RIFIUTI pericolosi che FaRe?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIFIUTI pericolosi che FaRe?"

Transcript

1 RIFIUTI PERICOLOSI che fare? GUIDA alla gestione dell ambiente e ALLO SMALTIMENTO dei rifiuti pericolosi nelle aziende artigiane

2 RIFIUTI pericolosi che fare? GUIDA alla gestione dell ambiente e ALLO SMALTIMENTO dei rifiuti pericolosi nelle aziende artigiane

3 Prima di tutto è bene evitare un errore di fondo: quello di ritenere che il contenuto e gli argomenti di questa Guida siano soltanto il solito richiamo al rispetto delle procedure, al rigore nell applicazione di norme e regolamenti. Certo: queste pagine sono anche tutto questo; cioè un sussidio utile per essere in regola, per fare le cose per bene, per non essere perseguibili in quanto inadempienti o un po approssimativi. Ma quando si parla di rifiuti pericolosi, del loro corretto smaltimento, il tema è molto più rilevante e cruciale. Perché non investe soltanto le attività produttive e le imprese ma tocca tutti noi, le famiglie, le comunità in cui viviamo, le generazioni future. Non è più possibile infatti essere superficiali e poco rigorosi: l ambiente non può accettare di essere ulteriormente disprezzato e oltraggiato. Gli esempi, a livello planetario ma anche dalle nostre parti, sono molteplici: la qualità della terra non è un bene scontato, né tanto meno illimitato; per questo va tutelato e garantito. Da tutti. Ecco dunque l importanza di essere attenti e scrupolosi, soprattutto quando si ha a che fare con sostanze che per definizione possono essere pericolose. Non si tratta di un caso aziendale, ma di favorire un percorso di responsabilità sociale. Roberto Boschetto Presidente dell Unione Provinciale Artigiani di Padova Roberto Furlan Presidente della Camera di Commercio di Padova 2 3

4 L equilibrio dell ambiente naturale è influenzato da diversi fattori. La complessa interazione fra questi fattori ambientali e gli esseri viventi definiscono un ecosistema È quindi fondamentale che il sistema venga mantenuto in equilibrio per preservare gli ecosistemi e la vita. Trattamento dei rifiuti pericolosi 17 Gestione dei rifiuti 8 Analisi chimiche sui rifiuti 9 Il ciclo del rifiuto dalla produzione allo smaltimento 10 Il deposito temporaneo 12 Sistri 14 Autorizzazioni per il trasporto 16 SOMMARIO RAEE 18 Gestione delle sostanze e miscele pericolose 20 I bacini di contenimento 24 Regolamento REACH 25 La nuova etichettatura delle sostanze 26 ADR trasporto su strada selle merci pericolose 28 Scarichi idrici 40 Impatto acustico 42 Amianto 44 Normativa di riferimento 46 I principali organi di controllo 47 Emissioni in atmosfera 32 Le autorizzazioni per gli impianti esistenti 33 Le analisi per le emissioni in atmosfera 34 I requisiti dei camini 36 Impianti termici civili 38 Gli impianti di climatizzazione

5 Non esiste una sostanza di per sé inquinante, ma è l uso di qualsiasi sostanza o un evento che possono essere inquinanti: è inquinamento tutto ciò che è nocivo per la vita. TESTO UNICO AMBIENTALE Il D.Lgs. 152 del 3 aprile 2006, più conosciuto come Testo Unico Ambientale (TUA) ha introdotto molte novità rispetto al Decreto Ronchi. Rappresenta la norma fondamentale in campo ambientale: con la sua emissione è stata rivista e riorganizzata tutta la normativa nazionale ambientale che fino ad allora era regolamentata da un insieme di leggi separate. Il TUA si pone lo scopo di garantire la tutela dell ambiente, dell ecosistema ambientale e del patrimonio culturale cercando di prevenire l inquinamento e di rimediare agli eventuali danni secondo il principio fondamentale: chi inquina paga. Il decreto è diviso in 6 parti; la prima generale, che definisce i principi base della norma e le successive cinque raggruppano le norme precedenti al TUA, revisionandole e riorganizzandole per categoria, più precisamente: PARTE II: Valutazione Ambientale Strategia (VAS), Valutazione dell Impatto Ambientale (VIa) e Autorizzazione Integrata Ambientale (IPPC) PARTE III: difesa del suolo, tutela delle acque dall inquinamento e gestione delle risorse idriche PARTE IV: gestione dei rifiuti e bonifica dei siti inquinati PARTE V: tutela dell aria e riduzione delle emissioni in atmosfera PARTE VI: risarcimento dei danni provocati all ambiente Nel corso del 2010 il TUA è stato significativamente modificato nelle parti IV e V. Tra le modifiche spiccano la proroga al regime transitorio del SISTRI e la nuova calendarizzazione del regime transitorio relativo alle autorizzazioni alle emissioni in atmosfera rilasciate prima del

6 GESTIONE DEI RIFIUTI RIFIUTO è qualsiasi sostanza od oggetto che rientra nelle categorie riportate nell Allegato A alla parte quarta del Decreto Legislativo 152 del 3 aprile 2006 e di cui il detentore si disfi oppure abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi (art. 183 a) del D.Lgs. 152 del 03/04/2006) Pericolosità del rifiuto PERICOLOSO Codice CER con asterisco NON PERICOLOSO CATALOGO EUROPEO RIFIUTI IL CODICE CER E il codice a 6 cifre che identifica i rifiuti, ed è del tipo: XX. YY. ZZ. XX YY ZZ Attività che genera rifiuto Processo che genera rifiuto Singolo rifiuto Esempio rifiuti di imballaggio, assorbenti, stracci, materiali filtranti e indumenti protettivi (non specificati altrimenti) 01 imballaggi (compresi i rifiuti urbani di imballaggio oggetto di raccolta differenziata) 02 imballaggi in plastica Analisi chimiche sui rifiuti Analisi obbligatorie: Conferimento in discarica Conferimento ad inceneritori Conferimento ad attività di recupero rifiuti in regime semplificato Codici a specchio Quando? Al primo conferimento Ad ogni variazione significativa del processo originante i rifiuti Almeno una volta all anno Ad ogni conferimento Al primo conferimento Ogni 24 mesi per rifiuti non pericolosi Ogni 12 mesi per rifiuti pericolosi Per identificare correttamente il rifiuto Analisi non obbligatorie Rifiuti assimilati agli urbani e conferiti al Servizio Urbano Conferimento ad attività di recupero rifiuti Se richieste dal titolare dell impianto in regime ordinario Esempio di RSU: carta e cartone, plastica, vetro, rifiuti biodegradabili di cucine e mense (umido) I codici a specchio Sono quei rifiuti che possono essere descritti sia con un codice CER pericoloso che con uno non pericoloso (es. CER * pitture e vernici di scarto, contenenti solventi organici o altre sostanze pericolose; CER pitture e vernici di scarto, diverse da quelle di cui alla voce ) In questo caso solo tramite un analisi è possibile attribuire una corretta classificazione. 8 9

