivestimento impermeabile. I container non devono essere coperti con un telone se rimangono sul posto soltanto per un breve periodo (da 2 a 3 giorni) Triturazione Emissioni Il gestore di un impianto di triturazione è tenuto ad adottare tutte le misure opportune per evitare il rumore e la polvere. Le apparecchiature e le macchine devono essere conformi allo stato della tecnica. Devono essere rispettate le prescrizioni dell OIAt (p. es. filtri antipolvere o filtri antiparticolato per i motori diesel) e dell ordinanza contro l inquinamento fonico (OIF) 11. Questo 7 Ordinanza del 16 dicembre 1985 contro l'inquinamento atmosferico (OIAt, RS ). 8 Ordinanza tecnica del 10 dicembre 1990 sui rifiuti (OTR, RS ). 9 Legge federale del 24 gennaio 1991 sulla protezione delle acque (LPAc, RS ). 10 Ordinanza del 28 ottobre 1998 sulla protezione delle acque (OPAc, RS ). 11 Ordinanza del 15 dicembre 1986 contro l inquinamento fonico (OIF, RS ). 2

5 riguarda in particolare gli impianti che si trovano in prossimità dei centri abitati. In tal caso il Cantone può richiedere che gli impianti siano collocati all interno di un edificio chiuso. Per la triturazione di legno contenente PAH, PCP o PCB (p. es. traversine ferroviarie) devono essere tuttavia adottate delle misure particolari. Durante la triturazione di rifiuti di legno di questo genere possono liberarsi delle polveri nocive sia per il personale addetto sia per l ambiente circostante. In presenza di ingenti quantità di legno contaminato da triturare, occorre garantire mediante l adozione di misure tecniche che vengano rispettati i valori limite delle concentrazioni massime ammesse sui posti di lavoro (valori MAK) 12 e i valori limite d emissione dell OIAt, in particolare per le sostanze cancerogene come il benzo(a)pirene e il dibenzo(a,h)antracene come elencati nell allegato 1 cifra 82 dell OIAt. Su disposizione delle autorità cantonali vengono eseguite delle misurazioni di controllo. 3.3 Produzione di materiali di legno Per la produzione di materiali di legno (p. es. pannelli truciolari) possono essere impiegati soltanto il legno, gli scarti di legno e il legno usato allo stato naturale e il cui tenore di sostanze nocive sia inferiore ai valori indicativi della colonna 1 della tabella dell allegato B. Il legno attaccato da funghi (serpula lacrymans) deve essere incenerito e non può essere riciclato per i pannelli truciolari. I produttori di pannelli truciolari che utilizzano rifiuti di legno nei processi produttivi devono soddisfare i requisiti previsti dall allegato 2 cifra 84 OIAt. Essi devono rispettare le condizioni seguenti: Separazione L azienda deve disporre della normale attrezzatura per garantire una separazione ottimale dei rifiuti di legno affinché questi, all inizio della catena di riciclaggio, siano privi di tutte le sostanze di natura estranea (plastica, metalli, vetro, minerali, carta). Lo stato della tecnica prevede la separazione dei metalli ferrosi con separatori a magnete. Gli altri componenti vengono selezionati mediante setacci e separazione a gravità Riciclaggio di sostanze estranee, frazioni fini e ceneri Le sostanze estranee eliminate e raccolte separatamente devono essere smaltite in modo ecocompatibile. Di regola, le frazioni fini (< 0,3 mm) contaminate da sostanze nocive vengono separate durante il trattamento dei rifiuti di legno nell azienda produttrice di pannelli truciolari. Queste frazioni fini devono essere incenerite. Gli impianti che inceneriscono tali frazioni sono da considerarsi impianti di combustione alimentati con legno usato e devono essere conformi ai requisiti dell OIAt. Essi devono essere dotati in particolare di un dispositivo di depurazione dei gas di scarico (filtro elettrico o filtro di tessuto). Le ceneri pesanti vanno smaltite in una discarica reattore oppure, dopo un trattamento preliminare idoneo, in una discarica per sostanze residue. Le ceneri volatili e le polveri filtrate sono rifiuti speciali e devono essere smaltite come tali secondo lo stato della tecnica Il valore MAK relativo al benzo(a)pirene corrisponde a 0,002 mg/m Vedere a riguardo la pubblicazione dell UFAFP Bruciare rifiuti, legname di scarto o scarti di legno in impianti a combustione alimentati con legna o all aperto (Comunicazione concernente l ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt) e l ordinanza tecnica sui rifiuti (OTR) n. 1). 3

6 3.4 Combustione e riciclaggio termico dei rifiuti di legno A seconda del grado di contaminazione, i rifiuti di legno che non sono destinati al riciclaggio materiale devono essere inceneriti in impianti idonei e in conformità con le prescrizioni dell OIAt Utilizzo come combustibile legnoso in impianti a combustione alimentati con scarti di legno Secondo l OIAt gli scarti di legno possono essere inceneriti soltanto in impianti a combustione alimentati con scarti di legno. Gli impianti a combustione alimentati con scarti di legno devono essere conformi alle prescrizioni dell OIAt (allegato 3 cifra 52). Per scarti di legno ai sensi dell OIAt (allegato 5 cifra 3) si intendono gli scarti provenienti da aziende di lavorazione del legno o da cantieri edili, a condizione di non essere stati né impregnati con un procedimento a getto né ricoperti con un rivestimento contenente composti organici alogenati. La frazione separata presso il centro di triturazione o il deposito intermedio è esclusa da questo metodo di smaltimento poiché potrebbe essere stata contaminata da altri rifiuti di legno contenenti sostanze nocive. Poiché le ceneri pesanti provenienti dagli impianti a combustione alimentati con scarti di legno superano generalmente i valori limite relativi ai materiali inerti definiti nell allegato 1 cifra 11 dell OTR, esse devono essere smaltite in una discarica reattore o, dopo un trattamento preliminare idoneo, in una discarica per sostanze residue Incenerimento in impianti a combustione alimentati con legno usato Il legno usato, comprese le miscele di legno usato e di scarti di legno, deve essere incenerito in un impianto a combustione alimentato con legno usato. Gli impianti devono essere conformi alle prescrizioni dell OIAt per gli impianti a combustione alimentati con legno usato (allegato 2 cifra 72). Le ceneri pesanti devono essere smaltite in una discarica reattore oppure, dopo un trattamento preliminare idoneo, in una discarica per sostanze residue. Le ceneri volatili e le polveri filtrate provenienti dagli impianti a combustione alimentati con legno usato sono rifiuti speciali e devono essere smaltite come tali secondo lo stato della tecnica 14. Sono fatte salve prescrizioni più restrittive del Cantone di ubicazione Incenerimento in IIRU, cementifici o impianti simili I rifiuti di legno problematici (secondo l'allegato 5 cifra 3 capoverso 2 lettera b OIAt) devono essere inceneriti in impianti idonei dotati di un sistema efficiente di depurazione dei gas di scarico, come ad esempio in IIRU, cementifici, impianti di gassificazione o centrali termiche conformi alle prescrizioni dell OIAt (allegato 2 cifra 71) e dell OTR (articoli 38 e 39) per gli impianti destinati all incenerimento dei rifiuti urbani. I valori indicativi riportati nella colonna 2 della tabella dell allegato B consentono di differenziare il legno problematico dall altro legno usato. Le frazioni fini che si formano durante la triturazione del legno usato sono generalmente molto contaminate da sostanze nocive e devono essere smaltite separatamente. Esse sono considerate rifiuti di legno problematici e devono essere smaltite come tali. Avvertenza: il riutilizzo delle traversine ferroviarie viene disciplinato nell allegato 2.4 numero 1.3 dell ordinanza sulla riduzione dei rischi inerenti ai prodotti chimici (ORRPChim) Vedere a riguardo la pubblicazione dell UFAFP Bruciare rifiuti, legname di scarto o scarti di legno in impianti a combustione alimentati con legna o all aperto (Comunicazione concernente l ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt) e l ordinanza tecnica sui rifiuti (OTR) n. 1). 15 Ordinanza del 18 maggio 2005 sulla riduzione dei rischi inerenti ai prodotti chimici (ORRPChim, RS ). 4