7 IL CICLO DEL RIFIUTO DALLA PRODUZIONE ALLO SMALTIMENTO REGISTRAZIONE DELLO carico/scarico nel registro di carico e scarico entro 10 gg dallo scarico SISTRI rifiuto PERICOLOSO CLASSIFICAZIONE E ETICHETTATURA DEPOSITO TEMPORANEO La normativa prevede un tempo massimo entro il quale i rifiuti stoccati in azienda (nel modo idoneo) devono essere smaltiti REGISTRAZIONE nel registro di carico e scarico entro 10 gg dalla produzione del rifiuto SMALTIMENTO DEI RIFIUTI entro la scadenza del deposito temporaneo FORMULARIO Il sistri sostituisce formulario, registro Mud I rifiuti devono essere raccolti ed avviati alle operazioni di recupero o di smaltimento secondo una delle seguenti modalità alternative, a scelta del produttore dei rifiuti: con cadenza almeno trimestrale, indipendentemente dalle quantità in deposito; quando il quantitativo di rifiuti in deposito raggiunga complessivamente i 30 metri cubi di cui al massimo 10 metri cubi di rifiuti pericolosi. In ogni caso, allorché il quantitativo di rifiuti non superi il predetto limite all anno, il deposito temporaneo non può avere durata superiore ad un anno. Se le api si estinguessero, all uomo resterebbero 4 anni di vita Albert Einstein OBBLIGO DI SMALTIMENTO rifiuto PERICOLOSO Ogni tre mesi oppure Al raggiungimento di 10 kg di rifiuti pericolosi rifiuto non PERICOLOSO Ogni tre mesi oppure Al raggiungimento di 30 kg di rifiuti non pericolosi e pericolosi FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO deve essere compilato prima di ogni movimentazione di rifiuti. E redatto in quattro copie di cui la prima resta al produttore, la seconda va al trasportatore, la terza al destinatario e la quarta torna al produttore. La quarta copia deve ritornare entro tre mesi: completa in tutte le sue parti; vidimata dalla CCIAA competente; Deve essere poi conservata per 5 anni unitamente al Registro di Carico e Scarico. REGISTRO carico/scarico Tenuto dai produttori di rifiuti pericolosi e non pericolosi derivanti da attività industriali, artigianali e di smaltimento rifiuti. Deve essere: vidimato dalla CCIAA prima della compilazione; completo in ogni sua parte; compilato ed eventualmente corretto a penna (non usare matite o bianchetti); compilato entro i 10 gg lavorativi dal carico/scarico; conservato per 5 anni

8 ORGANIZZAZIONE DEL DEPOSITO ETICHETTATURA Deve esserci un etichetta o un cartello che descriva il tipo di rifiuto che è in deposito Il deposito deve essere situato in un AREA COPERTA E PAVIMENTATA R (SOLO PER RIFIUTI PERICOLOSI) area di deposito temporaneo ben identificata con opportuna segnaletica e utilizzo dei corretti contenitori per i rifiuti i liquidi devono avere idonei bacini di contenimento (v. gestione sostanze pericolose) La norma prevede DIVIETO DI MISCELAZIONE tra rifiuti pericolosi e tra rifiuti non pericolosi e pericolosi Alla fine il deposito risulterà DA COSI Deposito disorganizzato/rifiuti non identificati Assenza di contenitori/area non pavimentata A COSI Deposito organizzato/corretta identificazione dei rifiuti/presenza di apposti contenitori Area pavimentata

9 impresa Il SISTRI è il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti che sostituisce i Registri Carico/Scarico, Formulario Identificazione Rifiuto e MUD vedi pag 10 e 11. Vi è l obbligo di iscrizione per tutti i produttori di rifiuti pericolosi e per i produttori di rifiuti non pericolosi aventi più di 10 dipendenti. L operatività del SISTRI inizierà il 1 ottobre 2010, come previsto dal D.M. 9 luglio 2010, successivamente prorogato dal D.M. 22 dicembre 2010, che ne ha posticipato l operatività al 31 maggio Delega e invia i dati sui rifiuti a Produttori di rifiuti non pericolosi che non hanno più di dieci dipendenti e che non aderiscono al Sistri volontariamente devono comunicare i propri dati (scheda Movimentazione) al delegato dell impresa di trasporto che compila anche la sezione del produttore. Il produttore deve conservare la copia della scheda Sistri per 5 anni. Il gestore dell impianto di recupero deve trasmettere al produttore la scheda Sistri completa, al fine di attestare l assolvimento della sua responsabilità. Rimane fermo l obbligo della tenuta dei registri di carico e scarico. SISTEMA SISTRI Associazione imprenditoriale Compila le schede: REGISTRO CRONOLOGICO e AREA MOVIMENTAZIONE RIFIUTI (quest ultima 4h prima della movimentazione dei rifiuti pericolosi) La delega all associazione imprenditoriale Al fine di semplificare la gestione dei rifiuti con il sistema SISTRI le associazioni imprenditoriali possono essere delegate ad adempiere agli obblighi del SISTRI. tra queste figura anche l Unione Provinciale Artigiani (UPA) Viene contattato il trasportatore Compila le proprie sezioni dell AREA MOVIMENTAZIONE RIFIUTI (almeno 2 ore prima della movimentazione dei rifiuti pericolosi) e ne stampa due copie con cui si reca nella sede dell impresa. In tale caso, le associazioni delegate provvedono alla compilazione del registro cronologico con cadenza mensile (trimestrale per i produttori di rifiuti pericolosi fino a 200 kg), e comunque prima della movimentazione dei rifiuti. Registro cronologico e schede Sistri si devono conservare per almeno tre anni presso la sede del delegante e si devono tenere a disposizione dell autorità di controllo impresa DESTINATARIO FIRMA LE DUE COPIE dell AREA MOVIMENTAZIONE ne trattiene una e restituisce l altra al TRASPORTATORE. CONFERISCE IL RIFIUTO e registra ora e data della presa in carico del rifiuto trasportatore ACCETTA IL RIFIUTO invia la di ricevuta (ex quarta copia del formulario) Gli insetti, sono organismi che, hanno una stretta relazione con l uomo e le sue attività, fino a condizionarne l economia, l alimentazione, le abitudini e la salute.

10 Le autorizzazioni per il trasporto trattamento dei RIFIUTI PERICOLOSI Fino a due veicoli autorizzati 100 a/veicolo Il produttore di rifiuti deve farsi rilasciare copia delle autorizzazioni dei trasportatori e smaltitori che ritirano e gestiscono in modo da verificare che, nella lista dei codici CER autorizzati, compaia il codice di cui l azienda intende disfarsi. I trasportatori e gli smaltitori a cui si conferisce il rifiuto devono essere autorizzati per il tipo di rifiuto trasportato o trattato. Tale autorizzazione viàene chiesta all Albo Nazionale Gestori Ambientali per i trasportatori e alla Provincia o Regione di competenza per gli impianti di smaltimento. L autorizzazione in conto proprio art.212 c.8 Le aziende, che intendono trasportare i propri rifiuti prodotti, devono richiedere e ottenere l autorizzazione ai sensi dell art. 212 c. 8 (autorizzazione in contro proprio) presso l Albo Gestori Ambientali. Uno dei casi particolari è per le aziende che effettuano attività di manutenzione: i rifiuti che vengono prodotti da un attività di manutenzione sono considerati come prodotti dalla sede (unità locale) del manutentore e non dal cliente. RIFIUTI PERICOLOSI: 30 kg/l al giorno LIMITI DI QUANTITà TRASPORTABILI RIFIUTI NON PERICOLOSI: illimitatamente CONTRIBUTO SISTRI PER I MEZZI DI TRASPORTO I mezzi autorizzati al trasporto in conto proprio sono soggetti all iscrizione al sistema SISTRI e devono essere dotati di Black Box e dispositivo USB. Si dovranno pertanto versare i contributi annuali all Albo Gestori Ambientali e al Sistri per ogni mezzo autorizzato. Oltre a due veicoli autorizzati 150 a/veicolo 16 17

11 RAEE: RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE Sono i Rifiuti da apparecchiature Elettriche ed Elettroniche e sono soggetti ad una disciplina separata rispetto ad altre tipologie di rifiuti. I produttori di AEE (Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) già con il D.Lgs. 151/2005 devono farsi carico dello smaltimento dei rifiuti derivanti da tali apparecchi. La norma comunitaria prevede che i produttori effettuino tali operazioni aderendo a dei servizi collettivi di raccolta RAEE od organizzandosi in conto proprio. RAEE RACCOLTA GRATUITA per RAEE domestici onerosa per i RAEE professionali DISTRIBUTORE INSTALLATORE O CENTRO DI ASSISTENZA TECNICA AEE Inscritti ad un apposita sezione dell albo gestori ambientali Con il D.M. 65/2010 sono stati coinvolti anche Distributori, Installatori e Centri di Assistenza Tecnica di AEE che devono garantire il ritiro in rapporto 1:1 della vecchia apparecchiatura, quando il cliente ne acquista una nuova che la sostituisca e che ha la stessa funzione di quella obsoleta o rotta. centro di raggruppamento Per installatori e centri di assistenza tecnica deve essere lo stesso della sede di esercizio dell attività TRASPORTO MENSILE o al raggiungimento di 3500 Kg di Raee raccolti centro di raccolta finale Il trasporto di questi rifiuti non viene più accompagnato da Formulario di Identificazione Rifiuti ma da un documento di trasporto detto DDT-RAEE che viene redatto in triplice copia, mentre il Registro di Carico e Scarico è sostituito dal Registro RAEE. Per ambiente naturale si intende normalmente l insieme dei fattori che influenzano gli esseri viventi

12 GESTIONE DELLE SOSTANZE E MISCELE PERICOLOSE Il settore delle sostanze e delle miscele pericolose è da qualche anno in grande fermento: il regolamento REACH (acronimo di: Registration, Evaluation and Authorization of Chemical, cioè registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione di sostanza chimiche) prima e il regolamento CLP (acronimo di Classification, Labelling e Packaging, cioè classificazione, etichettatura e imballaggio) poi hanno portato una rivoluzione a livello comunitario nella gestione dette sostanze e miscele. Il regolamento REACH ha come fine quello di aumentare le informazioni disponibili per le sostanze e le miscele, introducendo l importante principio: No data, no market (senza informazioni, nessuna immissione sul mercato). Il regolamento CLP modifica invece i metodi di imballaggio, classificazione ed etichettatura di sostanze e miscele pericolose. Infine, l ADR La normativa ADR (acronimo di Accord Dangereuses Route, sintesi di Accord europeen relatif au transport international des marchandises dangereuses par route, ossia Accordo europeo relativo ai trasporti internazionali di merci pericolose su strada ) ovvero la norma europea per il trasporto su strada di merci pericolose, giunge all edizione 2011 e sarà obbligatorio applicarlo a partire dal 1 luglio 2011 (ad oggi si applica la versione 2009). 21

13 GESTIONE DELLE SOSTANZE E MISCELE PERICOLOSE Gli inquinanti sono sostanze che, direttamente o indirettamente, costituiscono un pericolo per la salute dell uomo o per l ambiente. Che cosa sono? Sono tutte quelle sostanze e miscele classificate come pericolose secondo le direttive europee 67/548/CEE, 1999/45/CE e, dal 1 dicembre 2010, dal regolamento 1272/2008 CLP Etichettatura Ogni sostanza presenta un etichetta posta sul proprio contenitore che riassume informazioni utili sul prodotto che si va ad utilizzare, principalmente: Nome della sostanza Composizione del preparato Dati anagrafici del produttore/importatore/distributore della sostanza Pittogrammi di pericolo Frasi di rischio Frasi di sicurezza Etichetta L etichetta è di fondamentale importanza per l uso sicuro dei prodotti chimici e quindi non deve essere rimossa, cancellata o coperta. Per informazioni più complete deve essere consultata la scheda di sicurezza. Scheda dati di sicurezza La scheda di sicurezza descrive le caratteristiche della sostanza che si va a impiegare, nonché le misure di primo soccorso e antincendio, l uso sicuro della sostanza, il metodo di smaltimento ed altre informazioni utili per la sicurezza dell uomo e dell ambiente. Dal 1 dicembre 2010 le Schede di Dati di Sicurezza verranno gradualmente modificate con il regolamento 453/2010 Deve essere rilasciata, dal fornitore del prodotto, nella lingua ufficiale dello stato in cui viene immessa, SPONTANEAMENTE E GRATUITAMENTE

14 GESTIONE è neccessario che ci sia responsabilità nei confronti del mondo in cui viviamo e per tutto ciò che in esso è contenuto. DELLE SOSTANZE E MISCELE PERICOLOSE I bacini di contenimento REACH-regolamento 1907/2006 Tali vasche servono a contenere le eventuali perdite accidentali di sostanze e devono essere messe al di sotto di tutti i recipienti di sostanze pericolose (spesso vengono utilizzate solo per l olio vecchio e non per quello nuovo), sono di diverse forme e tipologie ma devono comunque riuscire a contenere almeno 1/3 del volume che vi è stoccato sopra. Il REACH è il nuovo regolamento europeo che riguarda tutte le sostanze chimiche e che mira alla condivisione europea delle informazioni delle sostanze in modo da ridurre al minimo le sperimentazioni e i test sugli animali. Con questo regolamento si vuol far circolare le informazioni sulle sostanze lungo tutta la catena di rifornimento: dal produttore/ importatore all utilizzatore professionale (utilizzatore a valle). Scadenze per la registrazione REACH per produttori/importatori di sostanze I principali obblighi riguardano i produttori e gli importatori di sostanze chimiche di tutta la Comunità Europea per i quali, nel caso producano o importino più di 1 ton/anno di sostanza o miscela, diventa obbligatorio registrare le sostanze chimiche presso l agenzia chimica europea (ECHA). Il compito principale degli utilizzatori a valle è di trasmettere le informazioni relative alle sostanze attraverso la catena di approvvigionamento; inoltre devono informarsi presso il proprio fornitore se la sostanza/miscela che va ad utilizzare è stata registrata, per l uso che si intende farne, ai sensi del REACH