7 4 Controllo della qualità 4.1 Rifiuti di legno destinati alla produzione di materiali di legno o al riciclaggio termico in impianti a combustione alimentati con legno usato La qualità dei rifiuti di legno destinati alla produzione di materiali di legno o al riciclaggio termico in impianti a combustione alimentati con legno usato deve essere sottoposta a controlli. Pertanto, chi gestisce un impianto di triturazione deve incaricare un laboratorio di eseguire dei prelievi di campioni dai propri depositi di legno usato per analizzarli e garantire il rispetto dei valori indicativi riportati nella tabella dell allegato B. I risultati di queste analisi vengono presentati alle autorità cantonali nell ambito del controllo della qualità. Le autorità, a seconda dell origine dei rifiuti, possono disporre una riduzione del numero di parametri necessari. I prelievi di campioni e le analisi devono essere eseguiti da un laboratorio di analisi accreditato a norma EN, ISO o simili. Nell autorizzazione secondo l articolo 10 OTRif il Cantone deve definire le misure sopra citate come oneri secondo l articolo 10 capoverso 2 lettera c OTRif. Non sottostanno ai controlli di qualità le aree destinate al deposito di legno usato che riforniscono esclusivamente impianti che rispettano i valori indicativi per impianti di smaltimento dei rifiuti secondo l allegato 2 cifra 714 OIAt Frequenza La frequenza dei controlli di qualità dipende dalla quantità di rifiuti lavorata annualmente per produrre materiali di legno. L UFAM consiglia di eseguire dei controlli della qualità annuali secondo la tabella sotto riportata: Quantità di rifiuti di legno lavorati per produrre materiali di legno (in Numero di controlli t/anno) annuali < un controllo e < due controlli e < tre controlli e < quattro controlli ecc Prelievi di campioni e metodi di analisi A. Preparazione dei campioni Il prelievo dei campioni viene descritto in modo dettagliato nell allegato D. B. Metodo di analisi La decomposizione e l analisi devono essere eseguite secondo l allegato IV dell ordinanza tedesca sul legno usato (cfr. allegato E) 16. C. Documentazione Il prelievo di campioni va documentato. La documentazione riporta almeno la data del prelievo, la denominazione del lotto da cui si prelevano i campioni come pure nome e firma della persona che esegue il prelievo con la quale attesta la regolarità dell operazione. 16 Verordnung über Anforderungen an die Verwertung und Beseitigung von Altholz, Altholz-Verordnung. Ministero federale dell ambiente, Berlino,

8 4.1.3 Misure in caso di superamento dei valori indicativi A. Superamento in caso di rifiuti di legno destinati al recupero materiale I rifiuti di legno non sono adatti ad essere riciclati per la produzione di pannelli truciolari se viene superato uno dei valori indicativi relativi ai parametri conformemente alla colonna 1 della tabella riportata nell allegato B. In caso di superamento dei valori indicativi si deve tenere conto della maggiore imprecisione che può risultare dal prelievo di campioni di rifiuti di legno e dalla loro analisi. In caso di superamento significativo di un parametro, le autorità cantonali richiedono analisi più frequenti (in determinati casi solo per i parametri più critici). Presso il deposito intermedio o il centro di triturazione devono essere adottate misure immediate per migliorare la separazione degli scarti. I trasporti di legname destinato al recupero materiale non vengono interrotti immediatamente. Se in seguito all adozione di tali misure non si constata un miglioramento della qualità del legno, il Cantone provvede a verificare se l autorizzazione di smaltimento ai sensi dell articolo 8 OTRif, di cui l azienda deve essere in possesso, sia da revocare o limitare. Inoltre, i Cantoni informano l UFAM (se è previsto che il legno triturato debba essere esportato ai fini di un recupero materiale) e richiedono uno smaltimento idoneo in Svizzera (generalmente l incenerimento). L UFAM dal canto suo verifica la revoca di eventuali autorizzazioni per l esportazione. B. Superamento in caso di rifiuti di legno destinati ad essere utilizzati negli impianti a combustione alimentati con legno usato I rifiuti di legno non sono adatti ad essere utilizzati negli impianti a combustione alimentati con legno usato se viene superato in modo significativo uno dei valori indicativi dei parametri da misurare conformemente alla colonna 2 della tabella riportata nell allegato B. In questi casi i rifiuti di legno devono essere classificati come problematici. Se viene constatato un simile superamento di tali valori, i Cantoni devono impedire ogni trasporto destinato all impresa di smaltimento. Per quanto riguarda i trasporti oltre frontiera, deve essere informato l UFAM. 6

9 5 Autorizzazione cantonale secondo l OTRif 5.1 Imprese di smaltimento soggette all obbligo di autorizzazione Secondo l articolo 8 OTRif necessitano di un autorizzazione le aziende che ricevono dei rifiuti di legno soggetti all obbligo di controllo per smaltirli (cfr. allegato A) 17. Il rilascio dell autorizzazione è di competenza dei Cantoni (artt OTRif). In particolare questo riguarda le imprese e gli impianti seguenti: - impianti di triturazione fissi; - depositi intermedi di aziende che ricevono rifiuti di legno soggetti all obbligo di controllo; - aziende produttrici di pannelli truciolari che impiegano, per la loro produzione, rifiuti di legno soggetti all obbligo di controllo; - impianti a combustione alimentati con rifiuti di legno soggetti all obbligo di controllo; - imprese che gestiscono trituratori mobili. Le aziende che gestiscono un impianto di triturazione mobile devono essere in possesso di un autorizzazione per lo smaltimento rilasciata dal Cantone in cui l azienda ha la sua sede principale. Inoltre l azienda deve disporre anche di un autorizzazione di quei Cantoni in cui è attivo il proprio impianto di triturazione. Se il trituratore mobile impiega soltanto legno allo stato naturale, non è necessaria un autorizzazione di smaltimento. Avvertenza: non necessita di un autorizzazione per lo smaltimento chi riutilizza le traversine ferroviarie secondo l allegato 2.4 numero 1.3 dell ORRPChim. 5.2 Rilascio dell autorizzazione di smaltimento L autorità cantonale rilascia l autorizzazione per lo smaltimento dei rifiuti di legno se il richiedente ha dimostrato di disporre degli impianti, delle attrezzature e del personale specializzato necessari per eseguire uno smaltimento rispettoso dell ambiente (art. 10 OTRif). Per smaltimento rispettoso dell ambiente s intende il rispetto dei requisiti in fatto di trattamento e smaltimento descritti nel capitolo 3 del presente documento. Le autorità cantonali dispongono controlli della qualità secondo le indicazioni fornite nel capitolo 4. A seconda delle condizioni locali, i servizi competenti cantonali possono definire ulteriori requisiti. L autorizzazione ha una validità massima di cinque anni (art. 10 cpv. 3 OTRif). Essa viene rinnovata se la verifica da parte delle autorità constata che le condizioni continuano ad essere rispettate. 5.3 Obbligo di notifica Secondo l OTRif (art. 12 cpv. 4), le imprese di smaltimento soggette all obbligo di autorizzazione devono comunicare ogni anno alle autorità cantonali la quantità di rifiuti di legno ricevuti e trasferiti. Indicando il proprio numero d esercizio vanno notificati la quantità e il tipo dei rifiuti ricevuti come pure il metodo di smaltimento utilizzato. Qualora i rifiuti vengano trasferiti, vanno indicati il tipo e la quantità dei rifiuti. Avvertenza: - gli IIRU che ricevono rifiuti misti in contenitori che comprendono anche legno usato (p. es. i rifiuti edili misti: codice ) non sono tenuti a notificare la componente legnosa; - gli impianti di separazione che ricevono rifiuti edili misti (codice ) devono notificare ogni anno la componente legnosa trasferita dopo la separazione. 17 Il concetto di smaltimento è definito nell articolo 7 capoverso 6 bis della legge sulla protezione dell ambiente (LPAmb): Lo smaltimento dei rifiuti comprende il loro riciclaggio o deposito definitivo nonché le operazioni preliminari di raccolta, trasporto, deposito provvisorio e trattamento. Per trattamento si intende qualsiasi modificazione fisica, biologica o chimica dei rifiuti. 7

10 La notifica viene in genere registrata dall azienda nel programma informatico VeVA-online 18. La relativa maschera di registrazione è disponibile dall autunno del In casi eccezionali la notifica può essere effettuata in forma scritta (cfr. modulo di notifica nell allegato C). In questo caso l autorità cantonale registra la notifica in VeVa-online