15 GESTIONE DELLE SOSTANZE E MISCELE PERICOLOSE La nuova etichettatura delle sostanze il CLP regolamento 1272/2008 Le etichette attualmente in uso andranno via via a scomparire per lasciare il posto a quelle conformi al CLP, in cui non vi saranno più i simboli arancioni e neri di pericolo ma dei nuovi pittogrammi. SIMBOLI DI RISCHIO CHIMICO PITTOGRAMMI DI PERICOLO secondo la vecchia etichettatura utilizzabili a partire dal dicembre 2010 Una catena alimentare è l insieme dei rapporti tra gli organismi di un ecosistema. Ogni ecosistema ha una sua catena alimentare. Il regolamento CLP definisce, a partire dal 1 dicembre 2010, le norme per l etichettatura, l imballaggio e la classificazione delle sostanze/miscele pericolose. Saranno sostituite anche le frasi R ed S che diventeranno rispettivamente Indicazioni di pericolo e Consigli di prudenza INDICAZIONI DI PERICOLO H2 per i pericoli fisici H3 per i pericoli per la salute H4 per i pericoli per l ambiente acquatico CONSIGLI DI PRUDENZA P1 per i consigli di prudenza di carattere generale P2 per i consigli di prudenza di carattere preventivo P3 per i consigli di prudenza relativi alle azioni da intraprendere in caso di esposizione P4 per i consigli di prudenza concernenti le modalità di conservazione P5 per i consigli di prudenza relativi allo smaltimento 26 27

16 GESTIONE DELLE SOSTANZE E MISCELE PERICOLOSE ADR: TRASPORTO SU STRADA DELLE MERCI PERICOLOSE La normativa ADR è un complesso regolamento che stabilisce le norme per il trasporto su strada delle merci pericolose e definisce: classificazione delle sostanze pericolose in riferimento al trasporto su strada; determinazione e classificazione come pericolose delle singole sostanze; condizioni di imballaggio delle merci; caratteristiche degli imballaggi e dei contenitori; modalità costruttive dei veicoli e delle cisterne; requisiti per i mezzi di trasporto e per il trasporto, compresi i documenti di viaggio; abilitazione dei conducenti i mezzi trasportanti merci pericolose; esenzioni dal rispetto delle norme dell Accordo ADR. L ADR riguarda tutte le merci pericolose, vi sono comunque delle esenzioni: 1 relative alle merci pericolose imballate in quantità limitate 2 relative alle quantità trasportate per unità di trasporto Si definisce Ambiente, sia il contesto delle componenti viventi, sia le condizioni fisiche relazionate con un organismo. Nel caso di trasporto di sostanze pericolose (ad esempio gasolio, bombole di gas, pesticidi ) si consiglia di effettuare un approfondimento specifico per la propria azienda

17 EMISSIONI IN ATMosfera Il Testo Unico Ambientale (D.Lgs. 152 del 3 aprile 2006) regolamenta tutte le emissioni che vengono generate dalle attività produttive. In particolare prescrive delle misure per tutelare l ambiente in cui viviamo da tali emissioni inquinanti. Tra questi obblighi il più significativo è sicuramente l obbligo di autorizzazione per le emissioni in atmosfera. Si fa notare che per le attività a ridotto inquinamento atmosferico (caso tipico delle aziende artigiane) l adesione all autorizzazione a carattere generale è una scelta, non un obbligo, e nel caso in cui non ci si voglia avvalere di questa opportunità si deve chiedere autorizzazione ordinaria. Il vantaggio di scegliere un autorizzazione di tipo generale rispetto ad una ordinaria è rappresentato dal fatto che, per ottenere un autorizzazione del primo tipo i tempi sono più brevi, in più l autorizzazione generale è uguale per tutte le aziende della provincia e sono già noti gli obblighi che essa prescrive, al contrario l autorizzazione ordinaria è specifica per l azienda che ne fa richiesta e potrebbe dare prescrizioni particolari definiti dall autorità competente

18 EMISSIONI IN ATMosfera In base alle emissioni prodotte dall azienda nel proprio processo produttivo la domanda di autorizzazione da presentare alla Provincia di Padova potrà essere di tipologia diversa. Possiamo distinguere, dal punto di vista normativo, tre tipi di autorizzazioni per le emissioni: SCARSAMENTE RILEVANTE Nessuna autorizzazione è consigliabile dare comunicazione in Provincia ATTIVITàCHE PRODUCE EMISSIONI IN ATMOSFERA, FUMI, GAS, POLVERI... tipologia di autorizzazioni A RIDOTTO INQUINAMENTO ATMOSFERICO autorizzazione GENERALE o autorizzazione ordinaria NON RICADENTI NEI CASI PRECEDENTI autorizzazione ordinaria Le aziende artigiane che producono emissione in genere ricadono nell autorizzazione adottata dalla provincia di Padova con il provvedimento 5560/EM consultabile sul sito Le autorizzazioni per gli impianti già esistenti Un ecosistema è insieme di organismi animali e vegetali che interagiscono tra loro e con l ambiente che li circonda. Aziende soggette: Si ricorda che i cambiamenti che portano modifiche sostanziali al tipo o alla quantità di emissioni devono essere comunicate all autorità competente Se l azienda artigiana è ancora in possesso di autorizzazioni precedenti all entrata in vigore del D.Lgs. 152/2006 ovvero: - tutti gli impianti autorizzati ai sensi del DPR 203/88 in procedura ordinaria - tutti gli impianti che hanno presentato domanda ai sensi dell art. 12 del DPR 203/88 ma non hanno mai ottenuto autorizzazione esplicita deve presentare domanda di autorizzazione AGGIORNAMENTO: entro il 31/12/2011 per gli impianti anteriori al dal 01/01/2012 al 31/12/2013 per gli impianti anteriori al 2006 ed autorizzati prima del 01/01/ dal 01/01/2014 al 31/12/2015 per gli impianti anteriori al 2006 ed autorizzati in data successiva al 31/12/1999. I termini di cui sopra sono stati oggetto di revisione da parte del recente D.Lgs. 128 del 19/06/2010, recante modifica del D.Lgs. 152/2006, e pertanto sono stati riportati i termini aggiornati; Ai sensi dell art. 281 comma 4, gli impianti che producono emissioni ricadevano: nell allegato 1 del DPR 25/07/91 e che per effetto dell entrata in vigore della parte V del D.Lgs. 152/2006 sono tenuti ad ottenere una specifica autorizzazione alle emissioni in atmosfera; - nell allegato 2 del DPR 25/07/91 (ridotto inquinamento atmosferico e inquinamento atmosferico poco significativo), sia quelli già autorizzati, sia quelli che hanno presentato domanda ai sensi dell art. 12 e non hanno mai ottenuto un esplicita autorizzazione; dovevano presentare la richiesta di adesione all autorizzazione generale generica entro 15 mesi dall entrata in vigore della parte V del D.Lgs. 152/2006; pertanto l ultima data utile alla presentazione era il 28/07/