11 6 Disposizioni particolari per i trituratori mobili 6.1 Impiego sul posto presso cantieri di demolizione Il legno trattato sminuzzato con un trituratore mobile deve essere riempito direttamente in container o depositato su un area coperta dotata di un rivestimento impermeabile. Generalmente il trasporto deve essere eseguito entro 8 settimane. Il legno problematico deve essere incenerito in un impianto idoneo conformemente al punto Il restante legno è da considerarsi legno usato e generalmente deve essere incenerito in un impianto a combustione alimentato con legno usato (cfr. punto 3.4.2). Può essere riciclato per la produzione di materiali di legno (p. es. pannelli truciolari) soltanto se prima di iniziare i lavori di demolizione viene dimostrato al servizio cantonale competente mediante delle analisi che i valori indicativi contenuti nella colonna 1 della tabella dell allegato B non vengono superati. Questo onere deve essere previsto nell autorizzazione cantonale secondo l articolo 10 capoverso 2. Questa misura nella prassi ha generalmente l obiettivo di promuovere l'incenerimento del legno sminuzzato direttamente sul posto. In questo modo si evita in particolare che i telai delle finestre o l'altro legno usato non idoneo vengano miscelati con altro legno destinato al riciclaggio. La prova accompagnata dalle analisi e poi il trasporto diretto dalla zona di demolizione all impianto di riciclaggio diventano così sostenibili soltanto in presenza di un grande manufatto in legno di una qualità accettabile. 6.2 Impiego periodico di trituratori mobili in depositi intermedi L impianto di triturazione mobile deve essere collocato in un area consolidata dotata di un rivestimento impermeabile presso un deposito intermedio autorizzato (cfr. capitolo 3.2). Gli impianti di triturazione sono considerati come impianti fissi secondo l articolo 2 OIAt per la durata del loro impiego (obbligo di notifica presso le autorità, riduzione della polvere, riduzione preventiva delle emissioni, rispetto dei valori limite di immissione secondo l allegato 7 OIAt). 7 Trasporti oltre frontiera di rifiuti di legno soggetti all obbligo di controllo e destinati allo smaltimento Dal 1998 la Svizzera controlla l esportazione di legno usato sulla base della decisione OCSE C(92)39 def. Con l entrata in vigore dell OTRIf tale normativa internazionale viene ora integrata nel diritto nazionale. Conformemente all articolo 17 OTRif, anche in futuro il legno usato può essere esportato per essere smaltito soltanto dietro autorizzazione dell UFAM. L autorizzazione viene rilasciata se l esportatore ha dimostrato che la prevista esportazione è stata notificata alle autorità competenti all estero, che le autorità competenti in Svizzera e all estero hanno autorizzato l'esportazione e che il riciclaggio o lo smaltimento all'estero avviene in modo rispettoso dell ambiente. La procedura per la notifica dell esportazione è descritta nel capitolo 11 del manuale OTRif. Secondo l articolo 15 capoverso 2 OTRif non è necessaria un autorizzazione per l esportazione dei rifiuti di legno non trattati che secondo l OLTRif non sono classificati come rifiuti speciali o come altri rifiuti soggetti all obbligo di controllo. Tale esclusione riguarda i codici , , , e

12 Allegato A: elenco dei rifiuti secondo l OTRif Codice Descrizione dei rifiuti Classificazione secondo le normative sui rifiuti Classificazione secondo OIAt RIFIUTI PRODOTTI DA AGRICOLTURA, ORTICOLTURA, ACQUACOLTURA, SELVICOLTURA, CACCIA E PESCA, TRATTAMENTO E PREPARAZIONE DI ALIMENTI Rifiuti prodotti da agricoltura, orticoltura, acquacoltura, selvicoltura, caccia e pesca Rifiuti della selvicoltura Senza obbligo di controllo RIFIUTI DELLA LAVORAZIONE DEL LEGNO E DELLA PRODUZIONE DI PANNELLI, MOBILI, POLPA, CARTA E CARTONE Rifiuti della lavorazione del legno e della produzione di pannelli e mobili Rifiuti di legno problematici: rifiuti di legno contenenti sostanze pericolose (p. es. legno trattato in modo intensivo con prodotti per la sua conservazione o rivestito con composti organici alogenati) Con obbligo di controllo Legno allo stato naturale Rifiuti di legno problematici Legno usato: rifiuti di legno diversi da quelli di cui ai codici o Con obbligo di controllo Legno usato Scarti di legno: rifiuti della produzione di legno non trattato e non rivestito (p. es. polvere di carteggiatura, scarti di rasatura e impiallacciatura, ritagli) 15 RIFIUTI DI IMBALLAGGI, ASSORBENTI, STRACCI, MATERIALI FILTRANTI E INDUMENTI PROTETTIVI Senza obbligo di controllo Scarti di legno Imballaggi Legno usato: imballaggi in legno Con obbligo di controllo Legno usato Imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose o di rifiuti speciali o contaminati da tali sostanze o da rifiuti speciali RIFIUTI EDILI Legno, vetro e materie plastiche Scarti di legno impiegato sul cantiere (legno impiegato per l allestimento di cantieri) Con obbligo di controllo Senza obbligo di controllo (Rifiuti speciali) Scarti di legno Legno usato proveniente da cantieri, rinnovi o ristrutturazioni Con obbligo di controllo Legno usato 10

13 - legno impiegato per l allestimento dei cantieri ad eccezione di quello di cui al codice legno proveniente da demolizioni, rinnovi o ristrutturazioni utilizzato per gli interni Rifiuti di legno problematici: rifiuti di legno contenenti sostanze pericolose (p. es. travatura dei tetti, finestre, assi delle facciate, porte esterne, recinti, panchine dei parchi, ponti di legno, pali del telefono, traversine) Avvertenza: legno proveniente da demolizioni, rinnovi o ristrutturazioni che è stato trattato con prodotti per la protezione del legno o impiegato all esterno RIFIUTI PRODOTTI DA IMPIANTI DI TRATTAMENTO DEI RIFIUTI, IMPIANTI PUBBLICI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE DI SCARICO NONCHÉ DALLA POTABILIZZAZIONE DELL ACQUA E DALLA SUA PREPARAZIONE PER USO DOMESTICO E INDUSTRIALE Con obbligo di controllo Rifiuti prodotti dal trattamento meccanico di rifiuti (ad es. selezione, triturazione, compattazione, riduzione in pellet) Rifiuti di legno problematici: rifiuti di legno contenenti sostanze pericolose (p. es. l armatura del tetto, le finestre, le assi delle facciate, le porte esterne, i recinti, le panchine dei parchi, i ponti di legno, i pali del telefono, le traversine) Legno usato: rifiuti di legno ad eccezione di quelli di cui ai codici o (p. es. le travi, i pavimenti, il perlinato, i soffitti, le scale, le porte, gli elementi interni per la costruzione) Con obbligo di controllo Con obbligo di controllo Legno allo stato naturale: rifiuti di legno né trattato né rivestito Senza obbligo di controllo RIFIUTI URBANI, INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA SEPARATA Frazioni oggetto di raccolta separata Rifiuti di legno problematici Rifiuti di legno problematici Legno usato Legno allo stato naturale Rifiuti di legno problematici: rifiuti di legno contenenti sostanze pericolose (p. es. travatura dei tetti, finestre, assi delle facciate, porte esterne, recinti) Legno allo stato naturale (frazioni raccolte separatamente come p. es. cortecce, chips, segatura, sciavero, schegge, legna in ceppi, ramaglie e cimali e bricchette senza leganti) e rifiuti di legno né trattato né rivestito Legno usato: rifiuti di legno ad eccezione di quelli di cui ai codici o (p. es. palette multiuso, imballaggi con parti di truciolato compresse) Con obbligo di controllo Senza obbligo di controllo Con obbligo di controllo Rifiuti di legno problematici Legno allo stato naturale Legno usato Avvertenza: determinati rifiuti di legno secondo l'oiat sono considerati scarti di legno e quindi combustibili di legno. Questi rifiuti non sono soggetti all obbligo di controllo. 11

14 Allegato B: valori indicativi La composizione dei rifiuti di legno destinati alla produzione di materiali di legno deve essere conforme ai valori indicativi riportati nella colonna 1. I rifiuti di legno la cui composizione supera uno dei valori indicativi riportati nella colonna 2 devono essere classificati come rifiuti di legno problematici e non possono essere smaltiti in impianti a combustione alimentati con legno usato. Essi devono essere inceneriti in cementifici o IIRU. In caso di superamento dei valori indicativi si deve tenere conto della maggiore imprecisione che può risultare dal prelievo di campioni di rifiuti di legno e dalla loro analisi. Il Cantone può limitare il numero di parametri e selezionare soltanto quelli rilevanti. Parametro Colonna 1 Valori indicativi (mg/kg SS ) per il riciclaggio di materiale (p. es. pannelli truciolari) Colonna 2 Valori indicativi (mg/kg SS ) per distinguere fra rifiuti di legno problematici e altri rifiuti di legno Arsenico (As) 2 5 Piombo (Pb) Cadmio (Cd) 2 5 Cromo (Cr) Rame (Cu) Mercurio (Hg) 0,4 1 Cloro (Cl) Fluoro (F) Zinco (Zn) PCP PCB PAH 21 in elaborazione in elaborazione 19 Pentaclorofenolo PCP 20 Bifenili policlorurati PCB 21 Idrocarburi aromatici policiclici PAH

15 Allegato C: modulo di notifica per le imprese addette allo smaltimento di rifiuti di legno (bozza, stato gennaio 2006) Nome della ditta: Indirizzo: N. d esercizio OTRif: Anno: Quantità presa in consegna (tonnellate) Tipo di rifiuto Metodo di smaltimento Quantità spedita (tonnellate) Tipo di rifiuto Metodo di smaltimento

16 Allegato D: procedura per il prelievo di campioni di legno usato triturato 1. In diversi punti del cumulo di legna triturata, con il caricatore pneumatico vengono prelevati circa 200 m 3 di materiale sull intera sezione e spianati a un altezza di 2 m su una superficie fissata In 5 diversi punti del cumulo precedentemente appiattito, con la benna prensile (contenuto ca. 1 m 3 ) viene prelevato del materiale fino a 1 m di profondità e depositato su un cumulo separato collocato su un supporto fissato (totale circa 5 m 3 ). 3. Negli stessi 5 punti del cumulo precedentemente appiattito, con la benna prensile viene prelevato del materiale fino al livello del suolo (2 m di profondità) e depositato anch esso su un cumulo separato dal quello menzionato al punto 2 (totale ca. 5 m 3 ). 4. Mediante 9 movimenti di mescolamento effettuati con la benna prensile, il campione di materiale di entrambi i cumuli menzionati ai punti 2 e 3 viene mescolato separatamente e in seguito ripartito su un altezza di 0.3 m e una larghezza di 1 m in due cumuli oblunghi e piatti (la lunghezza di ogni cumulo è di ca. 15 m). 5. In 5 punti diversi di entrambi i cumuli con la pala si prelevano complessivamente almeno 0.25 m 3 di materiale per ogni cumulo. Dato che le particelle fini si depositano sul suolo, nei punti in cui viene effettuato il prelievo bisogna fare attenzione che il materiale venga prelevato su tutta l altezza, vale a dire fino al suolo. Si deve lavorare su un supporto pulito e consolidato. Per il trasporto l intera quantità di campione, pari ad almeno 0.5 m 3, viene messa in una cassa metallica (baloxe), rivestita con una lamina (di plastica) per evitare la perdita delle particelle fini, o in un grande sacco (big bag). 6. L intero campione (almeno 0.5 m 3 ) viene in seguito sminuzzato con un piccolo trituratore fino a ottenere granuli di una dimensione inferiore a 1.5 cm (requisito per la separazione mediante pettine di ferro). 7. Il campione viene ridotto alla quantità necessaria per il mulino da laboratorio tramite la separazione mediante pettine di ferro. 8. La macinazione fine (< 2 mm) del campione viene effettuata con un mulino a sfere. I mulini criogenici non sono adatti a causa dei problemi di contaminazione (piombo). 9. Decomposizione e analisi del campione conformemente all allegato IV dell ordinanza tedesca sul legno usato (vedere allegato E). Avvertenza: stoccaggio in container: i campioni vengono prelevati con la benna prensile a diverse profondità. Se i campioni vengono prelevati su veicoli con fondo scorrevole, per non danneggiarlo occorre accertarsi che il prelievo non venga effettuato troppo in basso. Per il prelievo di campioni alla frontiera (ferrovia o autocarro) si può procedere allo stesso modo. 22 Se si devono prelevare campioni da un cumulo di legna triturata, corrispondente a un volume pari o inferiore a circa 200 m 3, non è necessario effettuare questa operazione.

17 Allegato E: decomposizione e analisi del campione Le prescrizioni di analisi corrispondono a quelle menzionate nell allegato IV dell ordinanza tedesca sul legno usato 23 1 Analisi di residui di taglio e trucioli di legno 1.1 Prelievo del campione secondo l allegato D dell Aiuto all esecuzione rifiuti di legno. 1.2 Preparazione del campione di laboratorio Per ogni lotto da esaminare si deve allestire un campione per le analisi di laboratorio. A tal fine i singoli campioni vengono riuniti su un supporto pulito e liscio per formare un campione misto che viene omogeneizzato rimestandolo ripetutamente. Mediante adeguati divisori di campioni o formando dei coni e dividendoli in quattro secondo la norma DIN 51701, parte 3 (edizione agosto 1985) dal campione misto viene prelevato un campione da laboratorio di 500 g. Dopo l essiccazione il campione da laboratorio va separato. Una metà del campione da laboratorio deve essere messa da parte come campione di ripristino. Quest ultimo deve essere contrassegnato con data e numero di analisi e conservato per almeno sei mesi. 1.3 Preparazione del campione Il campione da preparare per le analisi di laboratorio deve essere essiccato all aria. Prima della sua preparazione il materiale umido deve essere essiccato in un luogo ben aerato o in un armadio d essiccazione da laboratorio (temperatura d essiccazione al massimo 40 C). Il campione da laboratorio viene macinato in un mulino adeguato (mulino a pale incrociate o mulino a lame) eventualmente raffreddandolo con azoto liquido fino a ottenere granuli di dimensione < 2 mm. 1.4 Esecuzione delle analisi Per ogni parametro analitico si devono effettuare almeno due determinazioni parallele Determinazione del tenore di umidità La determinazione del tenore di umidità viene effettuata secondo la norma DIN (edizione novembre 1977). I risultati vanno indicati in percentuale ponderale Determinazione del tenore di cloro e fluoro I campioni di legno usato, essiccati all aria e macinati, vengono decomposti mediante ossidazione secondo la norma DIN (edizione giugno 2001). Le concentrazioni di cloruro e fluoruro nella soluzione di decomposizione vengono determinate mediante cromatografia a scambio di ioni secondo la norma DIN EN ISO 10304, parte 1 (edizione aprile 1995). I risultati vanno indicati in milligrammi per chilogrammo di sostanza secca Determinazione degli elementi arsenico, piombo, cadmio, cromo, rame e mercurio I campioni di legno usato, essiccati all aria e macinati, vengono decomposti con acqua regia secondo la norma DIN EN (bozza ottobre 1999). La misurazione delle concentrazioni dei vari elementi nella soluzione di decomposizione viene effettuata secondo uno dei seguenti metodi analitici: Elemento Metodo/i analitico/i Arsenico DIN EN ISO (edizione novembre 1996) Piombo DIN 38406, parte 6 (edizione luglio 1998) DIN EN ISO (edizione aprile 1998) DIN ISO (edizione maggio 1998) Cadmio DIN EN ISO 5961 (edizione maggio 1995) 23 Verordnung über Anforderungen an die Verwertung und Beseitigung von Altholz, Altholz-Verordnung, Ministero federale dell ambiente, Berlino, 2002

18 DIN EN ISO (edizione aprile 1998) DIN ISO (edizione giugno 1995) Cromo DIN EN 1233 (edizione agosto 1996) DIN EN ISO (edizione aprile 1998) DIN ISO (edizione giugno 1995) Rame DIN 38406, parte 7 (edizione settembre 1991) DIN EN ISO (edizione aprile 1998) DIN ISO (edizione giugno 1995) Mercurio DIN EN 1483 (edizione agosto 1997) DIN EN ISO (edizione ottobre 1998). I risultati vanno indicati in milligrammi per chilogrammo di sostanza secca Determinazione del tenore di pentaclorofenolo (PCP) Principio del metodo Il pentaclorofenolo e i suoi sali vengono estratti con metanolo nel bagno a ultrasuoni, acetilati e quantificati mediante cromatografia in fase gassosa con rivelatore a cattura di elettroni (GC-ECD). Questo metodo può essere utilizzato per la determinazione del tenore di PCP nel legno triturato in una gamma di concentrazione da 0,1 mg/kg a 100 mg/kg Apparecchi - Bagno a ultrasuoni con termostato - Gascromatografo con rivelatore a cattura di elettroni e autosampler Prodotti chimici e standard - Metanolo per l analisi dei residui - Cicloesano e n-esano per l analisi dei residui - Na 2 SO 4, anidro, granulato - PCP in soluzione metanolica, quale standard - 2,4,6-tribromofenolo (TBP) in soluzione metanolica, quale standard interno 1 (ISTD 1) - PCB 52 quale standard in cicloesano, quale standard interno 2 (ISTD 2) - Anidride acetica per analisi - Soluzione di K 2 CO 3 (0,1 mol/l) - Sabbia marina, purificata Misure da adottare per la preparazione dei campioni Pulitura degli apparecchi La pulitura degli apparecchi di vetro viene effettuata lavandoli con acqua contenente detersivo e poi con acqua distillata, e risciacquandoli alla fine con acetone e n-esano Preparazione delle soluzioni di calibrazione Le soluzioni madre vengono preparate pesando le rispettive sostanze solide purissime. Le soluzioni madre vengono conservate a una temperatura di -20 C e in luogo oscuro. Concentrazioni delle soluzioni madre: PCP in metanolo 0,5 mg/ml; TBP in metanolo 0,5 mg/ml; PCB 52 in cicloesano 0,5 mg/ml. Diluendo (1:10) le soluzioni madre si preparano le soluzioni standard con una concentrazione di 0,05 mg/ml Calibrazione La calibrazione viene effettuata per l insieme del processo. A tale scopo, su 5 porzioni di 5 g di sabbia marina vengono versati 20 μl, 50 μl, 100 μl, 200 μl e 500 μl della soluzione standard di PCP e 250 μl della soluzione standard di TBP. Le miscele risultanti vengono