19 EMISSIONI IN ATMosfera le analisi Le autorizzazioni, siano esse a carattere generale o ordinario, prescrivono che le emissioni siano il più possibile convogliate a camino e che le emissioni omogenee vengano confluite in numero minimo di camini. I camini devono essere dotati di tronchetti di campionamento per le analisi sui fumi che devono essere eseguite periodicamente. Il tipo di inquinante e la frequenza con cui devono essere fatte le analisi, nonché altre particolari prescrizioni che devono essere rispettate sono definite nell autorizzazione. gestione solventi Per alcune tipologie di attività, le autorizzazioni prevedono che l azienda presenti annualmente un Piano Gestione Solventi. Il Piano Gestione Solventi è un documento che viene redatto per controllare l utilizzo di prodotti contenenti solventi e le emissioni che ne derivano. Tale piano deve essere preparato nel caso si consumi un quantitativo di solvente al di sopra di una determinata soglia, che varia in base al tipo di attività che genera l emissione. Nell analisi del consumo di solvente vengono prese in considerazione le quantità che entrano e che escono, sia nelle emissioni in atmosfera (aspirate a camino o diffuse), sia come rifiuti che come scarichi idrici. Soglie per assoggettabilità al PGS Per esempio una carrozzeria ricadrà nell attività 6.1 e, se supererà un consumo annuo di solvente superiore a 0,5 ton/anno, dovrà presentare annualmente il PGS (Piano Gestione Solventi) Attività consumo di solvente (ton/anno) 1 Stampa offset >15 2 Rotocalcografia per pubblicazioni > Altri tipi di rotocalcografia, flessografia, offset dal rotolo, unità di laminazione o laccatura > offset dal rotolo su tessili/cartone > 30 4 Pulizia di superficie > 1 5 Altri tipi di pulizia di superficie > Rivestimento di autoveicoli > 0,5 6.2 Rivestimento di autoveicoli > Finitura di autoveicoli > 0,5 7 Verniciatura in continuo (coil coating) > 25 8 Altri rivestimenti, compreso il rivestimento di metalli, plastica, tessili, tessuti, film e carta >5 9 Rivestimento di filo per avvolgimento >5 Attività consumo di solvente (ton/anno) 10 Rivestimento delle superfici di legno >15 11 Pulitura a secco Impregnazione del legno > Rivestimento di cuoio (ad esclusione degli articoli previsti al punto 13.2) > Rivestimento di cuoio per articoli di arredamento e piccola pelletteria (es. borse, cinture, portafogli, ecc...) > Fabbricazione di calzature > 5 15 Stratificazione di legno e plastica >5 16 Rivestimenti adesivi >5 17 Fabbricazione di preparati per rivestimenti, vernici, inchiostri e adesivi > Conversione della gomma >15 19 Estrazione di olio vegetale e grasso animale e attività di raffinazione di olio vegetale >10 20 Fabbricazione di prodotti farmaceutici >50

20 EMISSIONI IN ATMosfera REQUISITI DEI CAMINI I tronchetti di campionamento Per effettuare il prelievo degli inquinanti l operatore deve poter inserire la sonda nel camino, e a questo scopo i camini sono dotati di tronchetti di campionamento. L accesso in sicurezza Il tecnico incaricato per il campionamento, nonché gli eventuali organi di controllo, devono poter accedere in modo agevole e sicuro ai camini per lo svolgimento delle proprie funzioni: pertanto, quando vengono costruiti i camini, è necessario tener conto di queste esigenze. L accesso deve essere garantito con un impianto di tipo fisso (scale, passerelle, piattaforme fisse) e non mobile come spesso accade (piattaforme elevatrici mobili o sistemi di sollevamento improvvisato con carrelli elevatori). Fonte delle tre foto sui camini: Standardizzazione delle Metodologie Operative per il controllo delle Emissioni in Atmosfera. (ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso) L identificazione Ogni camino deve essere univocamente identificato con un apposita targa inamovibile ed indelebile. N.B. L identificazione deve essere fatta anche se è presente un solo camino. Il numero di tronchetti e la loro posizione varia in base alle dimensioni del cami-no come definito dalle norme UNICHIM n Semplificando, si deve considerare che va sempre garantito l accesso al tronchetto in modo sicuro ed agevole, deve esserci quindi abbastanza spazio perché il tecnico possa muoversi con la propria attrezzatura ingombrante e pesante. Inquinamento atmosferico è un termine che indica tutti gli agenti fisici, chimici e biologici che modificano le caratteristiche.naturali dell atmosfera

Relazione sull attuazione della direttiva 1999/13/CE sulla limitazione delle emissioni di composti organici volatili

Relazione sull attuazione della direttiva 1999/13/CE sulla limitazione delle emissioni di composti organici volatili Relazione sull attuazione della direttiva 1999/1/CE sulla limitazione delle emissioni di composti organici volatili (redatta ai sensi dell articolo 11 della direttiva 1999/1/CE secondo il formato stabilito

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Terzo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Lorella Di Giuseppe

Dettagli

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA Documentazione aziendale DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA - Pratiche comunali: certificazione di agibilità - Denuncia di nuovo lavoro all INAIL (almeno 5 gg prima inizio

Dettagli

Adempimenti ambientali lavanderie

Adempimenti ambientali lavanderie Adempimenti ambientali lavanderie Guida pratica Con questa guida, Arpa Umbria intende fornire, a quelle piccole imprese che per le loro dimensioni spesso non hanno personale interno specializzato nella

Dettagli

Gestione dei rifiuti

Gestione dei rifiuti SEMINARIO GRATUITO Gestione dei rifiuti ing. Marco Borile Pordenone 5 aprile 2011 Società di ingegneria ENERGIA SICUREZZA AMBIENTE PROGETTAZIONE CONSULENZA FORMAZIONE Veneto Trentino Alto Adige Lombardia

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani

La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente ed Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano 1 Classificazione e codifica dei rifiuti 2 I criteri

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Emanato con Decreto 9 marzo 2015, n. 166 Entrato in vigore il 27 marzo 2015 UFFICIO PREVENZIONE

Dettagli

PRESENTA DOMANDA PER LA VERIFICA DI COMPATIBILITA AMBIENTALE

PRESENTA DOMANDA PER LA VERIFICA DI COMPATIBILITA AMBIENTALE Modello per Sportello Unico DPR 447/98 Spett.le Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte Dipartimento di Cuneo OGGETTO: Richiesta verifica di compatibilità AMBIENTALE, con esclusione

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

L autorizzazione alle emissioni in atmosfera per le ditte soggette alle disposizioni dell art. 275 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i.

L autorizzazione alle emissioni in atmosfera per le ditte soggette alle disposizioni dell art. 275 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. L autorizzazione alle emissioni in atmosfera per le ditte soggette alle disposizioni dell art. 275 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. Normativa di riferimento DM n. 44/04 Recepimento della direttiva 99/13/CE relativa

Dettagli

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i.

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Milano Bicocca Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Procedura relativa alla richiesta di conferimento

Dettagli

www.leverup.it info@leverup.it

www.leverup.it info@leverup.it 1. Raccolta e confezionamento in laboratorio. 2. trasferimento al deposito temporaneo. 3. gestione del deposito temporaneo compilazione del registro di carico e scarico rapporto con le diverse ditte incaricate

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Ciclo del recupero :

Ciclo del recupero : AZIENZA PRODUTTRICE, luogo di produzione rifiuti Destinati al recupero Ciclo del recupero : Deve essere applicata la disciplina del deposito temporaneo o stoccaggio dei rifiuti REGISTRI - SISTRI Deve essere

Dettagli

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana.