19 trattate come descritto qui di seguito per l esecuzione dell analisi (vale a dire, anziché legno si utilizza sabbia). Esempio di calibrazione: Soluzione di calibrazione PCP (ng/ml) TBP (ng/ml) ISTD 1 PCB 52 (ng/ml) ISTD 2 1 1,0 10,0 20,0 2 2,0 10,0 20,0 3 5,0 10,0 20,0 4 10,0 10,0 20,0 5 20,0 10,0 20, Preparazione del campione Estrazione A seconda della concentrazione prevista, in un matraccio conico vengono pesati 1 g, 3 g o 4 g di legno. Sul legno vengono versati 250 μl della soluzione di TBP (ISTD 1) e il tutto viene lasciato riposare per 30 minuti. In seguito vengono aggiunti 50 ml di metanolo e la sospensione viene trattata con ultrasuoni per due ore a 40 C. Dopo la decantazione della materia solida, l estratto (circa 25 ml) viene prelevato con cautela con una pipetta Pasteur, trasferito in un recipiente di vetro richiudibile e conservato per il trattamento ulteriore Acetilazione In un imbuto per estrazione da 150 ml vengono versati 30 ml di una soluzione 0,1 molare di K 2 CO 3, ai quali viene aggiunta un aliquota dell estratto (ad es. 1 ml) e il tutto viene agitato per cinque minuti. Dopo aver aggiunto 2 ml di anidride acetica, la miscela viene agitata per due minuti. Dopo l aggiunta di 20 ml di cicloesano la miscela viene agitata per altri dieci minuti. La fase acquosa viene gettata; la fase organica viene filtrata in un pallone graduato da 25 ml facendola passare attraverso una colonna di vetro riempita di Na 2 SO 4. Dopo aver aggiunto 10 μl della soluzione dell ISTD 2, il volume viene completato a 25 ml esatti. Questa soluzione viene impiegata per l analisi GC-ECD. La concentrazione di PCP nell estratto deve essere compresa nell intervallo di concentrazioni coperto dalle soluzioni di calibrazione Analisi mediante GC-ECD Condizioni cromatografiche (esempio): Colonna: HP-5 30 m; 0,25 μm; 0,32 mm di diametro interno 20 C/min 8 C/min Temperatura del forno: 50 C (1 min) C (0 min) C (5 min) Temperatura del rivelatore: 350 C Temperatura dell iniettore: 250 C Modalità d iniezione: split/splitless Gas vettore: pressione iniziale di H 2 nella colonna (35 kpa) Gas di make-up: N 2 (60 ml/min) Vanno effettuate le seguenti misurazioni: - valori di bianco: valore di bianco dell apparecchio (cicloesano puro) valore di bianco dei prodotti chimici (esecuzione dell intero metodo senza campione di legno) analisi di un campione di legno esente da contaminazione - soluzioni di calibrazione

20 - estratti dei campioni secondo il trattamento descritto. Per il controllo della qualità dei risultati analitici si devono verificare in continuazione i tassi di recupero dello standard interno 1 (tribromofenolo) acetilato rispetto a quelli dello standard interno 2 (PCB 52) Interpretazione dei risultati Principio Innanzitutto viene allestita la retta di calibrazione mediante i risultati delle soluzioni standard (vedere paragrafo ), e in seguito utilizzando questa retta di calibrazione si determina il tenore di PCP in un estratto del campione (vedere paragrafo ) Calibrazione per tutto il metodo Per allestire la retta di calibrazione, sull ordinata si riporta il rapporto tra la superficie del picco dello standard di PCP acetilato e quella del picco di TBP acetilato e sull ascissa il rispettivo rapporto delle concentrazioni conformemente all equazione seguente: a PCP c PCP = s x b a TBP c TBP in cui: a PCP a TBP s c PCP c TBP b valore misurato dello standard di PCP acetilato (ad es. superficie del picco) valore misurato dello standard di TBP acetilato (ad es. superficie del picco) pendenza della retta di calibrazione concentrazione ponderale di PCP acetilato nelle soluzioni di calibrazione in ng/ml concentrazione ponderale di TBP acetilato nelle soluzioni di calibrazione in ng/ml intersezione della retta di calibrazione con l ordinata. Calcolo del tenore di PCP: il tenore di PCP nel campione di legno può essere calcolato a partire dalla retta di calibrazione a più punti utilizzando l equazione seguente: a PCP /a TBP - b Tenore PCP = x c TBP x f x v :1000 s x m in cui: tenore PCP c TBP m a TBP a PCP f v s b tenore di PCP nel campione in mg/kg concentrazione ponderale in ng/ml di TBP nell estratto del campione peso in g della quantità di legno utilizzata per l estrazione valore misurato dello standard di TBP nell estratto del campione (ad es. superficie del picco) valore misurato del PCP analizzato nell estratto del campione (ad es. superficie del picco) rapporto tra il volume totale dell estratto e il volume dell aliquota per la preparazione di derivati (ad es. 50 ml/2 ml = 25) volume della soluzione finale per l analisi in ml (ad es. 25 ml) pendenza della retta di calibrazione intersezione della retta di calibrazione con l ordinata

Modifica dell aiuto all esecuzione sul traffico di rifiuti speciali e di altri rifiuti soggetti a controllo in Svizzera

Modifica dell aiuto all esecuzione sul traffico di rifiuti speciali e di altri rifiuti soggetti a controllo in Svizzera Modifica dell aiuto all esecuzione sul traffico di rifiuti speciali e di altri rifiuti soggetti a controllo in Svizzera Progetto di indagine conoscitiva o > Rifiuti edili Pagina iniziale > OTRif: Traffico

Dettagli

Smaltimento dei residui di incendio

Smaltimento dei residui di incendio Dipartimento del Territorio Smaltimento dei residui di incendio Foglio informativo Sezione della protezione dell aria dell acqua e del suolo - SPAAS Ufficio della gestione dei rifiuti - UGR Ufficio delle

Dettagli

814.610. Ordinanza sul traffico di rifiuti. (OTRif) Capitolo 1: Disposizioni generali. del 22 giugno 2005 (Stato 1 maggio 2014)

814.610. Ordinanza sul traffico di rifiuti. (OTRif) Capitolo 1: Disposizioni generali. del 22 giugno 2005 (Stato 1 maggio 2014) Ordinanza sul traffico di rifiuti (OTRif) 814.610 del 22 giugno 2005 (Stato 1 maggio 2014) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 30b capoverso 1, 30f capoversi 1 3, 30g capoverso 1, 39 capoverso

Dettagli

L ammissione di rifiuti in discarica potrà avvenire secondo le seguenti modalità operative:

L ammissione di rifiuti in discarica potrà avvenire secondo le seguenti modalità operative: Allegato CRITERI E PROCEDURE PER AMMISSIBILITA DI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI IN DISCARICHE PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DAL 01/07/2009 AI SENSI DEL DM 3 AGOSTO 2005 Il presente documento ha lo scopo

Dettagli

ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED

ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI RIFIUTI CON IL RELATIVO CODICE CER CHE POTREBBERO ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED ENERGETICA

Dettagli

Commento alla revisione dell ordinanza del DATEC sulle liste per il traffico di rifiuti

Commento alla revisione dell ordinanza del DATEC sulle liste per il traffico di rifiuti Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell ambiente UFAM Riferimento/numero d incarto: H371-1493 Commento alla revisione dell ordinanza

Dettagli

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12 Gli idrocarburi policiclici aromatici sono idrocarburi costituiti da due o più anelli benzenici uniti fra loro, in un unica struttura piana, attraverso coppie di atomi di carbonio condivisi fra anelli

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

DESCRIZIONE IMPIANTO E ATTIVITA

DESCRIZIONE IMPIANTO E ATTIVITA DESCRIZIONE IMPIANTO E ATTIVITA La ditta Agrinord Srl gestisce un impianto di trattamento biologico di rifiuti urbani e speciali non pericolosi, mediante stabilizzazione aerobica (compostaggio) e digestione

Dettagli

814.600. Ordinanza tecnica sui rifiuti (OTR) Capitolo 1: Scopo, campo d applicazione e definizioni. del

814.600. Ordinanza tecnica sui rifiuti (OTR) Capitolo 1: Scopo, campo d applicazione e definizioni. del Ordinanza tecnica sui rifiuti (OTR) del Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 29, 30a lettera c, 30b, 30c capoverso 3, 30d, 30h capoverso 1, 39 capoverso 1, 45 e 46 capoverso 2 della legge

Dettagli

Promemoria per l esecuzione. 1. Contenuto. 2. Campo d applicazione

Promemoria per l esecuzione. 1. Contenuto. 2. Campo d applicazione Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell'ambiente UFAM Divisione Protezione dell'aria e RNI Riferimento/numero d'incarto: H361-1204

Dettagli

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 133 Allegato parte integrante ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA LOCALI

Dettagli

Ordinanza sulla prevenzione e lo smaltimento dei rifiuti

Ordinanza sulla prevenzione e lo smaltimento dei rifiuti Ordinanza sulla prevenzione e lo smaltimento dei rifiuti (Ordinanza sui rifiuti, OPSR) del 4 dicembre 2015 Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 29, 30a lettera c, 30b capoverso 1, 30c capoverso

Dettagli

Ordinanza contro l inquinamento delle acque con liquidi nocivi

Ordinanza contro l inquinamento delle acque con liquidi nocivi Ordinanza contro l inquinamento delle acque con liquidi nocivi (Oliq) del 1 luglio 1998 Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 26 e 47 capoverso 1 della legge federale del 24 gennaio 1991 1

Dettagli

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE)

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) 1/6 CER AUTORIZZATI E RELATIVE OPERAZIONI ALLE QUALI POSSONO ESSERE SOTTOPOSTI CER RIFIUTI PERICOLOSI

Dettagli

Promemoria. Smaltimento di residui provenienti dagli impianti di riscaldamento e dai serbatoi

Promemoria. Smaltimento di residui provenienti dagli impianti di riscaldamento e dai serbatoi Amt für Natur und Umwelt Uffizi per la natira e l ambient Ufficio per la natura e l ambiente BM003i Smaltimento di residui provenienti dagli impianti di riscaldamento e dai serbatoi Promemoria 1 Sommario

Dettagli

Modifica dell ordinanza contro l inquinamento atmosferico nell ambito della combustione della legna

Modifica dell ordinanza contro l inquinamento atmosferico nell ambito della combustione della legna Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell ambiente (UFAM) Divisione Protezione dell'aria e RNI Riferimento/Numero d'incarto: L242-2121

Dettagli

LE MATERIE PRIME SECONDARIE: UN NUOVO MATERIALE PER LA COSTRUZIONE STRADALE

LE MATERIE PRIME SECONDARIE: UN NUOVO MATERIALE PER LA COSTRUZIONE STRADALE LE MATERIE PRIME SECONDARIE: UN NUOVO MATERIALE PER LA COSTRUZIONE STRADALE PERCHÉ UTILIZZARE IL MATERIALE DI RICICLO? Perché è buono : ha caratteristiche prestazionali paragonabili a quelle degli agli

Dettagli

Siti contaminati, siti inquinati e smaltimento I/11 CRB VSS

<CCBG=dbba> Siti contaminati, siti inquinati e smaltimento I/11 CRB VSS 216 I/11 Siti contaminati, siti inquinati e smaltimento CRB VSS Applicazione La pagina "Applicazione" si basa su un modulo fisso normalizzato. Il contenuto riguardante uno stesso tema figura

Dettagli

Promemoria. Rifiuti edili e materiali da costruzione nocivi

Promemoria. Rifiuti edili e materiali da costruzione nocivi Amt für Natur und Umwelt Uffizi per la natira e l ambient Ufficio per la natura e l ambiente BM026i Rifiuti edili e materiali da costruzione nocivi Promemoria Indice Pagina 1 Demolizione, trasformazione

Dettagli

Legge federale sulla protezione dell ambiente

Legge federale sulla protezione dell ambiente Legge federale sulla protezione dell ambiente (Legge sulla protezione dell ambiente, LPAmb) Disegno Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale

Dettagli

4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo

4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo 4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo OH C 12 H 25 Br (249.2) Br + NaOH (40.0) Adogen 464 C 25 H 54 ClN (404.2) C 6 H 6 O (94.1) C 18 H 30 O (262.4) O + NaBr (102.9) Classificazione

Dettagli

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto CER DESCRIZIONE 01.04.07* rifiuti contenenti sostanze pericolose, prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi 02.01.03 scarti di tessuti

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 Laura Fornasiero Limena 14 dicembre 2012 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE OBIETTIVI: indicazioni

Dettagli

04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione

04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione Chapter 04-04 page 1 04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione Ci sono essenzialmente cinque diversi processi tra cui scegliere per la produzione di energia utile da qualsiasi

Dettagli

ISTRUZIONI. Gestione dei rifiuti e dei materiali generati da progetti soggetti e non soggetti all'eia. Rifiuti. Ambiente - Esecuzione

ISTRUZIONI. Gestione dei rifiuti e dei materiali generati da progetti soggetti e non soggetti all'eia. Rifiuti. Ambiente - Esecuzione Ambiente - Esecuzione ISTRUZIONI Gestione dei rifiuti e dei materiali generati da progetti soggetti e non soggetti all'eia Rifiuti Ufficio federale dell ambiente, delle foreste e del paesaggio UFAFP Ambiente

Dettagli

1 Articolo 20 dell ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt)

1 Articolo 20 dell ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt) Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell ambiente UFAM Protezione dell aria e prodotti chimici N. registrazione/dossier: M143-0633

Dettagli

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Aspetti Ambientali Combustione del legno e inquinamento atmosferico Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Luca Colombo, ufficio protezione aria,

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento RIFIUTI: AMMISIBILITA IN DISCARICA NUOVA LISTA POSITIVA Con delibera della Giunta Provinciale n. 2740 del 14 dicembre 2012 è stata modificata la lista positiva dei rifiuti non pericolosi che possono essere

Dettagli

LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE

LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE LIPIDUR LIPIDUR è un prodotto premiscelato composto da leganti minerali cementizi e aggiunte speciali. LIPIDUR viene sempre confezionato

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale I RIFIUTI SPECIALI so descritti da un codice a sei cifre (codice CER 1 ) che permette la loro identificazione su tutto

Dettagli

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti 01 03 09 Fanghi rossi derivanti dalla produzione di allumina, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 10 Polveri e residui affini, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 14 Rifiuti

Dettagli

Helios srl Processing and Recycling waste

Helios srl Processing and Recycling waste Helios srl Processing and Recycling waste Attività dell impianto Le attività di recupero e trattamento dei rifiuti previste presso l impianto possono essere essenzialmente ricondotte alle seguenti tipologie:

Dettagli

Legge federale sulla protezione dell ambiente

Legge federale sulla protezione dell ambiente Decisioni del Consiglio degli Stati del 25.11.2014 Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 19.5.2015 Legge federale sulla protezione dell ambiente (, LPAmb) e-parl 27.08.2015 14:51 Modifica

Dettagli

Ordinanza contro l inquinamento atmosferico

Ordinanza contro l inquinamento atmosferico Ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt) Modifica del 23 giugno 2004 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 16 dicembre 1985 1 contro l inquinamento atmosferico è modificata

Dettagli

Caratterizzazione chimico fisica delle biomasse legnose

Caratterizzazione chimico fisica delle biomasse legnose Caratterizzazione chimico fisica delle biomasse legnose Rossana Cerioni SIBE Srl Spin-Off dell Università Politecnica delle Marche BIOENERGY - Verona, 4 febbraio 2010 COMPONENTI DELLA BIOMASSA SOLIDA Aspetti

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza 14 aprile 2015 CLASSIFICAZIONE E CODIFICA DEI RIFIUTI classificazione dei rifiuti

Dettagli

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506*

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506* Descrizione rifiuto Codice CER Rifiuti liquidi pericolosi soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri - Acque 070501* di lavaggio di laboratorio solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed 070703*

Dettagli

Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo (approvata dalla Giunta comunale il 12 maggio 1997)

Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo (approvata dalla Giunta comunale il 12 maggio 1997) Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo (approvata dalla Giunta comunale il 12 maggio 1997) 81.51 Art. 1. Art. 2. Art. 3. Art. 4. I. Norme generali Il Comune

Dettagli

TRATTAMENTO DEGLI SCARTI LEGNOSI SECCHI CON TECNICA HAZEMAG

TRATTAMENTO DEGLI SCARTI LEGNOSI SECCHI CON TECNICA HAZEMAG TRATTAMENTO DEGLI SCARTI LEGNOSI SECCHI CON TECNICA HAZEMAG Premessa Il trattamento degli scarti di legno ha assunto una maggiore importanza come risultato del cambiamento di atteggiamento verso l ambiente.