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana. ATTIVITA, ARTIGIANALI, Spett.le ACQUE DEL CHIAMPO SpA Servizio Clienti Via Ferraretta, 20 36071 ARZIGNANO Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza 14 aprile 2015 CLASSIFICAZIONE E CODIFICA DEI RIFIUTI classificazione dei rifiuti

Dettagli

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti LE NOVITA' DEL CODICE DELL'AMBIENTE Ecco articolo per articolo cosa cambia con il nuovo testo unico sull'ambiente che introduce una vasta serie di modifiche sia alle disposizioni che disciplinano la gestione

Dettagli

Art. 1 CAMPO DI APPLICAZIONE. Art. 2 DEFINIZIONI

Art. 1 CAMPO DI APPLICAZIONE. Art. 2 DEFINIZIONI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÁ CA FOSCARI VENEZIA E INDIVIDUAZIONE E DESIGNAZIONE DEI DELEGATI SISTRI LOCALI ADDETTI ALLA GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

FRIULANA COSTRUZIONI S.R.L.

FRIULANA COSTRUZIONI S.R.L. REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale ambiente e lavori pubblici Servizio tutela da inquinamento atmosferico, acustico e ambientale Via Giulia, 75 34126 TRIESTE (TS) FRIULANA COSTRUZIONI

Dettagli

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio Il Legale Rappresentante di una società di capitali che abbia delegato ad altri soggetti di sua fiducia attività in tema di gestione dei rifiuti diviene responsabile

Dettagli

Unione Industriali Pordenone

Unione Industriali Pordenone Unione Industriali Pordenone Decreto Legislativo n 152 del 3 aprile 2006 D.Lgs 152/2006 noto come Testo unico ambientale : è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale 14 aprile

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento RIFIUTI: AMMISIBILITA IN DISCARICA NUOVA LISTA POSITIVA Con delibera della Giunta Provinciale n. 2740 del 14 dicembre 2012 è stata modificata la lista positiva dei rifiuti non pericolosi che possono essere

Dettagli

Stefano Pini ASQ AMBIENTE SICUREZZA QUALITA SRL spini@mo.cna.it www.asqcna.it Via Malavolti 33/A - Modena

Stefano Pini ASQ AMBIENTE SICUREZZA QUALITA SRL spini@mo.cna.it www.asqcna.it Via Malavolti 33/A - Modena Stefano Pini ASQ AMBIENTE SICUREZZA QUALITA SRL spini@mo.cna.it www.asqcna.it Via Malavolti 33/A - Modena TIPOLOGIE DI RIFIUTI PRINCIPALMENTE GESTITE - RAEE, RIFIUTI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA 18 ANNO XII N.48 NOVEMBRE 2006 Una sintetica guida alla compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale e alla determinazione dei codici europei dei

Dettagli

PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA

PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA UFFICIO TECNICO PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA PROGETTO A CURA DELL UFFICIO TECNICO Istruttore Amministrativo Geometra Ingegnere PORCARO OLINDO SALVATORE BARBATO

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - GESTIONE DEI RIFIUTI NEI CANTIERI -

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - GESTIONE DEI RIFIUTI NEI CANTIERI - VALUTAZIONE PREVENTIVA DEGLI IMPATTI AMBIENTALI ASSOCIATI ALL'ESECUZIONE DEI LAVORI, IN PARTICOLARE DELLE OPERE PUBBLICHE - GESTIONE DEI RIFIUTI NEI CANTIERI - Riva del Garda biblioteca comunale 12 e 15

Dettagli

CAMBIANO LE REGOLE PER L IMBALLAGGIO E L ETICHETTATURA DEI RIFIUTI IN DEPOSITO TEMPORANEO

CAMBIANO LE REGOLE PER L IMBALLAGGIO E L ETICHETTATURA DEI RIFIUTI IN DEPOSITO TEMPORANEO CAMBIANO LE REGOLE PER L IMBALLAGGIO E L ETICHETTATURA DEI RIFIUTI IN DEPOSITO TEMPORANEO A cura dell ing. Giovanni Maione Tra le pieghe delle modifiche introdotte dal secondo decreto correttivo vogliamo

Dettagli

Oggetto: Gestione Rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione degli impianti

Oggetto: Gestione Rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione degli impianti CIRCOLARE n. 01/11 Prot. GN/19/11 UNAE Emilia - Romagna (già AIEER) Albo delle Imprese Installatrici Elettriche Qualificate dell Emilia Romagna c/o ENEL S.p.A. - Via C. Darwin,4-40131 Bologna Tel. 051

Dettagli

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali Le opere di difesa Le opere di derivazione delle acque superficiali Le opere di immissione nelle acque superficiali I corsi d acqua ricevono svariati apporti liquidi derivanti dalle attività antropiche,

Dettagli

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PROTEZIONE DELL AMBIENTE

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PROTEZIONE DELL AMBIENTE Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PROTEZIONE DELL AMBIENTE DOTAZIONI DI SICUREZZA PER I LOCALI DESTINATI ALLA VENDITA E AL DEPOSITO - D.G.R. 7-10295 del 5/8/2003 PROTEZIONE DELL AMBIENTE

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 Laura Fornasiero Limena 14 dicembre 2012 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE OBIETTIVI: indicazioni

Dettagli

La nuova normativa ambientale e la riduzione delle emissioni dei composti organici volatili

La nuova normativa ambientale e la riduzione delle emissioni dei composti organici volatili La nuova normativa ambientale e la riduzione delle emissioni dei composti organici volatili Treviso, 13 Aprile 2007 Franco Giacomin 1 Ambito di applicazione Soglie minime ategorie di attività di consumo

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO) Comunità Montana Triangolo Lariano Gestione Associata dei Servizi di Igiene Urbana, Raccolta Differenziata e Smaltimento RSU REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

Osservatorio regionale sui rapporti tra pubbliche amministrazioni e imprese

Osservatorio regionale sui rapporti tra pubbliche amministrazioni e imprese OSSERVATORIO REGIONALE SUI RAPPORTI PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E IMPRESE DELLA REGIONE SCHEDE TECNICHE 5.9 AUTORIZZAZIONE AGLI SCARICHI IDRICI 1 1. Ambito di applicazione Il D.Lgs. 152/99, modificato e integrato

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (D.lgs. 152/06, L.R. 20/06, DPGRT 46/r del 8.9.2008)

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (D.lgs. 152/06, L.R. 20/06, DPGRT 46/r del 8.9.2008) 1 ESTREMI DI ISCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE (A CURA DELL UFFICIO) Ufficio ricevente Presentata il Modalità di inoltro Data protocollo Num. Prot fax a mano posta via telematica NUMERO ASSEGNATO ALLA PRATICA