Dettagli

Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo

Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo (approvata dalla Giunta comunale il 12 maggio 1997) 1 I. Norme generali Art. 1. Il Comune di Poschiavo, conformemente

Dettagli

Comune di Roveredo REGOLAMENTO DI SERVIZIO PER LA DISCARICA CONTROLLATA DI CLASSE I E II UBICATA IN PROVEE A ROVEREDO GR

Comune di Roveredo REGOLAMENTO DI SERVIZIO PER LA DISCARICA CONTROLLATA DI CLASSE I E II UBICATA IN PROVEE A ROVEREDO GR Comune di Roveredo Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO DI SERVIZIO PER LA DISCARICA CONTROLLATA DI CLASSE I E II UBICATA IN PROVEE A ROVEREDO GR Regolamento di servizio per la discarica controllata di classe

Dettagli

Ascorbic Acid 90% Granulation

Ascorbic Acid 90% Granulation Scheda di Sicurezza Ascorbic Acid 90% Granulation in accordo con il Regolamento (CE) n. 1907/2006 1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa Nome del prodotto Ascorbic Acid

Dettagli

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi 1 - Analisi per la caratterizzazione energetica e chimico-fisica dei materiali 1.1 - Biomasse solide * 1 Umidità CEN/TS 14774 Ceneri a 550 C CEN/TS 14775 Potere

Dettagli

TABELLA 1 Codice CER Descrizione R13 R12 SC R12 EI/A/DR/RV R3 02.01.04 rifiuti plastici (ad esclusione degli imballaggi) 03.01.01 scarti di corteccia e sughero 03.01.05 04.01.08 segatura, trucioli, residui

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 1/9 DEL 9.1.2009

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 1/9 DEL 9.1.2009 Oggetto: Procedura di Valutazione di Impatto Ambientale ai sensi dell art. 31 della L.R. n. 1 del 18.1.1999 e s.m.i. e della Delib. G.R. n. 5/ 11 del 15.2.2005 e s.m.i. relativa al progetto Ampliamento

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 2 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 2 3 3 4 4 GESTIONE AZIENDALE ORIENTATA ALL AMBIENTE...

AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 2 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 2 3 3 4 4 GESTIONE AZIENDALE ORIENTATA ALL AMBIENTE... CAP e L AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 Evoluzione della mobilità passeggeri... 2 La mobilità e gli effetti sull ambiente: i costi... 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 Le polveri atmosferiche...

Dettagli

Tariffario rifiuti speciali 2015

Tariffario rifiuti speciali 2015 Tariffario rifiuti speciali 2015 Servizi offerti L ACR accetta tutti i rifiuti speciali elencati nella nuova Ordinanza sul traffico dei rifiuti (). L ACR accetta anche gli apparecchi elettrici ed elettronici

Dettagli

La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani

La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente ed Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano 1 Classificazione e codifica dei rifiuti 2 I criteri

Dettagli

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Roma Roma, 20.09.2011

Dettagli

Adempimenti ambientali lavanderie

Adempimenti ambientali lavanderie Adempimenti ambientali lavanderie Guida pratica Con questa guida, Arpa Umbria intende fornire, a quelle piccole imprese che per le loro dimensioni spesso non hanno personale interno specializzato nella

Dettagli

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI G2 AMBIENTE SRL Elenco CDICI CER/PERAZINI DESCRIZINE RECUPER LESI TRATTAMENT CENTRIFUGAZINE ED INERTIZZAZINE DEPSIT 01 05 04 fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi per acque dolci 01 05 05* fanghi e

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni EcoCentro Lombardia Scheda Tecnica di Approfondimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI Nozioni Il Decreto legislativo n. 152/2006, Norme in materia

Dettagli

Decomposizione e analisi del campione di rifiuti di legno

Decomposizione e analisi del campione di rifiuti di legno Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell ambiente UFAM Divisione Rifiuti, sostanze, biotecnologia Dezember 2010 Decomposizione

Dettagli

BILANCIO DI PRODUZIONE DEI MATERIALI INERTI DA SCAVO E DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE E COSTRUZIONE

BILANCIO DI PRODUZIONE DEI MATERIALI INERTI DA SCAVO E DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE E COSTRUZIONE BILANCIO DI PRODUZIONE DEI MATERIALI INERTI DA SCAVO E DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE E COSTRUZIONE l.r. 3 dicembre 2007 n. 31 (NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI) Allegato obbligatorio

Dettagli

Decisione 2014/955/CE

Decisione 2014/955/CE Sede operativa: Via Don Bosco, 3 27014 Genzone (PV) Telefono 0382 96 96 96 - Fax 0382 97 25 40 e mail info@envirolabsrl.it www.envirolabsrl.it Decisione 2014/955/CE Modifica della decisione 2000/532/CE

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI INDICAZIONI PER I COORDINATORI DELLA SICUREZZA SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ALCUNE DEFINIZIONI TRATTE DAL D. LGS. 152/06

Dettagli

RACCOMANDAZIONI. concernenti l'altezza minima dei camini sui tetti. del 15 dicembre 1989. Stato: maggio 2001

RACCOMANDAZIONI. concernenti l'altezza minima dei camini sui tetti. del 15 dicembre 1989. Stato: maggio 2001 Ambiente - Esecuzione RACCOMANDAZIONI concernenti l'altezza minima dei camini sui tetti del 15 dicembre 1989 Stato: maggio 2001 Ufficio federale dell'ambiente, delle foreste e del paesaggio (OFEFP) Editore

Dettagli

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi.

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi. R&C Lab S.r.l. La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: rintracciabilità come garanzia di affidabilità dei risultati d analisi. Dr. Dino Celadon Responsabile Ricerca & Sviluppo Ambientale

Dettagli

Prove di combustione

Prove di combustione Giornata Dimostrativa del Progetto BioTec Analisi delle tecniche di combustione e ricerca sui processi di produzione di biocombustibili da biomasse agro-forestali Prove di combustione Andrea Cristoforetti

Dettagli

PROVINCIA DI ANCONA. DIPARTIMENTO III Governo del Territorio SETTORE I - TUTELA E VALORIZZAZIONE DELL AMBIENTE Area Ambiente

PROVINCIA DI ANCONA. DIPARTIMENTO III Governo del Territorio SETTORE I - TUTELA E VALORIZZAZIONE DELL AMBIENTE Area Ambiente DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE del 25/07/2013 [n. 387 PROVINCIA DI ANCONA DIPARTIMENTO III Governo del Territorio SETTORE I TUTELA E VALORIZZAZIONE DELL AMBIENTE Area Ambiente Oggetto: Provvedimento n. 62/2013.

Dettagli

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F.

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F. 1/11 Spett.le R.A.P. S.p.A. Piazzetta Cairoli 90123 Palermo OGGETTO: RICHIESTA DI AMMISSIBILITÀ RIFIUTI PRESSO LA DISCARICA DI BELLOLAMPO. ISTANZA DEL PRODUTTORE Il legale rappresentante della ditta P.

Dettagli

Ing. Maurizio Volpe Saber Technology srl

Ing. Maurizio Volpe Saber Technology srl Ing. Maurizio Volpe Saber Technology srl Progetto Ecodens Progetto di filiera per lo sviluppo di un processo per la produzione di un combustibile ottenuto per co-densificazione di sanse con altre biomasse

Dettagli

IMPIANTI DI INCENERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI

IMPIANTI DI INCENERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI IMPIANTI DI INCENERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI Eliminazione efficiente di sostanze inquinanti e recupero energetico Un azienda di Bayer e LANXESS Soluzioni estremamente pulite Fornitore competente di servizi,

Dettagli

I RIFIUTI UN PROBLEMA GLOBALE NASCOSTO?

I RIFIUTI UN PROBLEMA GLOBALE NASCOSTO? I RIFIUTI UN PROBLEMA GLOBALE NASCOSTO? Le cause dell inquinamento del suolo Il suolo viene inquinato a causa di vari tipi di rifiuti: quelli solidi, liquidi e gassosi. I rifiuti solidi possono essere

Dettagli

Amt für Natur und Umwelt Uffizi per la natira e l ambient Ufficio per la natura e l ambiente. BW001i. Direttiva. Sulla gestione dei rifiuti edilizi

Amt für Natur und Umwelt Uffizi per la natira e l ambient Ufficio per la natura e l ambiente. BW001i. Direttiva. Sulla gestione dei rifiuti edilizi Amt für Natur und Umwelt Uffizi per la natira e l ambient Ufficio per la natura e l ambiente BW001i Sulla gestione dei rifiuti edilizi Direttiva 1 Sommario 1 Sommario 1 2 Obiettivo 1 3 Basi legali 1 4

Dettagli

ALLEGATO 10 Codici Tabella A e Tabella B rev.01 Allegato all Elaborato Tecnico 1 Relazione Tecnica

ALLEGATO 10 Codici Tabella A e Tabella B rev.01 Allegato all Elaborato Tecnico 1 Relazione Tecnica IMPIANTO DI TERMOUTILIZZAZIONE Loc Pian dei Foci Comune di POGGIBONSI RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Integrazioni di cui alle note dell Amministrazione Provinciale di Siena Prot 100963 del

Dettagli

DAL LEGNO AL FUOCO. come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria

DAL LEGNO AL FUOCO. come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria ARPA FVG Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia DAL LEGNO AL FUOCO come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria Fumo della legna

Dettagli

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Scopo del regolamento Scopo del presente Regolamento è di fornire, al personale strutturato e non strutturato del Dipartimento, tutte le informazioni

Dettagli

4001 Trans-esterificazione dell olio di ricino a estere metilico dell acido ricinoleico

4001 Trans-esterificazione dell olio di ricino a estere metilico dell acido ricinoleico 4001 Trans-esterificazione dell olio di ricino a estere metilico dell acido ricinoleico lio di ricino + MeH NaMe H Me CH 4 (32.0) C 19 H 36 3 (312.5) Classificazione Tipo di reazione e classi di sostanze

Dettagli

L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia.

L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia. L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia. Al fine di ridurre l'impatto ambientale,si occupa del riciclaggio dei materiali

Dettagli

CALORE E CONFORT DALLA NATURA. Renewable Energy

CALORE E CONFORT DALLA NATURA. Renewable Energy CALORE E CONFORT DALLA NATURA. Renewable Energy Energia pulita da una fonte rinnovabile La produzione di calore da una fonte rinnovabile e naturale quale il legno rappresenta un alternativa moderna ed

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Il processo di gassificazione del Plasmix

Il processo di gassificazione del Plasmix Il processo di gassificazione del Plasmix Una nuova tecnologia di recupero energetico dai residui degli imballaggi in plastica COREPLA Consorzio Nazionale per la raccolta, il riciclaggio e il recupero

Dettagli

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua METODI III METODI DI DETERMINAZIONE DELL UMIDITA, GRANULOMETRIA, ph e SALINITA Metodo III.1 Determinazione dell umidità 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili

Dettagli

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Giubiasco, autunno 2013 Giornata informativa Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Presentata da: Pietro Casari, Consulente tecnico

Dettagli

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA (Da inserire in BUSTA B -Offerta Economica- ) OGGETTO: PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE. Dipartimento IMAGE, Università di Padova

INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE. Dipartimento IMAGE, Università di Padova INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE Dipartimento IMAGE, Università di Padova Indagini conoscitive per la bonifica delle vecchie discariche analisi della situazione ambientale

Dettagli

Analisi comparativa di percorsi per il recupero di Materia e di Energia da Rifiuti

Analisi comparativa di percorsi per il recupero di Materia e di Energia da Rifiuti Analisi comparativa di percorsi per il recupero di Materia e di Energia da Rifiuti Dipartimento di Energia DIEM DIIAR Dipartimento Ingegneria Civile e Ambientale Istituto Economia delle Fonti di Energia

Dettagli

Classificazione dei rifiuti solidi

Classificazione dei rifiuti solidi I RIFIUTI Rifiuto solido Qualsiasi sostanza od oggetto, allo stato solido, derivante dall attività umana o dai cicli naturali Potenziale rischio di malattia e/o danno alla salute umana, che può essere

Dettagli

D. R. S. n. 317 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA IL DIRIGENTE

D. R. S. n. 317 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA IL DIRIGENTE D. R. S. n. 317 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO ED AMBIENTE SERVIZIO 3 - Tutela dall inquinamento atmosferico, elettromagnetico, acustico

Dettagli

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI Tipo di attività: SCAVO, COSTRUZIONE, DEMOLIZIONE (attività edile vera e propria) Codice CER Declaratoria Note 17.01.01 cemento 17.01.02 mattoni 17.01.03 mattonelle

Dettagli

Trattamento ecologico dei veicoli fuori uso da rottamare

Trattamento ecologico dei veicoli fuori uso da rottamare L UNIONE EUROPEA E L AMBIENTE (Documenti a cura della rappresentanza a Milano della Commissione delle Comunità Europee. Aprile 1998) Trattamento ecologico dei veicoli fuori uso da rottamare I veicoli fuori

Dettagli

BINDAN-B4 Colla monocomponente B4/D4 valida da: 01/2006. Via F. lli. 95/p

BINDAN-B4 Colla monocomponente B4/D4 valida da: 01/2006. Via F. lli. 95/p Scheda dei dati di sicurezza (a norma CEE 91/155) BINDAN-B4 Colla monocomponente B4/D4 valida da: 01/2006 1. Identificazione della sostanza, della preparazione e dell impresa Indicazioni sul prodotto:

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI Premessa Allegato a) Come noto, in base alla disciplina di settore, i rifiuti vengono classificati urbani se prodotti dalle utenze domestiche

Dettagli

LA GESTIONE OTTIMALE DI UN IMPIANTO DI RICICLAGGIO DI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE

LA GESTIONE OTTIMALE DI UN IMPIANTO DI RICICLAGGIO DI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LA GESTIONE OTTIMALE DI UN IMPIANTO DI RICICLAGGIO DI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Il trattamento dei rifiuti inerti finalizzato alla produzione di aggregati riciclati e le nuove opportunità di

Dettagli

MARITRANS MD. MARITRANS MD utilizza un esclusivo sistema di indurimento (attivato dall umidità) e diversamente dagli altri sistemi non forma bolle.

MARITRANS MD. MARITRANS MD utilizza un esclusivo sistema di indurimento (attivato dall umidità) e diversamente dagli altri sistemi non forma bolle. MARITRANS MD Data: 01.06.2011 Versione 10 MARITRANS MD è una membrana trasparente in poliuretano monocomponente, alifatica, estremamente elastica e con un alto contenuto di materiali solidi, utilizzata

Dettagli

Comune di Canobbio REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Comune di Canobbio REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Comune di Canobbio REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Regolamento comunale per la gestione dei rifiuti Indice Disposizioni generali Art. Art. Art. Art. Art. 5 Campo d'applicazione Competenza

Dettagli

PROVINCIA DI BIELLA. Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. DETERMINAZIONE N. 599 IN DATA 09-03-2010

PROVINCIA DI BIELLA. Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. DETERMINAZIONE N. 599 IN DATA 09-03-2010 PROVINCIA DI BIELLA Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. Dirigente / Resp. P.O.: SARACCO GIORGIO DETERMINAZIONE N. 599 IN DATA 09-03-2010 Oggetto: Metallurgica Biellese S.r.l. - Complesso I.P.P.C sito

Dettagli

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ)

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ) Rapporto di prova n Descrizione Accettazione Data Inizio prove Impianto: Emissioni gassose 150599 18-giu-15 Data fine prove 30-lug-15 Pagina 1\7 Spettabile: AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE

Dettagli

PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI

PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI Regione dell Umbria Provincia di Perugia PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Legge regionale 13 maggio 2009, n. 11

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA TRIENNALE IN: Gassificazione Di Rifiuti Solidi Urbani Con

Dettagli

Programma OK 02. Compostabilità domestica dei prodotti

Programma OK 02. Compostabilità domestica dei prodotti Data d applicaz.: 2012-03-01 Pagina : 1 / 5 Programma OK 02 Compostabilità domestica dei prodotti In caso di dubbio o discussione, solo la versione inglese è valida. 1. Scopo 3 Sono ammessi al presente

Dettagli

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI Marco Buzzichelli A.R.R.R. Spa Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 Delibera del Consiglio Regionale della Toscana n. 385 del 21 dicembre

Dettagli