Dettagli

Un valore chiamato futuro

Un valore chiamato futuro Un valore chiamato futuro Ecopadana nasce nel 1985, si sviluppa e si propone nel settore della raccolta e smaltimento dei rifiuti industriali, a volte soverchiando quanto previsto dalle normative in materia,

Dettagli

Modulo A9.03 Mod.COM_69_Schema_Collaudo vers. 00 del 30/01/2015. Allo Sportello Unico Attività Produttive del

Modulo A9.03 Mod.COM_69_Schema_Collaudo vers. 00 del 30/01/2015. Allo Sportello Unico Attività Produttive del Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SCHEMA DI COLLAUDO IMPIANTO PRODUTTIVO ai sensi dell art. 10 del D.P.R. 160/2010, lettera b) Il presente modello deve essere presentato ogni qualvolta

Dettagli

INTRODUZIONE. 1. Lo sportello unico per le attività produttive

INTRODUZIONE. 1. Lo sportello unico per le attività produttive LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA FINALIZZATA AL RILASCIO DEL PARERE AMBIENTALE ARPA NEI PROCEDIMENTI DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE INTRODUZIONE 1. Lo sportello

Dettagli

RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI

RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI INCONTRO TECNICO CON LE IMPRESE Venerdì 20 Aprile 2012, ore 17:00 Piano Primo Autorizzazione allo scarico nelle Reti Fognarie Consortili

Dettagli

Analisi Ambientale (AA)

Analisi Ambientale (AA) Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. PREMESSA

Dettagli

33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308

33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308 COMUNE DI CASSACCO Comun di Cjassà 33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308 Regolamento per la gestione dei centri di raccolta

Dettagli

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Sezione Centro Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico CONOSCERE IL SISTRI SISTEMA DI

Dettagli

MANUTENZIONE E VERIFICHE PERIODICHE DI COMBUSTIONE COPIA ABILITAZIONE TERZO RESPONSABILE DEL SINGOLO MANUTENTORE DOMESTICI E INDUSTRIALI PROVENIENTI

MANUTENZIONE E VERIFICHE PERIODICHE DI COMBUSTIONE COPIA ABILITAZIONE TERZO RESPONSABILE DEL SINGOLO MANUTENTORE DOMESTICI E INDUSTRIALI PROVENIENTI EMISSIONI IN ATIMOSFERA - Gestione degli Impianti termici di edifici di proprietà del comune DPR 412/93 e succ.mod. DPR 73 del 16/4/2013 Decreto Ministeriale del 10 febbraio 2014 MANUTENZIONE E VERIFICHE

Dettagli

Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque. Bari 30.01.15

Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque. Bari 30.01.15 Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque Bari 30.01.15 Le acque nel Testo Unico Ambientale. Le definizioni (art. 74). ff) scarico: qualsiasi immissione effettuata esclusivamente

Dettagli

GUIDA OPERATIVA GESTIONE RAEE

GUIDA OPERATIVA GESTIONE RAEE GUIDA OPERATIVA GESTIONE RAEE PER I DISTRIBUTORI E GLI INSTALLATORI O I GESTORI DEI CENTRI DI ASSISTENZA TECNICA Applicazione del Decreto 8 marzo 2010, n. 65. Regolamento recante modalità semplificate

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale Il nuovo decreto legislativo 152, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006, S.O. n. 96, è entrato in vigore il 29 aprile 2006.

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

ARPA FVG. Gestione dei rifiuti agricoli

ARPA FVG. Gestione dei rifiuti agricoli ARPA FVG Gestione dei rifiuti agricoli SOC Dipartimento Provinciale di Pordenone ARPA FVG Palmanova - Italy dott. Elena Della Donna Deposito temporaneo Sommario: Raccolta e smaltimento dei contenitori

Dettagli

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SCHEDA INFORMATIVA PARERE NIP SCHEDA INFORMATIVA NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI D DITTA (ragione sociale) legale rappresentante (me,cogme, titolarità)

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

SITO DI PASTORANO 1. Consumi energetici Energia elettrica

SITO DI PASTORANO 1. Consumi energetici Energia elettrica La Geos Environment, nell ambito del proprio Sistema di Gestione Ambientale secondo la norma UNI EN ISO 14001/2004, ha valutato la significatività dei propri aspetti ambientali e tiene sotto controllo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Tutela del Suolo e Rifiuti

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Tutela del Suolo e Rifiuti REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA Tutela del Suolo e Rifiuti Proposta nr. 37 del 08/04/2011 - Determinazione nr. 832 del 08/04/2011 OGGETTO: Comune di CASARSA DELLA DELIZIA. Autorizzazione

Dettagli

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Bari, 15 settembre 2010 Fiera del Levante IV Giornata dell Energia Pulita Cos è il SISTRI? 2 Sistri è il nuovo sistema

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE emana il seguente regolamento regionale:

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE emana il seguente regolamento regionale: Y 32 [BUR2006023] [5.1.3] Regolamento regionale 24 marzo 2006 - n. 4 Disciplina dello smaltimento delle acque di prima pioggia e di lavaggio delle aree esterne, in attuazione dell articolo 52, comma 1,

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO AL DIRIGENTE DEL SETTORE ECOLOGIA/AMBIENTE DEL COMUNE DI Per il tramite del SUAP del Comune di DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle

Dettagli

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data Perseguito L addetto alla ricezione Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Comune di Castellammare del Golfo Verbale

Dettagli

ALLEGATO C (Informazioni da fornire nel caso di consumo di solventi)

ALLEGATO C (Informazioni da fornire nel caso di consumo di solventi) ALLEGATO C (Informazioni da fornire nel caso di consumo di solventi) Linee Guida per la compilazione dell allegato Le aziende del territorio della Provincia Pordenone interessate dalle disposizioni di

Dettagli

Procedura Operativa di Sorveglianza e Sopralluoghi PO.GR.03

Procedura Operativa di Sorveglianza e Sopralluoghi PO.GR.03 Codice Procedura: PO-GR-03.doc Titolo: PO.GR.03 Data aggiornamento: 19/06/03 Sommario SOMMARIO... 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 DEFINIZIONI... 3 NORME DI RIFERIMENTO... 4 DOCUMENTI COLLEGATI...

Dettagli

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI A) IDENTIFICAZIONE DELLA DITTA SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI I Identificazione dell Azienda Denominazione Sede legale in via n CAP Comune Tel Fax Email Attività Codice ISTAT CF dell impresa Partita

Dettagli

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA DATI GENERALI RIGUARDANTI IL SITO PRODUTTIVO Nome Azienda Sito produttivo/sede Ragione Sociale azienda Codice ISTAT N.ro Telefonico

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI Prot. Generale N. 0118554 / 2014 Atto N. 5174 OGGETTO: GIUSEPPE SANTORO S.R.L.. CALATA

Dettagli

1. INDICAZIONI GENERALI

1. INDICAZIONI GENERALI DIRETTIVE INERENTI L ATTIVITA DI VERIFICA DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE - AUTORIZZAZIONE DEGLI STUDI PROFESSIONALI MEDICI ED ODONTOIATRICI INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELL ELENCO DEI DOCUMENTI 1. INDICAZIONI

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

Università di Sassari

Università di Sassari Università di Sassari REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI PRODOTTI NELL UNIVERSITÀ DI SASSARI Art. 1 - Campo di applicazione 1. Il presente Regolamento è emanato

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SITO NEL COMUNE DI PONTEDERA ZONA INDUSTRIALE LA BIANCA VIA DON MEI Art. 1 Definizione centro raccolta

Dettagli

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01 LINEE GUIDA GESTIONE DELLE CARTUCCE ESAUSTE Le linee guida di seguito proposte rappresentano una breve analisi dell attuale normativa vigente nel campo della gestione dei rifiuti applicata alle cartucce

Dettagli

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI L applicazione della Decisione 16 gennaio 2001(2001/118/CE) modificata ed integrata dalle Decisioni 2001/119/CE e 2001/573/CE e dalla Legge 21 dicembre 2001 n. 443 (art.

Dettagli

trasporto di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi recupero/smaltimento di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi

trasporto di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi recupero/smaltimento di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi PRESENTAZIONE SI.ECO. è la Società che fornisce servizi di consulenza specialistica qualitativamente elevati ad Enti Pubblici ed Aziende private nel settore della gestione del territorio, dell ambiente

Dettagli

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 Osservatorio Rifiuti Provincia di Torino Pagina 116 Rapporto sullo stato del sistema di gestione dei rifiuti Giugno 2006 Capitolo 7 Quadro

Dettagli

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati Pordenone, martedì 26 maggio 2009 Paolo Verardo Settore Tutela Ambientale della Provincia di Pordenone Normativa di riferimento D.Lgs.

Dettagli

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti SCUOLA PRIMARIA PERCORSI PER LE CLASSI I E II MATERIALE DI APPROFONDIMENTO Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti I rifiuti vengono classificati secondo la loro origine e pericolosità. La loro

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.1999 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale C O M U N E D I P I A N O D I S O R R E N T O Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli

SERAM S.p.A. Gestione dei rifiuti PR SGSL 16

SERAM S.p.A. Gestione dei rifiuti PR SGSL 16 Pag. 2 di 14 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 3. RIFERIMENTI... 4 4. DEFINIZIONI... 6 5. RESPONSABILITA'... 7 6. GENERALITA... 8 6.1 Definizione di rifiuto... 8 7. PRODUZIONE

Dettagli

24/09/2013. (Dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000).

24/09/2013. (Dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000). Marca da bollo da 16,00 (ai sensi del D.P.R. 642/1972) (Spazio riservato al Protocollo dell Autorità di Ambito) Prot. n del (Spazio riservato al Protocollo del Comune o Gestore) Prot. n del Mod. 01/Ass.

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI FAUGLIA Provincia di Pisa DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n 12 del 21.01.2012 In vigore dal 21.01.2012 REGOLAMENTO

Dettagli

Guida pratica all applicazione del SISTRI

Guida pratica all applicazione del SISTRI Stefano Sassone Guida pratica all applicazione del SISTRI Sintesi ragionata di normativa, procedure ed operazioni previste per il riavvio del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti Contiene

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO AL DIRIGENTE DEL SETTORE ECOLOGIA/AMBIENTE DEL COMUNE DI Per il tramite del SUAP del Comune di DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO NUMERO

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

I CONTENUTI DEL DM 65/2010

I CONTENUTI DEL DM 65/2010 I CONTENUTI DEL DM 65/2010 INTRODUZIONE Questo regolamento entrerà in vigore il giorno 19/05/2010. Sinteticamente, gli adempimenti documentali e burocratici a cui sono soggette le imprese sono i seguenti:

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

ARPAV e CONTROLLI AMBIENTALI. Dipartimento Provinciale di Treviso Ing. Loris Tomiato

ARPAV e CONTROLLI AMBIENTALI. Dipartimento Provinciale di Treviso Ing. Loris Tomiato ARPAV e CONTROLLI AMBIENTALI Dipartimento Provinciale di Treviso Ing. Loris Tomiato Auditorium Provincia di Treviso - 4 maggio 2011 MODELLO CONTROLLO-PRESCRIZIONE A LEGISLAZIONE (fissa (fissa i i valori

Dettagli

GESTIONE INFORMATICA DEI RAEE. giovedì 21 ottobre 2010 1

GESTIONE INFORMATICA DEI RAEE. giovedì 21 ottobre 2010 1 GESTIONE INFORMATICA DEI RAEE 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Direttive Europee: 2002/95/CE 2002/96/CE 2003/108/CE Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 Decreto Ministeriale 08 marzo 2010, n. 65 Modalità

Dettagli

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta DISTRIBUZIONE: N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta 01 02 03 04 13 15/09/14 6 Gestione nuovo rifiuto punto 6.17 12 22/05/13 3 Caratterizzazione del rifiuto 11 22/04/13 tutte Nuove modalità operative

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI (Approvato con delibera di C.c. n. 24 del 31.03.2010 modificato con delibera di C.c. n. 29 del 31.05.2012)

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

Doc. No. 03-558-H7 Rev. 0 Febbraio 2005 APPENDICE B RELAZIONE EDIPOWER SULLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE

Doc. No. 03-558-H7 Rev. 0 Febbraio 2005 APPENDICE B RELAZIONE EDIPOWER SULLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE Doc. No. 03-558-H7 Rev. 0 Febbraio 2005 APPENDICE B RELAZIONE EDIPOWER SULLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE Pag. 2 di 17 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...3 2 DEMOLIZIONE TUBAZIONI E CONDOTTI FUMI...5 3 DEMOLIZIONE

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Legge regionale 13 maggio 2009, n. 11 - art. 13, comma 2, lettera d) ALLEGATO P8 Idecom Srl Via Innsbruck, 33 39100 Bolzano OIKOS Progetti

Dettagli

La gestione dei laboratori: le norme tecniche

La gestione dei laboratori: le norme tecniche Gestione dei laboratori e delle sostanze pericolose a scuola 1 SEGMENTO QUALIFICAZIONE di BASE (ex Art.3) Funzionalità e sicurezza nei laboratori La gestione dei laboratori: le norme tecniche I requisiti

Dettagli

Dove si trova Attualmente l amianto è comune trovarlo nei seguenti manufatti:

Dove si trova Attualmente l amianto è comune trovarlo nei seguenti manufatti: SERVIZI PER L'EDILIZIA E L'AMBIENTE EDILIZIA La Edilambiente Srl, avvalendosi di proprio personale specializzato effettua svariate lavorazioni nel campo edilizio, quali ristrutturazioni di interni ed esterni,

Dettagli

QUIZ DI AUTOVALUTAZIONE TEMI DI DIRITTO AMBIENTALE (RIFIUTI ACQUE)

QUIZ DI AUTOVALUTAZIONE TEMI DI DIRITTO AMBIENTALE (RIFIUTI ACQUE) QUIZ DI AUTOVALUTAZIONE TEMI DI DIRITTO AMBIENTALE (RIFIUTI ACQUE) Le risposte esatte sono riportate in file a parte pubblicato nella stessa pagina del nostro sito --------------------------------------------

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.2006 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS.

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS. 258/2000 Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di Spazio riservato

Dettagli